Page 1

CENTRO FORMAZIONE

CROCE ROSSA ITALIANA Cinisello Balsamo

Corsi BLSD per utilizzo DEFIBRILLATORE

semi Automatico Esterno 25 MAGGIO ore 8.30-13.30 15 GIUGNO ore 8.30-13.30 INFO E ISCRIZIONI:

formazione@cricinisellobalsamo.it CROCE ROSSA ITALIANA Via Giolitti 5 - Cinisello Balsamo

giornalecinisello@gmail.com www.lacittadicinisello.it

Stampa: 30.000 copie

Anno XLI - Numero 5 - 15 maggio 2019

Giornale di Cinisello Balsamo dal 1978

Periodico d’informazione - Diffusione gratuita

Attualità 3 Uso non appropriato dei social da parte di Ghilardi Inaugurata la Pro Loco della nostra città

Il Garante bacchetta il Sindaco

O

Elezioni 6 Domenica 26 maggio si vota per l’Europa

ggi i social sono i protagonisti del dibattito politico. Luogo di discussione che sovente scivola nella baruffa e nello scontro tra posizioni per lo più oltranziste, ma anche megafono e passerella per i diversi leader o aspiranti tali. Se ad urlare le proprie posizioni sono semplici cittadini il discorso si limita all’opinione personale e alla sacrosanta libertà di espressione (almeno finché non vìola la legge), ma quando si tratta di figure istituzionali il discorso si complica. Perché quando parla – o meglio, posta testi, immagini e video – il Presidente della Repubblica o un Ministro in veste ufficiale, la sua funzione pubblica pervade ogni campo della sua azione comunicativa. Lo stesso dicasi per un Sindaco quando utilizza i canali istituzionali di comunicazione e lo stemma della propria città: anche sui social, è il rappresentante di tutti i cittadini. Un concetto che per il sindaco Giacomo Ghilardi sembra di difficile gestione e sul quale è stato recentemente ripreso dal Corecom e dalla Prefettura.

segue a pag. 2

La pagina Facebook del nostro Comune

Unico italiano ad aver portato a termine le Seven Sisters

Simone Leo, l’ultramaratoneta mondiale

Cultura 11 Dal 30 maggio, in festa con l’Estate Cinisellese

C

’è un italiano, novarese di origine, residente a Cinisello Balsamo che è riuscito a portare a termine sette ultramaratone, con chilometraggi e situazioni ambientali di ogni tipo e difficoltà. Gli abbiamo fatto alcune domande per conoscerlo e parlare delle sue fatiche sportive. Incominciamo a fare la tua conoscenza. Mi chiamo Simone Leo, sono nato a Novara nel 1978, diplomato perito meccanico e di professione macchinista in Trenitalia. Sono sposato con Rada e abbiamo un bambino, Alexander, di 3 anni. Sono tesserato con la Impossible Target di Sesto San Giovanni e di questa società ricopro la carica di vice presidente. Da quando abiti a Cinisello Balsamo?

ElEttro ImpIantI s.r.l. Impianti elettrici civili e industriali Impianti e sistemi fotovoltaici Via Palestro 10 - Cinisello Balsamo - Tel. 02 61 29 83 59 Fax 02 61 29 68 47 - info@elettroimpiantisrl.net www.elettroimpiantisrl.net

Della tua città d’adozione, cosa conosci o cosa devi ancora scoprire? Mi sono trasferito nel 2015. Un po’ per amore, mia moglie Rada viveva già a Milano e po’ perché cercavo una soluzione più tranquilla anche per il mio bambino. Sotto casa ho tutto, farmacia, supermercato, parchetto, mezzi pubblici. È una città, per me, ancora da scoprire. La parte che conosco meglio è sicuramente quella del Parco Nord, che è il mio campo di allenamento. Posso dire che a Cinisello mi trovo bene e la ritengo a misura d’uomo. Apprezzo molto i servizi che offre e che trovo molto efficienti. Se fosse per me, da qui non mi muoverei più.

segue a pag. 19

Simone con Giovanni Storti suo grande sostenitore

RADIO TAXI IL TUO RADIOTAXI A CINISELLO BALSAMO


2

Mercoledì 15 maggio 2019

attualità

seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

dalla prima pagina

Prefettura e Garante bacchettano Ghilardi Sotto accusa due diverse tipologie di post scorretti: l’uso della pagina Facebook comunale per pubblicizzare le attività dell’ente con post e foto che ritraggono il Sindaco e gli assessori, in violazione all’articolo 9 della legge 28/2000 (la cosiddetta “par condicio”), che richiede che le comunicazioni avvengano solo in forma impersonale in questo periodo di campagna elettorale per le Europee; l’utilizzo dello stemma del Comune di Cinisello Balsamo nella pagina Facebook personale del Sindaco per un post dello scorso 15 aprile a sostegno del leader della Lega Salvini, ovvero un uso politico del simbolo istituzionale della città. Episodi che hanno portato Andrea Catania e Gianfranca Duca, capigruppo in Consiglio comunale rispettivamente del Partito Democratico e della lista Cinisello Balsamo Civica, ad una denuncia formale al Prefetto e al Corecom (Comitato Regionale per le Comunicazioni), organismo che vigila sull’uso dei canali di comunicazione istituzionale durante i periodi di campagna elettorale. Entrambi gli organi hanno dato ragione ai due partiti. “Sul primo punto, il Corecom ha contestato al Sindaco la personalizzazione delle comunicazioni istituzionali, ribadendo che il divieto in periodo elettorale investe anche i social media spiegano in un comunicato - Sul secondo punto, la Prefettura, pur non intervenendo con un provvedimento esplicito, ha ribadito come «l’uso dello stemma del Comune nel contesto di un’iniziativa di

