Issuu on Google+

Quindicinale - anno XLVI n. 5 POSTE ITALIANE SPA

15. marca 2011 - Euro 1,00

- SPEDIZIONE IN ABB. POST. - 45% - ART. 2 COMMA 20/B LEGGE 662/96 - FILIALE DI UDINE- IF UNDELIVERABLE, PLEASE RETURN TO UDINE CPO - ITALY - IN CASO SI MANCATO RECAPITO RESTITUIRE ALL’UFFICIO DI UDINE CPO, PER LA RESTITUZIONE AL MITTENTE PREVIO PAGAMENTO RESI - TAXE PERÇUE - TASSA RISCOSSA - 33100 UDINE - ITALY

17. MARÅA BO PRAZNOVANJE OB 150-LIETNICI ZDRUŒITVE DARŒAVE, KI SO JO ŒELIELI TUDI BENEÅANI

Postni cajt nas vabe, de se varnemo k Bogu e lepuo pomislimo, naœe ¡ivljenje dobi svoj pravi pomien, kadar se sre@a z Bogam, s tistim Bogam, ki nam ga je pokazu Kristus. Tala je prava modruost ¡ivljenja na katero smo vsi klicani v Postnem cajtu. Skarbieli bomo, de jo dose¡emo, de postane nasa lu@, ki arzsveti pot po kateri hodemo. Trieba je, de se globoko spreobarnemo in de se zaviedemo, de je prava modruost prù v pobo¡nosti. Vi@krat posluœamo besiede, ki pravijo, de je pravo ¡ivljenje tisto, ki ga napravimo sami, z naœimi mo@mi in kustjo. Na spla@a se obarniti na Boga, zak' kar vajà je kar videmo, kar zaslu¡emo in u¡ivamo. ˘e par starim so pravli: pimo in jejmo, bodimo veseli, zak' jutre na vemo, kaj bo. Tajœno ¡ivljenje niema smisla, zak' ni odparto na vrednote, ki odperjajo naœe o@i na neskon@nost. Nie odparto na tiste stvari, ki nimajo meji in konfinu, na tiste, ki na gredo nikoli za brieg. Postni cajt nam je dan ku bo¡ji dar, de bi uœafali nazaj pot neskon@ne bo¡je visokosti in usmiljena, ki niema konca. Za telo visokost je rojen @lovek, za neskon@no bo¡jo ljubezen, ki mu daje tajœno veselje, de nobedan na sviete ga na more ugasniti. Pot do Bogà je pot, ki pelje do @lovieka in mu odperja o@i, de bi vidu, kuo sta lepa bo¡ji sviet in bo¡ja domovina. Vse tuole lahko uœafamo v cierkvi v telem postnem cajtu. Cierku je takuo naœa prava hiœa in muora postati tudi parva naœa hiœa, kjer se imamo doma. Varniti se v cierku, @e smo na njo pozabili, pomieni se zaries varniti damu in spoznati nazaj doma@e ljudi. Pomieni napraviti spet veliko dru¡ino ljudi, ki se z viero na Boga odprejo tudi vieri in ljubezni do bratru. Saj ¡ivljenje vaja, @e postane prestor prijateljstva, ljubezni in skupne pomo@ì. Buj stari ljudì œele pravijo: kuo smo se imieli radì ankrat in kuo smo se pomagali drug drugemu! Kuo je tuole, de donas na ¡ivimo ku ankrat? Morebiti, zak' nimamo vi@ tiste viere, ki nas je vodila ankrat. Pa muoramo pomisliti œe na drugo rie@. Videmo, de v@asih tisti, ki hodijo v cierku, niso previ@ ljubeznivi do bli¡njega: puno œepetanja, nevoœljivosti, zmaganja an sovraœtva. Tudi v tuolim je potriebno spreobarnienje od naœe hudobije do prave ljubezni; od slave pobo¡nosti do prave viere, ki nam o@isti o@ì an ugreje sarcè. Vse tuole nam dà pa bo¡ja milost in gnada; na vse tuole nas parprave Post. Ne izgubimo tele parlo¡nosti.

#

● Marino Qualizza

(

)

Bogatija in ne œpot za celo Italijo

@etartak 17. mar@a bo Italija praznovala 150-letnico proglasitve zdru¡ene Kraljevine s strani parlamenta zbranega v pala@i Carignano v Torinu. ˘e polemike v politi@nem svietu o pomienu samega praznovanja ka¡ejo, de œe okuole tele oblietnice se ne morejo Italijani zdru¡it in vsi kupe praznovat. Kaj pa Slovenci in œe posebe Slovenci videnske province? Mislim, de nie uœafat v zgodovini takega @udnega in spornega odnosa med adno dar¡avo in ljudstvam, ki v nji ¡ivi; nie uœafat take velike ljubezni in predanosti, ki sta bli odvar¡eni in poni¡ani. Dost je pomislit na piesam novomaœnika Petra Podreke in Œpietra, ki je lieta 1848 napisu: »Predraga Italija, / preljubi moj dom, / do zadnje moje ure / jest ljubu te bom. […] Raztargi te kietne, / obriœi suzó, / gor vzdigni bandiero, / treh farbih lepo.« Dost je pomislit na odkrito voljo in ¡eljo doma@ih duhovniku in administratorju se zdru¡it z novo dar¡avo, ki se je œerila od Alp do Sicilije; dost je spuomnit na beneœko gvardijo, ki je na velik petak 1848 obkolila avstrijske vojake na Svetim Martinu, in na mo¡e, ki so œli lieta 1849 branit Benetke pred Avstrijci; dost je pomislit na kresuove, ki so jih Bene@ani par¡gal' po gorah, potlé ki je italijanski parlament proglasiu zdru¡eno Kraljevino Italijo; dost je pomislit, de na plebiscitu so se zuna adnega vsi mo¡je v Nediœkih dolinah izrekli za Italijo. Seviede @e so beneœki duhovniki in administratorji dielali, de bi se pardru¡ili Italiji, nieso ankul imieli v mislih, de bi zavargli in pozabili svoj slovenski jezik. Naspruotno! Lieta 1850 in 1861 so se obarnili na avstrijske oblasti, de bi jim ohranile svoje sodne in administrativne inœtitucije in tuo zauoj avtonomije, ki so jo u¡ival' pod Beneœko republiko, in slovenskega jezika prebivalstva. In od Italije kaj so imiel' za lon? Samuo adan miesac po plebiscitu je Giornale di Udine jasno napisu, de tiste Slovane je trieba uni@it, iztrebit. Tisti Slovani so za novo Italijo predstavljal' gardo boliezan, ki jo je bluo trieba hitro ozdravit z mno@no mede¡ino, se prave z vesoko italijansko kulturo.

V

Naœi te stari so dielali, de bi se pardru¡ili Italiji. Pa nieso ankul imieli v mislih, de bi zavargli in pozabili svoj slovenski jezik

● Giorgio Banchig

gre naprej na 3. strani

COMUNE COMMISSARIATO dopo la sfiducia al sindaco e le dimissioni di otto consiglieri

Savogna, una vicenda che deve far riflettere a vicenda che ha portato alla crisi e al commissariamento del Comune di Savogna induce a due riflessioni. Una negativa e una positiva. In primo luogo, è triste constatare come ancor oggi esistano nelle Valli del Natisone persone che sembrano avere come unico scopo quello di frustrare ogni tentativo di rinascita e ripresa del territorio. La lista «Innovare con slancio», che due anni fa aveva vinto le elezioni a man bassa, era formata in gran parte da giovani di buona volontà che hanno deciso di fermarsi nei paesi di montagna per dar loro una speranza di futuro attraverso una scelta di vita nient'affatto comoda e facile. L'unico errore di quelle giovani forze è stato fidarsi di personaggi saldamente ancorati come mentalità al passato e quindi continuatori della poli-

L

tica che negli «anni bui» di triste memoria ha portato la Slavia all'odierna drammatica situazione. La discrepanza di prospettive tra sindaco, da una parte, assessori e due consiglieri, dall'altra, si è ben presto manifestata in tutta la sua gravità. La mozione di revoca della prima cittadina di Savogna, firmata dalla maggioranza dell'ex maggioranza, è di una durezza eloquente. Parla di condotta politica «antidemocratica e unilaterale del sindaco». Sullo sfondo c'è anche la volontà di ostacolare con ogni mezzo la tutela della lingua slovena. Grottesco il tentativo dell'ormai ex prima cittadina di imporre cartelli stradali con la toponomastica locale riportata in una grafia priva di alcun fondamento scientifico. Un'azione scongiurata dalla fermezza della Regione e dal voto dei due assessori.

La faccia positiva della medaglia è la decisione dei quattro giovani consiglieri, assieme ai cinque dell'opposizione, di non sottostare ai diktat dell'ex sindaco e dei suoi mentori politici. Hanno preferito rinunciare alla carica per impedire ulteriori danni. È stato un gesto di responsabilità nei confronti di tutti i cittadini e, al tempo stesso, la testimonianza che a Savogna ci sono giovani che pensano con la propria testa, che non si fanno strumentalizzare e intimidire, che hanno davvero a cuore le sorti della propria comunità. Su queste basi deve poggiare il tentativo di costruire un futuro migliore. La delusione presente svanirà. Guai cedere alla rassegnazione.

● R.D. servizio a pagina 8

V TELI ÆTEVILKI TIZIANO MANZINI Reæiteu je, de Nediæke doline postanejo adan sam kamun • stran 5 PODBUNIESAC Dimnikar Amedeo bo skarbeu za nape in åemine • stran 6 PLANINSKA DRUŒINA Novo vodstvo bo dielalo, de bi poveåalo ætevilo ålanu • stran 9 TERSKA DOLINA Zavarh potrebuje svoj kulturni center • stran 10 Redakcijo smo zakljuåili 9. marca ob 14. uri


2

stran

VERSKO ¡IVLJENJE

LETTTERA QUARESIMALE DELL’ARCIVESCOVO DI UDINE

La Parola di Dio è la più forte perché penetra nel profondo dell’animo umano er la lettera quaresimale alla P Chiesa udinese l’arcivescovo mons. Andrea Bruno Mazzocato ha scelto come tema il passo della Lettera agli Ebrei «Oggi, se udite la sua voce, non indurite i vostri cuori» (3, 15; 4, 7). «Oggi — scrive mons. Mazzocato — Gesù in persona ci parla attraverso le parole ispirate della Sacra scrittura e dei Vangeli. La Sacra Scrittura non è un libro antico che ci riporta discorsi del passato; è Parola viva del nostro Dio che ci parla per il nostro bene». Ma quali sono i mezzi per superare la «sordità dei cuori» e aprirsi all’ascolto della Parola di Dio? A questo scopo, spiega l’arcivescovo, «sono di grande aiuto i tradizionali impegni quaresimali della preghiera, del digiuno e dell’elemosina. Essi allenano la volontà a vincere la durezza del cuore per renderlo attento alla voce del Signore». L’uomo, constata l’arcivescovo, che vive nella fretta e nell’agitazione e non trova mai un momento per fermarsi e rientrare dentro il suo animo, che Gesù chiama la «camera segreta» (Mt 6, 6), «difficilmente è capace di ascolto della voce di Dio. È nel silenzio di quella stanza interiore che Dio parla e se non l’abitiamo non lo sentiamo parlare». «Il tempo dedicato alla preghiera — continua mons. Mazzocato — ci porta nel silenzio del cuore dove giunge solo lo sguardo e la Parola di Dio Padre. Non possiamo, poi, mai dimenticare che viviamo nella società dei consumi che spinge l’uomo a vivere di “solo pane e non della Parola che esce dalla bocca di Dio” (Mt 4,4). Costringere gli occhi, gli orecchi, la gola a un po’ di digiuno purifica anche i nostri desideri affinché sentiamo ancora fame della Parola del Signore. Un gesto concreto di solidarietà — come è l’elemosina — rompe la gabbia dell’egoismo che costringe l’uomo a pensare solo a se stesso. Gli apre il cuore ai fratelli e alla Parola di Dio che invita alla conversione». «Viviamo in mezzo ad un accavallarsi di voci e di immagini — conclude la lettera quaresimale mons. Mazzocato — che spesso sono in competizione tra di loro per attirare la nostra attenzione. In mezzo ad esse la Parola di Dio può sembrare debole perché non ricorre agli strumenti della propaganda. Dio non entra in competizione con i suoni e le immagini degli uomini. La Parola di Gesù è la più forte perché penetra nelle profondità dell’animo dell’uomo là dove nessuna parola umana arriva. Ascoltiamola in questa Quaresima con cuore attento e purificato da ogni indurimento. Scopriremo che di quella Parola abbiamo fame più di ogni altri nutrimento umano».

Papeœ imenoval novega apostolskega nuncija v Sloveniji ape¡ Benedikt XVI. je za novega apostolskega nuncija v Republiki Sloveniji s funkcijo apostolskega delegata na Kosovu, v @etrtek 10. februarja 2011, imenoval naslovnega nadœkofa mesta Caorle msgr. Juliusza Janusza. Nadœkof Juliusz Janusz se je rodil 17. marca 1944 v Lyczani na Poljskem. V duhovnika krakovske nadœkofije je bil posve@en 19. marca 1967. Po diplomi iz kanonskega prava na Papeœki cerkveni akademiji leta 1973 je vstopil v diplomatsko slu¡bo Svetega sede¡a. Slu¡boval je na papeœkih nunciaturah na Tajskem, v Skandinaviji, Nem@iji, Braziliji, na Nizozemski in Mad¡arskem. Za odpravnika poslov na Kitajskem je bil imenovan l. 1992, za naslovnega nadœkofa mesta Caorle in apostolskega nuncija v Ruandi l. 1995, za apostolskega nuncija v Mozambiku l. 1998 in za apostolskega nuncija na Mad¡arskem l. 2003. Nadœkof Juliusz Janusz poleg poljskega jezik œe angleœko, francosko, italijansko, kitajsko, mad¡arsko, nemœko, nizozemsko, portugalsko, rusko in œpansko.

P

Nuncij v Moskvi je Slovenec ape¡ Benedikt XVI. je nadœkofa Ivana Jurkovi@a, 58letnega vatikanskega diplomata slovenskega P rodu, imenoval za novega apostolskega nuncija v Ruski federaciji. Ivan Jurkovi@ se je rodil leta 1952 v Banjaloki pri Ko@evju. Po kon@ani osnovni œoli je maturiral na kemijski srednji œoli v Ljubljani. Leta 1971 je stopil v ljubljansko bogoslovno semeniœ@e. V duhovnika je bil posve@en 29. junija 1977 v Ljubljani. Diplomatsko slu¡bo je leta 1984 za@el v Ju¡ni Koreji, nadaljeval pa leta 1988 v Kolumbiji in nato od leta 1992 do 1996 v Moskvi v Rusiji. Na Dr¡avnem tajniœtvu Svetega sede¡a v Vatikanu je kot svétnik deloval od leta 1996 do 2001. Kot predstavnik Svetega sede¡a je sodeloval pri Organizaciji za varnost in sodelovanje v Evropi (Ovse). Julija 2001 je bil imenovan za apostolskega nuncija v Belorusiji s sede¡em v Minsku, slu¡bo pa je nastopil po œkofovskem posve@enju novembra 2001.

15. marca 2011

POSLANICA PAPEŒA BENEDIKTA XVI. ZA LETOÆNJI POSTNI ÅAS

Postni åas nas vzgaja za ljubezen do Kristusa ➔ Poslanica se navdihuje iz Pavlovih besed: »S krstom ste bili pokopani skupaj z Njim, v njem ste bili tudi obujeni« oslanica pape¡a Benedikta XVI. za letoœnji postni @as se navdihuje iz Pavlovih besed v Pismu Koloœanom: »S krstom ste bili namre@ pokopani skupaj z njim, v njem ste bili tudi obujeni« (Kol 2,12). V prvem delu poslanice pape¡ spregovori o novem ¡ivljenju v Jezusu Kristusu, ki smo ga prejeli pri krstu. Gre za Bo¡ji dar, na kar ka¡e tudi dejstvo, da krst v danaœnjem @asu najve@krat prejmemo kot otroci. Ve@nega ¡ivljenja si nih@e ne zaslu¡i z lastnimi mo@mi. Krst pomeni tudi sre@anje s Kristusom in klic k iskrenemu spreobrnjenju, katerega usmerja in podpira Milost. Postni @as je obdobje v cerkvenem letu, ki predstavlja najprimernejœe trenutke za okuœanje te Milosti, zato je med postom in krstom posebna vez. Ko @lovek postane dele¡en novega ¡ivljenja, prejme istega Duha, ki je tudi Jezusa obudil od mrtvih. Ta dar pa je potrebno nenehno po¡ivljati in postni @as nam nudi prilo¡nost za œolo vere in krœ@anskega ¡ivljenja. Za resno pripravo na praznovanje Gospodovega vstajenja je najprimerneje prepustiti se vodstvu Bo¡je besede. Evangeljski odlomki na postne nedelje nas popeljejo do novih in odlo@ilnih korakov na poti za Kristusom. Ta pot se za@ne pri boju s

P

skuœnjavami in povabilu, da bi se zavedli lastne krhkosti in sprejeli Milost, ki osvobaja od greha. Kristus je v tem boju namre@ zmagal. Sledi drugo povabilo, da bi se oddaljili od hrupa vsakodnevnega ¡ivljenja in se potopili v Njegovo navzo@nost. Jezusovo sre@anje s Samarijanko izra¡a Njegovo gore@o ¡eljo po vsakem @loveku in ¡eli tudi v naœem srcu vzbuditi ¡eljo po Njem. V naslednjem evangeljskem odlomku se sre@amo z vpraœanjem o naœi veri Vanj, zatem pa œe s soo@enjem s skrivnostjo naœega bivanja. Vera v vstajenje mrtvih in upanje na ve@no ¡ivljenje odpirata naœ pogled za zadnji smisel naœega bivanja: Bog je @loveka ustvaril za vstajenje in ¡ivljenje. Ta pot preko Bo¡je besede se kon@a z velikono@nim tridnevjem in nas ¡eli pripeljati do polnejœega darovanja Njemu. Bog se je namre@ na kri¡u @loveku daroval zato, da bi ga dvignil in mu prinesel odreœenje. Postni @as nas prek posta, miloœ@ine in molitve vzgaja za ljubezen do Kristusa. S prenaœanjem pomanjkanja se namre@ u@imo odvrniti pogled od sebe, da bi odkrili svo-

V RIMU MEDNARODNI SIMPOZIJ O VODI

Pravica do vode je povezana s temeljno pravico do œivljenja Rimu je pred kratkim potekal V mednarodni simpozij o vodi in upravljanju z vodnimi viri, ki ga je pod naslovom »Daj mi piti« pripravilo zdru¡enje Greenaccord. Sre@anje je opozorilo na razmere, v katerih na svetu ¡ivi ve@ kot milijarda ljudi, ki je brez dostopa do vode, kar posledi@no vpliva tudi na higijenske in zdravstvene razmere ter dru¡benogospodarski razvoj celih narodov. Otvoritveni govor je pripadal tajniku Papeœkega sveta za pravi@nost in mir, œkofu Mariu Tosu, ki je izpostavil, da voda ni blago, ampak skupna dobrina, ki pripada vsem in h kateri spada sploœna in neodtuljiva pravica. Zato po Tosovih besedah upravljanje z vodo in vodnimi viri ne more biti podvr¡eno le tr¡nim razmeram in prav tako ne more biti premaknjeno v zasebni sektor. Ravno nasprotno: potreben je demokrati@en nadzor s soudele¡bo, ki se spodbuja preko aktivnega dr¡avljanstva in v tesnem soo@anju z javnimi ustanovami, je poudaril œkof Toso. Pravica do vode je povezana s temeljno pravico do ¡ivljenja, kar pomeni, da zaradi takega dru¡benega pomena vode, dr¡ave upravljanja z vodnimi viri ne smejo premakniti v privatno sfero. Nadœkof Toso je pri tem navedel primere zgreœene politike glede oskr-

be in distribucije vode, ki izhajajo iz izklju@no gospodarskega in zasebniœkega kriterija, ter izpostavil Kolumbijo, Filipine in Gano, kjer so glavna mesta brez ustrezne javne oskrbe s pitno vodo. V teh mestih je cena vode od tri so œest krat ve@ja kot v New Yorku ali Londonu, je izpostavil nadœkof in dodal, da revni pla@ajo mnogo ve@ kot bogati za tisto, kar bi morala biti sploœna @lovekova pravica, torej dostop do pitne vode. Opozoril je na konflikte, ki lahko prerasejo v nasilje, ko razli@ni narodi za svoj obstoj @rpajo iz istih vodnih virov, ter dejal, da œtevilne analize napovedujejo, da bodo vojnam za nafto, ki zaznamujejo zadnja desetletja, sledile vojne za vodo.

jega brata in v njem prepoznali Boga. Tako ima ta @as za kristjana lahko globok verski pomen. Z miloœ@ino se spominjamo na sposobnost delitve z drugimi in tudi to, da preve@ dobrin @loveka izprazni in ga napravi nesre@nega. Molitev kot pozorno posluœanje Boga pa nagovarja naœe srce, spodbuja pot vere in nam omogo@a novo pojmovanje @asa. Brez perspektive ve@nosti je namre@ @as samo odœtevanje naœih korakov. Sveti o@e postno poslanico zaklju@i z besedami: »Dragi bratje in sestre, po osebnem sre@anju z naœim Odreœenikom ter prek posta, miloœ@ine in molitve, nas pot spreobrnjenja vodi k odkritju lastnega krsta. V letoœnjem postnem @asu prenovimo odprtost do Bo¡je milosti, ki nam je bila dana takrat, da bi razsvetlila in vodila vsa naœa dejanja. Kar zakrament pomeni in uresni@uje, smo poklicani vsak dan ¡iveti v vedno bolj velikoduœni in pristni hoji za Kristusom. Na tej naœi poti se priporo@amo Devici Mariji, ki je rodila Bo¡jo Besedo v veri in mesu, da bi se tako kot Ona potopili v smrt in vstajenje njenega Sina Jezusa in imeli ve@no ¡ivljenje.«

