Issuu on Google+

dom

Quindicinale - anno XLVIII n. 2

K

U

L

T

U

R

N

O

V

E

R

S

K

I

L

I

S

31. januarja 2013 - Euro 1,00

T

POSTA ITALIANE S.P.A. - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONVERTITO IN LEGGE 27/02/2004 N° 46) ART. 1, COMMA 1, NE/PD- IN CASO DI MANCATO RECAPITO RESTITUIRE ALL’UFFICIO DI PADOVA DETENTORE DEL CONTO, PER LA RESTITUZIONE AL MITTENTE - TAXE PERÇUE - TASSA RISCOSSA - 35100 PADOVA - ITALY

UVODNIK

Naj so v ospredju Slovenci videnske province

N

ovolietna sre@anja imajo dugo tradicijo, saj je bluo lietoœnje ¡e 43., a so ble parve le za politi@ne in kulturne dieluce, medtem ko sada parvabljajo zaries puno ljudi. Tudi lietos je bluo v Kobaridu na stuojke Bene@anu in doma@inu takuo, de je tudi kulturni dom ratu pretesan. Na proslavi ima nimar besiedo predstavnik Slovencu v videnski provinci. Lietos je msgr. Marino Qualizza v imeu slovenskih organizacij guoriu o novih te¡avah, ki jih imamo Slovenci v Bene@iji, Reziji in Kanalski dolini. »Nedopustni so partistki in celuo sovraœtvo do Rezijanu, ki se zavedajo, da so Slovenci – je jau –. ˘au pa se „rezijanski sindrom“ œieri na Bene@ijo. Rojevajo se in rastejo @udne teorije, ki jih podperjajo celuo nekateri kamuni, provincialni in regionalni politiki. Tisti, ki so v @arnih lietah dielali pruoti slovenskemu jeziku in kulturi, so sada parpravili novo asimilacijsko politiko, ki diela, da bi lo@ila Slovence v videnski provinci od tistih v Tarstu, Gorici, Poso@ju in cieli Sloveniji. Vse tuole dielajo z denarjam, ki je namenjen Slovencem. Postaviti se jim je trieba z vsiemi mo@mi. Dr¡ava, de¡ela in lokalne uprave muorajo upoœtevati znanstvene ugotovitve, ki nas priznavajo za prave Slovence, in odre@i vsako podpuoro tistim krogam. Tudi pri tem vpraœanju je za nas dragocena podpuora Slovenije, bodisi na dar¡avnem, bodisi na lokalnim nivoju – je poudaru —. Posoœke ob@ine pozivamo, naj ne izvajajo @ezmejnih projektu in drugih odnosu mimo slovenske manjœine. Naj so nimar pozorne, kakuo se njih partnerji na italijanski strani obnaœajo do nas Slovencev.« Tela sre@anja so za Slovence v videnski provinci œe kakuo potriebna, zatuo ki imajo parlo¡nost poviedati iz parve roke svoje probleme in par@akovanja pomembnim predstavnikam in politikam Republike Slovenije. Zatuo muorajo biti v ospredju Bene@ani, Rezijani in Kanalski Slovenci. ˘au lietos pa nieso imieli mo¡nosti se direktno pogovoriti s predsednikom slovenske vlade Janezom Janœo. Mest so jim ukradli taki, ki imajo puno vi@ parlo¡nosti se z njim sre@ati v Ljubljani, Tarstu al’ Gorici.  Ezio Gosgnach

V KOBARIDU JE BILO 43. NOVOLETNO SREÅANJE SLOVENCEV IZ VIDENSKE POKRAJINE IN POSOÅJA

Skarb za naœ jezik je pred ekonomskimi interesi P

oso@je je za Slovence v Bene@iji, Reziji in Kanalski dolini »naravno jezikovno in kulturno zaledje. Hvale¡ni smo Sloveniji, ki nam je nimar ob strani in nas podperja,« je jau msgr. Marino Qualizza. »Ohranjanje stiku s Slovenci, ki ¡ivé v zamejstvu in po svetu, je adnà naœih prioritet,« je partardiu predsednik slovenske vlade Janez Janœa. »Tuole je narbuj lepuo sre@anje med parjatelji z obieh strani nekdanjega konfina,« je poudarila kobariœka ¡upanja Darja Hauptman. Na 43. novolietnim sre@anju med Slovenci videnske province in Poso@ja, ki je bluo v saboto 19. ¡enarja v Kobaridu, je bluo jasno poviedano, de skarb za slovenski jezik in kulturo ima prioriteto tudi pred ekonomskimi interesi. Seviede so tudi teli velikega pomiena, a sodelovanje Bene@ije, Rezije in Kanalske doline s Poso@jem temeli (ima fondament) na skupni identiteti, saj smo sinuovi le tiste slovenske matere. Tudi @e guorimo vsak svoj dialekt, se prù dobro med sabo zastopimo, kakor so dokazali mladi na odru, ki so nastopili po rezijansko, po tersko, po nediœko in po kobariœko. Pred novolietnim sre@anjam so se zbrali œindiki iz Bene@ije in ¡upani iz Poso@ja. Z njimi so bli tudi vesaki predstavniki Republike Slovenije in de¡ele Furlanije Julijske krajine, ter predstavniki slovenskih organizacij v videnski provinci. Pogovorili so se o @ezkonfinskim sodelovanju, saj je trieba pejati naprej @ezkonfinske projekte in parpraviti nove za evropske financiamente. Gujonova priznanja so lietos podelili zavarœkemu in barœkemu famoœtru g. Renzu Calligaru in glasbeniku Davidu Clodigu. Tipajskemu œindiku Eliu Berri so dali posebno nagrado Poso@ja za dugolietno sodelovanje. Za de¡elo Furlanijo Julijsko krajno je biu na sre@anju odbornik Roberto Molinaro.  beri na 5. strani

L’INTERVENTO del sindaco di Taipana, premiato all’incontro degli sloveni a Kobarid

Difendiamo il diritto di essere liberi e sloveni

A

Kobarid, in occasione del 43° incontro degli sloveni della provincia di Udine e del Poso@je, ho ricevuto un riconoscimento per quanto ho fatto come sindaco. Sento di avere fatto solamente quanto dovevo. Avrei potuto fare di più e, comunque, in questo momento ricordo tutti coloro che, nativi del comune di Taipana, hanno dato un contributo a difendere il diritto di essere liberi e sloveni. Gli anni che stiamo vivendo non sono facili, perché la crisi economica mondiale riguarda tutti noi. Anche se abbiamo ottenuto riconoscimenti legislativi fondamentali, quali la legge di tutela, le scelte socioeconomiche che vengono riservate ai nostri territori compromettono non solamente la lingua, ma la medesima nostra esistenza.

Non ritengo che i rapporti tra gli abitanti delle due sponde del Natisone siano migliorati con il venire meno del confine e l’inserimento della Slovenia nella Ue. Da anni non esiste di fatto neppure un ente comprensoriale che sia di riferimento. Ciò da quando si è iniziato con il commissariare le Comunità montane. In questa situazione anche gli incontri tra amministratori possono dare pochi risultati. Da parte slovena si trovano tre sindaci uniti da un ente di sviluppo collaudato, che ha alle spalle il governo; da parte nostra si trovano dei sindaci, ognuno con i suoi problemi e con dietro il nulla. Inoltre, per lo sviluppo della conoscenza reciproca e culturale, per parlare di economia senza interpreti, per togliere quella barriera invisibile, che esiste ancora, crea-

ta da una ideologia sbagliata e da tensioni sovente esagerate e per le quali magari l’aggressore diventava l’aggredito, avrei ritenuto opportuno che in regione e non solo lungo la fascia confinaria si insegnasse obbligatoriamente la lingua slovena e parimenti in Slovenia l’italiano. Così pure che che fosse inserito nelle scuole lo studio della relazione storica congiunta italoslovena promossa, con patrocinio ministeriale, riguardante i rapporti tra i due popoli. Non mi pare che in Friuli Venezia Giulia si stiano attuando quelle che ritengo ovvietà, mentre mi risulta che in Slovenia ci sia maggiore sensibilità a questi temi.  Elio Berra sindaco di Taipana

V TELI ÆTEVILKI KARITAS ÆPIETARSKE FORANIJE Ob dnevu za œivljenje cvetje pred domaåimi cerkvami • stran 2 UNIJA NEDIÆKIH DOLIN Odloåitev o slovenskem imenu bo padla na seji 7. februarja • stran 6 BENEÅIJA/REZIJA Tradicionalni pust prinaæa veliko veselja v vasi • stran 7 ÆPIETAR Spodbudno zanimanje za vpis v dvojeziåno æolo • stran 8 Redakcijo smo zakljuåili 29. januarja ob 14. uri


2

VERSKO ¡IVLJENJE

stran

LA 1a FESTA dei cattolici immigrati: «Tante lingue una sola fede»

«La Chiesa Udinese si è arricchita con l’arrivo di sorelle e fratelli di paesi lontani»

31. januarja 2013

dom

DOMENICA 3 FEBBRAIO la 35a Giornata nazionale per la vita. Il messaggio dei vescovi italiani

Generare la vita per vincere la crisi della nostra società

«G

«Q

uesta festa, che vede unite tante lingue e razze in un’unica fede, sia un momento di grazia per crescere tutti nella comunione dell’unica Chiesa e nella solidarietà di cui, in questo tempo di crisi economica e di lavoro, c’è tanto bisogno. La nostra Chiesa di Udine si è arricchita con l’arrivo di sorelle e fratelli di paesi lontani che hanno la stessa fede e pregano con la stessa preghiera che Gesù ci ha insegnato. E si è arricchito il Friuli non solo di nuove forze per il lavoro ma anche di umanità, di bambini e giovani e di diverse tradizioni culturali. Lo Spirito Santo, che nel battesimo tutti abbiamo ricevuto, ci aiuti ad essere sempre più uniti fraternamente perché formiamo l’unico Corpo di Cristo che è la sua Chiesa». Queste le parole dell’arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, nell’omelia durante la S. Messa di domenica 27 gennaio nel duomo di Udine, che ha aperto la prima «Festa diocesana dei cattolici immigrati» dal titolo «Tante lingue una sola fede», organizzata dalla commissione Migrantes. Alla celebrazione, animata da canti in lingua romena e dal coro degli studenti universitari africani a Udine, erano presenti anche l’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Molinaro, l’assessore provinciale alle Politiche per la famiglia, Adriano Piuzzi, e l’assessore alla Cultura del comune di Udine, Kristian Franzil. Dopo la celebrazione un lungo corteo colorato, accompagnato da tamburi e canti in varie lingue, si è snodato fino al seminario in viale Ungheria. Qui ogni nazione ha avuto la possibilità di presentarsi e di trasmettere al numeroso pubblico le peculiarità della propria cultura e della propria terra. Con canti, balli e presentazioni multimediali sono intervenuti i rappresentanti di Filippine, Ghana, Nigeria, Eritrea, Ucraina, Polonia, Romania, Albania, India, America Latina, Costa d’Avorio e Burundi. Particolarmente toccante la presentazione della Polonia i cui rappresentanti hanno ricordato, in occasione della giornata internazionale della Memoria per le vittime del nazismo, i tragici eventi avvenuti nel campo di sterminio di Auschwitz e hanno espresso gratitudine per avere la possibilità di vivere in un ambiente multiculturale che rispetta la diversità e la dignità di ogni individuo. Nell’arcidiocesi di Udine gli immigrati sono circa 36 mila di cui si stima che più del 10%, circa 4 mila persone, sia cattolico. (i. b.)

enerare la vita vince la crisi», questo il tema della 35a Giornata nazionale per la vita in calendario per domenica 3 febbraio. In questa giornata, davanti alle chiese della forania di San Pietro al Natisone sarà possibile acquistare le primule a sostegno del Centro aiuto alla vita (Cav) e della Caritas foraniale per le necessità sul territorio. Come da tradizione le primule, che verranno messe in vendita nella nostra diocesi, sono fornite dalla cooperativa onlus «Il melograno» di Udine. La crisi economica, che da qualche anno sta minando l’Italia, altri Paesi europei e che si è fatta sentire in modo pesante anche nelle nostre valli, ha reso la vita incerta e i rapporti tra le persone molto più instabili. È difficile fidarsi di chi ci sta intorno, siamo sempre più chiusi e meno disponibili al dialogo con l’Altro. Sono sempre meno i giovani che decidono di sposarsi e di mettere al mondo dei figli. L’instabilità economica che non permette di fare progetti a lungo termine, sta minando non solo il futuro della famiglia, ma anche la felicità di molte persone. «La crisi del lavoro aggrava così la crisi della natalità e accresce il preoccupante squilibrio demografico che sta toccando il nostro Paese: il progressivo invecchiamento della popola-

zione priva la società dell’insostituibile patrimonio che i figli rappresentano, crea difficoltà relative al mantenimento di attività lavorative e imprenditoriali importanti per il territorio e paralizza il sorgere di nuove iniziative», leggiamo nel messaggio diffuso dal Consiglio permanente della Conferenza episcopale italiana in occasione della 35a Giornata della vita. Alle famiglie, invece di offrire le politiche di sostegno di cui avrebbero bisogno, vengono chiesti ingiustamente sempre maggiori sacrifici. In questo momento di grande crisi è

Statistiåni podatki o Cerkvi na Slovenskem za leto 2011

o cerkvenih statisti@nih podatkih, ki jih zbirajo Pastoralne slu¡be posamezP nih œkofij, je bilo leta 2011 v Sloveniji 76,6 % vseh 2.029.059 prebivalcev katoli@anov. Najve@ji odstotek katoli@anov je med prebivalci mariborske nadœkofije (84,8 %), najmanjœi pa v koprski œkofiji (67,9 %). Leta 2011 je nedeljsko maœo obiskovalo 15,1 % katoli@anov. Najve@ji odstotek katoli@anov se je nedeljske maœe udele¡eval v œkofiji Murska Sobota (22,2 %), najni¡je odstotke pa bele¡imo v mariborski in celjski œkofiji (11,3 oziroma 11,7 %). Vedno po cerkvenih podatkih skoraj 60 % vseh osnovnoœolcev v Sloveniji obiskuje ¡upnijski verouk.

LJUBLJANSKI NADÆKOF o politiåni krizi v Sloveniji

DO 28. FEBRUARJA V GORIÆKEM Kulturnem centru Lojze Bratuœ

Dr. Anton Stres: »Pozivamo vse politiåne dejavnike, da postavijo skupno dobro na prvo mesto«

Razstava o boju proti veri in Cerkvi v Sloveniji od leta 1945 do leta 1961

oliti@na kriza, ki je zajela Sloveni»P jo, zbuja resno zaskrbljenost.« S temi besedami se za@enja tiskovno

poro@ilo, v katerem ljubljanski nadœkof dr. Anton Stres komentira politi@no situacijo, ki je nastala v zadnjih tednih v Sloveniji. »Po tem, ko je vse kazalo, da smo stopili na pot gospodarskega okrevanja in dru¡bene stabilizacije – piœe v nadaljevanju nadœkof Stres, – so @ez no@ postali ogro¡eni napori in dose¡ki vladne koalicije, s tem pa so ogro¡ene tudi reforme, za katere vemo vsi, da so nujno potrebne. Œtevilni ekonomisti nas prav tako svarijo pred hudimi posledicami, ki jih bomo utrpeli kot posamezniki in kot dr¡ava, @e se bosta verodostojnost

gospodarskih reform in politi@na stabilnost v dr¡avi ponovno zamajali. Zato pozivamo vse politi@ne dejavnike, ki v teh dneh sprejemajo usodne odlo@itve, da postavijo skupno dobro dr¡avljank in dr¡avljanov ter vse narodne in politi@ne skupnosti odlo@no na prvo mesto in takoj poiœ@ejo takœen izid iz krize, ki bo ohranjal dose¡eno raven reform in jih razvijal naprej v za@rtani smeri. Edino ta nas lahko izpelje iz negativnega stanja, ki je nastalo kot posledica dve desetletji trajajo@ega, a le deloma uspeœnega prehoda iz totalitarne dru¡bene ureditve v demokrati@no, pravno varno in socialno pravi@no dr¡avo.«

Od 14. do 16. februarja viæarski dnevi mladih etoœnji dnevi mladih bodo od @etrtka 14. do sobote 16. februarja na Svetih L Viœarjah. Program predvideva: @ez dan smu@anje, u¡ivanje v sprehodih in lepih razgledih, v ve@erjih pa sre@anja z gosti. Starostna omejitev: od 20 do 35

let. Ve@ informacij na tel. 00386 (0)1 4383050 ali prek e-poœte: rafaelova druzba@rkc.si. Lepo vabljeni mladi Slovenci iz domovine, zamejstva in tujine.

Biografija mons. Alfreda Battistija b parvi oblietnici smarti mons. Alfreda Battistija (1925-2012) je njega dolgoO lietni sekretar g. Luciano Liusso objavu bukva debele 220 strani z naslovam »Le confessioni di un Vescovo« (Izpovedi niekega œkofa). Gre za biografijo preljubljenega nadœkofa, ki je vodu vidensko Cierku od lieta 1973 do lieta 2000. Mons. Battisti je v dolgih lietih œkofovanja v Furlaniji pre¡iveu hud potres lieta 1976, pa tudi kulturni in jezikovni preporod Slovencu in Furlanu.

azstava Boj proti veri in Cerkvi je poglo»R bljen prikaz nasilja nad Cerkvijo od leta 1945 pa vse do leta 1961, ko je bila v Sloveniji

sprejeta uredba za izvrœevanje Zakona o pravnem polo¡aju verskih skupnosti. To je prva razstava @ez mejo, je pa dejansko 16. razstava do sedaj, in sicer blizu dela goriœke œkofije, ki je 15. septembra 1947 bil priklju@en Jugoslaviji. Omejuje se na obdobje popolne brezpravnosti Cerkve in najve@jega fizi@nega in psihi@nega obra@unavanja z njenimi predstavniki v Sloveniji.« S temi besedami je avtorica, zgodovinarka dr. Tamara Griesser Pe@ar (na fotografiji) nagovorila navzo@e 21. januarja v razstavnih prostorih Kulturnega centra Lojze Bratu¡ v Gorici na odprtju razstave z naslovom Boj proti veri in Cerkvi 1945-1961. Panoji z besedilom in fotografijami ponujajo prikaz nasilja ljudske oblasti nad Cerkvijo tudi s pisnimi viri, predmeti in pri@evanji o nasilju, ki je zajelo vsa podro@ja ¡ivljenja in delovanja. Na zato¡ni klopi se je v omenjenih letih znaœlo 429 duhovnikov, vsak drugi, saj jih je bilo na Slovenskem manj kot tiso@. Za t. i. ljudsko oblast je bila Cerkev notranji sovra¡nik œtevilka ena, ker je ostala edina organizirana sila zunaj komunisti@ne partije. Vsakodnevni so bili upravni postopki proti verouku, tisku, vzgoji, procesijam, veliko je bilo zaplemb sakralnih objektov od cerkva do kapel, znamenj in pokopaliœ@, ki so bili poruœeni ali poœkodovani. Do leta 1961 je bilo izre@enih najmanj 1411 upravnih kazni. Pri postavitvi tokratne razstave posebno pozornost namenjajo Goriœki. Med eksponati je tudi majhen leseni kri¡ec, ki si ga je v preiskovalnem zaporu izdelal takratni livœki ¡upnik Jo¡ko Kragelj; osvetljena je ¡ivljenjska zgodba apostolskega administratorja jugoslovanskega dela goriœke nadœkofije Franca Mo@nika in œe ve@ drugih zgodb ter eksponatov, ki so povezani s primorskim prostorom v œirœem pomenu besede. Razstava bo na ogled do 1. februarja vsak dan od ponedeljka do petka med 17. in 19. uro, od 1. do 28. februarja pa ob prireditvah oz. po dogovoru.

opportuno interrogarsi sulla gerarchia di valori che la nostra società, sempre più incentrata sull’apparire piuttosto che sull’essere, ha costruito. «Abbiamo bisogno di riconfermare il valore fondamentale della vita, di riscoprire e tutelare le primarie relazioni tra le persone, in particolare quelle familiari, che hanno nella dinamica del dono il loro carattere peculiare ed insostituibile per la crescita della persona e lo sviluppo della società: “Solo l’incontro con il ‘tu’ e con il ‘noi’ apre l’‘io’ a se stesso” (Benedetto XVI, 27 maggio 2010)», leggiamo ancora nel messaggio. Conoscere gli altri, quindi, è anche un modo per conoscere sé stessi, per fare pace con la nostra interiorità e la nostra fede. Riconciliarsi con se stessi è l’unico modo per avvicinarci sempre più all’Altro e per fare dono gioioso e gratuito di sé a chi soffre ed è nel bisogno. Non a caso, ricordano i vescovi italiani, S. Giovanni affermava: «Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli (1Gv 3,14)». (i. b.)

