Page 1

GIULIA STELLA jewelry & accessories designer portfolio 2016

1


Alla domanda “Come ti chiami?” mio nonno rispondeva sempre: “Io non mi chiamo, sono gli altri che lo fanno!” In un certo senso, da qui in avanti, vorrei che ognuno mi chiamasse a suo modo.

Io sono Giulia, non porto le gonne ed ho l’oceano in testa.


GIULIA STELLA Sin dalla tenera età sono appassionata a qualunque attività abbia come epicentro l’arte. Sono un’ inguaribile curiosa ed osservatrice per natura. All’interno del settore moda e lusso, ambisco a lavorare nel design di gioielli ed accessori.

Il mio interesse è volto in particolare nel settore pelletteria e eyewear.

COLLABORAZIONI J e w el r y &

a c c e s so r i e s d e s i gn e r

Buscemi e y ew e a r d e s i gn e r

Essilor

J e w el r y

d e s i gn e r

Progold

A c c e s s or i e s

d e s i gn e r

Lineapelle

A c c e s s or i e s

d e s i gn e r

Bagan Lacquerware Cluster, UNIDO

A c c e s s or i e s

d e s i gn e r

Lexiapel

Progettazione di una linea di gioielli, accessori e piccola pelletteria. Thesis project Progettazione grafica di texture e pattern da applicare sulle lenti con il metodo della flashatura. Progettazione di una linea di gioielli da realizzare con l’utilizzo della tecnologia SLM. Progettazione di una linea di borse in pelle: concept, ricerca materiali, sperimentazione manuale su texture e applicazioni. Modellistica e creazione a mano di un prototipo Progettazione di una linea di gioielli, accessori e suppellettili per la casa in occasione del progetto “Burma lacquerware project” Progettazione di una linea di borse in pelle. concept, ricerca materiali, ricerca e sperimentazione manuale su texture e applicazioni.

6


PREMI & ESPOSIZIONI

2015

3° posto ottenuto al concorso “Breil - what’s next ?” indetto da Desall

2015

Partecipazione all’esposizione “Gioiello maschile e divinità lontane” al MAO Torino

2015

Partecipazione ad EXPO 2015 all’interno del padiglione Birmania con il progetto “Burma lacquerware project”

SOFTWARE AI / PS / ID OFFICE RHINOCEROS KEYSHOT

7


INDEX

8


chapter

o1

ROSES

02

03

ANIMUS

chapter

04

chapter

05

44

chapter

52

06

CICLES

chapter

60

RUINS contemporary design

34

24

SPINNING TOP commercial jewels

16

10

chapter

chapter

BODHI VISOR conceptual jewel

07

SOLBRILLER eyewear

9


10


ROSES chapter . 1

Roses è una linea di gioielli ispirata al fiore più gradito dalle donne: la rosa. Da questo fiore nascono linee stilizzate che danno vita ai petali attraverso l’acciao. Il progetto è il terzo classificato al concorso “Breil - What’s next?” indetto su Desall.

11


a fairy story

{

12


}

that becomes reality.

13


MATERIALI Orecchini in acciaio lucido e zirconi incastonati diametro 1 mm, chiusura a farfalla. Disponibili in variante oro rosa.

14


orecchino ROSES

logo BREIL inciso al centro. Disponibile versione in rosa con pavè di zirconi al centro e logo inciso lateralmente.

15


16


SPINNING TOP chapter . 2

Il pendente SPINNING TOP è ispirato alle antiche trottole da gioco in legno, che prendono in questo caso nuova vita in oro lucido in diverse nuance. Semplicità nelle linee conferisce al pendente eleganza e delicatezza.

17


piattino al termine del processo di stampa. Qui i pendenti sono stati miniaturizzati e stampati in oro giallo.

18


foro per catena

finitura lucida

interno cavo

19


20


indossato

21


22


TECNOLOGIA SLM La tecnologia SLM permette, rispettando i dovuti parametri, di creare prototipi la cui struttura risulta vuota nell’interno. Ciò garantisce leggerezza e portabilità all’oggetto, come nel caso del pendente Spinning Top.

23


24


ani

mus chapter . 3

Ogni atteggiamento o sentimento contiene il suo opposto. L’Animus e l’Anima rappresentano, per Jung, il maschile e il femminile insito nella psiche di ogni essere umano. Ogni donna è anche Animus e ogni uomo è anche Anima. Animus è doppiezza della psiche. Scontro tra ideale e reale.

