Issuu on Google+

Foglio informativo della Lista per Pioltello-Novembre 2013

Camion, escavatori, trivelle, tondini, gru, ruspe, pompe, betoniere: sognato per vent'anni, ora l'interramento della Cassanese è un cantiere che lavora giorno e notte. Una grande conquista che renderà Pioltello più unita e vivibile. Ma anche una sconfitta, se pensiamo agli alberi abbattuti, ai campi invasi ed alle due superstrade che passeranno sotto ed al bordo della nostra città. La nuova autostrada Bre.Be.Mi. - che da Brescia arriverà a Melzo – richiede il potenziamento di tutta la viabilità della Martesana. I cantieri che sulla Rivoltana fanno impazzire chi va a Milano stanno allargandola a quattro corsie e sostituendo tutte le rotonde con più veloci sovrappassi. La Pobbiano – Cavenago, che dal cavalcavia di Limito porta a Pioltello, verrà spostata dietro il centro sportivo. La Cassanese inizierà a scendere nel tunnel sotterraneo a partire dalla rotonda del parco di via Mozart per rispuntare dopo la via San Francesco.

Sopra il tunnel, una grande zona verde attraversata solo dalla via Don Carrera e dalla via D'Annunzio – Marconi, che collegheranno Seggiano con Pioltello senza più semafori o rotonde. I lavori sono iniziati un anno fa e finora procedono senza sosta. Molte sono le difficoltà che incontriamo quotidianamente per spostarci in città e verso Milano. Ed un altro anno di fatiche, polveri e code ci attende. Ma, in fondo a questo tunnel di disagi, speriamo di vedere nel 2014 la fine dei lavori come previsto dal cronoprogramma di Bre.Be.Mi. Continuiamo a vegliare sui lavori e non dimentichiamoci degli oltre 200 alberi abbattuti e che dovranno essere ripiantumati. E nei prossimi anni dovremo puntare su un modello di mobilità nella Martesana con meno auto e più collegamenti ciclabili tra le città e più mezzi pubblici. Fabiano Gorla

IN QUESTE PAGINE SI PARLA DI:

BIBLIOTECA BIKE-SHARING BILANCIO BREBEMI CANTIERI CONSIGLIO-COMUNALE CONSULTA-INTERCULTURALE FERROVIA INTERNET LAVORO LISTE-CIVICHE MOBILITA' MARTESANA PACE PISTE-CICLABILI POLITICA SPORT STRANIERI STREAMING TRAFFICO TRASPORTO-PUBBLICO ZTL


ALLA POLITICA, COSA CHIEDERE ALLA POLITICA, ALLE ALLEIMPRESE IMPRESEED EDALLE ALLEASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONI L'attività sportiva è un eccezionale veicolo concreto di trasmissione di valori positivi: lo sport aiuta a formarsi come persone, a fare i conti coi propri limiti ed a sviluppare attenzione e passione verso il mondo che ci circonda. Lo sport ha in sé la straordinaria capacità di far incontrare individui, generazioni e culture differenti che, attraverso la passione sportiva e il divertimento, possono conoscersi e superare barriere. Partendo da queste considerazioni la politica, intesa come istituzione che fornisce una visione strategica della società, può e deve giocare un ruolo di affiancamento al movimento sportivo. A livello locale, ciò significa che una Amministrazione Comunale deve impegnarsi con le associazioni sportive a sviluppare la possibilità per i cittadini di svolgere attività sportiva. Da questo punto di vista, Pioltello è una città attenta, e lo dimostra l’esistenza di una Consulta Sportiva – istituita dal Comune e che raggruppa 37 associazioni - ed un mondo associativo molto vivo. Gli oratori fanno la loro parte. Anche gli operatori economici locali (soprattutto quelli medio-piccoli) giocano un ruolo importante nella promozione dello sport. L'educazione e la pratica sportiva occupano però uno spazio ancora limitato nella nostra comunità. E la scuola non appare un riparo sufficiente, per le sempre maggiori difficoltà economiche in cui versa. Per avviare una riflessione diffusa e condivisa, provo ad elencare alcuni elementi critici da affrontare. * Pur consci delle difficoltà economiche in cui versano i Comuni, all'Amministrazione Comunale non possiamo non rimarcare la carenza di palestre per sport a squadra (aggravata da passati errori di progettazione),

