Issuu on Google+

IG InformaGiovani - Guida ai Servizi della provincia di Avellino -


PROVINCIA DI AVELLINO

Assessorato alle Politiche Giovanili

IG InformaGiovani Guida ai Servizi della provincia di Avellino

Collana INFORMA

Agenzia Servizi InformaGIOVANI


2 Progetto cofinanziato e promosso da: PRESIDENZA della PROVINCIA DI AVELLINO il Presidente Cosimo Sibilia ASSESSORATO alle POLITICHE GIOVANILI della PROVINCIA DI AVELLINO l’Assessore Ermelinda Mastrominico Pubblicazione a cura di: Roberto Pastena - Responsabile Agenzia Servizi InformaGiovani Alessandra Filoni – Esperta Informatore europeo per le istituzioni locali Raffaella Festa – Esperta Orientamento al pubblico giovanile

Edizione 2010 La pubblicazione è realizzata dal Servizio Politiche Giovanili della Provincia di Avellino – Agenzia Servizi InformaGiovani attraverso il Progetto ASIG 2008 - “INFORMIAMOCI – PROMOZIONE E INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI INFORMAGIOVANIE COORDINAMENTO DELLA RETE SIRG” - AZIONE DI SISTEMA SULLE PROVINCE cofinanziato dalla Regione Campania - Settore Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù.

REGIONE CAMPANIA

ASSESSORATO POLITICHE GIOVANILI

Sistema informativo Regionale e Giovanile


3

Indice Presentazione

• pag 7

Prefazione

• pag 9

Il sistema informativo per i giovani • Sistema Informativo Regionale Giovanile – SIRG

• pag 13

• Standard di qualità

• pag 19

• Progetto S.CO.RE.

• pag 23

• Piani Territoriali delle Politiche Giovanili: come cambia la progettazione degli interventi

• pag 29

per i giovani • La rete dei Servizi InformaGiovani della provincia di Avellino

• pag 33

I Centri e i Punti InformaGiovani in provincia di Avellino • Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 1

• pag 55

• Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 2

• pag 63

• Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 3

• pag 79

• Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 4

• pag 83

• Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 5

• pag 89

• Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 6

• pag 91


4 • Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 30

• pag 107

ALLEGATI • Principali riferimenti legislativi

• pag 115

• Carta europea dell'informazione per la gioventù

• pag 119

• Standard di qualità delle Agenzie Servizi InformaGiovani SIRG – Regione Campania

• pag 123

• Standard di qualità dei Centri e Punti InformaGiovani SIRG – Regione Campania

• pag 133


5


Presentazione

7

ono lieta di presentare la nuova iniziativa intrapresa dall’Assessorato alle Politiche Giovanili della Provincia di Avellino che rappresento: la collana informativa “InformaGiovani”. Si tratta di una collana di opuscoli destinati al pubblico giovanile ed alla società civile in generale, contenenti informazioni di immediata utilità nonché contributi tecnici rispetto ad interventi realizzati dagli uffici afferenti all’Assessorato. La scelta di ideare uno strumento di divulgazione e di servizio nasce dalla volontà di dare un supporto pratico e professionale ai giovani, spesso disorientati dalle troppe informazioni che ricevono e ricercano, sopratutto attraverso le nuove tecnologie informative. Comunicare ai giovani e con le nuove generazioni è una delle priorità del programma che sto attuando in questa nuova esperienza politica. Il mio impegno per le politiche giovanili è non solo fortemente sentito, ma anche calibrato su un’esperienza professionale che mi vede quotidianamente impegnata in interventi educativi a favore dei giovani, nonché sempre attenta ai nuovi bisogni emergenti della gioventù del nostro territorio. L’obiettivo è sostenere l’orientamento delle ragazze e dei ragazzi durante il proprio percorso di crescita, nei

S


8 settori del lavoro, formazione, viaggi, sport, mobilità etc. Una corretta informazione che possa rendere i nostri giovani cittadini consapevoli stimolandoli alla partecipazione attiva alla vita pubblica ed a tutti gli interventi che li riguardano. In questo ci viene in aiuto la nuova programmazione annuale delle politiche giovanili che pone il mondo giovanile al centro delle riflessioni e delle scelte del territorio provinciale. Riconoscendo l’importanza di ideare strumenti e azioni utili all’informazione giovanile, grazie all’Agenzia Servizi InformaGiovani, è stato possibile realizzare così due nuovi opuscoli: il primo dedicato alla Rete dei Servizi IG esistenti sul territorio e l’altro ai PTG – Piani Territoriali delle Politiche Giovanili, ove la Provincia presenta la propria esperienza sviluppata in quest’ultimo periodo sia nel monitoraggio delle strutture IG che nella definizione della nuova programmazione. Cogliendo la volontà dell’Ente a perseguire una politica improntata verso lo sviluppo sociale, intellettuale e professionale dei giovani, è mia intenzione coinvolgere sempre più le nuove generazioni nel processo di definizione di azioni e contenuti dei miei interventi a loro favore e vorrei che questa sfida fosse colta dai diretti interessati per i quali sarò sempre disponibile ad ascoltare esigenze e proposte. Ermelinda Mastrominico Assessore alle Politiche Giovanili Provincia di Avellino


Prefazione

G

9

li InformaGiovani – IG – vivono alla continua ricerca di un’identità comune per essere riconosciuti dalle Istituzioni così come dai giovani, pur trovando una loro definizione normativa ed operativa nei dispositivi della Regione Campania nonché nelle “Carte” prodotte dagli organismi europei. Una questione di identità fortemente legata all’eterogeneità delle proposte informative ma anche dalla scarsa conoscenza del ruolo e delle funzioni del Servizio InformaGiovani da parte della società civile e della classe dirigente. La sopravvivenza dei Servizi IG è dovuta, in larga parte, all’impegno ed alla forza di volontà dei loro operatori e dei responsabili che - comprendendo la strategicità di tale intervento informativo - hanno saputo valorizzarlo adattando l’offerta informativa alle esigenze sociali del territorio. Questa dinamica ha condotto alla costruzione di nuovi servizi sempre più specifici ed in grado di accompagnare la crescita consapevole e responsabile dei giovani. Il funzionamento di un InformaGiovani, quale servizio pubblico con una forte funzione sociale e di prevenzione primaria, è legato quindi alla capacità di interpretare il territorio e di creare/ideare servizi che sappiano rispondere alle nuove e sempre crescenti esigenze di orientamento dei giovani in merito a progetti di vita ed, in primis, quelli scolastici, formativi, accademici, lavorativi e professionali. L’Agenzia Servizi InformaGiovani – ASIG – della Provincia di Avellino nell’ultimo anno di attività ha lavorato in maniera capillare su tutto il territorio per diffondere questa “conoscenza” e questa “cultura”, incontrando periodicamente gli operatori delle Reti Distrettuali, fornendo formazione ed assistenza/supporto tecnico. In queste pagine si propone una Guida ai Servizi InformaGiovani della Provincia di Avellino che non è semplicemente una mappatura degli sportelli attivi a livello locale, ma piuttosto una bussola che consente all’utente, come alla società civile in generale, di conoscere in maniera più completa l’offerta locale legata all’intervento InformaGiovani.


10 Iniziando con una panoramica della normativa regionale - fortemente legata ai contenuti dei documenti europei in materia – si prosegue col funzionamento del Sistema Informativo Regionale Giovanile – SIRG – e la sua articolazione generale, gli standard di qualità applicati alle strutture ed ai Servizi IG ed il nuovo sistema di condivisione delle informazioni tra gli attori regionali che lavorano nel settore delle politiche giovanili. Di seguito si descrive la Rete InformaGiovani della Provincia di Avellino a partire dall’ASIG, i Servizi IG e le attività svolte. Ci si sofferma, poi, sull’articolazione della Rete InformaGiovani afferente all’ASIG Provinciale organizzata per ambiti territoriali definiti sulla base dei distretti scolastici locali, tentando di chiarire ruoli e funzioni di ciascun livello organizzativo di tali servizi. Ed, infine, si espongono i risultati del monitoraggio condotto sui Servizi InformaGiovani. L’intervento rientra nel quadro delle azioni previste dal Progetto ASIG 2008 – “Informiamoci – Promozione e Incentivazione dei Servizi InformaGiovani e Coordinamento della Rete SIRG” – Azione di Sistema sulle Province cofinanziato dalla Regione Campania – Settore Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù. Il monitoraggio è stato realizzato da gennaio 2010 a giugno 2010 con l’aiuto dei Centri InformaGiovani – CIG – che si ringraziano per il prezioso impegno e contributo apportato al progetto. La pubblicazione è, quindi, un consuntivo di questo lavoro che ha visto tutti i servizi IG, a partire dall’ASIG fino ai piccoli Punti InformaGiovani Comunali – PIG –, coinvolti e partecipi in uno stretto lavoro di rete e di cooperazione. L’augurio è che l’InformaGiovani, grazie alla professionalità degli operatori, possa diventare per le Istituzioni un servizio riconoscibile, valido e qualificato, e per i giovani un punto di riferimento che li accompagni lungo le tappe del proprio percorso di crescita. Roberto Pastena Responsabile ASIG


Il sistema informativo per i giovani


Sistema Informativo Regionale Giovanile – SIRG

13

n Italia non esiste ancora una legislazione organica in materia di politiche giovanili; l’elaborazione e l’implementazione di politiche per i giovani è stata demandata alla sensibilità politica degli amministratori locali. Negli ultimi anni la dimensione delle politiche giovanili sta riscontrando un rinnovato interesse soprattutto in seguito all’istituzione del primo Ministero per le Politiche Giovanili, oggi Ministero della Gioventù. La nascita di tale Dipartimento, all’interno della struttura della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha significato un impegno politico per la promozione e lo sviluppo delle politiche giovanili ma anche una legittimazione di quelle prassi locali che negli anni precedenti si erano affermate, anche livello nazionale. Il Ministero ha, infatti, fatto propri i “principi europei” delle politiche giovanili, nonché gli studi, le ricerche e la produzione documentale e normativa delle istituzioni europee. La Regione Campania è una tra le Regioni che può vantare una consolidata esperienza nel settore, giacché ha mostrato grande interesse ed attenzione verso le politiche giovanili ed i principi europei ispiratori 1 già a partire dagli anni ‘90. Ne sono testimonianza importanti atti legislativi ed amministrativi. Il primo intervento normativo della nostra Regione è datato 1989 quando, con la Legge 14, è stato istituito il Servizio per le Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù. Nel 2000 vi è stato un

I

1 “Libro Bianco della Commisssione europea – Un nuovo impulso per la gioventù europea”, approvato dalla Commissione europea il 21 novembre 2001, “Carta europea riveduta della partecipazione dei giovani alla vita locale e regionale”, adottata dal Congresso dei poteri locali e regionali d’Europa il 21 maggio 2003, “Risoluzione del Consiglio d’Europa del 25 novembre 2003 – Obiettivi comuni sulla partecipazione e sulla informazione dei giovani”, “Carta europea dell’informazione” adottata a Bratislava dalla XV Assemblea Generale dell’Agenzia della Gioventù Europea (ERYCA).


14 nuovo intervento legislativo con l’approvazione ed entrata in vigore della Legge n. 14 “Promozione ed incentivazione dei Servizi InformaGiovani ed istituzione della rete territoriale delle strutture” ed è in dirittura di arrivo il Disegno di legge “Promozione e Coordinamento delle Politiche Giovanili” approvato con Deliberazione di Giunta Regionale nel marzo del 2009. Seguendo le indicazioni delle istituzioni europee, gli indirizzi regionali delle Politiche Giovanili sono stati da sempre inquadrati: al rafforzamento dell’informazione e della partecipazione, vale a dire ai temi del protagonismo giovanile e della cittadinanza consapevole rapportati all’intervento InformaGiovani; al ricorso al metodo di coordinamento aperto quale modus operandi; all’approccio alle politiche giovanili quali politiche trasversali ed integrate, che mirano a favorire la partecipazione attiva dei giovani in tutti i processi decisionali. All’interno di questo quadro normativo e culturale nasce il SIRG - Sistema Informativo Regionale Giovanile, previsto dall’art. 2 della L.R. 14/4/2000 n. 14. Il SIRG è la Rete delle strutture InformaGiovani che si sviluppa all’interno di aree sub - regionali, nei territori delle Province e della Città Metropolitana di Napoli. Si articola, per diversità e complessità di ruoli, funzioni e compiti, nelle tre tipologie: a) AGENZIA SERVIZI INFORMAGIOVANI (ASIG) istituita e gestita dall’Amministrazione Provinciale, e, allorché costituita, dalla Città Metropolitana di Napoli per il territorio di propria competenza; b) CENTRO INFORMAGIOVANI (CIG) istituito e gestito dai Comuni singoli o associati, con sede nel Comune sede del Distretto scolastico o, in subordine, in quello che provvede ai locali ed al personale, che rivolge la propria attività ai giovani dell’intero territorio coincidente con quello del distretto scolastico di appartenenza;


15 c) PUNTO INFORMAGIOVANI (PIG) istituito e gestito dal singolo Comune. Il Sistema si configura, pertanto, come un sistema complesso che si avvale dell’intervento della Regione, delle cinque Province e dei Comuni che, a vario titolo, concorrono alla sua realizzazione. Il suo coordinamento, attraverso la determinazione degli indirizzi programmatici e la verifica generale dell’andamento dei servizi InformaGiovani, è assicurato dal Comitato Regionale di Coordinamento dei Servizi InformaGiovani, (previsto dall’art. 6 della LR 14/2000). Esso si avvale del supporto tecnico del Settore Politiche Giovanili e del “Tavolo Tecnico” di coordinamento composto dai responsabili del Settore Politiche Giovanili, delle cinque Agenzie e del Centro InformaGiovani di Napoli e, recentemente riformato 2 prevedendo la partecipazione anche dei Forum Provinciali della Gioventù. La sua costruzione e realizzazione ha come obiettivo principale lo sviluppo dell’informazione, necessario strumento di interazione e partecipazione dei giovani ma anche la prevenzione primaria per il superamento degli ostacoli di ordine culturale, sociale ed economico che si frappongono alla loro piena maturazione. Con il progressivo consolidamento della rete del SIRG ed in seguito alla produzione normativa successiva alla Legge 14/2000, sono stati previsti organi tecnico – amministrativi a supporto della programmazione, della progettazione e della gestione degli interventi sia a livello regionale che presso le Agenzie e i Centri InformaGiovani. Il ruolo e le funzioni di tali organi, all’interno dell’ultima tornata di programmazione regionale 3, sono stati rafforzati al fine di creare le condizioni istituzionali del lavoro in rete e la realizzazione di 2 Decreto Dirigenziale n. 35 del 26/03/2010 “Istituzione del Tavolo Tecnico di Coordinamento Regionale dei Piani Territoriali Giovanili (PTG)”. 3 Piani Territoriali delle Politiche Giovanili – PTG - Delibera di Giunta Regionale n. 1805 del 11 dicembre 2009 e Decreti Dirigenziali n. 156 del 16 dicembre 2009, n. 4 del 02 febbraio 2010 e rettifica n. 21 del 09/03/2010, n. 35 del 26/03/2010.


16 azioni di sistema. Le denominazioni assunte dagli organismi sono, per ciascun livello amministrativo: Tavolo Regionale di Coordinamento dei PTG – Comitato Provinciale di Coordinamento delle Politiche Giovanili e Comitato Distrettuale di Coordinamento delle Politiche Giovanili. Obiettivo strategico è condividere e proporre azioni di miglioramento della qualità, di monitorare i servizi e l’andamento dell’azione di sistema, di concertare la programmazione e il monitoraggio delle azioni e dei prodotti offerti dai servizi di informazione per la gioventù e quelle destinate ai giovani. La presenza di tali Comitati rappresenta per la Regione un sicuro ed inderogabile standard di qualità per un azione integrata di informazione e partecipazione sul territorio. La Regione, in particolare, ha il compito di promuovere l’istituzione dei Servizi InformaGiovani e della rete,


17 coordinarne e vigilarne interventi ed attività. Incentiva, inoltre, l’azione degli Enti Locali suddetti attraverso contributi ai progetti InformaGiovani che i medesimi annualmente possono presentare. Il Sistema costituisce la risposta istituzionale più concreta ed efficace ai bisogni informativi e di orientamento espressi dai giovani, dando, peraltro, piena attuazione alla direttrice n. 5 informazione e partecipazione della “Carta Europea della Partecipazione dei Giovani alla vita regionale e comunale” del Consiglio d’Europa. La sua costruzione e realizzazione ha quale obiettivo principale il raggiungimento della finalità primaria dello sviluppo dell’informazione, quale necessario strumento di interazione e partecipazione dei giovani e di prevenzione primaria per il superamento degli ostacoli di ordine culturale, sociale ed economico che si frappongono alla piena maturazione. Il SIRG grazie ad una Rete di Servizi InformaGiovani e Forum per la Gioventù formata da: 5 Agenzie Informagiovani Provinciali, 48 Centri InformaGiovani distrettuali, 300 Punti InformaGiovani Comunali e oltre 150 Forum, distribuiti omogeneamente su tutto il territorio regionale, si rivolge oggi a un’utenza di circa 2 milioni di Giovani. L’intervento del SIRG, oltre che per lo sviluppo quantitativo, si è particolarmente incentrato negli ultimi anni sulla crescita qualitativa delle strutture e dei Servizi con una serie di iniziative tese, da una parte ad integrare le risorse locali, dall’altra a qualificare ulteriormente l’attività di coordinamento per l’uniformità ed omogeneità degli standard informativi attraverso la codificazione di parametri, i cosiddetti standard di qualità.


Standard di qualità

19

ià con la circolare n. 3 del 2001 4, redatta dal Tavolo Tecnico Regionale di Coordinamento, viene posta l’attenzione sulla individuazione e codificazione di standard di qualità quali criteri di qualità della programmazione, gestione ed erogazione del servizio di informazione per i giovani. Tali standard costituiscono per i Servizi InformaGiovani “precisi parametri di riferimento, la cui assunzione ne rafforza, legittima e qualifica l’utilità di servizi di rilevanza pubblica” 5. Nel tentativo di fornire un’indicazione chiara e snella della materia, offriamo i parametri di particolare riferimento previsti dalla Regione attraverso una tabella riepilogativa. Nella sessione “Allegati”, invece, sono presenti i testi completi degli Standard di Qualità previsti per le Agenzie Provinciali e per i Centri e Punti InformaGiovani. STANDARD DI QUALITÀ DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI

G

Standard procedurali

Istituzione del Servizio secondo quanto previsto dagli atti regionali. Il Servizio garantisce agli utenti una struttura accogliente dotata di strumenti di front-office e di back-office. Quali un punto di ascolto,

Caratteristiche strutturali

di ampi spazi per la consultazione di materiale informativo di un’area destinata ai colloqui individuali e riservati, di uno spazio dedicato agli eventi aggregativi e culturali nel rispetto delle norme di sicurezza, strumenti di editing e riproduzione grafico - editoriale

4 “Informazione e Partecipazione. Il Sistema Informativo Regionale Giovanile – SIRG e i Forum della Gioventù” , pag. 86 – a cura del Settore Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù della Regione Campania. Febbraio 2007. 5 Ibidem.


