Issuu on Google+

Cop_Brochure2011-2012_Layout 1 04/10/11 11:35 Pagina 1

P

R

O

G

R

A

M

M

A

Teatro sanRocco Seregno

Stagione teatrale

2011 2012


II di copertina Brochure_Layout 1 04/10/11 11:36 Pagina 1

Il Gemellaggio a pergamena, a lato, attesa il gemellaggio fra il teatro Il Sistina di Roma e il teatro San Rocco di Seregno. Un avvenimento che si è svolto al teatro San Rocco, sabato 15 maggio 2010, in occasione della terza edizione del premio “Garinei&Giovannini”, organizzato dalla compagnia San Giovanni Bosco del Ceredo in collaborazione con il San Rocco, assegnato al teatro Pedretti di Cesano Maderno, per l’impegno verso il teatro amatoriale, mentre il premio all’attore professionista era stato attribuito a Massimo Del Rio. Una cerimonia avvenuta alla presenza di monsignor Silvano Motta, massima autorità responsabile del San Rocco, don Sergio Dell’Orto, vicario della parrocchia del Ceredo, Giacinto Mariani, sindaco, Attilio Gavazzi, vice sindaco, Luca Santambrogio, assessore alla cultura del comune di Meda, e alle memorie storiche del teatro Sistina di Roma: l’attore Enzo Garinei, fratello di Pietro Garinei celebre, raffinato e inimitabile regista; Stefanella Giovannini, figlia di Sandro Giovannini, già attrice; Massimo Del Rio, attore e aiuto regista di Pietro Garinei; Tania Piattella, la “Clementina più amata” nel 1990 a fianco di Johnny Dorelli in “Aggiungi un posto a tavola” e Franca Garofolini, storica segretaria del teatro Il Sistina di Roma. Nel corso della manifestazione la compagnia San Giovanni Bosco-Ceredo, riproponeva alcune tra le migliori scene della commedia musicale “Vacanze romane”, uno spettacolo che era andato in scena in prima assoluta al teatro San Rocco nel dicembre 2009, raccogliendo entusiastici e ammirati consensi, sia per la bravura degli interpreti che per le pregevoli scenografie. Un gemellaggio maturato da una proposta formulata dal seregnese Giorgio Trabattoni, fondatore della compagnia San Giovanni Bosco Ceredo all’amico Pietro Garinei quand’era in vita e concretizzatasi solo qualche anno dopo la sua scomparsa con il benestare dell’avvocato Silvano Menenti, presidente del consiglio di amministrazione “Il Sistina”, espresso nel marzo 2010. Due i motivi a che hanno portato al manifestarsi del gemellaggio: le numerose commedie musicali firmate dalla premiata ditta “G&G” (Garinei&Giovanni) presenti nelle prime trentotto stagioni del San Rocco, ma molto ha inciso anche i diciassette anni passati dai componenti della “San Giovanni Bosco” a mettere in scena gli spettacoli targati “G&G”, che ha reso la direzione de Il Sistina partecipe della loro passione e impegno.

“L

Seregno, teatro San Rocco 15 maggio 2010, da sinistra: Giorgio Trabattoni (per la San Giovanni Bosco), Paolo Volonterio (per San Rocco), Enzo Garinei e Stefanella Giovannini (per Il Sistina) mostrano il documento dell’avvenuto gemellaggio artistico-culturale tra il teatro San Rocco di Seregno e il teatro Il Sistina di Roma.

Impaginato nel mese di settembre 2011 presso F.lli Sala Seregno Stampato nel mese di ottobre 2011 presso la Litostampa Istituto Grafico Bergamo


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:26 Pagina 1

Stagione teatrale 2011-2012

Teatro sanRocco Seregno Serata inaugurale 40ma stagione di prosa Sabato 15 ottobre 2011 - ore 21

A 40 anni dal debutto nazionale in Seregno

«GABER SE FOSSE GABER» di Gaber-Luporini con Andrea Scanzi 28-29-30 ottobre 2011 M. Dapporto, B. Boccoli «LA VERITA’» di Florian Zeller regia di Maurizio Nichetti 15-16-17 novembre 2011 D. Pecci, F. Di Martino «SCENE DA UN MATRIMONIO» di Ingmar Bergman regia di A. D’Alatri 10-11-12 gennaio 2012 Zuzzurro e Gaspare «NON C’E’ PIU’ IL FUTURO DI UNA VOLTA» di P. Aicardi, N. Formicola, C. Pistarino, F. Freyrie regia di Andrea Brambilla 24-25-26 gennaio 2012 R. Valerio, V. Sperlì, P. Bontempo, A. Salaroli, C. Degani, R. Baldassarri «UN MARITO IDEALE» di Oscar Wilde regia di Roberto Valerio 7-8-9 febbraio 2012 Vincenzo Salemme «L’ASTICE AL VELENO» di Vincenzo Salemme regia di Vincenzo Salemme 24-25-26 febbraio 2012 G. Covatta, E. Iacchetti «NIENTE PROGETTI PER IL FUTURO» di Francesco Brandi regia di Francesco Brandi 23-24-25 marzo 2012 S. Somma, O.M. Guerrini, C. Deregibus, G. Aronica «IL GIORNO DELLA CIVETTA» di Leonardo Sciascia regia di Fabrizio Catalano

Fuori abbonamento 16 dicembre 2011 «EVOLUTION DANCE THEATER» IN «FireFly» Coreografie di Anthony Heinl in collaborazione con il G.S.A. Seregno

dal 6 al 18 marzo 2012 I Legnanesi di Felice Musazzi in «SEM NASU PAR PATI’ ...PATEM!» di Felice Musazzi - Antonio Provasio regia di Antonio Provasio

3ª Stagione “Operistica” In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Seregno

1 dicembre 2011 Teatro dell’Opera di Milano «CARMEN» di Georges Bizet orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara

29 marzo 2012 Teatro dell’Opera di Milano «TOSCA» di Giacomo Puccini orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara

16 febbraio 2012 Teatro dell’Opera di Milano «LA BOHÈME» di Giacomo Puccini orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara

12 aprile 2012 Teatro dell’Opera di Milano «CENERENTOLA» di Gioachino Rossini orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:26 Pagina 2

Teatro sanRocco Seregno Via Cavour, 83 - 20831 Seregno Tel. 0362.230.555 - Fax 0362.327.352 E-mail: info@teatrosanrocco.com www.teatrosanrocco.com

2

PARCHEGGIO E SPETTATORI Come nella passata stagione, tutti gli spettatori del teatro San Rocco, oltre ai parcheggi in superficie prossimi al locale di via Cavour, possono usufruire anche del parcheggio interrato comunale, su due piani, che ha una capienza di quasi 300 posti a titolo gratuito, che resta aperto sino all’una di notte, a seguito di una cortese concessione dell’Amministrazione comunale, che pubblicamente ringraziamo. La Direzione


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 3

I

N

T

R

O

D

U

Z

I

O

N

E

I NOSTRI PRIMI... 40 ANNI DI TEATRO on sembra vero ma sono passati i nostri primi 40 anni di stagioni di prosa. Quando iniziavamo con una prima vera stagione teatrale era il 1970. Eravamo giovanissimi e non capivamo che stava partendo una meravigliosa esperienza che ci avrebbe portato a tantissime soddisfazioni. In quegli anni iniziavamo a parlare con le agenzie e le compagnie senza avere esperienza e conoscevamo quasi nulla del meraviglioso e difficile mondo del Teatro, ma avevamo tanto di quell’entusiasmo che nessuno poteva fermarci. In quelle prime stagioni eravamo riusciti ad avere in cartellone dei Grandi come Gaber, Macario, Buazzelli, Proclemer, Rascel, Dapporto, Lionello, Albertazzi, Bramieri, Proietti, Musazzi, Walter Chiari per citarne solo qualcuno ma … tanti, tanti altri Grandi del palcoscenico. Oggi molti di loro non sono più tra noi ma li portiamo nel cuore e nella mente perché grazie anche a loro è cresciuto al San Rocco quel che di più bello ha la Cultura: “Il Teatro, una delle arti più alte delle espressioni della vita”. Non vogliamo ora fare commemorazioni ma solo condividere che i valori veri non sono poi tanti: gli affetti, la correttezza nei rapporti, il rispetto della dignità della persona, la coerenza, la giustizia, e … avere coscienza che uno degli ambiti migliori per rendere tutto questo, nel

N

bene e nel male, evidente, sfrontato, pulsante sulla pelle e nelle tempie, falso e vero nel medesimo istante, sia il palcoscenico. Il palcoscenico che, grazie alla messa in scena delle contraddizioni dell’uomo che continuamente dimentica e mente a se stesso, … questo uomo possa capire. Questo il pubblico lo ha capito e appunto insieme al “nostro qualificato pubblico”, grande protagonista anch’esso di questa faticosa ma gratificante scalata, siamo cresciuti, abbiamo gioito, sofferto e anche sbagliato, ma abbiamo chiaro che la strada fatta era ed è quella giusta e sappiamo che tanta altra ce ne aspetta. Ci viene da dire che sarebbe il caso che “qualcuno” se ne accorgesse ma … importante che continui ad accorgersene il nostro pubblico. A parte i primissimi anni, al San Rocco hanno lavorato e lavorano mediamente 120 persone tutte volontarie, con fatica e sacrificio e come nella vita di ognuno, alcuni non sono più tra noi, ma con orgoglio siamo sicuri che “tutti” negli anni hanno dato il meglio di se stessi per far diventare il San Rocco quello che oggi è riconosciuto come uno dei più importanti e indipendenti teatri Italiani che non hanno finalità di lucro. Spesso nelle riunioni di operatori del settore, sentiamo che citano il San

Rocco come riferimento, come realtà da guardare con rispetto e ammirazione perché ha un pubblico da invidiare e un’organizzazione da tener presente. L’unico metro di misura che usano sono i risultati. Infatti, circa 40 mila spettatori “calcano” la nostra sala ogni anno e tutto ha un senso perché fatto come servizio alla cittadinanza e non solo della città, ma del bacino della Brianza tutta. Quando oggi parliamo con le Produzioni teatrali, e non è più come tanti anni fa, ci accorgiamo che tutti conoscono il San Rocco e ne hanno ammirazione e considerazione, forse anche interessata perché salvo le grandi città, non è facile trovare debutti di tre giorni con tanto e bel pubblico come il nostro, e questo è un grande risultato. Una sera di tanti anni fa, prima di iniziare lo spettacolo con la tutta la sala esaurita che aspettava l’apertura del sipario, il grande Gino Bramieri diceva dietro le quinte: “Voi non sapete quale enorme servizio state portando alla vostra gente, non fermatevi mai e non abbiate mai paura, perché la coscienza ha sempre bisogno di essere aiutata a ragionare, ridendo o piangendo” Quanto è vero questo, il Teatro non è chiamato a dare soluzioni, il Teatro deve riuscire a mettere in discussione e a far pensare, ridendo o piangendo. La Direzione

IN COLLABORAZIONE CON

Firma le case più belle! 23022 Chiavenna (So) Via Consoli Chiavennaschi n.1 Tel. 0343.37.457 Fax 0343.30.287

Stagione

3


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 4

“Gaber se fosse Gaber“ aber se fosse Gaber”, è un incontro-spettacolo composto da un percorso per immagini assolutamente originali e inedite, che fanno vivere o rivivere al pubblico le forti emozioni che solo il canto, la recitazione e la mimica di Gaber sanno trasmettere. Si tratta di un viaggio nel mondo dell’artista, che attraverso opportuni interventi di approfondimento e riflessione, consente al pubblico di scoprire i momenti salienti di quel “teatro canzone” che ha consacrato la fama di Gaber per oltre quarant’anni. La proposta, ideata e condotta dal giornalista e critico musicale Andrea Scanzi, fa seguito a un sorprendente successo ottenuto in un unico evento straordinario a Firenze. La Fondazione ha poi avuto richiesta di programmazione in vari centri culturali della nazione. La scomparsa di Giorgio Gaber, il primo gennaio 2003, ha suscitato immediatamente l’unanime sentimento della mancanza di un riferimento artistico e culturale. I suoi spettacoli costringevano a riflettere, alle biglietterie si affrontavano

di Andrea Scanzi

“G

4

lunghe code pur di non perdere l’annuale appuntamento con l’artista. La figura e l’opera di Gaber, universalmente riconosciuti patrimonio della nostra cultura, hanno indotto la fondazione che ne porta il nome, anche per le sollecitazioni giunte da più parti, ad attivarsi per proporre ogni iniziativa, con lo scopo di sottolineare l’attualità del grande messaggio, mantenendo vivo il suo pensiero. Si sono succedute e istituzionalizzate manifestazioni a livello nazionale, come il “festival di Viareggio” e la grande rassegna “Milano per Gaber”, iniziative editoriali, mostre, la presenza sempre più capillare soprattutto fra il mondo giovanile, le colla-

borazioni con numerose e qualificate produzioni teatrali. La fondazione Giorgio Gaber, è sorta con lo scopo di divulgare, tutelare e valorizzare la figura e l’opera dell’artista scomparso. Per ulteriori informazioni sulle sue attività è possibile consultare il sito ufficiale “www.giorgiogaber.it”. Andrea Scanzi, aretino scrive per “la Stampa” e “MicroMega”. Eclettico si occupa di cultura e spettacolo, sport e costume, politica ed enogastronomia. Autore di diverse biografie e saggi trasversali, ha firmato i bestseller “Elogio dell’invecchiamento”(2007) e “Il vino degli altri” (2010), entrambi per Mondadori. Firma ironica e corrosiva, ha visto la prima volta Gaber all’anfiteatro di Fiesole nel 1991, quando aveva 17 anni. Da allora ne ha parlato e scritto spesso, eleggendolo dichiaratamente a “maestro”.

Durata dello spettacolo: due ore più intervallo

IN COLLABORAZIONE CON

intes

s.p.a. via F. Kennedy, 15 22060 NOVEDRATE (Co) Telefono: 031 790371 Telefax: 031 791648

CINGHIA ELASTICA PER SALOTTI


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 5

La locandina dello spettacolo il “Signor G” andato in scena in prima nazionale al teatro San Rocco, mercoledì 21 ottobre 1970, che contestualmente era anche il debutto ufficiale sulle scene di Giorgio Gaber.

Giorgio Gaber in scena al teatro San Rocco il 14-15-16 febbraio 1997 nello spettacolo “Gaber 96-97”, di Gaber-Luporini, brani originali e brani tratti da “E pensare che c’era il pensiero” dello stesso Gaber.

5

La pagina del calendario di programmazione dell’Utim (Uffici Teatrali Italiani Milano) relativa alla stagione 1970-71, della compagnia di Giorgio Gaber, in cui è fissato il debutto e la prima nazionale del “Signor G”, al San Rocco di Seregno.


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 6

La Verità di Florian Zeller

a collaudata coppia Massimo DapportoBenedicta Boccoli, che nel febbraio dello scorso anno era stata applaudita ne “L’appuntamento”, stavolta in compagnia di Susanna Marcomeni e Massimo Cimaglia, tiene a battesimo la 40esima stagione di prosa con la pièce “La verità”. Una camera. Michel e Alice. Hanno appena fatto l’amore. Così inizia la storia. Michel ha fretta di rientrare a casa, da Laurence, sua moglie, mentre Alice è assalita da continui sensi di colpa, perché Paul, suo marito, è anche il miglior amico di Michel. Laurence non ci mette molto a capire che quelle continue riunioni serali in ufficio sono solo una miserabile scusa, ma sopporta in silenzio come una moglie timorosa di suscitare conseguenze gravi al proprio rapporto di coppia.

L

6

Alice non resiste alla tentazione di raccontare tutto al suo amato Paul, che a sua volta non si scandalizza più di tanto. Secondo lui tutti hanno diritto alle proprie zone di libertà. Anche lui non è immune da qualche distrazione. Così Michel si troverà a doversi giustificare col suo migliore amico di un’azione davvero indegna. Ma mai così bassa come quello che Paul gli confesserà col sorriso sulle labbra… A questo punto le molteplici verità della storia si complicano. Il pubblico viene condotto per mano, allegramente, tra tradimenti veri e tradimenti raccontati. La natura dei singoli personaggi oscilla continuamente dal ruolo della vittima a quella del colpevole… e alla fine al pubblico rimarrà il piacere di capire

IN COLLABORAZIONE CON

dalle ultime battute di Laurence la “Verità” del titolo. Ma sarà un bene conoscerla davvero? Perché come è noto la “Verità” può anche far male. Florian Zeller, l’autore, gioca con il classico tema del tradimento coniugale portandolo alle estreme conseguenze in un continuo scambio di ruoli tra i quattro personaggi della pièce, un gioco di specchi che è il vero divertimento della commedia, specchi che rimbalzano verità sorprendenti.

Durata dello spettacolo: due ore compreso intervallo


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 7


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 8

Scene da un matrimonio

di Ingmar Bergman

uno dei titoli più noti tra le opere di Bergman, messo in scena da uno dei registi più originali del nostro cinema: Alessandro D’Alatri, per il teatro stabile d’Abruzzo, con il divo delle fiction (Daniele Pecci) che torna in teatro, ed una delle giovani nuove primedonne della nostra scena (Federica Di Martino). Il film scritto da Bergman è del 1973. “Scene da un matrimonio” è una pièce assente dalle scene italiane da molto tempo. E’ un testo che invita ad una proposta nei confronti del pubblico attraverso una rilettura dei comportamenti in chiave contemporanea e contestualizzata alla nostra cultura. Molti non conoscono l’opera e neppure visto il film. Il perno centrale dell’opera sta nel rapporto tra un uomo e una donna e lascia immaginare un’interpretazione magistrale tra due attori che si confrontino sul quotidiano della convivenza. Il fatto che i due appartengano ad una fascia d’età in bilico tra la gioventù e la piena maturità rende l’allestimento ancor più interessante. L’impianto scenico è molto semplice. Non un allestimento ma-

E’

8

terico, ma sobrio che mira più alla suggestione che alla rappresentazione. La musica ha un ruolo suggestivo, non come semplice commento, ma soprattutto come “collante” tra le aperture e le chiusure dei vari quadri. L’altro elemento di novità è la contestualizzazione della storia nell’Italia contemporanea. La protagonista femminile si occupa di separazioni (lavora presso uno studio legale). E’ un elemento molto interessante per lo sviluppo delle testimonianze “esterne” che possono affacciarsi sul quotidiano della coppia. La professione del protagonista maschile non sarà più quella del professore universitario, ma un lavoro che obbliga il personaggio a rapide e frequenti assenze. Nonostante i cambiamenti, i due personaggi restano in quel medesimo limbo sociale descritto da Bergman: una media borghesia, colta e progressista, che resta imprigionata nella propria ideologia “politically correct”. Un testo dove non ci sono urla e grida tipiche di quel ti-

po di situazioni, ma dove al contrario si cerca di trovare un equilibrio davanti all’ineluttabilità del danno. In tutto questo diventa evidente l’aspetto ironico, già suggerito dal testo, ma che riportato ai comportamenti “mediterranei” si modella sui due personaggi. Su quello femminile nella paura non del tradimento in sé per sé, ma del subirlo davanti ad una “competitor” più giovane; in quello maschile sulla propria inadeguatezza a gestirlo con una nuova partner con i bisogni e i comportamenti di una generazione diversa. In mezzo a tutto questo la “presenza-assenza” delle due figlie, che come un ago di una bilancia invisibile regolano i ritmi della coppia.