4. NAVADNA NEDIEJA

Donas se je Pismo izpolnilo  Evangelij po Luku Tisti cajt je Jezus za@eu govoriti v sinagogi: »Donas se je tuo Pismo izpolnilo, kakor ste sliœali.« Vsi so zanj pri@evali, @udili so se besiedam milosti, ki so parhajale iz njega ust, in govorili: »Al’ nie tuo Jo¡efu sin?« On pa jim je reku: »Seviede mi boste poviedali tele pregovor: ›Zdravnik, ozdravi sebe.‹ Kar smo sliœali, de se je zgodilo v Kafarnáumu, stôri tudi tukaj v doma@em kraju.« In reku je: »Resni@no, poviem vam: Nobednega preroka ne sprejmejo v doma@em kraju. Resnico vam govorim: Veliko vdov je bluo v Izraelu v Elijevih dneh, kàr se je nebuo zaparlo za tri lieta in œest miescu in je nastala huda lakota v vsi de¡eli, toda Elija nie biu poœjan k nobedni izmed njih zuna k vduovi v Sarepto na Sidónskem. Tudi veliko gobavih je bluo v Izraelu v cajtu preroka Elizeja, pa nie biu izmed njih o@iœ@en nobedan zuna Sirca Naamána.« Kàr so tuo sliœali, so se vsi v sinagogi razjezili. Vstali so, ga vargli iz miesta in pejali na varh hriba, na katerem je bluo zazidano njih miesto, de bi ga vargli v prepad. On pa je œu sred med njimi in je hodu naprej. 4, 21-30


dom

31. januarja 2013

ZGODOVINA

- KULTURA

stran

3

A 150 ANNI DALLA NASCITA - L’IMPEGNO POLITICO DI MONS. TRINKO per la sua terra in seno al consiglio e alla giunta provinciale

«Se la nostra zona sarà trascurata, allora scenderemo in campo noi della montagna»  Giorgio Banchig

I

l 150°anniversario della nascita di mons. Ivan Trinko ci offre l’occasione di tornare a scrivere di questo prete ed intellettuale sloveno che per oltre sessant’anni è stato il punto di riferimento per tutta la gente della Slavia friulana e in particolare per i sacerdoti sloveni che trovarono in lui la guida spirituale in tempi estrememente difficili. Basti pensare alle angherie che subirono a causa della loro ‘fedeltà linguistica’, alla poibizione della lingua slovena nelle chiese nel 1933, alla campagna diffamatoria nei loro confronti messa in atto dalle organizzazioni segrete nel secondo dopoguerra. Anche mons. Trinko fu fatto bersaglio di questa campagna denigratoria, perfino dopo la sua scomparsa nel 1954, quando «un’accolta di gente pagata, comprendente purtroppo anche alcuni sacerdoti, che sono stati mandati in queste valli subito dopo la guerra con una ben definita “missione politica”, sfruttando le preoccupazioni del Governo per la sicurezza dei confini a beneficio del proprio portafoglio, mancando ogni base per dimostrare la necessità della loro opera e della loro vigilanza, è costretta a inventare e creare pericoli ricorrendo a calunnie, dicerie ed allarmismi contro i sacerdoti sloveni di questa zona che, continuando a parlare, predicare ecc. nella parlata locale, come si fa da oltre 1000 anni, costituirebbero un pericolo per la Patria e dovrebbero essere allontanati dalla zona e mandati nell’Italia meridionale» (A. Cuffolo, Cronaca della vicaria di Lasiz, IV, manoscritto, p. 109). Nel novembre del 1954, ad appena quattro mesi dalla morte di mons. Trinko, questa «accolta di gente pagata» inviò alle autorità ecclesiastiche, politiche, militari e ai sindaci delle valli del Natisone una circolare anonima contro l’operato di mons. Trinko e i sacerdoti sloveni . Stravolgendo l’evidenza dei fatti, nella circolare gli autori si chiedono:

«Perché la nostra gente non è corsa a rendere l’estremo saluto a mons. Trinco?» e rispondono altrettanto spudoratamente: «Perché come consigliere provinciale non ha fatto nulla per le sue valli e come educatore ha rovinato i suoi allievi prediletti», cioè i sacerdoti sloveni (A. Cuffolo, o. c.). Questa «accolta di gente pagata» non è andata certo a verificare quello che mons. Trinko ha fatto e detto in consiglio provinciale per le sue valli; per loro non era importante accertare i fatti, ma calunniare, screditare, gettare fango. Mentre perfino i liberali, quando mons. Trinko fu eletto in consiglio provinciale, sul loro quotidiano «La Patria del Friuli» (14. 7. 1902) annotarono: «È il primo prete che entra nel nostro consiglio, si osservava ieri da tutti e con amarezza lo ripetevano gli anticlericali intransigenti. […] Bisogna ricordare che il Trinko è d’ingegno elevatissimo, e largamente apprezzato, per i suoi studi, a Vienna e altrove. Fu recentemente nominato socio dell’Accademia, che non è certo un covo di clericali. Letterato, storico, folclorista, musicista, insieme con il filosofo e neo monsignore professor Gori, con il poeta professor Ellero e qualche altro, è uno dei rappresentanti della cultura e dell’intelligenza nel nostro seminario patriarcale» (T. Tessitori, Storia del Partito popolare in Friuli: 1919-1925, Udine 1972, p. 201). Trinko fu rieletto in consiglio provinciale nel 1910 con 2044 voti, nel 1914 con 5010 voti. Dopo la fine della prima guerra mondiale ci furono nuove elezioni nel 1920. Il Partito popolare, costituitosi in Italia e in Friuli l’anno prima, ebbe la maggioranza nel consiglio provinciale. Trinko ottenne 5901 voto e in una lettera a Virgil Œ@ek (1889 1948), sacerdote e politico sloveno triestino scrisse: «Inaspettatamente il nostro partito è cresciuto di molto a scapito degli altri due, in particolare di quello liberale. Gli sloveni si sono comportati egregiamente. Il mandamento di San Pietro vota assieme a quello di

Mons. Ivan Trinko (1863-1954) Cividale. Io ho avuto 5901 voto, circa 300 più degli altri della nostra lista e quanti non ha avuto nessun altro candidato nell’intera provincia. Si tratta di un vero fenomeno: un sacerdote e uno sloveno! E proprio nel momento in cui da una parte ho contro di me l’arcivescovo (mons. Antonio Anastasio Rossi), dall’altra mi pende sulla testa una denuncia ufficiale presso la nostra prefettura perché accusato di una forte agitazione a favore della Jugoslavia» (M. Tav@ar, Ivan Trinko posrednik med slovensko politi@no organizacijo in Sturzovo Ljudsko stranko, In «Koledar Goriœke Mohorjeve dru¡be», 1990, p 54). In quell’anno Trinko diventò membro supplente della deputazione provinciale (si chiamava così la giunta), un anno dopo fu eletto assessore effettivo, entrando così nella stanza dei bottoni dell’amministrazione. Ma che cosa si interessò Trinko in seno al consiglio provinciale? Si adoperò enormemente per lo sviluppo e la modernizzazione dell’agricoltura della

Slavia. Già nel 1902 denunciò: «Crederei proprio una necessità l’appoggiare specialmente la parte della domanda di Pecile che riguarda il miglioramento delle regioni alpine. In queste regioni l’unica risorsa consiste in questa industria si può dire. Finora per quelle regioni, specialmente per la parte che io conosco del distretto di San Pietro al Natisone, quasi nulla si è fatto» (M. Jevnikar, Ivan Trinko, pokrajinski svetovalec v Vidmu 1902-1923, Ljubljana 1984, p. 97). Nel 1907 intervenne nuovamente su questo argomento: «In quelle regioni i possidenti da soli non possono fare molto cammino, sono regioni in cui non esistono nè commissioni nè società che funzionino e che hanno ottenuto molti vantaggi. Detto questo, appoggio le proposte della deputazione, tenendo conto delle sue promesse. E se la nostra zona sarà trascurata – minacciò Trinko –, allora scenderemo in campo noi della montagna» (Jevnikar, o. c., p. 107). Si interessò della costruzione della ferrovia che doveva collegare Cividale alla rete austriaca nella Valle dell’Isonzo, passando per le Valli del Natisone. Questa battaglia fu condotta assieme al consigliere provinciale Francesco Musoni di San Pietro. Già nel 1903 fece alla deputazione questa raccomandazione: «Prego di tener in debito conto le conclusioni alle quali è venuta la riunione tenutasi a San Pietro al Natisone. Per quella delibera, si viene a modificare quanto erasi - nel maggio - ritenuto qui a Udine. Il provvedimento allora votato torna di nessun vantaggio alla popolazione sopra Cividale. Io non mi permetto di fare degli accenni tecnici, non essendo affatto competente in materia; però ricordo il discorso del professor Musoni vagliante le ragioni pro e contra delle diverse proposte e vari tracciati […] su progetto che sarebbe da essere preferito. Da parte mia raccomando che la ferrovia attraversi la vallata e sia favorito San Leonardo e le popolazioni viventi su quel territorio, che

null’altro chiedono nè aspirano dalla provincia» (Jevnikar, cit, p. 97-98). Nel 1906 intervenne con queste parole: «Poiché siamo sui lavori pubblici credo di poter parlare in occasione di questo articolo, per insistere sulla raccomandazione fatta dal collega Spezzotti a proposito della ferrovia per Cividale Asling (Jesenice). Lo hanno rimarcato altri prima di me che il capoluogo della provincia resta isolato con le nuove ferrovie. Credo che a questo male si potrà porre rimedio col caldeggiare la congiunzione della nuova ferrovia che si è costruita dall’Austria, con una nuova strada da costruirsi, che da Udine possa aver comunicazione con l’interno della Croazia. Così verrebbe a riacquistare quella vita commerciale che venne perduta con le altre ferrovie» (Jevnikar, o. c., p. 105). Si interessò anche dei collegamenti stradali. Nel 1907 parlò dello stato della strada Udine - Cividale. «È una strada assolutamente impraticabile, specialmente in qualche punto eccessivamente basso» (Jevnikar, o. c., p. 106). Nel 1908 intervenne sulla costruzione della strada della Val Cosizza e in quella occasione denunciò che «i nostri paesi della Slavia sono trascurati dalla Provincia. Vedo nel bilancio ogni anno cifre elevatissime a favore delle altre plaghe friulane, mentre per noi mai niente» (Jevnikar, o. c. p. 109). E a favore della causa della sua gente toccò anche le corde del patriottismo: «I nostri slavi sono stati sempre fedeli alla patria; sono pagatori fedeli, conservano affetto all’Italia, affetto che hanno ereditato dai padri per essere stati questi trattati bene dall’antica e gloriosa Repubblica Veneta. […] Noi non domandiamo privilegi; noi domandiamo uguaglianza; paghiamo come tutti gli altri e così domandiamo di poter partecipare ai benefici pubblici, desiderando che la nostra popolazione si accorga che nel vocabolario italiano oltre che la voce dare c’è anche quella del ricevere» (Jevnikar, o. c., p. 105).

PISMA LAŒANSKEGA ŒUPNIKA ANTONA CUFFOLA MISIJONARJU ZDRAVKU REVNU, ki je veliko skrbel tudi za beneæke izseljence v Belgiji

Beraåi so od Staråka zahtevali preiskavo o razmerah med njimi in najemniki 14. 1. 1955 […] Bera@i œele dr¡e prekri¡ane roke in so odkrito sprti s Star@kom, s krœ@anskimi oblastniki, s Pilati itd. 1 Tako odlo@en nastop jih je presenetil in sedaj ne vedo, kako nastopiti proti, ko je preo@itno, da bi morali takoj nastopiti proti razbojnikom, sleparjem, ko je o@itno in ¡e javno, da delajo za Jude¡eve groœe. Prav v tem kriti@nem @asu je eden od njih (mo¡erski)2 zbe¡al neznano kam z nose@o punco. Upajmo, da bodo zbe¡ali œe drugi, saj so za to zreli. Œkoda, da ljudje zgubljajo vero zaradi pohujœanja. […] Tu letos [bo] za Bera@e velika beda; upamo, da nam bodo zamorski Bera@i poœiljali vsaj intencije. Tudi vi jih ob priliki spominjate na to. Po tolikem … ropotanju ¡e vsi vedo, da smo tu in da ne mislimo œe na smrt. Ali imate ¡e Turnœkovo ’Od morja do Triglava‘, ki je posve@en Bera@em? Ako ne, sporo@ite mi in vam ga bom jaz poslal. Tudi v Mohorjevem kol[edarj]u je gotovo lepa folklora in Trinkove zaloge. […] Sv. Gorica, 29. 1. 1955 […] V drugi poœiljki vam poœiljam izrezek de¡elnega dnevnika, iz katerega boste videli, da so spravili na dnevni red ’Glas‘ in vas. Tudi slepo pismo so posla-

li predpostavljenim proti ’Glasu‘. Sem mnenja, da vse to prihaja iz Hlodi@a, saj ravno sedaj najbolj udrihajo tudi po ondotnim sve@eniku.3 Vidi se, da ’Glas‘ jih boli. Kar gluhi ostanite, saj vse to bo le »aërem verberans«.4 Pa ’glasovi‘ naj bodo le previdni, ker se vidi , da jih zelo radi posluœajo. Vedite, da ravno sedaj smo tukaj v odlo@ilni praksi in mo@i teme so poklicale na pomo@ œe rezerve ostalih 7 evangeljskih hudi@ev. Zlasti stikajo za Jakobom, »Sed portae inferi non prevalebunt«.5 Bomo zato pogodrnjali na najviœjo Skalo. […] V pismu napisanem po veliki no@i, ki je leta 1955 padla 10. aprila, g. Cuffolo sporo@a, da Bera@i so fizi@no vsi zdravi pa od farizejarjev nenavadno gaj¡lani. So v najhujœem pretepu, pa moralno v premo@i. Marsikateri ’gaj¡lar‘ se praska za uœesa, nekdo je moral odnesti podplate, drugi so tudi v strahu. Bera@i so skrbeli, da si bodo sami jamo skopali; maœ@evali bi se radi pred odnaœanjem podplatov, seveda s pomo@jo ’star@kove‘ oblasti. Bomo vidli, kdo se bo bolj praskal! Ko bo @as, bo ¡e Jak[ob] povedal. Kravarski Bera@ 6 [je] bil 20 dni v Ve@nem mestu, kjer je z avtokapelo hodil kakor cigani po predmestju iskat gar-

nje do martranih Bera@ev. Bera@i so ga ve@krat spravili v sramotno zadrego s tehtnimi dokazi. Bera@i so zahtevali obiektivno preiskavo o razmerah med Bera@i in najemniki in, ker starina je stara in bolna, de se je ne more martrati, so zahtevali, da naj izro@i to zadevo zaupniku. Tako je tudi se odlo@il, @etudi te¡ko, da je imenoval pomo¡nega za zaupnika. Tako

so ga utrudili, da noge ga niso dr¡ale, ko je odhajal, in prisednika sta ga morala skoraj nesti v zasebno ’stajo‘. Sedaj Bera@i sproti sporo@ajo zlo@ine najemnikov pomo¡nemu. Jakob ni bil œel œe k pomo¡nemu s svojo malho. Bo pa v kratkem storil svojo dol¡nost. Seveda tudi za pomo¡nega bo trda, ker najemniki so zaœ@iteni od Pilatov, oziroma z njih gospodarji. Jim vendar huda prede, ker jim nagajajo doma@e ov@ice in bi ¡e sami se odlo@ili za drugi zrak, ako bi s tem ne izgubili najemnine. Tudi pri prefektu so bili posamezni Bera@i, inter quos tudi trmasti Jaka. Tam pa so se izkazali vljudni in bolj pravi@ni kakor v Star@kovem taboru. Vse to da ne boste mislili, da Bera@i se puste martrati kar tako. Seveda se izpostavljajo maœ@evanju bi-ri@ev in mar-sevov [!].10 Kaj jim pa morejo? Seveda [se] Bera@i dr¡e skupaj in zato jih ne morejo evtanazirati z navadno injekcijo. Veseli sliœati o beraœkih krtarjih, ki romajo na predstave in beraœko pojo. Le tako ne bodo duœice pogubili, ne Forte œkoduje. […]

1. Doma@i duhovniki so ’stavkali‘ zaradi preganjanja s strani civilnih oblasti in proti furlanskim duhovnikom, ki so podperjali protislovensko politiko in so bili zaradi tega pla@ani. 2. Iz Ma¡erol, ob@ina Tavorjana. 3. ˘upnik na Liesah je bil g. Arturo Blasutto iz Viœkorœe (1913-1994). Posve@en v duhovnika l. 1936, je bil ¡upnik v Osojanih, od l. 1946 pa na Liesah, odkoder se je l. 1956 umaknil v rojstno vas zaradi klevet in preganjanja s strani nacionalistov. 4. Mahati po zraku (po pismu apostola Pavla

Korin@anom 9, 26). 5. Peklenske vrata ne bodo premagala (po Matejevem evangeliju 16, 18). 6. G. Jo¡ef Jaculin. 7. Verjetno gre za proces, ki ga je g. Cracina spro¡il proti dnevnikoma Messaggero Veneto iz Vidna in Corriere della sera iz Milana. 8. Nadœkofijska pala@a v Vidnu. 9. Pomo¡ni œkof je bil mons. Luigi Cicuttini, generalni vikar pa mons. Olivo Comelli 10. Verjetno gre za tajnika ob@ine Garmak Renza Marseua

jave ovce zanemarjene od doma@ih duh[ovnih] pastirjev. Te ciganske ovce so bile tako navduœene za severnega … medveda, da doma@i elegantni duh[ovni] pastirji so postajali ljubosumni. Je povzdignil ugled Bera@ev. Tako tamdoli, tukaj pa … […] Videm, 23. 6. 1955 […] Vedno novi [Bene@ani] hodijo tjagor, v vaœe brezmejne fare. Ko ni ve@ luknji pri pasu, se morajo odlo@iti za krtine. […] Nastop pre@[astitega] beraœkih pastirjev [?] je prinesel moralno zmago nad najemniœkimi kozli (kuœi). Seveda samo moralno do sedaj, ker pre@[astiti] sodniki niso kos, da bi se upali zameriti Poncijem Pilatom.7 Le to dobro imajo Bera@i, da nosijo pokoncu glave in brez strahu in o@itno pravijo resnico v svojo obrambo. Pred mesecem so se vendar odlo@ili, da so poklicali vse pre@[astite] Bera@e na rezervirano zborovanje v Star@kovo hiœo.8 Izgledalo je, kakor na kaki sinodi. Visoko na stolu komaj ¡ivi Star@ek, ki no@e dati iz rok hiœnih klju@ev; na njegovi desni pomo¡ni, na levi pa faktotum gen[eralni] vikar.9 Izgledali so, kakor na zato¡ni klopi pred razjarjenimi beraœkimi srœeni. Star@ek je skozi in skozi opravi@eval svoje zadr¡a-

G. Arturo Blasutto (1913-1994)


4

POGLOBIMO IN PREMISLIMO

stran

L’OPINIONE di Riccardo Ruttar

Una Regione che trascura le ragioni della sua specialità

A

vevo otto mesi in quel lontano 1948, quando, il 26 febbraio la Sicilia, la Sardegna, la Valle d’Aosta ed il Trentino-Alto Adige, venivano riconosciuti per legge costituzionale regioni autonome, con statuti «speciali», per distinguerli dagli «ordinari» delle restanti regioni Italiane. Si erano manifestate subito, prima ancora che vedesse luce la nuova Repubblica, le tensioni autonomiste ed indipendentiste delle grandi isole e delle regioni confinarie. Ma la Costituzione della Repubblica italiana, promulgata il 1° gennaio di quell’anno, al suo 116° articolo aveva già messo per prima in quell’elenco la Regione FriuliVenezia Giulia. Una regione ipotetica, per allora. Il trattato di pace alla fine della guerra aveva inventato le due famose «Zone»: la A (Territorio libero di TriesteTLT) e la B (l’Istria), sotto la vigilanza del Governo alleato. Solo nel 1954, il trattato d’intesa con Italia e Jugoslavia, il noto Memorandum di Londra, permise ai rispettivi stati di appropriarsi, non proprio pacificamente, delle rispettive zone rivendicate come irrinunciabili. Il problema etnico in questa Regione posticcia era sempre vivo proprio per la più che significativa consistenza della componente etnolinguistica slovena. Già il Governo militare alleato aveva calcolato che nel TLT circa un quarto della popolazione (sul totale di 310.000 ab.) era di lingua ed etnia slovena (circa 63.000 ab). Questa fu la vera ragione della «specialità» ottenuta dalla nuova regione Friuli-Venezia Giulia il 31 gennaio del 1963. Nessuno allora parlò di minoranze friulane, tedesche o altre ed era evidente che la specialità poggiasse su questa particolare eterogeneità della popolazione. Successe 50 anni fa, ed ora se ne vuole festeggiare l’ipotetica maturità. Allora gli sloveni, riconosciuti o meno, erano distribuiti su tutto l’arco confinario ed i loro numero rasentava i 100.000. Dunque ci si guarda indietro su mezzo secolo di storia. Storia anche mia. E mi chiedo cosa sia successo, come sia potuto accadere che i vari governi regionali in questi decenni abbiano potuto maltrattare una parte così importante e significativa della propria popolazione. Trattati male, gli sloveni? Un eufemismo, se pensiamo agli effetti disastrosi di una politica miope, fatta di palesi omissioni e di molti atti discriminatori. Alla faccia dello spirito e del dettato della Costituzione che riconosce tutela esplicita ai suoi cittadini di lingue minoritarie. Arrivare alla fine del secolo per avere una legge che riconosce diritti di tutela a una dozzina di lingue minoritarie (la 482 del 1999) e ad aspettare il nuovo millennio per avere una legge di tutela specifica per gli sloveni in Italia (la 38/2001) non appare una sconfitta della civiltà? E sarà per salvare la faccia davanti al mondo, che la regione FVG emana una legge strana e dispettosa come lo è la 26/2007 (neanche sei anni fa) che «riconosce e concorre a tutelare e valorizzare la minoranza linguistica slovena, come parte del proprio patrimonio storico, culturale e umano». Ma almeno venissero applicate queste benedette leggi! Pietire giorno per giorno, mese, anno quattro soldi per sopravvivere come società degna di questo nome. Questo il calvario degli sloveni. Il confine è caduto. L’Ue fa sforzi immani per creare collaborazione e integrazione e la nostra Regione, al di là della parole dette e scritte, concretamente vede ancora come estranei i suoi cittadini di lingua slovena. Ho dato un’occhiata ai quattro volumi «I numeri della specialità», le 4 pubblicazioni tematiche in occasione del 50° anniversario della Regione. I report, attraverso i numeri e le funzioni della specialità, si propongono di spiegare l’economia, la famiglia, il lavoro, le infrastrutture e l’amministrazione pubblica del Friuli Venezia Giulia. Ebbene vi ho cercato parole come: minoranza linguistica, sloveno/a… e vi ho trovato un solo accenno nella Presentazione. L’autovalutazione dei propri 50 anni di specialità – se si pensa che l’elemento fondante di essa sia stata la presenza della comunità slovena – e neppure un accenno, una valutazione, un numero statistico, un cenno di attenzione a questa «vera specialità» della Regione. Già è discriminatorio trattare da uguali coloro che uguali non sono. Sarebba già qualcosa. Venire ignorati è ancor paggio. Quel che mi meraviglia però è il fatto che gli sloveni subiscano e basta. Che ciò sia nel loro Dna?

31. januarja 2013

IL FONDATORE DEL DOM ha lasciato rilevanti riflessioni e irrinunciabili punti fermi

La ricca eredità ideale di don Emilio Cencig 

Tre i temi: tutela degli sloveni, Chiesa e minoranze, ruolo del sacerdote

N

ei suoi numerosi scritti, discorsi, interventi in occasione di incontri con rappresentanti del mondo ecclesiastico e politico il compianto don Emilio Cencig ha lasciato in eredità a tutti noi una serie di rilevanti riflessioni e irrinunciabili punti fermi sul significato e il valore della presenza della minoranza slovena all’interno della comunità cristiana e civile della nostra regione e sulla urgenza della sua tutela, fondandoli da una parte sulla teologia dell’Incarnazione e sul magistero della Chiesa, dall’altra sulla Costituzione italiana e sui diritti fondamentali della persona umana. In questa elaborazione don Emilio era supportato da approfonditi studi teologici (prima a Padova poi alla Lateranense di Roma, dove ha conseguito la licenza) e giuridici (laurea in legge all’Università di Padova). Dai suoi scritti, in particolare dai suoi numerosi interventi su Dom (nel 1966 fu uno dei fondatori del giornale e per molti anni instancabile redattore), si possono individuare tre motivi ricorrenti. Il dovere della Repubblica italiana di tutelare la minoranza slovena. La denuncia della pesante politica dello Stato nei confronti della minoranza è dura: «Non possiamo non condannare […] l’inumana politica snazionalizzatrice e assimilatrice che sta sradicando la nostra popolazione dalla sua realtà etnica, distruggendo sistematicamente e in forma programmata i valori, i modelli di vita familiare e sociale, la religiosità, i miti, l’arte del luogo, gli usi, costumi, tradizioni e soprattutto la lingua, attuando un colonialismo culturale pari solo a quello economico, dal quale nasce e a sua volta si alimenta in un tragico circolo vizioso» (Dom 3/1983). «Oggi la nostra minoranza slovena – denunciava nel 1987 – è arrivata forse all’ultima spiaggia e fa temere la scomparsa della sua presenza umana sul territorio a causa dell’inarrestabile spopolamento ed invecchiamento della popolazione, del gravissimo sottosviluppo economico per mancanza e chiusura dei posti di lavoro, del degrado ambientale e, soprattutto,

della mancata sua tutela etnico-linguistica. L’agonia della nostra minoranza è uno shiaffo all’Italia, che nei 121 anni di annessione della Benecia allo Stato italiano si è servita di questa fedelissima e religiosa popolazione solo come carne da cannone in tutte le guerre […] lasciandola poi nella più completa emarginazione ed abbandono. È una cultura di morte portata avanti, con delittuosa ostinatezza, da forze politiche ed associative italiane, che nulla hanno fatto ed intendono fare perché la nostra zona rinasca, si sviluppi e viva» (Dom 7/1987). Riguardo ai disegni di legge di tutela, che nei primi anni ‘80 venivano presentati da vari partiti politici, don Emilio scriveva: «In virtù della comune derivazione degli sloveni in Italia, compresi quelli della provincia di Udine, fondamentale ed irrinunciabile è il problema dell’unicità di trattamento, anche se agli inizi sarà possibile solo in linea teorica e richiederà una gradualità di attuazione. In questo senso si esige […] la globalità territoriale, senza diversificazione per singoli gruppi della comunità slovena: la globalità dei diritti per tutti gli appartenenti alla minoranza; la globalità dei diritti in tutti i settori di attività» (Dom 3/1982). Il secondo tema ricorrente è il ruolo e la missione della Chiesa di accogliere e dare piena cittadinanza alle minoranze linguistiche. «Quando la Chiesa chiama gli uomini alla giustizia, alla uguaglianza, alla pace, non fa una una carità al mondo, ma costruisce se stessa» (in Senso cristiano dell’impegno per la minoranza, a cura del Gruppo Dom, ciclostilato, Cividale 1977, p. 3). «Il grave degrado socioeconomico, etnico e culturale della nostra Benecia acquista il senso di un drammatico interrogativo per tutti – scriveva sempre nel 1987 a margine

