Issuu on Google+

Specializzati per la pesca

Supplemento gratuito del Quotidiano on-line CorriereEtrusco.it Direttore responsabile: Giuseppe Trinchini e-mail: redazione@corriereetrusco.it Telefono: 0565-1930211

EDITORIALE E se avesse vinto la paura?

G

rillo diceva che queste elezioni avrebbero avuto un valore politico, mentre Renzi rispondeva che il voto era europeo, e che solo all'Europa bisognava guardare. In realtà il voto della settimana scorsa ha messo in chiara luce quale probabilmente sia la patologia che affligge la maggior parte degli italiani: la paura. La paura del nuovo, la paura del diverso, la paura di uscire dal seminato. E di conseguenza gli italiani si sono affidati al partito che nel modo più convincente ha offerto loro “speranza”. Presi dal panico di una crisi che sembra non avere mai fine, con l'acqua alla gola per le tasse sempre più alte, gli italiani si sono aggrappati al salvagente del sistema istituzionale, pur sapendo molto bene che è proprio quello il sistema che li ha ridotti alla disperazione. Renzi ha promesso agli italiani di rimandare la loro morte economica regalando loro 80 euro, e li ha tranquillizzati dicendo che va in Europa per cambiare tutto. E gli italiani gli hanno dato fiducia. Questo perché tra i vari adagi popolari che si sentono in giro, da "I partiti fanno tutti schifo..." al classico “tanto sono tutti uguali”, c'era anche "Renzi vuole cambiare le cose, solo che non glielo lasciano fare". Questo avviene perché l'uomo - almeno nella sua fase infantile - ha bisogno di credere alle favole, e Renzi, dal suo punto di vista, ha fatto benissimo ad impostare così la campagna elettorale. Quando Berlusconi imperversava su tutte le reti nazionali vinceva lui le elezioni. Ora che Renzi è stato presente in televisione dal mattino alla sera, per 80 giorni consecutivi, le elezioni se le è aggiudicate lui. Non potrebbe esserci un collegamento fra le due cose? Attenzione però, perché non basta andare in televisione per vincere: bisogna soprattutto saper elaborare il messaggio vincente. Non basta urlare le cose in faccia alla gente dal proprio punto di vista, bisogna anche sapergliele spiegare dal loro punto di vista. è l'arte della comunicazione. è questo, in fondo, l'errore che ha compiuto Grillo a Piombino: ha gridato che il Re è nudo e lo ha descritto come lo vedeva lui, e le persone spaventate hanno preferito non alzare gli occhi, ma affidarsi a chi, dando momentanea speranza, ha oggi sopito le loro paure. Giuseppe Trinchini

Venerdì 23 maggio 2014, Numero 58 - Anno II Redazione Via G. Bruno 22, Piombino (LI) stampato su carta riciclata

Via della Resistenza 1/A Piombino (LI) 0565-224588 338-4700421

Legambiente:«Altro scempio sulla costa» A Piombino scoppia la polemica per la spiaggia sotto la Cittadella

U

n intervento di manutenzione alla costa piombinese sta scatenando molte critiche, soprattutto da parte di Legambiente; il tratto di falesia interessato è quello situato nella spiaggia tra le mura Leonardesche e la chiesa dei frati. «Un altro scempio sulla costa, un'opera colossale per quale fine? Quello che sembrava essere - commenta Legambiente - un lodevole intervento di ripristino dell'accessibilità al godimento di un angolo suggestivo della costa urbana con una spiaggetta incastonata alla scogliera, sotto le mura Leonardesche e la chiesa dei frati, si è trasformato nell'ennesimo scempio con la cancellazione della spiaggia. Un imponente terrapieno alto quattro metri dal mare ha preso il suo posto. Tutto quel tratto è percorso da questa specie di gradone che dall'alto sembra una strada che serpeggia lungo la costa. La scusa è stata quella del contenimento della frana delle scalette con cui si scendeva al mare e poi si è pensato bene di allargarsi... e allargandosi ci si è allargati parecchio, come se su quella costa ci dovesse passare l'autostrada. Per le informazioni che abbiamo, consolidare la falesia implica soprattutto usare palificazioni e non terrapieni. Occorreva sce-