1. POSTNA NEDIEJA

Hudiå skuæa Jezusa ● Evangelij po Mateju Tisti cajt je Duh peju Jezusa v puœ@avo, da bi ga hudi@ skuœau. Kàr se je postu œtierdeset dni in œtierdeset no@i, je na koncu postù la@an. In parstopu je skuœnjavac in mu reku: »#e si Bo¡ji Sin, reci, naj teli kamani postanejo kruh.« On pa je odgovoriu: »Pisano je: #lovek naj ne ¡ivi samo od kruha, ampak od vsake besiede, ki prihaja iz Bo¡jih ust.« Potlè ga je hudi@ vzeu s sabo v sveto miesto in ga postavu varh templja ter mu reku: »#e si Bo¡ji Sin, se vrzi dol, kajti pisano je: Svojim angelam bo zate zapovedovau in: Na rokah te bojo nosili, de z nogo ne zadeneœ ob kaman.« Jezus mu je odgovoriu: »Pisano je tudi: Ne preizkuœaj Gospoda, svojega Boga!« Spet ga je hudi@ vzeu s sabo na zelo vesoko goro. Pokazu mu je vsa kraljestva sveta in njih slavo ter mu reku: »Vse tuo ti bom dal, @e padeœ predme in se mi pokloniœ.« Jezus mu je jau: »Poberi se, satan, kajti pisano je: Gospoda, svojega Boga, môli in njemu samemu slu¡i!« Tekrat ga je hudi@ pustu, in glej, angeli so parstopili in mu slu¡ili. (4, 1-11)


ZGODOVINA

15. marca 2011

- KULTURA

stran

3

LA COSCIENZA «NAZIONALE» DEGLI AMMINISTRATORI DELLA SLAVIA FRIULANA SOTTO IL DOMINIO AUSTRIACO

L’imperatore ha riconosciuto la «nazionalità» degli abitanti ➔ I «deputati» comunali di San Pietro degli Slavi in una petizione chiedono il mantenimento del distretto politico-amministrativo in base alla tradizione storica e alla lingua della popolazione. Il documento porta la data del 1° marzo 1861, due settimane buone prima della proclamazione del Regno d’Italia ● Giorgio Banchig e celebrazioni del 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia sotto la corona di Vittorio Emanuele II, avvenuta il 17 marzo 1861 nel Palazzo Carignano di Torino, sede del parlamento italiano, dovrebbero costituire un’occasione di riflessione sul significato dell’appartenenza ad uno stato e del rapporto tra questi con tutti i cittadini, senza differenze di status sociale, lingua e cultura. Gli sloveni delle valli del Natisone, Torre e Resia, entrati a far parte del regno d’Italia nell’autunno del 1866, ebbero con il nuovo stato, nato dal Risorgimento, un entusiastico atteggiamento di dedizione che fu ripagato nel peggiore dei modi: il Regno dei Savoia per il quale avevano combattuto ed avevano votato quasi all’unanimità nel plebiscito del 21 e 22 ottobre 1866 li trattò come una malattia da estirpare con cure drastiche. «Questi slavi bisogna eliminarli» proclamava il Giornale di Udine ad un mese dal plebiscito! Ma eliminarli (ecco la medicina!) «col benefizio, il progresso e colla civiltà» italiana «che deve brillare ai confini, tra quelli stessi che sono piuttosto ospiti nostri». Dopo mille anni di permanenza pacifica sul proprio territorio queste popolazioni sono diventate «ospiti», forestieri in patria, un corpo estraneo, un bubbone infetto da eliminare al più presto. Ma che avevano fatto di male questi sloveni per essere trattati in questo modo? Narrano le cronache che nella notte seguente alla proclamazione del Regno d’Italia essi accesero sulle montagne delle valli del Natisone grandi fuochi in segno di festa e di partecipazione con

L

tutti gli italiani che erano entrati a far parte del Regno d’Italia. Ma fin dalla prima guerra d’indipendenza essi si schierarono contro l’Austria. Come ricorda Carlo Podrecca (Slavia Italiana, Cividale 1884, p. 24-25) il 21 e 22 aprile 1848 bloccarono sul San Martino i 397 cacciatori austriaci in marcia verso Udine insorta. L’anno seguente numerosi sloveni del Natisone «fra cui Deganutti Giovanni, Strukil Michele, Pirich e Sturolo Gio. Battista di San Pietro, Manzini ingegnere Giovanni del Pulfero, Tomasetig Valentino di Cosizza e finalmente Vogrigh cav. Stefano di Clastra, ora maggiore del R. Esercito in quiscenza, il quale prese parte a tutte le successive campagne dell’indipendenza, da quella di Crimea in poi, parteciparono alla difesa di Venezia assediata dagli austriaci». E Podrecca (ibid.) ricorda ancora che «durante i moti del Friuli nel 1864, ventiquattro giovani slavi fecero una parata in uniformi garibaldine avanti alla chiesa di S. Canciano sopra Vernassino». Il motivo dell’avversione degli sloveni del Friuli nei confronti dell’Austria può essere trovata nel fatto che il governo del Lombardo-Veneto recepì nel proprio ordinamento l’abolizione, operata delle autorità napoleoniche, delle vicinie, degli arenghi e delle banche giudiziarie, sui quali per oltre un millennio si era basata la vita sociale della loro comunità e che comportavano notevoli privilegi e vantaggi rispetto alle popolazioni friulane. Come ricordato nel numero precedente di Dom, ad appena due anni dai moti del 1848, gli otto sindaci delle valli del Natisone si rivolsero al governatore del Lombardo-Veneto, feldmaresciallo Josef Radetzki, per ottenere un

Rievocazione dell’arengo nel 2009 tribunale di prima istanza a San Pietro degli Slavi con impiegati che «conoscano, parlino e scrivano correttamente, oltre l’Italiano, anche lo Slavo che si parla esclusivamente nel Distretto». Un’altra occasione per chiedere la restituzione, almeno in parte, delle antiche istituzioni amministrative e giudiziarie della Slavia, è offerta dal progetto di riforma degli enti locali previsto dalle autorità austriache che prevedeva, tra l’altro, l’abolizione del distretto di San Pietro degli Slavi e la sua incorporazione in quello di Cividale. Questa volta sono gli amministratori del comune di San Pietro a rivolgersi con una petizione ad un non meglio pre-

Per gli amministratori di San Pietro la fusione del loro distretto con quello di Cividale rappresentava una vera sciagura e un’ingiusta punizione per la loro comunità

cisato «Eccelso I(mperial) R(egio) Ministro di Stato» (probabilmente per gli Affari interni) per chiedere il mantenimento del distretto in base alla tradizione storica e alla «nazionalità» della popolazione. Il documento porta la data del 1° marzo 1861, esattamente 150 anni fa e due buone settimane prima che sui 443 deputati del parlamento italiano ben 441 (due votarono contro) proclamarono la nascita del Regno d’Italia. Nella missiva i tre «deputati» del capoluogo delle Valli, G.B. Miani (?), Antonio Muligh e Giuseppe Struzzo, ricordano la petizione del 1850 e sottolineano che, pur non avendo quella avuto esito positivo, «l’avanzato bisogno di fatto fu riconosciuto e confessato; ed il diritto reclamato non fu, come non poteva essere, contestato. Quindi lo sconforto ed il dolore di non esere stati esauditi fu sentito vivamente da tutte queste fedeli popolazioni; ed era giustificato, perché proveniente da negato ripristino di un giusto e benefico provvedimento al proprio benessere e delle loro cose, cui giammai può essere impedito loro di aspirare». Gli amministratori di San Pietro ricordano che «S(ua) Maestà l’Augusto Imperatore non ha trovato d’impartire alcun provvedimento» ma ha stabilito alla petizione allegando il «comunicato» (imperiale), che «nel prossimo conferimento di posti presso la Pretura di Cividale, al di cui circondario appartiene il Distretto di S. Pietro degli Slavi, si

avrà il possibile riguardo alla nazionalità degli abitanti […] Il Venerato Sovrano quindi, anch’Egli, ha riconosciuto il bisogno, il diritto e la stessa nazionalità dei supplicanti». Già, esattamente di «nazionalità» scrivono gli amministratori di San Pietro degli Slavi e sanno bene che la nazionalità si basa su precisi connotati linguistici e su una storia che ha fatto della loro una comunità separata «non solo dal territorio stesso di Cividale ma dalla Patria ancora», come recitano le ducali ed altri documenti delle autorità della Serenissima (cfr. Podrecca, cit., pp. 65-66). Ma se la richiesta di ottenere un tribunale di prima istanza non fu esaudita, argomentano gli amministratori di San Pietro degli Slavi, «le loro preghiere fondate sul vero, valsero però a conservare la loro autonomia politico-amministrativa «onde il loro Distretto XIV ora XIII di San Pietro fu conservato e rispettato almeno fino al dì di oggi». Ora, però, è messo in discussione anche questo. «Pur troppo – scrivono nella istanza al ministero viennese – è voce diffusa, che oggi, contro tutta la ragione e giustizia, contro tutti gli interessi e bisogni, contro tutti gli immemorabili e imperscrivibili diritti, sussista e sia avanzata proposta improvvida della soppressione di questo Distretto anche nel Politico – amministrativo e del suo aggregamento a quello di Cividale del Friuli». Per i «deputati» sampietrini questa eventualità rappresentava una vera sciagura e un’ingiusta punizione per la loro comunità. «Quindi colpiti a giusta ragione dal grave danno in ogni rapporto ed interesse pubblico e privato, che loro apporterebbe questo nuovo inaspettato ed ingiusto colpo fatale, non possono a meno gli abitanti del distretto di grandemente condolersi e di altamente reclamare contro una tale e per loro dannosa proposta, che sarebbe una vera punizione di tempi e motivi eccezionali, senza avere eglino commessa colpa veruna; e d’invocare vivamente la proclamata giustizia e provvidenza dell’Eccelso I. R. Ministro di Stato di non sanzionarla». — 3. continua —

S PARVE STRANI L’OPINIONE di Riccardo Ruttar

Bogatija in ne æpot za celo Italijo

Interroghiamoci sul vero concetto di italianità

Lieta 1866, tuo je 145 liet od tega, je za Slovence Rezije, Terske, Karnajske in Nediœkih dolin za@ela karvava kri¡ova pot. Nove oblasti so napele vse sile, de bi z italijanskega teritorija izbrisale tele »œpot«, de bi »odreœile« tiste ubuoge gorjanje od poverbanega, izvirnega grieha. Od tekrat se je nacionalisti@ni duh za@eu œerit in ukoreninit tudi med doma@imi administratorji, ki so se pustili prepri@at od take politike in pred oblastmi, so se za@eli kazat buj Italijani ku ljudje v ostalih de¡elah. Na koncu so le duhovniki branili pravice svojega ljudstva in za tuo so bli od oblasti naspruotovani. To¡ili so jih »panslavisma«, kier so le naprej nucal' slovenski jezik v cierkvah in med ljudstvam œeril' bukva Mohorjeve dru¡be iz Celovca. Ries je, de so duhovniki ostali edini branitelji ljudstva in njega globoke duœe, ki je ¡iviela iz viere ukoreninjene v doma@o slovensko kulturo. Pre Petar Podreka, tist, ki je lieta 1848 zapieu »Predraga Italija«, se je hitro zaviedu nevarnosti italijanskega nacionalizma in je ¡e lieta 1871, se prave pet liet po plebiscitu, v Ruoncu napisu piesam »Slovenija ino njena h@erka na Beneœkem«, v kateri se doma@a govorica prito¡uje: »Jaz nisem ne v uradu, ne v œoli, / da ravno tu od vekov ¡ivim; / ko tujka bera@im okoli, / le v Cerkvi zavetje dobim.« Na koncu pa pre Podreka preroœko store re@i Sloveniji svoji h@erki na Beneœkem: »Ne misli tak' h@erka slovenska; /Ne obupaj na lastni prihod: / naj pride œe sila paklenska, / ne uni@i slovenski zarod.«

● G. B.

aro concittadino, la festa dei 150 anni dell'unità d'Italia si pone come una straordinaria occasione per riflettere sul passato, il presente e, soprattutto, il futuro del nostro Paese». Queste parole sono parte del messaggio che il Pd acclude in una lettera ai cittadini, presentando loro in dono il tricolore, una copia della Costituzione e la versione integrale dell'inno di Mameli. Riflettere! E riflettiamo, ad iniziare dal passato. Va detto intanto che per Friulani e Beneciani l'anno dell'«italianità» sarebbe il 145°. Fu ai primi di luglio del 1866 quando l'esercito prussiano, in guerra con quello austroungarico, vinse la battaglia di Sadowa, e fu grazie a questa sconfitta, che l'esercito austriaco si ritirò dai resti dell'ex Regno Lombardo-Veneto. Infatti nella terza guerra d'indipendenza (1866) l'esercito piemontese aveva preso due solenni batoste. Seguì il famoso plebiscito «pro forma» dell'ottobre dello stesso anno e solo allora i veneti e i friulani abbienti poterono «scegliere» tra lo scettro di Cecco Beppe e quello di Vittorio Emanuele II di Savoia. Così, senza difficoltà le avanguardie piemontesi raggiunsero l'estremo degli antichi confini della Slavia Veneta. E qui ci trovarono gli «slavi» che furono il primo e l'unico popolo etnicamente diverso e distinto dalle genti italiche, che entrò a far parte del Regno dei Savoia. Appena se ne accorse, il nuovo padrone corse ai ripari: «Questi slavi bisogna eliminarli». Non voglio

«C

elencare gli atti concreti e le volute omissioni che da allora si susseguirono fino ai nostri giorni, anche perché l'unica cosa che non pare lecito discutere è la viscerale italianità degli slavi beneciani. Quello che invece attira la mia attenzione e mi fa sorgere una carrettata di interrogativi è proprio il concetto di «italianità». Chi è italiano? Che cosa caratterizza e distingue l'italiano? Un centinaio di nomi illustri della letteratura italiana, interpellato da una nota rivista romana, su concetti base come identità italiana, patria, senso di appartenenza, esprime senso di disagio, e addirittura di vergogna e non trova unanimità di vedute su quasi nulla. Non siamo abituati ad entrare nel senso vero di questi argomenti e men che meno noi sloveni, che nel difendere la nostra italianità come cittadini, ci troviamo costretti a lottare per mantenere vivi la lettera e lo spirito della Costituzione repubblicana: essa ci riconosce italiani anche se di madrelingua ed etnia diversa, ma non tutti lo sanno. La nostra gente lotta addirittura contro se stessa, rifiutando la propria identità naturale ed originaria, per affermare la propria appartenenza all'Italia, mentre dall'altra parte molti italiani doc fanno di tutto per mettere in crisi la propria naturale appartenenza. Qualcosa non quadra. Chi ha letto e capito il testo e lo spirito della Costituzione che fonda l'Italia?


15. marca 2011

IZ NAŒIH DOLIN

stran

5

INTERVISTA CON IL SINDACO DI SAN PIETRO AL NATISONE sulla riforma degli enti montani attualmente all’esame del Consiglio regionale

«Regione in difficoltà con le Unioni montane Io sono per un comune unico delle Valli» ➔ Tiziano Manzini: è questa l’unica strada davvero praticabile per garantire i servizi alla popolazione e rapportarci alla pari con le realtà a noi vicine ● Ezio Gosgnach a trasformazione delle Comunità montane in Unioni dei comuni montani va a rilento. Il disegno di legge della Giunta regionale è ancora all'esame della competente commissione del Consiglio regionale. L'iter non è agevole a causa delle perplessità della Lega Nord (i suoi due assessori in Giunta si sono astenuti sul provvedimento) e delle opposizioni. Secondo le due principali organizzazioni della minoranza, Sso e Skgz, ricevute in audizione dalla commissione, il nuovo ordinamento degli enti locali montani rischia di essere penalizzante per la comunità slovena e per questo in contrasto con tutta una serie di norme statali e internazionali. «Mi sembra che la Regione stia prendendo tempo, perché seriamente in difficoltà», evidenzia anche il sindaco di San Pietro al Natisone, Tiziano Manzini, che abbiamo interpellato sulla questione. Signor sindaco, qual è la sua posizione sulla riforma che sta venendo avanti? «Sono due anni che seguo la questione. Con la nuova proposta è migliorato qualcosa, ma ci sono ancora molte modifiche da fare. I legislatori per primi non hanno le idee chiare e nel caso in cui le abbiano, esse vanno a discapito dei comuni più piccoli. Sarebbe fondamentale, quindi, stabilire un rapporto di correttezza e reciproco aiuto, perché il rischio maggiore è che il comune grande inglobi quello più piccolo. Quando c'era l'unione dei comuni di San Pietro, Pulfero e Savogna non avevo nulla in contrario a proseguire questo percorso, ma la legge prevedeva quale passo successivo la fusione. I miei colleghi si sono opposti. Io ero per un'unico comune, ma non potevo prevaricare il volere degli altri». Quest'Unione ora proposta è un po' un ritorno alla vecchia Comunità montana, in quanto aggregazione dei comuni delle Valli, più Cividale, Torreano e Prepotto. «È fondamentale fornire dei servizi nei comuni piccoli, altrimenti, per come sono messi adesso, non è possibile rea-

L

lizzare alcun progetto. È chiaro che alcuni servizi di valenza comunale dovranno essere progettati insieme. Sta a noi sindaci decidere quali. Io ho già detto ai miei colleghi che dobbiamo incontrarci per parlare dello statuto della futura Unione, perché quando la legge sarà approvata in Regione non ci sarà tempo sufficiente per decidere con calma. Dobbiamo individuare addesso cosa mettere in primo piano». Come hanno reagito i suoi colleghi a questa sua proposta? «Vogliono aspettare che venga approvata la legge, ma insisto nel dire che quando questo succederà sarà troppo tardi. Il documento, che noi sindaci di centrodestra abbiamo presentato la scorsa estate al presidente Tondo per costituire un'associazione intercomunale con Cividale, non era la rinuncia all'autonomia, ma un messaggio alla Regione per dire che la direzione in cui si stava muovendo non ci andava bene. Il legislatore deve capire che abbiamo bisogno di servizi, non di strutture burocratiche». Uno dei punti critici della nuova legge regionale è l'introduzione del voto ponderale. Il sindaco di Taipana, ad esempio, dice che questo vuol dire uccidere le realtà più piccole, lei cosa ne pensa? «Il disegno di legge considera l'intero territorio regionale, e non può essere diversamente. Dal nostro punto di vista ha le sue lacune. Le Valli, se messe insieme a Cividale, con il sistema del voto ponderale non conterebbero nulla. È chiaro che sarà necessario trovare dei correttivi. Sta girando tra gli ammini-

Nelle nuove Unioni dei comuni montani meglio l’elezione diretta come già si fa in Trentino

Scuola bilingue, ci vuole il commisario l sindaco di San Pietro al NatiA sone, Tiziano Manzini, chiediamo anche a che punto è l'iter per

stratori un documento che riguarda la montanità e il voto ponderale. Ha l'handicap di venire considerato dai miei colleghi come documento delle minoranze consiliari. Mai io ritengo importante che alla Regione giungano queste proposte». Il confronto è sempre utile… «Noto un po' di disinteresse da parte degli amministratori locali per quanto riguarda la gestione sovracomunale del territorio. Riconosco, però, che per un sindaco è eccessivamente impegnativo occuparsi anche di quella dimensione. Nella Comunità o Unione futura non dovrebbe essere il primo cittadino ad occuparsi di questo, bensì una persona da lui delegata». Il disegno di legge prevede l'impegno dei sindaci... «È vero, ma più volte in passato abbiamo sostenuto che in Comunità montana ci dovesse andare un assessore o una persona di fiducia delegata dal sindaco. Oppure…». Oppure? «Meglio ancora se ci fosse l'elezione diretta a suffragio universale degli organi. È stata introdotta in Trentino e potrebbe essere una buona soluzione anche da noi». Del resto anche da parte di Cividale ci sono perplessità nell'assumersi l'impegno di guidare la futura Unione dei comuni montani. «Di fatto, spetterebbe a Cividale dare ai comuni delle Valli gli strumenti per farli funzionare. Se si tiene in considerazione questo, è anche naturale pensare che vogliano contare di più attraverso il

sistema del voto ponderale. Ma questo è un punto molto delicato». Da molte parti si chiede alla Regione di riconsiderarei criteri per definire un territorio montano. «In effetti vanno rivisti. L'assessore Garlatti aveva promesso di prendere in mano la questione, ma non abbiamo ancora avuto risposta. Adesso come adesso, viene definito “comune di montagna” anche Cividale, cosa che non è assolutamente corretta». La situazione è intricata. Come uscirne? «Facendo un comune unico per le Valli del Natisone. Così avremmo anche un numero adeguato di dipendenti per farlo funzionare e potrebbe partecipare a unioni o altre forme di collegamento. Servirebbe pure per mandare avanti i progetti transfrontalieri». In effetti ora i comuni dell'alto Isonzo preferiscono rapportarsi con Cividale, Tracento e Tarvisio. «Certo perché Bovec, Kobarid e Tolmin sono vasti e popolosi. Noi singolarmente siamo troppo piccoli e non attrezzati per poter dialogare alla pari. La cultura è importante, ma va sottolineato che i progetti europei riguardano in primo luogo la sfera economica». Nel comune unico, però, c'è il rischio che i territori più marginali vengano ulteriormente discriminati: dal fondovalle. «Vero. Tuttavia il comune unico delle Valli del Natisone è l'unica strada praticabile. Teniamo conto anche del fatto che c'è difficoltà a trovare gli amministratori per tutte le realtà».

la sede della scuola bilingue. Una questione che sta molto a cuore non solo alle famiglie degli alunni, ma all’intera comunità della Slavia. L’amministrazione comunale ha optato per la ristrutturazione della vecchia sede in viale Azzida. Signor sindaco, qual è la situazione in questo momento? «Abbiamo già i decreti in mano e possiamo procedere alla gara di appalto – risponde Manzini –. Aspettiamo notizie positive da Roma in merito all'assegnazione della competenza alla Protezione civile o della gestione commissariale per accorciare i tempi. Già così saranno necessari, comunque, più di due anni per compleatre l'opera. L'iter ordinario per importi così grossi rischierebbe di essere molto più lungo». I soldi sono arrivati? «Il 14 febbraio è stato ufficializzato il contributo di 570 mila euro da parte dello Stato. Non so ancora, però, se sono disponibili i 300 mila euro da parte della Comunità montana». Ma è realistico attendere la nomina di un commissario governativo? «È un bene che il Governo sia rimasto in piedi. Tramite l'interessamento dei parlamentari regionali, sia di centrodestra che di centrosinistra, nonché quello dell'ambasciata slovena dovremmo riuscire a ottenere la nomina di un commissario. Posso essere io o un funzionario della Protezione civile, ma il suo arrivo è quanto mai necessario, affinché i tempi si accorcino. Normalmente, infatti, non si riesce a fare niente in meno di tre anni. Paradossalmente l'operazione per cui si impiega meno tempo è il lavoro effettivo in cantiere».

