Page 1

Un Nuovo Punto di Vista

1 • PARTITO ITALIA NUOVA


indice In questo opuscolo trovi un Nuovo Punto di Vista con il quale guardare la Realtà. Qui non c’è spazio per le contrapposizioni ideologiche, per le rivendicazioni del Passato. In questa Realtà ciò che conta è il Presente dal quale guardare con entusiasmo il Futuro.

2 • PARTITO ITALIA NUOVA

2 4 6 8 18 20 24 26

Lo Stato nell’Italia Nuova Una Nuova Democrazia Una Nuova Costituzione Un Nuovo modello Fiscale e Previdenziale Il programma nazionale Il rapporto con l’UE Il debito pubblico Ipotesi per una Nuova Costituzione

1 • PARTITO ITALIA NUOVA


U

Lo Stato nell’Italia Nuova

n’organizzazione leggera ed efficiente della Pubblica Amministrazione, uno Stato che si occupi di poche funzioni essenziali utili al Bene Comune. L’Italia Nuova è una Società in cui ciascun individuo si assume la Responsabilità di essere Cittadino, in grado di vivere la propria Esistenza personale e civile a pieno, senza che questa sia più delegata al vecchio e superato STATO papà e mamma, che in cambio della nostra libertà ha promesso per molti anni di pensare a tutto, ma che fin qui ci ha delusi. Uno Stato non rappresentativo ma funzionale, con precisi ruoli, compiti e responsabilità, e la possibilità per i cittadini di esercitare davvero la propria “sovranità” e di “licenziare” il governo che non funziona in qualunque momento per assumerne uno nuovo. Nell’Italia Nuova non c’è posto per centinaia di assemblee che si riuniscono con decine di migliaia di persone per decidere. Il Presidente è eletto direttamente dai cittadini, si avvale di collaboratori da lui scelti ed è responsabile del funzionamento e dell’organizzazione generale della Pubblica Amministrazione, con tutti i poteri necessari per assolvere agli scopi a lui attribuiti in modo efficace, ma limitatamente ad alcune funzioni fondamentali, ovvero: Giustizia - Difesa e sicurezza - infrastrutture - istruzione - Sanità - Ambiente ed energia Turismo e beni culturali - Rappresentanza estera

2 • PARTITO ITALIA NUOVA

Tutti i cittadini, grazie all’introduzione della “carta di identità elettronica” esprimono in ogni momento il proprio parere vincolante sulle iniziative del Capo dello Stato fino a chiederne le immediate dimissioni e indire nuove elezioni. Nell’Italia Nuova lo Stato non interferisce con le scelte private ed individuali di ciascuno, purché queste non contravvengano i principi della Nuova Costituzione. Lo Stato, nell’Italia Nuova, ha un rapporto di reciproca collaborazione con i cittadini grazie ad un sistema efficiente di front line della Pubblica Amministrazione in cui ciascuno possa trovare risposte adeguate, disponibilità all’ascolto, e professionalità. La scuola, fin dall’asilo nido, è gratuita ed eccellente e sa come valorizzare i talenti e favorire la scoperta delle predisposizioni dei ragazzi che scelgono di frequentarla. Una Scuola moderna ed all’avanguardia che dà spazio al mondo interiore oltre che alla mente dei ragazzi, per rendere l’apprendimento un’esperienza utile e appagante. Lo Stato nell’Italia Nuova funziona grazie ad una Nuova Costituzione, di cui ciascun Cittadino è fiero, perché parla al Presente, dice cose vere nella Realtà. Ecco perché tutti la rispettano. Per primo lo Stato.

3 • PARTITO ITALIA NUOVA


N

Una nuova democrazia

ell’Italia Nuova la Democrazia è l’effettivo esercizio della Sovranità popolare. Oggi decine di migliaia di rappresentanti a livello nazionale e locale, rappresentano il popolo nell’esercizio del potere. Ma la rappresentanza è un’illusione e, come lo stesso Aristotele già aveva intuito, nasconde un’oligarchia dove i rappresentanti curano gli interessi propri e di caste e corporazioni che fanno ciascuna valere il proprio esclusivo interesse a discapito del singolo Cittadino. Nell’Italia Nuova non c’è conflitto tra gli interessi delle categorie, perché l’unico interesse dello Stato è quello finale del Cittadino. Oggi il popolo esercita il potere della sovranità solo nel momento in cui va alle elezioni, di fatto potendo solo scegliere tra due

4 • PARTITO ITALIA NUOVA

o più schieramenti e non ha alcun potere per “licenziare” il governo che lavora male o non cura i suoi interessi. Nella Nuova Democrazia la Costituzione stabilisce i principi fondamentali a cui ogni singolo Cittadino deve attenersi, e lascia la libertà a ciascuno di vivere la propria Vita secondo tali principi. Il capo dello Stato viene investito delle funzioni proprie dello Stato per amministrarle con totale responsabilità e senza giochi di specchi o burocrazie inutili, senza veti incrociati che rallentano il raggiungimento del Bene Comune per cui lo Stato stesso deve esistere. Il capo dello Stato risponde ai cittadini del proprio operato in qualunque momento ed è giudicato per l’eventuale violazione dei diritti fondamentali della Costituzione. Lo Stato svolge poche funzioni fondamentali, senza invadere la sfera privata del Cittadino. Un nuovo modo di vivere, di pensare, di volere e di rapportarsi con gli altri e con lo Stato.

