Page 1

Dedicato al Preside Giordano

Speciale Autogestione Ecco il tempo che abbiamo: tre giorni di scuola. E' importante chiamarli giorni di scuola, perché il successo di un'autogestione, la sua proficuità, dipendono proprio da come noi intendiamo quella parola, "scuola". Se la scuola si limitasse infatti soltanto alle lezioni, a una ventina o trentina di studenti che ascoltano un professore e prendono appunti, noi non staremmo facendo qualcosa di utile, staremmo colpevolmente saltando quindici ore di lezione. Abbiamo tre giorni per dimostrare che non stiamo saltando la scuola. Ci riusciremo tutti? Forse molti di noi non riusciranno, o non vorranno. Senz'altro alcuni di quelli che, inconsciamente o consciamente, credono che "scuola" sia sinonimo di "lezioni" o "voti", se ne staranno in disparte e non parteciperanno a quest'iniziativa. Loro si che stanno saltando la scuola! Ma c'è pure un ristretto gruppo di studenti che vede al di là del gesso e della lavagna, che crede nella scuola come luogo di formazione dell'individuo e di crescita personale. Si tratta di persone che sì, sanno che le lezioni classiche sono fondamentali ed imprescindibili, ma si rendono conto che, talvolta, sia necessario ampliare l'orizzonte dell'apprendimento anche ad argomenti paradossalmente "extra-scolastici". E nonostante l'autogestione abbia forse proprio come controindicazione quella di prendere il posto delle lezioni tradizionali, essa è senz'altro uno sprone alla crescita. Eccovi dunque uno speciale del Giornalotto, creato per generare uno scambio di opinioni che vada al di là dell'inchiostro sulla carta. Ed eccovi il mio augurio: dimostriamo di saperci autogestire con serenità e saggezza. Ci si vede! (ma non in cortile durante i gruppi…)

uciano L ro d n a ss le A re Il Diretto

IIIG

La Redazione Alessandro Luciano 3G Amalia Castoldi 1F Daniele Florean 4F Giorgio Bondì 3H Federico Lombardi 4G Giada Carioti 3E

Stefano Schmidt 3G Viola Dadda 2I Andrea Piazza IF Filippo Agalbato 5C Robert Ballante 3A Corrado Mauriello 2G

Agnese Anzani 3F Leonardo de Castro 3G Pietro Fasola 4H Lorenzo Miano 4H Alex de Gennaro 4C Lucas Li Bassi 3G


PRO La preparazione   dell'ʹautogestione   è   un   momento   dolceamaro  come  pochi  altri,  perché,  come  si  è  visto   bene   durante   l'ʹassemblea   plenaria,   emergono   le   varie   differenze   tra   gli   studenti   e   le   svariate   posizioni  riguardo  l'ʹimpiego  del  tempo  a  scuola. Dolce  perché  è  bello  vedere  una   componente   consistente  della   popolazione  studentesca   prendere   parte   al   diba>ito,   amaro   perché   diviene   evidente   quello   che,   a   mio   avviso,   rappresenta   il   limite  più   grande   del   Liceo   al   giorno  d'ʹoggi:   la   mancanza   di   una   realtà   sociale  che  sia   un   ambiente  fertile  per   la   creazione   di   un'ʹopinione   individuale   all'ʹinterno   di   un  contesto  pur  eterogeneo. La  realtà  della  Scuola,  infa>i,  è  molto  diversa   da   quella   della   quotidianità.   Il   confronto   durante   un'ʹassemblea   è   dire>o   e   a>ivo,   senza   nulla   che   spinga   chi   ascolta   a   prendere  partito  per   una   o  per   un'ʹaltra  posizione,  se  non  il  diba>ito  stesso. Non   esiste   il   frastuono   ossessivo   della   televisione   che   si   ripete,   non   ci   sono   le   guerre   di   insulti   che   distorcono   il   linguaggio   e   lo   rendono   privo   di   significato. La   preziosità   di   questa   autogestione,   pertanto,  sta  proprio  nel  fa>o  che  nella  discussione  e   nel  dialogo,  l'ʹopinione  mostra  sempre  i  suoi  limiti. Io   sono   quasi   certo   che   le   opinioni   emerse   siano   molte  meno   di   quelle   realmente  esistenti   e  il   fa>o  