● E. G.

IN CONSIGLIO REGIONALE la Lega Nord ha votato con il Centrosinistra contro il trasferimento della competenza all’amministrazione regionale

Nuove cave, decideranno ancora i sindaci rande soddisfazione nelle Valli del G Natisone per lo stop in Consiglio regionale della legge riguardante le attività estrattive. Durante la seduta del primo marzo, la maggioranza si è spaccata già sul secondo articolo del provvedimento, andando sotto di tre voti. In concreto, è stato bloccato il tentativo di scavalcare i comuni nella concessione di nuove attività estrattive. La Lega Nord, infatti, si è alleata a sorpresa con Stefano Pustetto (Sa-Sel), Giorgio Brandolin e Gianfranco Moretton (entrambi Pd), facendo proprio un emendamento, proposto inizialmente dallo stesso Pustetto, volto a ripristinare la norma della legge regionale 35/86 in cui si dice che «l'apertura, l'ampliamento e l'esercizio dell'attività di estrazione sono subordinati all'autorizzazione dell'assessore competente, previa attestazione comunale di conformità dell'intervento agli strumenti urbanistici vigenti, rilasciata dal sindaco». La nuova legge

prevedeva, invece, che fosse la Regione a decidere dove si potevano aprire cave e, qualora queste fossero in contrasto con gli strumenti urbanistici comunali, il Comune avrebbe dovuto modificare la propria pianificazione. Se non avesse ottemperato a quanto richiesto, la Regione avrebbe nominato un commissario che avrebbe provveduto alla modifica dello strumento urbanistico. Come se non bastasse, era compito del Comune fornire il personale e pagare il commissario. La decisione della Lega ha creato una vera e propria bufera nella maggioranza. Il capogruppo del Caroccio, Danilo Narduzzi, ha dichiarato che il suo partito si è trovato costretto a prendere questa decisione perché «il Pdl non mantiene i patti, a tutti i livelli», facendo riferimento alle contrapposizioni sulle candidature per le amministrative, ai rinnovi dei consigli di amministrazione delle società nell'orbita regionale. Questo però, precisa Narduzzi, non è un problema di Ton-

Kamnolom v Tarpeåu (fotografija www.lintver.it) do, si tratta di una questione da risolvere a livello politico. Certo, di mezzo c'è anche la norma sulle attività estrattive, a proposito della quale, afferma che non si può pensare allo sviluppo e all'economia senza prendere in considerazione il territorio. Isidoro Gottardo, coordinatore regionale del Pdl, ha risposto alle accuse della Lega affermando che il Pdl ha sempre rispettato i patti e che il lavoro in una co-

alizione ha delle regole che vanno accettate nell'interesse collettivo del Centrodestra. Dopo questo «incidente», la maggioranza ha chiesto una sospensione della seduta per decidere del futuro non solo della legge, ma anche della coalizione stessa. Anche nelle Valli del Natisone si può tirare, allora, un sospiro di sollievo. Qui di cave, infatti, ce n'è più d'una: tre nella

zona di Torreano, tre a Clastra, una a Tarpezzo e una ad Altovizza. E ci sono richieste per aprirne altre. Le cave, a detta di coloro che vivono nelle loro prossimità, hanno arrecato più danni che altro. Oltre al rumore incessante per molte ore al giorno, il viavai di camion ha sconnesso completamente il fondo stradale. L'attività estrattiva, inoltre, ha scombinato l'equilibrio geologico della zona, creando dei catini d'acqua nel sottosuolo. Il 25 febbraio scorso a San Pietro si è tenuta un'assemblea pubblica sull'argomento promossa dalle sezioni del Partito democratico e di Sinistra ecologia e libertà, volta a spiegare alla popolazione della zona, quali sarebbero state le conseguenze dell'eventuale approvazione della nuova normativa. Sono intervenuti i consiglieri regionali Giorgio Brandolin (Pd) e Stefano Pustetto (Sel).

● Ilaria Banchig


6

IZ NAŒIH DOLIN

stran

15. marca 2011

ANNA IUSSA je napisla komedijo »Moja ¡ena je sveta«, ki jo je »Beneœko gledaliœ@e« parvi krat pokazalo v Œpietru KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

»Srebrna kaplja« u@i cepit sadna drevesa ● ● U torak 1. mar@a je u centru Ad formandum u Œpietru za@eu korœ, ki ga je organizalo druœtvo Srebrna kapjla, na kerem Andrea Visentini iz A¡le, profesor na inœtitutu za kumetustvo u #edadu, u@i kakuo cepit jabuke, hruœke an drugo sadje. Po parvi lekciji gor mez teorijo, bo u saboto 26. mar@a, ob 16. uri le pri centru Ad formandum u Œpietru pa praksa. Na tele korœ se je upisalo 16 ljudi. Lekcije so u slovienskin doma@in iziku, kakor use iniciative, ki jih organizava Srebrna kaplja, ki takuo gleda varvat naœo doma@o kulturo.

V Tipani ob@ni zbor Kme@ke zveze ●●

Sekcija za vidensko provinco Kme@ke zveze, tuo je organizacije, ki zbiera slovenske kumete v Italiji, bo imiela svoj redni ob@ni zbor v petak 18. mar@a ob 20. uri v gostilni »Alla posta« v Tipani. Narpriet bota predsednik Giuseppe Specogna in tajnik Stefano Predan poviedala, kaj je Zveza nardila v lanskim lietu, natuo bojo odobrili obra@un za lieto 2010 in prora@un za lieto 2011. Cajt bo tudi za razpravo in za pozdrave gostu.

Rifiuti, a rischio la differenziata

●●

La raccolta differenziata dei rifiuti è a rischio. L’allarame è lanciato dal commissario straordinario della Comunità montana del Torre, Natisone e Collio, Tiziano Tirelli. «Il sistema attuale – scrive Tirelli in una nota – consiste nella raccolta dei rifiuti classica attraverso lo svuotamento dei cassonetti distribuiti sul territorio da parte della società Net con cui esiste il contratto per la raccolta e lo smaltimento. La sola raccolta differenziata conta oggi circa 160 contenitori per la raccolta di vetro, carta e plastica sparsi sul territorio». Secondo il commissario, «la vera difficoltà però è data dal fatto che i cittadini devono seguire le regole. Non si può pensare ad esempio di gettare i rifiuti normali nel cassonetto del vetro. Ciò comporta infatti un grave danno al processo di selezione che va ad inficiare il sistema nella sua interezza. Nel cassonetto del vetro infatti deve essere conferito solamente il vetro ed è consentito anche conferire alluminio e barattolame (es. tonno, ecc…). Altrettanto dicasi per la carta e la plastica. Pochi si rendono conto che dalla raccolta differenziata deriva anche un ritorno economico, con conseguente diminuzione del costo della raccolta dei rifiuti per tutti i cittadini». Per Tirelli «l'attuale situazione non è certamente delle più rosee e la Comunità montana in collaborazione con i comuni sta cercando di individuare soluzioni che consentano di migliorare la quantità e qualità della raccolta differenziata sul territorio ma se la gente non collabora si è davanti ad una impossibilità di agire efficacemente. Nel prossimo futuro è prevista una campagna di informazione ai cittadini per aiutarli nel conferimento differenziato. Spesso infatti ci si trova nel dubbio di dove conferire rifiuti sempre più sofisticati (vedi tetrapack, cd, dvd, cassette audio e relative custodie, ecc.)».

»˘eliela bi, de bi mo¡je imieli tudi du¡nuosti, ki jih imamo ¡ene« ➔ Na praznovanju 8. mar@a sta Cecilia Blasutig in Stefania Rucli poviedali, de tudi donas za ¡enske nie lahko ● Ilaria Banchig smega mar@a po cielim svietu praznujejo Dan ¡en. Sevieda je tudi lietos Zveza beneœkih ¡en napravila liep program, ki je biu 8. mar@a v prepuni vi@namienski dvorani v Œpietru. Na za@etku sta mladi Cecilia Blautig in Stefania Rucli poviedala, katere probleme imajo ¡ene tudi donaœnji dan. Zahvalili sta beneœke ¡ene, ki skuoze desetlietja se tu@ejo za svoje pravice pa tudi za pravice vsieh Bene@anu. V kulturnin programu, ki ga je povezovala Marina Cernetig, je zapiela ˘enska vokalna skupina iz Breginja. Glavna to@ka vi@era je bla, ku po navadi, nova igra Beneœkega gledaliœ@a. Pod re¡ijo Marjana Bevka je pokazalo komedijo Moja ¡ena je sveta. Besedilo v beneœko-slovenskim dialektu je napisala Anna Iussa, ki je tudi igrala glavno vlogo. Zaprosili smo jo za pogovor. Anna, kakuo se je tuole dielo rodilo? »Kajœan bi muoru napisati kiek za 8. mar@, saj ob teli parlo¡nosti Beneœko gledaliœ@e predstavlja besedila od naœih avtorju. Na ¡alost sta nam zmanjkala dva, ki sta narvi@ napisala: Doric in Ponediœ@ak. Bruna Dorbolò in Aldo Clodig, sadà ki sta œla v pension, namest pisati, rajœ varjeta navuode. Lani smo tudi nardili nate@aj, konkorœ, de bojo za@eli tudi' te mladi pisati. Ampa tudi oni niemajo zadost cajta, zatuo ki pravejo, de muorejo œtudjati. Lietos na Dnevu emigranta smo predstavili igro Lena iz Tapoluovega. Besedilo je zlo te¡kuo in ¡alostno, zatuo sam pomislila, de bi napisala kiek veselega. Tudi zatuo ki so sada te¡ki cajti, v katerih je malo parlo¡nosti, de bi se smejali. Zatuo sam napisala Moja ¡ena je sveta. Pa muoram poviedati resnico: rajœi piœem

O

komedije kakor tragedije.« Kaj se je gajalo na odru? »Bluo je zaries vsega. Komedija pravi o moderni dru¡ini, kjer ¡ena ima ljubimca. Zatuo ki @è pomeriti svojo vest, bi rada œenkala, brez de nje mo¡ vie, nieki hram Cierkvi. Muoru bi postati duom za nasre@ne otroke. Povabe na duom svojo parijatelco mundijo, pa le v tistim cajtu nje mo¡ ji ¡eli naresti lepo presene@enje (œorpre¡o). Takuo se kri¡ata dvie sre@anji. Bi bluo buojœ, @e bi ostali mo@nuo lo@eni...« Kateri igralci so nastopili? »Na odru sta bla Adriano Gariup in Roberto Begnach, ki sta se obnaœala ku ma@ak in lesjak z Michelan Qualizzo, ki je biu v komediji moj muo¡. Potlé so bli: Marko Predan, moj ljubimac, Bruna Chiuch, moja parjatelca mundija, Graziella Tomasetigh, adna od tistih ¡en, ki dielajo na cesti in œe Maurizio Trusgnach, duhovnik iz kurije. On je biu parvi@ na odru in je biu zaries bardak.« Vi ¡e puno liet igrate za Beneœko gledaliœ@e in vsi pravijo, de ste zlo barka. Kakuo ste za@ela? »Osmega mar@a je bluo dvajst liet, odkar sam za@ela. Tisti krat me je bla Marina

Ætevilna publika na Dnevu œen; na åeparni, Anna Iussa Cernetig povabila, de igram v nje komedikiek, pa je buojœ, de ne.« Za Beneœko gledaliœ@e ste napisala tudi ji Viva Claudia. Od takrat sem skor zmienomalo besedil. ran re@itala, pa se ne @ujem takuo barka, ku pravite.« »Ja vi@, pa se jih ne zmisnem vsieh. LaDost cajta je trieba posvetiti, za dobar ni sam napisala Weekend na morju za Dan nastop pred publiko? emigranta.« Po sviete Dan ¡en postaja nimar buj »Sigurno bi bluo trieba vi@ cajta, ku ga konsumisti@an guod. V Bene@iji pa mu je mi imamo. Vsi imamo naœe dielo in ostù œele pravi pomien. Kaj ne? dru¡ino. Zatuo nie puno cajta za vaje. Ponavadi nardimo parbli¡no dvajst vaj pred »Meni se mi zdi, de tud' tlé par nas je ku nastopam in œele, kàr kon@amo naœo tourdrugjé. Ries je, de smo ohranili naœo lepo née po Nediœkih in drugih dolinah in Slonavado, de se uœafamo v gledaliœ@u in potveniji, postanemo barki.« lé nardmo vsi kupe velik senjam z ramoniAl' se van je v telih lietih zgodilo kiek kami.« Kaj bi rada poviedala vsien slovenskin posebno liepega, zanimivega in smieœnega ¡enan v videnski provinci? na odru? »Mi ¡ene smo se muorle mo@nuo trudi»Vi@ ku ankrat. Se zmisnem, de na konti, de bi imele naœe pravice, pa se mi zdi, de korœu slovenskih skupin v Mavhinjah bliimamo sadà œe vi@ du¡nosti. Se pravi vi@ zu Tarsta, je naœi œepetalki zvoniu telefon diela zuna in doma. Tiela bi, de tudi naœi in ga nie znala ugasniti. Le v tisti komediji mo¡je, ki imajo ¡e naœe pravice, bi imieli je Marina padla v jamo na odru in nie motudi naœe du¡nosti.« gla priti uon. Lahko bi se poviedalo œe

V PROGRAMU je 33 koncertu z nastopam 206 zboru

Nelle Valli del Natisone sta arrivando lo spazzacamino asce una nuova figura professionale nelle Valli del Natisone. Amedeo N Sturam di Rodda (classe 1978), aprirà a breve un'attività in proprio di spazzacamino e di addetto a lavori generici di pulizia del sottobosco, compresi giardini. L'idea di avviare quest'attività, nella quale Sturam ha già accumulato una certa esperienza, nasce dalla constatazione che nelle Valli lo spazzacamino non c’è (il più vicino è a Remanzacco) e predomina il fai da te. Attualmente impiegato presso le acciaierie di Cividale, Amedeo, che lavora a turni, dedicherà buona parte del suo tempo libero all'attività di spazzacamino, che intende praticare «a regola d'arte». Per questo motivo frequenterà, a breve, corsi di perfezionamento a Udine ed a Treviso, dove avrà modo di apprendere l'utilizzo di sofisticati strumenti tecnologici, da poco inseriti nel settore, come quello che permette di misurare il grado di umidità della legna o la videocamera, che consente di fare una videoispezione sulle condizioni della canna fumaria, prima e dopo l'intervento di pulizia, e di individuarne eventuali difetti di costruzione. La pulizia del camino, la cui rottura può essere causa di incendi, viene spesso sottovalutata. Modiche le tariffe, richieste da Amedeo, che sono inferiori a quelle previste nel settore, per il quale esiste un albo delle imprese artigiane presso la Camera di commercio di Udine. Per la pulizia del camino e della caldaia il prezzo è fisso e va dai 70 ai 75 euro (la tariffa aumenta se fuori zona), mentre per il taglio del sottobosco la tariffa è di 14 euro all'ora. Ampio il potenziale bacino di utenza al quale si rivolge Amedeo (reperibile al cell. 3391741488), che comprende anche la vicina Slovenia. Il suo auspicio è di trovare terreno fertile per la nuova attività anche nelle Valli del Natisone, dov'è molto conosciuto per gli eccellenti risultati raggiunti nello sport. Amedeo, noto ai più con il soprannome di »Moz», infatti, gareggia come podista per il gruppo sportivo Alpini di Pulfero, fa parte del Gruppo speleologico Valli del Natisone ed è molto attivo sul territorio per altre iniziative ricreative, quali il «Pust» di Rodda.

● Larissa Borghese

Pet zboru iz Bene@ije na reviji »Primorska poje« ➔ 10. obrila bo koncert v Zavarhu e je za@ela 27. febrarja 42. edicjon revije Primorska poje, ki je lietos posve@ena 20-letnici, odkar je Slovenija ratala samostojna. U programu je 33 koncertu (4 cierkunih piesmi): 19 na slovenski an 13 na italijanski strani (na Goriœkim, Tar¡aœkim an u uidanski provin@i); adan na Rieki, na Harvaœkem. Med 206 pevskimi zbori, ki sodelujejo na Primorski poje, jih bo 5 iz Bene@ije. U petak 11. mar@a ob 20.30 u cierkvi Sv. Janeza Krstnika u Boljuncu, na Tar¡aœkim, bo pieu repertoar pobo¡nih piesmih (#astito, Jezus je ustal od smrti, Ave Marija, Misa criolla: Gloria) zbor Tri doline/Tre valli iz Kravarja, pod vodstvan Francesce Marie Gussetti. Zbor Naœe vasi iz Tipane bo pieu, pod vodstvan Davida Clodiga, u nediejo 20. mar@a, ob 14.30, u Kulturnem domu u Ukvah, u Kanalski dolini (pieli bojo ljudske Jest san an buog cigan, Oj le pridi, Liepa moja Marjanca) na koncertu Koroœka in Primorska pojeta. U saboto 26. mar@a, ob 20. uri, u Kulturnem domu u Postojni, bo pod vodstvan Nina Specogne, zbor Pod lipo iz Œpietra

S

pieu ljudske piesmi iz #anebole (Or parœu sen @ez gmajnico, San meu no ljubico, Bon œla na goro visako, Biela lunca kako prijazno sije). Moœki pevski zbor Matajur iz Klenja bo, pod vodstvan Davida Clodiga, pieu u saboto 2. obrila ob 20.30 u Kulturnem domu u Jamljah œtier ljudske piesmi (Je pa davi, Zabu@ale gore, Po vrt œpancira, Rezijanska). Na zadnjim koncertu lietoœnje Primorske poje, bo u nediejo 17. obrila, ob 17.00, u prestorih Info centra Tnp u Trenti, Barœki oktet iz Barda, ki ga vodi Davide Klodi@, pieu posebni vi@jezi@ni repertoar pod naslovan Brez meje (O ljudje dolin, Il ballerino, In all my dreams, I dream of you). U nediejo 10. obrila u Zavarhu, u Terski dolini, bojo u cerkvi Sv. Florijana, z za@etkom ob 15.30, pieli: meœani pevski zbor Du Cerkno iz Cerknega; moœka vokalna skupina Œumljak iz Ajdovœ@ine; ¡enska vokalna skupina Breginj iz Kobarida; moœki pevski zbor Lopar iz Kopra; oktet Soto@je iz Ajdovœ@ine an meœani pevski zbor Sontius iz Nove Gorice. Primorsko poje organizajo Javni sklad Republike Slovenije za kulturne dejavnosti, Zveza pevskih zborov Primorske, Zveza slovenskih kulturnih druœtev, Zveza slovenske katoliœke prosvete iz Gorice in Zveza cerkvenih pevskih zborov iz Tarsta.


15. marca 2011

IZ NAŒIH DOLIN

stran

7

KOOPERATIVA MOST bo predstavila dvije bukva, ki jih je izdala na koncu lanskega lieta in ki so ¡e v prodaji

Matajur 18. mar@a v Œpietru, »Luna an buskalce« 25. v Gorenjim Tarbiju ➔ V slovenskim kulturnim centru bo tudi razstava fotografij, ki jih je nardiu Marco Gorenszach. V »Oknu na slovanski sviet« bo za Gariupa »Beneœko gledaliœ@e« ● J. B. ooperativa Most iz #edada, ki izdaja petnajstdnevnik Dom, je lan izdala tud dvie lepe bukva povezane s teritorijam in ljudmi Nediœkih dolin: fotoalbum Marca Gorenszacha »Œtirje letni @asi na Matajurju - Le quattro stagioni del Matajur« in dolgo pripovedovanje Adriana Gariupa »Luna an buskalce - La luna e le lucciole«. V parvi publikaciji je amaterski fotograf Marco Gorenszach zbrau narbuj lepe fotografije, ki jih je nardiu na Matajurju narlievœi gori Bene@ije in ki ka¡ejo ljudi, navade, floro in favno ujete v obiektiv v œtierih lietnih cajtih. Fotoalbum, ki je zagledu lu@ sveta 3. di@emberja na »Matajurskem vi@eru« v Kobaridu, bo kooperativa Most v sodelovanju s Planinsko dru¡ino Bene@ije predstavila v petak 18.

