Issuu on Google+

La nuova Voce “Quel che sogniamo è il nostro destino” V O L U M E

1 ,

N U M E R O

6

MAGGIO 2012

Grafica e

VIGGIANELLO CAMBIA

impaginazione a cura di Antonio Rizzo

Il sindaco di Viggianello, Vincenzo Corraro. Foto di Mario Crescente

SOMMARIO:

ELEZIONI 2012

2

POST

3

Il Sindaco e il primo eletto Frontuto. Foto di Mario Crescente

ELEZIONI

CENTRALE

4

GD PENSIE- 5 RO CASTRUM

6

ASD

7

OROSCOPO

8

La squadra vincente al completo. Foto di Mario Crescente


PAGINA

2

1 2 …..3

Foto di Mario Crescente

4 5 VOLTE CORRARO

Il 6 e 7 Maggio 2012, il popolo Viggianellese è stato chiamato alle urne, dopo la caduta dell’ ex Sindaco Fiore nell’Agosto 2011 e il successivo commissariamento. Si voleva una risposta, una netta presa di posizione del popolo e questa volta c’è stata. 345 voti è la differenza tra la vincente lista n° 1 “Viggianello Cambia”, capeggiata dal nuovo sindaco Corraro e la perdente lista n°2, “Un futuro Possibile”, capeggiata da Fiore. In sostanza Corraro non ha vinto, ha stravinto, oppure se Corraro non ha vinto, ha perso nettamente l’altro candidato, in poche parole Viggianello ha voluto fortemente la vittoria del 37enne e ha bocciato la compagine a lui avversa. Il segretario del PD, Frontuto, oggetto dei desideri di tanti, in campagna elettorale, è stato il primo

LISTA N°1

Candidato a sindaco: VINCENZO CORRARO - 1310 Candidati: Franco Frontuto detto Gerri - 222 Franco Petillo - 207 Francesco De Franco - 176 Francesco Petrola, Maurizio - 173 Mariantonietta Magno - 119 Domenico Sassone - 215 Francesco Fiore - 74

eletto, con 222 preferenze. Sono 3 i mister 200+, oltre al segretario, Sassone e Petillo, rispettivamente con 215 e 207 preferenze. Primo eletto della compagine sconfitta, Giuseppe Mango, con 191 preferenze. Quest’ultimo sarà il compagno di minoranza di Fiore, all’opposizione. La nuova amministrazione sarà quindi formata dal Sindaco Corraro e gli amministratori Frontuto, De Franco, Petrola, Sassone e Petillo. Le varie deleghe saranno rese pubbliche il 26 Maggio, in occasione del Consiglio di insediamento , ove sarà definita la giunta comunale. Era il momento del cambiamento, l’ultimo treno da non perdere. I Viggianellesi, popolo perspicace, questo treno non l’hanno perso e ora sperano di non arrivare mai a destinazione, perché si parte, l’arrivo è lontano e il percorso sarà ricco di soddisfazioni.

LISTA N°2

Candidato a Sindaco: ANTONIO EMANUELE FIORE - 965 Candidati: Pierpaolo Lauria - 126 Giuseppe Mango - 191 Rosario Vitale - 94 Vincenzo Caputo - 104 Francesco Sassone - 102 Tonino Fiore - 159 Civale Giuseppina - 96 Antonio Rizzo


VOLUME

1,

NUMERO

PAGINA

6

Elezioni amministrative 2012: Impressioni di una cittadina. A Viggianello una ventata d’aria fresca ha pervaso il territorio, da un confine all’altro, dalle frazioni dell’estremo nord a quelle più a sud, un’aria nuova, coinvolgente e travolgente, un’aria da prendersi a pieni polmoni! Il rinnovamento tanto voluto da chi ne ha fatto il proprio ideale e sperato da chi in esso crede, pare abbia già innescato, durante la campagna elettorale, il germe del cambiamento destinato a scardinare le vecchie, assurde a mio avviso, divisioni esistenti tra un popolo per troppo tempo diviso a causa delle difficoltà di un territorio poco sviluppato per quanto vasto, un territorio in cui ogni parte ha dovuto organizzarsi per creare, al suo interno, un minimo di autosufficienza e costituirsi come autonomo nell’essenziale. Il responso elettorale ha dato ragione ad una compagine che, mossa dal sentimento di appartenenza alla Comunità, è riuscita, con estrema semplicità, ad entrare nel cuore della gente, a coinvolgerla, ad interessarla al progetto in cui crede. Tanti giovani hanno speso le loro energie per contribuire a quella che è, soprattutto, la loro vittoria, la vittoria di chi c’ha messo il cuore oltre che il voto e, in alcuni casi, anche soltanto il cuore. Già, perché ho visto piangere di gioia gente di ogni età, adulti e adolescenti, questi ultimi talmente attenti alle dinamiche della campagna elettorale che chiedevano ai parenti di accompagnarli ai comizi perché volevano ascoltare le parole e sentire il calore di chi si faceva promotore del futuro del Paese e, ancor meglio, del loro futuro nel Paese. Quest’interesse per la cosa pubblica da parte delle nuove generazioni, da quando ne ho memoria, sono certa che non ci sia mai stato. La certezza di aver innescato questo processo, da sola, è di per sé una vittoria! E’ vero che qualcosa è cambiato, si legge nel volto della gente che si incontra per strada, si legge nel fatto che giovani che non ho mai visto chiacchierare ora li vedo farlo, ora condividono, con fierezza, il vanto di aver contribuito alla rinascita di un Paese per il quale noi stessi avevamo perso quell’interesse che funge da linfa vitale per chi lo vive.

