Issuu on Google+

I H C AR state r2013 P I E E mme D Su A T O S C I IV AN I R B A L U S E D VER

Eventi

Green ww

w. a l

parcolucan

o.i

t

EVENTI ESCURSIONI

Events and excursions


ESTATE 2013 Summer 2013

4

SOMMARIO

Tables of contents

5 EDITORIALE Editorial

10 LA FORESTA CHE CAMMINA The walking forest

Le favole del Pollino

12 LE FIABE PIU’ FAMOSE DEL MONDO Where the most famous fairy tales come from

18 UNA GIORNATA NEL PARCO A day in the Park

22 IL RICAMATORE DEL FERRO Murales - ph Maria Pia Cavallo

The iron embroiderer

24 IL PAESE DEI MURALES The town of wall paints

29 PARCO DELLA GRANCIA Grancia Park

34 PARCO DELLA SILA Sila National Park

38 EVENTI GREEN Green Events

42 AGENDA EVENTI Events agenda

62 AGENDA ESCURSIONI

ph Orme nel Parco

Hiking

A seguire l’edizione speciale di Al Parco

IN COPERTINA PARCO DELLA GRANCIA AL PARCO LUCANO

@ALPARCOTREE

T

Escursioni turistiche nei Parchi Lucani

AL PARCO LUCANO - La rivista dei parchi della Basilicata - Anno 4 numero 2 (22) Registrato al tribunale di Potenza n. 137/2010 Editore Kaleidoscopio Edizioni Direttore Responsabile Rocco Perrone +39 329 5320026 alparcolucano@gmail.com Grafica e impaginazione Giuseppe Sileo +39 366 8938796 grafica.alparcolucano@gmail.com Redazione e segreteria Silvia Sabia +39 0975 841077 eventi@alparcolucano.it Hanno collaborato Massimiliano Capalbo, Peppe Cosenza, Mara Camera, Elena Ruggieri, Concetta Lorenzino, Mariapia Cavallo, Salvatore Mustari, Miriam Bisceglie Traduzioni Francesca Cascetti francesca.cascetti@gmail.com Chiuso in redazione 5 Luglio 2013 Stampa Grafiche Zaccara-Lagonegro Carta Marchio FSC (sistema di certificazione internazionale che garantisce che la materia prima usata per realizzare un prodotto in legno o carta proviene da foreste dove sono rispettati dei rigorosi standard ambientali, sociali ed economici) Redazione Via San Rocco, 40 - 85050 Satriano di L. (Pz) Tel. 0975.841077 Fax. 0975.383702 Pubblicazione a ZeroCO2 Compensate le emissioni di anidride carbonica con la piantumazione di 600 alberi autoctoni


ESTATE 2013 Summer 2013

EDITORIALE

5

Editorial

eTWEEToriale #ForestaCheCammina @alparcotree @ParcoDelPollino #FavoleDelPollino #MonnalisaLagonegro @ceapollino #StoriaBandita @granciabm #RicamatoreDelFerro #pellegrinaggioViggiano

Al Parco Estate 2013

#Concerti #Festival #Sagre

#Escursioni

#Parchi #EventiGreen #Decathlon @Basilicata_Tur #Proposizione #Piantiamola @Matera2019

@RoccoPerrone


CON

LA NATURA IN TASCA,

RESTERAI MAI AL VERDE.

NON

Porta sempre con te una copia di "Al Parco" e avrai diritto ad innumerevoli agevolazioni e sconti in tutti i Punto Parco.


ESTATE 2013 Summer 2013

7

OFFERTE PUNTO PARCO

Punto Parco offer

OFFERTE* SCONTI OPPORTUNITA’

ABRIOLA EOS AGRITURISMO C.da Murge - 0971 923363 Offerta: 10% di sconto

PARCO RICEVIMENTI

RICHIEDI

IL COUPON

HOTEL PIERFAONE C.da Pierfaone - 0971 722972 Offerta: 10% di sconto sul servizio ristorante (escluso serv. banchetti)

SU WWW.ALPARCOLUCANO.IT Stampalo e portalo con te per poter usufruire delle offerte!

BRIENZA

SAN CHIRICO RAPARO GOLDEN EAGLE Via Nazionale, 1 -0975 381070 Offerta: per conoscerla visita il sito www.alparcolucano.it

COOPERATIVA RIPENIA info@ripenia.com - 3275430314 Offerta: 3x2 ESCURSIONE Ogni due persone il terzo gratis

CASTELMEZZANO

SATRIANO DI LUCANIA

EN.I.MAR PROMOTION Vico I Maglietta, 1 320 63 47 675 - 0971 986033 Offerta: 3 magneti di Castelmezzano a 9€ + cartolina

MARSICO NUOVO

CRAZY HORSE PUB Presso Maneggio - 328 61 70 794 Offerta: per conoscerla visita il sito www.alparcolucano.it

MOLITERNO L’Antico Ritrovo

RISTORANTE AL PERGOLATO C.da Calabritto, 3 - 0975 342108 Offerta: 30% di sconto su tutto

B&B ANTICO RITROVO Via Ortone, 93 - 0975 567083 Offerta: per conoscerla visita il sito www.alparcolucano.it

PIGNOLA LA COMPAGNIA DELLA VARROCCIA

MATERA

Via Poerio - 338 44 68 769 Offerta: escursione a cavallo 15€ prima ora + 5€ ogni ora successiva

AGRITURISMO TEMPA BIANCA C.da Rifeccia S.S. Matera/Grassano 0835 302964 - 377 31 00 309 Offerta: per soggiorno minimo tre notti, bottiglia di vino in omaggio

OASI WWF - LAGO PANTANO C/da Petrucco - 347 769 1322 Offerta: Riduzione costo guida (con binocolo) all’interno della riserva: 4 euro anzichè 5

B & B BAGNI DI SOLE via Annibale M.di Francia 328 41 79 680 Offerta: 20% di sconto per prenotazioni superiori a 2 notti

POTENZA

iras

ENERGIA

*offerte valide fino al 15 Ottobre 2013 valid to 15.10.2013

GIRASOLE ENERGIA Viale del Basento 114/D 0971 1800492


ESTATE 2013 Summer 2013

8

OFFERTE PUNTO PARCO

Punto Parco offer

Qui trovi Al Parco in distribuzione gratuita Find here your free copy of Al Parco


ESTATE 2013 Summer 2013

OFFERTE PUNTO PARCO DISTRIBUITO IN TUTTI

Punto Parco offer

I DECATHLON DEL SUD ITALIA

CASAMASSIMA | MODUGNO |MOLFETTA | BRINDISI SURBO| CAVALLINO | CASORIA GIUGLIANO |MONTECORVINO | MARCIANISE | CATANZARO GIOIA TAURO | CORIGLIANO CALABRO

9 TA’

I NOV

3

201


10

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO

Lucano Appennine National Park

la foresta che cammina U’ RUMIT DI SATRIANO

di Rocco Perrone

The walking forest. U’rumit in Satriano In Basilicata ogni anno si ripete un rito misterioso e suggestivo. Durante il carnevale, a Satriano di Lucania nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, gli uomini, da tempo immemore, si vestono da alberi. L’origine della tradizione si è persa nel corso dei secoli. Impossibile e inutile scoprire chi per primo è diventato rumit, uomo vegetale, albero vagante. Maschera silente che l’ultima domenica prima del martedì grasso gira tra le strade del paese strusciando il fruscio (un bastone con all’apice un ramo di pungitopo) sulle porte delle case. E’ il suo modo di bussare. Chi riceve la visita del rumit rispetta il suo silenzio e in cambio di un buon auspicio dona qualcosa (fino a qualche decennio fa generi alimentari, ora pochi spicci). Lo scorso Aprile l’uomo albero ha oltrepassato i confini europei arrivando al MoMA di New

Every year Basilicata repeats a mysterious and suggestive ritual. During the carnival season in Satriano di Lucania, inside the Lucano Apennine National Park, men dress like trees. Needless to say, the origin of this tradition got lost in the years past, and to wonder who started the tradition of u’rumit in the first place is pointless. U rumit is a tree-man, a wandering figure, is the silent disguise who, on the Sunday before Mardi Gras, wanders along the streets carrying the “fruscio” (a wooden stick with a branch of butcher’s broom at one edge) he rubs on the house doors. This is his way of knocking. Those who receive his visit stay in silence and donate him something (food or coins) in exchange for a good omen. Last April the tree-man crossed the European borders ma-


ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO

11

Lucano Appennine National Park

York durante il Tribeca Film Festival grazie alla cine-installazione Alberi del regista Michelangelo Frammartino. Nel sottotitolo dell’opera si legge Rifondazione di un rito. Ed è esattamente quello che sta succedendo a Satriano dove, grazie a una nuova interpretazione della simbologia della maschera, le nuove generazioni si stanno riappropriando della tradizione restituendole linfa vitale.

CARNEVALE 2014 L’intenzione è quella di mettere in scena una FORESTA CHE CAMMINA (#forestachecammina) prendendo spunto proprio dal film Alberi in cui cento rumit “conquistano” una piazza. Chiunque voglia diventare per un giorno un uomo albero, nu rumit, lo potrà fare il prossimo carnevale a Satriano per vivere in prima persona una rara esperienza mistica e diventare protagonista del bosco vagante della Basilicata. Aggiornamenti e informazioni su alparcolucano.it

king his way to the New York MoMA during the Tribeca Film Festival thanks to Alberi, a movie by the director Michelangelo Frammartino. The subheading of this production reads “Rifondazione di un rito”, literally the re-founding a ritual: this is exactly what is happening in Satriano, where the new generations are rediscovering this tradition, bringing it back to life.

Carnival 2014 Our intention is to recreate a WALKING FOREST (#forestachecammina) taking inspiration from the movie Alberi, where one hundred Rumit “conquer” a square. Whoever wants to become a tree-man for one day will be able to do so in Satriano. Come and live a rare mystic experience and be part of the wandering forest of Basilicata. Info and updates on alparcolucano.it

Fotogrammi tratti da Alberi di Michelangelo Frammartino Frames from Alberi by Michelangelo Frammartino


12

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE DEL POLLINO

Pollino National Park

qui nacquero

le fiabe

più famose del mondo

Where the most famous fairy tales come from Gianbattista Basile, nobile napoletano che visse buona parte della sua vita in Basilicata, nel 1630, ad Acerenza, completò una raccolta di cinquanta fiabe dal titolo Lu cunto de li cunti. Le leggende, raccolte di prima mano dalla viva voce della tradizione popolare campana e lucana, vennero trascritte in lingua originale, ovvero nei dialetti dell’epoca. Questo aspetto ci conferma aldilà di ogni ragionevole dubbio l’origine popolare delle storie. Dalle foreste di Acerenza esce fuori Hansel e Gretel chiamata Ninnillo e Nennella nel libro di Basile. Qui è nato il Borgo delle Fiabe su iniziativa del Centro Studi Glinni, l’Accademia del Rinascimento di Roma e il Conte Domenico Basile discendente diretto del poeta.

Gianbattista Basile, a Neapolitan aristocrat who lived part of his life in Basilicata, in 1630 completed in Acerenza a collection of fifty fairy tales called Lu cunto de li cunti. The legends, collected first hand from the oral popular tradition, were transcribed in their original language, that means in the vernaculars of that time. This aspect proves, beyond any reasonable doubt, the popular origin of the tales. From the forests of Acerenza comes Hansel and Gretel, called Ninnillo e Nennella in Basile’s book. The project Borgo delle Fiabe has been developed here on the initiative of Centro Studi Glinni, Accademia del Rinascimento in Rome and Count Domenico Basile, direct descendant of the poet.


PARCO NAZIONALE DEL POLLINO

Pollino National Park

13

videoclip SUR - Ana Karina Rossi

ESTATE 2013 Summer 2013


14

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE DEL POLLINO

Pollino National Park

LA BELLA ADDORMENTATA NEL BOSCO (DEL POLLINO?) Sleeping Beauty (in Pollino!) Incredibile ma vero. Anche la fiaba della Bella addormentata nel bosco sarebbe nata in Basilicata. <<Ancora oggi – ci dice Raffaello Glinni - la cima della montagna si chiama serra Dolcedorme e Cozzo della Principessa. I pastori presero a raccontarla vedendo forse sulla cima e tra le nebbie i pini Loricati i cui rami , una volta caduti e persa la corteccia, assomigliano ad esseri umani in riposo. La favola – continua Glinni - potrebbe essere la rielaborazione del mito del dio Apollo, da cui deriva il nome del Monte Pollino (i greci credevano infatti che gli dei vivessero in cima alle montagne) e della sua compagna la dea celtica delle acque Siriona, da cui il nome del Monte Sirino e del fiume Siris alias Sinni. Secondo il mito Apollo, dio della

Creste del Pollino (ph E.Sileo)

Believe it or not, the Sleeping Beauty fairy tale comes from Basilicata. “Still today – says Raffaello Glinni – the top of the mountain is called Serra Dolcedorme and Cozzo della Principessa. The shepherds probably started to tell the tale looking at the mountain top and seeing the Bosnian pines, whose fallen branches had to look like human beings in the fog. The fairy tale – Glinni continues – could be a re-elaboration of the myth of the god Apollo, after whom the mount Pollino was named (the Greek thought their gods lived on top of this mountain). Also, mount Sirino and the river Sinni were named after the Celtic goddess Sirona. According to the myth, Apollo, god of beauty, fell in love with a nymph, arousing Sirona’s


ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE DEL POLLINO

15

Pollino National Park

bellezza, s’invaghì di una ninfa scatenando la gelosia di Siriona, vicenda che è alla base della celebre favola della Bella Addormentata e che ne costituisce la rielaborazione. Ancora oggi – conclude Glinni - nel lago Laudemio, posto sulla cima del Sirino, si specchia la dea Siriona, per verificare chi sia la più Bella del reame>>. La notorietà europea del Cunto de li cunti ebbe inizio quando i fratelli Grimm, pubblicando nel 1822 il terzo volume dei Kinderund Hausmärchen, diedero un posto di grandissima importanza al Basile. <<Da evidenziare – spiega ancora Glinni - è che il genere letterario fiabesco fu praticamente creato dal Basile, che inserì in quasi tutti i racconti la magia, tipica dei luoghi del Sud che egli attraversava, e il lieto fine>>. Intanto, al fine di valorizzare questa storia entusiasmante, il Gruppo di azione locale (GAL) “La cittadella del sapere” sta allestendo un Museo della Fiaba nella zona del PollinoSirino.

jealousy, which is at the basis of the Sleeping Beauty fairy tale. Still now – Glinni concludes - Sirona looks at her image reflected in lake Laudemio from the top of mount Sirino to see who’s the fairest of them all”. The tale became famous all over Europe in 1822, when the brothers Grimm published the third volume of their Kinder-und Hausmärchen. “It is important to highlight – Glinni explains – that the fairy tale genre was basically invented by Basile, who added the magical element and a happy ending to all his tales”. In order to celebrate this awesome tale, the association La cittadella del sapore is currently setting up a Fairy Tale Museum in the Pollino-Sirino area.

Monte Sirino e Lago Laudemio (ph Apt)


ESTATE 2013 Summer 2013

16

PARCO NAZIONALE DEL POLLINO

Pollino National Park

Leonardo e la Gioconda Davvero in Basilicata? Leonardo and the Gioconda. Really in Basilicata? Dmitrij Sergeevič Merežkovskij nel 1901 indicò, nell’opera Leonardo da Vinci o la resurrezione degli dei, quale luogo della morte della Gioconda (Lisa Gherardini del Giocondo) resa immortale dal genio del Rinascimento, la città di Lagonegro contro le fonti tradizionali che la riportano a Firenze. E’ un fatto realmente accaduto o l’autore intendeva lasciare un messaggio criptato? Lo scrittore, affiliato alla loggia massonica europea degli Illuminati, vuole forse dirci che in Basilicata è nascosto qualcosa di importante legato a Leonardo? Si riferiva forse all’autoritratto lucano di Leonardo ritrovato nel 2008 in una casa patrizia di Acerenza? <<Non può non essere preso in considerazione – ci dice Nicola Timpone del GAL La Cittadella del Sapere - che il libro sopracitato fa parte della trilogia Giuliano l’apostata (la morte degli dei). E dove era situata fino al 1930 l’unica statua al Mondo di Giuliano l’apostata? Sulla sommità della cattedrale di Acerenza, in Basilicata>>. E’ questa una storia affascinante che tiene insieme templari, massoni, grandi artisti, donne leggendarie, viaggiatori. E le ipotesi per sciogliere il nodo sono tante. Da qualche mese è possibile scoprirle nel museo di Monnalisa ospitato nello storico palazzo Corradi a Lagonegro.

GAL LA CITTADELLA DEL SAPERE

In 1901, in his paper called Resurrection of Gods. Leonardo da Vinci, Dmitrij Sergeevič Merežkovskij indicated the town of Lagonegro (Basilicata) as the death place of the Gioconda (Lisa Gherardini del Giocondo), contrasting what the traditional sources say. Is this a fact or did the author want to leave a coded message? Did the writer, affiliated to the European masonic lodge of the Illuminati, want to tell us that Basilicata hides something important related to Leonardo? Was he referring to Leonardo’s self-portrait found in 2008 in a manor in Acerenza? “We have to consider – says Nicola Timpone of the association La cittadella del sapere – that the mentioned book is part of a trilogy called The Death of the Gods. Julian the Apostate. And where was the only existing statue of Julian the Apostate located before 1930? On the top of the cathedral of Acerenza, in Basilicata”. This is a fascinating story combining Templars, masons, great artists, legendary women, travellers. Many are the hypotheses that may answer our questions: you can examine them at the Monnalisa Museum, hosted in the Corradi palace in Lagonegro.

C.da Calda n.8 85043 – Latronico (PZ) Tel. +39 0973 858200 | Fax +39 0973 858200


ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE DEL POLLINO

Pollino National Park

17


18

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO REGIONALE GALLIPOLI COGNATO

PICCOLE DOLOMITI LUCANE

UNA GIORNATA

tra la fauna del parco A day in the Park among the wildlife Giuseppe Lorenzo ti dà subito l’impressione di “sapere il fatto suo”. L’ho conosciuto quando lo scorso Febbraio, nel giardino della sede del Parco di Gallipoli Cognato, abbiamo piantato insieme alcuni alberi per il progetto “Per ogni abbonamento un albero piantato”: un’iniziativa che stiamo portando avanti con la rivista Al Parco da circa tre anni e che fino ad ora ci ha consentito di mettere a dimora oltre 600 piante autoctone.

Giuseppe Lorenzo gives you the impression of someone who knows his business. I met him last February in the backyard of the Gallipoli Cognato Park headquarters, when we planted together some trees for the project “Per ogni abbonamento un albero piantato”, an initiative we have embarked on almost three years ago with the magazine Al Parco and thanks to which we have been able to plant 600 autochthonous trees.


ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO REGIONALE GALLIPOLI COGNATO

19

PICCOLE DOLOMITI LUCANE

Ente Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Località Palazzo - Accettura (MT) Tel: +39 0835 675015 www.parcogallipolicognato.it

di Rocco Perrone Giuseppe è il titolare della ditta aggiudicataria dell’appalto per la manutenzione e governo della fauna selvatica allevata dal Parco e di quella in cura al Centro Recupero Animali Selvatici (CRAS). E’ un agrotecnico di Tricarico. Ha ventisette anni e da cinque è il tuttofare instancabile di queste montagne.

Giuseppe is the owner of the company in charge of maintaining and protecting the wildlife inside the Park and in the CRAS (centre for wildlife recovery). He is an agrotechnician from Tricarico, is 27 and for 5 years has been a tireless handyman here.


20

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO REGIONALE GALLIPOLI COGNATO

PICCOLE DOLOMITI LUCANE

Quel giorno di Febbraio gli dissi: <<mi piacerebbe vivere almeno una volta una tua giornata tipo>>. <<Nessun problema - mi rispose - chiamami il giorno prima e ci organizziamo>>. Dopo la piantumazione ci portò a far visita ai “suoi” animali. Quelli che lo riconoscono da lontano. Che lui conosce uno ad uno. In quel momento mi ha ricordato un personaggio lucano simile, uno spirito francescano che nel Bosco Ralle di Satriano di Lucania, nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, mantiene in vita un’oasi naturalistica dove “avvengono solo scambi d’amore, non di denaro”: Rocco Giuliano. Giuseppe fa un lavoro duro, faticoso. Oltre alla fauna cura anche la manutenzione del verde della sede del Parco, a volte gli capita di fare da guida e si autodefinisce un “San Pietro”: ha un mazzo con oltre 50 chiavi che aprono e chiudono cancelli, capanni, lucchetti, porte. Il suo rapporto con gli animali è straordinario. Entra nella riserva e i daini subito si avvicinano. Il capo branco si fa accarezzare e mangia dalle sue mani. Giuseppe sa come avvistare i caprioli selvatici: arriviamo a motore spento, usciamo dall’auto senza chiudere la portiera. <<Tieni la macchina fotografica pronta>>. Ed ecco all’improvviso un capriolo che corre in una radura. Si ferma poco prima di inoltrarsi nel bosco. Ci guarda facendosi fotografare. Pochi secondi e scompare. Alcuni dei rapaci feriti in cura al CRAS presto potranno essere liberi, altri purtroppo hanno menomazioni troppo importanti per ritornare alla vita selvaggia. Fino a qualche tempo fa ce n’era uno che rispondeva al suo richiamo. <<Ci vuole tempo e pazienza per entrare in sintonia con loro>>. Se da un lato c’è la gratificazione, dall’altro il peso della responsabilità: <<con gli animali non esistono sabato e domenica, non ci

On that February day I told him: once I’d like to live your typical day. No problem, he said, call me and we can arrange that. After the tree planting he took us to visit “his” animals, the ones that recognize him from afar and that he knows one by one. In that moment he reminded me of another person, someone who lives in Bosco Ralle, in Satriano di Lucania and keeps a natural oasis where “we only exchange love, not money”: his name is Rocco Giuliano. Giuseppe’s job is hard. Besides the wildlife, he also takes care of the green areas of the Park headquarters, sometimes he works as a guide and he defines himself as a “Saint Peter”: he’s got more than 50 keys to open and close gates, huts, locks and doors. His relationship with animals is extraordinary. He steps in the reserve and suddenly the deer come up and allow him to pet and feed them. Giuseppe knows how to spot the wild roe deer: we get there engine off, get out of the car without shutting the doors closed. “Have the camera ready at hand”. All of a sudden, a deer runs in a field. He stops just before entering the woods. He looks at us and we take some pictures. A bunch of seconds and he disappears. Some hurt birds of prey, now cured inside the CRAS, will be soon able to fly free again. Other birds have too severe wounds to be able to live in the wildlife again. Not so long ago there was a bird that used to respond to Giuseppe’s call. “It takes time and patience for them to trust you”. If on one side you are gratified, there are also many responsibilities. “There are no Saturdays or Sundays, no public holidays, I am here every day”. On his presence depend hundreds of animals such as deer, hares and kites.


ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO REGIONALE GALLIPOLI COGNATO

21

PICCOLE DOLOMITI LUCANE

sono festività, bisogna essere presenti tutti i giorni>>. E dalla sua presenza dipendono centinaia di animali tra daini, lepri italiche, lepri europee, nibbi. Il Parco di Gallipoli Cognato ha avviato importanti azioni di reintroduzione della fauna selvatica: ogni anno vengono liberati circa venti caprioli italici che arrivano da Siena. Catturati in Toscana dopo solo sei ore sono di nuovo liberi tra le montagne lucane. Di rilievo c’è il progetto legato alla cicogna nera con una webcam installata sul nido che permette di monitorare in diretta la vita dei cuccioli, dalla deposizione delle uova al primo volo sopra le Dolomiti Lucane. <<Uno dei progetti più significativi a cui teniamo molto – ci dice Rocco Lombardi, presidente del Parco – è partito dieci anni fa. E’ una sperimentazione sull’allevamento e la reintroduzione della lepre italica e da poco è diventato il primo intervento di sistema su questi temi che vede la cooperazione dei quattro parchi lucani>>. Dietro queste belle storie ce n’è una ancora più bella. C’è l’azione quotidiana di Giuseppe che con affetto e competenza si prende cura della vita degli animali del Parco. Daino

The Gallipoli Cognato Park has applied some important measures to reintroduce wildlife: every year around 20 roe deer specimens coming from Siena are set free. Captured in Tuscany, after only six hours they are released on the mountains of Basilicata. Another top project is the one concerning the black stork: a webcam mounted on their nest monitors their life in real time, from the egg-laying to their first flight above the Dolomiti Lucane. “One of the most important initiatives to us – says Rocco Lombardi, president of the Park – started ten years ago. It consists in an experimental breeding and reintroduction of the roe deer, the first systemic intervention on this issue, carried out by the four parks of Basilicata”. Beyond all this beautiful stories there’s another one that is even better: the daily life of Giuseppe, who takes care of the wildlife with love and expertise.

Capriolo


22

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO

Lucano Appennine National Park

il ricamatore del ferro un artista artigiano

di Silvia Sabia

The iron embroiderer. An artisan artist Passione, semplicità, tecnica. Per il sassese Antonio Vignola, sono i segreti per eccellere nell’arte in cui è un maestro di livello mondiale, la lavorazione del ferro forgiato e battuto. Un mestiere che a detta di Antonio non conosce crisi. <<Il ferro è il materiale più bello che esistaracconta- è economico, per tutti. Sembra indistruttibile, ma il fuoco lo rende docile e puoi modellarlo come vuoi. Se solo cogli l’attimo giusto, quello spazio di secondi tra quando il metallo diventa rosso e quando inizia a bruciare, allora puoi vivere l’emozione indescrivibile di dare una forma a quella che era solo un’idea nella tua testa>>. E a 10 anni vedere per la prima volta un oggetto nascere dalle proprie mani è una gratificazione troppo grande per lasciarla andare e Antonio vuole riviverla ancora.

Passion, simplicity, technique. For Antonio Vignola these are the key elements to succeed in the art of which he is an international master, the working of cast and wrought iron. A job that, in Antonio’s opinion, “knows no crisis”. “Iron is the most beautiful element on earth – he says – it’s cheap, it’s for everybody. It seems indestructible, but the fire makes it mild and you can shape it at your pleasure. If you catch the right moment, that bunch of seconds between when the metal turns red and when it starts to burn, then you can live the indescribable emotion of shaping what was only an idea in your mind”. When you are 10 and you shape an object with your hands for the first time, you experience such a huge sense of fulfilment that you don’t want to let it go. Antonio wants to


ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO

23

Lucano Appennine National Park

Gli anni di apprendistato in Germania gli permettono di acquisire le tecniche per fare di questa passione un lavoro. Così nel 1976 mette su una bottega a Sasso di Castalda, paese nel quale dissemina l’impronta di ferro della propria arte con ringhiere, bacheche, stemmi, portoni. Nella sua officina, Antonio lavora instancabile e tra le sue mani pezzi di ferro forgiati, rastremati, attorcigliati, incastrati, si trasformano in manufatti preziosi ed irripetibili ed in vere e proprie sculture. Tra queste il maestoso portale nella Chiesa Madre di Sasso, il Basilikos, il piede alato Carpe Diem, l’altare della Chiesa di San Vito a Tramutola. Adesso che è in pensione, dopo un’esperienza di quasi mezzo secolo, tante soddisfazioni, pochi rimpianti (neppure aver rifiutato la proposta di Pupi Avati di realizzare le spade per un suo film), perchè dice lui <<io, il mio mondiale l’ho vinto>>, Antonio ha ancora un grande sogno. Realizzare una scuola-bottega per tramandare ai giovani un patrimonio di conoscenze inestimabile acquisito nel tempo di una vita, perchè non vada perduto.

live this feeling again and again. The years spent as an apprentice in Germany allowed him to learn the skills which enabled him to turn his passion into a job. In 1976 he opened a workshop in Sasso di Castalda, where he has developed his art building fences, noticeboards, badges and portals. In his workshop, Antonio works unfailingly: in his hands, cast, twirled, wedged iron pieces become valuable unique products and real sculptures. Among them, the portal of the Church of Sasso, the Basilikos, the Carpe Diem winged foot, the altar of the Church in San Vito in Tramutola. Now that he has retired, after a career of almost 50 years, he has many satisfactions and a few regrets (not even the fact that he refused to make the swords for one of Pupi Avati’s films) because, he says, “I won my championship in any case”. Antonio has still one dream to fulfil: to create a workshop-school to hand to the new generation his precious knowledge and skills, learnt in a lifetime.

Antonio Vignola +39 329 71 15 309

Ente Parco Nazionale Appennino Lucano Ex Convento delle Benedettine Via Manzoni, 1 Marsico Nuovo (Pz) Tel. +39 0975 344222 www.parcoappenninolucano.it


24

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO

Lucano Appennine National Park

il paese

dei murales e del pietrafesA The town of wall paints and Pietrafesa A Satriano di Lucania hanno iniziato a colorare i muri esterni delle case nel 1983. Da allora ogni estate ne hanno aggiunto qualcuno e oggi se ne contano circa 80. I murales raccontano l’anima del paese attraverso la riscoperta della tradizione contadina o l’omaggio a Giovanni De Gregorio, detto il Pietrafesa, uno dei più importanti pittori della Basilicata nato in questo borgo alla fine del 1500.

In Satriano di Lucania people have been painting the exterior walls of their houses since 1983. Today, the wall paints add up to almost 80 samples. They tell the essence of the town rediscovering rural traditions and represent a tribute to Giovanni De Gregorio, called Pietrafesa, one of the most important painters of Basilicata, who was born in this village at the end of the 16th century.


PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO

Lucano Appennine National Park

Il tema delle ultime realizzazioni è il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano di cui Satriano fa parte. <<E’ fondamentale tutelare la biodiversità del nostro territorio – ha detto Domenico Totaro, presidente del Parco, guardando lo straordinario murales di Luciano La Torre (foto sopra) – e quando l’arte si mette al servizio della natura il messaggio arriva dritto al cuore>>.

25

photo Mariapia Cavallo

ESTATE 2013 Summer 2013

The main theme of the latest paints is the Lucano Apennine National Park, to which Satriano belongs. “It is extremely important to protect the biodiversity of our territory – said Domenico Totaro, president of the Park, looking at an extraordinary painting (see picture above) – and when art serves nature, its message reaches our hearts”.


26

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO

Lucano Appennine National Park

per le antiche vie del pietrafesa Along Pietrafesa’s old streets Il 9 Agosto 2013 a Satriano si terrà il consueto appuntamento dedicato alla figura di Giovanni De Gregorio. Il pittore, nato a Pietrafesa (l'attuale Satriano), è stato uno degli esponenti più importanti del manierismo lucano. Nei primi decenni del 1600 ha realizzato numerosi capolavori ancora oggi visibili in molte chiese della Basilicata e della Campania. L'anno scorso è stato inaugurato il Palco dei Colori, un museo virtuale che è un viaggio nella vita e nelle opere del De Gregorio. <<L'allestimento interattivo – ci dicono gli

On 9 August 2013 there will be the usual appointment dedicated to Giovanni De Gregorio. The painter, born in Pietrafesa (the actual Satriano), was one of the most important representatives of Mannerism in Basilicata. In the first decades of the 17th century he made some beautiful artworks still displayed in many churches throughout Basilicata and Campania. Last year the virtual museum Parco dei Colori was opened, a virtual journey in De Gergorio’s life and works. “The interactive set up – say the experts of Labirinto Visivo who have developed the project – outlines a multisensory route that, invading the classical canons of museums, allows visitors to make their own choices”. You can visit the interactive museum at Rocca Duca di Poggiardo every day after contacting the association Petra and booking in advance at +39 3203060884 (Federica Camera, regional tourist guide). Not only wall paintings talk about Pietrafesano in Satriano, but also the pictures of his most important works, hanging from the


ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO

27

Lucano Appennine National Park

esperti di Labirinto Visivo che hanno realizzato il progetto – delinea un percorso multisensoriale che invadendo i canoni classici della fruizione museale rende il visitatore protagonista della scelta dei contenuti>>. E' possibile visitarlo presso la Rocca Duca di Poggiardo tutti i giorni contattando l'associazione Petra e prenotando obbligatoriamente in anticipo al numero 3203060884 (Federica Camera, guida turistica regionale). A Satriano non solo i murales ci parlano della vita dell'artista, ma anche le gigantografie delle opere più importanti che a inizio estate vengono affisse sulle pareti più imponenti di chiese ed edifici storici. <<Da non perdere – ci ricorda il sindaco Michele Miglionico - la chiesetta di San Giovanni con gli unici affreschi originali lasciati nel suo paese di origine>>. Quest'anno oltre al percorso gastronomico con le ricette tradizionali di Satriano, gestito dalle associazioni di volontariato, alla musica dal vivo, alle botteghe degli artisti, ci sarà un’importante novità con la partecipazione degli artisti di strada del Festival internazionale dei Cinque continenti.

walls of churches and historical buildings in summer. “You should really visit the church dedicated to Saint John – says the Mayor Michele Miglionico – with the only original frescoes the artist left in his birthplace”. This year, besides the traditional dishes of Satriano, live music and workshops, the street artists from the Five Continents International Festival will also participate.

Rocca Duca di Poggiardo - Museo Multimediale

9 Agosto 2013 Satriano di Lucania


28

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO

Lucano Appennine National Park

satriano arte e spettacolo 2013 COMUNE DI SATRIANO DI LUCANIA 0975 38 31 21

5-6 AGOSTO MUSICA IN CORSO MEMORIAL ANTONIO LANGONE | X EDIZIONE

7 AGOSTO COMMEDIA IN VERNACOLO SATRIANESE Associazione La Fonte

8 AGOSTO SATRIANO IN-CANTO

9 AGOSTO PER LE ANTICHE VIE DEL PIETRAFESA

10-11 AGOSTO LUCANIA ETNO FOLK | VII EDIZIONE

12 AGOSTO ANTONIO LANGONE in Concerto

13 AGOSTO FESTA DEI SATRIANESI NEL MONDO

14 AGOSTO BASILISKI ROOTS IN CONCERTO

15 AGOSTO I CANT’IERI IN CONCERTO

16 AGOSTO ENRICO RUGGERI IN CONCERTO Festeggiamenti in onore di San Rocco

17 AGOSTO CONCERTO CORALE POLIFONICA

18 AGOSTO RADUNO MACCHINE D’EPOCA

DOMENICHE DI AGOSTO LE DOMENICHE DEL FOLK


ESTATE 2013 Summer 2013

29

PARCO DELLA GRANCIA

Grancia Park

il parco della grancia

Montagne, briganti e magia Grancia Park. Mountains, brigands and magic Brindisi di Montagna dista una ventina di chilometri da Potenza. Sovrasta la foresta della Grancia regalando, dalle sue alture, una vista mozzafiato sulle montagne e sul paesaggio circostante. Il centro del borgo è denominato castello feudale, vessillo dell’antico ruolo di roccaforte che Brindisi rivestì nel Medioevo. La sua esistenza è documentata già in alcuni atti emanati da Federico II attorno al 1200 che lo annoverano tra i castelli demaniali facenti parte del distretto amministrativo della Basilicata. Durante la stagione di apertura del Parco della Grancia, il borgo è facilmente raggiungibile per una visita ai suoi antichi scorci. Tra le iniziative di particolare interesse ci sono “Il festival della Podolica” dedicato ad una specialità gastronomica lucana d’eccellenza (12 e 13 Agosto), e le “Giornate Medievali” l’ultimo week end di ottobre.

Brindisi Montagna is only 20 km away from Potenza. It overlooks the Grancia forest and from its high grounds you can enjoy a breath-taking view of the mountains and the surrounding landscape. The village centre is called “feudal castle” to remember the medieval citadel of Brindisi. Its existence is documented in some acts passed by Frederick II around the year 1200, where it is mentioned among the castles belonging to the administrative district of Basilicata. When Grancia Park is open, visitors can easily reach the village to enjoy its wonderful landscapes. Among the special initiatives, we recommend the “Festival of Podolica”, dedicated to an excellent specialty of the traditional cuisine (12 and 13 August) and the “Medieval Days” on the last weekend of October.


30

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO DELLA GRANCIA

Grancia Park

IL PARCO STORICO The historical Park La Grancia è il primo Parco storico rurale d'Italia, un percorso di animazione turistica e culturale immerso in uno scenario di rara bellezza. Tra queste montagne riecheggia il mito del brigantaggio lucano. Un mito intriso di ideali e di orgoglio. All'interno del Parco si snodano itinerari che celebrano lo spirito dell’epoca con diverse attrazioni. Il cinespettacolo “La Storia Bandita” è il fiore all’occhiello per il livello artistico raggiunto. Da non perdere i nuovi appuntamenti come “Munaciedd”, il personaggio della cultura popolare lucana che animerà un nuovo spettacolo di burattini per bambini. Ai più piccoli sono dedicate anche le domeniche “di magia”, con una serie di attività ludico-sportive. Novità della stagione 2013 è l'“area della lucany”, una vetrina dedicata alle eccellenze dell’arte e della cultura lucana. Da non perdere lo spettacolo d'arte varia, i racconti di falconeria “Cum Avibus”, la corte degli animali, il borgo mercato e quello dei sapori, il sentiero dei rapaci, l’area medievale.

Grancia is the first historic rural Park in Italy, a cultural tour immersed in a scenery of rare beauty. Among these mountains you can hear the echo of brigands, whose history is full of ideals and pride. Inside the Park, many different itineraries celebrate the spirit of that period thanks to a number of attractions. We especially recommend the artistic performance “La Storia Bandita” and the new puppet show for children with “Munaciedd”, a traditional character. Every Sunday, children are invited to magic shows and a series of many different sport activities. “Area della lucany” is a new initiative for summer 2013 aiming at the promotion of the art and culture of Basilicata. You can also enjoy the falconry show “Cum Avibus”, exhibitions, food tasting experiences, themed tours and the Medieval area.


ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO DELLA GRANCIA

31

Grancia Park

la storia bandita Il cinespettacolo mette in scena uno dei capitoli più fieri e dolorosi della Basilicata. Il protagonista è il brigante Carmine Crocco che a fine Ottocento guidò la rivolta dei contadini contro il nuovo Governo d’Italia. “La storia bandita” è una rappresentazione polimediale che mescola diversi linguaggi artistici. E’ un’esperienza 5D: coinvolge tutti i sensi dando allo spettatore la sensazione di trovarsi dentro un set cinematografico. Oltre 400 figuranti in costume. Un palcoscenico all’aperto con 3000 posti a sedere. Un teatro su un dorso di una montagna incantevole che ha per scenografia la vegetazione e per sipario la notte. L’atmosfera è magica con proiezioni sulle rocce, potenti sorgenti di suono distribuite sull’intera scena, schermi d’acqua ed effetti pirotecnici che simulano esplosioni, incendi, battaglie. A completare il magico quadro fatto di luci, suoni e immagini, la colonna sonora realizzata con le voci di noti attori come Michele Placido, che il 5 Luglio ha aperto la stagione, e di musicisti come Lucio Dalla e Antonello Venditti.

This performance puts up one of the proudest and most painful chapters in the history of Basilicata. The main character is the brigand Carmine Crocco who, at the end of the 19th century, leaded the peasant revolution against the newly formed Italian government. “La Storia Bandita” is a “polymedia” performance that combines many different artistic languages. It can be defined as a 5D experience: it involves the 5 senses giving the audience the impression of being inside a movie set. More than 400 performers participate in the show. The open arena has a capacity of 3000 seats. It leans against a charming mountain, is surrounded by nature and the shades of night. The atmosphere is magic, videos are projected against the rocks, the sounds echo on the scene, special effects simulate explosions, fires, battles. Famous Italian actors and singers have signed the soundtrack and the voice-overs: Michele Placido, Lucio Dalla, Antonello Venditti.

www.parcograncia.it Tel. 327 18 77 802


32

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO DELLA GRANCIA

Grancia Park


ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO DELLA GRANCIA

Grancia Park

33


34

ESTATE 2013 Summer 2013

PARCO NAZIONALE DELLA SILA

Sila National Park

Abbracciamo le montagne Nelle falesie calabresi Hugging the mountains. Cliffs in Calabria Verticalabria non è solo un gioco di parole ma il termine che possiamo utilizzare per racchiudere un’altra caratteristica della Calabria. Grazie ad alcune associazioni come “Gaia Arrampicata” e “Vertical Climbing Laos” e alla passione dei singoli in questa regione è nata una vera e propria tribù di climbers. Anime verticali, questo è l’appellativo giusto per tutti coloro che nel corso di questi anni si sono prodigati affinché uno sport, uno stile di vita come quello dell’arrampicata sportiva, prendesse sempre più piede. Immersi tra roccia e cielo si potranno scoprire siti di rara bellezza ancora più apprezzabili se osservati da punti di vista che solo l’arrampicata può regalare. Negli ultimi anni sono state attrezzate diverse falesie in tutta la Calabria. di Salvatore Mustari

Verticalabria is not just a word play, it’s the term we can use to describe one of the most peculiar features of the region Calabria. Thanks to a number of associations such as “Gaia Arrampicata” or “Vertical Climbing Laos” and the passion of some individuals, a proper tribe of climbers has recently developed in this area. Vertical souls, this is the right way to call all those who, in the past years, have committed to spread the knowledge of a sport and lifestyle such as free climbing. Between the rocks and the sky you will be able to discover stunning places, even more remarkable from the unique perspective offered by free climbing. Many cliffs have been set up throughout Calabria.


ESTATE 2013 Summer 2013

35

PARCO NAZIONALE DELLA SILA

Sila National Park

Nella Valle del Soleo Dove il sole non arriva Inside the Soleo Valley. Where the sun doesn’t reach E’ un’escursione poco impegnativa che parte dal parco avventura Orme nel Parco e, attraversando una faggeta con esemplari alti anche 40 metri, sbuca nella bellissima Valle del Torrente Soleo. Il congiungersi dei rivoli d’acqua delle sorgenti del Soleo genera uno spumeggiante ruscello che in una zona rocciosa poco distante forma numerose pozze di eccezionale trasparenza. Il fiume serpeggia fino ad arrivare ad una improvvisa strettoia, caratterizzata da una cascata e da un’ampia pozza. Siamo a “Manca del Diavolo”. E’ un mondo di acque gelide e cristalline appena increspate dai rapidi guizzi delle trote. Raramente il sole riesce a penetrare la fitta boscaglia. Una sinfonia di tutti i rumori e gli scrosci dell’acqua, un tuffo in una natura selvaggia ed inviolata. In un paio d’ore si riesce a penetrare questa gola e godere dei grandi prati soleggiati che ne segnano la fine.