20 Standard procedurali

Istituzione del Servizio secondo quanto previsto dagli atti regionali. Il Servizio, nelle tre diverse tipologie, offre all’utenza un’accoglienza e una consulenza di alto profilo, garantita dall’alta professionalità degli operatori che gestiscono le domande degli utenti attraverso attività

Organizzazione interna dell’InformaGiovani

e prestazioni personalizzate e calibrate alle singole esigenze in linea con un principio di partecipazione dell’utente e di collaborazione sia interna che con gli enti e i servizi competenti. Gli operatori del Servizio InformaGiovani hanno titoli di studio inerenti le mansioni svolte e seguono continui percorsi di aggiornamento e formazione individuali. Il percorso di gestione delle richieste degli utenti si basa sul principio di semplificazione delle procedure e trasparenza degli atti. La soddisfazione dell’utenza può essere costantemente monitorata attraverso la raccolta di reclami, apprezzamenti, suggerimenti sia verbali che

Caratteristiche funzionali

telefonici che tramite compilazione di un apposito modulo che indica la qualità dell’erogazione delle prestazioni. Un documento utile è una Carta dei servizi. Ciascuno Servizio InformaGiovani attua l’inserimento dei dati utenza in SIRGonline, attraverso la CRM, per una più puntuale analisi dell’utenza.


21 Standard procedurali

Istituzione del Servizio secondo quanto previsto dagli atti regionali. Il modello di riferimento è il Piano di Classificazione Nazionale che assicura uniformità metodologica ed operativa oltre che circolarità e

Modello organizzativo dell’informazione

modularità tra i Servizi InformaGiovani. Da questo punto di vista l’utilizzo costante e puntuale del portale SIRGonline è un requisito minimo indispensabile. Il modello qualitativo dell’informazione è quello previsto dai più im-

Modello qualitativo dell’informazione

portanti documenti europei in materia: l’informazione erogata deve essere affidabile, aggiornata, completa, pluralistica, verificabile (trasparente), facilmente identificabile e reperibile, appropriata.

Un ulteriore parametro tenuto in considerazione è la partecipazione giovanile intesa come partecipazione dei giovani alla progettazione e cogestione dell’intervento InformaGiovani, a partire dal momento istitutivo fino alla programmazione e pianificazione delle relative attività, in modo tale che essi siano investiti direttamente dalla responsabilità e siano compartecipi di una politica che li veda attori e protagonisti oltre che fruitori. All’inizio della programmazione regionale delle politiche giovanili l’asse informazione era considerato complementare a quello partecipazione. A partire dal 2005, in concomitanza con la nascita di numerosi Forum della Gioventù Comunali e con l’istituzione dei Coordinamenti Provinciali dei Forum della Gioventù, informazione e partecipazione sono diventati un binomio unico ed indivisibile. Pertanto, la partecipazione


22 giovanile non è più considerata uno standard ma piuttosto un elemento imprescindibile della programmazione e progettazione dell’intervento informativo per i giovani. Del SIRG sono, di fatti, diventati parte anche i Forum Comunali e Provinciali. Attualmente, non si parla più semplicemente, infatti, di un Sistema Informativo Regionale Giovanile, ma si punta a farne un Sistema della Conoscenza Regionale.


Progetto S.CO.RE.

23

L

a Regione Campania, consapevole che grazie alla “conoscenza” è possibile anticipare, interpretare e soddisfare i bisogni dei giovani, per il potenziamento del suo Sistema Informativo Giovanile, il SIRG, ha puntato sul progetto S.CO.RE - Sistema della Conoscenza Regionale. Con il PROGETTO S.CO.RE. si realizza il nuovo sistema informatico SIRG - on line per il coordinamento del SIRG e la condivisione della conoscenza. Il percorso intrapreso non deve essere frainteso come mero intervento info-telematico, ma porta verso una nuova cultura centrata sull’individuo e supportata da formazione, motivazione e programmi di riqualificazione del personale dei Sevizi InformaGiovani e la messa in rete di tutti gli attori del SIRG, compresi i giovani dei Forum della Gioventù. Attraverso questo progetto si è inteso sia potenziare la qualità del SIRG in termini di coordinamento sia a livello regionale, provinciale e distrettuale sia migliorare la condivisione della conoscenza tra i Servizi. Di seguito gli elementi su cui si fonda il progetto: › Capitale Umano. Il progetto sostiene e valorizza il capitale umano, fattore principale della società della conoscenza, impegnato a favore della gioventù: • Responsabili del Settore Politiche Giovanili della Regione Campania • Responsabili ed Operatori dei Servizi InformaGiovani Della Campania • Responsabili dei Forum Giovanili della Campania


24 • Responsabili Politiche Giovanili della Campania › Condivisione della Conoscenza. Il Sistema permette di condividere: • conoscenza esplicita intesa come già formalizzata, leggibile e riproducibile, disponibile nei database, in oggetti multimediali, in documenti elettronici e cartacei di natura informativa e amministrativa dei soggetti che compongono il sistema. • conoscenza implicita intesa come non strutturata legata alle singole esperienze, che molto spesso non vengono condivise al fine di recuperare la conoscenza disponibile e capitalizzarla, per evitare che importanti informazioni, esperienze, buone prassi e fonti di sapere vadano disperse; › Lavoro Collaborativo. Il Sistema migliora e velocizza - gli scambi e le collaborazione grazie anche a strumenti quali: chat, forum tematici, wiki, blog, sondaggi, news, agende condivise, messaggeria, bacheca, video conferenza e audio conferenza e rende fruibili in tempo reale documenti e informazioni agli utenti permettendo così di offrire servizi sempre più efficienti ed efficaci al mondo giovanile. › Network. Il Sistema ottimizza le attività di coordinamento attraverso la creazione di community professionali creando così un vero senso di appartenenza al SIRG. Le community presenti: • Referenti Amministrativi - Servizi InformaGiovani • Responsabili - Servizi InformaGiovani • Operatori - Servizi InformaGiovani • Responsabili - Politiche Giovanili


25 • Referenti - Forum Giovanili. › Qualità. Le esigenze e i bisogni dei giovani evolvono continuamente, diventa, pertanto, indispensabile rilevare informazioni e bisogni segmentati, integrati con processi di verifica della qualità dei servizi e di gradimento degli stessi. Il Sistema, per rispondere a questa esigenza, consente la rilevazione giornaliera dei dati dell’utenza di tutti i Servizi InformaGiovani della campania, favorendo un monitoraggio attento sulla popolazione giovanile, sull’andamento generale dei servizi e sullo stato di sviluppo qualitativo del SIRG. Una metodologia, questa, orientata agli utenti, che ha come obiettivo proporre la giusta offerta, nell’occasione più indicata e attraverso il canale più adatto a soddisfare le loro esigenze e la loro percezione. Questo approccio, che presuppone la raccolta del maggior numero possibile di dati durante le varie interazioni utente/ufficio pubblico prende il nome di CRM - Citizen Relationship Management, meglio conosciuta tra gli operatori come Citizen Analysis. Il CRM offre la possibilità di migliorare la qualità della relazione con i propri utenti attraverso una riorganizzazione dei servizi definita sulla base delle loro aspettative ed esigenze reali. Consente pertanto di creare una visione integrata degli utenti e di usare questo tipo di informazioni anche per riprogettare e coordinare i servizi offerti massimizzandone qualità, efficienza e loro promozione su una molteplicità di canali (Sito web Messaggistica email/sms/mms/ bluetooth…). › Informazione. La produzione informativa è un processo che ha la necessità di strumenti e tecnologie adeguate per raggiungere lo scopo principale di favorire l’inserimento sociale, culturale e professionale


26 dei giovani, stimolandone partecipazione, autodeterminazione ed autonoma scelta dei propri percorsi di vita. A tal fine il sistema offre quale presupposto dell’azione informativa, di orientamento e di consulenza svolta la possibilità di archiviazione e ricerca dei documenti rispetto ai settori informativi o campi di interesse del mondo giovanile. › Centro Risorse. Il reperimento delle fonti informative sparse in una miriade di soggetti e strutture di informazione primaria e secondaria risulta essere oltremodo complessa e onerosa. La consapevolezza di tali esigenze ma anche delle difficoltà connesse ha indotto, da sempre, il Settore Politiche Giovanili della Regione Campania a sostenere finanziariamente e con la dotazione di banche dati informative di I° e II° livello per informare i giovani e gli operatori dei Servizi InformaGiovani. Oggi queste banche dati vengono direttamente realizzate dal Centro Risorse Regionale che aggiorna ed implementa costantemente nel sistema le informazioni necessarie ai Giovani, Forum, InformaGiovani e amministratori oltre che fornire assistenza tecnica per il buon funzionamento del sistema e del SIRG. Le informazioni prodotte sono sulle tematiche di interesse giovanile sono riferite al territorio italiano (oltreché informazioni di rilevanza internazionale per alcune tipologie di informazione) con particolare riferimento all’ambito regionale. Le attività del Centro Risorse Regionale sono frutto di una serie complessa di operazioni che comprendono: • identificazione dei bisogni informativi; • individuazione delle fonti e degli strumenti per la ricerca delle informazioni; • la selezione delle fonti informative;


27 • accredito alle fonti informative; • verifica e selezione del materiale informativo raccolto; • trattamento, l’organizzazione e la classificazione delle informazioni; • redazione e realizzazione di prodotti informativi; • verifica della rispondenza fra i bisogni informativi e prodotti realizzati. › Formazione. Il Sistema offre un programma di apprendimento permanente. La piattaforma IWT - Intelligent Web Teacher su cui si basa il nuovo SIRG on line permette la fruizione di corsi personalizzati e la creazione di “learning community” viste come gruppi di persone (tra cui docenti, discenti, tutor, facilitatori) che condividono valori, opinioni ed interessi comuni e che sono attivamente coinvolti nell’apprendere insieme l’uno dall’altro agevolando la condivisione di opinioni e saperi in un’ottica di rielaborazione di contenuti utili alla creazione di nuovi servizi e interventi di Politiche Giovanili.


Piani Territoriali delle Politiche Giovanili: come cambia la progettazione degli interventi per i giovani

29

C

on la Delibera di Giunta Regionale n. 1805 del 11 dicembre 2009 ed i Decreti Dirigenziali n. 156 del 16 dicembre 2009, n. 4 del 02 febbraio 2010 e rettifica n. 21 del 09/03/2010, l’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Campania ha inteso aprire una nuova fase di programmazione degli interventi e dei servizi rivolti alla popolazione giovanile all’interno dell’Accordo di Programma Quadro “Una Regione giovane per i giovani” siglato con il Ministero della Gioventù 6. Si è, infatti, deciso di stimolare i sistemi locali delle politiche giovanili verso una maturazione culturale volta al lavoro in rete ed alla realizzazione di azioni di sistema. Il vantaggio di aver vissuto una lunga esperienza di programmazione e progettazione, con e per i giovani, ha permesso al Settore Politiche Giovanili della Regione Campania di valutare l’opportunità di realizzare uno strumento organico di tutti gli interventi realizzati in questi anni nel campo delle politiche giovanili e destinati ai diversi attori locali ed istituzionali 7. Informazione e partecipazione, protagonismo e progettazione giovanili pur servizi ed azioni di qualità e di efficienza, operando ciascuno come intervento a sé stante, spesso sono risultati polverizzati e scollegati, senza un legame biunivoco che li abbia integrati e che abbia realizzato un reale impatto sulla popolazione 6 1 Agosto 2008 - Intesa istituzionale di programma tra il Governo della Repubblica Italiana e la Regione Campania. 7 Per una dettagliata conoscenza della programmazione regionale si considerino le “Linee Operative del Quadro Strategico per le Politiche Giovanili” - Delibera di Giunta Regionale n.777 del 30/04/2008


30 giovanile. “L’esperienza degli ultimi anni, nei quali gli interventi di politiche giovanili in Campania hanno sviluppato un grande impegno nei campi dell’informazione con il potenziamento del SIRG, la promozione di una forte partecipazione dal basso dei giovani alla vita degli enti locali attraverso i Forum e la promozione di progettualità da parte dei giovani si è constatato che tali interventi, pur sinergici fra loro, hanno avuto sia nella fase progettuale che nella fase attuativa tempi e modalità di realizzazione tali che, in qualche modo, li hanno separati fra loro non dando ai territori quella spinta che tali azioni potenzialmente avevano.” 8 Sulla scorta di questa riflessione e consapevole della necessità di dare uno slancio al quadro regionale delle politiche giovanili, la Regione Campania, per la nuova annualità ha proposto, attraverso il Tavolo Regionale di Coordinamento delle Politiche Giovanili, il Piano Territoriale delle Politiche Giovanili come unico documento – piano in cui programmare organicamente tutti gli interventi che, nelle precedenti annualità, venivano progettati singolarmente dagli attori delle politiche giovanili della regione. “Si è fatta sempre più strada quindi l’esigenza di mettere a sistema le azioni Informiamoci – Partecipiamo – Progettiamo per far si che: • l’informazione si avvalga della partecipazione dei giovani in quanto veri protagonisti ed attori del processo informativo; 8 Delibera di Giunta Regionale della Campania n. 1805 del 11 dicembre 2010 – Allegato A “Linee di Indirizzo”, pag. 2.


31 • la partecipazione sia sempre più consapevole in quanto ricca di informazioni e di opportunità; • la progettazione diventi lo strumento nelle mani dei giovani per far crescere sempre più sui territori la consapevolezza che senza informazioni si è tagliati fuori dalle opportunità, e senza la partecipazione attiva alla vita dei propri territori si abdica al ruolo di cittadini attivi e consapevoli.” 9 Il PTG è strumento ed al tempo stesso metodo di programmazione delle Politiche Giovanili territoriali basato su tre elementi fondamentali: • i giovani al centro; • gli attori locali che fanno sistema ; • la trasversalità ed organicità delle politiche giovanili. Il PTG è stato configurato come uno sperimentale strumento di programmazione che ha fatto dell’elemento partecipativo giovanile uno dei tratti più significativi chiamando ad un ruolo attivo Forum Comunali, Associazioni Giovanili, Associazioni Oratoriali, Volontariato Giovanile e Gruppi Non formali. Esso è stato pensato come uno strumento in cui giovani e attori locali istituzionali impegnati nelle politiche giovanili quali Servizi InformaGiovani, Scuole ed anche decisori politici potessero confrontarsi e dibattere per l’individuazione non solo dei bisogni territoriali, ma anche delle strategie per soddisfarli e mettersi tutti insieme per implementarle, realizzando così il principio di sussidiarietà orizzontale. 9 Ibidem


32 I bisogni dei giovani sono molteplici e assai eterogenei, trasversali a diversi item della politica. Il PTG, infatti, è stato immaginato come un piano in cui far confluire e in maniera organica tutta la gamma degli interventi a favore dei giovani. Regione Campania Assessorato alle Politiche Giovanili Settore Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Dirigente: dott. Gaspare Natale SIRG – Sistema Informativo Regionale Giovanile Referenti: dott. Aniello D’Ambra dott.ssa Maddalena Mastrocinque dott. Saverio De Meo dott. Donato Gelsi Indirizzo: Centro Direzionale Isola A/6 - Piano 2, st. 24 - 80143 Napoli Tel. 081.7966218/6235/6219/6213 – Fax 081.7966238 e-mail: coordinamentosirg@regione.campania.it sito web: www.giovani.regione.campania.it


La rete dei Servizi InformaGiovani della provincia di Avellino

33

ARTICOLAZIONE Cosi come previsto dalla Legge Regionale n. 14 del 2000, il Sistema Informativo Giovanile Regionale per ciascuna Provincia è così declinato: • Agenzia Servizi InformaGiovani - ASIG - istituita presso l’Ente Provinciale; • Centro InformaGiovani -CIG - istituiti presso il Comune Capofila del Distretto Scolastico; • Punto InformaGiovani - PIG - istituito presso il Comune afferente ad un Distretto Scolastico. Per comprendere l’articolazione della Rete Provinciale dei Servizi InformaGiovani risulta più agevole una illustrazione “dal basso”. L’unità territoriale di riferimento delle politiche giovanili per la Regione Campania (come indicato dalla L.R. 14/2000) è costituita dal Distretto Scolastico. Seguendo questa articolazione i 119 comuni della nostra provincia sono organizzati e suddivisi in 7 ambiti territoriali tante quanti sono i distretti. I PIG afferenti ad uno stesso distretto si convenzionano tra di loro e con il Comune Capofila per la gestione associata ed il coordinamento territoriale del servizio di informazione giovanile. Il Comune Capofila istituisce, quindi, il Centro InformaGiovani che assume la funzione principale di coordinamento e supporto per i Servizi dell’intero ambito distrettuale di competenza. L’Agenzia Provinciale gestisce e supporta l’intera rete territoriale rapportandosi costantemente con i Centri InformaGiovani attraverso l’organismo del Comitato Provinciale di Coordinamento delle Politiche Giovanili e attua interventi specifici per ciascuna rete distrettuale mediante campagne di ascolto territoriali.


34 NASCITA ED EVOLUZIONE L’Agenzia Servizi InformaGiovani (ASIG) viene istituita presso la Provincia di Avellino con Delibera Consiliare n. 105 dell’11 luglio 2000 dando, così, tempestiva attuazione alla Legge Regionale n. 14/2000 “Promozione ed incentivazione dei Servizi InformaGiovani e istituzione della rete territoriale delle strutture” - con la quale ha provveduto a realizzare la propria Rete Provinciale dei Servizi InformaGiovani. Secondo i dati della prima rilevazione 10 relativa ai servizi IG, al luglio 2002, i Centri attivi erano: Ariano Irpino – Distretto Scolastico n. 1, Atripalda – Distretto Scolastico n. 2, Cervinara – Distretto Scolastico n. 4, Carife – Distretto Scolastco n. 5, Sant’Angelo dei Lombardi – Distretto Scolastico n. 6 e Quindici – Distretto Scolastico n. 30. Si registrava quindi la mancata istituzione del Centro InformaGiovani da parte della città capoluogo, Avellino. I Punti InformaGiovani istituiti, invece, ammontavano a 61. Nel 2005, in seguito alla richiesta avanzata dal Settore Politiche Giovanili della Regione Campania e del Comitato Regionale di Coordinamento, la Provincia di Avellino ha effettuato un primo monitoraggio quantitativo e qualitativo delle strutture. I risultati hanno evidenziato da un lato l’attivazione del Centro InformaGiovani di Avellino e della relativa rete distrettuale dei Punti IG, dall’altro una forbice evidente nel rapporto servizi di informazione istituiti e servizi di informazione attivi 11. Se infatti il totale dei PIG istituiti ammontava a 66, la quota di quelli operativi era pari a 51 Servizi. 10 “Servizi InformaGiovani & Opportunità di Aggregazione Giovanile – 1° Quaderno” – a cura dell’ASIG della Provincia di Avellino – Luglio 2002. 11 “Report Finale Campagna d’Ascolto dei Servizi InformaGiovani della Provincia di Avellino” – a cura di Newmedia sr.l. presentato ufficialmente il 23 giugno 2006 presso Sala Grasso – Provincia di Avellino.