SKORAJ POLOVICA HRANE, ki jo pridelamo na naœem planetu, kon@a v smeteh

Trije koraki, ki lahko reœijo svet

V

Berlinu se je odvijal tradicionalni Zeleni teden, ¡e 78. po vrsti. Dobro obiskana sejemska prireditev, ki ponuja zanimiv, pa tudi globalno zaznamovan pogled na podro@je pridelave in predvsem ponudbe hrane, letos je minila v znamenju treh glavnih tem: Izziva reforme skupne evropske kmetijske politike, izziva sonaravne pridelave hrane in zastraœujo@ega podatka, da pribli¡no polovica pridelane hrane kon@a v smeteh. Le nekaj dni pred odprtjem Zelenega tedna je britanska Fundacija strojnih in¡enirjev, oziroma njena sekcija za energijo in okolje izdala Globalno prehransko poro@ilo, ki prinaœa zaskrbljujo@e podatke. V njem je zapisano, da na naœem planetu pridelamo pribli¡no œtiri milijarde ton hrane, skoraj polovico te koli@ine pa kon@a v smeteh. Razlogov, da ta polovica pridelane hrane nikoli ne pride na mizo, je ve@. Poro@ilo

omenja izgube zaradi neustrezne agrotehnike, skladiœ@enja in prevoza, hkrati pa opozarja tudi na œtevilne anomalije naœe prehranske verige, ki bi se lahko zelo enostavno odpravile. Enega pla@aœ, drugega damo zastonj, pa @eprav ga boœ vrgel v smeti? V Veliki Britaniji kar 30 odstotkov pridelane zelenjave zavr¡ejo, ker njena velikost oziroma izgled ne ustrezata kriterijem, ki so jih postavili trgovci, ti pa seveda sledijo pri@akovanjem kupcev. Veliko popolnoma neopore@ne hrane se v razvitem svetu zavr¡e, ker se bli¡a administrativno dolo@en rok njene uporabnosti. Poro@ilo posebej omenja tudi neprimerne metode za pospeœevanje prodaje, œe posebej sistem, kupiœ enega, drugega dobiœ zastonj. Tak pristop, œe posebej @e gre za hitro pokvarljiva ¡ivila, nujno vodi k velikim izgubam hrane. Statistika je neprizanesljiva. V razvitih dr¡avah potroœniki

dom

zavr¡emo od 30 do 50 odstotkov nakupljene hrane. Izziv je torej na nas, ki hrano kupujemo. Kupiti le toliko, kot potrebujemo. Pripraviti toliko, kot bomo pojedli. Izbirati zdrave, @etudi o@em malo manj privla@ne pridelke, ki so zrasli naravi prijazno. Odlo@ati se za lokalno pridelano hrano, ki ne povzro@a onesna¡enja s transportom in ni obremenjena s kemijo ter z izgubami zaradi dolgega skladiœ@enja. To so koraki, ki lahko reœijo svet in tudi naœe zdravje. Kmetijska pridelava ni industrija. Narava se ne pusti posiljevati. Kljub vsej »napredni« tehnologiji gnojenja in zaœ@ite, ki dokazano dolgoro@no ni v prid Stvarstvu in torej tudi ne trajnostnemu gospodarjenju z naravnimi viri, kljub vsemu vlo¡enemu trudu, znanju in delu, je pridelava odvisna, predvsem od vremenskih razmer. Te se tudi zaradi posledic desetletja trajajo@e @lovekove zaverovanosti samega vase in se-

bi@nega odnosa do Stvarstva obra@ajo proti nam. Œe posebej to ob@utijo vsi tisti, ki hrano pridelujejo. Pri@akovati, da bo vse pridelano ustrezalo predstavam o ravno prav debelem, brez vidnih estetskih napak je torej utopija, ki je kriva, za prvi del zavr¡ene hrane. #e bomo kupili le toliko, kot potrebujemo, bomo veliko prihranili. Na drugi strani bo potrebne tudi manj hrane. Kmetje bodo lahko pridelali manj in s tem bolj racionalno gospodarili z zemljo in drugimi naravni-

di un incontro di sacerdoti e laici della fascia confinaria con il vescovo ausiliare mons. Pietro Brollo sullo sviluppo della montagna –: lo Stato italiano, la Chiesa locale udinese e per i singoli. […] La Chiesa si rigenera alla luce dei poveri. Di fronte alla storia umana dei poveri, la Chiesa reagisce ponendo in discussione il modo della nostra esistenza e della propria presenza. La Chiesa udinese, di fronte alla tragedia della nostra minoranza che sta morendo, e di tutta la montagna che sta scomparendo, realizzerà un grande rinnovamento se avrà una grande carità» (Dom 7/1987). Il terzo motivo ricorrente negli scritti di don Emilio Cencig è il ruolo del sacerdote a favore della promozione della comunità slovena. Il sacerdote è «un testimone del Regno nella povertà, nella difesa degli umiliati e degli oppressi, nella carità che spera contro ogni speranza ed ha la certezza […] che il lievito della verità e della grazia, immesso nella massa umana, la trasformerà più e meglio di tutte le rivoluzioni sociali» (Senso cristiano, cit. p. 3). «Nel servizio sincero, leale e fraterno degli uomini il sacerdote serve il suo Signore, luminosamente presente nella sua Chiesa […]. Solamente se si tengono presenti queste considerazioni e verità, si riesce a capire come l’impegno» per lo sviluppo e il progresso sociale, etnico, economico svolto «dai sacerdoti nativi della Benecia a favore delle proprie comunità parrocchiali slovene», resta tra quelli più avanzati e significativi (ivi, p. 9). «I sacerdoti delle Valli, convinti del diritto inalienabile ed irrinunciabile della popolazione slovena alla sopravvivenza e sviluppo fisico ed etnico, sono stati, fino a pochi decenni fa, l’unica forza che ha lottato in difesa di tale diritto. Anche se combattuti dalla autorità dello Stato e da forze politiche e nazionalistiche locali e non sempre capiti e difesi dalle autorità diocesane, non si sono mai ribellati alla Chiesa e allo Stato, né hanno eccitato la popolazione a manifestazioni di violenza, ma hanno agito sempre nella correttezza legale, con metodi e mezzi democratici. I sacerdoti sono sempre stati aperti e disponibili alla collaborazione con tutte le altre forze, di qualunque estrazione politica e diversità ideologica, nella difesa dei diritti naturali delle popolazioni slovene, con assoluta chiarezza di posizioni reciproche, senza strumentalizzazioni e senza lasciarsi strumentalizzare da nessuno» (ivi, p. 9). mi viri. Posledi@no bo potrebne manj kemije in hrana bo bolj zdrava. Prihranek, ki bi pri tem nastal, lahko razdelim na tri dele. Prva tretjina lahko predstavlja kon@ni prihranek v naœem dru¡inskem prora@unu. Drugi dve tretjini pa bi lahko reœili vsaj dve temeljni dilemi. Z enim delom, namenjenim pridelovalcem, bi omogo@ili pravi@no pla@ilo za pridelke, tako bi ti lahko pokrili stroœke pridelave in bi jim bila omogo@ena pre¡ivetje ter najbolj nujni razvoj. Tretji del prihranka pa bi lahko namenili t.i. nerazvitim in la@nim in tako reœili vedno bolj pere@ problem lakote. Naœi izdatki za hrano bi se torej zmanjœali, prehranjenost bi ostala na isti ravni, hrana bi lahko bila pridelana bolj sonaravno, smetiœ@a bi bila reœena ogromnih koli@in odpadkov, svet pa bi postal sre@nejœi in pravi@nejœi. Za vse to pa je nujen premik v naœih glavah. Za@nimo ¡e danes pri nas samih in aktivno vzgajajmo k temu tudi naœe otroke. Najprej doma, seveda pa tudi v vrtcih in œolah. Ne pozabimo, najbolj nagovarjajo dejanja in najbolj vle@ejo zgledi!  Robert Boœiå


dom

V OSPREDJU

31. januarja 2013

stran

5

PREDSEDNIK VLADE je biu v Kobaridu @astni gost in slavnostni govornik na 43. novolietnim sre@anju med Slovenci iz videnske province in Poso@ja

Premier Janœa: Slovenija bo nimar skarbiela za Slovence v Bene@iji, Reziji in Kanalski dolini �

Msgr. Qualizza: Nje podpuora je œe kakuo potriebna v odnosih naœe manjœine do italijanske vlade in de¡ele Furlanije J. k. Darja Hauptman: To je narbuj lepuo sre@anje med parjatelji

� Ezio Gosgnach

S

lovenci v videnski provinci smo hvale¡ni Sloveniji, »ki nam je nimar ob strani in nas podperja. Nje finan@na pomuo@ je zlata vriedna za nemoteno in bogato dielo naœih organizacij. Nje politi@na podpuora je œe kakuo potriebna v odnosih naœe manjœine do italijanske vlade, de¡ele Furlanije Julijiske krajine in lokalnih administraciji,« je jau direktor Doma msgr. Marino Qualizza. Slovenija bo œe naprej skarbiela za Slovence v Bene@iji, Reziji in Kanalski dolini. »V zamejstvu in po svietu ¡ivi okuole pou milijona Slovenk in Slovencu, na katere je domovina v preteklosti previ@krat pozabila. Ohranjanje stiku s Slovenci, ki ¡ivè v zamejstvu in po svetu, je adna naœih prioritet,« mu je odguoriu predsednik vlade Republike Slovenije Janez Janœa. Doluo¡u je, de se je kolegu Mariju Montiju parporo@iu, naj Italija na zmanjœa finan@ne pomo@i za slovensko manjœino, kakor jo nie Slovenija zmanjœala italijanski manjœini in naj sprime tajœne zakone za volitve, ki bojo zagotovili izvoliteu slovenskih predstavniku v parlament in v regionalni konsej. Premier Janœa je biu @astni gost in slavnostni govornik v saboto 19. ¡enarja na 43. novolietnim sre@anju med Slovenci iz videnske province in Poso@ja. V kobariœkim kulturnim domu so ga parpravle ob@ine Bovec, Kobarid in Tolmin, ter upravna enota Tolmin. V imenu organizatorju je guorila doma@a ¡upanja Darja Hauptman. »Sre@na sam, de vas lahko pozdravim na tistim, ki je zame narbuj lepuo sre@anje med parjatelji z obieh strani nekdanjega konfina – je jala –. Naj se sre@amo na planini al’ v jami, ob vodi al’ na pohodu, v cierkvi al’ na kulturni prireditvi, na gledaliœki predstavi al’ plesu, na koncertu al’ na konkorsu poezije, par parpravi projektu al’ analiziranju stanja na na@artovanih skupnih akcijah, so naœa sre@anja iskrena, vesela in odpartega sarca.« Pohvalila je Slo-

V kobariækem kulturnem domu (foto Sergio Fon)

vence v Bene@iji, Reziji in Kanalski dolini, de so obvarvali svoj jezik. »Puno ste bli zasmehovani in zani@evani, karvic nie bluo malo. In to tarpljenje vas je naredilo ponosne, pokon@ne, velike in tudi zato je biti med vami zelo lepuo in prijetno. Takuo smo enotni, takuo dar¡imo kupe in se ne kregamo, kakor, de bi nas tuole kadà kajœan u@iu. Tuole bi bluo vriedno posnemati tudi drugje,« je poudarila Hauptmanova.

Msgr. Marino Qualizza je v imenu Slovencu iz Bene@ije, Rezije in Kanalske doline jau, de »Poso@je je za nas naravno jezikovno in kulturno zaledje. Pomembno je tudi na ekonomskim podro@ju. Zatuo so naœi odnosi z ob@inami Bovec, Kobarid in Tolmin zaries velikega pomiena. Pred adnim miescam smo se zmisnili 5 liet, odkar je padu “prekleti konfin”. Biu je zaries prelomni moment. Vi@ je sodelovanja, vi@ je

poznavanja adan drugega, parjateljstvo se je poglobilo. Tudi kamuni dobro sodelujejo,« je poviedu msgr. Qualizza. Vsekakor nie vse takuo ro¡nato in @udovito. »Nestrpnost do Slovencu je pri nekaterih œe kakuo parsotna – je zaparu svoj govor msgr. Qualizza –. Zatuo je poslanstvo teh naœih novolietnih sre@anj prù tuole, de zgladi œe tiste predsodke in nesporazume, ki so ostali, in omo@neje poznavanje, sodelovanje in parjateljstvo med nami. ˘elieli bi tudi obnoviti sodelovanje med naœimi in posoœkimi farami, ki je bluo pred lieti tesnuo in plodno, a je œkoda zamarlo.« V kulturnem programu sta nastopila kobariœka pevska zbora Sv. Anton in Planinska ro¡a, ter Barski oktet. Mladi iz Nediœkih dolin, Terske doline, Rezije in Poso@ja so recitirali v svojih dialektah. Na@elnik upravne enote Tolmin, Zdravko Likar, je arzluo¡u priznanja. Gujonovi so lietos podelili zavarœkemu in barœkemu famoœtru g. Renzu Calligarju in kulturnemu dielucu

don Renzo Calligaro

Davide Clodig

Elio Berra

Premier Janez Janæa in regionalni odbornik Roberto Molinaro

Davidu Clodigu. Tipajskemu œindiku Eliu Berri so izro@ili posebno priznanje Poso@ja za dugolietno parjateljstvo. »Donas je prù, de se zmisnim vsieh tistih ljudi iz tipajskega kamuna, ki so branili pravico biti svobodan in biti Slovenec,« je jau Berra in je v svojim zahvalnim govoru zelo kriti@no do italijanske in regionalne politike naœteu probleme, s katerimi se Bene@ija sre@ujeje, saj je narbuj ubuog in zanemarjen teritorij v Furlaniji Julijski krajini. Novolietnega sre@anja se je udele¡ilo stuojke Bene@anu. Bli so œtevilni predstavniki slovenskih organizacij v Italiji in œtevilni œindaki ter drugi lokalni upravitelji. Bla je senatorka Tamara Bla¡ina in za de¡elo Furlanijo Julijsko krajno pa odbornik Roberto Molinaro. Bli so tudi dar¡avni sekretar za Slovence v zamejstvu in po svetu, Matja¡ Longar, generalni konzul v Tarstu, Dimitrij Rupel, ter poslanca Danjel Krivec in Eva Irgl. Pred slovesnostjo so se v domu Andreja Manfrede zbrali œindiki iz Bene@ije in ¡upani iz Poso@ja. Z njimi so bli tudi vesaki predstavniki Republike Slovenije in de¡ele Furlanije Julijske krajine, ter predstavniki slovenskih organizacij v videnski provinci. Pogovorili so o @ezkonfinskim sodelovanju, saj je trieba parpraviti projekte za evropske financiamente.Premier Janœa se je sre@u pa s skupnim predstavniœtvam slovenske manjœine v Italiji. V delegaciji sta bla predsednika krovnih organizacij Drago Œtoka (SSO) in Rudi Pavœi@, senatorka Tamara Bla¡ina za DS, Damijan Terpin za Slovensko skupnost in dreœki pod¡upan Michele Coren za Slovence v videnski provinci.

IL QUARTO INCONTRO DEI SINDACI della fascia confinaria all’insegna dei fondi europei, ma anche della polemica sulle parlate del Natisone e del Torre

Non c’è collaborazione transfrontaliera, se si nega la lingua slovena

L

a collaborazione transfrontaliera, i progetti europei realizzati nel periodo 2007-2013 e quelli ancora previsti per il 2014-2020, queste le tematiche trattate, durante la tavola rotonda tra i sindaci della valle dell’Isonzo e dei comuni della fascia confinaria della provincia di Udine, svoltasi a Kobarid il 19 gennaio in occasione del 43° incontro tra gli sloveni della provincia di Udine e della valle dell’Isonzo. All’incontro a cui ha partecipato per la prima volta anche la Regione Friuli Venezia Giulia, rappresentata dall’assessore alla Cooperazione, Roberto Molinaro, si sono confrontati i sindaci di Kobarid, Darja Hauptman, di Tolmino, Uroœ Bre¡an, di Bovec, Siniœa Germovœek, i sindaci delle valli del Natisone (Piergiorgio Domenis di Pulfero, Germano Cendou di Savogna, Giuseppe Sibau di San Leonardo, Tiziano Manzini di San Pietro, Mauro Veneto di Stregna, Eliana Fabello di Grimacco e Mario Zufferli di Drenchia) e i sindaci di Faedis, Cristiano Shaurli, e di Taipana, Elio Berra. Presenti anche i presidenti provinciali di Sso e Skgz, Giorgio Banchig e Luigia Negro. Molinaro ha affermato che è di fonda-

Drœavni sekretar Matajœ Longar in nekateri œupani iz Nediækih dolin v Kobaridu (foto Oddo Lesizza) mentale importanza che i progetti europei entrino a far parte della quotidianità e della vita reale dei singoli comuni situati sulla fascia confinaria. Anche secondo Cristiano Shaurli, che ha da poco presentato le dimissioni da sindaco di Faedis (ha deciso di correre alle prossime regionali nella lista del Pd), i rapporti con la vicina Slovenia vanno creati anche e soprattutto a livello comunale, favorendo e semplificando la comunicazione transfrontaliera. Affinché non si comunichi con il paese confinante solamente in caso di progetti europei, che hanno per

giunta termini ben definiti e rischiano di diventare solo degli sterili tecnicismi, è necessario lavorare anche sui cosiddetti «small projects». La comunicazione e la collaborazione diventerebbero così più facili e ciò influirebbe positivamente anche su progetti più grandi. È necessario, inoltre, per quanto riguarda i prossimi progetti Interreg, che l’area di attuazione sia ristretta a quella reale di confine, per poter sfruttare le risorse in maniera più mirata. Durante il dibattito Mario Zufferli ha presentato la proposta del comune di Drenchia di portare nelle valli del

Natisone una tappa del Giro d’Italia, in occasione del centenario dell’entrata dell’Italia nella prima guerra mondiale. Durante l’incontro, in primo piano, anche la «questione linguistica». Nonostante si sia parlato di territorio unico e collaborazione, dei sindaci della Slavia a portare il saluto anche in dialetto sono stati solo Cendou, Domenis e Sibau, il quale però ha voluto sottolineare che avrebbe parlato in italiano, in quanto, qualora avesse parlato «in dialetto o lingua delle valli», non sarebbe stato capito. «Sulla questione della lingua – ha affermato

Elio Berra, sindaco di Taipana – si stanno facendo dei passi indietro. Molti non tengono in considerazione che se la Regione Fvg ha ottenuto l’autonomia è anche grazie alla presenza sul suo territorio della minoranza slovena, che i sindaci stessi si rifiutano di riconoscere». A tale proposito, non poteva non emergere la questione sulla denominazione bilingue italiano-sloveno della futura Unione montana dei comuni a cui alcuni amministratori si oppongono. «Prima dei progetti europei – ha sottolineato Giorgio Banchig – ciò che unisce questi territori è la nostra lingua slovena. È incomprensibile che alcuni sindaci si oppongano alla denominazione bilingue dell’Unione dei comuni e che in casa remino contro la cultura slovena, per poi varcare il confine e parlare di collaborazione, quando si tratta di ottenere finanziamenti». Anche Luigia Negro ha affermato l’importanza di insegnare nelle scuole la lingua slovena. «Solo in un contesto sloveno – ha sottolineato – riusciremo a coltivare e conservare la nostra lingua e la nostra cultura». � Ilaria Banchig


6

IZ NAŒIH DOLIN

stran

31. januarja 2013

dom

L’ENTE SOVRACOMUNALE DELLE VALLI DEL NATISONE al difficile passaggio dell’adozione dello statuto KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Dar¡avne in de¡elne volitve so pred vrati Tudi v Bene@iji te@ejo parprave na volitve. Za italijanski parlament bojo 23. in 24. febrarja. Na listi SEL bo za poslansko zbornico tudi Fabrizio Dorbolò, ki je kamunski mo¡ v Œpietru in predstavnik opozicij v Gorski uniji Nediœkih dolin. Peti mest na listi pa mu na daje nobednega troœta, de bi biu tudi izvoljen. V sriedo se je v #edadu s predstavniki slovenskih organizacij sre@ala senatorka Tamara Bla¡ina, ki tele krat kandidira za deputata na listi Demokratske stranke-Partito democratico. Na petim mestu je, zatuo ima konkretne mo¡nosti za izvoliteu. Poguorila se je o problemah Slovencu v videnski provinci, na posebno vi¡o o u@enju slovenskega jezika v œuolah in o novih politi@nih napadih na Slovence. Politiki so se za@eli parpravljati tudi na regionalne volitve, ki bojo 21. in 22. obrila. Cristiano Shaurli je pustiu mesto œindaka v Fuojdi, de bi lahko kandidiru na listi DS, saj zakon dolo@a, de muorejo œindaki kamunu, ki imajo vi@ ku 3000 ljudi, pustiti mesto ¡e pred kandidaturo. Tuolega nie muoru narediti Giuseppe Sibau, podutanski œindik in administrator Gorske skupnosti Ter, Nedi¡a in Brda, ki bi muoru kandidirati na listi sedanjega regionalnega predsednika Renza Tonda. Sam nam je partardiu tele namien, @etudi pravi, de njega kandidatura nie popunama sigurna. Pru sigurno se bo pokazu œe kajœan kandidat iz naœih kraju.

Niente accordo sul nome dell’Unione. Il 7 febbraio assemblea a muso duro �

��

V volilni kampaniji SSO-ja ne bo � � Izvrœni odbor Sveta slovenskih organizacij (SSO) je zasedal v 21. januarja v Trstu. Predsednik za vidensko pokrajino Giorgio Banchig je poro@al o dveh osrednjih dogodkih, 50. Dnevu emigranta v #edadu in vsakoletnem sre@anju Slovencev iz Bene@ije in Poso@ja, ki je bilo letos v Kobaridu. Obe prireditvi sta bili dele¡ni prisotnosti visokih dr¡avniœkih inœtitucij, kar pri@a o prizadevanju za razvoj teh obmejnih podro@jih, ki imajo œe vrsto neizkoriœ@enih virov. Na sre@anju med javnimi upravitelji v Kobaridu je Banchig posegel in pod@rtal, da je na italijanski strani œe precej dela za primerno izvajanje zaœ@itnih dolo@il in pod@rtal nedosledno obnaœanje nekaterih upraviteljev, ki so na eni strani proti, da se gorska Unija nadiœkih ob@in imenuje tudi po slovensko, na drugi pa se potegujejo, da bi @imve@ sodelovali s posoœkimi ob@inami pri evropskih projektih. De¡elni predsednik SSO Drago Œtoka se je dotaknil tudi vsedr¡avnih volitev, ki bodo konec februarja in za katere se je ¡e za@ela volilna kampanja. Izvrœni odbor je po iz@rpni diskusiji soglasno sklenil, da se ne bo SSO neposredno vklju@il v volilno kampanjo, za kar so pristojne druge sredine ter stranke in bodo tako spoœtovana dolo@ila statuta krovne organizacije. Sicer je izvrœni odbor gostil predstavnike Slovenskega stalnega gledaliœ@a in Zdru¡enja slovenskih œportnih druœtev v Italiji, da bi lahko odborniki od bli¡e spoznali sedanje stanje in na@rte za prihodnost obeh organizacij. SSG sta predstavljala predsednica Maja Lapornik in Andrej Berdon. Oba sta temeljito predstavila trenutno stanje osrednje kulturne ustanove Slovencev v FJk. ZSŒDI sta zastopala pa Ivan Peterlin in Nadja Kralj, ki sta odbornikom razdelila raz@lenjeno, pismeno predstavitev krovne organizacije slovenskih œportnih druœtev v Furlaniji Julijski krajini.

