Page 1

C

E N T R O

S

P O R T I V O

I

T A L I A N O

Valle Camonica


UNA SOCIETÀ SPORTIVA CHE EDUCA I RAGAZZI NON È ESPRESSIONE DEL GENIO CREATIVO?

Grandi ospiti alla conferenza dei Presidenti ’8 giugno presso l’Auditorium della Pontificia Università Urbaniana si è tenuta la Conferenza dei Presidenti con 150 presenze in rappresentanza di circa un centinaio di comitati territoriali. L’Assemblea si è aperta con un momento di spiritualità in cui il consulente ecclesiastico nazionale del Csi, don Alessio Albertini, ha ricordato la figura di Padre Pino Puglisi per spronare il Csi a “non rassegnarsi all’omologazione, a farsi prendere dalla moda del così fan tutti. Sale e luce gli ingredienti evangelici che hanno gusto e senso se riferiti a qualcosa altro. E così il nostro compito acquista senso nella misura in cui ci ricordiamo che abbiamo a

L

fare con gli altri.” Il presidente Achini testimonia la vicinanza del Coni leggendo il messaggio del numero uno Giovanni Malagò, che nel suo indirizzo di saluto incoraggia e sostiene l’impegno del Csi 2profuso a favore di uno sport eticamente irreprensibile, lontano da pericolose degenerazioni che attentano alla genuinità della competizione e dello sviluppo individuale. Capace di radicare una cultura che parta dalla famigia, dalla scuola e dagli oratori per sviluppare un modello educativo imprescindibile. Le medaglie si costruiscono così, dalle fondamenta. E voi siete la piattaforma, solida, cui poggiare le basi dei successi. Non solo sportivi, ma anche sociali”. Tocca a Mons. Melchor Sanchez presentare alla platea il Cortile dello sport, il Cortile dei gentili. Nel suo discorso (allegato) il segretario del Pontificio Consiglio della Cultura parla di oratorio, come grande risorsa della Chiesa con citazioni di santi e passi evangelici. Lo sport come apertura a Dio, uno dei punto centrali della sua intensa relazione.

2

A salutare i dirigenti del Csi ci sono grandi amici del Csi. Emiliano Mondonico, ambasciatore dello sport in oratorio Csi, parla, dopo aver conosciuto bene il Csi in più di trenta incontri tenuti quest’anno in oratorio, “mi sono accorto di quanto voi fate, con grande responsabilità. Vedo con piacere che si stanno realizzando molte delle idee comuni. Credo che ognuno debba fare nella maniera migliore ciò che sa fare meglio”. Microfono quindi a Cecilia Camellini, la forte nuotatrice azzurra, emozionata per l’applauso che accompagna la sua premiazione. “Grazie per avermi invitata. Giornata stupenda. Dico solo che lo sport è ed ha un potere soprannaturale. Uno sport che si adatta ad ogni persona, al divertimento di ogni individuo. Si adatta a tutti e tira il fuori il meglio da ogni persona. A modo suo chiunque può esprimere

18

G I UG NO

2013


ASSOCIAZIONE

se stesso con il suo sport. Ecco allora il momento di Arturo Mariani, azzurro della Nazionale amputati. Senza una gamba, sulle stampelle racconta dopo le immagini l’esordio in Francia della formazione fortemente voluta dal Csi, ringraziato a nome di tutta la squadra. “La mattinata prosegue con il gradito saluto di Giancarlo Abete, il presidente della Figc, venuto per solidificare l’alleanza con il Csi. Ai dirigenti territoriali riconosce: “Le problematiche della tenuta dei sistemi valoriali dal dilettantismo al professionismo. i valori etici. La tenuta di un sistema valoriale è un problema che riguarda la società contemporanea. E per i dirigenti è una responsabilità aggiuntiva nel pezzo di staffetta che a ciascuno compete. Il calcio deve farsi perdonare tesante criticità e deve mettere una marcia in più. Garanti in

questo percorso comune saranno i nostri due Albertini che rispettivamente abbiamo in squadra”. Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud, dopo Assisi, sostiene “il passo importante fatto dal Csi, per un rapporto che è diventato sempre più forte. Emozioni, sport e legalità ci richiamano all’antidoto alle mafie. Decliniamoli con e per i ragazzi del Sud. L’ invito e che il lavoro che fate ha un surplus se fatto insieme”. Quindi é Andrea Zorzi a riproporre il suo personale bilancio associativo, di un percorso fatto al fianco del Csi, che “nato dalla prima partecipazione alla Maratona in Terra Santa, proseguito nell’Italia di “Tracce di Sport”, e recentemente con la missione umanitaria ad Haiti. Al fianco del Csi per esaltare il bene dello sport, fatto negli spazi naturali, nei luoghi dello sport”.

