Issuu on Google+

Supplemento gratuito del Quotidiano on-line CorriereEtrusco.it Direttore responsabile: Giuseppe Trinchini e-mail: redazione@corriereetrusco.it Telefono: 0565-1930211

EDITORIALE Mamma ho perso... la politica

T

ra mercoledì e giovedì, le Istituzioni locali e nazionali hanno incontrato il Santo Padre Francesco. Il Sindaco di Piombino ha consegnato al Papa una tuta della Lucchini e ha chiesto lavoro per gli operai dello stabilimento. Intanto Bergoglio, nella visita al Quirinale di giovedì scorso, ha rinnovato la richiesta alle Istituzioni, di fronte alla crisi economica «che fatica a essere superata» e che «tra gli effetti più dolorosi» ha «l’insufficiente disponibilità di lavoro, di moltiplicare gli sforzi per alleviarne le conseguenze e per cogliere e irrobustire ogni segno di ripresa». Per promuovere «il bene comune e la dignità» dunque, l’Italia – ha auspicato il Pontefice – deve ritrovare «la creatività e la concordia necessarie». Tutto questo impone una riflessione. Non vanno sottovalutati i segnali di questi due gesti. Vedere il rappresentante dei cittadini piombinesi in fila in mezzo agli altri fedeli portare davanti al simbolo di Dio in terra la propria richiesta di aiuto come un semplice fedele fa per la salute di un suo caro, manda un messaggio ben preciso: “Lo Stato ha fallito attraverso i suoi canali di ascolto e aiuto”. E come chi abbandonato dalla medicina ufficiale tenta il miracolo nella figura spirituale… cosi noi snobbati, derisi e illusi dalla politica abbracciamo la fede per farci proseguire questo tortuoso cammino verso la salvezza. A livello locale la situazione attuale ed il metodo con cui viene affrontata, o meglio dire poco affrontata, e la sequela di insuccessi degli ultimi dieci anni, fanno emergere un problema politico enorme. Quale classe politica guiderà la Val di Cornia e la città di Piombino in questo periodo? Quali sono, se ci sono, le forze politiche locali capaci di affrontare una situazione così drammatica? segue a pagina 2

Venerdì 15 novembre 2013, Numero 32 - Anno I Redazione Via G. Bruno 22, Piombino (LI) stampato su carta riciclata

Ancora ossigeno per l’altoforno Dal governo uno spiraglio per mantenere in vita l’area a caldo

B

uone notizie per il futuro dei lavoratori Lucchini. L'incontro del 14 novembre tra i Sindacati, le Istituzioni e il commissario Lucchini, Nardi, col sottosegretario allo Sviluppo economico, De Vincenti sembra aver rinviato a data da destinarsi la chiusura dell'altoforno prevista per gennaio. Il Governo ha mostrato un primo spiraglio per mantenere in vita l'area a caldo in attesa della costruzione dei nuovi impianti e di un accordo di programma (previsto per dicembre) per la riconversione dell'area piombinese. Nel frattempo arrivano alcune notizie dal Sole 24 Ore sulla presenza di una cordata piombinese formata da Bertocci e Sol interessata ad investire sul Corex. Indiscrezione confermata da Massimiliano Spagnesi, AD di Bertocci. Intanto i sindacati, in attesa dei consigli di fabbrica, scelgono il silenzio sull'esito dell'incontro. Questa la linea tenuta da Fim, Fiom e Uilm al termine dell’ennesimo appuntamento al Ministero. Tuttavia filtrano le prime indiscrezioni: rompe il silenzio il coordinatore del settore siderurgico per la Uilm nazionale, Gambardella: «Entro dicembre – ha dichiarato – verrà definito l’accordo di programma per l’area di Piombino per riconvertire il polo siderurgico». Altre

fonti vicine al sindacato dichiarano che nell'incontro è stato proposto di inserire la realizzazione del Corex all'interno del bando di vendita dello stabilimento (in pubblicazione). Ulteriori indicazioni ai lavoratori verranno fornite nei consigli di fabbrica previsti per il 15 novembre. Nel frattempo arrivano alla stampa le dichiarazioni del sindaco di Piombino che si dice moderatamente soddisfatto per l'esito dell'incontro e afferma che, nonostante la vicenda sia ancora lontana dal risolversi, un buon risultato è stato quello di associare la procedura di vendita in parallelo con l’accordo di programma in stretto collegamento col l'inserimento di Piombino nelle aree di crisi complessa. In queste fasi concitate arrivano buone notizie anche sul

