Issuu on Google+

dom

Quindicinale - anno XLVIII n. 5

K

U

L

T

U

R

N

O

V

E

R

S

K

I

L

I

S

15. marca 2013 - Euro 1,00

T

POSTA ITALIANE S.P.A. - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONVERTITO IN LEGGE 27/02/2004 N° 46) ART. 1, COMMA 1, NE/PD- IN CASO DI MANCATO RECAPITO RESTITUIRE ALL’UFFICIO DI PADOVA DETENTORE DEL CONTO, PER LA RESTITUZIONE AL MITTENTE - TAXE PERÇUE - TASSA RISCOSSA - 35100 PADOVA - ITALY

UVODNIK

Potriebno se je varniti k poœteni politiki

K

ajœan se je bau, vsaj v zadnjih cajtah kampanje, rezultate parlamentarnih volitev, ki smo jih imieli 24. an 25. febrarja. Tisti strah je biu utemeljen, zak' je razdeliteu glasou pokazala, kakuo se je politi@na scena spremenila. Spremenila se je na tajœno vi¡o, de se na vie, kakuo Italija pride uon iz tajœne situacije. Navadne stranke so parœle do cilja kupe. Nova muo@, se pravi Gibanje 5 zvezd-M5S pa je preomagala vse an napravila veliko @udo, zak' se je parvi@ predstavila na vsodar¡avno igro an igrala zelo mo@nuo, tako de ji muoramo priznati ne samo moralno, pa tudi realno zmago. An prù tala nova politi@na sila nam da parlo¡nost, de pomislimo, le na sploœnem, kakuo se politika muora spremeniti, zak' je M5S zvonilo pruoti tu@i an grede mo@nuo zagarmiela na nepravilnosti navadne politike. ˘e duga lieta nekateri novinarji, ku G. A., Stella piœejo kriti@no pruoti italijanski politiki, zak' je pokazala vso nemuo@ v vojski pruoti korupciji, karvicami, zlorabi denarja. A iz telih kritik se ni rodilo ni@, zak so stvari œle an gredò napri ku prej. Tada se je parkazu na politi@ni scenarji G. Grillo, ki se ¡e duga lieta bori in to¡i za re@ì, ki na gredo po pravi poti. Zadnja lieta je pomislu, de bi bilo buj nucno se oglasiti politi@no. An glih takuo je za@eu an zaœteu re@ì, ki na gredo, pomanjkanja politike, nezaslu¡eni privilegiji an vse drugo temu podobno. Kàr nobedan se ni upu govoriti, on je neusmiljeno zabrusu v obraz zaspalih nasprotniku an zahtevu, vpraœu spremembe. Videli smo, de navadne stranke se niso za cajtan zaviedele telih valovu an so se znaœle v veliki zadregi an na vedo, kuo se reœiti. Zdaj je veliki problem napraviti an sestaviti novo vlado. Se na vie kakuo, kier mo@ì so takuo razdeljene, mnenja an polo¡aji takuo oddaljeni, de na vidimo œe resitve v kratkem cajtu. H temu se parlo¡e tudi izbira M5S, po kateri ne@e sodelovati z nobeno navadno politi@no stranko an takuo diela œe buj veliko zmedo v celim politi@nem svetu. Tudi tuole je bilo na nieki na@in prerokovano, a posledice nas na puste spati par mieru. #e moremo re@i kjek modrega, u@enje, ki nam je bilo dano v telih volitvah je, de se muoramo varniti h poœteni politiki, se pravi tisti, ki skarbi za dobro ljudì an ne tistih, ki imajo oblast v svojih rokah. Tuole velja za vse, brez izjeme an muora biti naglih izbrano an parpravjeno, @e ne bomo vsi le tarpieli. Kar gre pa za kristjane, ki so zbrali politi@no delo, ¡elimo, de bojo dielali an branili pravico an resnico. V zadnjih cajtah smo bili pri@a, de je tuole vickrat zmanjkalo za œkodo vseh dar¡avljanu an zasramovanje Evangelija. Prù Evangelij nam dà pravo smier, de na izgubimo prave potì.  Marino Qualizza

V CAJTU EKONOMSKE KRIZE DOMAÅI SVIET NUDI LEPE PARLOŒNOSTI ZA ZASLUŒEK

Malo sadje lahko o¡ivi kmetijstvo v gorah 

Gorski teritorij v Bene@iji je zelo parmieran, za rediti jagode in jih pobierati v miescah luj in voœt, kàr drugod jih nie vi@ in je po njih veliko poupraœevanje. Zatuo imajo dobro ceno. Spla@a se saditi in gojiti tudi drugo malo sadje, se pravi malince, @arnice in ribez, pa tudi planike, ki jih nucajo v kozmetiki. Tuole kmetijsko dielo je liepa parlo¡nost za ostati doma al’ se varniti v rojstne kraje. V Terski dolini pa imajo puno troœta na doma@o sorto fi¡ola, ki mu pravijo Fiorina  beri na 6. strani

ELEZIONI REGIONALI ALLE PORTE. In lizza anche molti politici della Slavia

Ma com’è lontano il Südtirol/Alto Adige

N

eanche smaltite le elezioni politiche, con il loro risultato di grande incertezza per il futuro dell’Italia – tanto che si prospetta un ritorno alle urne in tempi brevi –, ecco la campagna per il voto regionale del 21 e 22 aprile. Entro le 12 di domenica 17 marzo vanno presentate le candidature alla carica di presidente e le liste a loro sostegno e mai come questa volta la loro compilazione è risultata complessa e complicata. La bufera dell’indagine della procura di Trieste sui rimborsi spesa ai consiglieri regionali della legislatura che si va concludendo ha, infatti, spazzato via molti dei nomi dati per certi per un nuovo mandato nell’assemblea del Friuli Venezia Giulia. Inoltre ha dato ulteriore vento alle vele del Movimento 5 Stelle, già reduce da un risultato eclatante il 24 e 25 febbraio. In quell’occasione, nel conteggio per la Camera dei deputati, con il 27,23 per cento, era rimasto per una manciata di voti dietro al centrodestra (28,01) e al centrosinistra (27,49) e ora, dopo la vicenda delle spese

pazze dell’attuale Consiglio, il candidato di Beppe Grillo, Saverio Galluccio, viene dato dagli esperti per vincente sul presidente uscente del centrodestra, Renzo Tondo, e sulla sfidante del centrosinistra, Debora Serracchiani. Dunque, come avvenne esattamente vent’anni fa con la Lega Nord, il Friuli Venezia Giulia ha buone possibilità di diventare la prima regione guidata dal Movimento 5 Stelle. Com’è noto, le liste di Grillo hanno ottenuto un clamoroso successo anche nelle valli della Slavia, da Tarvisio e Prepotto, pur non avendo in loco alcun personaggio di riferimento, come non ha candidati per le regionali. Questi non mancano, però, negli altri partiti. Il sindaco di San Leonardo e amministratore della Comunità montana, Giuseppe Sibau, è nella lista «Autonomia responsabile FVG» che fa capo al governatore uscente, Renzo Tondo. Il primo cittadino di Pulfero, Piergiorgio Domenis, nella lista «Cittadini per la presidente» e il

consigliere provinciale Christiano Shaurli sono nel centrosinistra di Debora Serracchiani. Così pure il vicesindaco di Drenchia, Michele Coren, capolista nella circoscrizione di Udine della Slovenska Skupnost, il partito che non ha alcuna ideologia, ma lo scopo di difendere i diritti della comunità di lingua slovena. Questo partito, per poter sperare di entrare in un Consiglio tra l’altro ridotto a 49 membri, ha dovuto apparentarsi con il Pd. In Italia, infatti, non esiste la prassi diffusa in Europa di garantire seggi agli esponenti delle minoranze. Anche se per la Valle d’Aosta e il Trentino Alto Adige /Südtirol ci sono norme elettorali specifiche. Norme che hanno permesso ai tedeschi e ladini del Tirolo meridionale di eleggere in Parlamento ben cinque deputati e due senatori della Südtiroler volkspartei. Ma lì i cittadini di lingua tedesca e ladina votano in massa per il partito etnico, senza impegolarsi nei tradizionali partiti italiani.  M. Z.

V TELI ÆTEVILKI POGOVOR/S. GALLUCCIO Kandidat M5S za deœelnega predsednika o Slovencih, Beneåiji, Reziji in Kanalski d. • stran 5 DREKA Na Ojåinco 24. marca bojo uåili »praskat« pierhe • stran 6 REFERENDUM Bralci lahko izberejo ime slovenskega centra v Æpietru • stran 8 KANALSKA DOLINA Ni denarja za pouk slovenæåine na srednjih æolah • stran 11 Redakcijo smo zakljuåili 12. marca ob 14. uri


2

VERSKO ¡IVLJENJE

stran

15. marca 2013

dom

POTEKA ZBIRANJE PODPISOV v podporo velikemu ålovekoljubu, ki se z organizacijo »Akamasoa« bori proti revæåini v Madagaskarju KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Domenica 17 marzo ultimo «Quaresimale» Durante questa Quaresima l’Arcidiocesi di Udine ripropone un suggestivo cammino di fede, pensiero e bellezza, i «Quaresimali d’arte». Dopo gli appuntamenti del 24 febbraio, 3 e 10 marzo, domenica 17 marzo, dalle ore 17 alle ore 18.15 in cattedrale, l’arcivescovo mons. Andrea Bruno Mazzocato terrà la catechesi sul filo conduttore del testo antichissimo e attualissimo del Credo di Aquileia, chiesa madre dei friulani e degli sloveni, così come lo conosciamo dalla testimonianza di Rufino di Concordia. Quindil’«Officium Consort» di Pordenone, ensemble maschile diretto da Patrizia Avon, chiuderà il percorso ritornando alle suggestioni del canto monodico, con selezionati gioielli del repertorio gregoriano. Di grande impatto sarà, poi, l’edizione 2013 del «Triduo musicale», che l’Arcidiocesi di Udine proporrà anche quest’anno – dopo l’esperienza del 2012 dedicata a Bach e partecipata da 6.000 persone – nelle sere del 13, 14 e 15 marzo, sempre nel duomo di Udine. 



Evropski duhovniki so se pomerili v futsalu   V Celju in ˘alcu se je 1. marca sklenilo 7. evropsko prvenstvo duhovnikov v futsalu (dvoranskem nogometu). ˘elja po prijateljskem stanovskem sre@anju, skrb za dobro telesno po@utje ter zanimanje za mlado dr¡avo Slovenijo so skupaj zbrali nad 170 duhovnikov iz 13 dr¡av. Poleg doma@e so sodelovale œe ekipe iz Avstrije, Belorusije, Bosne in Hercegovine, #rne gore, Italije, Hrvaœke, Mad¡arske, Poljske, Portugalske, Romunije, Slovaœke in Ukrajine. Zmagala je poljska ekipa, drugo mesto je zasedla Bosna in Hercegovina, tretje pa ekipa iz Slovaœke. Slovenija se je uvrstila na 10. mesto, Italija pa na 11. Ne glede na rezultate tekmovanja so bili po besedah organizatorjev vsi zmagovalci, saj so pokazali visoko stopnjo poœtene igre in bratskega povezovanja, ki ga niti velike razdalje ne prepre@ujejo.

5. POSTNA NEDIEJA

Spreobarnite se!  Evangelij po Janezu Jezus pa je œù na Oljsko goro. In zjutra je spet parœu v tempelj in vse ljudstvo je parhajalo k njemu; in sedeu je ter jih u@iu. Kar parpeljejo pismouki in farizeji ¡eno, ki so jo uœafali par preœuœtvovanju, jo postavijo v sred in mu re@ejo: »U@enik, tela ¡ena je bla uœafana v preœuœtvovanju. V postavi nam Mojzes ukazuje take kamanati; kaj pa ti praviœ?« Tuole so guorili, zaki so ga skuœali, de bi ga mogli to¡iti. Jezus pa se je skju@u in je s parstam pisu po tleh. Zatuo pa, ki nieso genjali ga vpraœevati, se je zadaru in jim jau: »Kduor izmed vas je brez grieha, naj prvi var¡e kamen v njo.« In spet se je skju@u in pisu po tleh. Kàr pa so tuole @uli, so drug za drugim odhajali uon – te parvi so œli te buj stari - in je ostù sam in ¡ena v sred. Jezus se je zadaru in ji jau: »˘ena, kje so? Te ni nobeden obsodu?« Ona pa je jala: »Nobeden, Gospod.« In Jezus je jau: »Tudi jest te ne bom obsodu. Pojdi in od sada naprej ne greœi vi@!« (8, 1-11)

Slovenski misijonar p. Pedro Opeka kandidat za Nobelovo nagrado 

V skoraj tridesetih letih humanitarnega in razvojnega delovanja je pomagal ve@ kot 23.000 brezdomcem s smetiœ@ Antananariva

 Miran Miheliå

V

eliki @lovekoljub Pedro Opeka je uradni kandidat za Nobelovo nagrado za mir leta 2013! Pedra Opeko za ugledno mednarodno nagrado podpirajo mnogi ugledni ljudje po vsem svetu. V Sloveniji potega zbiranje podpisov, s katerimi izra¡ajo podporo Pedru Opeki pod izjavo Pedra Opeko na Nobelovo nagrado: »Spodaj podpisani z veseljem podpiramo kandidaturo patra Pedra Opeke za prejemnika Nobelove nagrade za mir leta 2013. Pedro Opeka je humanitarni in razvojni delavec ter misijonar slovenskega porekla na Madagaskarju, ki s svojim nesebi@nim delovanjem pomaga najbolj ubogim ljudem k dostojanstvenemu ¡ivljenju. Je borec za pravice najrevnejœih in inovator na podro@ju solidarnosti in nudenja pomo@i. Njegov cilj ni zgolj pomagati ljudem za njihovo fizi@no pre¡ivetje, ampak ustvarjati razmere, v katerih bodo lahko krepili svoje @loveœko dostojanstvo in za@utili svoj neizmeren pomen v Bo¡jih o@eh. Pedru Opeki tudi s podpisom te izjave podpore izrekamo svoje veliko spoœtovanje.« Zbrane podpise podpore bodo poslali Pedru Opeku in na Odbor za Nobelovo nagrado za mir v Oslo (Norveœka). Pedro Pablo (Peter Pavel) Opeka se je rodil 29. junija 1948 slovenskim starœem v kraju San Martín pri Buenos Airesu v Argentini. Tata in mama sta bila emigranta iz Slovenije, od koder sta 1945 leta zbe¡ala pred komunisti. Izobra¡eval se je v Argentini, Sloveniji in Franciji, zatem pa leta 1976 kot misi-

jonarski duhovnik priœel na Madagaskar. Ob duhovni oskrbi je pri@el takoj tudi s humanitarnim in razvojnim delovanjem in leta 1989, po œokantnem sre@anju z najrevnejœim delom prebivalstva Madagaskarja na smetiœ@ih prestolnice Antananarivo, ustanovil organizacijo Akamasoa. Cilj nevladne organizacije Akamasoa je borba proti revœ@ini in za razvoj, obenem pa si na@rtno prizadeva, da bi najrevnejœi sloji naœli svoje gospodarsko in dru¡beno mesto v malgaœki dru¡bi. V skoraj tridesetih letih humanitarnega in razvojnega delovanja je pomagaal ve@ kot 23.000 brezdomcem s smetiœ@ malgaœke prestolnice Antananarivo, da so se socialno reintegrirali v malgaœko dru¡bo, blizu 300.000 najrevnejœih prebivalcev Madagaskarja pa je bilo dele¡nih razli@nih ob@asnih oblik pomo@i te organizacije. Opeka je razvil celovit in dobro delujo@ na@in humanitarne in razvojne pomo@i ljudem z dru¡benega dna. S tem je dokazal, da je mogo@e oblikovati in razviti uspeœen socialni model v ekstremno te¡kih okoliœ@inah, @e so njegovi temelji spoœtovanje dostojanstva vsakega posameznika, toleranca, na@rtno izobra¡evanje, skrb za okolje in za razvojne mo¡nosti œirœe skupnosti. Prepri@an je, da je uspeœen spopad z revœ@ino in ne enakostjo Edina trajna pot k miru. V pravici do dela, izobrazbe, @istega okolja in razvoja – kar so tudi milenijski cilji OZN – vidi klju@ne pogoje za osebno rast in razvoj posameznikov in dru¡be.

Izvolitev novega papeœa

torek 12. marca 2013 (ko je ta V Dom ¡e œel v tisk) so se za@ele volitve 265. Petrovega naslednika. 115

Opeka ne nastopa kot razdeljevalec pomo@i. Kljub temu je uspel tiso@im reve¡em pomagati iz zavr¡enega ¡ivljenja na smetiœ@ih v dostojanstvo delovnih ljudi, ki so sposobni skrbeti zase, jim vzbuditi samospoœtovanje ter ob@utek odgovornosti do sebe, svojih dru¡in in œirœe skupnosti. Dele@ stiske z najrevnejœimi na smetiœ@ih in z globokim ob@utkom za pravi@nost, œiri Opeka prepri@anje, da revœ@ina ni usoda, saj je s solidarnostjo mogo@e tlakovati pot v boljœe ¡ivljenje. Tako je ob malgaœki prestolnici Antananarivo nastalo osemnajst naselij z zidanimi hiœami, delovnimi mesti, vrtci, œolami, bolniœnicami in lekarnami, igriœ@i in urejeno infrastrukturo. Tudi drugod po dr¡avi so na tej podlagi nastali kmetijski in drugi razvojni centri. Po Opekinem prepri@anju se najrevnejœi brezdomci ne morejo uspeœno dru¡beno integrirati in si ne morejo povrniti @loveœkega dostojanstva ter zagotoviti samostojne prihodnosti, @e ne postanejo odgovorni za lastno usodo.

kardinalov volivcev se je v torek zjutraj preselilo v Dom sv. Marte v Vatikanu, kjer so bivali ves @as konklava. Ob 10. uri so v baziliki sv. Petra v Vatikanu darovali sveto maœo za izvolitev pape¡a (Pro Eligendo Papa). Vodil jo je dekan kardinalskega zbora Angelo Sodano. V torek popoldne so se kardinali volivci iz Doma sv. Marte odpravili v apostolsk o p ala@o in zbrali v Pavlinski kapeli. Od tukaj so v slovesnem sprevodu odœli v Sikstinsko kapelo. Med sprevodom so peli litanije svetnikov, nato pa œe pesem Veni Creator na @ast Svetemu Duhu. V Sikstinski kapeli je vsak kardinal naredil prisego mol@e@nosti. Po prisegi je papeœki ceremonijer izrekel besede »extra omnes«, ob katerih so morali vsi, ki niso kardinali, zapustiti Sikstinsko kapelo. Vrata kapele so se zaprla in tudi zaklenila. Konklave se je za@el z meditacijo kardinala Prosperja Grecha (Malta), sledilo pa je prvo glasovanje. Okoli 19. ure in 15 minut so kardinali molili ve@ernice. Ob 19. ure in 30 minut pa je predviden odhod nazaj v Dom sv. Marte, kjer bo ob 20. uri ve@erja. Naslednje dni so, vse do izolitve novega pape¡a, kardinali sledili enakemu urniku. Dopoldne so opravili prvo glasovanje. Ob 12.30 so se vrnili v Dom sv. Marte, kjer je bilo ob enih kosilo. Ob œtirih popoldne so kardinali ponovno odœli v Sikstinsko kapelo za glasovanje.

LA STAGIONE DEI PELLEGRINAGGI inizierà il 6 aprile con la santa messa in sloveno. Imminente la presentazione di un atteso libro

Ricerca storica sulle apparizioni mariane a Poråinj/Porzus

S

i apre all’insegna di novità di grande significato la stagione 2013 dei pellegrinaggi al santuario della Madonna di Porzûs, sulle alture di Attimis. Sarà presentato entro breve, infatti, un documento che si annuncia già adesso di fondamentale importanza per il riconoscimento ufficiale del culto mariano nel piccolo e verde paese della Slavia. Si tratta di una ricerca rigorosamente storica, commissionata all’Istituto Pio Paschini e realizzata, nel concreto, da Andrea Tellini dell’Università di Udine. Partendo da quaderni, diari e documenti trasmessi di generazione in generazione, l’indagine ricostruisce la vicenda umana che ha al suo centro Teresa Dush; la tradizione riporta l’apparizione della Vergine alla giovanissima veggente nei luoghi ove ora sorge la cappella e anche ai piedi dell’altare della chiesa del borgo. Da anni, inoltre, è in atto la ricerca delle spoglie mortali di Teresa, divenuta suora poco prima della morte. In questo caso l’iter risulta complesso e afflitto dalla burocrazia. Le ricerche hanno portato dapprima al cimitero di Tricesimo e quindi a quello di San Vito di Udine. Sarebbe nel camposanto del capoluogo friulano che, dopo alcune traslazioni, si troverebbero oggi i resti della veggente, pare in una sepoltura privata. L’individuazione e l’esame delle spo-

glie potrebbe dare preziose indicazioni circa il miracolo di cui parla la tradizione popolare: la Vergine, infatti, impresse una piccola croce luminosa sulla mano di Teresa, affinché tutti potessero credere alle sue apparizioni e quindi raccogliere il suo messaggio di pace. Nel frattempo don Vittorino Ghenda, le suore brasiliane e il comitato parrocchiale di Porzûs, unitamente alla pro loco della verde località, hanno steso le

date del programma liturgico e degli appuntamenti musicali per il 2013. Primo incontro il 6 aprile, alle 10.30, con la celebrazione di una messa per gli sloveni, rito presieduto dal parroco di Nova Gorica, don Aleœ Rupnik. Il giorno dopo apertura ufficiale dei pellegrinaggi con una messa, alle 11.15, celebrata da monsignor Dino De Antoni, arcivescovo emerito di Gorizia, con l’accompagnamento del coro della par-

rocchia udinese del Bearzi. Il 31 maggio chiusura del mese mariano: alle 20.30 recita del rosario e processione “aux flambeau” con padre Vittorino Zerbinati dei Padri della Missione. Anche per il 2013 Porzûs diventa punto di riferimento per le messe dell’ammalato che saranno celebrate il 16 giugno, il 21 luglio e il 25 agosto. Viene riproposta, poi, la «Festa del benefattore». Largo spazio sarà dedicato alla musica. Saliranno nel borgo mariano, fino al 3 novembre, diverse realtà del territorio: il coro di Caporiacco, il coro «Meleretum» di Mereto di Capitolo, Ezio Costantini e Volveno Lucca, il nuovo coro di Chialminis, il coro «Midwait» di Cordenons e altri strumentisti per un ricco programma di concerti. Tra le altre novità, il 15 settembre, il primo incontro di Pueri Cantores a Porzûs, con i cori di Pueri Cantores del Duomo di Udine, di Flambruzzo, di Martignacco e di Castions di Strada. Non mancheranno il ricordo e la preghiera in suffragio di monsignor Vito Ferini e la presenza, per il 158° anniversario delle apparizioni, dell’arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato.  Paola Treppo


dom

15. marca 2013

ZGODOVINA

- KULTURA

stran

3

A 150 ANNI DALLA NASCITA - L’IMPEGNO POLITICO DEL PRETE E INTELLETTUALE SLOVENO esponente di primo piano del Partito popolare in Friuli