K

mar@a, ob 19.30, v slovenskim kulturnim centru v Œpietru. Pozdravili bojo œpietarski œindik Tiziano Manzini, predsednik Planinske dru¡ine Giampaolo Della Dora in predsednik kooperative Most Bepo Qualizza. O bukvah bo spregovoriu direktor Kobariœkega muzeja ˘eljko Cimpri@, ki je kot amaterski fotograf sodelovau par dvieh »@ezmejnih« kolendarjih, ki ju je izdala kooperativa Most v sodelovanju s kamuni Tipana in Kobarid. Le tisti vi@er bojo v prestorih Centra odparli razstavo fotografij tud drugih fotografij Marca Gorenszacha, ki jih nie v fotoalbumu. Razstava bo odparta do konca miesca obrila. Predstavitev bukvi Adriana Gariupa »Luna an buskalce - La luna e le lucciole« bo pa an tiedan potlè, se prave v petak 25. mar@a, ob 18. uri, v Gorenjem Tarbiju, v prestorih Okna na slovanski sviet. O Ga-

Adriano Gariup in Marco Gorenszach riupovem dielu bo spregovoriu muzicist Antonio Qualizza doma iz Sriednjega, medtem ko bojo nekateri @lani Beneœkega gledaliœ@a prebrali odlomke iz bukvi. V telem dolgem pripovedovanju je Adriano Gariup zbrau spomine iz mladih liet, kàr je mlad puob za@eu odkrivat sviet okuole sebe, ljudi svoje vasi in probleme svoje buj œaroke skupnosti.

Œe posebe interesant so odnosi mladega protagonista z njega o@etam, v katerih se vidijo razlike dvieh mentalitet. V predgovoru je avtor napisu: »Kar je v telih bukvah napisano, je no malo biografi@no, avtobiografi@no an je sad muojga razmiœljanja. Upam, de bo branje zbudilo spomine v Bene@anih, ki so ¡ivieli v tistih lietah.«

PRESENTATO A CIVIDALE il volume «Campanili e campane del Cividalese e delle Valli del Natisone»

Quando le campane scandivano la vita ella Slavia, «il messaggio delle campane giungeva a tutti gli orecchi e alle menti negli angoli più remoti. Era una cadenza naturale del ritmo della vita quotidiana». Così mons. Mario Qualizza, parroco e vicario foraneo di San Pietro al Natisone ha concluso il proprio intervento domenica 6 marzo a Cividale, nel centro «San Francesco» alla presentazione del volume «Campanili e campane del Cividalese e delle Valli del Natisone». L'opera, ideata e pubblicata dall'associazione «Scampanotadôrs furlans», raccoglie in maniera sistematica una serie di schede fotografiche arricchita con dati tecnici, notizie storiche, aneddoti e informazioni dettagliate su un patrimonio censito in ben 14 comuni delle foranie di Cividale e San Pietro al Natisone. Un lavoro andato avanti per mesi, con il presidente del sodalizio Renato Miotti sempre in fila su e giù per i campanili di ben 96 chiese, a misurare, annotare iscrizioni e toccare con mano le campane. Commosso ha voluto ringraziare tutte le persone incontrate durante il cammino,

N

V Åedadu so predstavili knjigo o zvonikih in zvonovih «dai parroci ai sacrestani e ai tanti custodi delle chiavi di chiese e campanili, senza la cui disponibilità ad aprire porte e a raccontare frammenti di vita locale, il lavoro non sarebbe stato portato a compimento in maniera così dettagliata». «È un'operazione culturale unica nel suo genere, non solo per il Friuli-Venezia Giulia, ma per tutta l'Italia», ha commentato l'assessore regionale all'Associazionismo Roberto Molinaro, intervenuto alla

presentazione. Ne è uscito uno spaccato che fotografa un patrimonio di quelle che sono «vere opere d'arte – come ha sottolineato Molinaro – e nello stesso tempo simboli di una forte identità comunitaria che per secoli hanno svolto la funzione di comunicare i principali eventi dei paesi, scandendo i tempi della vita individuale e collettiva». Il volume è il primo tassello di quella che sarà una mappatura completa di tutti i

campanili e le campane presenti sull'intero territorio regionale. Ovvero una collana di volumi che segue idealmente un'operazione che il sodalizio, insieme al Centro regionale di catalogazione e restauro di Villa Manin di Passariano, ha già avviato da anni. E che si è tradotto in un archivio informatico, con tanto di registrazione dei suoni delle campane (reso possibile dalla collaborazione attiva con la ditta Simet di Tavagnacco), che già si può apprezzare collegandosi a www.beniculturali.regione.fvg.it del Centro regionale, oppure a www.scampanotadors.org, sito dell'Associazione. E non hanno certo tempo per annoiarsi i campanari nostrani che sono anche gli organizzatori di un prestigioso appuntamento. Si tratta del 51° raduno nazionale dei suonatori di campane, per la prima volta ospitato nella nostra regione, in cartellone proprio a Cividale del Friuli, sabato 11 e domenica 12 giugno. Nella città ducale si attende l'arrivo di quasi un migliaio di appassionati campanari da tutta Italia e delegazioni provenienti anche da Austria, Slovenia e persino Inghilterra.

MONS. MAZZOCATO ha visitato la forania di Cividale

Rilanciare il convegno Il vescovo a Oborza e Ciubiz diocesano sulla montagna a necessità di proseguire con rinnovato impegno nel Convegno diocesano sulla montagna è stata espressa dal vicario foraneo, mons. Mario Qualizza, nel corso dell'ultimo consiglio foraniale che ha avuto luogo martedì 1° marzo nella canonica di San Pietro al Natisone, alla presenza del direttore del consiglio, Simone Bordon, dei parroci don Rinaldo Gerussi, don Natalino Zuanella e don Federico Saracino, nonché dei rappresentanti laici delle varie parrocchie delle Valli del Natisone. Il convegno sulla montagna, secondo mons. Qualizza, dovrebbe tenersi in chiave pastorale ed essere finalizzato alla riscoperta ed alla valorizzazione delle risorse spirituali delle Valli del Natisone. Per quanto riguarda la visita ad Aquileia di Papa Benedetto XVI, prevista per i prossimi 7 e 8 maggio, tutta la forania è invitata a una partecipazione corale. Se verrà raggiunto un certo numero di adesioni verrà organizzato un pullman con partenza da San Pietro. I convenuti al consiglio foraniale si sono, inoltre, impegnati a svolgere il programma pastorale proposto dall'Arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, sulla base del quale si sta valutando l'opportunità di realizzare un ciclo di incontri sul Vangelo di Matteo.

L

a visita pastorale dell’arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, a tutte le foranie ha toccato il cividalese e le sue valli nell'ultima settimana di febbraio e si è conclusa domenica 27 con una solenne concelebrazione conclusiva nel duomo della città ducale. Nella mattinata di sabato l’arcivescovo si è recato nella parrocchia di Prepotto, accompagnato dal parroco, da padre Olindo e dall'arciprete di Cividale, mons. Livio Carlino. Nelle comunità di Ciubiz e di Oborza ha trovato la calda accoglienza da parte della popolazione che, seppur poco numerosa, ha onorato l'evento con gran sentimento. Con essa ha condiviso alcuni momenti di preghiera, promettendo di replicare la visita una volta terminato questo lungo percorso di conoscenza del territorio che lo sta tuttora impegnando. A Oborza ha, inoltre, desiderato conoscere la decana del paese, la signora Irma, recandosi direttamente nella sua abitazione: un gesto che ha colpito i presenti e ha riflettuto la sua cordialità e il suo voler porsi come un padre e una guida per tutti i fedeli. Durante la visita alla forania di Cividale, mons. Mazzocato ha visitato anche le comunità di lingua slovena nei comuni di Torreano e Faedis.

L

KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Umaru je misijonar p. Emilio Crisetig

● ● V saboto 5. mar@a popudan se je v cierkvi svetega Pavla par #erne@jah zbralo puno ljudi iz vsieh kraju, da bi dalo zadnji pozdrav dehonianskemu misijonarju patru Emiliju Crisetigu, ki je umaru v Bolognano Arco, v provinci Trento, kjer je pre¡iveu svoje zadnje dni. Imeu je 85 liet. Pater Crisetig se je biu rodiu na Varhu, v kamunu Sriednje lieta 1926. Stopu je v red Dehonianu, se veœuolu in biu posve@en v duhovnika lieta 1952. Biu je tudi publicist, saj je pisu za poznani katoliœki tiednik »La settimana«, ki izhaja v Bologni. Podkopali so ga v britof par svetin Pavle.

5.850 primule per la solidarietà ●●

Sono 5.850 le primule che sono state vendute nelle Valli del Natisone e nel Cividalese, domenica 6 febbraio, in occasione della giornata della Vita. Il ricavato delle primule vendute nella sola forania di San Pietro al Natisone è stato di 2.900 euro. Di questi, ci riferisce la referente della Caritas, verranno assegnati 2.200 euro alla Cooperativa Melograno per ragazzi disabili, che ha sede a Reana del Rojale; 500 euro verranno devoluti al Centro aiuto alla Vita di Udine e il resto sarà utilizzato dalla Caritas per offrire un aiuto alle persone in difficoltà, che risiedono sul territorio. La referente ringrazia la comunità delle Valli del Natisone e i referenti che, nei vari paesi, si occupano direttamente della vendita delle primule, per il fondamentale contributo dato all'iniziativa. Ringrazia, inoltre, le comunità parrocchiali di Vernassino, Tercimonte, Savogna e Montemaggiore per l'importo che ogni anno devolvono all'associazione e che quest'anno è di 700 euro. La referente, infine, ricorda che la raccolta degli indumenti si terrà sabato 24 maggio.

Patentino per funghi, corso in Comunità ● ● Alla Comunità montana del Torre, Natisone e Collio, sono aperte le iscrizioni ai corsi di preparazione al colloquio, al fine di conseguire l'autorizzazione regionale (patentino) che abilita il possessore alla raccolta dei funghi epigei nella Regione Friuli-Venezia Giulia. Le lezioni verteranno sulla conoscenza e riconoscimento delle più diffuse specie regionali di funghi eduli e velenosi, delle norme vigenti in materia di raccolta e trasporto, dei corretti metodi di preparazione e conservazione dei funghi raccolti e del loro peculiare rapporto con l'ambiente Chi fosse interessato deve redigere domanda di iscrizione (il modello è scaricabile dal sito www.cmtorrenatisonecollio.it) che dovrà pervenire al protocollo generale dell'ente entro e non oltre il 1° aprile 2011. Le iscrizioni sono aperte a tutti i cittadini maggiorenni, residenti nei comuni della Comunità montana del Torre, Natisone e Collio, che intendono conseguire l'autorizzazione. Ogni corso avrà una durata complessiva di 16 ore ed è gratuito.


8

IZ NAŒIH DOLIN

stran

15. marca 2011

QUATTRO CONSIGLIERI non hanno accettato la revoca dell’incarico di vicesindaco e assessore a Paolo Cariola KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

18. mar@a v Petjagu ob@ni zbor »Auser« ●●

Druœtvo »Auser« Nediœkih dolin bo imielo ob@ni zbor v petak 18. mar@a ob 19. uri v Petjagu. Predsednica za Nediœke doline, Rita Gueli, vabe vse @lane, de bi guorili kupe med drugim o prora@unu lieta 2010 in o programu za lietoœnje lieto. Glavna to@ka bo pa poro@ilo o sestanku pod naslovan «Dopo Venezia-La città che apprende», ki je biu v Benetkah. Podala ga bo Loredana Czerwinsky Domenis. Na ob@nim zboru boio predstavili tudi program za lietoœnje lieto. »Auser« je Onlus, to se pravi neprofitna organizacija, v kateri dielajo parlietni ljudje, de bi pomagali tistin, ki imajo potriebo. S tem Auser ¡eli pokazati, de so v donaœnji dru¡bi starejœi ljudje lahko œe koristni. V penziji so, ampa imajo œe puno energij in nieso samuo brieme za te mlade. Organizacija Auser se je rodila 5. maja lieta 1989 na pobudo Cgil in Spi. Donas v celi Italiji œtieje 300.000 @lanu, ima 40.000 prostovoljcu in sodeluje s 1.500 organizacij. Predsednik je Michele Mangano. V Nediœkih dolinah, kot »Univerza vsieh staruosti« skarbi na posebno vi¡o za razne te@aje, ki se odvijajo v Œpietru, A¡li in Podutani, in za socialni turizem. Organizira tudi kulturne prireditve. Lahko uœafate vse informacione tud' na spletni strani www.auser.it. Posebno za Furlanijo Julijsko krajino je stran www.auser.it/fvg/. #e pa ¡elite sodelovati z Auser Nediœke doline lahko piœete na naslov elektronske puoœte auser. natisone@gmail.com.

Savogna, la maggioranza si spacca Si dimettono in 8 e cade il sindaco ➔ Paolo Cariola, Damiano Dus, Stefano Gosgnach e Luca Vacca accusano Marisa Loszach di politica «unilaterale» ● R. D. anto tuonò che piovve. Erano mesi che la maggioranza da quasi due anni alla guida del comune di Savogna scricchiolava. Negli ultimi giorni di febbraio la situazione è esplosa. E il 7 marzo tre consiglieri della maggioranza, assieme ai cinque dell’opposizione, si sono dimessi. L’amministrazione è decaduta ed è arrivato il commissario regionale. In precedenza, il 28 febbraio, quattro dei consiglieri della lista «Innovare con slancio» (Paolo Cariola, Stefano Gosgnach, Damiano Dus e Luca Vacca), cioè metà del gruppo di maggioranza, avevano firmato una mozione di revoca del sindaco, Marisa Loszach, alla quale restava il sostegno di soli tre membri dell'assemblea comunale (Donatella Iuretig, Davide Medves e Renzo Massera). Il malcontento nei confronti dell'operato del sindaco serpeggiava tra gli stessi consiglieri di maggioranza già alla fine della scorsa estate. A Loszach si imputava la rinuncia al contributo di 40 mila euro per opere pubbliche elargito dalla Comunità montana in base alla legge di tutela della minoranza slovena, la lettera al ministro degli Esteri, Franco Frattini, contro la scuola bilingue di San

T

Pietro, il documento col quale si chiedeva di consegnare a Cividale le gestione delle Valli del Natisone. Poi è esplosa la questione dei cartelli bilingui, con l'imposizione da parte della prima cittadina di una grafia priva di fondamento scientifico, fatto che ha suscitato l'ilarità degli esperti di toponomastica, provocato una forte reazione da parte della Regione e costretto la giunta municipale a un rapido dietrofront. A dicembre, inoltre, sono arrivate le dimissioni del responsabile dell'area tecnica comunale, Paolo Braidotti. È stata quest'ultima vicenda a far saltare il banco. Ottenuta la disponibilità di un altro professionista, Claudio Campestrini del Comune di Cividale, di fronte ai tentennamenti del sindaco, i quattro consiglieri di maggioranza il 23 febbraio avevano chiesto la convocazione di un consiglio comunale straordinario per esaminare la questione. Per tutta risposta, il 25 febbraio la Loszach aveva revocato a Paolo Cariola l'incarico di vicesindaco e assessore con la motivazione di aver «in più occasioni scritto in rappresentanza dell'ente comunale senza preventivamente informare il sindaco» e di essersi «personalmente recato presso enti e istituzioni senza aver condiviso le iniziative in essere, creando con queste sue azioni

Marisa Loszach unilaterali profondo disagio ed imbarazzo al sindaco». Un'accusa di lesa maestà, dunque, nei confronti di un vicesindaco impegnato solo a svolgere al meglio le proprie funzioni al servizio della comunità. Di conseguenza, l'altro assessore, Stefano Gosgnach, aveva rassegnato le dimissioni (dovute al «massimo rispetto verso coloro che mi hanno eletto e che mi stimano», ha scritto), denunciando l'atteggiamento autocratico della prima cittadina e la mancata realizzazione delle promesse elettorali. Quindi, crisi aperta, decaduta la maggioranza che reggeva il comune dalle elezioni del 2009 e mozione di sfiducia. I quattro firmatari l'avevano motivata dettagliatamen-

te. Innanzitutto stigmatizzavano la revoca del vicesindaco, decisione presa senza consultazione con la maggioranza, e dando atto che Cariola «a differenza del sindaco ha sempre portato avanti in maniera trasparente iniziative e proposte». Quindi affermavano di non condividere la politica «antidemocratica e unilaterale» della Loszach che «non permetteva agli assessori di svolgere liberamente le proprie deleghe». Gosgnach, Cariola, Dus e Vacca accusavano la prima cittadina anche «di aver ostacolato la sopravvivenza della Pro loco», di non aver ben gestito la Protezione civile, di aver voluto «escludere la giunta per avere un controllo diretto del Comune». Grave, infine, l'accusa di aver tentato di mettere zizzania tra i consiglieri. «Il sindaco – si legge nella mozione di revoca – ha cercato gli scriventi telefonicamente o personalmente, utilizzando metodi a nostro avviso mielosi, subdoli e fasulli, andando dal primo parlando male del secondo e poi dal secondo parlando male del primo», al fine «di portare a termine un progetto premeditato e studiato a tavolino», finalizzato, secondo i quattro, ad «annientare chi la pensava diversamente». Anche per questo, tre consiglieri di maggioranza (Cariola, Dus e Gosgnach) e i cinque dell’opposizione (Paolo Cernotta, Lorenzo Cernoia, Bo¡ica #rnec, Germano Cendou e Marino Gosgnach) non hanno voluto attendere la votazione della sfiducia e si sono dimessi. Tutti a casa. Si voterà nella primavera del 2012.


15. marca 2011

IZ NAŒIH DOLIN

stran

9

BENEŒKI PLANINCI so na obn@nem zboru v Œpietru vebrali nono vodstvo in sparjeli program za lietoœnje lieto

Planinska dru¡ina Bene@ije ¡eli pove@ati œtevilo @lanu in dejavnost ➔ Stari in novi predsednik Giampaolo Della Dora pod@artu slave to@ke v bogatim delovanju druœtva. Dielali bojo, de bi jih popravili ● Ilaria Banchig laninska dru¡ina Bene@ija ima nou direktiv. Na ob@nem zboru, ki je biu v petak 26. febrarja, v slovenskem kulturnem centru v Œpetru, so beneœko-slovenski planinci izvolili sedam @lanu: Alvaro Zantovino, Germano Cendou, Igor Tull, Dante Cencig, Giampaolo Della Dora, Daniela Lauretig in Joœko Cucovaz. Na parvi seji v sriedo 9. mar@a so za »parvega planinca« potardili Giampaola Della Dora. Na ob@nem zboru je bluo vzduœje zaries parjateljsko. Parœlo je puno doma@ih planincu in predstauniku planinskih druœteu iz zamejstva in Slovenije. Stari in novi predsednik Planinske dru¡ine je v svojim govoru poviedu, de se je œtevilo @lanu zni¡alo. Lieta 2008 jih je bluo 115, sada pa samuo 88. Zmanjœala se je tud' prisotnost na aktivnostih. Puno ljudi se je udele¡ilo izletu, ki so jih organizali kupe s planinskimi druœtvi Gorica, Kobarid in Cai Valli del Natisone. Na ostalih izletih je bla udele¡ba slabœa. Sevieda, bo novo vodstvo dielalo, de bi popravilo tele slave to@ke. Della Dora je spomnu, de 24. otuberja je Pdb praznovala desetlietnico otvoritve ko@e »Dom na Matajure«. Na telo veselico je parœlo puno ljudi, predvsiem parjatelji in sodelauci od drugih druœtev. »Dom na Matajure – je jau predsednik – je narbuj veliki ponos, ki ga ima naœe druœtvo, zatuo bomo lietos poskuœali urediti upravljanje doma na narbuojœo vi¡o.« Med drugimi novuostimi gostje, ki bojo parœli v ko@o, na bojo vi@ pla@ali prostovoljni prispevek, ampa

P

bojo lahko koristili ugodnosti ko@e samuo, @e bojo postali podpuorni @lani druœtva. Podpuorna @lanarina bo koœtala 2 eura. »Na ¡alost – je dodau Della Dora – so nimar le tisti @lani, ki skarbijo za odpartje ko@e. Odlo@ili smo se, de vsiem @lanam, ki bojo pomagali, de bi biu Dom na Matajure odpart, bo druœtvo dalo majhan denarni prispevek.« Takuo, je upanje, de bojo predvsiem mladi imieli vi@ motivacije. Od telega lieta ima Planinska dru¡ina Bene@ije tud' spletno stran (www.pdbenecija.it), na kateri so vse informacjone gor mez izlete in druge aktivnosti. Predsednik je vabu vse doma@e planince na sodelovanje par organizaciji sre@anja slovenskih planinskih druœtev, ki se nahajajo ob konfinu, saj bo lietos na Solarjah 12. junja. Na ob@ni zbor so parœli tud' predstavniki planinskih druœtev iz Ajdovœ@ine, Nove Gorice, Kobarida, Bovca, Goriœkih Brd in Gorice, de bi pozdravili in @estitali Planinski dru¡ini Bene@ije za nje aktivnosti in uspehe. V svojem pozdravu je predstavnik Pd Ajdovœ@ina jau, de so planinci parvi podarli konfin med Italijo in Slovenijo, zatuo ki so brez parpustinc hodili po gorah na adni in drugi strani konfina. Na ob@nem zboru so pokazali tud' fotografije, ki so jih nekateri @lani Pd napravli, kàr so poliete lani dosegli varh Kilimangiara (5895 m), narbuj vesoke gore v Afriki. Sledila je »planinska« veselica. Valentino Floreancig in Silvio Iuretig sta arzveselila z ramonikami celo Planinsko dru¡ino in njene goste. Seviede nie manjkalo za jesti in piti.