ed un'insufficiente qualità delle aree pubbliche attrezzate dove svolgere gratuitamente attività sportive, nonché le difficoltà nel mantenere in buono stato le strutture esistenti. * Da parte degli operatori economici presenti nel nostro territorio sarebbe necessario un impegno più continuo e strutturale verso il mondo dello sport. La crisi economica non aiuta, anche se neppure in passato si ricordano grandi impegni da parte dei maggiori imprenditori, nonostante la conclamata “responsabilità sociale d’impresa”. E non attirano certo gli sponsor i risultati non sempre eccezionali raggiunti dalle nostre associazioni. * Infine, sarebbe necessario da parte delle associazioni sportive maggior coraggio e coordinamento: una cronica resistenza a lavorare insieme ha portato all'attuale panorama di società piccole, che sopravvivono ma non riescono a spiccare il volo e non hanno la visibilità necessaria ad attrarre gli sponsor. Manca un ricambio generazionale nei dirigenti sportivi (che non si inventano…) causato anche da una generale riluttanza ad assumersi responsabilità. In conclusione, anche nel nostro piccolo mondo sportivo pioltellese, si ritrovano pregi e difetti che vediamo a livello nazionale. Per migliorare vi è una sola possibilità: che i soggetti coinvolti (politica, economia e sport) facciano “sistema”, pensando agli interessi comuni e superando i propri. Ci riusciremo? Maurizio Agosta Presidente Consulta Sportiva di Pioltello

A PIOLTELLO:

37 Associazioni Sportive presenti nella Consulta 12 Palestre 16 Campi da CALCIO 3 PISCINE (1 coperta, 2 scoperte) 9 Campi da BASKET 5 Centri con Campi da BOCCE 1 Campo di tiro con l’ARCO 5 Campi da VOLLEY 8 Campi da TENNIS 1 Centro di EQUITAZIONE


MARTESANA DISOCCUPATA

La pace può essere un obiettivo per un Comune? Secondo noi, sì, se la pace si concretizza in piccole e grandi scelte. Per dare continuità all'azione del Comune di Pioltello a favore della pace, a marzo il gruppo consiliare della Lista per Pioltello ha ottenuto che la nostra città entrasse nel coordinamento “La Pace in Comune”, di cui fanno parte molti Comuni delle province di Milano e Monza Brianza, oltre ad Acli, Arci, Libera, Pax Christi e Legambiente. Sempre a marzo abbiamo organizzato a Limito un incontro pubblico sugli F35, tema su cui siamo recentemente tornati anche in Consiglio Comunale: a settembre abbiamo proposto e votato con tutta la maggioranza un documento che impegna il Comune a fare pressioni su Governo e Parlamento contro l’acquisto degli F35 in nome del buonsenso, che in un periodo di grave crisi economica non può che rinviare spese militari di questo genere. Ancora su nostra proposta, nel bando di assegnazione della tesoreria comunale è stata aggiunta una clausola che richiede alla banca vincitrice una dichiarazione di impegno a non utilizzare i soldi del Comune in attività legate al commercio di armi o lesive dell’ambiente e della dignità della persona. Infatti è solo andando a scardinare i meccanismi dei legami tra economia, banche e produzioni militari che possiamo incidere in maniera significativa nella costruzione di una società migliore. Cosa concretissima: il nostro Comune muove alcune decine di milioni di euro, che noi vogliamo impiegati in modo etico. Tanti piccoli tasselli della pratica della pace, che è il sogno di una terra dove ci sia spazio, vita, gioia, possibilità per ogni essere vivente; questo è per noi l’impegno di parlare di pace tra banchi del consiglio e per le strade della nostra città. Gianni Di Vito Consigliere Comunale Lista per Pioltello