This excursion is not very demanding and starts from the adventure park Orme nel Parco. Crossing a beech forest with 40 m high trees, you reach the amazing valley of the river Soleo. All the watercourses originating from the Soleo spring create a sparkling stream with many puddles of extraordinary transparency. The stream slithers to a sudden bottleneck characterized by a waterfall and a wide rocky puddle. This place is called “Manca del Diavolo”. The ice-cold and clear waters move under the movements of the fish. Rarely the sun penetrates these dense woods. A symphony of noises and roars, a diving into the wild and untouched wilderness. In a couple of hours you can enter this deep gorge and enjoy the wide sunny fields at its borders.

di Massimiliano Capalbo

INFO SU ESCURSIONI E ARRAMPICATA

Loc. Tirivolo – Zagarise (CZ) Tel: 0961.731290 - 334.3363690 info@ormenelparco.it www.ormenelparco.it


PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO Parco della Quercia Monumentale di Licari

36

ESTATE 2013 Summer 2013

Lucano Appennine National Park

Laino Borgo (CS) | Parco Nazionale del Pollino

La storia di un albero dal seme ai riti arborei. Si organizzano: itinerari didattici per le scuole sulla biologia degli alberi, visita agli alberi monumentali del Parco, mountain bike e percorsi sul fiume Lao. +39 329 53 200 26 “Al Parco” | +39 347 26 31 462 “Viaggiare nel Pollino” | alparcolucano@gmail.com


APPUNTAMENTI

ESTATE 2013

La notte di San Lorenzo

10 agosto 2013 - Bosco Magnano - ore 20.00

Il programma prevede: - Escursione notturna a Bosco Magnano con Guida Ufficiale del Parco - Una piccola degustazione di prodotti tipici - Racconti su storie e miti delle stelle - Musica sotto le stelle Contributo € 20,00 a persona

full immersion

CORSO DI

FOTOGRAFIA

NATURALISTICA

Corso tenuto da Antonio Iannibelli dell’Associazione “Provediemozioni.it” di Bologna

9-10 AGOSTO 2013

Contributo di € 50,00 Posti disponibili: 20

CORSO DI SEAWATCHING

E BIOLOGIA MARINA ALLA SCOPERTA DEI FONDALI DI MARATEA Date: 3-4 e 17-18 agosto 2013 Età: 7-14 anni Contributo di € 30,00 Posti disponibili: 30 +39 338 58 50 829 | ceapollinobasilicata@alice.it | www.ceapollinobasilicata.com


Eventi

n e e r G

Con Al Parco il tu

XVIII EDIZIONE

2-3-4 AGOSTO SAN SEVERINO LUCANO www.pollinomusicfestival.it info@pollinomusicfestival.it FB FAN PAGE: Pollino Music Festival

Il PMF diventa maggiorenne e per l'occasione ha invitato grandi nomi della musica indipendente. Si parte il 2 agosto con le arti di strada. La musica si accenderà il 3 con l'aternative-rock dei Tre Allegri Ragazzi Morti e la teatralità dei Management del Dolore PostOperatorio. Domenica 4, saranno sul palco gli Africa Unite, con lo speciale tour “Babilonia e Poesia”. Il PMF 2013 ospiterà “Brasilicata Tour”, edizione lucana del festival carioca Espirito Mundo. Le attività outdoor del festival sono organizzate in collaborazione con Al Parco. Parco Avventura & AcquaTrekking a prezzo scontato (info 3295320026).

PMF turns 18 and celebrates its birthday inviting some great names of the indie scene. The party starts on 2 August with some street art performances. Music will turn on the next day with the alternative rock of Tre Allegri Ragazzi Morti and Management del Dolore Post-Operatorio. Sunday 4August Africa Unite will be back on stage with their special tour “Babilonia e Poesia”. The 2013 PMF will also host Basilicata Tour, the local edition of the Brazilian festival EspiritoMundo, whose outdoor activities are organized in cooperation with Al Parco. Parco Avventura & AcquaTrekking, for discounted fares and info: +39 3295320026.


La

rivoluzione

ambientale

è la rivoluzione della nostra generazione Compensata la CO2 con la piantumazione di alberi con etichetta personalizzata Boicottato il monouso con stoviglie riutilizzabili info +39 329 53 200 26

uo evento a basso impatto ambientale

VIII EDIZIONE

7-8-9 AGOSTO LAVELLO

www.assud.org info@assud.org Facebook: /assudfestival

Assud, Festival delle arti per il sociale, lancerà quest’anno un S.O.S. sulla sostenibilità attraverso un focus su problematiche ambientali, economiche e culturali della nostra società e la promozione di modelli di sviluppo sostenibile. Lo farà con concerti, tavole rotonde e laboratori, spettacoli teatrali e circensi. A calcare il palco dell’Assud la compagnia teatrale En CroQ, il circo teatro Trespertè, la danza e il teatro di Arcana Eleleidis. A chiudere ogni serata la musica di Ennio Rega, Etnia Supersantos e Jovine. Tre giorni da non perdere, tra riflessioni e divertimento!

Assud Festival for arts and social activities will launch this year an S.O.S. about sustainability focussing on the environmental, economic and cultural issues of our society and the promotion of models of sustainable development through conferences, workshops and art performances. The acting company En-CroQ, the circus Trespertè and the company Arcana Eleleidis will be on stage during the festival. Every night, live performances by Ennio Rega, Etnia Supersantos and Jovine. Three days you can’t miss, full of reflections and entertainment.


Eventi

n e e r G

Con Al Parco il tu

VI EDIZIONE

11 AGOSTO marconia (MT) www.emanuele11e72.it info@emanuele11e72.it Facebook: /StraMarconia

L’Associazione “Emanuele 11 e 72” nasce nel 2007 a Marconia (MT) per ricordare Emanuele Angelone. Arte, cultura, sociale, sport, rispetto per l’ambiente, caratterizzano gli eventi STRAMARCONIA e Making Art Festival. La Stramarconia è una gara podistica di beneficenza per professionisti e non, di ogni età. Unica nel suo genere è tra le più partecipate della Basilicata. E’ un appuntamento imperdibile della Costa Jonica. Il ricavato viene in parte devoluto all’AIRC ed in parte utilizzato per la realizzazione delle iniziative.

The Association was born in 2007 in Marconia as a tribute ti Emanuele Angelone. Art, culture, social activities, sport and sustainability characterize our events, namely STRAMARCONIA and MAF. STRAMARCONIA is a fundraising race for people of any age. A unique race, one of the most attended in Basilicata and an awaited appointment on the whole Ionian coast. The funds raised are partly devolved to AIRC, the Italian association for cancer research, and partly used to finance the events.


La

rivoluzione

ambientale

è la rivoluzione della nostra generazione Compensata la CO2 con la piantumazione di alberi con etichetta personalizzata Boicottato il monouso con stoviglie riutilizzabili info +39 329 53 200 26

uo evento a basso impatto ambientale

XV EDIZIONE

22-23-24

AGOSTO | RIONERO IN V. www.associazionevulcanica.it info@associazionevulcanica.it FB: /vulcanica.associazioneculturale

Spazio alla letteratura, alla poesia, alla grande musica contemporanea, al teatro sperimentale, alle mostre fotografiche e alle nuove produzioni musicali, così il Vulcanica festeggia lo storico traguardo dei quindici anni di attività culturali promosse dall’associazione omonima. Vulcanica è lieta di presentare VOLA AL FESTIVAL! : l’accordo con il grande attrattore “Il Volo dell’Angelo” garantirà una nuova risonanza mediatica dell’evento oltre che un ulteriore afflusso di turisti, anche stranieri. Il 24 Agosto Nicola Piovani in concerto (biglietto scontato +39 329 53 200 26).

Make room for literature, poetry, contemporary music, experimental theatre, photographic exhibitions and new music productions to celebrate an event on its historical 15th anniversary. Vulcanica is pleased to present VOLA AL FESTIVAL!: in cooperation with “Il Volo dell’Angelo”, it will guarantee a huge media coverage of the event and more visitors from all over the world. Nicola Piovani in concert on 24 August For discounted fares, please call +39 329 53 200 26.


ESTATE 2013 Summer 2013

42

AGENDA EVENTI

Events agenda

APPUNTAMENTI D’ESTATE NEI PARCHI Summer events in the Park Parco del Pollino Parco dell’ Appennino Lucano

Parco G.C. Piccole Dolomiti Lucane Parco della Murgia Materana

LUGLIO/ July

21 LUGLIO XXIX GIRO DEI 2 SASSI Corsa su strada - Matera (MT)

12 LUGLIO CONCERTO DI DAVID KNOPFLER Calvello (PZ)

21 LUGLIO GARA NAZIONALE DI CANOTTAGGIO Lago di Monte Cotugno, Senise (PZ)

12 LUGLIO NOMADI IN CONCERTO Campo sportivo, Paterno (PZ)

23 LUGLIO CONCERTO VINICIO CAPOSSELA Castello Tramontano – Matera (MT)

DAL 12 AL 14 LUGLIO GEZZIAMOCI A TITO Tito (PZ)

DAL 24 LUGLIO AL 14 SETTEMBRE IL MONDO DI FEDERICO II Castello di Lagopesole, Avigliano (PZ)

14 LUGLIO TROFEO DEI BRIGANTI NEL POLLINO Trail running - San Severino Lucano (PZ)

27 LUGLIO (pag. 47) CONCERTO RADIO BABEL MARSIGLIA Centro storico, Marsicovetere (PZ)

16 LUGLIO MADONNA DEL CARMINE Santuario M. Carmine - Avigliano (PZ)

28 LUGLIO GIRO PODISTICO TURSITANO CORSA SU STRADA - Tursi (MT)

17 LUGLIO LUCA CARBONI IN CONCERTO San Chirico Raparo (PZ) DAL 19 AL 21 LUGLIO Passaggi d’autore sul Pollino UOMINI E CIME - Viggianello (PZ) 20 LUGLIO concerto GIROTTI BIONDINI DUO Piano Visitone, Viggianello (PZ) 20 e 21 LUGLIO TUMACT ME TULEZ Percorso enogastronomico - Barile (PZ)

28 LUGLIO

RAID IN MTB SULLE TRACCe DEI BRIGANTI

Terranova di Pollino (PZ) Alessandria del Carretto (CS)


ESTATE 2013 Summer 2013

43

AGENDA EVENTI

Events agenda

dal 31 luglio al 4 agosto rassegna dell’arpa viggianese Viggiano (PZ)

AGOSTO / August 1 Agosto POLLINO MUSIC FESTIVAL ANTEPRIMA - Valsinni (MT) 2 Agosto festa dell’energia Lauria (PZ)

5 e 6 agosto

musica in corso

Satriano di Lucania (PZ)

MUSICA IN CORSO

10° MEMORIAL ANTONIO LANGONE www.associazionebalda.it +39 328 84 82 997

Musica in Corso

Dal 2 al 4 Agosto (pag. 38) POLLINO MUSIC FESTIVAL San Severino Lucano (PZ)

6 Agosto CONCERTO DI MIETTA Grassano (MT)

Dal 2 al 4 Agosto Passaggi d’autore sul Pollino UOMINI E CIME - Viggianello (PZ)

Dal 4 al 6 Agosto MADONNA DI COSTANTINOPoLI E BALLO DELLE GREGNE - Noepoli (PZ)

Dal 2 al 4 Agosto PERCORSO ENOGASTRONOMICO storico CULTURALE Vaglio di Basilicata (PZ)

7 Agosto LE VIE DL GUSTO Episcopia (PZ)

3 Agosto CONCERTO 99 POSSE Rionero in Vulture (PZ)

8 e 9 Agosto MADONNA DELLE GRAZIE E BALLO DELLE GREGNE - Teana (PZ)

3 Agosto IN VINO VERITAS | percorso enogastronomico Montescaglioso (MT)

9 Agosto (pag. 26) PER LE antiche VIE DEL PIETRAFESA Satriano di Lucania (PZ)

3 Agosto CONCERTO TONY ESPOSITO Oliveto Lucano (MT)

Dal 7 all’11 Agosto BLUES IN TOWN FESTIVAL Policoro (MT)

4 Agosto STRATRECCHINA CORSA SU STRADA - Trecchina (PZ)

8 e 9 Agosto (pag. 44) XII RASSEGNA INTERNAZIONALE DEL FOLKLORE - Calvello (PZ)

4 e 5 Agosto MADONNA DEL PIANO E FESTA DEL GRANO Episcopia (PZ)

9 e 10 Agosto (pag. 49) SAGRA DEL CANESTRATO Moliterno (PZ)

5 Agosto RETNES | corteo storico arbëreshe Maschito (PZ)


44

ESTATE 2013 Summer 2013

AGENDA EVENTI

Events agenda

David Knopfler in concerto un mito del rock a Calvello David Knopfler live. The history of rock in Calvello Grande attesa per il concerto di David Knopfler a Calvello, il 12 Luglio, nell’ambito del festival “Le parole dei Suoni “ alla sua seconda edizione. Il tour estivo dell’artista britannico verrà seguito da Rai Radio 1 e da Rai News 24. Dopo vent’anni, David, ritorna in Italia per pochi attesissimi concerti del suo "Electric Guitar Tour”. Al suo fianco la band: Martin Ditcham, batteria, Peter Shaw, basso, Harry Bogdanovs, chitarre. L’artista, fondatore col fratello Mark di una delle band rock più celebri del mondo, i DIRE STRAITS, col suo gruppo storico, eseguirà i suoi brani più famosi e le sue più recenti composizioni, presentate con successo nel tour degli USA. David Knopfler

Great anticipation for David Knopfler’s live performance in Calvello on 12 July, during the second edition of the “Le parole dei Suoni” festival. The summer tour of the British musician will be followed by Rai Radio 1 and Rai News 24. After twenty years, Knopfler comes back to Italy for a bunch of very awaited concerts during his “Electric Guitad Tour”, his historical band by his side: Martin Ditcham (drums), Peter Shaw (bass), Harry Bogdanovs (guitar). The artist, co-founder with his brother Mark of one of the most famous rock bands in history, the DIRE STRAITS, will perform his most famous hits and some of his more recent songs, successfully presented during


ESTATE 2013 Summer 2013

45

AGENDA EVENTI

Events agenda

David comincia a suonare il piano all’età di 11 anni nella sua camera da letto e a 14 inizia ad esibirsi nei locali folk. Durante i primi tre anni di successo con i Dire Strait, suona la chitarra ritmica nei due album del gruppo Dire Straits e Communiqué incidendo Sultans of swing, Water of love, Where do you think you’re going?, brani annoverati nella storia del rock. Nel 1980, durante le registrazioni di Making Movies, decide di lasciare la famosissima band per intraprendere una carriera da solista. Inizia così la nuova vita artistica di David Knopfler non necessariamente legata alla fama. Membro attivo di Greenpeace e Amnesty International, sceglie di vivere nella tranquillità della campagna inglese lontano dai media. Ad oggi ha pubblicato 10 album da solista, particolarmente apprezzati dalla critica per la poetica e la qualità degli arrangiamenti.

his tour in the USA. Knopfler started playing the piano when he was 11 and at 14 he started performing in folk clubs. During the first three years of his experience with the Dire Straits, he played the rhythm guitar in the first two albums (Dire Straits and Communiqué) and recorded some of the songs which made the history of rock, such as Sultans of swing, Water of love or Where do you think you are going? In 1980, while the band was recording Making Movies, he decided to leave the band to embark on a solo career and start a new chapter of his artistic life. Active member of Greenpeace and Amnesty International, he has chosen to retire in the peaceful English countryside, far from the media. So far, he has published 10 solo albums and he is critically acclaimed for his poetry and the quality of his arrangements.

di Elena Ruggieri Dire Straits

ALTRI appuntamenti

a calvello

Info: 0971 921911 | www.comunecalvello.com

8/9 Agosto XII rassegna Internazionale del Folklore 12 Agosto La natura della musica Orchestra di Stato del Kazakistan 23 Agosto V Edizione Giornata Medievale caro et vellus a.d. 1089 31 Agosto e 1 Settembre IV Edizione Calvello Music Contest 7/8/9 Settembre Festività in onore della Madonna del Monte Saraceno


ESTATE 2013 Summer 2013

48

AGENDA EVENTI

Events agenda

oliveto lucano appuntamenti estate 2013 Oliveto Lucano. 2013 summer events

Ass. Pro Loco Olea +39 3496681706 - +39 3339657104 www.prolocolivetolucano.it / olea_prolocoliveto@tiscali.it

The local association Pro Loco Olea has organized a wide range of events for summer 2013. Among them, the competition Angolo Fiorito (awarding ceremony on 21 July) and Naturarte. On 2-4 August Oliveto Lucano hosts the traveling event among the parks of Basilicata with handicrafts exhibits, live performances of the acting company Epochs, a live performance by BEAT.A.R.A.N.T.A., workshops, guided tours to the main church and, on 3 August, a live concert of the singer Tony Esposito and the trekking tour “Verso Vallone Sotto la Rupe”. On 4 August guided tours will lead visitors through the archaeological site of mount Croccia and the megalith complex of Mola. Visitors will also be able to participate in the traditional ritual of the Maggio in Bosco della Rossa. The Maggio festival is planned for 10-12 August, along with the scarpedd festival (10 August). On 13 August, during the awarding ceremony called Talenti olivetesi nel mondo, an award will be assigned to the inhabitant of Oliveto Lucano who stands out the most for some special achievement. In September, during the giornata dello squadrato, the elderly teach the young how to execute some typical embroidery work.

ESTATE OLIVETESE

2013

Un fitto calendario di eventi quello messo in campo dalla Pro Loco Olea per l’Estate 2013. Tra le novità il concorso a premi l’Angolo Fiorito (21 luglio, premiazione) ed il lungo weekend nel segno di Naturarte. Dal 2 al 4 Agosto, infatti, Oliveto Lucano ospita la manifestazione itinerante tra i Parchi lucani proponendo, la prima giornata, mercatini a chilometro zero e mostre di artigianato, il teatro itinerante con gli Epochs ed il concerto dei BEAT.A.R.A.N.T.A. Il 3 Agosto spazio ai laboratori, alla visita della Chiesa Madre, al concerto di Tony Esposito e al trekking verso Vallone sotto la Rupe. Il giorno dopo si potrà scoprire il sito archeologico di Monte Croccia e il complesso megalitico di Pietra de la Mola ed assistere all’antico rito del taglio del Maggio in località Bosco della Rossa. La festa del Maggio si terrà come di consueto tra il 10 ed il 12 Agosto. Nella serata del 10 la Sagra delle Scarpedd, da distribuire in attesa dell’arrivo del maggio e della cima e del loro ballo nuziale in Piazza Umberto I. Il 13 Agosto anche il premio Talenti olivetesi nel mondo, assegnato ad un personaggio di origini olivetesi distintosi per meriti speciali. Nel mese di settembre, la giornata dello squadrato con gli anziani del paese che insegnaranno la poco nota tecnica di ricamo tipico.


ESTATE 2013 Summer 2013

50

AGENDA EVENTI

Events agenda

Agglutination qui si fa la storia Agglutination. Making history S’annuncia imperdibile la XIX edizione dell’Agglutination Metal Festival, il più importante festival Heavy Metal del centro-sud e tra le più prestigiose manifestazioni hard rock live in Italia. Il 10 Agosto a partire dalle 16:30 giovani metallari da tutta la penisola saranno pronti a saltare sotto i due grossi palchi allestiti nella nuova location del campo sportivo di Senise. Headliner della manifestazione, direttamente da New York, gli OVERKILL, band leggendaria del trash-metal mondiale in una data esclusiva per il 2013. A dividere la scena con loro gli svedesi MARDUK e i finlandesi STRATOVARIUS, gruppo che, dopo aver segnato il genere powermetal a livello internazionale, è tornato prepotentemente con lo splendido capitolo

Don’t miss out the XIX edition of Agglutination Metal Festival, the most important heavy metal festival in central-southern Italy and one of the most prestigious live hard rock events in Italy, taking place in the Senise arena (Potenza) on 10 August from 4.30 pm. Young fans of heavy metal from all over Italy are ready to go wild under the two stages set up in the new location of Senise. Headliner of the event, directly from New York, the OVERKILL, the legendary band from the trash-metal scene, will perform live in one exclusive 2013 concert. They will share the stage with the Swedish MARDUK and the Finnish STRATOVARIUS who, after changing the international power-metal scene, have recently come back with a new project called “Nemesis”.


ESTATE 2013 Summer 2013

AGENDA EVENTI

51

Events agenda

“Nemesis”. Di notevole livello artistico anche la pattuglia dei gruppi italiani. Si parte con i lombardi FOLKSTONE, e la loro originale miscela sonora di folk e metal/rock ottenuta grazie ad un accompagnamento di cornamuse e violini con dieci musicisti sul palco. E poi gli ELDRITCH dalla Toscana, i pugliesi NATRON e i napoletani HEAVENSHINE che, con la straordinaria voce soprano di Miriam Ricotti, presenteranno in esclusiva i brani del nuovo cd in uscita a Luglio tra i quali anche un omaggio all’Agglutination e alla terra che lo ospita, dal titolo Lucania. Nel cast anche BLIND HORIZON e i REBURN. Arriveranno autobus organizzati da tutto il centro-sud Italia, per informazioni e aggiornamenti visitare la pagina FB o il sito internet dell’evento.

www.agglutination.it

The Italian participants involved are very high quality, too: FOLKSTONE, with an original mix of folk and metal-rock, bagpipes and violins, ELDRITCH, NATRON and HEAVENSHINE who, with the extraordinary collaboration of the soprano Miriam Ricotti, are going to present in exclusive some songs from their new album coming out in July. One of the new tracks, called “Lucania”, is dedicated to Agglutination and its host Italian region. The cast also features BLIND HORIZON and REBURN. Private coaches are going to arrive from many Italian regions. For further information, please visit the Facebook page or the website of the event.