Ivan Trinko proiettato nell’ala più avanzata del mondo cattolico

 Giorgio Banchig

N

ei due volumi «Storia del movimento cattolico in Friuli . 1858-1917» Udine 1982) e «Storia del Partito popolare in Friuli. 1919-1925» (Udine 1972) Tiziano Tessitori ricorda più volte mons. Ivan Trinko per la sua opera in campo religioso, sociale, culturale e politico. Il sacerdote ed intellettuale sloveno appare come una delle figure di spicco del clero e del movimento cattolico dell’arcidiocesi di Udine attraversati in quegli anni da fermenti e idee che tentavano di superare il «ghetto» in cui erano rinchiusi i cattolici a causa della questione romana dalla quale era derivato l’intrasingentismo sia in campo ecclesiastico e dottrinale che sociale e politico. Il «Non expedit», ovvero la disposizione della Santa Sede con la quale, per la prima volta nel 1868, papa Pio IX dichiarò «non conveniente» per i cattolici italiani partecipare alle elezioni politiche dello Stato italiano e, per estensione, alla vita politica italiana. Tale opposizione del Vaticano era motivata dal fatto che lo stato italiano aveva leso l’autorità temporale del papa con la conquista di Roma nel 1870. Il 1° novembre di quell’anno Pio IX emanò l’enciclica «Respicientes» in cui tale occupazione veniva dichiarata «ingiusta, violenta, nulla e invalida». Il «Non expedit», però, non impediva la partecipazione passiva ed attiva alle elezioni amministrative comunali e provinciali. Anzi essa fu incoraggiata dal Vaticano. «I comuni e le province – scrive Indro Montanelli – non erano lo stato, anzi potevano diventare lo strumento per combattere lo stato. Ecco perché i cattolici sono sempre stati regionalisti: non per gestire meglio quella “oppressione morale, civile e religiosa” come

essi definivano lo stato dell’“usurpatore subalpino”, ma per distruggerlo dal di dentro. E fu proprio la necessità di organizzarsi per conquistare le roccheforti amministrative che li trasse dal ghetto in cui si erano dapprima rinchiusi». (I. Montanelli, Storia d’Italia, VI, Milano 2003, p. 240). Da questo si capisce perché il Trinko accettò tranquillamente già nel 1902 la candidatura a consigliere provinciale nella prima Democrazia cristiana e fu il primo prete ad essere eletto. Se in campo politico a livello nazionale i cattolici erano impediti ad esprimersi ed a partecipare direttamente, in campo sociale erano invece molto attivi. Fu l’enciclica di Leone XIII «Rerum novarum» del 1891 a raccogliere le aspirazioni dei cattolici che già operavano in questo campo e a dare loro un’ulteriore spinta ad essere sempre più presenti nelle campagne, nelle fabbriche, nelle opere di educazione, di assistenza e di carità. Per comprendere l’importanza di questa enciclica, è necessario leggerla tenendo presente l’epoca storica in cui fu scritta: quella del liberalismo economico e politico il quale, in nome del progresso tecnico, aveva senza dubbio moltiplicato le ricchezze, ma aveva anche creato delle disuguaglianze stridenti, avendo affidato al gioco della libertà la divisione dei beni prodotti. «Avvenne – si legge nell’enciclica – che a poco a poco gli operai rimanessero soli ed indifesi in balia della cupidigia dei padroni ed in una sfrenata concorrenza» (Rn 2). Come in ogni comunità e gruppo sociale organizzato, anche nella chiesa e nella società in Friuli nel primo Novecento, convivevano due tendenze, che alle volte si contrapponevano: c’erano gli innovatori ed i tradizionalisti. Quel-

Mons. Luigi Pelizzo

Don Giuseppe Ellero

li che tendevano a contenere l’opera sociale della Chiesa nell’ambito delle opere caritative sotto il diretto controllo della Chiesa e quanti lavoravano per un più forte impegno dei cattolici nel sociale e nel politico. Come si collocava Trinko in questo contesto sociale e politico? Trinko era un filosofo, un filosofo scolastico, l’esponente di primo piano di quella «philosophia perennis» che tutto spiega e ordina in base a principi immutabili. Trinko, dunque, per formazione, e crediamo anche per indole, non sarebbe dovuto essere un esponente dell’ala innovatrice. Lo dimostra anche il fatto che, quando su alcuni docenti del seminario, cadde il sospetto del modernismo, Trinko e il suo insegnamento non furono inquisiti. Ma Trinko si trovò proiettato nell’ala più avanzata del mondo cattolico non per le sue convinzioni ma per la forza degli eventi e perché egli, adeguandosi alla politica sociale e alle alleanze dei cattolici tradizionalisti, avrebbe tradito sia le sue idee personali sul ruolo del sacerdote, sia la sua gente che viveva in

difficili condizioni economiche, sia anche il suo impegno per la salvaguardia della lingua e della cultura degli sloveni del Natisone. E nell’area avanzata lo colloca anche Tessitori quando ricorda che, mentre alcuni personaggi di spicco del cattolicesimo friulano «battagliavano tetragoni sugli spalti dell’intransigentismo, problemi nuovi stavano per presentarsi sotto il nome generico di questione sociale. […] Altri problemi, di natura culturale, già stavano preoccupando il seminario e il giovane clero: e ne vedremo la ripercussione negli ultimi anni di vita del Cittadino (giornale religioso, politico, sociale fondato dall’abate Giovanni Dal Negro, ndr), quando le sue colonne s’adorneranno della collaborazione di Ivan Trinko», del poeta don Giuseppe Ellero, dello scrittore e operatore sociale e politico don Edoardo Marcuzzi, dell’avvocato e politico cividalese Giuseppe Brosadola (Storia del movimento, cit., pp. 48-49). A cavallo tra il XIX e il XX secolo il seminario di Udine era «un cenacolo di begli ingegni», come scriveva don Giu-

seppe Marchetti (Il Friuli - Uomini e tempi (Udine 1959, p. 714). «Nelle scuole di teologia teneva cattedra di morale don Luigi Paulini, mente coltissima, spirito aperto e cordiale; don Protasio Gori, dialettico sottile e temperamento indipendente e irrequieto, insegnava dogmatica; il rettore don Luigi Pelizzo, uomo positivo, tenace e audace, s’era riservato l’insegnamento nuovo della sociologia: di lì a pochi anni quest’ultimo sarà chiamato a governare la diocesi di Padova e il Paulini quella di Nusco (nel 1919 quella di Concordia, ndr). Nel liceo insegnava filosofia don Giovanni Trinko, letterato, critico d’arte, musicista poliglotta; la letteratura era affidata a don Pio Paschini, il futuro storico, volontà tenace, mente illuminata» (poi rettore dell’Università del Laterano e vescovo, ndr). E poi ancora don Giuseppe Vale, insegnante di latino, storico e archivista, e il già menzionato don Giuseppe Ellero, che «eccelleva su tutti» per la sua attività di storico, poeta, drammaturgo, che era «ansioso di trovare nel mondo moderno i segni di contatto con la fede tradizionale e di scorpire i barlumi precorritori di un ritorno al cristianesimo» (Storia del movimento, cit., pp. 126-127). Mons. Ivan Trinko era in contatto quotidiano e collaborava con queste eminenti personalità friulane; d’altra parte egli stesso pur spiccando come docente di filosofia e cultore di alti interessi culturali arricchiva il mondo culturale ed ecclesiastico friulano con la sua specifica cultura slovena e come mediatore tra il mondo latino e quello slavo. In italiano tradusse opere di scrittori sloveni, russi (tra cui Taras Bulba di Gogol), cechi, polacchi; scrisse una storia della Jugoslavia; pubblicò una grammatica della lingua slovena… (2. continua)

PISMA LAŒANSKEGA ŒUPNIKA ANTONA CUFFOLA MISIJONARJU ZDRAVKU REVNU, ki je veliko skrbel tudi za beneæke izseljence v Belgiji

»Niå boljæe za Beraåa, åe eden hudiå premaga drugega. Beraå ostane le Beraå« V pismu z dne 29. 3. 1956 g. Anton Cuffolo ponavlja nekatere novice, ki jih je bil podal v prejœnjih pismih in sicer, da pisec anonimnega pisma »je bil zasa@en z rokami v ¡aklju in zato predstavljen na nasprotni kot nadœkofije»; da g. Chiacighu ni œe uspelo »prodreti« v Kosco, »pa@ pa hodi tja ob nedeljah maœevat«. Pomo¡ni œkof mons. Cicuttini »ho@e, da naj vztraja«. Pismo zaklju@i s tragikomi@no novico: »V bogoslovju je Lah s palico omlatil soœolca, naœega kozli@a. ˘e drugi dan so ga brcnili … domov«. V naslednjem pismu, datiranem 19. 4. 1956, g. Cuffolo poro@a, da je bil œe en duhovnik kaznovan in premeœ@en na nasprotno stran de¡ele, ker je pisal v dnevnike in anonimne pisma proti slovenskim duhovnikom. »Je tretji – piœe Cuffolo, – ki je moral iz Bera@ije.« Poro@a tudi, da je g. Chiacigh »zasedel Kosco, pa stanuje v zasebni hiœi na stroœke kurije. Vernikom ¡ugajo, da ne smejo v hiœo bo¡jo. Vse na ¡ivi no¡. Upamo, da bomo pre¡iveli in preostali. Kaj takega nikjer na svetu.« V kratkem pismu z dne 16. 5. 1956

la¡anski ¡upnik poro@a, da je pomo¡ni œkof mons. Cicuttini »v bolniœnici zaradi bolnih ledvic« in da na binkoœti bo priœel novi nadœkof mons. Giuseppe Zaffonato »z vsemi sedmimi darovi Sv. Duha. Mnogo sliœi o Bera@ih in je tudi nekoliko informiran. Bomo vidli, al pride s pravim Sv. Duhom. Dobro sem informiran o njegovem zna@aju od tamkajœnjih prijateljev. #e res, bo takoj napravil konec … dobro ali slabo. Za volitve si ne delajo Bera@i preve@ preglavic: le kar morajo ad oculos. Ni@ boljœe bo za Bera@a, @e eden hudi@ premaga drugega. So vsi enake narave in Bera@ ostane le Bera@! […] Videm 25. maja 1956 […] Slovesno so sprejeli tega novega [nadœkofa] na binkoœti. Bil je to kraljevski sprejem; kar tekmovale so vse oblasti kakor nikoli poprej. Ob@instvu je napravil zelo dober vtis: ni aristokrati@en kakor pokojni, je bolj po doma@e. V govorih se ni priliznil uniformam; je dostojno napeljaval govore na duhovno plat. ˘e fizi@ni nastop je napravil vtis, da zaupa lastnim mo¡ganom in ne potrebuje, da bi ga kdo naganjal. Upajmo, da Sv. Duh mu je naklonil vsaj nekate-

re od sedmih darov! Zdaj je aktualna beraœka zadeva in gotovo da bodo pohiteli k njemu za ga sugestionirati, saj prav vsi duhovni in politi@ni kapitalisti so proti Bera@em. Gotovo, da ga ne bodo iznenadili, ker ¡e od dale@ se je moral zanimati za Bera@e in tudi pouhati njih nasprotnike. Tozadevno Jakob je bil pred par tedni pri duhovnem prijatelju ne dale@ od Piave, ki spada pod bivœo kraljestvo novega [nadœkofa]. Prinesel je vtis, da v spornih zadevah se ne obotavlja in da takoj odlo@no prere¡e, @etudi ve@krat se tudi ope@e. Nima pokoja ne po dne ne po no@i in kakor prikazen se prika¡e na vratih, kadar v copatih srebaœ juho. Ho@e vse sam videti, povsod povohati, tudi v omaro povoha. Pri nobeni konferenci ne izostane. Neproduktivne in zaspane v par dneh brcne na labœe. Vse posluœa in potem ukrene po svoji volji, brez priziva. Prijatelj je s svojo 1100 peljal Jakoba na razne kraje, da sliœi œe druge podanike. Vsi so ga hvalili, vendar vsi … so ga Bera@em radi odstopili. Potrebujejo miru in po@itka! Tu bo naœel polo¡aj, kateremu bo kos, ako ne bo vplivalo ozra@je na nje-

gov zna@aj. Verjetno bo presenetil Bera@e s svojo navzo@nostjo v kratkem. Œkoda, da zaradi volitev 27. 5., ki po beraœki zaslugi ne bodo imele dobrega izida, ne bo veselo razpolo¡en. Œkoda tudi, da pomo¡ni, ki bi mu lahko pojasnil vzroke, je ¡e par tednov v bolnici nemalo bolan. Zaupajmo Bo¡ji previdnosti! […]

Videm, 15. 6. 1956 […] Pri volitvah smo se dobro predstavili novemu [nadœkofu]. K de¡elnemu koritu smo poslali brumno ¡ensko z veliko ve@ino glasov, proti zaslu¡nim in odlikovanim generalom.1 Ta novi [nadœkof] je sklical vse Bera@e v njih prestolnico za »rekolekcijo« [!]. Vsega skupaj je neutrudljivo govoril @ez tri ure. Je pravi korenjak, ¡ivahen, vedno nasmejan in velik psiholog, ki @ita v o@eh, kaj v mo¡ganih se skriva. Rekel je, da ne pozna lokalnih razmer, ampak da bo vse natanko prou@il. Œtudirat nas je priœel. Napravil nam je dober vtis in mislimo, da tudi mi njemu. Tudi kosil je z nami in povedal, da to je le prvo snidenje. Obnaœa se kakor navadni ¡upnik, prav po doma@e. Zaenkrat ni drugih veznih novic. Pac! Po medsebojnem dogovoru sta se snidela pri meni dva sobrata z »Unejskega«,2 ki sta zadobila obmejno dovoljenje. Oble@ena sta bila kakor navadna kmeta, da sta morala povedati, kdor sta. Semkaj sta priœla, da bi se nasrkala dobrega zraka (prostega) in pa posluœala kaj o duhovnih novicah sveta. Pogostil sem ju s pija@o in jeda@o in marsikaj potrebnega bi jima lahko dal, ampak se nista zaupala nesti. […] Vdani Jakob

1. Pravzaprav je œlo za pokrajinske volitve. V okro¡ju Nediœkih dolin je bila izvoljena Adriana Selan Brollo iz vrst Krœ@anske demokracije; general Dal Din iz vrst Monar-

hni@ne stranke pa ni bil izvoljen. 2. Unejsko / Onejsko so Bene@ani poimenovali slovensko ozemlje onkraj meje; tamkajœnji prebivalci pa so Unejci / Onejci.

Mons. Giuseppe Zaffonato


4

POGLOBIMO IN PREMISLIMO

stran

L’OPINIONE di Riccardo Ruttar

A

Noi piccoli e maltrattati, eppure così vitali

volte ripenso alla storia della nostra gente, parlo di quella che ha rimodellato per la propria sopravvivenza il territorio su cui si era stanziata già dai tempi dei Longobardi 14 secoli fa. Parlo delle mie Valli del Natisone. Forse pochi, ma buoni, questi «slavi», nostri progenitori, se han dato seri fili da torcere ai duchi longobardi cividalesi. Una storia complessa che ha visto tutto attorno muoversi eserciti di ogni provenienza, avvicendarsi padroni di ogni tipo, ma forse lasciati, relativamente, in pace per la loro insignificanza. Poco c’era da razziare e meno da pretendere. Eppure questo piccolo popolo, con una sua particolare determinazione, come una barchetta ancorata ad una riva sicura, ha superato mareggiate, nubifragi e più o meno piccoli tsunami. Se mi chiedo come sia riuscito a sopravvivere, a progredire e giungere ai nostri giorni, salvando almeno un barlume della propria identità, la risposta che mi do sta proprio in ciò: la coscienza della propria identità, difesa con caparbietà e costanza, favorita dalla fortunata accettazione di una sudditanza formale alla Repubblica di Venezia – come «li fedeli huomini et abitanti nelle contrade e convalli di Schiavonia di Antro e di Merso» -. Da Venezia, che proprio questo senso d’appartenenza identitaria ha saputo sfruttare a proprio favore. Le complesse vicende italiane ed europee del secolo XIX hanno portato al programma di annientamento previsto subito dopo il plebiscito del 1866: «Questi slavi bisogna eliminarli». Il secolo scorso, quello della prima guerra mondiale, del fascismo, della seconda guerra, della democrazia costituzionale incompiuta, ha visto, e favorito, il nostro progressivo esaurimento da ecatombe. Basta una cifra: oggi sono circa 5.300 i residenti nei sette comuni delle Valli del Natisone. Se da un lato si assiste agli sforzi sovrumani del consistente manipolo di sloveni caparbi e volenterosi, degni successori degli antichi «huomini» delle nostre «contrade d’Antro e Merso», per salvare il salvabile, dall’altro si nota l’assurda tiritera di bassa e miope politica per non darsi una qualsiasi identità da parte di amministratori locali privi di senso storico, incapaci di progettare un qualche futuro, di orientarsi verso uno spazio europeo moderno e attivamente cooperativo. Questa volontà di tarpare le ali all’unica entità in grado di risollevare le sorti della Slavia, vale a dire la sua componente culturalmente, civilmente, socialmente più attiva e vitale, che è costituta proprio dagli «sloveni» coscienti di esserlo, sa di reato, di omissione di soccorso. Cosa rimarrebbe infatti nelle Valli se si togliesse quelle realtà? L’abulia di un mondo in disfacimento e privo di ogni prospettiva. È disponibile, per chi lo volesse, un elenco di cose fatte, di iniziative concrete, di programmi, progetti e quant’altro, che è emerso nella recente assemblea dell’Inœtitut za slovensko kulturo – Istituto per la cultura slovena di Œpietar–San Pietro al Natisone. Nell’ambito del progetto europeo «Jezik–Lingua» sta per aprire i battenti il centro multimediale e procede il lavoro in altri progetti transfrontalieri come «ZborZbirk», «ICON», «P.E.S.C.A.», mentre continuano e si programmano numerose altre attività culturali e di promozione turistica. Non manca un forte impegno informativo nella stampa e nei media audiovisivi. E come sottovalutare, senza incorrere nella malafede, il ruolo insostituibile della scuola bilingue? Non è poco tutto questo per un piccolo popolo, condotto ai limiti della sopravvivenza da una politica miope ed autolesionista. Mi vengono in mente le vicissitudini proprio degli alunni della scuola bilingue sbattuti a destra e a manca per inconfessabili ritardi nel ripristino delle strutture adeguate per accoglierli tutti insieme. E penso all’incredibile situazione dell’Unione montana che dovrebbe sostituire la defunta comunità montana. Una questione non solo semantica – sloveni sì, sloveni no – per nascondere residui fenomeni di discriminazione. Il bello che sono gli sloveni refrattari al proprio nome ad essere i primi nemici. Nemici di se stessi. Peggio di così!

15. marca 2013

dom

˘IVIMO V NEMIRNIH #ASIH in je nevarno, da pozabimo na tiste, ki so potrebni pomo@i

Za mnoge je Evropa œe vedno obljubljena de¡ela 

Pa tujci ne vedo, da jo pesti te¡ka gospodarska kriza

 Matjaœ Merljak radio.ognjisce.si

L

eto vere nas kli@e tudi k solidarnosti, k skrbi za @loveka, za (vsakega) so@loveka. #e pogledamo danaœnjo situacijo v Evropi, vidimo, da mnogi tujci – med njimi so mnogi prosilci in prosilke za mednarodno zaœ@ito – ¡elijo zapustiti svojo de¡elo zaradi razli@nih oblik preganjanja, vojaœkih konfliktov, okoljskih katastrof in te¡kih ekonomskih situacij zaradi gospodarske in finan@ne krize, ki jo svet @uti na mnogotere na@ine. Skoraj nemogo@e je dobiti vizo za vstop v t.i. schengensko obmo@je Evrope. Zaradi tega dejstva se morajo obrniti na dolo@ene kriminalne zdru¡be, ki jim za veliko vsoto denarja »pomagajo« pri ilegalnem prestopu meje ter le na tak na@in vstopijo v schengensko obmo@je Evrope. Ljudje @akajo v Maroku in Libiji po ve@ let za ugodno prilo¡nost, da pridejo v Evropo – na Malto ali na italijanski otok Lampedusa. #akajo v Makedoniji kakor tudi v Tur@iji, saj je za mnoge Evropa œe vedno »obljubljena de¡ela«, torej ¡elena destinacija. Mnogi tujci pa ne vedo, da pesti Evropo te¡ka gospodarska in finan@na kriza. Prav zaradi tega dejstva so razo@aranja œe toliko ve@ja, ko tujci ob@utijo v Evropi, da niso za¡eleni in da ne morejo dobiti dostojnih del in slu¡b. Mnogi so za svoja dela zelo izkoriœ@ani in na ¡alost tudi mnogokrat ne pla@ani. Poglejmo situacijo v Evropi in okoli nje. V Libiji ni ve@ vojaœkega konflikta, a se situacija po uboju libijskega polkovnika Gadafija œe vedno ni umirila. Pot do trajnega miru v tej dr¡avi bo œe dolga. Razplamtel se je konflikt v Siriji in na obzorju ni videti reœitve, @eprav se mnogi trudijo, da bi se ta konflikt, ki traja ¡e ve@ kot eno leto, kon@al v tej de¡eli. Kot vedno v takih situacijah najbolj trpi prav civilno ljudstvo, ki je pribe¡alo v Tur@ijo in Jordanijo. Tudi mnogi prebivalci afriœke dr¡ave Mali so zaradi vojaœkega konflikta in posega Francije zbe¡ali v sosedne dr¡ave. Tudi v Egiptu œe vedno vre in samo upajmo, da se bo situacija v tej dr¡avi umirila. Pomembno je, da sami najdejo ustrezno reœitev za

svojo de¡elo. Arabska pomlad nam ka¡e, da je - in bo potrebno œe veliko storiti, da se bodo razmere uredile, sicer bodo evropske dr¡ave œe bolj na udaru po proœnjah za mednarodno zaœ@ito. Mnoge dr¡ave ob Sredozemskem morju potrebujejo posebno skrb in pomo@ pri ponovni zgraditvi ekonomskih, politi@nih in drugih struktur, kakor tudi inœtitucij civilne dru¡be. Potrebujejo tudi veliko potrpe¡ljivosti pri ustvarjanju politi@ne kulture ter ponovnega zaupanja med ljudmi, plemeni, narodi in med dr¡avami regije. Tudi na severni strani Sredozemlja je potrebno urediti, predvsem pa utrditi razmere znotraj evropskih dr¡av, sicer bomo imeli vedno ve@ napadov na tujce, saj mnogi Evropejci do¡ivljajo, da jim prav ti tujci jemljemo delovna mesta. Samo spomnimo se, kako je en @lovek na Norveœkem 23. julija 2011 pobil skoraj 100 ljudi. Tudi v Gr@iji je bilo v preteklem letu veliko napadov na tujce. V preteklem mesecu – natan@neje 27. januarja 2013, sta umrla dva tujca v po¡aru, ki je izbruhnil v podhodu v enih izmed srediœ@nih rimskih ulic. Osredoto@imo se œe na bivalne razmere tujcev. Mnogi prosilci in prosilke za mednarodno zaœ@ito ¡ivijo v zelo slabih bivalnih razmerah. V Sloveniji so vsi prosilci in prosilke za mednarodno zaœ@ito nastanjeni v Azilnem domu, a tako ni npr v Franciji in Angliji. Zaradi velikega œtevila proœenj za mednarodno zaœ@ito mnogi prosilci ¡ivijo na ulicah francoskih in angleœkih mest. Lepa je bila gesta francoskega Jezuitskega zdru¡enja za begunce, ki je organizirala mre¡o dru¡in in redovnih skupnosti, ki so sprejeli medse dolo@enega prosilca ali prosilko za mednarodno zaœ@ito. Hvala Bogu,

da se tudi v takih situacijah razodeva @loveœka solidarnost na zelo kreativen na@in. Trenutna gospodarska in finan@na kriza ter neprijetne socialne in ekonomske razmere, lahko hitro spremenijo mesta ali del mest v gverilski spopad ali vojno stanje med razli@nimi skupinami. Anglija je meseca avgusta 2011 do¡ivela œok, ko so zagorela mnoga mesta. Prav tako stanje je posledi@no dalo misliti mnogim v evropskim de¡elam, kako ¡ivimo v eksplozivnih razmerah, kjer se lahko hitro zanetijo spopadi in se sprevr¡ejo v konflikt œirœega obsega. Od verbalnega do dejanskega konflikta ni potrebno veliko. Dosti je majhna iskrica, majhen dogodek, da razmere uidejo izven kontrole. Tudi v Sloveniji se soo@amo z gospodarsko krizo in je tudi med nami ¡e ve@ kot 120.000 brezposelnih. In ta œtevilka – na ¡alost – œe vedno naraœ@a. A zavedati se moramo, da mnogi ¡ivijo v œe te¡jih situacijah kot pa mi tukaj v Sloveniji, zato zapuœ@ajo svoje domove in de¡ele. V letu 2012 so 304 osebe zaprosile v RS za mednarodno zaœ@ito, v letu prej je zaprosilo œe malo ve@ oseb, natan@neje, 358 oseb. V letu 2012 je RS dala 34 statusov od teh 19 osebam status begunca in 15 osebam status subsidiarne zaœ@ite. Naj zaklju@im. ˘ivimo v nemirnih @asih, ko se vse hitro dogaja in spreminja. V @asu krize – ko se z njo soo@amo in iœ@emo reœitve – je nevarno, da pozabimo na tiste, ki so v œe ve@ji krizi in so œe bolj potrebni naœe pomo@i. #rpajmo navdih za naœa ¡ivljenja iz bo¡i@ne skrivnosti, ki nam vliva vedno novega upanja in odpira nove prilo¡nosti za dejanja solidarnosti ter daje novih potrebnih mo@i v slu¡enju ljudem na poti v letu 2013.

