Issuu on Google+

Graphic&Interaction

Portfolio Giulia Arimattei


- Who am I? - Works - Graphic - Interaction


“Math is easy, design is hard”


Who am I? Giulia, 24 anni 5 anni alla Sapienza 1 anno alla Scuola Romana di Fumetto 10 mesi di erasmus in Francia 3 caffè al giorno 1 tavoletta di cioccolata


Graphic “Graphic design will save the world right after rock and roll does.”


Graphic

Logo Personale Il mio logo parte da una sorta di “G” molto arrotolata che dall’interno si apre all’esterno. Con l’inserimento di un elemento ch rapppresenta la zampetta della “A”, quasi una fusione astratta delle due iniziali.

GIULIA ARIMATTEI

GIULIA ARIMATTEI

C M Y K

15 100 100 0

C M Y K

80 0 100 0


IMATTEI

GIULIA AR

GRAPHIC

R

DESIGNE

GIULIA ARIMA TTEI

yahoo.it

arigiulia@

+39 349

3991039

oma

80 R , 41 001

via Fenulli

GIUL

RA ATTEI_G IA ARIM

PHIC DE

SIGNER

040 RM LE 41 00 VIA LAZIA

GRAPHIC DESIGNE R via Laziale 41 0004 0 RM Partita iva 47483974 9801 Tel. 349 88888888


Graphic

Epsylon Editrice Il mio logo parte da una sorta di “G” molto arrotolata che dall’interno si apre all’esterno. Con l’inserimento di un elemento ch rapppresenta la zampetta della “A”, quasi una fusione astratta delle due iniziali.

Lithos Pro


Y

EPS

LON

E D IT

Y

R IC E

via Pa

nisper na 69 , 0018 4 Rom Tel e a Fax: 06 4743 727 P.I. 10 4837 info@e 3100 psylo 5 neditri www. ce.it epsy loned itrice .it

ON L S P E EDIT

C M Y K

15 100 100 0

Elena

Bracci

Test

asecca

in

RICE 21 559793 +3933 ice.it neditr

sylo fo@ep

Y

EPS L ON EDIT

Eman

uela Bo

info@

C M Y K

80 0 100 0

RICE

ille +3934 831558 69 epsylo neditr ice.it

Epsy

lon

Edit

rice

via

Pan

isp

ern

a 69

, 00

184

Rom

a


Graphic

Epsylon Editrice


Pagine interne del sito

Grafica dei libri


Graphic

Museo Andersen

FLOW CHART

Galleria D’Arte Moderna Andersen Museo Manzù Museo Pratz Museo Boncompagni Ludovisi

Progetto di restyling del sito web del museo Andersen a Roma. L’idea del concept attuale è di limitarsi a dare informazioni essenziali rispetto alle attività museali senza approfondire e coinvolgere l’utente. Il nostro restyling parte appunto dall’idea del coinvolgimento “emotivo” dell’utente, creando una veste grafica più appropiata e coinvolgente, ed arricchendo il sito di elementi multimediali e interattivi.

HOME GENERALE

News Letter

LINGUE FAQ MAPPA DEL SITO SOPRINTENDENZA INFO ATTIVITÀ

HOME ANDERSEN

STORIA Biografia Andersen Storia Museo L’Associazione

COLLEZIONE PERMANENTE Photo Gallery

MOSTRE TEMPORANEE Passate Photo Gallery

In programmazione Photo Gallery

CITTÀ IDEALE Storia di un’utopia Photo Gallery


Graphic

Museo Andersen

Museo Hendrik Christian Andersen

Le opere di Villa Helene

Giulia Arimattei, Marta Giacobbe

A sinistra alcune pagine interne del sito. A destra un libro creato per spiegare la storia e le opere del museo.


Graphic

Libro d’artista

Per questo progetto ci è stato chiesto di ideare un “Libro d’Artista” avendo come base di partenza la scelta di una poesia scritta da poeti americani contemporanei. Il libro d’artista nasce, nell’accezione più diffusa e condivisa, con le Avanguardie storiche del Novecento ed in particolare con il Futurismo. Si sostanzia in ‘pezzi unici’, o numerati in serie limitate a pochissimi esemplari, realizzati con tecniche miste tra le quali primeggia il collage che si alterna a parti stampate con caratteri tipografici.

In alto gli strumenti utilizzati per confezionare il libro. Al centro una prova di stampa.


Graphic

Libro d’artista Per l’esame dell’orientamento ci è stato chiesto di ideare un “Libro d’Artista” avendo come base di partenza la scelta di una poesia di poeti americani. Il libro d’artista nasce, nell’accezione più diffusa e condivisa, con le Avanguardie storiche del Novecento ed in particolare con il Futurismo. Si sostanzia in ‘pezzi unici’, o numerati in serie limitate a pochissimi esemplari, realizzati con tecniche miste tra le quali primeggia il collage che si alterna a parti stampate con caratteri tipografici.


