Page 1

NUMERO 8  –  MERCOLEDI  13    GIUGNO    2012  

Rivista online  dell’Associazione  Giovani  Per  il  Lazio   www.giovaniperillazio.it    

A cura  di  Giuseppe  Montagnese  

Questa è   l’ul+ma   edizione   di   Giornale   Giovani,   prima   della   pausa   es+va.  L’Associazione  Giovani  Per  il  Lazio  augura  a  tu=  i  suoi  amici  ed   associa+,  una  stupenda  e  rilassante  Estate.  

“UNA SQUADRA  VINCENTE”  

L’intervista…………….pagina 1   L’analisi……..………….pagina  4   EuropoliIca…..………pagina  5   Dal  Mondo…….………pagina  6      

Intervista a  Giuseppe  Nucci     Amministratore  Delegato  della  Sogin                    

ricca  esperienza  manageriale  acquisita  con   Laureato  in  ingegneria  meccanica  e  con  una   incarichi  di  rilievo  in  varie  aziende  –  ASTRA  gruppo  FIAT,  Tecnomasio  Brown  Boveri,  Cemen+r   ed  Enel  -­‐  Giuseppe  Nucci  è  oggi  Amministratore  Delegato  di  Sogin,  la  Società  di  Stato  che  si   occupa  della  bonifica  ambientale  dei  si+  nucleari  italiani  e  della  ges+one  e  messa  in  sicurezza   dei  rifiu+  radioa=vi  provenien+  dalle  a=vità  industriali,  medico-­‐sanitarie  e  di  ricerca.  

Ingegner Nucci,   cosa   si   sente   di   dire   giovani   che   si   apprestano   ad   entrare   nel   mondo   del   lavoro   in   questo  parIcolare  momento?     I   giovani   non   devono   demoralizzarsi.   Molto   spesso   si   convincono   che   le   cose   vanno   male   e   che   ciò   che   li   aspe;a  è  troppo  grande  per  loro.  Lo  so  perché  prima   di   essere   manager   sono   padre.   L’a;uale   crisi   economica  è  una  crisi  di  cara;ere  stru;urale.  Ci  vorrà   del  tempo  perché  venga  riassorbita.  Il  consiglio  che  mi   sento   di   dare   è   di   inventare   il   proprio   lavoro.   Credo   che   questo   momento   si   potrà   superare   anche   grazie   alla  capacità  delle  nuove  generazioni  di  farsi  carico  del   proprio  desEno  professionale.       Lei   è   un   manager   di   lunga   esperienza.   Cosa   si   senIrebbe   di   consigliare   ai   giovani   che   aspirano   ad   avviare  un’aTvità  imprenditoriale?   Innanzitu;o,   ci   vogliono   impegno   e   passione   e   creaEvità.  Si  deve  credere  nel  proprio  proge;o.    

Al di   là   di   questo,   credo   che   il   segreto   di   un’esperienza   imprenditoriale   posiEva   sEa   nella   consapevolezza   che   questo  percorso  va     intrapreso   con   un   team   affiatato   per   raggiungere   determinaE  risultaE.  Proprio  come  fanno  gli  allenatori   sporEvi,   gli   imprenditori   o   i   manager   devono   accuratamente   scegliere   i   propri   collaboratori   e,   nel   contempo,   dare   loro   la   giusta   moEvazione   per   diventare  una  squadra  vincente.       Nell’ExecuIve  Master  in  Healthcare  &  PharmaceuIcal   AdministraIon   dell’Università   Luiss   di   Roma   lei   è   docente   di   un   corso   sui   metodi   e   aYeggiamenI   da   applicare   all’interno   dell’azienda   per   creare   una   “squadra   vincente”.   Che   cosa   significa   “squadra   vincente”?   Posso  dire  che  nelle  aziende  non  sempre  viene  dato  il   giusto  valore  alla  “cultura  di  squadra”.      