5 • PARTITO ITALIA NUOVA


L’

La Costituzione del ’48 e la Nuova Costituzione Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo che la esercita nei modi e nei limiti stabiliti dalla Costituzione.

Con questo principio si apre l’attuale Costituzione, nata 60 anni fa. Oggi sappiamo che NON è vero che la Sovranità appartiene al popolo e tutti lo abbiamo imparato a nostre spese. Art. 4 La Repubblica riconosce e garantisce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove tutte le condizioni necessarie per rendere effettivo questo diritto. Questo è un impegno che lo Stato non si può prendere, a meno che non dica una BUGIA a cui tutti siano disposti a credere.

6 • PARTITO ITALIA NUOVA

Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Non è vero che siamo tutti uguali e lo sappiamo bene. Siamo tutti diversi e vogliamo invece che lo STATO sia uguale per tutti, senza distinzione di categorie. Perché solo i lavoratori? Perché non tutti i cittadini? Non è vero che la Repubblica può rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale tra gli individui. La Costituzione non ci rappresenta più nella realtà. Ha esaurito il suo compito. Oggi nel Presente è

bello pensare di poter mettere le basi di un Nuovo Paese che si fondi sulla realtà e non sulle speranze e che possa contare su una Nuova Costituzione in pochi articoli ma VERI nella Realtà. La Costituzione attuale è vecchia, astratta, frutto di un compromesso tra forze contrapposte e distaccata dalla realtà attuale, e soprattutto è costruita in modo tale che nessuno abbia effettivamente il potere di fare qualcosa e di assumersene le responsabilità, ma ogni azione passa da una infinita trafila di assemblee organismi e burocrazie che moltiplicano i costi ed i tempi non assegnando a nessuno alcuna responsabilità. E’ colma di contraddizioni in un ulteriore gioco di specchi, per inchiodare la realtà allo status quo immaginato allora come risposta ad un periodo storico particolare, affinché nulla potesse più succedere, cambiare, evolversi. Oggi ci meritiamo Una Nuova Costituzione che parli al Presente e non ci tenga più legati ad un

Passato che ci impedisce di vedere il Futuro. La Nuova Costituzione stabilisce i principi fondamentali ed essenziali ai quali devono attenersi sia lo Stato che i Cittadini. In essa il singolo individuo ha la possibilità di autodeterminarsi nel rispetto del prossimo. La Nuova Costrizione regola uno Stato semplice e snello con funzioni determinate, pochi organi con precisi compiti e responsabilità e un capo dello Stato che riceva la delega dai cittadini per espletare le funzioni proprie dello Stato, senza vincoli e burocrazie sclerotiche, se non i limiti dei principi della Costituzione, e licenziabile dai cittadini in qualunque momento. Il Presidente è affiancato da un’assemblea nazionale di 45 membri con funzioni consultive e propositive. La giustizia è amministrata da magistrati responsabili del proprio operato e licenziabili come il capo dello Stato, e i verdetti sono emessi da una giuria popolare. Basta a caste e poteri intoccabili.

7 • PARTITO ITALIA NUOVA


N

Un nuovo modello fiscale e previdenziale

ell’Italia Nuova lo STATO chiede ai cittadini solo il 15% dei loro guadagni e non un soldo di più! Tutti devono pagare però una tassa minima all’anno, di 3 mila euro (sono specificati nelle tabelle successive i casi particolari). Gli stipendi sono tutti erogati al lordo perché non ci sono più tasse e trattenute. Anche le aziende e i liberi professionisti pagano il 15% di quel che guadagnano. Le tasse le pagano tutti perché sono giuste. Lo Stato non può darti un diritto al lavoro ma ti dà

8 • PARTITO ITALIA NUOVA

le opportunità di un lavoro grazie alla riduzione dei costi previdenziali fissi a 5 mila euro per tutti e al patto stabilito con il mercato, secondo il quale “faccio pagare molte meno tasse in cambio di posti di lavoro”. Lo Stato nell’Italia Nuova ti dice cose vere e non ti illude di un futuro che solo tu puoi scegliere, volere e concretizzare. Il lavoro ha l’obiettivo di appagarti nella vita, perché la tua vita non sia un piccolo spazio di tempo dopo un’intera giornata passata a fare qualcosa che magari non ti piace. Solo tu puoi

9 • PARTITO ITALIA NUOVA


Tutti gli stipendi sono pagati al lordo

sapere ciò che ti piace davvero ed impegnarti per realizzare il tuo desiderio nella realtà. Non ci sono bacchette magiche, false promesse, falsi incentivi, false prospettive. Nell’Italia Nuova lo Stato non mente. Non ti dirà più quello che credi di volerti sentir dire, per poi dover ammettere di non riuscire a realizzare le sue promesse. Lascerà a te ogni scelta non ostacolandoti con vincoli, divieti, tasse, impedimenti burocratici. Lo Stato farà 3 passi indietro per far fare, a te e a ciò che vuoi davvero, 3 passi avanti.

