Page 1

L’eco del Giubile

febbraio 2010

periodico dell’anno giubilare e organo ufficiale del comitato generale

Periodico del Giubileo: “L’eco del Giubileo” n. 2/10 - Direttore Responsabile: don Pietro Antonio Ruggiero. Direzione: Corso Vitt. Emanuele, 147 - 94018 Troina (EN) - Tel./Fax 0935 653025 - e-mail: giubileosansilvestro@virgilio.it Redazione: Silvano Privitera, Sandra La Fico, Salvo Calaciura. Stampa, grafica e impaginazione: Villaggio Cristo Redentore S.r.l. - Z.A. “L. Grassi” - C.da Camatrone - 94018 Troina (EN) - Tel. 0935 657813 - Fax 0935 653438

Editoriale

Un Annuncio straordinario della Parola di Dio

Il Giubileo: un evento corale che apre nuovi orizzonti di Pietro Antonio Ruggero er chi è solito frequentare la montagna, sa benissimo che dopo le curve tortuose e i tornanti chiusi, all’improvviso si aprirono panorami che tolgono il fiato e che fanno sognare. Questo è quello che in questi giorni stanno vivendo coloro che si sono lasciati coinvolgere dal grande evento dell’Anno Giubilare. Le Parrocchie si sono mobilitate, molti hanno dato la loro disponibilità a recare l’annuncio del Vangelo, incontri di preparazione, riunioni di programmazione, desideri, progetti, volontà di coinvolgere tutti, la macchina organizzativa in funzione senza sosta, tutto per dire che Cristo è vivo! Ci coinvolge , ci raggiunge, ci travolge, ci lancia verso orizzonti nuovi, ci tocca attraverso le mani forti e tenere di San Silvestro. Un Anno Giubilare, per chi ha la fortuna di saper guardare oltre, è un anno di grazia, un’occasione specialissima da non perdere. E poi i volontari, le Confraternite, le associazioni, le diverse forme dell’arte, dalla fotografia alla musica, dalla ricerca alla storia, una vera sinfonia che giorno dopo giorno si compone per cantare le grandezze di un Santo che ha fatto della piccolezza e dell’umiltà l’unico scopo della sua vita. Mobilitati il Presidente della Repubblica, il Senato, nomi dello spettacolo e personalità scientifiche di altissimo rilievo ancora per dire che la santità unisce al di là di ogni barriera e ruolo.

P

APERTA LA MISSIONE POPOLARE di Irene Chiavetta

T

ra gli appuntamenti che scandiscono l’Anno Giubilare in onore del IX centenario della nascita di San Silvestro, il Santo Patrono di Troina, ricopre un ruolo centrale l’evento della “Missione Popolare”, annuncio straordinario della Parola di Dio, promosso dalle Comunità Parrocchiali troinesi dal 21 febbraio al 21 marzo 2010. La “Missione” è il compito principale affidato da Gesù Cristo ai suoi discepoli ed alla Chiesa per portare la lieta notizia, capace di fondare una speranza per gli uomini di ogni tempo e di ogni luogo. E’ un mandato divino che ha trasformato i primi discepoli di Cristo in “apostoli”, ossia in inviati che sono partiti non per portare se stessi, ma Qualcuno che avevano incontrato e aveva cambiato la loro vita svelando il vero volto di Dio. Sullo stesso solco la Chiesa, per sua natura missionaria, quale luce del mondo e sale della terra, è strumento della redenzione di tutti. È “popolare” perché coinvolge il “popolo di Dio”, popolo fatto di uomini e di donne, di bambini e di giovani, di adulti e di anziani. Si propone di aiutare ogni persona a ridare vitalità al dono sacramentale del battesimo e riscoprire la Chiesa di Cristo come realtà che appartiene ed accompagna nel cammino della vita alla ricerca della Verità, favorendo un’esperienza comunitaria della fede. In questo “tempo speciale” ogni uomo è chiamato alla conversione mediante innanzi-

tutto l’annuncio del Vangelo, le celebrazioni comunitarie, i centri di ascolto, gli incontri cittadini e tutte le altre numerose iniziative che le Parrocchie hanno previsto, mobilitando un insieme di energie e di forze, per l’evangelizzazione dei fratelli e la testimonianza della carità. Consapevoli che al con-