La crisi è arrivata anche nella (ex) laboriosa Martesana. Nella nostra città, la scarsità di lavoro è aggravata da situazioni di violazione dei diritti dei lavoratori, con cooperative che tradendo il loro mandato - sfruttano i più deboli col caporalato. Su questo fenomeno, la Lista per Pioltello aveva puntato l'attenzione nell'ottobre 2012 con l'incontro “Cooperative: lavoro o schiavitù?” tenutosi a Pioltello. Proseguendo in questo impegno, le liste civiche di CIVES (vedi a pag.4) a giugno hanno raccontato, con l'aiuto del noto giornalista Alessandro Braga, la storia emblematica dei lavoratori della Jabil (ex Nokia Siemens Network NSN), i loro due anni di lotta davanti ai cancelli dell’azienda, con manifestazioni per attirare l'attenzione di parti sociali e politica ed il respingimento del tentativo della proprietà (scortato dalle forze dell'ordine) di portar via gli impianti, unica speranza di ripresa delle attività. A giugno, la vicenda Jabil sembrava volgere a buon fine ma l'azienda, approfittando anche della crisi della Giunta Comunale di Cassina de’ Pecchi, ha fatto un nuovo passo indietro rispetto all’iniziale disponibilità a valutare l’offerta di acquisto di un potenziale acquirente. Come in molti altri casi sul nostro territorio, i lavoratori Jabil perdono il posto per la delocalizzazione degli impianti all’estero, che consente all'azienda di tagliare costi. L'unico aspetto luminoso in questa drammatica vicenda umana è la difesa ad oltranza del bene più importante: la DIGNITA'.   La Lista per Pioltello con CIVES continuerà a seguire e richiamare l'attenzione sul lavoro che sta scappando dalla Martesana. Mirko Dichio FILT - CGIL

Disoccupati: Nella Provincia di Milano: 7,8%

A Pioltello: 10,4%


VENT'ANNI FA NASCEVA LA LISTA PER PIOLTELLO Un ragazzo a vent'anni è appena all'inizio della sua vita; ma per un movimento politico vent'anni sono tantissimi: quando nel 1993 nacque la Lista per Pioltello, c'era ancora la DC, il PCI aveva appena chiuso i battenti e negli stessi giorni vedeva la luce Forza Italia... Eravamo in piena Tangentopoli ed a Pioltello due sindaci stavano per conoscere la prigione. Un gruppo di cittadini si ritrovò in oratorio a Seggiano per reagire al malcostume, mettendo insieme persone di sinistra, ambientalisti e cattolici progressisti, accomunati dalla difesa dell'ambiente danneggiato dalla speculazione edilizia e dagli scarsi controlli su industrie e traffico pesante, con le emergenze del parco delle Cascine e della Sisas - e dalla volontà di far partecipare attivamente i cittadini alla cosa pubblica. Si presentarono con una Lista Civica, una novità assoluta per Pioltello, e furono premiati con una valanga di voti. Dal 1993 ci siamo sul territorio, da 15 anni governiamo la città coi partiti del centrosinistra. In questi primi vent'anni molte persone si sono avvicendate, oggi siamo alla "seconda generazione" e la Lista è rappresentata in Consiglio Comunale da due quarantenni ed un ventenne, entrati nel movimento da solo tre anni: un rinnovamento che ci fa ben sperare per il futuro. In questi mesi stiamo lavorando in CIV.E.S. insieme a liste civiche della Martesana simili alla nostra, per provare a far ripartire la politica "dal basso", dai problemi concreti e locali. Politica che oggi è in crisi di credibilità, proprio come vent'anni fa. Oggi come vent'anni fa servono persone di buona volontà, pronte a spendere una sera a settimana per studiare i problemi della città, ascoltare chi fa fatica a vivere, immaginare soluzioni nuove. Coraggio, la porta è aperta ! Giuseppe Bottasini

COS'E LA LISTA PER PIOLTELLO La Lista per Pioltello è un movimento politico e culturale fondato nel 1993. Dal 1997 governa Pioltello col centrosinistra locale. Attualmente ha tre consiglieri comunali. In Giunta ci sono due assessori che fanno riferimento alla Lista. Se vuoi contattare la Lista scrivi a listapioltello@tiscali.it oppure clicca “Contatti” sul sito www.pioltello.org oppure vieni al martedì sera nella nostra sede a Seggiano di Pioltello, in via Vignola ang. Via Galvani.