35 Negli ultimi anni si sono registrati numerosi cambiamenti. Il Settore Politiche Giovanili ha posto sempre maggiore attenzione alla funzione sociale dell’InformaGiovani, quale servizio di informazione gratuito diretto ai giovani e che sia in grado anche di orientarne le scelte, nonché agli aspetti qualitativi di erogazione del servizio. In relazione a queste due variabili, alcuni Comuni sede di Distretto Scolastico hanno perso la titolarità del Centro. Infatti, ai sensi della L. R. 14/2000 sede del Centro InformaGiovani dovrebbe essere il Comune Capolifa del distretto scolastico ma data l’esigenza di garantire la qualità del servizio e l’efficienza/efficacia delle attività di coordinamento territoriale la funzione di Centro IG è svolto dal Comune che dimostri di essere in possesso di quei parametri di qualità codificati dalla Regione, i cosiddetti standard di qualità. Attualmente i Centri InformaGiovani afferenti all’Agenzia Provinciale sono 6: • Ariano Irpino – Distretto n. 1; • Atripalda – Distretto n. 2; • Mercogliano (sostituisce Avellino) – Distretto n. 3; • Grottolella (sostituisce Cervinara) – Distretto n. 4; • Lioni (sostituisce Sant’Angelo dei Lombardi) – Distretto n. 6; • Quindici – Distretto n. 30. L’ AGENZIA SERVIZI INFORMAGIOVANI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO - ASIG L’Agenzia Servizi InformaGiovani è stata tra le prime Agenzie provinciali campane ad essere istituita. Ha lavo-


36 rato sin da subito per la nascita e lo sviluppo della propria Rete, investendo quindi sull’istituzione dei Centri e l’ampliamento delle reti distrettuali. Tuttavia questi interventi risultavano destrutturati e poco efficaci, nonché distanti dal target obiettivo: i giovani del territorio. Solo nel 2005, in seguito alla creazione del primo Assessorato alle Politiche Giovanili della Provincia di Avellino, si costituisce l’Ufficio Politiche Giovanili – struttura amministrativa - con la funzione di sistematizzare il quadro territoriale delle politiche giovanili. La Provincia ha così iniziato un percorso strutturato di interventi a favore della gioventù del territorio, facendo propri i principi di informazione e partecipazione contenuti nei documenti del Consiglio d’Europa e delle Istituzioni dell’Unione Europea. Successivo importante obiettivo delle nuove strutture dell’Ente è l’istituzione del Coordinamento Provinciale dei Forum della Gioventù, avvenuta con Delibera Consiliare n. 92 del 20 luglio 2005. Attualmente, all’interno dell’Ufficio Politiche Giovanili sono incardinate sia la struttura dell’ASIG che quella del Coordinamento dei Forum della Gioventù. Gli interventi di Politiche Giovanili della Provincia di Avellino sono frutto di incontri e strumenti condivisi secondo i principi europei e gli indirizzi del Ministro della Gioventù, affinché i giovani partecipino ai processi decisionali che li riguardano. La strategia è quella del metodo di coordinamento aperto 12. 12 Il metodo di coordinamento aperto è stato creato nel quadro della politica dell'occupazione e del processo di Lussemburgo. Esso è stato definito quale strumento della strategia di Lisbona (2000). Esso funziona in ambiti che rientrano nella competenza degli Stati membri quali l'occupazione, la protezione sociale, l'inclusione sociale, l'istruzione, la gioventù e la formazione. Relativamente alle Politiche Giovanili, il metodo aperto di coordinamento viene suggerito dalla Commissione dell’UE, già nel Libro Bianco, come strategia per coinvolgere tutti gli attori della società nella formulazione di politiche per i giovani. Esso si basa su tre elementi: identificazione e definizione congiunta di obiettivi da raggiungere; strumenti di misura definiti congiuntamente (statistiche, indicatori, linee guida); il « benchmarking » vale a dire l'analisi comparativa dei risultati. http://europa.eu/scadplus/glossary/open_method_coordination_it.htm


37 Pertanto si è scelto di mettere prima in rete e poi a sistema le idee, le competenze, le iniziative degli Operatori di Centri InformaGiovani, ed, attraverso gli incontri tra ASIG e Reti distrettuali, degli Operatori dei PIG, dei giovani del Coordinamento Provinciale dei Forum utilizzando canali preferenziali di comunicazione e coordinamento tra Servizi InformaGiovani e Forum Giovanili, in modo da consolidare e potenziare le misure volte alla realizzazione del binomio informazione e partecipazione. I SERVIZI La missione dell’Agenzia Servizi InformaGiovani è porsi al servizio delle altre strutture InformaGiovani del territorio al fine di predisporre servizi di progettazione, archivi, trattamento dei documenti, acquisizione di data-base, raccolta di fonti, di dati e di informazioni e loro divulgazione. Inoltre, l’Agenzia realizza incontri e visite territoriali ai fini dell’adeguamento delle strutture e degli interventi dei servizi InformaGiovani agli standard previsti dalla Regione Campania. Ai sensi della L. R. 14/2000, la sua attività si articola su tre funzioni fondamentali costituenti la base operativa e tecnica della struttura: ricerca, documentazione e informazione e comunicazione. In particolare si segnalano le attività svolte: 1. promozione, gestione ed organizzazione della Rete provinciale dei Centri e Punti InformaGiovani; 2. rapporti e raccordi con la Regione e le altre Agenzie Servizi InformaGiovani per la partecipazione all’attività di coordinamento della rete; 3. produzione di materiali e supporti informativi per sé e per i servizi InformaGiovani ad essa collegati


38 sui vari temi di interesse che integrano quelli nazionali ed europei; 4. organizzazione e gestione di attività di formazione e stage per gli operatori della rete, relativamente alle aree della ricerca, documentazione e informazione-comunicazione; 5. gestione di un sistema di valutazione dell’efficacia-efficienza della rete informativa e di un sistema di monitoraggio dell’utenza giovanile. L'azione dell'Agenzia tende a rispondere alle esigenze e ai bisogni dei Centri e dei Punti del territorio di riferimento fornendo servizi e supporti a tutti i bisogni informativi, verificando con continuità la corrispondenza tra domanda e offerta di informazione, le esigenze degli operatori, i canali e i metodi di comunicazione adottati. Al fine di garantire un’ampia ed articolata azione di coordinamento, la Regione Campania ha previsto l’istituzione di un organo, dotato di un proprio regolamento per il suo funzionamento, con competenze di formulazione, gestione e valutazione del progetto. Tale organo a partire dalla nuova programmazione 2009 è stato denominato “Comitato Provinciale di coordinamento delle Politiche Giovanili” ed è stato rafforzato ed ampliato rispetto al passato. Esso è composto dal Responsabile dell'Agenzia che lo presiede, dai Responsabili del Procedimento dei Comuni capofila dei distretti, dai Responsabili Tecnici dei Centri InformaGiovani e dal Presidente del Coordinamento Provinciale dei Forum della Gioventù. Il Comitato ha il compito di rendere integrate le azioni informative offerte dalle Agenzie, dai Centri e dai Punti di informazione della Provincia, di condividere e proporre azioni di miglioramento della qualità, di monitorare i servizi e l'andamento dell'azione di sistema, di concertare la


39 programmazione e il monitoraggio delle azioni e dei prodotti offerti dalle Agenzie, dai Centri e dai Punti di informazione per la gioventù e quelle destinate ai giovani. La presenza del Comitato Provinciale rappresenta per la Regione un sicuro ed inderogabile standard di qualità per un azione integrata di informazione e partecipazione sul territorio. Il Comitato ha riunioni periodiche, generalmente mensili, e può esprimere proposte alla Regione in merito ad aspetti tecnici di funzionamento del SIRG. La Regione Campania ha definito anche per le attività e i servizi dell’Agenzia Provinciale una serie di standard di qualità (che riportiamo integralmente nella sezione “Allegati”). L’obiettivo regionale è quello di pervenire al raggiungimento, in costante collaborazione con le Agenzie Provinciali, di un sviluppo quantitativo dell’informazione e partecipazione su tutto il territorio regionale e un livello omogeneo minimo di standard di qualità dei servizi del SIRG. Il PROGETTO 2008/2009 Il Progetto dell’Agenzia Provinciale per l’anno 2008/09 si è articolato attraverso una serie di azioni che hanno offerto ai Servizi IG, e quindi ai giovani utenti, validi punti di riferimento per fruire delle opportunità di formazione, viaggio, apprendimento, tempo libero, sport e cultura messe a disposizione sia dal Ministero della Gioventù che dalla Regione e da tutti gli Enti locali sub-regionali. Si riportano a seguire gli obiettivi e le azioni previste dal progetto e che hanno costituito la road map della programmazione degli interventi per il conseguimento dei risultati operativi.


40 QUADRO SINTETICO OBIETTIVO

AZIONI

RISULTATI OPERATIVI

1 POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI ISTITUZIONALI DI COORDINAMENTO E DI INTEGRAZIONE CON GLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE:

potenziamento attività di back office dell’Agenzia; sviluppo della rete; coordinamento dei Centri, Punti e Forum Giovanili; monitoraggio su sviluppo quantitativo e qualitativo della rete

Aumento delle ore di lavoro; n. 18 incontri territoriali; n. 6 riunioni di Comitato Provinciale; n. 1 monitoraggio su Punti e Centri sia in termini quantitativi che qualitativi.

2 POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI DI SISTEMA

monitoraggio provinciale e verifica uso della citizen analisys da parte dei Centri e Punti

n. 7 incontri realizzati per la sensibilizzazione all’uso della Citizen Analysis e la diffusione del progetto SCORE. n. 12 report mensili

3 POTENZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ELABORAZIONE DEI PRODOTTI INFORMATIVI E NELLA DIVULGAZIONE DELLE INFORMAZIONI E DELLE ATTIVITÀ DI CONSULENZA

sviluppo di una redazione territoriale per la produzione di materiali informativi; banche dati su attività ed eventi provinciali in sinergia e collegamento con il Centro di risorse regionale e le reti distrettuali; promozione di campagne informative a livello provinciale.

Costituzione del Centro Risorse Provinciale; n. 16 newsletter prodotte al 31/05/2010; n. 18 incontri per la diffusione delle campagne informative; n. 3 prodotti informativi e di servizio per gli operatori ed i giovani fruitori degli IG; n. 2 Kit procedurali.


41 Nella predisposizione di tali strumenti l’ASIG ha lavorato in maniera tale da individuare una nuova metodologia di azione che spingesse i CIG verso un approccio inclusivo piuttosto che esclusivo, permettendo un’apertura al territorio ed, in particolare, alle disparate forme dell’impegno attivo dei giovani in gruppi non formali, così come in oratori parrocchiali, associazioni giovanili e non, volontariato e cooperazione sociale. Dall’altro lato, l’ASIG ha anche stimolato i Responsabili dei CIG ed, attraverso gli incontri di rete distrettuale gli stessi operatori dei PIG, a maturare ed assorbire un’ottica di lavoro incentrata piuttosto che sul singolo comune di riferimento, sull’intero distretto. Si è, dunque, gradualmente passati da un metodo di lavoro basato sui fabbisogni locali e comunali ad un “lavoro di distretto” con la conseguente razionalizzazione delle risorse, l’effetto moltiplicatore delle opportunità e, soprattutto, la maturazione di un ritrovato senso di comunità, entusiasmo, creatività progettuale, sostegno ed aiuto reciproco. Nonostante le difficoltà iniziali, legate ad abitudini, scarsa sensibilità dei politici e difficoltà pratiche dovute alle proprie precarie condizioni di lavoro, gli Operatori dei Punti, opportunamente sostenuti dai Responsabili dei Centri costantemente presenti alle riunioni di Coordinamento Provinciale, col tempo hanno maturato una maggiore consapevolezza del loro lavoro, sia in termini di vision che mission, nonché una notevole autostima e capacità di incidere sulle scelte dei propri amministratori locali. Queste valutazioni riguardano tutti i Centri attivi nella provincia di Avellino, registrando l’eccellenza del Centro di Lioni, riconosciuto come buona prassi anche a livello regionale, che è ormai ordinariamente e quotidianamente in coordinamento con l’ASIG.


42 L’ASIG ha inoltre superato una serie di criticità riguardanti i Centri di Ariano Irpino e Quindici. Si è optato per una strategia di concertazione mirata all’ascolto ed alla risoluzione dei fabbisogni rilevati per ciascun distretto. In particolare per il Centro di Ariano Irpino L’ASIG ha svolto un ruolo di facilitazione tra i punti della rete ed il Comune capofila, impegnandosi a promuovere una serie d’incontri esplorativi al fine di trovare una soluzione condivisa che permettesse la riattivazione della rete del Distretto n. 1. Relativamente al Centro InformaGiovani di Quindici, l’Agenzia Provinciale ha intensificato i colloqui con i giovani dei Forum Comunali laddove i Comuni non hanno ancora attivato un Punto InformaGiovani. Questa linea d’azione, infatti, è stata adottata al fine di realizzare efficacemente gli obiettivi di sinergia tra Forum ed IG soprattutto in vista della predisposizione del Piano Territoriale delle Politiche Giovanili. OBIETTIVO 1

POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI ISTITUZIONALI DI COORDINAMENTO E DI INTEGRAZIONE CON GLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE

Le azioni previste per il raggiungimento di questo obiettivo sono quattro: • potenziamento attività di back office dell’Agenzia; • sviluppo della rete; • coordinamento dei Centri, Punti e Forum Giovanili; • monitoraggio su sviluppo quantitativo e qualitativo della rete. Per ognuna di queste azioni è stato strutturato un piano di attività che è stato implementato in maniera


43 costante durante l’intera durata del progetto (luglio 2009 – luglio 2010), prevedendo opportuni strumenti di verifica. Relativamente al potenziamento delle attività di back-office l’ASIG ha provveduto, sin dalle prime fasi progettuali, al corretto utilizzo del portale on-line del Settore Politiche Giovani e del Forum Regionale della Gioventù della Regione Campania. Tale portale “SIRGonline” è strutturato da due componenti: una piattaforma “intelligente” per la raccolta e l’organizzazioni delle informazioni per i giovani nonché per la comunicazione tra gli operatori delle politiche giovanili; una piattaforma per la registrazione dell’utenza e il monitoraggio di tutti Servizi IG afferenti alla rete dell’Agenzia. Non si è solo provveduto ad aumentare il monte ore dedicato all’organizzazione del back-office, ma si è potenziato il lavoro di rete con il territorio provinciale, con il Centro Risorse Regionale e con gli altri organismi che operano a diverso titolo nel settore delle politiche giovanili (informazione europea, formazione, lavoro, sociale, etc...). Sul lato dello sviluppo della Rete, l’Agenzia ha adottato una metodologia basata su un doppio binario: potenziamento delle reti consolidate e supporto per il rafforzamento dei distretti in difficoltà. Gli incontri territoriali sono stati, infatti, realizzati sull’intero territorio provinciale e non solo presso i Centri InformaGiovani ma anche presso i Punti InformaGiovani sotto il coordinamento dei rispettivi CIG. L’approccio di coordinamento bottom-up è stato rafforzato dalle funzioni previste per l’organismo tecnicoamministrativo e di sinergia quale il Comitato Tecnico Direttivo Provinciale IG – Forum, poi divenuto Comitato Provinciale di Coordinamento delle Politiche Giovanili in seguito a quanto previsto dalla D.G.R. n. 1805 del 11/12/2009. Attraverso tali strumenti è stato possibile seguire giorno dopo giorno l’evoluzione delle


44 reti distrettuali dei 7 distretti della provincia di Avellino, per i quali l’ASIG ha, come già evidenziato, individuato strategie di azione diverse per il conseguimento dell’obiettivo di coordinamento. In tale senso, relativamente ai Forum Comunali della Gioventù tali interventi hanno raggiunto la piena efficacia grazie al prezioso lavoro in tandem tra ASIG e Coordinamento Provinciale dei Forum. Infine, a partire dal mese di gennaio l’ASIG ha intrapreso un monitoraggio di tutte le strutture IG presenti sul territorio. Per realizzare tale monitoraggio, si è scelto di responsabilizzare fortemente i Comuni sede di distretto al fine di generare anche una riflessione culturale sulla struttura del SIRG. Questa infatti presume un coordinamento sia dal basso, sia dall’alto strutturato su tre livelli: Agenzia – Centro – Punto. Alla luce di tale organizzazione, l’ASIG ha chiesto una forte collaborazione dei Centri nella raccolta dei dati e delle informazioni per evitare sovrapposizioni tra interventi simili e per non scavalcare ma potenziare il ruolo di coordinamento locale dei CIG nei propri distretti. OBIETTIVO 2

POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI DI SISTEMA

Come già illustrato in precedenza, il Settore Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù della Regione Campania ha realizzato un portale interattivo “SIRGonline”. Tale portale, nasce dall’esigenza della Regione Campania di potenziare il SIRG - Sistema Informativo Regionale Giovanile e per tale scopo è stato ideato e poi realizzato il progetto S.CO.RE. – Sistema della Conoscenza Regionale. Attraverso questo progetto si è inteso sia potenziare la qualità del SIRG in termini di coordinamento sia a livello regionale, provinciale e


45 distrettuale sia migliorare la condivisione della conoscenza tra i servizi. Tale progetto si fonda su alcuni elementi, in particolare: • sostegno e valorizzazione del capitale umano impegnato nel campo delle politiche giovanili, operando uno screening – differenziato per ruolo e funzione – di tutti coloro che operano nel settore; • condivisione della conoscenza in termini di informazioni, opportunità, contatti, buone prassi; • lavoro collaborativo in quanto il sistema migliora e velocizza gli scambi e la collaborazione grazie a strumenti come: messaggeria, bacheca, aria condivisa e rendere fruibili in tempo reale documenti ed informazioni agli utenti permettendo di offrire servizi sempre più efficienti ed efficaci al mondo giovanile; • migliorare la qualità del SIRG consentendo la rilevazione giornaliera dei dati dell’utenza (c.d. Citizen Analisys) di tutti i Servizi InformaGiovani della campania; • archiviazione e ricerca della produzione informativa e documentale rispetto ai settori informativi o campi di interesse del mondo giovanile. Il ruolo dell’ASIG per la realizzazione di tale progetto è stato di particolare importanza giacchè all’Agenzia è spettato il compito di provvedere alla diffusione del progetto S.CO.RE. su tutto il territorio provinciale, alla formazione degli operatori dei servizi IG, di fornire supporto e consulenza nei rapporti con il Centro Risorse Regionale, di monitorare l’utilizzo del portale e di tutti i canali in esso presenti e fornire opportuni report alla Regione Campania. Tali interventi sono stati realizzati da luglio 2009 – febbraio 2010, in seguito alla momentanea sospensione del portale SIRGonline, e sono ripresi ad aprile 2010 – luglio 2010.