gliere un progetto con minimo impatto sul paesaggio e sulla morfologia della costa. Occorreva valorizzare quella spiaggetta, anziché distruggerla. Particolarmente indicative, della mentalità con cui si è proceduto, sono le dichiarazioni che arrivano dal Comune e assicurano la fruibilità dell'area: “è vero, questi interventi hanno ridotto notevolmente la spiaggia, ma per garantire la balneazione è prevista, al piede della scarpata, una base piana, a 4 metri sul livello del mare, con degli accessi verso l'acqua”. […] Un terrapieno così grande fa pensare ad un posto dove metterci un altro locale in concessione, chissà se il progetto è piaciuto anche per questa possibilità che si apre o se è proprio questo lo scopo che si è perseguito, più che il consoli-

damento della falesia [...]». Una socia di Legambiente arriva perfino a scrivere un «Requiem per una spiaggia», da lei giudicata piccola isola felice al riparo dalla calca, dalla musica e dal caos estivo: «Era un dono della natura in un mare incontaminato pieno di pesci scrive la donna -. Ci dava un godimento gratuito, non era un luogo sfruttabile commercialmente e probabilmente per questo la spiaggia è stata condannata a morte. Ci racconteranno che i lavori che l’hanno distrutta sono stati fatti per questioni di sicurezza: non credeteci. Questi lavori potevano essere fatti in tanti altri modi, è stato scelto il peggiore ed il risultato è che la spiaggia e tutto l’ambiente che la circondava non c’è più. In compenso, però, magari ci si potrà piazzare qualche localino [...]».


PIOMBINO

Gli strumenti complicati della democrazia

C

hi, nei giorni scorsi, ha fatto lo scrutatore, ha certamente notato il caos generato dal voto disgiunto per le elezioni amministrative e quello derivante dalla doppia scheda, una per le elezioni europee e una per le comunali. Molti votanti non hanno compreso come esprimere il voto disgiunto e hanno così invalidato preferenze a una lista oppure ai candidati consiglieri; molti altri sono incappati in uno scambio massiccio di nomi, che ha portato candidati in lista per le europee a comparire sulle schede comunali e viceversa: qualcuno ha provato a mandare Massimo Giuliani direttamente al Parlamento Europeo, altri hanno cercato di far entrare nel consiglio comunale piombinese Simona Bonafè. […] I casi non sono stati pochi e, come riscontrato, non limitati a un unico seggio; viene dunque da domandarsi se l’opportunità di esprimere il voto disgiunto (sindaco della lista X e consiglieri della lista Y) non sia controproducente e come sia stato possibile scambiare la scheda blu, delle amministrative, con quella rosa, delle europee. Scontiamo la carenza di senso civico, che porta ad avere elettori disinformati, oppure ci troviamo di fronte a un ingranaggio troppo complicato e non comprensibile da tutti? Chi ha voluto annullare la scheda lo ha fatto in modo inequivocabile con scarabocchi, grosse croci, offese e una novità, la scritta «Pise sindaco»; ma gli altri, quelli che avrebbero voluto esprimere una preferenza e si sono imbattuti, per ignoranza o distrazione, nell’errore, hanno perso un’occasione importante per far sentire la propria voce. Chiara Bellucci

POLITICA

I risultati delle amministrative 2014 Piombino si riconferma roccaforte per il PD, ma a Suvereto vince Parodi

T

erminate le elezioni amministrative del 25 maggio, riportiamo i risultati ufficiali divisi per Comune: Piombino Il nuovo sindaco sarà Massimo Giuliani che, sostenuto da PD, IdV, PdCI e dalla lista Spirito Libero, ha ottenuto il 55,47% dei voti validi. La coalizione di centrosinistra si è aggiudicata 15 seggi, così ripartiti: 13 al Pd, 1 a Sinistra per Piombino (Pdci-Idv), 1 a Spirito Libero. Per quanto riguarda i consiglieri passano: Angelo Trotta (388 preferenze), Valerio Pietrini (285), Lucrezia Della Lena (260), Ettore Rosalba (242), Monica Braschi (217), Eleonora Cremisi (205), Alessandro Belmonte (198), Bruna Geri (194), Rinaldo Barsotti (187), Margherita Di Giorgi, Rosetta Fedi (183), Massimiliano Spagnesi (174), Lorena Tommasi(170) per il PD. Due seggi tra IDV-PdCI e Spirito Libero, con Marco Mosci (77 voti IDV-PdCI) e Stefano Ferrini (81, Spirito Libero). 9 i seggi delle opposizioni, 4 al M5S: Daniele Pasquinelli (2.394 voti), Susy Ninci (186 preferenze), Massimiliano Santini (132) e Andrea Lessi (66). La lista civica sostenuta da Forza Italia avrà 2 consiglieri: Francesco Ferrari (1.868 voti) e Giovanni Sironi (69). Gli altri saranno Fabrizio Callaioli, di RC (1.077), Marina Riccucci di "Un’altra Piombino" (698) e