Durata dello spettacolo: due ore compreso intervallo

IN COLLABORAZIONE CON

dal 1972 costruttori di edilizia certificata e di qualità Via F.lli Cairoli, 10 - 20833 Giussano (MB) - Tel. 0362 850738 - Fax 0362 351998 www.ediltre.it - e-mail: ediltregiussano@tiscali.it


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 9


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 10

Non c’è più il futuro di una volta di P. Aicardi, N. Formicola, C. Pistarino, F. Freyrie ai titolo è stato più appropriato per una commedia che , in un contesto storico come l’attuale per le sofferenze in cui vive e si muove la nostra società, offre anche lo spunto per una seria riflessione. Ma se, invece, di pensare al futuro, per una volta, potesse diventare un motivo di divertimento? E se si riuscisse, in questo momento particolare, a riderci sopra, a dissacrarlo? Ci hanno pensato due funambolici folletti della risata: Gaspare e Zuzzurro, che da più di trent'anni leggono e rileggono la nostra quotidianità, la nostra società con stupore bambinesco e sarcasmo da filosofo. E’ nato così “Non c'è più il futuro di una volta”, il nuovo spettacolo del duo che attinge ovviamente a piene mani nelle tecniche consolidate e giocate del cabaret, aggiungendo il piglio personale, il ritmo serrato, il piacere della battuta, una lungimiranza da teatranti, da cittadini acuti ed osservatori, una comicità veloce e democratica ma anche il pensiero fine, la loro visione limpida e dissacrante. E’ una commedia illuminante sul futuro in atto, perché bisogna capirlo oggi per usarlo al meglio domani. Un testo nato dalla necessità di parlare da giovani ai meno giovani, diven-

M

10

IN COLLABORAZIONE CON

tando amici dei più giovani. Perché una risata passa dallo stomaco ai polmoni fino al cervello, prende la strada del pensiero, del voler capire. “Non c'è più il futuro di una volta”, è una carrellata di comicità che attinge dal vero, vira al sociale, denuncia a suo modo le incomprensioni tra i vecchi modelli e le nuove modalità di vivere, di incontrarsi, di condividere, di invecchiare. Nascono così situazioni paradossali, terribilmente rivelatrici di miserie umane ma sempre con il sorriso. Meglio adeguarsi al tempo tenendo strette le nostre peculiarità umane, i nostri esilaranti difetti, i nostri pregi, i nostri sogni. Perché non entrarci, nel terzo millennio, è impossibile, ma Zuzzurro e Gaspare lo fanno a modo loro: ridendoci sopra. Ridere, perché una risata si infiltra nei polmoni, nello stomaco prendendo la strada secondaria del pensiero, del vedere e del capire. Così nascono situazioni paradossali, terribilmente rivelatrici di miserie umane ma sempre con il sorriso. Lo spettacolo vuol essere, tra una battuta e l'altra, una chiave, un suggerimento, una password per adeguarsi, per imparare a stare al tempo per tenere

strette le nostre peculiarità umane, i nostri esilaranti difetti, i nostri stupefacenti pregi. E nell’anno di Darwin danno all’uomo, quel che è solo dell’uomo: se il pollice opponibile lo troviamo in mano non usiamo solo per digitare tastini sempre più piccoli, ma difendiamolo con il gesto ottimista per antonomasia “tutto ok, ce la facciamo, ce la faremo”, anche ad entrare in un terzo millennio pieno di insidie, pieno di strani aggeggi, pieno di personaggi allegorici, sì, ce la faremo raccontando nuove fiabe ai bambini, aggiungendo nuovi sogni ai vecchi ideali. Perché non entrarci è impossibile ma lo fanno a modo loro: ridendoci sopra e tutto sembrerà più leggero, possibile, sopportabile! Gaspare è Zuzzurro si trovano a perfetto agio nei meandri delle nuove diavolerie tecnologiche perché hanno la ricetta giusta: sono sempre più giovani dei giovani veri, perché sono ottimisti dentro e quindi non si fanno mai spaventare da quel mistero per eccellenza che è il futuro. Durata dello spettacolo: un’ora e quarantacinque minuti senza intervallo


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 11


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 12

Un marito

ideale di Oscar Wilde

n ideal husband” (Un marito ideale) dell’acclamato Oscar Wilde, è stata messa in scena per la prima volta il 3 gennaio 1895, al Royal Theatre di Londra. Con “Il ventaglio di Lady Windermere” e “Una donna senza importanza” fa parte della trilogia detta dei “Society dramas”, che precedono il titolo più famoso “L’importanza di essere onesto”. In questi testi, popolati dai tipici personaggi dei drammi salottieri-dall’avventuriera, alla moglie leale ma poco elastica, dal figlio illegittimo, al dandy cinico- è evidente la genialità dell’autore che con conversazioni brillanti, osservazioni irriverenti e frivole, insinua critiche velate, ma feroci alla società borghese che sembra celebrare. Sir Robert Chiltern (Roberto Valerio) è il marito ideale per lady Chiltern (Chiara Degani), incapace di qualsiasi atto immorale; se fosse diverso non potrebbe amarlo. Uomo rispettabilissimo, di grandi capacità, è ormai una personalità e occupa un’importante posizione nella vita politica: è sottosegretario agli affari esteri. Tuttavia egli porta una spina nella sua

A

12

coscienza: ha iniziato la sua ascesa con un atto disonesto e tace alla moglie quell’inizio immorale per paura di perdere il suo amore. Mentre la vita dei coniugi scorre nell’agio e nell’ammirazione di tutti, appare una ricattatrice, la signora Cheveley (Valentina Sperlì), che è a conoscenza della macchia iniziale della carriera di Sir Robert Chiltern e intende avvalersene per i suoi traffici. Quando lui rifiuterà di sottostare ai suoi ricatti, minaccerà di smascherarlo e di rovinargli la carriera e la felicità coniugale. Ma in soccorso di Sir Robert interviene un amico, il visconte Goring (Pietro Bontempo), a impedire che la commedia si chiuda drammaticamente. Il regista Roberto Valerio, scarnificando il testo all’osso, si propone di mettere la lente di ingrandimento su interrogativi di sconcertante attualità: “è possibile una politica senza compromessi? La questione morale è un fatto privato o pubblico? Esiste ancora un limite oltrepassato il quale si prova vergogna delle proprie azioni?”

IN COLLABORAZIONE CON

Al tema pubblico della politica ne aggiunge un altro di carattere privato: “un marito, per essere ideale, deve anche impersonare la perfezione morale? Essere incapace di qualsiasi debolezza e indifferente a qualsiasi tentazione? E se l’uomo potesse arrivare a tanta perfezione, il sentimento della moglie sarebbe l’amore o diverrebbe piuttosto venerazione degna di un essere celestiale? Ma il marito è un uomo: ha egli bisogno di questa venerazione, o di un amore che lo circondi, che lo comprenda, che lo conforti, lo sorregga? Tutti i personaggi ancorati alla loro eleganza, si muovono per spazi angosciosi dove s’annidano duelli, ricatti e compromessi. Nessun personaggio è come sembra. Questa commedia poco rappresentata in Italia riesce a conquistare il pubblico e regalare uno spettacolo “di calviniana leggerezza, tra vaudeville, farsa e satira di costume”. Durata dello spettacolo: un’ora e trenta minuti senza intervallo


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 13


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 14

L’astice al veleno on “L’astice al veleno”, una commedia scritta nell’autunno 2010, e che ha riscosso gran successo nella messa in scena della scorsa primavera, l’autore, Vincenzo Salemme e la sua rinnovata compagnia, torna al San Rocco, dopo un’assenza di dieci anni. Un lavoro basato su un meccanismo comico farsesco ma con il linguaggio tipico della commedia brillante e romantica. Protagonisti sono Barbara (Benedetta Valanzano) e Gustavo (Salemme). Lei è un’attricetta, amante, addolorata e delusa, del regista dello spettacolo che sta provando, il quale regista, a sua volta è un inseparabile ammogliato. Gustavo, invece, è un pony express che porta in giro pacchi dono per il Natale imminente. La vicenda, infatti, nasce e finisce nella giornata del 23 dicembre. Si svolge nel teatro dove Barbara debutterà tra pochi giorni ma in scena coi protagonisti ci saranno quattro figure molto particolari: sono le statue raffigurate nella scenografia, una lavandaia del Cinquecento, uno

C

14

di Vincenzo Salemme scugnizzo di Gemito, un poeta rivoluzionario tratto dal Regno delle Due Sicilie, un “munaciello”, figura mitologica dell’iconografia popolare napoletana, che si esprime come un primitivo. Barbara è una bellissima donna ma molto suscettibile e sognatrice e proprio per questa sua fragilità psicologica, parla con queste figure inanimate che però nella sua fantasia prendono vita. Solo lei (e il pubblico in sala) le vede “vivere”. Sono come gli amici immaginari dei bambini. E, invece, quando in teatro arriva Gustavo col costume di Babbo Natale per consegnarle il dono di una ditta teatrale, anche per lui le statue si muovono. E’ il segno che tra i due c’è molto in comune. Barbara però per mettere fine alla sua relazione con il regista adultero ha un piano diabolico: invitarlo a una cenetta a lume di candela lì in teatro e avvelenarlo con un vino al cianuro di potassio e poi togliersi la vita allo stesso modo.

Quindi l’arrivo di Gustavo complica le cose perché le statue gli impediscono di uscire dal teatro in modo che la sua presenza renda impossibile il piano omicida di Barbara. Il tutto condito dalle incursioni di un astice vivo da cucinare ma che nessuno ha il coraggio di ammazzare. Il ritmo delle battute viene ammorbidito da una decina di pezzi inediti cantati dai personaggi. L’idea di introdurre questi passaggi musicali in un meccanismo narrativo di genere assolutamente comico rappresenta uno degli elementi di maggiore novità nella proposta del 53enne Salemme. E’ uno spettacolo che richiama molto il clima natalizio ma riesce egualmente a portare una ventata di festosa allegria anche negli altri periodi dell’anno.

Durata dello spettacolo: due ore e trenta minuti compreso intervallo

IN COLLABORAZIONE CON CESANO MADERNO Via Naz. dei Giovi, 45 Tel. 0362.504.619 r.a. Fax 0362.500.770

SEREGNO Nuova filiale Via Dublino, 70 Tel. 0362.228900 Fax 0362.228940

Sito internet: www.mobility.it - E-mail: marianiauto@mobility.it


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 15


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 16

Niente progetti per il futuro di Francesco Brandi

iente progetti per il futuro” è un gioco teatrale surreale, una parabola contemporanea, che cerca di raccontare con i toni della leggerezza e del paradosso una società in crisi, dove i valori dell’uomo appaiono lisi e sfilacciati sullo sfondo di un progressivo impoverimento spirituale, protagonisti sono Giobbe Covatta ed Enzo Iacchetti. L’ambientazione è un ponte pedonale della periferia di una grande città, sul quale si incontrano due aspiranti suicidi, uniti dalla comune insana aspirazione ma diversissimi per tutto il resto. Ivan (Giobbe Covatta) è un garagista, uomo semplice e di piacevole concretezza, religioso praticante, di bassa estrazione sociale, con una cultura non certo ricca ma nutrita da un’insopprimibile curiosità che alimenta le sue velleità speculative e finanche filosofiche, un filosofo del paradosso ovviamente! E proprio certe sue speculazioni vittimistiche lo hanno portato a concludere che il modo più consono di reagire al

N

16

tradimento della fidanzata sia levarsi la vita. Tobia (Enzo Iacchetti) invece è un vip della Tv, psicologo di nascita ma opinionista tuttologo di adozione (televisiva). Uomo colto e ironico, ma anche molto egoista e egocentrico. Ultimamente è finito in disgrazia dopo aver involontariamente offeso un alto papavero della televisione in una delle solite schermaglie dei salotti televisivi. Sebbene, pentito dell’incauto gesto, abbia cercato di porvi rimedio con scuse e genuflessioni, subisce ormai da mesi un pesante ostracismo che lo ha logorato lentamente, facendo emergere la sua parte più cinica e nichilista. Su consiglio del suo agente ha speso gli ultimi denari per sposare in sontuose nozze una starlette della tv con cui era fidanzato da tempo, più che per amore per fare un po’ di “rumore” intorno alla sua immagine, ma a poco è servito. Questo è il motivo del suicidio, una carriera distrutta, e soprattutto nessuno

più che lo ama e lo cerca, nemmeno la neo moglie che al contrario di lui è impegnata in una carriera folgorante. Dall’incontro tra queste due diverse disperazioni, che provengono da mondi lontani ma che si riconoscono in fretta, nasce il dramma o la commedia, secondo i diversi punti di vista o la diversa lettura degli avvenimenti. “Niente progetti per il futuro”, di Francesco Brandi che ha curato anche la regia, ha vinto il premio Flaiano 2009, è il ritratto di una società intera, priva di valori e piena di contraddizioni. Per Giobbe Covatta è il terzo ritorno al San Rocco dopo “Art” del novembre 1997 con Ricky Tognazzi e “I sette vizi capitali” del gennaio 2008, mentre dodici anni da “Provaci ancora Sam” dell’aprile 2003, ”Enzino” Iacchetti è al bis. Durata dello spettacolo: due ore e dieci minuti compreso intervallo

IN COLLABORAZIONE CON

Sede Amministrativa: Via Copenaghen, 30/32 - 20831 Seregno (MB) Tel. 0362.231389 - 0362.336399 - Fax 0362.327042 Sede Legale: Via Saragat, 1 - Muggiò (MI) e-mail: OCASaf03@serviziocasasrl.191.it


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 17


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 18

Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia n evento teatrale di notevole spessore culturale e dal sapore tutto nostrano è “Il giorno della civetta”, il romanzo di Leonardo Sciascia nell’adattamento di Gaetano Aronica, per la regia di Fabrizio Catalano, con protagonista Sebastiano Somma e la partecipazione di Orso Maria Guerrini. E’ il primo romanzo giallo pubblicato da Sciascia nel 1961,e suo libro più famoso e venduto. E’ ambientato nella Sicilia degli anni Sessanta. E’ la storia dell’inchiesta su un omicidio condotta dal capitano dei carabinieri Bellodi, parmense onesto e intelligente, pronto ad affrontare qualunque difficoltà, pur di far bene il proprio dovere. Davanti a lui, c’è un cammino lungo, faticoso, irto di ostacoli. In fondo a questo percorso, c’è la verità. Ma la verità, spesso, in Sicilia, ha troppe facce. La Sicilia di questo spettacolo è poco convenzionale. L’azione si svolge principalmente in una piccola caserma dei carabinieri, in una cittadina dell’entroterra. Umido, freddo, freddissimo, durante l’inverno. Negli anni ’60, la sera, le famiglie si riuniscono attorno al braciere, in cerca d’un po’ di calore, prima d’andare a letto, dove, avvolti in lenzuola e coperte bagnaticce, uomini, donne, bambini, si addormenteranno ascoltando l’ululato dei cani randagi, per essere infine svegliati dallo stridio delle ruote d’un carretto,

U

18

sulle strade lastricate di porfido. Un’isola silenziosa, dura, che a Bellodi sembra incomprensibile, a tratti ostile. È la Sicilia dei grandi spazi, dove gli uomini e le menti si perdono. Paesaggi immoti, rischiarati da una luce senz’aria, incorniciati dentro una finestra priva d’infissi od un muro scrostato. Atmosfere che fanno della Sicilia un luogo metafisico, un avamposto in cui l’Europa, l’Africa e l’Oriente s’incontrano, ma il cui orizzonte è perennemente vuoto. Ne “Il giorno della civetta”, Salvatore Colasberna, unico impresario onesto della provincia, viene minacciato, ricattato ed infine ucciso, perché non ha voluto piegarsi ai voleri della mafia, perché s’è rifiutato d’uniformarsi ai comportamenti dei suoi rivali, perché costruiva le case con il cemento piuttosto che con sabbia e sterco. Chi comanda non può permettere che non si rispettino le regole, anche se queste nascono dal sopruso e dall’ingiustizia. Oggi, guardandoci intorno, leggendo i giornali, viaggiando, possiamo, in tutta sincerità, dire che soltanto in Sicilia i soprusi e le ingiustizie vengono imposti con la violenza? In Italia, in Europa, nel mondo, non vige forse la legge del più forte? Chi tocca gli interessi dei potenti, che quasi mai coincidono con quelli del comu-

ne cittadino, muore. Chi ha il potere, ne abusa. In pochi protestano, in pochi si oppongono. I mafiosi che ne “Il giorno della civetta” violentano la giustizia non potrebbero essere faccendieri, rappresentanti del clero, industriali, ministri e perfino presidenti dei giorni nostri? Superfluo precisare che Bellodi, alla fine, perderà la sua battaglia. Dopo essere arrivato ad arrestare tutti i veri colpevoli, su, fino al vertice della piramide mafiosa, fino a don Mariano, anello di congiunzione con il principale partito di governo, il capitano sarà premiato con una licenza ed una promozione, e trasferito; e così come il maresciallo, d’origine siciliana. I mafiosi verranno scagionati dalla testimonianza di persone insospettabili, mentre la responsabilità morale del delitto cadrà su Rosa, moglie dell’uomo che aveva riconosciuto l’assassino e poi misteriosamente scomparso, colpevole soltanto d’essere bella, ma ingiustamente accusata d’avere una relazione con Colasberna. Anche Rosa andrà via, come Bellodi, come il maresciallo. Chi sta dalla parte della giustizia, deve ritirarsi. Ancora una volta. Ma non sarà sempre così. Durata dello spettacolo: due ore e quindici minuti compreso intervallo

IN COLLABORAZIONE CON

20831 Seregno (MB) - Via T. Tasso, 52 Tel:/Fax 0362.231270


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 19


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 20

FUORI ABBONAMENTO

F i re F l y di Anthony Heinl

20

ireFly”, è uno spettacolo fatto di illusioni visive. Un viaggio incentrato sul sogno, la fantasia e la semplicità, risultato della contaminazione di varie discipline: danza, teatro fisico, acrobatica, ma anche video art con in più il ricorso alle più aggiornate macchine sceniche. Il primo intento è quello di stupire e stimolare l’immaginario comune, di trasportare e condurre verso una realtà fatta di illusione e magia, rendendo possibile l’impossibile. Uno spettacolo che porta l’arte alla gente, capace di comunicare, divertire e affascinare, che unisce professionalità e serietà artistica all’intrattenimento. Spettacolo costruito per singole scene in cui prendono vita tra colori e luci in movimento, creature mai viste: slittano nello spazio, si elevano dal suolo, si snodano e si riuniscono con movimenti delicati e misurati.

F

Un’esplosione di visione in cui momenti poetici di rara bellezza si alternano a quelli più ludici e ironici. Uno spettacolo originale e assai diverso rispetto alla ”normale” programmazione. I singoli quadri che si succedono rendono al meglio l’ipnotico connubio tra musica, caleidoscopici giochi di chiaroscuri, luci e ombre, le une complementari alle altre, e corpi in movimento. Gli otto ballerini, quattro uomini e altrettante donne, appaiono come otto plastiche monadi, quasi di gomma, al servizio della messa in scena. Come da gigantesche uova spuntano prima teste e poi braccia per formare, con due uova sovrapposte, immensi birilli. Oppure nella fantasmagorica giungla con strane figure e ominidi, a volte a quattro zampe, o un mostro mollusco dalle braccia e gambe come tu-

IN COLLABORAZIONE CON

bi gonfiabili, o ancora elastici serpenti luminosi o una creatura antropomorfa e zebrata ora saltellante, ora volante, ora galleggiante. Uno dei prodigi di “FireFly” è quello di sconfiggere la forza di gravità. Ma non mancano momenti in cui la danza la fa da padrona con gli impeccabili passi a due. Ma anche le acrobazie in stile circense.

Durata dello spettacolo: settantacinque minuti più quindici di intervallo


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 21


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 22

FUORI ABBONAMENTO

“Sem nasu par patì ...patem“ di Felice Musazzi, Antonio Provasio tavolta, contrariamente ad una lunga passata tradizione, il debutto al “San Rocco” della compagnia de “I Legnanesi”, avverrà dopo la settimana di Carnevale. Un appuntamento che si rinnova da dodici anni consecutivi con la nuova generazione de “I Legnanesi” di Felice Musazzi, ma che sulle tavole di via Cavour, si tramanda quasi ininterrottamente da 43 anni. Una compagnia “cult” e “pop”. Tutto parte dall’insostituibile e mitico cortile. Quello delle “cà de ringhera” di una volta. Luogo dove ogni evento incomincia e che fa affermare alla mitica Teresa “Sem nasu par patì…patem!”, da cui prende il titolo il nuovo spettacolo-rivista, protagonista la famiglia Colombo: a Teresa, a Mabilia, Ul Giuàn, sotto i cui panni ci sono: Antonio Provasio, capocomico e regista, Enrico Dalceri e Luigi Campisi. Il padre operaio di fonderia, la figlia in filanda con l’aspirazione di essere eletta miss, la madre casalinga-operaiapensionata che si arrabatta con i mestieri più disparati. Un mondo quello

S

22

della famiglia Colombo, nel quale non si può pensare che al denaro, nell’ambizione impossibile di sfuggire alla “buleta cronica”, unica eredità tramandata di generazione in generazione, dalla civiltà contadina alla civiltà industriale, di cui subisce ogni possibile contraddizione. Dopo una notte di bagordi la Mabilia arriva all’alba accompagnata dai suoi corteggiatori, neo eletta miss Legnano. Il risveglio per la Teresa è traumatico, arriva finalmente il permesso dal comune per l’apertura nel cortile di un parcheggio per biciclette. Peccato che la domanda sia stata fatta al comune di Legnano nel lontano 1962. Arriva Natale e per i “pover crist” rinasce insieme al bambin Gesù la speranza di una vita più agiata, il Giovanni arriva a casa con la gratifica natalizia...la tredicesima. In casa Colombo arrivano quindi benessere e serenità. Purtroppo, però, i soldi finiscono subito e quindi anche la serenità.