Lo scontro è su «Gorska unija». Sibau: «A me non interessa più di tanto. Non sono di quelli che dicono che il nostro dialetto non è sloveno». Dorbolò: «Parlano di rispetto di tutti, ma hanno modificato la premessa unilateralmente». Saranno decisive le posizioni di Drenchia e Grimacco

� Ezio Gosgnach

N

iente accordo preliminare sulla denominazione dell’Unione montana del Natisone. I sindaci dei sette comuni e il rappresentante delle minoranze consiliari vanno alla conta nell’assemblea convocata per giovedì 7 febbraio con all’ordine del giorno l’approvazione dello statuto. La bozza recapitata agli otto membri dell’assemblea contiene la denominazione solo in italiano «Unione montana del Natisone», così pure quella dei sette comuni, anche se la premessa parla di tutela e valorizzazione «della lingua slovena e delle forme linguistiche locali storicamente parlate nel proprio ambito territoriale». Nelle numerose riunioni preliminari tra gli otto consiglieri si è avuto un lungo braccio di ferro tra i propugnatori della denominazione minimalista «Unione montana Valli del Natisone-Nediœke doline» (San Pietro, San Leonardo e Stregna) e quelli della corretta forma «Unione montana Valli del Natisone-Gorska unija Nediœkih dolin», sostenuta a spada tratta da Pulfero, Savogna e dall’esponente delle opposizioni, ma l’intesa non è arrivata. Così si andrà al voto a maggioranza. Ma, attenzione, gli otto non dispongono di un voto a testa (come avveniva nell’as-

semblea della Comunità montana), bensì di un voto ponderato sulla base della popolazione e del territorio e del singolo comune. Per cui S. Pietro e Pulfero dispongono del 20,02 per cento, S. Leonardo del 19,45 per cento, Savogna del 10,13 per cento, le opposizioni del 10 per cento, Stregna dell’8,53 per cento, Grimacco del 7,74 per cento e Drenchia del 4,10 per cento. Considerato il dibattito finora avutosi, saranno proprio i due comuni più piccoli a fare da ago della bilancia. Anche se, a rigor di logica, i giochi dovrebbero essere fatti, considerato che è stata proprio l’amministrazione di Drenchia a proporre la denominazione «Unione montana Valli del Natisone-Gorska unija Nediœkih dolin» e che Grimacco intenderebbe schierarsi con il vicino. Naturalmente, la maggioranza sulla denominazione determinerà anche la maggioranza che eleggerà il presidente dell’Unione. «Presenteremo un emendamento sul nome e proporremo “Unione montana delle Valli del Natisone-Nediœke doline”, così pure l’elenco di tutti e sette i comuni anche nel nostro dialetto. Su tutto il resto c’era già l’accordo», fa sapere il sindaco di San Leonardo, Giusebbe Sibau. «Ci sono dei comuni che hanno le idee chiare e altri che non sanno da che parte stare. Drenchia e Grimacco non si sono

VOTO PONDERATO PER LO STATUTO ŒKA UNIJA UNIONE DEL NATISONE/NEDIŒ Drenchia Dreka

4,10%

Grimacco Garmak

7,74%

Pulfero Podbuniesac

20,02%

San Leonardo Svet Lienart

19,45%

San Pietro al Natisone Œpietar

20,02%

Savogna Sauodnja

10,13%

Stregna Sriednje

8,53%

Opposizioni Opozicije espressi. Ho tentato di parlarne con il sindaco Mario Zufferli, ma non si è sbottonato – prosegue –. Ma sia chiaro: né io né nessun altro ha problemi di rapporti con gli sloveni; diciamo solo che qui è preminente il nostro dialetto. Punto. Nessuno mette i bastoni tra le ruote né per le iniziative della minoranza, né per la scuola bilingue, né per niente». Sul fatto di definire se il dialetto delle Valli è sloveno o meno, Sibau risponde: «A me, sinceramente, che sia di origine slovena, turca o araba non interessa più di tanto. Non è lì il problema. Il dialetto è quello, la lingua slovena quell’altra. Punto. Io, mentre capisco quelli di Caporetto, ho grossissime difficoltà a capire la lingua standard. Ma, per l’amor di Dio, io non sono di quelli che dicono che il nostro dialetto non è sloveno. È pacifico che ci sia un’influenza tra due territori contigui. E se gli esperti mi dicono che è sloveno ne prendo atto. Punto. Sono per la democrazia totale: chi vuole sentirsi sloveno può farlo e così pure chi non vuole. Smettiamola di litigare!». Allora perché la sua contrarietà alla de-

10,00% nominazione «Gorska Unija?». «Perché – risponde il sindaco di San Leonardo – il mio gruppo in Comune di San Leonardo non la sente sua, mentre “Nediœke doline” va bene. E io devo esprimere la posizione del mio gruppo». Replica a muso duro il rappresentante delle opposizioni, Fabrizio Dorbolò, che sulla questione ha convocato una riunione per venerdì 1 febbraio. «Ci si riempie la bocca di belle parole, si parla di rispetto delle posizioni di tutti, ma poi dalla bozza di statuto inviataci dal presidente provvisorio, Tiziano Manzini, “Nediœke doline” è scritto senza il segno diacritico sulla “œ”, si mette la lingua slovena in contrapposizione con le forme linguistiche locali, sono stati tolti i riferimenti a Slavia Veneta/Bene@ija e via elencando. È questa la democrazia assoluta di quei signori?». Dorbolò conferma che gli emendamenti che proporrà seguiranno le indicazioni date alla fine della scorsa estate dal sindaco di Drenchia. «L’unico dubbio che abbiamo è tra “Gorska unija e Gorska skupnost”, ma la linea è tracciata. Le questioni di principio non possono essere barattate».

IL SINDACO DI FAEDIS si è dimesso per candidarsi a consigliere regionale nella lista del Partito democratico

Shaurli: portare in Regione la voce della Slavia �

«Sembra che molti non considerino disagiato il nostro territorio»

S

abato 13 gennaio, Cristiano Shaurli ha presentato le dimissioni da sindaco di Faedis. Questo, infatti, impone la legge agli amministratori dei comuni con più di tremila abitanti che decidono di candidarsi in altre posizioni. Shaurli si candiderà alle elezioni regionali, previste per il 21 e 22 aprile, nella lista del Pd, a sostegno della candidata alla presidenza della regione Fvg, Debora Serracchiani. Per Shaurli, alla sua prima esperienza come sindaco, in carica dal 7 giugno 2009, la scelta è stata molto sofferta. Scelta di cui, però, è convinto, poiché rappresenta una grande occasione per rinnovare profondamente la politica regionale. In attesa che la Regione stabilisca le date delle prossime amministrative, il comune di Faedis verrà guidato dal vicesindaco, Luca Sebastianutto. Che senso ha la sua candidatura che l’ha portata ad una rinuncia così difficile, come quella di lasciare il comune di Faedis? «La decisione di presentare le mie dimissioni da sindaco per candidarmi in Regione è stata molto sofferta, soprattutto perché dettata da una legge che ritengo

profondamente ingiusta. Ciò che mi ha spinto a presentarmi nella lista della candidata presidente Debora Serracchiani è comunque la consapevolezza che sia necessario un profondo cambiamento. In tutta umiltà credo di aver acquisito, grazie a tutto il mio percorso politico (assessore, vicesindaco, sindaco, consigliere provinciale), l’esperienza adeguata per ricoprire questo tipo di incarico». Quali istanze ha intenzione di portare avanti in caso di elezione nel nuovo ruolo? «Sono consapevole del fatto che in caso di elezione sarei rappresentante di tutto il territorio regionale. Ritengo, però, che per la nostra zona sia molto importante avere un rappresentante diretto che ne conosca le esigenze e le potenzialità, soprattutto ora che mancano le candidature di personalità come Giorgio Baiutti e Alessandro Tesini». La sua candidatura è stata vista dagli amministratori dei comuni vicini come una grande opportunità per il territorio. Come ha intenzione di continuare a portare avanti il suo impegno per questa zona così disagiata a livello regionale?

«In primo luogo, credo che sia necessario ricordare a molte persone che si tratta davvero di una zona di montagna e di un territorio disagiato, perché ho la percezione che alcuni non lo considerino tale. Fondamentale sarà enfatizzare l’importanza di questi luoghi di confine, affinché a questa zona venga dedicata l’attenzione che merita». Il sindaco di Taipana, Elio Berra, esprime preoccupazione per l’Unione montana, visto che Faedis faceva da capofila… «Quella dell’unione montana è un’ “esperienza” che sta nascendo soprattutto per la legge regionale 14. Pur non condivi-

dendo questa legge, ritengo che l’unione sia comunque un’occasione per condividere e realizzare alcuni progetti. Credo che per quanto riguarda questa zona, sia necessario rimanere uniti se vogliamo avere più forza. Quando le due comunità montane Natisone e Torre sono state separate, io, pur essendo in netta minoranza, avevo insistito affinché rimanessero insieme, perché vedevo nella loro sinergia possibilità di sviluppo e crescita comune, cosa resa possibile anche grazie alla caduta del confine che permette il dialogo transfrontaliero». La legge sulle unioni montane è fortemente criticata. A suo avviso cosa si dovrebbe fare per riorganizzazione gli enti montani? «Ritengo che gli amministratori non abbiano bisogno di imposizioni dall’alto, perché non è ai piani alti che si possono prendere decisioni per questo territorio. È necessario che gli amministratori capiscano che solo restando uniti si potranno offrire servizi migliori e più economici ai nostri cittadini. Unire le forze non è un’imposizione che minaccia l’identità dei singoli comuni. Nel caso in cui qualcuno si voglia permettere il lusso di stare da solo lo può fare, ma dovrà pagare le spese e spiegare la scelta ai cittadini». � I. B.


dom

31. januarja 2013

IZ NAŒIH DOLIN

stran

7

DEBELINCA BO 10. FEBRARJA. Pa bo lietos manj prirediteu, kakor prejœnja lieta, saj je ekonomska kriza zaries te¡ka

Pust parnaœa veseje v Bene@ijo s svojimi tradicionalnimi maœkerami �

Srienska skupina ¡e nekaj liet pustinà po doma@ih vaseh a tudi v drugih dolinah

� I. B.

B

li¡a se konac pusta. Lietos bo Debelinca10. febrarja, mali pust v pandiejak 11. in velik pust pa v torak 12. Tele cajt ima na naœem teritoriju zelo dugo in bogato zgodovino, sa’ etnografi pravijo, de pustovanje parhaja iz starih paganskih cajtu, kàr so naœi predniki praznovali prehod iz zime na pomlad. Zatuo naœe tradicionalne maœkere so takuo farbane in imajo na sebe zvonove, de bi zbujale zemljo iz zimskega spanja. Tud’ lietos bojo vasi Nediœkih dolin o¡iviele za pust. Vsi pa se parto¡ujejo, de se @uje »kriza« tudi v pustovanju, kier je manj inciatiu, kakor v preteklih lietah. V Podbuniescu na primer lietos na bo @ezkonfinskega sprevoda (sfilate), na katerem so ble lani maœkere iz Bene@ije in Poso@ja. Na bo tud’ praznovanja pod tendonam v Podpolici. Nekatere skupine so pa ¡e za@eler pustinati. Skupina iz Sriednjega je adna od narbuj znanih in aktivnih v Nediœkih dolinah. »Srijenski pust je predvsem poznan za muziko – nam je jau Franco Qualizza, ki je

duœa telega pusta –, zak’ imamo dobre ramonike, ki so prave kraljice pusta kupe z naœimi tradicionalnimi maœkerami: te liepe in te garde, kralj in kraljica, bera@ in pust.« Tela skupina je za@ela pustinat ¡e12. ¡enarja in nje program je œe zelo bogat: v saboto 2. febrarja bojo v Teru, v baru par Dini, potlè bojo œli v Bardo, kjer bo v baru Nova Coop paœtaœuta za vse. Tam bojo plesali, pieli in godli. ˘e nekaj liet se je rodila navada, de gre skupina iz Sriednjega tudi v terske doline. »Tela je liepa rie@, zatuo ki se sre@ata in mieœata dva pusta. Vsaka dolina ima svoje navade in je lepuo videti, kuo pustinajo v drugim kraju in tud’ videti, kuo drugi nas spremjajo – nam je œe jau Franco –. Za nas je lepuo videti, de par parpravja-nju pusta sodeluje puno ljudi ne samuo iz Sriednjega. Imamo parjatelje, ki parhajajo iz Vidna in #edada.« V saboto 9., v nediejo 10. in v torak 12. bo tela skupina œla od hiœe do hiœe po vaseh srienskega kamuna. Pust se bo kon@au 13. ferbrarja, kàr bo pepeunica. Po sfilati, ki bo za@ela popudan v Sriednjem, bojo par¡gal’ Pusta okuole 7. v Zamirju in bojo vsi kupe

Franco Qualizza jedli paœto v baru par Lauri. Tudi v Podbuniescu so po vaseh organizali inciative za pust. V Ruoncu imajo zaries bogat program. Za@el’ so pustinat ¡e v saboto 19. ¡enarja par Klavorah. Skupina iz Ruonca se bo lietos udele¡ila v saboto 2. in v nediejo 3. febrarja sprevoda v San Michele all’Adige v provinci Trento. V saboto 9. febrarja ¡e zjutra bojo maœkere œle po vaseh Ruonca. V nediejo 10. febrarja se bojo maœkere sre@ale v Sauodnji par Kran@ine in bojo œle v Matajur. Za pepeunico skupina iz

Ruonca je parpravla ob 20. vi@erjo v faru¡u. Skupina iz Marsina bo v nediejo 10. febrarja zjutra œla v Matajur, potlè bo œla v Gorenji in v Dolenji Marsin. V #arnem Varhu bo v nedjejo 10. febrarja, ob 14., tradicionalna sfilata Blumarju po vasi. Organizatorji vpraœajo, naj gledauci pridejo v vas nomalo priet, zatuo ki je zelo zanimivo (interesant) tud’ gledat, kakuo se Blumarji parpravijo. Tudi v Terski dolini je program za pust bogat. V saboto 9. febrarja ob 14.30 bojo pustinali v Sedliœ@ah. Ob teli parlo¡nosti bojo tudi kratke gledaliœke predstave v doma@em dialektu. Tisto saboto bojo pustinal’ tudi v Prosnidu. Ob 13. se maœkere sre@ajo v gostilni »al Centro«, potlè bo sprevod po vasi z doma@o muziko. Na koncu bo v agriturizmu »Brez mej« paœta za vse in premiacjon za narlieuœo maœkero. Tudi v Reziji je pust adna izmed najzanimivejœimi navadami. Pust bo od 9. do 13. febrarja noreu s svojimi tradicionalnimi »lipimi bilimi maœkirami«. V sriedo 13. febrarja v Bili parpravijo pogreb pusta. Par¡gal’ bojo Babaca, ki simbolizira pusta. Le 13. febrarja se bojo poslovil’ od pusta tudi v Kanalski dolini. Ob 14. bo sprevod po centru Tarbi¡a in na koncu bo »pogreb« pusta.

ZBORNIK PRAZNUJE 60 LIET in je zelo bogat. Sodelovalo je @ez 40 avtorju iz Bene@ije, Rezije, Poso@ja, Tarsta in Gorice

Trinkov koledar predstavili na Trinku rojstni dan

P

rù na dan 150. oblietnice rojstva mons. Ivana Trinka, 25. ¡enarja, je kulturno druœtvo po njim imenovano predstavilo Trinkov koledar za lieto 2013, ki pa sam lietos praznuje 60 liet, odkar je biu parvi@ tiskan in predstavljen tar@munskemu o@aku 27. ¡enarja 1953. Takuo vesoke oblietnice sta se zaslu¡ili tudi posebno bogat zbornik, za kater je poskarbielo @ez 40 avtorju iz Rezije, terskih in nediœkih dolin, Poso@ja in drugih slovenskih de¡el ter s Tar¡aœkega in Goriœkega. Kot je omenu predsednik druœtva Miha Obit bo kamun #edad poimenovau adno miestno ulico po velikem Bene@anu, medtem ko sta kamun Sauodnja in druœtvo samo organizirala nate@aj o Trinku v œuolah. Urednica Trinkovega koledarja Lucia Trusgnach je natuo napravla bilanco varste koledarju, ki ki jih je druœtvo izdalo od lieta 1991: 225 avtorju, od katerih 13 sodeluje ¡e vi@ ku 10 liet. Zahvalila se je œe posebe sodelavcam z Onejskega, za@enœi od pokojnega kobariœkega dekana Franca Rupnika, kateremu so sledili Zdravko Likar, Vida Œkvor

KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

V #edadu ulica mons. Ivan Trinko

#edadjski kamun je imenovau po msgr-ju Ivanu Trinku ‘an part ulice, ki se sada kli@e IX agosto in kjer je sede¡ kulturnega druœtva, ki nosi ime znanega beneœkega duhovnika, kulturnika in narodnega buditelja. #edajski œindik Stefano Balloch je sporo@iu, de je kamunska administracija sprejela za Slovence pomembno odlo@itev v sklopu imenovanj nekaterih krajih v miestu. Imenovanje adne miestne ulice po msgr.ju Trinku ob150-letnici rojstva je napoviedu sam œindik Balloch na Dnevu emigranta lietos. Na le tisti manifestaciji lani je idejo za tuole dau parlamentarec Carlo Monai. Potlè je puno ljudi podpisalo proœnjo kamunu. � �

Obenetto, interviene la Protezione civile È stato firmato lo scorso 28 gennaio il decreto di Protezione civile che autorizza i tecnici di Palmanova ad intervenire nei prossimi giorni per ripristinare le condizioni di sicurezza della viabilità in comune di Drenchia, con un primo stanziamento di circa 50 mila euro. Nella giornata del 21 gennaio scorso, infatti, uno smottamento ha causato l'interruzione della percorribilità dell'unica strada di accesso alla frazione di Obenetto, ove risiede una decina di persone anziane. La Protezione civile regionale potrà così, già nel corso della prossima settimana, intervenire per riaprire al traffico la carreggiata, rispondendo così alle richieste del sindaco di Drenchia, Mario Zufferli, che ora esprime piena soddisfazione per il rapido ripristino delle condizioni di sicurezza necessarie per poter raggiungere l'abitato di Obenetto e portare soccorso ai suoi abitanti.

��

in Jo¡ica Strgar. »Kupe smo v telih lietih – je jala urednica – gradili Trinkov koledar in od navadne knjige ustvarili pomembno sredstvo medsebojnega sodelovanja in spoznavanja, poznavanja jezikovnih razli@ic slovenske besede naœih obmejnih krajev, ustvarjanja novih prijateljskih stikov.« Natuo se je Lucia Trusgnach poklonila spominu na pred kratkim umarlega pre

Emila Cenciga, ki je parvi @lanek za Trinkov koledar napisu lieta 1967; natuo je svoje prispevke objavu od lieta 1981 do lieta 1985. Od lieta 1991 do lieta 2005 je skarbeu za koledarski del in je objavu tud poezije in iskrice doma@e modruosti. Posebno liepega pomiena so voœ@ila, ki jih je pre Milijo lieta 1991 nasloviu naœim ljudem. Med drugim je napisu: »Nikoli naj ne usahnejo narodne

korenine naœega beneœkega naroda. Naœi beneœki ljudje naj ostanejo zvesti svojemu slovenskemu jeziku, svoji kulturi in duœi, s katerimi jih je Bog posebne in razli@ne napravu v dru¡ini narodov sveta«. Vsebino lietoœnjega Trinkovega koledarja je podala odgovorna urednica Iole Namor; za glasbeni uvod pa je poskarbeu pianist Davide Tomasetig.

L’AVVOCATO CARLO MONAI HA PRESENTATO L’ISTANZA alla Procura della Repubblica di Udine. «È una pseudo notizia di reato», sostiene

Chiesta l’archiviazione della querela contro mons. Qualizza

L

’avvocato Carlo Monai, difensore del direttore responsabile del quindicianle Dom, mons. Marino Qualizza, ha presentato alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Udine istanza di archiviazione della querela presentata da Roberto Novelli residente a Cividale del Friuli (UD), via Mulinuss, n. 7. Premesso che «vi è un potere di “cestinazione” del PM nelle ipotesi in cui la “notitia criminis”, già all’origine non costituisca ipotesi di reato», l’avvocato Monai afferma che in questo caso «la notizia criminis è, per le stesse argomentazioni svolte in querela, proprio una pseudo-notizia di reato perché mons. Qualizza altro non ha fatto che criticare una ardita posizione politica sostenuta

dal Novelli e riferita alla specialità linguistica del FVG secondo la quale le parlate locali della minoranza slovena non dovrebbero essere ascritte a questo codice linguistico ma ad ineffabili – …absit injuria verbis !!! ceppi protoslavi che sarebbero tali da giustificarne l’esclusione dall’ambito della “minoranza slovena” per assumere altre forme e denominazioni di tutela culturale». «La minoranza linguistica slovena – prosegue l’avv. Monai – presente al confine orientale, però, è come tale identificata dai glottologi e dai linguisti come appartenente allo sloveno o a sue varianti locali, ed è perciò tutelata dai trattati internazionali, dall’art.6 della Costituzione e dallo Statuto speciale regionale, oltre che da leggi statali e re-

gionali, sicché le opinioni del Novelli in proposito appaiono a dir poco strumentali e revangiste di quella lotta politica antislava e nazionalistica che fu dapprima concepita dall’irredentismo, poi brandita dal fascismo ma che transitò poi, con minor protervia ma con evidente ostilità, nell’atteggiamento di alcuni partiti della destra – da cui proviene lo stesso Novelli, confluito nel PDL dopo la fusione del suo originario partito d’elezione che fu Alleanza Nazionale –, che hanno inteso il patriottismo come una sorta di clava culturale anti slovena, confondendo il concetto della cittadinanza italiana con l’appartenenza culturale di una comunità linguistica diversa ancorché minoritaria». «Ora, nell’articolo “incriminato” mons.

Qualizza ha ritenuto che le posizioni politiche del Novelli ostili alla tutela dello sloveno nelle Valli del Natisone, spesso ribadite anche con suoi atti ispettivi consilari o con proposte di legge (di cui il Novelli stesso si attribuisce orgogliosa paternità nella querela proposta!), potrebbero aver influito sulla scelta del Governo nazionale di ridurre drasticamente le erogazioni stabilite in passato dalla Legge n. 38/2001, sul presupposto logico e politico che il Governo Monti era sorretto dallo stesso partito, il PDL, di cui Novelli è un attivo esponente regionale. Tale valutazione, sia pure ritenuta fantasiosa ed inverosimile dal Novelli che, pur di alleggerire le proprie (vere o presunte) responsabilità politiche sull’argomento, la smentisce

radicalmente anche a costo di svilire la propria autorevolezza negando di aver mai potuto influire su tale taglio di risorse, risponde ad una considerazione giornalistica, esplica il diritto costituzionale di critica se non di cronaca (art. 21 Cost.), e comunque non ha nulla di illecito, men che meno in chiave diffamatoria!». «Le parole usate nell’articolo sono continenti e sono riferite ad un tema di interesse pubblico, che lo stesso querelante dimostra essere stato oggetto di vivace discussione politica, di cui il Novelli stesso è stato, quale Consigliere regionale e comunale del PDL, prolifico fautore», conclude l’avv. Monai. Da qui la richiesta di archiviazione della querela.