Riccardo Gelichi di "Ascolta Piombino" (700). Campiglia M.ma Riconfermato il sindaco uscente Rossana Soffritti della Lista “Campiglia Democratica” sostenuta dal PD con il 50,6% dei voti. Con lei in consiglio andranno: Viola Ferroni (201 preferenze), Anna Banti (163), Alberta Ticciati (157), Stefano Sicurani (144), Paolo Fiorenzani (140), Fabio Bardocci (132), Giovanni Piazza (130), David Gori (126), Francesco Bordo (124), Debora Maccanti (112), Elisa Liberati (86). Per le opposizioni 2 seggi a Comune dei Cittadini con Daniele Scafaro e Niccolò Pini (120), 2 al M5S con Daniele Fioretti e Moreno Burattini (48) ed 1 per il Centro Destra con Federico Pazzaglia. San Vincenzo Vince Alessandro Bandini della Lista “San Vincenzo c'è”, diretta emanazione del PD con il 49,9% dei voti. In consiglio andranno, per la

maggioranza, Massimiliano Roventini (237 preferenze), Patrizia Nobili (184), Dario Ginanneschi (142), Francesca Bientinesi (107), Marta Viale (105), Fabia Favilla (94), Daniele Tovoli (92), Antonio Russo (91). Per le opposizioni 3 seggi ad Assemblea Sanvincenzina con Paolo Riccucci, Massimo Cionini (119), Francesco Battini (60) ed 1 a Siamo SanVincenzo con Luca Cosimi. Suvereto Vittoria per Giuliano Parodi di Assemblea Popolare con il 59,4%. I consiglieri saranno: Marco Cecchi (75 preferenze), Marco Toninelli (69), Maurizio Bianchi (63), Giulia Salvadori (52), Pier Luigi Cortigiani (37), Simone Donnoli (34), Rosalba Cardinale (33), Roberto Magazzini (32). All'opposizione, targata PD, 4 seggi: Francesco Lolini, Massimo Tosi (61), Federica Nocenti (46) e Luca Dell'Agnello (33).


SUVERETO

VAL DI CORNIA

A Piombino Giuliani evita il ballottaggio Vittoria, ma calo percentuale per la coalizione di centro sinistra

G

rande successo e legittimazione del premier Renzi. è questo il risultato delle elezioni Europee in Italia. Risultato che viene confermato anche dai risultati della Val di Cornia dove il Partito Democratico ha vinto al primo turno con il Sindaco Massimo Giuliani, che ha totalizzato 10.332 preferenze pari al 55,47% dei voti. L’assessore uscente Giuliani è riuscito ad evitare il ballottaggio con un buon margine, ma ha dovuto accusare la temuta flessione di voti: una decina di punti percentuali di distacco dal risultato conseguito cinque anni fa da Gianni Anselmi. Per il resto, in questa consultazione elettorale non c’è stata storia e tutte le altre forze, a partire dal M5S che è secondo al 16%, sono molto lontane dai numeri del vincitore. A Campiglia Marittima è stata ri-

R

confermata Rossana Soffritti, che ha raccolto 3.544 consensi pari al 50,56% dei voti, e a San Vincenzo Alessandro Bandini ha raccolto 2.001 voti, pari al 49,9% degli aventi diritto. In contro tendenza rispetto a tutti i Comuni della Val di Cornia, vince a Suvereto Giuliano Parodi a discapito di Francesco Lolini. Il 59,4% dei votanti (pari a 1.135 su 1.911 voti validi) ha espresso una

preferenza nei confronti del neo sindaco Parodi, vittoria che è chiaramente frutto delle scelte impopolari imposte dalla precedente amministrazione. Questa voleva effettuare una “fusione” a freddo con Campiglia Marittima che proprio non è andata giù ai residenti, che hanno perciò premiato a questa tornata la lista “Assemblea Popolare” e punito il PD. Giuseppe Trinchini