E’ palese la volontà della nuova giunta di coinvolgere il popolo nella gestione della cosa pubblica, il piacere di condividere momenti importanti dando un segnale di rottura con il passato, un segnale che, non solo grida al rinnovamento, ma che, con impegno, ne pone le basi affinché la trasparenza possa essere simbolo e sinonimo di questo cambiamento. La speranza in un nuovo futuro oggi non è solo utopia, non è un ideale desiderabile, è tangibile, la si vede nei volti della gente, la si sente nei discorsi per le strade, la si percepisce nel respiro di una vittoria più che mai sentita e condivisa, una vittoria per la quale sono state versate lacrime accompagnate da quei sorrisi del 7 maggio che resteranno per sempre impressi nella mia mente, per sempre ricorderò la sensazione che quella sera si percepiva negli abbracci della gente, dei giovani in particolar modo, che, senza avere interessi personali e tornaconti di chissà che sorta, si sono impegnati, mettendoci il cuore, nel portare alla vittoria il progetto in cui credono spinti soltanto dall’amore per Viggianello. Sono davvero convinta che questa sia la vittoria del Popolo viggianellese che, in quanto tale, verrà rappresentato in egual modo. A prescindere dal voto, abbiamo vinto tutti!

Gina Ferrazzano

3


PAGINA

4

STOP ALLA CENTRALE Il Consiglio di Stato ha parzialmente accolto il ricorso di alcune associazioni ambientaliste in merito ai lavori per la riattivazione delle centrale a biomasse Enel del Mercure nell’area del Parco del Pollino. Con la sentenza è stata sospesa, limitatamente alle attività di trasposto delle biomasse, la decisione del Tar Calabria che aveva valutato positivamente l’iter per la riattivazione della centrale.

“I giudici entreranno nel merito della questione il 17 luglio”

LA

NUOVA

Il supremo organo di giustizia amministrativa – scrive la Repubblica – era chiamato ieri a pronunciarsi sul ricorso presentato dall’Ente Parco Nazionale del Pollino, i comuni di Rotonda e Viggianello e il WWF per chiedere di congelare la sentenza del Tar di Catanzaro che lo scorso 28 dicembre ha sbloccato i lavori per la riconversione dell’impianto. Una richiesta che i giudici del Consiglio di Stato hanno accolto solo in parte, “limitatamente alla prosecuzione delle sole attività di trasporto delle biomasse, ferma restando la possibilità di prosecuzione e ultimazione dei lavori inerenti la centrale”. I giudici entreranno invece nel merito della questione il 17 luglio. La sentenza del Tar calabrese dello scorso 28 dicembre non solo aveva respinto i ricorsi con cui enti locali e ambientalisti chiedevano di fermare i lavori autorizzati dalla Regione per la riconversione della centrale della Valle del Mercure, ma aveva anche accolto il ricorso presentato dall’Enel contro il ministero dell’ambiente per l’ordinanza di sospensione dei lavori imposta dall’ente parco che interessava tra l’altro “la vasca di prima pioggia ubicata nell’area di pertinenza della centrale del Mercure” e “l’area di stoccaggio legname posizionata all’esterno dell’area della centrale e adiacente le torri evaporative”.