10 • PARTITO ITALIA NUOVA

L’Italia Nuova è il Paese dei mestieri, dell’artigianato, della manifattura, della creatività, dell’inventiva, dell’agricoltura, delle energie rinnovabili, e non solo delle professioni di concetto per le quali spesso non c’è spazio nella realtà. Nell’Italia Nuova lo studio e la cultura non fanno a botte con il lavoro manuale, il lavoro creativo e della terra. Nell’Italia Nuova lo studio non è un’area di parcheggio in attesa di un lavoro che non ci sarà. Lo studio è il nutrimento per la mente che non trascura le aspirazioni dell’animo, ma non è indispensabile per il lavoro.

11 • PARTITO ITALIA NUOVA


Con il nuovo Sistema Fiscale anche le aziende ritrovano la voglia di superare nuovi traguardi Nell’Italia Nuova lo Stato avrà più soldi a disposizione, perché pagheranno poco tutti. Paga ogni singolo Cittadino senza distinzione di categorie perché ad ogni Cittadino lo Stato fornirà un servizio uguale ed eccellente senza distinzione di razza, di sesso, di religione e di condizione sociale od opinione politica. La ricchezza non è una condizione da punire ma indirettamente partecipa attraverso i consumi, le rendite e in tutte le forme previste attualmente ad un maggior contributo al Bene Comune.

12 • PARTITO ITALIA NUOVA

Gli stipendi, come le pensioni, sono erogati al lordo, e sarà compito del singolo Cittadino onorare il proprio impegno fiscale con il versamento dei 3.000 euro una sola volta all’anno. La povertà non è creata ad arte per dominare gli individui. Con un sistema fiscale leggero le aziende hanno molte più risorse per assumere e, se lo Stato non crea ostacoli alla libera iniziativa, molte attività potranno nascere anche per nuove funzioni sociali fino ad oggi trascurate.

13 • PARTITO ITALIA NUOVA


Con il nuovo Sistema Previdenziale e Fiscale ci saranno molte più risorse per il lavoro

Anche il sistema previdenziale è Nuovo. Il futuro è responsabilità e scelta del singolo individuo, e lo Stato non obbliga il Cittadino a risparmiare una quota proporzionale dello stipendio che, in realtà, alimenta un sistema previdenziale malato. I contributi previdenziali fissi garantiscono a tutti una pensione minima a 1000 euro. Ciascuno sceglie poi come investire il denaro non prelevato automaticamente,

14 • PARTITO ITALIA NUOVA

e quindi se spenderlo, se investirlo in beni immobili, in fondi di investimento o in pensioni integrative per produrre una pensione ad hoc secondo le sue esigenze. Il Nuovo sistema prevede un contributo annuo di 5.000 (a carico del datore di lavoro nel caso del dipendente, o a carico proprio se professionista o autonomo). Le pensioni già maturate sono pagate, nulla è tolto a nessuno.

15 • PARTITO ITALIA NUOVA


STIPENDIO € 1.000 NETTI AL MESE 13 MENSILITA’

STIPENDIO € 2.000 NETTI AL MESE 13 MENSILITA’ IN TASCA: € 26.000 NETTI ALL’ANNO + TFR COSTO AZIENDA: COMPENSI € 3.077 X 13 CONTRIBUTI € 40.000 X 30% IRAP € 52.000 X 4% QUOTA TFR ANNUA TOTALE COSTO AZIENDA

€ 40.000 € 12.000 € 2.080 € 3.077 € 57.157

IMPONIBILE LORDO ANNUO IMPOSTE CONTRIBUTI € 20.000 X 20%

€ 25.000 € 5.500 € 5.000

REDDITO NETTO DISPONIBILE

€ 14.500

IMPONIBILE LORDO ANNUO € 40.000 IMPOSTE € 11.190 CONTRIBUTI MASSIMALE € 5.606 REDDITO NETTO DISPONIBILE

€ 23.204

IMPONIBILE LORDO ANNUO € 60.000 IMPOSTE € 19.270 CONTRIBUTI MASSIMALE € 5.931 REDDITO NETTO DISPONIBILE

€ 34.799

ESEMPIO ESEMPIO

2 3

ESEMPIO

€ 29.000 € 8.700 € 1.508 € 2.231 € 41.439

1

€ 18.000 € 5.000 € 1.000 € 1.384 € 25.384

STIPENDIO € 2.231 NETTI AL MESE 13 MENSILITA’ FLAT TAX: 15% CON MINIMO € 3.000 = € 4.350 IN TASCA: € 24.650 ALL’ANNO + TFR COSTO AZIENDA: COMPENSI € 2.231 X 13 CONTRIBUTI € 5.000 FISSI FONDO SOCIALE 5,5% (MIN. € 1.000) QUOTA TFR ANNUA TOTALE COSTO AZIENDA