Giornale Giovani  

“avere cuore,  testa…e  aRribu+..”   Nelle   mia   vita   manageriale,   invece,   mi   sono   sempre   impegnato  affinché  le  persone  con  le  quali  lavoravo  si   senEssero  parte  di  un  gruppo.  Dall’o;obre  2010  sono   Amministratore   Delegato   di   Sogin,   la   Società   di   Stato   che   sta   bonificando   i   siE   nucleari   e   me;endo   in   sicurezza   tuU   i   rifiuE   radioaUvi.   Si   tra;a   della   più   grande   bonifica   ambientale   della   storia   del   nostro   Paese.   Un   compito   impegnaEvo   che   richiede,   più   che   in  altri  contesE  aziendali,  una  squadra  molto  moEvata,   vincente.  Le  persone  che  oggi  lavorano,  in  Sogin,  oltre   al   senso   di   appartenenza   all’azienda,   hanno   un   forte   senso   dello   Stato.   Ciascuno   sa   che   quoEdianamente   lavora   per   raggiungere   un   ambizioso   obieUvo:   garanEre   la   sicurezza   dei   ci;adini   italiani   e   la   salvaguardia   dell’ambiente.   Per   quanto   impegnaEva   possa   essere   la   mission   aziendale,   non   è   necessario   che  i  propri  collaboratori  siano  però  dei  “fuoriclasse”.   Nel   corso   delle   mie   esperienze,   mi   sono,   infaU,   reso   conto   che   una   squadra   vincente   può   tranquillamente   essere  formata  da  persone  normali.     Sembra   un   paradosso..come   si   fa   a   formare   una   squadra  vincente  con  persone  normali?   Un   team   non   è   la   somma   delle   qualità   di   ciascun   componente,   ma   un   insieme   di   uomini   e   donne   consapevoli  di  far  parte  una  squadra  che  costruisce  e   applica   una   strategia   comune   per     raggiungere   un   obieUvo  comune.  Il  manager  deve  saper  assegnare  a   ciascuno  il  suo  ruolo  sulla  base  delle  proprie  capacità  e   potenzialità.   TuU   devono   poter   dare   il   meglio   di   se   stessi.    

“Il risultato  è  che  tuT  devono   senIrsi  parte  della  squadra,   sapendo  di  contribuire  ciascuno  con   il  proprio  ruolo  al  raggiungimento   della  meta.  In  questo  processo,  il   ruolo  del  manager  è  strategico”   13/06/2012  

Giuseppe Nucci  –  fonte  internet  

E’ questa  mentalità  e  questo  clima  che  trasforma  un   gruppo,   somma   di   individualità   in   una   squadra   vincente.   In   sintesi   senso   di   appartenenza,   condivisione   degli   obieUvi   e   della   strategia   e   un   adeguato   livello   professionale   sono   le   leve   che   consentono   ad   una   squadra   di   essere   vincente   nel   tempo.       Come  si  costruisce  una  squadra  vincente?   Nella  vita  aziendale,  come  in  quella  sporEva,  il  punto   di   partenza   è   avere   chiaro   l’obieUvo.   Questo   va   comunicato   e   condiviso   in   ciascun   livello   organizzaEvo.   Il   risultato   è   che   tuU   devono   senErsi   parte   della   squadra,   sapendo   di   contribuire   ciascuno   con  il  proprio  ruolo  al  raggiungimento  della  meta.  In   questo  processo,  il  ruolo  del  manager  è  strategico.    

www.giovaniperillazio.it

2


Giornale Giovani   Curriculum Vitae di Giuseppe Nucci Cavaliere  dell’Ordine  al  Merito  della  Repubblica   per  aver  realizzato  l’illuminazione  del  Palazzo  del   Quirinale  Titolare  dei  breveU  della  “Lanterna  della   comunicazione”  (sistema  di  videocomunicazione,   registrato  in  Italia  e  negli  USA)  e  della  “Webtower”  (torre   faro  per  telefonia  e  illuminazione,  registrato  in  Italia)  

