Issuu on Google+

Supplemento gratuito del Quotidiano on-line Corriereetrusco.it Direttore responsabile: Giuseppe Trinchini e-mail: redazione@corriereetrusco.it Telefono: 0565-1930211

EDITORIALE

I

prossimi 26 e 27 maggio in 17 comuni toscani ci saranno le elezioni. Cinque di questi hanno una popolazione superiore a 15.000 abitanti, che voteranno con il sistema elettorale maggioritario a doppio turno. Si vota nei comuni di tutte le provincie della Toscana e in tre capoluoghi: Siena, Pisa, e Massa. Elezioni anche a Viareggio (62 mila abitanti) e Campi Bisenzio (43.000). C’è molta tensione per queste elezioni amministrative che si presentano come una vera e propria “cartina al tornasole” della tenuta del PD in Toscana dopo le vicende che hanno visto la vittoria dei Renziani alle primarie e la crisi del partito, dopo la “non vittoria” alle elezioni e la nascita del governo Letta-Alfano con il PD insieme al PDL di Berlusconi e la nomina di Epifani “segretario e traghettatore” in attesa del prossimo congresso di partito. A Siena ad esempio, dove si torna al voto dopo il commissariamento del Comune e dopo la bufera su Mps sono presenti sedici liste per otto candidati sindaco. La sfida principale sarà tra Bruno Valentini, vincitore delle primarie del Pd alla guida della corrente non vicina all'ex sindaco Franco Ceccuzzi, e il cardiochirurgo Eugenio Neri, sostenuto da un drappello che va dal Pdl senza il proprio simbolo ad ex consiglieri “ribelli” della precedente giunta di centrosinistra. A Viareggio tante promesse di Pulcinella (o meglio Burlamacco che è la maschera tradizionale del carnevale viareggino). Questa manifestazione, nei recentissimi giorni di campagna elettorale, continua ad essere un terreno di scontro per la caccia ai voti con una trasversalità politica raccapricciante. Ma è tutta la regione che è in fibrillazione. Con una base che non capisce l’alleanza col nemico storico a cui sono state consegnate per l’ennesima volta le redini del Paese, e con scandali e scaldaletti disseminati a destra e a manca per tutta la “Rossa” Toscana. Una ipotetica “non tenuta” del centro-sinistra in queste amministrative potrebbe dare il via a una voragine di voti nella tradizionale roccaforte PD, con conseguenze che oggi non sono assolutamente prevedibili. Per la prima volta dopo settanta anni il potere è tornato nelle mani dei cittadini che possono decidere se ridare nuova fiducia ai Democratici o consegnare la guida della Toscana ad un altro partito. Giuseppe Trinchini

Venerdì 17 mese 2013, Numero 7 - Anno I Redazione Via G Bruno 22, Piombino (LI) stampato su carta riciclata

Baratti: probabile albergo al Casone Approvato il piano particolareggiato di Baratti/Populonia

A

pprovato lunedì 13 maggio in consiglio comunale, dopo il periodo stabilito per le osservazioni e le relative controdeduzioni, il Piano particolareggiato di Baratti e Populonia. Perere favorevole delle forze politiche di maggioranza, Pd, Spirito Libero e Per Piombino. Voto contrario invece da UdC, PdL, Rifondazione Comunista, Gelichi del Gruppo Misto. Il punto più controverso è ovviamente l’uso del Casone, che molte polemiche aveva portato per la volontà del comune di trasformarlo in albergo. Di fatto così sarà, perché ASA sta terminando il primo stralcio di fognature che si concluderà proprio all’altezza del Casone, e il piano definitivo prevede una scelta unica: albergo o centro documentazione. Nel secondo caso ci sarebbe quindi un uso pubblico dell’intero edificio, qualora si presentasse la possibilità di ottenere finanziamenti europei o regionali, ipotesi relegata alla pura teoria a causa della crisi economica. Oltre a questo è prevista la messa in maniera contigua delle due strutture balneari, che restano di 40 metri ciascuna, senza prevedere l’aumento di chioschi, per preservare la duna. Nessuna possibilità di amplia-