8

IZ NAŒIH DOLIN

stran

31. januarja 2013

L’ISTITUTO COMPRENSIVO di San Pietro al Natisone ha presentato ai genitori la propria offerta formativa KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

#ezkonfinske jasli postajajo realnost � � Prve dvojezi@ne in @ezmejne jasli (@ezkonfinski a¡ilo nido) postajajo realnost. De¡ela Furlanija Julijska krajina je dala kamunu Podbuniesac 40 tav¡int evru, du bi v tele namien prerunu hram, kjer je bla do dvie lieti odtuod elementarna œola v Podbuniecu. Par projektu sodeluje ob@ina Kobarid. #ezkonfinsko sodelovanje je iz liepih besied in ¡elji prerastlo v konkretne projekte, je jau podbunieœki œindik Piergiorgio Domenis. »Za@enjamo prù od mikanih, od jasli za otroke, ki imajo do tri lieta. Troœtamo se, de bo tuole sodelovanje med Podbuniescam in Kobaridam rastlo kupe z njimi,« nam je veselo dodau. Otroœkih jasli v Bene@iji œe nie, pa otruok je premalo, de bi jih odparli. V Kobaridu pa je previ@ vpisu v jasli, ki jih ¡e imajo. Takuo se je rodila ideja, de bi @ezkonfinske in sevieda dvojezi@ne jasli odparli v Podbuniescu. Na kobariœki ob@ini so vabilo na sodelovanje dobre voje sparjeli. ˘upanja Hauptmanova je navduœena na @ezmejno sodelovanje, a predstavlja podbunieœka iniciativa tudi reœiteu za te¡ave, ki jih imajo. » Mislim, de bojo v Podbuniesac parhajali otroci predvsiem iz robiœkih vasi a tudi iz drugih kraju, kjer ¡e sada hodijo otroci v vartac in v dvojezi@no œuolo v Œpietar,« nam je poviedala. Projekt so pozdravili tudi na Novoltenem sre@anju Slovencev videnske province in Poso@ja 19. ¡enarja v Kobaridu.

dom

Scuola bilingue, c’è grande interesse per le iscrizioni al nuovo anno 13-14 �

Ma si temono ritardi ai lavori nella sede

� Ilaria Banchig

L

unedì 21 gennaio si sono aperte le iscrizioni per le scuole dell’obbligo per l’anno scolastico 2013/2014. Anche quest’anno, la scuola bilingue di San Pietro ha organizzato da lunedì 14 a venerdì 18 gennaio, la settimana «a porte aperte», offrendo a tutti i genitori interessati la possibilità di visitare e conoscere da vicino questa scuola. A conclusione della settimana, c’è stata il 18 gennaio nella sala polifunzionale di San Pietro la serata «a porte aperte» in cui sono stati gli stessi alunni di elementare e medie a presentare con scenette e racconti, sia in italiano sia in sloveno, la loro scuola e le varie attività ad essa connesse. Nel suo intervento di saluto, la dirigente scolastica ˘iva Gruden ha sottolineato che la scuola bilingue, sebbene sia proiettata verso il futuro, è saldamente legata alla cultura e alle tradizioni di questo territorio. «Nonostante le difficoltà avute per quanto riguarda la sede e la crisi economica, nella nostra scuola non ci sono stati tagli all’offerta formativa». La scuola, infatti, oltre ad offrire lo studio completamente bilingue (in italiano e

Predstavitveni veåer dvojezåne æole 18. januarja v Æpietru

in sloveno) di tutte le materie, offre agli alunni grandi occasioni per approfondire e rinsaldare le loro conoscenze sul territorio, organizzando incontri, gite e attività formative. La parola è stata, quindi, lasciata ai ragazzi. Sullo schermo sono stati proiettati video e foto del lavoro svolto durante lo scorso anno scolastico 2011/2012. Sono stati presentati, per esempio, il progetto «Dekle je po vodo œlo», le gite scolastiche, una ricerca naturalistica sugli alberi…. È stato sottolineato anche che in questa scuola vigono principi di amicizia, solidarietà ed uguaglianza. Al numeroso pubbli-

co intervenuto alla serata «a porte aperte» è stata presentata una scuola veramente «senza confine», che accoglie tutti i bambini senza nessuna distinzione. Per i genitori interessati ad avere maggiori informazioni, la scuola bilingue ha organizzato due ulteriori incontri: il 24 gennaio per la scuola dell’infanzia e il 31 per la scuola elementare. La novità di quest’anno è che l’iscrizione, per la quale c’è tempo fino al 28 febbraio, potrà essere effettuata solo on-line. Questo crea non poche difficoltà alle famiglie che non dispongono di una connessio-

ne internet. Problema ancora più grosso se si vive nelle Valli, dove la connessione Adsl, quando non è del tutto assente, è molto lenta. Per questo la scuola bilingue offre ai genitori la possibilità di iscrivere on-line gli alunni nella sua sede. In un incontro con la senatrice Tamara Bla¡ina, tenutosi a Cividale lo scorso 23 gennaio, la direttrice Gruden ha raccontato di un forte interesse per le iscrizioni alla prima elementare nel prossimo anno scolastico. Almeno 15 famiglie di bambini che non frequentano l’asilo bilingue avrebbero manifestato l’intenzione di portarli alla primaria con insegnamento sloveno e italiano. Così fosse, con i 19 piccoli che stanno frequentando la materna bilingue, si supererebbero abbondantemente le 30 unità nella prima classe della primaria e si dovrebbe attivare la doppia sezione. Qui si presenterebbero, però, problemi di spazio, in quanto la ristrutturazione della sede dell’istituto comprensivo bilingue ben difficilmente sarà completata per settembre. Anzi, si prevedono nuovi rallentamenti, considerato che l’ufficio tecnico del Comune di San Pietro al Natisone è restato sguarnito dopo il trasferimento di Marco Quai. Dovrebbe venire terminati in tempo, invece, i lavori di messa in sicurezza della sede della scuola media monolingue, dove troveranno posto anche le classi della media bilingue attualmente ospitate nella sede della Comunità montana.


dom

31. januarja 2013

IZ NAŒIH DOLIN

stran

9

VSE NEDIEJE V MIESCU FEBRARJU bo Planinska dru¡ina Bene@ije vozila otroke na te@aje v Podkloœter na Koroœkem

Mattia Cendou: »Kupe s smu@anjam se u@imo tudi slovenski jezik« �

Beneœki otroci drugje na @ujejo œportnih besied po slovensko, saj ostala œportna druœtva u@ijo samuo po italijansko

T

Udeleœenci parvega teåaja smuåanja v Podkloætru januarja 1995

Mattia Cendou z uåenci Potlè, popudan bojo otruoci imieli cajt za smu@ati sami.« Odkod parhajajo u@enci? »Ve@ina jih je iz Bene@ije, ampa so tudi kajœni iz Furlanije in celuo iz Poso@ja.« Te@aj Planinske dru¡ine u@i smu@anje, pa tudi jezik… »Glede na tuo, de smo u@itelji Slovenci – jest in Igor sma Bene@ana in ostali so iz Poso@ja –, u@enje gre naprej samuo v slovenskim jeziku. Otroci tuole sparjemajo pozitivno, recimo normalno, zatuo ki ven@ part udele¡encu hodi v dvojezi@no primarno al’ ni¡jo srednjo œuolo v Œpietru in so vajeni spremljati vse informacije po

(

Kratke Brevi brevi kratke

Sre@anje partnerjev projekta Enri V @etrtek 24. januarja se je v mali dvorani Narodnega doma v Trstu odvijalo prvo sre@anje partnerjev (kick-off meeting) projekta ENRI – Obnovljivi viri energije in energetsko var@evanje za tretji sektor. Projekt, ki je financiran na Programu @ezmejnega sodelovanja SlovenijaItalija 2007-2013 spada v prvo prednostno nalogo, ki skrbi za okolje, transport in trajnostno teritorialno integracijo. Projekt ENRI je namenjen v usmerjanje druœtev in ustanov neprofitnega sektorja v smotrnejœo uporabo energije in v uvajanje obnovljivih energetskih virov. Po uvodnem pozdravu Draga Œtoke, predsednika SSO, ki je vodilni partner projekta ENRI, je projektni vodja Ivo Corva predstavil glavne projektne smernice, posamezne delovne sklope, za¡eljene projektne cilje in pri@akovane rezultate. Na sre@anju je bil tudi umeœ@en vodilni organ projekta, ki ga sestavljajo vsi projektni partnerji: Svet slovenskih organizacij, ARES – De¡elna agencija za vzdr¡no gradbeniœtvo, GOLEA – Lokalna energetska agencija iz Nove Gorice, œportni in mladinski center iz Pirana, Srediœ@e Rotunda iz Kopra in Fogolar Furlan iz Tr¡i@a. Projekt bo imel pomembne u@inke za celotno @ezmejno okolje in to v skladu s trajnostnim razvojem, ki ga zasledujejo tako evropski kot tudi dr¡avni razvojni programi.

��

� Ilaria Banchig udi lietos je Planinska dru¡ina Bene@ije parpravala te@aj (korœ) smu@anja za otroke in odrasle, ki bo vsako nediejo miesca febrarja v Podkloœtru (Arnoldstein) na Koroœkem v Avstriji. Te@aji smu@anja so ¡e duga tradicija naœega planinskega druœtva. Saj je biu parvi korœ ¡enarja 1995. Lietos se ga bo udele¡ilo parbli¡no 50 otruok. U@itelju bo pa pet: Petra, Tina, Vasja, Igor in Mattia. Tele zadnji, ki je po priimku Cendou, je iz Maœere, je hodu na te@aj, kàr je biu otrok in je ¡e nomalo liet pa u@itelj. Œtudira na fakulteti za œport Univerze v Ljubljani in u@i v dvojezi@ni œuoli v Œpietru. Povabili smo ga na pogovor. Kakuo potekajo te@aji smu@anja? »Te@aj, ki ga parpravlja Planinska dru¡ina Bene@ije, bo œu naprej œtiri nedieje miesca febrarja v Podkloœtru na Koroœkem. Vsaki krat se zberemo ob 7. uri pred œuolami v Œpietru in gremo z avtobusam. Kduor gre s svojim avtom se nam pardru¡i ob 9.30 na smu@iœ@u. Parvo nediejo bomo napravli test otruokan, ki so vpisani na te@aj, de bi zviedeli, dost znajo smu@ati. Glede njih znanja jih bomo arzpartili v pet skupin. Vsaka skupina bo imela svojega u@itelja. Vsako nediejo od 10. do 13. ure bojo smu@ali z u@iteljam.

KRATKE - BREVI - KRATKE

slovensko. #e kajœan na zastope po slovensko, mu bo u@itelj arzluo¡u tudi po italjansko, saj vsi u@itelji znamo oba jezika.« Ku otrok si se tudi ti udele¡iu te@aja Planinske dru¡ine. Katere spomine imaœ? »Ja, ¡e kàr sam biu majhan sam se u@iu smu@ati z doma@imi planinci in imam zelo lepe spomine. Muoj u@itelj je biu Igor Tull in vsi smo se takrat z njim zelo lepuo imeli. V moji skupini smo vsi hodili v dvojezi@no œuolo, zatuo smo imieli simpati@no dru¡bo, zatuo ki smo bli vsi parjatelji. Nekateri otroci tistega cajta se œe donas trudimo v Planinski dru¡ini Bene@ije ku @lani al’ pa celuo ku organizatorji.« Kakuo lahko œport parpomaga par ohranjanju slovenske kulture v Bene@iji? »Planinska dru¡ina Bene@ije je edino œportno druœtvo, ki skarbi, de bi se varva-

la in ostala ¡iva slovenski jezik in doma@a kultura. Na parpravlja samuo te@aj smu@anja ampa’ tud’ te@aj plavanja in telovadbe (ki bo œu naprej od 6. febrarja do 24. obrila v telovadnici v Œpietru vsako sriedo in petak od 19. do 20.), ki potekata v slovenskem jeziku. Jest in ostali u@itelji smu@anja u@imo samuo po slovensko, de bi otroci zbuojœali svoje znanje slovenœ@ine. Tela je tudi liepa parlo¡nost, de bi se otroci navadli tud’ œportne besede po slovensko, ki jih drugje na @ujejo. Naœ dialekt niema œportnih besied, zatuo smo vse vzeli od italijanskega jezika. V Bene@iji ostala œportna druœtva u@ijo samuo po italijansko in tuo bogati znanje otruoka samo v œportu. Planinska dru¡ina Bene@ije prispeva k rasti otruok na telesu in pameti v veselju, dobri dru¡bi in z u@enjem naœega slovenskega jezika.«

Guida Inac ai servizi anche in sloveno

NA OB#NIM ZBORU V GORENJI MIERSI so praznovali rojstni dan velikega beneœkega œportnega druœtva

Veseu senjam za parvih 20 liet Planinske dru¡ine

Veliko ljudi se je zbralo na obånim zboru Planinske druœine Beneåije. Desno, predsednica Luisa Battistig

P

laninska dru¡ina Bene@ije je na koncu lanskega lieta dopunila 20 liet. Po œtevilnimi sestanki je mala skupina kakih deset Bene@anov 6. novemberja 1992 v œuberjovi oœtariji v Nokulah v œpietarskim kamunu odlo@ila, de ustanovi Planinsko dru¡ino Bene@ije. Dielo Beneœkega planinskega druœtva, ki so ga bli nastavili lieta 1975, je bluo zamarlo. Vi@krat so nekateri poskusili ga o¡ivieti, pa nie œlo. Zatuo so nekateri planinci dobre voje ustanovili popunama novo druœtvo, brez nobedne povezave s te starim. »Po dugih lietih medsebojnih pogovoru, seji in tudi naspruotovanj z vi@ strani, so se planinci odlo@ili za takuo »dru¡ino«, ki naj bi bla popunama avtonomna. Se pravi, de na bo formalna povezana z nobedno politi@no, ekonomsko al' kulturno organizacijo. Odparta pa bo vsiem Bene@anam, ki ljubijo gore,« je bluo tekrat napisano v Domu.

In œe: »Planinska dru¡ina Bene@ije je slovenska skupina. Ima namien povezovati ljudi iz Bene@ije, ki hodijo po gorah in imajo radi œporte, ki so z gorami povezani. Ideja se je rodila med mladimi Bene@ani, ki se ¡e puno liet sre@avajo po gorah in na smu@iœ@ah. Seviede bo trieba sodelovati s planinskimi organizacijami iz Italije in Slovenije. Saj breguovi in planinci muorejo biti element povezovanja med ljudi, ki ¡ivè blizu konfina.« V torak 1. di@emberja 1992 so Planinsko dru¡ino Bene@ije ustanovili tudi formalno par notarju in izbrali parvo vodstvo. Ezio Gosgnach predsednik, Fabio Ciccone podpredsednik, Miha Coren tajnik in blagajnik, Igor Tull, Dante Cencig. Nadzorni odbor so sestavljali predsednik Fabiano Gosgnach, Alessandro Lizzi in Mario Gosgnach. Hitro je dru¡ina rastla. Kàr so jo javnosti

predstavili 12. marca 1993 v kamunski dvorani v Œpietru je imela ¡e @ez petdeset @lanov. Parpravljala je pohode na gore, sre@anja, planinske vi@ere, burnjake in druga praznovanja. ˘e na za@etku se je rodila ideja, de bi zazidali svojo ko@o. Projekt je ratu konkretan s finaciranjam Sveta slovenskih organizacij in Gorske skupnosti Nediœkih dolin. »Naœe ¡ivljenje je bluo nomalo druga@ do tistega lieta 1999, dok niesmo za@eli zidat naœo ko@o na Matajure, V naœih programih nieso bili samuo lahki al’ zahtevni pohodi po gorah, bluo je œe puno druzih diel skuoze vsako lieto. Po otvoritvi Doma na Matajure lieta 2000, smo imieli novo skarb. Naœe dejavnosti so se zatuo spremenile. Skarbilei smo, de so bili naœi programi nimar bogati: pohodi, izleti te@aji plavanja, smu@anja, telovadbe, skarb za te stare, burnjaki, kulturni vi@eri, sre@anje planincu,

slovenske svete maœe ob sabotah vi@er po raznih cierkvah naœih dolin. Muorali pa smo tudi dar¡at’ odparto naœo ko@o vsako nediejo, za@ela so de¡urstva in kadar je bluo potriebno, smo muorli spejat’ delovne akcije,« je poudarila sedanja predsednica Luisa Battistig ob 20-lietnici. Planinska dru¡ina Bene@ije je svoj okouni rojstni dan lepuo praznovala v saboto 26. ¡enarja. Velik senjam je biu v polifunkcionalni dvorani v Gorenji Miersi, kjer je œuolski center kamuna Sv. Lienart. Biu je lietni ob@ni zbor, na katerim so predstavili program za lietos. Predstavili so tudi bukva, pruzapru fotoalbum o delovanju beneœkih planincu v telih dvajsetih lietah. Planinska zveza Slovenije je dala priznanja narbuj zaslu¡nim beneœkim planincam. Na koncu je bila veselica. Zbralo se je zaries puno ljudi.

� � Offrire, ai cittadini di tutta la regione, un qualificato servizio di orientamento sui diritti e sui percorsi da seguire per ottenere le provvidenze e le prestazioni socioassistenziali previste dalla legislazione della Regione Fvg. È con questo obiettivo che il Patronato Inac del Friuli Venezia Giulia, ente promosso dalla Cia Fvg, in collaborazione con l’associazione del Pensionati (Anp-Cia), ha organizzato una serie di iniziative informative fra cui la pubblicazione, in italiano e in sloveno, della guida informativa “I servizi sociosanitari e socioassistenziali della Regione Friuli Venezia Giulia” che punta a riportare in pillole i principali aiuti che singoli e famiglie possono richiedere. Una piccola guida che accompagna il cittadino verso i punti di accesso alle prestazioni: il servizio sociale dei comuni, i distretti delle aziende sanitarie, i medici di famiglia. L'opuscolo è stato presentato in conferenza stampa, durante la quale sono intervenuti l’assessore regionale all’istruzione, università, ricerca, famiglia, associazionismo e cooperazione, Roberto Molinaro, la presidente nazionale del patronato Inac, Carla Donnini, il presidente della Cia Fvg, Ennio Benedetti, oltre al direttore della sede regionale patronato Inac Fvg, Mariateresa Morretta, a Manuela Botteghi, coordinatore tecnico regionale e direttore della sede provinciale di Gorizia del patronato Inac, e a Erik Masten, segretario di Kme@ka zveza (Associazione agricoltori della minoranza slovena, aderente a Cia Fvg).


10

TERSKE DOLINE

stran

31. januarja 2013

dom

IN VAL TORRE E VAL CORNAPPO FORTI TIMORI per un possibile taglio del servizi di trasporto pubblico fin da febbraio KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Onelia di Tanamea se n’è andata

Lusevera e Taipana ora rischiano di perdere anche la corriera �

Il sindaco Marchiol: soffriamo già per lo spopolamento, l’isolamento e la diminuzione dei servizi essenziali

� Paola Treppo

Se n’è andata Onelia Marchiol, la storica gestrice, irriducibile, della locanda di Tanamea. Aveva 88 anni e per decenni, col suo bar vicino all’allora caserma della Gdf, a pochi passi dall’ex-polveriera, ha rappresentato un insostituibile punto di riferimento per chi voleva fare una sosta lungo la strada da e per Uccea, verso il confine con la Slovenia. In tempi in cui il cellulare non esisteva e in cui la zona non era coperta dalla rete mobile, Onelia ha aiutato tanti escursionisti in difficoltà, dando l’allarme e fornendo assistenza. Non a caso era diventata, per tutti, «Onelia di Tanamea». Per l’età e acciacchi di salute era stata costretta a chiudere il locale, che non è stato più riaperto. ��

T

imore anche a Lusevera per il possibile taglio del servizio di trasporto pubblico erogato fino a oggi dalla Saf. «Nulla di certo, al momento – fa notare il sindaco, Guido Marchiol – ma l’amministrazione comunale è stata informata, in via non ufficiale, della possibile cancellazione di alcune corse sulla tratta extraurbana che collega il comune di Lusevera a Tarcento, già a partire dal prossimo mese di febbraio». Cosa fare per capire se si tratta solo di voci o se il progetto di ristrutturazione della Saf coinvolgerà anche l’Alta Val del Torre? Il primo cittadino non ha perso tempo. Ha preso carta e penna e ha scritto una lettera, con richiesta di chiarimento, indirizzata all’assessore provinciale, Franco Mattiussi, al presidente della Provincia, Pietro Fontanini, al presidente del-

la Regione, Renzo Tondo, e all’assessore regionale, Riccardo Riccardi, oltre, naturalmente, alla direzione della «Autoservizi Fvg Spa Saf». La missiva è partita il 18 gennaio. «Chiediamo di far luce sulla questione ed, eventualmente di modificare gli attuali indirizzi diretti alla soppressione del servizio da, e verso, le frazioni del comune di Lusevera – puntualizza Marchiol nella lettera –. Ricordiamo che il nostro territorio soffre già in modo drammatico per il problema dello spopolamento, dell’isolamento e della costante diminuzione dei servizi pubblici essenziali. Ci batteremo perché le corse, che sono sei al giorno, vengano tutte mantenute. Non accettiamo una decisione calata dall’alto, perché possiamo dare delle indicazioni utili, nel caso sia proprio necessario avviare anche qui una riorganizzazione». Il sindaco vuole salvaguardare in parti-

colare le corse che, la mattina, partono dal capoluogo con i ragazzi diretti a scuola, trasportati a Tarcento in tempo per la coincidenza delle 7 per prendere la corriera alla volta di Udine. «Ci sarà la rivolta dei genitori, oltre che degli amministratori municipali, se questo dovesse accadere. Così come se venisse soppressa la corsa tarda del pomeriggio, fondamentale per chi torna a casa la sera dopo il lavoro». Si è attivato in questi giorni per cono-

scere la situazione del servizio Saf a Taipana anche l’assessore alle politiche sociali, Claudio Grassato. «Se fosse vero, significherebbe ancora più isolamento, specialmente per le frazioni più lontane come Montemaggiore, Platischis e Prossenicco. È successo lo stesso con le Poste: nessuna comunicazione preventiva né una previa richiesta di confronto, poi la radicale riduzione di un servizio fondamentale per la comunità».

250 MILA EURO per riparare la strada e metterla in sicurezza dopo la frana provocata dalle forti piogge di inizio anno

Taipana, intrusioni in farmacia e a scuola Ha amareggiato l’intera popolazione di Taipana l’intrusione dei ladri nella piccola farmacia del paese. I malviventi, non ancora identificati, si sono introdotti nello spazio adiacente il palazzo del Municipio spaccando la vetrata con una mazza. Hanno messo a soqquadro il negozio, danneggiato confezioni, rubato 350 euro e alcuni prodotti da banco. Subito è scattata la gara di solidarietà da parte dei residenti e anche dell’amministrazione comunale che hanno cercato in ogni modo di aiutare i due farmacisti. Intrusioni, ma senza furti, anche nelle scuole, dove sono state forzate le porte di ingresso. Il sindaco invita i cittadini ad aiutarsi a vicenda segnalando ai carabinieri situazioni sospette ��

Il Pust porta allegria nei paesi delle Valli

Comunità in maschera per il Pust nelle vallate tra Lusevera e Taipana. In Alta Val del Torre la festa che riunisce tutta la comunità si tiene a Micottis, il 9 febbraio, con le caratteristiche esibizioni teatrali per le strade che mettono in scena, ridicolizzandoli, personaggi pubblici, o eventi della vita, dal fidanzamento al matrimonio. Si festeggia anche nelle valli dell’orso a cura della Polisportiva, e nella frazione di Prossenicco dove le maschere sono quelle della tradizione locale, di grande fascino, di gusto arcaico, originali e di notevole impatto visivo. Non è mancata, a Cergneu di Nimis, dopo l’Epifania, la tradizionale uscita del Pust che apre il periodo più «grasso» dell’anno. ��

A Cesariis interviene la Protezione civile regionale

L

usevera chiama e la Protezione civile risponde. Alla recente richiesta di aiuto lanciata dall’amministrazione comunale dell’Alta Val del Torre riguardo due problematiche rilevate sulla viabilità e i versanti della frazione di Cesariis/Podbardo, tra il borgo di Sotto e quello di Sopra, è giunta una rapida comunicazione che conferma il prossimo e celere intervento di messa in sicurezza del sito. «A seguito delle forti piogge che si sono abbattute nella nostra zona tra dicembre e gennaio – spiega il sindaco, Guido Marchiol – una porzione di terreno in pendenza è rovinata fin sul ciglio della strada. Tanto che abbiamo dovuto istituire immediatamente un senso unico di marcia alternato e

Monteaperta attende la locanda

P

otenziare il servizio di ricettività offerto dalla locanda «Gran Monte» di Monteaperta, unico locale pubblico in questa frazione del comune di Taipana. Con tale obiettivo la Provincia ha destinato un contributo di 8 mila euro all’amministrazione municipale, ente che usufruisce della struttura, assegnatagli in comodato d’uso da parte della già Comunità montana Torre, Natisone e Collio. Dopo un recente tentativo di nuova gestione che non è andato a buon fine, la locanda è chiusa da ormai quasi un anno. Ma nei prossimi mesi il Comune selezionerà il nuovo gestore. «Il contributo della Provincia di Udine, insieme a un’ulteriore somma che stanzierà il Comune – dice il sindaco, Elio Berra -– consentirà di completare i lavori di adeguamento impiantistico e le finiture sull’edificio, in particolare nel piano che ospita le 8 camere. Speriamo che il nuovo gestore possa riattivare il servizio e svolgerlo con continuità. La locanda è l’unico locale pubblico della frazione e può svolgere attività di richiamo turistico». (p. t.)

vietare il passaggio in quella porzione di viabilità ai mezzi il cui peso è superiore ai 35 quintali». Non è possibile, quindi, garantire al paese, che conta circa 70 anime, i servizi di scuolabus e autobus. «Il disagio c’è, ma dobbiamo ringraziare la Protezione civile per aver stanziato subito dei fondi per riparare i danni causati dalla frana, per mettere in sicurezza il versante e la strada e per aver erogato un secondo stanziamento per la riparazione di un avvallamento sulla carreggiata a poca distanza dal punto del cedimento, anche in quel caso derivato dal forte maltempo». I lavori, a cura diretta della Protezione civile regionale, prenderanno avvio molto

presto, già in febbraio. Saranno spesi 250 mila euro. Non basta, su istanza del Comune di Lusevera, la stessa Pc Fvg ha garantito un terzo intervento che sarà eseguito sulle sponde del torrente Torre, tra la passerella in legno e il ponte di Pradielis/Ter. Costo dell’opera 150 mila euro. «È da tempo che qui l’acqua del corso consuma gli argini, già in cattive condizioni: un’opera di ripristino risolverà pure questo problema. Una volta che i tre cantieri saranno chiusi, possiamo dire che l’Alta Val del Torre sia in sostanziale sicurezza quasi in ogni parte del territorio». Sia in occasione della nevicata di gennaio che durante le piogge a cavallo tra il

2012 e il 2013, fondamentale è stata l’opera dei volontari del gruppo comunale di Protezione civile, 35 tra uomini e donne coordinati da Remo Marchiol. La Regione ha messo a disposizione del municipio circa 34 mila euro per l’acquisto di un nuovo mezzo da impiegare per operare in emergenza e per aiutare i compaesani e gli abitanti anche dei vicini paesi, se necessario. Oggi la dotazione del gruppo conta un pickup moderno e funzionale e un furgone con cassone che invece è molto vecchio. Con una compartecipazione della spesa da parte del Comune, il mezzo obsoleto sarà sostituito da uno più efficiente, attrezzato per operare in montagna. � P. T.