Ai “pover crist” non resta che sognare...i mari del Sud, la filibusta, corsari e pirateria, dobloni d’oro e ricchi bottini. Un finale primo tempo sulle ali della fantasia “rapiti” dai pirati dei mari del sud! Il sogno della Teresa, però, non si ferma qui. La vedovanza per lei è un traguardo quasi irraggiungibile, ma mai dire mai. Si arriva quindi a pregare sulla tomba del forse, magari chissà, defunto Giovanni Colombo. Ma ecco che riappare il Giovanni insieme alla figlia Mabilia per un gran finale in allegria. Quindi alla Teresa non resta che dire: ”Num por puarit sem nasù in quel momentu che ul Signor l’ha creà tuti gli accidenti, dulur da ventar, da denci e da co’, buleta croniga e pesc ancamò, la nostra fortuna a l’è questa al sem...”Sem nasu par patì... patem!”

Durata dello spettacolo: due ore e trenta minuti più quindici di intervallo

IN COLLABORAZIONE CON


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 23


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 24

La quarantesima stagione di prosa del teatro San Rocco è in collaborazione con

CESANO MADERNO Via Naz. dei Giovi, 45 Tel. 0362.504.619 r.a. Fax 0362.500.770

SEREGNO Nuova filiale Via Dublino, 70 Tel. 0362.228900 Fax 0362.228940

Sito internet: www.mobility.it - E-mail: marianiauto@mobility.it

intes

20831 Seregno (MB) - Via T. Tasso, 52 Tel:/Fax 0362.231270

s.p.a. via F. Kennedy, 15 22060 NOVEDRATE (Co) Telefono: 031 790371 Telefax: 031 791648

CINGHIA ELASTICA PER SALOTTI

dal 1972 costruttori di edilizia certificata e di qualità Via F.lli Cairoli, 10 - 20833 Giussano (MB) - Tel. 0362 850738 - Fax 0362 351998 www.ediltre.it - e-mail: ediltregiussano@tiscali.it

23849 ROGENO (Lecco) Via ai Campi Fraz. Calvenzana Tel. 031.865155 - Fax 031.876798

Sede Amministrativa: Via Copenaghen, 30/32 - 20831 Seregno (MB) Tel. 0362.231389 - 0362.336399 - Fax 0362.327042 Sede Legale: Via Saragat, 1 - Muggiò (MI) e-mail: OCASaf03@serviziocasasrl.191.it


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 25

P

I

A

N

T

I

N

A

Teatro sanRocco Seregno GALLERIA

1

1

2

T

1

1

2

2 2

3 3

3

2

4

5

5

3

4

S

3

4

5

6

8 8

0 9 1

9

3

8

K

6

5

4

4

4

13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 11 12

N M L K J

9

6

9

8

7

7

10

8

9

10

D

14 15 16 17 18 11 12 13

A

14 15 16 17 18 11 12 13

3 14 15 16 17 11 12 1

PALCO

V

C B A

T S R

32

26 27 28 29 30 26 31 27 28 29 30 26 31 27 28 29 30 26 31 27 28 32 29 33 30 26 31 27 28 32 29 33 30 26 31 27 28 32 29 3 3 30 26 27 31 28 32 29 3 3 3 0 26 27 31 28 32 29 33 30 26 27 3 1 28 32 29 33 30 31 32

E

3 14 15 16 17 18 19 11 12 1

B

31

F

13 14 15 16 17 18 19 20 11 12

C

0 9 1

W

31 32 33 34 35 31 32 33 34 31 32 33 34 31 32 33 34 31 32 33 34 31 32 33 34 31 32

G

13 14 15 16 17 18 19 20 21 11 12

D

10

9 8

7

13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 11 12

E

10

26 2 7 2 8 2 9 3 0 26 2 7 2 8 2 9 3 0 26 2 7 2 8 2 9 3 0 26 2 7 2 8 2 9 3 0 26 2 7 2 8 2 9 30 26 27 28 29 30 26 27 28 29 30 26 27 28 29 30

I H

6 17 18 19 20 21 22 13 14 15 1 23 11 12

G F

10

8

6

5

O

16 17 18 19 20 21 22 23 24 13 14 15 11 12 25

H

9

7

5

P

16 17 18 19 20 21 22 13 14 15 23 24 25 11 12

10

8

6

Q

17 18 19 20 21 22 13 14 15 16 23 24 25 11 12

I

10

9

6

5

R

PLATEA

10

7

S

Z

17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 2 17 18 19 20 9 3 21 22 23 0 3 24 25 1 26 27 2 8 17 18 19 20 29 21 22 23 30 31 24 25 26 27 28 2 9 3 0 3 1

17 18 19 20 21 22 13 14 15 16 23 24 11 12 25

J

8

7

T

17 18 19 20 21 22 13 14 15 16 23 24 25 11 12

N

10

8

V

17 18 19 20 21 22 13 14 15 16 23 24 11 12 25

O

9

7

6

3

P

10

8

7

W

17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 2 17 18 19 20 9 3 21 22 23 0 3 24 25 1 26 27 28 2 17 18 19 20 9 3 21 22 23 0 3 24 25 1 26 27 28 2 9 3 0 3 1

17 18 19 20 21 22 23 13 14 15 16 24 25 11 12

L

9

Z

13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 11 12

Q

0 9 1

8

3

13 14 15 16 10 11 12

M

9

8

5

8

10

9

8

6

9 9

0 9 1

8

7

8

13 14 15 16 10 11 12

10

9

8

4

7

9 10

8

4

7

6

5

5

4

3

6

5

4

3

5

6

5

7

4

6

5

S

8

15 16 12 13 14 9 10 11

7

6

5

4

8

7

6

5

4

7

9

5

6

7

6

5

4

7

6

13 14 15 16 10 11 12

8

7

6

13 14 15 16 10 11 12

7

7

6

5

4

3

2

4

9

6

7

6

5

4

3

2

5

4

13 14 15 16 10 11 12

5

7

6

9

5

4

3

2

R

1

3

2

S

1

3

8

4

4

3

2

V

1

3

2

W

1

3

2

Z

7

6

Testi e realizzazione di Paolo Volonterio

S

S

32 32 32 32 32 32 32

25


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 26

3a S T A G I O N E O P E R I S T I C A

Carmen

di Georges Bizet Teatro dell’Opera di Milano orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana

amais Carmen ne cédera! Libre elle est née et libre elle mourra! dall’atto quarto. “Carmen”, è un’opera lirica in quattro atti di Georges Bizet, su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy. Tratta dalla novella omonima di Prosper Mérimée (1845), ne apporta delle modifiche salienti tra cui l’introduzione dei personaggi di Escamillo e Micaela e il carattere di Don José, nel romanzo descritto come un bandito rozzo e brutale. Al libretto aveva collaborato lo stesso Bizet che scrisse anche le parole della celebre habanera “L’amour est un oiseau rebelle”. La sua prima rappresentazione è avvenuta all’Opéra-Comique di Parigi il 3 marzo 1875. Inizialmente l’opera non ha avuto grande successo così che Bizet, morto tre mesi dopo la prima rappresentazione, non ha potuto vederne la fortuna. La prima rappresentazione italiana è del 15 novembre 1879, al teatro Bellini di Napoli. La “Carmen” è una storia d’amore e morte, che tocca i vertici più alti della drammaticità. La trama racconta la storia di un amore che nasce, cresce e muore in cuori ardenti ed impetuosi. Carmen, è un personaggio complesso: è civettuola e seducente nella voluttuosa habanera

J

26

del primo atto (l’amour est un oiseau rebelle), funerea (nell’aria delle Carte), fatale e spavalda, come un’eroina delle tragedie classiche, nell’epilogo finale quando sembra offrirsi al coltello di José. La storia già di per sé bellissima, con la musica di Bizet, ricca di colore nei motivi pittoreschi e folcloristici, nelle danze popolari e nelle canzoni, piena di impeto, di ardore, di contrasto fra i festosi motivi zingareschi e l’incalzare drammatico dell’azione, diventa un vero capolavoro, trascinante ed avvincente. Il regista Mario Riccardo Migliara ha predisposto la scena con una tela invisibile come quella tessuta da un ragno, come fosse un implacabile sviluppo della drammaturgia. La sensualità si unisce in una architettura leggera e soave come la musica di Bizet. La trama costituisce il destino dei personaggi e lo svolgersi del filo del ragno un gesto di pura semplicità. La seducente ineluttabilità della protagonista che si trova preda della sua stessa seduzione. La scelta della ragnatela in fibra ottica conferma i presupposti della trama, miscelata alla sensualità e non solo. Una geometria naturale che ammanta una architettura senti-

mentale che senza pietà riconduce all’opera animalesca, ai primari istinti naturali che riconducono al gioco duale di vittima e carnefice. Ogni momento dell’opera è caratterizzato da scambi verbali, dialettiche emotive, sentimenti evidenziati e nascosti, testi gioiosi e corpi immanenti. Il perché scegliere il colore come protagonista di un’opera sta nelle valenze nascoste ed evidenti dell’opera stessa. Carmen è un tutt’uno, un ribollire di elementi vitali che emergono costantemente in ogni pagina della partitura. Il colore della vita pagana è il rosso. In tutte le sue sfumature costruisce e definisce ancora di più la scena. Il colore è protagonista simbolico delle porzioni di tempo espresse nell’opera in tutti i suoi particolari. Ogni costruzione scenica risponde ad un mondo immaginario dove gli interpreti muoveranno parole e fatti in gesti simbolicamente legati alla natura delle loro passioni.

Durata dello spettacolo: due ore e cinquanta minuti più due intervalli

IN COLLABORAZIONE CON


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 27

La Bohème di Giacomo Puccini Teatro dell’Opera di Milano orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana un’opera in quattro atti su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, ispirata al romanzo di Henri Murger “Scène de la via de bohème”. Il libretto ha avuto una gestazione abbastanza laboriosa, per la difficoltà di adattare le situazioni e i personaggi del testo originario ai rigidi schemi e all’intelaiatura di un’opera musicale. La Bohème è stata rappresentata per la prima volta il 1 febbraio 1896 al teatro Regio di Torino, diretta dal 29enne maestro Arturo Toscanini. L’opera ha la stessa fonte e lo stesso titolo dell’omonimo spettacolo di Ruggero Leoncavallo, con cui al tempo Puccini aveva ingaggiato una sfida. L’esistenza gaia e spensierata di un gruppo di giovani artisti costituisce lo sfondo dei diversi episodi in cui si snoda la vicenda dell’opera ambientata nella Parigi del 1830. I brani celebri dell’opera sono: “Che gelida manina”, aria di Rodolfo e “Si mi chiamano Mimì”, aria di Mimì (primo atto); “Quando men vò”, valzer di Musetta (secondo atto); “Donde lieta uscì”, aria di Mimì (terzo atto); “O Mimì, tu più non torni”, duetto tra Rodolfo e Marcello, “Vecchia zimarra” romanza di Colline, “Sono andati? Fingevo di dormire”, assolo di Mimì, tutte nel quarto atto.

È

Il gioco verbale che sin dalle prime battute si rivela negli spiriti e di conseguenza sulle bocche dei personaggi, pervade di ironia tutto l’inizio del dramma. Ironia tipica di chi vive l’ineffabile dell’essere artista. La sfida del regista Mario Riccardo Migliara è percorrere il lavoro di Puccini con un senso di realismo mai abbastanza totale o studiato o fedele. Ha impostato la scena su un fine Ottocento parigino differente, che mostra il gioco dell’autore nei confronti dei personaggi, che mostra la macchina scenica per quella che è e che fosse la più universale. Milano dove Puccini ha vissuto e dove ha scritto Boheme nel quartiere di Brera, quello storico dei bar degli artisti e delle nascite delle avanguardie pittoriche e culturali. Proprio in quei locali dove la vita si sperimentava quotidianamente. Una delle prime immagini è una sala prove di cabaret d’antan dove i personaggi si ritrovano a vivere dei destini che li coinvolgono in una realtà sempre più completa, un interno casa di un palazzo milanese, in un quartiere vitale e pieno di mille energie ancora oggi. I vecchi mestieri di strada mescolati alla gen-

te, la macchina scenica che svela luoghi che esistono nella memoria nostra e in quella dell’autore. Un approccio quasi opposto a quello dei “personaggi” pirandelliani che non sanno dove si trovano e cercano l’autore, nella sua messa in scena, il gruppo di “bohemiennes”, coscienti della macchina drammaturgica e musicale, vivono, loro malgrado, un momento di ribalta, cercando di sottrarsi e di rileggersi in una luce più umana. Il percorso di Bohème in una città come Milano rende ancora più vicini alla sensazione realistica del dramma di Puccini, ma anche di un ulteriore spettacolo dove quasi la quarta parete tra spettatore e messa in scena non esiste. Ci si riconosce nella memoria di Milano antica passando attraverso l’autore che ha vissuto nel quartiere Brera, da sempre il quartiere degli artisti e degli intellettuali.

Durata dello spettacolo: due ore e cinquanta minuti più due intervalli

IN COLLABORAZIONE CON

27


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 28

2a S T A G I O N E O P E R I S T I C A

Tosca

di Giacomo Puccini Teatro dell’Opera di Milano orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana

ell’ora del dolore, perché, perché Signore, perché me ne rimuneri così?”, atto secondo. “Tosca” è un’opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica. La prima rappresentazione si era tenuta a Roma, al teatro Costanzi, il 14 gennaio 1900. Il libretto deriva da “La Tosca” di Victorien Sardou, il dramma rappresentato per la prima volta il 24 novembre 1887 al Théatre de la Porte-Saint-Martin di Parigi, il cui successo fu legato soprattutto all’interpretazione di Sarah Bernhardt nei panni della protagonista. Durante una tournée, “La Tosca” venne rappresentata anche al teatro dei Filodrammatici di Milano, all’inizio del 1889, e Giacomo Puccini vi assistette, rimanendone molto colpito. Così Puccini cominciò a pensare di ricavarne un’opera. Ne parlò con l’editore Giulio Ricordi, chiedendogli di interessarsi ai diritti dell’opera per avere l’autorizzazione a musicarla. Sardou non oppose un netto rifiuto ma dimostrò freddezza; in ogni modo alla fine del 1893, Ricordi ottenne l’autorizzazione a musicarla, anche se a favore di un altro compositore, Alberto Franchetti, che aveva da poco trionfato con Cristoforo Colombo (1892). Luigi Illica preparò l’abbozzo del libretto, che fece approvare da Sardou in presenza di Giulio Ricordi e Giuseppe Verdi (quest’ultimo, a Parigi per la prima francese di Otello, confiderà qualche anno più tardi al suo biografo che, se non fosse stato per l’età, avrebbe voluto lui stesso musicare Tosca).

“N

28

Dopo pochi mesi Franchetti rinunciò a comporre l’opera. Così Ricordi la commissionò a Puccini, nel 1895, che cominciò il lavoro qualche mese dopo il successo de “La bohème”, nella tarda primavera del 1896. Partecipò alla stesura del libretto anche Giuseppe Giacosa, anche se riteneva il soggetto poco poetico e sosteneva che il successo dell’opera era dato dalla bravura della Bernhardt e non dal testo. Dopo alcuni contrasti e ripensamenti, nell’ottobre 1899 l’opera fu completata e il 14 gennaio 1900 venne rappresentata al teatro Costanzi di Roma, con il soprano Hariclea Darclée nel ruolo di Tosca, il tenore Emilio de Marchi nei panni di Cavaradossi e il baritono Eugenio Giraldoni come Scarpia. All’evento erano presenti, tra gli altri, il presidente del Consiglio Pelloux e la regina Margherita di Savoia. La serata fu nervosa, a causa di alcuni spettatori ritardatari il direttore d’orchestra Leopoldo Mugnone fu costretto a interrompere l’esecuzione e ricominciare da capo. Inizialmente criticata da una parte della stampa, che si attendeva un lavoro più in linea con le due preceden-

ti opere di Puccini, Tosca si affermò ben presto in repertorio e nel giro di tre anni fu rappresentata nei maggiori teatri lirici del mondo. La trama: nella Roma papale, poco prima dell’arrivo di Napoleone, la celebre bella cantante Tosca è contesa dal pittore Cavaradossi, di sentimenti liberali, e dal capo della polizia Scarpia. Cavaradossi viene arrestato e condannato a morte, ma Scarpia promette la libertà del patriota se Tosca sarà sua. Tosca accetta, ma durante il convegno uccide Scarpia e, quando vede la fucilazione di Cavaradossi, si getta nelle acque del Tevere. Brani celebri sono: “Recondita armonia”, romanza di Cavaradossi (primo atto); “Tre sbirri... Una carrozza... Presto”, finale primo atto; “Vissi d’arte”, romanza di Tosca , atto secondo; “Mattutino”, preludio all’atto terzo; “E lucevan le stelle”, romanza di Cavaradossi , atto terzo; “O dolci mani mansuete e pure”, arioso di Cavaradossi, atto terzo; “Marcia al supplizio”, atto terzo. Durata dello spettacolo: due ore e quaranta minuti più due intervalli

IN COLLABORAZIONE CON

23849 ROGENO (Lecco) Via ai Campi Fraz. Calvenzana Tel. 031.865155 - Fax 031.876798


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 29

Cenerentola

di Gioachino Rossini

Teatro dell’Opera di Milano orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana a Cenerentola”, è un’opera lirica di Gioachino Rossini su libretto di Jacopo Ferretti. Il titolo originale completo è La Cenerentola, ossia La bontà in trionfo. Il soggetto fu tratto dalla celebre fiaba di Charles Perrault, ma Ferretti si servì anche di due libretti d’opera: Cendrillon di Charles Guillaume Etienne per Nicolò Isouard (1810) e Agatina, o la virtù premiata di Francesco Fiorini per Stefano Pavesi (1814). L’opera fu composta in circa tre settimane e Rossini, come fece in altre occasioni, affidò ad un assistente (in questo caso Luca Agolini) la composizione dei recitativi secchi e delle arie meno importanti, quelle di Alidoro e Clorinda. La prima rappresentazione ebbe luogo il 25 gennaio 1817 al teatro Valle di Roma. Il contralto Geltrude Righetti Giorgi, che era stata già la prima Rosina del Barbiere di Siviglia, cantò il ruolo della protagonista. Il debutto, pur non provocando uno scandalo paragonabile a quello del Barbiere, fu un insuccesso, ma dopo poche recite, l’opera divenne popolarissima e fu ripresa in Italia e all’estero. Come aveva già fatto altre volte, Rossini usò la tecnica dell’autoimprestito, cioè prese le musiche per alcuni brani da opere composte in precedenza: il rondò di Angelina è trat-

“L

to dall’aria del conte di Almaviva del Barbiere “Cessa, di più resistere” e la sinfonia è tratta da quella della Gazzetta. Per una ripresa del 1820 al teatro Apollo di Roma, avendo a disposizione l’ottimo basso Gioacchino Moncada, Rossini sostituì l’aria di Alidoro composta da Agolini con una grande aria virtuosistica (Là del ciel nell’arcano profondo), che nelle rappresentazioni odierne viene solitamente eseguita. Scelta che per altro obbliga a scritturare una prima parte anche per il ruolo di Alidoro, che nella versione originale era poco più di un comprimario. Questa rappresentazione de “La Cenerentola” è il primo evento in assoluto in cui l’opera viene riletta e resa “teatroinmusical”. Rossini con le sue deliziose armonie viene infatti reso più moderno con l’aggiunta di strumenti musicali particolari e armonie nuove. Lo schema è quello dell’opera Cenerentola, ma ancora più divertente, attuale e creativo. Elementi di spettacolarizzazione sono costanti colpi di scena. I recitativi in musica vengono sostituiti con moderni e veloci recitati in prosa e il ritmo fa sì che il tutto costituisca un nuovo genere di spettacolo che mantenendo i momenti di qualità legati all’opera li attualizza e li sviluppa.

Ogni costruzione scenica risponde ad un mondo immaginario dove gli interpreti muoveranno parole e fatti in gesti simbolicamente legati alla natura delle loro passioni. La novità sta nel continuo cambio di fronte e nel punto di arrivo di questa Cenerentola. Lo spiazzamento dei personaggi e del pubblico che seguirà la consueta vicenda senza aspettarsi i colpi di scena. Proiezioni con ampi spazi d’azione con elementi scenici che entrano in scena.