ESTATE 2013 Summer 2013

52

AGENDA EVENTI

Events agenda

11 Agosto LA CAVALCATA DEL BORBONE Centro Storico, Montescaglioso (MT)

9 e 10 agosto

mostrarci Borgo antico di Ruoti (PZ)

11 Agosto (pag. 40) stramarconia - corsa podistica Marconia (MT)

10 Agosto (pag. 50) AGGlUTINATION METAL FESTIVAL Stadio comunale, Senise (PZ)

12 Agosto (pag. 45) LA NATURA IN MUSICA Calvello (PZ)

10 Agosto (pag. 37) la notte di san lorenzo San Severino Lucano (PZ)

12 Agosto ALLA CORTE DI FEDERICO Corteo storico - Castel Lagopesole (PZ)

10 Agosto DAVIDE RIONDINO E PAOLO DAMIANI San Costantino Albanese (PZ)

Dal 12 al 13 Agosto (pag. 29) festival della podolica Brindisi di Montagna (PZ)

10 e 11 Agosto LUCANIA ETNO FOLK Satriano di Lucania (PZ)

Dal 12 al 14 Agosto (pag. 55) sagra: IL BIANCO E LA ROSSA Rotonda (PZ) - Viggianello (PZ)

10 e 11 Agosto (pag. 53) Corteo STORICo GIOVANNA I D’ANGIO’ Muro Lucano (PZ)

Dal 12 al 15 Agosto (pag. 58) LE CANTINE APERTE Sant’Angelo Le Fratte (PZ)

10 e 11 Agosto LE GIORNATE DEL PEPERONE DI SENISE Centro Storico - Senise (PZ)

13 Agosto CONCERTO DI PAOLA TURCI Rotondella (MT)

10 e 11 Agosto SULLE TRACCE DEGLI ARABI Arabata, Pietrapertosa (PZ)

14 Agosto TROFEO SAN ROCCO Corsa su strada - Senise (PZ)

dal 10 al 12 Agosto (pag. 48) il MAGGIO OLIVETESE RITO ARBOREO | Oliveto Lucano (MT)

14 Agosto LA CONGIURA DEL BARONE Corteo Storico - Miglionico (MT)

dal 10 al 13 agosto lucania film festival Pisticci (Mt) Parco del Pollino Parco dell’ Appennino Lucano

16 Agosto CONCERTO DI ENRICO RUGGERI Satriano di Lucania (PZ) Dal 16 al 18 Agosto GEZZIAMOCI ESTATE 2013 Matera (MT)

Parco G.C. Piccole Dolomiti Lucane Parco della Murgia Materana


ESTATE 2013 Summer 2013

54

AGENDA EVENTI

Events agenda

17 Agosto LA LEGGENDA DEI TEMPLARI Corteo Storico - Forenza (PZ)

Dal 22 al 24 Agosto (pag. 41) VULCANICA LIVE FESTIVAL Rionero in Vulture (PZ)

17 Agosto CONCERTO ENZO AVITABILE e i bottari Grottole (MT)

23 Agosto GIORNATA MEDIEVALE CARO ET VELLUS A.D. 1089 Calvello (PZ)

17 Agosto LA CAVALCATA DEI NORMANNI Corteo Storico - Banzi (PZ)

23 Agosto Finaz in concerto Matera (MT)

17 Agosto CONCERTO DI ENRICO RUGGERI Senise (PZ)

24 Agosto Massimo Cacciari e Roberto Fabbriciani Matera (MT) 24 e 25 agosto (pag. 40) making art festival (MAF) Marconia (MT)

dal 17 al 19 cantinando wine&art

24 e 25 Agosto L’A’ PITU E LA ROCCA Sagra dell’Abete - Viggianello (PZ)

Barile (PZ)

dal 17 al 19 metaponto

beach festival Metaponto (MT)

25 Agosto Gran Fondo “Parco appennino lucano” - MTB Marsico Nuovo (PZ) 31 Agosto FUOCHI SUL BASENTO Contrada San Luca Branca, Potenza (PZ)

18 Agosto LA VENuTA DI PAPA URBANO II Borgo Badiale, Banzi (PZ)

Dal 31 Agosto al 1 Settembre Sagra del Pecorino Filiano (PZ)

18 Agosto STRALAURIA - Corsa su strada Lauria (PZ)

31 Agosto e 1 Settembre (pag. 45) CALVELLO MUSIC CONTEST Calvello (PZ)

18 Agosto MADONNA DEL CARMINE Pedali di Viggianello (PZ)

31 Agosto e 1 Settembre

18 e 19 Agosto (pag. 59) SAGRA DEL FAGIOLO DI SARCONI IGP Sarconi (PZ)

Satriano di L. (PZ) – Viggiano (PZ)

Parco del Pollino Parco dell’ Appennino Lucano

PELLEGRINAGGIO A PIEDI AL MONTE DI VIGGIANO

Parco G.C. Piccole Dolomiti Lucane Parco della Murgia Materana


PELLEGRINAGGIO A PIEDI AL MONTE

DI VIGGIANO 31 Agosto / 1 Settembre

Partenza da satriano di lucania (ritorno in autobus)

Donatello Salvatore (348 74 95 371) Guida Escursionistica Ambientale Al Parco alparcolucano@gmail.com +39 329 53 200 26 - +39 366 89 38 796 INFO E AGGIORNAMENTI WWW.ALPARCOLUCANO.IT


photo Emanuele Sileo


ESTATE 2013 Summer 2013

58

AGENDA EVENTI

Comune di Santâ&#x20AC;&#x2122;Angelo le Fratte

Events agenda

ore 21:00

2013

seguici su

www.facebook.com/lecantineaperte


ESTATE 2013 Summer 2013

59

AGENDA EVENTI

Events agenda

Il Fagiolo di Sarconi IGP La sagra numero trentadue PGI Sarconi bean. Festival number thirty-two Il 18 e 19 Agosto sono ormai le date fisse per la sagra di Sarconi, appuntamento trentennale con uno dei migliori prodotti gastronomici lucani. Anche quest’anno è un’occasione speciale per assaggiare i più gustosi piatti tipici legati alla tradizione contadina ma anche pietanze meno usuali come la marmellata o il gelato al fagiolo. Chi arriva già il pomeriggio invece, spiega la Proloco, <<può assistere al fermento dei preparativi per la sera e agli spettacoli itineranti dei gruppi folk locali o degli artisti di strada, comprare i fagioli, buttar l’occhio ad una mostra di artigianato o fare un salto ai convegni, alle tavole rotonde, alle dimostrazioni. Oppure visitare direttamente i campi di fagioli, parlare con i produttori, scoprire il fascino semplice del segreto della coltivazione. Provare per qualche ora a lasciarsi alle spalle la vita frenetica di ogni giorno per vivere di persona il mondo agricolo che fa del tempo ancora un valore>>.

For the past ten years, on 18-19 August in Sarconi there is a recurring appointment with one of the best food products in Basilicata: the bean. We all know that, during a festival you can go well beyond the simple tasting of traditional dishes, but you can also taste less popular delicacies, such as bean jam or bean ice-cream. Those who are going to get there in the afternoon can have a close look at the ongoing preparation and the performances of local folk groups and street artists, buy beans, visit the exhibition or participate in lectures and workshops. Besides, you can visit the fields, have a chat with the producers and find out all the secrets of cultivation. For once, try and leave the problems of your daily life behind and enjoy the rural life, where time is still a value.

Comune di Sarconi tel 0975/66016 fax 0975/66917 Proloco Sarconi tel 097566362 www.prolocosarconi.org info@prolocosarconi.org


ESTATE 2013 Summer 2013

60

AGENDA EVENTI

Events agenda

settembre / September 1 Settembre MADONNA DI VIGGIANO Processione in discesa Sacro Monte di Viggiano (PZ)

12 Settembre SAGRA DU’ MASC’ - RITO ARBOREO Trasporto e alzata - Castelmezzano (PZ) 13 Settembre SAGRA DU’ MASC’ - RITO ARBOREO Scalata del Maggio - Castelmezzano (PZ) 14 Settembre PALIO DEI TRE FEUDI Lagopesole, Avigliano (PZ)

2 Settembre SAN GERARDO MAIELLA Muro Lucano (PZ) 5 Settembre FESTIVAL SUONI DEL BASENTO Potenza (PZ) 7 Settembre CONCERTO EDOARDO BENNATO Matera (MT) 7 e 8 Settembre L’A’ PITU E LA ROCCA Sagra dell’Abete - Viggianello (PZ) 7 e 8 Settembre SALSICCIA FESTIVAL DI CANCELLARA Cancellara (PZ) Dal 7 al 9 Settembre MADONNA DEL MONTE SARACENO Processione in discesa - Calvello (PZ) 8 Settembre MADONNA DEL POLLINO Processione in discesa San Severino Lucano (PZ)

14 Settembre Trofeo Giorgio Castriota Skanderberg XC Eliminato Mtb Cross Country San Costantino Albanese (PZ) 15 Settembre MADONNA DEL SIRINO Processione in discesa - Lagonegro (PZ) Dal 20 al 22 Settembre SAGRA DELLA PATATA DI ALTA MONTAGNA Muro Lucano (PZ) 22 Settembre CORRI NEL CUORE DEL PARCO Corsa - Terranova di Pollino (PZ) Dal 26 al 30 Settembre WOMEN’S FICTION FESTIVAL Matera (MT)

8 Settembre LAURA BONO IN CONCERTO Calciano (MT) 8 Settembre SAGRA DU’ MASC’ - RITO ARBOREO Scelta del Maggio - Castelmezzano (PZ)

Parco del Pollino Parco dell’ Appennino Lucano

Parco G.C. Piccole Dolomiti Lucane Parco della Murgia Materana


Vacanze Natura attive nel Parco Nazionale del Pollino

TUTTE LE PROPOSTE PER L’ESTATE 2013

ESCURSIONI E RAFTING PRENOTAZIONI Tel. 0973.667304 INFORMAZIONI ATTIVITA’ 349.8758417 www.rifugiofasanelli.it - info@rifugiofasanelli.it 39°55’02”N - 16°05’46”E


62

ESTATE 2013 Summer 2013

AGENDA ESCURSIONI

Exscursions agenda

RITORNA LA BELLA STAGIONE PASSEGGIANDO NEI PARCHI T TURISTICO E ESCURSIONISTICO EE Escursione per Esperti EEA Esperti con Attrezzatura

Viaggiare nel Pollino RIPENIA COOP Gruppo Speleo del Pollino Trekking Falco Naumanni CAI Potenza

PER INFORMAZIONI SULLE ESCURSIONI alparcolucano@gmail.com - 0975841077 - 3295320026 - 3668938796

LUGLIO/ July

23 luglio (Parco Pollino) SafariNatura del Monte Sellaro DIFF: T

13 e 14 Luglio (Parco App. Lucano) L’alba sul Monte Raparo | Notturna

24 luglio (Parco Pollino) I Due Castelluccio DIFF: E

14 LUGLIO (Parco Pollino) Monte Ciagola DIFF: EE

27 luglio (Parco Pollino) La Serra delle Pietre DIFF: E

20 Luglio (Parco Pollino) Le cime del Monte Alpi illuminate dalla Luna Piena... o quasi | Notturna

27-28 LUGLIO (Parco Pollino) Parco Nazionale del Pollino dal tramonto all’alba DIFF: EE

20 luglio (Parco Pollino) Monte Dolcedorme Il Tetto del Mezzogiorno DIFF: E 21 luglio (Parco Pollino) Monte Pollinello DIFF: E 21 LUGLIO (Parco Dolomiti Lucane) CICLO-TREK Bosco di Gallipoli-Cognato (60 km) DIFF: E 21 LUGLIO (Parco Pollino) Colli di Masistro DIFF: E 22 luglio (Parco Pollino) Fosso Paraturo Centro Storico di Rotonda e il Museo di Storia Naturale DIFF: T

28 luglio (Parco Pollino) Monte Pollinello DIFF: E 30 luglio (Parco Pollino) Serra di Crispo: il Giardino degli Dei

agosto/ August 1 agosto (Parco Pollino) Mountain Bike - Dalla Madonna del Soccorso al Fiume Mercure 02 agosto (Parco Pollino) River Trekking sul Fiume Lao DIFF: E 03 agosto (Parco Pollino) SafariNatura della Valle del Lao: Papasidero e i borghi abbandonati DIFF: T


RAFTING CANYONING TREKKING NORDIC WALKING LAO CANYON RAFTING - Corso Umberto I, 120 Laino Borgo (CS) Tel. +39 0981 85644 Cell. +39 338 6393636 info@laosrl.it

VACANZE SECONDO www.laosrl.it

NATURA.


64

ESTATE 2013 Summer 2013

AGENDA ESCURSIONI

Exscursions agenda

Agosto / August 2 e 3 agosto Parco avventura acquatrekkinG Pollino Music Festival info: +39 329 53 200 26 4 AGOSTO (Parco Pollino) Civita | Dal piano d’Ilice al Raganello DIFF: EEA 4 AGOSTO (Parco App. Lucano) Monte Sirino: santuario DIFF: E 6 agosto (Parco Pollino) Serra delle Ciavole DIFF: E

8 agosto

dall’ 8 al 12 Agosto 5 giorni sulle falesie lucane (N.B. Ass.Sentieri di Roccia) 10 Agosto (Parco App. Lucano) San Lorenzo tra le radure del monte Raparo | Notturna Dal 12 al 15 Agosto (Parco Pollino) NATURA E CULTURA SUL SENTIERO DEI BRIGANTI Escursione 3 giorni 3 notti San Lorenzo Bellizzi (CS) San Severino Lucano (PZ) | Civita (CS) 13 Agosto (Parco Pollino) Junkers 88 - Monte Pollinelo DIFF: E Adatta anche ai bambini 13-14 Agosto (Parco App. Lucano) Escursione Tra Storia e Leggenda Abbazia San Chirico - Monastero Carbone

Trekking Urbano il Sacco di Lauria

16 Agosto (Parco Pollino) Serra di Crispo: il Giardino degli Dei

Organizzato da Viaggiare nel Pollino in collaborazione con Al Parco INFO: Giuseppe Cosenza 3472631462

16 Agosto Il mistero delle stelle Passeggiata sotto le stelle dall’Astrofisica al Mitologia

Agosto 1806 – 2013 Tra il 7 e il 9 agosto Lauria fu messa a ferro e fuoco dalle artiglierie Napoleoniche del Generale Massena, che provocò la quasi totale distruzione della città e la morte di circa 1000 persone. Percorreremo la città attraversando il centro storico dai ruderi del Castello fino alla Chiesa di San Giacomo dove potremo ammirare un pregevole Coro Ligneo. Fino a qualche anno fa era viva la “quercia di Massena”, un vecchio albero dove i francesi avevano posizionato l’artiglieria.

Le passeggiate sotto le stelle, condotte da una guida ufficiale e laureata in Astrofisica, sono prenotabili tutte le sere di Luglio e Agosto con un minimo di 4 persone. Con un laser astronomico si individueranno le principali costellazioni, si conosceranno interessanti curiosità astrofisiche e, nella seconda parte della serata, si sveleranno i miti delle costellazioni.


Tutti i fine settimana

GOGOLLEEDELLDA GAELRAVIRNAA| ESGCUARSNIONEELINLMOTB Altri servizi

www.pollinoadventure.com

DVENTU OA R N I

E

anova di Pollino (Pz) Via Cavour, 57 - 85030 Terr Basilicata - Italy info@pollinoadventure.com 349 75 61 374 Tel. 0973 93132 / Mob. +39

PO LL

Servizi di prenotazione rada Servizio Navetta - Tour in fuorist Guide, cartine e servizi di informazione turistica Organizzazione manifestazioni sportive ed eventi Noleggio attrezzatura

I

ORTIV I E SP RISTIC enture.com U T I IZ SERV .pollinoadv www


68

ESTATE 2013 Summer 2013

AGENDA ESCURSIONI

Exscursions agenda

Agosto / August

(Parco Pollino) Garavina del Diavolo e Lago Duglia

dal 19  al 24

8 SETTEMBRE (Parco Murgia) Parco Murgia Materana: la Palomba da Porta Pistola DIFF: T-E

CRISTO E' RIPARTITO DA EBOLI

EXPLORING BASILICATA explobasilicata.wordpress.com

Da Tricarico a Matera 5 giorni di camminata

8 SETTEMBRE (Parco Pollino) Visita al Patriarca DIFF: E 15 SETTEMBRE (Parco App. Lucano) Sirino: sui sentieri dello spirito -Madonna della neve DIFF: E 15 SETTEMBRe (Parco App. Lucano) Intitolazione cima De Lorenzo nel gruppo Sirino-Papa DIFF: E 22 SETTEMBRE Giornata ecologica: pulizie d’autunno

21 AGOSTO Pisticci: calanchi al chiaro di luna DIFF: T-E 25 AGOSTO (Parco Pollino) Torrente Raganello DIFF: EEA 27 Agosto (Parco Pollino) Monte Pollino DIFF: E 30 Agosto (Parco Pollino) Serra delle Ciavole: il cimitero dei Pachidermi DIFF: E

settembre / September 1 SETTEMBRE (Parco App. Lucano) Murgia S.Oronzo DIFF: T-E 1 SETTEMBRE (Parco App. Lucano) Sasso di Castalda, Postural walking 7-8 SETTEMBRE (Parco Pollino) Orsomarso: La Montea DIFF: EEA+

22 SETTEMBRE Vulture alto Bradano: riserva naturale Grotticelle DIFF: E 22 SETTEMBRE (Parco Pollino) Ferrata del Caldanello DIFF: EA 29 SETTEMBRE Da Banzi a Genzano per il vallone dei greci DIFF: T-E 29 SETTEMBRE (Parco Pollino) Gole Caldanello: ferrata sentiero imperiale DIFF: EEA 29 SETTEMBRE (Parco Pollino) Gravina del Caldanello ferrata Ramo Imperiale DIFF: EEA


T

Escursioni i e n e h c i t s i ur i Parchi Lucan

ino Lucano Pollino | Appenn iti Lucane m lo Do a| Murgia Materan


Escursioni Turistiche nei Parchi Lucani

Excursions in the Parks of Basilicata

Sommario

Summary

3 | Editoriale Editorial 4 | Escursioni di categoria T T (tourist) category excursions

Parco Nazionale del Pollino

6 | Contatti e informazioni Contacts and information 8 | Madonna del Pollino Madonna del Pollino 10 | Castelluccio e Bosco Difesa Castelluccio and Bosco Difesa 12 | Il Belvedere del Malvento Malvento lookout 14 | Timpa della Murge Timpa delle Murge 16 | Serra di Mannella Serra di Mannella 18 | Elenco delle guide ufficiali Official guides

Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

20 | Contatti e informazioni Contacts and information 22 | Grumentum e Bosco Maglie Grumentum and Bosco Maglie 24 | Il Percorso delle fontane The fountain path 26 | Il Sentiero delle orchidee The Orchid path 28 | L’Oasi WWF di Pignola Pignola WWF Oasis 30 | Dal Museo del lupo al santuario From the wolf museum to the sanctuary 32 | Elenco delle guide ufficiali Official guides

Parco Regionale della Murgia Materana

34 | Contatti e informazioni Contacts and information 36 | Belvedere di Murgia Timone Murgia Timone lookout 38 | Il Parco della Palomba Palomba Park 40 | Lo scrigno di Cristo la Selva Cristo La Selva 42 | Lo sguardo all’infinito To infinity and beyond 44 | Madonna della Loe Madonna della Loe 46 | Elenco delle guide ufficiali Official guides

Parco Regionale G.C. Piccole Dolomiti Lucane 50 | Contatti e informazioni Contacts and information 52 | Sulle tracce dei cavalieri Templari Tracing Knights Templar. 54 | L’anello di Tempa Castello Anello di Tempa Castello 56 | Verso la vetta Saracena Towards the Saracen peaks. 58 | Riserva del Monte Croccia Mount Croccia Reserve 60 | Il sentiero delle Sette Pietre Trail Sette Pietre

T

2

Sommario


Escursioni Turistiche nei Parchi Lucani

Excursions in the Parks of Basilicata

Edizione speciale Escursioni Turistiche nei Parchi Lucani

Grafica e impaginazione Giuseppe Sileo +39 366 8938796 grafica.alparcolucano@gmail.com Redazione Silvia Sabia +39 0975 84107 eventi@alparcolucano.it

Traduzioni Francesca Cascetti franesca.cascetti@gmail.com Hanno collaborato Giuseppe Cosenza, Rocchina Martoccia, Isabella Abate, Giovanna Petrone, Andrea Cerverizzo, Roberta Conti, Francesco Foschino Cooperativa Nuova Atlantide Pubblicazione a ZeroCO2 Compensate le emissioni di anidride carbonica con la piantumazione di alberi autoctoni C

ON

R A L PA

Editore Kaleidoscopio Edizioni Via San Rocco, 40 85050 Satriano di L. (Pz) Tel. 0975.841077 Fax. 0975.1907254

Direttore Responsabile Rocco Perrone +39 329 5320026 alparcolucano@gmail.com

C

Editoriale

O

3

I MENO C

Registrato al tribunale di Potenza n. 137/2010

In this special issue of Al Parco we describe the simplest and most suggestive excursions in the natural parks of Basilicata. From Pollino to Matera, from Piccole Dolomiti to Lucano Apennine, this journey will take you through all the accessible paths available, to discover the history and culture of Basilicata. We describe five trails for each Park rich in biodiversity and archaeological finds, huge trees and delicate wild orchids, soft clearings and dense woods, uneven rocks and colourful valleys. If you want to make the most from a safe and pleasant experience, we recommend that you are accompanied by one of the official guides. With them, you will have access to the most secret places and all the information you need to capture the essence of this wild land.

ER

Al Parco Lucano E’ sempre la stagione dei Parchi

di Rocco Perrone

2

In questa edizione speciale di Al Parco vi raccontiamo le escursioni turistiche più semplici e suggestive dei quattro Parchi naturalistici lucani. Dal Pollino a Matera, dalle Piccole Dolomiti all'Appennino Lucano, un viaggio attraverso i sentieri accessibili e alla portata di tutti per scoprire la storia e la cultura della Basilicata. Cinque tracciati per ogni parco lungo i quali incontreremo tesori archeologici e una ricca biodiversità. Ci aspettano alberi giganteschi e delicate orchidee spontanee, soffici radure e boschi inviolati, aspre rocce e valli colorate. Per vivere al meglio un'esperienza sicura e divertente, il consiglio è di affidarsi alle guide ufficiali dei parchi. Con loro avrete accesso ai segreti dei luoghi e delle vicende per capire fino in fondo l'anima di questa terra selvaggia.

Editorial

O

Editoriale

PIU’ AL

B

T


Escursioni Turistiche nei Parchi Lucani

Excursions in the Parks of Basilicata

Escursioni di Categoria T Classificazione del Club Alpino Italiano CAI

T (tourist) category excursions according to the Italian Alpine Club (CAI, Club Alpino Italiano)

T

= Turistico

T

= Tourist

Itinerario su stradine, mulattiere o larghi sentieri. I percorsi generalmente non sono lunghi, non presentano alcun problema di orientamento e non richiedono un allenamento specifico se non quello tipico della passeggiata. Si sviluppano nelle vicinanze di paesi e località turistiche e rappresentano luoghi di interesse dal punto di vista culturale, turistico o ricreativo.

Itinerary on narrow streets, mule tracks or large trails. In general, the itineraries are not too long, they do not pose any orienteering problems nor require any specific training. They develop in proximity to towns and tourist locations and are interesting from a cultural and recreational point of view.