NELLA FRAZIONE DI TAIPANA un nuovo luogo di ritrovo per i giovani e l’intera comunità

Riaperto a Debellis il «Club Valcalda»

«N

on abbiamo voluto fare tanta pubblicità quando abbiamo riaperto questo vecchio e storico locale perché il nostro obiettivo principale è di curare con grande attenzione la clientela e trasformarlo in punto di riferimento per la comunità, in particolare quella giovane, dell’abitato di Taipana». Non si dà arie da grande chef, Carlo Lo Presti, anche se, durante la sua lunga carriera di cuoco blasonato, di prestigiosi riconoscimenti ne ha ottenuti parecchi – 17 le medaglie d’oro –, tra cui uno consegnatogli direttamente a Bruxelles, per uno speciale frico. Mamma originaria della vallata «dell’orso», moglie nativa delle terre slovene d’oltre confine, Carlo ha nel suo dna anche quella vivace punta di siciliano, da parte di padre, che lo ha portato, coraggiosamente, a riattivare il «Club Valcalda». «Qui non ci vive ormai nessuno – spiega seduto a uno dei tavoli in legno del piccolo locale – e la struttura dove oggi ci dedichiamo con grande passione all’accoglienza e alla cucina tipica, un tempo era una stalla. Lo si può vedere dal gradino che separa la sala: da un parte ci stavano le mucche, dall’altra gli spazi dove gli alle-

Amira, Carlo e Iris vatori tenevano il foraggio e si occupavano di tenere pulito l’alloggio per il bestiame. È un bell’edificio in muratura, che ha una lunga storia». La Valcalda si raggiunge da una stradina che si stacca dal borgo di Debellis: «Si chiama così perché in estate le temperature sono più alte che altrove, a Taipana, e l’erba cresce più velocemente e rigogliosa. Per questo, nei secoli passati, la gente della vallata l’aveva scelta per portare gli animali al pascolo; è a quei tempi che risalgo-

no le costruzioni di due stalle. Una, negli anni successivi, è stata trasformata in club dal compianto Edoardo Levan che ne ha fatto punto di incontro per la gente della vallata». Con la sua scomparsa, due anni fa, il locale ha chiuso i battenti fino a riaprire, qualche mese fa, con la nuova gestione di Carlo. Al suo fianco, per dare una mano in cucina e ai tavoli, c’è la moglie Amira Sari@ e la giovane Iris Michelizza, figlia dell’assessore del Comune di Taipana. «Siamo una bella squadra e non ci interessa fare cassa – dice Lo Presti, che ha lavorato per diverso tempo anche in un ristorante di Bovec –; questo vuole essere più un luogo di incontro per i giovani, in un paese ove l’unico bar aperto, quello storico, “Da Floridi”, ha orari solo diurni. Cerchiamo di essere presenti il più possibile, anche fino a tarda ora, e di dare opportunità di divertimento anche moderne. Non dimentichiamo la tradizione, però: la nostra cucina è varia ed economica. Spazia dalla tradizione della vallata a quella della vicina Slovenia, senza disdegnare il pesce, su ordinazione. L’obiettivo è far star bene la gente, che qui si sente a casa sua». � P. T.


dom

31. januarja 2013

REZIJA/KANALSKA DOLINA

stran

11

PREDSEDNIK DRU˘BE PROMOTUR je ob odprtju nove sede¡nice med Flojanko in Viœarjami napovedal drugi na@rt

Nova smu@arska proga do Ov@je vasi bo baje ostala samo prazna izjava �

De¡ela je namre@ pozvala Promotur, naj nadaljuje z racionalizacijo in z zni¡anjem stroœkov

Sportello sloveno e tedesco. Manca quello friulano

� Luciano Lister

N

a uradnem odprtju nove sede¡nice med Florjanko in Svetimi Viœarjami, ki se je odvijala 18. januarja, je predsednik de¡elne dru¡be Promotur, Stefano Mazzolini, povedal, da ima v mislih na@rt nove smu@arske proge od proge Misconca do Ov@je vasi. Po Mazzolinijevem mnenju bi nova proga lahko spodbujala delovanje ¡e obstajajo@ih vaœkih hotelov in trgovin in tudi nastajanje novih infrastruktur. Do nove proge bi priœlo soglasno z ob@ino Naborjet-Ov@ja vas. Kolikor ka¡e, bi tovrstna izjava lahko ostala samo izjava. Za potrebna dela za povezavo med Florjanko in Svetimi Viœarjami so ¡e potrebovali veliko denarja; za zgrajevanje nove proge bi seveda potrebovali dodatna sredstva in de¡elna oblast, od katere je dru¡ba Promotur neposredno odvisna, v danem gospodarskem razmerju ne ka¡e, da namerava v to smer. Pet dni po otvoritvi nove sede¡nice je namre@ de¡elna vlada s sklepom pozvala

Zakoj skale se cipijo?

Æ

i tu-w Furlanïji anu pa tu-w Reziji jüdi se bujïjo potresa to jë zajtö ka tu-w lëto 1976 an naredil no vilïko œködo. Ma iti to nï bil te pärvi potres izdë. Tu-w isëh mëstah jë bil anu an jë po gostin potres, isë kapïmo ko skale ni spadüwajo, se cipijo, se dröbijo. Ko ni se cipijo wöda od da¡nja, sa ma pa riæet naœa dulïna to jë mëstu tuw Italiji tu ka to lïjë nejveæ, na si nala¡a rüdi pot anu na gre nu-w wsako jamico. Anu ko döjdë mräz se nareja lid. Pa æi tinak tej dan klen an je nacipi anu je dröbi. Itaku po@asu se nareja œodër. Izdë w Reziji jë malu pärsti liböj fïs nikar nu ko to lïjë wöda gre skuz. Za wöjo isagä pa æi izdë to lïjë karjë, to na prïdë riæet, da jë rat wode powsod. Wöda se gübi ta-mi paæami anu nu mi skali. Tu-w Reziji nala¡amö mësta sühe anu mësta tu ka jë wöda. (s. q.)

(

Kratke Brevi brevi kratke

Due in corsa al seggio in Parlamento In corsa per un posto in Senato alle elezioni politiche del 24-25 febbraio figurano anche due candidati provenienti dalla Valcanale/Kanalska dolina. A candidarsi col Pd, forte delle 2.228 preferenze ottenute nelle primarie di partito – più votata in assoluto in Friuli-Venezia Giulia – è il sindaco di Pontebba (Tablja) Isabella De Monte. Figurando al secondo posto della lista, grazie all’attuale sistema elettorale gode di effettiva possibilità di elezione. Per il Senato corre anche il sindaco di Tarvisio/Trbi¡, Renato Carlantoni – che si colloca al sesto posto nella lista del Pdl. Impossibile l’elezione. � �

Parco delle Prealpi Giulie finanziato

Uradno odprtje sedeœnice med Florjanko in Svetimi Viæarjami dru¡bo Promotur, naj gre naprej z racionalizacijo storitev in zni¡anjem stroœkov upravljanja in to sicer preko programov omejevanja operativnih in strukturalnih stroœkov ter stroœkov v zvezi z osebjem – to seveda z izjemo potrebnih vzdr¡evalnih del za varnost smu@is@ in smu@arskih objektov. V sklepu je de¡elni odbor obenem pozval dru¡bo Promotur, naj izvrœi vse potrebne pobude za skr@enje kredita in zviœanje prejemkov. Med drugim bo predsednik dru¡be moral periodi@no sestaviti poro@ilo za Centralno direkcijo za proizvodne dejavnosti, v katerem bo poro@al o izvajanju prej omenjenih smernic. Kljub temu, da dru¡ba Promotur stvarno prispeva k razvoju gorskega obmo@ja s turisti@nega vidika, kar pogosto prejme sredstva s strani de¡ele za izravnavanje svoje bilance – njen izkupi@ek je samoumevno odvisen od veliko nestalnih dejavnikov, med katerimi sodijo tudi vremenske razmere. Œe zlasti v okviru trenutne sploœne gospodarske situacije zgleda, kar malo verjetno, da bo v blji¡ni prihodnosti lahko priœlo do ve@ sredstev in torej do projekta nove proge do Ov@je vasi.

KRATKE - BREVI - KRATKE

Œupanstvo v Naborjetu

G

razie all’esercizio 2011 della legge statale 482/1999 in materia di minoranze linguistiche, al Comune di Malborghetto-Valbruna/Naborjet-Ov@ja vas sono in arrivo nuovi fondi per garantire le attività di sportello rivolto alla locale comunità di lingua tedesca. Con delibera dell’11 gennaio, la giunta comunale ha accettato il contributo di 9.000 euro concesso dalla Regione Autonoma Fvg – Direzione Centrale Cultura, Sport, Relazioni Internazionali e Comunitarie, Servizio corregionali all’estero e lingue minoritarie di Udine, a finanziamento dell’istituzione di uno sportello di lingua tedesca presso la sede comunale. Con la stessa delibera la giunta non ha, invece, accettato il finanziamento concesso per l’istituzione di uno sportello linguistico friulano: l’ammontare di 2.000 € è stato (a buon diritto) ritenuto »irrisorio e non adeguato all’avviamento di una, seppur minima, iniziativa sportellistica». L’attività dello sportello di lingua tedesca andrà ad affiancarsi a quella, interrotta per un breve periodo ma già ripresa da qualche tempo, dello sportello linguistico sloveno. Si ricorda che nel comune di Malborghetto-Valbruna, così come in quello di Tarvisio, sono tutelati sia il friulano, sia lo sloveno, sia il tedesco. Dal momento che per la tutela delle minoranze linguistiche «friulana» e «germanofona» si fa riferimento, a livello statale, alla stessa sola legge 482 (a differenza che per quella slovena, tutelata più specificatamente dalla legge 38/2001), risulta difficile comprendere le ragioni di una così evidente disparità nell’assegnazione dei contributi.. (l. l.)

� � Il Consiglio regionale Fvg ha approvato un emendamento, presentato dalla Giunta regionale, che stanzia 675 mila euro a favore del Parco naturale regionale delle Prealpi Giulie per le spese di funzionamento e il conseguimento dei fini istituzionali. Tale decisione fa rientrare in parte l’allarme e le forti preoccupazioni iniziate subito dopo l’approvazione della bozza di bilancio da parte della Giunta regionale che non prevedeva alcuna somma da destinare ai Parchi e alle Riserve regionali. Ciò avrebbe determinato una situazione di rischio sia per le attività delle aree protette che per il personale in esse impegnato, per la perdita di posti di lavoro collegati. Allora, immediatamente, c’era stata una netta presa di posizione a favore della prosecuzione delle attività dei Parchi da parte di vari consiglieri regionali di tutti gli schieramenti, amministrazioni locali, associazioni ambientaliste e singoli cittadini. Il risultato è stato un emendamento condiviso e approvato all’unanimità che rappresenta, considerati i tempi di crisi, un segnale importante di fiducia verso i parchi. Lo stanziamento di 675 mila euro fa comunque segnare un taglio del 33% rispetto al 2012.

GLI ARTIGIANI DEL NOSTRO COMUNE operavano normalmente anche nei territori vicini ora in Slovenia

L’arrotino Adamo Madotto da Resia al Poso@je

Oltre ad affilare coltelli e forbici effettuava anche altri lavori

T

ra le molteplici attività dell'associazione culturale «Museo della Gente della Val Resia» vi è anche quella della raccolta delle testimonianze orali che oggi vengono catalogate come beni immateriali e che aiutano a descrivere l'uso degli oggetti etnografici che la raccolta conserva, ma che sopprattutto contribuiscono a scrivere la storia comune delle vallate ai piedi del Canin. Per approfondire l'interessante argomento delle relazioni che le genti della Val Resia avevano con gli abitanti dell'attuale Slovenia, ed in particolare con chi viveva nell'alta valle dell'Isonzo, pubblichiamo l'interessante testimonianza che Ivan Œavli di Idrsko ci ha voluto rilasciare nell'agosto dello scorso anno. «L'arrotino Adamo Madotto di Resia, non so esattamente da quale paese provenisse, per molti anni veniva a svolgere il proprio mestiere nelle nostre zone. Per il resiano Adamo i nostri luoghi o paesi erano una sorta di terra promessa. Adamo con

il suo lavoro interessante e con i proventi che da esso derivavano riusciva a mantenere la sua numerosa famiglia a Resia. Il 15 settembre 1947, una settimana prima dell'annessione della Slovenia alla Jugoslavia, il resiano Adamo era ancora a Idrsko dove, nel centro del paese accanto alla fontana e al grande noce, esercitava la sua professione. Quell'ultimo giorno il resiano Adamo salutò gli abitanti di Idrsko e gli disse: adesso voi sarete jugoslavi e non ci vedremo più e così è stato. Il lavoro dei resiani nei nostri luoghi è scomparso, la frontiera (il confine) è stato chiuso per molti anni e Adamo, quel giorno, dopo aver messo via i suoi attrezzi se ne andò con il suo laboratorio su due ruote di legno. Il giorno dopo la partenza dal paese, mio padre notò che il resiano aveva dimenticato presso la fontana una verga di ferro, che era conficcata nel terreno, su quella verga di ferro il resiano Adamo aggiustava i vari recipienti. Mio padre portò a casa quella verga di ferro, o non so come

si chiama, e la mise in cantina tra la roba vecchia e lì è stata dimenticata. Dopo averla ritrovata un bel giorno dopo 75 anni, ora affido questo oggetto che adoperava Adamo, nel suo lavoro, al museo di Resia. Alla verga di ferro aggiungo un vecchio paiolo rivettato che è certamente antico più di cento anni. Questo paiolo il resiano Adamo ha certamente avuto più volte tra le mani stagnandone i fori o riparando un difetto più grave. È proprio interessante che il paiolo sia stato conservato a Idrsko presso un casa. Questo paiolo l'ho salvato

io e con attenzione l'ho recuperato affinchè potesse raccontare alle future generazioni la sua storia». Questa interessante testimonianza oltre, a fornirci una lettura di come erano ben voluti i resiani in Slovenia e di come questi ultimi non compresero l'imposizione di un confine così rigido che non permise per più di 50 anni quotidiani contatti con gli abitanti della Valle dell'Isonzo, ci informa che numerosi arrotini resiani, come ben documentato, oltre ad affilare coltelli e forbici, effettuavano anche altri lavori. Operavano come artigiani ambulanti, come abbiamo letto, anche per la stagnatura e accomodatura dei recipienti di rame. Questo procedimento serviva ad evitare l'ossidazione alla quale questo metallo è soggetto quando viene a contatto con l'aria. La procedura doveva essere ripetuta ogni qualvolta la pellicola di stagno cominciava ad assottigliarsi ed il metallo ad ossidarsi. Questa fu la fortuna degli stagnini che periodicamente ritornavano sui loro passi probabilmente ignari che il loro prezioso lavoro fungeva da ponte tra le nostre comunità. � Sandro Quaglia


12

POSO@JE

stran

31. januarja 2013

dom

USTANOVNEGA ZBORA so se udele¡ili predstavniki œestih druœtev. Za prvo predsednico so izvolili Tino Sivec KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke brevi brevi kratke

Med inovativnimi podjetji v Evropi Korporacija Hidria je v okviru nate@aja »European Business Awards« dosegla pomemben uspeh, saj je bila uvrœ@ena med 10 najbolj inovativnih podjetij v Evropi. V igri za glavno nagrado poleg Hidrie tako v desetih kategorijah ostaja œe 99 podjetij (po 10 v vsaki kategoriji) iz 28 evropskih dr¡av, zmagovalci posameznih kategorij pa bodo znani na zaklju@nem dogodku aprila letos. Hidria je vlogo za ocenjevanje na nate@aju oddala pred slabim letom dni. Sledile so predstavitve mednarodni ¡iriji, v katerih je bil izpostavljen zlasti Hidriin celovit pristop oziroma koncept uvajanja in podpiranja inovativnih modelov – od strategije rasti razvoja, preko razvoja novih poslovnih modelov in podpornega okolja, povezovanja s partnerji do vklju@evanja v lokalno okolje. � �

»GoArt« v Tolminu enkrat mese@no Tolminski GoArt je v neke vrste podru¡nica goriœkega GoArta. Tolminski To! GoArt je na sporedu vsako drugo soboto v mesecu v SDK Galeriji poleg Blagovnice Mercator, goriœki GoArt pa vsako tretjo soboto v mesecu pred stavbo Ob@ine Nova Gorica. V Tolminu so se organizirali v sodelovanju z Zvezo tolminskih mladinskih druœtev in Turisti@no zvezo Gornjega Poso@ja in pri@eli s sobotnimi dru¡enji v decembru. Predprazni@no vzduœje so popestrili s prijetno razstavo in predstavitvijo posameznih izdelovalcev. Na ogled je bil tudi postopek izdelave posameznih izdelkov. Ustvarjalci s svojimi izdelki sledijo letnim @asom, prilo¡nostim in praznikom. Izpolnijo tudi posebne ¡elje, zato ste vabljeni, da si ogledate njihovo ponudbo in jih spoznate. Na stojnicah ne manjka pletenin, raznovrstnega nakita, dodatkov za dom, œaljivih poslikanih lesenih tablic za vsako prilo¡nost, @ipk, unikatnih voœ@ilnic, pisano zaœitih torbic. Njihove razstave so vedno polne dobre volje in unikatnih izdelkov. (Nataœa Hvala) � �

Sprehod po Nepalu s K. Volontarjem Planinsko druœtvo Podbrdo je sredi januarja povabilo v goste vsestransko aktivnega vodnika Mednarodne zveze planinskih organizacij Klemena Volontarja. Skozi ve@ kot enourno projekcijo je obiskovalce sprehodil skozi Nepal, kamor se ¡e od leta 2000 vsako leto znova vra@a. Nasmejani doma@ini v odmaknjenih vasicah, ki œe ne znajo meriti @asa po naœe, ga namre@ œe bolj privla@ijo kakor raznolika nepalska pokrajina s œtevilnimi dolinami, jezeri in gorskimi verigami. Pohvalil je tudi svojevrstne simbole prijateljstva, ki so kot posledica œtevilnih himalajskih odprav vzklili med Slovenijo in Nepalom. Najbolj izstopata leta 1979 ustanovljena œola za izobra¡evanje nepalskih gorskih vodnikov v Manangu, kjer slovenski inœtruktorji œe vedno vzgajajo doma@ine na alpinisti@nih te@ajih in Mednarodni gorski muzej v Pokari iz leta 2004, kjer je tudi Slovenija predstavljena s svojo narodno noœo, fotografijami in mno¡ico plezalne opreme uporabljene na naœih odpravah. Kot najnovejœo obliko spoznavanja de¡ele je ponudil treking, za katerega razbija prepri@anje, da je namenjen samo izbrancem. (Olga Zgaga) ��

Mladinski svet Kobarid povezovalni @len med mladimi in doma@o ob@ino � T. S.