fronte dei possibili investitori per gli impianti. Sembra pronta, infatti, una cordata pubblico-privata intenzionata ad investire sul Corex. L'indiscrezione arriva dal Sole 24 Ore e viene confermata dall'AD del Gruppo Bertocci, che insieme a Sol rappresenta la componente privata della New Company. Bertocci è realtà attiva nella manutenzione e realizzazione di impianti siderurgici mentre Sol si occupa di gas tecnici e fornisce già ossigeno all’altoforno e ai convertitori Lucchini. La nuova società a maggioranza pubblica, che potrebbe essere guidata dalla Regione o dal Governo con una società creata allo scopo, avrà anche il compito di gestire i fondi previsti dall’Action plan europeo sulla siderurgia. Andrea Fabbri

PREVIIDENZ ZA

SCOPRI FINO A 5.164 MOTIVI PER RISPARMIARE SUBITO. HAI IN OMAGGIO UN BONUS VIAGGIO DA € 500.

*

VIENI IN AGENZIA, L L’’OFFERTA SCADE IL 31 DICEMBRE.

*Le condizioni di utilizzo sono consultabili su www.mondovacanze.it/il-regolamento.php. Valido fino ad esaurimento scorte e non richiede alcun impegno d’acquisto di prodotti assicurativi.

*Le condizioni di utilizzo sono consultabili su www.mondovacanze.it/il-regolamento.php. Valido fino ad esaurimento scorte e non richiede alcun impegno d’acquisto di prodotti assicurativi. Messaggio gg p promozionale riguardante g le forme p pensionistiche com mplementari. p Prima dell’adesione ai Piani Individuali Pensionistici (PIP) g gestiti da Unipol p Assicurazioni, leggere la Nota informativa, il Regolamento e le Condizioni Messaggio promozionale riguardante le forme pensionistiche complementari. dell’adesione ai Piani Individuali Pensionistici (PIP) gestiti Unipol Assicurazioni, leggere la Nota informativa, il Regolamento e le Condizioni Generali di contr azioni ePrima consultati sul sito internet www w.unipolassicur .unipolassicur one preda videnz a complementare. azioni.it, alla sezione Generali di contratto che possono essere richiesti alle agenzie di Unipol Assicurazioni e consultati sul sito internet www.unipolassicurazioni.it, alla sezione previdenza complementare.


continua da pagina 1 Chi si prenderà l’impegno gravoso di essere una opposizione intransigente ma costruttiva che controlli l’operato della futura maggioranza? Il problema vero è proprio questo. L'attuale offerta politica è non solo mediocre, ma tale da rifuggire per principio da qualsiasi riflessione e allontanerà, così come è successo a Roma alle ultime amministrative, gli elettori dalle urne. La propaganda, meglio chiamarla così piuttosto che con il termine asettico di comunicazione, ha sostituito l'analisi dei fatti concreti. Il Governo è stato sostituito dalle chiacchiere e dalle raffigurazioni. I problemi vengono evitati o peggio rinviati. Le risposte alle annose richieste della cittadinanza, prima fra tutte la SS398 fino al porto, sono ferme da troppo tempo sulle scrivanie dei palazzi romani. La retorica ha preso il posto dei ragionamenti logicamente costruiti. Si usufruisce un po' troppo di una caratteristica della lingua italiana che, come diceva Flaiano, è una lingua splendida perché permette di parlare del nulla. Troppe volte sono andato a convegni in cui il politico di turno strappa scroscianti applausi senza di fatto aver detto nulla… ma con che classe però. Tra poco ci saranno le elezioni amministrative. Partiti e candidati hanno ancora poco tempo per rimediare. Per favore, ci dicano questa volta cosa vogliono davvero fare, senza spot o slogan da “svolte epocali”, e quale futuro propongono per questo territorio. Chiaramente e senza doppi sensi. Chi lo farà davvero avrà il nostro appoggio. Giuseppe Trinchini

L’INTERVISTA

«Lavoriamo nell’interesse di Piombino» Riccardo Gelichi (Ascolta Piombino) riflette sulla situazione del territorio