che sia   così   difficile   creare   le   condizioni   per   un   diba>ito   non   solo   rappresenta   una   perdita   inestimabile  per   tu>i,  ma  forse  ge>a  luce  su   un'ʹaltro   fenomeno:  il  fa>o  che  il   dialogo  sia   percepito  come   inutile  per  l'ʹaccrescimento  personale  ed  altrui. A   questo   si   aggiunga   poi,   che   il   momento   storico  di  crisi  stru>urale  rende  necessaria  un'ʹanalisi   della   situazione,   perché   una   realtà   come   quella   a>uale  coinvolge  inevitabilmente  ciascuno  di  noi. Cercare   di   comprendere   diviene   fondamentale   nel   momento  di  cambiamento  e  la   Scuola  deve  essere  il   luogo  per   comprendere,   in   quanto  è  il   luogo  della   formazione   dell'ʹidentità,   il   capitolo   principale   del   romanzo  di  formazione  che  è  la  nostra  esistenza. L'ʹautogestione,   da   questo   punto   di   vista,   diviene   così   una   prospe>iva,   una   meta;   diviene  lo   spazio  concesso  al  singolo  che  prova  a  costruirsi  una   propria  formazione  e  che  ritiene  di  condividerla  con   altri,  il   momento  in   cui  si   tenta   di   dare  un   senso  al   luogo  in  cui  ci  si  trova  ogni  giorno.   L'ʹautogestione  in   questo  momento  è   una   necessità,   così  come  è  una   necessità   la   partecipazione  di   tu>i,   perché   è   lì   che   giace   la   differenza   tra   la   Scuola   e   quello  che  la  televisione  o  i  mezzi  di  comunicazione   di   massa   possono   rappresentare:   il   confronto,   l'ʹargomentazione,  l'ʹinterazione.  

re"i VH a c s a M a An!e

CONTRO Anche quest’anno,   come   prevedono   consolidate  

stagionali, puntuale  come   l’apertura   della   stagione  

tradizioni, insieme  all’arrivo  delle  caldarroste  e  delle  

scaligera, mi   predispone   negativamente:   infa>i,  

prime decorazioni  natalizie  è  giunta  la  ferale  notizia:  

sorge spontaneo  il  fondato  sospe>o  che  non  si  tra>i,  

il Volta   si   prepara   al   rito  autunnale  dell’agitazione:  

ad esempio,  di  una   giusta   reazione  a  scelte  politiche  

non nella   più   consueta   forma   dell’occupazione   di  

scellerate, bensì   di   una   “piacevole   consuetudine”  

tardo-­‐‑novembre (forse   a   causa   dei   miserandi  

mirata ad   allentare   la   tensione   e   la   stanchezza   da  

risultati degli   anni   precedenti),   ma   in   quella  

fine trimestre,   tramite   una   breve   interruzione  

dell’autogestione.

dell’a>ività scolastica.

La sola   constatazione   che   la   protesta,   anziché  

Il sospe>o,   quest’anno,   è   ulteriormente   avvalorato  

scaturire da   eventi   specifici,   si   esprima   a   cadenze  

dalla contiguità   tra   il   ponte   di   sant’Ambrogio   e   il  


periodo di   autogestione:   si   tra>erà   forse   di   una  

-­‐‑

coincidenza, ma   le  date  sembrano  studiate  apposta  

Porre delle   domande   e   o>enere   risposte   esaurienti.

per perme>erci   di  trascorrere  in  santa   pace  i  cinque   giorni  di  vacanza,  non  turbati  da   fastidiosi  compiti  a  

Purtroppo, devo   constatare   che   raramente   questi  

casa da   consegnare   lunedì   12.     Obie>ivo,  

obie>ivi sono   stati   raggiunto   nelle   precedenti  

quest’ultimo, assolutamente   condivisibile,   però   mi  

esperienze di   occupazione   e   autogestione,   o   nelle  

pare poco   serio   conseguirlo   con   la   scusa   di   una  

assemblee di  istituto.

imprescindibile e  improrogabile  necessità  formativa,  

Infa>i:

che rende   necessari   tre   giorni   di   autogestione   collocati   proprio   al   termine   del   ponte   di  

-­‐‑

I relatori   esterni   non   erano   stati   scelti   in  

Sant’Ambrogio.  

m o d o a > o   a   g a r a n t i r e   u n ’a d e g u a t a  

Cercando di   superare  la   diffidenza   derivante   dalla  

competenza e/o  la  pluralità  delle  posizioni;

scelta delle  date,   ho  valutato  la   proposta   formativa  

-­‐‑

nei suoi   contenuti.   La   richiesta   di   tempi   e  spazi   in   cui   sviluppare   un   adeguato   approfondimento   di  

I lavori   si   svolgevano   in   un   clima   di   disordine,  sconfinante  nell’inciviltà;  

-­‐‑

Non c’era   un   moderatore   in   grado   di  

temi che   non   sono   compresi   nel   programma  

garantire a   ciascun   interlocutore   il   dovuto  

scolastico mi  pare  di   per   sé  legi>ima:  vi  sono  infa>i  

rispe>o, e   la   possibilità   di   esprimersi   in  

argomenti importanti,   che   il   contesto  a>uale   rende  

modo completo  e  sereno;

particolarmente urgente  affrontare  con   un   bagaglio  

-­‐‑

Queste iniziative   non   hanno   innescato,  

minimo di  conoscenze  di  base,  la  cui  tra>azione  non  

almeno apparentemente,   alcun   processo   di  

è prevista   nell’ambito   delle   discipline   offerte   dal  

formazione e  di  crescita.

liceo scientifico.  Per   esempio,  è  evidente  la  necessità   di   acquisire  competenze  almeno  elementari   in   fa>o  