Come quando   si   è   al   volante   della   propria   autove;ura,   il   compito   del   capo   è   quello   di   “senEre   i  suoi”  e,  di  conseguenza,  decidere  la  velocità  con  la   quale   procedere.   Spe;a   al   manager   saper   accelerare   o   rallentare   sulla   base   del   clima   del   gruppo  e  delle  difficoltà  che  dovessero  emergere.  Di   qui   la   capacità   nel   saper   mantenere   il   controllo   DaI  personali  e  studi   anche  quando  la  strada  è  “tortuosa”.             Nato  a  Roma,  13  Novembre  1951.     Laurea  in  ingegneria  meccanica  -­‐  Università  degli  Studi  di  Roma  “La     Però  le  squadre  vincenI  commeYono  errori?   Sapienza”  –  1977   Certamente.   Ciò   che   conta   è   però   amme;ere   2010-­‐  aYualmente:  Sogin  Spa  -­‐  Amministratore  Delegato   2012:   Docente   del   Master   EMPHA   (ExecuEve   Master   in   Healthcare   l’errore   e   valutare   le   azioni   di   miglioramento.   &  PharmaceuEcal  AdministraEon)  della  Luiss  Business  School     D’altro  canto  il  manager  deve  essere  in  grado  di  far   2009  -­‐  2010:  Sogin  Spa  -­‐  Vice  Commissario  di  Governo   percepire   al   proprio   team   l’errore   non   come   una   2009:   Docente   ASAP   (Agenzia   Sviluppo   Amministrazioni   Pubbliche)   dimostrazione   d'incapacità   ma   come   modalità   di   2007-­‐2009:  Delega  dell’Amministratore  Delegato  di  FinbieEcola  Spa,   crescita  individuale  e  di  tu;a  l’azienda.  Sembra  una   oggi  Gruppo  Terrae  Spa,  per  lo  sviluppo  di  tu;e  le  società  di  scopo   banalità  ma  spesso  mi  sono  accorto  che,  pur  di  non   finalizzate   alla   riconversione   dell’industria   saccarifera;   dal   2009   Consigliere  di  Amministrazione  TIA  Bondeno  Energia  Srl  2006-­‐2007:   amme;ere   un   errore,   si   cercano   alibi   con   i   quali   Sogin   Spa   –   Dire;ore   ProgeU   Esterni   Se;ore   Ambientale   giusEficarsi.  In  questo  modo  non  si  cresce.  Ricordo   2005-­‐2006:   Sogin   Spa   -­‐   Amministratore   Delegato   2004:   STI   Spa   sempre   ai   miei   collaboratori   che   più   le   loro   (Società   di   ingegneria   e   di   properEes   e   facility   management)   -­‐ prestazioni   migliorano   più   è   soUle   lo   scarto   tra   Amministratore  Delegato     successo   e   insuccesso.   Per   tornare   alla   metafora   2001-­‐2004:  Assistal  (Associazione  Nazionale  Costru;ori  di  ImpianE)   sporEva  la  differenza  tra  una  squadra  vincente  che   –  Componente  nazionale  della  Giunta  2000-­‐2003:  AIDI  (Associazione   vince   e   una   squadra   vincente   che   perde   spesso   Italiana   di   Illuminazione)   –   Presidente   e   Consigliere   di   equivale   a   un   15   a   tennis,   a   un   rigore   dopo   i   amministrazione   1999-­‐2003:   SO.LE.   Società   Luce   Ele;rica   Spa   supplementari,   alla   caduta   del   tesEmone   all’ulEmo   Gruppo  Enel,  dal  2000  Enel  Sole  Srl  –  Amministratore  Delegato   giro  della  staffe;a.   Lancio   della   prima   diversificazione   nel   se;ore   energia   del   Gruppo   Enel.   Sole   diventa   leader   in   Europa   nel   mercato   dell’illuminazione     pubblica   e   arEsEca   1999-­‐2003:   Enel   SI     Srl   –   Consigliere   di   Ingegnere,   potrebbe   sinteIzzarci   tuYo   in   tre   amministrazione     1999:   Enel   Spa   –   Dire;ore   centrale   Divisione   parole?   Distribuzione   Illuminazione   Pubblica   1992-­‐1999:   PARS   Srl   Nella  vita,  non  solo  quella  lavoraEva,  mi  sono  fa;o   (Rappresentanze   Industriali)   –   Fondatore   e   socio   di   maggioranza     sempre   consigliare   da   un   mio   mo;o   che   presto   1989-­‐1998:   CemenEr   Holding   Spa   -­‐   Dire;ore   Centrale   Sviluppo   volenEeri   ai   ragazzi   e   alle   ragazze   che   si   vogliono   Nuove  AUvità  e  Dire;ore  Centrale  Commerciale     me;ere  in  gioco:  avere  cuore,  testa…e  a;ribuE.       1989-­‐1998:   Acciaierie   Tubificio   di   Brescia   (ATB)   Spa,   Bentoval   Spa,   Cemencal  Spa  e  Sacfem  Spa  –  Consigliere  di  amministrazione   1985-­‐1989:   Tecnomasio   –   Brown   Boveri   e   Gruppo   Asea   Brown   Boveri  –  Dire;ore  della  filiale  di  Roma     1985-­‐1989:  Consorzio  ABB  Metram  –  Dire;ore  Generale     Costruzione  del  primo  tram  veloce  italiano  (piazzale  Flaminio  –  p.zza   Mancini  –  Roma)  1980:  NUXEL  Srl  (Importatore  esclusivo  per  l’Italia   e   vendita   su   tu;o   il   territorio   nazionale   dei   mini   compressori   per   auto   BDW)   –   Fondatore     e   socio   di   maggioranza   1979-­‐1985:   Astra   Veicoli  Industriali  Piacenza  (oggi  Gruppo  Fiat)  –  Responsabile  Qualità   e  Vicedire;ore  Vendite  in  Italia  e  all’estero                