12. junja na Solarjeh sre@anje slovenskih planinskih druœteu

KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Raste œtevilo ljudi, ki hodijo po@ivat v #arni varh

udi letos ima Planinska dru¡ina Bene@ije bogati in pestri program. Vsako saboto od 5. mar@a do 12. maja je v bazenu v #edadu te@aj plavanja. Da bi T se vpisali, lahko pokli@ete Flavijo in Francesca (0432709942). V nediejo 20. mar@a bo izlet v »Jamo«, za katerega je odgovoren Igor (0432727631). Miesca obrila so v programu v nediejo 10. senjam Svetega Kocjana v Sar¡enti (odg. Igor); od petka 22. do pandiejka 25. (se pravi med velikono@nimi prazniki) treking na Korziki, (odg. Alvaro 3200699486); 25. na velikono@ni pandiejak tradicionalni pohod na Malo goro (odg. Livio 3397476244). V saboto 1. maja bo tradicionalni pohod na Krn (odg. Pavel 3482299255), med tem ko bo 22. maja avtobusni iz let v Ro¡no dolino/Rozental na Koroœkim v Avstriji (odg. Joœko 3284713118 in Daniela 0432714303); v saboto 28. maja bo tek prijateljstva Su¡id/Nokula (odg. Igor). V nediejo 12. junja bo na Solarjah sre@anje slovenskih planinskih druœtev, za katere so odgovorni vsi @lani Planinske dru¡ine Bene@ije. V saboto 25. in v nediejo 26. bo pohod po vesoki rozajanski poti (odg. Pavel in Boris 048181965). Miesca luja bo od petka 1. do nedieje 3. romanje v Piran (odg. Germano 0432709942 in Daniela) in od petka 15. do nedieje 17. bo tradicionalni pohod skupaj s Pd Kobarid (odg. Germano). Miesca voœta je v programu samo delovna akcija senosekov in grabi@a pri ko@i »Dom na Matajure«; potekala bo od sabote 13. do pandiejka 15. V nediejo 4. œetemberja bo »Praznik gore« na Matajurju, za kater so odgovrni vsi @lani Pd; v nediejo 11. œetemberja bo pohod na Banjœko planoto (odg. Boris) in v nediejo 25. œetemberja kupe s Cai Valnatisone pa na Tudaio (2140 m) (odg. Antonio De Toni). Od otuberja do di@emberja bo vsako sriedo in petak, v telovadnici v Œpetru telovadba (odg. Flavia in Daniela), medtem ko bo vsako saboto te@aj plavanja v bazenu v #edadu (odg. Flavia in Francesco). V nediejo 16. otuberja bo v #rnem Vrhu Burnjak (odg Dante 3357764573), par organizaciji katerega lahko vsi sodelujejo. Za sladka jedila bojo poskarbiele vse ¡enske Pd. V nediejo 6. novemberja bo spominski pohod na Me@ano kupe z Anpi Nediœkih dolin (odg. Daniela in Daniele 0432727557), medtem ko bo v nediejo 20. novemberja izlet v neznano (odg. Igor). V nediejo 4. di@emberja bo Miklav¡ev pohod na Krasji Vrh (Dre¡nica). V saboto 31. in nediejo 1. januarja 2012 bo silvestrovanje v ko@i za @lane in parjatelje Planinske dru¡ine.

●●

Lansko lieto je bluo na po@itnicah v @enavarœkem faru¡u 172 ljudi, od otruok do odraslih. Arspartjeni so bli v 12 skupinah. Lepe dni so pre¡ivieli v vasi in v sano¡etah in hostah okuole nje. Tuole ne samuo poliete, pa tudi za Bo¡i@, Nove lieto an Svete tarije kraje. Tele œtevilke so ¡e dobre, a lahhko œe zrastejo lietos in v prihodnjih lietah. Faru¡ so prerunali v po@itniœki dom lieta 2007 s finan@nim prispevkam, ki ga je dala Videnska provinca. Nastavli so veliko in moderno kuhinjo, s katero se more poskarbieti za jedilo puno ljudi. Pa je sada prestor za samuo 25 gostu, saj je tuole œtevilo preno@iœ@. Pravijo, de @e bi se preno@iœ@a pove@alo na 35, bi biu hram buj aktraktivan. Famoœtar mons. Mario Qualizza je veseu za dose¡ene rezultate, glih takuo tudi @enavarœki farani. Farne skupine, ki hodijo v #arni varh parnaœajo ¡ivljenje v vas. Zatuo se troœtajo, de bojo ljudje œe naprej hodili na po@itnice h njim in @e bo le mo@, bojo pove@ali œtevilo mest v faru¡u. Sevieda je za tuole trieba uœafati potriebne sude, saj je fara majhana in ubuoga.

OD 25. DO 27. FEBRARJA so bli v Kobaridu @etarti dnevi beneœke kulture. V ospredju Tipana in nove publikacije po slovensko

V Poso@ju ob@udujejo »nediœke« Slovence ➔ Ker ohranjajo svoj doma@i jezik in so zelo aktivni na kulturnim podro@ju judje iz Poso@ja z ob@udovanjam gleL dajo na Bene@ane. »Kakuo lepuo varjete svoj doma@i slovenski jezik. Kakuo ste aktivni na kulturnim podro@ju. Koliko bukvi in cedeju parpravljate in izdajate«, so pravli œtevilni obiskovalci ¡e @etartih dnevu beneœke kulture v Poso@ju. Lietos projekt se je odviju od 25. do 27. febrarja pod naslovam »Bene@ija v skupnim slovenskim kulturnim prestoru«. Pobudnik beneœkih dnevu v Kobaridu je kulturno druœtvo »Stol« z Breginja, ki jih parpravlja v sodelovanju s Fundacijo »Poti miru v Poso@ju«, z Javnim skladan za kulturne dejavnosti-obmo@na izpostava Tolmin, z Ob@ino Kobarid in Inœtitutom za sloven-

sko kulturo. V petak je v prostorah Fundacije biu tradicionalni pogovorni vi@er. V ospredje so postavili ob@ino Tipana. Prisotne je pozdravila kobariœka ¡upanja Darja Hauptman, natuo se je predsednik Fundacije Zdravko Likar pogovarju s tipajskim œindakam, ki je Elio Berra. Sodelovala je tudi Miriam Simiz, predsednica druœtva »Prosnid ¡ivi«. Na dan so parœli veliki problemi, ki jih ima Tipana, de bi pre¡iviela, pa tudi znamunja za buojœe jutre in ¡elja po sodelovanju s sosednjimi kraji v Poso@ju, predvsiem z Breginjskim kotam. Pred izjemno œtevilno publiko sta zapiela zbor »Naœe vasi« iz Tipane in vo-

Antonio Trinco in Silvana Buttera razstavljata lesene maske

Drama »Lena iz Tapoluovega«

Bepo Qualizza pozdravlja v domu Andreje Manfrede kalna skupina »Stol« iz Breginja; zaplesala je Folklorna skupina Razor iz Tolmina. Odparli so tudi razstavo mask, ki jih iz lesa teseta Silvana Buttera in Antonio Trinco iz Ruonca. Predstavila ju je Marina Cernetig z Inœtituta za slovensko kulturo. Razstava je na ogled v prestorah Fundacije do 27. mar@a, od pandiejka do sabote od 8. do 15. ure. Drugi vi@er se je odviju v saboto v prostorah doma »Andreja Manfrede« in ga je zaznamovala predstaviteu novih slovenskih publikacij, ki so izœle v videnski provinci. V imenu Inœtituta za slovensko kulturo je Jole Namor pod@artala bogato sodelovanje med Slovensko manjœino v videnski provinci in Poso@jam. »Tle se zaries ustvarja slovenski skupni kulturni prestor«, je jala. Natuo je predstavila »Trinkov koledar 2011«, ki ga je izdalo kulturno druœtvo »Ivan Trinko«, kakor tu-

di zbierko »Mlada lipa«, ki jo je opisala Lucia Trusgnach. Za zadrugo »Most« se je predsednik Bepo Qualizza zahvalu organizatorjam za ponujeno parlo¡nost in pohvalu izredno dobre odnose, ki potekajo na relaciji Bene@ija-Kobarid. Glavni urednik Doma Ezio Gosgnach je pa predstavu bogato dielo zadruge. V zadnjih miescah so napravili bukva »Œtirje letni @asi na Matajurju« s fotografijami Marca Gorenszacha in »Luna an buskalce« s spomini Adriana Gariupa, »@ezkonfinski« kolendar ob@in Tipana in Kobarid in druge, »Beneœki dnevnik«. Tik ob izidu je cd »Usakdanje besiede« – uredil ga je Riccardo Ruttar –, s katerin se bojo otroci pa tudi odrasli igrali in spoznali doma@i in literarni slovenski jezik. Parpravlja se tudi ilustrirana zgodovina Nediœkih dolin in se je v Domu pojavu roman »Kaplan Martin #edermac« v

stripah, ki jih riœe Moreno Tomasetig. V imenu kulturnega druœtva »Re@an« je Aldo Clodig predstavu cd in bukvaca Sejma beneœkih piesmi ter cd »Zarnje duha«. Za œtudijski center »Nedi¡a« je Michela Predan opisala monografijo »Tin Piernu« in vse dejavnosti, ki so povezane z arhivam tar@munskega fotografa. Œpela Mrak je na koncu guorila o radijski oddaji »Pismo iz Zamejstva«, ki je vsak tiedan na postaji »Alpski val« iz Tolmina. Vi@er je povezovala kulturna delavka Vida Skvor, ki je duœa »Beneœkih kulturnih dnevu v Poso@ju«. Godli so harmonikarji œpietraske glasbene œuole. V nediejo je v kobariœkim kulturnim domu Beneœko gledaliœ@e pod re¡ijo Marjana Bevka uprizorilo zahtevno dramo »Lena iz Tapoluovega«, ki jo je napisu Giorgio Banchig. Pred œtevilno publiko je na oder stopilo kar 15 igralcu razli@nih generacij: od u@encu dvojezi@ne œuole do ljudi, ki so ¡e v penziji. Kakor na »Dnevu emigranta« je glavno vlogo igrala Cecilia Blasutig.


10

TERSKE DOLINE

stran

15. marca 2011

IL PARROCO DELLA FRAZIONE DI LUSEVERA chiede di risollevarla dalla condizione di marginalità in cui è relegata KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Cergneu ricorda don Veronesi

Cultura a Villanova delle Grotte perché il paese ritrovi l’identità ➔ Don Renzo Calligaro: un centro di aggregazione nell’edificio che faceva da chiesa dopo il terremoto sarebbe un ottimo punto di partenza per la promozione di lingua e territorio ● Larissa Borghese

●●

Nel primo anniversario della morte, le comunità di #arnea/Cergneu, Konole@/Vallemontana e Karnica/Monteprato si sono riunite in preghiera per ricordare il parroco don Flaviano Veronesi. La santa messa in suffragio è stata celebrata nel pomeriggio di domenica 27 febbraio nella chiesa di Cergneu. Vi hanno preso parte numerosi parrocchiani e amici, i familiari, i collaboratori della pastorale diocesana del lavoro e i sacerdoti della forania di Nimis. «È passato un anno – ha detto il vicario foraneo mons. Rizieri De Tina rivolto al defunto sacerdote –, ma non ci siamo dimenticati di ciò che hai fatto. Ci hai lasciati troppo presto e ci conforta solo il pensiero che lassù dove tu sei stai meglio di noi quaggiù. E da là riesci a fare per noi più di ciò che avresti potuto fare restando qui».

Giovani di Cormons a Taipana

stituire a Villanova delle Grotte un centro culturale e di aggregazione per permettere alla gente del paese di riappropriarsi del passato, della lingua, della cultura ed identità, che le sono propri. Lo ha proposto don Renzo Calligaro, da ben 38 anni parroco a Villanova delle Grotte e a Lusevera, nel corso della recente assemblea del Centro ricerche culturali di Lusevera, che ha eletto Viljem #erno a presidente del sodalizio. Nel direttivo sono stati nominati anche lo stesso don Calligaro, Flavio Cerno, Giordano Micottis e Maura Merchiol. Luisa Cher ha mantenuto l'incarico di segretaria. Interpellato dal Dom, il parroco sottolinea la necessità di risollevare Villanova dalla condizione di marginalità in cui è relegata da decenni, sia dal punto di vista fisico, che sul piano culturale e politico, dal momento che è l'unica frazione a non avere un rappresentante in comune. «Dal punto di vista culturale – afferma don Calligaro – credo che la prima causa di marginalità di Villanova sia da attri-

I

Vas Zavarh v obåini Bardo v visoki Terski dolini

don Renzo Calligaro buire alla distanza. Lusevera è, infatti, molto più dinamica e culturalmente vivace, e forma con le vicine frazioni di Vedronza e Pradielis un triangolo, attorno al quale ruotano gli altri paesi del comune». Ma non è stato sempre così. Un tempo Villanova era un centro fiorente che non si è più ripreso dopo la crisi finanziaria del 1933 e la cacciata di don Pio

Collino, allontanato in pieno regime fascista perché fermo sostenitore della lingua slovena e del suo utilizzo in chiesa. La gente non ha più avuto fiducia in se stessa, negli anni è stata espropriata della cooperativa, della latteria, delle grotte (che rappresentano un rilevante polo di attrazione turistica), la cui gestione è passata in mano ad altri. L'istituzione di un centro culturale e di aggregazione nell'edificio in cui, dopo il terremoto, i fedeli si radunavano per la messa, sarebbe un buon punto da cui ripartire. L'idea di don Calligaro è di fare dell'edificio, ristrutturato dal Comune al quale era stato donato dalla Curia, un centro collegato con quello di ricerche a Lusevera e volto alla promozione del locale patrimonio linguistico e

culturale. Patrimonio attualmente valorizzato perlopiù in chiesa attraverso le letture e i canti nel locale dialetto sloveno. Nel frattempo è stato ultimato il recupero dell'organo Kacin, acquistato a Gorizia ne 1925. Il ripristino dello strumento verrà festeggiato il prossimo 10 luglio, con una messa solenne nella chiesa parrocchiale di San Floriano, alla quale seguirà un concerto tenuto dal celebre organista di Lubiana, Dalibor Miklav@i@. All'evento sono stati invitati anche rappresentanti della vicina Slovenia, tra i quali l'arcivescovo di Lubiana, mons. Anton Stres, il ministro per gli sloveni all'estero, Boœtjan ˘ekœ, l'intellettuale Ciril Zlobec e il prefetto di Tolmino, Zdravko Likar.

IL COMUNE DI TAIPANA protagonista della prima delle tre serate culturali della Slavia friulana nell’alta valle dell’Isonzo

Il futuro sta nella collaborazione con Kobarid ➔ Segnali di rinascita grazie a giovani imprenditori ● ● Con una bella ed interessante esplorazione alla grotta Doviza ha ripreso la collaborazione tra il Centro ricerche carsiche «C. Seppenhofer» e il Centro giovani Cormons. Un folto gruppo di giovani, anche alle prime armi in grotta, si è cimentato nell'esplorazione della classica e suggestiva cavità dell’Alta Val Torre. Accompagnati da alcuni speleo esperti, ha potuto apprendere i primi rudimenti di tecnica e progressione nei meandri. Ancora una volta la zona di Villanova delle Grotte si è dimostrata un ambiente ideale per promuovere questa pratica. La giornata esplorativa poi, si è conclusa nel rifugio speleologico di Taipana dove i giovani hanno potuto conoscere il lavoro da loro svolto nell'ambito dell'esplorazione delle cavità situate nel territorio.

uesti incontri rappresentano un'utile occasione per fare emergere future opportunità di collaborazione, per intrecciare nuove amicizie e per evidenziare i punti in comune». Con queste parole il sindaco di Kobarid, Darja Hauptman, ha salutato il folto pubblico che venerdì 25 febbraio, a Kobarid, negli spazi della fondazione «Poti miru v Poso@ju» ha assistito alla prima delle tre serate culturali della Slavia friulana-Bene@ija. La serata è stata dedicata in particolare al comune di Taipana, che da anni collabora intensamente con i vicini paesi in Slovenia. Numerose sono le occasioni d'incontro (delle quali sono state proiettate alcune immagini nel corso della serata) che hanno come cornice soprattutto le lo-

«Q

Miriam Simiz, Elio Berra in Zdravko Likar v Kobaridu calità di Ponte Vittorio e Prossenicco, dov'è molto attiva la pro loco «Amici di Prossenicco», presieduta da Alan Cecutti. Il presidente della fondazione, Zdravko Likar, ha dapprima offerto una descrizione dettagliata sulle peculiarità naturali della valle, dove sgorga il Natisone e dov'è possibile visitare la grotta di Villanova, la più grande in regione, e poi ha introdotto il protagonista della serata, il sindaco di Taipana, Elio Berra. Ad affiancarlo Miriam Simiz, originaria di Prosenicco e insegnante presso la scuola

Riaperte le grotte di Villanova ●●

Si è aperta domenica 6 marzo la nuova stagione delle grotte di Villanova in comune di Lusevera. Nei mesi di marzo, aprile, maggio, giugno e settembre si potranno visitare tutte le domeniche e i giorni festivi (compreso il 17 marzo) dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18. Il lunedì di Pasqua (25 aprile) orario continuato dalle 10 alle 18, come in tutte le domeniche e i festivi di luglio e agosto. A ottobre e novembre l’apertura sarà dalle 10 alle 12 e dalle 13.30 alle 16.30.

Ætevilna publika v prostorih fundacije »Poti miru v Posoåju«

bilingue di San Pietro al Natisone. Dall'intervento di Berra, tenuto in uno sloveno arricchito da termini russi, retaggio della sua lunga esperienza lavorativa in Ucraina (ha tradotto anche in lingua italiana un libro di poesia di un poeta locale), è emerso il quadro realistico di un politico che, attualmente al quarto mandato, ha visto troppe volte deluse le sue aspettative di rilancio della montagna, che di fatto non è mai stato realizzato dagli enti competenti. A Taipana, ha fatto sapere il primo cittadino, c'è qualche segnale di rinascita per il futuro, dovuto soprattutto all'imprenditorialità di giovani che hanno deciso di avviare la propria attività in montagna, ma che sono penalizzati dalla scarsità di finanziamenti, dalla lentezza dei tempi burocratici, e da una politica che drena alla pianura i soldi destinati allo sviluppo delle aree montane. Berra ha, infatti, sottolineato come da otto anni a questa parte, nonostante tre riforme della Comunità montana – ora dovrebbe diventare Unione dei comuni delle Valli del Torre – non sia stato realizzato un solo programma di sviluppo della montagna. A questo va aggiunto il disinteresse manifestato verso le aree montane delle Valli del Torre dall'Agen-

zia per lo sviluppo economico della montagna-Agemont e dal Gal. Ma serve ben altro per mettere in ginocchio un'amministrazione comunale che negli anni ha saputo fare fronte al progressivo spopolamento, attualmente conta circa 700 abitanti (70 anni fa ammontavano a 3.500 unità), comprando alcune case e mettendole a disposizione di immigrati. Inserito nel territorio di applicazione della legge di tutela della minoranza slovena, il comune ha chiesto l'istituzione in loco di una scuola bilingue, ha collocato tabelle toponomastiche bilingui, ha posto due monumenti commemorativi bilingui dedicati ai caduti nella prima guerra mondiale e al sacerdote partigiano Agostino Cernetig ed è ben consapevole della necessità di rafforzare la collaborazione con i comuni della valle dell'Isonzo, in particolare con Kobarid, per la realizzazione di alcuni progetti comuni. La tutela della locale lingua slovena si esplica nel comune di Taipana anche nell'attività letteraria di scrittori e poeti, quale l'ex sindaco Sandrino Coos, che ha letto una sua poesia. La serata, presentata da Vida Œkvor e organizzata dalla Fondazione «Poti miru» in collaborazione con il circolo culturale Stol di Breginj, il comune di Caporetto, il Fondo pubblico di Tolmino per le attività culturali e l'Istituto per la cultura slovena di San Pietro al Natisone, è stata arricchita dall'esibizione del gruppo folkloristico «Razor» di Tolmin, nonché del coro femminile di Breginj e del coro di Taipana «Naœe vasi», che in chiusura, sotto la direzione dei rispettivi maestri, Vera Clemente Koji@ e Davide Clodig, hanno cantato alcune canzoni insieme.

● L. B.