PRESENTATO ALL’UNIVERSITÀ il progetto europeo«Eduka-educare alla diversità»

Per una politica linguistica speciale

A

nche all’Università degli studi di Udine, all’ex facoltà di Scienze della formazione, mercoledì 6 marzo è stato presentato il progetto europeo «Eduka-educare alla diversità». Il progetto è finalizzato alla promozione dei valori interculturali, fondamentali per la formazione e lo sviluppo dei rapporti in una società multietnica e multilingue. Protagoniste le minoranze in Europa e in Italia, con particolare attenzione a quella slovena in Italia, a quella italiana in Slovenia e alla comunità friulana. Forse non tutti sanno che in Europa, su 500 milioni di abitanti più di 40 milioni appartengono a minoranze nazionali e linguistiche, questo vuol dire che un cittadino europeo su otto appartiene ad un gruppo minoritario. Solo in Italia le minoranze riconosciute dalla legge di tutela 482/99 sono 12 (albanese, catalana, germanica, greca, slovena e croata, francese, franco-provenzale, friulana, ladina, occitana e il sarda). «I

concetti di minoranza linguistica e minoranza nazionale – ha detto Franco Finco della Filologica friulana, che ha presentato il gruppo friulano – possono non coincidere. La minoranza nazionale è una comunità che parla una lingua comunemente usata da secoli nel territorio in cui questa è insediata, ma differente da quella parlata dalla maggioranza». A questo gruppo, per esempio, appartiene la minoranza slovena che è come se fosse la «continuazione» del popolo sloveno confinante. Alcune minoranze, invece, quelle definite linguistiche, come quella friulana, non hanno nessuno Stato di riferimento alle spalle. Rispetto alle minoranze in Italia, molto spesso tutelate solamente sulla carta, gode di tutt’altro trattamento la comunità italiana in Slovenia che ha addirittura dei seggi garantiti in Parlamento e nelle amministrazioni comunali. «L’articolo 11 della costituzione slovena – ha spiegato Roberto Bonofacio che ha presentato la comunità ita-

liana in Slovenia –, inoltre, stabilisce l’ufficialità della lingua italiana sul territorio d’insediamento storico della minoranza, garantendo il bilinguismo visivo, orale e scritto sia nella toponomastica sia nella sfera sociale e pubblica». Nelle scuole della regione Fvg è comunque possibile imparare sia il friulano sia lo sloveno. Al friulano sono solitamente dedicate alcune ore extracurricorali. I genitori possono, quindi, scegliere se far frequentare o meno ai figli le ore in cui viene insegnata la lingua friulana. «Solitamente – ha spiegato Finco – non si tratta di vere e proprie lezioni di lingua. Il friulano rappresenta solo la lingua veicolare con cui vengono insegnate altre materie, come ad esempio, storia, geografia o matematica». Per quanto riguarda lo sloveno, invece, la situazione è del tutto diversa. «A Gorizia e a Trieste – ha detto Marianna Kosic dello Slori – ci sono delle scuole pubbliche con lingua d’insegnamento slovena dalle scuo-

Roberto Bonifacio, Franco Finco in Marianna Kosic le dell’infanzia a quelle secondarie di secondo grado. Nella provincia di Udine, invece, c’è l’Istituto scolastico bilingue a San Pietro al Natisone che offre l’insegnamento completamente bilingue dalla scuola dell’infanzia alla media di primo grado». Grande interesse per l’argomento è stato dimostrato dagli studenti, che hanno dato vita ad un acceso dibattito, da cui è emerso che in Italia, ma soprattutto nella regione Fvg, crogiolo di culture, è necessaria una politica liguistica ad hoc volta alla promozione dell’insegnamento delle lingue mi-

noritarie. «L’Università degli Studi di Udine – ha ricordato Roberto Dapit professore di antropologia slovena a Scienze della formazione, che ha moderato e organizzato l’incontro – ha un’eccellenza in questo campo. Da anni promuove il filone della didattica in varie lingue come lo sloveno, il friulano e il tedesco». Il corso di studio in scienze della formazione a Udine, infatti, è l’unico in Italia ad avere anche il curriculum di slovenistica.  Ilaria Banchig


dom

15. marca 2013

V OSPREDJU

stran

5

NOSTRA INTERVISTA con il candidato del movimento di Beppe Grillo alla presidenza del Friuli Venezia Giulia

Saverio Galluccio (M5S): presto sarò nelle valli per capire e conoscere �

«So che ci vivono persone di lingua e cultura slovena»

� Ezio Gosgnach

D

a outsider a candidato da battere. Lo tsunami elettorale del 24 e 25 febbraio e lo tsunami giudiziario abbattutosi sui rimborsi spesa di molti dei consiglieri regionali uscenti ha fatto, secondo molti esperti, di Saverio Galluccio, del Movimento 5 Stelle, il favorito nella corsa alla carica di presidente del Friuli Venezia Giulia al voto del 21 e 22 aprile. 41 anni, residente a Cervignano, è responsabile commerciale di una ditta che si occupa di bioedilizia. Gli abbiamo posto alcune domande incentrate in particolare sulla realtà della Slavia. Sig. Galluccio, conosce le valli del Natisone e del Torre Resia e la Valcanale? «Personalmente conosco le vallate per averle frequentate saltuariamente in qualche escursione con la famiglia. So che ci vivono persone di lingua e cultura slovena». Pure in quest'area alle recenti elezioni politiche 5 Stelle ha ottenuto un successo clamoroso, anche se la sua presenza non si era sentita sul territorio (e tra i vostri candidati alle regionali non ci sono esponenti locali). Sorpreso? «La situazione generale consiglia un cambiamento. Trasparenza, efficienza e democrazia sono valori universali, che coinvolgono tutte le popolazioni. Non sono particolarmente sorpreso. Leggo in questo un forte desiderio di riscatto e ricambio politico». Come si pone il vostro Movimento nei confronti della tutela delle minoranze linguistiche, in primo luogo di quella slovena, che è una delle ragioni per le quali il Friuli Venezia Giulia gode di specialità? «Noi ci vogliamo distinguere per quello che offriamo e allo stesso tempo chiediamo: trasparenza, partecipazione, voglia di affrontare le questioni in modo ordinato, assieme alla popolazione senza lasciare spazio a privilegi e personalismi. Evitando, e lo si vede anche nella difesa dell'altra "specialità linguistica", il friulano, che la "difesa della diversità" si risolva nel mantenere alcuni privilegiati in posti ben ombreggiati e sedie calde. La molteplicità culturale e lin-

guistica va sostenuta attraverso l’insegnamento e l’accesso ai media, nella toponomastica e nell’uso pubblico della lingua. La Regione deve garantire questo». Le leggi di tutela statali e regionali incontrano difficoltà nell'applicazione. E c'è chi ancora osteggia la lingua e la cultura slovena. Eclatante è il caso della scuola bilingue: da tre anni è costretta a operare in condizioni di precarietà. I fondi per ristrutturare la vecchia sede ci sono, ma i lavori non partono. Si presentano sempre nuovi intoppi burocratici e si teme che, col passare del tempo, lo stanziamento (circa 2 milioni di euro) non sia più sufficiente. Che ne pensa? «È troppo presto per poter esprimere dei giudizi sull’argomento. A stretto giro sarò nelle Valli per ascoltare, capire e conoscere. Per la scuola di S. Pietro, prometto di informarmi quanto prima. Sappiamo che a inventare burocrazie insormontabili la nostra Regione è quasi imbattibile». La fascia confinaria della provincia di Udine con la Slovenia è l'area più depressa

della regione secondo gli indicatori demografici, sociali ed economici. Più depressa della Carnia! Quali sono le vostre proposte per la montagna? «I popoli , le genti da sempre migrano, si evolvono alla costante ricerca di condizioni di vita migliori e/o diverse sulla base delle proprie ambizioni. La montagna non fa eccezione soprattutto quando al suo interno non si sviluppano nuove opportunità e la conseguente uscita dall’isolamento. Evitando grandi opere di cementificazione e di devastazione del territorio vanno identificati alcuni punti per una ripresa dell’economia di zona e di conseguenza demografica: promozione e sostegno dei prodotti tipici di eccellenza e biologici, per l'allevamento di qualità. Sviluppo del turismo sostenibile. Rilancio della filiera del legno da ottenere attraverso un piano pluriennale di investimenti, ad esempio nelle strade forestali e nella costruzione di reti di imprese sostenibili, a basso impatto e che sappiano sfruttare e al contempo far rivivere le nostre zone

«La moltepicità culturale e linguistica va sostenuta attraverso l’insegnamento e l’accesso ai media, nella toponomastica e nell’uso pubblico della lingua»

boschive, sempre più degradate a causa dell'abbandono. Garanzia della prossimità di servizi essenziali, ambulatori, farmacie, poste … Adozione della fiscalità di vantaggio in zone depresse». Un grosso problema è l'assenza della banda larga per le connessioni internet, il che aggrava ancor più l'isolamento. E il vostro movimento considera il web uno strumento indispensabile per la partecipazione dei cittadini al governo della cosa pubblica... «L’epicentro del nostro programma è la banda larga e il wi-fi libero per tutti, ovunque, anche in montagna. È una conditio sine qua non di una autentica integrazione il disporre di comunicazioni efficienti ed informazioni aggiornate. Siamo nati nella rete, quindi consapevoli della enorme potenzialità occupazionale che questa può offrire». L'ambiente incontaminato è assieme alla cultura millenaria la principale risorsa del nostro territorio e il turismo verde rappresenta l'unica speranza di sviluppo. Eppure Terna e l'omologa slovena Eles hanno in mente di farvi passare un ciclopico elettrodotto transfrontaliero. L'attuale giunta regionale non ha preso posizione in merito. Voi che dite? «L’attuale giunta è confusa su quasi tutto (ferriera e rigassificatori docet). Noi siamo contrari ai mega-impianti, elettrodotti compresi. Vogliamo puntare all'autosufficienza. La nostra idea di produzione energetica è policentrica, diffusa, capace di distribuire – oltre alla produzione – il reddito che da essa consegue. Siamo contro i grandi monopolisti, perché la loro opera disumanizza, distrugge, snatura e ci guida verso un irrealizzabile sviluppo, che a questo punto della nostra storia planetaria deve considerarsi un feticcio, non certo una prospettiva». Il Friuli Venezia Giulia per la sua collocazione geografica deve necessariamente confrontarsi con la Slovenia. Da presidente, come intende instaurare e condurre i rapporti con la vicina Repubblica? «Siamo per la pace, la convivenza, lo scambio. Il concetto di Rete è fondante per la nostra stessa organizzazione, e lo troviamo utile, efficace, umano e soprattutto estendibile anche oltreconfine a livello planetario. Senz’altro opereremo in amicizia con la Slovenia attraverso programmi di cooperazione in un clima di rispetto, apprezzamento e di reciproca stima».

ZA REGIONALNE VOLITVE, ki bojo 21. in 22. obrila, je na listah vi@ imen iz Bene@ije in Kanalske doline

Coren in Wedam kandidata Slovenske skupnosti

B

li¡ajo se regionalne volitve. Do pudan v nediejo 17. mar@a je trieba predstaviti liste. ˘e sigurno pa je, de bo kandidat za de¡elnega svetnika (regjonalnega konsiljerja) tudi dreœki pod¡upan (vi@eœindik) Michele Coren. V videnskim okro¡u bo parvi na listi Slovenske skupnosti, ki bo podperjala kandidatko @eparne sredine za predsednika Furlanije Julijske krajine, ki je Debora Serracchiani. »Parva moja skarb je, de bo v regionalnim parlamentu œe naprej slovenski predstavnik, ki se na bo bau guoriti v naœim jeziku in bo dielu za dobro naœih ljudi – pravi Coren –. Zatuo je potriebno, de vsi zavedni Slovenci podprejo naœo listo. Mi na gledamo na ideologijo ampa na pravice Slovencu v Italiji.« Braniti slovenski jezik in kulturo »pomeni dielati, de bi ljudje ostali na teritoriju in de bi naœi majhani kamuni o¡ivieli. Zatuo potrebujemo ekonomsko pomuo@, ki nam lahko pride po dar¡avnim zakonu, ki varje slovenski jezik

in kulturo. Saj @len 21 predvideva finan@no podpuoro kamunam v videnski provinci, kjer ¡ive Slovenci. Tisto pomuo@ lahko v Rimu in v Tarstu mo@nuo vzdignejo. Tista je te prava pot za rast naœih kraju. Tista je ekomomska prosta cona (zona franca), ki jo ¡e imamo.« V tolmeœkin okro¡ju bo nosilca liste Slovenske skupnosti kulturna delavka Anna Wedam. Zelo je anga¡irana v dielu, de bi se v Kanalski dolini ohranili in lepuo razvili slovenski jezik in kultura. Zatuo se je zavzela za o¡iviteu delovanja zdru¡enja don Mario Cernet, par katerim je tajnica. Na de¡elnih volitvah 21. in 22. obrila le v koaliciji Debore Serracchiani bota kandidata tudi podbunieœki œindik Piergiorgio Domenis na listi Cittadini per la presidente, in provincialni konsiljer Cristiano Shaurli na listi Demokratske stranke, ki je pustiu mest œindaka v Fojdi. Podutanski œindik in administrator Gorske skupnosti Ter-Nedi¡a-Brda, Giuseppe Sibau bo kan-

Michele Coren

Anna Wedam

didiru na listi Autonomia responsabile FVG sedanjega regionalnega predsednika Renza Tonda. Gibanje Pet zvezd pa niema nobednega kandidata iz naœih kraju. 21. in 22. obrila na bojo samuo volitve za predsednika in konsiljerje Furlanije Ju-

lijske krajine, pa tudi za vidensko provinco in za kamun Fuojda. Za svetnika (konsiljerja) na videnski provinci je ¡e oznanu kandidaturo na listi Sel Fabrizio Dorbolò, ki je kamunski mo¡ v Œpietru in predstavnik opozicij v Gorski uniji Nediœkih dolin.

KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Dogovor SSk in Ds za de¡elne volitve � � Slovenska skupnost, zbirna stranka Slovencev v Italiji, in Demokratska stranka sta sklenili politi@ni dogovor, ki zadeva de¡elne volitve, ki bodo v aprilu. Sklenitev sporazuma kon@uje dolg postopek, ki obnavlja in dopolnjuje dogovor iz leta 2008, ki je omogo@il izvolitev Igorja Gabrovca v de¡elni svet. Volilni dogovor sloni na predpostavki, da sta obe stranki samostojni in vsaka si na enakovreden na@in prizadeva za pravice in koristi slovenske narodne skupnosti v de¡eli Furlaniji Julijski krajini. Njuni razli@ni politi@ni tradiciji pa sta osnova za boljœe medsebojno delovanje, kar je v korist celotni de¡elni dru¡beni skupnosti. Iz tega sledi skupno prizadevanje za u@inkovitejœe sodelovanje, ki se bo primarno udejanjalo preko izvoljenih predstavnikov obeh strank. Dogovor med SSk in Demokratsko stranko vsebuje tudi nekaj programskih to@k, prva od katerih zadeva udejanjanje pravic Slovencev v FJK preko izvajanja zaœ@itne zakonodaje, ki je zaobjeta v dr¡avnih zakonih 482/99 in 38/01 ter v de¡elnem zakonu 26/2007 in sloni na mednarodnih sporazumih. Sledijo prizadevanje za dr¡avno in krajevno reformo predstavniœkih teles, pri @emer mora biti zagotovljeno predstavniœtvo slovenske narodne skupnosti; priznavanje politi@ne pluralnosti, ki zadeva slovensko narodno skupnost v FJK; skupna in usklajena skrb za primerno in u@inkovito financiranje slovenskih organizacij; skupna podpora razvoju @ezmejnega sodelovanja. Glavni kandidat SSk bo sedanji svetnik Gabrovec, ki je dobil od tr¡aœkega to¡ilstva potrdilo, da proti njemu ne te@e nobena preiskava v zvezi s porabo finan@nih sredstev svetniœkih skupin za leto 2011.

Gorska unija je zamarznjena Œpietarski œindik Tiziano Manzini, ki je zacajtni predsednik, nam je poviedu de niema v pameti sklicati v kratkim cajtu skupœ@ine (assemblee) Gorske unije Nediœkih dolin, na kateri bi muorlo sedan œindiku in predstavnik opozicije sparjeti statut. Na parvi seji 7. febrarja so se prepierjali o imenu. Sriednje, Sv. Lienart, Œpietar in Garmak so bli za »Unione montana Valli del Natisone-Nediœke doline«, Podbuniesac, Sauodnja, Dreka in predstavnik opozicij pa za ime v dvieh jezikah, se pravi »Unione montana Valli del NatisoneGorska unija Nediœkih dolin«. Dreœki œindik Zufferli je upraœu, naj se seja odlo¡i, de bi dosegli sporazum o imenu pa tudi o drugih spornih to@kah, ki so v statutu. Œli pa so na glasovanje, a nie nobedno ime parjelo potriebno ve@ino 80 par stuo. Za italijansko ime so bli œindiki Garmaka, Sriednjega, Sveta Lienarta in Œpietra. Za ime tudi po slovensko pa œindaka Podbuniesca in Sauodnje ter predstavnik opozicij. Dreœki œindik pa je poviedu, de je tudi on za celuo slovensko ime, a se je vzdar¡u glasovanja, zatuo ki je biu pameti, de se seja odlo¡i. Statut bo sparjet le @e ga na dvieh sejah adna za drugo podpre vi@ ku 50 par stuo ponderiranih glasou in manku 5 @lanu skupœ@ine. Zatuo ka¡e, de statut na bo sparjet, @e na bo kajœan na adni al’ te drugi strani spremeniu pameti. De pride do nove skupœ@ine bo viœno trieba po@akati, de puojdejo mimo volitve 21. in 22. obrila. Pa po njih se zna zgoditi, de bo reforma lokalnih ustanov v gorskem teritoriju popunoma spremenjena in de Gorske unije se na bojo ankul rodile.

� �


6

IZ NAŒIH DOLIN

stran

15. marca 2013

dom

IL TERRITORIO DELLA SLAVIA si presta alla coltivazione dei piccoli frutti, che garantiscono un ottimo reddito KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Bandi del Gal per le aziende agricole � � Sono stati publicati i bandi del Torre Natisone Gal rivolti alle aziende agricole che riguardano la realizzazione ed il potenziamento/miglioramento della filiera corta nonché la realizzazione di nuovi posti letto in agriturismi. Il primo bando prevede la concessione di contributi per interventi diretti a realizzare o a potenziare/migliorare le attività di manipolazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti destinati all'alimentazione umana a condizione che il beneficiario dimostri di dare luogo ad una filiera corta. Sono finanziabili interventi di costruzione-realizzazione o miglioramento di immobili funzionali agli obiettivi dell'intervento, acquisto di attrezzature per la trasformazione dei prodotti agricoli, licenze e certificazioni di qualità, arredi e dotazioni per il punto vendita, servizi di consulenza, spese generali e produzione e diffusione di materiale promozionale. Il limite minimo di spesa è pari a 10.000 euro, la spesa massima ammissibile è pari a 62.500 euro. L'intensità dell'aiuto è pari al 60% per i giovani agricoltori e pari al 50% per le altre aziende agricole. Il bando per la realizzazione di nuovi posti letto in agriturismi persegue l'obiettivo del recupero delle strutture aziendali esistenti. È previsto il finanziamento di interventi di ammodernamento ed adeguamento, ampliamento, fornitura di arredi, attrezzature e dotazioni per lo svolgimento dell'attività e spese generali. Il limite minimo di spesa è pari a 30.000 euro, quello massimo è 60.000 euro. L'intensità dell'aiuto varia dal 40% al 60% a seconda delle caratterisitiche aziendali. Entro il 31 marzo è possibile contattare per qualsiasi informazione gli uffici della «Kme@ka zveza-Associazione agricoltori» a Cividale del Friuli in via Manzoni 31, dal lunedì al sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.30 tel/fax 0432 703119, e-mail: kz.cedad@libero.it.

Davide Tomasetig diplomiru iz klavirja

Le fragole potrebbero dare nuove ali all’agricoltura della nostra montagna �

I frutti di luglio e agosto sono molto ricercati

� I. B.

U

n’ulteriore possibilità di sviluppo per i paesi di montagna della Slavia arriva dal campo dell’agricoltura. Recentemente l’Azienda agraria universitaria di Udine, la Proloco Faedis e «Tipicamente friulano» hanno organizzato un incontro tecnico sulla coltivazione delle fragole e dei piccoli frutti. L’Italia è tra i maggiori produttori al mondo di fragole. L’innovazione delle varie tecniche ha già permesso di sviluppare ed estendere la coltivazione in diverse aree anche ad alta quota, come succede, per esempio, in Trentino Alto Adige. Secondo il direttore dell’Azienda agraria universitaria «Servadei», Raffaele Testolin, in Italia, qualora si migliorassero i meccanismi di distribuzione e di produzione a tutte le altitudini, non ci sarebbe più bisogno di importare i frutti fuori stagione. In questo processo il Friuli Venezia Giulia potrebbe svolgere un ruolo fondamentale. In estate, in particolare nei mesi di luglio e agosto, nelle zone più calde, infatti, è più difficile produrre le fragole, poiché i frutti tendono a deformarsi. Questo causa naturalmente una riduzione dell’offerta e un conseguente aumento dei prezzi. Qui entrerebbero in gioco le coltivazioni di fragole ad alta quota. La fragola «estiva» rappresenterebbe un’ottima possibilità di sviluppo per tutte le località «di collina e di montagna» che si trovano tra i 600 e i 1200 metri sopra il livello del mare. Il mercato, inoltre, in regione potrebbe essere abbastanza ampio, basti pensare a posti come Grado o Lignano frequentati in estate da numerosi turisti. All’acquisto di fragole sarebbe interessata anche la cooperativa Sant’Orsola, un’organizzazione di produttori agricoli specializzata nella produzione e commercializzazione di fragole, ciliegie tardive e piccoli frutti (lamponi, more, mirtilli, ribes rossi e bianchi, fragoline, uva spina, baby kiwi). Questa cooperativa che ha sede a Pergine Valsugana, a pochi chilometri a est di Trento, è oggi la principale realtà italiana del settore, nonché punto di riferimento per questo tipo di coltivazioni. Dà già sostegno ad oltre 1200 aziende agricole dislocate nelle valli del Trentino con alcuni soci anche in Veneto e Calabria. Non va trascurato, inoltre, il fatto che la fragola è un prodotto che consente un buon

guadagno. Ha una rendita lorda compresa tra i 10 e i 20 mila euro per ettaro, cosa che consentirebbe un guadagno anche su un appezzamento di dimensioni ridotte. Questo tipo di colitivazione, però, non è materia semplice e richiede tecniche ben precise. Poichè, comunque in Italia ci sono tantissime varietà, chi è alle prime armi può scegliere quelle rustiche, che non si ammalano facilmente e richiedono pochi trattamenti. Per il momento nella nostra zona c’è solo un caso di piccola coltivazione biologica di fragole a Cravero. Chi è interessato a questo tipo di coltivazione, però, è meglio che si dia da fare in tempi brevi. Dalla Kme@ka zveza è arrivata la notizia che alcune aziende austriache sarebbero interessate all’acquisto di terreni in regione proprio per la coltivazione di questi frutti. Per quanto riguarda l’area montana del Friuli Venezia Giulia, considerata la più disagiata, le possibilità di sviluppo in campo agricolo, comunque, non sono poche. Oltre alla produzione estiva di fragole, un’altra coltivazione redditizia potrebbe essere quella delle stelle alpine finalizzata all’utilizzo nella cosmesi naturale. Questo è il percorso che sta già intraprendendo, per esempio, l’Istituto statale di istruzione «Fermo Solari» di Tolmezzo che vede impegnati i ragazzi degli ultimi tre anni del settore professionale e quelli degli ultimi due anni del settore tecnico. Lo stesso si potrebbe attuare nelle valli del Natisone, sul monte Matajur, come su altri rilievi della zona che offrono un ambiente ideale per la crescita di questo fiore e sono anche facilmente accessibili. Tante, quindi, le possibilità di crescita. Si potrebbe pensare di dedicare una parte dei fondi europei per la collaborazione transfrontaliera, per esempio, proprio a questo tipo di progetti.