     

13/06/2012

          Roma,  7  giugno  2012   Riccardo  Nucci  

www.giovaniperillazio.it

3


Giornale Giovani   LA  DIPLOMAZIA  FA  CILECCA  ?     La  diplomazia  italiana  è  efficace  o  no?  Se  pensiamo  al   caso  dei  due  Marò  italiani  accusaE  di  avere  ucciso  due   pescatori  indiani,  la  domanda  sorge  spontanea,  come   anche  la  risposta:  la  diplomazia  italiana  fa  cilecca.   Lungo   l’arco   della   sua   storia,   a   parEre   dal   primo   dopoguerra   fino   a   oggi,   la   nostra   diplomazia   ha   a;raversato  fasi  alterne.  E’  infaU  passata  da  momenE   di   estrema   fermezza,   come   la   risposta   alle   sanzioni   francesi   e   inglesi   in   seguito   all’a;acco   all’EEopia   del   1935,   in   cui   l’Italia   è   riuscita   a   far   prevalere   le   sue   ragioni  e  l’interesse  nazionale  contro  quello  degli  altri   paesi   coloniali   di   allora,   per   poi   inciampare   in   situazioni   meno   complesse   nelle   quali   ha   mostrato   un’eccessiva   mancanza   di   lucidità.   Alla   luce   dei   faU,   possiamo   ancora   sostenere   e   avere   fiducia   nella   Una  nave  cargo  scortata  da  una  nave  della  Marina  Militare   nostra  rinomata  diplomazia?    Tornando   al   caso   dei   Marò,   senza   entrare   nel   merito   delle   azioni   militari   intraprese,   mi   domando:   perché   la   ENRICA   LEXIE,  in  seguito  all’accaduto  (avvenuto  in  acque  internazionali),  ha  ritenuto  che  entrare  in  acque  indiane  (su  consiglio   dell’India)   fosse   la   scelta   migliore?   Probabilmente,   se   non   fosse   stato   commesso   un   simile   errore,   oggi   non   se   ne   parlerebbe   nemmeno.   Purtroppo,   invece,   l’errore   c’è   stato   e   ora   siamo   chiamaE   a   confrontarci   con   le   conseguenze   relaEve  alle  diverse  problemaEche  interne  sorte  in  India.  Se  prima  dovevamo  aspe;are  l’esito  delle  elezioni,  ora  ci  siamo   accorE  di  essere  delle  semplici  pedine  poste  all’interno  dei  diversi  giochi  di  potere  internazionali  tra  India,  Cina  e  StaE   UniE,  il  cui  focus  principale  è  cosEtuito  dall’o;enimento  del  controllo  dei  mari  del  Sud.     Siamo  semplici  comparse  private  del  copione:  il  nostro  desEno  è  deciso  da  terzi,  in  quanto  non  abbiamo  alcuna  voce  in   capitolo.   Dal   mio   punto   di   vista,   l’unico   modo   per   risca;arci   sarebbe   ricorrere   alla   nostra   tanto   rinomata   azione   diplomaEca,  prendendo  spunto  da  una  famosa  strategia  poliEco/militare  vecchia  e  consolidata:  a;accare  Cartagine  per   sconfiggere  Annibale.  