Zaklju@ki sre@anja posoœkih in beneœkih upraviteljev

V

soboto, 19. januarja, je v prostorih Mkud Kobarid potekal ustanovni zbor Mladinskega sveta Kobarid. Na ustanovni zbor so bila povabljena vsa druœtva in zveze druœtev s sede¡em v ob@ini Kobarid, ki opravljajo javno koristne dejavnosti za otroke in mladino, in ki imajo najmanj 90% @lanstva in 70% @lanov vodstva v starosti od 15 do 29 let. Druœtva, ki zahtevanega @lanstva mladih ne dosegajo, so se v Mladinski svet Kobarid vklju@ile kot pridru¡ene @lanice. Ustanovnega zbora so se udele¡ili predstavniki posameznih druœtev iz naœe ob@ine in ¡upanja Ob@ine Kobarid, gospa Darja Hauptman, ki je mladim ob ustanovitvi Mladinskega sveta @estitala in jim za¡elela uspeœno delo. V Mladinski svet Kobarid so se vklju@ila naslednja druœtva s Kobariœkega: ŒTD Su¡id, ŒD Idrsko, ŒD Breginjski kot, ŒD Dre¡nica, Mkud Kobarid, TD Planinski raj – Vrsno in ŒTD Simon Gregor@i@. Po ugotovitvi prisotnosti, so izvoljeni predstavniki druœtev potrdili statut Mladinskega sveta Kobarid ter podali predloge za imenovanje @lanov v posamezne odbore Mladinskega sveta Kobarid. Prisotni so soglasno potrdili prvo predsednico Mladinskega sveta Kobarid, Tino Sivec, predsednico TD Planinski raj – Vrsno, podpredsedniœko funkcijo so zaupali Ianu Stergarju, predsedniku Mkud Kobarid in

sklopu novoletnega sre@anja Slovencev iz videnske pokrajine in Poso@ja je v VDomu Andreja Manfrede v Kobaridu potekala okrogla miza o primerih dobrih

tajniœko mesto Aniti Bric iz ŒD Dre¡nica. Mladinski svet Kobarid je povezovalni @len med mladimi in ob@ino. ˘elijo si, da bodo s svojimi predlogi za reœevanje mladinske problematike pripomogel k ve@jemu zadovoljstvu mladih v ob@ini. Na Ob@ini Kobarid je za sodelovanje z mladimi imenovan Toma¡ Sko@ir, ki si z vsemi zaposlenimi prizadeva za dobro sodelovanje med mladimi in ob@ino ter za iskanje finan@nih virov in novih prilo¡nosti za mlade. Druœtva, ki œe niso vklju@ena v Mladinski svet Kobarid, se lahko vanj vklju@ijo kadarkoli. Veseli bomo vaœega sodelovanja in predlogov. Za vse dodatne informacije in vpraœanja lahko piœite na naslov: tomaz.skocir@kobarid.si.

praks @ezmejnega sodelovanja. Poleg posoœkih ¡upanov ter predstavnikov razli@nih lokalnih organizacij, sta se okrogle mize udele¡ila tudi dr¡avni sekretar z Urada za Slovence v zamejstvu in po svetu Matja¡ Longar in predstavnik De¡ele Furlanije Julijske krajine odbornik Roberto Molinaro. Predstavljeni so bili primeri dobrih praks programa @ezmejnega sodelovanja Slovenija - Italija 2007 2013, ki se ¡e izvajajo. Zaklju@ki so bili slede@i. »Na Uradu za Slovence v zamejstvu in po svetu je objavljen razpis za sofinanciranje projektov za sodelovanje z zamejci. Rok za prijavo je 7. 2. 2013. Bli¡ajo se stoletnice dogodkov iz prve svetovne vojne. Zavzemali se bomo za skupne prijave na razpise, skupno nastopanje in za skupno izvedbo projektov in prireditev, povezanih z dogodki iz prve svetovne vojne. Skupno si bomo prizadevali, da bi tekma Giro d'Italia potekala v Bene@iji in v Poso@ju. To bo velika prilo¡nost za izredno promocijo naœih krajev. Œe naprej si bomo prizadevali za zmanjœanje programskega obmo@ja. Obmo@je naj bo omejeno le na zahodno Slovenijo in na Furlanijo-Julijsko krajino. Dobro se moramo pripraviti za novo perspektivo za obdobje 2014 – 2020. Pomembni so tudi mali projekti (@iœ@enje poti, œportne prireditve, usposobitev nekdanjih majhnih mejnih prehodov).«

TRETJI MEDNARODNI FESTIVAL SNE˘NIH SKULPTUR je potekal od 4. do 6. januarja. Zmagal je italijanski Batrosavrer

Œtiri nove aktracije Kanina so omejenega trajanja

T

retjemu bovœkemu mednarodnemu festivalu sne¡nih skulptur – Fantasy Snow Garden – je po prestavitvi s konca decembra na prvi januarski konec tedna vreme lepo slu¡ilo. Na Kaninu so med 4. in 6. januarjem œtiri ekipe iz snega zgradile skulpture, ki bodo obiskovalce smu@iœ@a razveseljevale, dokler bo le vreme dopuœ@alo. Dela posadk iz Italije, Maroka, ene meœane slovensko-italijanske ter ene doma@e so tokrat ocenjevali obiskovalci. Najve@ glasov so podelili Batrosavru italijanske @etverice. »Batrosauro del Canin« je nenasiten in len sorodnik ¡ab, ki rad u¡iva led, ¡ganje in œe najraje zapuœ@ene smu@arske pancerje. Simpatije gledalcev so po¡ele tudi preostale tri ekipe: Maro@ani s pregovor-

nim kitom (In culo alla balena), meœana s kaninskim kiber stolpom ter doma@ini s soœkim kajakaœem. Po uspeœnem prvem delovnem dnevu, petku, so imele ekipe v soboto do svojih »gradbiœ@« malce te¡ji dostop, saj je bil Kanin zaprt, tako da so se morali do svojih kreacij ob vstopu na progo Veliki Graben prebiti z italijanske strani. Zadnji dan, v nedeljo, je bil na Kaninu prekrasen dan s œtevilnimi obiskovalci. Ekipe so zaklju@evale z delom, mimoido@i so ob@udovali dela in glasovali, v zraku pa je bila napetost, katera ekipa bo dobila najve@ glasov. Bovœka ekipa si je na Kaninu pridobila tudi nekaj novih izkuœenj, ki so jim priœle prav pri udele¡bi na festivalu v Gindelwaldu v Œvici. Tam je za njih vihtela lopa-

te, œ@etke in druga sne¡nograditeljska orodja tudi prirediteljica bovœkega festivala Metka Belingar. Pohitite na Kanin,

da ujamete Batrozavra, kita, stolp in kajakaœa. � Andrej Dekleva

Ljudje v Poso@ju

Gobo Santo in zatajeno bogastvo

I

skanje ostankov prve svetovne vojne ni le moda danaœnjih dni. Kmalu po kon@ani vojni, se je v gore na nekdaj krvava bojna polja podajalo veliko doma@inov, da bi si s prodajo vojaœkih ostalin, ¡lahtnih kovin in ¡elezja izboljœali skromen dru¡inski prihodek. Manjœi skupini posameznikov v Poso@ju pa je bil to edini zaslu¡ek. Med posebne¡i, ki je sebe in dru¡ino pre¡ivljal s prodajo vojnih ostankov, je bil tudi Gobo Santo iz Furlanije, ki je priœel v Kobarid z ¡ivljenjskim na@elom: »Meni ne bo ukazoval nih@e!«. Po postavi velik mo¡ak, suh in vedrega obraza. V Kobaridu si je v skromni hiœici ob poti na Gradi@ ustvaril dom z doma@inko Pepo Rik@evo. V strelske jarke in kaverne krnskega

pogorja je odhajal sam ali s somiœljeniki s starim vojaœkim nahrbtnikom in vre@o preko ramena. No@i je ve@krat la@en kot sit pre¡ivljal v najbli¡ji planini, na senikih, najve@krat pa visoko v gori v kaverni med ¡elezjem in ostanki pokojnih vojakov. Ko mu je v gori zmanjkalo œpeha ali sira, mu je ostala do povratka v dolino le œe suha polenta, ki mu ni œla rada po grlu. Pomagal si je s prevaro:«Polenta vai giù, il formaggio è già dentro«! (polenta pojdi dol, sir je ¡e notri) Te¡ko zaslu¡ene lire je dal svoji Pepi za potrebe dru¡ine in male deklice, ostanek pa je za sprostitev po te¡kem in nevarnem delu porabil z njegovo dru¡bo na Pstinarjevem skednju. Nekega dne je s prijatelji v odro@ni kaverni

naœel malo bogastvo. Najdbo, med katero so bile œe vedno veljavne lire, so si najditelji pravi@no razdelili. Gobo se je z dru¡bo spustil z gore v dolino, da bi nov zaslu¡ek dali v promet. Po nekaj dneh, se je ponovno podal v krnsko pogorje novim zakladom naproti. Visoko v gori je za trenutek postal, da bi se oddahnil. Iz hla@nega ¡epa je potegnil rob@ek in si obrisal nos. Z robcem je potegnil iz ¡epa ni@ manj kot pet lir, skoraj dnevni zaslu¡ek. S slabim ob@utkom je spoznal, da se mu je denar v ¡epu pritajil. Brez pomiœljanja je za bli¡njo skalo zakril nahrbtnik s skromno popotnico in se hitrih korakov spustil v dolino. Ustavil se je œele v Dre¡nici v gostilni pri Mato¡inu. Naro@il si je pija@o in hitel pripovedovati, kaj se mu

je pripetilo. Znanec za to@ilnim pultom ga je za@uden spraœeval, zakaj se je zaradi tistih nekaj lir vrnil z gore. Gobo je resno odgovoril: »Moje delo je nevarno, denar bi lahko slabo kon@al. Tako pa je na varnem!« Mirno je popil za pet lir naro@ene pija@e, morda pojedel koœ@ek polente ali kruha in se po@asi vrnil v strmine, kjer sta ga @akala prazna vre@a in nahrbtnik. � PaÅ


dom

ŒPORT

31. januarja 2013

stran

13

LA FORMAZIONE DI SAN PIETRO conquista sette punti in tre gare. Ora la sua situazione in classifica è più rassicurante

La Valnatisone risale la china Real Pulfero lontano dai play-off �

Savognese e Drenchia /Gimacco vittoriose nei recuperi. Tornano alla vittoria Juniores e Allievi

Il Cai Val Natisone in assemblea elettiva

sportiva San Leonardo, che ha inanellato due vittorie consecutive: la prima sul parquet della Pulitecnica Friulana per 3-1, la seconda a Merso di Sopra contro l’Artegna ancora 3-1. Ci si aspettava il tris a Lignano. Ma, dopo essersi aggiudicati il primo set, il 3-1 finale è stato appannaggio dei padroni di casa. Hanno concluso alla grande la prima fase le ragazze dell’Under 18 (nella foto Giulia Grudina) imponendosi ai tiebreak, 3-2, nei confronti della BCC Bassa Friulana. Stesso punteggio hanno conseguito anche nei confronti della capolista Pav Udine. Questi successi sul filo di lana sono lo specchio del grande equilibrio che c’è tra le contendenti di questo girone e le ragazze della Polisportiva. Questa meriterebbe ben altro posto in classifica, quindi la partecipazione alla fase finale provinciale. Ma c’è di mezzo l’inesperienza, visto che in una stagione sono passate dalla categoria Under 16 all’attuale, U 18.

Sabato 16 febbraio alle ore 20.00, nella sala parrocchiale a San Pietro, si terrà l’assemblea della sottosezione Cai Val Natisone. Quest'anno sarà necessario rinnovare il direttivo. «Saremo chiamati all'elezione del nuovo consiglio, il quale dovrà portare avanti la più bella tradizione alpinistica delle nostre amate valli (anno di fondazione 1971) – scrive il reggente uscente, Massimiliano Miani –. Giudati dalla passione per le salite in montagna, dall'amore e dal rispetto della natura, dal desiderio di esplorazione e conoscenza del territorio unita al desiderio di socializzazione e di condividere emozioni in comune, dovremmo esprimerci per dar vita al nuovo consiglio della sottosezione. Per realizzare e mantenere l'altissimo profilo operativo degli ultimi anni è neccesario sempre un costante confronto con l'apporto di nuove idee e persone. In virtù di queste considerazioni e per l’amore che nutriamo verso il nostro sodalizio, chi fosse nella disponibilità di dedicare una parte del proprio tempo libero, è invitato a contattarci (cell. 349 2983555) per far parte attiva di questa grande famiglia alpina. Certi che l'entusiasmo appaghi il poco e prezioso tempo distolto ai vostri impegni, vi invitiamo a contattarci per continuare questa nobile e libera tradizione».

��

La formazione Allievi della Valnatisone è in fase di miglioramento. Ha sconfitto il Basiliano 4-2 te, la nostra formazione ha tutte le qualità per reggere confronti più impegnativi. Dei miglioramenti per la squadra Allievi si sono visti nel corso della gara Valnatisone-Basiliano vinta 4-2. È un risultato importante per il morale, poiché l’1-1 contro il San Gottardo aveva destato più di qualche perplessità, in quanto la squadra udinese occupa la penultima posizione in classifica ed il goal del pareggio valligiano è giunto solo nei minuti finali. Ininfluente il 6-0 inflitto dai Giovanissimi alla Nuova Sandanielese, in quanto i collinari disputano questo campionato fuori classifica. Comunque è stata una

buona occasione per tastare lo stato di forma di questi ragazzi. Nel campionato Amatori FIGC il Real Pulfero ha difficoltà a trovare la sua giusta dimensione. Il pareggio 1-1 con il Torean e la sconfitta patita sul campo del Forcate per 3-1, non priva di polemiche per l’arbitraggio a dire poco in felice, allontana la squadra di Pulfero dalla zona play-off. Savognese e Grimacco/Drenchia pizzeria «al Cardinale» erano alle prese con i recuperi del campionato «Collinare». A Savogna i locali hanno travolto il Valcosa 7-1, mentre a Merso di Sopra i ragazzi del Drenchia/Grimacco si soni imposti 2-0 sull’Axo Buja.

Simone Dorbolò

RIAPERTA LA PISTA E C’È ANCHE IL NOLEGGIO DELL’ATTREZZATURA

Sci da fondo, che passione. A Tanamea

Basket, la stagione dei Longobardi

E risultati più belli sono quelli inaspetIschile tati. Questo si addice al sestetto madi Prima divisione della Poli-

Paradiso dei golosi ancora in testa Il Paradiso dei Golosi è sempre in testa nel calcio a cinque UISP, dopo aver sconfitto i Diavoli Volanti 7-5 e pareggiato 3-3 con il Fusal Udinese. Cammino difficile, invece, per i Merenderos sconfitti 8-6 dal Tornado. Ma è da ricordare che il quintetto di San Pietro ha da recuperare tre gare, conseguentemente anche la sua brutta classifica deve essere letta sotto questa luce. (b. q.)

I

S. Leonardo ok

(

Kratke Brevi brevi kratke

��

� Bepo Qualizza primi risultati delle gare del girone di ritorno dei campionati di calcio, in linea di massima soddisfacenti, hanno dato un nuovo volto alle classifiche. Nel campionato di Promozione, la Valnatisone ha raccolto ben sette punti preziosi per la graduatoria. A San Pietro l’incontro con la Vesna si è concluso in parità 1-1, poi è seguita la vittoria per 2-1 sul campo del Caporiacco. Ma la vera sorpresa è giunta da Fagagna, dove la compagine di San Pietro si è imposta per 2-0. Si è trattato di un risultato inaspettato anche per i padroni di casa, dati tra i favoriti per il salto di categoria, che hanno visto rallentata la corsa alle prime posizioni. Si è trattato di uno sgambetto vero e proprio, considerato che la Pro Fagagna è stata considerata la bestia nera della Valnatisone. Dopo due sconfitte consecutive con lo stesso punteggio di 2-1, nell’ordine a Tolmezzo e Flaibano, gli Juniores regionali hanno liquidato con un perentorio 4-0 l’OL3. Si spera che questo successo non sia un fatto isolato poiché, potenzialmen-

KRATKE - BREVI - KRATKE

ra uno dei progetti già preventivati, da attivare subito dopo aver organizzato il servizio di accoglienza, la ristorazione tipica locale e il punto di informazione per l’accesso al Parco naturale delle Prealpi Giulie. Così, dopo un lavoro meticoloso di pulizia dei prati, dei boschi e dopo aver attrezzato i locali per dare il benvenuto al meglio ai turisti affezionati all’Alta Val del Torre, le sorelle Molaro – che da pochi mesi gestiscono il complesso «ai Ciclamini» di Tanamea – alla prima neve si sono fatte trovare pronte per aprire la pista di sci da fondo. Il manto bianco che ha coperto, silenzioso, l’area tra Lusevera e Uccea, è stato ideale, infatti, per inaugurare il tracciato, storicamente utilizzato per questo tipo di disciplina sportiva. Giada e le sue figlie hanno ufficialmente aperto la pista sabato 19 gennaio, alle 9, grazie a mezzo metro di neve, battuto e sicuro da percorrere. Per l’Alta Val del Torre è un’opportunità importante sul fronte del richiamo turistico poiché l’impianto è uno dei pochi, se non l’unico, a due passi dalla collinare, facilmente raggiungibile dai maggiori centri abitati e immerso nella natura incontaminata di una vallata di grande bellezza. Per accedere alla pista bisogna passare prima al bar «ai Ciclamini» per l’acquisto del pass di accesso. Chi arriva sprovvisto

La gloriosa storia della Longobardi Basket Cividale appare ora sulle pagine di un libro. L'autore è Luciano Riccobono, l'ultimo presidente di una realtà che per un ventennio ha entusiasmato gli amanti della pallacanestro di tutta la regione, alimentando in essi, per lungo tempo, il sogno dell'allora serie B1; il tutto prima del triste scioglimento avvenuto nel 2004. Rientrato a Cividale dagli impegni lavorativi dopo dieci anni, Riccobono si è subito adoperato per la stesura di questo racconto, intitolato Longobardi Basket Cividale (e non solo). «Il mio proposito – spiega – è quello di mantenere vivo il ricordo di gioie e dolori di quegli anni ferventi e dell'immensa dedizione di allenatori, giocatori, dirigenti e collaboratori, che nel tempo non solo sono stati motori dell'attività del sodalizio, ma hanno anche promosso l'immagine della città nelle innumerevoli trasferte in giro per l'Italia». Longobardi Basket Cividale (e non solo) è stato scritto dall'ex presidente con la collaborazione di Brunello Pagavino e con contributi di gran pregio, come i ricordi personali di Gianmarco Pozzecco, la mosca atomica ex nazionale avviato nell'olimpo della palla a spicchi proprio dalla società ducale, del team manager Franco Fraccalaglio e dei giornalisti Lucia Aviani, Valerio Morelli e Michele Obit. (Lorenzo Paussa) � �

Obilno snega na progi za tekaæko smuåanje v Ta na meji di attrezzatura può usufruire anche del comodo servizio di noleggio. Le tariffe sono contenute: 4 euro per l’accesso giornaliero, 7 euro per il weekend, 40 euro per l’abbonamento stagionale. Una bella sorpresa per i ragazzi sotto i 7 anni di età e per gli sportivi over 65: chi rientra in queste fasce, infatti, non paga nulla. Il noleggio degli sci e delle scarpe costa, invece, 6 euro. Le sorelle Molaro organizzano, inoltre, per chi non è esperto, delle lezioni di sci da fondo con il maestro. Per prenotazioni e informazioni si può chiamare il numero

+39 0432 787916. Accanto al ristorante, infine, è possibile usufruire della pista da slittino&bob per i più piccoli. er tenersi aggiornati sulle attività promosse nel complesso di Passo Tanamea è stata attivata anche una pagina facebook visitabile all’indirizzo http://www.facebook.com/AiCiclamini/AiCiclamini, area web che conta suggestive immagini del luogo e un calendario con tutti gli eventi in programma. � Paola Treppo


14

DOMA@A KULTURA

stran

Rokel je »pasu« suoje kakuoœe na Bukovi glavi

Pomo@niki: Svet Hieronim

Kajœna ura bo U parvih dnevih telega miesca mo@an marzu vietar arzgne magle an uarne malo jasnega neba. Zadnji kuart lune nedieje 3. parnese priet obla@no uro, potlè temperatura se zni¡e an pade snieg tud po ni¡inah. Nova luna nedieje 10. priet arzjasne nebuo, potlè se uarnejo magle an snieg pokrije spet tud ni¡ine.

RICETA

➔ Malonova krostata #e imata u pamet spec kajœno slano torto, pomisnita na tolo riceto. Nucamo 1 pomidor, malo soli, malo popra, 3 dcl mlieka, 1 eto an pu masla, 2 eta uœeni@ne moke, 2 ici, malo uode, pu kila malonove sriede, 200 g pane tiste za kuhat, malo zribanega siera grana, pu @ebule, 1 stroh @esnaka, olivno oje. Na mizo al pa u parmierno posodo usujemo uœeni@no moko, osolmo, zrie¡emo na koœ@icje mahnuo maslo an lepuo umieœamo, premieœamo an udielamo hliebac, ki ga zavijemo u œkanavaco an denemo u hladni prestor parbli¡no za pu ure. U parmierni posodi denemo uret malo uode, kàr urieje, denemo not pomidor za 2 minuta, natuo ga snememo, pustmo, naj se pohladi an olupemo. Sada uzamemo @ebulo an stroh @esnaka an jih tankuo zrie¡emo. U ponù ulijemo malo oja an denemo œe malo masla. Kàr maslo je arztajeno, dolo¡emo zrie¡eno @ebulo an pustmo, naj se po@aso poarmeni. Natuo dolo¡emo tankuo zrie¡en pomidor, @esnak, malo soli, malo popra an pustmo na nizkin ognju, dok’ se na zgostnieje. U drugi posod ulijemo malo olivnega oja an denemo gret na nizkin ognju. Kàr oje je ugrieto usujemo not na debelo zriban malon an pustmo, naj se tenfa na buj vesokin ognju, parbli¡no za 5 minut, brez se pozabit meœat. Snememo z ognja, osolmo an pustmo naj se pohladi. U drugi posod strepjamo jajca, dolo¡emo zriban ser, pano, malo mlieka, su, popar, pomarzljen tenfan malon an lepuo premieœamo. Sada uzamemo testuo, ga stegnemo debelo parbli¡no pu centimetra an polo¡emo u ¡e obiejeno an z moko potroseno posodo za foran. Prebodemo z vilcan an polo¡emo pomidorjevo parpravo, natuo pa parpravo z malonan. Po varh ulijemo parpravo z jajc an denemo u foran ¡e gorak 200°, parbli¡no za 40 minut an dokjer testuo se nie lepuo poarmenielo. Snememo iz forna an pustmo, naj se pohladi. Takuo napravjena slana krostata je dobra naj gorka, ku marzla.  Loretta Primosig

dom

Jeœiœke zgodbice

MIESAC FEBRAR U NAŒIH DRU˘INAH

U petak 8. febrarja je praznik sv Hieronima Emiliana. Rodiu se je u liete 1486 u plemeniti dru¡ini u Benetkah an umaru 8. febrarja lieta 1537 u kraju Somasca (Lecco). Od njega se pogostu piœe ku od tistega, ki je obnoviu vierske ¡ivljenje u vesoki Italiji. Deu je pokoncu, u kraju Somasco, moœki red, skupnost regularnih kleriku, ki so se klical’ »Compagnia dei servi dei poveri«. #lani tele dru¡be so vodil’, dielal’ an parpomal’ u orfanotrofijah, œpitalah, hiœah za te buoge, te zapuœ@ene an internate. Pape¡ Pavel III. je zpoznu tolo skupnost œele u liete 1540. Hieronim je imeu samuo 15 liet, kàr je stopnu u sudaœko slu¡bo, ratu oficier an buj pozno pa general. Kàr u liete 1508 z njega sudati je branu miesto Castelnuovo pruot sovra¡niku »Liga di Cambrai« (aleanca pruot Beneœki Republiki pod dirigenco pape¡a Giulia II., (kupe z francuoskin krajan Luigi II., rimljanskin imperatorjan Massimilianan I., krajan Napelja an Sicilije Ferdinandan II. d’Aragona, Alfonsan d’Este iz Ferrare, Carlan III. iz Savoje, Francescan II. Gonzaga iz Mantove), je zgubu bitko an padu u roke sovra¡nika. Zapart je biu u kleti sojga grada u kraju Quero (u italijanski provin@i Belluno). Za de na ute@e, so mu parvezal’ oku uratu adno kietno, ki je bla ustavjena u velik kaman; tud noge so ble parvezane s kietno an te¡kin kamanan. Tle u samoti, je za@eu premiœljovat an zastopu, de ta prava muo@ nie tu sudaœ@ini, tu uiski, tu bitki, pa@ pa kje drugod. Parbli¡u se je takuo molitvi an kristianski vieri. Kàr u liete 1516 je finila uiska, je zapustu sudaœ@ino an dvie lieta buj pozno je biu posve@en za duhounika. Bli so cajti velike lakote, pa tud velike epidemije kuge. Hieronim se je takuo odlo@u posvetit njega ¡ivljenje tin buozin, bunin, zapuœ@enin otrokan. U hiœah, kjer so pomal’ telin otrokan, nieso samuo jin dal adno strieho, za jest an za pit, so jih tud’ u@il’ adno dielo, an poklic. Blizu bunikan, se je tud on oboleu, pa @eglih je biu brez obednega troœta, je hvala velikemu @ude¡u lepuo ozdraveu. Natuo, tekratni kardinal Carafa, ki buj pozno je ratu pape¡ Paolo IV., ga je prosu iti po Italiji an ustanovit orfanotrofije sa je bluo zaries puno zapuœ@enih otruok. U krajih Bergamo, Brescia, Verona, Como an Milano, Hieronim je tu malo cajta deu pokoncu vic orfanotrofiju. Umaru je 8. febrarja lieta 1537 u hiœi soje skupnosti u Somasco. Pape¡ Klemen XIII. ga je proglasiu za svetnika u liete 1767. Pape¡ Pij XI., ga je u liete 1928 imenovau za patrona zapuœ@enih otruok an mladih, ki so ostali sami na sviete. Za nimar po@iva u veliki cierkvi miesta Somasca (Lecco), kjer so hranjene njega relikuje.