Durata dello spettacolo: due ore e quaranta minuti più due intervalli

IN COLLABORAZIONE CON

29


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 30

P

I

A

N

T

I

N

A

Teatro sanRocco Seregno Poltrone

30

1972-73 1973-74 1974-75 1975-76 1976-77 1977-78 1978-79 1979-80 1980-81 1981-82 1982-83 1983-84 1984-85 1985-86 1986-87 1987-88 1988-89 1989-90 1990-91 1991-92 1992-93 1993-94 1994-95 1995-96 1996-97 1997-98 1998-99 1999-2000 2000-2001 2001-2002 2002-2003 2003-2004 2004-2005 2005-2006 2006-2007 2007-2008 2008-2009 2009-2010 2010-2011

Totale abbonati

Poltroncine 1153 1295 1375 1361 1311 1485 1539 1559 1644 1630 1601 1623 1659 1609 1627 918 1070 1260 1315 1159 1158 1041 1941 1030 897 876 836 750 786 908 1000 1015 967 904 864 987 938 886 850

1972-73 1973-74 1974-75 1975-76 1976-77 1977-78 1978-79 1979-80 1980-81 1981-82 1982-83 1983-84 1984-85 1985-86 1986-87 1987-88 1988-89 1989-90 1990-91 1991-92 1992-93 1993-94 1994-95 1995-96 1996-97 1997-98 1998-99 1999-2000 2000-2001 2001-2002 2002-2003 2003-2004 2004-2005 2005-2006 2006-2007 2007-2008 2008-2009 2009-2010 2010-2011

157 148 177 112 184 165 104 190 163 107 167 204 238 201 216 371 528 655 691 615 630 602 527 629 557 565 517 424 434 484 532 522 470 392 372 417 406 403 377

1972-73 1973-74 1974-75 1975-76 1976-77 1977-78 1978-79 1979-80 1980-81 1981-82 1982-83 1983-84 1984-85 1985-86 1986-87 1987-88 1988-89 1989-90 1990-91 1991-92 1992-93 1993-94 1994-95 1995-96 1996-97 1997-98 1998-99 1999-2000 2000-2001 2001-2002 2002-2003 2003-2004 2004-2005 2005-2006 2006-2007 2007-2008 2008-2009 2009-2010 2010-2011

1210 1343 1452 1473 1395 1650 1643 1649 1707 1737 1768 1827 1897 1810 1843 1289 1598 1915 2006 1774 1788 1643 1468 1659 1454 1441 1353 1174 1220 1392 1532 1537 1437 1296 1237 1404 1344 1289 1227

CosĂŹ per 39 anni...


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 31

Anno dopo anno 1966

17 maggio G. Donizetti L’ELISIR D’AMORE (OPERA) Teatro Massimo di Palermo Tenore Luigi Pontiggia

1967

17-18 ottobre Carlo Maria Pensa I POVERI CRISTI P. Mazzarella

GIOVANI ALLA RIBALTA primo concorso per complessi musicali

marzo GIUSEPPINO D’ORO prima edizione gioco della canzone per bambini 2 maggio GIOVANI ALLA RIBALTA secondo concorso per complessi musicali 3 giugno CANTI DI MONTAGNA concorso città di Seregno prima edizione

1968

19 marzo GIUSEPPINO D’ORO seconda edizione gioco della canzone per bambini 18 maggio CANTI DI MONTAGNA concorso città di Seregno seconda edizione 4-5 dicembre G. Rossini IL BARBIERE DI SIVIGLIA Orchestra Aidem di Firenze diretta dal maestro Giacomo Zani interpreti: Salvatore D’Amico Angelo Zanotti - Maurizio Pozzati - Tino Nava - Fiorella Pediconi Serate inaugurali del nuovo palcoscenico

1969

3 novembre Macario LE FINESTRE SUL PÒ Macario 14 novembre Maurizio Costanzo IL MARITO ADOTTIVO Palmer - Mannoni 29 dicembre 1969 1 gennaio 1970 F. Musazzi OH VITA... OH VITA STRACA I Legnanesi

1970

30 gennaio G. Arpino DONNA AMATA DOLCISSIMA Milly - T. Scotti 14-15 febbraio C.M. Pensa L.S.D. LEI SCUSI DIVORZIEREBBE? A. Valli - R. Lupi - A. Reggiani 4 aprile Bersezio LE MISERIE DI MONSSUT TRAVET Macario 30 aprile - 1 maggio Ferravilla EL TECOPPA P. Mazzarella

20-21 febbraio F. Musazzi FAMM FUMM FRECC E FASTIDI I Legnanesi

16 maggio CANTI DI MONTAGNA concorso città di Seregno quarta edizione

10 marzo Carlo Goldoni ARLECCHINO SERVITORE DI DUE PADRONI Piccolo teatro di Milano

21 ottobre IL SIGNOR G. (recital musicale) Giorgio Gaber

16 marzo GIUSEPPINO D’ORO terza edizione gioco della canzone per bambini 17 aprile MAL DEI PRIMITIVES ospite del concorso “Giovani alla ribalta” terza edizione 23 aprile N. Ginsburg L’INSERZIONE F. Interlenghi - A. Asti 10 maggio CANTI DI MONTAGNA concorso città di Seregno terza edizione 14 maggio VIVA LA GENTE di Bergamo

9 novembre Shakespeare OTELLO S. Fantoni - L. Vannucchi 27 novembre A. Cechov OTTO MELE PER EVA L. Masiero - A. Giuffrè - M. Pisù

1971

21 gennaio L’ULTIMA DILIGENZA PER FORT LARAMIE di Gigi Ganzini Granata regia di Carla Ragionieri Teatro Angelicum di Milano spettacolo per bambini 28 gennaio S. Pagani LA GESETA DEL PASQUIREU P. Mazzarella

25-28 febbraio Felice Musazzi CHI VUSA PUSÈ LA VACA L’È SUA I Legnanesi 7 marzo GIUSEPPINO D’ORO quinta edizione gioco della canzone per bambini 21 marzo Oscar Wilde EPITAFFIO E BALLATA PER SALOMÈ Valeria Moriconi - Gianni Agus Lia Zoppelli 3 aprile Courteline BOUBORUCHE Tino Buazzelli 22 maggio CANTI DI MONTAGNA concorso città di Seregno quinta edizione 7 novembre Thomas Williams - Jan Renard Jan Cocteau QUESTO AMORE COSÌ FRAGILE COSÌ DISPERATO (recital di prosa) Anna Proclemer 26-27 novembre Giordano Pitti LA LEGGE DEL MENGA P. Mazzarella 18-22 dicembre Felice Musazzi E LA BULETA LA VA... LA VA I Legnanesi

1972

18 gennaio Roussin NON SI PUÒ MAI SAPERE Olga Villi - Alberto Lupo 29 gennaio Antony Schaffer OPLÀ NOI CI AMMAZZIAMO Johnny Dorelli - Gianrico Tedeschi 18-19 febbraio A. Rossato - Capodivacca NINA NON FAR LA STUPIDA (commedia umoristica) T. Micheluzzi 2 marzo Armando Curcio A CHE SERVONO QUESTI QUATTRINI Peppino De Filippo 9 aprile GIUSEPPINO D’ORO sesta edizione 20 maggio CANTI DI MONTAGNA concorso città di Seregno sesta edizione 3-4 novembre Carlo Porta EL MARCHIONN DI GAMP AVERT Mazzarella

31


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 32

29 novembre Molière L’AVARO Ernesto Calindri

21-22 dicembre U. Palmarini ARTICOLO QUINTO P. Dapporto

13-14 dicembre Neil Simon IL PRIGIONIERO DELLA 2ª STRADA Renato Rascel - Mario Carotenuto

21 gennaio O. Wilde L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO P. Ferrari - E. Zareschi - A. Geri

1973

13 gennaio Ibsen PEER GYNT C. Pani - F. Nuti - L. Negroni 20-25 febbraio Felice Musazzi TERESA STORY I Legnanesi 6 marzo Carlo Goldoni LA LOCANDIERA Anna Maria Guarnieri 21 marzo U. Betti DELITTO ALL’ISOLA DELLE CAPRE A. Ninchi - E. Zareschi 26 maggio P. Lanzani UN PADRE DI NOME GIUSEPPE Teatro delle Erbe - Milano

7-16 febbraio F. Musazzi I POVER CRIST SUPERSTAR I Legnanesi 12 marzo Giannini LA SERA DEL SABATO A. Giuffrè - G. Farinon FUORI ABBONAMENTO 29 gennaio Peppino De Filippo LA METAMORFOSI DI UN SUONATORE AMBULANTE P. De Filippo 10 aprile Mario Barillà UNA SQUALLIDA NOTTE D’AGOSTO regia di Mario Barillà Teatro delle Erbe di Milano

1973.1974 1975.1976

16 ottobre Tony Cucchiara CAINO E ABELE (prima opera folk italiana) Tony Cucchiara - M. Sannia Anna Melato

10-11 novembre A. Valentinetti PIGNASECCA E PIGNAVERDE (omaggio a Govi) Carlo Dapporto

32

26 novembre Sartre - Rosso di S. Secondo GLI INFERNI G.C. Sbragia - V. Fortunato S. Vannucchi

31 gennaio G. D’Annunzio GIOVANNI EPISCOPO G. Mauri - U. Spadaro - C. Calò 17 febbraio G.B. Shaw LA PROFESSIONE DELLA SIGNORA WARREN S. Ferrati - A. Giordana 26-27 febbraio A. Polacci RISATE IN SALOTTO C. Dapporto - R. Pavone

16 aprile F. Lehar LA VEDOVA ALLEGRA S. Massimini Compagnia Italiana Operetta

25 novembre G. D’Annunzio LA CITTÀ MORTA S. Ferrati - I. Occhini 6-14 dicembre F. Musazzi REGNA LA ROGNA I Legnanesi

5 febbraio R. Viviani I VECCHI DI S. GENNARO T. Buazzelli

1 marzo G. Feydeau L’ALBERGO DEL LIBERO SCAMBIO A. Tieri - G. Lojodice

13 febbraio C. Goldoni L’IMPRESARIO DELLE SMIRNE N. Castelnuovo - A. Lupo C. Scarpitta

14 marzo A. Sauvagnon ANATRA ALL’ARANCIA Alberto Lionello

26 febbraio L. Pirandello PENSACI GIACOMINO S. Randone

1 maggio TRA NOI Walter Chiari - I. Zanicchi Tony Renis

18 marzo H. Ibsen IL COSTRUTTORE SOLNESS R. Vallone - G. Paolieri

12-13 dicembre L. Pirandello TROVARSI R. Falk - U. Pagliai - T. Albani

18 gennaio ANCHE LE FIGLIE DI MARIA PORTANO I JEANS E. Macario - M. Fabbri

15-16 novembre W. Shakespeare LA BISBETICA DOMATA V. Moriconi - G. Mauri

17 gennaio Carlo Gozzi TURANDOT C. Scarpitta - R. Giovanpietro F. Branciaroli

30 novembre - 1 dicembre Sofocle EDIPO RE G.C. Sbragia - S. Fantoni

7 gennaio W. Shakespeare LE ALLEGRE COMARI DI WINDSOR T. Buazzelli

8 marzo T. Cucchiara TRAGICOMICA CON MUSICA T. Cucchiara - L. Toccafondi M. Medici

24 gennaio A. De Benedetti DÒ DONZENN DE SPIN Piero Mazzarella

28 ottobre Briller LA FOLLE AMANDA L. Masiero - A. Foà

5 gennaio A. Cechov IL GABBIANO E. Zareschi - P. Ferrari

9 ottobre R. Medetti LO SCIOPERO DELLA BENEFICENZA Piero Mazzarella

20 dicembre W. Shakespeare VITA E MORTE DI RE GIOVANNI G. Bosetti - C. Pani - P. Borboni B. Vilar - M. Piave

1974.1975

14-15 dicembre Amendola e Corbucci FARSA D’AMORE E DI GELOSIA R. Rascel - A. Foà - G. Saltarini

10 aprile P. Lanzani SOTTO LA CEDRINA Teatro delle Erbe - Milano

1976.1977

17 aprile C. Lombardo - V. Ranzato CIN CIN LA’ S. Massimini Compagnia Italiana Operetta IL PAESE DEI CAMPANELLI S. Massimini Compagnia Italiana Operetta

1977.1978 31 ottobre - 1-2 novembre N. Marino UN ANGELO CALIBRO 9 R. Schiaffino - A. Foà L. Zoppelli - M. Remigi 12-13 novembre Silveri QUEL DIAVOLO DI SANTARELLINA P. Mazzarella - R. Pavone 3-4 gennaio E. Albee CHI HA PAURA DI VIRGINIA WOLF? L. Brignone - R. Palmer 12 gennaio CONCERTO INSIEME O. Vanoni e i New Trolls 7-8 febbraio L. Pirandello IL BERRETTO A SONAGLI Turi Ferro - I. Carrara

29 settembre G. Feydeau OCCUPATI D’AMELIA V. Valeri

2-3 marzo Garinei e Giovannini ANCHE I BANCARI HANNO UN’ANIMA G. Bramieri - V. Valeri - P. Tedesco

1 novembre N. Simon LA STRANA COPPIA Ric e Gian

30 marzo COMPAGNIA BALLETTO CLASSICO L. Cosi - M. Stefanescu


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 33

22 aprile L. Pirandello L’UOMO, LA BESTIA E LA VIRTÙ A. Tieri - G. Lojodice - G. Agus

9-10 febbraio Giacosa COME LE FOGLIE L. Brignone - G. Santuccio U. Orsini

1978.1979 1980.1981 22-23 novembre W Shakespeare GIULIO CESARE P. Micol - R. Giovanpietro con Teatro Popolare di Roma 2-3 dicembre Novelli IL CONIGLIO E. Macario - M. Del Frate C.M. Puccini 17-18 gennaio J. Cocteau I PARENTI TERRIBILI L Brignone - A. Miserocchi 8-9 febbraio N. Coward VITE PRIVATE P. Ferrari - I. Ghione O.M. Guerrini - P. Pitagora

18-19 novembre G. Patroni Griffi KESSLERKABARETT Le gemelle Kessler

6-7 dicembre G.B. Shaw LA MILIARDARIA A. Proclemer - L. Pistilli 22-23 dicembre Eduardo De Filippo IO L’EREDE E.M. Salerno - V. Lario 4-5 febbraio N. Coward SPIRITO ALLEGRO A. Tieri - G. Lojodice - G.M. Spina - P. Borboni

26 marzo M. Castellacci FORZA VENITE GENTE Teatro Unione di Viterbo (la piazzetta) 1-2 aprile Schiller I MASNADIERI G. Lavia - U. Orsini FUORI ABBONAMENTO 18 febbraio Barillet e Gredy FIORE DI CACTUS V. Valeri - P. Ferrari 5-14 febbraio F. Musazzi IL CORTILE DEI MIRACOLI I Legnanesi

1982.1983 30-31 ottobre P. De Filippo QUANDO NAPOLI È COMMEDIA L. De Filippo - G. Gleijeses

3-4 marzo L. Pirandello IL PIACERE DELL’ONESTÀ A. Lionello

28 febbraio - 1 marzo B. Slade SERATA D’ONORE PER UN AMICO A. Lionello

18-19 novembre C. Goldoni LA BOTTEGA DEL CAFFÈ V. Caprioli - R. Cucciolla

8-9 maggio R. Lerici A ME GLI OCCHI PLEASE Gigi Proietti

18-19 marzo W. Shakespeare MACBETH G. Mauri - M. Crippa

11-12 dicembre L. Pirandello TUTTO PER BENE G. Bosetti

FUORI ABBONAMENTO 18-19 ottobre Mingardo - Silveri LUCIA DI LAVER SMORT P. Mazzarella

FUORI ABBONAMENTO 25-26 ottobre Amendola e Corbucci LANDRÙ STORY E. Beruschi - S. Carnacina E. Thole - L. Casini

18-19 gennaio C. Goldoni IL BUGIARDO U. Pagliai - P. Gasman

3-19 novembre F. Musazzi UNO... DUE... TRE... CIAPAL CH’AL GHE I Legnanesi 28 novembre VIVA LA GENTE Musical

19-20 febbraio R. Pavone - T. Reno GLI AMICI 6-29 gennaio F. Musazzi IL CORTILE DEI MIRACOLI I Legnanesi

1979.1980 1981.1982 7-8 novembre Moliere IL TARTUFO G. Bosetti - U. Pagliai - P. Borboni - A. Bonfigli

21-22 novembre N. Marino SOLDI M. Malfatti - R. Palmer

24-25 novembre Chiarelli LA MASCHERA E IL VOLTO A. Tieri - G. Lojodice

3-4 dicembre Molière IL MALATO IMMAGINARIO G. Bosetti - M. Bonfigli

23-23 gennaio Bill Mannoff IL GUFO E LA GATTINA W. Chiari - L. Monti 3-4 febbraio N. Simon A PIEDI NUDI NEL PARCO P. Quattrini - L. Zoppelli G. Bonagura 5-6 marzo G.B. Shaw CANDIDA A. Tieri - G. Lojodice 19-20 marzo L. Hellman PICCOLE VOLPI A. Proclemer

1983.1984

13-14 dicembre F. Crommelynck IL MAGNIFICO CORNUTO E.M. Salerno- V. Lario

23-24 gennaio L. Pirandello IL GIUOCO DELLE PARTI A. Tieri - G. Lojodice

19-20 novembre C. Goldoni SIOR TODARO BRONTOLON G. Moschin M. Crippa

11-12-13 gennaio Terzoli e Vaime FELICI E CONTENTI G. Bramieri - L. Trouchè - D. Poggi - O. Orlando

26-27-28 febbraio Terzoli - Vaime - Garinei LA VITA COMINCIA OGNI MATTINA G. Bramieri - C. Scarpitta

18-19 dicembre L. Pirandello COME PRIMA, MEGLIO DI PRIMA A. Proclemer

26-27 gennaio C. Goldoni LA LOCANDIERA C. Gravina - P. Micol

13-14 marzo L. Pirandello ENRICO IV G. Albertazzi

12-13 gennaio G. Patroni Griffi METTI UNA SERA A CENA F. Bolkan - M. Placido

Anno dopo anno

33


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 34

11-12 febbraio T. Williams LA GATTA SUL TETTO CHE SCOTTA C. Gravina - M. Carotenuto 21-22 marzo Molière DON GIOVANNI D. Abbatantuono - L. Troisi 29-30 marzo T. Stoppard LA COSA VERA S. Fantoni - I. Occhini FUORI ABBONAMENTO 15-17 ottobre A. Martinoni E SE L’ITALIA LA VA INSCI I Maltrainsema 20 novembre R. Silveri EL FRADELL DE ME FRADELL E SO FRADELL P. Mazzarella 20 gennaio Gaber - Allosio - Colli UNA DONNA SBAGLIATA O. Colli

1984.1985

34

18-19 gennaio W. Shakespeare LA DODICESIMA NOTTE G. Mauri - L. Negroni - M. Bellei 1-2 febbraio L. Pirandello VESTIRE GLI IGNUDI M.A. Melato 20-21 febbraio Eduardo De Filippo UOMO E GALANTUOMO Luca De Filippo 22-23 marzo Neil Simon CALIFORNIA SUITE L. Masiero - R. Palmer

1986.1987 30 ottobre J. Romanis KNOCK, O IL TRIONFO DELLA MEDICINA E.M. Salerno - I. Occhini FUORI ABBONAMENTO 8-9 novembre L. Pirandello IL GIOCO DELLE PARTI A. Lionello - E. Blanc

8 novembre S. Gordon RIC E GIAN SHOW Ric e Gian - Minnie Minoprio

20-21 novembre B. Shaw NON SI PUÒ MAI SAPERE E. Calindri - O. Villi - L. Pistilli

14-15 novembre J. Cocteau L’AQUILA A DUE TESTE R. Falk - U. Orsini

3-4 dicembre C. Goldoni LE DONNE GELOSE A.M. Guarneri - V. Zernitz

29-30 novembre Waterhouse e Hall USCIRÒ DALLA TUA VITA IN TAXI L. Masiero - R. Palmer

16-17-18 gennaio Terzoli e Vaime SONO MOMENTANEAMENTE A BROADWAY G. Bramieri - P. Tedesco

29-30 gennaio V. Sardou DIVORZIAMO A. Lionello - E. Blanc

27-28 gennaio J. Deval TOVARITCH I. Monti - A. Giordana

8-9-10 febbraio Terzoli e Vaime PARDON MONSIEUR MOLIÈRE G. Bramieri - M. Monti - M. Dapporto

18-19 febbraio C. Goldoni LA FAMIGLIA DELL’ANTIQUARIO G. Tedeschi - F. Andreasi

2-3 marzo Flaubert MADAME BOVARY G. Ralli - G.C. Sbragia 26-27 marzo Molière IL MISANTROPO A. Tieri - G. Lojodice 17 aprile C. Goldoni IL BURBERO BENEFICO M. Scaccia FUORI ABBONAMENTO 8 dicembre - 1 gennaio F. Musazzi LASCIATE CHE I PENDOLARI VENGONO A ME F. Musazzi - T. Barlocco e I Legnanesi

1985.1986 7 novembre L. Pirandello MA NON È UNA COSA SERIA L. Pambieri - L. Tanzi - E. Calindri 23-24 novembre V. Brancati LA GOVERNANTE C. Gravina - T. Ferro 3-4 dicembre H. De Balzac MERCADET L’AFFARISTA V. Caprioli