Voglio  intendere:  fare  pressioni  sugli  USA  (Cartagine),  facendo  leva  sul  grande  contributo  fornito   dall’Italia  nelle  missioni  estere,  per  essere  in  grado,  così,  di  sconfiggere  le  esitazioni  indiane  (Annibale).  Beninteso,  non   dico   che   la   colpevolezza   dei   due   soldaE   non   dovrebbe   essere   condannata   (una   volta   verificato,   sopra;u;o   tenendo   conto  del  numero  dei  feriE  in  seguito  alla  sparatoria:  che  si  traU  di  capacità  balisEche  di  assoluta  precisione?)  ,  ma  la   quesEone   diplomaEca   è   un’altra.   SEamo   parlando   di   un   caso   avvenuto   in   acque   internazionali   e   che   per   tale   ragione   dovrebbe  seguire  la  legge  italiana.  Come  mai,  invece,  è  divenuto  il  punto  centrale  del  contenzioso  tra  l’Italia  e  l’India?   Pensiamo   anche   al   caso   di   Franco   Lamolinara   e   Chris   McManus,   l’ingegnere   italiano   e   il   suo   collega   inglese   rapiE   in   Nigeria   da   un   gruppo   di   ribelli,   e   la   cui   morte   è   stata   causata   da   un   blitz   unilaterale   inglese   avvenuto   all’oscuro   delle   autorità   italiane.   Come   è   stato   possibile?   E   se   invece   di   un   ci;adino   italiano,   fosse   stato   un   francese   o   un   americano,   avrebbero  agito  allo  stesso  modo?  Come  era  considerato  l’italiano  nella  strategia  di  intervento?  Un  elemento  a  perdere?   Oppure   gli   inglesi   sono   così   convinE   della   loro   superiorità   da   definirsi   infallibili   e   sicuri   rispe;o   all’obieUvo   da   raggiungere?     Le  domande  sono  molte  e  a  traU  imbarazzanE,  come  lo  sarebbero  anche  le  risposte  ,  ma  il  quesito  che  maggiormente  mi   sovviene  è:  dopo  anni  di  superiorità  e  di  strategicità  a  livello  internazionale,  oggigiorno  che  ruolo  ha  l’Italia?  Credo  che  la   fonte   di   tuU   quesE   schiaffi   morali   vada   ricercata   nella   mancanza   di   credibilità   che   abbiamo   acquisito   a   livello   internazionale,   dovuta   a   secoli   di   stereoEpi   e   di   scandali,   alimentaE   dai   giornali   grazie   alla   poca   serietà   e   sobrietà   di   alcuni   poliEci.   Sembrano   lontanissimi   i   tempi   in   cui   Craxi   sfidò   gli   StaE   UniE   con   un’azione   di   diplomazia   encomiabile   nella  crisi  di  Sigonella.  Erano  gli  anni  in  cui  l’Italia  riuscì  a  far  prevalere  le  sue  ragioni  contro  la  superpotenza  americana  e   contro  quel  Presidente  (Regan)  che  con  la  sua  determinazione  sferrò  un  colpo  decisivo  all’URSS.     Erano  altri  tempi,  in  cui  l’Italia  riusciva  a  conferire  capi  di  governo  invece  di  farseli  imporre  passivamente.       Riccardo  Nucci           13/06/2012   www.giovaniperillazio.it   4  