15. marca 2011

REZIJA/KANALSKA DOLINA

stran

11

INTERVISTA CON LA MAESTRA PAOLA COSS sulle iniziative per scongiurare la chiusura delle scuole in valle

L’insegnamento bilingue può salvare il plesso scolastico della Val Resia ➔ La legge di tutela della minoranza slovena può rappresentare l’ancora di salvezza per gli alunni ● Sandro Quaglia on l'entrata in vigore della riforma Gelmini molte scuole di montagna, con un numero limitato di iscrizioni, sono a rischio chiusura. Anche a Resia questa prospettiva è concreta. Per approfondire l'argomento abbiamo incontrato la maestra Paola Coss, persona di esperienza, che conosce bene la realtà della valle e insegna nella scuola dell'infanzia di Resia dal 1978. Visto l'esiguo numero di iscrizioni, quali sono le possibilità per il mantenimento del plesso scolastico? «È prevista una deroga che di fatto allunga i tempi di applicazione del dimensionamento della rete scolastica. In base a questo provvedimento i nuovi parametri fissano il numero minimo di 20 alunni per la scuola dell'infanzia, 30 per la scuola primaria e 36 per la scuola secondaria. L'allungamento dei tempi di applicazione delle nuove norme deve consentire una seria condivisione di intenti tra scuola, comuni e genitori per cercare le soluzioni più opportune e meno traumatiche per i bambini e le famiglie. Per questa ragione sarà necessario operare in modo sinergico senza disperdere energie o sprecare tempo prezioso». Quali sono le iniziative che potrebbero concretamente essere messe in atto dall'istituto comprensivo Zardini, di cui Resia fa parte, per dare una prospettiva alla scuola? «Ritengo opportuno l'avvio di collaborazioni con i centri scolastici limitrofi, creando i cosiddetti plessi aperti e praticando modalità di insegnamento innovative di interscambio a fini didattico-educati-

C

vi, come ad esempio la videoconferenza o la lavagna interattiva multimediale. Per agevolare queste interazioni sarebbe necessaria la massima collaborazione tra le amministrazioni dei comuni coinvolti». In questo momento di difficoltà quali potrebbero essere le azioni utili da parte dei genitori, delle associazioni e dell'amministrazione comunale per allontanare la possibile chiusura? «I genitori, le associazioni e l'amministrazione comunale dovrebbero opporsi nettamente alla soppressione del plesso scolastico, in quanto lo stesso ha tutte le caratteristiche per essere mantenuto. Inoltre, Resia ha un patrimonio culturale da salvaguardare e in questo la scuola riveste un ruolo fondamentale. Il regime di salvaguardia (minoranza linguistica slovena) in questo ci viene incontro. D'altronde la scuola è un presidio fondamentale per la permanenza della popolazione in loco». Una tra le ipotesi prese in considerazione è quella di portare i bambini nei centri scolastici di Moggio Udinese, Venzone o Tolmezzo. Cosa ne pensa? «Il plesso scolastico di Resia offre un fondamentale servizio a questo territorio e gli attuali tempi di percorrenza, per il raggiungimento della sede scolastica, sono già particolarmente impegnativi per gli alunni da non poter essere allungati ulteriormente. I trasferimenti con lo scuolabus risultano, inoltre, già dilatati in concomitanza con i rigori della stagione invernale che causano notevoli problemi alla viabilità. Pertanto rimanere all'interno della valle ha per i bambini indubbi vantaggi». Le offerte formative proposte da centri scolastici numericamente importanti so-

KRATKE - BREVI - KRATKE

(

Kratke Brevi brevi kratke

Il resiano si salva nell’ambito sloveno

Naœe piesme naœe wï¡e nadëjo 27 dnuw favrarja populdnë tu-wnë w Naborjetu tu-w tin biniœkin pala@u jë bil pra¡antän dan növi diœko, ka jë zdëlala naredit naœa Komunità Montana iz be@i od lë@i 26, ka skräbi za to slavinsko minoran@o, ka jë tu-w naœi regjuni. Iso lë@ jë jo naredila naœa Regjun lëta 2007 po lë@i, ka jë bil naredil naœ parlament lëta 2001, lë@ numer 38. Ta-na isamo diœo so wü¡e z Rezije anu z Kanalske dulïne. So wü¡e od toga möœkaga kora »Monte Canin«, od toga ¡ënskaga kora »Ro¡e Majave«, so wü¡e od rozajanskega folklora od tih mali od kora »Monte Canin«. Z Kanalske dulïne so wü¡e od kora Viœarski oktet, od kora Mangart, od kora ka pujë tu-w carkvë t u wnë w Ukvah anu od utruk od œkule ka jë tu-wnë w ˘abnicah. To jë napïsanu po laœkin anu-tej wsak jë tël - po näœ anu po njeh. To jë löpu vidët bodi æi za-nas bodi æi za-nje, da kaku rumunïmo. Anu to jë löpu vïdët, da muæ bisid jë par. Te din na pra¡antacjun so römunïli veæ jeh. Komisar od Komunità montane, Gianni Verona, po njamo jë römonil œindïk od Malborghetta, Alessandro Oman. Na jïmë od aso@acjuni »L'età dell'Acquario«, ka jë naredila isi diœko jë römonil Fabrizio Colloredo ka an jë pra¡antäl dëlu ka jë bilu narëd. Po njamo so römunïli pa Federico Martina od toga möœkaga kora Monte Canin, Catia Quaglia od toga ¡ënskaga kora Ro¡e Majave ano Pamela Pielich od toga rozajanskaga folklora. To jë löpu se zarobilo ziz naœin pleson.

W

no sempre le migliori? «L'offerta formativa del plesso scolastico di Resia risulta adeguata, come dimostrano gli esiti delle prove Invalsi finalizzate alla valutazione degli apprendimenti degli alunni che collocano le scuole dell'Istituto comprensivo di Pontebba al di sopra della media italiana e anche al di sopra della media del Nord-est. Nonostante la presenza di pluriclassi non è venuta meno la qualità dell'insegnamento». A Taipana si è intrapreso l'iter burocratico per proporre anche in quel comune l'esperienza della scuola bilingue di San Pietro al Natisone. Cosa ne pensa di quel modello di scuola? «La scuola bilingue di San Pietro al Natisone è un modello di scuola che valuto positivamente in quanto per i bambini apprendere più lingue, soprattutto in tenera età, è sempre un arricchimento. Inoltre, come già dimostrato a San Pietro, la scuola bilingue, per la qualità dell'offerta formativa proposta, attira anche alunni che abitano in zone lontane da quel comune. Pertanto, se ci saranno le condizioni, il percorso intrapreso a Taipana potrebbe essere proposto anche a Resia».

● ● Il dialetto resiano si salvaguarda nell’ambito delle leggi di tutela della minoranza slovena. «Non ci sono le condizioni» per modificare la legislazione dello Stato e inserire tra le minoranze linguistiche il resiano. Lo ha spiegato l'assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Elio De Anna, nel corso di un question time in Consiglio regionale. «Il principio – ha detto De Anna – non può prevalere sulla sostanza, e la sostanza è che il resiano si insegnà già a scuola, a Resia, come incremento dell'offerta formativa in attività extracurricolare. La mia proposta – ha aggiunto – è di continuare con l'insegnamento del resiano, i fondi in finanziaria ci sono già». In precedenza, un'analisi analoga sul tema del resiano e sulle istanze degli abitanti di Resia, era stata fatta dal presidente del Comitato paritetico per l'applicazione della legge di tutela della minoranza linguistica slovena, Bojan Brezigar.

Slovenski pouk v Kanalski dolini

VE#ER SLOVENSKE KULTURE v organizaciji srediœ@a »Planika« privabil œtevilno ob@instvo v bivœo mlekarno

Otroci iz Kanalske doline so v Ukvah pokazali, kaj so se nau@ili po slovensko ➔ Nastop doma@ih in ¡abniœkih œolarjev ter u@encev glasbene œole red œtevilnim ob@instvom se je 25. februarja v bivœi mlekarni v Ukvah odvijal Ve@er slovenske kulture v Kanalski dolini, ki ga ¡e mnogo let prireja krajevno kulturno srediœ@e Planika v sodelovanju s glasbeno œolo »Toma¡ Holmar«. V svojem pozdravnem govoru je predsednik Planike Rudi Bartaloth razlo¡il, da je ve@er slovenske kulture prilo¡nost, da otroci poka¡ejo starœem to, kar so se nau@ili - in to bodisi na izbirnih te@ajev srediœ@a bodisi na pouku v œolah, pri katerem Planika ¡e zdavnaj sodeluje. Bartaloth je œe spomil na desetletnico izglasovanja zaœ@itnega zakona za slovensko manjœino ter pod@rtal ugodnosti, ki bi jih ustrezno izvajanje tega zakona nudilo Kanalski dolini. Œe posebej 21. @len spodbuja gospodarski razvoj goratih obmo@ij; posebnega pomena je tudi 12. @len, ki predvideva u@enje slovenskega jezika tudi v videnski pokrajini in torej podpira ohranjanje slovenske govorice v Kanalski dolini. Prireditev je potekala pod geslom »Otroci za otroke«. Pod skrbnim vodstvom u@iteljic Alme in Eve, so bili prvi na vrsti otroci osnovne œole iz Ukev, ki so posebno pozornost namenili pesniku Francetu Preœernu. Zapeli so »Zdravljico« in predstavili osnovne podatke iz Preœerno-

P

vega ¡ivljenja in dela. Vredna omembe je tudi majhna predstava, ki so jo pripravili po Preœernovem delu »Turjaœka Rozamunda«. Program so nadaljevali u@enci izbirnih te@ajev slovenskega jezika na kulturnem srediœ@u Planika z lepljenkama »Rad bi« in »Svet v barve ujet«, ki so ju uredili s pomo@jo u@iteljice Katarine. Za glasbeno popestritev ve@era so poskrbeli pa gojenci glasbene œole Toma¡ Holmar, ki so igrali na klavir in harmoniko. Ve@era slovenske kulture so se udele¡ili tudi u@enci osnovne œole iz ˘abnic, ki so kot »Paglav@ki iz ˘abnic« predstavili to, kar so se nau@ili pri pouku z u@iteljico Jano. Letoœnje sodelovanje z osnovno œolo iz ˘abnic ima posebni pomen, saj jo bodo @ez nekaj mesecev zaprli, kot smo ¡e poro@ali. Bartaloth je izrazil upanje, da bodo odgovorni naœli ustrezno reœitev za otroke, ki obiskujejo tamkajœnjo œolo. V duhu sodelovanja s sosednjima dr¡avama so prireditev zaklju@ila dekleta lutkovne skupine slovenskega prosvetnega druœtva »Srce« iz Dobrle vasi/Eberndorf (avstrijska Koroœka) in sicer s predstavo »Skozi @as«. Na prireditvi, ki so jo priredili pod pokroviteljstvom Ob@ine Naborjet-Ov@ja

Gli alunni di Ugovizza alla serata della cultura slovena vas in Gorske skupnosti za Guminsko, ˘elezno in Kanalsko dolino, je bil tudi Alfredo Sandrini, predsednik krajevnega nemœkega kulturnega druœtva »Kanaltaler Kulturverein«. Bartaloth ga je posebno pozdravil ter povabil k sodelovanju, saj bi skupen nastop vseh jezikovnih skupnosti doline veliko dosegel vsem v prid. Med publiko so bili œe trbiœka odbornica za kulturo Nadia Campana ter naborjeœki odbornik za kmetijstvo Daniele Zelloth, ki je pod@artal pozornost, ki jo slovenskemu jeziku namenja Omanova uprava. Ob@ina Naborjet-Ov@ja vas in Gorska skupnost za Guminsko, ˘elezno in Kanalsko dolino finan@no krijeta pouk slovenskega jezika za teko@e œolsko leto. Vseeno potrebujejo v Kanalski dolini si-

stemsko reœitev glede pou@evanja slovenskega jezika, saj niti financiranje za naslednje œolsko leto œe ni gotovo. To bo verjetno eno izmed glavnih vpraœanj na sre@anju, ki ga bosta organizirala Sso in Skgz v sodelovanju s srediœ@em Planika in ki bo 2. aprila v Beneœki pala@i v Naborjetu. Na ve@eru v Ukvah je bila prisotna predsednica Skgz za vidensko pokrajino Luigia Negro, medtem ko je de¡elni predsednik Sso Drago Œtoka poslal pozdravno pismo. Organizatorjem sta pisno @estitala tudi slovenski veleposlanik v Rimu Iztok Miroœi@ in de¡elni odbornik za kulturo Elio De Anna.

● Luciano Lister

●●

Pou@evanje slovenskega jezika v Kanalski dolini œe vedno sloni na prizadevanju in sodelovanju med Slovenskim kulturnim srediœ@em Planika iz Ukev in Ob@ino Naborjet-Ov@ja vas, ki obenem nekako poskrbi za finan@no kritje pobude. Pou@evanje slovenœ@ine in nemœ@ine œoloobvezni mladini je bila tako osrednja tema sre@anja med de¡elnima svetnikoma Igorjem Gabrovcem in Igorjem Kocijan@i@em z ¡upanom iz Naborjeta Alessandrom Omanom in predsednikom Sks Planika Rudijem Bartalothom. Sestanka v prostorih de¡elnega sveta v Trstu se je udele¡il tudi vodja urada za slovenske œole pri de¡elnem œolskem ravnateljstvu Toma¡ Sim@i@. De¡elna svetnika Gabrovec in Kocijan@i@ sta se obvezala, da bosta tudi v sodelovanju s svetnikom iz vrst Tondove ve@ine (in nekdanjim trbi¡kim ¡upanom) Francom Baritussiom preverila mo¡nost, da bi se reœitev naœla v okvirih uresni@evanja de¡elnih zakonov za slovensko in nemœko govore@o skupnost. Prav tako gre preveriti mo¡nost @rpanja dodatnih sredstev iz namenskih evropskih programov, ki pa nimajo zna@aja trajnosti. Sicer bi bilo najbolje, ko bi organik u@nega osebja v tamkajœnjih œolah predvideval tudi figuro u@itelja slovenskega jezika. O vpraœanju pou@evanja slovenœ@ine v videmski pokrajini (na mizi je predlog o dvojezi@ni œoli v Tipani), kjer naœa skupnost trenutno œe vedno razpolaga le z eno dvojezi@no œolo, sta se de¡elna svetnika pogovarjala tudi s senatorko Bla¡ina in s predsednikoma krovnih organizacij Skgz in Sso.


12

POSO@JE

stran

15. marca 2011

VLADIN PREDLOG, da bi bila Primorska ena sama pokrajina s sede¡em v Kopru, je naletel na ostro nasprotovanje KRATKE NOVICE KRATKE

(

Kratke novice kratke novice

Film o reki So@i nagrajen v Trstu

Delitev Slovenije na œest pokrajin buri duhove na Goriœkem ➔ Deljenja mnenja med posoœkimi ¡upani. Bre¡an za ve@je regije. Haptmanova za goriœko pokrajino ● Miran Miheliå

Trenutek reke/ Il tempo del fiume je dokumentarni film o reki So@i Anje Medved in Nadje Veluœ@ek, ki je na festivalu Alpi Giulie Cinema 2011 v Trstu prejel nagrado Scabiosa Trenta za najboljœi film, postajavlja gledalca pred premislek, kako je reka dinami@na, te@e s @asom, ljudje ob njej pa v marsi@em stojijo tam na mestu, v @evljih svojih predsodkov, kot vrbje. ˘irijo je prepri@ala jasna misel re¡ije in scenarija, kot tudi dokumentarna vrednost filma. Ta opaznost govori o pozitivnem @ezmejnem signalu, ki prihaja iz goriœkega Kinoateljeja, producenta filma, iz katerega veje duh ljudi dobre volje treh sosednjih narodov v tem mestu. Ocenjevalna ¡irija, letoœnjega 17. mednarodnega festivala Alpi Giulie Cinema, ki se je zaklju@il 24. februarja, je v obrazlo¡itvi nagrade zapisala, da je ¡elela ovrednotiti prodornost filma, ki ga nadgrajujeta odli@na fotografija in mojstrska monta¡a. Kljub »po@asnemu toku reke«, se ne omejuje le na ob@udovanje prelepe pokrajine ob njej, ampak ta spregovori skozi besede doma@inov, ki skozi trenutek reke vidijo leta nazaj in ¡elijo odgovorno usmeriti pogled naprej. Osebe pred kamero nimajo samo formalne vloge, ampak so ¡ivo zrasle s pokrajino, reko, v celoviti zgodbi. ●●

Tudi letos akcija »O@istimo Poso@je«

ladin predlog za delitev Slovenije na œest pokrajin, kjer bi bila Primorska le ena pokrajina, buri duhove na Svernem Primorskem. Nekatera goriœka druœtva in civilno zdru¡enje Forum za Goriœko, ki zajema obmo@je od Nove Gorice do Trente razmiœljajo celo, da bi predlagala odpoklic svojega poslanca Boruta Pahorja iz Dr¡avnega zbora. Za mnenje smo vpraœali posoœke ¡upane. Danijel Krivec, ¡upan ob@ine Bovec, meni, »da dokler niso jasne pristojnosti, viri financiranja in drugi zakonski okviri in kako bodo prenesli funkcije iz dr¡ave na te pokrajine, se te¡ko pogovarjamo o œtevilu pokrajin. Obe reœitvi imata svoje prednosti in slabosti.« Darja Hartman, ¡upanja ob@ine Kobarid, je mnenja, »da je bolje, da pokrajini ostaneta dve. Na tak na@in smo bli¡je posameznikom in la¡je poskrbimo za dolo@ene stvari lokalnega zna@aja. Pri stvareh, ki so zastavljene œirœe, pa se œe vedno lahko pove¡emo.« Uroœ Breœan, ¡upan ob@ine Tolmin, je bil ¡e od za@etka skeptik. »Glede na to, kako se jih lotevajo, ne vidim mo¡nosti, da bomo pokrajine res dobili – pravi –. Predvsem menim, da jih moramo œe vsebinsko opredeliti. V zvezi z njih velikostjo pa se nagibam k ve@jim pokrajinam, kot boljœi reœitvi, ker bodo te bolj primerljive z razmeroma velikimi pokrajinami v Evropski uniji.«

V

Ali se bodo nove slovenske pokrajine zgledovale po æestih ækofijah? Iz Foruma za Goriœko so poslali pismo predsedniku vlade Borutu Pahorju. Gre za opozorilo o vsestranskem siromaœenju in upravnem zapostavljanju Goriœke na ra@un prednostne gospodarske osi Maribor- Koper. Pri vladi in ministrici za lokalno samoupravo Duœi Trobec Bu@an menijo, da bi bilo v Sloveniji smiselno oblikovati le œest pokrajin (Ljubljansko, Mariborsko, Celjsko, Murskosoboœko, Novomeœko in Koprsko), med katerimi vidi skupno Primorsko s sede¡em v Kopru, ostro protestirajo. Kot je za javnost povedal Boris Nemec, predsednik Foruma za Goriœko, ¡e leta pismo oblikujejo in poœiljajo vladi sugestije in pobude, nastale na javnih razpravah na to temo. Njih trajno in nedvoumno sporo@ilo je, da mora Goriœka,

lahko imenovana Severna Primorska ali Poso@je…, dobiti svojo regijo. Udele¡enci razprave (@lani Foruma, zdru¡enja borcev Nob, druœtva Tigr iz obmo@ja Goriœke, druœtva za kakovost bivanja in drugi) poudarjajo, da so dr¡avi ¡e neœtetokrat pojasnili argumente v prid samostojni goriœki pokrajini. »Zahtevamo dosledno spoœtovanje v Sloveniji zgodovinsko uveljavljenega policentrizma, zagotovitev dr¡avnih spodbud za hitrejœi razvoj ekonomskih in dru¡benih potencialov zahodne Slovenije, ne le zaradi naœih dr¡avljanov, ampak tudi za oporo enotnemu slovenskemu kulturnemu prostoru na zahodni meji. Pri tem je spomnil na za Goriœko nesprejemljivo namero, da bi novogoriœko podru¡nico Nove Ljubljanske banke pripojili koprski enoti.