A

bbiamo intervistato Riccardo Gelichi, portavoce della lista “Ascolta Piombino”, per conoscere le future iniziative in vista delle prossime elezioni amministrative e per riflettere sui problemi del territorio. Avete raccolto 550 firme per permetterci di portare avanti la battaglia per tenere aperto il reparto di maternità dell'ospedale di Villamarina. Siete soddisfatti dei risultati? In un giorno abbiamo raccolto 550 firme, ma non basta. Nonostante le rassicurazioni dell’Assessore Tempestini continueremo la raccolta, quindi ci rivolgeremo direttamente alla Regione; siamo stufi di sentirci dire “tranquilli tutto apposto” quando non lo è affatto. Cosa ne pensate della recente iniziativa promossa dalla Fondazione della Libertà, sulla nuova filiera della riparazione e rottamazione navale, e il futuro del porto? Se facciamo eccezione per la disponibilità dell’imprenditore ad installare un bacino di riparazione, per il resto ho già sentito questa litania, anzi sentire da politici di centrodestra che questo territorio non è riconvertibile e solleticare la pancia con politiche assistenziali è stata una grande delusione; PD e PDL in questo momento sono sovrapponibili e questo è molto triste, significa che non esistono voci alternative, fatta

eccezione per Ascolta Piombino. Di cosa ha bisogno il porto per svilupparsi e in che modo le aree retroportuali devono organizzarsi ? Questa è una bellissima domanda, anzi questa è la domanda che dovrebbe farsi chi ci governa. Esiste un progetto concreto di sviluppo per il porto che vada oltre le parti strutturali, che non sia la solita boutade elettorale ma un progetto imprenditoriale con le gambe? E se esiste, ce lo fate vedere per cortesia? La strada di collegamento tra la 398 ed il porto. Il CIPE ancora non approva. Come può svilupparsi il porto senza questa via d'accesso? Come può svilupparsi Poggio Batteria, e come può svilupparsi il distretto della nautica in chiusa, senza la 398? Bella domanda anche questa, noi lo diciamo da sempre; infatti

continuiamo a proporre la cantieristica, la nautica. La flotta pescherecci in foce del Cornia, con le autorizzazioni regionali, partirebbe domani. Quali tra i punti del vostro programma elettorale reputa più interessanti? La parola d’ordine è diversificare, ma non contro qualcosa, ma per un futuro migliore. Siamo dei pragmatici e vogliamo stare con i piedi per terra; proponiamo l'urbanizzazione delle Fabbricciane e Torre Nuova per mitigare il degrado in atto da decenni, e al posto dei manufatti fatiscenti costruire 1500 villette da 70 mq, raddoppio del Porto di Salivoli per collegarlo con il centro rafforzando le falesie e rilanciare un quartiere dimenticato come quello di Salivoli, rivisitazione del Piano della Costa urbana. (...) Giuseppe Trinchini Leggi il resto dell’intervista su CorriereEtrusco.it


PIOMBINO

VAL DI CORNIA

“Il tempo passa e il Cipe non si marita” Si allungano i tempi per l’approvazione della SS. 398 fino al porto

I

l tempo passa e il Cipe non si marita. La grande fretta per realizzare le opere del porto necessarie ad accogliere la Concordia cozzano con le inadempienze del Comitato per la programmazione economica che disattende reiteratamente le indicazioni contenute nel decreto che riconosce la nostra zona come area di crisi complessa. Il provvedimento (comma 5 del primo articolo riguardante Piombino), originariamente concedeva al Cipe 30 giorni entro i quali il Comitato “doveva decidere sul progetto definitivo e sul piano finanziario riguardanti la strada 398 fino al Gagno. I termini,

scaduti il 26 maggio scorso, in fase di conversione del decreto sono stati allungati fino a giungere al termine del 25 agosto. Se ne sono andati l’ultimo scorcio di agosto, tutto il mese di settembre, tutto il mese di ottobre, metà di novembre, ovvero poco men di tre mesi e niente ancora è stato deciso. Eppure nel frattempo il Cipe si è riunito due volte, il 27 settembre e l’8 novembre, due sedute nelle quali il nome di Piombino non è stato neanche pronunciato. La delibera del Comitato – giova ricordarlo – non è priva di importanza. Ad essa infatti si lega la concessione di 50 milioni di euro che la Sat

dovrebbe investire nel cosiddetto lotto 7, ovvero nel tratto della bretella per il porto da Montegemoli al Gagno. Peraltro solo pochi chilometri che lasciano scoperto tutto il problema del collegamento dal Gagno a Poggio Batteria, un tratto molto più impegnativo da realizzare e per il quale, al momento, nulla o poco esiste di concreto. Appena un cenno nell’accordo di programma firmato ad agosto laddove si dice che “ si possono destinare le eventuali risorse riprogrammabili” alla realizzazione dell’ultimo tratto (Gagno-Poggio Batteria). Fiorenzo Bucci Tratto da “Stile Libero News”