3

Dibattito assembleare prima dell’approvazione del bilancio 2012 dell’Associazione e dell’intervento conclusivo del presidente Massimo Achini. La sua relazione pomeridiana, è presentata come una mozione di fiducia, una fiducia che crescerà fino al 2014, l’anno del 70ennio del Csi, in cui spiega “vogliamo rivivere il momento più bello, portando il popolo del CSI in Piazza San Pietro. Poi fare festa sul territorio, con l’idea del CSI DAY, ovvero 100 piazze in contemporanea invase dal CSI e infine un 70º da vivere e costruire insieme”. Achini fa un salto nel passato, ricordando il fondatore Gedda e la sua idea di “Un CSI capace di portare nel mondo dello sport, nella società e tra i ragazzi una visione nuova e cristiana dello sport. Un CSI che fosse lievito in ogni ambito e in ogni mondo. Un CSI che sentisse sempre viva e forte la sua origine, la sua identità, ma che fosse capace di essere missionario tra la gente. Un CSI capace di aiutare ogni oratorio, ogni parrocchia e la chiesa ad essere ponte tra la chiesa e la strada, ad essere tra le periferie ad essere parte viva del mondo.” Quindi un ritorno al futuro e all’attuazione del programma condiviso a Salsomaggiore un anno fa. Riecco allora gli impegni: un gruppo sportivo in ogni parrocchia; attività giovanile: seminare per crescere; formazione della classe dirigente; settantesimo; strategie di sviluppo e poi ci sarà la grande sfida di lasciare il segno nel mondo dello sport e del welfare”. E la chiusura su senso di fare CSI “che sarà quello che saremo in grado di trasmettere e di fare un minuto dopo aver lasciato questa sala tornando nelle nostre sedi, nei nostri campi, nei nostri impianti”. Domani e sempre.


TEMI DELL’INCONTRO: OPEN A 6, TESSERATI, CALCIO FEMMINILE, ARBITRI E DISCIPLINA

Commissione e società programmano la stagione che poi non ci siano le S periamo solite recriminazioni sulle scelte

della Commissione tecnica del settore calcio a campionati ormai definiti perché anche quest’anno le società sportive hanno mancato un’occasione per essere protagoniste del programma per la prossima stagione. L’incontro di programmazione ha registrato la presenza di una decina di rappresentanti dei gruppi sportivi, un po’ più degli scorsi anni ma sicuramente un numero insufficiente. La discussione ha posto l’attenzione su alcuni problemi riscontrati lo scorso anno e avanzato proposte che la commissione tecnica valuterà prima di definire il programma 2013/2014. A partire dal rilancio del campionato open a sei giocatori nelle ultime sta-

gioni calato di tono a favore degli open a sette. Dalla formazione di un girone unico con l’abolizione delle fasi finali, alla distinzione tra classifica tecnica e classifica fair play con premio finale per questa graduatoria, dalla limitazione degli incontri nei giorni di venerdì, sabato e domenica alla consegna degli scudetti di campione camuno (o un altro riconoscimento individuale) ai vincitori del titolo. Nel corso della serata sono stata analizzate anche le statistiche riguardanti il calcio; i numeri premiano l’impegno degli arbitri con oltre il 96% degli incontri (in totale 1344) coperti dal direttore di gara ufficiale. Una dei problemi riscontati, a proposito di arbitri, è il controllo delle tessere spesso affrontato in maniera superficiale o frettolosa; la

4

soluzione possibile proposta dalla commissione tecnica è il controllo incrociato affidato direttamente ai dirigenti delle squadre prima dell’arrivo dell’arbitro, una proposta da mettere a fuoco e sottoporre alle società sportive. Agli arbitri i dirigenti presento all’incontro hanno chiesto una maggiore uniformità nei comportamenti e nei giudizi, alle società è stata chiesta una maggiore collaborazione nell’operato del direttore si gara. È stato affrontato anche il tema spinoso dei tesserati alla federazione impiegati nei tornei del CSI, il parere abbastanza unanime è stato l’esclusione (o perlomeno una limitazione più profonda) dei tesserati. Per le fasi regionali le società sportive hanno chiesto un’assistenza migliore da parte del CSI di Vallecamonica con una riunione per spiegare regolamenti e svolgimento delle fasi regionali. Presente alla riunione anche giudice unico del calcio al quale è stato rivolto l’invito di applicare pene alternative rispetto alle sanzioni previste dal regolamento; arbitrare un incontro delle categorie giovanili, lavorare nella commissione calcio o collaborare alle feste del CSI possono essere modi per scontare le squalifiche in maniera utile all’associazione. Un accenno finale anche al campionato femminile che, secondo voci fatte circolare nelle ultime settimane, sembra non sia stato apprezzato; critiche smentite con dati precisi che hanno escluso qualsiasi tipo di “favore” organizzativo a una delle quattro finaliste. L’impegno del Csi a smentire ufficialmente queste voci per riproporre un campionato femminile di alto livello come quello della scorsa stagione.

18

G I UG NO

2013


ASSOCIAZIONE

STAGE DI FORMAZIONE DEL CSI REGIONALE A BORNO DAL 21 AL 23 GIUGNO

Il CSI migliore del nostro tempo fine settimana dedicato U nallaintero formazione dei dirigenti di

Comitato, è questa la proposta del Centro Sportivo Italiano che sarà ospitata dal 21 al 23 giugno a Borno. L’iniziativa, promossa dal Team Nazionale CSI della formazione, si rivolge a Presidenti delle società sporti-

ve, segretari, amministratori, dirigenti delle squadre, Presidenti, direttori tecnici, segretari, amministratori dei comitati, gruppi arbitrali e commissioni per la gestione dell’attività sportiva, tutte le figure sulle quali il Comitato provinciale intende investire nel prossimo futuro.