La Concordia “naviga” verso Genova

Contributo affitti: online la graduatoria

assata la tornata elettorale si ritorna a parlare del relitto della Concordia, e per Piombino le notizie non sono buone. Secondo il Sole 24 Ore del 30 maggio 2014 la destinazione finale di Costa Concordia, naufragata al Giglio nel gennaio 2012 (32 morti), sarà il porto di Genova. L'ufficialità arriverà nei prossimi giorni, ma la decisione è presa. Decisa anche la data del rigalleggiamento: il 20 luglio. Costa sta lavorando al contratto con San Giorgio, Mariotti e Saipem che eseguiranno la demolizione in collaborazione con l'Autorità portuale di Genova. La decisione di scegliere il porto di Genova soddisfa la volontà di Costa Crociere, ma anche quella del Governo di eseguire in Italia la demolizione. Meno soddisfatti saranno i piombinesi che speravano nel relitto per un rilancio dell'economia.

ono 1.769, su un totale di 1991 presentate, le domande di contributo all'affitto che la Regione Toscana ha ammesso al finanziamento nell'ambito di Giovanisì. è quanto emerge dalla graduatoria relativa al bando "Misure a sostegno dell'autonomia abitativa dei giovani", tramite il quale saranno 2.220 (tra coppie e amici) i giovani che potranno accedere un contributo compreso tra i 1.800 e i 4.200 euro annui. Si tratta del quarto bando per contributi all'affitto, quello con il maggior numero di domande finanziate da quando è partita questa misura, riservata ai giovani dai 18 ai 34 anni residenti in Toscana da almeno due anni presso il nucleo familiare di origine. Il contributo sarà erogato in quote semestrali anticipate a seguito della presentazione di regolare contratto di locazione. Sul sito di Giovanisì la graduatoria delle domande ammesse.

P

S

Corriere Etrusco: dibattito sul voto alle amministrative in Val di Cornia

V

Pazzagli: «Buon segno la vittoria dei cittadini»

enerdì 6 giugno alle ore 21.15 presso la sale del quartiere Perticale in via Lerario a Piombino si terrà un convegnodibattito dal titolo “Elezioni: cosa cambia in Val di Cornia” con lo scopo di analizzare il voto delle recenti amministrative nei Comuni di Piombino, Suvereto, San Vincenzo e Campiglia Marittima. Interverranno i seguenti esperti, introdotti dal direttore del Corriere Etrusco Giuseppe Trinchini. Antonio Floridia, presidente della Sise, la Società italiana di studi elettorali, nominato a marzo di questo anno resterà in carica per tre anni. Per la regione Toscana si

occupa anche di governance e partecipazione sociale, ed è Responsabile dell'Ufficio e Osservatorio elettorale. Paolo Benesperi, assessore nel comunale di Piombino fino al 1983 e successivamente sindaco della città, ex consigliere regionale. Rossano Pazzagli, sindaco di Suvereto dal 1995 al 2004 e Presidente del Circondario della Val di Cornia dal ’99 al 2004. Fiorenzo Bucci, giornalista e scrittore, caposervizio della redazione di Grosseto de “La Nazione” dal 2000 al 2011. Nicola Bertini, ex consigliere comunale a San Vincenzo dal 2004 al 2014.

ossano Pazzagli, ex sindaco di Suvereto e sostenitore di Assemblea Popolare, commenta la vittoria di Giuliano Parodi alle amministrative. «Quando i cittadini prevalgono sugli apparati politici e quando l’interesse collettivo vince sulla linea di partito è un buon segno per la democrazia (…). è quello che è successo a Suvereto, dove la netta vittoria di Assemblea Popolare, la lista unitaria e indipendente, può rappresentare l’inizio di una nuova stagione, non solo nel centro collinare, ma anche per l’intera Val di Cornia. è la dimostrazione che quando si fanno le cose insieme, con trasparenza e correttezza, con impegno disinteressato, le persone tornano a sentirsi protagoniste del proprio destino e di quello della comunità. Bisogna mettersi alla pari dei cittadini, di tutti, sempre, e non solo in campagna elettorale. Assemblea Popolare ha rappresentato un’esperienza originale grazie a cittadini attivi, consapevoli e competenti in quanto abitanti di un territorio (…). Ora Suvereto è un piccolo laboratorio per una amministrazione di tipo nuovo, dove i partiti dovrebbero finalmente capire che non sono più l’unico soggetto politico e che il Comune è l’istituzione più vicina alla gente e che ha bisogno di essere rivitalizzato, non mortificato (…). Ha fatto bene Parodi a lanciare subito agli altri sindaci un appello alla collaborazione. Speriamo che rispondano. Sarebbe un bene per questo territorio, che ha bisogno di trovare al suo interno la forza per risorgere».

