Page 1

IL SANGUE

AMICO

PER LA VITA UN PERCORSO EDUCATIVO PER CONOSCERE IL SANGUE E IMPARARE A DONARLO

DONARLO È BENE. PRIMA È MEGLIO.

PROVINCIALE - BERGAMO


IL IL SANGUE SANGUE

AMICO

PER LA VITA

PER INFORMAZIONI: Tel. 035.342222 - Fax. 035.343248 www.avisbergamo.it

REV. 01 // Novembre 2011 Progetto Grafico Studio Russo Graphic Design / Bergamo

2

Fotografie Fotolia, IStockphoto


PRESENTAZIONE L’AVIS Provinciale di Bergamo ha il piacere di presentare

INDICE

a genitori e docenti questo opuscolo dedicato ai ragazzi e pensato per favorire una giusta ed efficace conoscenza

4

IL SANGUE TESSUTO ESSENZIALE PER LA VITA DELL'UOMO

5

LA COMPOSIZIONE DEL SANGUE

8

LA TRASFUSIONE DEL SANGUE

9

IL FATTORE Rh

personale, base essenziale per la cultura alla solidarietà, e una conseguente decisione futura legata al dono del sangue. AVIS ha da sempre un’attenzione particolare e prioritaria rivolta ai ragazzi delle scuole, per una corretta informazione sulle tematiche sanitarie legate alla donazione e per una sempre più efficace e diffusa cultura del volontariato attivo, vera risorsa e valore indispensabile per costruire una società migliore.

PUBBLICAZIONE PER LA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

10

I GRUPPI SANGUIGNI

11

CHI PUÒ DONARE SANGUE

12

DUE DIVERSE MODALITÀ DI DONAZIONE

3


IL SANGUE TESSUTO ESSENZIALE PER LA VITA DELL'UOMO

VENA CAVA SUPERIORE

ARTERIA AORTA

VENA POLMONARE SINISTRA

ARTERIA POLMONARE

ARTERIA POLMONARE

DESTRA

Il SANGUE è l’intermediario indispensabile tra le cellule

SINISTRA ATRIO SINISTRO

ATRIO DESTRO

del nostro corpo e l’ambiente che ci circonda, ambiente in cui si

VENTRICOLO SINISTRO

trova anche il nostro nutrimento. Esso infatti reca alle nostre cellule le sostanze alimentari e l’ossigeno ed elimina le sostanze di rifiuto che si producono nell’organismo.

VENTRICOLO DESTRO

Il SANGUE circola in un sistema di canali o vasi, distinti in arterie,

VENA CAVA INFERIORE

vene e capillari, sospinto dal cuore, che funziona come una pompa aspirante e premente.

La scoperta della CIRCOLAZIONE DEL SANGUE va attribuito ad un italiano, Andrea Cesalpino di Arezzo.

VENOSO Il sangue che circola nelle vene è di color rosso cupo e carico di anidride carbonica.

Nel 1593 egli diede una completa descrizione della circolazione del sangue nelle arterie e nelle vene, dimostrando il loro collegamento con i capillari.

ARTERIOSO Il sangue che circola nelle arterie è di color rosso vivo e ricco di ossigeno.

4


LA COMPOSIZIONE DEL SANGUE PLASMA

55% Il SANGUE è un tessuto composto per il 45% da tre specie di elementi cellulari: q GLOBULI ROSSI q GLOBULI BIANCHI q PIASTRINE

5%

e per il restante 55% da una sostanza liquida chiamata PLASMA.

40%

GLOBULI BIANCHI PIASTRINE GLOBULI ROSSI

GLOBULI ROSSI

GLOBULI BIANCHI

PIASTRINE

5


LA COMPOSIZIONE DEL SANGUE

GLOBULI ROSSI

GLOBULI BIANCHI

I GLOBULI ROSSI sono prodotti dal

I GLOBULI BIANCHI rappresentano

midollo rosso delle ossa: circa

il più valido mezzo di difesa

un trilione al giorno! Nell’uomo sono

dell’organismo contro virus e batteri.

da 4.500.000 a 5.800.000 per mm

Sono da 4.000 a 10.500 per mm e appaio-

e nella donna da 4.000.000 a 5.200.000

no al microscopio incolori e trasparenti.

per mm. Quando diventano “vecchi” vengono distrutti nella milza

Hanno la proprietà di spostarsi, deformarsi, di attraversare

e nel fegato.

le pareti dei capillari e di penetrare negli interstizi dei tessuti. Hanno il compito di assimilare e di distruggere i batteri Il calo del numero di GLOBULI ROSSI o il venir

o altri corpuscoli estranei e dannosi all’organismo.

meno di alcune loro componenti, quali il ferro, causa lo stato di malattia definito: ANEMIA.