Giornale Giovani  

L’ Europa  PoliIca  

A;ualmente l'Unione  Europea  appare  svuotata  degli   ideali   e   dei   grandi   progeU   poliEci   che   animarono   nel   dopoguerra  la  nascita  di  questa  ambiziosa  comunità.   Grandi   risultaE   sono   staE   o;enuE   ma   oggi   i   leader   europei   stanno   proponendo   un   modello   di   unione   poco  costruUvo,  si  cerca  un  modello  di  integrazione   a;raverso   la   paura,   pressaE   dalla   crisi   economica   i   verEci   europei   sembrano   agire   seguendo   l'emergenza   senza   alcuna   stabile   proge;ualità   condivisa.     L'Europa   della   solidarietà   viene   meno   di   fronte   alla   retorica   della   crisi   che   svilisce   anche   le   poliEche   di   più   ampio   respiro.   L'Unione   Europea   credo   debba   recuperare  credibilità  come  grande  proge;o  poliEco,   deve   trovare   un   idenEtà   comune   per   quanto   riguarda   ad   esempio   la   poliEca   estera   e   di   difesa,   poliEca   energeEca   e   la   poliEca   nel   campo   dell'immigrazione.     ‘’Lo  stato  carioca  non  ha  di  certo  le  carte  in  regola  per  dare  all’Italia  lezioni  di  legalità  e  giusDzia’’     QuesE  sono  tre  se;ori  in  cui  è  determinate  misurare  se  vi  sia  la  capacità   per  l'UE  di  essere  unita  e  solidale.  Tramite  un   disegno  ambizioso  ma  cui  rispondano  presto  faU  concreE  l'UE  deve  puntare  ad  un  rilancio  del  suo  ideale  comune,   con  poliEche  ambiziose  ma  efficaci,  che  riescano  anche  a  riavvicinare  l'opinione  pubblica  alla  sua  causa  di  modo  che   L'Europa  non  sia  più  ostaggio  dei  mercaE  come  adesso.     TuU   quanE   ricorderete   l'anno   scorso   all'incirca   in   questo   periodo   esplose   l'emergenza   immigrazione.   CenEnaia   di   migliaia   di   persone   si   riversarono   trasportaE   su   faEscenE   barconi   stracolmi   verso   l'isola   di   Lampedusa   sognando   l'Italia   ed   un   futuro   migliore.   Mesi   di   polemiche   segurino   ,   questa   situazione   ed   emerse   il   problema   di   quale   ruolo   dovesse   avere   l'Unione   Europea   nella   vicenda.   La   Germania   e   la   Francia   assieme   ad   altri   paesi   del   Nord   Europa   tradirono   lo   spirito   originario   dell'UE   e   di   Schengen   arroccandosi   sui   propri   interessi   e   relegando   il   problema   ai   paesi   ai   confini   dell'Unione   che   si   dove;ero   sobbarcare   il   problema.   Un   anno   dopo   questa   emergenza   si   potrebbe   riproporre,   un   ministro   libico   in   visita   diplomaEca   in   Italia   ha   recentemente   avverEto   che   gli   sbarchi   potrebbero   ricominciare.  La  situazione  sarebbe  uguale  all'anno  scorso.  A  livello  europeo  non  è  stato  approntata  alcuna  soluzione   sostenibile  e  nessun  piano  azionabile.     Questa  è  una  lacuna  da  non  trascurare  per  un  organismo  nato  nell'oUca  di  una  maggiore  cooperazione  e  coesione   conEnentale.  E'  mancata  ancora  una  volta  la  volontà  poliEca  del  dire;orio  franco-­‐tedesco  per  impegnarsi  a  trovare   una   soluzione   condivisa   e   ragionevole   per   tuU.   L’UE   si   pone   da   una   parte   come   un   isEtuzione   rigorosa   e   presente   in   parEcolare   sull'approccio   economico   e   dei   conE   ma   dall'altra   è   un   sogge;o   latente.   Bruxelles   troppo   spesso   non   riesce  a  trovare  una  vera  linea  poliEca  comune,  imprescindibile  per  perme;ere  delle  azioni  forE.  Cosi  nel  campo  della   poliEca   estera,   poliEca   energeEca   e   poliEca   di   immigrazione   si   trovano   se   va   bene   delle   vie   di   mezzo,   dei   compromessi  che  non  soddisfano  le  reali  esigenze  della  Comunità.  Agendo  così  si  svilisce  il  senso  ulEmo  dell'Unione   che  si  riduce  ad  apparato  burocraEco  o  controllore  dei  conE.  Se  L’Europa  non  si  smuove  anche  come  a;ore  poliEco   su   quesEoni   importanE,   di   fa;o   non   si   va   oltre   l'approccio   economico   e   si   tradisce   l'idealismo   che   ha   animato   i   padri   fondatori  ed  avvicinato  molte  persone  al  sogno  europeo.  Queste  contraddizioni  minano  la  credibilità  dell'UE  fino  ad   influenzare  i  mercaE,  l'Europa  si  dovrà  dimostrare  forte  e  unita  su  un  proge;o  reale  di  rilancio  poliEco  o  altrimenE   vincerà   la   paura   della   crisi   come   accade   fino   a   questo   momento   e   si   conEnuerà   ad   agire   solo   per   tamponare   un   problema  quando  già  l'emergenza  è  scoppiata.           Valerio  Palombaro     13/06/2012   www.giovaniperillazio.it   5  


