Page 70

il lavoro autonomo Contratto a progetto (Co.Co.Pro) E’ una delle forme più flessibili di lavoro ampiamente diffusa in Italia che, sotto il profilo contrattuale, viene prevista dalla Legge di Riforma del mercato del lavoro. Il contratto a progetto (o contratto di collaborazione per programma, o progetto o fase di esso) è un tipo di contratto di lavoro, difatti, disciplinato in Italia dal D. Lgs. n. 276/2003 (Legge Biagi)2; ha sostituito il cosiddetto contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.). Il lavoro a progetto non da vita ad un rapporto di subordinazione tra datore di lavoro e lavoratore ma fissa attività (progetto, programma o parti di esso), durata e corrispettivo economico di una prestazione che viene svolta da un lavoratore autonomo per conto di un committente. Le caratteristiche dei rapporti di collaborazione stabilite dall’art. 62 del D.Lgs. 276/2003 sono le seguenti: 1. i contratti stipulati sono unicamente da ricondursi a progetti specifici, programmi di lavoro o fasi di esso determinati dal committente e da realizzarsi in autonomia dal prestatore d’opera con obbligo di risultato (cioè la produzione di quanto il lavoratore a progetto si è obbligato a realizzare); 2. prevedono il rispetto delle modalità di coordinamento con l’organizzazione del committente; 3. devono essere indipendenti dal tempo impiegato per l’esecuzione dell’attività lavorativa.

69

Opuscolo iomimprendo  

Piccola guida per chi aspira a mettersi in proprio

Advertisement