5

Gli obbiettivi dello stage sono il miglioramento delle qualità dei dirigenti territoriali, il loro rinnovamento e la valorizzazione delle potenzialità ancora inespresse di leadership nell’Associazione. “Perché I “dirigenti” sono le colonne portanti dello sport: a loro spetta il compito delicato ed affascinante di sviluppare uno sport educativo per tutti. Non è facile coniugare la massima diffusione nel territorio, per raggiungere tutti, e nello stesso tempo alzare continuamente il livello qualitativo, perché lo sport non si riduca a semplice pratica fisica o sia assimilato ai miti del semplice successo, della vittoria a tutti i costi, della selezione dei più bravi”. Il programma dello stage prevede momenti di confronto, attività dio laboratorio e incontri con esperti. L’iniziativa di formazione è di tipo residenziale, dal venerdì pomeriggio alla domenica, per godere al meglio dell’esperienza di condivisione che si intende realizzare. Lo stage prende il via venerdì 21 giugno alle ore 20.30 nella sala congressi del Comune di Borno con l’apertura dei lavori e il confronto sul tema: “Dirigere oggi nel contesto del sistema sportivo italiano”. Sabato i lavori iniziano alle ore 9.00 con i gruppi di lavoro sugli stili di programmazione, nel pomeriggio invece toccherà agli stili di coordinamento, chiude la giornata una serata associativa a cura del Team Nazionale della formazione. Il programma di domenica 23 giugno prevede la sintesi dei lavori quindi, alle ore 14.30, la conclusione di un componente della Presidenza Nazionale del CSI e la celebrazione della S. Messa. Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi alla segreteria del CSI di Vallecamonica.


a maglietta con il numero due, un

L mazzo di fiori e intorno, stretti in

un commovente minuto di silenzio per ricordare Diego, tutti i protagonisti della partita, questo è stato il prologo della finale della Coppa Primavera del Csi di Vallecamonica disputata sul terreno di gioco dell’Oratorio di Piamborno. A contendersi il trofeo, riservato alla categoria open a sette, le formazioni dell’IMG Rogno e del Cividate Iunaited, sopravvissute al tabellone con tutte le formazioni iscritte al campionato camuno. Subito in partita il Cividate che prende l’iniziativa proponendo alcune interessanti e pericolose azioni d’attacco; nella fase iniziale invece un po’ a disagio la IMG sul terreno dalle dimensioni più ampie rispetto al proprio campo di gioco. Non sono molte quindi le occasioni da gol nei primi venti minuti di gioco e le poche conclusioni a rete sono neutralizzate con bravura dai due portieri. A spezzare l’equili-

A PIAMBORNO NELLA FINALE DI COPPA BATTUTO IL CIVIDATE IUNAITED

La primavera degli open a sette è dell’IMG Rogno

brio un gran tiro dalla distanza di Michele Ducoli che si infila nell’angolo alto della porta del Cividate; la IMG vola sulle ali del vantaggio e, sessanta secondi dopo, raddoppia con una deviazione nel centro dell’area di Fabio Spadacini. Accusa il doppio colpo la compagine di Cividate che non riesce a reagire chiudendo un affanno la prima frazione di gioco. In avvio di secondo tempo probabilmente l’episodio che segna il confronto, un gran tiro di Leandri dalla distanza si infrange sulla traversa e impedisce al Cividate di avviare la rimonta. Così all’ottavo minuto una sfortunata deviazione di un difensore avversario porta a tre le reti di vantaggio dei ragazzi di Rogno. Sbanda visibilmente la compagine di Cividate

6

18

G I UG NO

2013


ATTIVITA’ SPORTIVA che non ha più la brillantezza del primo tempo mentre con il passare dei minuti prende coraggio e sicurezza la IMG ora padrona del campo. La fortuna non è poi dalla parte del Ci- ASSOCIAZIONE vidate bloccato ancora una volta dal palo e da alcune buone parate del portiere avversario. Solo a cinque minuti dal termine Stefano Gosio riesce a perforare la difesa del Rogno fino a quel momento impeccabile; troppo tardi però per imbastire una rimonta che la rete di Luca Zenti nei minuti di recupero rende impossibile. A premiare gli sforzi e l’impegno del Cividate Iunaited la seconda rete di Stefano Gosio che rende meno pesante la sconfitta. Successo meritato quindi della IMG formazione che ha concluso il campionato nelle prime posizioni del tabellone uscendo ai quarti di finale. Il Cividate Iunaited non è riuscito a commemorare la memoria di Diego, compianto numero due e capitano, con la vittoria nella del calcio camuno, nonostante le nuCoppa Primavera ma l’approdo alla finale ha riscatta- merose assenze domina il confronto to una stagione chiusa in calo dopo mettendo un mostra un gioco rapido una prima parte brillante. Parziale e di buon livello tecnico. In difficoltà riscatto anche per gli Amici di Fede nel primo tempo il C.G. Rogno che che, nella finale di consolazione, han- commette anche alcune ingenuità no battuto in maniera netta il Centro difensive; le reti di Paolo Angeli e la Giovanile Rogno. La compagine di doppietta messa a segno da AlesCapodiponte, fermata ai quarti di fi- sandro Rizza scavano un solco denale del campionato dai cugini della cisivo a favore degli Amici di Fede. Mobili Bottanelli diventata poi regina In avvio di ripresa dopo aver subito