€ 29.000 € 5.000 € 1.610 € 2.231 € 37.841

STIPENDIO € 3.077 NETTI AL MESE 13 MENSILITA’ FLAT TAX: 15% CON MINIMO € 3.000 = € 6.000 IN TASCA: € 34.000 ALL’ANNO + TFR COSTO AZIENDA: COMPENSI € 3.077 X 13 CONTRIBUTI € 5.000 FISSI FONDO SOCIALE 5,5% (MIN. € 1.000) QUOTA TFR ANNUA TOTALE COSTO AZIENDA

€ 40.000 € 5.000 € 2.220 € 3.077 € 50.297

€ 25.000 € 3.750 € 5.000 € 1.387 € 14.863

ESEMPIO

STIPENDIO € 1.500 NETTI AL MESE 13 MENSILITA’ IN TASCA: € 19.500 NETTI ALL’ANNO + TFR COSTO AZIENDA: COMPENSI € 2.231 X 13 CONTRIBUTI € 29.000 X 30% IRAP € 37.700 X 4% QUOTA TFR ANNUA TOTALE COSTO AZIENDA

€ 18.000 € 5.400 € 936 € 1.384 € 25.720

IMPONIBILE LORDO ANNUO FLAT TAX 15% CON MINIMO 3.000 = CONTRIBUTI € 5.000 FISSI FONDO SOCIALE 5,5% (MIN. € 1.000) REDDITO NETTO DISPONIBILE

ESEMPIO

IN TASCA: € 13.000 NETTI ALL’ANNO + TFR COSTO AZIENDA: COMPENSI € 1.384 X 13 CONTRIBUTI € 18.000 X 30% IRAP € 23.400 X 4% QUOTA TFR ANNUA TOTALE COSTO AZIENDA

GIOVANI

STIPENDIO € 1.384 NETTI AL MESE 13 MENSILITA’ FLAT TAX: 15% CON MINIMO € 3.000 = € 3.000 IN TASCA: € 15.000 ALL’ANNO + TFR COSTO AZIENDA: COMPENSI € 1.384 X 13 CONTRIBUTI € 5.000 FISSI FONDO SOCIALE 5,5% (MIN. € 1.000) QUOTA TFR ANNUA TOTALE COSTO AZIENDA

IMPONIBILE LORDO ANNUO FLAT TAX 15% CON MINIMO 3.000 = CONTRIBUTI € 5.000 FISSI FONDO SOCIALE 5,5% (MIN. € 1.000) REDDITO NETTO DISPONIBILE

€ 40.000 € 6.000 € 5.000 € 2.220 € 26.780

ESEMPIO

REDDITI E TASSE dipendenti REDDITI E TASSE autonomi pensionati

Italia Nuova

Italia Vecchia

IMPONIBILE LORDO ANNUO FLAT TAX 15% CON MINIMO 3.000 = CONTRIBUTI € 5.000 FISSI FONDO SOCIALE 5,5% (MIN. € 1.000) REDDITO NETTO DISPONIBILE

€ 60.000 € 9.000 € 5.000 € 3.330 € 42.670

1 2 3

I ragazzi da 0 a 18 anni sono esonerati dal pagamento della flat-tax ( salvo che non svolgano attività lavorativa che in Italia è consentito a partire da 16 anni). Non costituisce attività lavorativa il lavoro estivo o comunque il lavoro saltuario. I ragazzi da 18 anni a 24 anni, che scelgono di non lavorare per dedicarsi unicamente allo studio pagheranno invece il contributo fisso agevolato di Euro 2.000. Avranno la possibilità di un accesso facilitato agli impieghi saltuari e stagionali (per un massimo di 3 mesi) senza alcun costo contributivo o del fondo sociale, riducendo di fatto al puro stipendio il costo aziendale.

FLAX TAX FASCIA PENSIONE*

PROPRIETARIO CASA USUFRUTTO

da 0 a € 500 mensile da € 500 a € 1.000 mensile da € 1.000 a € 1.500 mensile oltre € 1.500 mensile

€ 0 € 1.000 € 3.000 € 15% (min. €3.000)

NO PROPRIETARIO CASA USUFRUTTO

€0 €0 € 15% € 15% (min. €3.000)

*Qualora il soggetto percepisca altri redditi (fondiari, mobiliari o da lavoro) andranno cumulati e se superiori ai 1.500 mensili pagherà comunque il 15% con minimo di € 3.000 annui.