COS'E CIV.E.S. “CIV.E.S. Civiche Ecologiste Solidali” è un gruppo di lavoro formato da 9 liste civiche della Martesana, che collaborano tra loro sui temi ambientali, del trasporto e del lavoro.


La Lista per Pioltello si ritrova tutti i martedì sera, nella sede di via Vignola.

Tutte le settimane??? Sì. Sembra un impegno gravoso, ma è quello di qualunque associazione seria, che faccia volontariato o sport o politica. Siamo al governo della città e quindi ogni settimana ci sono argomenti da studiare e discutere. Abbiamo anche bisogno di tempo per organizzare l'attività del Movimento, fatta di incontri pubblici, comunicazione e relazioni con l’esterno. Tre ore a settimana sono spesso poche.

E di cosa si discute? Di tutto ciò che riguarda il Comune e la Lista, più qualche puntata nei temi nazionali e mondiali. I temi più trattati nel 2013: bilancio, urbanistica, scuola, politica nazionale, piazza Garibaldi, pace, trasporti e viabilità, relazioni con le civiche della Martesana, mafia, società partecipate, migranti, ambiente, casa.

“Sì, ma quanti siete?” In media una quindicina di persone, tra membri del coordinamento ed iscritti. Sono ammessi anche i simpatizzanti non iscritti, se non si discutono temi  troppo riservati. Questa ricchezza di presenza consente un buon confronto ed una buona preparazione su gran parte dei temi.

Come vi sostenete? Unica forza politica a farlo, ogni mese la Lista pubblica sul proprio sito le entrate (tesseramento, versamenti di consiglieri ed assessori, libere offerte) e le uscite (manifesti, noleggio sale e poco altro).

Cosa vi differenzia da un partito? Anzitutto il fatto di non dipendere da un'entità sovracomunale. Da ciò discendono una completa libertà di decisione sulle cose locali, senza dover tener conto di eventuali accordi politici presi altrove; una forte cura alle cose locali, perché la gente ti vota per questo; una buona credibilità personale dei candidati, visto che non c’è il traino della tv o del leader carismatico; le relazioni con associazioni e comitati locali, da cui provengono le persone che garantiscono un salutare ricambio generazionale. Rispetto alle altre forze del centrosinistra, sicuramente ci caratterizziamo in particolare sui temi ambientali e del territorio, sulla partecipazione dei cittadini e sulla trasparenza delle azioni amministrative. A cura del Coordinamento della Lista per Pioltello

Quando mi sono seduto per la prima volta sui banchi del Consiglio Comunale, ho pensato a mio zio che, per insegnarmi che un impegno è un impegno, mi ripeteva il classico proverbio: “hai voluto la bicicletta, adesso pedala”. Solo che la strada del consigliere, soprattutto di questi tempi, è tremendamente ripida. Ripida in salita perché, sia per le ristrettezze di bilancio sia per sensibilità diverse presenti nella maggioranza, apportare modifiche (innovazioni dal nostro punto di vista) sui diversi temi è un lavoro complesso e faticoso. Ripida in discesa perché, con un bilancio costantemente in affanno, sempre più al millimetro e sempre più di “resistenza”, occuparsi dei conti della città è divenuto un esercizio quasi da tecnici dove una “pedalata” troppo decisa della politica, magari con l’intento di risolvere problemi che ritiene attuali e importanti, rischia di far cadere il consigliere di sella... Ma chi te lo fa fare a vent'anni, allora? Fuori dai denti devo ammettere che in un paio di occasioni me lo sono chiesto anch’io e il senso di impotenza e frustrazione sono sempre dietro l’angolo. Però fare il consigliere e più in generale fare politica è bello, veramente bello. Quando riesci a far approvare un ordine del giorno sull’adesione al tavolo della pace all’unanimità , quando incidi anche solo in parte sui progetti scolastici, quando un tuo ordine del giorno solleva in consiglio comunale una discussione sulle banche che fanno affari con le armi, senti che i voti che ti hanno mandato lì hanno un senso. Fondamentale è non montarsi la testa, non pensare mai di essere insostituibili o di avere la capacità di cambiare un sacco di cose subito. Io e i miei amici e compagni della Lista cerchiamo di fare un passo alla volta, nel tempo che ci è concesso, su una gamma ampia di tematiche avendo come faro i valori dell’ambiente, della solidarietà, della giustizia sociale e della pace, consapevoli che i risultati che riusciamo a portare a casa oggi resteranno anche domani, quando noi faremo ancora i consiglieri, oppure gli assessori o i sindaci, o magari niente di tutto questo. Nicola Maselli Consigliere Comunale Nicola ha 24 anni, è studente in scienze giuridiche ed è il più giovane consigliere comunale di Pioltello.