E l’Alta Val Torre punta molto sul suo fagiolo «Fiorina»

R

iprende vita, in Alta Val del Torre, il progetto agricolo legato al fagiolo «Fiorina». «L’iniziativa – spiega Marina Gelleni, che lavora al piano di rilancio insieme al Comune di Lusevera, all’Ente Parco Prealpi Giulie, all’Università di Udine e all’associazione degli agricoltori sloveni Kme@ka zveza –, aveva preso avvio, in realtà, già nel 2006 ma poi era stata tralasciata, per diversi motivi. Lo scorso anno ci siamo nuovamente attivati, tutti insieme, con una nuova semina che però è stata infruttuosa. A causa di un attacco molto forte di malattie, i fagioli “Fiorina” sono andati quasi tutti persi». Lo stesso è accaduto anche in altre zone del Friuli, tanto che il legume, nel 2012, è diventato quasi una rarità. In Alta Val Torre, il terreno scelto per riprovare la semina era stato inizialmente individuato lungo il torrente Torre. L’area, però, si è rivelata inadatta per il legume, perché troppo ghiaiosa. La seconda individuazione, invece, a Pradielis, pare del tutto ottimale. «Il proprietario dell’appezzamento si è dichiarato d’accordo nella concessione per la coltivazione. Quindi, condizioni meteo permettendo, a breve andremo a preparare il letto di semina. In maggio, poi, si procederà con la semina vera e propria. Il nostro lavoro, quest’anno, è finalizzato non alla produzione del fagiolo per consumo ma solo per riproduzione del seme. In questo modo riusciremo ad avere una quantità sufficiente di fagioli per dare definitivo avvio al progetto di coltivazione per uso alimentare». Il «Fiorina» è un borlotto di buona pezzatura, ma non troppo grande. «All’apparenza non è particolarmente differente da altri fagioli ma le sue caratteristiche organolettiche sono speciali: ha una buccia sottile e una pasta densa dal sapore di castagna». È molto resistente perché nasce da una serie di selezioni tra fagioli borlotti locali eseguita, nell’arco di diversi decenni, da una residente di Micottis, Fiorina, da cui prende appunto il nome il legume. «L’intento, nel tempo, è di diffondere la coltivazione di questo peculiare fagiolo in tutta l’Alta Val Torre, coinvolgendo anche altre persone e famiglie. È importante, inoltre, mantenere un prodotto tipico che, tra l’altro, è alla base di un piatto unico, lo “stak”, purea di patate, fagioli e tegoline lessati, conditi con lardo, una delizia che si può degustare in occasione della manifestazione gastronomica annuale “A tavola nell’Alta Val del Torre” e in occasione della Festa degli emigranti». (p. t.)

DRUŒTVO »KOBILJA GLAVA« ¡e œest liet u@i rounati pierhe po dreœki navad’. Lietos bo delavnica na kamune

Na Oj@inco razstava an delavnica dreœkih pierh

V petak 1. mar@a je Davide Tomasetig uspeœno diplomiru iz klavirja na dar¡avnim konzervatorju »Tomadini« v Vidnu. Davide se je za@eu u@iti na Glasbeni matici, kar je biu star œest liet. Njega u@itelji so bli Annarita Trossolo, potle Tea Koœuta in Davide Klodig. Sada je tudi on postau le u@itelj kitare in klavirja na Glasbeni matici. Imeu je dva diplomska koncerta, adan v Bardu in adan v Œpietru. Davide Tomasetig sodeluje tudi s pevskim zboram Re@an z Lies in par parpravi Sejma beneœke piesmi, na katerim tudi nastopa, saj je @lan vi@ skupin sodobne glasbe. ��

D

ruœtvo Kobilja glava vabi use na razstavo velikono@nih jajc, k' se odpre 24. marca na Oj@inco na dreœkim kamune ob 11:30 uri. ˘e œest liet druœtvo parpraulja delavnice (laboratorije), za pokazat kuo so se inkert rounale pierhe po dreœki navad' an kuo jih je lahko vepraskat an veselo œenkat tudi na donaœnji dan. Lietos so dodali razstavo z udele¡enjem usih »umetnikov pierh«, k’ so sodelovali v zadnjih letih, predvsem skupina iz Poljubina, k' jo ¡e lepuo poznajo u Dreki an nuca tehniko »batik«, za pierhe oflokat an napisat slovienske velikono@ne voœ@ila. Povabili so an druge umetnike naœih krajov, takuo de se bojo mogle videt jajca

okraœene z vic sort tehnikami. Na Oj@inco popudan ob 15:00 uri le na dreœkim kamune bo pa navadna delavnica za napravt pierhe za lietos. Usak k' pride na delavnico uœafa ¡e naprauljeno use kar kor. Na bo trieba, ko pomislit, kamu pode pierha, ker bo nareta, ande roka za@ne sama tec. #e kamu permanjka fantazija, oku bo puno primerov an bojo pomagale lepe bukouca z navodil'. Razstava bo odprta do petka 29. marca po urniku kamuna. Za ostale informacije: tel. 0432 721021 – kobljaglava@yahoo.it – www.kobiljaglava.com. � M. C.


dom

15. marca 2013

IZ NAŒIH DOLIN

stran

7

SEDE˘ NA CIESTI, KI IZ ŒPIETRA PEJE V A˘LO, je zapuœ@en ¡e tri lieta. Kamun ima sude, pa lietos jih na smie nucati

»Pakt o stabilnosti« je ustavu diela, de bi postrojili hram dvojezi@ne œuole �

Mierni in demokrati@ni protest u@encu, starœu, u@itelju in slovenskih organizacij

Necessario un emendamento a livello statale

V

Oåedili so tudi pomazan slovenski napis na ciesti pred vasjo krajina in Gorksa unija Ter-Nedi¡a-Barda (tela iz fondu za slovensko manjœino) namenile skor dva milijona evru. Œindik nam je poviedu, de za nucati tist denar muorejo par¡gati zeleno lu@ v Tarstu in œe posebno v Rimu. Zatuo je o novih te¡avah z dvojezi@no œuolo guoriu tudi s poslanko Tamaro Bla¡ino. Manzini je jau, de pri reœevanju telega stanja bi pomagalo posebni amandma, ki bi dolo@il, de gre za izredno situacijo, tako, de bi lahko kamun za@el obnovo. Stanje dvojezi@ne œuole je te¡kuo za u@itelje, starœe in za otroke. »Mi seviede gremo naprej vsedno in gledamo dielat – nam je arzlo¡ila Claudia Salamant – po starim, kakor priet. Ampa je nekaj problemu. U@ilnice so zelo buj majhane. Nimamo mo¡nosti, de bi nardil laboratorja, zak’ nimamo u@ilnice informatike, niemamo u@ilnice, ki smo jo klical’ ‘Modra dvorana’, kjer smo se sre@al’ vsi kupe, niemamo telovadnice, oz. jo imamo skupno z drugimi œuolami in vsak razred ima samuo adno uro telo-

vadbe na tiedan. Nimamo niti jedilnice in moramo hodit na kosilo v drugi hram, tudi @e je slava ura. Teli so majhni problemi ki ratajo te¡ki, @e grejo naprej previ@ cajta.« Starœi u@encu, u@itelji in manjœinjske organizacije so napisali pismo vsiem provincialnim, regionalinim in vladnim oblastem, de bi jih obvestili o teli situaciji. Na manifestaciji so bli parsotni tudi predstavniki politike: de¡elni svetnik Ssk, Igor Gabrovec, z goriœkim pokrajinskim tajnikom Julijanom #avdkom in dreœkim vi@eœindakam Miho Korenam, de¡elni svetnik Stefano Pustetto in provincialni svetnik Cristiano Shaurli. Za Svet slovenskih organizacij je biu provincialni predsednik Giorgio Banchig. Protest je poteku v miernim in demokrati@nim duhu. Zbralo se je puno ljudi. Pa vse ka¡e, de reœitve za dvojezi@no œuolo nie videti. Po@akati bo trieba vsaj, de v Rimu napravijo novo vlado, kar nie lahko, in de se opravijo regionalne volitve, ki bojo konac obrila.

tre anni fa è stata costretta a lasciare la propria sede in viale Azzida per motivi di stabilità della costruzione. Da allora sono molte le difficoltà e i disagi che gli alunni, le loro famiglie, gli insegnanti e il personale non docente hanno dovuto sopportare in questo periodo e che dovranno continuare a sopportare ancora per non si sa quanto tempo. Sì, perché sebbene il progetto e i fondi ci siano, a ostacolare i lavori ora è intervenuto il patto di stabilità che prevede che i comunui con più di mille abitanti, nel 2013, non possano utilizzare il residuo di bilancio dell’anno scorso. «Il Comune di San Pietro – ci ha detto il sindaco Tiziano Manzini – non può procedere all’appalto, perché in queste condizioni non sarebbe in grado di pagare i lavori. La questione non è risolvibile a livello comunale, ma è necessario il via libera della Regione e soprattutto di Roma». Il sindaco di San Pietro, nei giorni, scorsi, ha parlato anche con la parlamentare Tamara Bla¡ina delle nuove difficoltà dell’Istituto bilingue. Secondo Manzini, sarebbe appropriato un emendamento ad hoc che definisca l’appalto per la scuola un intervento straordinario. Solo questo permetterebbe al Comune di affidare i lavori.

Protestne akcije v podpuoro dvojeziåni æuoli se je udeleœilo puno ljudi

PER L’INSEGNAMENTO BILINGUE a Vedronza e Taipana c’è l’ok della Regione, ma non il via libera dell’Ufficio scolastico

Le valli del Torre costrette ad attendere ancora

N

onostante la volontà espressa dai genitori degli alunni dei comuni di Lusevera e Taipana e dai due Consigli comunali, le valli del Torre dovranno attendere ancora per l’apertura della scuola bilingue sul loro territorio. Quanto ancora non si sa. Di certo il progetto non prenderà avvio nemmeno nel nuovo anno scolastico 20132014. È quanto emerso nella riunione del Comitato paritetico per la minoranza slovena tenutasi l’1 marzo a Trieste. In quella sede è emerso il sostegno della Regione, espresso dell’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Molinaro, presente alla seduta, ma esso non è derminante, in quanto la decisione spetta all’Ufficio scolastico regionale che dipende dal ministero della Pubblica istruzione. E la dirigente, Daniela Beltrame, non ha dato il via libera, in sintonia con il mancato appoggio del presidente leghista della

(

Kratke Brevi brevi kratke

Predvpis v dvojezi@ne in @ezmejne jasli

5 marzo a San Pietro al Natisone si Ia lèsostegno tenuta una manifestazione pacifica della scuola bilingue che

� Ilaria Banchig

torak 5. mar@a je bla v Œpietru manifestacjon za dvojezi@no œuolo, saj je bla tist dan tre@ja oblietnica odkar, so muorli zapustit hram na ciesti, ki peje v A¡lo, zatuo ki nie biu stati@no na mestu, se pravi siguran pruoti potresu in drugim nasre@am. Po treh lietah pa nieso œe za@eli strojiti starega sede¡a, @etudi ima œpietarski kamun potrieban denar in je projekt napravljen. »Manifestacijon je nastala, zak’ so nam lieta 2010 poviedali kar na enkrat, de se moremo preselit, ker nie œuola sigurna – nam je poviedala u@iteljica Claudia Salamant –. So œle mimo ¡e tri leta in œe ‘an kaman se nie ganu. Hram je ostù prazan in zapart, tudi @e sta ¡e denar in projekt. Vsak miesac, pa pride uon kajœan nou problem.« U@itelji, u@enci, bivœi u@enci in parjatelji so se uœafali pred sede¡am dvojezi@ne œuole, de bi vsiem ljudem dali viedeti telo te¡kuo stanje. Vsak je parnesu s sabo sve@e al’ kiek drugega, de bi pomagu osvetiti hram v tami. Ob 17.30 je delegacija predstavniku œuole, politiku in doma@ih ljudi œla k tabeli na ciesti na za@etku vasi Œpietar, na kateri je bluo ¡e lieta pomazano slovensko ime. Tabelo so o@istili in se natuo varnili pred œuolo. Protestna akcija se je rodila, zatuo ki diela, de bi postrojili hram na morejo za@eti zauoj takuoimenovanega pakta o stabilnosti, ki ga je Montijeva vlada nalo¡la cieli Italiji. Tel predvideva, de kamuni, ki imajo vi@ ku tau¡int prebivaucu, v telim lietu 2013 na morejo nucati preostanku (residui) iz prejœnjih liet, med katerimi, kar se ti@e kamuna Œpietar, so tudi tisti namenjeni dvojezi@ni œuoli. »Kamun Œpietar – nam je poviedu œindik Tiziano Manzini –, zatuo ki je denar zamarznjen, na smie napraviti nate@aja (appalta), zak’ ne bo mogu pla@at diel.« Za postrojti sede¡ dvojezi@ne œuole so italijanska vlada, de¡ela Furlanija Julijska

KRATKE - BREVI - KRATKE

Provincia di Udine, Pietro Fontanini. Beltrame ha espresso riserve «formali» e «normative». In cosa consistano si dovrebbe sapere nella prossima riunione del Comitato paritetico, quando sarà sentita in proposito la stessa dirigente scolastica. Intanto i bambini che frequantano l’asilo e le elementari a Vedronza e Taipana si trovano privati di un diritto fondamentale. «Ora per l’insegnamento dello sloveno andiamo avanti un po’ con i fondi della Regione per le minoranze linguistiche, un po’ con i fondi dei Comuni, un po’ con i fondi dei genitori. Ma la situazione andrebbe strutturata in modo diverso», dice la dirigente dell’istituto comprensivo di Tarcento, Anna Maria Pertoldi. «Per il prossimo anno scolastico abbiamo preparato un progetto per garantire almeno un’ora di sloveno alla settimana per tutto l’anno. E questo sarebbe ancora poco, in quanto i linguisti ci dicono

Æolski center obåine Bardo v Njivici che, per essere efficaci, servirebbe quantomeno mezz’ora al giorno a livello di materne e primarie. Attualmente a Vedronza e Taipana lo sloveno si insegna per meno di un’ora alla settimana. «Riusciamo a fare tra le 10 e le 20 ore all’anno, mentre le settimane di insegnamento sono 33 per le elementari e ancora di più per le materne. Vorremmo arrivare al-

meno a 30 ore all’anno», informa Pertoldi. La dirigente scolastica fa riferimento al progetto di insegnamento plurilingue (vi è compreso l’inglese) a partire già dal nuovo anno scolastico. «Stiamo predisponendo il piano di fattibilità. A giugno conto di avere il sostegno dei docenti e dei nostri organismi scolastici – conclude –. In ogni caso, la scuola bilingue è un’altra cosa».

Na Zavodu za slovensko izobra¡evanje v Œpietru preverjajo zanimanje (interes) za vpis v dvojezi@ne in @ezmejne otroœke jasli (asilo nido), ki jih nameravajo odprieti œetemberja lietos v Podbuniescu. Iniciativa je namienjena te malim od 1. do 3. leta starosti. Zainteresirani starœi naj se oglase do petka 15.marca na Slovenskem kulturnem centru, ulica Alpe Adria, 6733049 Œpietar-San Pietro al Natisone (UD), tel/fax 0039 0432 727490, mail: zavod_speter@yahoo.it.

��

Servizi alla persona, firmato il piano

� � È stato firmato nei giorni scorsi, nella sede di Villa de Claricini Dornpacher di Bottenicco (Moimacco), l’accordo di programma per realizzare le azioni del Piano di zona per il triennio 2013-2015. Si tratta del «piano regolatore» del sistema dei servizi alla persona a livello locale che si realizza attraverso la partecipazione dei diversi soggetti sia istituzionali che del terzo settore e della società civile. Nel corso della serata, allietata dai canti dei bambini e delle bambine dell’Istituto comprensivo di Cividale del Friuli (Ud), accompagnati e diretti dai maestri Tóth Tamás Endre ed Ács Edit, hanno portato il loro contributo il sindaco di Cividale del Friuli e presidente dell’Assemblea dei sindaci, Stefano Balloch, e il vicesindaco di Prepotto, Tiziana Iaconcigh, insieme a diversi rappresentanti istituzionali del settore del volontariato e della cooperazione. Pur evidenziando l’attuale momento di crisi economica che impone una gestione delle risorse rigorosa, tutti gli intervenuti hanno sottolineato l’importanza di attivare, all’interno della comunità, reti e relazioni significative finalizzate a promuovere solidarietà e benessere collettivo. In questa prospettiva i rappresentanti istituzionali, e non, hanno ribadito l’esperienza positiva sperimentata nei Tavoli di consultazione, suddivisi per aree tematiche (minori giovani e famiglie, adulti, anziani e disabili), che possono rappresentare il luogo vero, e non virtuale, del cambiamento. Tutti, infatti, hanno condiviso l’esigenza di un’assunzione comune di responsabilità al fine di avviare un circuito virtuoso, fondato su principi e valori etici, correttezza e lealtà, superando interessi personali a favore di azioni e progetti ritenuti prioritari per il bene della comunità. La documentazione riguardante il Piano di zona è scaricabile dal sito dell’Ambito, Comune di Cividale del Friuli www.ambito.cividale.net.


8

IZ NAŒIH DOLIN

stran

15. marca 2013

dom

NONOSTANTE LE RASSICURAZIONI della Regione, il progetto transfrontaliero resta nei piani di Terna ed Eles KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Seduta del Consiglio pastorale foraniale È convocato per lunedì 18 marzo alle ore 20.30 nella canonica di S. Pietro il Consiglio pastorale foraniale, presieduto dal direttore Simone Bordon e dal vicario foraneo mons. Mario Qualizza. Dopo la preghiera iniziale verrà presa in esame la relazione del direttore relativa all’ultimo incontro del Consiglio pastorale diocesano sul tema dell’organizzazione e del funzionamento dei Consigli pastorali foraniali. L’attuale presenza di nuovo sacerdoti nella forania di San Pietro, il pellegrinaggio foraniale a Castelmonte e il suono delle campane delle Valli del Natisone nel giorno dell’Assunta sono gli altri punti previsti all’ordine del giorno.

Niente di nuovo: l’elettrodotto Udine-Okroglo si farà entro il 2020 �

��

Il Gs Azzida si fa onore a Concordia

Loris Tomat � � Domenica 24 febbraio a Concordia Sagittaria (TV) si è disputata la prima prova del campionato Challenge Friuli mtb. Su 562 iscritti solo 301 atleti hanno terminato il percorso, di complessivi 50km, reso difficilmente praticabile dalla pioggia insistente. Alla gara erano presenti anche i portacolori del G.S. Azzida «Valli del Natisone», che nonostante tutto hanno bene figurato: Loris Tomat (27 assoluto e 5° di categoria); Mauro Gubana (42 assoluto, 6° di cat.); Daniele Clocchiatti (164 assoluto, 18° di cat.) Federico Manzato 193 ass., 3° di cat.); Stefano De Bortoli (245 ass., 24° di cat.); Paola Bison (256 ass., 6° di cat.); Guido Scaini (272 ass., 49° di cat.); Fabrizio Sutto (276 ass., 28° di cat.). Più sfortunati Antonello Venturini, Alan Cantarutti, Giò Fontana e Sandro Comugnaro, che per guasti meccanici hanno dovuto interrompere la gara. Prossimo appuntamento domenica 24 marzo a Percoto con l'inizio del Campionato Friulbike, che ha visto per ben cinque volte il Gs Azzida imporsi al vertice.

Sci, poliziotti uniti a Sella Nevea/Bovec Il vicedirettore generale della Pubblica Sicurezza, Francesco Cirillo, e il direttore generale della Polizia slovena, Stanislav Veniger, hanno firmato il 12 marzo a Udine un protocollo di cooperazione in materia di sicurezza tra Italia e Slovenia per il polo sciistico di Sella Neva-Bovec. Il protocollo prevede tra l'altro lo svolgimento di servizi congiunti sulle piste del comprensorio sciistico che si viluppano sul territorio dei due Stati, con il compito di assistere i cittadini dei due Paesi presenti nella zona turistica. Gli operatori, che saranno disarmati, vestiranno la rispettiva uniforme.

��

Il governo sloveno è sulle posizioni comunicate un anno fa, secondo le quali l’infrastruttura interesserà la Bene@ija

� R. D.

I

n piena campagna elettorale per le regionali anche la politica cividalese si è accorta dell’elettrodotto transfrontaliero Udine-Okroglo che Terna e l’omologa slovena Eles stanno progettando attraverso l’Alta valle dell’Isonzo, le Valli del Natisone e il Cividalese. Il piano era stato rivelato dal Dom già nel novembre 2011. Roberto Novelli, consigliere regionale uscente, ha presentato un’interrogazione scritta all’assessore regionale competente e poi, il 4 marzo, ha emesso un comunicato nel quale evidenziava che la questione era sotto controllo e che la Regione aveva provveduto a chiedere informazioni agli interessati. «Tutto il resto sono solo chiacchiere che creano inutili allarmismi tra la popolazione», aveva chiosato Novelli, intervenuto sulla questione anche in sede di consiglio comunale cividalese. «In realtà erano caduti dalle nuvole e con maldestri ragionamenti hanno dimostrato di aver dovuto chiedere lumi, quando tutto era assolutamente evidente a partire dal 2003, come sono evidenti le manovre denunciate nelle osservazioni del Comitato. Come è evidente la relazione fra il nuovo elettrodotto e il raddoppio della centrale nucleare di Krœko nonché lo strapotere di una società che anziché essere al servizio della collettività, ha messo la Regione al suo servizio», commenta Adelvis Tibaldi, portavoce del «Comitato per la Vita del Friuli Rurale». Anche Maria Cristina Novelli, consigliere del Pd a Cividale, non ha creduto alle rassicurazioni. «Dicono che non bisogna fare chiacchiere e creare inutili allarmismi – ha replicato –. Ho la sensazione

che ci sia una forte sottovalutazione del problema, tanto da parte dell’amministrazione regionale, quanto di quella comunale. Il progetto è presente nei piani nazionali italiano e sloveno, nonché nel programma 2013 di Terna». La questione dell’elettrodotto è stata affrontata anche dai sindaci del Poso@je (Alta valle dell’Isonzo), riunitisi lunedì 11 marzo a Bovec. «Non ci sono novità», hanno detto. Dunque, tutto è come comunicato un anno fa al Dom dal ministero delle infrastrutture e del territorio della Repubblica di Slovenia: l'elettrodotto si farà entro il 2020 e attraverserà le Valli del Natisone. In una nota del 26 marzo 2012, Cvetko Kosec, segretario, su incarico del direttore generale facente funzioni del Direttorato ministeriale per l'energia, dopo essersi dilungato sull'importanza strategica dell'infrastruttura per la Slovenia e sulle caratteristiche tecniche del collegamento Okroglo-Udine, confermando l'investimento previsto di 65 milioni di euro, informava che «il tracciato definitivo del previsto elettrodotto non è e non può essere ancora stabilito. Esistono solo gli studi o le basi tecniche a supporto del piano regolatore statale realizzati finora dal futuro investitore che è l'Eles». In ogni caso, «le due estremità di questo elettrodotto, cioè Okroglo presso Kranj e Udine in Italia, indipendentemente dalla variante del tracciato prescelta, possono essere collegate solo attraverso il territorio della Benecia». Tuttavia, concludeva la nota proveniente da Lubiana, l'infrastruttura non potrà avere il via libera dal ministero «se non risponderà ai requisiti imposti dal piano urbanistico statale e non supererà la valutazione di impatto ambientale».

S spletnega bloga Beneåija (http://disegnoamano.blogspot.it)

Kulturno druœtvo Re@an je parpravlo program 2013

U

saboto 9. mar@a je bila u gostilni »Par œkofe« u Podbuniescu vi@erja an lietna seja kulturnega druœtva Re@an, kere se je udele¡lo 40 @lanu. Sejo sta vodila predsednik Gianni Floreancig an tajnica Margherita Trusgnach, ki je predstaula obra@un opravjenega diela an preda@un za telo lieto, obadva sta bila odobrena. Na vi@eru so predstavili bogat program druœtva, ki so ga za@el’ 18. ¡enarja par Hlocju z diplomskim koncertan Davida Tomasetiga. U telovadnici na Liesah bo u nediejo 17. mar@a koncert mladih band Bene@ije »Hrupno sre@anje«, u petak 12. obrila pa gledaliœka predstava Slovenskega stalnega gledaliœ@aSsg, kar bo parva med druzimi gledaliœkimi predstavami u programu druœtva spomladi an u jeseni. Puno iniciatiu bo druœtvo organizalo miesca junja: 18. bo »Zapuojmo jo na sred vasi« (gledaliœ@e an zbori); 19. »Pohod @ez namiœljeno @arto« od Livka do Topoluovega; 23. Kries Sv. Ivana na Lu¡ah; 29. junja bo Re@an sodelovau par koncertu »Liwkstock« na Livke; 28. setemberja bo pa »V nebu luna plava«, sre@anje med pesniki in pisatelji na Liesah; od 15. do 23. di@emberja bo tradicionalna Devetica Bo¡i@na po vaseh Lieœke fare an decembra bo druœtvo napravu Kolendar 2014. »U jeseni – nam je jala Margherita Trusgnach – bi radi publikal’ tre@o zbirko Pustita nam ro¡e, kjer bomo zbral’ besedila piesmi, ki so jih zapiel’ na Sejmu beneœke piesmi u zadnjih lietah (1996-2012). Vi@er so obogatili zbor Re@an pod vodstvan Stefanie Rucli, Elisabetta an Michele s kitaro in Valentino z ramoniko.