Abbigliamento e consigli

Clothing and tips

L’abbigliamento da scegliere per un’escursione è fondamentale. Gli indumenti da indossare cambiano ovviamente in base alla stagione di riferimento. Alcuni elementi rimangono uguali e si possono sommariamente seguire alcune regole che valgono per qualsiasi camminata indipendentemente dal mese dell’anno. Proteggete occhi e testa. Mai andare in monta-

Clothing is essential for the success of an excursion and it varies according to the seasons. Some elements are recurring, though, and you may want to follow some guidelines regardless of the season or month of the year. Always protect your eyes and head. Always wear your sunglasses and a hat, both in winter and summer. Never forget to apply your sunscreen. The risk of a cold or heatstroke is always around the

T

4

Escursioni di categoria T Classificazione del Club Alpino Italiano


Escursioni Turistiche nei Parchi Lucani

Excursions in the Parks of Basilicata

gna senza gli occhiali da sole o senza un berretto caldo d’inverno o un parasole d’estate. Non dimenticarsi mai la crema solare. Il rischio di un colpo di freddo o di caldo è sempre dietro l’angolo. Affinché la vostra camminata non diventi un incubo, scegliete con cura le scarpe. Sempre e solo scarpe apposite da trekking, mai improvvisate. Non riempite lo zaino troppo, vi darà fastidio. L’ideale è che abbia dentro solo cose essenziali. Per esempio, i pantaloni. Anche in piena estate, soprattutto se le camminate sono impegnative e non a bassa quota, conviene portarli lunghi. Eviteranno che il sole o il vento vi aggredisca le gambe e vi proteggeranno dalle piccole ferite che potrete procurarvi con i rovi o i cespugli taglienti. Molto pratici, soprattutto d’estate, quelli che potete accorciare con la cerniera. Vestirsi a cipolla con più strati di indumenti che si possono facilmente togliere e indossare di nuovo. Ci si spoglia camminando in salita sotto il sole, ci si veste durante la pausa.

corner. If you don’t want your trek to turn into a nightmare, always chose your shoes carefully. Use only trekking shoes. Don’t overload your backpack because it will feel uncomfortable. Pack only the essential equipment. Always wear trousers. Even in summer, always wear long trousers during the excursions: they will prevent the wind or sun from causing problems to your legs and avoid the small bruises you could get tripping over cutting bushes. In summer, you can wear the technical trousers you can shorten with a zip. Always wear garments you can easily put on and take off: when you walk under the sun, you may want to undress a little bit, when you take some rest in the shades, you may want some extra cover.

Cosa non fare

Don’ts

Non improvvisarsi troppo nella ricerca di sentieri, documentarsi sui luoghi e sui percorsi tracciati se non si è accompagnati da guide autorizzate. Non bere acqua dai ruscelli. Lasciar detto sempre a qualcuno dove si va se si è da soli o in pochi.

Do not wander around looking for trails, always read or ask for information about places and designated trails if you are not accompanied by an authorised guide. Do not drink water from watercourses. Always tell someone where you are going, especially if you walk alone or in a small group.

Numeri utili 1515 - Emergenza ambientale | anti-incendio Environmental emergency | fire prevention 118 - Pronto soccorso Emergency 115 - Vigili del fuoco Fire brigade 113 - Polizia Police 1530 - Emergenza in mare Emergency at sea 118 | 3491860842 | 0973642330 Numeri soccorso alpino e speleologico della Basilicata Mountain rescue numbers in Basilicata

Escursioni di categoria T Classificazione del Club Alpino Italiano

5

T


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Parco Nazionale del Pollino Contatti e informazioni Pollino National Park. Contacts Sede Head office Complesso monumentale Santa Maria della Consolazione - Rotonda (PZ) Telefono fisso Landline +39 0973 669311 Sito web Web site www.parcopollino.it E-mail ente@parcopollino.it

Le porte di entrata Come raggiungere il Parco How to reach the Park Ovest. A3 Salerno - Reggio Calabria; uscite: Lauria Nord; Laino Borgo; Mormanno Sud. A3 Salerno - Reggio Calabria; uscite: Morano Calabro; Frascineto Est. SS106 Ionica; uscite: SS481 direzione Cersosimo; svincolo SS653 direzione Valsinni Nord. SS598 Fondo Agri; uscita Senise

T

6

Ovest. A3 Salerno - Reggio Calabria; exits: Lauria Nord; Laino Borgo; Mormanno Sud. A3 Salerno - Reggio Calabria; exits: Morano Calabro; Frascineto Est. SS106 Ionica; exits: SS148 direction Cersosimo; junction SS653 direction Valsinni Nord. SS598 Fondo Agri; exit Senise

Parco Nazionale del Pollino Contatti e informazioni


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

SS653

Valsinni

Senise

SS106 SS653

5 SS653 Lauria

SP4

A3

1

2

Laino Borgo

Noepoli

San Severino Lucano

Castelluccio Superiore SS19

Francavilla in Sinni

SS481

SS92

4

3 Rotonda

Terranova di Pollino

Viggianello

SP28

SS106

San Lorenzo Bellizzi

SS19

Mormanno SS19

Morano Calabro

Cerchiara di Calabria Frascineto

SS92

Saracena A3 SS106

La cartina del Parco è stata realizzata in riferimento alla pubblicazione in modo da illustrare i punti di riferimento e i luoghi descritti nei testi. The Park map has been produced for the purpose of this publication, in order to show the position of the landmarks and places mentioned in the articles.

La Cartina del Parco

7

T


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Madonna del Pollino La quiete dei monti Madonna del Pollino. Quietness in the mountains

1

di Giuseppe Cosenza

L‘itinerario si svolge lungo il percorso pedonale e panoramico che conduce al santuario, meta di pellegrinaggio per migliaia di fedeli da tutta l’area del Pollino e non solo, soprattutto durante le processioni da e per San Severino Lucano. La Madonna pellegrina sale la prima domenica di giugno e scende la seconda domenica di settembre. Il raduno più grande si ha il primo sabato di luglio quando viene portata in processione attorno alla chiesa situata a 1500 metri di altitudine. Tranne che nei giorni della festa, l’aereo e sempli-

T

8

This itinerary develops along a walkway leading to the sanctuary where pilgrims from all over Southern Italy come during the processions to and from San Severino. The pilgrim Madonna is brought to the sanctuary on the first Sunday of June and is taken back to the village on the first Sunday of September. The largest meeting takes place on the first Saturday of July, when the statue is taken in procession around the church, at 1500 m a.s.l. During weekdays, the sanctuary is immersed in a completely quite atmosphere. In one of the surrounding buildings the ex-voto of the

Madonna del Pollino La quiete dei monti


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

ce santuario, incastonato in una cresta rocciosa, è immerso in un’intensa atmosfera di quiete. In uno degli edifici circostanti sono conservati gli ex-voto dei fedeli. Il percorso termina alla statua della Madonna che espone il Bambino, opera realizzata dall’artista Daphne Du Barry. Lungo il percorso si ammira lo splendido panorama che si estende verso la sottostante Valle del Frido, le vette del Monte Pollino, Serra del Prete, il Monte Grattaculo, Serra di Crispo (a luglio ancora con piccole macchie di neve), Monte Pelato e il Monte Caramola. Dal punto di vista vegetazionale, siamo nell’area della faggeta, punteggiata da abeti bianchi che prima dei tagli industriali erano comunissimi anche nei pressi del santuario. In questa area si trova anche l’acero montano, l’acero di lobelius e l’acero riccio oltre a qualche esemplare di ramno, fioriture di fragola selvatiche, malvone, maggiociondolo, giglio di San Giovanni e numerose specie tipicamente rupestri.

faithful are stored. The itinerary stops in front of the statue of the Virgin Mary by the artisti Daphne Du Barry. Along the way you can admire the beautiful landscapes extending towards the Frido valley: Basilicata, mount Pollino, Serra del Prete, mount Grattaculo, Serra di Crispo, mount Pelato and mount Caramola. From a natural point of view, this is land is home to beeches and silver firs, much more common around the sanctuary before the industrial development. You can also find sycamore maples, Lobel’s maples and Norway maples here, besides some specimen of wild strawberries, hollyhocks, laburnum, orange lilies and other mountain species.

La Scheda Durata Time 60min a/r Distanza Distance 1km a/r Dislivello Elevation gain 80m Periodo consigliato Recommended Period Sempre, escluso neve

Orario consigliato Recommended Time Tutta la giornata Luoghi Places Comune di San Severino Lucano

1. Monte Pollino e Serra del Prete in primavera (ph G. Cosenza) 2. Malvone (ph G. Cosenza) 3. Acero in autunno (ph G. Cosenza)

Madonna del Pollino La quiete dei monti

9

T


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Castelluccio e Bosco Difesa Tra chiese, cascate e cerri Castelluccio and Bosco Difesa. Churches, waterfalls and oaks

2

di Giuseppe Cosenza

Prima tappa nel centro storico di Castelluccio Superiore, paese arroccato su uno sperone vertiginoso che cade a picco sul sottostante Castelluccio Inferiore. Lo splendido scenario panoramico si apre sul Massiccio del Pollino e sulla Valle del Mercure, 500 mila anni fa occupata da un lago e frequentata da grandi mammiferi. Nella parte antica del paese ci sono case gentilizie con portali scolpiti in pietra, diverse cappelle e la bella Chiesa Madre, del XV secolo, dedicata a Santa Margherita.

T

10

The first stop of this itinerary is in the village of Castelluccio Superiore, hanging from the rocks on the underlying Castelluccio Inferiore. The incredible landscape opens on the Pollinio massif and Mercure valley, where 500 years ago there was a lake. In the oldest area of the village there are manor houses with portals carved in the stone, several chapels and the main church dedicated to St. Margaret, dating back to the 15th century. From here, follow the delimited trail leading to a Roman bridge over a stream, that

Castelluccio e Bosco Difesa Tra chiese, cascate e cerri


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Da qui si segue il sentiero staccionato che conduce ad un ponte romano posto su un torrente che in inverno e in primavera forma splendide cascatelle d’acqua. Si raggiunge la Cappella della Madonna di Costantinopoli. La passeggiata è di solito “scortata” dal passero solitario, dal codirosso spazzacamino, la ghiandaia, la poiana, il nibbio reale e il biancone, un’aquila dal colore chiaro che si nutre soprattutto di serpenti. L’ambiente è quello del querceto misto con cerri, lecci, e roverelle. Sotto gli alberi fioriture di viole, ciclamini, anterico, erba trinità e primule. Superata la Cappella si segue il sentiero che sale e sbuca su una strada asfaltata fino allo splendido Bosco Difesa, con cerri alti oltre 20 metri, frequentati dai picchi verde, rosso e muratore e dallo scoiattolo nero. Il Bosco Difesa è un’area attrezzata con tavoli, barbecue, fontana: ideale luogo di sosta.

forms beautiful waterfalls in spring and autumn, then reach the Madonna di Costantinoli chapel. During this trip you are usually accompanied by sparrows, black redstarts, Eurasian jays, buzzards, kites and short-toed eagles. The surrounding environment is basically a forest, with oaks, holms and downy oaks. On the ground, violets, cyclamens and primroses are in bloom. Passing the chapel, follow the trail and reach a paved road leading to the beautiful Bosco Difesa, with 20 m high oaks, woodpeckers and squirrels. Bosco Difesa is a rest area equipped with tables, barbecues and a fountain.

La Scheda Durata Time 2 ore solo andata Distanza Distance 4km solo andata Dislivello Elevation gain 150m - quota media 773m slm Periodo consigliato Recommended Period Tutto l’anno

Orario consigliato Recommended Time Tutta la giornata Luoghi Places Comune di Castelluccio Superiore

1. Panorama Valle del Mercure (ph G.Cosenza) 2. Cascate (ph G.Cosenza) 3. Chiesa di Santa Margherita (ph G.Cosenza)

Castelluccio e Bosco Difesa Tra chiese, cascate e cerri

11

T


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Il Belvedere del Malvento Un classico imperdibile Malvento lookout. A classic you can’t miss

3

di Giuseppe Cosenza

Siamo a Piano Ruggio di Viggianello (m 1535) ai piedi del Monte Grattaculo (m 1890). Dal Rifugio De Gasperi si attraversa l’altipiano seguendo l’evidente traccia che solca il terreno. Dallo scioglimento della neve fino a luglio queste praterie sono una esplosione di fioriture di viole, orchidee, non-ti-scordar-di-me, genziana gialla, asfodeli, narcisi, crochi e molte altre specie. Si incrocia un meandriforme ruscello che nasce poco più in alto, dove non è difficile trovare mimetici esemplari di ululone giallo.

T

12

We are in Piano Ruggio (1535 m), at the feet of mount Grattaculo (1890 m). From the mountain hut Rifugio De Gasperi you cross the upland following the evident tracks in the ground. From when the snow melts till July, these meadows are an explosion of violets, orchids, forget-me-nots, yellow gentianae, asphodels, daffodils, saffron and many other flower species. We cross a winding river whose spring is some meters above, where it’s not unusual to spot some yellowbellied toads.

Il Belvedere del Malvento Un classico imperdibile


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Il torrente termina in un inghiottitoio carsico e continua il suo corso in grotta. La fitta faggeta verde intenso, che ammanta i rilievi circostanti, diventa ancora più affascinante in autunno. Dal terrazzo panoramico del belvedere del Malvento, incastonato tra le balze rocciose di Serra del Prete (m 2180) e Timpa della Capanna (m 1823), lo sguardo si estende da destra verso sinistra: i monti di Orsomarso, la Catena Costiera, la Sila, in basso Morano Calabro e Castrovillari. Sui ripidi costoni rocciosi vegetano splendidi esemplari di pino loricato. Non è raro scorgere qualche scoiattolo nero. Nel cielo si possono ammirare poiane, falchi pecchiaioli, e se fortunati, il falco pellegrino e l’aquila reale.

The stream flows in a ponor and then in a cave. The dense, dark green beech forest covering the surrounding mountains, become even more fascinating in autumn. From the Malvento lookout, among the rocky spurs of Serra del Prete (2180 m) and Timpa della Capanna (1823 m), you can see the mountains of Orsomarso, Catena Costiera, Sila and the villages of Morano Calabro and Castrovillari. On the rocky slopes grow beautiful Bosnian pines. It’s not unusual to spot squirrels, buzzards, honey buzzards, peregrine falcons and golden eagles.

La Scheda Durata Time 3 ore a/r Distanza Distance 5km a/r Dislivello Elevation gain 200m - quota media 1554 slm Periodo consigliato Recommended Period Tutto l’anno In inverno con attrezzatura

Orario consigliato Recommended Time Mattina o primo pomeriggio Luoghi Places Comune di Viggianello

1. Belvedere del Malvento (ph G.Cosenza) 2. Verso il belvedere in autunno (ph G.Cosenza) 3. Piano Ruggio (ph G.Cosenza)

Il Belvedere del Malvento Un classico imperdibile

13

T


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Timpa delle Murge I Pillows lava del Pollino Timpa delle Murge. Pollinoâ&#x20AC;&#x2122;s Pillows lava

4

di Giuseppe Cosenza

Si parte da localitĂ  Casa del Conte nei pressi della fontana. Si cammina a piedi lungo un sentiero che si inerpica verso la Timpa godendo delle fioriture e delle alte macchie verde scuro di agrifoglio, in contrasto soprattutto in autunno con il rosso bruno delle felci, dei cerri e dei faggi. Sui fianchi della Timpa delle Murge sono evidenti rocce scoperte di vegetazione dal colore rosso bruno, scuro, a volte ricoperte da macchie verdi e gialle di licheni (lichene geografico ed altre specie).

T

14

The itinerary starts in Casa del Conte, next to the fountain. You walk along a trail clambering up a path leading to the Timpa, from where you can enjoy the view of the dark hollies contrasting the intense red of ferns, oaks and beeches. On the sides of Timpa delle Murge there are rocks covered in dark red vegetation, and sometimes in green and yellow stains of lichens. These rocks are metamorphic, they originate from the alterations of ancient submarine lavas. In some points they have kept their original shape:

Timpa delle Murge I Pillows lava del Pollino


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Si tratta di rocce metamorfiche formatesi dalle alterazioni di antiche lave sottomarine. In alcuni punti hanno conservato la loro forma originaria: sono i cosiddetti Pillows Lava, formati con la solidificazione della lava a contatto con le fredde acque degli abissi marini. Sopra i pillows lava sono presenti sedimentazioni marine di colore rosso e grigio-verdastro. La ginestra si impone con il colore giallo e il suo profumo leggero, ma abbondanti sono le fioriture di diverse orchidee come le ofridi e le trecce d’angelo nei prati solcati dalla corsa delle lepri e delle luscengole (della famiglia degli Scincidi, parenti delle lucertole ma molto simili ai serpenti). Alzando lo sguardo al cielo non è raro incrociare il volo dei rapaci come il biancone e la poiana. Così come è possibile ammirare, verso sud, la Serra di Crispo e la Serra delle Ciavole, con gli evidenti pini loricati in cresta, la Falconara, la Garavina e le splendide foreste di faggio, abete bianco e cerro.

these are the so-called Pillows Lava, deriving from the solidification of lava against the cold waters of the sea. Above them there are reddish and greyish marine sedimentations. Daffodils stand out thanks to their yellow colour and soft scent, but orchids are also abundant, especially ophrys. Looking to the sky it’s not unusual to spot some birds of prey such as short-toed eagles and common buzzards. Looking south, there are Serra di Crispo and Serra delle Ciavole, with their Bosnian pines, Falconara, Garavina and beautiful beech, silver fir and oak forests.

La Scheda Durata Time 3 ore Distanza Distance 5km a/r Dislivello Elevation gain 250m - quota media 1211 slm Periodo consigliato Recommended Period Tutto l’anno In inverno con attrezzatura

Orario consigliato Recommended Time Tutta la giornata Luoghi Places Comune di Terranova di Pollino

1. 2. Timpa delle Murge (ph G.Cosenza) 3. Pillows Lava (ph G.Cosenza)

Timpa delle Murge I Pillows lava del Pollino

15

T


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Serra di Mannella I Calanchi di Noepoli

5

Serra di Mannella. Calanchi of Noepoli di Giuseppe Cosenza

Dopo aver visitato il centro storico di Noepoli, si prende la vecchia SS92 in direzione di Senise fino a una galleria. Subito dopo si parcheggia: il percorso è una strada sterrata che parte sulla destra. Si segue il tratturo fiancheggiando le splendide formazioni erosive formatesi grazie all’azione millenaria delle piogge. La roccia che le compone è costituita da conglomerati di sedimentazioni geologiche marine e fluviali che gli abitanti dell’area usavano scavare

T

16

After visiting the town centre of Noepoli, take the old route SS92 to Senise until reaching a tunnel. Park your car: the itinerary starts here, on your right. Follow the sheep track walking along the beautiful erosive formations excavated by the rain. The rocks are made of marine and fluvial geological sedimentations, the inhabitants used to excavate them in order to create caves they would use as food storages. The vegetation includes brooms, shrubs, asparaguses, oaks, orchids and poppies. Walking along the trail, you reach a field from where

Serra di Mannella I Calanchi di Noepoli


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

realizzando delle grotte usate come cantine per la lavorazione e la conservazione dei prodotti agricoli. La vegetazione si compone di specie appartenenti alla macchia mediterranea come la ginestra, il lentisco, l’asparago, il leccio, il perastro e a seconda dei periodi, fioriture di specie diverse come orchidee e papaveri. Proseguendo lungo il tracciato leggermente in salita si raggiunge un campo dal quale è possibile avere un’ampia vista sulla sottostante Valle del Sinni: da destra verso sinistra si può ammirare il Lago di Monte Cutugno, Senise (da visitare il centro storico e la Chiesa di San Francesco) e Chiaromonte (con le sue grotte). Da Noepoli si può raggiungere anche il Bosco Farneta, interessante biotopo vegetazionale, formato da una quercia poco diffusa in Italia, il farnetto (Quercus frainetto), dalle grandi foglie lobate.

you can enjoy a beautiful view on the Sinni valley: from right to left, you can see the lake of Monte Cutugno, Senise (the town centre and Saint Francis church are worth a visit) and Chiaromonte (and its caves). From Noepoli you can reach the Farneta forest, an interesting natural biotope that includes a rare oak specie, the Italian oak (Quercus frainetto).