7

la terza rete di Alessandro Rizza il C.G. Rogno reagisce ed inizia a farsi pericoloso; un colpo di testa di Gabriele Mondini e il gol di Fabrizio Bonfadini riducono le distanze tra le due formazioni. Il Capodiponte supera però il momento di difficoltà e torna padrone del campo aumentando di nuovo il vantaggio con i gol di Rizza e Thomas Torri. Terza posizione quindi per gli Amici di Fede che con questo successo riscattano una semifinale sottotono; nonostante la sconfitta soddisfatti i ragazzi di Rogno per i risultati ottenuti in questa stagione. Al termine delle due finali la responsabile del settore calcio Ines Tonsi ha consegnato le coppe alle quattro formazioni finaliste e ringraziato per l’ospitalità il G.S.O. Piamborno.


finali della categoria allievi C onsi èleconclusa la lunga stagione

del calcio targato CSI di Vallecamonica; stagione positiva a parte le condizioni meteo che hanno condizionato la prima parte dei tornei. Anche nell’atto finale del campionato allievi il meteo ha voluto metterci

ORATORIO DARFO SECONDO; PER IL TERZO POSTO L’ORATORIO ERBANNO BATTE L’EDOLO

Angone rullo compressore, suo il titolo 2013 allievi titolo camuno. Per prime sono scese in campo le squadre di Erbanno e Edolo impegnate nella finale di consolazione. Incontro incerto e combattuto fino alla fine con l’Erbanno che a pochi istanti dal fischio di chiusura riesce a battere gli avversari. Meglio nella prima frazione di gioco l’Oratorio Erbanno che sblocca la situazione di parità al sesto minuto grazie a Elia Minini con un gran tiro dalla distanza; l’Edolo si affida alle giocate dei singoli ma difetta nelle conclusioni a rete. Da un’azione prolungata arriva a metà del primo tempo il pareggio edolese siglato da Paolo Ferri. L’Erbanno mantiene l’iniziativa e in diverse occasioni impensierisce il portiere avversario che non può far nulla al 15° sul calcio di rigore trasformato dall’attaccante dell’Erbanno. Ripresa

lo zampino, questa volta a condizionare l’impegno dei ragazzi non sono stati il freddo o la pioggia dell’anomala primavera ma un pomeriggio afoso dalle temperature quasi proibitive. Nonostante questo comunque i ragazzi hanno dato vita a due buone partite che hanno rispecchiato i valori espressi nel corso della stagione. Un torneo particolare quello degli allievi che ha sofferto del numero ridotto di adesioni; solamente sei le formazioni al via in questa categoria impegnate in due distinti tornei, uno invernale e l’altro in primavera. Ospitate dall’oratorio di Gratacasolo le prime quattro formazioni hanno quindi dato vita alle finali per l’assegnazione del

8

18

G I UG NO

2013


ATTIVITA’ SPORTIVA

ASSOCIAZIONE

che si apre con il pareggio dell’Edolo al primo minuto messo a segno da Ivan Beltracchi. Formazione edolese più intraprendente nella ripresa ed Erbanno in difficoltà ad imbastire azioni in velocità come nella prima frazione di gioco; all’Edolo manca però la necessaria concretezza nelle conclusioni e il risultato si sblocca solo al termine del confronto grazie a Jhonny Azanza che indovina lo spiraglio giusto per regalare all’Oratorio Erbanno il terzo posto. Meno combattuta ed incerta la finale che ha assegnato il titolo con l’Autofficina Troletti di Angone brava a confermare la propria forza espressa nell’arco dell’intera stagione. A confrontarsi con i ragazzi di Angone la squadra dell’Oratorio Darfo, seconda forza del torneo. Già nel primo tem-

po l’Angone mette le mani sul titolo passando in vantaggio dopo soli tre minuti con Stefano Pedersoli, il raddoppio arriva al decimo minuto grazie ad una deviazione volante di Gabriele Bertini. I ragazzi di Darfo cercano di reagire ma è difficile giocare con-

9

tro l’Angone squadra ben messa in campo, affiatata e atleticamente ben preparata. Oltre ad avere sette titolari di buon livello l’Angone dispone anche di riserve all’altezza e nella ripresa se ne ha la dimostrazione con i cambi che non modificano per niente l’andamento della partita. Protagonista dell’incontro, nella seconda frazione, diventa così l’attaccante di riserva Andrea Landrini autore di una bella doppietta, che porta a quattro le reti di vantaggio dell’Angone, e colpisce un palo a portiere battuto. Il Darfo si difende come può e nella parte finale del confronto opera un forcing per mettere a segno la rete della bandiera che purtroppo non arriva. Vittoria netta e meritata per i ragazzi allenati da Ivan Bertini che concludono nel migliore dei modi una stagione da imbattuti, applausi meritati anche per i ragazzi dell’Oratorio Darfo e per le altre quattro formazioni della categoria allievi con la speranza il prossimo anno di avere un numero più consistente di adesioni.