Graphic

Campagna AVIS Il committente della nostra campagna non convezionale è il direttore del Centro Trasfusionale dell’ospedale S.Eugenio di Roma. Sensibilizzare i cittadini della regione Lazio al problema della carenza di sangue, ma soprattutto rispondere alla necessità di un cambiamento radicale nell’atteggiamento delle persone. L’idea per il concept nasce dalla ricerca di parole che avessero un collegamento con lo scenario in cui ci trovavamo ad operare. Riferendoci a questo, è stato naturale partire dal termine SANGUE e arrivare alla seconda parola chiave del nostro progetto, SPARGIMENTO. Dall’accostamento di questi due termini siamo giunti al naming della nostra campagna: Spargimento di Sangue. Dal namimg siamo passati alla definizione della strada da percorrere con la formulazione di altri due concetti chiave: SPLATTER e GUERRILLA


Un esempio di sticker e le sue applicazioni


Graphic


Computer Graphic “Computers are to design as microwaves are to cooking.�


Computer Grafica

Videogioco

Oltre che sul layout del libro, ho deciso di intervenire parallelamente sul testo. Inserendo tra le parole alcune lettere “casuali”, si crea una texture. La leggibilità è aiutata dalla differenziazione tra la poesia in “Bold” e il resto delle lettere in “Regular”. Il testo nel suo insieme forma le due gobbe del cammello.

Nel 1° livello Tod incontra dei mostricciattoli, personificazione del virus causa dell’ inaridimento, deve afferrarli, accertandosi che non siano quelli mortali, mangiarli per ottenere come ricompensa delle gocce d’acqua da usare per gonfiare le nuvole nel cielo.

Il robot Tod deve incenerire con il laser degli occhi i Virus che incontra, facendo sempre attenzione al loro colore, e raccogliere i semi di ricompensa. Ottenuti 20 semi Rob troverà un punto, segnalato con una pala, e dovrà scavare per seminare il raccolto.

Il robot deve colpire con un martello ( prolungamento del suo braccio meccanico) i virus acquatici che hanno infettato gli abissi e quindi impossibilitato la vita dei pesci.

Il robot sconfigge i Virus saltandoci sopra, liberando quindi i cuccioli dall’infezione. Liberati tutti i cuccioli Uma si troverà di fronte al Mostro Finale, per sconfiggerlo avrà bisogno dei suoi amici.

Winorrelsds Prog


Computer Graphic

Videogioco

Mostri finali di ciascun livello

OUT OF

ORDER

Personaggi prncipali:

Virus presenti in ciascum livello

Tod

Wather Rob

Vegetation Ginger

Aquatique being

Uma

Terrestrial being


Interfaccia grafica

Gadget

ld or irness g

Pro W

YOU WIN!!


Interaction “A design isn’t finished until somebody is using it.”


Interaction

“Bornes” interattive Il progetto si basa sul rinnovamento dei terminali informativi dislocati nella città. La problematica principale era la tecnologia obsoleta e la scarsa usabilità, nonchè una brutta grafica. L’obiettivo finale era l’integrazione delle nuove tecnologie come il touch screen, e rendere l’insieme delle informazioni maggiormente accessibile e più “appetibile” per gli utenti.

Una “bornes” interattiva è un terminale informativo messo a disposizione degli utenti, che rende accessibile all’utilizzatore informazioni appartenenti a varie categorie.

culture

vie étudiante

économie

internationale histoire industrie environnement arts technologie enseignement developpement

Nantes

290 000 habitants 11 quartiers

+

Agglomération

500 000 habitants métropole +


Interaction

“Bornes� interattive

Cliccare sul video per avanzarlo!


Cliccare sul video per avanzarlo!


Interaction

Mapping

FLEM: Flem è una piccola estensione della toolbar di Firefox disegnata per Web-esploratori. Si possono archiviare, caricare e maneggiare URL formando

elenchi presenti nella toolbar e navigare da uno URL ad un altro molto facilmente. Può essere utilizato anche come slideshow di URL.

NAVICRAWLER: Navicrawler è un’applicazione di Firefox. Si possono creare grafici che rappresentano tutti i siti web visitati, classificarli. Navicrawler raccoglie i dati mentre si naviga, visualizza subito il numero di pagine collegate in entrata e in uscita e se sono

state classificate. Navicrawler è stato sviluppato principalmente per le necessità di ricerca delle scienze sociali. Il suo scopo è ridurre i tempi di raggruppamento dei dati utili per lo studio del web.

Lo scopo del workshop era scegliere un “universo” da esplorare, per capirne le dinamiche di relazione e poterlo quindi mappare. Per questo ci siamo serviti del software Gephi e di due componenti aggiuntivi di Firefox: Navicrawler e Flem. Gephi è una visualizzazione interattiva e piattaforma di esplorazione per dei generi di reti e sistemi complessi, grafici dinamici e gerarchici.


SEI UN GRAPHIC DESIGNER SOLO SE... 1. Hai dato un nome alla rotellina multicolore di MacOSX. 2. Non riesci ad andare al ristorante senza criticare in silenzio il design del menu. 3. Preferisci non pagare un font che un litro di benzina. http://designthesign.wordpress.com/



Giulia's Portfolio