La Scheda Durata Time 1 ora a/r Distanza Distance 2km a/r Dislivello Elevation gain 50m - quota media 528 slm Periodo consigliato Recommended Period Primavera, estate

Orario consigliato Recommended Time Orari di giornata più freschi Luoghi Places Comune di Noepoli

1. Serra di Mannella (ph G.Cosenza) 2. Lago di Senise (ph G.Cosenza) 3. Noepoli (ph G.Cosenza)

Serra di Mannella I Calanchi di Noepoli

17

T


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Elenco delle Guide Ufficiali Parco Nazionale del Pollino Official guides. Pollino National Park

Acquaformosa (CS) • Antonietta Campagna 0984 33577 - 339 86 85 287 • Nicolino Mele 0981 949232 - 338 46 91 664 Alessandria del Carretto (CS) • Antonio Larocca 0981 53025 Castrolibero (CS) • Giacomo Gervasio 0984 445526 - 333 63 50 917 info@scgreenwood.it Castrovillari (CS) • Silvestro Carrieri 0981 483302 - 347 65 19 686 silvio.carrieri@gmail.com • Roberto Pozzoli 0981 483037 - 338 59 50 330 • Francesco Rotondaro 0981 27643 - 347 93 10 765 • Francesco Sallorenzo 0981 27583 - 339 84 46 060 328 82 71 601 Cerchiara di Calabria (CS) • Luca Cosimo Franzese 0981 94 10 41 - 339 61 97 005

T

18

Paolo Franzese 0981 99 10 41 - 340 30 88 594

Chiaromonte (PZ) • Bruno Niola 339 76 46 529 niolabruno@katamail.com Civita (CS) • Pietro Palazzo 0981.73338 - 329 81 26 414 • Emanuele Pisarra 0981 73043 - 333 87 32 829 episarra@tiscali.it Frascineto (CS) • Domenico Gioia 0981 32764 - 347 65 50 784 338 78 08 430 - pollinopicchio@libero.it Grisolia (CS) • Gennaro Cavaliere 0985 83542 - 377 13 27 944 rinocavaliere@libero.it • Giuseppe Crusco 0985 83013 - 320 37 09 007 pino.crusco@libero.it Laino Castello (CS) • Carmine Mario Tedesco 0984 631502 - 347 35 06 963

Elenco delle Guide Ufficiali Parco del Pollino


Parco Nazionale del Pollino

Pollino National Park

Latronico (PZ) • Gaetano Antonio Lofrano 0973 859128 - 340 67 86 865

San Costantino Albanese (PZ) • Qiurino Alberto Valvano 0973 91 096

Malvito (CS) • Carmelo Pizzuti 0984 509147 - 340 32 80 485

San Severino Lucano (PZ) • Giorgio Braschi 0973 57 64 37 • Vincenzo Domenico Lo Duca 328 21 37 327 - vinc12@virgilio.it • Domenico Donato Viceconte 0973 576172 - 347 85 87 582 leo.narduzzo@tiscalinet.it

Mormanno (CS) • Luigi Perrone 0981 81 424 - 347 44 16 619 info@guidaparcopollino.it Noepoli (PZ) • Nicola Salvatore Salerno 0973 92315/92329 - 328 43 42 015 Noicattaro (BA) • Anna Pia Colucci 080 5433531 - 338 84 47 245 Potenza • Maria Luigia De Stefano 0971 486097 • Rosanna Iannuzzi 0981 22597 • Alba Tempone 0971.282228 - 349 26 43 356 alba@giro-vagando.info Rotonda (PZ) • Angela Armentano 0973 21354 - 347 43 96 476 a.armentano@libero.it • Giuseppe Cosenza 0973 669290 - 347 26 31 462 peppe@viaggiarenelpollino.it • Giuseppe Di Tomaso 0973 661431 - 349 87 58 417 pino@guidapollino.it San Basile (CS) • Giancarlo Gramiccio 0981 35216 - 347 6276282

Scalea (CS) • Primo Galiano 0985 91 033 - 345 22 20 575 primo.galiano@hotmail.it Terranova di Pollino (PZ) • Giovanni Basile 347 71 19 708 • Domenico Bruno 0973 93 473 - 349 49 17 189 • Salvatore Martorano 0973 93262 - 347 75 06 851 • Antonio Miraglia 0973 93407 - 347 86 90 093 • Mario Salerno 0973 95059 - 347 69 93 880 • Rocco Tufaro 0973 93395 - 329 06 61 448 info@lagaravina.it Trebisacce (CS) • Isabella Gatto 0981 51117 - 347 92 06 129 Viggianello (PZ) • Rita Antonietta Maria Tedesco 0973 664247 - 368 35 77 657 • Armando Mario Vincenzo 0973 664016/664247 - 339 20 98 857 • Maria Angela Vena 0973 664016/664247 - 339 56 37 451

Elenco delle Guide Ufficiali Parco del Pollino

19

T


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

Parco Nazionale Appennino Lucano Contatti e informazioni Lucane Appennine National Park. Contacts

Sede Head office Via Manzoni, 1 - 85052 Marsico Nuovo (PZ) Ex Convento delle Benedettine Telefono fisso Landline 0975 344222 Sito web Web site www.parcoappenninolucano.it E-mail info@parcoappenninolucano.it

Le porte di entrata Come raggiungere il Parco How to reach the Park

A3 Salerno - Reggio Calabria Uscite: Lauria, Lagonegro, Atena Lucana, Polla S.S. 106 Jonica Uscita S.S. 598 Scanzano Jonico Sud E 847 Sicignano – Potenza Uscita Tito A16 Napoli – Canosa Uscita Candela | Melfi Proseguire sulla S.S. 658; imboccare S.S. 407 direzione Potenza

T

20

A3 Salerno - Reggio Calabria Exits: Lauria, Lagonegro, Atena Lucana, Polla S.S. 106 Jonica Exit S.S. 598 Scanzano Jonico Sud E 847 Sicignano – Potenza Exit Tito A16 Napoli – Canosa Exit Candela | Melfi; direction S.S. 658; exit S.S. 407 direction Potenza

Parco Nazionale Appennino Lucano Contatti e informazioni


Parco Nazionale dellâ&#x20AC;&#x2122;Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park La cartina del Parco è stata realizzata in riferimento alla pubblicazione in modo da illustrare i punti di riferimento e i luoghi descritti nei testi.

Potenza

SS92

Pantano di Pignola

The Park map has been produced for the purpose of this publication, in order to show the position of the landmarks and places mentioned in the articles.

4

SS95

SS92 SS598

2 Marsico Nuovo

5

SS598

A3

Viggiano

SS598 SS92

Grumento Nova

1

SS103

3

Lago del Pertusillo

SS598

Moliterno

A3

La Cartina del Parco

21

T


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

Grumentum e Bosco Maglie L’archeologia nel Parco Grumentum and Bosco Maglio. Archaeology in the Park

1

di Isabella Abate

Punto di inizio del percorso è la piccola cappella di San Laverio, ultimo protomartire ex soldato romano, decapitato proprio in questo posto a ridosso del fiume Sciaura. Dopo aver visitato il Museo Archeologico Nazionale dell’Alta Val d’Agri si entra nel parco archeologico di Grumentum, uno dei luoghi simbolo della Basilicata. I ruderi della vecchia città romana sono qui da 2000 anni, testimoni e sentinelle del tempo, come la grande quercia secolare situata nel giardino di un agriturismo poco distante.

T

22

This excursion starts from the chapel of Saint Laverio, a martyr and former Roman soldier beheaded in this place, in the surroundings of the river Sciaura. After visiting the National Archaeological Museum Alta Val d’Agri, you enter the archaeological site of Grumentum, one of the emblems of Basilicata. The remains of an ancient Roman settlement have been here for the past 2000 years, witnesses and sentinels of time, just like the secular oak situated in the backyard of a near country restaurant. The area is divided into three monumental complexes.

Grumentum e Bosco Maglie L’Archeologia nel Parco


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

L’area è divisa in tre complessi monumentali. Nel primo si può visitare il teatro dell’età augustea, due tempietti di età imperiale, una domus patrizia e la casa dei mosaici. Il secondo è l’area del foro antico: sul lato nord c’è il capitolium e a sud il presunto cesareo. Nel terzo complesso sono presenti i resti dell’anfiteatro, costruito nel I secolo a.C. e modificato in età imperiale. Uscendo dalla zona archeologica si cammina lungo sentieri e strade interpoderali che arrivano nel Bosco Maglie: una cerreta ricca di biodiversità apprezzabile per la sua bellezza. Poco dopo, il lago. Si passeggia sulle sponde del Pertusillo osservando i borghi di Montemurro, Spinoso e le vette del Monte Raparo e del Massiccio del Sirino. Il percorso racchiude elementi culturali, ambientali e paesaggistici e permette al visitatore di osservare numerose peculiarità del territorio del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano: dall’archeologia al bosco, dal lago alle montagne.

The first includes the Augustan theatre, two temples dating back to the Imperial Age, a Roman domus and the so called “mosaic house”. The second complex is the forum area: the capitolium in the northern side and the cesareo in the southern side. The third complex includes the amphitheatre, built in the 1st century BC and modified during the Imperial Age. Exiting the archaeological site and following the trail, you reach Bosco Maglie, a beautiful Turkey oak forest very rich in biodiversity. Along the banks of Petrusillo, you can admire the villages of Montemurro, Spinoso the peaks of Mount Raparo and the Sirino massif. This excursion combines cultural, environmental and natural elements and shows some of the peculiarities of the Lucano Apennine National Park: archaeology, wildlife, lakes and mountains.

La Scheda Durata Time 3/4 ore Distanza Distance 8/9 km Dislivello Elevation gain 20 m Periodo consigliato Recommended Period Primavera, estate ed autunno

Orario consigliato Recommended Time Mattina o pomeriggio Luoghi Places Scavi di Grumentum, Bosco Maglie, Lago del Pertusillo

1. Anfiteatro (ph Apt Basilicata) 2.Capitolium (ph Apt Basilicata) 3. Lago del Pertusillo (ph Apt Basilicata)

Grumentum e Bosco Maglie L’Archeologia nel Parco

23

T


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

Il percorso delle fontane Un lago tra i monti The fountain path. A lake among the mountains

2

di Roberta Conti

Siamo a Marsico Nuovo, sede del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano. A pochi chilometri dal centro abitato, a 1300 metri di altitudine, c’è un itinerario quasi pianeggiante che conduce dal rifugio Fontana delle Brecce a Piana del Lago, ai piedi del Monte Lama tra il Monte Pierfaone e il Volturino. La zona è ricca d’acqua, qui nasce il fiume Agri e numerose fontane si susseguono durante la passeggiata. Il percorso, praticabile a piedi o in mountain bike, è lungo due chilometri durante i

T

24

We are in Marsico Nuovo, the headquarters of Lucano Apennine National Park. Only a few kilometres away from the town centre, at 1300 m above sea level, there is a flat itinerary which leads to the Fontana delle Brecce mountain hut, in Piana del Lago, at the feet of Mount Lama, between Mount Pierfaone and Mount Volturino. This area is rich in water (the Agri river springs from here) and a series of fountains follow one another along the itinerary. The trail, accessible on foot or by bike, is 2 km long.

Il percorso delle fontane Un lago tra i monti


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

quali si alternano boschi di faggi e cerri prima di raggiungere un caratteristico ponte di legno che conduce al lago. Qui parte un anello molto suggestivo, lungo circa un chilometro, che si snoda attorno alle sponde del piccolo bacino. Molto frequenti sono gli avvistamenti di animali selvatici che qui vengono ad abbeverarsi soprattutto nei mesi estivi. Il silenzio è padrone. Pervade la calma. Un elisir di benessere per corpo e mente. Si torna indietro seguendo il tragitto dell’andata. Poco distante si trova il ristorante Al Pergolato che, primo nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, aderisce al circuito Campagna Amica. I piatti proposti, compreso le pizze, sono preparati con prodotti di stagione a chilometro zero provenienti prevalentemente dalla Basilicata e dalla filiera nazionale certificata della Coldiretti. Gli alimenti sono acquistati direttamente dagli agricoltori, senza intermediazione.

Beech trees alternate with Turkey oaks before reaching a typical wooden bridge leading to the lake. Here, a very suggestive circle trail develops for approximately 1 km, along the banks of the small basin. You can easily spot wild animals that come here to drink some water in summer. All around there’s only silence. Quietness is everywhere. This place is an elixir of wellbeing for your body and soul. If you want to go back, you just need to follow the same trail backwards. At a short distance, the Ristorante Pergolato is the first restaurant in Lucano Apennine National Park to adhere to the Campagna Amica initiative. The dishes cooked, including pizza, are prepared using zero kilometre wholesome products from Basilicata, which are accurately certified and purchased directly by farmers.

La Scheda Durata Time 2 ore Distanza Distance 2 km Dislivello Elevation gain 50 m

Orario consigliato Recommended Time Mattina o primo pomeriggio

Periodo consigliato Recommended Period Tutto l’anno

Luoghi Places Piana del Lago, Monte Lama, Fontane delle Brecce

1. Piana del Lago 2. Fontana delle Brecce 3. Ponte di Legno

Il percorso delle fontane Un lago tra i monti

25

T


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

Il Sentiero delle orchidee Tra faggi di 40 metri The Orchid path. Where beech trees are 40 m high

3

di Isabella Abate

Il sentiero inizia a 1027 metri sul livello del mare nei pressi del Centro di Educazione Ambientale Oasi Bosco Faggeto di Moliterno riconosciuto come Sito di interesse comunitario (SIC). La prima parte del percorso, costituito da materiale calcareo, è assolato. Avvicinandosi alle pendici della montagna lentamente diventa più ombreggiato, anche per la presenza di enormi faggi, alti fino a quaranta metri. Da Serra Polosano si arriva in cima al Monte Calvarosa, a quota 1261 metri.

T

26

The itinerary starts at 1027 m a.s.l. at the Centro di Educazione Ambientale Oasi Bosco Faggeto, a place awarded as a Site of Community Importance. The first part of the itinerary is very sunny and follows a chalky trail. Getting closer to the mountain slopes, it turns more shadowy, also thanks to the enormous beech trees which are almost 40 m high. From Serra Polosano you reach the top of Mount Calvarosa, at about 1261 m a.s.l. The name of the mount, containing the Italian word for “rose”, is due to the abundance of wild rose gardens on

Il Sentiero delle orchidee Tra faggi di 40 metri


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

Il nome del monte è dovuto alla ricchezza di roseti selvatici nella prateria sommitale che è priva di vegetazione arborea e proprio per questo offre alla vista un panorama a trecentosessanta gradi. Dal versante lucano è possibile osservare buona parte della Val d’Agri con i borghi di Moliterno, Tramutola, Marsicovetere e il bacino del Pertusillo, mentre da quello campano lo sguardo si apre sulla piana e sul lago di Magorno. Scendendo si ci inoltra nel bosco lungo il Sentiero dei Grandi Faggi fino ad arrivare al punto di partenza. Il tragitto è di circa 7 chilometri e di agevole percorrenza. Si possono osservare numerose specie vegetali: maestosi faggi definiti piante patriarche, cerri, diverse tipi di aceri, ma soprattutto tante orchidee spontanee. Durante il periodo di fioritura, da maggio a fine luglio, questo posto si trasforma in un turbinio di colori. Ogni passo è una scoperta. Sono state censite circa 56 taxa di orchidee di cui 12 autoctone e il resto ibride.

the summit, from where you can enjoy a beautiful view of the surroundings. On the Basilicata side you can admire the majority of the Agri valley, the villages of Moliterno, Tramutola, Marsicovetere and the Petrusillo basin, while looking towards the Campania side your eyes linger on the Magorno lake and plain. Following the descending path, you enter the forest through the Sentiero dei Grandi Faggi (literally, the path of the great beech tress) which leads you back to the starting point. The itinerary covers around 7 km and is easy to complete. You can admire several species of plants such as beech trees, Turkey oaks, maples and plenty of wild orchids. During their blossoming season, from May to the end of July, this place turns into an abundance of colours, and every step is a discovery. Approximately 56 new orchid species have been detected here, 12 of which are autochthonous.

La Scheda Durata Time 3/4 ore Distanza Distance 7km Dislivello Elevation gain 234 m Periodo consigliato Recommended Period Primavera ed estate

Orario consigliato Recommended Time Dall’alba al tramonto Luoghi Places CEA Oasi Bosco Faggeto, Serra Polosano, Monte Calvarosa, I Grandi Faggi

1. 3. Oasi Bosco Faggeto (ph CEA Moliterno) 2. Orchidee (ph CEA Moliterno)

Il Sentiero delle orchidee Tra faggi di 40 metri

27

T


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

L’Oasi WWF di Pignola Birdwatching sul Pantano Pignola WWF Oasis. Birdwatching in Pantano

4

di Andrea Cerverizzo

Una passeggiata al Pantano è un rito per chiunque graviti nel raggio d’azione di pochi chilometri dalla Riserva. Uno spazio pianeggiante dove poter correre o andare in bici. Ma quanti conoscono la splendida realtà che si trova all’interno di quell’anello di sei chilometri, in quei 155 ettari di palude, canneto, bosco umido, prato selvatico? Quanti sanno che la Riserva è di riconosciuta importanza e protetta da convenzioni internazionali, che non è un bunker inaccessibile ma frui-

T

28

A walk in Pantano is a sort of ritual for all those who live around the Reserve, a wide plain where people come to run or ride their bicycles. But how many people know what’s inside that 6 km ring, in those 155 hectares of marshes, groves of reeds, woods and meadows? How many people know that the Reserve is extremely important and protected by international laws, that it is not an inaccessible place but has a Visitors Centre from where you can discover one of the last uncontaminated places in Italy? The best thing you can do is to enjoy the natural ex-

L’Oasi WWf di Pignola Birdwatching sul Parco


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

bile attraverso la struttura del Centro Visite, da cui si può partire alla scoperta di uno degli ultimi lembi di territorio naturale? Il metodo migliore per scoprire tutto ciò è appunto quello di effettuare i percorsi natura, accompagnati da guide professioniste, che attraversano gli ambienti più interessanti della Riserva. Raggiungere i capanni di avvistamento situati sul lago ed usare i binocoli, che la Coop. Novaterra mette a disposizione, per scoprire rare specie di uccelli. Alla fine del percorso si viene accompagnati alla visita del Centro di Recupero Animali Selvatici della Provincia di Potenza che ospita una media di circa 200 animali all’anno e ne reintroduce con successo più del 60%. La visita termina con un passaggio al piccolo museo in cui viene distribuito il materiale informativo necessario perché il ricordo dell’esperienza rimanga indelebile. La durata dell’escursione è di circa due ore, un chilometro e mezzo percorribile da tutti (purtroppo non completamente dai disabili) sicuro e sorprendente per la varietà di ambienti e paesaggi difficilmente osservabili altrimenti.

cursions available, accompanied by expert guides who will take you to some of the most interesting places in the Reserve. Reach the sighting cabins overlooking the lake and use the binoculars, provided by Cooperativa Novaterra, to watch rare bird species. At the end of the itinerary the guides will take you on a tour of the Centro di Recupero Animali Selvatici (centre for wildlife recovery), that hosts around 200 animals a year and recovers the 60% of them. The journey ends with a quick visit to the small museum, where you can take some material to remember this experience forever. The excursion lasts almost two hours. The trail is 1.5 km long and is suitable to everybody (lamentably, it is not completely accessible for the disabled), safe and surprising thanks to the wide variety of peculiar environments and landscapes.

La Scheda Durata Time 2 ore Distanza Distance 1,5 km Dislivello Elevation gain 0m Periodo consigliato Recommended Period Tutto l’anno

Orario consigliato Recommended Time Mattina Luoghi e animali Places and animals Airone, falco di palude, decine di specie di anatre, capanni di osservazione, Centro recupero animali selvatici, Nonna Cecia (cerro secolare)

1. Lago Pantano Oasi Wwf (ph Cerverizzo) 2. Falco Pellegrino (ph Cerverizzo) 3. Osservatorio Lago grande (ph Cerverizzo)

L’Oasi WWf di Pignola Birdwatching sul Parco

29

T


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

Dal museo del lupo al santuario La casa della Madonna Nera From the wolf museum to the sanctuary.The house of the Madonna Nera

5

di Giovanna Petrone

L’itinerario parte da località Acqua Fontana dei Pastori di Viggiano a 1400 metri di altitudine. Qui, all’interno di una splendida faggeta, c’è una baita di legno: è il Museo dedicato al lupo appenninico e ad altre specie che vivono nel Parco. Dopo una breve visita si parte alla volta della cima della Montagna Grande di Viggiano. Si sale fino a 1725 metri sul livello del mare percorrendo la strada che ogni anno affrontano i pellegrini mentre accompagnano la statua della Madonna Nera, patrona della Basilicata. La pas-

T

30

The itinerary starts from Acqua Fontana dei Pastori, at 1400 m a.s.l. Here, inside a beautiful beech forest, there is a wooden hut: the museum dedicated to the Italian wolf and other species living inside the Park. After a quick visit, you can start walking towards the Montagna Grande di Viggiano. You ascend until 1725 m a.s.l. along the same path used every year by hundreds of pilgrims who accompany the Madonna Nera (literally, the Black Lady), patron Saint of Basilicata, to her Sanctuary in the mountains.

Dal museo del lupo al santuario La casa della Madonna Nera


Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

seggiata consente di vivere la montagna sotto diversi aspetti. Il percorso, infatti, concilia natura, geologia, storia, cultura locale e sacralità. In cima è situato il Santuario in cui è stata rinvenuta la statua della Madonna Nera. Lo si raggiunge seguendo le tappe delle Via Crucis, durante le quali è tradizione lasciare una pietra ad ogni sosta dopo averne tolto un’altra deposta in precedenza da altri pellegrini. Una volta giunti a destinazione, su una delle vette più alte dell’Appennino Lucano, prima di entrare nel luogo sacro, è usanza compiere tre giri intorno alla chiesa baciandone i quattro angoli in segno di devozione. All’interno il senso di pace e tranquillità appagano la fatica grazie alla serenità interiore che il luogo trasmette. Tutt’intorno fa da cornice l’ampio paesaggio della Valle dell’Agri e della Val Camastra. Il panorama conquista lo sguardo dell’escursionista e non l’abbandona neanche quando ormai si è lontani da questo luogo suggestivo.

This itinerary combines nature, geology, history, local culture and spirituality. On the top peak there’s the sanctuary where the statue of the Madonna Nera was found many years ago. People usually reach the sanctuary following the Stations of the Cross: traditionally, at each station they lay down a stone after removing another stone put down by another pilgrim. Once you reach your destination, on one of the highest peaks in Lucano Apennine, before entering the holy place you may turn around the church for three times kissing the four corners as a sign of devotion. Inside the church you can finally rest from the fatigue of the day thanks to the quietness and peace of the atmosphere. The Agri and Camastra valleys surround this beautiful place. The landscape is mind blowing and you will not be able to take your eyes off of its beauty.