PER LA PRIMA VOLTA LO SPEED DOWN DEL CSI AFFRONTA LA DISCESA DI EDOLO

Il Monte Colmo preso d’assalto dai piloti dello speed down a capofitto lungo i tornanti del Monte ColU namodiscesa è stata questa la proposta dell’Unione Sportiva

Edolo per gli appassionati dello speed. Dopo il positivo assaggio dello scorso anno la manifestazione è entrata a far parte del circuito provinciale ed è diventata prova di campionato italiano per alcune categorie. Assistiti finalmente da una calda giornata estiva una settantina di piloti hanno affrontato il percorso che, nella frazione di Mù, dalla località Dosso decima portava alla località le Tise. A fare incetta di podi il Team Missili Malegno con cinque primi posti nelle diverse categorie. Nel quarto appuntamento della stagione la scuderia di Malegno si impone con Dennis Domenighini nel Drift trikes mentre nei kart è Spartaco Targhetti a piazzarsi in prima posizione davanti alla coppia del Dream Team Ossimo Oscar Bettineschi e Massimiliano Elleri. Successo di Andrea Marietti nelle Caisse a Savon, alle spalle del pilota di Malegno si piazza con soli otto centesimi di ritardo Karlheinz Meraner (Team Speedddown.Bz) seguito dal veronese Sauro Rossi. Luca Damioli (Team Missili Malegno) vin-

Campionato provinciale speed down Drift Trikes

1 Domenighini Dennis

Team Missili Malegno

Folk (FO2)

1 Vanoli Giacomo 2 Pezzoni Graziano 3 Crescini Roberto

Dream Team Ossimo Team Missili Malegno Team Nelly Lumezzane

Kart (C8)

1 Targhetti Spartaco Team Missili Malegno 2 Bettineschi Oscar Dream Team Ossimo 3 Elleri Massimiliano Dream Team Ossimo 4 Bottichio Enrico Dream Team Ossimo 5 Guidi Massimiliano Team Carretti Villa Basilica 6 Maccarinelli Stefano Scuderia Franzoni 7 Zanardelli Massimo Team Nelly Lumezzane 8 Rossetti Federico Team Carretti Villa Basilica 9 Lussignoli Fabio La Birocia 10 Maggiori Gian Robert Dream Team Ossimo

Kart Tradizionale (N5K)

1 Cognolatto Davide Team Dameiana (VR) 2 Ghiroldi Pierluigi Team Nica 3 Gelmi Luigi Team Nica 4 Donini Sauro Team Nelly Lumezzane 5 Ciancia Rosario Speed Down project Setting 6 Cascone Giuseppe Speed Down project Setting 7 Damioli Diego Team Missili Malegno 8 Angelelli Arcangelo Team Nica 9 Casari Antonio Team Nica 10 Casari Nicola Team Nica 11 Bancone Davide Indipendente 12 Moratti Daniele Team Nica 13 Baricordi Daniele Mensana Speeddown 14 Vielmi Salvo Team Nica 15 Coassin Marco Team Caretta 16 Mazzoli Fabio Team Nica

10

18

G I UG NO

2013


ATTIVITA’ SPORTIVA

17 Ceschi Nicole 18 Piazzani Monica

Team Dameiana (VR) Indipendente

Caisse a Savon Over 18 (C4)

ASSOCIAZIONE

1 Marietti Andrea Team Missili Malegno 2 Meraner Karlheinz Team Speedddown.Bz 3 Rossi Sauro Team Dameiana (VR) 4 Ceschi Franco Team Dameiana (VR)

Bobcar (C6)

1 Droise - Galgani 2 Costa-Reghellin

Metaltek Corse Nuova Tecnomotor

Carioli (C7)

1 Tiso-Cognolatto

ce la prova riservata ai Minikart distanziando in maniera netta il pilota del Dream Team Ossimo Elia Giorgi e il compagno di scuderia Daniele Serravalli. L’ultimo successo di giornata per la scuderia di Malegno arriva grazie a Marco Tonella che si impone nei cuscinetti tradizionali, alle sue spalle i piloti della Scuderia Franzoni Fulvio Di Donato e Fabio Zambelli. Buone prestazioni anche per il Dream Team Ossimo che, ai diversi piazzamenti sul podio, unisce il primo posto ottenuto da Giacomo Vanoli nei Folk davanti a Graziano Pezzoni (Team Missili Malegno) e Roberto Crescini (Team Nelly Lumezzane). Combattuta come al solito la prova della categoria Kart tradizionali, sono infatti quattro i piloti che portano a termine le tre discese nello spazio di un secondo; a vincere è l’atleta del Team Dameiana di Verona Davide Cognolatto che precede la coppia del Team Nica Pierluigi Ghiroldi e Luigi Gelmi e il pilota del Team Nelly Sauro Donini. Tredici i piloti al via nei cuscinetti singoli dove si impone Tiziano Zendra (Ruote Libere Brescia) davanti a Tiziano Quarena (Scuderia Franzoni) e Elvo Franzoni (Team Brusì San Rocco Ossimo). Nelle ultime due prove del ricco programma di Edolo da registrare i successi della coppia Droise-Galgani (Metaltek Corse) e di Tiso-Cognolatto (Team Dameiana Verona). Ottima l’organizzazione predisposta dall’Unione Sportiva Edolo con il supporto dei volontari della protezione civile del paese. Il prossimo appuntamento del circuito provinciale di speed down del CSI è in programma domenica 7 luglio a Lumezzane.