POSOŒKI ˘UPANI zahtevajo œirokopasovne povezave na celotnem teritoriju

Internet tudi do kmetij na samem

Po lanskoletni uspeœni @istilni akciji O@istimo Slovenijo v enem dnevu so letos s pomo@jo posoœkih ob@in, Komunale Tolmin, turisti@nih druœtev, œportnih in drugih organizacij, krajevnih skupnosti ter posameznikov ponovno zdru¡ili mo@i na obmo@ju Zgornjega Poso@ja v @istilni akciji O@istimo Poso@je 2011. Tudi letos je koordinator akcije za vse tri posoœke ob@ine Turisti@na zveza Gornjega Poso@ja. S to akcijo ¡elijo nadgraditi doslej opravljeno delo. Z organiziranjem skupne @istilne akcije ¡elijo o@istiti Zgornje Poso@je kot tudi krepiti sodelovanje in povezovanje med druœtvi, gospodarstvom in javno upravo, promovirati in krepiti zaupanje v delo nevladnih organizacij, motivirati mlade za vklju@evanje v delo nevladnih organizacij in nenazadnje prikazati, kakœen je doprinos prostovoljcev k ohranjanju narave, na kateri temeljijo strategije turisti@nega razvoja ob@in v Poso@ju. ˘elijo si predvsem dolgoro@nih u@inkov akcije, zato so v tednih do akcije potekala predavanja z namenom osveœ@evanja in informiranja o odpadkih.

osoœki ¡upani pri vladi protestirajo, ker »pozablja« na nevzdr¡ne razmere, zaradi katerih nekatere doma@ije, ki so brez internetne œirokopasovne povezave, nimajo z drugimi primerljivih mo¡nosti za sodobno gospodarjenje, ki jim omogo@a konkuren@no poslovno pre¡ivetje in napredovanje. Ljudje v strmih bregovih Poso@ja te¡ko ¡ivijo doma, @e se vozijo v slu¡bo dale@ v mesta pa imajo velike stroœke s prevozom in izgubo svojega prostega @asa. Da bi odprli sami neko obrt pa je prav tako te¡ko, @e do njih hiœe ni speljano œirokopasovno (internetno) omre¡je. Npr. v ob@ini Tolmin naj bi bilo brez te mo¡nosti kar 1800 hiœ (40% od vseh), ki so raztresene po raznih planotah. Glede na to, da same ob@ine niso uspele pri vladi dose@i prav ni@, se je konec lanskega leta, le nekaj ob@in Severne Primorske, ki imajo podobne te¡ave, povezalo v konzorcij in so se s projektom za œirokopasovno povezavo skupaj prijavilo na razpis Ministrstva

Posoœke ob@ine obdarile novorojen@ke slovenskih ob@inah prejmejo starœi za novorojen@ke en V kratno denarno pomo@. Z njo si

➔ Da bi sodobno gospodarile in napredovale ●●

V Ustavi Republike Slovenije so pokrajine v okviru dr¡avne ureditve opredeljene kot samostojen upravno politi@ni teritorialni podsistem lokalne samouprave. S spremembo ustave so bile leta 2006 vzpostavljene ustavne podlage za dejansko izvedbo decentralizacije. 143. @len ustave zagotavlja pokrajinam pravni status samoupravnih lokalnih skupnosti s pravico do pokrajinske samouprave in neposredno izvoljenimi predstavniœkimi organi. Opravljajo lokalne zadeve œirœega pomena, ki jih sicer opravljajo ob@ine, in zadeve regionalnega pomena, ki jih dolo@a zakonodaja. Zakona o ustanovitvi pokrajin sprejme Dr¡avni zbor RS z dvotretjinsko ve@ino navzo@ih poslancev in ob predhodnem sodelovanju ob@in.

P

za visoko œolstvo, znanost in tehnologijo. Pred kratkim pa jih je omenjeno ministrstvo obvestilo, da niso bili uspeœni na razpisu. Tista vodstva ob@in, ki doslej œe niso razumela prednosti Severne Primorske regije, si bodo morda sedaj la¡je odprla o@i, da le nekaj ob@in nima dovolj volivcev… Gre za ve@ projektov in samo ta je bil vreden 37 milijonov evrov. Potem bodo lahko z uspeœnim projektom to te¡avo reœili v letu in pol, zdaj pa se morajo boriti dokaj dolgotrajno s prito¡bo na sklep, s to¡bami proti ministrstvu in dr¡avni revizijski komisiji itd., itd.

Kot primer so navedli vasi Zadlaz ˘ab@e, ki je le œtiri kilometre oddaljen od Tolmina in vendar nima telefona in tako tudi ne interneta. Celo v dru¡bi Tera na #iginjskem polju, sicer internet imajo, vendar pa jim povezava ve@krat izpade, sedaj, ko so ljudje v vasi Vol@e montirali digitalne televizorje. Vpraœanje je ali se bodo ob@ine regionalno povezale vsaj pri takih projektih ali bodo raje pla@evale iz prora@unov, namesto, da bi ta sredstva porabile za ¡e na@rtovane potrebe.

● M. M.

mlada dru¡ina pomaga pri po ve@anih stroœkih, ob rojstvu otroka. V ob@inah Upravne enote Tolmin se je v letu 2010 rodilo 110 novorojen@kov. Viœino en kratne denarne pomo@i za novorojence za posamezno prora@unsko leto s sklepom dolo@ijo ob@inski sveti posameznih ob@in, ob sprejemanju prora@una in se giblje okoli 200 evrov na novoro jen@ka. V minulem letu je bilo na Bovœkem 31 novorojen@kov, kar je najmanj v Poso@ju. Tudi sicer ima ta ob@ina najmanj prebivalstva, kar je tudi posledica mo@nega izseljevanja mladih ljudi v minulih desetletjih. Na Kobariœkem je lani prijokalo v dolino veselih ljudi kar 42 novorojen@kov, v ob@ini Tolmin pa le 37. Veliko bolj se veselijo ¡ivljenja verni Kanalci, saj se je v tej ob@ini, lani, rodilo kar 61 otrok, vendar za pet manj kot v letu prej. V tej ob@ini so ob rojstvu otroka prejeli starœi 400 evrov, podobno kot v N. Gorici, kar je precej ve@ kot drugje v Poso@ju.


ŒPORT

15. marca 2011

stran

13

PER LE FORMAZIONI delle Valli del Natisone, il migliori risultatati arrivano dalla Prima categoria del campionato amatoriale

Savogna e Drenchia/Grimacco dettano legge nel Collinare ➔ Nel campionato di Promozione la Valnatisone non riesce a staccarsi dalla zona retrocessione ● Bepo Qualizza ra le formazioni delle Valli del Natisone, sono le squadre del «Collinare» ad ottenere importanti risultati fuori casa, mentre tra i Dilettanti la Valnatisone non riesce a sganciarsi dalla parte bassa della classifica. È un peccato che nell'incontro casalingo con la Reanese la prima squadra della Benecia non abbia raccolto il risultato pieno. Con gli ospiti decimati da squalifiche e defezioni, lo 0-0 finale è stato un vero regalo. Va recitato il meaculpa per aver gettato alle ortiche un’occasione che difficilmente si presenterà in fatto di conquista di punti salvezza. È seguita, poi, la sconfitta con il minimo scarto (1-0) patita sul campo del Caporiacco, che invischia ulteriormente la Valnatisone nella lotta per la salvezza. Continua il momento nero per gli Juniores, che sono incappati nella quinta

T

sconfitta consecutiva: dopo quella subita a Cervignano per 3-2, è seguita quella sul campo di casa per 2-1 ad opera della capolista Union '91 L'1-0 iniziale a favore della Valnatisone aveva dato l'illusione di riuscire a concludere con un risultato positivo. Va alla grande, invece, la formazione Allievi, che ha consolidato il primato in classifica dopo aver regolato con un perentorio 4-0 a Udine il Chiavris e un altrettanto sonante 4-1 a San Pietro la Reanese 4-1. I Giovanissimi hanno ottenuto un prezioso pareggio per 1-1 con il Buttrio, ma si sono arresi per 2-1 a Reana, complici anche sostituzioni non azzeccate e fatte troppo frettolosamente. Si diceva del momento d’oro delle squadre del «Collinare». Il Drenchia/Grimacco pizzeria «Le Valli» ha collezionato due vittorie che l’hanno avvicinata alla vetta: 2-1 a Merso di Sopra con il Turkey-Pub e stesso

Blaœ Laharnar (Drenchia/Grimacco) punteggio a Orgnano. L'altra formazione di Prima categoSos Putiferio Savogna, mantiene il ria, l'S primato in classifica, avendo colto due vittorie esterne: 3-1 sul campo del Carpacco e 2-1 a Majano. In Seconda categoria, la Savognese ha vinto per 3-1 sul campo di casa con-

tro l'Arcobaleno e ha pareggia 0-0 con l’Adorgnano, seconda forza del girone, in una gara dove si è assistito alla sagra delle occasioni sprecate soprattutto tra gli ospiti. Nel girone Amatoriale Figc, la sconfitta per 1-0 col Mossa sul campo di casa è costata al Real Pulfero. Ma si è trattato di un incidente di percorso, poiché nella gara esterna con La Rosa i valligiani si sono imposti per 4-0. Sorridono nel calcetto le ragazze delAudace donne, grazie ai pareggi con lo l'A stesso risultato di 3-3, colti in casa con Pocenia e a Manzano con Le Iene. Riprenderanno questa fine settimana i campionati primaverili per Esordienti e Pulcini che non troveranno le stesse squadre del girone di andata. Ciò provoca disappunto agli Esordienti delAudace che sono stati inseriti in un gil'A rone per nulla agevole in fatto di trasferte, a esempio San Daniele. Sconvolti anche i gironi dei Pulcini come quello dove è inserita la Valnatisone. Vi sono state tolte alcune formazioni e aggiunte altre, tanto da portare a 11 le squadre del raggruppamento. Così la conclusione del torneo è stata protratta al 25 maggio.

VSE JE ZA#ELO PRED 30. LIETI s polietnim turnirjam na Livku, kjer nastopajo ekipe z obieh strani

Tudi nogomet in mali nogomet brez meje Œtevilni igralci iz Poso@ja v beneœkih ekipah ➔ Œport pomaga par zdru¡evanju in parjateljstvu med ljudmi si vemo, da œport pomaga par V zdru¡evanju in parjateljstvu med ljudmi. V zadnjih lietah smo tuole videl' tudi v Bene@iji, kjer v œtevilnih ekipah nogometa in malega nogometa vidimo igra@e iz Kobariœke ob@ine. Na fotografiji (na desni roki) je ekipa Polisportiva Valnatisone, ki igra v skupini B parve kategorije Zveze Malega nogometa. Zgoraj od te @eparne roke so Oton in Primo¡ Zabreœ@ak iz Jevœ@ka, Tine Medved iz Livka (ki igra tudi za Savognese), potlé so Bene@ani Alessandro Osgnach in trener »Œimana«; spodaj so Kim Smrekar z Livœkih Ravn (igra tudi za Garmak/Dreka pizzeria Le Valli), Luca Lavaroni in Andrea Toma-

Nuovi vertici al Gs Natisone

● Lorenzo Paussa

meseca februarja se posoœki œportposlavlja z velikim uspeOd hom. Poleg odli@nih rezultatov teka@ev,

Grahelj ter si zaslu¡eno osvojile zlato medaljo. Punce so se dobro odrezale tud v »borbah«, kjer je Bov@anka Zala Kuœtrin osvojila œe eno zlato medaljo. Treba je povedati, da je Zala v tej disciplini ¡e ve@ let dr¡avna prvakinja. Sedaj trenira pri karate klubu Postojna. Kati Florjan@i@ trenira karate vse od tretjega razreda osnovne œole. Za@ela je œe v Karate klubu Tolmin, izpopolnila pa se je v Karate klubu So@a. Visoko zastavlje-

Elena Cumer e Serena Spagnut ● ● Non si ferma la marcia delle ragazze Under 16 della Polisportiva San Leonardo, sempre in testa alla classifica del proprio girone. I parziali confermano lo stato di forma di questo sestetto. A Pasian di Prato le nostre si sono imposte per 3-1 (2514, 25-22, 18-25 e 25-22) e la formazione locale forse è la più ostica fin qui incontrata. Senza storia l'incontro a Merso di Sopra contro l'ultima in classifica, 3-0 (25-6, 259 e 25-10). Sono giunti al termine delle loro «fatiche» i maschi di Prima divisione che hanno terminato all'ultimo posto con un punto in classifica, sconfitti per 3-0 dall'Aurora Volley e, nell'ultimo incontro casalingo, dalla Flusystem. In questa partita, l’unica nota positiva, se così si può dire, è il set perso col punteggio di 27-25, mentre negli altri, più o meno in tutte le gare di questo campionato, raramente i nostri ragazzi hanno raggiunto i venti punti. Coraggio, aspettiamo cose migliori nel prossimo campionato.

● M. M.

Karate navduœuje

ha, 3. mesto pa Sara ˘ohar, Liam Zalar, Gaœper Pejiæ in Ana Florajn@i@. Za enokora@ni boj Kik je bil drugi Martin Kav@i@, tretji pa ¡iga Kravanja. Tekmovali so tudi v katah, kjer so prislu¡ili najve@ medalj, med drugimi tudi zlato, ki so si je (v raznih starostnih kategorijah) priborile Zala Kuœtrin, Kati Floran@i@ in Kim Marksl. Nastopili so tudi na team kato, v sestavi: Tajda Sovdat, Maja Perin@i@ in Tanja

Volley. S. Leonardo in testa alla classifica

ni cilji in uspehi so ji odprli vrata novogoriœki karate klub, ki deluje v okviru Œportnega druœtva Gorica. Danes ima Kati @rn pas in tekmuje v kategoriji borbe +54. Udele¡uje se tekem v slovenskem merilu in tudi v tujini - v Italiji, Srbiji… Nazadnje se je s slovensko karate ekipo udele¡ila tudi evropskega mladinskega tekmovanja mladih v karateju v Novem Sadu.

Malonogometna ekipa Polisportiva Valnatisone

USPEHI DOMA IN V EVROPI

so blesteli predvsem karateisti. Na evropskem mladinskem tekmovanju v karateju v Novem Sadu je v slovenski ekipi nastopila Kati Florjan@i@ iz Poso@ja in osvojila odli@no peto mesto v svoji kategoriji. Dobro pa so se karateistke in karateisti odrezali tudi na 15. karate pokalu osnovnih in srednjih œol v Ljubljani. Udele¡ilo se ga je 22 karateistov iz karate kluba So@a, ki pokriva podro@je Poso@ja. Karate klub So@a je prejel pokal za osvojeno drugo mesto klubov na tekmovanju. Pokal za drugo mesto œol pa je prejela osnovna œola Bovec. Za tehniko Kihon je drugo mesto med posamezniki osvojil Grahelj Mi-

(

Kratke Brevi brevi kratke

● ● Sono molte le novità che hanno recentemente interessato il Gs Natisone. Sabato 26 febbraio si è svolta nella sala consiliare di Pulfero l'annuale assemblea dei soci, nel corso della quale è stato eletto il nuovo consiglio direttivo. I nove consiglieri, che resteranno in carica per il biennio 20112013, si sono poi ritrovati la sera di mercoledì 2 marzo per l'assegnazione delle cariche e hanno nominato Michela Ara presidente, Oriana Drosghig come vice e la coach Paola Penso in qualità di segretaria. Gli altri consiglieri rispondono ai nomi di Alberto Catania, Giorgio Iuri, Mario Iussa, Michele Maion, Gabriella Picotti e Gabriella Rodante (presidente uscente). Sotto il profilo agonistico, i podisti del fiume si sono cimentati nei prati di Codroipo per la quarta campestre Csi e alcuni maratoneti sulle strade transfrontaliere di Gorizia. Gli oltre 45 atleti gialloblu, che si sono misurati nel «Cross delle risorgive», hanno concorso assieme all'ennesima vittoria fra le società, la seconda di fila dopo il piccolo incidente di percorso del 23 gennaio a Villalta di Fagagna. La gara era valida anche per il campionato provinciale Fidal, riservato alle categorie giovanili. Scorrendo le classifiche, si trova Francesca Gariup al terzo posto fra le Ragazze e, al maschile, una splendida doppietta cividalese con Giacomo Mulloni primo e Michele Tezzi secondo. La 33ª maratonina isontina ha, invece, visto Lorenzo Paussa e Marco Busolini abbassare notevolmente i loro primati personali, portati rispettivamente a 1:24'05” e 1:25'03” sui canonici 21,097 km che si sono sviluppati tra Gorizia, Œempeter e Nova Gorica. Domenica 6 marzo la squadra ha festeggiato anche i 70 anni di Mario Bucovaz, il decano dei tesserati del Natisone, da sempre faro di tutto il gruppo per i suoi consigli e la sua esperienza. Fremono ora i preparativi per la prova di Coppa Friuli che verrà organizzata a Cividale il 27 marzo.

setig. Nie na sliki Aleksandra Hrasta: tudi on igra za dreœko ekipo. ˘e kajœnih 30 liet nie nobedene @ude, de na turnirjah malega nogometa al' v Bene@iji al' v Posoj@u se na gleda odkod so igra@i. Igra se za parjateljstvo in tuole je dokaz, de med œportniki meje nie bluo nikoli. Tuole se narlieuœ vide vsako lieto zadnjo nediejo miesca luja, kàr na igriœ@u na Livku Boœtjan, Miha, Tine in drugi prijatelji doma@ega turisti@nega druœtva zberejo ekipe malega nogometa iz Bene@ije in Severne Primorske, za tisti tradicionalni polietni turnir.

● B. Q.

KRATKE - BREVI - KRATKE


14

stran

DOMA@A KULTURA

15. marca 2011

FOTOGRAFIJE PUSTNIH SKUPIN IZ NEDIŒKIH IN TERSKIH DOLIN

MIESAC MAR# U NAŒIH DRU˘INAH

PUST JE O˘IVEU VASI V CIELI BENE#IJI

➔ Patroni pomo@niki: Sv. Ciril U petak 18. mar@a je praznik sv. Cirila Jeruzalemskega. Rodiu se je oku lieta 315. u krs@anski dru¡in. Na bukvi sve@eniku je pisano, de skor use njega ¡ivljenje je povezano s te¡avan Cierkve u parvih stuoletjih, pru za pru u teoloœkih razpravah, ki so se povezovale s politiko, zunanjimi an notranjimi uiskami, ki so nimar umeœovale tud Viero. Potarpiet je muoru preganjanje arianu, zauoj njega interpretacije viere, ki pa je znu zaries lepuo raz@istit an napisat u pridgah an u katekezi. Imenovan je biu za œkofa u Jeruzalemu oku lieta 348. U liete 357 je biu ¡e odstavien zak nie peju napri cierku takuo ki œkof, ki je stau nad njin, je teu, pa je posluœu judi. Dvie lieta buj pozno, lokalni œkofouski konciliji mu je uarnu @ast an œkofousko palco, ki pa mu je ostala samuo adno lieto, sa je biu spet odgnan. Za tuole je pomisnu tekratni œkof palestinske Cezaree (ki ga je biu on sam imenovau za œkofa) Akaciji, velik pariatelj tekratnega imperatorija Konstanca. Kàr u liete 362. imperator Konstanc je umaru, Ciril se je uarnu na njega œkofouski prestor, dokjer u liete 367 novi imperator Valente ga je spet poœju u eziliji. Tel krat Ciril se je uarnu, vi@ ku 10 liet buj pozno, samuo kàr je umaru imperator, ki ga je biu azgnu. U Koncilijah lieta 381. an 382. je bla spet potardjena njega œkofouska posvetitu u Jeruzalemu, kjer je mu ostat, u mieru, do smarti. Umaru je u Jeruzalemu 18. mar@a lieta 387. U liete 1882. pape¡ Leon XIII ga je pouzdignu na @ast ku cerkveni doktor, za njega u@enje, za kakuo je znu raz@istit pravo dotrino, pravo u@enje. Ime Ciril pride iz grœkega jzika an ka¡e @lovieka ki ima veliko muo@.

➔ Kajœna ura bo Do petka 18. ura bo obla@na an usako an tarkaj da¡euna. Stara luna u saboto 19. parnese priet jasno uro, potlè pa temporale. Zadnji kuart lune u saboto 26. parnese da¡ an temporale. Temperatura se zni¡a. U pandiejak 21. je pomladni ekuinocjo, kàr dan je glih tarkaj dug ku nuo@. U saboto 26., zadnja sabota miesca, kàr puojdemo spat, muoremo se zmisint pomaknit œpere naœih ur adno uro napri; takuo @e je puno@i, denemo œpere na adno. Drug dan bomo spal’ ‘no uro manj, pa bomo imiel’ ‘no ur vi@ dneva. Na son@no uro se uarnemò u saboto 29. otuberja.

➔ Radoviednost O¡ejd usi vemo lepuo ka je, morebit pa na vemo de je vedielan ne samuo uon z ardecjega vina, pa@ pa tud uon z jabuk, uon z alkoolna (tisega bielega) vedielan uon z distiliranega alkoolna, ki je pustien uret, al pa uon z alkoholna, ki pride od obdelave malta (ki se nuca za udielat biero). Na Japonskin o¡ejd je vedielan uon z raj¡u, u nizki Aziji an Indiji uon z orieha palme (cocco), u Turkiji uon s suhega grazduja. #e tudi mi cjemo ga napravt doma, sa nie te¡kuo, za imiet dobar o¡ejd, nardimo takuo: tu adno posodo ulijmo adno taco vina, pu tace naturalnega o¡ejda an pu tace uode. Pokrimo z adno cunjo an denimo na vesoko polico u kuhnji, zak vino za se ukisit muore imiet ajar an temperatura muore bit oku 25°, na polici u kuhnji po navadi je te narbuojœi prestor. Pustimo par mieru dva tiedna, dokjer ne videmo, de po varh so se nardile biele-ardecje magle. Na tuo uzamemo gla¡uovo, al pa œe buojœ leseno posodo ki je napuoœto za o¡ejd, ulijmo not takuo udielan o¡ejd, kupe z pet litru vina an hranimo u mija@nin prestoru dokjer se ne ukise. Muoremo ahtat, de lè u tistin prestoru ne hranimo vina, zak more ratat, de zauoj telega o¡ejda, se ukise tud te dobre vino! O¡ejd je zlo dobar za puno re@i: kàr blaguo za oprat je previc umazano, denimo kako ¡lico o¡ejda kupe z ¡ajfo, blaguo bo @edno, mahnuo an @e je farbano, o¡ejd parpomaga de farba se na opere pro@; za o@edit pralni stroj, lavatrice, od kalkarija, ulijmo not 4 litre o¡ejda an storimo iti napri stroj brez blaga, na 90°. Za o@edit ¡eliezo z katerin pieglamo, ofrigmo ga z o¡ejdan an solijo; kàr oblanke¡amo naœe hiœe, @e za o@edit magle, denemo malo o¡ejda tu uodo ki jo nucamo, bo buj lahko snet pro@ farbo, ki je œtarkinla san an cja; kàr o@edemo va¡e uon z zemlje kjer so naœe ro¡e, denimo tu uodo o¡ejd, lepuo ofrigajmo s œkovetan an splaknimo z uodo; za o@edit ocjale zmo@imo priet cunjo z o¡ejdan; @e tu kajœnin loncu smo za¡gal’ kjek, ulijmo not o¡ejd, malo uode an denimo uret; za o@et frigo (o¡ejd an uoda an potlè se splakne); za foran (kàr je mija@en, ga lahko o@edemo z mija@nin o¡ejdan), an @e popraœamo naœe none, mame an njanje, sigurno nan dajo se kajœan nasvet.

