Page 1

20

Giovedì 1 ottobre 2009

PORT LEGADUE

Asettantadue ore dall’inizio del campionato ci sono da definire aspetti fondamentali per i supporter,soprattutto le modalità di accesso al Palapentassuglia in gradinata e curva

New Basket,ancora dubbi su prelazioni e diritti tv ma la squadra è pronta Perdichizzi: ”Disputato un buon precampionato” eitifosi si organizzano per il primo esodo dell’anno di GIUSEPPE MAZZONE

BRINDISI - La Brindisi cestistica, quella appassionata, non vede l’ora d’iniziare la nuova avventura della Lega Due. C’e d’attendere ancora, poco più di settantadue ore, prima di rivedere all’opera la truppa di Giovanni Perdichizzi da martedì ritornata al lavoro con il mirino puntato sull’obiettivo Casale Monferrato. Intanto fervono i preparativi tra i supporter di fede biancazzurra, impegnati a organizzare lo sbarco nella cittadina piemontese, mentre per i possessori di abbonamenti, quelli non ancora rinnovati, cresce l’inquietudine per la mancanza di notizie, provenienti dalla sede di Contrada Masseriola, circa l’ultima fase della campagna di sottoscrizioni e la cessione dei diritti televisivi a questa collegata. Sul fronte squadra, messo in archivio il precampionato si guarda avanti, alla nuova fase, con lo spirito giusto avendo all’attivo un bagaglio d’esperienza davvero importante e forte del quale, la formazione brindisina, si sta preparando al debutto sul legno della città alessan-

JoeCrispin a destra il Palapentassuglia

BASKET SERIE C DILETTANTI

drina. Non poteva esserci, quindi, avversario migliore per testare, con certezza, tutte le qualità emerse nei tornei che hanno scandito la marcia d’avvicinamento all’esordio di domenica prossima: quaranta giorni di lavoro che hanno soddisfatto il timoniere della squadra Giovanni Perdichizzi. “Abbiamo disputato un buon precampionato – ha sostenuto il coach siciliano – abbiamo avuto sempre la possibilità di ricavarne spunti positivi, assieme alle negatività, che dovremo limare, lavorando duro in palestra. C’è ancora da migliorare è ovvio: dal punto di

Il Ceglie affonda sul parquet del Giulianova Unesordio amaroper i messapici che non riescono a contenere i marchigiani GLOBO GIULIANOVA 80 71 BASKET CEGLIE (25-17 / 18-13 / 20-21 / 17-20) GIULIANOVA Paganucci 21, Angelucci 14, Cianella 4, Wu 23, Braidot 7, Gaglioti 0, Cannavina 10, Pasquanelli n.e., Annunziata 1 CITTA' DI CEGLIE Curri n.e., Travaglini 0, Leoncavallo 9, Fanelli 15, Moliterni 3, Febo 9, Corbetta 7, Abet 6, Ucci 2, Motta 20

GIULIANOVA- Esordio amaro per il Ceglie che nell'onda che ha sommerso quasi tutta la Puglia cestistica di C Dilettanti, affonda contro un Globo Giulianova implacabile dalla lunetta e sostenuto dal tiro da tre. Il Ceglie schiera il quintetto con : Abet in cabina di regia, Ucci, Febo, Motta e sotto la plance Leoncavallo. Mentre la formazione di casa schiera Paganucci, Wu, Braidot, Angelucci e Cannavina. Il primo canestro stagionale è realizzato da Giandomenico Ucci dopo solo 20” ed avvia la prima metà del quarto in cui le due compagini viaggiano incollate punto a punto......ma il resto della partita sarà tutto in salita per la banda Djukic. Paganucci (21 punti, 27 di valutazione) si impone subito