11

1 2 3 4 5 6 7

Damioli Luca Giorgi Elia Servalli Daniele Aliprandi Nicolas Aliprandi Greta Crescini G.Luca Bazzoni Andrea

Team Dameiana (VR)

Minikart

Team Missili Malegno Dream Team Ossimo Team Missili Malegno Team Nelly Lumezzane Team Nelly Lumezzane Team Nelly Lumezzane Team Missili Malegno

Cuscinetti Singoli (N8)

1 Zendra Tiziano Ruote Libere Brescia 2 Quarena Tiziano Scuderia Franzoni 3 Franzoni Elvo Team Brusi S.Rocco Ossimo 4 Serioli Claudio Team Missili Malegno 5 Zanini GianPietro Scuderia Franzoni 6 Zanini Adelio Scuderia Franzoni 7 Ribelli Matteo Scuderia Franzoni 8 Patelli Giovanni Team Missili Malegno 9 Zendra Franco Ruote Libere Brescia 10 Andreoli Roland Team Missili Malegno 11 Panteghini Giulio Team Brusi S.Rocco Ossimo 12 Franzoni Marino Scuderia Franzoni 13 Vianelli Catia Team Brusi S.Rocco Ossimo 1 2 3 4 5 6 7

Cuscinetti Tradizionali Singoli (N8T)

Tonella Marco Di Donato Fulvio Zambelli Fabio Bignotti Stefano Franzoni Giorgio Mazzoli Renato Almici Damiano

Team Missili Malegno Scuderia Franzoni Scuderia Franzoni Team Missili Malegno Team Missili Malegno Team Nica Scuderia Franzoni


La Polisportiva Ossimo: “Insieme per vincere!” IL MINIVIVOLLEY UNDER 12 HA CORONATO IL SOGNO DI UN ANNO DI ALLENAMENTO diceva don Bosco: C ome “Una funicella da sola

fa ben poco, tante funicelle insieme formano una fune grossa e robusta”. Domenica due giugno 2013: ragazzi del minivivolley under 12 della Polisportiva Ossimo hanno coronato il sogno di un anno di costante allenamento. Sul fatto che praticare sport sia educativo non c’è dubbio: rappresenta un po’ la vita stessa, che è impegno, sacrificio, lotta, sofferenza, ma anche gioia, speranza, soddisfazione e felicità. La pratica sportiva educa a dare il meglio di se stessi per poter raggiungere un obbiettivo, abitua al rispetto delle regole e motiva a resistere allo sforzo. Lo sport di squadra in modo particolare insegna a perseguire un risultato con gli altri, a giocare non per il proprio successo ma per una vittoria da raggiungere insieme. Spesso lo sport fa emergere risorse impensate, non solo di tipo atletico, ma di personalità e di carattere. Oltre alle abituali considerazioni che si fanno a favore della pratica sportiva, va aggiunto Lm forte applauso ai ragazzi della Polisportiva Ossimo per la vittoria del campionato minivolley Under 12 che vedeva tredici squadre contendenti.Sentiamo un po’ cosa han-

no da dirci i vincitori: Mi sono divertito molto in questi tre anni di pallavolo e sono orgoglioso del risultato. Siamo arrivati primi in campionato! La nostra allenatrice Lina e le sue aiutanti Agnese e Maria sono molto brave e pazienti, e i miei compagni sono super! Spero che anche l’anno prossimo ci siano ancora tutti loro! Purtroppo

12

quest’anno Luca si è ritirato dalla pallavolo, ci è mancato, ma questa vittoria la dedichiamo anche a lui... grazie compagni! 1,2,3, forza Ossimo, olè! Una compagna aggiunge: “Ho imparato a stare con gli altri, a comunicare, mi sono emozionata tante volte durante un abbraccio a fine partita o a una semplice stretta di mano con la squadra avversaria”. Un’altra ancora racconta: “Prima di

18

G I UG NO

2013


ATTIVITA’ SPORTIVA partecipare a questa avventura ero molto più timida e tutto ciò che accadeva intorno a me mi era piuttosto indifferente. La pallavolo mi ha aiutato anche nella vita quotidiana inoltre ho stretto nuove forti amicizie coni miei compagni!”. Concludiamo d’ accordo sul fatto che, esistono persone nelle nostre vite che ci rendono felici per il semplice caso di avere incrociato il nostro cammino, i ragazzi di Ossimo oggi sono felici per il risultato raggiunto, e vi danno un forte abbraccio e un “Arrivederci all’anno prossimo”.