Marsinski pustuovi so æli tudi v Matajur, kjer so se dali fotografati pod cierkvijo ust pride, pust pasa. Takuo so pieli ankrat v Nediœkih dolinah. Tudi lietoœnji pust je pasu in je pustiu za sabo puno veseja. Œe posebno lepuo je bluo v Marsinu, v Ruoncu, v #arnim varhu, v Matajurju, v Dreki in v Prosnidu, kakor ka¡ejo fotografije na teli strani. Pa so se oblikli v pusta in hodili od vasi do vasi, od hiœe do hiœe, tudi v drugih krajah. Puno dni so pustovali tisti iz Sriednjega. Iz #arneje so œli ku po nava-

di na sprevod v Neme. Sevieda so pust tradicionalno praznovali tudi v Reziji. Dobro je, de se tele navade varjejo in spoœtujejo. Saj etnologi pravijo, de pustovanje v Bene@iji in Reziji parhaja iz paganskih cajtu, kàr so naœi te stari praznovali prehod iz zime na pomlad. Z rapotanjam in vriskanjam so zbujali zemjo iz zimskega spanja. Na nieko vi¡o doma@i pustje upodobljajo tudi ven@no vojsko med te dobrim an te hudim.

Åenavaræki ∫ Blumarij

Ruonæki pustje, zluodi in anjulac

P

RICETA

➔ Fritole s spina¡o Nucamo 2 eta useni@ne moke, 3 tace mlieka, su, 2 eta an pu spina¡e, pu eta zgratanega siera grana, 1 ice, oje za cvriet. Parvo rie@ napravemo paœtelo. Tu ‘ni posodi usujemo moko an denemo ‘no pre¡o soli, ice an grede ki mieœamo ulijemo po@aso mlieko. Muoremo lepuo meœat an bit previdni, de paœtela bo umieœana brez balinc. #e ciemo de fritole pridejo nomalo buj rahle, denimo pu mlieka an pu gazane uode. Pustimo takuo napravjeno paœtelo par mieru pu ure. Tentega o@edemo spina¡o, jo lepuo splaknemo an denemo kuhat 10 minut samuo z uodo, ki ostane na peresih. Kàr spina¡a je kuhana na pu, osolimo an pustimo naj se kuha do konca. Kàr je kuhana, jo lepuo lepuo stisnemo od use uodè, zlo tankuo stacamo an umieœamo paœteli, kupe z zgratanin sieran grana. U parmierni posodi denemo gret oje za cvriet. Kàr oje za@ne se kadit, pomajmo se z ¡lico an varzimo not, po nomalo usaki krat, spina¡ovo paœtelo, brez napunt previc ponù. Kàr fritole so lepuo ocvarte, jih snememo an denemo na skoteks, de se posuœe od oja. Takuo napravjene fritole se lepuo parglihajo z kuhanin proœutan al’ pa s kakin sieran. Denimo jih na usak tont œelè gorke, malo proœuta al’ siera, al’ pa obadva kupe, an nesimo hitro na mizo. ● Loretta Primosig

Pustna skupina iz Prosnida

Veselo so pustinali tudi v dreækim kamunu

Matajurski pust


Kaplan Martin #edermac 4.

15. marca 2011

LETA 1933 - BUKVA NA VARNO

stran

15

risbe: MORENO TOMASETIG besedilo: GIORGIO BANCHIG in MORENO TOMASETIG

POVZETEK - Telo ilustrirano pripovedovanje je povzeto iz romana »Kaplan Martin Åedermac«, v katerem je slovenski pisatelj France Bevk (1890 - 1970) opisu teœko stanje slovenskih duhovniku v Beneåiji po prepovedi slovenskega jezika v cierkvi s strani faæizma. Gre seviede za izmiæljene zgodbe, ki pa zlo realistiåno opisujejo teœko klimo, v kateri so ljudje œivieli. Po ‘obisku’ dvieh karabinierju, ki so mu sporoåili prepoved slovenskega jezika, je kaplan Åedermac vas zaskarbljen za posledice, ki jih bo imiela prepoved za svoje ljudi, odloåu skriti katekizme in druge slovenske bukva v cierkvico svetega Mihiela nad vasjo. POTLÈ KI STA NABASALA KATEKIZME IN DRUGE SLOVENSKE BUKVA V RUKSAK, STA PRE MARTIN IN KATINA SEDNILA ZA MIZO. KAPLAN PA NIE TAKNU VIÅERJE, BIU JE RAZBURJEN. ZMOLU JE, NATUO JE ÅAKU, DE SE JE ZGOSTILA TAMÀ

BOÆ ŒE VIDLA, SA’ PUOJDEÆ ZA MANO. TUD DAMU BOMA POGLEDALA, V KARNICO. NIÅ SE TI NIE TRIEBA PREOBLAÅITI…

… KAR TAKA SI DOBRA. PA, KATINA! DE BOÆ MUÅALA! DO SMARTI NA NOBEDNO VIŒO TE NA MUORE ODLETIET, KJE SMA BLA IN KAJ SMA NACO NOSILA!

KATINA, PARPRAVI SVETILKO! NE BOM. PARSEŒEM! KAM GREÆ SADA PONOÅ?

PRE MARTIN JE ZADEU RUKSAK, KATINA JE VZELA SVETILKO. TIHO STA ZAKLENILA IN ODÆLA ÅEZ VART. PARÆLA STA POD VINJIKO, KI JE VLIEKLA DO ZIDA. KATINA GA JE PRESKOÅILA... NUOÅ JE BILA TAMAVA, BREZ LUNE

NAPOTILA STA SE PO STAZÌ, KI JE STARMUO VLIEKLA GOR PO HRIBU. PO STAZÌ JE PARHAJU NIEKI MOŒ S PALCO…

OÅÀ NEBEÆKI! KAKOR TAT PO NOÅI SE MUORAM PLIEZIT!

NE NORICA! DE SI KAŒEMA SLIED.

AL BI PARŒGALA SVETILKO?

TIHO! POÅEPNI ZA GARIM!

SKRILA STA SE POD VELIK GARIM OB STAZÌ IN PARDARŒALA SAPO… KADUO JE BIU? AL SI GA SPOZNALA? ÆÆÆT!

MISLIM, DE JE BIU KLINJON. JA, ŒEF JE BIU.

PAŒ KAKUO GA JE SPOZNALA V TAKI TAMÌ... IN KAJ PA DIELA ŒEF V TELI SAMOTI?

PARÆLA SMA! LEJ CIERKVICO SVETEGA MIHIELA.

4. - GRE NAPREJ RIASSUNTO IN ITALIANO - Questo racconto è liberamente tratto dal romanzo «Kaplan Martin Cedermac» dello scrittore sloveno France Bevk (1890 - 1970). Narra fatti succeduti realmente nell’anno del Signore 1933, quando il regime fascista decise di vietare l’uso della lingua slovena nelle chiese della Slavia friulana, in particolare nelle valli del Natisone. La storia è ispirata alle vicende di don Cuffolo, parroco di Lasiz (Pulfero) e di altri sacerdoti della zona. Don Martino, parroco di Versnik, sotto il Monte Mija, riceve la visita dei regi carabinieri, che gli intimano di firmare un documento nel quale dichiara di rinunciare all’uso della lingua slovena nella liturgia e nell’insegnamento del catechismo. Partiti i carabinieri, il cappellano Michele decide di nascondere in un luogo sicuro i catechismi e i libri in sloveno per evitare il loro sequestro. Don Martino e la sorella Katina partono con uno zaino pieno di libri alla volta della chiesa di S. Martino nascondendosi nel buio della notte.


16

ZADNJA STRAN

stran

KAJ KJE KAM KADÀ KUO NEDIÆKE DOLINE • ŒPIETAR VI@ERI GO MEZ PUST u slovienskin kulturnin centru - v torak 15. mar@a, ob 20.30 u slovienskin kulturnin centru bojo pokazal’ videodokumentarce o pustu u krajih Sammardenchia, Sauris, Ruonac an kratak film o marsinskem pustu - v torak 22. mar@a, ob 20.30 u slovienskin kulturnin centru bojo pokazal’ videodokumentarce o pustu u krajih #arni varh an Rezija ŒPIETAR - v sriedo 16. mar@a, ob 20.00 u slovienskin kulturnin centru bojo predstavil’ nove bukva «Ramonika – 21 beneœkih skladb za diatoni@no harmoniko», ki jih je urediu Davide Clodig. Bukva bo predstavu prof. Zoran Lupinc, vi@er bojo obogatili ramonikarji an ljubitelji diatoni@ne ramonike ŒPIETAR - v petak 18. mar@a, ob 19.30 u slovienskin kulturnin centru bojo predstavil’ bukva «Œtirje letni @asi na Matajurju», kjer so vebrane narlieuœe fotografije o Matajurju, ki jih je napravu Marco Gorenszach. Guoril’ bojo amaterski fotograf an diretor Kobariœkega muzeja, ˘eljko #impri@, parnesli bojo pozdrav œpietarski œindik, Tiziano Manzini, predsednik Planinske dru¡ine,

dom

Giampaolo Della Dora, predsednik zadruge Most, Giuseppe Qualizza, pieu bo zbor Matajur • GORENJ TARBIJ - v petak 25. mar@a, ob 18.00 u prestorih Okna na slovanski sviet bojo predstavil’ bukva »Luna an buskalce«, u katerin Adriano Gariup se spuomne na lieta suoje mladosti. Guoriu bo glasbenik Antonio Qualizza, parnesu bo pozdrau vi@eœindik Srienjskega kamuna, Augusto Crisetig, igrauci Beneœkega gledaliœ@a bojo prebral’ kose bukvi • GREMO U BIBIONE, NA MUORJE - od 27. maja do 10. junja Tuole organiza œpietarski kamun za ljudi, ki imajo vi@ ku 65 liet an ki ¡ivjo u kamunah Nediœkih dolin. Za se upisat je cajt do 8. obrila, pokli@ita na telefon 0432/727272, int. 2. • PLANINSKA DRU¡INA BENE@IJE vabe - v nediejo 20. mar@a na izlet v Jamo. Za informacije o teli iniciativi pokli@ita na tel. 0432/714303 ali 0432/727631 (ob vi@ernih urah) • PLANINSKO DRUŒTVO CAI - v nediejo 3. obrila kupe s Cai iz #edada gre na San Martino (987 m), Julijske Prealpe • A˘LA - vsak @etartak v A¡lanskin faru¡e ob 19.30 trattamenti od Pranic Healing, ob 20.30 »Meditazione sui cuori gemelli«; Info: Danila, cell. 3393116666 • KOSCA - vsak @etartak, ob 20.30 kjer je biu ankrat asilo je korœ Meditazione yoga. Se na pla@a Info: Stefano, cell. 3287191111

KULTURNO VERSKI LIST

PETNAJSTDNEVNIK PERIODICO QUINDICINALE ODGOVORNI UREDNIK DIRETTORE RESPONSABILE MARINO QUALIZZA ZALO¡BA - EDITRICE

• GREMO U ROMANIJO - od 4. do 10. luja gresta gledat kraje, kjer je ¡iveu legendarni grof Drakula. Izlet, ki ga organiza œportno druœtvo Gs Azzida, pride 800 euro na osebo. Za informacije an za se upisat pokli@ita Antonella na cell. 3397799442

MOST SOCIETÀ COOPERATIVA A R. L. UREDNIŒTVO - REDAZIONE UPRAVA - AMMINISTRAZIONE 33043 #EDAD - CIVIDALE DEL FRIULI BORGO SAN DOMENICO, 78 TEL. - FAX 0432 701455 e mail: redazione@dom.it www.dom.it Progetto grafico ANDREA VENIER FOTOCOMPOSIZIONE IN PROPRIO STAMPA: CENTRO STAMPA DELLE VENEZIE SOC. COOP. VIA AUSTRIA, 19/B, TEL. 049/8700713 35129 PADOVA www.centrostampavenezie.it ABBONAMENTI ANNUO: EURO 16 SOSTENITORE: EURO 30 SLOVENIA. EURO 20 EUROPA: EURO 25 ALTRI PAESI: EURO 35 I VERSAMENTI VANNO FATTI SUL CONTO CORRENTE POSTALE

ÅEDAD - do 20. mar@a na ogled v cierkvi Santa Maria dei Battuti razstava akvarelu, ki jih je napravla artista Alpina Della Martina. Odparto od pandiejka do petka, od 10 do 12.30, ob sabotah od 15. do 19. ure, ob nediejah 10-12.30/15-19

TERSKE DOLINE • SEDLIŒ#A (Bardo ) - v saboto 12. mar@a, ob 14.00 na placu bojo praznoval’ »Veliki pust«, igral’ bojo komi@ne ske@e u doma@in slovienskin iziku, po furlansko an po italijansko

n. 12169330 O SUL CONTO CORRENTE BANCARIO

IBAN: IT85P0863163740000100815095 BIC/SWIFT: RUAMIT21CIV INTESTATI A: MOST SOC. COOP. A R. L. CIVIDALE DEL FRIULI

REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI UDINE N. 8 - 8. 4. 2003

• TIPANA Kme@ka zveza-Associazione agricoltori organiza ob@ni zbor - assemblea generale, ki bo - v petak 18. mar@a, ob 20.00 u tratoriji «Bar alla posta» s telin dnevnin redom: poro@ilo predsednika, poro@ilo sekretarja, odobritev letne ratinge 2010 an prora@una za leto 2011, pozdravi, diskusija, razno

15. marca 2011

DOMA#A MODRUOST Kar marca zeleni, se use raduo posuœi

• ZAVARH - v saboto 19. mar@a Ob 10.00 sveta maœa u cierkvi Sv. Florijana, ki jo bota darovala don Renzo Calligaro an don Rizzieri; ob 10.40 sparjem u red templarju, ob 11.15 bojo polo¡li venec na spomeniku padlim sudadan u svetounih uiskah, ob 12. uri bojo inaugural’ an po¡egnal’ targo «Jacques de Molay - maestro templare» na placu parkiriœ@u pred uhodan u jame. Pozdrav œindaka Guida Marchiol, guoriu bo Walter Grandis, Gran Priore d’Italia de Ordre Souverain et Militaire du Temple de Jerusalem, pieu bo zbor Sant’Elena iz kraja Chialminis u kamunu Neme, ob 12.30 rinfreœk za use

KANALSKA DOLINA • UKVE - v nediejo 20. mar@a, ob 14.30 KOROŒKA IN PRIMORSKA POJETA U Kulturnem domu bojo pieli: tamburaœko vokalna skupina Tamika (˘elezna kapla, Austrija), Koœanski oktet (Koœana, Slo), vokalna skupina Lipa (Velikovec, Austrija), meœani pevski zbor Naœe vasi (Tipana), vokalna skupina Slovenjega Plajberka (Plajberk, Austrija), dekliœka vokalna skupina Bode@a ne¡a (Vrh Sv. Mihaela)

LAÆKE • UIDAN LE ACQUE DEL FRIULI: AMBIENTE, PESAGGIO E NATURA. U auditoriumu Toni Menossi (kraj. S. Osvaldo): - v petak 18. mar@a, ob 21.00 dva dokumentarja, ki jih je napravla Giovanna Zorzenon an ki guorita o reki Idriji »Iudrio, confine d’acqua, di ricordi, di mulini«; - v petak 25. mar@a, ob 21.00 dva dokumentarja. «Rete natura 2000 nel Friuli-Venezia Giulia», autorja sta Andrea an Franco Musi in «La fauna del medo Tagliamento», avtor je Marco Favalli; - v petak 1. obrila, ob 21.00 «Il Tagliamento, un fiume da amare e da rispettare», avtorja sta Archimede Martinis an Rino Della Bianca. Vstop se na pla@a

GORICA - v nediejo 20. mar@a, ob 17.00 v Kulturnem centru Lojze Bratu¡ koncert »Primorska poje 2011«, piejejo: pevska skupina Druœtva kme@kih ¡ena (Ilirska Bistrica), mopz Vinograd (Vrtovin), mepz Igo Gruden (Nabre¡ina), mepz Encijan (Pulj), moœka vokalna skupina Lipa (Bazovica), dekliœki pevski zbor Mavrica (Postojna), mepz Obala (Koper) - v pandiejak 14. mar@a, ob 18.00 U Kulturnem domu (ul. Brass, 20) bo okrogla miza go mez inkuizicjon u Furlaniji an na Goriœkem. Moderator bo Andrea Bellavite, guorila bota: prof. Andrea Del Col, ki je napisu bukva o inkviziciji u Italiji med XII. an XXI. stuoletjan, an prof. Silvano Cavazza, ki bo guoriu o do¡ivetjih pridigarja Petra Kupeljnika. Tel pridigar, ki so ga za¡gal’ lieta 1597, je protagonist

razstave »Inkvizicija u Furlaniji«, ki je na ogled do 21. mar@a, od pandiejka do petka, 9-12 / 16-18 PRIMORSKA POJE 2011 ŒTANDRE˘ - v petak 18. mar@a, ob 20.30 u cierkvi Sv. Andreja piejejo: mopz Janez Svetokriœki (Vipavski kri¡), ¡upnijski mepz Œempeter, dekliœki zbor Kraœki slav@ek (Nabre¡ina), mepz F.B. Sedej (Œteverjan), komorni zbor Ipavska (Vipava) PRIMORSKA POJE 2011 JAMLJE - v saboto 2. obrila, ob 20.30 u Kulturnem domu piejejo: kvartet Vemm (Postojna), ¡enski pevski zbor Tuœ@ak Ba@ (Ilirska Bistrica), ¡enska vokalna skupina Elum (Postojna), vokalna skupina Grlica (Budanje, Ajdovœ@ina), dekliœka vokalna skupina Ubeljsko (Postojna), moœki pevski zbor Matajur (Klenje, Œpietar), vokalna skupina Goldinar (Postojna) • ŒTANDRE˘ - v saboto 12. mar@a, ob 20.30 U Kulturnem domu na Bukovju znotra iniciative »˘enski pogledi Obiettivo femminile«, bojo inaugural’ razstavo fotografij fotografinje an kulturne delavke Marie Fine Inglasio, nastopata Plesni center Terpsihora iz Œempetra an ¡enska vokalna skupina Danica Varh

SLOVENIJA • KOBARID - do 27. mar@a na ogled

v prestorih Fundacije Poti miru razstava lesenih maœker, dielo Silvane Buttera an Antonia Trinka. Razstava je na ogled od pandiejka do petka od 8. do 15. ure • KOBARID - v nediejo 20. mar@a, ob 14.00 »Prestopimo z Gregor@i@em pomladni prag«. Ob svetounem dnevu poezije uœafamo se pred spomenikan pesnika Simona Gregor@i@a, de bi mu dali u roke puœjac pomladanskih ro¡. U prestorih fundacije Poti miru bojo na posebno vi¡o pozdravili prihod pomladi z branjem poezij an se bojo puobnili tudi na Ivana Volari@a an Zlatka Smrekarja. Za muziko bo poskarbiela skupina Salamandra salamandra PRIMORSKA POJE 2011 POSTOJNA - v saboto 26. mar@a, ob 20.00 u Kulturnem domu piejejo: meœani pevski zbor Pod lipo (Œpietar), moœki pevski zbor Sv. Jernej (Op@ine, Ts), ¡enski pevski zbor Okarina (Podbrdo, Tolmin), meœani pevski zbor Bazovica (Reka), mepz Primorje (Ajdovœ@ina), mepz Adriatic (Hrvatini) SUL PROSSIMO NUMERO PUBBLICHEREMO I PROGRAMMI FINO A METÀ APRILE . A NDIAMO IN STAMPA MERCOLEDÌ 30 MARZO . V PRIHODNJI ŒTEVILKI BOMO PUBLIKAL ’ PROGRAME DO POLOVICE OBRILA . B OMO ŒLI V TISK V SRIEDO 30. MAR @A. P OŒJAJTE NAM JIH NA : redazione@ddom.it 0432/701455

TEL .

Larissa Borghese

VSAKO

NEDIEJO OB

OKNO

TUDI NA

14.30

B ENE @IJO INTERNETU : www.radiospazio103.it V

Vsak dan ob 20.30 Tv dnevnik po slovensko Vsak dan, od pandiejka do sabote, Poro@ila: ob 7.00, 8.00, 10.00, 13.00, 14.00, 17.00 an ob 19.00. Ob nediejah: poro@ila so ob 8.00 in 9.45 (zamejski tisk), 13.00, 14.00, 17.00 in 19.00; ob 9. uri sveta Maœa. Vsako saboto ob 12. 00 iz Rezije «Ta rozajanski glas», ob 12.30 (vsako zadnjo saboto v mescu) iz Kanalske doline «Tam kjer te@e bistra Bela», ob 14.10 Nediœki zvon iz ¡ivljenja Beneœkih judi.

KAJ KJE KAM KADÀ KAKUO KAJ KJE KAM KADÀ KAKUO KAJ KJE KAM KAKUO


DOM