PIU' SPAZIO A PEDONI E CICLISTI - PIU' OCCASIONI DI INCONTRO “Città gentile” dietro a questo felice slogan si muovono le scelte e i progetti di ripensare la nostra città in funzione di una miglior qualità della vita. Marciapiedi, pedonalizzazioni, fondo stradale, arredo urbano.. non sono solo occasioni di abbellimento ma sono gli strumenti di un vivere e ripensare meglio gli spazi che favoriscano positive relazioni tra le persone. Vale la pena in questa sede riprendere la spiegazione di “Città Gentile” così come la troviamo nel nostro programma di governo. La città si disegna non soltanto con l’urbanistica (tessuto urbano) ma anche con le relazioni (tessuto sociale), favorendo le occasioni di movimento e di incontro attraverso una mobilità che metta al centro le persone. La città è “gentile” se facilita i contatti ed il dialogo tra i cittadini e con l’ambiente che li circonda. È necessaria una svolta culturale... privilegiando in modo deciso il pedone, il ciclista, il trasporto pubblico. Da qui nasce una pianificazione del territorio in cui riservare attenzione al cittadino, incoraggiando i soggetti con mobilità svantaggiata e ridisegnando gli spazi secondo priorità non dettate dalla velocità o dalle dimensioni di chi o cosa li debba attraversare. Il progressivo congestionamento delle metropoli e delle aree urbane ci sta da decenni dimostrando che la velocità e la potenza non sono oggi i cardini di uno sviluppo efficiente. Un aspetto che la “Città Gentile” si pone infatti di modificare, per rendere meno arida la nostra convivenza sociale, è proprio quello della segregazione, in cui ognuno si muove da sé e per sé, e reclama la precedenza per il proprio mezzo. In questo modo assistiamo spesso a discussioni interminabili tra automobilisti e ciclisti, pedoni e automobilisti, ciclisti e pedoni,

in cui ciascuno si sente sopraffatto ingiustamente dalle altre categorie. Alla Lista per Pioltello abbiamo una radicata e condivisa convinzione che il paradigma di riferimento per la costruzione della “Città Gentile” sia la centralità della persona, che per noi è in armonia con la difesa dell’ambiente con il rispetto delle regole, pratica che favorisce la coabitazione rispetto alla segregazione, infatti laddove c’è la certezza del rispetto di un divieto basta un cartello e non serve una barriera o una telecamera ed ugualmente, se le automobili non vi parcheggiassero sopra, una pista ciclabile o un’area pedonale potrebbero essere realizzate con una semplice segnaletica orizzontale senza dover ricorrere a costose ringhiere o aiuole spartitraffico. Le frontiere lungo cui correre per costruire la “Città Gentile” sono quella della comunicazione, dell’educazione e della legalità e per questo occorre muoversi sia sul piano della mobilità locale (pedonalizzazione di centri storici, mobilità ciclabile, regolamentazione del traffico di attraversamento) sia su quello della mobilità intercomunale (collegamenti ciclabili con i comuni vicini). Un fattore di successo nella diffusione della visione della “Città gentile” può avvenire solamente con una piena condivisione di tale orizzonte con i cittadini qualsiasi sia la loro provenienza, età o pensiero politico. Per questo confidiamo in un sempre maggior contributo da parte dei nostri simpatizzanti e da tutte le persone che abbiano a cuore una città più gentile. Gianluca Premoli Consigliere Comunale Lista per Pioltello

La rete delle PISTE CICLABILI di Pioltello – tra piste costruite e in via di costruzione - è lunga: COME UNA MARATONA !