NA OB#NIM ZBORU INŒTITUTA ZA SLOVENSKO KULTURO so odlo@ili napraviti referendum med ljudmi

Lahko zbereta ime za kulturni center v Œpietru

Z

notra europskega projekta »Jezik_Lingua«, u katerim sodeluje Inœtitut za slovensko kulturo, bi muorli lietos odpriet u Œpietru multimedijalni center. U njim se bojo dar¡ale te buj important kulturne iniciative na teritoriju an ki bo imeu velik pomien u Uidanski pokrajini. Na ob@nem zboru (assemblea generale) Inœtituta slovenske kulture, ki je bla u @etartak 28. febrarja u slovienskin kulturnin centru u Œpietru, so udele¡enci predlagal’ imena multimedijalnega centra, ki naj bi pokazu naœo identiteto an dielo, in so odlo@il’, de bojo vebral’ ime s pomo@jo bralcu Doma an Novega Matajura. Na vi@eru je tajnica druœtva, Marina Cernetig, pod@artala pozitivno dielo, ki je bluo lanske lieto opravjeno na obmejnem teritoriju kupe s slovienskimi druœtvi, z namienom, de bi utardil’ an arzœeril’ slovenski izik an kulturo. U zvezi s tem bo Inœtitut sodelovau par organizaciji korœu slovienskega izika u #enti an u Uidnu (z univerzo za treje ¡ivjensko obdobje – terza età), u #edadu an Œpietru za œtudente viœjih œuol. Œe naprì bo podparu mlade, ki hodejo na poletne seminarje an na œuolo slovienskega izika an literature u Ljubljani. Natuo je tajnica omenila, de bojo lietos, znotra projekta »ZborZbirk«, katalogiziral’ etnografske zbirke na obmejnem teri-

toriju od Kanalske doline do Nadiœkih dolin. Zahvalila je use tiste, ki sodelujejo na uspeœni radijski an video oddaji »Pismo iz Bene@ije«, ki se jo more posluœat na Radiu Onde Furlane, Primorskem valu, na tv Primorska in po internetu na Youtube. Ku lanske lieto, bo an lietos Slovensko stalno gledaliœ@e-Ssg parpravlo gledaliœki program an arzpisalo abonament za Bene@ijo. Pod@artano je blo tudi, de gre lepuo naprì sodelovanje z druœtvi an ustanovami u Sloveniji an de an lietos bojo organizal’ Beneœke kulturne dneve. U diretivu Inœtituta je biu izvoljen mladi Luciano Lister ku predstavnik Kanalske doline, drugi @lani pa so bili potrjeni: Giorgio Banchig, Larissa Borghese, Igor Cerno, Luisa Cher, Emanuela Cicigoi, Bruna Dorbolò, Jole Namor an Luigia Negro. Zauoj tega, ki se bo lietos zakju@u evropski projekt »Jezik_Lingua« je dosedanja predsednica Bruna Dorbolò pod@artala problem financiamentu za delovanje multimedijalnega centra, naj se odlo@a komu namenit uporabo prestoru celega centra an u zvezi s te¡ko situacijo œpietarske dvojezi@ne œuole an Novega Matajurja predlagala, naj se parpravja dokument za europski parlament. #ez malo cajta se bo diretiv zbrau, de bi imenovau predsednika Inœtituta.

Stavbi v Œpietru, kjer so prisotne razne kulturne dejavnosti, bi radi dali ime, ki bo na stavbi napisano in bo pokazalo naœo identiteto in naœe dejavnosti. Na seji Inœtituta za slovensko kulturo smo predlagali, da bi to ime zbrali s pomo@jo bralcev Novega Matajurja in Doma. Vsak bralec lahko izbere eno izmed spodaj navede nih imen ali doda novo ime, izre¡e ta obrazec in ga do 30.marca poœlje na naslov: Inœtitut za slovensko kulturo, via Alpe Adria, 67 - 33049 Œpietar/S. Pietro al Natisone ali izro@i na enem od naslednjih mest: Dom, Novi Matajur, Kd Ivan Trinko, Glasbena Matica, Kd Re@an, Inœtitut za slovensko kulturo.

C E N T E R V Œ P I E T R U N A J SE I M E N U J E . . . 1 Slovenski kulturni hram 2 Kulturni hram 3 Slovenska kulturna hiœa 4 Slovenski kulturni dom 5 Slovenski kulturni center 6


dom

15. marca 2013

IZ NAŒIH DOLIN

stran

9

U PODBUNIESCU so predstavili bukva, u katere je Ada Tomasetig zbrala 578 tekstu iz 47 beneœkih vasi

Pravce, legende an piesmi so bogatija, ki jo muorajo preuzeti te mladi �

Se na bo zgubila @e jo bojo imieli par sarcu otroci

� Larissa Borghese

U

petak 1. mar@a so u sali konsiljar podbunieœkega kamuna predstavil’ bukva v dvieh izikah »Od Idrije do Nedi¡e. Dal Judrio al Natisone. Bene@ija-Slavia Friulana«, kjer je Ada Tomasetig zbrala 578 pravc an legend iz 47 kraju u Nediœkih dolinah, u Idarski dolini, u vaseh Tamoris an #aniebola. Gre za dvanajste bukva znotra zbirke Miti, prauce an legende iz zgodovinske Furlanije, ki jih je publiku raziskovalni inœtitut Achille Tellini. Telo hvaleuriedno dielo gleda ohranit dragoceno premo¡enje, ki sta naœ izik in kultura. Se ne bota zgubila samuo, @e jih bomo znal’ gojit an u@it otruokan. Tuole sta tardila u njih govorih predsednica œpietarskega Inœtituta za slovensko kulturo Bruna Dorbolò, ki je povezala vi@er, an podbunieœki œindik Piergiorgio Domenis, ki je zahvalu editorija, zauoj ki je skoze telo dielo pokazu jezikouno an kulturno bogatijo Furlanije Julijske-krajine, iz katere parhaja autonomni œtatut, @eprù se je zadnje cajte na tuole De¡ela pozabila. Predsednik Inœtituta za raziskovanje an promocijo Furlanskega ljudstva Achille Tellini Luigi Geromet, je u sojin furlanskin maternim iziku an po slovensko pozdravu œtevilno publiko, orisu zgodovino an dejaunost inœtituta an pod@artu, kuo so bukva od Ade Tomasetig 12. biser ambicioznega projekta, ki bo na koncu u dvajsetih bukvah, skoze glas buj parlietnih ljudì, o¡ivieu ljudsko tradicijo od prazgodovinskega cajta do donaœnjih dni. Tuole je poviedu skoze besiede honorarnega @lana inœtituta an kandidata za Nobelovo nagrado Domenica Zannierja an jau, de se je

S

Giovanni Coren pravi stare pravce

inœtitut Tellini rodiu lieta 1992 s sekcijo kulturne antropologije z namienom, de bi ohranu identiteto an kulturo naœe de¡ele. Skuoze telo zbirko inœtitut (ki ima vi@ dipartimentu: antropologija, pedagogija, toponomastika, lingvistika, literatura, muzikologija, zgodovinopisje, figuratiuna umetnost) gleda podriet konfin, ki œele ¡ivi tu glavah ljudì, an reœit izike (slovienski, nemœki an furlanski) an nare@ja (rezijanski, gradeœki, maranski, goriœki an bizijaœki) naœe de¡ele. Za@asni aministrator Gorske skupnosti Ter-Nedi¡a-Brda an podutanski œindik Giuseppe Sibau je poviedu, de so podparli tele bukva, zak’ so ries hvaleuriedno die-

(foto Sergio Fon)

lo, ki objema cieu teritorij Nediœkih dolin. Natuo je profesor slovenske literature in antropologije na Uidanski univerzi Roberto Dapit u dugem an podrobnem govoru poglobiu pomien mitoloœkih podob, ki jih uœafamo u bukvah. Se pravi krivapete, œtorklje, vesné, lintver, œkratjaci, moré, torke an druge. Pod@artu je njih povezavo s furlansko an europsko tradicijo. Lingvistka an direktorica œpietarske dvojezi@ne œuole ˘iva Gruden je poviedala o zanimanju za ljudsko kulturo, ki se je u Adi Tomasetig rodilo ¡e u otroœkih lietah an ki je na za@etku osandesetih liet parpejalo do nje parvega diela »Pravce od mojega tata an moje mame« an drugih, ki

so ble natisnjene s strani œtudijskega centra Nedi¡a an ZTT. U njih se je ¡e ten@as spoznalo, kuo so Nediœke doline zanimive zauoj sojga doma@ega premo¡enja. Omenila je dugo sodelovanje Ade s gjornalan Dom an nje neutrudno dielo raziskovanja an prepisovanja pravc an legend, kar je jezikouno te¡kuo, @e gledamo na puno variant slovienskega nare@ja. Ada Tomasetig je bla ganjena, kar je zahvalila use tiste, ki so ji pomal’ lo¡t kupe bukva, katerin je posvetila pù ¡ivjenja. Publiku jih je editor Chiandetti iz Reane del Rojale. Bukva so publikal’ s kontributan Gorske skupnosti Ter-Nedi¡a-Barda po regionalnem lecu za slovensko manjœino, Uidanske pokrajine, #edajske banke an pekarije Gubane Vogrig. Med publiko sta bla tudi kobariœka ¡upanja Darja Hauptman in œpietarski œindik Tiziano Manzini. Vi@er sta obogatiela Valter (Giovanni) Coren iz Petjaga an Eleonora Comugnaro iz vasi Tamora, se pravi dva od 68 informatorju za bukva. Poviedala sta par legend na odru, kjer so stale krivapete, ki jih je iz lesa an gob nardila Manuela Iuretig. Na ramoniko je Anna Bernich zagodla Guœtovo polko iz #erne@, Napoleonovo an Œtajare od Li¡a iz Petjaga. Poviedala je, kuo so se tele uj¡e rodile an pod@artala, de ljudske pesmi so prava bogatija za Nediœke doline. Lepuo je, de se jih puno mladih navade gost.

KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Od 1. obrila spet v Landarsko jamo

� � Na velikono@ni pandiejak, 1. obrila bojo spet odparli Landarsko jamo. Zaparta je bla v zimskih miescah, de bi v nji napravli potriebne diela, za katere so œpindali 200 tav¡int evru, ki so jih dali de¡ela Furlanija Julijska krajina, Podbunieœki kamun in fundacija Crup. Tele narguorœ naravni, vierski in kulturni monument v Bene@iji bo odpart vsako saboto, vsako nediejo in vsak praznik od 10. do 18. ure. #ez tiedan po dogovoru lahko odprejo jamo za turisti@ne oglede (telefon 0039 331 5778614) al’ za speloloœke oglede (telefon 0039 339 7779367, elektronska poœta agpnatisone@libero.it). Od 1. obrila do 15. junja vsak torak in @etartak od 9. do 14. ure so obiski za œuolske skupine. Karta za vstopiti koœta 4 evre; za otroke in mlade od 8 do 16 liet 2 evra; za œtudente in starejœe od 65 liet 3 evre; v skupinah vi@ ku 15 ljudi 3 eure; otroci do 8 liet zastonj. Pla@ajo 3 evre konvencijonirane skupine, @lani planinskih druœteu in speleologi.

Letteratura slovena dal 1989 a oggi

Ada Tomasetig (foto Sergio Fon) in publika na predstavitvi v podbunieæki sejni dvorani

Con Leonardo da Vinci in cammino nella Bene@ija

i chiama «In cammino con Leonardo da Vinci» il progetto presentato di recente in Regione dal musicista Aleksander Ipavec, iniziativa che nasce con l’obiettivo di far conoscere alcuni dei luoghi più belli ma ancora poco noti delle Valli del Natisone e non solo. «L’area da cui vogliamo partire – spiega l’artista, di casa a Pulfero – è proprio quella della Benecia, scrigno di tesori di incomparabile bellezza che molti non hanno avuto modo di apprezzare». Il piano prevede la scoperta di sentieri e tracciati che si sviluppano nei boschi, al termine dei quali si aprono radure inaspettate e le porte di chiesette votive decorate da affreschi di grande suggestione. Il progetto contempla cinque «cammini», da presentare in occasione di uno stesso evento. Il primo vuole valorizzare un castello o un piccolo edificio di culto isolato, con le spiegazioni di esperti e storici. Il secondo passa attraverso la musica che va ad animare queste località fuori dai grandi percorsi turistici: attraverso le note del clavicembalo storico di Paola Chiabudini e della «fisarmonica di Leonardo» realizzata dal liutaio Mario Buonoconto di Majano, gli appassionati potranno viaggiare dal Cinquecento a oggi nella storia della musica. Sarà lo stesso Buonoconto a illustrare di volta in volta le peculiarità uniche di ogni singola e sempre diversa «macchina della musica». Ad allietare gli eventi ci sarà la degustazione di un calice di vino biodinamico, grazie alle aziende vitivinicole in rete di «Simbiosi», produttrici a Vipava, Ajdovœ@ina, nel Collio e sul Carso. A chiudere il «cammino del pane»; sarà un pane a base di farro cotto per l’occasione con metodi tradizionali e dentro al quale si potrà anche suonare. «L’iniziativa che vogliamo proporre è indubbiamente di alto livello – spiega Ipavec – e gode anche del supporto di soggetti privati. Il primo appuntamento è stato già fissato per la riapertura della grotta di San Giovanni d’Antro in aprile. A ottobre saremo invece a Spoleto per il concorso di fisarmonica e un’altra data è stata già fissata, nella Rocca di Monrupino, in provincia di Trieste, in estate. Nel percorso rientrano, infine, due eventi in Austria. Il progetto, quindi, abbraccia tre Stati». (Paola Treppo)

PODBUNIEŒKI KAMUN je tudi lietos parpravu nate@aj

Deseti krat »Kal v poeziji« Diela poœjati do 29. obrila

»G

lasovi v zraku/Voci nell’aria« je tema 10. internacionalnega konkorœa »Kal v poeziji - umetnost brez meja«, ki ga vsako lieto parpravlja kamun Podbonesec. Lietos se lahko nuca, poleg italijanskega in slovenskega (tudi v dialektalnih varjantah), tudi angleœki jezik. Kategorije so dvie. Adna za œuolarje primarnih in ni¡jih sriednjih œuol, adna za odrasle in œtudente viœjih sriednjih œuol. Konkorœ se je rodiu zatuo, de bi parbli¡u med sabo ljudi in s pomo@jo poezje œieru skupna @ustva in ob@utja, ki lahko poderejo vsak jezikovni zid. Vpisovanje je zastonj za tiste, ki so stari do 18. leta, odrasli pa pla@ajo 15 evrov. Vsak lahko poœja narvi@ dvie poezije na

kamun Podbuniesac (Municipio di Pulfero, via Nazionale 92, 33046 Pulfero) ali na spletno stran www.comune.pulfero.ud.it. Le na adni poeziji udele¡enec lahko napiœe svoje ime, osnovne podatke, direcijon in telefonsko œtevilko. Tuolemu je trieba dodati polo¡nico o pla@ani vpisnini, ki jo je trieba pla@ati na teko@i poœtni ra@un ccp œt. 15197338 naslovljen na Ob@ino Podbonesec, al’ na ban@ni ¡iro ra@un œt. IBAN IT27F0548464230 030570420816 z navedbo »Partecipazione al concorso Calla in poesia-arte senza confini- Udele¡ba na nate@aju Kal v poeziji-Umetnost brez meja«. Cajt, de bi poœjali poezije zapade v pandiejak 29. obrila ob 12. uri. Nagrajevanje bo v nediejo 26. maja popudan na Kalu.

È stato presentato giovedì 7 marzo alla Libreria Cattolica di Gorizia la pubblicazione dal titolo «Profilo della letteratura slovena dal 1989 a oggi», curata da Maria Bidovec, docente di lingua e letteratura slovena all’Università degli studi di Udine, per la casa editrice Lithos di Roma. Il volume che ha principalmente funzione didattica, è nato al fine di colmare la lacuna della storia della letteratura slovena contemporanea degli ultimi vent’anni. A presentare la pubblicazione il poeta e musicista David Bandelj e Luigi Marinelli, docente di lingua polacca all’università La Sapienza di Roma e direttore della collana «Laboratorio est/ovest» nel cui ambito esce questo volume. «Il Profilo della letteratura slovena dal 1989 a oggi – scrive Maria Bidovec – si rivolge a studenti e docenti ed è pensato sia come strumento per un primo approccio per chi sappia poco o nulla della letteratura slovena degli ultimi vent’anni, sia come un primo tentativo di sistematizzazione, in italiano, di dati biobibliografici di autori sloveni del nostro tempo». Nella parte introduttiva vengono presentate alcune linee generali entro cui si muove la letteratura slovena dei nostri giorni; mentre la seconda, oltre a una breve descrizione dell’opera di ogni singolo scrittore, contiene ottanta schede bio-bibliografiche di altrettanti autori selezionati, compresa l’indicazione delle principali traduzioni italiane, quando presenti. La finale bibliografia, che riporta un centinaio di titoli, potrà costituire il punto di partenza per eventuali approfondimenti.

��


10

TERSKE DOLINE

stran

15. marca 2013

dom

I DATI DEMOGRAFICI DELL’ALTA VAL TORRE per il 2012 riportano una buona notizia, tra le tante negative KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Taipana adegua i seggi elettorali

Torna la vita nel paese di Brieg/Pers in comune di Lusevera: due residenti �

Ma il territorio nella globalità continua a perdere popolazione. In un anno è calata di 13 unità

� Paola Treppo

� � Lavori per il superamento delle barriere architettoniche sono stati realizzati di recente, in particolare in vista delle consultazioni del 24 e 25 febbraio scorso, negli ingressi dei seggi elettorali per i votanti che abitano nella frazione di Platischis e per i cittadini che vivono nel capoluogo, a Taipana. A disporre la realizzazione delle opere è stata l’amministrazione comunale, con una specifica determina che ha affidato l’esecuzione degli interventi alla ditta “Ferro Battuto” di Nimis, per un importo di circa 635 euro. I lavori sono consistiti nell’istallazione di due rampe per disabili. Adesso i seggi sono quindi a norma anche per le prossime consultazioni per il rinnovo dei Consigli regionale e provinciale.

Donatori di sangue molto attivi � � Sono ben 90 i donatori di sangue della sezione Afds di Taipana/Tipana e, con un elevato numero di donazioni, rappresentano uno dei gruppi più generosi della provincia. «La sezione – spiega il presidente, Michele D’Andrea – è nata nel 1970 e da allora è sempre stata molto attiva. La media annuale, per iscritto, è di due donazioni, in linea con quanto auspica l’Afds provinciale. C’è qualcuno che dona il suo sangue anche quatto volte all’anno e qualcuno che lo fa ogni mese, con il plasma. La presenza dei giovani è importante: di fatto, tutti i ragazzi del capoluogo sono iscritti e questo ci dà grande forza e speranza». La sezione non ha una sede: utilizza strutture già esistenti, come gli spazi del palazzo del municipio o la saletta del bar del capoluogo, «alla Posta».

Un anno di eventi a Monteaperta

� � Con l’arrivo della bella stagione le comunità di Monteaperta/Viœkorœa e di Cornappo/Karnahta di Taipana/Tipana si preparano ad accogliere visitatori, turisti ed emigranti con tante iniziative le cui date e la cui programmazione sono in corso di definizione proprio in queste settimane. Protagoniste la Parrocchia, gli alpini, la pro loco Val Cornappo e gli stessi residenti che collaborano fattivamente alla promozione del territorio. Tra gli eventi ormai tradizionali la Festa della Santissima Trinità, che nel 2013 cade nel mese di maggio, l’attesa Festa di San Lorenzo, a metà agosto, e a settembre il raduno di enduro storiche, appuntamento che si tiene ormai dal 2005 con ottima partecipazione di appassionati e curiosi.

C

ontrariamente ad altre realtà montane, la zona dell’Alta Val del Torre/Terska dolina riesce a contenere lo spopolamento. I primi dati sull’andamento demografico del 2012 del comune di Lusevera/Bardo, confrontati con quelli dell’anno precedente, lo dimostrano. Se è vero che il numero degli abitanti è sceso, è altrettanto vero che la diminuzione riguarda appena 13 unità. E una buona notizia arriva per uno dei borghi più defilati, Pers/Brieg, che per molto tempo ha contato un solo residente e, poi, per diversi anni, neanche quello. La frazione, immersa nel verde, adesso è abitata da due persone, che ci vivono stabilmente, anche se lavorano fuori dal paese. Pers/Brieg è composto da due nuclei distinti di case e conta sette numeri civici; sono presenti una chiesetta, caratterizzata da un tetto molto spiovente e un piccolo cimitero, ormai storico, che sorge a pochi passi dall’edificio sacro. Se Pers/Brieg guadagna i suoi primi due nuovi residenti, Passo Tanamea/Ta na meji ha perso, con la morte della storica gestrice del locale bar sulla strada regionale 646, Onelia Marchiol, l’unico abitante stabile. Segue, nella mappa de-

mografica di Lusevera, Srieghi Bosch, un insieme di chalet e seconde case che si anima soprattutto in estate con il ritorno degli emigranti e il periodo delle vacanze; qui, a metà strada tra il centro del paese e il confine con la Slovenia, due sono le residenze, di cui una stabile per tutto l’arco dell’anno. A scendere verso il capoluogo, Musi/Mu¡ac resiste con poco più di 20 abitanti e, anche in questo caso, il borgo aumenta di numero in particolare nella bella stagione, anche grazie a numerose iniziative di richiamo turistico e organizzate per favorire l’aggregazione. Tra Lusevera/Bardo e Taipana/Tipana, Micottis/Sedliœ@a non supera le 35 unità e, a seguire, c’è Cesariis/Podbardo, località un tempo densamente abitata; qui oggi non vivono più di 50 cittadini. Vedronza/Njivica, sede del municipio, dell’ufficio postale e della farmacia, conta circa 90 persone, una decina in meno della comunità di Villanova della Grotte/Zavarh, abitata da poco più di 100 tra uomini e donne. Le frazioni più popolose rimangono Lusevera/Bardo, con circa 170 residenze, e Pradielis/Ter, che sfiora i 230 cittadini. In quest’ultimo paese sono attivi l’unico distributore di benzina, l’unico panificio, la nascente biblioteca della pro loco e la stazione dei carabinieri, oltre al centro

La Passione in dialetto sloveno nella Domenica delle palme

i rinnova anche quest’anno, nel giorno della Domenica delle palme, la lettura in dialetto locale sloveno della Passione di Gesù, nella chiesa di Lusevera/Bardo, S edificio sacro dedicato a San Giorgio. Si tratta di una tradizione nata ormai 15 anni fa e portata avanti da un gruppo di fedeli che fanno capo al parroco, don Renzo Calligaro, e a Flavio Cerno, molto vicino al sacerdote che supporta quando impossibilitato a celebrare la santa messa. L’incontro si terrà alle 11.30 con la lettura integrale dei passi del Vangelo dell’apostolo Luca, affidata a più persone: la voce narrante sarà quella di Cerno e gli altri fedeli del gruppo, a turno, leggeranno le parole di Pietro o di Pilato. Accanto alla lettura in dialetto della Passione di Gesù, Flavio e alcuni residenti di Lusevera/Bardo e Villanova delle Grot te/Zavarh si incontrano, ormai da quasi cinque anni a questa parte, per la lettura e la riflessione di alcune pagine del libro del Nuovo Testamento ogni settimana. «Siamo circa in 5 persone, sui cinquant’anni di età, e anche una giovane - spiega Cerno -. Il giovedì sera, guidati da don Renzo, ci incontriamo nella sacrestia della chiesa di Villanova delle Grotte per riflettere insieme sulle parole del Vangelo. È un’ora che si passa volentieri insieme e che è diventata appuntamento importante per la comunità, anche se la frequentazione non è molto numerosa. Riteniamo comunque significativo che ognuno di noi, oltre agli impegni lavorativi e quelli legati alla famiglia, trovi un momento di tempo da dedicare alle Sacre Scritture». Cerno, inoltre, quando il parroco è impossibilitato a celebrare la messa festiva, si occupa della Liturgia della Parola, prima nella chiesa di Lusevera, alle 10.30, e quindi in quella di Villanova delle Grotte, dedicata a San Floriano, alle 11.30. In questo modo la comunità dell’Alta Val del Torre ha sempre la possibilità di ascoltare la Parola. La comunità di fedeli, inoltre, si prepara a un avvenimento molto importante, che si terrà il prossimo novembre: in quel mese saranno festeggiati, infatti, in concomitanza con la ricorrenza di San Martino, i 270 anni dell’organo della chiesa di Lusevera, un Nacchini inaugurato nel 1933, già oggetto di recupero e restauro. (p.t.)