Il calendario degli eventi

IL GIUBILEO IN MOSTRA ALLA BIT DI MILANO di Salvo Calaciura

L

e celebrazioni per il nono centenario della nascita di San Silvestro, patrono di Troina, alla 30° edizione della Borsa Internazionale del Turismo, che si è svolta a Milano dal 18 al 21 febbraio. La BIT è la più grande esposizione al mondo del prodotto turistico italiano e dunque una completa rassegna della migliore offerta internazionale. Un punto di riferimento per tutti i protagonisti del Sistema Turismo. In gergo, la Bit di Milano viene definita la mecca del viaggiatore. Quattro giorni, ognuno dedicato ad un target preciso. In pratica, il quartiere fieristico milanese ha rappresentato un importante location per poter esporre e promuovere le celebrazioni in corso e quelle che verranno sul Giubileo di San Silvestro. Tra l’altro, su iniziativa della Provincia Regionale di Enna, le celebrazioni per il

Patrono di Troina, hanno trovato spazio anche nella conferenza stampa della Provincia Regionale di Enna, all’interno del padiglione dedicato alla Regione Sicilia, dal titolo “Gli eventi turistici mondiali ad Enna”. Alla conferenza stampa il sindaco del Comune di Troina, Salvatore Costantino.

Nella conferenza stampa oltre a parlare della Villa dei Mosaici di Piazza Armerina, il ritorno dagli Stati Uniti della Venere di Morgantina che troverà posto ad Aidone, si è parlato anche delle numerose iniziative legate alle celebrazioni in onore del Santo Patrono di Troina, San Silvestro.

tempo siamo “protagonisti” della Missione Popolare e “testimoni” dell’annuncio della bellezza del Vangelo, non lasciamoci sfuggire questa grande occasione per rinsaldare la fede, rafforzare la speranza, intensificare la carità, avendo come esempio il nostro concittadino e patrono San Silvestro. E' nato Silvestro Siciliano, il primo bambino dell’Anno Giubilare dedicato a San Silvestro Monaco Basiliano. Si rinnova una tradizione antica, che si rimanda nel tempo. Auguri Silvestro!!


2

L’eco del Giubileo febbraio 2010 In ricordo della devozione che San Silvesro ebbe nei confronti della martire catanese

L’OFFERTA DELLA CERA A SANT’AGATA di Salvo Calaciura

T

roina ha offerto il proprio omaggio, attraverso l’offerta della cera, alla Patrona di Catania, Sant’Agata, nell’ambito delle celebrazioni per il nono centenario della nascita di San Silvestro, monaco basiliano e Patrono di Troina. Una delegazione di amministratori comunali, con in testa il primo cittadino di Troina, Salvatore Costantino, si sono infatti recati mercoledì 3 febbraio a Catania, per rendere omaggio alla patrona del capoluogo etneo. Un fatto questo che assume un certo valore e

significato se inserito in una dimensione, che gli studiosi chiamano “agiografia” dei santi. Tra il patrono di Troina e Sant’Agata non mancano, infatti, le correlazioni. L’agiografia silvestrina da tempo ha messo in evidenza il rapporto di devozione che San Silvestro ebbe nei confronti della martire catanese Agata e non mancherebbero, tra l’altro, elementi identificativi presenti nel fercolo del patrono troinese. Alcuni storici poi, sostengono che la struttura lignea del Fercolo di San Silvestro sia quella di Sant’Agata, e che i troinesi ebbero in dono dai catanesi, intorno alla metà del Cinquecento. A ciò bisogna aggiungere, che tra i numerosi prodigi del santo troinese c’è certamente, ed è tra i più noti, quello del pellegrinaggio a Catania, in un’ora, per venerare San’Agata. La delegazione troinese ha preso parte anche al rito cerimoniale della cosiddetta uscita della carrozza del

Senato, con il sindaco catanese Raffaele Stancanelli. A testimonianza che tra i due santi ci sia una corrispondenza reciproca la presenza a Troina del velo di Sant’Agata nel mese di giugno. Un evento sicuramente importante e ricco di significati.

L’icona di San Silvestro e la missione popolare di Sandra La Fico

L

’icona della Missione Popolare, che dopo lunghissimo studio e lettura dei 4 volumi pubblicati dalla Confraternita di San Silvestro, l’iconografo ha realizzato, rappresenta il Santo secondo i criteri dell’iconografia orientale. Accanto al Santo con gesto tipico “degli indicatori della strada” sono rappresentati i Santi Michele e Basilio. L’icona, realizzata dal Centro Russia Ecumenica, attraverserà, durante la Missione Popolare, tutte le Parrocchie di Troina, per poi essere collocata presso l’altare del SS. Sacramento, nella Chiesa di San Silvestro.