Un particolare tipo di GLOBULI BIANCHI, i LINFOCITI, programmano la produzione e fabbricano direttamente

I GLOBULI ROSSI assorbono dall’aria inalata nei polmoni

gli anticorpi contro le malattie.

l’ossigeno, che trasportano in tutto il corpo cedendolo alle cellule,

6

anche le più lontane; viceversa trasportano ai polmoni l’anidride

I GLOBULI BIANCHI possono essere definiti la “polizia sanitaria”

carbonica, prodotta dall’attività delle cellule del corpo.

del nostro corpo.


LA COMPOSIZIONE DEL SANGUE

PIASTRINE

PLASMA

Le PIASTRINE sono dei frammenti

È prevalentemente formato da acqua

di cellule prodotte dal midollo rosso

che mantiene in soluzione proteine,

delle ossa. In media sono da 150.000

sostanze minerali (la principale è

a 400.000 per mm.

il cloruro di sodio) e sostanze ottenute dalla digestione degli alimenti.

Hanno parte attiva nell’importante fenomeno della coagulazione del sangue in caso di ferite. Vivono pochi giorni, in media 10.

Il PLASMA contiene varie sostanze proteiche fra le quali i fattori della coagulazione del sangue come: 1> Fattore VIII

2> Fattore IX

3> Fibrinogeno

Il PLASMA, grazie ai substrati che veicola, svolge varie e importanti funzioni. > Organizza la coagulazione del sangue > Cede ai tessuti sostanze nutritive > Raccoglie sostanze di rifiuto > Annienta gli agenti infettivi > Mantiene costante il volume del sangue

7


LA TRASFUSIONE DEL SANGUE Per TRASFUSIONE si intende

Le TRASFUSIONI di SANGUE sono una pratica

l’immissione, a scopo terapeutico,

medica antica ma spesso, quando si iniettava

di un certo quantitativo di SANGUE

il SANGUE da un individuo sano a uno malato,

INTERO, di SOLO PLASMA, o

si avevano conseguenze mortali per quest’ultimo.

DI ALTRI EMOCOMPONENTI nel sistema circolatorio di un malato.

Nonostante ciò i tentativi di trasfusione sanguigna continuavano. Dal XVI sec. in poi vennero compiuti molti studi sul SANGUE ma solo nel 1901 il medico viennese Karl Landsteiner scoprì la presenza di sostanze che determinavano differenza nel SANGUE dei diversi individui e intuì che questa era la causa degli insuccessi. Le scoperte gli permisero di classificare TRE GRUPPI SANGUIGNI.

IL SANGUE NON È UGUALE PER TUTTI GLI UOMINI. Nella specie umana sono presenti TRE GRUPPI SANGUIGNI chiamati A, B, 0 (zero), molto diffusi, e un QUARTO GRUPPO chiamato AB, molto raro.

8

Nel 1902 i professori Von Decastello e Sturli scoprirono il quarto. Grazie a queste scoperte le trasfusioni di SANGUE sono divenute più sicure.


IL FATTORE Rh Il SANGUE della maggior parte degli individui contiene

Incidenti trasfusionali si producevano ancora, soprattutto

anche un fattore, chiamato Rh. I soggetti che lo possiedono

in soggetti che avevano subito più trasfusioni. Mentre infuriava

sono chiamati Rh POSITIVI (Rh+), gli altri Rh NEGATIVI (Rh-).

la 2° Guerra Mondiale i ricercatori Wiener e Landsteiner ne individuano la causa scoprendo la presenza nel sangue del fattore Rh, così chiamato perché riconosciuto simile

0%

100%

a un antigene scoperto in una scimmia, il Macacus RHESUS.

79% 21%

0

76% 24%

A

89% 11%

B

97% 3%

AB Rh+

Rh-

B

0

A

ITALIA settentrionale

40%

44%

11%

5%

ITALIA centrale

39%

45%

12%

4%

ITALIA meriodionale

41%

19%

28%

12%

40%

36%

17%

7%

MEDIA sull’intero territorio

AB

9


I GRUPPI SANGUIGNI Il GRUPPO A

comprende tutti gli individui che possiedono l'agglutinogeno A;

Gli individui del gruppo A possono ricevere il sangue soltanto dagli individui dello stesso gruppo o del gruppo 0.

il GRUPPO B B

gli individui che possiedono l'agglutinogeno B; Gli individui del gruppo B B

il GRUPPO AB

il GRUPPO 0

gli individui che possiedono

possono ricevere sangue soltanto da quelli del gruppo B,

sia quello A che quello B;

o del gruppo 0.

(zero) comprende tutti gli individui che mancano

Gli individui del gruppo AB

di queste sostanze antigene,

possono ricevere sangue sia dal proprio gruppo e sia dal gruppo

sia del tipo A sia del tipo B.

A, dal gruppo B, e dal gruppo 0. Gli individui del gruppo 0 possono ricevere il sangue esclusivamente da individui del proprio gruppo, mentre possono donarlo anche a tutti gli altri tre gruppi.