Ceglie e Giulianova alla palla a due

come miglior giocatore della propria squadra che viene guidata in un match in cui affronta il Città di Ceglie a visto aperto, mentre i messapici non riescono a far valere la difesa fatta ammirare in precampionato. Djukic prova con i cambi a dare 1 piccola scossa con gli avvicendamenti Ucci/Corbetta e Leoncavallo/Moliterni. Febo realizza un canestro da 3 che permette al Ceglie di ridurre le distanze che stanno iniziando a formarsi, ma prima Angelucci e poi Cianella re-

plicano dal perimetro fissando il risultato sul 25-15. Nel secondo quarto il Giulianova prosegue la sua ottima partita mentre il Ceglie annaspa e subisce gli affondi avversari: Il primo canestro arriva da Cianella con un tiro dai 6, 25 che porta la partita sul risultato di 28-15 (massimo vantaggio). Djukic decide nuovamente di cambiare le carte in tavola, fa uscire Moliterni per far posto ad un Motta superbo (miglior giocatore tra i messapici con 20 pt, 13 rimbalzi, 23 di valutazione). Pa-

ganucci porta la partita sul 32-19, con due tiri liberi realizzati (6/6 a fine gara) e un tiro da due, Wu realizza l'ennesima dai 6,25 ed il Ceglie cerca di rispondere da tre prima con Motta, poi con Corbetta, ma la ripartenza dei cegliesi viene fermata dal duo arbitrale. Il giovane Annunziata realizza l’ennesimo libero prima dell’intervallo portando il risultato sul 4332. Appena rientrati in campo Loencavallo realizza un canestro da 2 ed avvia la rimonta illusoria della propria

squadra che con una bomba di Motta arriva a meno 4: 51-47. La coppia Abet e Fanelli riduce ancor più lo svantaggio sul 53-51. Sfida riaperta ed il binomio inscindibile squadra-tifosi cegliesi inizia a crederci, ma, come abbiamo già anticipato, è una breve illusione che non si rivelerà sufficiente. Il Giulianova, infatti, con 2 triple di Wu, i punti di Braidot e la coppia arbitrale porta il risultato sul 63-51. Ultimo quarto con Travaglini, Ucci, Febo, Moliterni, Motta. Il Ceglie parte più deciso con la voglia di portare a casa 2 punti e realizza un parziale di 8-0 con Corbetta e Motta, ma puntualmente arriva il fischio ai danni di Corbetta che, esatto replay di quanto visto sul finire del 2° e del 3° tempo, inaugura una sequenza di falli fischiati al Città di Ceglie che, associata all'infallibilità degli abruzzesi dalla lunetta, determina l'esito della gara. Forse inutile ricordare che il Ceglie si riporta a -2 a 50” dal termine, ancora con Motta e Fanelli, ma la partita si conclude con la “solita” sequenza di tiri liberi e con la tripla di Wu che fissa il risultato 80-71.