mento neppure per l’area degli ormeggi, con previsione di eliminazione del pontile non utilizzato. L’area Canessa non sarà più usata come parcheggio, nemmeno per attività balneari, ma dovrà essere ri-naturalizzata. Confermata anche la decisione di liberare la pineta dai ruderi in parte previsti a servizio della scuola di vela. Sarà consentito di realizzare solo una piccola struttura in legno, mentre le attrezzature della scuola saranno trasferite al di là della strada di Baratti. Nel corso della discussione i cittadini si erano espressi su tutti gli ambiti dell’area (la pineta, il Casone, la porta del parco e l’area delle Caldanelle, la torre di Baratti e la sua area a mare, il parcheggio di Populonia alta, l’edificio della Croce Rossa, l’area dei Villini e del Pozzino), facendo emergere una richiesta di tutela e valorizzazione dell’area e

delle sue caratteristiche di unicità. Il Comune ha accolto in gran parte le indicazioni che sono scaturite dal percorso e i progettisti hanno cercato una sintesi che coniuga quanto emerso con la visione dell’amministrazione. La Regione ha approvato il progetto e il prof. Morisi ha validato l'iter con due relazioni conclusive che sono consultabili sul sito del comune di Piombino. “Nell’elaborazione – sostiene l’assessore all’urbanistica Francardi – l’amministrazione comunale ha cercato di raggiungere un equilibrio tra tutte le diverse anime che compongono l’area, provando ad armonizzare un quadro ambientale, paesaggistico, culturale, archeologico, turistico di grande valenza e di grande complessità, tenendo di conto di quanto emerso dal percorso partecipativo.” Irene Caroti


SAN VINCENZO

Ripartono i parcheggi a pagamento

A

San Vincenzo tornano i parcheggi a pagamento a Rimigliano, dal fosso Botro ai Marmi fino al confine con Piombino, compreso il piazzale della Torraccia. Il periodo del pagamento va dal 1° giugno al 30 settembre, dalle ore 8 alle ore 20, giorni festivi inclusi. E c’è una novità rispetto allo scorso anno. I posteggi destinati alla sosta a pagamento saranno solo quelli lato mare: la decisione è stata proposta dal dirigente dell’area servizi generali Giorgio Ghelardini, alla luce della difficoltà oggettiva di disegnare gli stalli sulla banchina a lato monte. La giunta ha anche proposto degli interventi per facilitare la viabilità: la realizzazione di alcune rotatorie e di alcune aree di fermata per far scendere in sicurezza i passeggeri. Come lo scorso anno saranno esentati i veicoli di forze di polizia, di amministrazioni pubbliche, dei residenti nel comune di San Vincenzo, di associazioni di volontariato, i portatori di handicap. Non dovranno pagare il parcheggi anche coloro che vanno al parco di Rimigliano in moto, bicicletta e ciclomotore. I residenti dei restanti comuni della Val di Cornia potranno invece usufruire della tessera “parking pass”, uno speciale abbonamento per la sosta nei parcheggi della costa per tutta la stagionale balneare in vendita al costo di 35 €. Altri abbonamenti speciali sono destinati agli ospiti di strutture turistiche e ai proprietari di seconde cose, situate nel territorio della Val di Cornia. Il costo orario della sosta a tariffa piena sarà di 1,30 €.

L’INTERVISTA

Campiglieto: quanta “con-fusione” La lista civica campigliese “Comune dei Cittadini” ci spiega perché

D

ibattito appassionato quello organizzato dal Movimento 5 Stelle alla saletta comunale di Venturina per presentare ai cittadini le ragioni per il “sì” o per il “no” alla fusione tra Campiglia e Suvereto. C’erano esponenti delle giunte dei due Comuni e i rispettivi sindaci Rossana Soffritti e Giampaolo Pioli che hanno illustrato quali siano le differenze tra l’associazione di funzioni, l’Unione dei Comuni e la fusione. Mentre per la lista Comune dei Cittadini più va avanti il dibattito sulla fusione, più la decisione appare improvvisata e contraddittoria. Abbiamo chiesto il perché al capogruppo Massimo Zucconi. In cosa consiste l’improvvisazione nella proposta dei sostenitori del SI’ alla fusione? Non è stato fatto nessun studio sulla fusione. I sostenitori snocciolano numeri sui contributi regionali e nazionali, ma non forniscono nessun dato sui costi della riorganizzazione che riguarderà, tra l’altro, anche l’unificazione dei tributi (IMU compresa) e la revisione dei documenti anagrafici. Tra i benefici della fusione annoverano la deroga temporanea al patto di stabilità (che hanno votato in parlamento) e annunciano investimenti per circa 7 milioni di euro senza dire che circa 4 milioni sono vincolati per insediamenti produttivi e