Vas Brieg v obåini Bardo ima spet dva stalna prebivalca «Lemgo» ove vengono organizzati incontri e presentazioni. Al 31 dicembre del 2011, la popolazione dell’Alta Val del Torre contava 709 persone, di cui 351 maschi e 358 femmine, per un totale di 377 famiglie e tre convivenze. Al 31 dicembre del 2012, invece, la popolazione si è attestata sulle 696 unità, di cui 346 maschi e 350 femmine; 369 i nuclei familiari e quattro le convivenze. Molti i cittadini che si sono stabiliti nel comune di Lusevera provenienti da altri paesi del Friuli e anche da altri Stati, a farne una comunità molto variegata e composita. Tra le particolarità che caratterizzano l’Alta Val del Torre, il nucleo di

Uccea/U@ja, a pochi passi dal confine con la Slovenia: il piccolo centro, che rientra nel comune di Resia/Rezija, di fatto gravita su Lusevera/Bardo per i servizi di base. I residenti, che non arrivano a 10 unità, si recano infatti nella posta di Vedronza/Njivica per ritirare la pensione o per altre incombenze. Per loro è attivo il servizio di corriera il venerdì, in concomitanza con il mercato settimanale che si tiene nelle piazze di Tarcento/#enta. Uccea/U@ja, collegata a Resia/Rezija dalla strada di Sella Carnizza/Karnica, non sempre percorribile, ha perso il suo storico bar da un paio d’anni, ma la comunità non molla e si stringe attorno alla chiesa, vero punto di riferimento per chi vive nel borgo.

LETTERA da Brezje/Montemaggiore di Taipana

«Grazie a chi ci è stato vicino nonostante la tanta neve»

Q

uesta lettera vuole essere una risposta all’articolo pubblicato in data 30.11.2012 che riguardava la Protezione civile del comune di Taipana. Si diceva che sarebbe stata pronta a fronteggiare qualsiasi calamità neve. In paese ci siamo sentiti più tranquilli poiché la nostra frazione, appunto Montemaggiore, è la più alta del comune. Puntuale, quest’anno, l’emergenza si è presentata con una nevicata a dir poco abbondante. Fiduciosi, abbiamo aspettato la Protezione civile, ma di questa nemmeno l’ombra. Non possono arrivare dappertutto, abbiamo pensato, quindi ci siamo dati da fare come potevamo, visto che in paese solo tre persone sono in grado di spalare la neve e il resto sono anziani. In compenso, si sperava andasse meglio con la viabilità. Il paese è collegato da due tratti di strada, uno sulla parte alta, l’altro sulla parte bassa. Per tutti è più funzionale il tratto sulla parte alta, per questo è stato chiesto al Comune di tenerlo pulito. Di questo si è sempre interessato anche il consigliere di minoranza Tomasino, senza tuttavia trovare mai riscontro positivo. I fatti avvenuti a metà febbraio non possono che dare validità a quanto sopra scritto. Nel tentativo di raggiungere il paese nella parte più alta il cui primo tratto era stato pulito, il nostro medico condotto si è trovato, ad un certo punto, impantanato e bloccato nella neve. Per liberare la macchina sono intervenuti il farmacista e l’infermiere del comune con tanto di pale riciclate in paese. Il giorno dopo, stessa sorte è toccata all’assistente domiciliare che ha dovuto raggiungere il paese a piedi, poiché anche la ri-

Montemaggiore/Brezje cezione della telefonia mobile è scarsa, se non del tutto nulla. Anche in questo caso la situazione è stata sbloccata grazie all’intervento dei paesani. Solo due giorni dopo era la volta del camioncino dell’operatore ecologico, alle sei del mattino, e anche questa volta a fare da protagonista era la mia pala che ormai stanzia fuori di casa mia in attesa della prossima vittima! Senza contare i numerosi automobilisti che sono riusciti a liberarsi da soli. Guardo sconsolato i cumuli di neve ammucchiati dagli spazzaneve fuori dalla chiesa e dalle case private che ci impediscono il passaggio. Nonostante ciò, sento il bisogno di ringraziare anche a nome della comunità le persone che ci hanno aiutato, in particolare il diacono Diego Mansutti che con la liturgia si è sempre preso cura delle nostre anime, anche se figlie di un dio minore. � Italo Busiol


dom

15. marca 2013

REZIJA/KANALSKA DOLINA

stran

11

ZARADI POMANJKANJA FINAN#NIH SREDSTEV so letos ukinili pouk na ni¡ji in viœji srednji œoli v Kanalski dolini

#e ni pomo@i iz Slovenije, na Tarbi¡u se ne da pou@evati slovenœ@ine �

Na te¡ave je œolski ravnatelj opozoril ministrico za Slovence v zamejstvu in po svetu Ljudmilo Novak

� Luciano Lister

R

avnatelj trbiœkega ve@stopenjskega zavoda »Ingeborg Bachmann« Antonio Pasquariello je o te¡avah pri pou@evanju slovenœ@ine v Kanalski dolini opozoril ministrico za Slovence v zamejstvu in po svetu, Ljudmilo Novak. Ob njenem prvem uradnem obisku v dolini (22. februarja) jo je ravnatelj z ene strani opozoril na prisotnost jezika v krajevnih otroœkih vrtcih in osnovnih œolah – ki je vsekakor odvisna od nestalnega financiranja italijanske dr¡ave – z druge na odsotnost slovenœ@ine v viœjih œolskih stopnjah. Pasquariello je sicer ob¡aloval, da slovenska vlada zaradi var@evalnih ukrepov proti finan@ni krizi ni zagotovila sredstev, s katerimi bi lahko trbiœki ve@stopenjski zavod nadaljeval eksperimentiranje pou@evanja jezika tudi v srednjih œolah. Ta projekt so prvi@ uvedli lani in sicer v srednji œoli prve stopnje in v prvih razredih srednjih œol druge stopnje. Projekt, pri uresni@evanju katerega je sodelovalo tudi Slovensko kulturno srediœ@e »Planika«, so izvedli z izkuœeno u@iteljico iz Slovenije. Zato je Pasquariello pozval slovensko vlado, naj spremeni svojo usmeritev o zadevi in naj najde kakœen na@in za ponovno uvedbo slovenœ@ine v srednjih œolah, kar je s trenutno razpolo¡ljivimi sredstvi nemogo@e. Pri pou@evanju v ni¡jih œolskih

Pra Odorico rozajonski plavon

T

u-w Plocavi hïœi jë ostala na stara pitüra ano so pravi da na jë bila norëd za itö ki ito se noœinel ano ¡ïvël pyrve lita njaa ¡ïwjöst Pra Odorico Buttolo Ploc. Isi jëro to jë bil den @lovëk karjë kopac ano tu-w lëto 1818 an jë bil napisel den moji basidnëk ziz te domoæe baside. An se noœinel ta-na Solbici 19 dnu avrïla lëta 1768. Njaa oæa to jë bil Antonio ano njaa moti to jë bila Giovanna Negro. An jë bil kyrœ@ën ta-na Ravanci 20 dnu avrïla lëta 1768. An bil se naw@il pa po latïnki, po niœki, po slavinki, po laski ano po fran@ewski. Od lëta 1785 dardo lëta 1788 an jë œtudijel tu-w Kopru. Iten njaa fameja jë odïla prodajet za tö ki so bili wsi kramarji. Od lëta 1788 dardo lëta 1792 an jë œtudijel tu-v Rimu. Od lëta 1792 dardo lëta 1795 an jë œtudijel tu-w vïdenskamo seminorijo. An jë bil konsakren za jëra tu-w Vïdnë 19 dnu satembarija lëta 1795 ano wœë dno lëto döpo an jë bil profesor ano an jë wu@ël tu-w #ividali. Od lëta 1798 dardo lëta 1800 an bil kapalon tu-w Podrnos/Gurnitz. Od lëta 1805 dardo lëta 1809 an jë pomoel tu-w carkvi sv. E idja tu-w Celovcu. Iten an jë karjë pomoel pa tu-w oœpodali ti soldaski ano an jë pa wu@ël tu-w te pyrve œkule. Od lëta 1809 dardo lëta 1815 an jë bil jëro tu-w Durnstein. Od 15 dnu favrarja itaa lëta dardo 1845 an jë bil poklicen tu-w v Reziji. An jë umor tana Ravanci 3dni jünja lëta 1845 ano an jë bil pogon tri dni döpo. (s. q.)

stopnjah sko@i na pomo@ trbiœkemu zavodu Gorska skupnost za Guminsko, ¡elezno in Kanalsko dolino in sicer s sredstvi, ki so namenjeni pou@evanju krajevne razli@ice. Vendar tudi v tem primeru so iz samih uradov Gorske skupnosti opozorili na nestalnost prispevkov: »Ko gorska skupnost ima na razpolago sredstva, jih lahko dodeli; @e jih nima, se ne da«. Minilo je samo par tednov in v Sloveniji oblikujejo novo koalicijo. Samo vpraœanje @asa je, ali bo nova vlada vse to videla kot strateœko vpraœanje v okviru meddr¡avnega (in tudi gospodarskega) razvoja ali ne.

Quest’anno niente sloveno alle medie di Tarvisio

P

er portare a compimento qualunque iniziativa ci vogliono fondi, anche per l’insegnamento delle lingue. Ed Antonio Pasquariello, dirigente scolastico dell’istituto omnicomprensivo «Ingeborg Bachmann» di Tarvisio, riassume così la situazione circa le disponibilità provenienti dallo Stato per le scuole della zona: «Dato per scontato l’insegnamento dell’inglese (stabilizzato dalla normativa statale, ndr.), quest’anno non è nemmeno uscita la circolare che assegna i fondi alla legge di tutela delle minoranze linguistiche, la 482/99; su questi non si può, quindi, contare. In generale le risorse per l’insegnamento delle lingue arrivano dai fondi regionali, assegnati su progettazione e, per quanto riguarda la variante slovena del posto, da parte della locale Comunità montana». La situazione rispetto all'insegnamento delle diverse lingue nei diversi plessi e nei diversi gradi di scuola si caratterizza, di conseguenza, come molto varia. LO SLOVENO. Al momento, lo sloveno viene insegnato nelle scuole dell'infanzia e primaria di Ugovizza, Tarvisio città, Tarvisio centrale e nella scuola dell’infanzia di Camporosso. Grazie a fondi del governo sloveno, durante lo scorso anno scolastico era stata avviata la sperimentazione della lingua anche nelle classi della secondaria di primo grado e nelle prime classi delle scuole secondarie di secondo grado a Tarvisio. Ma la continuità del progetto non è stata garantita. IL TEDESCO. Nelle scuole secondarie di secondo grado si avverte un po’ di fatica anche per il tedesco. Pasquariello distingue fra le situazioni dell’Istituto tecnico per il turismo e del Liceo scientifico. «Mentre per il primo il tedesco viene garantito dagli ordinamenti – spiega il dirigente – per il secondo viene deliberata ogni anno in sede di collegio docenti una sorta di flessibilità oraria, che permette di mutuare tempo da altre materie e chiedere poi alla direzione scolastica regionale l’affido di quel monte ore di organico. Questa garanzia va deliberata di anno in anno. In ogni caso, disponendo al momento di risorse, l’insegnamento del tedesco in Valcanale viene garantito dalle scuole dell’infanzia alla maturità». IL FRIULANO. Paradossale la situazione della lingua friulana. «Le risorse per l’insegnamento del friulano – spiega Pasquariello – ci sono; i fondi erogati sono più che sufficienti ed infatti sono anche stati fatti i bandi per gli insegnanti. Ma gli iscritti all’apposito albo previsto dalla Regione sono pochi». Al momento il friulano viene insegnato nelle scuole dell’infanzia e primaria di Tarvisio città e di Tarvisio centrale. L’insegnamento risulta, invece, scoperto altrove, paradossalmente persino a Chiusaforte, una località al di fuori della Valcanale, dove la marilenghe costituisce un tratto distintivo molto forte per la comunità. (l. l.)

A STOLVIZZA il «Museo della gente della Val Resia» ha acquistato lo storico edificio

Casa Buttolo Ploc diventerà museo

L'

associazione culturale Museo della Gente della Val Resia, lunedì 25 febbraio presso lo studio notarile associato Lepre-Tremonti, ha acquistato uno storico immobile da adibire a museo ed uffici. L'edificio in questione è la casa Buttolo Ploc inserita nel contesto urbano del paese di Stolvizza che presenta ancora, anche dopo la ricostruzione che è seguita ai sismi del 1976, le caratteristiche architettoniche tipiche della vallata. In questo paese prevalgono le case di tipo tradizionale, conservate o ristrutturate nel rispetto delle caratteristiche tipologiche originarie a differenza di ciò che è avvenuto in altri paesi della valle dove tale ricostruzione ha segnato la cancellazione del patrimonio edilizio tipico. Questa casa, che confina a nord e ad est con la pubblica via, ad ovest con la chiesa di San Carlo Borromeo e a sud con altra corte privata, si presenta come una tipica casa resiana e ne conserva, seppur alterati in seguito alla ricostruzione post-terremoto, gli elementi principali. Le murature, dello spessore variabile fra i 40 e i 50 centimetri, sono costruite con elementi lapidei integrati da quelli in laterizio. Per tali costruzioni particolare cura era posta, fin dai tempi più antichi, alla realizzazione degli angoli, per cui venivano scelte le pietre di dimensioni maggiori e posizionate «a pettine». La muratura dell'intera casa è intonacata e dipinta con un colore a base di calce tendente al giallo. Come è accaduto per molte altre abitazioni in Val Resia dove non vigeva il sistema del «maso chiuso», ovvero l'usanza per la quale il patrimonio famigliare era in-

Pittura muraria dell’edificio divisibile, anche questa casa è stata nel tempo divisa tra vari eredi e ciò ha comportato una modifica degli elementi costruttivi esterni. La forte emigrazione del secondo dopoguerra ha favorito l'abbandono della casa. Ma soprattutto a seguito della ristrutturazione post-sismica, non terminata, ancora oggi a metà dell'edificio mancano i parapetti, i serramenti e le scale di accesso al fienile, tutti elementi in legno che concorrono a caratterizzare in modo evidente l'architettura resiana. La casa si affaccia su una corte antistante, di modeste dimensioni, posizionata a valle dell'abitazione, esposta a sud e chiusa da un muro di cinta e da un portoncino d'ingresso. Sulla corte si affaccia la facciata principale della casa con gli accessi, le finestre ed i ballatoi. La corte ospita anche una piccola costruzione, adi-

bita a deposito, realizzata in epoca sucessiva rispetto alla casa, in aderenza al muro perimetrale ed in posizione svincolata dall'abitazione. L'accesso alla corte è laterale tramite un portoncino d'ingresso inserito entro una cornice lapidea ad arco a tutto sesto leggermente ribassato. L'arco è compreso a sua volta entro un riquadro murario più alto rispetto al muro di cinta ed è coronato superiormente da un tettuccio in coppi. I singoli conci, che compongono la cornice dell'arco, sono lavorati sul lato esterno. Di maggiore effetto risultano le lavorazioni degli stipiti e della chiave di volta. Dalle ricerche questa casa, particolarmente bella nella sua semplice e non dispendiosa ampiezza, risulta essere appartenuta per più generazioni alla famiglia Buttolo Ploc e già censita dal catasto napoleonico realizzato tra il 1807 ed il 1816 che riguardò tutti i dipartimenti che non erano stati rilevati dal precedente catasto teresiano. La stessa è stata realizzata o ampliata, con ogni probabilità, alla metà del XVIII secolo mentre l'ingresso alla corte risale al XIX secolo. Tali riferimenti vengono infatti indicati dal costruttore nell'iscrizione ancora oggi esistente sulla chiave di volta del portale di ingresso (1756/ABP/1898/BVP/FF). La casa nel tempo ha ospitato un piccolo laboratorio di falegnameria ed anche una rivendita di generi alimentari. Pertanto, con questo atto, l'associazione ha raggiunto uno degli obiettivi che si era data fin dalla sua costituzione, avvenuta nel 1995. � Sandro Quaglia

KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Koroœka in Primorska pojeta v Ukvah V prostorih bivœe mlekarne v Ukvah se bo v nedeljo 17. marca odvijala pevska revija Koroœka in Primorska pojeta 2013. Nastopili bojo: vokalna skupina Œumljak (Budanje, SLO), ¡enski pevski zbor Ro¡ (Œentjakob v Ro¡u/Sankt Jakob im Rosental, A), pevski zbor Duri Col (Col, SLO), moœki pevski zbor Kralj Matja¡ (Libu@e/Loibach, A), meœani pevski zbor Canto ergo sum (Tolmin, SLO), komorni zbor Borovlje (Borovlje/Ferlach, A). Koncert so priredili Slovensko kulturno srediœ@e Planika (Ukve), Krœ@anska kulturna zveza (Celovec), Zveza slovenske katoliœke prosvete (Gorica), Zveza slovenskih kulturnih druœtev (Trst), Zveza cerkvenih pevskih zborov (Trst), Zveza pevskih zborov Primorske in Javni sklad Republike Slovenije za kulturne dejavnosti. � �

La Carinzia ha voltato pagina

In Carinzia è ormai ufficiale l'esito delle elezioni regionali del 3 marzo. Il nuovo Landtag (consiglio regionale) sarà molto diverso da quello uscente. I grandi sconfitti di queste elezioni sono gli eredi politici di Jörg Haider, morto nel 2008: i liberalnazionali di destra, che si sono presentati al voto col nome di Freiheitlichen in Kärnten-Fpk e sono crollati dal 45% circa dei consensi del 2009 al 16,9% del 3 marzo, eleggendo 6 consiglieri. I vincitori sono invece i socialdemocratici della Spö, che per la prima volta dal 1999 tornano ad essere primo partito, col 37,1% dei voti. Malgrado i 14 seggi ottenuti, nel Consiglio di 36 membri il leader socialdemocratico Peter Kaiser (nella foto in alto) dovrà cercare alleati per avere una maggioranza: le consultazioni sono già iniziate ed al momento sembra probabile la nascita di una coalizione con i 5 popolari della Övp ed i 5 eletti dei Verdi (Grüne). Così fosse, potrebbero essere avviate importanti riforme, dal momento che si raggiungerebbe la maggioranza di due terzi necessaria per modificare lo statuto regionale. Fra gli eletti in Consiglio siederanno anche i 4 eletti della nuova formazione del Team Stronach (promossa dal miliardario austrocanadese Frank Stronach) ed i 2 del Bzö (l'Alleanza per il futuro dell'Austria, il partito creato da Haider da cui l'Fpk si è scisso). L’elettorato carinziano ha, dunque, manifestato nelle urne lo scontento per la condotta della propria classe politica: importanti esponenti dei liberalnazionali e dei popolari sono stati coinvolti in episodi di malaffare e scandali e solo i popolari, avviando per tempo un ricambio profondo della propria ormai impresentabile classe dirigente, sono riusciti a contenere le perdite di consenso. Chissà che i nuovi rapporti di forza politici non portino aria nuova anche per la minoranza slovena carinziana. Un segnale in questo senso sembra essere la presenza di due suoi esponenti nel nuovo consiglio: Zalka Kuchling, eletta fra i Verdi e Lojze Dolinar, eletto nel Team Stronach. � �


12

POSO@JE

stran

15. marca 2013

dom

DRU˘BA ATC KANIN, OB#INA IN GLAVNI LASTNIKI pripravljajo gradbeno in finan@no dokumentacijo za novo ¡i@nico KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke brevi brevi kratke

Predstavili kovance o Tolminskem puntu Zadnji dan februarja je bila v sklopu prireditev ob 300. obletnici Tolminskega punta v Tolminskem muzeju predstavljena serija zbirateljskih kovancev Republike Slovenije. Banka Slovenije na@eloma vsako leto izda en spominski kovanec v vrednosti 2 eurov in serijo treh zbirateljskih kovancev. Letoœnja serija zbirateljskih kovancev je posve@ena prav 300. obletnici tolminskega punta. Ta serija obsega zlatnik v nominalni vrednosti 100 eurov (prodajna cena 320 eurov), srebrnik v nominalni vrednosti 30 eurov (prodajna cena 40 eurov) in zbirateljski dvokovinski kovanec v vrednosti 3 eurov. Osrednja gosta prireditve sta bila predstavnik Banke Slovenije dr. Branko Bertoncelj in oblikovalec serije zbirateljskih kovancev Jernej Kej¡ar. Predstavnik Banke Slovenije je predstavil postopek zbiranja predlogov za spominske in zbirateljske kovance ter oblikovalski razpis, ki pripelje do kon@ne podobe spominskih in zbirateljskih kovancev. Letoœnjo podobo serije zbirateljskih kovancev krasi kme@ko orodje (kosa, cepec, burkle), ki je bilo uporabljeno ob velikem tolminskem puntu in se dviga med œtevilkami letnice 1713, kakor oro¡je izmed mno¡ice puntarjev pred 300 leti. Kovance je mogo@e kupiti v vseh poslovalnicah De¡elne Banke Slovenije. (um) � �

Plovna sezona na reki So@i Plovna sezona na reki So@i se nezadr¡no pribli¡uje. Uradno se bo le ta pri@ela ¡e 15. marca, prodaja dovolilnic oziroma pobiranje pristojbine pa se bo pri@elo mesec dni kasneje. Plovna sezona bo trajala vse do 31. oktobra. Dobra novica, ki bo zagotovo navduœila ljubitelje vodnih œportov je ta, da bodo cene dovolilnic ostale enake kot v letu 2012. Letos bo po novem mogo@e kupiti tedensko karto za mini raft. Nakup letnih dovolilnic bo mogo@ direktno preko Medob@inske uprave ali preko TIC Bovec in TIC Kobarid z izpolnitvijo eviden@nega lista za nakup letne dovolilnice. Nakup vseh ostalih dovolilnic pa bo mogo@ v TIC Kobarid in TIC Bovec, v Informacijskem centru Poti miru v Kobaridu ter pri nekaterih drugih ponudnikih, ki bodo navedeni v letaku.

� �

Te@aj rezijanœ@ine v Kobaridu V Poso@ju je samoumevno, da se vsako leto odvija veliko jezikovnih te@ajev angleœ@ine, italijanœ@ine, nemœ@ine…, da bi se u@ili rezijanœ@ine pa je skoraj nenavadno. Tako je v Kobaridu potekal tridnevni te@aj rezijanœ@ine, slovenskega nare@ja izza Kanina. Luigia Negro je udele¡ence te@aja u@ila rezijansko abecedo, spoznavali so razlike in podobnosti s slovenskim knji¡nim jezikom, brali pesmi in pravljice ter se u@ili izgovorjave. Rezijanœ@ina je zelo podobna drugim zahodnim slovenskim nare@jem, œe posebej terskemu, nadiœkemu in gornjesoœkemu, vendar pa se od omenjenih zaradi izoliranosti od ostalega slovenskega govornega podro@ja zelo razlikuje po izgovorjavi. Poleg te@aja v Kobaridu pa je Negrova svoje nare@je predstavila tudi na osnovnih œolah v Bovcu in Kobaridu. Omenjeni te@aj rezijanœ@ine je v Poso@ju potekal prvi@.