1987.1988

1988.1989 11-12-13 novembre L. Pirandello TUTTO PER BENE G. Tedeschi 25-26-27 novembre W. Gibson ANNA DEI MIRACOLI M.A. Melato 16-17-18 dicembre Thompson SUL LAGO DORATO E. Calindri - O. Villi 25-26-27 gennaio N. Simon LA VEDOVA ALLEGRA: SOUVENIR L. Savignano - M. Pierin 3-4-5 febbraio N. Simon IL PRIGIONIERO DELLA SECONDA STRADA A. Lionello - E. Blanc 3-4-5 marzo Molière L’AVARO U. Tognazzi - F. Mari

1989.1990 1-2-3 dicembre C. Goldoni LA BOTTEGA DEL CAFFÈ G. Bosetti - M. Bonfigli

23-24-25 gennaio Tullio Kezich IL GALLO Tratto da “Il bell’Antonio” di Vitalino Brancati T. Ferro - I. Carrara 2-3-4 febbraio Victorien Sardou MADAME SANS-GÊNE V. Moriconi 1 marzo M. Luzi HYSTRIO P. Borboni - S. Lo Monaco 23-24-25 marzo B. Slade L’ANNO PROSSIMO STESSA ORA I. Monti - A. Giordana

13-14-15-16 novembre Neil Simon LA STRANA COPPIA M. Vitti - R. Falk

6-7-8 aprile A.R. Gurney L’ORA DEL COCKTAIL E. Calindri - L. Feldmann

24-25-26 novembre Molière LE DONNE SACCENTI E. Calindri - O. Villi

4-7 maggio Terzoli & Vaime GLI ATTORI LO FANNO SEMPRE G. Bramieri - G. Jannuzzo

8-9-10 dicembre J. Joyce ESULI A. Tieri - G. Lojodice 15-16-17 gennaio Terzoli e Vaime UNA ZINGARA MI HA DETTO G. Bramieri - P. Quattrini 19-20-21 febbraio P. Barillet e J.P. Gredy FIORE DI CACTUS I. Monti - A. Giordana 1-2-3 marzo E. Scarpetta ’O SCARFALIETTO L. De Filippo FUORI ABBONAMENTO 22 ottobre - 8 novembre F. Musazzi LA SCALA È MOBILE I Legnanesi

1990.1991 23-24-25 ottobre E. De Filippo LE BUGIE CON LE GAMBE LUNGHE A. Tieri - G. Lojodice 9-10-11 novembre L. Pirandello COME PRIMA MEGLIO DI PRIMA M. Malfatti 11-12-13 gennaio Marriot e Foot NIENTE SESSO, SIAMO INGLESI G.F. D’Angelo 18-19-20 gennaio J. Kirkwood e N. Dante A CHORUS LINE Compagnia della Rancia 19-20-21 febbraio Molière IL MALATO IMMAGINARIO T. Ferro - I. Carrara


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 35

12-13-14 marzo J. Kilty CARO BUGIARDO A. Proclemer - G. Albertazzi 19-20-21 aprile Wedekind LULÙ Milva FUORI ABBONAMENTO 4 dicembre T. Kezich IL VITTORIALE DEGLI ITALIANI C. Pani 1-2-3 marzo A. Benvenuti - A. Brambilla ”SETE”, L’ALLEGRIA DI PERDERSI Zuzzurro e Gaspare

1991.1992 11-12-13 ottobre L. Pirandello ENRICO IV G. Bosetti - M. Bonfigli

15-16-17 novembre G.B. Shaw PIGMALIONE R. Montagnani - L. Saraceni 10-11-12 dicembre W.A. Rose INDOVINA CHI VIENE A CENA E. Calindri - L. Feldmann 9-10-11-12 gennaio L. Pirandello SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE E.M. Salerno 23-24-25-26 gennaio I. Fiastri - E. Vaime FOTO DI GRUPPO CON GATTO G. Bramieri - G.F. Jannuzzo 7-8-9 febbraio Cooney - Hylton CHI FA PER TRE G.F. D’Angelo 13-14-15 marzo J. Sterner I SOLDI DEGLI ALTRI S. Fantoni FUORI ABBONAMENTO 27-28 marzo F. Musazzi - L. Zoni LEGNANESI STORY Compagnia dialettale I Legnanesi

1992.1993 6-7-8 novembre W. Shakespeare IL MERCANTE DI VENEZIA A. Lionello - E. Blanc 11-12-13 dicembre Garinei e Giovannini IL GIORNO DELLA TARTARUGA Compagnia della Rancia 11-12-13 gennaio G. Patroni Griffi MARGHERITA, LA SIGNORA DELLE CAMELIE L. Sastri

9-10-11 febbraio K. Waterhouse e Hall UNA BOTTIGLIA PIENA DI RICORDI J. Dorelli 19-20-21 febbraio D. Starnone SOTTO BANCO A. Finocchiaro - S. Orlando 12-13-14 marzo Costa - Cirri - Ferrentino - Melazzi DUE L. Costa - G. Melazzi 26-27-28 marzo A. Strindberg LA SIGNORINA GIULIA G. Lavia - M. Guerritore FUORI ABBONAMENTO 27-28 febbraio I. Fiastri - E. Vaime FOTO DI GRUPPO CON GATTO G. Bramieri - G.F. Jannuzzo 15-16 aprile Brambilla e Formicola MI AIUTI A CREDERMI Zuzzurro e Gaspare

1993.1994 12-13-14 novembre W. Somerset Maugham CIRCOLO E. Calindri - L. Feldmann

3-4-5 dicembre C. Goldoni LA FAMIGLIA DELL’ANTIQUARIO G. Bosetti - M. Bonfigli 12-13-14-15-16 gennaio V. Cerami TEATRO EXCELSIOR M. Ranieri 25-26-27 gennaio W. Shakespeare SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE T. Russo 10-11-12-13 febbraio J. Fiastri - E. Vaime SE UN BEL GIORNO ALL’IMPROVVISO G. Bramieri - G.F. Jannuzzo 15-16-17 marzo J. Masteroff - J. Kander - F. Ebb CABARET Compagnia della Rancia 19-20-21 aprile G. Giacosa COME LE FOGLIE S. Fantoni - B. Rossi

1994.1995 28-29-30 ottobre N. Gogol L’ISPETTORE GENERALE F. Branciaroli - M. Sciaccaluga

18-19-20 novembre F. Dostoevskij IL SOGNO DI UN UOMO RIDICOLO G. Lavia 2-3-4 dicembre A. Roussin NINÀ M. Dapporto - N. Brilli - G. Crippa

23-24-25 gennaio N. Manfredi - N. Marino GENTE DI FACILI COSTUMI N. Manfredi - L. Tanzi 14-15-16 febbraio G. Feydeau IL TACCHINO A. Tieri - G. Lojodice 13-14-15 marzo Shevelove - Gelbart - Sondheim DOLCI VIZI AL FORO Compagnia della Rancia 4-5-6 aprile R. Binosi L’ATTESA M. Crippa - E. Pozzi FUORI ABBONAMENTO 9 novembre M. e G. Calindri LA GRANDE PAURA E. Calindri - L. Feldmann Serata d’onore per Ernesto Calindri 2-3-4 marzo A. Testa LA VITA È UN TRAM Compagnia I Legnanesi

1995.1996 3-4-5 novembre Age - Scarpellini - Benvenuti De Bernardi - Fiastri - Magni BOBBY SA TUTTO J. Dorelli - L. Goggi 20-21-22 novembre Colette GIGI E. Calindri - L. Feldmann G. Guidi - I. Barzizza M.L. Baccarini 1-2-3 dicembre E. De Filippo UOMO E GALANTUOMO L. De Filippo - A. Pagano - N. Di Pinto 12-13-14 gennaio A. Miller UNO SGUARDO DAL PONTE M. Placido - G. Jelo - N. Bellomo K. Proia 6-7-8 febbraio B. Brecht L’OPERA DA TRE SOLDI T. Russo 23-24-25 febbraio C. Exton TWIST M. Columbro - L. Masiero M. D’Abbraccio 19-20-21 marzo W. Shakespeare LA DODICESIMA NOTTE R. Montagnani - P. Colizzi - M. Medici

1996.1997 25-26-27 ottobre G. Feydeau DAL MATRIMONIO AL DIVORZIO S. Fantoni 15-16-17 novembre Sofocle EDIPO G. Mauri - R. Sturno

Anno dopo anno

35


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 36

3-4-5 dicembre G. Kanin NATA IERI V. Marini - D. Del Prete S. Santospago

19-20-21 febbraio 1999 Teatro di Genova con A. Jonasson «LE FALSE CONFIDENZE» di Marivaux regia di M. Sciaccaluga

14-15-16 gennaio E. Vaime ALLE VOLTE BASTA UN NIENTE G. Jannuzzo - C. Koll

2-3-4 marzo 1999 G.F. Jannuzzo «DUE ORE SOLE TI VORREI» di Vaime e Verde regia di P. Garinei

14-15-16 febbraio Gaber e Luporini GABER 96/97 brani originali e brani tratti da E PENSARE CHE C’ERA IL PENSIERO G. Gaber 18-19-20 marzo B. Comden e A. Green CANTANDO SOTTO LA PIOGGIA Compagnia della Rancia R. Paganini 4-5-6 aprile Euripide MEDEA F. Branciaroli

1997.1998

31 ottobre - 1-2 novembre1997 V. Moriconi-M. Venturiello «LA ROSA TATUATA» di T. Williams regia G. Vacis 17-18-19 novembre 1997 R. Tognazzi - G. Covatta P. Graziosi «ART» di Y. Reza regia di R. Tognazzi 2-3-4 dicembre 1997 M. Columbro-B. De Rossi «ANATRA ALL’ARANCIA» di M.G. Sauvajon regia di P.R. Gastaldi

36

9-10-11 gennaio 1998 V. Salemme «L’AMICO DEL CUORE» di V. Salemme regia di V. Salemme 3-4-5 febbraio 1998 G.F. Jannuzzo «UN UOMO IN MEZZO AL MARE» di G.F. Jannuzzo regia di P. Quartullo 10-11-12 marzo 1998 F. Branciaroli - I. Morlacchi «RICCARDO III» di Shakespeare regia di A. Calenda 23-24-25 marzo 1998 L. Masiero-M. Pambieri R. Peroni-O. Bobbio «NON TI CONOSCO PIÙ» di A. De Benedetti regia P.R. Gastaldi FUORI ABBONAMENTO 26-27-28 febbraio «STRACCI» Compagnia dialettale I Legnanesi

1998.1999

20-21-22 novembre 1998 Zuzzurro e Gaspare «RUMORI FUORI SCENA» di M. Frayn regia di M. Sciaccaluga

14-15-16 dicembre 1998 M. Dapporto - M. A. Monti «PLAZA SUITE» di N. Simon - regia di G. Ferro 8-9-10 gennaio 1999 V. Salemme «E FUORI NEVICA» di V. Salemme regia di V. Salemme

22-23-24 marzo 1999 Teatro Bellini di Napoli con T. Russo e S. Milo «AMLETO» di Shakespeare regia di T. Russo 20-21-22 aprile 1999 C. Giuffrè - A Pagano «NATALE IN CASA CUPIELLO» di E. De Filippo regia di C. Giuffrè

1999.2000

26-27-28 novembre 1999 S. Lo Monaco «CYRANO DE BERGERAC» di E. Rostand regia di G. Patroni Griffi 25-26-27 gennaio 2000 J. Dorelli «L’AMICO DI TUTTI» di B. Slade regia di P.R. Gastaldi 4-5-6 febbraio 2000 G.L. Guidi - M.L. Baccarini «STANNO SUONANDO LA NOSTRA CANZONE» di N. Simon regia di L. Proietti 15-16-17 febbraio 2000 Teatro della Munizione di Messina «MY FAIR LADY» di A.J. Lerner - F. Loewe regia di M.R. Piparo

3-4-5 marzo 2000 Teatro Bellini di Napoli con Tato Russo «GRAN CAFÈ CHANTANT» di Scarpetta regia di T. Russo 14-15-16 marzo 2000 M. Crippa - M. Donadoni «L’ANNASPO» di R. Orlando regia di C. Pezzoli 3-4-5 aprile 2000 V. Salemme «DI MAMMA C’È N’È UNA SOLA» di V. Salemme regia di V. Salemme FUORI ABBONAMENTO 15-16 ottobre 1999 I Legnanesi «LA GIOSTRA» di A. Testa regia di A. Testa 13 aprile 2000 Club Teatro Musica Roma «FORZA VENITE GENTE» di M. e P. Castellacci e P. Palumbo regia di P. Castellacci Musical organizzato dal Gruppo Solidarietà Africa

2000.2001

27-28-29 ottobre 2000 G.L. Guidi - M.L. Baccarini C. Bonuglia «TAXI A DUE PIAZZE» di R. Cooney regia di Gigi Proietti 1-2-3 dicembre 2000 A. De La Roche - Arianna T. Dallara - A. Banfi «IL MAGO DI OZ» di L. Frank Baum regia di F. Crivelli

19-20-21 gennaio 2001 A. Proclemer - L. Masiero M. Bellei - M. Maranzana «BELLA FIGLIA DELL’AMORE» di R. Harwood regia di P.R. Gastaldi 6-7-8 febbraio 2001 G. Mauri - R. Sturno «RE LEAR» di W. Shakespeare regia di G. Mauri 20-21-22 febbraio 2001 M. Columbro - M.A. Monti «STESSA ORA, IL PROSSIMO ANNO» di B. Slade regia di P.R. Gastaldi 13-14-15 marzo 2001 C. Koll - G. Bianchi «NINOTCHKA» di M. Lengyel regia di F. Crivelli 6-7-8 aprile 2001 V. Valeri «FELICITA COLOMBO» di G. Adami regia di P.R. Gastaldi FUORI ABBONAMENTO 15-16 novembre 2000 I Legnanesi «GIUBILEO... CHE GIBILE’» di A. Testa regia di A. Testa

2001.2002

26-27-28 ottobre 2001 Zuzzurro e Gaspare «LA CENA DEI CRETINI» di F. Veber regia di A. Brambilla

20-21-22 novembre 2001 Johnny Dorelli «LE NOTTI DI LAS VEGAS» di F.D. Gilroy regia di P. Rossi Castaldi 4-5-6 dicembre 2001 G.F. Jannuzzo - P. Quattrini F. Testi - A. Falchi «SE DEVI DIRE UNA BUGIA DILLA GROSSA» di R. Cooney regia di P. Garinei 22-23-24 gennaio 2002 P. Milani - C. Simoni - A. Battain «IL GIARDINO DEI CILIEGI» di A. Cechov regia di M. Bernardi 1-2-3 febbraio 2002 R. Casale - C. Reali - M. Frattini «LA PICCOLA BOTTEGA DEGLI ORRORI» di Ashman regia di S. Marconi 1-2-3 marzo 2002 V. Salemme - C. Buccirosso M. Casagrande «SOGNI E BISOGNI» di V. Salemme regia di V. Salemme 15-16-17 marzo 2002 P. Quattrini - E. Lo Verso «UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO» di T. Williams regia di L. Salvetti FUORI ABBONAMENTO 12 dicembre 2001 in collaborazione con Gsa (Gruppo Solidarietà Africa) The Original Usa Gospel Singer «HARLEM SPIRITUALS» 12-13 aprile 2002 Compagnia dialettale legnanese “Felice Musazzi” «IL CORTILE DEI MIRACOLI» di F. Musazzi regia di A. Provasio


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 37

2002.2003 30-31 ottobre 2002 1 novembre 2002 G.L. Guidi - M.L. Baccarini «PROMESSE PROMESSE» di N. Simon regia di J. Dorelli 26-27-28 novembre 2002 E. Pagni - I. Monti «SIOR TODERO BRONTOLON» di C. Goldoni regia di R. Shamman 7-8-9 dicembre 2002 Compagnia de “La Rancia” «GREASE» di J. e W. Casey regia di S. Marconi 21-22-23 gennaio 2003 G. Jannuzzo - P. Quattrini L. Mario «È MOLTO MEGLIO IN 2» di Fiastri e Vaime regia di P. Garinei 11-12-13 febbraio 2003 U. Orsini - G. Lazzarini «ERANO TUTTI MIEI FIGLI» di A. Miller regia di C. Lievi 28 febbraio - 1-2 marzo 2003 M. Columbro - F. Draghetti «FUNNY MONEY» di R. Cooney regia di P.R. Castaldi 11-12-13 aprile 2003 E. Jacchetti - L. Vasini «PROVACI ANCORA SAM» di W. Allen regia di M. Navone FUORI ABBONAMENTO 27-28-29 marzo 2003 Compagnia dialettale legnanese “Felice Musazzi” «VA LA BATÈL» di F. Musazzi e A. Provasio regia di A. Provasio

2003.2004

7-8-9 novembre 2003 G.F. D’Angelo - B. Boccoli M. Falsini «IL PARADISO PUÒ ATTENDERE» di H. Segall regia di A. Lezzi, G.F. D’Angelo 2-3-4 dicembre 2003 Compagnia Planetmusical G. Raucci - L. Sartori - R. Roberts «LA FEBBRE DEL SABATO SERA» di N. Cohn regia di M.R. Piparo 6-7-8 gennaio 2004 R. Bani - B. Messini - M. Martino «FULL MONTY» di T. McNally regia di G. Proietti 20-21-22 gennaio 2004 M. Lopez - T. Solenghi «LA STRANA COPPIA» di N. Simon regia di G. Fenzi 3-4-5 febbraio 2004 M.A. Monti - A. Catania «TI HO SPOSATO PER ALLEGRIA» di A. Miller regia di C. Lievi

17-18-19 febbraio 2004 G. Mauri - R. Sturno «IL VOLPONE» di B. Jonson regia di G. Mauri 16-17-18 marzo 2004 C. Giuffrè - N. Mascia «MISERIA E NOBILTÀ» di E. Scarpetta regia di C. Giuffrè FUORI ABBONAMENTO 26-27-28-29 febbraio 2004 Compagnia dialettale legnanese “Felice Musazzi” «CHI VUSA PUSÈ LA VACA L’È SUA» di F. Musazzi e A. Provasio regia di A. Provasio

2004.2005

2005.2006

21-22-23 ottobre 2005 Gaspare e Zuzzurro «CIÒ CHE VIDE IL MAGGIORDOMO» di Joe Orton regia di Andrea Brambilla

14-15-16 novembre 2005 M. D’Abbraccio L. Diberti - I. Barzizza «LA GATTA SUL TETTO CHE SCOTTA» di Tennesse Williams regia di Francesco Tavassi 23-30 novembre 1 dicembre 2005 L. De Filippo - I. Piro «NAPOLI MILIONARIA» di Eduardo De Filippo regia di Francesco Rosi

19-20-21 novembre 2004 Compagnia teatro stabile Bellini con Tato Russo «NAPOLI HOTEL EXCELSIOR» di Raffaele Viviani regia di Tato Russo

18-19-20 gennaio 2006 M. Giusti - R. Lanfranchi L. Orfei «SE IL TEMPO FOSSE UN GAMBERO» di J. Fiastri e B. Zapponi regia di Pietro Garinei commedia musicale

29-30 novembre 1 dicembre 2004 G.L. Guidi - A. Falchi «A PIEDI NUDI NEL PARCO» di Neil Simon regia di Gianluca Guidi

10-11-12 febbraio 2006 G. Mauri - R. Sturno «DELITTO E CASTIGO» di Fedor Dostoewskij regia di Glauco Mauri

14-15-16 gennaio 2005 M. Massironi - G. Ingrassia «HARRY TI PRESENTO SALLY» di Nora Ephron regia di Daniele Falleri 1-2-3 febbraio 2005 G.F. Jannuzzo «NORD & SUD» di G.F. Jannuzzo e R. Barbero regia di Pino Quartullo 18-19-20 febbraio 2005 G. Mauri - R. Sturno «IL BUGIARDO» di Carlo Goldoni regia di Glauco Mauri 1-2-3 marzo 2005 L. Goggi - M. Bideri «MOLTO RUMORE (SENZA RISPETTO) PER NULLA» di W. Shakespeare regia di Lina Wertmuller 15-16-17 marzo 2005 P. Villoresi - V. Ciangottini A. Attili «LE TRE SORELLE» di Anton Cechov regia di Maurizio Panici FUORI ABBONAMENTO 11 novembre 2004 «FRANCESCO. L’UOMO IL SANTO» di Luisa Zappa e Angelo Branduardi regia di Oreste Castagna in collaborazione con G.S.A. (Gruppo Solidarietà Africa) 8-9-10-11-12-13 febbraio 2005 Compagnia dialettale legnanese “Felice Musazzi” «TELA LÀ LA LUNA» di Felice Musazzi e Antonio Provasio regia di Antonio Provasio