46 OBIETTIVO 3

POTENZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ELABORAZIONE DEI PRODOTTI INFORMATIVI E NELLA DIVULGAZIONE DELLE INFORMAZIONI E DELLE ATTIVITÀ DI CONSULENZA

Le azioni previste per il raggiungimento di questo obiettivo sono tre: • sviluppo di una redazione territoriale per la produzione di materiali informativi; • banche dati su attività ed eventi provinciali in sinergia e collegamento con il Centro di risorse regionale e le reti distrettuali; • promozione di campagne informative a livello provinciale. Per ognuna di queste azioni è stato strutturato un piano di attività che è stato implementato in maniera costante durante l’intera durata del progetto (luglio 2009 – luglio 2010), prevedendo opportuni strumenti di verifica. L’Agenzia ha proceduto nel luglio 2009 ad organizzare al proprio interno la redazione territoriale per la produzione di materiali informativi, prevista dalla programmazione delle politiche giovanili della Regione Campania sotto il nome di Centro Risorse Provinciale, le cui funzioni riguardano: il reperimento, la raccolta, la diffusione di informazioni e documenti nonché la produzione informativa di quanto possa supportare gli operatori IG nello svolgimento del proprio lavoro e i giovani di poter fruire di opportunità, servizi, concorsi, etc… Il Centro Risorse ha, quindi, lavorato per l’intero anno di durata del progetto realizzando una new-


47 sletter periodica “GIOVANIEUROFLASHNEWS“, quale strumento ragionato di informazione per i giovani, costituendo una banca dati di documentazione ed informazione in stretto collegamento col Centro Risorse Regionale attraverso gli strumento del portale SIRGonline. L’Agenzia Provinciale ha, inoltre, ideato una serie di campagne informative destinate agli operatori dei servizi IG dell’intera provincia effettuano incontri periodici a livello territoriale. Le campagne informative hanno riguardato i seguenti argomenti: progetto S.CO.RE. , Organizzazione del Back – Office, Gestione del Front –Office, la comunicazione, scrivere una notizia, la programmazione regionale dei Piani Territoriali delle Politiche Giovanili – PTG. All’interno delle azioni di potenziamento delle attività di elaborazione dei prodotti informativi e nella divulgazione delle informazioni l’ASIG ha ideato un proprio strumento informativo innovativo (novembre – dicembre 2009): l’Agendagiovani 2010. Con il pretesto di offrire ai giovani, operatori ed youth workers un’agenda per il nuovo anno si è creato un piccolo compendio sulle politiche giovanili – in prefazione – ed una serie di schede di servizio – una per ogni mese – sui diversi ambiti di interesse dei giovani. Tempo libero e vita cultura-


48 le, mobilità, scuola, lavoro e professioni, informazione locale etc... All’interno di questo intervento, sono stati inoltre realizzati due opuscoli divulgativi. Il primo è la presente Guida ai Servizi InformaGiovani della provincia di Avellino ed è strettamente connesso all’obiettivo strategico di coordinamento delle strutture ed è il risultato finale del monitoraggio effettuato dall’ASIG. Il secondo riguarda la nuova programmazione delle politiche giovanili PTG – Piani Territoriali delle Politiche Giovanili, ed in particolare le attività di consulenza e supporto tecnico svolte dall’Agenzia Provinciale in favore dei Centri IG nella predisposizione ed attivazione della nuova programmazione regionale basata sui PTG ( gennaio – maggio 2010), per la quale l’ASIG ha creato un proprio modello basato sul principio di sussidiarietà orizzontale e processo partecipativo dei giovani. La pubblicazione di quest’opuscolo risponde, inoltre, all’obiettivo strategico di potenziamento delle attività di assistenza. Relativamente a questo obiettivo, l’Agenzia ha inoltre predisposto due Kit procedurali a sostegno dei Comuni e degli operatori dei servizi IG: “Come istituire un servizio IG” e “Come predisporre un PTG“. CENTRI E PUNTI INFORMAGIOVANI: RUOLO E FUNZIONI Come già ampiamente illustrato, la Legge Regionale n. 14/2000 “Promozione ed incentivazione dei servizi InformaGiovani ed istituzione della rete territoriale delle strutture” prevede che l’articolazione della rete territoriale InformaGiovani, afferente a ciascuna Agenzia Servizi InformaGiovani Provinciale, sia coincidente con quella dei Distretti Scolastici e distinta nelle tipologie seguenti: CIG – Centri InformaGiovani


49 e PIG – Punti InformaGiovani. Il Centro InformaGiovani è, quindi, istituito e gestito dal Comune sede del Distretto Scolastico o, in subordine, dal Comune che provvede ai locali ed al personale. Ad esso afferiscono i Punti InformaGiovani istituiti presso i Comuni parte dell’area del Distretto Scolastico. I Comuni che ospitano Centri e Punti sono tenuti a rispettare standard quantitativi e qualitativi definiti, annualmente, da dispositivi predisposti dalla Regione Campania. I Centri sede di nodo ed i Punti InformaGiovani raggruppati per “ambiti territoriali distrettuali” afferiscono all’Agenzia Provinciale che li coordina. Prima di proporre una mappa dettagliata dei Servizi InformaGiovani attivi in provincia, di seguito illustriamo ruoli e funzioni che spettano ai Centri ed ai Punti ai sensi di quanto previsto dalla L.R. 14/2000 e atti successivi. Il Centro InformaGiovani svolge le seguenti funzioni: • gestione dell'informazione; • individuazione dei bisogni informativi; • sviluppo dell'attività di comunicazione e di gestione delle relazioni: • orientamento e consulenza; • attività di ricerca e documentazione nello specifico territorio; • collegamento e collaborazione con i Forum della gioventù, enti, organismi e servizi anche del privato sociale del territorio, interessati alla condizione giovanile.


50 Inoltre, il Centro svolge, quale nodo di rete, compiti di gestione di banche dati proprie, provinciali o regionali e di progettazione di interventi, anche ai fini della utilizzazione dei contributi regionali in un’ottica di gestione dei servizi in forma associata, di raccordo e di coordinamento dei Punti InformaGiovani appartenenti allo stesso ambito territoriale. Il Centro svolge tutte le attività coordinandosi con l’Agenzia e la Regione e fornendone tutti i dati e le informazioni necessarie in un sistema integrato. Il Centro attiva un Comitato Distrettuale di Coordinamento delle Politiche Giovanili (ai sensi della Delibera di Giunta Regionale n. 1805 del 11/12/2010) con compiti di concertazione per la programmazione e il monitoraggio delle azioni di politiche giovanili e dei prodotti offerti, costituito dal Responsabile Amministrativo e dal Responsabile del Centro nodo di rete che lo presiede, dai Responsabili Amministrativi e dai Responsabili dei Punti dell’ambito territoriale di rete e dai Coordinatori dei Forum della Gioventù dei Comuni di riferimento della rete. I Comitati sono organi tecnico – amministrativi e motori della programmazione territoriale di politiche giovanili e trattandosi di una progettualità tesa a favorire e promuovere il protagonismo consapevole dei giovani è indispensabile che questi siano coinvolti direttamente nella progettazione, attuazione e svolgimento delle singole azioni. Il Punto InformaGiovani svolge le seguenti funzioni: • diffusione delle informazioni; • individuazione dei bisogni informativi;


51 • attività di comunicazione e di gestione delle relazioni; • consulenza e orientamento; • partecipazione e raccordo con il Centro alla progettazione anche ai fini della utilizzazione dei contributi regionali; • censimento dell’utenza giovanile attraverso la “citizen analysis” ed inserimento dati; • gestione delle banche dati proprie, provinciali o regionali. Il Punto, quale articolazione territoriale del Sistema Informativo Regionale Giovanile di prossimità ai giovani cittadini, rappresenta la struttura strategica sia per la diffusione e la conoscenza dei servizi offerti dal PIG e dall’intera rete distrettuale di cui è parte, sia per la realizzazione dell’obiettivo di partecipazione giovanile consapevole quale antenna informativa strettamente locale. Infine, il Punto realizza tutte le attività coordinandosi con il Centro, l’Agenzia e la Regione e fornendone tutti i dati e le informazioni necessarie in un sistema integrato della condivisione della conoscenza. Attualmente la Rete provinciale dei Servizi InformaGiovani gestita dall’ASIG della Provincia di Avellino è composta da sei Centri InformaGiovani: • Ariano Irpino – Distretto n. 1; • Atripalda – Distretto n. 2; • Mercogliano ( sostituisce Avellino) – Distretto n. 3; • Grottolella (sostituisce Cervinara) – Distretto n. 4;


52 • Lioni (sostituisce Sant’Angelo dei Lombardi) – Distretto n. 6; • Quindici – Distretto n. 30. AGENZIA SERVIZI INFORMAGIOVANI – PROVINCIA DI AVELLINO Responsabile: dott. Roberto Pastena Indirizzo: C.so Vittorio Emanuele,44 (piano terra – lato sinistro) Tel. 0825.790423 – Fax 0825.793042 e-mail: informagiovani@provincia.avellino.it – sito web: www.giovaniprovincia.avellino.it Orari: mattina: ore 9:00 – 13:30 da Lunedì a Venerdì pomeriggio: ore 15:00 – 17:30 solo Martedì e Giovedì


I Centri e i Punti InformaGiovani in provincia di Avellino


Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 1

D

55

al 13 maggio 1995 presso il Palazzo degli Uffici di Via Tribunali, nell’ambito dellee Politiche Sociali del Comune di Ariano Irpino, è operativo il Centro Informa-Giovani presso il quale sono disponibili informazioni sulle opportunità offerte sia in ambito pubblico che privato e sulle varie aree di interesse giovanile. Il Centro dalla nascita è oggi una realtà affermata all’interno della Rete Servizi InformaGiovani della provincia di Avellino dopo aver dimostrato di superare alcune criticità di tipo gestionale e di coordinamento. Esso ogni giorno informa, consiglia, suggerisce migliaia di informazioni ad un pubblico di utenti in continua crescita. Oggi il CIG è in C.so Europa, in una sede più grande ed accogliente per continuare secondo i migliori livelli di qualità la sua missione. I Centri InformaGiovani sono servizi, dove sono disponibili informazioni sulle opportunità (di cui spesso si sa poco o nulla) offerte sia in ambito pubblico che privato e sui vari argomenti di interesse per i giovani. Presso il Centro di Ariano i giovani hanno la possibilità di: • consultare dossier contenenti la documentazione, nonché guide, libri, riviste, giornali; • visionare le bacheche (concorsi, borse di studio, lavoro, corsi professionali, appuntamenti culturali, attività di vario genere...) aggiornate quotidianamente; • richiedere le schede orientative sugli argomenti di maggior interesse; • prelevare depliant, opuscoli e programmi messi in distribuzione; • affiggere annunci nelle bacheche (ricerca di lavoro e casa, offro -compro, scambio, vendo oggetti vari,


56 musica, viaggi); • collegarsi ad internet tramite le postazioni free; • è possibile interrogare le Banche Dati Giovani direttamente o tramite l'operatore ottenendo la stampa delle informazioni cercate. • interrogare direttamente l'operatore: Il colloquio diretto tra l'operatore e i giovani rappresenta la modalità più significativa, il metodo più sicuro che permette di interpretare correttamente la domanda, ed eventualmente di approfondire la richiesta. L'informazione disponibile presso i Centri InformaGiovani è: gratuita, pluralista, completa, affidabile. La documentazione è organizzata in nove settori: istruzione, professioni, educazione permanente, lavoro, vita sociale, tempo libero e cultura, vacanze, estero e sport: CENTRO INFORMAGIOVANI DI ARIANO IRPINO Indirizzo: corso Europa, 83031 Ariano Irpino (AV) Apertura: Lunedì – Martedì - Giovedì dalle 15:00 alle 19.00 e Mercoledì e Venerdì dalle 09:00 alle 13:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.3 personal computer, n.1 stampante, n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; scheda-


57 tura dell’utenza con Citizen Analisys; produce un proprio bollettino informativo Tel.: 0825. 875339 - Fax: 0825. 875339 Email: info@cigariano.it - Web: www.cigariano.it Responsabile Amministrativo: Virginio Greco (recapiti: 0825. 875310)

I PUNTI INFORMAGIOVANI COMUNALI La rete del Distretto n. 1 è composta da 18 Punti InformaGiovani presso i rispettivi Comuni, alcuni dei quali in fase di riattivazione. Di seguito riportiamo l’elenco di tutti i Punti InformaGiovani con gli indirizzi e-mail dei referenti politici. Per qualsiasi informazione è possibile contattare il Consorzio Proteus che gestisce, in convenzione con il Centro InformaGiovani del Comune di Ariano Irpino, l’intero ambito distrettuale. PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di BONITO In fase di attivazione Referente Politico: David Ardito email: david.ardito@gmail.com


58 PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di CASALBORE In fase di attivazione Referente Politico: Paolo Gambarota email: paologambarota@tele2.it PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di FLUMERI In fase di attivazione email: informaflumeri@libero.it; poliziamunflumeri@libero.it PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di FONTANAROSA In fase di attivazione PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di GRECI In fase di attivazione email: comunedigreci@libero.it PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di GROTTAMINARDA Attivo Referente Politico: Jordy De Luca email: jordydeluca@libero.it


59 PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di LUOGOSANO In fase di attivazione PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MELITO IRPINO Attivo Orari: Martedì e Giovedì dalle 09:00 alle 13:00 Tel: 0825.472835 - 42 Email: segreteria@comune.melitoirpino.av.it Operatore: Giuseppe Lo Conte; Matilde Freda Responsabile Amministrativo: Anna Maria Spinazzola PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MIRABELLA ECLANO Attivo Referente Politico: Antonio Sirignano email: informamirabella@libero.it PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MONTAGUTO In fase di attivazione


60 PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MONTECALVO IRPINO Attivo Referente Politico: Franco Aramani email: uffici.comune.montecalvoirpino.av.it PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SANT’ANGELO ALL’ESCA Attivo Referente Politico: Vincenzo Penta email: vincenzopenta@libero.it PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SAVIGNANO IRPINO In fase di attivazione email: savignano.pf@libero.it PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di STURNO In fase di attivazione email: protocollo@comune.sturno.av.it PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di TAURASI In fase di attivazione email: comune.taurasi@libero.it


61 PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di VILLANOVA DEL BATTISTA In fase di attivazione PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di ZUNGOLI In fase di attivazione email: info@comunezungoli.it


Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 2

63

a Rete del Distretto n. 2 si articola in 20 Punti InformaGiovani Comunali coordinati dal Centro InformaGiovani del Comune di Atripalda, quale comune sede del Distretto Scolastico. I 20 Punti InformaGiovani sono isituiti nei seguenti Comuni: Aiello del Sabato, Candida, Cesinali, Manocalzati, Montefalcione, Montefusco, Montemiletto, Montoro Superiore, Montoro Inferiore, Pietradefusi, Prata Principato Ultra, Pratola Serra, Salza Irpina, San Michele di Serino, Santa Paolina, San Potito Ultra, Santo Stefano del Sole, Solofra, Sorbo Serpico, Venticano.

L

Il CENTRO INFORMAGIOVANI DI ATRIPALDA Il Servizio InformaGiovani del Comune di Atripalda fu istituito nel 1995 dall’Amministrazione Comunale - Assessorato alle Politiche Giovanili - con l’intento di soddisfare le esigenze informative/orientamento dei giovani atripaldesi e non solo, nei campi di loro interesse (istruzione, formazione professionale, cultura, educazione permanente, lavoro, mobilità salute, vita sociale, tempo libero, vacanze, sport, etc.) aiutandoli nel percorso di transizione alla vita adulta. Dal 2001 in attuazione della legge regionale n. 14/2000, essendo comune sede del Distretto Scolastico n. 2 , ha assunto funzioni di Centro InformaGiovani diventando un punto informativo di riferimento non solo per i giovani atripaldesi, ma anche per quelli residenti nei comuni appartenenti alla rete distrettuale. La sede del Centro è collocata all’interno di un edificio storico sede di alcune importanti attività della Soprintendenza ai B.A.S.A.E. della Provincia di Avellino e Salerno; è posizionata nella piazza principale della città,


64 abitualmente luogo di ritrovo dei giovani ; è collocata a livello stradale e possiede un ingresso indipendente. Nella sede del Centro InformaGiovani di Atripalda e dei Punti InformaGiovani sono individuate aree di autoconsultazione opportunamente attrezzate con sistemi di scaffalature, bacheche, superfici di appoggio, sedie, computer, espositori di depliant ed altri materiali informativi; una zona di prima informazione orientativa attrezzata sul modello di una reception informale; una zona riservata di consulenza individuale attrezzata con scrivania. Presso il Centro di Atripalda i giovani hanno la possibilità di: • consultare dossier contenenti la documentazione, nonché guide, libri, riviste, giornali; • visionare le bacheche (concorsi, borse di studio, lavoro, corsi professionali, appuntamenti culturali, attività di vario genere...) aggiornate quotidianamente; • visionare depliant, opuscoli e programmi messi in distribuzione; • affiggere annunci nelle bacheche (ricerca di lavoro e casa, offro -compro, scambio, vendo oggetti vari, musica, viaggi); • collegarsi ad internet attraverso n. 2 postazioni in autoconsultazione o con guida dell’operatore; • consultazione di Banche Dati Giovani direttamente o tramite l'operatore ottenendo la stampa delle informazioni cercate; • colloquio diretto tra l'operatore e gli utenti. Tale modalità rappresenta il metodo più sicuro e significativo che permette di interpretare correttamente la


65 domanda, ed eventualmente di approfondire la richiesta; • incontri individuali (mensili) con rappresentanti delle Agenzie e dei Centri provinciali per il Lavoro; • incontri individuali con esperti in materia di imprenditoria giovanile e nuove forme di lavoro; con una società di servizi e consulenza con la quale è stata portata avanti un’informativa sulla L. 215 (imprenditoria femminile) e incontri fra i consulenti e gli utenti interessati; • iscrizione all’IG Net e a varie newsletter. L'informazione disponibile presso il Centro e i PIG è: gratuita, pluralista, completa, affidabile, accessibile a tutti senza nessuna discriminazione. La documentazione è organizzata in nove settori contraddistinti ognuno con un colore: istruzione, professioni, educazione permanente, lavoro, vita sociale, tempo libero e cultura, vacanze, estero e sport:. La qualità delle prestazione offerte dal servizio IG ed il livello di soddisfazione dell’utenza sono verificati sistematicamente utilizzando: a) una scheda di rilevazione per la quantificazione delle presenze giornaliere e per la verifica dell’efficacia del materiale informativo offerto; b) una scheda di rilevazione per il monitoraggio dell’evoluzione dei bisogni informativi e delle variazioni di tipologie di utenti avvenute nel corso dell’anno; c) una verifica annuale della corrispondenza tra domanda ed offerta informativa, delle esigenze degli utenti, dei supporti, dei canali e dei metodi di comunicazione adottati, verifica del rispetto dei tempi progettuali previsti per la realizzazione delle varie attività.