VOCE

Nell’ordinanza con cui ha di fatto autorizzato la prosecuzione dei lavori, il Consiglio di Stato “invita le parti a depositare, almeno 15 giorni prima dell’udienza del 17 luglio 2012, una sintetica relazione di chiarimento delle circostanze di fatto controverse, emerse durante la discussione cautelare, in ordine alla esatta ubicazione della centrale rispetto al perimetro del Parco del Pollino, ai quantitativi giornalieri di biomasse oggetto di trasporto verso la centrale, alla composizione qualitativa e alla provenienza geografica delle biomasse, e a ogni altro elemento che le parti ritengano utili evidenziare”. Come ricostruito anche da Repubblica , la quantità di biomassa necessaria al funzionamento della centrale e la sua provenienza (e quindi l’inquinamento legato al suo trasporto) sono proprio uno degli aspetti più controversi dello scontro che va avanti dal 2002, con valutazioni profondamente diverse tra Enel e oppositori della riconversione.


VOLUME

1,

NUMERO

6

PAGINA

HABEMUS PAPAM: VINCENZO CORRARO E' IL NUOVO SINDACO DI VIGGIANELLO! Si conclude nel migliore dei modi una campagna elettorale dura, difficile da affrontare, ma allo stesso tempo gratificante per il lavoro che noi Giovani Democratici abbiamo speso per il bene della Comunità. In questi ultimi mesi abbiamo vissuto intensamente importanti momenti di aggregazione con altri gruppi, politici e non; abbiamo condiviso pensieri, emozioni e perplessità; abbiamo in una parola sola "fatto gruppo", non perdendo mai di vista il nostro unico obiettivo, "credere in un nuovo Progetto". Ce l'abbiamo fatta! Viggianello era ad un bivio: ha imboccato la strada giusta, quella del cambiamento, della novità, ma soprattutto dell'entusiasmo che da tanto, troppo tempo mancava e che noi giovani siamo riusciti a manifestare coinvolgendo anche i più scettici. La vittoria elettorale, ne siamo consapevoli, rappresenta solo un punto di partenza, ma vitale per poter procedere nel nostro percorso, per poter essere partecipi della vita amministrativa e scrivere così importanti pagine nel futuro del nostro paese. Non sarà facile, ma con lavoro quotidiano, partecipazione e voglia di fare regaleremo sorrisi a tutti! Nessuno escluso! Siamo sicuri della onestà intellettuale e delle capacità politiche del nostro Sindaco. La sua dolcezza, la sua educazione, il suo buon senso e il suo "perbenismo" ci lasciano tranquilli!

Abbiamo totale fiducia nel gruppo amministrativo; il segretario del PD, Frontuto, è per noi sempre un punto d’appoggio, un vero amico di noi giovani, ed è quello che noi volevamo, un punto di riferimento. Gli altri amministratori, De Franco, Petillo, Petrola e Sassone sono tutti molti vicini al nostro mondo, trascurato negli anni addietro, ma ora di nuovo vivo e pieno di entusiasmo. grazie a loro e grazie al nuovo progetto “Viggianello cambia” Auguri Vincenzo! Auguri agli amministratori! Auguri Viggianello!

Il direttivo dei giovani democratici di Viggianello

5


PAGINA

6

IL CASTRUM CHIUDE TERZO; SPIRAGLIO C1 Il campionato di calcio a 5, 2011– 2012 è terminato e i ragazzi di Viggianello del Castrum Byanelli si sono piazzati terzi in classifica, dopo la netta vittoria per 17-2 contro l’Esthetic Style. A segno nell’ultimo match di campionato, Tedesco con ben 6 gol ( 30 gol in stagione), Carlucci (capocannoniere con 51 gol stagionali, record byanelliano) Petillo, Fiorenza, De Luca e Caputo L. ‘93 con una doppietta ciascuno, Bonafine Matteo, con una sola marcatura. Al termine del match abbiamo intervistato il mister dei ragazzi bianco-azzuri, Caputo L. ‘80 che insieme al capitano La Froscia Antonio ha seguito e diretto gli allenamenti stagionali della squadra. Ecco a voi le domande a lui poste. Terzo posto finale, ad inizio campionato si aspettava un tale risultato? Il nostro obbiettivo di anno in anno è stato quello di migliorarci, quindi non mi aspettavo il terzo posto ma un miglioramento rispetto agli anni passati cosa che abbiamo realizzato. Col senno di poi, posso sostenere che potevamo far meglio, basta pensare ai punti persi con squadre abbordabili come Atletico e Senise, ma non sminuisco il nostro campionato, resta comunque un ottima annata. L’anno prossimo sarà C2 oppure pensa che con la domanda di ripescaggio si possa sperare nella C1? Non so ancora, c’è in società chi spinge per LA