16 • PARTITO ITALIA NUOVA

17 • PARTITO ITALIA NUOVA


IL PROGRAMMA NAZIONALE • Una Nuova Costituzione. Una Costituzione REALE e non ASTRATTA, fatta di pochi articoli chiari da rispettare autenticamente nella Vita Vera. Una Costituzione in cui sia chiaro che nessuno è uguale ad un altro ma è lo STATO che deve essere uguale per tutti. • Introduzione della “FLAT TAX”. Lo Stato può chiedere solo il 15% dei guadagni e non un soldo di più. Tutti, a partire dalla maggiore età dovranno pagare una tassa minima di Euro 3.000*. I dipendenti percepiranno lo stipendio al lordo, senza più trattenute sulla busta paga. Nessuno potrà evadere e tutti pagheranno la stessa cifra per ricevere lo stesso uguale servizio. Un modo semplice e chiaro di essere cittadini e definire una volta per tutte il rapporto con lo Stato. • Nuovo modello fiscale per le Aziende. Oggi l’imposizione fiscale per le imprese è troppo pesante, con punte del 52% e l’evasione è spesso l’unica possibilità di sopravvivenza. Con il nuovo sistema tutti, comprese le aziende pagheranno il 15% di imposta sul reddito. Con un minimo di 15.000 euro all’anno per imprese con un fatturato uguale o superiore ad 1 milione di euro. Qualunque forma di frode sul fatturato, in questa nuova situazione “equa” e migliorativa, sarà per-

seguita e punita duramente e senza sconti. • “FLAT TAX” sul costo del lavoro. Il costo contributivo non sarà più proporzionale a salari e stipendi ma fisso e pari ad Euro 5.000 annui per dipendente (con un contributo del 5.55% al fondo sociale*). A fronte della maggior ricchezza disponibile grazie alla diminuzione della pressione fiscale e previdenziale, le aziende potranno investire in ricerca e sviluppo aumentando la propria competitività ed inoltre potranno assumere più dipendenti grazie ad un mercato più economico e flessibile. • Un nuovo sistema pensionistico semplificato ed equo, che riduca notevolmente l’attuale spesa statale. Tutte le pensioni di vecchiaia e anzianità verranno portate ad un minimo di 1.000 euro al mese, uguale per tutti, per 13 mensilità. Il nuovo sistema pensionistico a fronte di contributi fissi erogherà una pensione fissa statale uguale per tutti. Il risparmio contributivo consentirà a ciascuno di investirlo come preferisce (pensioni integrative, fondi di investimento, immobili, ecc ). • Tutti gli stipendi e le pensioni saranno erogate al lordo. • Tassa di ingresso per i turisti (comprensiva di benefit-pedaggi autostradali, visita a musei, mo-

stre, fiere, ecc.) ed utilizzo dei fondi per il mantenimento, il ripristino e la tutela del patrimonio artistico, culturale e architettonico nazionale. • Abbattimento dei costi statali per almeno 50 miliardi di euro a seguito della ristrutturazione del sistema istituzionale basato sulla eccessiva proliferazione della rappresentanza assembleare periferica e centrale. • Riconversione dei posti di lavoro pubblici in ambiti produttivi dello stato (es. società per lo sviluppo delle energie rinnovabili) e ricollocamento in ambito di joint-venture pubblico-privato. Valorizzazione di ruoli e mansioni nel settore della Pubblica Amministrazione volte al miglioramento del servizio reso al Cittadino e al graduale aumento degli standard di soddisfacimento. Criteri basati sul merito, sulla qualità del servizio offerto, sulla corretta e leale collaborazione. • Uscita dello Stato da tutte le materie di interesse privato e direttamente collegate all’autodeterminazione del Cittadino. Scelte di condizione “famigliare”, della salute, e iniziative nell’ambito della proprietà privata. • Riforma della giustizia. Autonomia della magistratura “giudicante” elettiva e introduzione del concetto estensivo di “giuria popolare”.

Introduzione della figura del Procuratore dello Stato con funzioni di accusa e difesa della Pubblica Amministrazione dinnanzi ai privati cittadini. Funzione esercitata sia in sede civile che penale. Utilizzo più attento della privazione della libertà personale esclusivamente nei casi di grave prevaricazione fisica o omicidio. Introduzione di pene alternative alla reclusione per reati minori che colpiscano il patrimonio o i diritti sociali dell’individuo (le carceri sono dispendiose, e chi sbaglia è giusto che paghi e non che sia un costo per lo Stato). Introduzione del principio di copertura economica delle cause civili chi intenta una causa paga un prezzo giusto che copra effettivamente i costi processuali. La parte soccombente potrà essere chiamata a risarcire la spesa. In sede penale chi denuncia un reato potrà essere chiamato a risarcire le spese processuali ove risultasse l’insussistenza palese del reato. • Introduzione dello sportello polifunzionale dello Stato per i servizi ai cittadini. Sede unica, rappresentante tutti i ministeri ed i dipartimenti, presente in ogni provincia. Lo Stato parla una sola lingua comprensibile e non mi rimbalza di sportello in sportello.