66 Indirizzo: Dogana dei Grani – Piazza Umberto I – 83042 Atripalda (AV) Apertura: da Lunedì a Venerdì dalle 16:00 alle 20:00 – Martedì, Giovedì e Sabato dalle 09:00 alle 13:00 Postazioni internet gratuite: n.2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.4 personal computer; n.2 stampanti; n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; produce un bollettino di informazione; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys; collaborazione con Agenzie del Lavoro del territorio; Attivazione stage e tirocini formativi con Università ed Enti di Formazione. Tel.: 0825. 610320 - Fax: 0827. 611805 Email: cigatripalda@comune.atripalda.av.it, informagio2003@libero.it Web: http://www.comune.atripalda.av.it Responsabile Tecnico: Roberto Angiuoli Responsabile Amministrativo: Iolanda Giovino (recapiti: 0825. 615302 – poligio@comune.atripalda.av.it)

I PUNTI INFORMAGIOVANI COMUNALI PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di AIELLO DEL SABATO Indirizzo: via Mancini, n. 46 – 83020 Aiello del Sabato (AV) Apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle 17:00 alle 19:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL


67 Dotazioni informatiche: n.1 personal computer; n.1 stampante; n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea; produce un proprio bollettino di informazione Fax: 0825. 666559 Email: informagiovani@comune.aiellodelsabato.av.it Web: http://www.comune.aiellodelsabato.av.it (pagina dedicata) Responsabile Amministrativo: Rosanna Piemonte (recapiti: 0825 666041 int.4) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di CANDIDA Indirizzo: via Fontanelle, n. 7 – 83040 Candida (AV) Apertura: Martedì – Giovedì – Sabato dalle 09:00 alle 12:00 Postazioni internet gratuite: n. 1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n. 1 personal computer; n. 1 stampante; n. 1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 981024 - Fax: 0825. 981839 Email: c.comunedicandida@tin.it Web: http://www.comune.candida.av.it


68 Operatore: Rosa Piccolo Responsabile Amministrativo: Ubaldo Della Porta PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di CESINALI Indirizzo: via Provinciale – 83020 Cesinali (AV) Apertura: Lunedì dalle 09:00 alle 13:00 – Martedì e Venerdì dalle 16:00 alle 19:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.3 personal computer; n.1 stampante; n.1 fotocopiatrice; n.1 postazione videoconferenza, n. 1 espositore Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 666289 - Fax: 0825. 666289 Email: comunecesinali@libero.it Web: http://www.comune.cesinali.av.it Operatore: Sabino Matarazzo Responsabile Amministrativo: Sabino Matarazzo PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MANOCALZATI Indirizzo: via Umbero I° – 83030 Manocalzati (AV)


69 Apertura: Lunedì dalle 16:30 alle 18:30, Mercoledì dalle 10:00 alle 13:00 e Venerdì dalle 16:00 alle 20:00 Postazioni internet gratuite: n.4 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.5 personal computer; n.1 stampante; n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analysis Tel.: 0825. 675027 - Fax: 0825. 675027 Web: http://www.comunedimanocalzati.it (pagina dedicata) Operatore: Sabino Zara (zara sabino@libero.it) Responsabile Amministrativo: Nicola Sarno (recapiti: 0825. 675031) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MONTEFALCIONE Indirizzo: via Cardinal dell’Olio, n. 7 – 83030 Montefalcione (AV) Apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle 08:30 alle 13:30, Martedì e Giovedì dalle 16:00 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n.2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.2 personal computer; n.2 stampanti Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analysis Tel.: 0825. 973021 - 973275 - Fax: 0825. 973780 Email: pigmontefalcione@comunemontefalcione.it


70 Web: http://www.comune.montefalcione.av.it Operatore: Michelina Cocozziello Responsabile Amministrativo: Mario Martignetti (recapiti: rag.martignetti@comunemontefalcione.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MONTEFUSCO Indirizzo: Largo Castello – 83030 Montefusco (AV) Apertura: Lunedì e Mercoledì dalle 08:30 alle 13:30 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.1 personal computer; n.1 stampanti, n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 964003 - Fax: 0825. 964643 Web: http://www.comune.montefusco.av.it (pagina dedicata) Responsabile Amministrativo: Maria Luigia Iacobellis (recapiti: iacobellismari@tiscali.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MONTORO INFERIORE Indirizzo: via Maggiore Vincenzo Citro – 83025 Montoro Inferiore (AV) Apertura: Lunedì e Mercoledì dalle 09:00 alle 14:00 – Lunedì dalle 15:00 alle 18:30


71 Postazioni internet gratuite: n.4 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.4 personal computer Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 503513 - Fax: 0825. 503770 - 502747 Web: http://www.comune.montoroinferiore.av.it Operatore: Adelaide Caliano Responsabile: Alfonso De Vita (recapiti: 0825.502984 - ragioneria@mi.av.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di PIETRADEFUSI Indirizzo: Piazza Municipio, n. 1 – 83030 Pietradefusi (AV) Apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle 08:00 alle 14:00, il Martedì e Giovedì dalle 15:30 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n.2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.4 personal computer Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 962090 - Fax: 0825. 962445 Email: pigpietradefusi@libero.it


72 Web: http://www.comune.pietradefusi.av.it Operatore / Responsabile: Carlo Viscosi PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SALZA IRPINA Indirizzo: via Banda Di Luccaro c/o Comune – 83050 Salza Irpina (AV) Apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 13:00 Postazioni internet gratuite: n. 2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n. 2 personal computer Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel./Fax: 0825. 981175 Email: pigsalzairpina@gmail.com Operatore: Domenico Buonaugurio Responsabile: Gaspare Maggio PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SAN MICHELE DI SERINO Indirizzo: via Stella – 83020 San Michele di Serino (AV) Apertura: Martedì, Giovedì e Sabato dalle 16:00 alle 20:00 Postazioni internet gratuite: n. 1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n. 1 personal computer, n. 1 stampante


73 Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 590902 - Fax: 0825. 595658 Email: infogiosanmichele@libero.it - Web: http://www.comune.sanmichelediserino.av.it Operatore: Assunta Gambale Responsabile: Anna Rapolla (recapiti: segreteria@comune.sanmichelediserino.av.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SAN POTITO ULTRA Indirizzo: Piazza Barone Amatucci, n.18 – 83050 San Potito Ultra (AV) Apertura: dal Lunedì al Sabato dalle 08:30 alle 13:30 - Martedì e Giovedì dalle 16:30 alle 18:30 Postazioni internet gratuite: n.2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.3 personal computer, n.2 stampanti, n.2 fotocopiatrici Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 981005 - Fax: 0825. 981072 Email: pigsanpotitoultra@libero.it Web: http://www.comune.sanpotitoultra.av.it (pagina dedicata) Operatore / Responsabile: Domenico Giannetta


74 PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SANTA PAOLINA Indirizzo: via Fontana, n.5 – 83030 Santa Paolina (AV) Apertura: Martedì - Giovedì dalle 16:00 alle 19:00 e Venerdì dalle 09:00 alle 12:30 Postazioni internet gratuite: n. 2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.2 personal computer, n.1 stampante, n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 964076 - Fax: 0825. 964109 Email: giovanisantapaolina@yahoo.it Web: http://www.comunesantapaolina.it Operatore: volontari in Servizio Civile Nazionale Responsabile Amministrativo: Beniamino Iorio (recapiti: segreteria.santapaolina@asmepec.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SANTO STEFANO DEL SOLE Indirizzo: via Cacanigro – 83050 Santo Stefano del Sole (AV) Apertura: dal Lunedì al Sabato dalle 09:00 alle 14:00 Postazioni internet gratuite: n.3 con collegamento ADSL


75 Dotazioni informatiche: n.3 personal computer, n.1 stampante, n.1 fotocopiatrice, n.1 scanner Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 673485 - Fax: 0825. 673485 Web: http://www.comune.santostefanodelsole.av.it Operatore / Responsabile: Ruggiero Restaino (recapiti: 0825. 673053) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SOLOFRA Indirizzo: Piazza San Michele, n. 5 – 83029 Solofra (AV) Apertura: in fase di organizzazione Dotazioni informatiche: n. 1 personal computer, n. 1 stampante, n. 1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 582428 - Fax: 0825. 582437 Email: infogiosanmichele@libero.it - Web: http://www.comune.solofra.av.it Responsabile: Nadia Curci PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SORBO SERPICO Indirizzo: via Vincenzo Pennetti, n. 2 – 83050 Sorbo Serpico (AV) Apertura: Lunedì – Mercoledì – Venerdì dalle 08:00 alle 13:00 e Martedì – Giovedì dalle 15:00 alle 18:00


76 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.1 personal computer, n.1 stampante Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 981053 - Fax: 0825. 986516 Web: http://www.comunedisorboserpico.it Operatore / Responsabile: Luigi Lombardi (recapiti: comunedisorboserpico@virgilio.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di VENTICANO Indirizzo: Piazza A. Velardi, n. 7 – 83030 Venticano (AV) Apertura: Lunedì – Mercoledì – Venerdì dalle 08:00 alle 13:00 e Martedì – Giovedì dalle 15:00 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n. 1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n. 1 personal computer, n. 1 stampante Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0825. 965033 - Fax: 0825. 965380 Email: infgiovani.venticano@libero.it – info@forumgiovaniventicano.it Web: www.comune.venticano.av.it (pagina dedicata) – www.forumgiovaniventicano.it


77 NOTA: Non sono disponibili i dati relativi ai Punti InformaGiovani dei Comuni di Montemiletto, Montoro Superiore, Prata Principato Ultra, Pratola Serra.


Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 3

79

a Rete del Distretto n. 3 si articola in 3 Punti InformaGiovani Comunali coordinati dal Centro InformaGiovani del Comune di Mercogliano che svolge le funzioni di nodo di Rete. I 3 PIG sono istituiti presso i seguenti Comuni: Contrada, Forino Monteforte Irpino.

L

IL CENTRO INFORMAGIOVANI DI MERCOGLIANO Le funzioni di Ente Capofila del Distretto n. 3, ai sensi della L.R. 14/2000, spetterebbero al Comune di Avellino. In seguito ad alcuni problemi di funzionamento della Rete e considerata l’esigenza di garantire la qualità del servizio e l’efficienza/efficacia delle attività di coordinamento territoriale, la Regione Campania ha realizzato una serie di incontri di concertazione locale. Sentite le parti ed ascoltate le esigenze del territorio, è stato raggiunto un accordo: la funzione di Centro spetta al Servizio InformaGiovani che dimostri di essere in possesso di una serie parametri di qualità codificati dalla Regione, i cosiddetti standard di qualità. A tutt’oggi l’unico Servizio che rispetta gli standard previsti per lo svolgimento delle funzioni di nodo di rete del Distretto è quello del Comune di Mercogliano, che è, quindi, sede del Centro InformaGiovani del Distretto n. 3. L’attività del Centro di Mercogliano è stata, sin dall’inizio, improntata alla predisposizione di un sistema di azioni di animazione locale che possa dare ai giovani la possibilità di esprimersi liberamente e di agire sui problemi che li riguardano, promuovendo iniziative pubbliche, convegni, dibattiti, favorendo tutte le forme di aggregazione e di partecipazione giovanile e promuovendo un forte e consapevole spirito di cittadinanza attiva.


80 I settori informativi fondamentali del Centro riguardano, principalmente, seminari ed incontri su svariate tematiche, quali imprenditoria giovanile, organizzazione d’impresa, vita sociale e salute, attività culturali e tempo libero, musica, sport, cinema, promozioni artistiche individuali e di gruppo, eventi storici locali e servizi per il cittadino. Oltre a tali settori informativi, una particolare attenzione viene rivolta alla legislazione regionale, nazionale ed europea, ai concorsi nazionali ed europei, all’autoimprenditorialità, ai finanziamenti rivolti agli enti locali per meglio rispondere ai bisogni informativi rilevati e debitamente raccolti dal servizio. Indirizzo: Centro Sociale “P. Campanello” – via Nazionale, n. 220 – 83013 Torrette di Mercogliano (AV) Apertura: Lunedì dalle 15:00 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n.10 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.10 personal computer; n.8 stampanti; n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel.: 0825. 689818 – 682501 - Fax: 0825. 682501 Email: informagiovani@comunemercogliano.it Web: http://www.comunemercogliano.it (pagina dedicata) Responsabile Tecnico: Maria Vacca Responsabile Amministrativo: Ettore Limone (recapiti: 0825. 689823)


81 I PUNTI INFORMAGIOVANI COMUNALI PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di FORINO Indirizzo: Piazza Municipio – 83020 Forino (AV) Apertura: Martedì dalle 15:30 alle 18:30 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.1 personal computer Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel.: 0825. 761228 - Fax: 0825. 762592 Email: info@comuneforino.av.it - Web: http://www.comune.forino.av.it Operatore: Debora Savella Responsabile Amministrativo: Antonio Califano (recapiti: 0825.761228) NOTA: Non sono disponibili i dati relativi ai Punti InformaGiovani dei Comuni di Monteforte e Contrada.


Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 4

I

83

l Distretto n. 4 ha vissuto un’intensa fase di concertazione territoriale in seguito ad una serie di problematiche gestionali e di coordinamento fatte rilevare dai comuni. Dopo un anno di criticità e di consultazioni con il Settore Politiche Giovanili della Regione Campania, la Rete è stata riattivata nel 2009 con sostanziali modifiche rispetto a quanto previsto dalla L.R. n. 14/2000. Evoluzioni tutt’ora in corso, nel tentativo di ripristinare tutti i Punti InformaGiovani previsti per il Distretto e di rispettare gli standard previsti dalla Regione Campania. Attualmente la Rete è costituita da: Comune di Grottolella, con funzioni di Centro InformaGiovani, Comune di Capriglia Irpina e Comune di Pannarano con funzione di Punto InformaGiovani. In seguito alla programmazione del nuovo intervento di politiche giovanili per l’annualità 2010 – Piano Territoriale delle Politiche Giovanili (PTG) si è avviato il percorso per l’entrata “a regime” della Rete estesa e composta dai Comuni di: Grottolella, Centro InformaGiovani, e con funzione di Punti InformaGiovani i Comuni di Altavilla Irpina, Capriglia Irpina, Cervinara, Ospedaletto D’Alpinolo, Pietrastornina, Rotondi e San Martino Valle Caudina. IL CENTRO INFORMAGIOVANI di GROTTOLELLA Il Centro InformaGiovani di Grottolella nasce in seguito alla volontà di riattivare la Rete dei Servizi Ig del Distretto n. 4 a ridosso della programmazione dei fondi 2008 degli interventi di politiche giovanili della Regione Campania sostituendo Cervinara, Comune Capofila del Distretto.


84 Esso è stato istituito con Delibera di Consiglio Comunale del 18 Marzo 2009 in convezione con i Comuni di Capriglia Irpina e Pannarano. Il servizio è in gestione e collaborazione con l’associazione SannioIrpina LAB regolarmente iscritta all’albo regionale delle associazioni giovanili L.R. 14/89 art. 5. A seguito dell’approvazione e del finanziamento del progetto, esso ha attivato una serie di servizi specifici per l’utenza volti a diffondere le opportunità offerte ai giovani, studenti e non, ed alle imprese circa i Tirocini Formativi e l’Apprendistato Professionalizzante. In particolare, esso fornisce un valido supporto nella compilazione di Curriculum Vitae e nelle attività di ricerca sul mercato del lavoro. Inoltre, è fortemente sostenuto lo spirito imprenditoriale dei giovani che vengono guidati ed accompagnati all’accesso di contributi pubblici per l’avvio attività imprenditoriale, quali bandi relativi alla Microimpresa, Lavoro Autonomo, Franchising. Gli sportelli offrono un servizio di orientamento per gli studenti e utenti in cerca di prima occupazione. Il servizio viene anche gestito tramite uno sportello telematico sul portale web “Servizio I.G.” raggiungibile all’indirizzo http://www.progettoinformagiovani.info in modo tale da poter dare supporto ed informazioni in qualsiasi momento. L’obiettivo è, dunque, quello di fornire un valore aggiunto, attraverso l'erogazione di informazioni relative alle opportunità lavorative ed imprenditoriali che sono presenti sul territorio; si tratta, infatti, di un'opportunità di crescita che, coinvolgendo le nuove generazioni, apporterà indubbi benefici all'intero territorio.


85 Come si è già detto, Il servizio per l’anno 2010 si è ampliato ai Comuni di Altavilla Irpina, Pietrastornina, Rotondi, Cervinara, Ospedaletto d’Alpinolo, San Martino Valle Caudina, Capriglia Irpina. Indirizzo: Piazza Municipio, 1 - 83010 Grottolella (AV) Apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle 08:30 alle 13:30 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento tramite porta USB Dotazioni informatiche: n.1 personal computer; n.1 stampante Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys; consulenza per la creazione d’impresa attraverso il progetto “Impresa Giovane” Tel.: 0825. 671017 - Fax: 0827. 671942 Email: ig-grottolella@libero.it - Web: http://www.progettoinformagiovani.info Responsabile Struttura: Giuseppina Tropeano Responsabile Amministrativo: Nadia Della Monica (recapiti: 0825. 671017)

I PUNTI INFORMAGIOVANI COMUNALI PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di CAPRIGLIA IRPINA Indirizzo: Piazza san Felice – frazione San Felice - 83010 Capriglia Irpina (AV) Apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle 08:30 alle 13:30 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento tramite porta USB


86 Dotazioni informatiche: n.1 notebook Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys; consulenza per la creazione d’impresa attraverso il progetto “Impresa Giovane” Tel.: 388. 1158677 - Fax: 0825. 702488 Email: ig-caprigliairpina@libero.it - Web: http://www.progettoinformagiovani.info Referente: Associazione SannioIrpiniaLab Responsabile Amministrativo: Gemma Festa (recapiti: 0825. 702001) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di PANNARANO Indirizzo: Piazza Municipio - 82017 Pannarano (BN) Apertura: Giovedì dalle 15:00 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n.5 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.1personal computer; n.1 stampante; n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys; consulenza per la creazione d’impresa attraverso il progetto “Impresa Giovane” Tel.: 0824. 830003 - Fax: 0824. 830270 Email: ig-pannarano@libero.it - Web: http://www.progettoinformagiovani.info Operatore: Carmelo Padovano Responsabile Amministrativo: Alessandra Balletta (info@comunepannarano.it)


87 NOTA: Con l'avvio delle azioni presentate dalla Rete all'interno del Piano Territoriale delle Politiche Giovanili (PTG) il Centro di Grottolella ha avviato le attività per il pieno funzionamento dei Punti InformaGiovani di Altavilla Irpina, Capriglia Irpina, Cervinara, Ospedaletto D’Alpinolo, Pietrastornina, Rotondi e San Martino Valle Caudina.


Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 5

A

89

i sensi della L.R. n.14/2000 il ruolo di CentroInformaGiovani della Rete n. 5 spetta al Comune sede del Distretto Scolastico, vale a dire il Comune di Lacedonia che, effettivamente, ha istituito e gestito il Centro per qualche anno. In seguito, la Rete ha vissuto una serie di problematiche relative al coordinamento dei Punti e per tale motivo, la Regione Campania di concerto con l’ASIG ha tenuto una serie di incontri territoriali per trovare un accordo che garantisse l’efficienza della Rete ed il rispetto degli standard di qualità. Per tali motivi, la funzione di Centro non è stata più svolta dal Comune di Lacedonia ma dal Comune di Carife. Attualmente, col sopraggiungere di nuovi elementi di criticità, la Rete ha tentato una propria riorganizzazione interna in vista della presentazione del Piano Territoriale delle Politiche Giovanili. Tuttavia, ad oggi, all’Agenzia Provinciale dei Servizi InformaGiovani la Rete dei Servizi IG del Distretto n. 5 non risulta attiva.


Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 6

91

L

a Rete del Distretto n. 6 si articola in 16 Punti InformaGiovani Comunali coordinati dal Centro InformaGiovani del Comune di Lioni che svolge le funzioni di Ente capofila. I 16 Punti InformaGiovani sono istituiti ed attivi nei seguenti Comuni: Bagnoli Irpino, Caposele, Cassano Irpino, Castelfranci, Conza della Campania, Frigento, Guardia dei Lombardi, Montella, Morra de Sanctis, Nusco, Paternopoli, Rocca San Felice, Sant’Angelo dei Lombardi, Senerchia, Teora, Villamaina. IL CENTRO INFORMAGIOVANI DI LIONI La Rete del Distretto n. 6 si è caratterizzata per una forte vivacità organizzativa sul territorio nell’implementazione della Legge regionale n. 14/2000. Secondo quanto previsto dal dettato legislativo, in un primo momento la Rete si era organizzata attorno al Comune Capofila del Distretto Scolastico, Sant’Angelo dei Lombardi che, con funzioni di Centro InformaGiovani, era riuscito ad istituire 13 Punti InformaGiovani. Tra questi, il Punto InformaGiovani di Lioni, che già prima della Legge Regionale si era dotato di un proprio servizio InformaGiovani. In seguito alla entrata in vigore della Legge, il Comune di Lioni entra a far parte della Rete distrettuale riconoscendo il Comune


92 di Sant’Angelo dei Lombardi quale Ente capofila. Nel 2008 il Distretto vive una serie di difficoltà, legate sia a motivi di tipo logistico – organizzativo che a rapporti interni al distretto stesso. La Regione e la Provincia iniziano, quindi, a tenere una serie di incontri di concertazione territoriale per cercare un accordo formale e soprattutto il rilancio di una tra le Reti più efficienti in Campania. Il Settore Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù della Regione Campania decreta la sostituzione del Comune di Lioni, quale Ente Capofila del Distretto n. 6, al posto del Comune di Sant’Angelo dei Lombardi sino a quando quest’ultimo non realizzerà le condizioni istituzionali, organizzative e funzionali per esercitare nuovamente le funzioni di nodo di Rete. Il Centro InformaGiovani di Lioni è stato quindi inserito nella struttura amministrativa del Comune di Lioni permettendo di dare maggiore qualità ed efficienza alla Rete che è stata ampliata. Attualmente il Distretto n. 6 è composto da 16 Punti InformaGiovani. La convenzione in essere tra comuni ed Ente Capofila è stata rafforzata dalla sottoscrizione di un Accordo di programma quadro per la gestione associata del Piano Territoriale delle Politiche Giovanili, lo strumento sperimentale di programmazione degli interventi di informazione e partecipazione previsto dalla nuova pianificazione regionale.


93 Il Centro InformaGiovani di Lioni si è distinto da subito nel panorama provinciale per gli ampi orari di apertura, l’informalità degli spazi di accoglienza e l’attenzione ai diritti del mondo giovanile grazie anche alla sua collocazione all’interno di una struttura multi servizi, in cui la sede dell’IG è contigua a quella del Forum della Gioventù Comunale ed a una serie di associazioni locali. Il CIG di Lioni offre i seguenti servizi: • informazioni su istruzione e formazione – professioni e lavoro – volontariato ed associazionismo – ambiente e salute – studio e lavoro all’estero – immigrazione; • supporto per reperire indirizzi di enti – per associazioni che operano a livello locale; • consultazione banche dati locali; • accesso a una postazione internet gratuita; • supporto alla compilazione del curriculum vitae ed inserimento curriculare; • orientamento e consulenza individuali o di gruppo; • partecipazione a proposte formative di base.


94 Indirizzo: Edificio Plurisuso “Sandro Pertini” - Viale IV Novembre – 83047 Lioni (AV) Apertura: da Lunedì a Venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.5 personal computer; n.3 stampanti; n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; produce un bollettino di informazione; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel. / Fax: 0827. 270017 Email: informagiovanilioni@gmail.com - Web: http://www.informagiovanilioni.it Responsabile Tecnico: Antonio Perna Responsabile Amministrativo: Elvira Napolitano (recapiti: 0827.42025)

I PUNTI INFORMAGIOVANI COMUNALI PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di BAGNOLI IRPINO Indirizzo: via Garibaldi, n. 35 - 83043 Bagnoli Irpino (AV) Apertura: da Lunedì a Venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e Martedì e Giovedì dalle ore 16:00 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n.2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.2 personal computer; n.1 stampante multifunzione


95 Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea. Tel. / Fax: 0827. 62317 Email: giovani info@tiscali.it - Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Carlo De Simone Responsabile Amministrativo: Raffaele Alfonso Patrone (recapiti: 0827.62003 - affgenerali@bagnoli-laceno.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di CAPOSELE Indirizzo: Piazza Sanità c/o CE.AG.G. - 83040 Caposele (AV) Apertura: Venerdì e Sabato dalle 15:30 alle 18:30 Postazioni internet gratuite: n.3 senza collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.3 personal computer; n.1 stampante, n.1 bacheca Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; nessuna schedatura dell’utenza Tel.: 0827. 53024 - Fax: 0827. 53384 Email: affgen@comune.caposele.av.it Web: http://www.informagiovanilioni.it Responsabile Amministrativo: Gerardo Melillo


96 PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di CASSANO IRPINO Indirizzo: via Croce - 83040 Cassano Irpino (AV) Apertura: Mercoledì dalle15:00 alle 18:00, Sabato dalle 15:00 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.1 personal computer; n.1 stampante, n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel. / Fax: 0827. 66146 Email: informagiovani@comunecassanoirpino.it - Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Zenia Gambale Responsabile Amministrativo: Olga Gazerro (recapiti: 0827.66146) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di CASTELFRANCI Indirizzo: via Capogiardino - 83040 Castelfranci (AV) Apertura: Lunedì - Giovedì - Sabato dalle 08:00 alle 13:00 e Martedì – Mercoledì dalle 08:00 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.7 personal computer; n.1 stampante, n.1 scanner


97 Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel.: 0827. 72005 Email: info@comune.castelfranci.av.it - Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Michela De Marco Responsabile Amministrativo: Bruno Ricciardi (recapiti: brunoricciardi@comune.castelfranci.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di CONZA DELLA CAMPANIA Indirizzo: c.so XXIII Novembre 1980, n. 10/ - 83040 Conza della Campania (AV) Apertura: Lunedì e Mercoledì dalle17:30 alle 20:00, Sabato e Domenica dalle 10:00 alle 13:00 Postazioni internet gratuite: n.3 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.4 personal computer; n.2 stampanti, n.1 fotocopiatrice, n.1 scanner, n.2 bacheche, n.3 espositori informativi Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel. / Fax: 0827. 39519 Email: infoconza@tiscali.it - Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Michele Petrozzino Responsabile Amministrativo: Erberto Lomongiello (recapiti: posta@comuneconzadella campania.it)


98 PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di FRIGENTO Indirizzo: Palazzo De Leo, via Roma - 83040 Frigento (AV) Apertura: Martedì e Giovedì dalle16:00 alle 20:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.1 personal computer; n.1 stampante, n.1 fotocopiatrice, n.1 scanner Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel.: 0825. 444235 - Fax: 0825. 444123 Email: informag@comune.frigento.av.it Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Nino del Sole Responsabile Amministrativo: Angelo D’Addese (recapiti: 0825.444235) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di GUARDIA DEI LOMBARDI Indirizzo: Piazza Vittoria - 83040 Guardia dei Lombardi (AV) Apertura: Lunedì e Giovedì dalle15:00 alle 18:00, Martedì e Mercoledì dalle 08:00 alle 13:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.2 personal computer; n.1 stampante, n.2 fotocopiatrice, n.1 scanner, n.1


99 web cam Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel.: 0827. 41002 - Fax: 0827. 41440 Email: v_di@libero.it - Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Vita Di Leo Responsabile Amministrativo: Giuseppe Cogliano (recapiti: 0827. 41002 - segretario@comune.guardialombardi.av.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MONTELLA Indirizzo: Piazza S. Bartoli - 83048 Montella (AV) Apertura: Mercoledì e Venerdì dalle15:00 alle 18:30, Sabato dalle 15:00 alle 17:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.1 personal computer; n.1 stampante Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza cartacea Tel.: 0827. 609005 Email: biblioteca@comunemontella.it


100 Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Valeria Ceccacci Responsabile Amministrativo: Bruno Tesa (recapiti: 0827.609006 – servizi sociali@comunemontella.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MORRA DE SANCTIS Indirizzo: Vico F. De Sanctis - 83040 Morra de Sanctis (AV) Apertura: Martedì e Giovedì dalle15:00 alle 18:30, Domenica dalle 15:00 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.1 personal computer; n.1 stampante Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel.: 0827. 43580 - Fax: 0827.43081 Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Francesco Pennella Responsabile Amministrativo: Nicola De Vito (recapiti: 0827.43021 – devitonic@libero.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di NUSCO Indirizzo: Piazza S. Amato - 83051 Nusco (AV) Apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle18:30 alle 20:30, Domenica dalle 10:30 alle 12:30


101 Postazioni internet gratuite: n.4 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.5 personal computer; n.1 stampante; n.1 scanner; n.1 postazione multimediale per diversamente abili Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analisys Tel.: 0827. 64942 - Fax: 0827.64496 Email: ignusco@hotmail.com - Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Michele Di Paolo Responsabile Amministrativo: Anna Pepe (recapiti: 0827.64942 – pepeanna@live.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di PATERNOPOLI Indirizzo: Piazza Kennedy - 83052 Paternopoli (AV) Apertura: Giovedì - Venerdì – Sabato dalle 16:00 alle 20:00 Dotazioni informatiche: n.2 personal computer; n.1 stampante multifunzione; n.1 bacheca Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza assente. Tel.: 0827. 71002 - Fax: 0827. 71879 Email: servizisociali@comune.paternopoli.av.it - Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Giacinta Di Silverio Responsabile Amministrativo: Giacinta Di Silverio


102 PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di ROCCA SAN FELICE Indirizzo: Via V.M. Santoli, n. 8 - 83050 Rocca San Felice (AV) Apertura: Giovedì - Venerdì – Sabato dalle 16:00 alle 20:00 Postazioni internet gratuite: n.1 senza collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.2 personal computer; n.1 stampante multifunzione; n.1 bacheca Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza assente. Tel. / Fax: 0827. 45031 Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Giuseppe Simolo Responsabile Amministrativo: Margherita Torraca (recapiti: 0827. 45031) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SANT’ANGELO DEI LOMBARDI Indirizzo: Piazza D. Fischetti - 83054 Sant’Angelo dei Lombardi (AV) Apertura: Martedì dalle 16:00 alle 19:00, Mercoledì e Venerdì dalle 17:00 alle 19:00, Giovedì dalle 10:00 alle 13:00, Sabato dalle 10:00 alle 12:00 Postazioni internet gratuite: n.6 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.8 personal computer, n.2 stampanti, n.1 fotocopiatrice, n.4 bacheche, n.3


103 portariviste Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza Citizen Analisys Tel.: 0827. 1931000 - Fax: 0827. 23570 Email: centroinformagiovani@uni.net Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Tania Forgione Responsabile Amministrativo: Teresa Castellano (recapiti: 0827. 23094-96) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SENERCHIA In seguito alle difficoltà economiche ed alla scarsa dotazione di risorse umane interne all’amministrazione, il Comune di Senerchia ha comunicato all’ASIG la momentanea sospensione del Servizio InformaGiovani. PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di TEORA Indirizzo: Largo Europa - 83056 Teora (AV) Apertura: Martedì, Mercoledì e Venerdì dalle 09:00 alle 12:00 – Martedì e Giovedì dalle 15:00 alle 18:00 Postazioni internet gratuite: n.1 con collegamento ADSL


104 Dotazioni informatiche: n.1 personal computer, n.1 stampante, n.1 fotocopiatrice, n.5 scrivanie Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza Citizen Analisys Tel.: 0827. 51005 - Fax: 0827. 51198 Email: informagiovaniteora@tiscali.it - Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore: Rosita Preziosi Responsabile Amministrativo: Gerardo Guarino (recapiti: 0827. 51005 – comuneteora@tiscali.it) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di VILLAMAINA Indirizzo: Via Roma, n. 77 - 83050 Villamaina (AV) Apertura: Lunedì, Mercoledì e Sabato dalle 08:00 alle 14:00 - Martedì, Giovedì e Venerdì dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 16:00 alle 19:00 Postazioni internet gratuite: n.3 senza collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.3 personal computer, n.2 stampanti multifunzione, n.1 fotocopiatrice, n.1 bacheca, n.4 espositori Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza Citizen Analisys Tel.: 0827. 442083 - Fax: 0827. 442103


105 Email: biblioteca@comunedivillamaina.it Web: http://www.informagiovanilioni.it Operatore / Responsabile Amministrativo: Olimpia Giusto


Rete dei Servizi InformaGiovani del distretto n. 30

107

a Rete del Distretto n. 30 è si articola in 7 Punti InformaGiovani Comunali coordinati dal Comune di Quindici – con funzione di Centro InformaGiovani in quanto sede del Distretto Scolastico. I 7 Punti InformaGiovani sono istituiti nei seguenti Comuni: Avella, Baiano, Domicella, Marzano di Nola, Moschiano, Quadrelle, Sirignano.

L

IL CENTRO INFORMAGIOVANI DI QUINDICI Il Centro InformaGiovani di Quindici è stato tra i primi servizi di informazione giovanili istituiti in Campania. L’esperienza decennale nel campo ha permesso a responsabili ed a operatori di offrire servizi sempre più specifici per la popolazione giovanile. Il lavoro del CIG di Quindici è improntato a: offrire ai giovani del territorio delle informazioni, pubbliche e gratuite, sulle tematiche del lavoro, della formazione, della Scuola, dell'Università, del Tempo Libero, della Sanità, dello Sport e della Cultura, nonché delle opportunità per una maggiore partecipazione attiva alle attività culturali, teatrali, musicali e sportive. Esso offre i seguenti servizi: • Test Center E.C.D.L. per il conseguimento della Patente Europea al computer, livello "Core" e livello "Advanced", rilasciato dall'Associazione A.I.C.A. di Milano. • Centro Tesseramento per gli Ostelli della Gioventù dell'Associazione Internazionale A.I.G., con la possibilità di prenotazioni presso le varie strutture sia in Italia che all'estero, in tutti i periodi dell'anno; • rilascio e distribuzione, a titolo titolo gratuito, l'InformaGiovani Card, per poter usufruire di sconti


108 • • • •

presso i vari esercizi commerciali, sportivi, ricreativi e culturali, a livello provinciale e regionale. servizio, a titolo gratuito, di "Internet Point", con n°10 postazioni collegamento internet con ADSL. compilazione del curriculum vitae, in formato "Europass", il formato europeo del cv richiesto da Enti Pubblici e Società Private. colloqui informativi personalizzati, a titolo gratuito, con personale esperto sull'orientamento scolastico, universitario e nel mondo lavorativo e del settore dell'associazionismo. struttura accredita per lo svolgimento di "tirocini formativi", per gli studenti universitari delle varie Facoltà di Università campane ed italiane.

Indirizzo: Via Sant'Antonio, n 1 - 83020 Quindici (AV) Apertura: Mercoledì - Giovedì dalle 9:00 alle13:00 e Lunedì – Martedì – Giovedì – Venerdì dalle 16.00 alle 20.00 Postazioni internet gratuite: n.10 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.4 computer; n.4 stampanti; n.2 fotocopiatrici Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; Test Center per la patente europea del computer (ECDL – EQCL); Centro di tesseramento AIG; distribuzione e rilascio della carta servizi InformaGiovani Card; schedatura dell’utenza con Citizen Analysis Tel. / Fax: 081. 5102256 Email: cigquindici@libero.it - Web: http://www. distretto30informagiovani.it Responsabile Tecnico: Sebastiano Ferrentino Responsabile Amministrativo: Alberto Russo (recapiti: russo5812@libero.it)


109 I PUNTI INFORMAGIOVANI COMUNALI PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di BAIANO Indirizzo: Piazza Francesco Napolitano – 83020 Baiano (AV) Apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle 10:00 alle 13:00, Martedì e Giovedì dalle 15:30 alle 18:30 Postazioni internet gratuite: n.2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.3 personal computer; n.1 stampante, n.1 fotocopiatrice Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analysis, produce un bollettino d’informazione; possiede una Banca dati locale; Test Center per la patente europea del computer (ECDL – EQCL); Centro di tesseramento AIG; distribuzione e rilascio della carta servizi InformaGiovani Card Tel.: 081. 8243041 - Fax: 081. 8244345 Email: pigbaiano@libero.it - Web: http://www.distretto30informagiovani.it Operatore: Elvira D’Avanzo Responsabile Amministrativo: Caterina De Laurentis PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di DOMICELLA Indirizzo: P.zza Ferrante - 83020 Domicella (AV) Apertura: Martedì – Giovedì – Venerdì dalle 10:00 alle 13:00 e Martedì – Mercoledì – Venerdì dalle 15:30 alle 18:30


110 Postazioni internet gratuite: n.3 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.4 personal computer; n.1 stampante; n.1 scanner Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analysis; produce bollettini informativi; Test Center per la patente europea del computer (ECDL – EQCL); Centro di tesseramento AIG; distribuzione e rilascio della carta servizi InformaGiovani Card Tel.: 081.8254178 - Fax: 081.8253918 Email: adrianarega@hotmail.com - Web: http://www.distretto30informagiovani.it Operatore: Adriana Bartolomeo Rega Responsabile Amministrativo: Anna Damiano (recapiti: 081. 8253236) PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MARZANO DI NOLA Indirizzo: c/o Palazzo Simonelli, via San Trifone Martire - 83020 Marzano di Nola (AV) Apertura: Lunedì e Mercoledì dalle 9:00 alle 13:00 - Martedì e Giovedì dalle 16:00 alle 18:30 Postazioni internet gratuite: n. 2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n. 2 personal computer Tel.: 081 . 8255303 - Fax: 081 . 8255753 Email: dellapietrag@alice.it Web: http://www.giovanimarzano.it - http://www.distretto30informagiovani.it Operatore: Giuseppe Della Pietra Responsabile Amministrativo: dott. Trifone Greco


111 PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di MOSCHIANO Indirizzo: c/o Municipio, Piazza IV Novembre – 83020 Moschiano (AV) Apertura: Martedì – Giovedì – Venerdì dalle 10:00 alle13:00 e Martedì – Mercoledì – Venerdì dalle 16:00 alle 19:00 Postazioni internet gratuite: n.2 con collegamento ADSL Dotazioni informatiche: n.3 personal computer; n.2 stampanti, n.1 fotocopiatrice, n.1 scanner Altre informazioni utili: accesso ai locali idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analysis, produce un bollettino d’informazione; possiede una Banca dati locale; Test Center per la patente europea del computer (ECDL – EQCL); Centro di tesseramento AIG; distribuzione e rilascio della carta servizi InformaGiovani Card Tel.: 081. 8249916 - Fax: 081. 8245942 Email: inforgiovmoschiano@libero.it - Web: http://www.distretto30informagiovani.it Operatore: Autilia Aschettino Responsabile Amministrativo: Anna Damiano PUNTO INFORMAGIOVANI del COMUNE di SIRIGNANO Indirizzo: via Domenico Acierno - 83020 Bagnoli Irpino (AV) Apertura: Lunedì – Martedì dalle 17:00 alle 20:00 e Mercoledì – Giovedì – Venerdì dalle 9:30 alle 12:30 Postazioni internet gratuite: nessuna Dotazioni informatiche: n.1personal computer; n.1 stampante; n.1 fotocopiatrice


112 Altre informazioni utili: accesso ai locali non idoneo per diversamente abili; schedatura dell’utenza con Citizen Analysis; produce un bollettino d’informazione, possiede una Banca dati locale. Tel.: 081. 8257005 - Fax: 081. 8257005 Email: infogiovanisirignano@libero.it - Web: http://www.distretto30informagiovani.it Operatore: Maria Carmela Spirito Responsabile Amministrativo: Raffaele Napolitano (recapiti: 081.5111570) NOTA: Non sono disponibili i dati relativi ai Punti InformaGiovani dei Comuni di Avella e Quadrelle.