Pubblicato il IV volume di studi sul Santo

IL CULTO DI SAN SILVESTRO MONACO DA TROINA di Silvano Privitera

C

on la pubblicazione del quarto volume, che raccoglie gli atti del convegno di studi tenutosi nel dicembre del 2007, la confraternita San Silvestro conclude la collana di libri in cui sono raccolti gli atti delle 4 giornate di studi sul santo patrono di Troina che ha organizzato, con cadenza annuale dal 2004, in occasione del festeggiamenti invernali in onore del santo di cui porta il nome. Nell’organizzazione delle quattro giornate di studi, la confraternita si è avvalsa della insostituibile collaborazione di Sebastiano Venezia, che anche ha curato, con competenza e passione, la pubblicazione degli atti dei quattro convegni in quattro volumi. Il quarto volume, che è stato presentato il 30 gennaio di

quest’anno nell’aula magna dell’IISS Ettore Majorana, raccoglie le relazioni di Tiziana Carmeci sul saggio di Federico De Roberto sul Festino di San Silvestro, di Cleofe Giovanni Canale sull’architettura della chiesa abbaziale di San Michele il Vecchio, di Silvestro Messina sulle contese per la gestione del patrimonio della chiesa e della confraternita di San Silvestro dal XVIII al XX secolo, di Maria Stelladoro sulle origini della moderna ectodica agiografica in Sicilia e di Sebastiano Venezia sulle testimonianze documentarie del culto di San Silvestro nei secoli XV e XVI. I quattro volumi sono un contributo alla conoscenza del culto di san Silvestro e della storia di Troina.

... Lo spazio della gratitudine nviate all’e-mail: giubileosansilvestro@virgilio.it, le vostre testimonianze, le pubblicheremo con o senza nome secondo delle vostre richieste.

I

Vi scrivo per raccontarvi quanto è successo a una mia parente. Sposata grandicella, desiderava un figlio, ma dovette aspettare 8 anni per avere una bimba. Subito dopo ne ebbe un altro e nell’arco di due anni era incinta per la terza volta, ma questa volta, pensò di abortire. Il marito aveva un lavoro precario, quindi pensò di andare da un dottore e di non parlare della cosa a nessuno. Quella notte, però, sognò San Silvestro davanti al cancello di Sant’Agostino, che teneva per mano un bimbo bellissimo e diceva:”Guarda come sarà tuo figlio, guai a te se fai ciò che hai pensato”. Era arrabbiatissimo. Lei si svegliò spaventata e non andò da nessun dottore. Quel bimbo nacque e lei lo chiamò Silvestro. Oggi, a distanza di anni, ringrazia il Santo che con il suo rimprovero non la fece peccare. Lettera firmata


3

L’eco del Giubileo febbraio 2010 Il festino raccontato per mezzo delle immagini e delle parole

In occasione della Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani

La Celebrazione Ecumenica della Parola

LU PRINCIPIU DI LI FIESTI

I

l festino di San Silvestro raccontato per mezzo delle parole e delle immagini, per mezzo della narrazione verbale e di quella visiva. Così gli autori, Leonardo Arangio, Giuseppe Calabrese e Concetta Rundo, illustrano il loro libro “Lu principiu di li fiesti” presentato il 20 febbraio scorso nella Chiesa di San Silvestro. I tre momenti del festino – i rami, a ‘ddarata e la processione – sono ricondotti alla loro vera essenza: il viaggio, e in quel viaggio il significato ancestrale di ogni pellegrinaggio umano che passa attraverso la storia individuale e cosmica dove ciascuno è un passo, un’orma sulla strada. Un viaggio, anche, nella materia della memoria, nella luce prima che essa prenda forma, nelle cose concrete passando dal loro interno dove germogliano le emozioni più feconde. “Lu principiu di li fiesti”, dunque, come racconto corale che rievoca la devozione, il legame con le tradizioni, il miracolo del sacro e l’allegoria del profano; racconto che conferma l’imperituro orgoglio dell’appartenenza ai luoghi, l’orgoglio per le feste tramandate in lingua madre. Ad affiancare gli autori, il professore Franco Amata, docente dell’Università di Catania, e il Reverendo Fra’ Sidival Fila, pittore. Nato e cresciuto in Brasile, nello stato del Paranà, venticinque anni fa Sidival lascia la sua terra per raggiungere l’Italia, culla della pittura cui si è sempre dedicato per passione. Dopo qualche anno, i suoi progetti iniziali prendono una via diversa, quella della vocazione. Entra così a far parte della famiglia religiosa dei frati minori di San Francesco d’Assisi. Ordinato sacerdote nel 1999, attualmente è responsabile della formazione dei giovani frati a Frascati. Negli interventi del professore Amata e di Fra’ Sidival il valore della memoria per la stesura della storia, una memoria che nel libro si rifà alla forza della scrittura e alla passione della fotografia.