Giornale Giovani   GeneraIon   1992   compeIIon   celebrates   twenty   years   anniversary   of   the   European   single   market   that   has   allowed   the   free   movement   of   capital,   goods,   services   and   people   actually   changing   the   lives   of   millions   of   European   ciIzens.   But   someImes   the   actual   mechanisms   of   the   EU   are   unknown   to   ciIzens.   The   following   short   piece   will   try   to   briefly   explain   the   financial   resources   necessary   for   the   effecIve   funcIoning   of   the   EU.   These   come   through   three   main   channels:   customs   duIes   or   rights   taken   by   imporIng   products   from   third   countries   and   export   of   sugar   (   about   12%   of   the   EU   budget),   VAT  collected  by  the  States  and  paid  to  the  EU  (about  11%).   The   big   chunk,   three-­‐quarters   of   the   budget,   is   originated   by   the   Member   States   which   spend   part   of   their   Gross     DomesEc  Product  in  Brussels  in  the  awareness  of  the  importance  of  European  insEtuEons  for  the  implementaEon  of   the  EU  policies.   The  parEcipaEon  and  the  extent  of  this  contribuEon  is  voluntary  and  discreEonary,  thus  there  are  some  countries   that  are  net  contributors  to  the  budget,  in  other  words  means  that  they  pay  more  than  what  they  get.  In  this  period   of  austerity  it  is  important  that  states  doesn’t  cut  their  funds  for  the  EU.    In  fact,  it  is  on  this  basis  the  European  Commission  decides  which  porEon  of  its  budget  allocated  and  to  which  sector   mainly   through   financial   planning,   valid   for   the   next   six   years   (2014-­‐2020).   The   largest   part   is   devoted   to   development   funds   with   approximately   45%   of   the   total,   to   improve   condiEons   in   disadvantaged   areas.   The   agricultural  policy  has  a  significant  share  with  30%,  rural  11%  and  just  under  6%  for  administraEve  costs.  As  for  the   years  2007-­‐2013  the  EU  has  earmarked  for  Italy  about  28  billion  Structural  Funds  between  ERDF  and  ESF.  It  has  to  be   said  that  are  not  always  properly  managed  and  spent.  The  good  news  is  that  there  are  specific  programs  for  young   entrepreneurs.  Here  are  the  different  types  of  European  Structural  Funds:     Structural   Funds   European   Regional   Development   Fund   (ERDF)   which   aims   to   reinforce   economic   and   social   cohesion   by   redressing   regional   imbalances.   This   is   achieved   by   supporEng   the   development   and   structural   adjustment   of   regional   economies,   including   the   conversion   of   declining   industrial   regions.   promote   cohesion   and   employment   development   This   objecEve   results   in   investment   aimed   at   creaEng   sustainable   jobs,   investment   in   infrastructure,   measures   which   support   regional   and   local   development,   including   support   and   services   for   businesses,  in  parEcular  small  and  medium-­‐sized  enterprises  (SMEs)and  technical  assistance.   European  Social  Funds  (ESF)  which  aims  to  boost  employment  in  the  member  states  mainly  through  programs  aimed   at  developing  innovaEon  and  formaEon  for  young  entrepreneurs,also  helping  to  internaEonalise  a  business  such  that   the  new  enterprise  can  export  abroad  There  are  many  ESF  microfinance  projects  set  up  in  EU  countries  specifically  to   lend  the  relaEvely  small  amounts  of  capital  that  new  entrepreneurs  might  need  to  start  up  a  new  business.  Cohesion   Funds  are  managed  by:  NOP  (NaEonal  OperaEonal  Program)  -­‐  ROP  (Regional  OperaEonal  Programmes)   NIOP  (inter-­‐regional  OperaIonal  Programmes).  European  funds  can  be  awarded  a  grant  that  is  funded  subsidized   They  are  granted  in  two  ways:  -­‐  Direct  management,  are  those  given  directly  by  the  European  Commission  through   noEces  published  in  the  Official  Journal  of  the  European  Union.   Indirect  management:  the  funds  are  transferred  from  the  European  Commission  to  insEtuEons  of  member  countries   and   managed   by   central   and   local   administraEons   (municipaliEes,   regions,   insEtuEons,   ministries).   They   will   then   deliver  them  to  the  funds  received  to  the  end  users  (ciEzens,  businesses,  other  naEonal  insEtuEons)  through  noEces   that  are  published  in  the  Official  Journal  of  the  naEonal  or  regional  level.     generaEon1992.eu   Riccardo  Nucci,  Luca  Priolo,  Valerio  Palombaro    