piani di edilizia economica e popolare a Venturina la cui realizzazione, vista la crisi immobiliare, è quanto mai improbabile. Ma così non si risparmia nei costi della politica risparmiando i costi di una intera giunta? Problema serissimo, da aggredire, ma non certo partendo dai piccoli Comuni che non eccedono certo in gettoni di presenza e indennità per i sindaci. Ma ora anche questo è argomento da spendere perché con la fusione si “risparmia un sindaco”, omettendo di dire, però, che il nuovo Comune supererebbe i 15.000 abitanti con obbligo di prevedere, oltre al Sindaco, un presidente del consiglio comunale che, come ricorda l’ex sindaco Gasperini “avrebbe costi più alti dell’attuale sindaco di Suvereto e consiglio comunale”. La soluzione quindi quale sarebbe secondo la vostra lista civica? I nostri problemi, dal lavoro

ai servizi, hanno tutti bisogno di una programmazione estesa almeno alla Val di Cornia. Invece assistiamo alla sua diaspora: Piombino chiede di entrare nella Provincia di Grosseto quando il governo dichiara di voler sciogliere le province; San Vincenzo e Sassetta associano le funzioni con Castagneto e Bibbona; Campiglia e Suvereto hanno deciso la mini-fusione. La realtà è che siamo di fronte ad una decisione regressiva, frutto di divisioni, pensata frettolosamente dopo il fallimento della sovracomunalità. La nostra proposta è nota: ripartire dall’Unione dei Comuni della Val di Cornia che consente contemporaneamente di affrontare i problemi di quelli piccoli e di far svolgere a tutti un ruolo incisivo nella risoluzione dei problemi di questi territori. Andrea Fabbri Leggi il resto dell’intervista su CorriereEtrusco.it


VAL DI CORNIA

5x1000: +124% alla Proloco Piombino Aumentano i contributi devoluti alle associazioni della Val di Cornia

O

ltre ottantamila euro (circa novemila euro in più rispetto allo scorso anno) per le associazioni della Val di Cornia, grazie al 5X1000 dell’Irpef, sono stati erogati con la denuncia dei redditi 2011 in Val di Cornia. Prima classificata in questa speciale classifica della generosità, la Pubblica Assistenza di Piombino, che conferma il primato dello scorso anno con 15.037,12 euro, con un decremento rispetto all’anno scorso del 13% (17 mila e 270 euro nel 2010). Seconda classificata l’Avis, che con 471 scelte riceve 8.419,16 euro, circa 1.400 in meno rispetto al 2010 (-16%). Terza la Confraternita della Misericordia con 192 scelte e 4.825,05 euro, con un

calo di circa 200 euro (0,5% circa). Quarta classificata con un ottimo +124% la Pro Loco di Piombino, che passa da 1625 euro raccolti nel 2010 a ben 3642,20 euro raccolti nel 2011. Tra le associazioni piombinesi che partecipano per la prima volta ai contributi del 5X1000, la Cooperativa Cuore, che raggiunge, con 44 scelte, 843,78 euro, La Provvidenza (124 scelte e

2.507,15 euro), l’Arci Nuova Associazione (7 scelte e 192,35 euro) e Fede per la Vita (115 scelte e 3.011,07), l’Istituto di Biologia ed Ecologia Marina di Piombino, che ottiene 36 preferenze e 985,10 euro. Grande soddisfazione quindi da parte della Pro Loco di Piombino che vede premiato dai propri cittadini l’impegno che da tanti anni mette nella promozione della città. «Ringrazio tutti i miei concittadini - ha commentato il presidente della Pro Loco Elia Calisi che con generosità ogni anno sostengono sempre di più la nostra associazione, e questo ci sprona ad maggiore impegno per Piombino». Leggi il resto dell’articolo su CorriereEtrusco.it

Nuova linea Portoferraio - Bastia

Il vino al tempo degli Etruschi

a Freccia Gialla riparte per l’Isola d’Elba, con il collegamento veloce Piombino-Portoferraio, che sarà operativo dal 13 giugno al 23 settembre 2013. La Freccia Gialla è l’HSC Corsica Express Seconda, che farà la spola tra l’isola d’Elba e il Continente, fino a 14 volte al giorno e che può trasportare 535 passeggeri, in comode poltrone Business Class e 150 auto e raggiunge una velocità di 36 nodi. Un mezzo moderno, dotato di ogni comfort, che garantirà velocità, frequenza e comodità, a prezzi competitivi. La novità dell’estate 2013 è il suo debutto sulla Corsica, con la linea Portoferraio-Bastia. Dall’8 luglio al 6 settembre, il Corsica Express Seconda unirà le due isole e permetterà agli elbani, ai corsi e ai turisti di ritagliarsi una vacanza oppure di programmare un’escursione in Corsica o all’Isola d’Elba.