10-11-12 marzo 2006 G.F. Jannuzzo - M. Arcuri «LIOLÀ» di Luigi Pirandello regia di Gigi Proietti 7-8-9 aprile 2006 M.A. Monti - G.F. Imparato F. Barbero - G. Weber «MARGARITA E IL GALLO» di Edoardo Erba regia di Ugo Chiti FUORI ABBONAMENTO 24 novembre 2005 Mnogaja Leta Quartet in concerto «GOOD NEWS» negro spirituals in collaborazione con G.S.A. 25-26-27-28 febbraio 1-2-3-4-5 marzo Compagnia dialettale “Felice Musazzi” «BU... COME BULETA» di Felice Musazzi regia di Antonio Provasio

2006.2007

3-4-5 novembre 2006 C. Tedeschi - C. Bonuglia M. Falsini «SABRINA» di Samuel A. Taylor regia di Massimo Natale

21-22-23 novembre 2006 G. Pambieri - L. Tanzi «IL PIACERE DELL’ONESTÀ» di Luigi Pirandello regia di Lamberto Pugelli 1-2-3 dicembre 2006 Tato Russo e compagnia teatro Bellini fondazione teatro stabile di Napoli «LA TEMPESTA» di William Shakespeare regia di Tato Russo

Anno dopo anno

37


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 38

9-10-11 gennaio 2007 G. D’Angelo - I. Monti «INDOVINA CHI VIENE A CENA» di William Arthur Rose regia di Patrick Rossi Gastaldi 6-7-8 febbraio 2007 P. Quartullo - S. Collodel «QUELLA DEL PIANO DI SOPRA» di Pierre Chesnot regia di Gigi Proietti 9- 10-11 marzo 2007 E. Brignano - con S. Samarelli «BRIGNANO CON LA “O”» di Brignano - Fornari - Scaletta regia di Enrico Brignano commedia musicale 30-31 marzo - 1 aprile 2007 Compagnia della Rancia «NUNSENSE…» LE AMICHE DI MARIA di Dan Goggin regia di Fabrizio Angelini musical FUORI ABBONAMENTO dal 13 al 25 febbraio 2007 Compagnia dialettale “I Legnanesi” «POVER CRIST… SUPERSTAR» di Felice Musazzi Antonio Provasio regia di Antonio Provasio

2007.2008

16-17-18 novembre 2007 M. Laurito - M. Fiordaliso F. Mari - M. Metri «MENOPAUSE THE MUSICAL» di Jeanie Linders regia di Manuela Metri

4-5-6 dicembre 2007 Zuzzurro e Gaspare «SARTO PER SIGNORA» di Georges Feydeau regia di Andrea Brambilla

38

7-8-9 gennaio 2008 B. D’Urso - M. Micheli - S. Milo «IL LETTO OVALE» di R. Cooney e J. Chapman regia di Gino Landi 22-23-24 gennaio 2008 G.F. Jannuzzo - D. Poggi «IL DIVO GARRY» di Noël Coward regia di Francesco Macedonio 8-9-10 febbraio 2008 Massimo Dapporto «I GEMELLI VENEZIANI» di Carlo Goldoni regia di Antonio Calenda 11-12-13 marzo 2008 G. Gleijeses - L. Mastelloni M. Bargilli "IO, L’EREDE» di Eduardo De Filippo regia di A. R. Shammah 4-5-6 aprile 2008 G.C. Zanetti - L. Lattuada «LA GUERRA DEI ROSES» di Warren Adler regia di Ugo Chiti FUORI ABBONAMENTO 19 ottobre 2007 La Compagnia dell’Oniro «LA VEDOVA ALLEGRA» di Franz Lehar regia di P. Santonastaso 19 dicembre 2007 La Compagnia della Rancia «JESUS CHRIST SUPERSTAR» di A. Lloyd Webber - T. Rice in collaborazione con GSA dal 16 febbraio al 2 marzo 2008 I Legnanesi di F. Musazzi «REGNA LA ROGNA» di F. Musazzi - A. Provasio regia di A. Provasio

2008.2009

17-18-19 ottobre 2008 M. Melato «SOLA ME NE VO...» di Cerami, Cassini Melato, Solari regia di Giampiero Solari 18-19-20 novembre 2008 C. Noschese - C. Ginepro «IL GIORNO DELLA TARTARUGA» di Garinei, Giovannini regia di Saverio Marconi 3-4-5 dicembre 2008 M. Columbro, M. D’Abbraccio «ROMANTIC COMEDY» di Bernhard Slade regia di A. Benvenuti 27-28-29 gennaio 2009 G. Mauri - R. Sturno «FAUST» di J.W. Goethe regia di Glauco Mauri 10-11-12 febbraio 2009 A. Gassman «LA PAROLA AI GIURATI» di Reginald Rose regia di A. Gassman

13-14-15 marzo 2009 G. D’Angelo - I. Monti «UN GIARDINO FATTO IN CASA» di Neil Simon regia di P. Rossi Gastaldi 3-4-5 aprile 2009 P. Rispo - D. Frediani «MATRIMONIO A SORPRESA» di Gaetano Di Maio regia di Alex Pani FUORI ABBONAMENTO 7 novembre 2008 La Compagnia dell’Oniro con E. Guarnera, C. Gigli «CIN CI LÀ» di C. Lombardo musiche di C. Lombardo e V. Ranzato 22 dicembre 2008 Manuel Frattini «ROBIN HOOD» di M. Giovanetti regia di C. Ginepro MUSICAL in collaborazione con GSA dal 17 febbraio al 1 marzo 2009 I Legnanesi di F. Musazzi «60 ANNI, IN UN UNICA GRANDE RIVISTA» di F. Musazzi - A. Provasio regia di A. Provasio

2009.2010

6-7-8 novembre 2009 T. Teocoli «TEO TEOCOLI SHOW» di T. Teocoli regia di Teo Teocoli

24-25-26 novembre 2009 F. Branciaroli «VITA DI GALILEO» di B. Brecht regia di A. Calendra 8-9-10 gennaio 2010 A. Preziosi «AMLETO» di William Shakespeare regia di A. Pugliese

5-6-7 marzo 2010 C. Buccirosso «VOGLIAMOCI TANTO BENE» di C. Buccirosso regia di C. Buccirosso 26-27-28 marzo 2010 C. Tedeschi - D. Caprioglio «L’ANATRA ALL’ARANCIA» di William D. Home e Marc Gilbert Saubajon regia di E. Coltorti FUORI ABBONAMENTO 1-2-3 dicembre 2009 Compagnia Teatrale San Giovanni Bosco «VACANZE ROMANE» musical dal celebre film regia di G. Trabattoni 22 dicembre 2009 «J.J. HAIRSTON & YOUTHFUL PRAISE» musica gospel coro di 19 elementi diretto da J. Hairston jr dal 13 al 21 febbraio 2010 I Legnanesi di Felice Musazzi «OH VITA... OH VITA STRACA» di F. Musazzi - A. Provasio regia di A. Provasio

2010.2011

22-23-24 ottobre 2010 Teatro delle Erbe «LA DIVINA COMMEDIA» regia di Giancarlo Sforza musiche di M. Frisina

16-17-18 novembre 2010 Corrado Tedeschi Debora Caprioglio «SPIRITO ALLEGRO» di Noel Coward regia di Patrick Rossi Gastaldi 21-22-23 gennaio 2011 Gino Rivieccio Corinne Clery «IL PADRE DELLA SPOSA» di Caroline Franke regia di Marco Parodi 25-26-27 febbraio 2011 Paolo Ferrari Andrea Giordana «UN ISPETTORE IN CASA BIRLING» di John Boynton Priestley regia di Giancarlo Sepe 21-22-23 marzo 2011 Manuel Frattini, Roberto Ciufoli di F. Carbon e G. Tallon «ALADIN - IL MUSICAL» regia di F. Colombi 5-6-7 aprile 2011 Massimo Lopez «CIAO FRANKIE» di Giorgio Lopez direzione d’orchestra Gabriele Comeglio 26-27-28 aprile 2011 Cristina Sarti Antonio Salinas «LA BOTTEGA DEL CAFFÈ» di Carlo Goldoni regia di Giuseppe Emiliani

19-20-21 gennaio 2010 A. Bonaiuto - A. Boni, M. Cescon - S. Orlando «IL DIO DELLA CARNEFICINA» di Yasmine Reza

FUORI ABBONAMENTO 14 dicembre 2010 Manuel Frattini, Roberto Ciufoli «ALADIN - IL MUSICAL» di F. Carbon e G. Tallon regia di F. Colombi in collaborazione con G.S.A. Seregno

2-3-4 febbraio 2010 M. Dapporto - B. Boccoli «L’APPUNTAMENTO» di Billy Wilder e A.L. Diamond regia di Patrick Rossi Gastaldi

dall’1 al 13 marzo 2011 I Legnanesi di F. Musazzi «FAM FUM E FRECC» di F. Musazzi - A. Provasio regia di A. Provasio


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 39

Stagione “Corsia di sorpasso” In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Seregno

1996.1997 12 dicembre 1996 G. Cabella «LA STANZA DEI FIORI DI CHINA» A. Finocchiaro

11 gennaio 2001 Zelig - Max Pisu «TARCISIOSCOPIA»

2005.2006

1 marzo 2001 Paolo Rossi «ROMEO AND JULIET» di W. Shakespeare

12 gennaio 2006 Zelig & Bananas Beppe Braida in «SEGNALI DI FUMO» regia di Giancarlo Bozzo

30 gennaio 1997 P. Galassi «COMPAGNIA BURRO FUSO» Maionese

2001.2002

4 marzo 1997 «I CORTI» Aldo, Giovanni & Giacomo

14 febbraio 2002 Zelig & Bananas Natalino Balasso «IL BALASCIÒ» di N. Balasso

1997.1998 18 febbraio 1998 Enzo Jacchetti «IL GRANDE IAC» di F. Freyrie regia di D. Sala 5 marzo 1998 Alessandro Bergonzoni «ZIUS» di A. Bergonzoni regia di A. Bergonzoni

7 marzo 2002 Enrico Bertolino «BEI TEMPI» di E. Bertolino, A.Di Risio E. Santin, G. Solari 18 aprile 2002 Ficarra e Picone «VUOTI A PERDERE» di Ficarra e Picone

2002.2003

16 aprile 1998 Quelli di Grock «CAOS» di V. Cavalli-C. Intropido regia di C. Intropido

9 gennaio 2003 Zelig & Bananas Flavio «IL MOMENTO È CATARTICO»

1998.1999

20 febbraio 2003 Zelig & Bananas Ale & Franz «2 E VENTI»

28 gennaio 1999 Gene Gnocchi «SANTO SANNAZZARO… FA UNA ROBA TUTTA SUA» di F. Freyrie e Gene Gnocchi regia di D. Sala 18 marzo 1999 Grazia Scuccimarra «UNA RAGIONE C’É SEMPRE» di G. Scuccimarra regia di G. Scuccimarra 7 aprile 1999 «Teatro della Munizione» di Messina «JESUS CHRIST SUPERSTAR» di A.L.Webber e T. Rice regia di M. Piparo

1999.2000 16 dicembre 1999 Theresa Thomason and the Sisters from New York «SISTER ACT» di H. Troy - Versione orginale 13 gennaio 2000 I «Fichi d’India» - Bruno Arena e Max Cavallari «UNO, DUE, TRE... STELLA» 23 marzo 2000 Politeama di Genova «I CAVALLI MARCI» IN «ZAGADAN» regia di C. Nocera

13 marzo 2003 Politeama di Genova I Cavalli Marci «CHIACCHIERE E DISTINTIVO» di C. Nocera

2003.2004 12 febbraio 2004 Zelig & Bananas Leonardo Manera «ASPETTO E SPERO» 25 marzo 2004 Zelig & Bananas Fabrizio Fontana «NON SOLO TONT» 15 aprile 2004 Pali & Dispari «SIAMO RIMASTI SOTTO» di P. Mingone

16 febbraio 2006 Zelig & Bananas Paolo Migone in «COMPLETAMENTE SPETTINATO» regia di Riccardo Zinna 23 marzo 2006 Zelig & Bananas Alessandro Fullin e Clelia Sedda in «GENGIS KAHN OVVERO IL PROBLEMA DEL TARTARO» regia di Paola Galassi

2006.2007 18 gennaio 2007 Bananas-Zelig Geppy Cucciari in «SI VIVE UNA VOLTA SOLA» regia di Paola Galassi 1 febbraio 2007 Pali e Dispari in «APPOGGIATI SCOMODI» regia di Paolo Migone 1 marzo 2007 Max Pisu- Urbano Moffa Fabrizio Consoli in «AUTOGRILL» regia di Alessandra Torre

2007.2008 31 gennaio 2008 Giobbe Covatta in "SEVEN - I 7 VIZI CAPITALI" di G. Covatta - P. Catella regia di Giobbe Covatta 27 marzo 2008 Franco Neri in "DIMMI CHE LAVORO FAI TI DIRÒ CHI SEI" di F. Neri - G. Trevisan M. Domenicali regia di G. Trevisan M. Domenicali 10 aprile 2008 Leonardo Manera in "COSTOLE" di Leonardo Manera con R. Piferi e M. Del Conte regia di Marco Rampolli

2004.2005 2008.2009 27 gennaio 2005 Zelig & Bananas Antonio Cornacchione in «POVEROSILVIO» regia di Giorgio Donato

6 marzo 2009 Natalino Balasso in «LA TOSA E LO STORIONE» di Natalino Balasso regia di Natalino Balasso

10 marzo 2005 Zelig & Bananas Sergio Sgrilli in «DORMO QUANTO UN VOMBATO!» regia di Renato Sarti

25 marzo 2009 Paolo Poli in «SILLABARI» di Paolo Poli da Goffredo Parise regia di Paolo Poli

Anno dopo anno

2000.2001 14 dicembre 2000 I Cavalli Marci «NETTUNO, NESSUNO E CENTOMILA» con I Cavalli Marci

7 aprile 2005 Fichi d’India in «E VISSERO FELICI E...»

17 aprile 2009 Compagnia FlamenQueVive in «COLORES MORENO» regia di G. Raccagni musica e danza flamenca

39


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 40

Stagione operistica

In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Seregno

2009-2010 10 dicembre 2009 Teatro dell’Opera di Milano «LA TRAVIATA» di Giuseppe Verdi orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara

11 marzo 2010 Teatro dell’Opera di Milano «IL BARBIERE DI SIVIGLIA» di Gioachino Rossini orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara

2010-2011

40

2 dicembre 2010 Teatro dell’Opera di Milano «IL TROVATORE» di Giuseppe Verdi orchestra Filarmonica di Milano coro Lirico Europeo regia di Mario Riccardo Migliara

3 febbraio 2011 Teatro dell’Opera di Milano «MADAMA BUTTERFLY» di Giacomo Puccini orchestra Filarmonica di Milano coro Lirico Europeo regia di Mario Riccardo Migliara

15 marzo 2011 Teatro dell’Opera di Milano «IL RIGOLETTO» di Giuseppe Verdi orchestra Filarmonica di Milano coro Lirico Europeo regia di Mario Riccardo Migliara

14 aprile 2011 Teatro dell’Opera di Milano «DON PASQUALE» di Gaetano Donizetti orchestra Filarmonica di Milano coro Lirico Europeo regia di Mario Riccardo Migliara

2011-2012 1 dicembre 2011 Teatro dell’Opera di Milano «CARMEN» di Georges Bizet orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara

16 febbraio 2012 Teatro dell’Opera di Milano «LA BOHÈME» di Giacomo Puccini orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara

29 marzo 2012 Teatro dell’Opera di Milano «TOSCA» di Giacomo Puccini orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara

12 aprile 2012 Teatro dell’Opera di Milano «CENERENTOLA» di Gioachino Rossini orchestra Filarmonica di Milano corale Lirica Ambrosiana regia di Mario Riccardo Migliara


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 41

Autori G. Adani FELICITA COLOMBO (2001) V. Valeri W. Adler LA GUERRA DEI ROSES (2008) G. Zanetti - L. Lattuada Age - Scarpellini BOBBI SA TUTTO (95) J. Dorelli - L. Goggi Aicardi-Formicola-Pistarino- Freyrie NON C’È PIÙ IL FUTURO DI UNA VOLTA (2012) Zuzzurro e Gaspare E. Albee CHI HA PAURA DI VIRGINIA WOLF? (78) L. Brignone - A. Lupo Alex & Franz 2 E VENTI (2003) Alex & Franz Allen Woody PROVACI ANCORA SAM (2003) E. Iacchetti - L. Vasini Aldo-Giovanni e Giacomo “I CORTI” (97) A. Baglio - G. Storti - G. Poretti M. Massironi Amendola e Corbucci FARSA D’AMORE E DI GELOSIA (76) R. Rascel - A. Foà - G. Saltarini LA GATTA E IL CONIGLIO F. Barbero - S. Carnacina LANDRÙ STORY (80) E. Beruschi - S. Carnacina - E. Thole L. Casini G. Arpino DONNA AMATA DOLCISSIMA (70) Milly - T. Scotti Ashman Howard LA PICCOLA BOTTEGA DEGLI ORRORI (02) R. Casale - M. Frattini - C. Reali Balasso Natalino IL BALASCIÒ (02) Natalino Balasso LA TOSA E LO STORIONE (09) Natalino Balasso P. Barillet e J.P. Gredy FIORE DI CACTUS (1982) V. Valeri - P. Ferrari FIORE DI CACTUS (1988) I. Monti - A. Giordana L.F. Baum IL MAGO DI OZ (2000) A. De La Roche - Arianna - T. Dallara - A. Banfi Michael Bennet A CHORUS LINE (VERSIONE ITALIANA) (91) Compagnia della Rancia produzione Marche diretta da Saverio Marconi Benvenuti - De Bernardi BOBBI SA TUTTO (95) J. Dorelli - L. Goggi Bergman Ingmar SCENE DA UN MATRIMONIO (2011) Daniele Pecci-Federica Di Martino Alessandro Bergonzoni ZIUS (98) A. Bergonzoni Bersezio LE MISERIE DI MONSSUT TRAVET (70) Macario Bertolino Enrico - A. Di Risio E. Santin - G. Solari BEI TEMPI (02) Enrico Bertolino U. Betti IL DELITTO DELL’ISOLA DELLE CAPRE (73) A. Ninchi - E. Zareschi R. Binosi L’ATTESA (95) M. Crippa - E. Pozzi

Bizet Georges CARMEN (2011) Teatro dell’Opera di Milano Orchestra Filarminica di Milano Corale Lirica Ambrosiana

P. Chesnot ALLA SALUTE! (79) A. Tieri - G. Lojodice - G. Agus QUELLA DEL PIANO DI SOPRA (07) P. Quartullo- S. Collodel

B. Braida - A. De Luca - R. Pifferi SEGNALI DI FUMO (06) Beppe Braida

Chiarelli LA MASCHERA E IL VOLTO (79) A. Tieri - G. Lojodice

V. Brancati LA GOVERNANTE (85) C. Gravina - Turi Ferro

Coburn GIN GAME P. Stoppa - F. Valeri

Brandi Francesco NIENTE PROGETTI PER IL FUTURO (2012) G.Covatta - E.Jacchetti

J. Cocteau L’AQUILA A DUE TESTE (84) R. Falk - U. Orsini I PARENTI TERRIBILI (79) L. Brignone - A. Miserocchi

A. Brambilla - A. Benvenuti ”SETE”, ALLEGRIA DI PERDERSI (91) Zuzzurro e Gaspare MI AIUTI A CREDERMI (93) Zuzzurro e Gaspare

N. Cohn LA FEBBRE DEL SABATO SERA (03) L. Sartori - R. Roberts - G. Raucci

B. Brecht L’OPERA DA TRE SOLDI (96) Tato Russo VITA DI GALILEO (09) Franco Branciaroli

Colette GIGI (95) E. Calindri - L. Feldmann - G.L. Guidi M.L. Baccarini

E. Brignano - A. Fornari- M. Scaletta BRIGNANO CON LA “O” (07) Enrico Brignano

B. Comden - A. Green CANTANDO SOTTO LA PIOGGIA (97) Compagnia della Rancia

Briller LA FOLLE AMANDA (74) L. Masiero - A. Foà

Compagnia FlamenQueVive COLORES MORENO (09) musica e danza flamenca

Carlo Buccirosso VOGLIAMOCI TANTO BENE (2010) Carlo Buccirosso

Cooney Ray TAXI A DUE PIAZZE (2000) G.L. Guidi - M. L. Baccarini SE DEVI DIRE UNA BUGIA DILLA GROSSA (01) Jannuzzo - Quattrini - Testi - Falchi FUNNY MONEY (2003) Marco Columbro - F. Draghetti LETTO OVALE (2008) B. D’Urso - M. Micheli