13/06/2012

www.giovaniperillazio.it

6


Giornale Giovani   L’ANGOLO  AUSTRIALIANO  

FIFO  

Se diventare  ricchi  nel  giro  di  pochi  anni  senza  dover  studiare  o   avere  alcuna  parIcolare  esperienza,  vi  sembra  un  sogno  ad  occhi   aperI…beh,  svegliatevi:  in  Western  Australia  accade  davvero.   FIFO  e’  l’acronimo  di  FLY  IN  FLY  OUT  e  non  descrive  solo  un  Epo  di  lavoro,  ma  un  vero  e   proprio  sEle  di  vita  per  molEssimi  australiani  e  stranieri  che  lavorano  al  nord  del  Western   VIENI  A  TROVARCI     Australia.   Ma   essere   un   “FIFO”   e’   sopra;u;o   la   chiave   per   poter   guadagnare   fino   a   $200.000   annui   che,   tanto   per   farvi   un’idea,   sono   quasi   $100   l’ora…insomma   …sembra   SU  FACEBOOK   un  sogno!     Ma  qui  non  siamo  nelle  favole  e  la  verità  è  che  essere  un  FIFO  ha  un  prezzo  forse  più  alto   dei   tanE   dollari   che   si   guadagnano…QuesE   lavoratori,   per   lo   piu’   giovani   so;o   i   30,   lasciano   casa   e   volano   verso   le   remote   localita’   dove   si   trovano   le   miniere   e   dove   lavorano  tuU  i  giorni,  12  ore  al  giorno  compreso  il  weekend,  con  roaster  (turni  di  lavoro)   che  possono  essere  diversi:  il  piu’  comune  e’  un  mese  ON  (a  lavoro)  e  due  seUmane  OFF   Giornale  Giovani     (a  casa),  ma  ce  ne  sono  anche  di  piu’  assurdi  come  un  mese  ON  ed  una  seUmana  OFF.   IDEATO  E  REALIZZATO  DA   Per  loro  sono  staE  creaE  dei  veri  e  propri  villaggi  dove  vivere  e  passare  il  (poco)  tempo   GIOVANI  PER  IL  LAZIO.  VISITA  IL   NOSTRO  SITO     libero  e  che  ovviamente  sono  ben  lontani  dalla  nostra  idea  in  sEle  “Valtur”.  QuesE  posE   WWW.GIOVANIPERILLAZIO.IT     sono  ci;a’  fantasma  abitate  da  meno  di  300  persone  alle  quali  si  aggiungono  le  cenEnaia   PER  SCOPRIRE  LA  NOSTRA   di   lavoratori   che   a   fine   giornata   si   riErano   nei   loro   appartamenE,   spesso   condivisi,   ATTIVITA’.   alienaE   da   tante   ore   di   estenuante   lavoro.   L’unica   a;raUva   e’   bersi   una   birra   al   pub   popolato  da  prosEtute  che  cercano  di  riaccendere  gli  animi  di  quesE  fantasmi.      Potete  immaginare  cosa  succede  a  chi  torna  a  casa  dopo  un  mese  di  lavoro  così…?   Innanzitu;o   ci   vogliono   giorni   per   riabituarsi   alla   realta’   della   vita   quoEdiana   che   non   e’   poi   comunque   vita   normale   siccome,  mentre  tu;o  il  resto  della  ci;a’  conEnua  a  lavorare  a  ritmi  normali,  loro  sono  in  vacanza.  Il  tempo  lo  spendono   per   di   piu’   a   bere   e   dormire   e   purtroppo,   sempre   piu’   comunemente,   accompagnano   il   tu;o   all’uso   di   droghe.   Il   problema   sta   diventando   di   interesse   nazionale   e   le   societa’   hanno   iniziato   a   responsabilizzarsi   in   questo   senso   creando   un   meccanismo  di  controllo  dei  lavoratori  anche  quando  sono  lontani  così,  chiunque  viene  scoperto  ad  abusare  di  droghe  o   alcol,  perde  immediatamente  il  posto.  Ma  i  problemi  non  finiscono  qui,  perche’  molE  di  quesE  lasciano  figli  e  mogli  che  non   vedono  per  periodi  lunghissimi  creando  un  enorme  squilibrio  a  livello  familiare  che  nessun  dollaro  potrà  mai  resEtuire.     Purtroppo   però,   l’enorme   guadagno   che   si   prospe;a   con  un  lavoro  simile,  sta  aUrando  sempre  più  ragazzi  e   sempre   più   giovanissimi   che   decidono   volutamente   di   non   intraprendere   il   percorso   universitario   per   poter   lavorare   in   miniera   e   diventare   ricchi!   Riuscite   ad   immaginare  la  vita  di  chi,  a  20  anni,  si  ritrova  ad  avere   una   tale   disponibilità   economica   senza   la   maturità   per   gesErla?  L’argomento  ormai  spopola  su  giornali  e  blog… qualcuno   sembra   finalmente   essersi   accorto   di   quanto   questo   sistema   sEa   rovinando   l’equilibrio   sociale   e   psicologico   di   una   comunità   intera   e   non   solo,   ma   chi   ne   risente   sono   anche   coloro   che   non   lavorano   in   questo   se;ore.   Si,   perchè   ristoratori   e   commercianE   non   si   sono   certo   faU   scappare   l’occasione   di   aumentarei   prezzi   tanto   da   rendere   la   vita   difficile   a   chi   non  guadagna  certo  $200.000  all’anno!  Così  mi  fermo  e   cerco   di   trovare   un   senso   a   tu;o   questo,   al   fa;o   che   qualcuno  possa  comprare  la  nostra  vita  prome;endoci   il  paese  dei  balocchi  come  nella  favola  di  Pinocchio  .  Ma   a  quale  prezzo  vendiamo  la  nostra  libertà…?     Un  suggesEvo  scorcio  australiano     Federica  Nucci    

GIORNALE GIOVANI NUMERO 8 - 13 GIUGNO 2012  

GIORNALE GIOVANI NUMERO 8 - 13 GIUGNO 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you