NUOVA

VOCE

fare tale domanda e chi no, io sono tra quelli che sostengono che prima di fare un passo del genere bisogna bene ponderare le varie risorse necessarie, sia a livello tecnico che economico-organizzativo, se ci saranno tutte queste condizioni, si potrebbe anche fare. La partita più bella dell'anno? E quella decisiva? Senza dubbio il 6 a 1 a Castelluccio. Con il nostro pubblico che ci ha seguito anche in trasferta, sembrava giocassimo in casa. Quella decisiva, in negativo, credo sia stata il gol beffa all’ultimo secondo del Rivello, in casa nostra. Quella partita ci ha tagliato le gambe, ha spezzato i nostri sogni di poter ambire al primo posto, poi è seguita l’altra debacle di Senise . Però poi abbiamo saputo rialzarci e riprendere il ritmo fino a perdere del tutto le speranze di promozione con l’Atletico Potenza. A questo punto ci dica il più grande rammarico di questa stagione. Non aver avuto una squadra ben allenata nei momenti clou del campionato. La sosta natalizia e la neve di febbraio in particolare hanno inciso negativamente sul no-

stro rendimento. L'anno prossimo sarà ancora l'allenatore oppure farà solo il calciatore? Innanzitutto ringrazio i ragazzi per avermi sopportato in questa stagione, importante e gratificante per me, ho fatto un esperienza nuova, mettendo tutto l’ abnegazione possibile per ottenere il massimo da un ruolo che non vedevo e sinceramente non vedo nelle mie corde; sarà perchè mi sento ancora calciatore, in futuro penso ci possano essere altre soluzioni, magari una volta smesso i miei panni di calciatore riprenderò la carriera di allenatore, ma solo e soltanto per il Castrum. Ultima domanda, l’anno prossimo, se sarà C2, si punterà a vincere il campionato? Ripeto, noi dobbiamo sempre migliorare, quest’anno siamo arrivati terzi, quindi è ovvio che l’anno prossimo, nelle stesse condizioni tecniche attuali, punteremo alla vittoria del campionato. Con questa intervista chiude la rubrica sport del giornale che ritornerà all’inizio dei campionati 2012-2013. Antonio Rizzo


VOLUME

1,

NUMERO

PAGINA

6

UN CAMPIONATO STRAORDINARIO Dopo la bella vittoria nel derby del Mercure, l’Asd affronta sul proprio campo lo Scanzano. Partenza brutta per i nostri ragazzi, che dopo solo 9 minuti sono già sotto. Predominio territoriale dello Scanzano che va più volte vicino al raddoppio che arriva al 25’ del 1° t in seguito ad uno svarione difensivo. L’Asd accusa il colpo ed e’ ancora lo Scanzano a passare al 35’. Si va a riposo sullo 03. Nell’intervallo mister crescente si gioca il tutto per tutto, sostituisce l’acciaccato Rossino al posto di Lauria, e lo spento Vitale al posto di Oliveto. La musica cambia, e un autorete al 10’ e un goal di Donato al 13’ porta il risultato sul 2-3. Da qui in avanti è l’Asd a dominare il match, che sfiora più volte la rete del pareggio, ma la bravura del portiere avversario e la cattiva sorte, fanno si che la palla non entri. Il match si chiude sul 2-3, ma dopo un disastroso primo tempo i nostri ragazzi regalano una magistrale ripresa, che tuttavia non basta a raccogliere almeno un punto. Alla nona giornata di ritorno i nostri ragazzi volano in trasferta sul campo del Castronuovo. Partita giocata su alti ritmi, ma che tuttavia non fa registrare clamorose palle goal da ambo le parti. Primo tempo perlopiù del Castronuovo che sugli sviluppi di due calci d’angolo va vicino alla rete del vantaggio, ma un attento Simonetti è bravo a sventare le minacce. Nella ripresa gli uomini di Mr Cre-

scente provano ad alzare il ritmo, ma il Castronuovo è bravo a respingere le sortite avversarie. In pieno recupero Vitale lanciato a rete viene falciato dal difensore avversario: sarebbe stato rosso e rigore ma per l’arbitro niente. Finisce 0-0. Si ritorna all’Aldo Moro e i nostri ragazzi affrontano la selezione dello Spinoso. Buon primo tempo per l’Asd che tuttavia non riesce a passare in vantaggio, e se nel calcio vale la regola “ goal sbagliato goal subito, è proprio lo Spinoso a passare in vantaggio al 25’ del 1° t. Nel secondo tempo i nostri ragazzi le provano tutte ma ciò non è sufficiente a raddrizzare il risultato. Finisce 0-1 per lo Spinoso, squadra di sicuro avvenire e che gioca un buon calcio a dispetto dell’età media della rosa che è di soli 20 anni. All’undicesima di ritorno la compagine locale va in trasferta sul difficilissimo campo di Episcopia. Prima mezz’ora che non fa registrare nessuna clamorosa palla goa da entrambi i lati, e che vede le squadre giocare perlopiù a centrocampo. Ma al 40’ a passare è l’Episcopia, con Viceconte bravo ad insaccare in rete una punizione dal limite dell’area. Nel secondo tempo è tutta un altro Viggianello, con la rete che arriva al 30’ con Rossino bravo a deviare in rete una punizione dalla lunga distanza. In pieno recupero è Gioia, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, a deviare in rete da due passi la palla che vale la matematica