G. Cabella LA STANZA DEI FIORI DI CHINA (96) A. Finocchiaro M.G. Calindri LA GRANDE PAURA (94) E. Calindri - L. Fedelmann Capodivecchia - Rossato NINA NON FARE LA STUPIDA (72) T. Micheluzzi Casey J. e W. GREASE (2002) Compagnia de “La Rancia” A. Cavalli CAOS (98) Quelli di Grock Cavalli Marci ZAGADAN (2000) NETTUNO, NESSUNO E CENTOMILA (2000) CHIACCHIERE E DISTINTIVO (2003) I Cavalli Marci L. Costa - M. Cirri - S. Ferrentino G. Melazzi DUE, ABBIAMO UN’ABITUDINE ALLA NOTTE (93) Lella Costa - Giorgio Melazzi Mario Castellacci FORZA VENITE GENTE (82) Teatro unione di Viterbo (la piazzetta) M. e P. Castellacci-P. Palumbo FORZA VENITE GENTE (2000) Club teatro musica - Roma Cechov Anton IL GABBIANO (77) Elena Zareschi - Paolo Ferrari OTTO MELE PER EVA (70) L. Masiero - A. Giuffré - M. Pisù IL GIARDINO DEI CILIEGI (02) P. Milani - C. Simoni - A. Battain LE TRE SORELLE (05) P. Villoresi-V.Ciangottini- A.Attili- S.Budri V. Cerami TEATRO EXCELSIOR (94) M. Ranieri V. Cerami - R. Cassini - M.A. Melato G.P. Solari SOLA ME NE VO (08) M. Melato

Cooney - Hilton CHI FA PER TRE (92) G. Franco D’Angelo A. Cornacchione POVERO SILVIO (05) Antonio Cornacchine M. Costanzo IL MARITO ADOTTIVO (69) P. Mannoni Courteline BOUBORUCHE (71) Tino Buazzelli G. Covatta - P. Catella SEVEN - I 7 VIZI CAPITALI (2008) G. Covatta N. Coward VITE PRIVATE (79) P. Ferrari - I. Ghione - O.M. Guerrini P. Pitagora SPIRITO ALLEGRO (81) A. Tieri - G. Lojodice - G.M. Spina P. Borboni IL DIVO GARRY (2008) G.F. Jannuzzo - D. Poggi SPIRITO ALLEGRO (010) C. tedeschi - D. Caprioglio Crommelynck IL MAGNIFICO CORNUTO (79) E.M. Salerno Tony Cucchiara CAINO E ABELE (prima opera folk italiana) (73) T. Cucchiara - M. Sannia - M.A. Melato TRAGICOMIA CON MUSICA (77) T. Cucchiara - L. Toccafondi - M. Medici G. Cucciari - L. Wilson SI VIVE UNA VOLTA SOLA (07) Geppy Cucciari Armando Curcio A CHE SERVONO QUESTI QUATTRINI (72) Peppino De Filippo I CASI SONO DUE Aldo e Carlo Giuffrè

Autori

41


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 42

Beppe Dati ROBIN HOOD (08) Manuel Frattini

J. Fiastri - B. Zapponi SE IL TEMPO FOSSE UN GAMBERO (06) M. Giusti - R. Lanfranchi - L. Orfei

G. D’Annunzio GIOVANNI EPISCOPO (77) G.L. Mauri - U. Spadaro - C. Calò LA CITTÀ MORTA (75) S. Ferrati - I. Occhini

J. Fiastri - P. Garinei - A. Trovaioli AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA (06) AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA (08) Compagnia teatrale San Giovanni Bosco

H. De Balzac MERCADET L’AFFARISTA (85) V. Caprioli A. De Benedetti DÒ DOUNZENN DE SPIN (76) Piero Mazzarella NON TI CONOSCO PIÙ (98) L. Masiero - M. Pambieri - R. Peroni O. Bobbio

Fichi d’India UNO, DUE, TRE… STELLA (2000) cabaret E VISSERO FELICI E... (05) cabaret I Fichi d’India (Bruno Arena e Max Cavallari)

De Bernardi - Benvenuti BOBBI SA TUTTO (95) J. Dorelli - L. Goggi

F. Fontana NON SOLO TONT (04) Fabrizio Fontana - cabaret

Eduardo De Filippo IO L’EREDE (80) E.M. Salerno - V. Lario UOMO E GALANTUOMO (86) Luca De Filippo UOMO E GALANTUOMO (95) Luca De Filippo - A. Pagano N. Di Pinto LE BUGIE CON LE GAMBE LUNGHE (90) A. Tieri - G. Lojodice NATALE IN CASA CUPIELLO (99) C. Giuffrè - A. Pagano NAPOLI MILIONARIA (05) L. De Filippo - I. Piro IO L’EREDE (2008) G. Gleijeses - L. Mastelloni - M. Bargilli

Foot e Marriot NIENTE SESSO, SIAMO INGLESI (91) G.F. D’Angelo - G. Bonagura - C. Sylos Labin

Peppino De Filippo LA METAMORFOSI DI UN SUONATORE AMBULANTE (75) P. De Filippo QUANDO NAPOLI È COMMEDIA (82) L. De Filippo - G. Gleijeses J. Deval TOVARITCH (87) I. Monti - A. Giordana Gaetano Di Maio MATRIMONIO A SORPRESA (09) P. Rispo - D. Frediani G. Donizetti L’ELISIR D’AMORE (OPERA) (69) Teatro Massimo di Palermo Tenore Luigi Pontiggia DON PASQUALE (011) Teatro dell’Opera di Milano Orchestra filarmonica di Mialno Coro Lirico Europeo

42

Ficarra e Picone VUOTI A PERDERE (2002) Ficarra e Picone

F. Dostoevskij IL SOGNO DI UN UOMO RIDICOLO (94) G. Lavia DELITTO E CASTIGO (06) G. Mauri - R. Sturno S. D’Orazio ALADIN, IL MUSICAL (010) M. Frattini - R. Ciufoli N. Ephron HARRY TI PRESENTO SALLY (05) M. Massironi- G. Ingrassia E. Erba MARGARITA E IL GALLO (06) M.A. Monti - GF. Imparato F. Barbero - G. Weber Euripide MEDEA (97) F. Branciaroli C. Exton TWIST (96) M. Columbro - L. Masiero - M. D’Abbraccio Diego Fabbri C’È UN LADRO IN VATICANO G. Cervi - F. Mulè G. Feydeau IL TACCHINO (95) A. Tieri - G. Lojodice L’ALBERGO DEL LIBERO SCAMBIO (74) A. Tieri - G. Lojodice OCCUPATI D’AMELIA (76) Valeria Valeri DAL MATRIMONIO AL DIVORZIO (96) S. Fantoni SARTO PER SIGNORA (2007) Zuzzurro - Gaspare Ferravilla EL TE COPPA (70) P. Mazzarella Flaubert MADAME BOVARY (85) G. Ralli - G.C. Sbragia J. Fiastri - E. Vaime SE UN BEL GIORNO ALL’IMPROVVISO (92-94) G. Bramieri - G.F. Jannuzzo FOTO DI GRUPPO CON GATTO (93) G. Bramieri - G.F. Jannuzzo È MOLTO MEGLIO IN 2 (2003) G.F. Jannuzzo - P. Quattrini J. Fiastri - G. Magni BOBBI SA TUTTO (95) J. Dorelli - L. Goggi

F. Frayn RUMORI FUORI SCENA (98) Zuzzurro e Gaspare

F. Freyrie IL GRANDE JAC (98) E. Iacchetti SANTO SANNAZZARO FA UNA ROBA TUTTA SUA (99) G. Gnocchi Freyrie-Aicardi-Formicola-Pistarino NON C’È PIÙ IL FUTURO DI UNA VOLTA (2012) Zuzzurro e Gaspare A. Fullin GENGIS KAHN, OVVERO IL PROBLEMA DEL TARTARO (06) A. Fullin - C. Sedda Galassi - A. Di Risio - Burro Fuso MAIONESE (97) Compagnia “Burro fuso” G. Gaber - Luporini

S. Gordon RIC E GIAN SHOW (84) Ric e Gian - Minnie Minoprio Carlo Gozzi TURANDOT (74) V. Cortese - R. Giovanpietro A.R. Gurney L’ORA DEL COCKTAIL (90) E. Calindri - L. Feldmann J.J.HAIRSTON & YOUTHFUL PRAISE (09) Coro gospel di 19 elementi diretto da James Hairston jr.

C. Franke IL PADRE DELLA SPOSA (011) G. Rivieccio - C. Clery

E PENSARE CHE C’ERA IL PENSIERO RECITAL MUSICALE) (97)

LA LOCANDIERA (80) C. Gravina - P. Micol IL BURBERO BENEFICO (85) Mario Scaccia LE DONNE GELOSE (86) A.M. Guarnieri - V. Zernitz L’IMPRESARIO DELLE SMIRNE (76) N. Castelnuovo - A. Lupo - C. Scarpitta SIOR TODERO BRONTOLON (83) G. Moschin - M. Crippa SIOR TODERO BRONTOLON (2002) Eros Pagni - Ivana Monti IL BUGIARDO (05) G.Mauro- R.Sturno I GEMELLI VENEZIANI (2008) M. Dapporto LA BOTTEGA DEL CAFFÈ (011) C. Sarti - A. Salinas

(GABER 96-97

G. Gaber GABER SE FOSSE GABER (2011) (INCONTRO SPETTACOLO) Andrea Scanzi Gilroy Frank DO YOU LIKE LAS VEGAS? (01) Johnny Dorelli

Giorgio Gaber IL SIGNOR G. (RECITAL MUSICALE) (70) Giorgio Gaber UNA DONNA SBAGLIATA (84) O. Colli GABER 96/97 (RECITAL MUSICALE) (97) Giorgio Gaber Garinei e Giovannini ANCHE I BANCHIERI HANNO UN’ANIMA (78) G. Bramieri - V. Valeri - P. Tedesco LA VITA COMINCIA CON IL CAFFÈ (82) G. Bramieri - C. Scarpitta IL GIORNO DELLA TARTARUGA (92) Compagnia de “La Rancia” F. Ferrari - M.L. Baccarini IL GIORNO DELLA TARTARUGA (08) Compagnia de “La Rancia” Ati Il Sistina C. Noschese - C. Ginepro N. Ginzburg L’INSERZIONE (69) F. Juterlengh - A. Asti TI HO SPOSATO PER ALLEGRIA (04) M. A. Monti - A. Catania M. Giovanetti ROBIN HOOD (08) M. Frattini J. W. Goethe FAUST (09) G. Mauri - R. Sturno D. Goggin NUNSENSE... LE AMICHE DI MARIA (07) Compagnia della Rancia N. Gogol L’ISPETTORE GENERALE (94) F. Branciaroli - V. Binasco - T. Winteler Carlo Goldoni ARLECCHINO SERVITORE DI DUE PADRONI (69) (Piccolo teatro di Milano) F. Soleri IL BUGIARDO (83) U. Pagliai - P. Gassman LA BOTTEGA DEL CAFFÈ (82) V. Caprioli - R. Cucciolla LA BOTTEGA DEL CAFFÈ (89) G. Bosetti - M. Bonfigli LA FAMIGLIA DELL’ANTIQUARIO (87) G.R. Tedeschi - F. Andreasi LA FAMIGLIA DELL’ANTIQUARIO (93) G. Bosetti - M. Bonfigli LA LOCANDIERA (73) Anna Maria Guarnieri

R. Harwood BELLA FIGLIA DELL’AMORE (QUARTETTO) (2001) A. Proclemer - L. Masiero N. Bellei - M. Maranzana Heinl Anthony FIREFLY (2011) Evolution dance theater L. Hellman PICCOLE VOLPI (83) A. Proclemer W.D. Home - M.G. Sauvajon L’ANATRA ALL’ARANCIA (74) A. Lionello - V. Valeri L’ANATRA ALL’ARANCIA (97) M. Columbro - B.De Rossi L’ANATRA ALL’ARANCIA (2010) C. Tedeschi - D. Caprioglio H. Ibsen IL COSTRUTTORE SOLNESS (76) R. Vallone - G. Paolieri PEER GYNT (73) C. Pani - F. Lulli G.F. Jannuzzo UN UOMO IN MEZZO AL MARE (98) G.F. Jannuzzo G.F Jannuzzo- R.Barbero NORD & SUD (05) G.F. Jannuzzo B. Jonson IL VOLPONE (04) Glauco Mauri - Roberto Sturno J. Joyce ESULI (87) A. Tieri - G. Lojodice G. Kanin NATA IERI (96) Valeria Marini - Duilio Del Prete Stefano Santospago T. Kezich IL GALLO (90) tratto da “Il bell’Antonio” di Vitaliano Brancati - T. Ferro IL VITTORIALE DEGLI ITALIANI (90) C. Pani J. Kilty CARO BUGIARDO (91) G. Albertazzi - A.Proclemer G. Lanzani UN PADRE DI NOME GIUSEPPE (73) Compagnia teatro delle Erbe - Milano SOTTO LA CEDRINA (76) Compagnia teatro delle Erbe - Milano F. Lehar LA VEDOVA ALLEGRA: SOUVENIR (89) L. Savignano - M. Pierin LA VEDOVA ALLEGRA (77) Sandro Massimini LA VEDOVA ALLEGRA (2007) La Compagnia dell’Oniro S. Lengyel NINOTCHKA (2001) C. Koll - G.P. Bianchi R. Lerici A ME GLI OCCHI PLEASE (79) Gigi Proietti A.J. Lerner-F. Loewe MY FAIR LADY (2000) Teatro della Munizione di Messina C. Lombardo - V. Ranzato CIN CI LÀ (77) Sandro Massimini Compagnia Italiana Operetta CIN CI LÀ (08) E. Guarnera - C. Gigli Compagnia dell’Oniro


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 43

M. Lopez CIAO FRANKIE (011) M. Lopez Mario Luzi HYSTRIO (90) Paola Borboni - Sebastiano Lo Monaco Macario LE FINESTRE SUL PÒ (69) Macario G. Magni - J. Fiastri BOBBI SA TUTTO (95) J. Dorelli - L. Goggi L. Manera ASPETTO E SPERO (04) Leonardo Manera - cabaret L. Manera - R. Piferi - M. Del Conte COSTOLE (2008) Leonardo Manera N. Manfredi - N. Marino GENTE DI FACILI COSTUMI (95) N. Manfredi - L. Tanzi Bill Mannoff IL GUFO E LA GATTINA (83) Walter Chiari - Ivana Monti Marchesi - Palazio ANCHE LE FIGLIE DI MARIA PORTANO I JEANS (77) Erminio Macario - Marina Fabbri Marchetto Ennio CARTONISSIMA (02) Ennio Marchetto N. Marino GENTE DI FACILI COSTUMI (95) N. Manfredi - L. Tanzi SOLDI (81) M. Malfatti - R. Palmer UN ANGELO CALIBRO 9 (77) R. Schiaffino - A. Foà - L. Zoppelli M. Remigi P.C. De Marivaux LE FALSE CONFIDENZE (99) A. Jonasson Marriot e Foot NIENTE SESSO, SIAMO INGLESI (91) G.F. D’Angelo - G. Bonagura - C. Sylos Labini A. Martinoni E SE L’ITALIA LA VA INSCI (83) I Maltrainsema J. Masteroff CABARET (94) Compagnia de “La Rancia” W.S. Maugham CIRCOLO (93) E. Calindri - L. Feldmann T. Mcnally FULL MONTY (04) R. Bani - B. Messini - M. Martino R. Medetti LO SCIOPERO DELLA BENEFICIENZA (75) Piero Mazzarella Freddy Merk GLI AMICI (81) MUSICAL

Regia Freddy Merk - Rita Pavone Teddy Reno e altri cantanti e attori P. Migone SIAMO RIMASTI SOTTO (04) Pali&Dispari COMPLETAMENTE SPETTINATO (06) P. Migone A. Miller UNO SGUARDO DAL PONTE (96) M. Placido - G. Jelo - N. Bellomo K. Proia ERANO TUTTI MIEI FIGLI (2003) Umberto Orsini - Giulia Lazzarini Milva CANZONI FRA DUE GUERRE Mingardo - Silveri LUCIA DI LAVER SMORT (78) P. Mazzarella Mnogaja Leta GOOD NEWS (05) Mnogaja Leta quartet Molière IL MALATO IMMAGINARIO (81) G. Bosetti - M. Bonfigli IL MISANTROPO (85) A. Tieri - G. Lojodice IL TARTUFO (79) G. Bosetti - U. Pagliai P. Borboni - A. Bonfigli L’AVARO (72) Ernesto Calindri

L’AVARO (89) U. Tognazzi - F. Mari LE DONNE SACCENTI (87) E. Calindri - O. Villi DON GIOVANNI (84) D. Abbatantuono - L. Troisi IL MALATO IMMAGINARIO (91) liberamente tratto T. Ferro - F. Mari M. Morais EL ME FIEOU AVOCAT P. Mazzarella Felice Musazzi OH VITA, OH VITA STRACA (69) I Legnanesi FAMM FUMM FRECC E FASTIDI (69) I Legnanesi CHI VUSA PUSÈ LA VACA L’È SUA (71) I Legnanesi E LA BULETA LA VA... LA VA (71) I Legnanesi TERESA STORY (73) I Legnanesi I POVER CHRIST SUPERSTAR (75) I Legnanesi REGNA LA ROGNA (75) F. Musazzi - T. Barlocco e i Legnanesi UNO... DUE... TRE... CIAPAL CH’AL GHE (78) F. Musazzi - T. Barlocco e i Legnanesi IL CORTILE DEI MIRACOLI (81-82) I Legnanesi LASCIATE CHE I PENDOLARI VENGANO A ME (84) F. Musazzi - T. Barlocco e i Legnanesi LA SCALA È MOBILE (87) I Legnanesi LEGNANESI STORY I Legnanesi (92) IL CORTILE DEI MIRACOLI (02) Compagnia dialettale legnanese Felice Musazzi VA LA BATÈL (2003) Compagnia dialettale legnanese Felice Musazzi CHI VUSA PUSÈ LA VACA L’È SUA (04) Compagnia dialettale legnanese Felice Musazzi TELA LÀ LA LUNA (04) Compagnia dialettale legnanese Felice Musazzi B... COME BULETA (06) Compagnia dialettale legnanese Felice Musazzi POVER CRIST… SUPERSTAR (07) Compagnia dialettale “I Legnanesi” REGNA LA ROGNA (2008) Compagnia dialettale “I Legnanesi” di Felice Musazzi 60 ANNI, IN UN’UNICA GRANDE RIVISTA (09) Compagnia dialettale “I Legnanesi” di Felice Musazzi OH VITA..., OH VITA STRACA (2010) Compagnia dialettale “I Legnanesi” di Felice Musazzi FAM FUM E FRECC (011) Compagnia dialettale “I Legnanesi” di Felice Musazzi SEM NASU PAR PATÌ’…PATEM (2012) Compagnia dialettale “ I Legnanesi” di Felice Musazzi F. Neri - G. Trevisan - M. Domenicali DIMMI CHE LAVORO FAI TI DIRÒ CHI SEI (2008) Franco Neri C. Rufus Nocera ZAGADAN (2000) I Cavalli Marci Novelli IL CONIGLIO (78) E. Macario - M. Del Frate - C.M. Puccini Oreglio Flavio IL MOMENTO CATARTICO (2003) Flavio Oreglio (Zelig) R. Orlanda L’ANNASPO (2000) Maddalena Crippa Maurizio Donadoni J. Orton CIÒ CHE VIDE IL MAGGIORDOMO (05) Zuzzurro e Gaspare S. Pagani LA GESETA DEL PASQUIREU (71) P. Mazzarella