��

V Bovcu resno mislijo na zadrugo za za@asno o¡ivitev kaninske ¡i@nice �

Slu¡ila naj bi v poletni sezoni in œe toliko @asa, dokler ne za¡enejo nove

� Miran Miheliå

P

o zadnjih informacijah, je to zimo mogo@e priti na kaninska smu@iœ@a z ¡i@nico le œe iz ˘lebi na italijanski strani, iz bovœke strani po do konca zimske sezone gotovo ne ve@. Po eni strani si upravljavka smu@iœ@a dru¡ba ATC Kanin Bovec, ob@ina in glavni lastniki prizadevajo œe letos pripraviti gradbeno in finan@no dokumentacijo za novo ¡i@nico, po drugi pa se je izvedelo, da œirœi krog drobnih ponudnikov v dolini razmiœlja, kako ¡i@nico o¡iviti za poletno sezono in œe toliko @asa, dokler ne za¡enejo nove. #eprav je ¡e dolgo znano, da pomeni zimska ponudba na Kaninu le kakih 20% od celoletne, se v gostinstvu in trgovinah œele sedaj, ob zaprti ¡i@nici prav zavedajo, kaj zares pomeni »turisti@no mesto duhov«, s katerim ¡e dalj @asa »straœijo« tisti, ki opozarjajo, da brez zime, turizem ne more postati glavna gospodarska panoga, v zameno za zapirajo@a se, @eprav manjœa, podjetja kovinarske, lesne in tekstilne industrije v ob@ini. Vse se dogaja veliko bolj bole@e, kot so bile zgolj besede, ki jih v@asih ne jemljemo resno, dokler jih ne do¡ivimo. V kolikor ne bo zimske sezone, potem v tukajœnjem turizmu ne bo stalnih zaposlitev, ampak le za tri do œtiri mesece poletne sezone v vseh hotelih in polovici trgovin. Kdor bo vztrajal pri sedanji obliki (za) poslovanja, mu grozi neizbe¡en ste@aj. Poleg tega pa so ¡e letos odpadle tudi œtevilne honorarne zaposlitve mladih ljudi v zimskem @asu. Da bi to agonijo prepre@ila, iœ@e »skupina za oblikovanje turisti@ne ponudbe v

vseh letnih @asih« tako za@asno, kot dolgoro@no reœitev za obuditev zimske turisti@ne sezone. Zdru¡eni kaninski smu@iœ@i lahko s sodobno ¡i@nico podaljœata zimsko sezono na daljœe obdobje, kot je poletna in sicer kar na 180 dni. To pa pomeni vsaj toliko gostov kot v poletni sezoni. Da je to mogo@e, potrjuje tudi nedavno opravljena strokovna œtudija, ki so jo v Andori naro@ili lastniki dru¡be ATC Bovec in je dobila obetavno oceno tudi pri referen@nih finan@nih krogih v Sloveniji. Kdaj bo zadruga drobnih ponudnikov, med katerimi naj bi bila tudi dva hotela, nekateri ponudniki adrenalinskih œportov… ustanovljena, uradno ni bilo mogo@e izvedeti. ˘upan bo v kratkem povabil pobudnike na pogovor, potem pa naj bi bilo vse skupaj predstavljeno œe ponudnikom, ki jih bodo povabili v zadrugo. Vse je torej v fazi dogovora. Na za@etku se nameravajo oprijeti mo¡nosti hipotekarnih posojil, lastnih vlo¡kov, pritegniti kakœnega tujega partnerja, predvsem pa pripraviti lastno œtudijo nove ¡i@nice, ki bo imela œiroko podporo na vseh ravneh in zastaviti njeno kakovostno upravljanje, s poudarkom na razvijanju vrhunskega mened¡menta. To, da bodo za@eli œele s pripravami na novo œtudijo pa je razburilo tiste, ki se bojijo, da bodo œle javne razprave v nedogled, razvoj ¡i@nice pa bo, po »zamrznitvi«, dokon@no skopnel kot lanski sneg.

V prejœnjim Domu nam jo je zagodel tiskarski œkrat. Avtor @lanka »Letos in drugo leto do 300 ljudi brez dela v Bovcu« je Miran Miheli@ in ne Karla Kofol. Obema se iskreno opravi@ujemo.

Po sedmih letih spet tekmovanje v smu@arskih skokih v Dre¡nici

zima, ki je bila res radodarna s snegom, je v Dre¡nico po sedmih letih Letoœnja premora znova prinesla tekmovanje v smu@arskih skokih. Ti imajo v Dre¡nici

¡e dolgo tradicijo, saj so prvo tekmovanje v tej disciplini priredili ¡e leta 1953, na sedanjih skakalnicah, za katere je na@rte naredil Oto Giacomelli, pa tekmujejo od leta 1981. Lepa, son@na nedelja je v Dre¡nico privabila skoraj œtiristo gledalcev in kar 70 tekmovalcev, ki so se pomerili v osmih starostnih kategorijah. Mlajœi udele¡enci in superveterani so tekmovali na manjœi, 12 metrski skakalnici, kadeti, mladinci, @lani in veterani pa na ve@ji, 25-metrski napravi. Najdaljœi skok je meril kar 27,5 metrov, videli smo tudi nekaj padcev, vendar se je vse skupaj kon@alo brez poœkodb. Udele¡enci tekmovanja so priœli tudi z Idrijskega, Œentviœke planote, Loga pod Mangartom in celotnega Poso@ja, v hudi konkurenci pa je absolutni zmagovalec postal doma@in Boœtjan Urœi@. (Jernej Bric)

TA OBLIKA LIKOVNEGA USTVARJANJA je dokon@no zakorakala tudi v dolino So@e in naletela na veliko pozornost

V Tolminu so stripu pribli¡ali okrog 1000 ljudi

L

anskega septembra so v Tolminskem muzeju pod skupnim naslovom Spoznajmo strip pri@eli z nizom razli@nih dogodkov, namenjenih spoznavanju stripa in stripovske kulture. Povod za organizacijo obse¡ne in odmevne stripovske akcije je bilo odprtje likovne razstave Tolminski punt 1713, avtorja Remigia Gabellinija iz Gorice ter knji¡na izdaja istoimenskega stripa, ki je v zalo¡bi Tolminskega muzeja izœel v slovenskem in italijanskem jeziku. Isto@asno je bila v muzeju odprta tudi gostujo@a stripovska razstava Slovenski klasiki v stripu, na kateri so se predstavili razli@ni slovenski avtorji. Razstavo je pripravil kolektiv zbran okrog osrednje slovenske stripovske revije Stripburger, ki je bil tudi pri izvedbi ostalih dogodkov v veliko pomo@. Akcija Spoznajmo strip je namre@ plod sodelovanja razli@nih inœtitucij: poleg Tolminskega muzeja in Stripburgerja je bila v projekt vklju@ena œe Knji¡nica Cirila Kosma@a iz Tolmina, pomembni sodelavci pa so bile tudi bli¡nje osnovne in srednje œole. Nadaljnje, oktobrsko dogajanje posve@eno stripu se je za@elo v tolminski knji¡nici z odprtjem likovne razstave otroœkih ilustracij in stripov, plod dela priljubljenega slovenskega ilustratorja Marjana Man@ka. Sledila je izvedba treh Stripburgerjevih stripdelavnic, na katerih je sodelovalo okrog 50 udele¡encev, med njimi tudi fanta iz osnovne œole v Œpetru. Zadnji oktobrski prireditvi sta bili ponov-

Nagrajenci na mladinskem stripovskem nateåaju no izpeljani v knji¡nici. Publicist, prevajalec in sourednik revije Stripburger je predaval o stripu na Slovenskem, izpeljan pa je bil tudi sejem stripov, na katerem je bilo mo@ kupiti nove in zamenjati stare stripovske izdaje. ˘e ob za@etku akcije Spoznajmo strip je bil objavljen tudi mladinski stripovski nate@aj, ki se je zaklju@il v za@etku decembra 2012. Predlagani temi razpisa sta bili tolminski punt ter pravljice in pripovedke iz Poso@ja, na nate@aju pa so lahko sodelovali mladi do osemnajstega leta starosti. Œtevil@nost in kvaliteta poslanih stripov je januarja, ko je zasedala œtiri@lanska ¡irija,

nemalo presenetila. Na nate@aj je namre@ prispelo kar 87 del 89 avtorjev, najve@ stripov pa so prispevali u@enci Oœ Tolmin in Oœ Most na So@i ter dijaki Gimnazije v Tolminu. Med poslanimi stripi je bilo veliko zelo dobrih zato se je ¡irija odlo@ila, da poleg treh enakovrednih glavnih nagrad podeli œe tri posebna priznanja. Zanimive nagrade, ki so jih prispevali trije turisti@ni ponudniki œportnih aktivnosti s Kobariœkega so prejeli Vid Kova@i@ iz Oœ Bovec za strip z naslovom Kako je nastal Prestreljenik, Manca Maver iz Oœ Most na So@i za strip Ponikve in Matev¡

Jenko iz Oœ Mengeœ za stripovsko zgodbo Podganjek. Posebna priznanja pa je komisija dodelila Nuœi Likar (Oœ Tolmin) za strip Kova@ na luni, Luciji Rutar (Oœ Tolmin) za strip o Divji babi na Senicah ter ˘igu Taljat (Oœ Most na So@i) za stripovsko zgodbo Tolminski punt 2. Prav vsi stripi poslani na razpis so naœli mesto tudi na razstavi Strip v Poso@ju, ki so jo v Tolminskem muzeju odprli na predve@er kulturnega praznika. Ob tej prilo¡nosti je bil izdan tudi istoimenski stripovski @asopis kjer je, poleg nagrajenih del stripovskega nate@aja, predstavljena tudi celotna akcija Spoznajmo strip. Z razli@nimi dogodki, ki so se od septembra zvrstili v Tolminskem muzeju in Knji¡nici Cirila Kosma@a, so torej poskuœali predstaviti to zanimivo in posebno obliko likovnega ustvarjanja ter jo pribli¡ati vsem, ki je doslej niso posebej cenili in poznali. Glede na velik in dober odziv osnovnih in srednjih œol ter œtevilnih odraslih ljubiteljev stripa si upajo trditi, da so zadano nalogo dobro opravili. Na dveh razstavah, predavanju in delavnicah se je namre@ zvrstilo okrog 1000 ljudi, med katerimi so seveda prevladovali mladi, ki jim je stripovska govorica bolj doma@a. Strip je torej s pomo@jo njihove akcije odlo@no zakorakal tudi v dolino So@e, zanimive posoœke zgodbe in pripovedi pa so z nate@ajem in razstavo prispelih stripov kon@no dobile tudi stripovsko podobo. � Karla Kofol


dom

15. marca 2013

ŒPORT

stran

13

I CAMPIONATI DI CALCIO dilettantistici e amatoriali fortemente condizionati dalle condizioni meteorologiche

Valnatisone in acque più tranquille Pulfero crede ancora nei play-off 

Si ferma la corsa degli Juniores regionali, ma i Giovanissimi restano saldamente in testa al girone

 Bepo Qualizza

(

La formazione Esordienti della Valnatisone, che tornerà in campo per il Torneo Primaverile Nella gara precedente a San Pietro non sono andati oltre l’1-1 con l’Union Martignacco, fermi al terz’ultimo posto in classifica gli Allievi, prima sconfitti in casa dal Codroipo 3-2 seguito dal 5-1 subito a Udine dai Rangers. Giovanissimi saldamente in testa al proprio girone grazie al successo sulla diretta inseguitrice OL3 sconfitto 2-1 e rotondo 4-0 ottenuto sul campo della Serenissima. Tornerano in campo questa fine settimana anche Esordienti e Pulcini di Valnatisone e Audace per il Torneo Primaverile,

con diversa composizione dei gironi. Nel campionato Amatori FIGC il Real Pulfero accarezza ancora la speranza per accedere ai play-off dopo la vittoria per 21 ottenuta sul campo del Brugnera, manca però all’appello la gara con il Pieris rinviata per maltempo. In Prima categoria del «Collinare» due sconfitte consecutive rallentano la marcia della Savognese, 1-0 interno con il Bressa e 2-0 a Colugna. Anche per Drenchia/Grimacco Pizzeria «Al Cardinale» il momento non è tra i più felici, sconfitti a Buja dal Blues FC 1-0.

Paradiso ok

a cinque esordio vincenNelte calcio per il Paradiso dei golosi che nella prima gara di finale UISP supera Attimis 6-3, mentre i Merenderos hanno disputato le gare di recupero vincendo 4-3 opposti al Bar Centrale, perdendo 9-6 contro Artegna e 5-0 a tavolino contro Palmanova. Sempre i Merenderos sono impegnati nella disputa di un torneo post-campionato, «Coppa Nocent». (b. q.)

Kratke Brevi brevi kratke

Nel volley c’è sconfitta e sconfitta

I risultati della pallavolo vengono dati dai set aggiudicati, ma da come vengono vinti o persi, alle volte, hanno del rocambolesco. Questo si è visto in occasione della gara Polisportiva San Leonardo-Volleybas femminile U 18 disputata sul parquet di Merso Superiore domenica 10 marzo. Il primo set è stato appannaggio delle ospiti 25-19, il secondo dalle ragazze della Polisportiva che sono riuscite a condurre fino a 16-0 per aggiudicarselo 2513, il terzo perso 28-26 ed il quarto, ancora perso, 25-22, anche se ad un certo punto le locali erano avanti 13-3 per essere poi raggiunte e superate. Come si vede è stata una gara ricca di capovolgimenti di fronte che ha regalato emozioni a non finire. Altrettanto incerto fino alla fine il precedente incontro, perso 3-1, contro il Collivolley, 27-25, 22-25, 25-27 e 24-26. Sconfitto anche il sestetto maschile di 1ª Divisione 3-0 opposto al Gaia Volley. (b. q.)



N

on ci si potrà meravigliare se il campionato dilettanti e quello amatoriale della corrente stagione sportiva sarà ricordato negli annali, come quello in cui si è registrato il maggior numero di gare sospese o rinviate causa maltempo. Anche la Valnatisone nel corso di queste ultime settimane si è vista rinviata la gara contro il Pro Romans per due volte, proprio per le condizioni atmosferiche avverse. Tra quelle ultime disputate la formazione valligiana, a Faedis ha imposto l’1-1 all’OL3 di «mister» Paolo Cencig rallentandone la corsa verso i play-off. Importante successo, poi, sul campo di casa, superando 3-1 Trieste Calcio e raggiungendo zone più tranquille. Si è fermata a Gorizia sul campo dell’Audax Sanrocchese la serie positiva degli Juniores Regionali sconfitti per 2-0.

KRATKE - BREVI - KRATKE


14

DOMA@A KULTURA

stran

Jeœiœke zgodbice

MIESAC MAR# U NAŒIH DRU˘INAH

Bepo Lazarju je stuoru posluœati muziko cieli vasi

Patroni pomo@niki: sv. Klemen Marija U petak 15. marca je praznik sv. Klemena Marije Hofbauerja. Rodiu se je u vasi Tasovice na #eœkin, 26. dicemberja 1751. Po rojstvu o@e, ki je biu iz #eœke, an mat’, ki je bla iz Nem@ije, sta mu vebrala ime Janez. Biu je sin velike dru¡ine (bluo je 12 snuovu) an ¡e od majhanega je ¡eleu bit posve@en u duhounika, pa kàr prezagoda je umaru o@e, za pomat’ veliki dru¡in je muoru iti dielat ku kruhar, ku pankor u vaœki pankoriji. Kàr je imeu 20, liet je biu kruhar u morauskin konvente, kjer je muoru dielat nuoc an dan. ‘No lieto potlè je uresni@u veliko ¡eljo, ki jo je imeu za iti na ruomanje u Rim. Po telin potovanju se je odlo@u ratat eremit an zatuo se je zaparu u konvent u kraju Quintiliolo blizu miesta Tivoli, kjer mu je bluo dano ime Klemen Marija. Ostu pa je samuo œest miescu, zak je zastopu, de eremitsko ¡ivljenje nie bla njega pot. Uarnu se je u rojstne kraje, kjer je spet œu dielat ku pankor, tel krat u zlo poznano dunajsko pankorijo. U sarcu pa je imeu nimar duhouniœko slu¡bo. Puno judi, ki ga je poznalo, je tuole viedelo an se trudilo za de bi mu uresni@it tolo ¡eljo. Takuo, kako lieto buj pozno, s pomo@jo dobrih judi, je za@eu œtudijat teologijo an filozofijo na Dunaju. Tle je ostu kako lieto an natuo, s pariateljan, se je spet deu na pot u Rim, kjer je biu sparjet u kongregacijo Redentoristu. Tle u liete 1785 je dopunu teoloœke œtudije an je biu posve@en za duhounika: imeu je 34 liet. Malo cajta potlè, Klemen an njega pariatelj sta bla poœjana u rojstne kraje, kjer naj bi odparla kongregacijo Redentoristu. Cajti pa nieso bli ti pravi: imperator, ki je biu stuoru ¡e zapriet vic ku tau¡int konventu, nie dau dovoljenja. Takuo Klemen kupe s pariateljan se je pobrau pruot Varœavi, kjer je pa uresni@u tolo ¡eljo. Deu je po koncu konvent, kjer so ble sparjete saruote, buniki an buogi judje, pa tud’ œuole, kjer je u@iu teologe. Dielu je brez truda vic ku 20 liet. Biu je zlo dobar pridgar an tuole je parklicalo h njemu puno mladih, ki, ku on, so bli zlo odparti kulturi an solidarnostnin dielu. Vic krat je poviedu, kar je misnu od politi@nih problemu an ti mladi so ga nimar podparli. Tuolega je biu zlo zaskarbjen Napoleon, ki tekrat je ragieru na Poljskin an zatuo, u liete 1808, je vepodiu uon z Polonije Klemena an use pomo@nike. Uarnu se je u rojstne kraje, kjer pa je œu napri s sojin dielan posebno med tih mladih. Puno med njin, tud protestanti, so ga zvestuo posluœal’, sa nie pridgu ni@ takuo posebnega, pa je stuoru @ut usakemu veliko viero an notranji mier, ki so posluœauce zagrabli do konca. Klemen je umaru 15. marca lieta 1820 na Dunaju. Njega relikuje so donas hranjene u zlatin relikuiarju pod utarjan cierkve Maria am Gestede na Dunaju. U liete 1888 je biu razglasen za bla¡enega an u liete 1909 pa za svetnika. Pet liet buj pozno, pape¡ Pij X. ga je razglasiu za patrona Dunaja pa tud usieh kruharju. Imenovan je biu tud »apostol Dunaja an Varœave«.

Kajœna ura bo Ura bo jasna an œe malo marzla do torka 19., kàr parvi kuart lune parnese za kajœan dan obla@no an da¡euno uro pa tud buj vesoko temperaturo. Potlè se spet zjasni. Stara luna sriede 27. parnese priet temporale, potlè pa jasne an ¡e gorke dneve.

Radoviednost Melancana je zelenajva ki pride iz Indije, kjer je rasla sama ¡e 4.000 liet od tega. U Italijo so jo parnesli Arabci u IV. stuolietju an donaœnji dan jo predajamo po cieli Europi. Melancano se more obdielat u krajih, kjer temperatura na gre zdol od 12°. Tele zelenjave se ne more jest saruovega, zak ima u sebe adno sostanco, kli@e se solanina, ki se uœafa tud tu pomidorju an tu kompierju, an ki je strupena za naœ organizem. Kàr pa zelenajva je kuhana tala tosina se malomanj uni@e. Melancana ima vitamine A, B, C, K, pa tud potasij an magnezij. Ima puno uode (92%), takuo je parporo@ena za o@edit’ organizem od tosin, an posebno @e imamo kajœno infiamacjon al pa kako te¡avo, kàr gremo na potriebo. Parpomaga tud’ zni¡at te slavi kolesterolo. Je parporo@ena, kàr imamo te¡ave z ¡elodcan an muoremo jest lahne jedila. Kàr jo obelmo, muore pa ahtat, zak se lahko upije oja.

RICETA

➔ Melancane u forne #e nas je na 4, nucamo 4 lepe melancane, 2 eta tona, pu eta oliv, 2 ¡lice kaperju, pu eta grana, peœ@ico predarsina, su, popar, 1 stroh @esnaka, 1 ice, 1 eto zribanega kruha, olivno oje. Parvo rie@ operemo melancane an jih prerie¡emo @ez pu po dugima@. Natuo jih denemo tu ¡e urielo an osoljeno uodo, kjer jih pustmo kuhat 5 minut. Jih ote@emo an denemo suœit na skoteks. Kàr so marzle, pomajmo se z adno ¡li@ico an snemimo malomanj uso sriedo (pustimo samuo parbli¡no 1 cm oku an oku), ki jo zamliejemo z mikserjan. Sada uzamemo posodo, kjer denemo zamlieto sriedo melancane, zdrobjen ton, zriezane olive, kaperje, zriban ser grana, tankuo stacan predarsin, tankuo stacan stroh @esnaka, zriban kruh, ice, malo soli an popra an use lepuo umieœamo. Uzamemo marzle melancane, ki jih napunemo s tolo parpravo. Po varh potrosemo œe malo zribanega siera grana, polijemo malo olivnega oja, polo¡emo u ¡e parpravjeno posodo za foran an denemo pec parbli¡no za 20 minut u foran ¡e gorak 180°.  Loretta Primosig

dom

15. marca 2013

 Jur Zad tih

T

e starejœih Lazarjovih na puobnen. Poviedal’ so mi, de sta bla par hiœ’ dva bratra: Dolfo an Guido. U pamet judi sta bla nomalo podobna Kajnu an Abelnu. Pravlo se je, de je biu Dolfo zlo ihtu @lovek u cajtih, kàr je bluo na robu Italije malo jaune pravice an so se pogostu judje po sojin obnaœal’. Usak po soji mo@i an voji. Za kar vien, jo je Dolfo kako hudo zakuru pruot drugin puoban. Straœnuo so ga pretepli an morebit je tudi zauoj tuolega preca genju tarpiet an zapustu tel sviet. Guido je poro@iu Ido Uerbovo, ki je bla rojena na Klabu@arju u Dreki an je od nje imeu œtier sinuove, ki so bli Bepo, Marija, Danilo an zadnja Lu@ija. Pa tudi Guido je prezagodà umaru an pustiu u veliki potriebi (mizeriji) dru¡ino, ki jo je mat Ida redila takuo, ki je mogla. Zaslu¡ila je kajœno palanko ku grabi@a, al’ je pomagala par kajœnin diele u vasi. Pa nie bluo zadost. Doma otroc’ nieso imiel’ dost za jest. Kàr smo hodil’ u œuolo, vi@ ku kajœan krat smo jih videl’, kuo so, la@ni, veril’ merne, ki so jih Œtulinovi pardieluval’ u njivi pod Kravarjan. Grede, k’ smo se po œuoli vra@al’ damu, je ratalo tud’, de je kaka glava kapuza napunla turbo kupe s bukvi, de jo je mat zvi@er stenfala za vi@erjo. Mo@na an barka ¡ena za dielo je bla Ida, kàr se ji je dalo. Pa zlo @udna je bla, posebno s Ro¡co, nje stara ¡lahta, s katero je bla parsiljena ¡iviet le pod tisto strieho. Niesta ble maj dakordo. Nimar sta se kregale, zanemarjale an klele. Ro¡ca je bla ‘na majhana ¡enica. Redila je po dvie an tri kozice. Nosila je u mlekarno dol u Zamier po tri, œtier litre mlieka, ki so jih ji zapisoval’ na doplih, zak’ je bluo kozje. Ona je dost parpomala Idini dru¡ini. Posebno je skarbiela za Bepuna. Dar¡ala ga je ku sojga sina. Bepo, ist an Tona Lahu smo za@el’ hodit u œuolo u #edad z bi@ikleto. Usak dan

V Jeæiåu so spoznal’ Lojzeta Slaka an puno slovenskih piesmi skuoze Bepunu radio dol an gor smo jo pedalal’. Lepuo se zmislen, kàr je tetà Ro¡ca kupila Bepunu ‘no staro bi@ikleto, ki je imiela lesene kolesa an zavore, ki nieso popunoma dielal’ soje du¡nuosti. Iz Jeœi@a do Zamiera je ciesta starma an puna ovinku. Kàr so se @oket’ previ@ zagriel’, nieso dost dar¡al’ an @e smo se kulki prehitro spustil’, je bluo kaka ¡lajfat, posebno dol Za kuolan, kjer se je pogostu kajœan od nas prevargu u patuo@no an atu se pretipu, de bi vidu œkode na ¡uote an pregledu stanje bi@iklete. Rana na ¡uote se je bla zacelila, polomjena bi@ikleta pa je bla hujœa rie@. Takin razka@enin puoban, ku k’ smo bli mi, usaka igra, tudi naobarna, je bla uœe@. Tekme (gare) smo dielal’, kduo je mù narest ovink par Lukcjovin brez ¡lajfu (frenu) taknit. Tisti krat je biu pred mano glih Bepo.