salvezza per i nostri ragazzi con due turni di anticipo. Alla penultima giornata arriva tra le mura amiche l’As Nemus, squadra coinvolta nella lotta per la retrocessione. Brutta partita, che non fa registrare clamorose palle goal. Il Nemus è più motivato, ma i nostri ragazzi reggono bene le sortite avversarie senza particolare affanni. Termina 0-0, un punto che tiene ancora vive le speranze di salvezza del Nemus. All’ultima giornata si va sul campo del Valsinni. Partita condizionata dal gran caldo e dalla stanchezza di fine stagione. È un continuo batti e ribatti a centrocampo, con le due squadre che giocano a sprazzi. Un match equilibrato che fa registrare una sola palla goal capitata sui piedi di Gioia che, lanciato a rete dal subentrante Oliveto, da buona posizione, calcia di poco a lato. Termina 0-0. Un campionato straordinario, terminato con il settimo posto in classifica, risultato neanche minimamente immaginabile ad inizio stagione, ma che premia i grandi sforzi e la grande dedizione di Mr Crescente, di tutta la squadra e della dirigenza tutta. Un plauso inoltre va al nostro grande pubblico, che ci ha sempre sostenuto ed applaudito come nessun altro avrebbe saputo fare. Arrivederci al prossimo anno e, sempre forza Asd Viggianello, Testa e Cuore. Giuseppe Vitale

7


L’OROSCOPO ARIETE Salute: Ancunu raffriddore puru nta statìa Fortuna: Lassici perd. Amore : U trovisi e si già u tenisi u crescisi Lavoro: A fatiga iè fatta pi tia. Cristianu fatigaturu TORO Salute: Stai chiù o spidal ca a casa Fortuna: Nunni tenisi e nunni trovisi Amore: Stai misu buonu però vacci pulitu Lavoro: Su tenisi tenatillo stritto

SCORPIONE

GEMELLI

Salute: Statt attientu ad ancuna caduta

Salute: Si tuostu com na petra

Fortuna: Furtuna NO.

Fortuna: Circalla ca a trovisi

Amore: Trovisi l’amore da vita.

Amore: quissu iè u misi tuia

Lavoro: Vai na scheggia.

Lavoro: Si grapunu purtuni...

SAGITARIO

CANCRO

Salute: U caudu ti porta buonu

Salute: Si tuostu com o fierru

Fortuna: Si veru furtunatu.

Fortuna: A sciorta on ci stai misu buonu. Aspetta

Amore: Accorta ca ci ngappisi ancunu scaffu.

Amore: Chianu chianu, pulitu pulitu

Lavoro: Portisi belli soldi a casa

Lavoro: Si sì senza nent arriva. Su tenisi crescia LEONE

CAPRICORNO

Salute: Ssu cangia cangia du tiempu on ti ni fa bene

Si u segnu du misi, stai misu buonu. Na zita/o mò a/u trovisi, i soldi a casa ci portisi. Goditi su mumentu...

Fortuna: Ancora nu pocu ta rumasta. ma poca eh. Amore: Accorta a ancunu scaffu Lavoro: A fatigà fatighisi. E puru assai VERGINE Salute: Istimisi assai pi sa saluta. Fortuna: Né ni tenisi e né ni trovisi Amore: Ancora ea aspittà. Lavoro: continuisi a fatigà. Buonu pi tia. BILANCIA Salute: Stai buonu. Fortuna: Furtuna assai onni tenisi Amore: U trovisi. Sfurtunatu ma n’ammuratu. Lavoro: Nda su periodo tea dà a fa assai.

ACQUARIO Salute: Su misi on c’è buonu. Fortuna: Nda l’ultim 10 iuorni i Maggio ti po’ girà. Amore: Mittiti apposto cu tia picchì sinnò nent. Lavoro: A fatiga va bona. PESCI Salute: Stai probbriu com u pisc. On ti manca nent. Fortuna: Si supa a via bona. Cerca ca trovisi Amore: Ti meritisi probbiu n’applausu. Bravu Lavoro: On ti ni ngozza probbriu.


La nuova Voce, Maggio 2012