* Vedi pag. 16 18 • PARTITO ITALIA NUOVA

19 • PARTITO ITALIA NUOVA


La Sovranità appartiene al Popolo, €uro compreso

U

IL RAPPORTO CON L’UE na riforma globale e generale deve tenere in considerazione necessariamente il rapporto in essere tra il nostro Paese e i membri della comunità internazionale, in particolare quella Europea. A distanza di anni dall’ingresso nell’Unione Europea e dall’adozione dell’Euro come moneta unica il bilancio non sembra così favorevole. È ormai ben chiaro a tutti che l’Unione Europea debba necessariamente modificare il suo assetto e rinegoziare il suo rapporto con i paesi membri per evitare una catastrofe molto più grave di quella che certi economisti e governanti paventavano all’epoca in cui sembrava che entrare nell’Euro fosse l’unica salvezza possibile. Purtroppo oggi ci accorgiamo che le basi su cui si è costruita questa Europa non erano quelle delle quali ci eravamo “illusi”. A quell’epoca, del resto, l’Europa proveniva da un lungo periodo di “pace

20 • PARTITO ITALIA NUOVA

e prosperità” e sembrava il tempo di coronare il sogno di unità politica ed economica che con un po’ di invidia si osservava nel “nuovo mondo” statunitense. Sull’onda emotiva che galvanizzava i popoli del vecchio continente, nel bel mezzo di quella ubriacatura di buoni sentimenti di integrazione e rinnovata identità, si è compiuta la più grande operazione di de-potenziamento della “democrazia” (potere/popolo), enfatizzato dall’introduzione della moneta unica. L’ingresso nell’Euro, tuttavia, con le condizioni annesse, ci ha portato alla realtà attuale, con parametri stringenti non compatibili con la crisi, privati degli strumenti di politica monetaria, a causa della perdita della sovranità monetaria, e soggetti a decisioni europee che sono spesso contrarie agli interessi dei cittadini (basti pensare ai vincoli sulla produzione del latte tanto per fare un esempio). La moneta unica ha significato la perdita della sovranità monetaria, la perdita della politica monetaria e la delega di tale potere ad un organismo privato, la BCE, i cui

azionisti sono l’insieme delle banche private europee (con una quota riservata anche alla Banca di Inghilterra che non fa parte dell’Euro), la quale stampa moneta di cui è proprietaria e lo “dà in prestito” ai rispettivi Stati.

nalizzante per i propri clienti esteri si sono visti diminuire gli ordini? Ai popoli dei singoli stati che, come succede oggi in Grecia, per pagare il debito con l’Europa devono vendersi i monumenti nazionali e le società più importanti del Paese?

Anche i debiti degli Stati sono stati trasformati in moneta di proprietà della BCE. La BCE da Statuto della UE è totalmente autonoma e indipendente dagli Stati Membri, agisce in piena autonomia e può avvalersi della totale immunità. Tutto questo processo ha trovato fior di economisti al mondo che lo hanno avvallato e sostenuto con la scusa di una maggiore stabilità dei mercati. Forse in parte è vero. Del resto oggi l’Euro è una moneta forte sul mercato dei cambi.

Il sospetto, che ormai stia prendendo spazio nel cuore dei cittadini europei, è che dietro quella grande spinta emotiva di integrazione e prosperità si nasconda l’intento di alcune oligarchie di riprendersi il potere “scippato” con le conquiste della “democrazia”. Una democrazia che, soprattutto in Europa, non si è mai compiuta davvero. Al contrario la nostra “democrazia” europea, portandosi dietro i tabù del passato, è sempre stata ostaggio dei propri fantasmi, delle proprie paure ed ansie riguardo il “potere”. Un potere che né i cittadini né i rappresentanti nelle istituzioni hanno mai avuto realmente, annacquato nell’ordinamento fatto di assemblee e di deleghe, potere che in realtà è sempre stato in mano a “pochi” che di

Ma è questo il fine di uno Stato? Era questo il fine di quella “democrazia” nata dalle “rivoluzioni” del ‘900? Tutto questo, nella realtà, a chi ha giovato? Alle aziende che per effetto di un cambio così pe-