La Scheda Durata Time 4 ore Distanza Distance 2km Dislivello Elevation gain 325 m Periodo consigliato Recommended Period Tutto l’anno

Orario consigliato Recommended Time Mattina o pomeriggio Luoghi Places Comune di Viggiano - Valle dell’Agri

1. Museo del Lupo (ph Giovanna Petrone) 2. Santuario Madonna di Viggiano (ph Emanuele Sileo) 2. Panorama (ph Giovanna Petrone)

Dal museo del lupo al santuario La casa della Madonna Nera

31

T


Parco Nazionale dellâ&#x20AC;&#x2122;Appennino Lucano

Appennine Lucane National Park

Elenco delle Guide Ufficiali Parco Nazionale Appennino Lucano Official guides. Lucane Appennine National Park

Nicola Armento 0971 46 816 - 329 54 67 117

Alessandra Novelli 0975 352697 - 333 80 38 649

Roberta Conti 0975 342177 - 329 29 36 210

Marcello Tempone 0975/66094 - 327 12 90 839

Giovanni Luca Gugliotti 338 22 29 936

Andrea Cerverizzo 0971 442287 - 347 76 91 322

Giuseppe Melfi 0973 631348 - 327 94 30 314

Remo Bartolomei 0975 341759 - 349 60 32 867

Vincenza Celano 334 52 21 945

Anna Paola Mazzilli 0975 67023 - 339 52 46 627 - 327 05 22 660

Julia De Risi 0971 954348 - 320 97 11 301

Isabella Abate 333 73 21 941

Giovanni Di Giorgio 333 49 32 893

Maria Berillo 0971 51 896 - 339 85 29 218

Manuela Marcantonio 0971 991598 - 349 58 54 583

Giovanna Petrone 0975 31 41 33 - 349 36 5 0470

Francesco Frezza 349 14 70 488

Maria Teresa Sacchetta 347 98 51 961

Davide Lacava 0975 381177 - 328 37 63 573

T

32

Elenco delle Guide Ufficiali Parco Nazionale Appennino Lucano


UNICA AZIENDA

nel Parco Nazionale dellâ&#x20AC;&#x2122;Appennino Lucano

tti Prodoione a g di stalometro chi ero z

IMMERSI NEL VERDE PER GUSTARE E VIVERE I SAPORI DI UN TEMPO C.da Calabritto, 3 - Marsico Nuovo (Pz) - Tel. 0975 342108 / +39 328 14 13 623

Al Pergolato

Ristorante Pizzeria


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

Parco della Murgia Materana Contatti e informazioni Park of Murgia Materana. Contacts

Sede Head office Via Sette Dolori, 10 - Matera (Mt) Telefono fisso Landline 0835 336166 Sito web Web site www.parcomurgia.it E-mail info@parcomurgia.it

Le porte di entrata Come raggiungere il Parco How to reach the Park

A3 Salerno â&#x20AC;&#x201C; Reggio Uscita Sicignano Proseguire sulla s.s. 407; Uscita Matera S.S. 106 Jonica Uscita s.s. 407 Potenza Proseguire sulla s.s. 407 | Uscita Matera Da Bari S.S. 96 fino a Matera

T

34

A3 Salerno â&#x20AC;&#x201C; Reggio Exit Sicignano Direction Potenza S.S. 407; Exit Matera S.S. 106 Jonica Exit s.s. 407 Potenza Exit Matera From Bari S.S. 96 Exit Matera

Parco della Murgia Materana Contatti e informazioni


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

Matera cittĂ 

Riserva Naturale di San Giuliano

La cartina del Parco è stata realizzata in riferimento alla pubblicazione in modo da illustrare i punti di riferimento e i luoghi descritti nei testi. The Park map has been produced for the purpose of this publication, in order to show the position of the landmarks and places mentioned in the articles.

La cartina del Parco

35

T


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

Belvedere di Murgia Timone Matera al di lĂ  della gravina Murgia Timone lookout. Matera beyond the ravine

1

di Francesco Foschino

Immaginate uno specchio che ha il potere di mostrare il vostro volto di qualche decennio fa; o ancora di rivelare la vostra intima sostanza, scevra dalle apparenze. Ă&#x2C6; esperienza quotidiana per i Sassi di Matera, rioni scavati e costruiti lungo il fianco di un burrone, che fronteggiano la gravina e Murgia Timone come fossero davanti ad uno specchio. La mancata evoluzione urbana ha cristallizzato Murgia Timone come nella preistoria: qui le grotte non sono coperte da palazzi come nei Sas-

T

36

Imagine if you had a mirror able to show how you were in the past, maybe ten or twenty years ago, or able to show your inner essence besides your appearance. This happens daily in the Sassi of Matera, excavated along the wall of a gorge opposite the ravine and Murgia Timone, as if they were in front of a mirror. The lack of urban development has preserved Murgia Timone as it was during Prehistory: the caves are not covered with buildings as it happens in the Sassi, but show the hidden essence of the Sassi and their early evolutionary stages.

Belvedere di Murgia Timone Matera al di lĂ  della gravina


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

si, ma si offrono nude allo sguardo, mostrando la natura nascosta dei Sassi e le loro prime fasi evolutive. Ed è sul fianco della gravina di fronte ai Sassi, che il nostro esile sentiero ci accompagna coprendo la distanza fra le chiese rupestri di San Falcione e Madonna delle Porte tenendo sempre a destra il profondo crepaccio e a sinistra le improvvise aperture di grotte. La magnificenza della gravina raggiunge qui la massima visibilità, con panorami vertiginosi coronati dal mosaico di tufo dei Sassi e sovrastati dal volo incessante dei falchi grillai, mentre il profumo del timo selvatico viene diffuso dalle correnti del canyon. Chiari i segni dell’utilizzo pastorale di alcune grotte: è il caso dello Jazzo della lupa, dove giardini terrazzati con ulivi e melograni sono arricchiti da un’inusuale cisterna a forma di altare, o di San Falcione, i cui ambienti sono stati chiaramente riconvertiti in ovile. A Madonna delle Tre Porte invece i pregevoli affreschi ci racconteranno di quando un professore tedesco provò a strapparli via.

On the side of the ravine, opposite the Sassi, our narrow trail covers the distance between the rupestrian churches of San Falcione and Madonna delle Porte, leaving the deep gorge on your right and the caves on your left. The magnificence of the ravine is clear thanks to the incredible landscapes surrounded by the Sassi and the lesser kestrels flying around, while the scents of wild thyme are propagated by the wind. Some caves have been used for pastoral purposes, such as jazzo della lupa, with its olive and pomegranate gardens, and San Falcione, clearly turned into an animal enclosure. Also very interesting are the frescoes in Madonna delle Tre Porte.

La Scheda Durata Time 2 ore Distanza Distance 4 km Dislivello Elevation gain 20 m (quasi assente)

Orario consigliato Recommended Time Preferibilmente al mattino

Periodo consigliato Recommended Period Aprile, maggio, giugno, settembre, ottobre

Luoghi Places San Falcione, Jazzo della Lupa, belvedere di Murgia Timone, Madonna delle tre Porte

1. 2. Belvedere (ph Foschino) 3. Chiese Rupestri (ph Foschino)

Belvedere di Murgia Timone Matera al di là della gravina

37

T


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

Il Parco della Palomba Le sculture di Paradiso Palomba Park. Scultures by Paradiso

2

di Francesco Foschino

Quando nel Settecento le imponenti architetture barocche di Matera necessitarono di abbondante materiale da costruzione, lungo il margine settentrionale della murgia furono aperte numerose cave di tufo, parzialmente in uso ancora oggi. Le più grandiose e suggestive sorgono nei pressi della Chiesa della Palomba, la cui strada di accesso è stata risparmiata dall’attacco di due fronti di cave, che la lasciano sospesa fra due voragini. Nella cava più grande, con bianche pareti verticali solcate da migliaia di incisioni perpendicolari,

T

38

When in the 18th century the imposing Baroque buildings in Matera needed plenty of construction materials, along the northern side of Murgia many tuff mines were excavated, some of which are still in use. The most important and suggestive ones are located in the surroundings of the church Chiesa della Palomba, whose access is now encircled by two sets of mines, leaving it suspended between two gorges. In the largest mine, whose white walls are decorated by thousands of vertical engravings, the sculptor Antonio Paradiso has created a Parco Scultura (sculpture park)

Il Parco della Palomba Le sculture di Paradiso


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

lo scultore Antonio Paradiso ha creato un Parco Scultura con una mostra permanente delle sue opere più imponenti, create appositamente per la cava. Monoliti in pietra di apricena, volatili di metallo incastonati nel tufo, una scultura realizzata con i resti delle Twin Towers di New York e molte altre ci accompagnano nell’ultimo lembo di murgia prima della fertile Piana delle Matine. Ultimo avamposto murgiano è la Chiesa della Palomba, dove, eccezionalmente, si uniscono due costruzioni distinte: la prima interamente costruita, elegante ed armonica, e la seconda completamente scavata, più ruvida e semplice, entrambe arricchite da affreschi tardo rinascimentali. Un piccolo corridoio di roccia ci permette di allontanarci dalla Palomba per volgerci verso la gravina di Matera, che proprio qui ha inizio, fino a giungere sullo strapiombo per vedere svettare il campanile della cattedrale, nel mezzo dei due fianchi ripidi del burrone, come se l’unico segno visibile dell’uomo completasse il disegno della natura.

with a permanent exhibition of some of his major works, specifically created for this mine. Stone monoliths, metal birds mounted on the tuff walls, a sculpture featuring some remains of the Twin Towers in New York and many other works of art decorate the Murgia. The Chiesa della Palomba combines two different churches: the first is entirely built, elegant and harmonious, while the second, more rough and simple, is completely excavated. They are both decorated with some frescoes dating back to the Renaissance period. A small rocky corridor takes you to the ravine of Matera. From here, you can see the tower bell of the cathedral between the two sides of the gorge, the only artificial element in such a magnificent natural landscape.

La Scheda Durata Time 2 ore Distanza Distance 3 km Dislivello Elevation gain 60 m Periodo consigliato Recommended Period aprile, maggio, giugno, settembre, ottobre

Orario consigliato Recommended Time Tutta la giornata Luoghi e animali Places and animals Parco Scultura La Palomba, Santuario della Palomba, affaccio panoramico sulla gravina

1. 2. Alcune sculture del Parco della Palomba (ph Foschino) 3. Murgia Materana (ph Foschino)

Il Parco della Palomba Le sculture di Paradiso

39

T


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

Lo scrigno di Cristo La Selva Il villaggio neolitico Cristo La Selva. The Neolithic settlement

3

di Francesco Foschino

Dopo 4 Km di roccioso e ruvido altopiano murgico, profumato dal forte timo e dalla gentile santoreggia e graffiato da piccoli rovi di cisto, biancospino e spina-christi, nulla lascia presagire l’improvvisa vista dell’elegante facciata della chiesetta di Cristo La Selva e del suo elegante loggiato a quattro archi sormontati da un delizioso campanile a vela. Una gemma incastonata nell’aspra roccia, posta a strapiombo sulla gravina di Matera laddove questa incontra il selvaggio Vallone della Femmina. Il sentie-

T

40

After walking for 4 km on a rocky and rough plain, perfumed by the strong scents of thyme and the delicate Satureja and scratched by the small bushes of hawthorns and Jerusalem thorns, the elegant façade of the church of Cristo La Selva comes into view almost unexpectedly, with its arcade loggia surmounted by a beautiful bell gable. The church seems like a jewel mounted on the sheer rocks overlooking the ravine of Matera and Vallone della Femmina. The trail develops along the border of the precipice and

Lo scrigno di Cristo La Selva Il Villaggio neolitico


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

ro ha più volte incontrato il bordo del precipizio, per poi immergersi di nuovo nella fitta macchia mediterranea: qui e lì tracce di un villaggio neolitico con evidenti segni dei pali per le capanne, palmenti e cisterne, ed a perdita d’occhio la vasta valle del Bradano, verde fra gennaio ed aprile, gialla a maggio e giugno e brulla nei restanti mesi. Dell’antica selva non resta più nulla se non la dedicazione della chiesetta e dell’antico ponte che arditamente collegava le due sponde della gravina, l’occhio attento scorgerà gli attacchi sulla parete rocciosa. Il moderno pellegrino potrà comunque confessarsi, come i suoi predecessori, utilizzando l’ingegnoso unicum di Cristo la Selva: un confessionale ricavato direttamente nella roccia di cui non si conoscono altri esemplari. È importante prestare attenzione alla vegetazione del luogo: qui la lenticchia d’acqua ricopre di un manto verde dei piccoli ma insidiosi invasi d’acqua, punendo con un inatteso ma spesso salutare bagno l’escursionista distratto.

then sinks into the dense macchia: here and there are the remains of a Neolithic settlement (poles, cisterns and so on) and the wide Bradano valley opens up before your eyes, green between January and April, yellow in May and June and bare in the remaining months. Nothing’s left of the old forest, apart from the names of the church and the old bridge that used to connect the two sides of the ravine (if you look very carefully, you’ll be able to spot its joints directly on the rocks). Here you may find the only known example of a confessional excavated in the rocks. Be careful: small but insidious stretches of water are completely covered by water lentils.

La Scheda Durata Time 3 ore Distanza Distance 4 km Dislivello Elevation gain 30m Periodo consigliato Recommended Period Aprile, maggio, giugno, settembre, ottobre

Orario consigliato Recommended Time Tutta la giornata Luoghi e animali Places and animals Villaggio neolitico, palmenti, cisterne, casale rupestre, Chiesa di Cristo la Selva

1. Villaggio neolitico (ph Foschino) 2. Cristo La Selva (ph Foschino) 3. Vallone della Femmina (ph Foschino)

Lo scrigno di Cristo La Selva Il Villaggio neolitico

41

T


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

Lo sguardo all’infinito Il Mar Ionio e l’universo To infinity and beyond. The Ionian sea and the universe

4

di Francesco Foschino

Si parte nei pressi del Centro di geodesia spaziale dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) di Matera. Enormi, avveniristiche parabole sono puntate verso il cielo, orientate verso satelliti geostazionari per carpire i millimetrici movimenti delle placche terrestri. A 3 Km sorge un antico posto di guardia, puntato verso il mare, orientato verso Torre Mattone di Ginosa Marina per scorgere i movimenti delle navi turche. Un lavoro certamente più noioso dei misteri del cosmo, così 500 anni fa ignote guardie hanno inciso, nelle

T

42

This itinerary starts at the Centro di geodesia spaziale (space geodesy centre). Huge and futuristic aerials are directed towards the sky, pointing at the geostationary satellites in order to capture the tiny movements of the Earth’s plates. Only 3 km from here, there is an old guard post overlooking the sea, oriented towards the tower of Mattone di Ginosa Marina, used almost five hundred years ago to spot the movements of the Turkish ships. In the long waiting hours, the guards carved their dreams and nightmares on the walls: ships, women,

Lo sguardo all’infinito Il Mar Ionio e l’universo


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

lunghe ore di attesa, vicino ai loro sedili, raffigurazioni dei loro sogni, come barche, donne, pavoni ed eroi, e dei loro incubi, come agguerriti saraceni, mostri e soldati morti in battaglia. Ancora oggi dalla finestra nella roccia si vede luccicare il Mar Jonio. Poco prima del posto di guardia, i resti di un antico casale medioevale, arricchito da una piccola grotta con tracce di affreschi, fra cui spicca un bellissimo decoro di rossi gigli che merita la fatica di risalire un’incerta scaletta intagliata nella roccia. Sarà passato di qui anche Spaddone, il massaro dei nobili Malvinni Malvezzi in fuga dai briganti che assediavano la nobile masseria oggi in rovina. Resiste ancora il loggiato, l’imponente portale e le torrette angolari, e tutt’oggi burberi mascheroni ornano i quattro angoli della struttura, intenti a spaventare ladri, rapinatori e malintenzionati, nella frustrazione che da oltre un secolo solo qualche pastore e qualche curioso ha incontrato il loro sguardo feroce.

peacocks, heroes, fierce Saracens, monsters and dead soldiers. The shining Ionian sea is still visible from the window. Just before the guard post you may visit the remains of a Medieval building and a small cave decorated with frescoes of beautiful red lilies, which are worth a visit. Spaddaro, farmer of the noble family Malvinni Malvezzi must have come here running away from the outlaws attacking the manor farm, today in ruins. The loggia, portal and angular towers are still in place, just like the four masks at the corners of the building, whose original aim was to frighten thieves and burglars.

La Scheda Durata Time 4 ore Distanza Distance 6km Dislivello Elevation gain 30m Periodo consigliato Recommended Period Aprile, maggio, giugno, settembre, ottobre

Orario consigliato Recommended Time Tutta la giornata Luoghi e animali Places and animals Centro di Geodesia Spaziale, Masseria Selva Malvezzi, Madonna del Giglio, posto di guardia.

1. Torre Mattone di Ginosa Marina (ph Foschino) 2. Incisioni (ph Foschino) 3. Centro di geodesia spaziale (ph Foschino)

Lo sguardo all’infinito Il Mar Ionio e l’universo

43

T


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

Madonna della Loe Il vallone della fede

5

Madonna della Loe. The valley of faith di Francesco Foschino

Nel mese di maggio gli abitanti di Montescaglioso compiono da tempo immemore un pellegrinaggio presso la chiesa rupestre di Madonna della Loe, attraversando una piccola valle rigogliosa, verde e fresca anche nei caldi mesi estivi: il Vallone della Loe. Una grande cisterna a forma di casa semi-sepolta, una delle classiche “cisterne a tetto”, segna l’inizio del nostro percorso che presto si addentra in una grande distesa di grano, la quale lascia d’improvviso il posto alla boscaglia del vallone. Qui con discrezione fanno

T

44

In May, the inhabitants of Montascaglioso do a pilgrimage to the rupestrian church of Madonna della Loe walking across a small luxuriant valley, green and cool also in the hot summer months: the Loe valley. A huge house-shaped cistern, example of the traditional “roof cisterns”, marks the beginning of our itinerary, which enters a wide wheat expanse leading to the valley. Here you can find two small caves, carved in the stone two thousand years ago, which are a typical example of the typical churches of Matera. They are called with invented names, their real dedica-

Madonna della Loe Il Vallone della fede


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

capolino due piccole grotte, scolpite da mano esperta mille anni fa, tipici esempi di chiesa arcaica materana, catalogate negli anni sessanta con nomi di fantasia, essendo tuttora ignote le reali dedicazioni: la cripta del canarino e la cripta della scaletta, solcata dalle incisioni di nomi latini ed ebraici. Poco oltre, un piccolo squarcio nella roccia nasconde un’enorme cavità di forma cubica movimentata da un solido pilastro centrale: è la chiesa di Sant’Andrea che conserva solo due absidi della sua originaria funzione. Monumentali e numerose tombe ad arcosolio preannunciano il principale luogo di culto del vallone, che porta chiari i segni di recente pellegrinaggio e di saltuaria funzione liturgica: è la Madonna della Loe. Instabili panche di legno faciliteranno un breve riposo prima di riprendere un cammino che vedrà frontalmente stagliarsi il chiaro profilo di Montescaglioso e della sua maestosa abbazia.

tions being still unknown: cripta del canarino (canary crypt) and cripta della scaletta (stairway crypt). A small laceration in the rocks hides a huge cubic cavity with a solid central pillar, Saint Andrews church. Many monumental arcosolium tombs announce Madonna della Loe, the main worship site in the valley, of ancient origins and still used for some sporadic liturgy. Unstable wooden benches allow visitors to take some rest before resume their excursion, looking at Montescaglioso and its majestic abbey.

La Scheda Durata Time 4 ore Distanza Distance 7 km Dislivello Elevation gain 60 m Periodo consigliato Recommended Period aprile, maggio, giugno, settembre, ottobre

Orario consigliato Recommended Time Tutta la giornata Luoghi e animali Places and animals Cisterna a tetto, Cripta Scaletta, Cripta Canarino, Chiesa Sant’Andrea, Madonna della Loe

2. Vallone della Loe (ph Foschino) 3. Chiesa rupestre (ph Foschino)

Madonna della Loe Il Vallone della fede

45

T


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

Elenco delle Guide Ufficiali Parco Regionale della Murgia Materana Official guides. Regional Park of Murgia Materana

Guide Turistiche Tourist guides Daniela Alò (inglese) danielatour@tim.it - 338 87 77 127 Teodora Cappiello (inglese, tedesco) marketing@materaturismo.it - 347 60 74 839

Filomena Paolicelli (inglese) nuoviamicisassi@interfree.it 338 47 86 354 Carlo Prisco (inglese) escursioni@stoneincoming.it 328 47 75 976 Raffaele Stifano (francese) stifano.raffaele@libero.it 333 45 63 440

Immacolata Di Cuia (inglese) info@guidaturisticamatera.com 339 30 36 752 - 320 97 25 352

Anna Santantonio (inglese) tourmatera@virgilio.it - 339 73 60 817

Angelo Fontana (inglese) sassienatura@libero.it - 333 35 60 910

Brunella Dottorini (inglese) nikbru@libero.it - 339 67 13 735

Nadia Garlatti (inglese) nadiagarlatti@tiscali.it - 347 85 48 845

Annunziata Andrisani tizi.andri@alice.it - 389 99 66 250

Carmela Lista (tedesco) carmelitalista@alice.it - 338 35 29 205

Maria Teresa Barbaro info@materatour.it - 347 40 33 549

Patrizia Lovecchio (inglese) 338 87 83 256

Eleonora Carmela Bianco eleonorabianco@hotmail.it

Eustachio V. Montemurro (spagnolo) enzomontemurro@libero.it 338 70 55 929

Marilisa Biscione marilisabiscione@gmail.com 339 32 67 865

T

46

Elenco delle Guide Ufficiali Parco Murgia Materana


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

Angelica Castello angelica.castello@tiscali.it 349 66 30 460 Angela Cea angelacea@virgilio.it - 339 74 61 707 Annunziata Colucci tina.colucci@virgilio.it - 338 62 12 204 Alessandra Congiu acongiu@libero.it - 320 78 64 249 Stefania Curatola eustacia@alice.it - 328 92 80 840 Diego De Angelis diego.deangelis@libero.it - 329 79 37 504 Maria Di Cuia maria.dicuia@libero.it - 329 47 70 321 Francesco Paolo Di Nardo www.parcomurgia.it Claudia Di Perna www.parcomurgia.it Francesco Foschino foschino@gmail.com - 347 57 36 470 Simona Giocoli sgiocoli@yahoo.it - 328 03 49 180

Raffaele Natale raffaelenatale2002@libero.it Anna Paterino annapat01@libero.it - 339 18 00 994 Angela Raguso angela.rg@hotmail.it - 339 50 06 229 Nicola Ricciardi ricciardi.nic@libero.it - 328 72 33 596 Antonio Rubino toninpol@libero.it - 329 47 27 761 Paola Scalcione www.parcomurgia.it Anna Maria Tamburrino annamaria.tamburrino@gmail.com Saverio Tarasco saverio.tarasco@gmail.com - 347 10 68 973 Michele Zasa miza70@virgilio.it