Se nie zadost spregnu na ovinku an je splu dol po Lukcjovi njivi, se nastargoliu ta miez kolu od brajde, de se nie mù reœit. Tekrat se je, buo¡ac, takuo vas razprasku an o@u¡u, de se je muoru varnit damu. Œkoda, de nie dokon@u œuol’, tudi zak’ je uœafu dielo u fabriki madonu na #imurje. S te parvimi sudi, ki jih je zaslu¡u, je kupu ‘an velik radio s giradiœkan an je usako nediejo ob deveti na uso muo@ stuoru posluœat cieli vasi programe an muzike, ku de bi biu vaœki senjan. Takuo smo posluœali Lojzeta Slaka an njega pevski zbor. Nie korlo biti blizu, odnevalo se je po cieli vasi. Atu smo se navadli puno slovenskih piesmi an veselo pieli po oœtarijah. Potle k’ je po butigah pla@u dru¡inske duge, je parvi par naœih krajih kupu Veœpo. Usako nediejo je uozu za sabo parjatelje, posebno mene, ki me je imeu buj rad ku bratra, @eglih san biu tri lieta buj mlad ku on. Pravu mi je od sojih te¡au, od sojih zgodb, an kuo mu je mat ostro branila, de bi se o¡enu z lepo @e@o, ki jo je imeu u Podutani. Je nie tiela sparjet pod strieho an je Bepu lejdih ostu, kier se nie uagu odtargat od matere. Po@aso se je u lietih vargu u pija@o, potle k’ se je varnu naveli@an iz Kanade. #ja ga je povabu brat Danilo, par katerin nie mù ostat. Buogi Bepo mi se je nimar usmilu. Bardak an mo@an @lovek je biu. Se nie ankul uparu pruot nobednemu. Œe brat an sestre so z njin dielal’, kar so tiel’. Posebno brat, ki mu jih je dielu usake sorte, brez nobedne miere. Sestra Marija je bla liepa ¡ena. Lase an o@i je imiela @arne, ku urane. Bla je fajne, vesoke postave. Zagoda je œla po sviete. Poro@ila se je an nardila sojo dru¡ino. Vien, de je œele mlada oboliela an nardila tragi@no smart. (38. – gre napri)

Ljudje v Poso@ju

Jo¡e Pavel@ev z Vrsnega - Bjondo

J

o¡e Pavel@ev z Vrsnega ni bil nek vaœki posebne¡, @eprav ga je marsikdo neupravi@eno uvrœ@al med mo¡e posebne vrste. Naziv Bjondo je dobil ¡e v zgodnjih otroœkih letih zaradi izredno svetlih skoraj rumenih las. Po o@etovi smrti je v hlevu zmanjœal œtevilo molznih krav in se zaposlil v dolini. Ob delu na doma@i kmetiji je bil vedno pripravljen pomagati sovaœ@anom preve@krat v svojo œkodo. Bil je med zadnjimi Vrsenci, ki je v seno¡etih pod Krnom do konca kosil in v seniku shranjeval seno. Bjondo je bil veren in bogaboje@. Njegov ne preve@ bogat besedni zaklad je kljub temu vseboval nekaj grdih besed, ki jih je pogosteje uporabljal ob koncu tedna, ko se je ob kozar@ku v vaœki gostilni dru¡il s prijatelji in znanci ter v@asih zaigral nekaj partij trœeta in briœkole. Posebno se je Bjondo veselil vikenda pred pepelnico. Vrsenski pust je bil dogodek, ki ga ni smel zamuditi, saj je imel kot neporo@en fant pravico sodelovati v pustnem sprevodu in seveda na pustni veselici. Ko je na pred pustno nedeljo popoldne muzikant na vasi nategnil svoj meh je Bjondo v pisanih pustnih obla@ilih stopil v akcijo. Najprej si je za soplesalke izbiral dekleta iz pustnega sprevoda za tem pa œe dekleta in ¡ene znanke iz doline, ki so prihajale

na veselico in ogled vaœkega pusta. Plesal je pozno v no@, vse dokler zaradi pogostega obiska to@ilnega pulta ni obnemoglo sedel k svoji dru¡bi. Kljub temu, da je bil vedno pripravljen nesebi@no prisko@iti na pomo@ vsakemu, ki je potreboval mo@ne in spretne roke, je za delo na doma@i kmetiji le redko iskal pomo@nika. #eprav so mu nekateri pomagali pri obnovi hiœe, je sam iskal pomo@ prijateljev le pri se@nji in spravilu drvi. Pozno v zimski ve@er je brnela motorka v strmini nad cesto v vas Krn. »Bjondo pripravlja drva za prodajo, pa œe za doma@i œtedilnik jih bo ostalo« so pravili vaœ@ani, ko se je z malim traktorjem in brle@imi lu@mi v temi vra@al domov. Po sve@nici se je odlo@il, da bo za prodajo primeren les v hlodih spravil k cesti. V pomo@ mu je prisko@il Toni, znanec iz doline. Kolovozna tla so bila dovolj zmrzla, da sta brez ve@je œkode hlode zapela za traktor in jih nekaj sto metrov dale@ privlekla do ceste. Bjondo je bil strasten kadilec. Medtem ko je Toni izbijal kline in odpenjal verigo, je on pri¡gal cigareto in vlekel dim globoko v plju@a. Œe preden je pokadil do konca, je s @ikom v ustih pomagal hlode zlo¡iti na razœirjenem delu ceste. Pri delu sta morala biti previdna, saj bi ob najmanjœi nepre-

vidnosti hlod lahko zdrsnil v strmino pod cesto, od koder ga ni bilo ve@ mogo@e spraviti. Morda sta ¡e privlekla pet ali œest lepih bukovih hlodov, ko je po kratkem odmoru v gozdu ponovno pripeljal traktor z vleko k ¡e zlo¡enemu lesu. Toni je s cempinom v rokah pristopil, da bi izbil kline. Bjondo pa je stopil nekaj korakov vstran ter Toniju svetoval, kaj naj stori in iz ¡epa povlekel œkatlico tobaka. S cigareto na pol izvle@eno iz œkatle je stopil pol koraka nazaj... v prazno. Le polglasen krik je bilo sliœati, ko je padal v globino strme grape. ˘arko, izkuœen gorski reœevalec, na@elnik GRS Tolmin, ki je ravno tisti trenutek prihajal s skupino reœevalcev iz akcije pod Krnom, se je prvi spustil do ponesre@enca in pripravil vrvi za varen spust zdravnika, ki je kmalu za tem le œe potrdil ugotovitev reœevalcev. Kljub varnemu spustu vsega vajen zdravnik ni mogel takoj do ponesre@enca, saj se je po œe pred njegovim prihodom do gospodarja od nekod priplazila mala @rna meœanka Pika, ki je groze@e ren@ala in se pripravljala napasti vsakogar, ki bi se pribli¡al. Reœevalcem in sosedu lovcu je komaj uspelo Bjondovo zvesto psi@ko odstraniti. Bjondo pa je odœel brez slovesa. Njegov spomin v vasi œe vedno ¡ivi.  PaÅ


dom

KAPLAN MARTIN @EDERMAC

15. marca 2013

48.

stran

LETA 1933 - »V NEDIEJO BO VSE PO STAREM«

15

risbe: MORENO TOMASETIG besedilo: GIORGIO BANCHIG

in MORENO TOMASETIG

POVZETEK - Telo ilustrirano pripovedovanje je povzeto iz romana »Kaplan Martin Åedermac«, v katerem je slovenski pisatelj France Bevk (1890-1970) opisu teœko stanje slovenskih duhovniku v Beneåiji po prepovedi slovenskega jezika v cierkvi s strani faæizma. Po obisku karabinierju je pre Martin s sestro Katino skriu slovenske bukva v cierkvi svetega Mihiela. Paræla je nedieja, kaplan Martin je æu maæavat. Po branju Vangelija je zaåeu pridgo po italijansko. Moœje so se razjezili, a je Åedermac zagotoviu, de tuo je bluo parviå in zadnjiå in je sklenu, de se na bo podluoœu oblastem. En tenent karabinierju mu je ukazu, naj podpiæe dokument, s katerim naj bi sparjeu ukaz. Zatuo ki je Åedermac odloåno odklonu, ga je parsilu iti za njim v Åedad k prefektu, pred katerem je branu pravico svojih ljudi posluæat Boœjo besiedo v maternem jeziku. Medtem so karabinierji v Varsniku sekvestrali katekizme. Na sreåanju z drugimi kaplani je Åedermac zaviedu, de bo nadækof branu pravice slovenskih vierniku. Kaplan Potokar je poviedu tud, de æpijon med domaåimi duhovniki je kaplan Skubin. Tudi v njega fari je biu æpijon: nieki Klinjon, ki je snubu kaplanovo sestro Katino. Po smarti matere je kaplan huduo zboleu. Ozdravu je poåaso … En dan je v Lipah sreåu zdravnika, ki mu se je parporoåiu, de naj ahta, kier hudobneœi mu åejo slavo. In ries! Nieko nuoå ga je zbudu vasnjan Birtiå in ga prosu, naj uteåe, kier je vidu, de so paræli puonj. Nie bluo druge izbiere ku uteå. Drug dan zjutra je biu œe v Vidnu pred ækofijo in prosu, de ga nadækof sprejme. Nadækof je Åedermacu poviedu, de prepuovedi slovenskega jezika in preganjanju duhovniku ne on ne papeœ se niesta mogla uprieti. Åedermac pa je izrazu prepriåanje, de nadækof nie nardiu vsega, de bi ustavu prepoved. Kàr je paræu v Vrsnik ga je åakala skupina moœ. Od njih je zviedu, kuo so æle stvari, kàr so faæisti paræli puonj in on je uteku v Viden, in kuo oni so bli odloåni ga iti iskat, åe bi se tisto viåer ne varnù.

TAKUO SADA JE SPET, KAKOR JE BLUO?

KAJ PRAVIÆ?

PO STAREM. MISLIM - V CIERKVISA’ ZA TUO GRE

KAJ NAJ JIM DIJE? ZAKLEU SE JE BIU: NIKDAR VIÅ! A TUO NIE BLUO GLAVNO. BAU SE JE NJIH ZAÅUDENJA, NJIH POGLEDU, BESIED IN MISLI. LAGAT JIM NE SMIE, A TUDI RESNICE JIM NE MORE POVIEDAT

ÅÙ SE JE NEIZMIERNO ZANIÅEVANJA VRIEDNEGA. PRIET AL POTLÈ BOJO VSE IZVIEDLI. USTAVU SE JE IN SE OGLEDNU, KAKOR DE BI MOŒEM ŒELEU KAJ POVIEDAT. PA JO JE POTEGNU LE NAPREJ

JA, V NEDIEJO BO VSE PO STAREM. BIEŒTE DAMU! LEŒITE! POZNO JE ŒE … LAHKO NUOÅ, MOŒJE!

BIU JE DO ZADNJEGA RAZBURJEN, KÀR JE PARÆU DAMU. IZ FARUŒA JE ÆE ZMIERAM SIJALA LUÅ. KAKUO DE KATINA ÆE NIE ÆLA SPAT? KAPLAN JE BIU TAKUO NAPET, DE GA JE VSAKA MALENKOST JEZLA. VRATA SO BLE ZAKLENJENE, S PALCO JE POTUKU NANJE. KATINA MU JE ODPARLA

SI TI, MARTINAC? KAKUO PA SI VIEDELA, DE PRIDEM?

ÅAKALA SAM TE, DE TI DAM VIÅERJO

ZAKÌ PA ÆE NIESI ÆLA SPAT?

SAM ŒE VIÅERJU. BIEŒI LEŒAT!

ZAKÌ JE BIU SPET TARD S KATINO? KAJ SLAVEGA JE STORLÀ? POSTALA MU JE OÅITNA NJE ŒALOST IN SKARB, POTLÈ NJE VESELJE, KI GA JE ZAGRENIU. VZEU JE SVETILKO, ÆU PO ÆTENGAH …

RAHLO JE POTUKU NA VRATA. KATINA NIE ODGOVORILA. TIHO JE STOPNU V KAMBRO, KAKOR DE SE JO BOJI ZBUDIT. POGARNJENA JA BLA SKOR ÅEZ GLAVO, OBRAZ JE IMIELA OBARNJEN V ZID. TIHA JE BLA, A ÅEDERMAC JE ÅÙ, DE NE SPIE. PARDARŒEVALA JE SAPO … KATINA, ZAKÌ NE SPIEÆ? ZAKÌ JOÅEÆ?

TAKUO SAM SE BALA ZA TE! TAKUO SAM SE BALA!

SA’ SE MI NIE NIÅ ZGODILO: VIDIÆ, DE SE MI NIE NIÅ ZGODILO. IN SE MI NIKDAR NE BO. SPI, KATINA! RIASSUNTO IN ITALIANO - Questo racconto è tratto dal romanzo «Kaplan Martin Åedermac» dello scrittore sloveno France Bevk (1890-1970). Narra fatti successi nel1933, quando il fascismo vietò l’uso dello slo-

veno. In questa puntata: tornato dalla visita all’Arcivescovo il cappellano Åedermac viene a sapere dagli uomini del paese cos’era successo durante la sua assenza. Ma una cosa interessava i suoi parrocchiani: ritornerà tutto come prima riguardo l’uso dello sloveno in chiesa? Åedermac promette che dalla domenica seguente tutto sarà come prima. In canonica trova la sorella Katina che lo attendeva per servigli la cena. Lui la tratta in modo duro, sgarbato e la manda a dormire. Rammaricato del suo comportamento, sale in camera e trova la sorella in lacrime.


16

ZADNJA STRAN

stran

KAJ KJE KAM KADÀ KUO jajca okraœena z vi@ sort tehnik, ki so jih u zadnjih œestih lietih napravli »artisti«, tudi skupina iz Poljubina. Razstava bo odparta do 29. mar@a po urniku kamuna; - u nediejo 24. mar@a ob 15.00 na dan Oj@ince le na dreœkin kamune bo navadna delaunica, kjer boste pierhe runal’. Info: 0432 721021.

NEDIÆKE DOLINE • LIESA - u nediejo 17. mar@a, ob 17.00 u telovadnici bo »Hrupno sre@anje«. Igrale bojo skupine: Kolbak, Anja an The Sons of a gun, Hackers. Organiza kulturno druœtvo Re@an. • PLANINSKA DRU¡INA BENE@IJE vabe: - u nediejo 17. mar@a na pohod na Kambreœko/Globo@ak Program: ob 7.30 se uœafate u Œpietru pred sriednjo œuolo antà gresta z autom na Kambreœko, kjer guida vas peje gledat hidroelektrarno na So@i an Luk@evo hiœo na Kambreœkem. Po pohodu na Globo@ak, se bo dan zakju@u za te pravim ognjiœ@em par Jo¡ici an Ivanu. Luisa, 0432709942. • PLANINSKO DRUŒTVO CAI vabe: - u nediejo 24. mar@a na pohod na goro Porezen 1.632m (Slo), u Julijskih prealpah. Program: ob 7. uri odhod iz placa pred œuolmi u Œpietru. Tel pohod je za esperte alpiniste. Za se upisat pokli@ita do @etartka 21. mar@a na 0432 726056. • PODBUNIESAC - u @etartak 21. mar@a, ob 20.00 bo u gostilni »Al vescovo« vi@er »Krivapete @ujejo pomlad...«. O veliki no@i an o velikono@nih navadah bojo guorile gospe vasi an Ada Tomasetig (autorica bukvi »Od Idrije do Nedi¡e«); Gabriella Cicigoi bo parnesla tradicionalne pierhe, artista Manuela Iuretig pa nje krivapete. Na vi@eru boste pokuœal’ doma@e jedì. Za se prenotat pokli@ita na tel. 0432 726375. • SAUODNJA - u petak 22. mar@a, ob 20.00 u ve@namenski dvorani (sala polifunzionale) bo literarni vi@er »Le diverse parole della pace«, ki ga organizajo sauonjski kamun, kulturno druœtvo PoBeRe an budisti@ni center u Polavi. Prebral’ bojo an dve poeziji, ki jih je napisu mons. Ivan Trinko. • DREKA druœtvo Kobilja glava vabe: - u nediejo 24. mar@a, ob 11.30 na kamune odprejo razstavo velikono@nih pierh. Ogledali si boste

• STARA GORA - u nediejo 17. mar@a pohod »Sentiero delle 3 chiese«. Program: ob 9. 00 sre@anje na placu na Stari gori; ob 11.30 prideta do cierkve Sv. Miklau¡a, ob 12.00 prihod na kraju Raca, kjer se odpo@ijeta, ob 14.30 prideta do cierkve Sv. Ivana an ob 16.30 do gostilne Sale e pepe, kjer bo vi@erja. Upisovanje pride 28 euro. Organiza pro loco Nediœke doline, 3493241168. • KRAVAR - u petak 29. mar@a, ob 18.00 na Veliki petak bo pobo¡na uprizoritev (sacra rappresentazione) Kri¡ove poti. Pieu bo doma@i zbor Tri doline-Tre valli, ki je tudi parpravu telo pobo¡nost. • APS Alborella vabe: - u saboto 13. obrila Gremo ribe jest u gostilno Al Puntiglio (kraj Biverone) u S. Stino di Livenza. Za se upisat (se pla@a 50 euro) imate cajt do 6. obrila, pokli@ita Alda Martinig (cell. 3381634266) ali pa bar “da Toni” na #emurju. • LIESA - u nediejo 17. mar@a bo »Postno ruomanje na Staro Goro«. Se gre par nogah ob 14. uri od muosta na #emurje. (#e bo slava ura, ga bojo prelo¡li na 24. mar@a). - u nediejo 17. mar@a na Liesah na »Senjan Sv. Jo¡ufa«, ob 11. uri sveta maœa u cierkvi, precesija s podobo Sv. Jo¡ufa an veselica. • SRIEDNJE - u @etartak 14. mar@a, ob 20.00 u gostilni Sale Pepe bo vi@er »Krivapete @ujejo pomlad«. Gospe vasi, Ada Tomasetig, ki je napisala bukva »Od Idrije do Nedi¡e« an Aldina De Stefano autorica bukvi »Le krivapete delle valli del Natisone – un’altra storia« bojo poviedale prauce go mez zeja an post. Za se prenotat na vi@eru, med kerim boste pokuœal’ doma@e jedì, pokli@ita

gostilno Sale e pepe na 0432 724118. • KAU U POEZIJI (Podbuniesac) - do 29. obrila je odparto upisovanje na mednarodni konkorœ poezije »Kau u poeziji«.. Poezije se jih more pisat u italijanskin, slovienskin knji¡nin iziku al’ u nare@ju, ali pa u angleœkin iziku. Letoœnja tema je »Voci nel vento Glasovi u zraku«. Pravila za konkorœ so na sito podbunieœkega kamuna.

15. marca 2013

dom

DOMA#A MODRUOST Z malin se œe ¡ivi, pa brez ni@ se na more

• MEDITAZIONE SUI CUORI GEMELLI Meditacija na bli¡nji@a sarca je: -usak @etartak ob 20.30 u A¡li u faru¡e; info: Danila, 3393116666; - usak petak ob 20.30 u Gorici, u centru Polivalente (ulica Baiamonti, 22), info: Renata 3282389078; - usak pandiejak ob 20.30 u Novi Gorici (Slo) na gimnaziji (ulica Delpinova, 9), info: 3282389078.

TERSKE DOLINE • PRO LOCO COLLOREDO DI SOFFUMBERGO organiza: - u nediejo 24. mar@a pohod po starih vaseh (Costalunga/Vila, Pedrosa/Pedroza an Reant/Drejan). Se gre ob 9.15 uri iz Podcierkve (pred cierkujo), se uarnete okuole 16. ure Upisovanje do sabote 23. marca ob 20.00. Za kosilo parnesita za sabo. #e

Naro@nine Abbonamenti LETNA/ANNUALE € 16 PODPORNA/SOSTENITORE € 30 SLOVENIJA/SLOVENIA € 20 EVROPA/EUROPA € 25 SVET/EXTRA EUROPA € 35

Poœtni ra@un/Conto corrente postale n. 12169330 intestato a Most scarl, borgo San Domenico 78, 33043 Cividale del Friuli/#edad Ban@ni ra@un /Conto corrente bancario Iban: IT85 P086 3163 7400 0010 0815 095 BIC/SWIFT: RUAMIT21CIV

bo slava ura bojo pohod prelo¡li. Info: Pro loco, cell. 3396554561

Robidiœ@e odpirajo sezono. Vabjeni na veselico z muziko an pargrizek (rinfresco). www.robidisce.si

POSOÅJE • VRSNO - u @etartak 21. mar@a, ob 20.00 pred Gregor@i@evo hiœo bo literarni vi@er, ob svetounem dnevu poezije, »Prestopimo z Gregor@i@em pomladni prag«. Prebral’ bojo poezije @lani druœtva PoBeRe, pesniki iz Slovenije an Furlanije. • ROBIDIŒ#E - u saboto 23. mar@a ob 14.00 na turisti@ni kmetiji (agriturizem)

• BREGINJ - u nediejo 24. mar@a, ob 17.00 u prestorih osnoune œuole bo prirediteu »Skupni slovenski prostor«, predstavili bojo Trinkov koledar. U PRIHODNJI ŒTEVILKI BOMO OBJAVIL’ PRIPOŒJAJTE OBVESTILA DO 25. MAR @A NA NASLOV info@sslov.it TEL.-FAX 0432 701455 SUL PROSSIMO NUMERO PUBBLICHEREMO GLI APPUNTAMENTI FINO A METÀ APRILE . INVIATELI ENTRO IL 25 MARZO A info@sslov.it TEL.-FAX 0432 701455 REDITVE DO POLOVICE OBRILA .

OMAGGIO A SHRI MATAJI, FONDATRICE DEL SAHAJA YOGA Giovedì 21 marzo alle ore 20.30 nella sala Club del Cinema Centrale, a Udine, verrà presentato in anteprima il film-documentario «Freedom and liberation», di Carolin Dassel, dedicato a Shri Mataji Nirmala Devi (1923-2011), tra le guide spirituali più importanti degli ultimi cento anni. Vicina a Mahatma Gandhi, che aveva riconosciuto in lei qualità straordinarie, ha partecipato attivamente alla lotta per l’indipendenza dell’India e per questo fu più volte imprigionata. A partire dal 1970 ha viaggiato in tutto il mondo per diffondere il suo metodo di meditazione denominato Sahaja Yoga, di cui istituì la Fondazione mondiale a Cabella Ligure (Alessandria) e che è stato recentemente scelto come partner ufficiale dal Centro per la Pace dell’Unesco. La serata s’inserisce nell’iniziativa «Il momento che cambierà la tua vita» con una serie di eventi, organizzati in tutta Italia, fino al 27 marzo. In Friuli sono attivi corsi di Sahaja Yoga, a Udine, Cividale, Codroipo, Pordenone, Campolongo al Torre, Monfalcone e Trieste.

Na spletni strani www.dom.it vsak dan novice in prireditve

dom

KULTURNO VERSKI LIST

PETNAJSTDNEVNIK PERIODICO QUINDICINALE ODGOVORNI UREDNIK

DIRETTORE RESPONSABILE MARINO QUALIZZA ZALO¡BA - EDITRICE MOST SOCIETÀ COOPERATIVA A R. L. UREDNIŒTVO - REDAZIONE UPRAVA - AMMINISTRAZIONE 33043 #EDAD - CIVIDALE DEL FRIULI BORGO SAN DOMENICO, 78 TEL. - FAX 0432 701455 e mail: redazione@dom.it www.dom.it Iscrizione Roc n. 5949 del 10.12.2001 STAMPA: CENTRO STAMPA DELLE VENEZIE SOC. COOP. VIA AUSTRIA, 19/B, 35129 PADOVA REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI UDINE N. 8 - 8. 4. 2003

Najbolj brano na naœi spletni strani I più letti sul nostro sito internet

Vsak dan ob 20.30 Tv dnevnik po slovensko

1

V torek 5. marca akcija v podporo dvojezi@ni œoli Il 5 marzo manifestazione a sostegno della bilingue

2

Do 15. marca predvpis v dvojezi@ne otroœke jasli Entro il 15 marzo preiscrizioni all’asilo nido bilingue

Vsak dan, od pandiejka do sabote, poro@ila: ob 7.00, 8.00, 10.00, 13.00, 14.00, 17.00 an ob 19.00.

3

Slovenistika v Vidnu je najve@ja v Italiji La cattedra di sloveno a Udine è la più grande in Italia

Ob nediejah: poro@ila so ob 8.00 in 9.45 (pregled zamejskega tiska), 13.00, 14.00, 17.00 in 19.00; ob 9. uri sveta Maœa.

4

Pet zvezd sije tudi med Slovenci Cinque stelle primo partito nelle Valli

5

L’impegno politico di mons. Ivan Trinko Politi@no udejstvovanje msgr-ja Ivana Trinka

Oddaje za vidensko provinco. Vsako saboto ob 12.00 iz Rezije »Ta rozajanski glas«. Vsako saboto ob 14.10 Nediœki zvon iz ¡ivljenja Beneœkih judi. Vsako zadnjo saboto v miescu ob 12.30 iz Kanalske doline »Tam, kjer te@e bistra Bela«.

Postani naœ prijatelj Diventa nostro amico

VSAKO

NEDIEJO OB

OKNO

B ENE @IJO www.radiospazio103.it

V

TUDI NA INTERNETU :

14.30


Giornale Dom