ALLEGATI


Principali riferimenti legislativi

115

EUROPA • Libro Bianco “Un nuovo Impulso per la Gioventù europea” - adottato dalla Commissione europea il 21 novembre 2001; • “Carta europea per la partecipazione dei giovani alla vita comunale e regionale”- adottata dal Congresso dei poteri locali del Consiglio d’Europa il 21 maggio 2003; • “Risoluzione del Consiglio d’Europa del 23 novembre 2003 in materia di obiettivi comuni sulla partecipazione e informazione dei giovani”; • “Carta Europea dell’Informazione della Gioventù” - adottata a Bratislava il 19 novembre 2004 dalla XV Assemblea Generale della Agenzia della Gioventù Europea – ERYCA; • “Patto europeo per la gioventù” - adottato dal Consiglio europeo del marzo 2005; • “Una strategia dell'Unione europea per investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità” Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato Economico e Sociale europeo e al Comitato delle Regioni del 27 aprile 2009; • “Un quadro rinnovato per la cooperazione europea nel campo della Gioventù (2008-2018)” - Risoluzione del Consiglio d’Europa del 27 novembre 2009; • Art. 165 Trattato di Lisbona che modifica il trattato sull'Unione europea e il trattato che istituisce la Comunità europea, firmato a Lisbona il 13 dicembre 2007 ed entrato in vigore il 1° dicembre 2009; • “Strategia dell'Unione europea per investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità” - Risoluzione del Parlamento europeo 30 marzo 2010.


116 ITALIA • D. Lgs. 18-8-2000 n. 267 “Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali” - artt. 7, 8, 21, 42, 162; • Legge n. 285 del 1997 "Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza"; • Decreto Presidente Repubblica 13 giugno 2000 “Approvazione del Piano nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva per il biennio 2000/2001”; • Decreto Legge del 18 maggio 2006 n. 181 “Disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri”; • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 giugno 2006 “Delega di funzioni del Presidente del Consiglio dei Ministri, in materia di politiche giovanili e attività sportive, al Ministro senza portafoglio On. dott.sa Giovanna Meandri”; • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 agosto 2006, “Istituzione del Dipartimento per le politiche giovanili e le attività sportive”; • Legge 4 agosto 2006, n. 248 “Disposizioni urgenti per il rilancio economico - Istituzione Fondo Nazionale per le Politiche Giovanili”; • Documento di programmazione Economica e Finanziaria per gli anni 2007-2011 - “Piano Nazionale Giovani”; • Conferenze Unificate del 14 giugno 2007 e del 29 gennaio 2008 in materia di “Accordi di Programma Quadro (APQ) con le Regioni e le Province Autonome”.


117 CAMPANIA • Legge Regionale del 25 agosto 1989 n. 14 “Istituzione del Servizio per le politiche giovanili e del forum regionale della gioventù”; • Legge Regionale del 14 aprile 2000 n. 14 “Promozione ed incentivazione dei servizi InformaGiovani ed istituzione della rete territoriale delle strutture; • Delibera di Giunta Regionale n. 1379 del 27 luglio 2007 “Quadro strategico delle politiche giovanili per la definizione dell'APQ da stipulare tra il Ministero per le Politiche giovanili e le attività sportive e la Regione Campania”; • Delibera di Giunta Regionale n. 777 del 30 aprile 2008 “Approvazione Linee Operative attuative del Quadro strategico Politiche giovanili con le relative schede tecniche da inserire nell’APQ”; • APQ delle Politiche Giovanili del 1 agosto 2008 – Intesa Dipartimento Politiche Giovanili e Attività Sportive – MISE e Regione Campania; • Decreto Dirigenziale del 15 dicembre 2008 n. 67 “Format procedurale per la realizzazione del Forum dei Giovani”; • Deliberazione Giunta Regionale n. 410 del 13 marzo 2009 “Approvazione Disegno di legge Promozione e Coordinamento delle Politiche Giovanili”. • Delibera di Giunta Regionale n. 832 del 30 aprile 2009 “Programmazione e riparto dei fondi per gli interventi di Politiche Giovanili 2009”; • Delibera di Giunta Regionale n. 1805 del 11 dicembre 2009“Programmazione Piani Territoriali di Politiche Giovanili (PTG)”;


118 • Decreto Dirigenziale n. 156 del 16 dicembre 2009 “Impegno di spesa e riparto fondi per i Piani Territoriali di Politiche Giovanili 2009 (PTG)”; • Decreto Dirigenziale n. 4 del 02 febbraio 2010 “Approvazione della modulistica per la presentazione dei Piani Territoriali di Politiche Giovanili (PTG)”. PROVINCIA • Delibera del Consiglio Provinciale n. 105 dell’11 luglio 2000 di istituzione dell’Agenzia Servizi InformaGiovani; • Delibera del Consiglio Provinciale n. 92 del 20 luglio 2005 di istituzione del Coordinamento Provinciale dei Forum della Gioventù; • Delibera del Consiglio Provinciale n. 103 del 28/06/2007 di recepimento principi e obiettivi della Carta Europea della partecipazione dei giovani alla vita comunale e regionale adottata dal congresso dei poteri locali e regionali d’Europa il 21.5.2003, del “Libro bianco della Commissione Europea: un nuovo impulso per la gioventù europea”, della Carta dell’Informazione della Gioventù Europea adottata a Bratislava (Repubblica Slovacca) il 19 novembre 2004 dalla XV Assemblea Generale della Agenzia della Gioventù Europea (ERYCA); • Delibera del Commissario Straordinario n. 23 del 03/02/2009, con i poteri del Consiglio Provinciale, recepimento principi e obiettivi, della Risoluzione del Consiglio d’Europa del 25 novembre 2003 “Obiettivi comuni sulla partecipazione e informazione dei giovani”. • Delibera di Giunta Provinciale n.78 del 12.04.2010 di istituzione del Comitato Provinciale di Coordinamento delle Politiche Giovanili; • Delibera di Giunta Provinciale n.94 del 17.05.2010 di approvazione del Piano Provinciale delle Politiche Giovanili.


Carta europea dell'informazione per la gioventù

119

Adottata a Bratislava (Slovacchia) il 19 novembre 2004 dalla 15esima Assemblea Generale dell'Agenzia europea per l'informazione e la consulenza dei giovani. (ERYICA) PREAMBOLO Nelle società complesse e nell'Europa integrata che offre molte sfide ed opportunità, l'accesso alle informazioni e la loro capacità di analisi ed utilizzo è sempre più importante per i giovani europei. Il lavoro di informazione può aiutare i giovani a realizzare le loro aspirazioni e promuovere la partecipazione in qualità di membri attivi della società. Le informazioni dovrebbero essere fornite in modo tale da ampliare le possibilità di scelta e promuovere l'autonomia e le capacità dei giovani. Il rispetto della democrazia, dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali implica il diritto per tutti i giovani di disporre di informazioni complete, oggettive, comprensibili ed affìdabili su tutte le loro richieste e bisogni. Tale diritto alle informazioni è stato riconosciuto nella Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo, nella Convenzione sui diritti del bambino, nella Convenzione europea per la protezione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, e nella Raccomandazione N° (90) 7 del Consiglio d'Europa relativa alle informazioni e alla consulenza da fornire ai giovani in Europa. Questo diritto è inoltre alla base delle attività di informazione per i giovani intraprese dall'Unione Europea. INTRODUZIONE Il lavoro di informazione generalista per i giovani abbraccia tutti i temi di loro interesse e può includere una


120 vasta gamma di attività: informazione, consulenza, suggerimento, orientamento, sostegno, accoglienza e ascolto, accompagnamento e formazione, lavoro di rete e rinvio ai servizi specializzati. Queste attività possono essere svolte dai centri d'informazione per i giovani, o attraverso i servizi d'informazione della gioventù di altre strutture, o usando mezzi elettronici ed altri media. I principi di questa Carta sono da applicare a tutte le forme di lavoro di informazione generalista per i giovani. Stabiliscono una base per standard minimi e misure di qualità che dovrebbero essere affermati in ogni paese come elementi costitutivi di un approccio completo, coerente e coordinato al lavoro di informazione per i giovani, che è una parte delle politiche giovanili. PRINCIPI I seguenti principi costituiscono le linee guida per il lavoro di informazione generalista per i giovani che mira a garantire il loro diritto all'informazione: 1. I centri e i servizi di informazione per i giovani devono essere aperti a tutti i giovani senza eccezioni. 2. I centri e i servizi di informazione per i giovani si impegnano a garantire la parità di accesso alle informazioni per tutti i giovani, qualunque sia la loro condizione, l'origine, il sesso, la religione o la classe sociale. Attenzione speciale dovrebbe essere prestata ai gruppi svantaggiati ed ai giovani con bisogni specifici. 3. I centri e i servizi di informazione per i giovani dovrebbero essere facilmente accessibili, senza necessità di appuntamento. Dovrebbero attrarre i giovani con un'atmosfera amichevole e orari di funzionamento che


121 ne soddisfìno le esigenze. 4. Le informazioni disponibili si devono basare sulle richieste dei giovani e sui loro bisogni informativi percepiti. Dovrebbero abbracciare tutti i temi di interesse per i giovani ed evolvere costantemente in modo da trattare nuovi argomenti. 5. Ogni utente deve essere rispettato come individuo e la risposta ad ogni domanda deve essere personalizzata. Tutto ciò dovrà essere fatto in modo da sviluppare le capacità degli utenti ad esercitare la loro autonomia e ampliare lo sviluppo delle loro abilità di analisi e di utilizzo delle informazioni. 6. I servizi d'informazione per i giovani devono essere gratuiti. 7. Le informazioni sono fornite in modo da rispettare la segretezza ed il diritto all'anonimato degli utenti. 8. Le informazioni sono fornite in modo professionale da personale appositamente formato. 9. Le informazioni offerte sono complete, aggiornate, precise, pratiche e di facile utilizzo. 10. Deve essere compiuto ogni sforzo possibile per assicurare l'obiettività delle informazioni fornite mediante la pluralità e la verifica delle fonti utilizzate. 11. Le informazioni fornite devono essere indipendenti da qualunque influenza di tipo religioso, politico, ideologico o commerciale. 12. I servizi e i centri di informazione per i giovani si devono impegnare a raggiungere il maggior numero possibile di giovani con modalità efficaci e appropriate a gruppi e bisogni differenti, e con creatività e attenzione all'innovazione nelle scelte di strategie, metodi e strumenti. 13. I giovani devono avere l'opportunità di partecipare, secondo modalità appropriate, alle diverse fasi del


122 lavoro di informazione per i giovani, a livello locale, regionale, nazionale ed internazionale. Queste possono includere, tra le altre: l'identificazione dei bisogni informativi, l'elaborazione e la diffusione delle informazioni, la gestione e la valutazione di servizi e progetti informativi, e le attivitĂ  tra pari. 14. I centri di informazione per i giovani devono cooperare con altri servizi e strutture per la gioventĂš, specialmente nella loro area geografica e avviare un lavoro di rete con mediatori e altri soggetti che lavorano con i giovani. 15. I servizi e i centri di informazione devono aiutare i giovani sia ad avere accesso alle informazioni fornite mediante le moderne tecnologie di informazione e comunicazione, sia a sviluppare le loro abilitĂ  di utilizzo. 16. Ogni fonte di finanziamento per il lavoro di informazione per i giovani non dovrebbe in alcun modo impedire ad un centro o servizio per i giovani l'applicazione di tutti i principi di questa Carta.


Standard di qualità delle Agenzie Servizi InformaGiovani SIRG – Regione Campania

123

PRINCIPALI ATTIVITÀ ISTITUZIONALI • Promozione, gestione ed organizzazione della rete provinciale dei Centri e Punti InformaGiovani che operano secondo standard operativi e di offerta informativa omogenei tra loro (intesi rispettivamente come banche dati e come l’insieme degli elementi organizzativi e di trattamento e gestione delle informazioni). • Rapporti e raccordi con la Regione e il Centro Risorse Regionale e le altre Agenzie servizi InformaGiovani per la partecipazione all’attività di coordinamento della rete. • Produzione di supporti informativi (archivi organizzati di informazioni) per sé e per i servizi InformaGiovani ad essa collegati sui vari campi di interesse, relativi al territorio in cui è collocata, che integrano quelli nazionali ed europei. • Rapporti con altre realtà produttrici e/o organizzatrici di informazione nei vari settori e con altri servizi similari. • Organizzazione e gestione di attività di formazione e stages per gli operatori della rete, relativa alle aree della ricerca, documentazione, e informazione-comunicazione. • Gestione di un sistema di monitoraggio e valutazione dell’efficacia- efficienza della rete informativa e di un sistema di monitoraggio dell’utenza giovanile. Presso le Agenzie e i Centri InformaGiovani deve essere, infatti, attivato un Comitato di Coordinamento delle Politiche Giovanili costituito, nelle Agenzie dal Responsabile dell’Agenzia che lo presiede, dai Responsabili Amministrativi e Tecnici dei Centri nodi di rete e dal Coordinatore del Forum provinciale. Al Comitato potrà


124 intervenire il personale regionale del SIRG ai fini di assistenza tecnica e di monitoraggio delle azioni e degli interventi e potrà essere richiesto l’intervento di componenti del Forum regionale e di Forum comunali. Il Comitato ha il compito di rendere integrate le azioni informative offerte dalle Agenzie, dai Centri e dai Punti di informazione della Provincia, di condividere e proporre azioni di miglioramento della qualità, di monitorare i servizi e l’andamento dell’azione di sistema, di concertare la programmazione e il monitoraggio delle azioni e dei prodotti offerti dalle Agenzie, dai Centri e dai Punti di informazione per la gioventù e quelle destinate ai giovani. La presenza del Comitato Provinciale di Coordinamento delle Politiche Giovanili rappresenta per la Regione un sicuro ed inderogabile standard di qualità per un azione integrata di informazione e partecipazione sul territorio. Il Comitato avrà riunioni periodiche e può esprimere proposte alla Regione in merito ad aspetti tecnici di funzionamento del SIRG. L’azione dell’Agenzia tende a rispondere alle esigenze e ai bisogni dei Centri e dei Punti del proprio territorio di riferimento fornendo servizi e supporti a tutti i bisogni informativi, verificando con continuità la corrispondenza tra domanda e offerta di informazione, le esigenze degli operatori, i canali e i metodi di comunicazione adottati. OGGETTO DEL SERVIZIO a) Attività di back – office : • funzioni di sistema ( monitoraggio e verifica uso della cityzen analisys da parte dei Centri e Punti e monitoraggio provinciale); • elaborazione dei prodotti informativi e nella divulgazione delle informazioni e delle attività di consulenza


125 (attuazione Redazione territoriale per la produzione di materiali informativi e banche dati su attività ed eventi provinciali in sinergia e collegamento con il Centro di risorse regionale e le reti distrettuali - promozione di campagne informative a livello provinciale); • individuazione delle diverse fonti, sia esterne che interne all’ente, da cui trarre le informazioni; • trattamento e predisposizione di documenti informativi da fornire ai Servizi; • realizzazione ed aggiornamento di un sito internet provinciale; • arricchimento e aggiornamento della banca dati nazionale degli InformaGiovani (Spring) con informazioni di carattere territoriale. b) Attività di front – office: • funzione di coordinamento e di integrazione con gli organismi di partecipazione (potenziamento attività di back office dell’Agenzia – sviluppo della rete - coordinamento dei Centri, Punti e Forum Giovanili con funzionamento e convocazioni bimestrali del comitato direttivo provinciale InformaGiovani e Forum - monitoraggio provinciale dello sviluppo quantitativo e qualitativo della rete con rapporto semestrale al coordinamento regionale); • supporto ai Centri e ai Punti per problemi legati all’informazione; • attività di raccordo fra attività territoriali e linee guida regionali. c) Progettazione territoriale : comprende tutte le attività di diffusione dell’informazione, promozione, sensibilizzazione, aggregazione, prevenzione, formazione, cultura, attraverso cui stabilire un profondo e significativo rapporto con la comunità


126 locale mediante : • spazi messi a disposizione per promuovere le attività di coordinamento provinciale; • stipula di Convenzioni e Protocolli di Intesa con Enti e Istituzioni pubbliche e private sovracomunali; • ideazione, progettazione e realizzazione di incontri informativi/formativi, giornate di studio, conferenze, convegni, seminari, corsi, laboratori, rassegne, rivolti a favorire la conoscenza e la diffusione dei Servizi presenti sul proprio territorio. d) Segreteria organizzativa: • gestione della corrispondenza in entrata e in uscita • gestione dell’agenda degli appuntamenti • protocollo dei documenti • ordine dei materiali d’uso • segnalazione problematiche inerenti la manutenzione SIRG e dei monitoraggi. DESTINATARI • Centri e Punti InformaGiovani del territorio provinciale – Coordinamento Provinciale dei Forum della Gioventù; • Enti ed istituzioni; • Associazioni giovanili.


127 PRINCIPI FONDAMENTALI DELL’EROGAZIONE DEL SERVIZIO a) Partecipazione I destinatari del servizio possono esercitare il loro diritto a partecipare all’erogazione dello stesso (intervenendo contestualmente nelle attività del coordinamento della rete con propri contributi atti ad arricchire le attività del sistema ). b) Continuità L’erogazione del servizio avviene di norma con continuità, regolarità e senza interruzioni nei giorni e negli orari stabiliti. Eventuali interruzioni, dovute a cause di forza maggiore, saranno comunicate ai servizi, unitamente alla motivazione dell’interruzione, di norma nei seguenti modi: • con affissioni di cartelli all’ingresso della sede dell’Agenzia; • pubblicate sul sito Internet dell’Agenzia stessa. c) Efficienza ed efficacia L’Agenzia caratterizza la propria azione organizzativa e di erogazione delle prestazioni ai principi di efficienza ed efficacia, specificando che: • per efficienza si intende la fornitura di prestazioni e servizi al massimo livello quantitativo e qualitativo rispetto alle risorse a disposizione ed ai programmi stabiliti, in termini di maggiore semplificazione, di minori adempimenti burocratici e di riduzione dei costi; • per efficacia si intende la fornitura di prestazioni e servizi al massimo livello quantitativo e qualitativo rispetto alle esigenze dei Centri, dei Punti e del Coordinamento dei Forum perseguendo la loro soddisfa-


128 zione; in questo sforzo si ricercano e si applicano i miglioramenti che consentano al servizio di essere: • corretto, garantendo la conformità alle norme; • favorevole all’utente, tenendo conto degli interessi generali della collettività; • tempestivo, in linea con le necessità e le urgenze emerse; • autoregolato, adottando gli accorgimenti che consentano di prevenire i disservizi. d) Eguaglianza ed imparzialità Gli operatori dell’Agenzia ispirano i loro comportamenti nei confronti degli utenti a criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità. e) Cortesia e disponibilità L’Agenzia si impegna a far sì che il comportamento dei propri operatori sia ispirato a presupposti di gentilezza, cortesia e disponibilità nei rapporti con gli operatori, auspicando che l’atteggiamento di questi ultimi sia improntato ad un criterio di proficua collaborazione, tale da agevolare in ogni occasione la corretta erogazione del servizio. L’Agenzia si impegna inoltre a favorire l’applicazione di tali elementi relazionali nei confronti degli operatori anche attraverso opportune e specifiche azioni formative dirette agli operatori di ogni ordine e grado. f) Chiarezza ed identificabilità Gli operatori dell’Agenzia si impegnano ad utilizzare in ogni occasione di comunicazione, sia verbale che scritta, un linguaggio adeguato ai destinatari, ponendo particolare cura alla fruibilità dei messaggi trasmessi.