25


26


27


n o n a c ca d e s o l o a l n e v r o t i c o ch e l a p r o p r i a m a n o d e s t ra n o n s a pp i a c o s a fa l a s i n i s t ra .

28


29


30


31


Il pendente Animus è stato realizzato in laboratorio orafo. Inizialmente è stato stampato in cera il modello 3D ricavato da un file Rhinoceros. Successivamente la cera è stata modellata con bulini, lime ed appositi strumenti fino a raggiungere la forma desiderata. Infine è stata fatta la microfusione in argento 925 del pezzo, che è stato in ultimo lucidato e punzonato.

32


33


3344


RUINS chapter . 4

Ciò che era solido diventa frammento e calcinacci a causa dell’usura. Il nostro progetto scompone e ricompone la struttura del rudere, e mira all’evoluzione dello stesso tramite un’analisi ed un’ elaborazione dei suoi elementi materici.

35


PREPARATORY SKETCHES

36


37


Il passaggio successivo prevede la nobilitazione degli elementi studiati, traducendoli in materiali utilizzabili nell’ambito accessori. Il fine ultimo è quello di creare una linea dinamica e funzionale, che si adatta alle esigenze dell’uomo URBAN attento alle dinamiche sociali ed al tema dell’ecosostenibilità.

38 38


39 39


La borsa è stata realizzata interamente a mano. Con gli scarti di pellame forniti da Lp Fashion Studio è stato possibile realizzare e cucire la struttura. La borsa è stata successivamente verniciata su alcune parti per creare l’effetto craquelè. Al manico centrale sono stati applicati dettagli in ottone realizzati su misura in laboratorio orafo.

40


41 41


42


43


the

BODHI VISOR Ci sono solo due errori che si possono fare nel cammino verso il vero: non andare fino in fondo e non iniziare. Buddha


45


Il quadrato comporta un principio d’ordine che è innato nell’uomo. Esso, rappresentante la terra, si contrappone al cerchio, che rappresenta le potenze celesti.

46


BODHI VISOR è una visiera capace di portare l’uomo alla perfezione spirituale, dove sensi ed intelletto finalmente coincidono.

47


48 48


I l pezzo è stato realizzato in laboratorio orafo utilizzando plexiglass nero per la parte frontale ed ottone per l’intera struttura. A quest’ultimo è stata applicata una finitura satinata. L ’elemento centrale rappresenta l’ūrnā ed è stato lavorato con la tecnica dell’ossidazione.

49


50


51


52


CICLES chapter . 6

Chiunque non abiti a Torino non ha sicuramente mai sentito nominare il termine Cicles. E’ infatti una parola che in dialetto significa “gomma da masticare�. Questa linea prende ispirazione dai colori e dalle texture delle caramelle, dando vita a occhiali dallo spirito fresco e giocoso, adatti per qualsiasi viso.

53


GUM

54


55


BABOL

occhiale da sole in acetato traslucido, in gradienti di colore pastello. Lenti specchiate tinta malva.

56


57


MOU

occhiali da sole in acetato texturizzato. lenti opache tinta marrone.

58


59


60


SOLBRILLER chapter . 7

Spigoli taglienti. Storie di colori opachi e caldi come quei tramonti che lentamente scompaiono tra le nebbie. Solbriller è una linea di occhiali ispirata alle atmosfere dei paesi nordici, dove geometria e sinuosità si combinano con insolita armonia.

61


L’occhiale LYS ha una struttura leggera in metallo opaco tinta black, accostato a lenti specchiate tinta silver.Dettagli cromati e cerniera invisibile gli conferiscono un design estremamente contemporaneo.

662 2


6633


TECNICO

40

52

60

TECNICO SCALA 1 : 2 quote in mm

26 2

2 2

145

64


65


66


KONTRAST occhiali da sole in acetato traslucido e lenti opache tinta nero

67


68


TAN occhiali da sole in acetato traslucido e lenti specchiate. Variante tinta nude

69


70


FINE

GRAZIE PER L’ATTENZIONE

71


GIULIA STELLA +39 3476807551 giuliastella345@gmail.com www.behance.net/giulia_stella www.issuu.com/giuliastella3

Giulia Stella - portfolio 2016  

jewelry and accessories design portfolio

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you