Aggiungo una   considerazione  che,  dal  mio  punto  di  

di economia   e   finanza,   per   potere   interpretare   la  

vista, è  estremamente  grave  e  di  per  sé  è  sufficiente  

realtà che  ci  circonda   e  per   poter   agire  su   di  essa   in  

ad invalidare   queste   iniziative:   al   termine   delle  

modo consapevole,  anche  tramite  un   voto  ele>orale  

sessioni di   occupazione  o  di   autogestione,  infa>i,  la  

espresso su   basi   razionali   e   informate,   e   non   in  

scuola viene   sempre   lasciata   in   uno   stato   di  

modo istintivo,  acritico  e  facilmente  condizionabile  

sporcizia e   degrado   assolutamente   deplorevoli   e  

(non manca   poi   tanto   tempo  alla   nostra   maggiore  

indegni di  una  comunità  civile.

età!). Ciò  posto,  cosa  può  offrirci  un’iniziativa   come  

Concludo togliendomi   un   sassolino   dalla   scarpa:  

quella dell’autogestione,   rispe>o   ai   canali  

l’anno scorso,  a  causa   dell’occupazione,  il  liceo  Volta  

informativi di   cui   ciascuno   studente,   in   modo  

non ha  partecipato  alle  Olimpiadi  di  Matematica:  un  

individuale, può   liberamente   usufruire?   Mi  

appuntamento, questo,   per   il   quale  molti   di   noi   si  

riferisco, per   esempio,   alla   le>ura   dei   quotidiani,  

erano preparati  con   entusiasmo  e  impegno.  Il  nostro  

alle discussioni   in   ambito  familiare  e  con   gli   amici,  

liceo è  una   scuola  di  punta  di   Milano,  noi  ne  siamo  

ecc.

orgogliosi e   non   acce>iamo   che   una   minoranza  

Il valore   aggiunto,   a   mio   avviso,   dovrebbe  

(speriamo) di  irresponsabili   ne  me>a   in  discussione  

consistere, nella  possibilità  di:

la serietà  e  la  reputazione.      

-­‐‑

Disporre di   relatori   qualificati   e   autorevoli,   che  siano  in  grado  di  esporre  con  chiarezza  e   competenza  i  temi  in  esame;

-­‐‑

Assistere al   confronto  civile   e   costru>ivo  di   persone   portatrici   di   esperienze,  posizioni   e   punti  di  vista  diversi;

IG pagnoni II m o C i n n a Giov


Il Programma Lunedì

Martedì

Mercoledì

Economia

Politica

Società

8.20-9.00

Introduzione giornata

Introduzione giornata

Introduzione giornata

9.00 - 10.45

-­‐Donne e  ques4one   -­‐Rivoluzioni  arabe -­‐Piazza  fontana femminile -­‐Cambiare  il  paradigma   -­‐Nuovo  governo  Mon4   -­‐DiriP  per  i  soggeP   (come  cambiare  la  scuola) -­‐Crisi  economica  e  crisi   LGBIT  e  welfare -­‐Censura  ai  tempi  di   del  debito   -­‐Flash  mobs internet -­‐Boico<aggio -­‐Rassegna  stampa -­‐De  Andrè -­‐CAPITALISM,  A  LOVE   -­‐An4proibizionismo -­‐FRAGOLE  E  SANGUE STORY   -­‐Tolkien -­‐I  DIARI  DELLA   -­‐DEBITOCRACY -­‐L'ONDA MOTOCICLETTA -­‐MILK

11.15 - 13.00

-­‐Acqua pubblica   -­‐An4fascismo   -­‐Precarietà  e   disoccupazione   giovanile   -­‐Speculazione  edilizia -­‐Open  source   -­‐Arte  in  cor4le -­‐NAZI  ROCK  

-­‐Israele e  Pales4na -­‐No  tav -­‐Occupy -­‐Musica  e  poesia -­‐Arte  in  cor4le -­‐DIGA  DEL  VAJONT

-­‐Emergency -­‐Giovani in  poli4ca -­‐Sex  work -­‐Mafia  a  Milano -­‐Disinteresse    e   società  all'interno   del  Volta -­‐Arte  in  cor4le -­‐ALLA  LUCE  DEL  SOLE -­‐BOYS  DON'T  CRY

Pranzo sociale

Pranzo sociale

Pranzo sociale

-­‐Corteo per  Piazza   Fontana -­‐Concerto  per  Piazza   Fontana

-­‐Come disegnare  manga  e   fumeP -­‐Giocoleria -­‐Writer -­‐Tornei  spor4vi -­‐MW3/FIFA12 -­‐Teatro  dell'oppresso

QUANDO

13.00 14.30 in poi

-­‐Come disegnare   manga  e  fumeP -­‐Giocoleria -­‐Writer -­‐Tornei  spor4vi -­‐MW3/FIFA12 -­‐Musica  e  poesia


Giornalotto Speciale Autogestione A.S. 2011/2012  

Il numero speciale del Giornalotto in vista dell'autogestione di dicembre 2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you