La nostra città vive una strana contraddizione. Un pioltellese su quattro non è cittadino italiano, eppure i migranti sono quasi assenti dalla vita politica. Sono interessati ai vari servizi proposti dal Comune, quali i corsi di italiano, la mediazione culturale, lo Sportello Stranieri e la Consulta Interculturale. Le Associazioni di stranieri sembrano soprattutto legate alla comunità di riferimento ed alle tradizioni religiose. O allo sport, che rimane un importante fattore di socializzazione e di affermazione della propria cultura di origine. Come se, anche con il passare degli anni, si sentissero sempre di passaggio nella nostra città. Colpa della politica italiana che ancora nel 2013 nega loro il diritto di voto? Colpa di una Amministrazione Comunale che per favorire la loro partecipazione utilizza gli stessi strumenti di 13 anni fa? Colpa di una visione errata da parte loro, che considerano l’Italia fondamentalmente un Paese razzista, dove si può insultare senza conseguenze un ministro perché di colore? Come Lista per Pioltello, da sempre impegnata nel fare partecipare tutti i cittadini,abbiamo sostenuto con raccolta di firme ed un incontro pubblico la campagna nazionale “L’Italia sono anch’io”, per il diritto di cittadinanza dei minori nati nel nostro Paese. In questa occasione, abbiamo rilanciato l'impegno previsto dal Programma del centrosinistra pioltellese: “Avviare un percorso condiviso con le associazioni interculturali, che porti a un rilancio della Consulta Interculturale attuale e a forme di rappresentanza diretta da riconoscere nello Statuto Comunale, ove naturalmente compatibile con le leggi sovralocali”. Forse è proprio dalla politica che bisogna ripartire, forse è lo strumento “Consulta Interculturale” ad essere superato come luogo di rappresentanza. Forse bisognerebbe eleggere dei rappresentanti dei migranti in Consiglio Comunale senza diritto di voto? Forse queste elezioni tra e dei migranti risveglierebbero il loro interesse per la città? Paul Poiret

Stranieri: Italia: 7,5%

Pioltello: 24%

ANCH'IO POSSO FARLO Dai una mano alla Biblioteca Sta nascendo il gruppo “Amici della Biblioteca”, formato da cittadini volenterosi disposti a farsi coinvolgere nella gestione di alcuni servizi in affiancamento ai bibliotecari. La collaborazione è a titolo gratuito ed è coperta da assicurazione contro gli infortuni. Anche tu puoi donare qualche ora del tuo tempo per far crescere la nostra Biblioteca e, con essa, la cultura della nostra città

Informati su cosa succede nel tuo Comune Più ne sai, meglio capisci cosa succede vicino a te e magari puoi deciderti di darti da fare. Da dieci anni, il sito www.pioltello.org (gestito dai volontari della Lista) informa gratis la città ed è a disposizione per pubblicizzare le iniziative della tua Associazione, distribuendo ogni settimana notizie aggiornate via mail. A questo servizio si è finalmente aggiunta una newsletter della Amministrazione Comunale, anch'essa distribuita via mail, con comunicazioni più istituzionali del Comune. E se vuoi capire cosa combinano i politici che hai votato, puoi seguire da casa i Consigli Comunali, trasmessi via internet in tempo reale e registrati su YouTube. Insomma, ora non hai più scuse per dire “non lo sapevo”...

Viaggia gratis con la famiglia Hai figli minorenni? In Lombardia viaggiano gratis sui mezzi pubblici, se accompagnati dai familiari. La Regione ha lanciato una tessera famiglia che permette ad un adulto di trasportare gratis per spostamenti occasionali uno o più ragazzi fino a 14 anni legati da parentela. E' consentito l’ingresso a vista in metrò. Tra i mezzi utilizzabili - oltre a bus, metro, treni - vi sono anche funivie e battelli. Provare per credere: una bella occasione per gite familiari in città e fuori porta.