31. januarja 2013

 Jur Zad tih

V

i@krat smo mi otroc zaspival’ ta za mizo, grede ki je mama ro¡ar molila napri. Na duzin ga je uozila an usak ‘an tarkaj, buoga ¡ena, je tudi ona zaspivala od velike trudnosti. Te¡kuo nan je bluo vepejat do konca tist part sv. ro¡arja pa se nie moglo druga@ do zadnje molitve. De bi œlo nomalo buj hitro, san za@eu ist, ku te stariœ od bratru, molit napri ro¡ar takuo, de me je o@a »pohvalu« an jau, de so moje #eœ@enasmarije ratale nomalo kratke an de, kar jo ist pejen napri, je molitu takuo stisnjena, ku de bi jau: »#e daœ, daœ, @ene teles Jezus.« Pa bratri an sestre so bli veseli, kier smo tu trinajst minutu zmolil’ naœ ro¡ar. ‘No vi@er, glih kàr smo se napravial’ iti spat, dol par Tama¡ovi oœtariji, ki je bla glih pod naœo hiœo, so se mo¡je kregal’ an je biu ku po navadi Rokel ta miez. Zmerjal’ an ofindjuval’ so se, arjul’ an se trucal’ dan druzemu. Na zadnjo se je kreg potala¡u an je Rokel œu damu. Tekrat je ¡iveu ta na goric’, u sred vasi. In je tel’ norac, za usien pokazat, de on na œkerca, za prestraœit al’ Buog vie zakì, le u tami vargu bombo na plac brez, de bi po-

gledu, @e je biu kajœan blizu. ˘lah je arztresu celo vas an je ratalo, de je glih tekrat œu mimo atu blizu Bepo Lahu, ki je œu @ja u kliet, ki so jo imiel’ Ta na podu. Na vien, @e je ostu ranjen al’ pa samuo zastraœen, vien pa, de je popadu bi@ikleto an œu Rokela denunciavat dol h karabinierjan u Podutano. Parœli so, ga ustavli, pejal’ pro@ an zaparli tu para¡on. Njega buoga ¡ena Vizija se nie œigurno zatuo kumrala, kier je od njega skor usak dan pretarpiela use maltre, klofute, cabade an garde besiede. Pogostu se je jokala pred okancan, ki je dajalo glih gor na naœ dor, od kod jo je moja nona tola¡ila an, kar je mogla, branila an potroœtala. »˘vina! ˘vina pohostna, pust’ zmieran ¡eno. Razbuojnik!« je uekala za njin. Pa za oknan se nie @ulo ku jok Vizije, uekanje an straœne kletvine. Potle k’ so karabinierji pejal’ pro@ Rokela, ¡e drug dan je njega ¡ena takuo veselo an glasnuo piela, de se jo @ul’ po usi vasi. Nobedan je nie videu takuo veselo, u smiehu an raduosti do tekrat, posebno kàr je zaviedela, de je biu mo¡ obsojen na vi@ ku ‘no lieto para¡ona. »Naœ Kajfe¡ za nomalo cajta bo muoru bit bruman!« je smehe pravla.

U lietih potle, kàr se je napenjala uojska na konfine med Jugoslavijo an Italijo zauoj problemu s Tarstan, po naœih brezieh je bluo puno sudatu, ki so hodil’ s suojmi kamioni gor an dol. Na Bukovi glavi, na ciesti u Raune, je ‘an dan glih na ovoltu padu taz kamiona ‘an ¡aki raj¡i, ki se je arztresu po ciesti. Te¡kuo ga je bluo pobrat, pa tudi nie bluo pru ga pustit na tleh. Kàr je tuole zaviedu, Rokel se je hitro on polastiu prestora, pomedu kupe raj¡ an glerjo an nabasu tu ¡aki. Pa je ta na pot’ ostalo œe puno blaga. On namest, de bi zarne raj¡u prebieru miez smeti, je doma nabasu tu koœo suoje cibeta, jih parnesu na prestor an spustu gor po pot’, brez se zabit, de bi parpu ‘an œpaj za nogo od usake kakuoœe, de bi mu na utekle. Videl’ so ga, ki je sedeu na grivi par ciesti an kadiu ten@as, ki so la@ne kakuoœa golazno pikale. An nie pozabu lon@i@a uode, ki jin ga je naliu par kraj, de bojo grede imiele tudi za pit.‘Ne tri dni je tala komedija œla napri, dokier miez kaman@i@u an glerje nie ostalo œe adnega bielega zarna. (35. – gre napri)

SVETOVNI SLOVENSKI KONGRES priredil simpozij o duhovni domovini vseh Slovencev

V Sloveniji premalo zanimanja za zamejce

S

vetovni slovenski kongres je 13. decembra pripravil simpozij z naslovom »Slovenija, duhovna domovina vseh Slovencev«. Prvo omizje z naslovom »Pogled rojakov na Slovenijo« so sestavljali Jo¡e Kopeinig, Miroslav Polzer, mag. Valerija Perger, Ivo Jevnikar in Riccardo Rutar, omizje pa je moderiral prof. Janez Stergar. Gospod Kopeinig je opozoril na dejstvo, da se Slovenija premalo zaveda oz. je ¡e precej pozabila kako zaslu¡ni so pri njeni samozavesti tudi rojaki v zamejstvu in po svetu. Premalo je zanimanja za slovensko manjœino in rojake po svetu. To zanimanje se mora gojiti ¡e v œolah in drugih inœtitucijah, tudi z obiski narodnih skupin izven dr¡avnih meja. A tudi narodne skupnosti v zamejstvu morajo s spremljanjem dogodkov v Sloveniji ter z obiski samimi prebujati in poglabljati zanimanje za de¡elo na son@ni strani Alp ali za raj pod Triglavom. Zelo pozitivne izkuœnje v poslovnem svetu v Sloveniji ima Miroslav Polzer. S pri@ujo@o krizo, pa je opomnil na pomanjkanje dolgoro@nih vizij Slovenije. Stanje slovenske manjœine v Porabju je predstavila Valerija Perger.

Razmere med Slovenci v Italiji sta osvetlila Ivo Jevnikar in Riccardo Rutar. Po osamosvojitvi in odpravi mejnih kontrol so se odnosi med dr¡avama sprostili, vendar pa se Slovenija manj zanima za svojo manjœino kot v preteklosti (sistemski razlogi, pomanjkanje cerkvenega kadra, generacijski preskok…). Slovenski œolski programi bi morali zagotoviti, da vsak dijak v @asu œolanja lahko vsaj enkrat do¡ivi problematiko zamejstva in se seznani s slovensko manjœino skozi strokovno ekskurzijo. Potrebno je pospeœevati strukturno prisotnost slovenskih zamejcev v pomembnih narodnih institucijah in organizacijah.

Ve@ina mladih je ¡e prete¡no iz meœanih zakonov in se vedno bolj ve¡ejo na globalno komponento svoje identitete. Potrebno je okrepiti matico; tako na psiholoœki, kulturni in gmotni ravni – to bo namre@ pripomoglo k ve@ji navezanosti mladih na Slovenijo, saj bodo v njej lahko videli zgled in naœli ponos za ve@jo zavednost slovenstvu. V Bene@iji je œe posebej pere@ demografski problem, ki je nekdaj slovensko poseljeno ozemlje skupaj z izseljevanjem mladih skoraj povsem izpraznil. Starejœi beneœki Slovenci (œe vedno) ne zaupajo Sloveniji, mladim pa se zdi oddaljena in nepoznana. Zaœ@itni zakon za Slovence ostaja predvsem na papirju.


dom

31. januarja 2013

KAPLAN MARTIN #EDERMAC 45.

stran

LETA 1933 - »CIERKU BO TARPIELA VELIKO ÆKODO«

15

risbe: MORENO TOMASETIG besedilo: GIORGIO BANCHIG

in MORENO TOMASETIG

POVZETEK - Telo ilustrirano pripovedovanje je povzeto iz romana »Kaplan Martin Åedermac«, v katerem je slovenski pisatelj France Bevk (1890-1970) opisu teœko stanje slovenskih duhovniku v Beneåiji po prepovedi slovenskega jezika v cierkvi s strani faæizma. Po obisku karabinierju je pre Martin s sestro Katino skriu slovenske bukva v cierkvi svetega Mihiela. Paræla je nedieja, kaplan Martin je æu maæavat. Po branju Vangelija je zaåeu pridgo po italijansko. Moœje so se razjezili, a je Åedermac zagotoviu, de tuo je bluo parviå in zadnjiå in je sklenu, de se na bo podluoœu oblastem. En tenent karabinierju mu je ukazu, naj podpiæe dokument, s katerim naj bi sparjeu ukaz. Zatuo ki je Åedermac odloåno odklonu, ga je parsilu iti za njim v Åedad k prefektu, pred katerem je branu pravico svojih ljudi posluæat Boœjo besiedo v maternem jeziku. Medtem so karabinierji v Varsniku sekvestrali katekizme. Na sreåanju z drugimi kaplani je Åedermac zaviedu, de bo nadækof branu pravice slovenskih vierniku. Kaplan Potokar je poviedu tud, de æpijon med domaåimi duhovniki je kaplan Skubin. Tudi v njega fari je biu æpijon: nieki Klinjon, ki je snubu kaplanovo sestro Katino. Po smarti matere je kaplan huduo zboleu. Ozdravu je poåaso … En dan je v Lipah sreåu zdravnika, ki mu se je parporoåiu, de naj ahta, kier hudobneœi mu åejo slavo. In ries! Nieko nuoå ga je zbudu vasnjan Birtiå in ga prosu, naj uteåe, kier je vidu, de so paræli puonj. Nie bluo druge izbiere ku uteå. Æu je k bratru Bepacu in ga prosu, naj ga peje do Åedada. Zjutra je biu œe v Vidnu pred ækofijo in prosu, de ga nadækof sprejme. Pogovor nie biu lahak. Nadækof je Åedermacu poviedu, de prepuovedi slovenskega jezika in preganjanju duhovniku ne on ne papeœ se niesta mogla uprieti. Storla pa sta vse, kar je bluo v njih moåeh. Niå pa niesta dosegla …

GOSPUOD ÅEDERMAC, KAJ GOVORIJO LJUDJE?

LJUDJE NE BOJO VPRAÆAL’ PO ZUNANJIH, TEŒKIH OKUOLESTAVAH, SODIL’ IN OBSOJALI BOJO DEJANJA. IN TELA SODBA BO TEŒKA. NE BOJO ZASTOPIL’ BOŒJEGA UÅILA IN VRAÅAL’ SE BOJO V PAGANSTVO. KADUO BO KRIV ZA TUO?

VIEST NAM NIÅ NE OÅITA. PREVIDNOST NAM PRAVE, DE NE SMIEMO ITI DO SKRAJNOSTI, ÅE NE LAHKO NASTANEJO NEPREDVIDENE POSLEDICE

ZGODOVINA NAS UÅI DRUGAÅE. BISMARCK JE DAU ZAPRIETI ÆKOFA LICHNOWSKEGA, KI SE JE POTIEGU ZA JEZIKOVNE PRAVICE POLJAKU. PAPEŒ MU JE V ZAHVALO KARDINALSKI KLABUK POÆJU V JEÅO

TELE BESIEDE JE ÅEDERMAC POVIEDU SKOR PO TIHO. PARPRAVU JIH JE BIU ŒE PUNO CAJTA OD TEGA, A NIE VIERVU, DE JIH BO MUORU KADÀ REÅI. NADÆKOF JE OSTÙ MALU MINUT KOT OKAMENEU, A JE NAGLO PREMAGU RAZBURJENJE.

UPAM, DE PRÙ ZASTOPIM VAÆO GOREÅNOST IN SAM JE VESEU. POTRUDIL’ SE BOMO, DE BOMO OMILIL’ VAÆO SITUACIJO

JA, ZASTOPIM, A NA SMIETE POZABIT, DE SE JE TUO ZGODILO V DRUGAÅNIH OKUOLESTAVAH

NE, PREVZVIÆENI! OKUOLESTAVE NIESO BLE DRUGAÅNE. DRUGAÅNI SO BLI MOŒJE, KI SO TENÅAS REGIERALI CIERKU …

KÀR JE KAPLAN ÅEDERMAC STOPNU IZ NADÆKOFIJE, SE MU RAZBURJENOST NIE TAKUO POLEGLA, SOLZE SO MU SILILE V OÅI

PREVZVIÆENI! PREPRIÅAN SAM, DE NIESTE STORLI VSEGA, KAR JE V VAÆI MOÅI!

DON ÅEDERMAC! KONTROLIRAJTE SE! PREVIÅ STE GOVORIU!

ODPUSTITE! ZANESLUO ME JE. PROSIM VAS, DE ZASTOPITE NAÆO SITUACIJO. ÆE ADNA BESIEDA MI JE PAR SARCU. NE POZABITE: EDINI, KI BO IMEU OD TEGA ÆKODO, BO CIERKU. JEST IN MOJI TOVARIÆI TEGA NE BOMO KRIVI. STORLI SMO VSE, KAR JE BLUO V NAÆI MOÅI. A VI, PREVZVIÆENOST, GLEJTE, KAKUO BOTE STALI PRED BOŒJO SODBO!

BILA JE ŒE POZNA NUOÅ, KÀR SE JE KAPLAN Z ZADNJIM VLAKAM PARPEJU V ÅEDAD. V VLAKU SE JE STISNU V KOT IN GLEDU SKUOZE GLAŒ NA MRAÅNO PUOJE. S POGLEDAM V NUOÅ BI SE BIU RAD VOZU V NESKONÅNOST, DELEÅ OD TISTEGA TRENUTKA …

VSAK PO SVOJE BOMO ODGOVARJAL’. BUOG NAM BO SODNIK, A MI NE MOREMO SODIT NAMEST NJEGA. SADA LAHKO GRESTE, GOSPUOD ÅEDERMAC

45 - GRE NAPREJ RIASSUNTO IN ITALIANO - Questo racconto è tratto dal romanzo «Kaplan Martin Åedermac» dello scrittore sloveno France Bevk (1890-1970). Narra fatti successi nel1933, quando il fascismo vietò l’uso dello slo-

veno. In questa puntata: il colluquio tra l’arcivescovo e Åedermac è molto teso. Il cappellano arriva al punto di rimproverare il proprio superiore di non aver fatto il possibile per opporsi al divieto della lingua e alla persecuzione dei preti. L’arcivescovo ribatte di non avere nulla di cui pentirsi in quanto la prudenza imponeva di non ricorrere a posizioni estreme. Ma la Chiesa, obiettò il cappellano, in simili circostanze si comportò in maniera diversa. Alla irritata replica del presule, Åedermac si scusa, ma fa presente che la Chiesa per questa vicenda subirà danni enormi e lui che ne risponderà davanti al tribunale di Dio.


16

ZADNJA STRAN

stran

KAJ KJE KAM KADÀ KUO http://resianet.org.

PUST • MARSIN - v nediejo 10. febrarja, ob 9., bo sprevod maœker œu v Matajur. Okuole 11. se bo varnu v Gorenji Marsin in potle bo œu v Dolenji Marsin. • #ARNI VARH - v nediejo 10. febrarja, ob 14., bo po vasi sprevod blumarju. • PROSNID - v saboto 9. febrarja bojo pustinali. Program: - ob 13. maœkere se uœafajo v gostilni »al Centro«; - ob 14. bo sprevod po vasi z doma@o muziko; - ob 17. bo paœta za vse v agriturizmu »Brez mej«; - ob 18. bo premiacjon za narlieuœo maœkero. • BARDO - v saboto 2. febrarja, ob 18., bojo pustinali v baru »da Dina« v Teru z ramonikami iz Sriednjega. - v saboto 9. febrarja, ob 14.30, bojo pustinali v Sedliœ@ah s kratkimi gledaliœkimi predstavami v doma@em dialektu. • RUONAC - v saboto 2. in nediejo 3. febrarja skupina maœker iz Ruonca bo œla na sprevod v San Michele all’Adige (TN). - v saboto 9. febrarja, ob 8.30, bo sre@anje v faru¡e, potlè bo sprevod po vasi. Kosilo bo v faru¡e. - v nediejo 10. febrarja, ob 9., bo sre@anje v Sauodnji, v baru »da Crisnaro« in potlè grejo v Matajur. - v sriedo 13. febrarja, ob 20., bo vi@erja za »Pepeunico« v faru¡e. - v saboto 16. febrarja, ob 20., bo vi@erja v gostilni »Alla posta« par Hlo@ju za vse tiste, ki ljubijo pust. Prenotacjon do 13. febrarja. Moz 3391741488. • SRIEDNJE - v @etartak 7. febrarja, ob 18., se uœafajo par »Sale e pepe«. - v saboto 9. febrarja ob 10 bojo œli po vaseh Srienskega kamuna (Ravne, Oblica, Gorenji Tarbij, Gniduca in Polica). Ob 21.30 skupina Skedinj bo godla v baru v Zamirju. - v nediejo 10. febrarja, ob 10., se uœafajo v Posredsriednjem in potlè bojo œli do Dolenjega Tarbija.

31. januarja 2012

dom

DOMA#A MODRUOST Kàr gre snieg, v nebesih uce stri¡ejo

• DRE˘NIŒKE RAVNE - v saboto 2. febrarja, ob 7.30, bo tradicionalno ravensko pustovanje.

Vi@erja v »Sale e pepe«. - v torak 12. febrarja, ob 17., bojo œli po vaseh #erni@e, Preserje, Jesi@je in Zamir. Ob 21. bo feœta v telovadnici na Liesah. Godla bo skupina Skedinj. - v sriedo 13. febrarja, ob 14., bo sprevod od Sriednjega do Zamirja, kier ob 19. bojo par¡gal’ Pusta. Potlè bo vi@erja za »Pepeunico« v baru par Lauri. • UTANA - v saboto 2. febrarja, ob 20., bo v gostilni par Walterje delavnica, de bi napravli maœkere s platnam in moko, trake s cvetjan in ko¡naste maœkere. Parpravja Srebarna kapja. • TARBI˘ - v sriedo 13. febrarja, ob 14., bo sprevod po centru Tarbi¡a in na koncu bo »pogreb« Pusta. • REZIJA - od 9. do 12. febrarja bojo pustinali v Bili. Info: http://resianet.org. - 13. febraja bo v Bili pogreb Pusta. Parpravja Pro loko Rezija. Info:

Naro@nine Abbonamenti LETNA/ANNUALE € 16 PODPORNA/SOSTENITORE € 30 SLOVENIJA/SLOVENIA € 20 EVROPA/EUROPA € 25 SVET/EXTRA EUROPA € 35

Poœtni ra@un/Conto corrente postale n. 12169330 intestato a Most scarl, borgo San Domenico 78, 33043 Cividale del Friuli/#edad Ban@ni ra@un /Conto corrente bancario Iban: IT85 P086 3163 7400 0010 0815 095 BIC/SWIFT: RUAMIT21CIV

NEDIÆKE DOLINE • ŒPIETAR - 3., 10., 17. in 26. febrarja bo te@aj smu@anja za otroke in odrasle u Podkloœtru, ki ga organiza Planinska dru¡ina Bene@ije. Za se upisat, lahko pokli@ete Danielo na 0432 731190 al v ve@ernih urah Flavio na 0432 727631 . - od 6. febrarja do 24. obrila vsako sriedo in petak bojo korœi telovadbe u telovadnici srednje œuole, ki jih parpravja Planinska dru¡ina Bene@ije. Za se upisat, lahko pokli@ete Danielo na 0432 731190 al v ve@ernih urah Flavio na 0432 727631. - v @etartak 16. febrarja, ob 20., bo v faru¡e ob@ni zbor CAI Nediœkih dolin. - do 28. febrarja, imate cajt upisat otroke v vartac in osnovno œuolo. Lietos se lahko upiœejo otroke samuo preko interneta. S tajniœtva dvojezi@ne œuole v Œpietre sporo@ajo, de lahko starœi vse potriebne obveznosti opravijo par njih. • DREKA - v saboto 2. febrarja Pro loko Nediœke doline parpravja »@aspolado« na Kolovratu. Ob 17. bo sre@anje par ko@i na Solarjah. #aspolada koœta 20 euru. Lahko uzamete u najem (noleggio) @aspe v targovini za œport Fabia Salamanta u Œpietru. Upisovanja do 1. febrarja na 349 3241168 al pa’na elektronski naslov info@nediskedoline.it.

ÅEDAD - vsak @etartak, ob 20.30, je v ambulanti doktorja Pelizzo (p.zza XX settembre, 5) brezpla@ni korœ meditacije Sahaja Yoga. - do @etartka 28. febrarja v samostanu Santa Maria in Valle bo

odparta razstava Manuele Iuretig »Sussurri verso il cielo«. Urniki: od pandiejka do petka od 10. do 13. ure in od 15. do 17. ure. Sabota in nedieja od 10. do 17. ure. - v @etartak 7. febrarja, ob 20.45, bo na sede¡u Cai Joœko Kodermac predstavu njega potovanje v Santiago di Compostela. Vstop prost.

KANALSKA DOLINA • NABORJET - v saboto 9. febrarja, ob 20.30 bo v Beneœki pala@i koncert klasi@ne glasbe, ki nosi naslov »Poesie nel cassetto«. Info http://amicimusica.ud.it.

GORICA - v saboto 8. febrarja, ob 18., v Kulturnem domu, bota Margherita Hack in Pierluigi Di Piazza predstavla knjigo »Io credo – Dialogo tra un'atea e un prete« (Verujem – dialog med ateistko in duhovnikom), ki jo je lani izdala zalo¡niœka hiœa Nuova dimensione. Uvodno misel bo podau publicist Aleœ Waltritsch

iz Gorice; povezovalec ve@era pa bo novinarka italijanske radio-televizije Rai, Marinella Chirico iz Trsta.

VIDEN - 20. febrarja za@ne korœ slovenœ@ine za za@etnike na sede¡u Enaip. Za vse informacione 0432.693611, udine@enaip.fvg.it.

POSOÅJE • BOVEC - v petak 1. febrarja, ob 17., v knji¡nici bo œla naprej iniciativa »Ure pravljic z lisico Mico«. • KANAL - v torak 5. febrarja, ob 17., v ve@namenski dvorani bo proslava ob slovenskem kulturnem prazniku. U PRIHODNJI ŒTEVILKI BOMO OBJAVIL’ PRIPOŒJAJTE OBVESTILA DO 11. FEBRARJA NA NASLOV redazione@dom.it TEL.-FAX 0432 701455 REDITVE DO KONCA FEBRARJA .

SUL PROSSIMO NUMERO PUBBLICHEREMO GLI APPUNTAMERNTI FINO A FINE FEBBRAIO .

11 FEBBRAIO A redazione@dom.it TEL.-FAX 0432 701455

INVIATELI ENTRO IL

Na spletni strani www.dom.it vsak dan novice in prireditve

dom

KULTURNO VERSKI LIST

PETNAJSTDNEVNIK PERIODICO QUINDICINALE ODGOVORNI UREDNIK

DIRETTORE RESPONSABILE MARINO QUALIZZA ZALO¡BA - EDITRICE MOST SOCIETÀ COOPERATIVA A R. L. UREDNIŒTVO - REDAZIONE UPRAVA - AMMINISTRAZIONE 33043 #EDAD - CIVIDALE DEL FRIULI BORGO SAN DOMENICO, 78 TEL. - FAX 0432 701455 e mail: redazione@dom.it www.dom.it Iscrizione Roc n. 5949 del 10.12.2001 STAMPA: CENTRO STAMPA DELLE VENEZIE SOC. COOP. VIA AUSTRIA, 19/B, 35129 PADOVA REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI UDINE N. 8 - 8. 4. 2003

Najbolj brano na naœi spletni strani I più letti sul nostro sito internet

Vsak dan ob 20.30 Tv dnevnik po slovensko

1

Dreka vabi »Giro d’Italia« v Bene@ijo Drenchia chiama il «Giro d’Italia» nelle Valli

2

Quei comportamenti incomprensibili degli amministratori della Slavia

Vsak dan, od pandiejka do sabote, poro@ila: ob 7.00, 8.00, 10.00, 13.00, 14.00, 17.00 an ob 19.00.

3

Novoletno sre@anje v Kobaridu. Janœa: manjœina je naœa prioriteta. Msgr. Qualizza: hvale¡ni Sloveniji

Ob nediejah: poro@ila so ob 8.00 in 9.45 (zamejski tisk), 13.00, 14.00, 17.00 in 19.00; ob 9. uri sveta Maœa.

4

Planinska dru¡ina praznovala 20. rojstni dan La Planinska dru¡ina ha festeggiato 20 anni

5

De¡ela financirala prve @ezmejne jasli v Podboniescu La Regione finanzia l’asilo transfrontaliero a Pulfero

Oddaje za vidensko provinco. Vsako sriedo, ob 9.30 »Tedenski komentar« o Slovencih v videnski provinci. Vsako saboto ob 12.00 iz Rezije »Ta rozajanski glas«, ob 14.10 Nediœki zvon iz ¡ivljenja Beneœkih judi, vsako zadnjo saboto v miescu ob 12.30 iz Kanalske doline »Tam, kjer te@e bistra Bela«.

Postani naœ prijatelj Diventa nostro amico

VSAKO

NEDIEJO OB

OKNO

B ENE @IJO www.radiospazio103.it

V

TUDI NA INTERNETU :

14.30


Giornale Dom