21 • PARTITO ITALIA NUOVA


Sì all ’ Europa dei popoli, all ’integrazione e al libero scambio. No a un’unione monetaria che tenga in scacco gli Stati

fatto lo hanno sempre conservato e gestito dietro le decine di paraventi istituzionali. Perché fin dall’inizio si sono introdotti nei gangli di quelle istituzioni delle nascenti “democrazie”, pronti ad uscire quando il sistema si fosse indebolito. Adesso ci troviamo dinnanzi alla malattia conclamata. La Grecia è la prima vittima. Non illudiamoci, perché nonostante le rassicurazioni molte cose dovranno ancora accadere. Fare finta di niente e pensare di “scamparla” non servirà a nulla se non ad accelerare il processo di “infezione”, mentre se saremo capaci di acquisire la giusta “consapevolezza” è probabile che il nostro sistema di difesa possa combattere il virus e annientarlo, e superare la paura che ci viene quotidianamente instillata con le domande: “Che fine faremo senza l’Euro”?,

22 • PARTITO ITALIA NUOVA

“se non ci fosse stato l’Euro, saremmo diventati un Paese povero”, “l’Italia senza l’Euro è spacciata”. E tanti altri pensieri affioreranno sostenuti da tutti coloro che, consapevoli o inconsapevoli, cercheranno di andare nella direzione della catastrofe. Ne abbiamo abbastanza di tabù e di totem. Facciamo in modo che l’Euro non sia un tabù, un dato di fatto che non si può mettere in discussione perché altrimenti potremmo farci solo del male. La Grecia è più vicina di quel che sembra. Il Portogallo, la Spagna, poi l’Italia sono tra i paesi più a rischio secondo i dati di questi istituti privati che danno continuamente pagelle agli Stati. Si! Siamo arrivati a questo punto, agenzie private dispongono di questo potere enorme sulla sorte degli Stati, della nazioni, dei popoli. Francia e Germania non potranno stare

a guardare, ma neppure potranno pretendere di governare da sole l’Europa. Oltralpe il sentimento verso l’Europa è sempre più un “risentimento” mentre i tedeschi non saranno più disposti a veder minacciato ancora il loro tenore di vita sociale per favorire gli altri Paesi. Forse varrebbe la pena farsi un po’ di domande in più cercando le risposte più adeguate, che spesso sono quelle più semplici. Il PIN è favorevole all’Europa dei Popoli, all’integrazione, al libero scambio ma non ad un’unione monetaria che getti i singoli membri della comunità in ”scacco” così come sta avvenendo in questo momento. È necessario che la “sovranità” torni nelle mani dei cittadini e degli Stati e non degli Enti e degli Istituti Internazionali privati. E questa condizione la si può raggiungere solo a patto che si completi

quel processo di “democrazia” iniziato nel secolo scorso. NON SI TRATTA DI RITORNARE ALLA LIRA, si tratta però di stabilire che l’Euro è una divisa monetaria adottata dagli Stati dell’UE. Ogni moneta, pur chiamandosi euro ed essendo in tutto e per tutto uguale, deve però avere una propria potestà giuridica che le deve provenire o dallo Stato di appartenenza oppure da un patto tra gli Stati e non può essere ostaggio di manovre ed utilizzo da parte di banche ed enti privati. È un processo che riguarda tutti i Paesi europei e l’Italia in particolare, la quale si porta dietro, più di altri, i “fantasmi del passato”, vecchi pregiudizi, pensieri, archetipi e ideologie che l’hanno bloccata nel tempo. Occorre una “rinascita” riguadagnando posizioni nel presente per conquistare il futuro.

23 • PARTITO ITALIA NUOVA


I

DEBITO PUBBLICO

l punto dolente per il nostro Paese rimane il Debito Pubblico. La Riforma proposta dal PIN si fonda sostanzialmente sulla messa in circolazione di nuova ricchezza attraverso la minore imposizione fiscale e previdenziale. Gli effetti saranno di conseguenza migliorativi sul mercato del lavoro e aumenteranno di fatto il numero della popolazione “attiva” la quale contribuirà ad aumentare sia il gettito fiscale (diretto e indiretto) sia quello previdenziale. Le partite di Bilancio dello Stato in Entrata vedranno un accrescimento sostanziale e quelle in uscita un’altrettanta sostanziale diminuzione con un avanzo previsto di circa 33 MLD di Euro che potranno contribuire fin da subito alla diminuzione del rinnovo annuale dell’asta sul Debito Pubblico. Ci vorranno almeno 20 anni per arrivare ad un significativo abbattimento (circa il 50%) ma di fatto si invertirà il trend negativo che non si è mai fermato in questi decenni a causa della politica del voler accontentare tutti per poi fregare tutti. La spesa previdenziale di 285 MLD di Euro sarà