G. Patroni Griffi KESSLERKABARETT (80) Le gemelle Kessler METTI UNA SERA A CENA (84) F. Bolkan - M. Placido MARGHERITA, LA SIGNORA DELLE CAMELIE (93) Libero adattamento da A. Dumas Lina Sastri R. Pavone - T. Reno GLI AMICI SPETTACOLO MUSICALE (81) Carlo Maria Pensa I POVERI CRISTI (69) P. Mazzarella L.S.D. LEI SCUSI DIVORZIEREBBE? (70) A. Valli - R. Lupi - A. Reggiani L. Pirandello COME PRIMA, MEGLIO DI PRIMA (83) A. Proclemer ENRICO IV (82) G. Albertazzi ENRICO IV (91) G. Bosetti - M. Bonfigli IL BERRETTO A SONAGLI (78) Turi Ferro - I. Carrara IL GIOCO DELLE PARTI (82) A. Tieri - G. Lojodice IL GIOCO DELLE PARTI (86) A. Lionello - E. Blanc IL PIACERE DELL’ONESTÀ (79) A. Lionello L’UOMO, LA BESTIA E LA VIRTÙ (78) A. Tieri - G. Lojodice - G. Agus PENSACI GIACOMINO (76) S. Randone TROVARSI (74) R. Falk - U. Pagliai - T. Albani TUTTO PER BENE (88) G. Tedeschi TUTTO PER BENE (82) G. Bosetti MA NON È UNA COSA SERIA (85) G. Pambieri - L. Tanzi - E. Calindri VESTIRE GLI IGNUDI (86) M.A. Melato COME PRIMA, MEGLIO DI PRIMA (90) M. Malfatti SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE (92) E.M. Salerno - R. Bianchi B. Buccellato - G.C. Zanetti LIOLÀ (06) G.F. Jannuzzo - M. Arcuri IL PIACERE DELL’ONESTÀ (06) G. Pambieri- L.Tanzi M. Pisu - Zelig TARCISIOSCOPIA (2001) Max Pisu M. Pisu- Scuritati- Monelli- Pifferi AUTOGRILL (07) Max Pisu Giordano Pitti LA LEGGE DEL MENGA (71) P. Mazzarella A. Polacci RISATE IN SALOTTO (77) Carlo Dapporto - Rita Pavone P. Poli SILLABARI (09) Paolo Poli Carlo Porta EL MARCHIONN DI GAMP AVERT (72) P. Mazzarella ART (97) J. Reza - R. Tognazzi G. Coatta - P. Graziosi J.B. Priestley UN ISPETTORE IN CASA BIRLING (011) Paolo Ferrari - Andrea Giordana G. Puccini MADAMA BUTTERFLY (011) Teatro dell’Opera di Milano Orchestra filarmonica di Milano Coro Lirico Europeo LA BOHÈME (2012) TOSCA (2012) Teatro dell’Opera di Milano Orchestra Filarminica di Milano Corale Lirica Ambrosiana

G.M. Pagano - M. Frisina LA DIVINA COMMEDIA (010) Compagnia teatro delle Erbe

Yashime Reza ART (1997) R. Tognazzi - G. Covatta - P. Graziosi IL DIO DELLA CARNEFICINA (2010) A. Bonaiuto - A. Boni - C. Cescon S. Orlando

Palazio - Marchesi ANCHE LE FIGLIE DI MARIA PORTANO I JEANS (77) E. Macario - M. Fabbri

J. Romains KNOCK, O IL TRIONFO DELLA MEDINA (86) E.M. Salerno - I. Occhini

U. Palmarini ARTICOLO QUINTO (74) Carlo Dapporto

W.A. Rose INDOVINA CHI VIENE A CENA (91) E. Calindri - L. Fieldmann INDOVINA CHI VIENE A CENA (07) G.F. D’Angelo- I.Monti

Pali & Dispari SIAMO RIMASTI SOTTO(04) Angelo Pisani - Marco Silvestrini APPOGGIATI SCOMODI (07) Angelo Pisani - Marco Silvestrini

R. Rose LA PAROLA AI GIURATI (09) A. Gassman

Autori

43


44 pag SAN ROCCO_! 04/10/11 11:27 Pagina 44

A. Rossato - Capodivacca NINA NON FAR LA STUPIDA (72) (commedia umoristica) T. Michelazzi G. Rossini IL BARBIERE DI SIVIGLIA (2010) Teatro dell’Opera di Milano Orchestra Filarmonica di Milano e Corale Lirica Ambrosiana CENERENTOLA (2012) Teatro dell’Opera di Milano Orchestra Filarminica di Milano Corale Lirica Ambrosiana E. Rostand CIRANO DI BERGERAC (99) Sebastiano Lo Monaco A. Roussin NON SI PUÒ MAI SAPERE (72) Olga Villi - Alberto Lupo NINÀ (94) M. Dapporto - N. Brilli - G. Crippa Salemme Vincenzo L’AMICO DEL CUORE (98) V. Salemme E FUORI NEVICA (99) V. Salemme DI MAMMA CE N’È UNA SOLA (2000) V. Salemme SOGNI E BISOGNI (02) V. Salemme - C. Buccirosso - M. Casagrande L’ASTICE AL VELENO (2012) V. Salemme V. Sardou DIVORZIAMO (85) A. Lionello - E. Blanc MADAME SANS GÊNE (90) V. Moriconi Sartre/Rosso di S. Secondo GLI INFERNI (73) G.C. Sbragia - V. Fortunato - S. Vannucchi M.G. Sauvajon L’ANATRA ALL’ARANCIA (74) A. Lionello - V. Valeri L’ANATRA ALL’ARANCIA (97) M. Columbro - B.De Rossi L’ANATRA ALL’ARANCIA (2010) C. Tedeschi - D. Caprioglio Scarpellini - Age BOBBI SA TUTTO (95) J. Dorelli - L. Goggi E. Scarpetta ’O SCARFALIETTO (88) L. De Filippo MISERIA E NOBILTÀ (04) Carlo Giuffrè - N. Mascia

44

E. Scarpetta GRAN CAFÈ CLANTANT (2000) Tato Russo (teatro Bellini di Napoli) Antony Schaffer OPLÀ NOI CI AMMAZZIAMO (72) J. Dorelli - G. Tedeschi Schiller I MASNADIERI (82) G. Lavia - U. Orsini Sciascia Leonardo IL GIORNO DELLA CIVETTA (2012) S.Somma-O.M.Guerrini G.Aronica-C.Deregibus G. Scuccimarra UNA RAGIONE C’È SEMPRE (99) G. Scuccimarra H. Segal IL PARADISO PUÒ ATTENDERE (03) G.F. D’Angelo - B. Boccoli - M. Falsini S. Sgrilli DORMO QUANTO UN VOMBATO! (05) Sergio Sgrilli W. Shakespeare GIULIO CESARE (78) P. Micol - R. Giovanpietro con Teatro Popolare di Roma LA BISBETICA DOMATA (75) V. Moriconi - G. Mauri LA DODICESIMA NOTTE (86) G. Mauri - L. Negroni - M. Bellei LA DODICESIMA NOTTE (96) R. Montagnani - P. Colizzi - M. Medici LE ALLEGRE COMARI DI WINDSOR (77) T. Buazzelli MACBETH (81) G. Mauri - M. Crippa OTELLO (70) S. Fantoni - L. Vannucchi VITA E MORTE DI RE GIOVANNI (73) G. Bosetti - C. Pani - P. Borboni B. Vilar - M. Piave IL MERCANTE DI VENEZIA (92) A. Lionello - E. Blanc SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE (94) T. Russo RICCARDO III (98) F. Branciaroli - L. Morlacchi AMLETO (99) T. Russo - S. Milo RE LEAR (2001) G. Mauri - R. Sturno ROMEO AND JULIET (2001) P. Rossi MOLTO RUMORE (SENZA RISPETTO) PER NULLA (05)

L. Goggi- M. Bideri LA TEMPESTA (06) Tato Russo- teatro Bellini AMLETO (2010) Alessandro Preziosi G.B. Shaw CANDIDA (83) A. Tieri - G. Lojodice LA MILIARDARIA (80) A. Proclemer - L. Pistilli LA PROFESSIONE DELLA SIGNORA WARREN (77) S. Ferrati - A. Giordana NON SI PUÒ MAI SAPERE (86) E. Calindri - O. Villi - L. Pistilli PIGMAGLIONE (91) R. Montagnani - L. Saraceni B. Shevelove - L. Gelbart DOLCI VIZI AL FORO (95) Compagnia de «La Rancia» R. Silveri EL FRADELL DE ME FRADELL E SO FRADELL (83) P. Mazzarella QUEL DIAVOLO DI SANTARELLINA (77) P. Mazzarella - R. Pavone N. Simon A PIEDI NUDI NEL PARCO (83) P. Quattrini - L. Zoppelli - G. Bonagura LA STRANA COPPIA (76) Ric e Gian CALIFORNIA SUITE (86) L. Masiero - R. Palmer IL PRIGIONIERO DELLA 2ª STRADA (72) R. Rascel - M. Carotenuto IL PRIGIONIERO DELLA 2ª STRADA (89) A. Lionello - E. Blanc LA STRANA COPPIA (87) M. Vitti - R. Falk PLAZA SUITE (98) M. Dapporto - M.A. Monti STANNO SUONANDO LA NOSTRA CANZONE (2000) Gianluca Guidi-Marialaura Baccarini PROMESSE PROMESSE (2002) G.Luca Guidi-M.L. Baccarini LA STRANA COPPIA (04) M. Lopez - Tullio Solenghi A PIEDI NUDI NEL PARCO (04) G.L.Guidi- A.Falchi UN GIARDINO FATTO IN CASA (09) G. D’Angelo - I. Monti B. Slade SERATA D’ONORE PER UN AMICO (81) A. Lionello - E. Blanc ALLA STESSA ORA... IL PROSSIMO ANNO (90) I. Monti - A. Giordana L’AMICO DI TUTTI (2000) Johnny Dorreli STESSA ORA, IL PROSSIMO ANNO (2001) M. Columbro - M.A. Monti ROMANTIC COMEDY (08) M. Columbro - M. D’Abbraccio Sofocle EDIPO RE (74) G.C. Sbragia - S. Fantoni EDIPO RE - EDIPO O COLONO (96) G. Mauri - R. Sturno D. Starnone SOTTO BANCO (93) A. Finocchiaro - S. Orlando J. Sterner I SOLDI DEGLI ALTRI (92) S. Fantoni T. Stoppard LA COSA REALE (84) S. Fantoni - I. Occhini A. Strindberg LA SIGNORINA GIULIA (93) G. Lavia - M. Guerritore S. Taylor SABRINA (06) C.Tedeschi-C. Bonuglia- M.Falsini Teo Teocoli TEO TEOCOLI SHOW (09) Teo Teocoli Terzoli e Vaime FELICI E CONTENTI (80) G. Bramieri - L. Trouchè D. Poggi - O. Orlando PARDON MONSIEUR MOLIÈRE (85) G. Bramieri - M. Monti - M. Dapporto SONO MOMENTANEAMENTE A BROADWAY (87) G. Bramieri - P. Tedescho UNA ZINGARA MI HA DETTO (88) G. Bramieri - P. Quattrini GLI ATTORI LO FANNO SEMPRE (90) G. Bramieri - G.F. Jannuzzo ALLE VOLTE BASTA UN NIENTE (97) G.F. Jannuzzo - C. Koll DUE ORE SOLE TI VORREI (99) G.F. Jannuzzo Terzoli - Vaime - Garinei LA VITA COMINCIA CON IL CAFFÈ (82) G. Bramieri - C. Scarpitta A. Testa LA VITA È UN TRAM (95) I Legnanesi STRACCI (98) I Legnanesi LA GIOSTRA (2000) Compagnia dialettale I Legnanesi GIUBILEO... CHE GIBILÉ (2000) I Legnanesi

Thompson SUL LAGO DORATO (88) E. Calindri - O. Villi H. Troy SISTER ACT (2000) musical Theresa Thomason e The Sisters from New York A. Valentinetti PIGNASECCA E PIGNAVERDE (73) (omaggio a Govi) Carlo Dapporto E. Vaime ALLE VOLTE BASTA UN NIENTE (97) G.F. Jannuzzo - C. Koll F. Veber LA CENA DEI CRETINI (01) Zuzzurro e Gaspare G.Verdi LA TRAVIATA (09) Teatro dell’Opera di Milano Orchestra Filarmonica di Milano e Corale Lirica Ambrosiana IL TROVATORE (010) Teatro dell’Opera di Milano Orchestra Filarmonica di Milano Coro Lirico Europeo IL RIGOLETTO (011) Teatro dell’Opera di Milano Orchestra Filarmonica di Milano Coro Lirico Europeo R. Viviani I VECCHI DI S. GENNARO (76) T. Buazzelli NAPOLI HOTEL EXCELSIOR (04) Teatro Stabile Bellini con Tato Russo L. Zappa Branduardi FRANCESCO. UN UOMO UN SANTO (04) F.Branduardi- G.Scola-A.CilibertoW.Tiraboschi Waterhouse e Hall USCIRÒ DALLA TUA VITA IN TAXI (84) L. Masiero - R. Palmer UNA BOTTIGLIA PIENA DI RICORDI (93) J. Dorelli A.L. Webeer - Tim Rice JESUS CHRIST SUPERSTAR (99) VERSIONE INGLESE

Teatro della munizione di Messina JESUS CHRIST SUPERSTAR (2007) VERSIONE ITALIANA

La Compagnia della Rancia F. Wedekind LULÙ (91) Milva Oscar Wilde EPITAFFIO E BALLATA PER SALOMÈ (71) V. Moriconi - G. Agus - L. Zoppelli L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO (75) P. Ferrari - E. Zareschi - A. Geri UN MARITO IDEALE (2012) R.Valerio-V.Sperlì-P.Contempo A.Salariali-C.Degani-R.Baldassarri Billy Wilder L’APPARTAMENTO (2010) Massimo Dapporto - Benedicta Boccoli Williams Tennessee LA GATTA SUL TETTO CHE SCOTTA (84) C. Gravina LA GATTA SUL TETTO CHE SCOTTA (05) M. D’Abbraccio - L. Diberti - I. Barzizza LA ROSA TATUATA (97) V. Moriconi - M. Venturello UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO (02) Paola Quattrini - Enrico Lo Verso Thomas Williams - Jan Renard Jean Cocteau QUESTO AMORE COSÌ FRAGILE COSÌ DISPERATO (71) (recital di prosa) Anna Proclemer Zeller Florian LA VERITÀ (2011) M.Dapporto-B.Boccoli S.Marcomeni-M.Cimaglia


III di copertina Brochure_Layout 1 04/10/11 11:36 Pagina 1

Teatro sanRocco Seregno D. G. S. T. G.

Abbatantuono Agus Ajelli Albani Albertazzi Ale & Franz F. Andreasi E. Angelillo M. Arcuri B. Arena Arianna M. Ariis G. Aronica A. Asti A. Attili M.L. Baccarini A. Baglio N. Balasso A. Banfi R. Bani F. Barbero M. Bargilli T. Barlocco I. Barzizza A. Battain G. Bellomo M. Bellei A. Bergonzoni L. Bertè E. Bertolino E. Beruschi G.P. Bianchi R. Bianchi M. Bideri N. Bignamini U. Binasco E. Blanc O. Bobbio B. Boccoli F. Bolkan G. Bonagura A. Bonaiuto M. Bonfigli A. Boni C. Bonuglia P. Borboni G. Bosetti B. Braida G. Bramieri F. Branciaroli A. Branduardi L. Brignone N. Brilli T. Buazzelli B. Buccellato C. Buccirosso E. Calindri C. Calò G. Cannavacciuolo C. Campanini L. Campisi D. Caprioglio V. Caprioli M. Carfora A. Carli S. Carnacina M. Carotenuto I. Carrara M. Casagrande R. Casale N. Castelnuovo L. Casini A. Catania T. Catanzaro M. Cavallari Cavalli Marci G. Centamore G. Cervi C. Cescon G. Chiariello W. Chiari V. Ciangottini I. Ciciriello M. Cimaglia C. Clery A. Ciliberti R. Ciufoli P. Colizzi S. Collodel O. Colli M. Colombo Compagnia “Burro fuso” Compagnia FlamenQueVive Compagnia dialettale “I Legnanesi” Compagnia dialettale legnanese “Felice Musazzi” Compagnia de “La Rancia” Compagnia Planetmusical M. Columbro Corale Lirica Ambrosiana A. Cornacchione R. Cortesi V. Cortese L. Cosi L. Costa G. Covatta G. Crippa M. Crippa T. Cucchiara

G. R. E. T. M. G.F. B. C. M. C. L. P. A. B. O. C. P. M. T. D. L. F. N. M. J. F. M. V. R. A. M. S. G. A. A. L. R. F. P. S. T.

Cucciari Cucciolla Dalceri Dallara D’Abbraccio D’Angelo D’Urso Dapporto Dapporto De Carolis De Filippo De Filippo De La Roche De Rossi De Rossi Deregibus De Silva Del Frate Del Matto Del Prete Diberti Di Martino Di Pinto Donadoni Dorelli Draghetti Fabbri Failla Falk Falchi Falsini Fantoni Farinon Fattorini Fazzini Feldmann Fenzi Ferrari Ferrari Ferrati Ferro Ficarra e Picone Fichi d’India A. Finocchiaro M. Fiordaliso A. Foà F. Fontana V. Fortunato M. Frattini D. Frediani A. Fullin G. Gaber A. Gassman P. Gassman Gaspare (Nino Formicola) A. Geri I. Ghione C. Gigli C. Ginepro A. Giuffrè C. Giuffrè A. Giordana P. Giovannucci R. Giovanpietro M. Giusti G. Gleijeses G. Gnocchi L. Goggi A. Goodwing C. Gravina P. Graziosi M. Grossi E. Guarnera A.M. Guarnieri C. Guarnieri O.M. Guerrini M. Guerritore G.L. Guidi L. Guzzardi E. Jacchetti E. Jannacci G.F. Jannuzzo G. Jelo A. Jonasson Gemelle Kessler C. Koll J.J. Hairston M. Hubert G.F. Imparato G. Ingrassia F. Interlenghi N. Laganà R. Lanfranchi L. Lattuada V. Lario M. Laurito G. Lavia G. Lazzarini A. Lionello S. Lo Monaco M. Loreto E. Lo Verso G. Lojodice M. Lopez F. Lulli R. Lupi

A. E. M. L. N. M. P. M. R. S. F. L. V. T. M. N. L. A. M. L. G. S. M. P. M. A. M.A. G. F. M. B. M. M. T. P. P. P.

Lupo Macario Malfatti Manera Manfredi Manni Mannoni Maranzana Marchetti Marcomeri Mari Mario Marini Martin Martino Mascia Masiero Massarotto Massironi Mastelloni Mauri Massimini Massironi Mazzarella Medici Melato Melato Melazzi Meoni Mercatali Messini Metri Micheli Micheluzzi Micol Migone Milani Milly S. Milo Milva M. Minoprio A. Miserocchi Mnogaja Leta R. Montagnani I. Monti M. Monti M.A. Monti V. Moriconi L. Morlacchi G. Moschin F. Mulè F. Musazzi L. Negroni A. Ninchi S. Nosei C. Noschese I. Occhini Orchestra Filarmonica di Milano F. Oreglio L. Orfei O. Orlandi S. Orlando Original Usa Gospel Singers (the) U. Orsini R. Paganini A. Pagano U. Pagliai E. Pagni Pali & Dispari R. Palmer G. Pambieri C. Pani G. Paolieri N. Paone R. Pavone D. Pecci R. Peroni M. Piave A. Piccolo A. Pierelli M. Pierin S. Pieroni I. Piro A. Pisani L. Pistilli M. Pisu P. Pitagora M. Placido D. Poggi P. Poli G. Poretti E. Pozzi A. Preziosi A. Proclemer K. Proia G. Proietti A. Provasio C.M. Puccini P. Quartullo P. Quattrini Quelli di Grock A. Raichi G. Ralli S. Randone

M. H. G. R. C. A. M. T. T. P. G. R. B. P. R. T. V. E.M. A. G. I. S. M. P. S. G. L. C. L. L. L. G. G.C. M. M. C. R. G. T. G. C. S. A. C. T. F. S. C. U. G.M. M. J. P. G. O. R. N. L. F. O.

C. G.R. P. T. F. T. E. A. W. B. N. R. U. L. L. V. A. R. S. O. L. M. B. O. P. M. coro G.C. I. E. V. L. G. T.

Ranieri Ray Raucci Rascel Reali Reggiani Remigi Renis Ric e Gian Reno Rispo Rivieccio Roberts Rossi Rossi Ruffini Russo Salemme Salerno Salinas Saltarini Salvato Samarelli Sannia Santonastaso Santospago Santuccio Saraceni Sarti Sartori Sastri Savignano Savoia Sbragia Scaccia Scaletta Scarpitta Schiaffino Scola Scotti Scuccimarra Sedda Sgrilli Silvestri Simoni Sister from New York Solenghi Soleri Somma Sylos Labin Spadaro Spina Stefanescu Sterner Stoppa Storti Stracuzzi Sturno Svampa Tanzi Tavassi Trasmondi Teatro dell’Opera di Milano Teatro delle Erbe Teatro della Munizione di Messina Teatro Unione di Viterbo Tedeschi Tedeschi Tedesco Teocoli Testi Thomason Thole Tieri Tiraboschi Toccafondi Toffolo Tognazzi Tognazzi Troisi Trouchè Valeri Valli Vallone Vannucchi Vanoni Vasini Venturiello Vilar Villi Villoresi Vitti Youthful Praise Zanetti Zanicchi Zareschi Zernitz Zoppelli Zuzzurro (A. Brambilla) Weber Winteler

Interpreti


IV di copertina Brochure_Layout 1 04/10/11 11:37 Pagina 1

Firma le case pi첫 belle! 23022 Chiavenna (So) Via Consoli Chiavennaschi n.1 Tel. 0343.37.457 Fax 0343.30.287


Stagione teatrale 2011 - 2012