129 LA PROGETTAZIONE TERRITORIALE Per progettazione territoriale di intende l’insieme delle attività di diffusione dell’informazione, promozione, sensibilizzazione, aggregazione, prevenzione, formazione, cultura, attraverso cui stabilire un profondo e significativo rapporto con la comunità locale mediante: • spazi messi a disposizione per promuovere l’aggregazione; • stipula di Convenzioni e Protocolli di Intesa con Enti e Istituzioni pubbliche e private; • ideazione, progettazione e realizzazione di incontri informativi/formativi, giornate di studio, conferenze, convegni, seminari, corsi, laboratori, rassegne, spettacoli culturali, eventi teatrali, musicali, gruppi di auto mutuo aiuto. I SERVIZI COMPLEMENTARI Segreteria organizzativa • gestione della corrispondenza in entrata e in uscita; • gestione dell’agenda degli appuntamenti; • protocollo dei documenti; • ordine dei materiali d’uso; • segnalazione problematiche inerenti la manutenzione SIRG.


130 STRUMENTI PER L’ATTUAZIONE DEI PRINCIPI FONDAMENTALI Informazioni agli operatori L’Agenzia adotta gli strumenti utili ad assicurare la piena informazione a tutti gli operatori della rete circa le modalità di prestazione dei servizi. In particolare: • fornisce, tramite gli addetti, tutte le informazioni verbali necessarie affinché i servizi possano svolgere in modo chiaro e completo ed adeguato la loro attività informativa; • informa tempestivamente gli operatori e i cittadini che ne facciano richiesta della eventuale interruzione dell’erogazione del servizio con le modalità di cui al punto 6. b). Rapporti con gli utenti Il responsabile dell’Agenzia predispone tutte le necessarie azioni formative nei confronti del personale operativo del servizio, affinché i rapporti dello stesso con gli operatori del territorio siano sempre improntati al massimo rispetto e cortesia ed il loro atteggiamento sia tale da agevolare gli stessi nell’esercizio dei diritti e nell’adempimento degli obblighi. L’Agenzia si propone di analizzare costantemente e pienamente le esigenze dei Centri, dei Punti e dei Forum e calibrare su di esse il contenuto e le modalità di erogazione del servizio. A tal fine (con la collaborazione e con l’eventuale supporto tecnico dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico), provvede annualmente a verificare la soddisfazione dei propri utenti mediante l’attivazione di un’indagine specifica. In tale occasione, è previsto che, immediatamente dopo l’erogazione del servizio, gli operatori dei centri dei Punti e dei Forum compilino


131 un questionario apposito. Alla fine dell’indagine tutti i dati delle schede vengono raccolti e statisticamente elaborati, per poi essere analizzati in un apposito Rapporto. In un momento successivo, alla fine dell’anno, il Rapporto viene inserito nella relazione annuale di verifica che viene consegnata alla Regione. Gli standard sono differenziati in: • standard strutturali: l’AGENZIA INFORMAGIOVANI garantisce agli utenti – operatori una struttura accogliente dotata di un punto di ascolto, di ampi spazi per la consultazione di materiale informativo, di un’area destinata agli incontri, di uno spazio dedicato agli eventi aggregativi e culturali nel rispetto delle norme di sicurezza. • standard organizzativi: l’AGENZIA INFORMAGIOVANI offre all’utenza un’accoglienza e una consulenza di alto profilo, garantito dall’alta professionalità degli operatori che gestiscono le domande degli operatori - utenti attraverso attività e prestazioni personalizzate e calibrate alle singole esigenze in linea con un principio di partecipazione e di collaborazione sia interna che con gli enti e i servizi competenti. Gli operatori dell’AGENZIA INFORMAGIOVANI hanno titoli di studio inerenti le mansioni svolte e seguono continui percorsi di aggiornamento e formazione individuali. • standard normativi: tutte le attività svolte dell’AGENZIA INFORMAGIOVANI sono conformi alle normative vigenti sia in termini di privacy che di sicurezza sul lavoro. • standard funzionali: il percorso di gestione delle richieste degli operatori/utenti si basa sul principio di


132 semplificazione delle procedure e trasparenza degli atti. La soddisfazione dell’utenza può essere costantemente monitorata attraverso la raccolta di reclami, apprezzamenti, suggerimenti sia verbali che telefonici che tramite compilazione di un apposito modulo che indica la qualità dell’erogazione delle prestazioni. Un documento utile è una Carta dei servizi. Ciascuna AGENZIA INFORMAGIOVANI attua il monitoraggio mensile dei dati utenza inseriti nella Cytizen Analisys attraverso apposito cruscotto di verifica ed analisi dell’utenza di tutta la rete provinciale del SIRG. L’obiettivo regionale è quello di pervenire al raggiungimento, in costante collaborazione con le Agenzie, di un sviluppo quantitativo dell’informazione e partecipazione su tutto il territorio regionale e un livello omogeneo minimo di standard di qualità dei servizi del SIRG.


Standard di qualità dei Centri e Punti InformaGiovani SIRG – Regione Campania

133

Gli standard sono differenziati in : • standard strutturali: il Servizio InformaGiovani garantisce agli utenti una struttura accogliente dotata di un punto di ascolto, di ampi spazi per la consultazione di materiale informativo, di un’area destinata ai colloqui individuali e riservati, di uno spazio dedicato agli eventi aggregativi e culturali nel rispetto delle norme di sicurezza. • standard organizzativi: il Servizio InformaGiovani offre all’utenza un’accoglienza e una consulenza di alto profilo, garantito dall’alta professionalità degli operatori che gestiscono le domande degli utenti attraverso attività e prestazioni personalizzate e calibrate alle singole esigenze in linea con un principio di partecipazione dell’utente e di collaborazione sia interna che con gli enti e i servizi competenti. Gli operatori del Servizo InformaGiovani hanno titoli di studio inerenti le mansioni svolte e seguono continui percorsi di aggiornamento e formazione individuali. • standard normativi: tutte le attività svolte dallo Servizio InformaGiovani sono conformi alle normative vigenti sia in termini di privacy che di sicurezza sul lavoro. • standard funzionali: il percorso di gestione delle richieste degli utenti si basa sul principio di semplificazione delle procedure e trasparenza degli atti. La soddisfazione dell’utenza può essere costantemente monitorata attraverso la raccolta di reclami, apprezzamenti, suggerimenti sia verbali che telefonici che tramite compilazione di un apposito modulo che indica la qualità dell’erogazione delle prestazioni. Un documento utile è una Carta dei servizi. Ciascuno Servizio InformaGiovani attua l’inserimento mensile dei


134 dati utenza in SIRG online la più puntuale analisi dell’utenza. L’obiettivo regionale è quello di pervenire al raggiungimento da parte degli sportelli di un livello omogeneo minimo di standard graduale. PRINCIPALI ATTIVITÀ ISTITUZIONALI dei CENTRI e PUNTI INFORMAGIOVANI Centro InformaGiovani • gestione dell'informazione, • individuazione dei bisogni informativi, • sviluppo dell'attività di comunicazione e di gestione delle relazioni, • orientamento, • consulenza, • attività di ricerca e documentazione nello specifico territorio, • collegamento e collaborazione con i forum della gioventù, enti, organismi e servizi anche del privato sociale del territorio, interessati alla condizione giovanile. Inoltre, il Centro svolge, quale nodo di rete, compiti di gestione di banche dati proprie, provinciali o regionali e di progettazione di interventi, anche ai fini della utilizzazione dei contributi regionali, con compiti, in un’ottica di centrale di committenza e di servizi in forma associata, di raccordo e di coordinamento dei Punti InformaGiovani appartenenti allo stesso ambito territoriale.


135 Il Centro svolge tutte le attività coordinandosi con la Agenzia e la Regione e fornendone tutti i dati e le informazioni necessarie in un sistema integrato. Ai fini della necessaria integrazione tra informazione e partecipazione il Centro attiva un Comitato direttivo InformaGiovani e Forum con compiti di concertazione per la programmazione e il monitoraggio delle azioni e dei prodotti offerti, costituito nei Centri dal Responsabile del Centro nodo di rete che lo presiede, dai Responsabili dei Punti dell’ambito territoriale di rete e dai Coordinatori dei Forum dei giovani dei Comuni di riferimento della rete. Ai Comitati potrà intervenire il personale regionale del SIRG ai fini di assistenza tecnica e di monitoraggio delle azioni e degli interventi e potrà essere richiesto l’intervento di componenti del Forum regionale. I Comitati hanno compiti di concertare la programmazione e il monitoraggio delle azioni e dei prodotti offerti dai Centri e dai Punti di informazione per la gioventù e quelle destinate ai giovani. La presenza del Comitato rappresenta per la Regione un sicuro ed inderogabile standard di qualità per un azione integrata di informazione e partecipazione sul territorio. Il Comitato avrà riunioni periodiche e si esprimerà sulla programmazione e sui progetti che attengano ai servizi InformaGiovani ed ai giovani in generale. Punto InformaGiovani • diffusione delle informazioni, • individuazione dei bisogni informativi, • attività di comunicazione e di gestione delle relazioni, • consulenza,


136 • orientamento, • partecipazione e raccordo con il Centro alla progettazione anche ai fini della utilizzazione dei contributi regionali, • gestione delle banche dati proprie, provinciali o regionali. Il Punto svolge tutte le attività coordinandosi con il Centro, la Agenzia e la Regione e fornendone tutti i dati e le informazioni necessarie in un sistema integrato. PRINCIPI ISPIRATORI PER L’ATTUAZIONE DI STANDARD DI QUALITÀ Obiettivo primario del servizio Diffondere informazioni significative in materia di politiche giovanili, fra cui il sistema delle opportunità professionali, formative, culturali, sportive, con particolare attenzione all’Europa e ai bisogni espressi dalla comunità dei giovani. Attività del servizio L’attività principale dell’InformaGiovani è l’informazione. L’azione informativa tende a rispondere all’evoluzione dei bisogni dei giovani in modo dinamico, verificando con continuità la corrispondenza tra domanda e offerta di informazione, le esigenze degli utenti, i canali e i metodi di comunicazione adottati. Le principali aree di intervento, stabilite dalla “classificazione nazionale degli InformaGiovani” riguardano in particolare la formazione scolastica e professionale, l’università, il lavoro, il servizio nazionale volontario, la cultura e il tempo libero.


137 Oggetto del servizio a) Attività di back – office: - individuazione delle diverse fonti, sia esterne che interne all’ente, da cui trarre le informazioni; - predisposizione e aggiornamento delle schede relative ai servizi offerti; - aggiornamento e mantenimento dei dossier; - aggiornamento del sito internet; - aggiornamento banca dati nazionale degli InformaGiovani (Spring). b) Attività di front – office: - supporto all’utente nella consultazione del materiale informativo; - consulenza orientativa nelle materie di intervento; - orientamento di gruppo, in particolar modo rivolto agli studenti delle scuole in riferimento a scelte postscolastiche; - scheda di ricerca per effettuare indagini personalizzate più approfondite; Destinatari • adolescenti e ragazzi che frequentano le scuole medie inferiori e superiori; • giovani adulti: dai 19 ai 34 anni; • famiglie e genitori; • enti ed istituzioni.


138 Modalità d’accesso e di fruizione È possibile usufruire del servizio secondo molteplici modalità: • Accesso “face to face” (presentandosi allo Servizio personalmente: il front-office). È auspicabile un sistema di accoglienza-accompagnamento, che passa attraverso la prima informazione, l’autoconsultazione, la consulenza orientativa e l’orientamento di gruppo. • Accesso remoto: sito internet, risposta on–line, newsletter, risposta telefonica. PRINCIPI FONDAMENTALI DELL’EROGAZIONE DEL SERVIZIO a) Partecipazione I destinatari del servizio possono esercitare il loro diritto a partecipare all’erogazione dello stesso (intervenendo contestualmente al perfezionamento della ricerca dell’informazione richiesta); b) Continuità L’erogazione del servizio avviene di norma con continuità, regolarità e senza interruzioni nei giorni e negli orari stabiliti. Eventuali interruzioni, dovute a cause di forza maggiore, saranno comunicate all’utenza, unitamente alla motivazione dell’interruzione, di norma nei seguenti modi: - con affissioni di cartelli all’ingresso della sede dell’InformaGiovani; - pubblicate sul sito Internet dell’InformaGiovani stesso. c) Efficienza ed efficacia Il Servizio InformaGiovani caratterizza la propria azione organizzativa e di erogazione delle prestazioni ai


139 principi di efficienza ed efficacia, specificando che: • per efficienza si intende la fornitura di prestazioni e servizi al massimo livello quantitativo e qualitativo rispetto alle risorse a disposizione ed ai programmi stabiliti, in termini di maggiore semplificazione, di minori adempimenti burocratici e di riduzione dei costi; • per efficacia si intende la fornitura di prestazioni e servizi al massimo livello quantitativo e qualitativo rispetto alle esigenze degli utenti e perseguendo la loro soddisfazione; in questo sforzo si ricercano e si applicano i miglioramenti che consentano al servizio di essere: - corretto, garantendo la conformità alle norme; - favorevole all’utente, tenendo conto degli interessi generali della collettività; - tempestivo, in linea con le necessità e le urgenze emerse; - autoregolato, adottando gli accorgimenti che consentano di prevenire i disservizi. d) Eguaglianza ed imparzialità Gli operatori del Servizio InformaGiovani ispirano i loro comportamenti nei confronti degli utenti a criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità. e) Cortesia e disponibilità Il Servizio InformaGiovani si impegna a far sì che il comportamento dei propri operatori sia ispirato a presupposti di gentilezza, cortesia e disponibilità nei rapporti con gli utenti, auspicando che l’atteggiamento di questi ultimi sia improntato ad un criterio di proficua collaborazione, tale da agevolare in ogni occasione la corretta erogazione del servizio.


140 L’InformaGiovani si impegna inoltre a favorire l’applicazione di tali elementi relazionali nei confronti degli utenti anche attraverso opportune e specifiche azioni formative dirette agli operatori di ogni ordine e grado. f) Chiarezza ed identificabilità Gli operatori del servizio si impegnano ad utilizzare in ogni occasione di comunicazione, sia verbale che scritta, un linguaggio semplificato e comprensibile ai destinatari, ponendo particolare cura alla spiegazione dei termini tecnici. Gli stessi operatori, in orario di ricevimento del pubblico, garantiscono all’utenza la loro agevole identificabilità attraverso l’esposizione di una targhetta indicante con caratteri ben leggibili il loro rispettivo nome e cognome. STRUMENTI PER L’ATTUAZIONE DEI PRINCIPI FONDAMENTALI a) Informazioni agli utenti Il Servizio InformaGiovani adotta gli strumenti utili ad assicurare la piena informazione degli utenti circa le modalità di prestazione dei servizi. In particolare: • fornisce, tramite gli addetti, tutte le informazioni verbali necessarie all’utente affinché possa presentare in modo chiaro e completo la propria richiesta; • informa tempestivamente gli utenti e i cittadini che ne facciano richiesta della eventuale interruzione dell’erogazione del servizio con le modalità di cui ai punti precedenti.


141 b) Rapporti con gli utenti Il responsabile dell’InformaGiovani predispone tutte le necessarie azioni formative nei confronti del personale operativo del servizio,affinché i rapporti dello stesso con gli utenti siano sempre improntati al massimo rispetto e cortesia ed il loro atteggiamento sia tale da agevolare gli stessi nell’esercizio dei diritti e nell’adempimento degli obblighi. L’InformaGiovani si propone di comprendere pienamente le esigenze degli utenti e calibrare su di esse il contenuto e le modalità di erogazione del servizio. A tal fine (con la collaborazione e con l’eventuale supporto tecnico dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico), provvede annualmente a verificare la soddisfazione dei propri utenti mediante l’attivazione di un’indagine specifica. In tale occasione, è previsto che,immediatamente dopo l’erogazione del servizio, l’utente compili un questionario apposito. Alla fine dell’indagine tutti i dati delle schede vengono raccolti e statisticamente elaborati, per poi essere analizzati in un apposito Rapporto. In un momento successivo, alla fine dell’anno, il Rapporto viene inserito nella relazione annuale di verifica che viene consegnata al Comune, alla Provincia e alla Regione. ORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI SPECIFICHE Il Servizio InformaGiovani svolge due attività: Front-office e Back - office. Il Front - Office In particolare lo Servizio si occupa di:


142 lavoro;

iniziative culturali;

corsi;

tempo libero;

concorsi;

volontariato;

formazione;

carta giovani;

università;

varie.

servizio civile; ed offre le seguenti risposte: • presentazione delle funzioni del Centro e dello Servizio InformaGiovani • registrazione della domanda tramite compilazione della scheda di monitoraggio • analisi della richiesta ed erogazione dell’informazione\servizio pertinente attraverso percorsi personalizzati e, se necessario, utilizzando contatti con i servizi competenti • confronto con le risorse presenti sul territorio • ricerca, consultazione e distribuzione materiale informativo • compilazione della modulistica di base, curriculum vitae, lettere di presentazione, annunci, domande di iscrizione o di accesso ai servizi • emissioni - rinnovo carta giovani • accompagnamento guidato tramite invio diretto dell’utente, invio previo contatto telefonico, invio previo appuntamento ai servizi competenti:


143 Centro per l’Impiego Provincia Regione Camera di Commercio I .N.P.S. I I.N.A.I.L. / I.N.P.D.A.P. Sindacati Associazioni di Categoria

Servizi comunali Servizi sociali Associazioni Università Scuola Varie

Il Back-Office Il back – office comprende tutte le attività di preparazione e supporto al front-office: • gestione delle schede di monitoraggio e dell’ archivio utenti; • gestione archivio e aggiornamento del materiale informativo; • gestione della corrispondenza in entrata ed in uscita; • gestione e archiviazione rassegna stampa; • riunioni interne operative e di programmazione; • costruzione e mantenimento della rete dei servizi; • riunioni operative di equipe con i servizi della rete; • riunioni di coordinamento, aggiornamento, programmazione; • convocazione, gestione e stesura verbali delle Consulta; • immigrati;


144 • gestione e stesura di Protocolli di Intesa e Convenzioni. LA PROGETTAZIONE TERRITORIALE Per progettazione territoriale di intende l’insieme delle attività di diffusione dell’informazione, promozione, sensibilizzazione, aggregazione, prevenzione, formazione, cultura, attraverso cui stabilire un profondo e significativo rapporto con la comunità locale mediante: • spazi messi a disposizione per promuovere l’aggregazione; • stipula di Convenzioni e Protocolli di Intesa con Enti e Istituzioni pubbliche e private; • deazione, progettazione e realizzazione di incontri informativi/formativi, giornate di studio, conferenze, convegni, seminari, corsi, laboratori, rassegne, spettacoli culturali, eventi teatrali, musicali, gruppi di auto mutuo aiuto. I SERVIZI COMPLEMENTARI Segreteria organizzativa • gestione della corrispondenza in entrata e in uscita • gestione dell’agenda degli appuntamenti • protocollo dei documenti • ordine dei materiali d’uso • segnalazione problematiche inerenti la manutenzione SIRG.



Opuscolo Informagiovani