No Sat: nuova manifestazione contro il pedaggio dell’autostrada

I

l 17 novembre si terrà una manifestazione «NO SAT» da Rosignano a Civitavecchia per protestare contro il balzello più alto d’Europa che arriverà con il pedaggio SAT. «I cittadini devono reagire – dicono gli organizzatori – o si troveranno a pagare un pesante balzello per una mobilità gratuita a cui hanno diritto o tornare indietro di 30 anni su complanari inesistenti. Oggi andare da Rosignano a Grosseto non costa niente. Domani costerà 20 € (40 € andata e ritorno)». Il Coordinamento condivide le parole d’ordine della manifestazione:

«NO alla Tirrenica senza se e senza ma». «Da quando NO SAT è nata ha sempre ribadito che considera un fatto gravissimo, al limite della truffa, l’ esproprio della Variante Aurelia , una superstrada giudicata dall’ Europa come adeguata per le esigenze del traffico presente e futuro. Chiediamo perciò che venga tolta la concessione a SAT e ridata ad ANAS. Il Governatore Rossi, meno di un anno fa, promise esenzioni per tutti. Ci mise la faccia. Nessuna esenzione al pedaggio è mai stata approvata dalla SAT».

Torna l’isola ecologica in piazza Dante

“SiAmo San Vincenzo” candida Cosimi

uone notizie per la raccolta di rifiuti. Dopo le segnalazioni sulla “sparizione” dei container di Piazza Dante e di Salivoli da parte del nostro lettore Bruno Laguzzi, Asiu spiega il perché dell'assenza dei servizi e garantisce sulla riattivazione. «Ci preme rimarcare come non vi sia volontà di eliminare il servizio, bensì di ripristinare entrambi nel minor tempo possibile. Le motivazioni che hanno portato alla momentanea sospensione dei servizi sono diverse; partono da momenti di manutenzione che hanno poi coinciso con problematiche tecniche e alla necessità di ripensare i servizi per renderli più efficienti, spiega Asiu. Ad oggi l’isola ecologica di piazza Dante è stata completamente ripristinata. Quella itinerante è quasi pronta per ripartire e stiamo cercando di capire come poter massimizzare la portata di intercettazione dei rifiuti differenziati».

ìAmo San Vincenzo ha tenuto la prima riunione politica l’8 novembre, durante la quale è stata formulata la candidatura a Sindaco del Dr. Luca Cosimi, così descritto in un comunicato: «Per la sua competenza in economia del territorio e ingestione delle pubbliche amministrazioni, è l’unico in grado di cambiare le sorti del territorio, realizzando un Nuovo Corso, New Deal, di San Vincenzo, con la certezza di determinare un nuovo periodo duraturo di sviluppo sostenibile». Alla riunione sono state presentate le linee guida programmatiche e si è dialogato su temi quali il rilancio dell’economia, le biotecnologie, la necessità di abbattere sprechi e burocrazia, la notorietà turistica. Seguiranno riunioni ogni dieci giorni e chi si vuole prenotare per partecipare può scrivere all’email siamosanvincenzo@outlook.it.

B

S

«Anselmi non era il solo dal Santo Padre»

L

uigi Coppola dell’Udc fa notare che il sindaco Anselmi non è stato l’unico a recarsi dal Santo Padre: una delegazione di 150 fedeli piombinesi è andata dal Papa passando sotto silenzio. Il pellegrinaggio diocesano, che ha raccolto fedeli provenienti da molte parrocchie della città, è avvenuto per l’udienza di mercoledì 13 novembre: «Abbiamo profondamente apprezzato il gesto del Sindaco Gianni Anselmi che ha portato all’attenzione del Santo Padre la situazione di difficoltà che sta attraversando la nostra comunità. Certamente è stato un atto forte ed importante che stimolerà ancor di più l’attenzione sul nostro territorio. Ringraziamo sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Carlo Ciattini per aver aiutato affinché tale avvenimento potesse essere possibile. Ci risulta che all’udienza con Papa Francesco fossero presenti anche circa 150 piombinesi che per loro conto in un pellegrinaggio organizzato dalla Diocesi ed accompagnati dal Vescovo si erano recati a Roma nella stessa giornata. Non si comprende il motivo per cui la presenza di tutti questi cittadini non sia stata coordinata in modo tale che lo sforzo del Sindaco avesse anche il loro supporto, che siamo certi non sarebbe mancato. D’altra parte - conclude Coppola come dichiarato dal primo cittadino alla stampa, l’incontro è stato volutamente preparato in assoluta segretezza. Non è passato inosservato il fatto che sia stata menzionata per prima fra le delegazioni di lingua italiana la Diocesi di Massa Marittima e Piombino, sicuramente una considerazione ricevuta non indifferente».