9000 stranieri da 100 Paesi. I primi 10 sono: Ecuador, Perù, Romania, Pakistan, Egitto, Albania, Marocco, Bangladesh, Filippine, Srilanka.

1 bambino su 3 è figlio di migranti 1 bambino straniero su 2 è nato in Italia


GIORGIO FALLINI Assessore all'Urbanistica, Attività Produttive, Viabilità e Trasporti di Pioltello Hai parecchie deleghe: quanto tempo dedichi alla attività amministrativa? Io sono in Comune necessariamente tutti i giorni. In questo periodo le attività più impegnative riguardano la Mobilità: i cantieri della Bre.Be.Mi. su Cassanese e Rivoltana pongono nuovi problemi ogni giorno al traffico e richiedono un monitoraggio costante. Viabilità e traffico sono temi caldi: quali gli interventi in questi due anni da assessore? La Cassanese, che a conclusione lavori finirà interrata, è la grande conquista che come Lista e come centrosinistra perseguiamo da decenni ed ora iniziamo ad intravedere. Siamo impegnati a salvaguardare le vie interne dal traffico di attraversamento: abbiamo fatto partire il progetto “Io vivo a Pioltello” con la distribuzione alle famiglie pioltellesi di un contrassegno che agevoli i controlli della Polizia Locale per impedire ai non residenti di passare dentro la città. Nei prossimi mesi saranno attivate le telecamere della ZTL (Zona Traffico Limitato) di Pioltello Centro Storico e Limito, in cui potranno entrare solo i cittadini residenti in quelle vie. Infine stanno partendo i lavori per lo spostamento della Pobbiano – Cavenago, che allontaneranno il traffico dal centro di Seggiano, e per la realizzazione delle barriere antirumore sul cavalcavia.

Trasporti: la Stazione ferroviaria di Porta è stata una grande conquista, ma oggi versa in una situazione di forte degrado. La Stazione è messa male: la competenza è delle Ferrovie, con le quali sto insistendo con forza perché facciano gli interventi dovuti. Sono partiti da pochi giorni i lavori di ristrutturazione (sottopassi con ascensori per disabili, pensiline di copertura, barriere antirumore). Ferrovie deve anche provvedere alla ricollocazione di edicola e bar della Stazione. Cosa manca ai trasporti pioltellesi per fare il salto di qualità? Una navetta di collegamento tra la Stazione ed il quartiere di Pioltello centro, per rendere fruibile il Passante anche a chi abita a nord della Cassanese. Stiamo valutando i costi per estendere a Rugacesio e Malaspina l'autobus a chiamata operante nel comune di Segrate. Un ultimo progetto cui ti stai dedicando? Il potenziamento del bike sharing, con tre nuove postazioni in Piazza 25 Aprile, a Malaspina e nei pressi degli uffici Esselunga. Come un cittadino può parlare con te? Il lunedì dalle 17 alle 18 in comune, prendendo appuntamento allo 02/92.366.200. Grazie e buon lavoro!

GIOCA CON PIOLTELLO Trova e cancella dallo schema tutte le parole su Pioltello qui sotto elencate. Con le lettere restanti, scopri chi è stato il sindaco di Pioltello nel dopoguerra tra il 1945 e il 1956.

CASTELLETTO CAVE CINEMA COMUNE COREA EL PUNT ISOLA MERCATO MULINO PLAUTELLUM

PONTE PRATI SATELLITE PARCONE PESA PIAZZETTA PISCINA STAZIONE SPORT TENNIS VIE

Gli approfondimenti, i riferimenti, le foto ed i video sugli argomenti trattati su GiornaLista e la soluzione dei giochi sono disponibili nel sito internet:

www.pioltello.org dove trovi GiornaLista scaricabile in formato digitale e puoi iscriverti alla newsletter di GiornaLista per ricevere gratis ogni settimana notizie su Pioltello.


GiornaLista Novembre 2013