10


TRASFUSIONI SICURE Con la scoperta dei GRUPPI SANGUIGNI e del FATTORE Rh,

In questi ultimi 20 anni, con

sono stati praticamente eliminati i rischi dovuti

l'utilizzo di apposite SACCHE

all’incompatibilità tra il sangue del donatore

in plastica, la trasfusione del sangue ha fatto passi da gigante:

e quello del ricevente.

con il prelievo di sangue in sacca, Per questo la pratica trasfusionale è divenuta di abituale ricorso per trattare gravi anemie provocate da vari fattori.

e mediante la sua centrifugazione è possibile separare le varie componenti del sangue. Questa separazione consente di trasfondere al malato la sola componente di cui ha bisogno. È possibile anche separare, durante la donazione, componenti del sangue grazie a macchine dette SEPARATORI CELLULARI o da AFERESI. Ad esempio, estraendo con queste macchine solo plasma, si ottiene una procedura di PLASMAFERESI.

11


CHI PUÒ DONARE IL SANGUE Possono donare il sangue tutte le persone sane

Ad ogni donazione nel sangue del donatore

di età compresa tra i 18 e i 65 anni e con un

sono controllati vari parametri tra cui:

peso corporeo non inferiore ai 50 kg. q HIV (malattia AIDS); Tra una donazione e l’altra devono trascorrere

q HCV (epatite C);

almeno tre mesi per gli uomini,

q HbsAg (epatite B);

sei mesi per le donne in età fertile.

q ricerca malattie veneree ed eventuale sofferenza del fegato (ALT o GPT).

È ESTREMAMENTE IMPORTANTE CHE IL DONATORE SIA IN BUONA SALUTE E NON CORRA RISCHI DI CONTRARRE INFEZIONI PER SÈ E PER GLI AMMALATI CHE RICEVERANNO IL SANGUE DONATO.

12


COME AVVIENE LA DONAZIONE Il donatore viene INFORMATO in modo approfondito

Con la PLASMAFERESI possono essere donate

sulle procedure di donazione.

quantità superiori di plasma (650 ml) poiché

A questo punto dà il suo CONSENSO e può iniziare a donare.

viene prelevata soltanto la parte liquidoproteica e vengono reinfuse le cellule.

Prima di ogni singola donazione, il donatore dialoga con il medico sul proprio stato di salute, esegue una VISITA DI IDONEITÀ nel corso della quale vengono controllate l’emoglobina e la pressione arteriosa del sangue: la massima non deve essere superiore a 180 mmHg

IN UNA DONAZIONE AL DONATORE VENGONO PRELEVATI DI NORMA CIRCA 450 ML DI SANGUE INTERO.

né inferiore a 100 mmHg.

13


PERCHÉ DONARE Donare può significare salvare una vita in pericolo.

Proprio i progressi della medicina e il miglioramento delle

L’unica possibile fonte di approvvigionamento di sangue

condizioni assistenziali, fanno sì che in Italia e nel mondo

(che non è ancora riproducibile in laboratorio), È L’UOMO.

ci sia sempre bisogno di molto sangue!

In Italia, attualmente non esiste ancora l’autosufficienza per quanto riguarda la disponibilità di sangue e dei suoi derivati. Quindi dipendiamo dall’estero.

14


COSA È L’AVIS L’AVIS è costituita da coloro che donano volontariamente, gratuitamente e anonimamente il proprio sangue;

AVIS - Associazione Volontari Italiani Sangue Annovera il maggior numero di associati in Italia; oltre 1.200.000.

è apartitica, aconfessionale, non ammette discriminazioni di sesso,

Si articola in numerosi organismi a livello nazionale, regionale,

razza, lingua, nazionalità, religione e ideologia politica ed esclude

provinciale e comunale, capillarmente distribuiti.

qualsiasi fine di lucro.

GLI OBIETTIVI DELL’AVIS: q DIFFONDERE l’idea del dono e della solidarietà

PERCHÉ DIVENTARE DONATORE ASSOCIATO AVIS Il donatore associato è un donatore periodico, sempre sotto

q PROMUOVERE la raccolta di sangue

controllo e quindi più sicuro. I donatori inoltre, se associati,

q INFORMARE la collettività sull’utilizzo dello stesso

possono incidere maggiormente sulla Società, attraverso

q SUGGERIRE iniziative utili al raggiungimento

un’azione di stimolo, di controllo e di collaborazione

dell’Autosufficienza di sangue e dei suoi derivati

che può fornire un maggiore e costante sostegno all’operato

in ambito nazionale

del servizio per poter raggiungere l’autosufficienza nazionale.

q TUTELARE la salute dei donatori e dei riceventi contribuendo all’educazione sanitaria e favorendo la medicina preventiva

15


PROVINCIALE - BERGAMO Via Leonardo da Vinci, 4 24123 Bergamo Tel. 035.342222 Fax. 035.343248 www.avisbergamo.it

AVIS provinciale Bergamo  

Il sangue amico per la vita

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you