abato 18 maggio alle ore 17.00 il Museo archeologico di Populonia (P.zza Cittadella 8 – Piombino) vi aspetta con l'evento “Fufluns racconta” (Fufluns è il nome etrusco del dio Bacco/Dioniso) un incontro sul tema del vino nel periodo etrusco con una visita alla sala del banchetto ricostruita all’interno del museo e ad una selezione di reperti riferibili al mondo del simposio. L’evento si concluderà con una degustazione di vini del territorio al bar-enoteca “In Cittadella” con promozione e degustazione dei prodotti della Val di Cornia e di filiera corta in collaborazione con le Botteghe aderenti a Vetrina Toscana. Per l’evento, il cui costo per la partecipazione è € 6,00 intero e € 4,00 ridotto per la visita e € 10,00 per la degustazione, è necessaria la prenotazione al tel. 0565 226445.

L

S

Bandiera blu: riconferma per Piombino e la Costa Est

C

onfermato anche per il 2013 il prestigioso riconoscimento della “Bandiera Blu” per la spiaggia del Parco naturale della Sterpaia, oltre che per Castagneto, San Vincenzo e Follonica. La consegna è avvenuta il 14 maggio. La Bandiera Blu rappresenta per la città uno degli elementi decisivi dell’offerta turistica per l’immagine e i contenuti delle attività balneari in relazione alle aree parco retrostanti il litorale e a tutto il contesto ambientale. «Un risultato che conferma la qualità ambientale e di servizi che la nostra costa è in grado di offrire

– commenta il sindaco Gianni Anselmi – Il lavoro svolto è stato, come al solito, estremamente impegnativo in quanto i requisiti richiesti dalla FEE sono molto rigidi e soprattutto si arricchiscono e si evolvono di anno in anno. Ciò dimostra la serietà di tale riconoscimento che spinge le amministrazioni locali a produrre uno sforzo costante nel miglioramento ambientale e gestionale del sistema costiero». Marco Chiarei ha invece evidenziato l’importanza di un coordinamento tra i Comuni limitrofi per costruire una strategia di marketing turistico comune.

Ok alla delibera pro Grosseto

I

l Consiglio comunale di Piombino ha approvato la delibera che avvia l’iter di mutamento della circoscrizione provinciale, come previsto dall’art. 133 della Costituzione, passando da Livorno a Grosseto. La delibera è stata quindi approvata con 23 voti a favore. Si sono espressi positivamente PD, Spirito Libero, Futuro e Libertà, Meucci e Sironi del PdL, la lista Per Piombino, RC, IdV e Gruppo Misto. Contrari solo Pazzaglia del PdL, astenuti Coppola dell’Udc e Paolo Bianchi del PdL. Il documento prevede il passaggio alla provincia di Grosseto, confermando questa determinazione anche nel caso in cui venisse ripreso il processo di revisione delle province interrotto, che prevedeva l’accorpamento di Grosseto ad altre province. La delibera si inserisce in un'ottica di razionalizzazione delle risorse territoriali, in considerazione anche del fatto che per il Comune di Piombino sono in atto già da tempo processi di integrazione dei servizi con la Provincia di Grosseto, tra cui la gestione del trasporto pubblico e la pianificazione territoriale delle attività portuali e turistiche nel golfo di Piombino e Follonica. Per il cambio di provincia, la delibera dovrebbe essere inviata alle presidenze del Consiglio dei ministri, delle due Camere, della Regione Toscana e del Consiglio regionale per l’avvio di una vera e propria iniziativa legislativa che dovrebbe essere assunta da almeno un deputato, o un senatore per la presentazione del progetto di legge. “Auspico che presto ci siano segnali parlamentari che diano sostanza a questo percorso di riorganizzazione – ha affermato il sindaco Anselmi”. Irene Caroti Leggi il resto dell’articolo su CorriereEtrusco.it