di Silvano Privitera

A

lla preghiera per l’unità dei cristiani nella chiesa di San Silvestro, il 23 gennaio di quest’anno, sono intervenuti tre religiosi di tre diverse confessioni cristiane: un prete cattolico, un pastore avventista ed un prete ortodosso. Padre Tonio Calabrese ha rivolto un caloroso saluto a nome della chiesa locale a tutti i convenuti nella chiesa di san Silvestro per prendere parte alla preghiera per l’unità dei cristiani, che, quest’anno, ha tratto spunti di riflessione dal capitolo 24 del Vangelo di Luca in cui si narra del giorno di Pasqua. Per il reverendo Giovanni Festa della chiesa ortodossa, sono due gli elementi di cui si nutre l’unità che i cristiani cercano: l’eucaristia, dove allo spezzare del pane si raggiunge il culmine dell’unità, e l’attesa della parusia del Signore. Il pastore Alan Codoviglialin della chiesa avventista sostiene che Cristo è uno, ma l’essere umano si è divertito a frantumarlo in tante confessioni. Per il pastore avventista bisogna pregare ogni giorno per l’unità dei cristiani perchè non basta una settimana di preghiera all’anno. Per il reverendo Pietro Antonio Ruggero, che ha ricordato una saggia indicazione del patriarca di Kiev, l’unità dei cristiani si costruisce dal basso immergendosi nel mistero della Pasqua. “Dobbiamo correre insieme al Santo Sepolcro per sottrarre il Cristo all’imbalsamazione della storia”, ha detto il reverendo Ruggero ricordando che il cristianesimo non può essere ridotto ad un fatto privato.

... Pensando a San Silvestro L’INTERVISTA

La magia del festino Intervista ad Andrea Vinci residente a Milano

A

ndrea Vinci è un troinese che da tempo vive e lavora a Milano, ma, come lui stesso ci ha detto, ha conservato “la rocca nel cuore”. La rocca è quella di Santu Pantu, che per i troinesi è il simbolo del loro paese. “Ricordo i colori , gli odori, i suoni ed i rumori, le luci e le ombre, vissuti e sperimentati nella infanzia e nell’adolescenza, che hanno impresso nelle mia memoria una traccia indelebile”, ci ha confidato Andrea. Questi sentimenti e sensazioni riaffiorano quando Andrea rivive con il cuore i festeggiamenti di San Silvestro: “Sento rivivere la magica atmosfera di devozione e di festa che respiravo da ragazzo, l’ammirazione che nutrivo per i Ramara, la forte emozione ed il profondo sentimento religioso che provavo quando vedevo la Vara con la statua del Santo per le vie del paese”.

Le cartoline vincenti di questo mese a sinistra foto di Salvatore Allegra

sotto foto di Concetto La Terra

Sono ancora aperte le iscrizioni

I Volontari del Giubileo di Sandra La Fico

O

ltre 50 persone hanno già aderito al gruppo “Volontari del Giubileo”, che si occuperanno di accogliere i pellegrini, svolgere il servizio d’ordine durante i grandi eventi, dare tutte le informazioni utili, assicurare l’apertura e la chiusura della Chiesa di San Silvestro e quanto necessario alla buona riuscita delle manifestazioni in calendario. Ai tutti i volontari sarà dato un simbolo distintivo, per essere facilmente riconoscibili. Chi volesse aderire, può ancora farlo, contattando “La Sorgente” al numero di telefono: 0935 653666.

Mandaci le tue foto; al termine dell’Anno Giubilare le 24 foto più belle diventeranno 24 cartoline della nostra città di Troina. Guarda queste…


4

L’eco del Giubileo

CALENDARIO MISSIONE POPOLARE

febbraio 2010

19 febbraio – venerdì dopo le ceneri Annunzio della Missione popolare per le vie della città 20 febbraio – sabato dopo le ceneri Annunzio della Missione popolare per le vie cittadine ore 20.30: Chiesa San Silvestro: Apertura notte di Adorazione continua 18 febbraio – giovedì dopo le ceneri Annunzio della Missione popolare per le vie della città ore 19.00: Formazione missionari – Chiesa Santa Famiglia