ASSOCIAZIONE

Oggi i campioni devono sentire la responsabilità di essere testimoni educativi

Andrea Lucchetta é il campione del Fair Play A votato dal Csi come campiondrea Lucchetta è stato il più

ne “modello per i giovani” nell’ambito del Premio Internazionale Fair Play Menarini. Lucky Lucchetta ha sopravanzato gli atri candidati, staccando nettamente nei consensi Bebe Vio (seconda) e Cesare Prandelli (terzo). La notizia è stata ufficializzata alla stampa nel corso della conferenza di presentazione del XVII Premio Internazionale “Fair Play” Menarini, tenutasi oggi a Roma,

13

nel Salone d’Onore del CONI. La manifestazione si svolgerà a Castiglion Fiorentino (AR) il prossimo 3 Luglio, e premierà anche quest’anno i campioni sportivi che meglio si sono distinti per lealtà, etica e rispetto nella loro carriera professionale. L’evento per la sua importanza e particolarità gode da anni di prestigiosi patrocini a livello Istituzionale e sportivo quali: l’adesione del Presidente della Repubblica Italiana, del Presidente del Senato della Repubblica, del Presidente del Consiglio dei Ministri, del CONI , del Comitato Italiano Fair Play . Il Segretario Generale del CONI Roberto Fabbricini, facendo gli onori di casa ha aperto gli interventi dichiarando: “Questa mattina non abbiamo concesso il Salone d’Onore del CONI, in realtà abbiamo aperto la casa


dello sport italiano dando uno spazio doveroso ad una manifestazione che lega lo sport, alla storia e alla cultura. Abbiamo seguito da sempre e con particolare attenzione il Premio Fair Play in questi anni e saremo lieti di prendere parte alla cerimonia del 3 luglio a Castiglion Fiorentino. Lo sport è sfida ed il FairPlay ne è parte integrante”. Il Gen. Gianni Gola, Presidente Giuria, ha evidenziato come sia stata ardua la scelta dei personaggi cui assegnare il Premio e, in particolare, ha detto che: “l’albo d’oro del Premio Fair Play è incomparabile. Pochi premi al mondo possono vantare i personaggi che negli ultimi sedici anni hanno ricevuto questo riconoscimento. Vorrei sottolineare come tutti i premiati abbiano accettato immediatamente l’invito ad essere presenti nella serata del tre luglio a Castiglion Fiorentino”. Domenico Simone, Direttore generale di A. Menarini Industrie farmaceutiche riunite, che quest’anno è Title Sponsor della XVII edizione Premio Internazionale FAIR PLAY, ha sottolineato come la Menarini abbia scelto di legare il proprio nome a questo

evento “per la sua stretta vicinanza ai valori di lealtà sportiva e rispetto altrui. Il fair play è un modo di pensare e di comportarsi positivamente, nella vita come nello sport.” Ed ha invitato simbolicamente a creare una competizione di fair play anche tra figure professionali della nostra vita quotidiana per un riscatto della nostra società in senso etico. “Oggi i campioni sono chiamati sempre di più a sentire la responsabilità di essere grandi testimoni educativi per i giovani - le parole del presidente del Centro Sportivo Italiano Massimo Achini - perciò mi preme garantire l’impegno, l’entusiasmo e l’infinita

14

gratitudine del CSI nell’essere parte viva del Premio Fair Play. Quello che accadrà il 3 luglio non è una cerimonia di premiazione ma un grande segno di speranza per i valori dello sport e per l’educazione dei giovani. E di segni di speranza in questo momento tutto il Paese ne ha un grande bisogno”. In chiusura, il Presidente del Comitato Organizzatore, Angelo Morelli con una clip suggestiva ha presentato alla stampa e a tutti gli intervenuti i premiati dell’edizione 2013. “Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare il Segretario Generale del CONI per essere da sempre vicino al Premio Fair Play. Quest’anno il Premio non vuole solo essere un riconoscimento per gli sportivi scelti dalla Giuria perché si sono distinti rispettando i valori di fair play. In questa edizione vogliamo ricordare personaggi che hanno fatto la storia dello sporto come Bruno Zauli, ma anche Fabrizio Meoni e il grande amico Pietro Mennea. Nell’elenco dei premiati 2013 oltre a Filippo Inzaghi, Fabio Grosso, Martin Castrogiovanni, Giacomo Agostini, ci sarà anche Martina Caironi campionessa parla implica a Londra 2012 nei 100 metri piani”.

18

G I UG NO

2013


ATTIVITA’ SPORTIVA

ASSOCIAZIONE

Tesseramento on line al via Dal prossimo 1° Luglio sarà attivata per le società sportive di tutti i Comitati territoriali, la nuova procedura di Tesseramento Online, una piattaforma internet ad area riservata, alla quale i Circoli e le ASD affiliati al CSI potranno accedere per inserire autonomamente i propri tesseramenti, stampare elenchi e libri soci, sottoscrivere polizze assicurative integrative ed effettuare direttamente il pagamento delle relative quote. Una grande novità nell’ottica di mantenere l’eccellenza nei servizi alle società, alla quale i Comitati territoriali si stanno adeguatamente preparando. Da sabato 1° giugno e fino al 15 luglio, infatti partirà da Milano una serie di corsi di training riservati agli operatori dei Comitati territoriali, per conoscere ed imparare a gestire la nuova piattaforma e soprattutto le ulteriori novità rispetto alla tradizionale “Modulistica Online”. Saranno sei le sedi dei corsi di training sparse per tutto il territorio nazionale: oltre a Milano (1 giugno), gli incontri si terranno anche a Padova (2 giugno), Roma (8 giugno, in “parallelo” con l’assemblea dei Presidenti territoriali), Bari (15 giugno), Sicilia (23 giugno), Oristano (15 luglio). Ai corsi, organizzati dall’Area per il territorio e dal Team Nazionale Innovazione e Tecnologia, sono già oltre centotrenta gli operatori iscritti, ai quali verrà distribuito materiale informativo sia cartaceo che in formato digitale; le iscrizioni, resteranno aperte fino ad una settimana prima dei singoli incontri. Quella di dotare il CSI di una piattaforma di Tesseramento Online è una grande sfida partita oltre un anno fa, che oggi ormai è finalmente arrivata al suo start up.