24 • PARTITO ITALIA NUOVA

comunque sostenuta nel periodo di transizione tra il vecchio e il nuovo sistema pensionistico attraverso l’utilizzo del fondo sociale e il contributo dello Stato che rimarrà invariato a 83 MLD di Euro. Sarà sostenuta inoltre da un maggior gettito relativo all’aumento della popolazione attiva - 10 MLD in previsione di 2 milioni tra nero, sommerso e nuovi posti di lavoro -, un risparmio di 6 MLD di Euro sugli oneri previdenziali del comparto pubblico - non cambia il trattamento pensionistico -, dall’aumento della tassa di proprietà sui beni di lusso - chi ha più reddito, già oggi, lo vedrà notevolmente aumentare e questo è un modo per contribuire indirettamente con i consumi alla spesa dello Stato -, un generale aumento dei consumi grazie alla ricchezza generata da nuovi posti di lavoro e di conseguenza dell’imposta sul valore aggiunto. Di fatto i servizi fondamentali dello Stato non solo verranno mantenuti, ma migliorati significativamente. Solo gli sprechi saranno aboliti. Non ci sarà bisogno di premiare con incentivi e contributi questa o quella categoria perché già ciascun singolo Cittadino sarà premiato con l’allontanamento definitivo dalle proprie tasche dello Stato.

25 • PARTITO ITALIA NUOVA


IPOTESI PER UNA NUOVA COSTITUZIONE ARTICOLO 1 Lo Stato ha come fine quello di creare le condizioni migliori affinché l’individuo possa esprimersi nella società, secondo i propri desideri. L’individuo Cittadino è libero di autodeterminarsi secondo i propri convincimenti e la propria coscienza e si assume la piena responsabilità delle azioni od omissioni compiute nell’esercizio di tale prerogativa. Ogni scelta dell’individuo che non sia in contrasto con la libertà altrui è personale e non può essere materia di competenza dello Stato. ARTICOLO 2 Lo Stato garantisce ad ogni individuo Cittadino il proprio sostegno, nelle misure più idonee, siano esse di tipo organizzativo o normativo, per il raggiungimento dei propri scopi. ARTICOLO 3 Gli individui cittadini che si comporteranno con accoglienza, generosità e comprensione con i

26 • PARTITO ITALIA NUOVA

loro simili, e con tutte le espressioni universali della natura non avranno mai da temere il giudizio e la coercizione dello Stato. ARTICOLO 4 Ogni individuo Cittadino che non dimostri di aderire ai principi fondamentali dello Stato perderà il proprio diritto alla cittadinanza e tutte le opportunità ad essa collegate. ARTICOLO 5 La proprietà privata è inalienabile e va tutelata, fatto salvo quanto disposto dalla Legge in materia di risarcimento del danno allo Stato e agli individui cittadini terzi. ARTICOLO 6 Nessuna organizzazione, associazione, gruppo o collettivo può fare valere diritti o prerogative superiori al singolo individuo Cittadino. ARTICOLO 7 Nessuna norma pubblica o privata può prevalere sull’autodeterminazione dell’individuo

Cittadino, ancorché tale autodeterminazione non abbia risvolti violenti, aggressivi o costituisca minaccia all’incolumità, all’intimità e alla riservatezza di ogni altro individuo Cittadino o all’organizzazione dello Stato. ARTICOLO 8 La scuola è gratuita fino al secondo grado superiore. Tutti i cittadini fino al compimento del 18 anno di età che non hanno un impiego debbono frequentarla. Alla scuola è affidato il compito di scoprire e valorizzare le capacità e i talenti dello studente, di incoraggiarne lo sviluppo e il perfezionamento. Lo Stato promuove attraverso la sua organizzazione, le proprie risorse e le disposizioni normative del caso, l’autodeterminazione di tutti gli individui cittadini che dimostrino di voler affermarsi nel campo dell’artigianato, dei mestieri, dell’agricoltura, dell’arte, della scienza e della ricerca intellettuale e scientifica.

ARTICOLO 9 Il servizio sanitario è nazionale e gratuito per tutti gli individui cittadini. Viene erogato e gestito direttamente o indirettamente dallo Stato con l’unico fine di tutelare la vita umana con tutti gli strumenti che la medicina e la scienza offrono. ARTICOLO 10 Ogni individuo Cittadino che approfitti in mancanza di una reale necessità del servizio sanitario nazionale sarà chiamato al risarcimento di quanto indebitamente ottenuto. La responsabilità di chi opera nell’ambito del servizio sanitario nazionale è personale, così come in ogni altro ente, organismo o istituzione dello Stato. Chiunque agisca in contrasto con i principi della presente carta è soggetto ai risarcimenti previsti dalla legge.

Tutti gli articoli della Nuova Costituzione su www.partitoitalianuova.it 27 • PARTITO ITALIA NUOVA


L’ITALIA NUOVA è nata.

Non si vede bene che col Cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi

E circola su... www.partitoitalianuova.it

28 • PARTITO ITALIA NUOVA

29 • PARTITO ITALIA NUOVA


La mente mente

ilnoncuore mente

Mai!

.

Tu sei la chiave!

www.partitoitalianuova.it 30 • PARTITO ITALIA NUOVA

Il punto di vista del PIN  

Il programma nazionale del PIN

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you