21 febbraio I domenica di Quaresima ore 18.00: Chiesa San Silvestro - Celebrazione Eucaristica e APERTURA MISSIONE POPOLARE Presiede Sua Eccellenza Mons. Giuseppe Costanzo

INIZIO MISSIONE POPOLARE PARROCCHIA MARIA SS DEL CARMELO 22 febbraio Lunedì prima settimana ore 08.00: Celebrazione Eucaristica ore 17.30: Raduno missionari – Chiesa Carmine Adorazione Eucaristica – Chiesa Carmine ore 18.00: Visita alle famiglie ore 20.00: Catechesi tenuta da Mons. Giuseppe Costanzo Chiesa Carmine

25 febbraio Giovedì prima settimana ore 08.00: Celebrazione Eucaristica ore 17.30: Celebrazione penitenziale

23 febbraio Martedì prima settimana ore 17.30: Raduno missionari – Chiesa San Silvestro Adorazione Eucaristica - Chiesa San Silvestro ore 18.00: Visita alle famiglie ore 18.30: Chiesa San Silvestro: Celebrazione Eucaristica e Transito ore 20.00: Catechesi tenuta da Mons. Costanzo – Chiesa Carmine

27 FEBBRAIO SABATO PRIMA SETTIMANA ORE 16.00: RADUNO CITTADELLA DELL’OASI PER “GIORNATA DELLA PRESENZA”: INTERVIENE SAC. L. SALADDINO E SAC. S. ROTONDO ORE 19.00: CELEBRAZIONE EUCARISTICA – CITTADELLA DELL’OASI: SALA 500 PRESIEDE IL SAC. LUIGI FERLAUTO

24 febbraio Mercoledì prima settimana ore 17.30: Raduno missionari – Chiesa Carmine Adorazione Eucaristica – Chiesa Carmine ore 18.00: Visita alle famiglie ore 20.00: Chiesa San Silvestro - Celebrazione Eucaristica e affidamento della missione a Sant’ Antonio

28 febbraio II domenica di Quaresima ore 11.00: Chiesa Carmine: Celebrazione Eucaristica e consegna Icona alla parrocchia San Sebastiano ore 18.00: Chiesa Santa Famiglia Celebrazione Eucaristica presiede il Vicario Generale Mons. Antonino Proto

26 febbraio Venerdì prima settimana ore 08.00: Celebrazione Eucaristica ore 20.00: 1° Statio Quaresimale

INIZIO MISSIONE POPOLARE PARROCCHIA SAN MATTEO dall’8 al 10 marzo terza settimana Ore 17.00: Chiesa San Matteo: Celebrazione Eucaristica e visita alle famiglie

INIZIO MISSIONE POPOLARE PARROCCHIA SAN SEBASTIANO 1 marzo lunedì seconda settimana Ore 18.00: Chiesa San Sebastiano: Celebrazione Eucaristica e visita alle famiglie dal 2 al 4 marzo seconda settimana ore 17.00: Celebrazione Eucaristica e visita alle famiglie 5 marzo venerdì seconda settimana ore 10.00: Chiesa San Sebastiano: adorazione continua ore 17.30: Penitenziale 6 MARZO SABATO SECONDA SETTIMANA ORE 19.00: CHIESA SANTA FAMIGLIA: “GIORNATA DELLA TESTIMONIANZA” 7 marzo III domenica di Quaresima ore 11.00: chiesa Santa Famiglia:Celebrazione Eucaristica e consegna Icona alla parrocchia San Matteo ore 18.00: Chiesa San Matteo: Celebrazione Eucaristica

13 marzo sabato terza settimana ore 22.00: Serata giovani 14 marzo IV domenica di Quaresima ore 11.00: Chiesa San Matteo: Celebrazione Eucaristica e consegna Icona alla parrocchia Matrice ore 18.00: Chiesa Madre: Celebrazione Eucaristica

INIZIO MISSIONE POPOLARE PARROCCHIA MATRICE 15 e 16 marzo lunedi quarta settimana ore 17.00: Celebrazione Eucaristica e visita alle famiglie 18 marzo giovedì quarta settimana ore 17.00: Penitenziale 21 marzo V domenica di Quaresima ore 18.00: Cittadella dell’Oasi - Sala dei 500: Celebrazione Eucaristica: Chiusura Missione popolare. Presiede Sua Ecc. Mons. Salvatore Muratore.

eco_del_giubileo_0210  

P er chi è solito frequentare la montagna, febbraio 2010 periodico dell’anno giubilare e organo ufficiale del comitato generale Nella confer...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you