15


Commissione tecnica calcio Comunicato N° 34 del 17 Giugno 2013 Allievi Macellaio da Mirko G.S.O. Darfo

1° 2° 3° 4°

Oratorio Erbanno GSA Angone Autof.Troletti

Top Junior 2 - 3 0 - 4

1° 2° 3° 4°

Classifica Finale

GSA Angone Autof.Troletti G.S.O. Darfo Oratorio Erbanno Macellaio da Mirko

Coppa Primavera

1° 2° 3° 4°

Amici di Fede Cividate Iunaited

1° 2° 3° 4°

2 - 6 4 - 2

Classifica Finale

C.G. Rogno IMG Srl Cividate Iunaited Amici di Fede C.G. Rogno

1° 2° 3° 4°

Classifica Finale

Officine Video Gorzone Sandrini Serrande Priuli Sacca Polisportiva Gianico

Open Femminile

Open a 6 1° 2° 3° 4°

Tutti per Pata Vallecamonica Montaggi Iseo Serrature Polisportiva Gianico

Juniores

Open a 7 C.G. Rogno C.G. Rogno IMG Srl

Classifica Finale

1° 2° 3° 4°

Classifica Finale

Contrada Mezzarro Golden Bar Sellero Milano Ass.-Gratacasolo C OLC Molly Malone

Classifica Finale

Nica Sport U.S. Vezza D’Oglio C.G. Rogno Aspex Snc G.S. Ono San Pietro

Lunedì 24 Giugno 2013 presso la sede del C.S.I. a Plemo alle ore 20.30 si terrà una riunione per la programmazione del Campionato Femminile 2013-14.

Open a 7

Open a 7 Nazionale

Classifica Finale

Classifica Finale

1° 2° 3° 4°

Mobili Bottanelli .Com Angolo Celtics Ristorante Aurora Romec

16

G.S. Ono San Pietro Amici di Teo e Rami U.S. Malegno Mec World Darfo

18

G I UG NO

2013


I COMUNICATI

Commissione disciplinare Comunicato N° 33 del 17 Giugno 2013 Provvedimenti CALCIO Open a 7 Ammonizione Ballerini Gabriele (Cividate Iunaited) Ducoli Paolo (C.G. Rogno IMG Srl) Gelfi Cristian (Cividate Iunaited) Leandri Dario (Cividate Iunaited) Pedri Dario (C.G. Rogno IMG Srl) Zenti Luca (C.G. Rogno IMG Srl) Squalifica Ballerini Gabriele (Cividate Iunaited) Squalifica di 1 gg - Quarta ammonizione Gelfi Cristian (Cividate Iunaited) Squalifica di 1 gg - Quarta ammonizione

[ Inc. n. 2904] [ Inc. n. 2904] [ Inc. n. 2904] [ Inc. n. 2904] [ Inc. n. 2904] [ Inc. n. 2904]

Delibere

[ Inc. n. 2904]

Delibera N° 1/33 In riferimento alla partita n° 2851 del 01-06-2013, dopo un approfondimento del referto arbitrale e dopo aver convocato ed ascoltato la versione di Salari Fabiano della squadra OLC Molly Malone’s, riguardo ai fatti che lo riguardavano, lo si squalifica fino al 01-12-2013 per aver reagito e colpito un avversario a gioco fermo. La squalifica tiene conto del fatto che Salari non è intenzionato a fare tornei estivi.

[ Inc. n. 2904]

Sanzioni CALCIO Open a 7

Delibera N° 2/33 In riferimento alla partita n° 2851 si sanziona la Società GSO Breno di € 50,00 per la squalifica di Ducoli Alessandro e di € 50,00 per la squalifica di Salari Fabiano.

Cividate Iunaited (G.S.O. S. Stefano Cividate ASD) [ Inc. n. 2904 ] Ammenda di euro 10,00 - Quarta ammonizione Ammenda di euro 10,00 - Quarta ammonizione

Reintegro Depositi Cauzionali di Società Ai sensi del regolamento generale si invitano le sottoelencate società a reintegrare la cauzione entro 15 giorni dalla prima segnalazione pena l’applicazione delle more previste dai regolamenti

Quota da Integrare

U.S. Breno Club Alleanza Perù G.S. Sonico ASD U.S. Sacca ASD C.G. Pisogne ASD G.S.O. S. Valentino Breno ASD G.S.O. S. Stefano Cividate ASD

17

euro 154,00 euro 71,00 euro 186,00 euro 315,00 euro 228,50 euro 239,50 euro 139,50


Trent’anni di sport di qualità

IN COLLABORAZIONE CON

Csi Insieme prova  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you