vista tattico, in più occasioni, sui secondi tiri, ci siamo fatti prendere dalla frenesia di voler segnare ad ogni costo anche se fuori posizione. In più, dovremo limitare le palle perse quando abusiamo del palleggio. In difesa, invece, bisognerà essere aggressivi da subito”. Domenica si taglia il nastro del campionato come lo scorso anno contro Casale Monferrato, ma questa volta con una squadra che ha motivazioni completamente diverse: ” Noi non ci nascondiamo –afferma deciso Perdichizzi - abbiamo allestito una squadra per competere con quelle di prima fascia. Ce ne sono parecchie oltre alle solite Venezia e Veroli che potranno dire la loro. Mettiamoci Sassari, oppure la retrocessa Udine o Scafati e Rimini. Sarà un campionato bello, migliore dal punto di vista qualitativo rispetto a quello dello scorso anno. Per quanto ci riguarda sarà importante dare continuità ai risultati, facendo valere il fattore campo. Se poi riusciremo a vincere un po’ di gare fuori casa, così come nello scorso torneo, allora potremo davvero soggiornare ai piani alti della classifica”. Intanto, il secondo campionato nazionale di pallacanestro vivrà il suo prologo nella giornata di domani: a partire dalle 11.30 nel teatro della comunità di San Patrignano fondata nel 1978 da Vincenzo Muccioli, sarà presentato il 9° campionato di Legadue 20092010. Farà gli onori di casa il presidente, Marco Bonamico che per l’occasione illustrerà le novità della prossima stagione e le iniziative messe in cantiere, prima tra tutte la scelta del più grande centro di recupero dalla droga d'Europa per dare il via al nuovo torneo. Il connubio tra San Patrignano e lo sport dei canestri ha un legame di vecchia data: già in passato la comunità ospitò i giganti del basket in occasione di una partita organizzata e voluta dalla Giba (l’associazione giocatori), oltre ad accogliere più di una selezione azzurra, in visita in questo centro conosciuto in tutto il mondo. “Tutti noi condividiamo uno dei messaggi alla base della vita in comunità e cioè che con l'impegno, il lavoro, la fatica, si ottengono grandi risultati - ha affermato Bonamico - e questo è vero nella sia nella vita sia nello sport. Il basket non è un’isola felice, ma uno sport che vive un rapporto profondo con la nostra società e che vuole offrire il suo contributo anche di fronte a problemi drammatici

come disagio ed emarginazione – ha spiegato ancora il presidente di Legadue – noi professionisti siamo spesso modelli per i giovani e dobbiamo vivere con responsabilità questa condizione e tutte le nostre società lavorano a stretto contatto con adolescenti e giovanissimi, svolgendo anche un’importante azione formativa. Sono queste la ragioni per le quali abbiamo deciso di aprire in questo modo il prossimo campionato”. Affermazioni che hanno fatto eco alle parole di un soddisfatto Andrea Muccioli, responsabile di San Patrignano oltre che appassionato della palla a spicchi: “Lo sport è parte integrante della maturazione di ogni persona. Prima che campioni si è persone con una propria solida struttura caratteriale e comportamentale. E’ questa la condizione che consente di raggiungere grandi traguardi – continua Andrea Muccioli – Se cresci come persona, lo sport ha già fatto la sua parte, indipendentemente dal fatto che tu rimanga un semplice amatore

Eritorna Riccio Basket Domenica quattro ottobre ritorna la Lega Due e Riccio Basket. Dalle ore 17,45 in diretta e in esclusiva sulle frequenze di Ciccio Riccio e in streaming su www.ciccioriccio.it <http://ciccioriccio.it> , dal Pala Ferraris di Casale Monferrato, sarà trasmessa la radiocronaca della prima giornata del campionato di Lega Due, Fastweb Casale Moferrato-New Basket Enel Brindisi. L'appuntamento prodotto in collaborazione con la redazione sportiva di Senzacolonne si avvarrà della radiocronaca di Giuseppe Mazzone, il commento tecnico di Pompeo Barbiero , Beppe Bevilacqua e la collaborazione in studio di Carlo Amatori.

o un professionista”. Nell’incontro di domani lo stesso Muccioli presenterà il nuovo slogan “WeFree-addicted to life”, un progetto di prevenzione creato appunto da Sanpa (così come amano chiamare amichevolmente la comunità), che farà bella mostra sulle magliette delle 16 società partecipanti al campionato, durante il riscaldamento pre partita, a segnare la stretta collaborazione tra la comunità, la Legadue e le tutte le squadre del torneo. In seguito, nella serata, al Palasport Flaminio di Rimini, ci sarà l'opening game del campionato 2009-2010: Crabs Rimini-Prima Veroli anticiperà la prima giornata di campionato in programma domenica 4 ottobre alle 18.15. Prima della partita si disputerà un'amichevole fra la squadra juniores dei Crabs e la rappresentativa di San Patrignano ora in forza nel torneo di serie D.


senzacolonne sport 011009  

senzacolonne_sport_011009

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you