STUDIO TRIBUTARIO

AMBRA PELAGATTI Servizi alle aziende e ai cittadini: Tenuta contabilità bilanci denunce dei redditi IMU, TASI e locazioni stampa CUD pensionati stampa buste paga dipendenti pubblici visure camerali e catastali Via G. Bruno, 22 - 57025 Piombino (LI) Tel: 0565-070019 Fax: 0565-1766087


APPUNTAMENTI Baratti Pavillon Workshop per la realizzazione di una struttura espositiva temporanea, denominata “Turuscia” dall’1 al 7 giugno Baratti, Piombino Festa della birra Stand di birrifici artigianali e musica live 7 e 8 giugno, dalle 21 Centro storico, Castagneto Carducci Festa di fine stagione di Etruria Rugby sabato 7 giugno, ore 21 Campo da rugby “Venturelli”, Piombino Summer Volley Venturina 3° edizione Torneo indoor misto 4x4 Dal 9 al 15 giugno Nuovo palazzetto dello sport, Venturina Contamina Festival di Teatro Musica Circo. Spettacoli serali a pagamento, consigliata la prenotazione dal 12 al 19 giugno, apertura ore 17.00 Giardini Ex Pro Patria, Piombino Non Solo Cavalli Spettacoli equestri e gastronomia. Sabato e domenica spettacolo “La grande passione” (ore 21.30) 13-14-15 giugno ore 16.00 via Falcone e Borsellino, San Vincenzo

INIZIATIVE

Al via la 43a Fiera di Venturina Terme Gastronomia, agricoltura e nuove tecnologie dal 31 maggio all’8 giugno

C

ome ogni anno l’offerta della Fiera è ricca e variegata: sono stati potenziati i settori dell’agricoltura e del giardinaggio (attrezzature per coltivare e realizzare orti e giardini, macchinari innovativi come le nuove raccoglitrici di olive con un sistema brevettato da un’azienda del nord Italia e presentato proprio in Fiera); inoltre saranno introdotti “tunnel” per il ricovero delle attrezzature e produzioni agricole e sistemi per poter realizzare piantagioni legati alla green economy, come quelli della “paulonia”. Sarà presente inoltre un espositore di Rovigo che presenterà dei gi-

ganteschi olivi. Numerosa l’adesione di imprenditori nel settore delle energie rinnovabili (pannelli solari e altri sistemi per produrre energie pulite). Saranno

soddisfatti anche gli appassionati di auto, moto e camper con le ultime novità e all’interno sarà presente un mercato dell’artigianato e delle piccole novità. Immancabile il padiglione agroalimentare con i prodotti tipici provenienti dalla Puglia, dalla Basilicata (per la prima volta alla Fiera), dalla Sardegna e dalla Toscana. La fiera propone anche in questa edizione un’area giochi per i ragazzi e spettacoli serali, che si concluderanno con un concerto di musica contemporanea e jazz dell’Orchestra Filarmonica Mascagni di Venturina Terme diretta dal maestro Andrea Lupi.

EVENTI

Parchi: nuovi orari per i musei

A Piombino il Festival del Polpo

al 1 giugno il Parco archeologico di Baratti e Populonia e il Parco archeominerario di San Silvestro saranno aperti dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 19, mentre il Museo archeologico del Territorio di Populonia, nel centro storico di Piombino, sarà aperto negli stessi giorni, ma con orario 10.00-18.00. Il Museo del Castello e delle Ceramiche Medievali aprirà invece dalle 10 alle 18 tutti i giorni escluso il martedì. Inoltre, per promuovere le iniziative, per dare informazioni sui servizi dei parchi e musei e per la vendita della parking pass, un operatore sarà presente presso lo stand della Sefi alla 43a Fiera Costa Toscana di Venturina Terme. Per informazioni: tel. 0565-226445 e prenotazioni@parchivaldicornia.it

l 1 giugno arriva il Festival del Polpo, giunto alla sua seconda edizione. Gli chef della rete di Vetrina Toscana, il progetto di Regione Toscana e Unioncamere che promuove le eccellenze locali a tavola, guideranno i visitatori attraverso ricette e sapori alla scoperta di questo appetitoso mollusco. Per le vie del centro, dalle 16.00 alle 20.00, ci saranno cooking show, degustazioni, laboratori per bambini, mostra fotografica: tutto all’insegna del polpo. I ticket per le degustazioni potranno essere ritirate nei ristoranti di Vetrina Toscana, presso i negozi del Centro commerciale naturale di Piombino che espongono i logo del Festival e, il 1 giugno, presso l’infopoint di piazza Verdi.

D

I


Corriere Etrusco n.58