Guide Turistiche Escursionistiche

Tourist and excursion guides

Nunzia Lapacciana www.parcomurgia.it

Luigi Esposito (francese) esposito@parcomurgia.it - 348 27 72 385

Grazia Anna Lascaro arteriamatera@alice.it - 333 98 13 464

Bruna Fiore (inglese) bruna.fiore@virgilio.it - 328 00 96 366

Maria Antonietta Mastrogiulio tettamm@virgilio.it - 339 20 64 780

Porzia Grossi (francese) porziagrossi@tiscali.it - 339 58 17 491

Elenco delle Guide Ufficiali Parco Murgia Materana

47

T


Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana Angelo Lospinuso (inglese) calandrone@libero.it - 329 31 03 095 Giovanni Ricciardi (inglese) info@percorsiguidati.it - 339 75 23 636 Livia Bruno (francese) liviabruno@libero.it - 338 13 85 565

Guide Escursionistiche

Excursion guides

Michele Chita (inglese) michita@katamail.com - 347 46 83 809

Gabriella Papapietro (inglese) 339 31 73 210

Adriano M. Cristallo (francese) adrianocristallo@katamail.com 340 23 006 46

Luca Petruzzellis (inglese) info@sassiemurgia.com - 320 44 29 909

Lucia Appio (inglese) luciaappio@alice.it - 333 11 64 589 Raffaele Lamacchia raffaelelamacchia@gmail.com - 338 44 81 352 Alessandra Antodaro autonoe@tin.it

Paola Esposito (portoghese) paolangela.esposito@tiscali.it - 328 46 22 662 Vito Borneo borneo.vito@tiscali.it - 328 84 54 608 Cosimo Buono buono.cosimo@libero.it - 328 84 74 201

Francesco De Lellis francisdel@tin.it - 339 12 05 652

Donato Casamassima d.casamassima@falconaumanni.it 333 11 66 651

Salvatore Locuratolo www.parcomurgia.it

Antoni Di Marzio a.dimarzio@live.it - 329 47 70 246 Paolo Luigi Antonio Montagna info@ceamatera.it - 388 89 25 407 Nicola Montemurro nicolamontemurro@ispa.cnr.it Nicola Salvatore Salerno nicsalerno64@yahoo.it - 329 86 83 498 Cosimo Santeramo info@sporteambiente.it - 0835 1971306

T

48

Elenco delle Guide Ufficiali Parco Murgia Materana


Sassi di Matera (ph Emanuele Sileo)

Parco Regionale della Murgia Materana

Regional Park of Murgia Materana

49

T


Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

Parco G.C. Piccole Dolomiti Lucane Contatti e informazioni G. C. Piccole Dolomiti Lucane Regional Park. Contacts Sede Head office Località Palazzo - Accettura (Mt) Telefono fisso Landline 0835 675015 Sito web Web site www.parcogallipolicognato.it E-mail info@parcogallipolicognato.it

Guida Guide Rocchina Martoccia +39 349 39 93 713 rocchinamartoccia@hotmail.com www.guidedolomitilucane.it Informazioni Informations Cooperativa Nuova Atlantide +39 328 73 38 268 info@nuovaatlantide.com www.nuovaatlantide.com

Le porte di entrata Come raggiungere il Parco How to reach the Park

A3 Salerno – Reggio Calabria Uscita Exit Sicignano degli Alburni Direzione Direction Potenza S.S. 407 Uscita Exit Albano/Castelmezzano o Campomaggiore/Pietrertosa S.S. 106 Jonica Uscita Exit s.s. 407 Direzione Direction Potenza; Uscita Exit Garaguso/Accettura o Calciano A16 Napoli – Canosa Uscita Exit Candela Melfi S.S. 658 Uscita Exit S.S. 407 Direzione Direction Metaponto

T

50

Parco G.C. Piccole Dolomiti Lucane Contatti e informazioni


Parco Regionale Gallipoli Congato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

SS277

SP13

E847 E847

SP16

SS407 E847

E847

Calciano

SS407

SS407 SS407

4

E847

Ca

ma

str a

1

SS232

SP13

Oliveto Lucano

Castelmezzano Volo 5 dellâ&#x20AC;&#x2122;Angelo

3

Pietrapertosa

SS277

Sede Ente Parco

2

Accettura

SS277

SS103

La cartina del Parco è stata realizzata in riferimento alla pubblicazione in modo da illustrare i punti di riferimento e i luoghi descritti nei testi. The Park map has been produced for the purpose of this publication, in order to show the position of the landmarks and places mentioned in the articles.

La cartina del Parco

51

T


Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

Sulle tracce dei cavalieri Templari Le chiese di Castelmezzano Tracing Knights Templar. The churches of Castelmezzano

1

di Rocchina Martoccia

Si potrebbe attraversare la Basilicata alla ricerca dei luoghi legati al passaggio dell’Ordine Templare. Quest’itinerario toccherebbe la magnifica cattedrale di Acerenza, la cripta di Santa Margherita a Melfi, la città di Forenza, il santuario di Monte Forte ad Abriola, Vaglio, città del Balivo, e non ultimo il borgo di Castelmezzano. Nessuna fonte ufficiale lo annovera tra i possedimenti templari lucani tuttavia ci sono segni nella sua storia, nella toponomastica, nelle Chiese che raccontano di quei cavalieri diretti in Terra Santa

T

52

One may cross Basilicata on the trail of the places related to the Order of the Temple. This itinerary would include the beautiful cathedral of Acerenza, Saint Margaret’s crypt in Melfi, the town of Forenza, the sanctuary of Monte Forte in Abriola, the town of Vaglio and, last but not least, the village of Castelmezzano. Castelmezzano is not listed as one of the properties of the Order of the Temple in any of the official documents, but its history, names and churches bear witness to the knights who used to head to the Holy Land

Sulle tracce dei cavalieri Templari Le chiese di Castelmezzano


Parco Regionale Gallipoli Congato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

al tempo delle Crociate. Per seguirne le tracce partiamo dal ritrovamento sulla parete orientale della Chiesa Madre Santa Maria dell’Olmo di una croce patente (a otto punte) simbolo delle maestranza dell’ordine templare, posta nel timpano di una delle antiche porte d’accesso. Altri tesori custoditi in questa chiesa si legano all’ordine, come la preziosissima effige racchiusa nell’altare della Madonna della Stella del Mattino (XIII sec). Lasciata la Chiesa Madre ci si ritrova in piazza Caizzo, balcone naturale dal quale il borgo presepe si lascia ammirare dai suoi visitatori. Si continua tra strette strade circondate da civettuoli balconi fioriti verso i resti della fortezza normanna, ai piedi della gradinata scolpita nella roccia. Il mistero si infittisce dinanzi alla riproduzione su pietra dello stemma comunale che riproduce proprio il sigillo dell’ordine: due cavalieri in groppa ad un unico cavallo. In viaggio, dunque, alla ricerca della misteriosa presenza dei cavalieri dell’Ordine del Tempio.

to fight in the Crusades. Our itinerary starts from the main church, Santa Maria dell’Olmo, on whose eastern wall an eight-pointed cross, symbol of the Order, can be found above one of the entrance doors. Many other treasures kept in this church can be related to the Order, such as the precious image of the Madonna della Stella del Mattino (13th century) enclosed in the main altar. Exiting the church, you find yourself in Caizzo square, a sort of natural balcony from which you can overlook the village. Walking on the narrow streets and surrounded by amazing balconies and flowers, you reach the Norman fortress located at the feet of a stone stairway. And here’s the mystery: the emblem of the municipality, depicted on the stones, reproduces the Order seal, that is two knights riding the same horse. Your journey in the history of Knights Templar starts here.

La Scheda Durata Time dalle 2 alle 3 ore Distanza Distance 2 km Dislivello Elevation gain 1000 m Periodo consigliato Recommended Period aprile, maggio, giugno,luglio settembre, ottobre, dicembre

Orario consigliato Recommended Time La mattina. In estate in tardo pomeriggio Luoghi Places Chiesa Madre Santa Maria dell’Olmo, Fortezza Normanna

1. Veduta del paese (ph Al Parco) 2. Croce Templare (ph Domenico Santoro) 3. Interno Chiesa Santa Maria dell’Olmo (ph Domenico Santoro)

Sulle tracce dei cavalieri Templari Le chiese di Castelmezzano

53

T


Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

L’anello di Tempa Castello Il viaggio di Gallipolis Anello di Tempa Castello. The village of Gallipolis

2

in collaborazione con Coop. Nuova Atlantide

Il percorso ha inizio in prossimità della fonte di acqua ferrosa presso Caserma Palazzo ad Accettura, sede dell’Ente Parco Gallipoli Cognato, e prosegue in salita fino a Tempa Castello a quota 950 metri s.l.m. Per arrivarci si attraversa una folta vegetazione arborea che conduce ai ruderi dell’insediamento medievale di Gallipolis, di cui sono evidenti le tracce come le mura difensive, le abitazioni e le scalinate scavate nella roccia. Una volta osservati i ruderi, si torna di poco indietro per proseguire sulla linea di cresta di Ser-

T

54

The excursion starts next to a spring of iron water in Caserma Palazzo, where the headquarters of the Gallipoli Cognato Park Authority are located. It reaches Tempa Castello, 950 m a.s.l., developing through a dense vegetation. Here you can find the medieval settlement of Gallipolis with its defensive walls, houses and stairways carved in the rocks. After visiting the remains, go back for a short distance and follow the path towards Serra del Monte, at 1020 m a.s.l. Here you will find several lookouts overlooking

L’anello di Tempa Castello Il viaggio di Gallipolis


Parco Regionale Gallipoli Congato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

ra del Monte, giungendo fino a quota 1020 metri. Sulla cresta sono diversi i punti panoramici con vedute sul vallone Salice e sul bacino della Salandrella. I boschi sono a prevalenza di farnetto e roverella, mentre nei punti più assolati prevale la vegetazione delle garighe ad asfodeli ed erica. Dove il ristagno di acqua è maggiore, la freschezza del clima ha favorito lo sviluppo di grandi piante di agrifoglio. Scendendo si arriva alla Caserma Pian di Giglio dove è possibile osservare l’Oasi Faunistica del Daino e, se accompagnati da una guida, il Centro Visite. Poco più in basso la fontana di Acqua delle Tortore, che costeggia l’oasi faunistica, offre la possibilità di un dissetante ristoro. Proseguendo, dopo alcune centinaia di metri, si interseca la strada provinciale e percorrendola in direzione Accettura dopo circa 50 metri si ritroverà il cancello dal quale si era partiti.

the Salice valley and Salandrella basin. Forests of Italian oaks and downy oaks alternate with garrigue, asphodels and heather. Closer to watercourses, where the climate is cooler, holly trees bloom. Following the descending trail, you reach Caserma Pian di Giglio, where the Oasi Faunistica del Daino (Deer Natural Reserve) is located. If you are accompanied by a guide, you can also visit the Visitor Centre. At the Acqua delle Tortore fountain you can take some refreshment and rest. A short distance away, a paved road crosses the trail. If you take it towards Accettura, after 50 meters you find yourself back at the starting gate.

La Scheda Durata Time 7 ore Distanza Distance 10 km Dislivello Elevation gain 120 m

Orario consigliato Recommended Time Mattina

Periodo consigliato Recommended Period Estate

Luoghi Places Sede Ente Parco, Oasi faunistica dei Daino, Fontana Acqua delle Tortore

1. Sorgente Pila Salice (ph Nuova Atlantide) 2. Belvedere (ph Nuova Atlantide) 3. Orchidea (ph Nuova Atlantide)

L’anello di Tempa Castello Il viaggio di Gallipolis

55

T


Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

Verso la vetta Saracena Le dolomiti di Pietrapertosa

Towards the Saracen peaks. The mountains of Pietrapertosa

3

di Rocchina Martoccia

Immaginate di essere nel paese piĂš alto della Basilicata, a ben 1088 metri, circondati da maestose guglie di arenaria modellate dal vento e dal tempo per offrire al visitatore uno scenario paesaggistico unico. Il viaggio alla scoperta di questi giganti millenari inizia giĂ  lungo la strada statale che conduce a Pietrapertosa. Si risale protetti da imponenti alberi di castagno, godendo in primavera di prati fioriti, e soprattutto di panorami spettacolari.

T

56

Picture yourself in the highest village in Basilicata, located at 1088 m a.s.l. and surrounded by enormous sandstone pinnacles battered by the wind, a unique landscape. The discovery of these ancient giants starts along the road to Pietrapertosa. You walk protected by some imposing chestnut trees, enjoying gardens in bloom and spectacular views. In the distance you can get a glimpse of the winding path excavated in the rocks leading to the village of Castelmezzano. At night, with its lights, it looks like

Verso la vetta Saracena Le dolomiti di Pietrapertosa


Parco Regionale Gallipoli Congato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

Si scorge, difatti, in lontananza la tortuosa stradina che, scavata tra le rocce, conduceva all’altro paese delle Dolomiti Lucane, il dirimpettaio borgo di Castelmezzano che di notte con le sue luci, da qui, appare come una stella. Giunti all’inizio del paese si ha subito la percezione del legame profondo che lega l’uomo alla roccia: le case sono appoggiate alla parete rocciosa ed è attraverso le Scalelle, gradini scavati nella roccia, che si raggiunge il quartiere più antico: l’Arabata. Passando attraverso un arco in pietra si arriva alla Chiesa Madre di San Giacomo Maggiore, antica fortezza divenuta luogo di culto al tempo dei normanni, al cui interno si trovano affreschi del 1400 sul Giudizio Universale. Attraverso la strada dei portali si giunge al Convento di San Francesco che custodisce uno splendido ciclo d’affreschi di Giovanni Luce da Eboli (XV sec). Una ripida salita ci condurrà oltre i mille metri tra le mura della fortezza saracena. Ed è qui che con lo sguardo si domina la valle del Basento.

a star in the sky. Entering the village you can really feel the tight bond between mankind and the rocks: the houses lay against the rocky walls and a stone stairway leads you to the church of San Giacomo Maggiore, an ancient fortress that became a worship site during the Norman Age, with frescoes dating back to the 15th century. Through the strada dei portali you reach the convent of San Francesco, with a beautiful set of frescoes by Giovanni Luce da Eboli (15th century). A quick ascending path leads you to the walls of the Saracen fortress, at approx. 1000 m a.s.l., overlooking the Basento valley.

La Scheda Durata Time 3 ore Distanza Distance 2 km Dislivello Elevation gain 168m Periodo consigliato Recommended Period Aprile, maggio, giugno, luglio, settembre, ottobre, dicembre

Orario consigliato Recommended Time La mattina. In estate in tardo pomeriggio Luoghi Places Quartiere Arabo, Chiesa di San Giacomo Maggiore, la via dei portali, Convento di San Francesco, Fortezza Saracena

1. Veduta del paese (ph Pro Loco Pietrapertosa) 2. Fortezza Saracena (ph Giuseppe Garaguso) 3. Convento di San Francesco (ph Pro Loco Pietrapertosa))

Verso la vetta Saracena Le dolomiti di Pietrapertosa

57

T


Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

Riserva del Monte Croccia Riserva Antropologica Mount Croccia Reserve. Anthropological reserve

4

di Rocchina Martoccia

Per giungere in località Palazzo ad Accettura (m 850), cuore organizzativo del Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane, si risale attraversando tratti di strada che serpeggiano lungo il bosco di querce della foresta di Gallipoli Cognato. In un gioco di luci ed ombre si ha quasi l’impressione che da un momento all’altro possa sbucare un gruppo di Briganti nascosto tra gli enormi massi erratici che costeggiano la carreggiata. Dopo una breve visita ai locali del Parco, dove è possibile attraversare un orto botanico al-

T

58

If you want to reach Palazzo (850 m a.s.l.), the heart of Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Park, you have to cross the oak forest of Gallipoli Cognato. Immersed in a game of lights and shadows, it feels like a group of outlaws may come out from behind the huge rocks you find along the road. After a quick visit to the Park precinct, especially the botanic garden and the olfattoteca (a fragrance room), you reach the Riserva faunistica del Daino, where you can see some beautiful deer. If you want to have more information on the local

Riserva del Monte Croccia Riserva Antropologica


Parco Regionale Gallipoli Congato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

timetrico o perdersi tra gli odori dell’olfattoteca, si approda alla Riserva faunistica del Daino nella quale si ammirano splendidi esemplari di cervidi. Per i visitatori in erba, ma anche per gli amanti delle numerose specie che popolano questi luoghi, tappa d’obbligo, in località Pian di Gilio, è l’esposizione sul predatore più importante del parco: il lupo. Oltre all’aspetto prettamente naturalistico questo itinerario ci porta sui sentieri della storia grazie alla visita della Riserva antropologica di Monte Croccia (m.1149). Passando attraverso il calendario di pietra di località Pietra della Mola si raggiungono le mura dell’insediamento lucano di Croccia Cognato edificato tra il VI ed il IV sec. a.C., avamposto di difesa della città di Serra di Vaglio. Le mura seguono l’andamento del terreno in forte pendenza fino ad arrivare alla parete a strapiombo sulla valle del fiume Basento che costituiva una difesa naturale dell’insediamento.

wildlife, we recommend that you stop in Pian di Gilio to visit an exhibition on the most important predator in the Park: the wolf. This itinerary is very interesting also from a historical perspective, thanks to the Riserva antropologica di Monte Croccia (1149 m a.s.l.). Crossing the calendario di pietra (literally, stone calendar) in Pietra della Mola you reach the settlement of Croccia Cognato, built around the 6th and 4th centuries BC, a defence outpost of Serra di Vaglio. The walls follow the slope until the precipice overlooking the river Basento, a natural defence for the settlement.

Monte Croccia

La Scheda Durata Time 2/3 ore Distanza Distance 2 km Dislivello Elevation gain Da 850 m a 1149m Periodo consigliato Recommended Period Primavera, estate, autunno

Orario consigliato Recommended Time Mattina o pomeriggio Luoghi Places Località Palazzo, Riserva del Daino, Calendario di Pietra, Riserva Antropologica di Monte Croccia

1. Riserva di Monte Croccia (ph Giuseppe D’Ambrosio) 2. Dolomiti Lucane (ph PRGCPDL) 3. Ingresso (ph PRGCPDL)

Riserva del Monte Croccia Riserva Antropologica

59

T


Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

Il sentiero delle Sette Pietre A spasso con la magia delle streghe Trail Sette Pietre. Walkig on the shoulders of witches

5

di Rocchina Martoccia

Se da Castelmezzano volete raggiungere Pietrapertosa, ma non avete ancora trovato il coraggio di scegliere l’emozione del Volo dell’Angelo, c’è un antico sentiero che potete percorrere. E’ lungo poco più di due chilometri. Per chi si lascia guidare dai colori della natura nelle diverse stagioni o dal rumore di un piccolo ruscello che scende dai 1400 m del Monte Caperrino, questo sentiero non appare a prima vista molto diverso dagli altri percorsi da trekking. Solo che ad un certo punto l’aria è come invasa da

T

60

If you want to reach Pietrapertosa from Castelmezzano but you don’t dare risking the Volo dell’Angelo, there’s an old trail you can take, long approximately 2 kilometres. If you are a frequent hiker, at first you will not find this trail much different from other trekking tracks, with its colours, seasons and sounds (there is a small watercourse whose spring is on Mount Caperino, at 1440 m a.s.l.). All of a sudden, the place is almost invaded by screams of women, music and songs: they are the masciare witches, whose history is related by Mimmo

Il Sentiero delle Sette Pietre A spasso con la magia delle streghe


Parco Regionale Gallipoli Congato Piccole Dolomiti Lucane

Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

grida di donne, da musiche e canti. Sono le streghe masciare raccontate da Mimmo Sammartino nel suo testo edito da Sellerio “Vito Ballava con le Streghe”. Lungo il sentiero seguiremo le sette installazioni: delirio, ballo, volo, streghe, sortilegio, incanto, destini. Prima di giungere al ponte di pietra che segna il confine tra Castelmezzano e Pietrapertosa una sosta va fatta all’Atrio delle Streghe, dove, attorno ad un pozzo ascolteremo di come queste donne-streghe, autrici di fatture d’amore, si ungevano con dell’olio fatato contenuto nel cavo di un albero di ulivo per volare nei cieli stellati sulla groppa di cani bianchi: “le pietre del mondo di sotto guardarono con invidia Vito e la Strega sollevarsi dalle vigne, dagli orti e dagli acquitrini. Dalla fatica e dalle malinconie della terra”. Immersi nella natura ascoltando la storia di Vito andremo con la mente ai racconti dei nostri nonni simbolo di quella cultura contadina che ci appartiene.

Sammartino in his book “Vito Ballava con le Streghe”. Along the path there are seven art installations, called respectively delirium, dance, flight, witches, spell, enchantment, destinies. Before reaching the stone bridge marking the border between Castelmezzano and Pietrapertosa, we recommend that you stop in Atrio delle Streghe: standing around a well, you will listen to how these women, love-potion makers, used to anoint themselves with the magic oil produced by an olive tree to fly in the sky on the back of white dogs. Surrounded by nature, listening to some excerpts from Sammartino’s book, your mind goes back to the popular traditions at the basis of our culture.

La Scheda Durata Time 3 ore Distanza Distance 2 km Dislivello Elevation gain 260m Periodo consigliato Recommended Period Primavera, estate, autunno

Orario consigliato Recommended Time La mattina. In estate in tardo pomeriggio Luoghi Places Le sette installazioni del percorso

1. 2. Parte del percorso (ph Domenico Santoro) 3. L’Atrio delle streghe (ph PRGCPDL)

Il Sentiero delle Sette Pietre A spasso con la magia delle streghe

61

T


SS658

Potenza

Melfi

Parco Nazionale del Pollino Pollino National Park

Parco Nazionale Appennino Lucano Lucane Appennine National Park

Basilicata and its precious natural parks

SS96

Matera

SS99

SS96

Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane Regional Park

Parco Regionale della Murgia Materana Regional Park of Murgia Materana

e i suoi preziosi parchi protetti

La Basilicata


A3

A3

E847

Marsico Nuovo

Lauria

SS598

Rotonda

Accettura

SS407

SS598

SS106

E847

Policoro

Metaponto

SS106



Al Parco - Estate 2013