APPUNTAMENTI Giocabimbi 17 maggio, ore 16.30 - Centro commerciale Coop, p.zza Berlinguer, Piombino Pollastrata a cura dell’Associazione Tolla 18 e 19 maggio - Piazza della Costituzione, Piombino Mostra mercato del libro 16/30 maggio - Biblioteca Comunale di via Cavour, Piombino Raduno auto d’epoca 19 maggio - Campiglia Mercatino Artigianale 19 maggio - Campiglia, vie del Centro storico Passaggio della carovana antimafie 21 maggio - Portoferraio, Piombino, Campiglia, Suvereto Cena della legalità 21 maggio, ore 20.00 - Suvereto, sala “Il Ghibellino” Cena a sostegno della Carovana Antimafia, costo 19 € Per prenotazioni: 338-9318641; 339-7192727

Annuncio di lavoro Il Corriere Etrusco seleziona procacciatori pubblicitari per la promozione della testata nei comuni della Val di Cornia. Gli interessati possono inviare il proprio curriculum vitae all’indirizzo email: commerciale@corriereetrusco.it

INIZIATIVE

La Carovana Antimafia si ferma a Piombino Tra le iniziative anche l’inaugurazione del Centro Giovani di Cafaggio

Q

uest'anno la Carovana antimafie, promossa da Arci, Libera e Avviso Pubblico, giunta alla sua sedicesima edizione, torna ad essere internazionale. Per ben 96 giorni attraverserà molte regioni europee (dalla Corsica ai Balcani), oltre a tutte quelle italiane. In Val di Cornia la Carovana sarà di passaggio il 21 maggio. Alle 9.30 arriverà a Portoferraio con una delegazione delle scuole di Piombino per la partenza di un corteo fino al Centro De Laugier dove si terranno, coordinate dagli studenti delle scuole dell’Elba, una serie di interventi

di rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni aderenti. Verranno poi effettuate alcune interviste dei ragazzi del Servizio Civile ARCI ai volontari che hanno partecipato all’esperienza lavorativa nei campi espropriati alla mafia e a Maurizio Pascucci, coordinatore re-

TURISMO

gionale ARCI del progetto Legalità. Alle 15 la Carovana si fermerà in Piazza Gramsci a Piombino, distribuendo materiale antimafie. Alle 16.30 verrà dedicato il Centro Giovani di Cafaggio a Peppino Impastato. Per chiudere la giornata si terrà la Cena della Legalità a Suvereto presso il Ristorante il Ghibellino, a cura dell’ente valorizzazione di Suvereto. Inoltre mercoledì 22 maggio in piazza Gramsci a Piombino verrà presentata la campagna "Tortura, carceri, droghe. LEGGI per la giustizia e i diritti" organizzata dalla CGIL. Andrea Fabbri

CULTURA

Campiglia: maggio in festa

Torna “La leggenda del faro”

ltimi due appuntamenti delle celebrazioni del Maggio Campigliese, la cui storia viene raccolta oggi con rinnovato vigore dal neoeletto consiglio dell’Evc, guidato dalla presidente Marta La Mura. Domenica 19 maggio: Raduno di auto d epoca in collaborazione con il Club Auto e Moto Storiche Venturina, mercatini artigianali e pranzo all'Osteria (circa 30 persone). Visita guidata del paese a cura del Centro Guide Costa Etrusca (ore 15.00-17.00). Domenica 26 maggio: «Ché un boccale di birra è un pasto da re» (William Shakespeare, da Il racconto d'inverno, atto IV, scena III) degustazione birra in collaborazione con Brandibirra di Bibbona. Piazza Dogali, saletta Misericordia. Ore 13.00 e 21.00. Solo su prenotazione. Info:3806822084 – 3476984573.

in libreria, a distanza di dieci anni dalla prima stampa (pubblicata il 29 marzo 2002), la seconda edizione de “La leggenda del faro” di Dario Alfonso Ricci (Editrice La Bancarella Piombino). Il libro si presenta oggi, grazie a una rilettura completa che rende il testo più corposo, ricco e scorrevole, con nuove storie di mare inedite e l’inserimento in questa edizione anche dell’inedito “Le Monete del Sogno” che parla della vita di Giancarlone di Baratti. Così lo descrive Ricci: «La leggenda del faro: in esso è forse la chiave di tante verità della vita che gli uomini non sanno più vedere, o almeno non sanno più apprezzare». Il libro è prodotto da “La Bancarella Editrice” www.bancarellaweb.eu

U

E’


Corriere Etrusco n°7