APPUNTAMENTI Festa d’autunno e dintorni Tema del giorno: l’olio 16 novembre dalle ore 16.00 e 17 novembre dalle ore 10.00 Centro storico, Campiglia GioCon - Centro Giovani Venturina 17 novembre dalle ore 9.00 alle ore 23.00 - via dell’Unità 15, Venturina ORA BASTA! Contro la violenza sulle donne Giornata di sensibilizzazione 23 novembre dalle ore 15.30 alle ore 19.30 Centro Commerciale Coop, Venturina Il Mercante di Venezia con Silvio Orlando e la Popular Shakespeare company 26 novembre ore 21.00 Cinema Teatro Metropolitan, Piombino Pomeriggi Culturali a cura del circolo Sciarada 19 novembre ore 15.30 Tredici figure femminili: un itinerario personale nella letteratura italiana. 21 novembre ore 15.30 Invito alla lettura. Ignazio Silone. Torre di San Vincenzo 46a Sagra di Suvereto, Cinghiale Prodotti tipici, Folklore, Cultura" Dal 30 Novembre all'8 Dicembre 2013 Centro Storico, Suvereto

CULTURA

“Una squadra che lotta per la fabbrica” I ragazzi delle società sportive impegnati nelle riprese di un cortometraggio

I

l cortometraggio degli atleti di “Piombino come una squadra” ha riscosso molto interesse: le riprese sono avvenute sabato 9 e l’équipe sta lavorando al montaggio. La città ha fatto da teatro al regista esordiente Luca Di Bari, che ha voluto partecipare attivamente alla causa “Piombino non deve chiudere” coniugando la passione per il cinema a una necessità: «Non cambieremo l’Italia ‒ dichiara il regista ‒ ma potremo dire, alla fine dei “giochi”, come una squadra che lotta fino al novantesimo ed oltre, di aver provato ad utilizzare tutti i mezzi necessari per salvare questa situazione, anche un’idea semplice

come quella di un corto». Alberto Papa e Iacopo Rocchiccioli (calcio), Simone Balestri (pallacanestro), Davide Florelli (pallanuoto), Gianluca Bertini e Roberta Giuggioli

(pallavolo), Lorenzo Puliti e Alessandra Tognoni (rugby) sono gli atleti-attori che, con i palloni relativi ai propri sport, sono stati filmati per le vie deserte della città. Le riprese hanno creato un clima di attesa e hanno catalizzato molta attenzione: Elio Di Bari, fratello del regista, ha tradotto sul suo blog newseuropa.eu in più lingue l’articolo del Corriere Etrusco relativo al corto e il direttore tecnico sportivo Giuliani ha invitato gli “attori” alla presentazione delle squadre della Società Nuoto Piombino per ringraziarli il giorno sabato 16 novembre dalle 15 alle 16 presso la Piscina comunale. Chiara Bellucci

INIZIATIVE

Al via la stagione concertistica

Torna la sagra a Suvereto

ome ogni anno, la stagione concertistica del teatro di Piombino vede protagonista la prestigiosa Orchestra della Toscana. Un programma vario e affascinante: dal Concerto di Natale, dedicato alla danza (musiche di Glinka, Čajkovskij, Ponchielli, Prokof’ev), al concerto del 9 gennaio, con la pianista Gloria Campaner, dedicato a Schumann e Schubert, al concerto del 7 febbraio con Michele Campanella, concertatore nei capolavori di Mozart e Brahms, fino alla chiusura con il Concerto di Pasqua. Abbonamenti da € 15 per studenti, associazioni musicali e culturali, scuole di musica e per gli iscritti alle Università della Terza Età. Info: Ufficio Cultura tel 0565.63296 63429 www.comune.piombino.li.it

a lunedì 25 novembre 2013 a domenica 8 dicembre 2013, ci sarà il classico appuntamento con la sagra nel centro storico di Suvereto. Le vie del borgo ospitano da più di 30 anni, una sagra dove la cucina, gli spettacoli, le mostre, le iniziative culturali, si mescolano in un programma ricco e multiforme. Tra le iniziative il corteo storico, gli sbandieratori di Suvereto ed una grande griglia che cuoce carni sapide. Protagonista della cucina è il cinghiale, proposto nelle ricette più tradizionali. Altri piatti tipici si possono gustare all'aperto o nei ristoranti che partecipano alla manifestazione. Organizza il Comune di Suvereto Per info: 0565.829005, suvereto@comune.suvereto.li.it - www.suvereto.net

C

D


Corriere Etrusco n.32