sostegno politico sia estranea alle finalità istituzionali dell’ente» e che «l’utilizzo dello stemma deve essere limitato al munus istituzionale di cui l’amministratore comunale è investito»”. Ovvero, non si può utilizzare lo stemma del Comune per messaggi che esulino dalle funzioni istituzionali. Il Comune risponde comunicando la cancellazione dei post segnalati e di aver rispettato la normativa sugli altri canali di comunicazione: “Non si è ritenuto di dover rispettare le stesse prescrizioni sulla pagina Facebook, in cui erano pubblicate 5 foto di repertorio che ritraevano figure politiche, in quanto la normativa non ne fa esplicito riferimento”. La cancellazione ha portato all’archiviazione del caso da parte del Corecom, precisa l’Amministrazione, che accusa inoltre l’opposizione di aver fatto altrettanto in occasione delle precedenti elezioni. Rispetto all’utilizzo del logo del Comune, la nota inviata dal Municipio si limita a precisare che l’argomento non è di competenza del Corecom, ma non commenta la posizione espressa dalla Prefettura. “Nelle scorse tornate elettorali, le Am-

ministrazioni si erano attenute ad un uso non personalizzato delle comunicazione comunali – affermano Andrea Catania e Gianfranca Duca - e mai un politico cinisellese aveva usato lo stemma del Comune in una comunicazione politica: non sono al servizio di un partito. Il Sindaco rappresenta tutti i cittadini, se lo ricordi”.

Il parco nasce dalla fusione con il Grugnorto-Villoresi

GruBria, corridoio verde tra Cinisello e la Brianza

I

l Parco del Grugnotorto Villoresi e il Parco Brianza Centrale si uniscono per creare GruBria, un nuovo parco locale di interesse sovracomunale nato dal nome dei due costituenti. Il progetto è stato presentato venerdì 3 maggio presso il palazzo comunale di Nova Milanese alla presenza degli amministratori locali, delle associazioni e dei cittadini (nella foto). Nel corso della serata sono stati ripercorsi alcuni momenti significativi della storia del Parco e sono state presentate ai cittadini nuove progettualità e propositi. GruBria nasce dalla storia di 10 comuni (Bovisio Masciago, Cusano Milanino, Cinisello Balsamo, Desio, Lissone, Muggiò, Nova Milanese, Paderno Dugnano, Varedo e Seregno), 350.000 abitanti e più di 2000 ettari che, seppur inevitabilmente frammentati, in questi anni sono riusciti a salvaguardare e riqualificare i pochi spazi aperti rimasti tra Nord Milano e Brianza centrale. I parchi Grugnotorto Villoresi e Brianza Centrale sono nati in momenti diversi ma hanno portato avanti una faticosa riqualificazione ecologica e paesistica con boschi, filari, percorsi ciclabili, canali, parchi pubblici, connessioni ecologiche, promuovendo attività di educazione ambientale. L’unione farà la forza anche per partecipare a bandi europei, nazionali e regionali, per realizzare interventi pubblici e per incentivare lo sviluppo di attività agro-forestali sempre più ecologicamente virtuose. Il nuovo parco sarà uno dei PLIS (Par-

co Locale di Interesse Sovracomunale) più grandi della Regione Lombardia, la

sua superficie raggiungerà i 20.626.047 mq e presenterà al suo interno ambienti

Bottiglie di vetro vietate nelle aree pubbliche

D

al 6 maggio è in vigore in città l’ordinanza antidegrado che vieta il consumo di bevande in contenitori di vetro nelle aree pubbliche. Un provvedimento più restrittivo rispetto ai precedenti, perché dispone il divieto su tutto il territorio comunale e non solo nel centro città. “Con l’ordinanza si intende rispondere alle sempre più frequenti segnalazioni da parte dei cittadini che denunciano la pratica diffusa di abbandonare o rompere, una volta consumate, bevande in contenitori di vetro per strada e nelle piazze” spiega l’Amministrazione. Le violazioni comportano una sanzione che va da 25 a 500 euro. Il divieto si estende fino al 31 ottobre. Numerosi però i cittadini che si chiedono come sarà possibile far rispettare l’ordinanza su un territorio così esteso come quello della nostra città e che auspicherebbero invece un divieto di vendita delle bevande in bottiglie di vetro, più facilmente controllabile e sanzionabile. Il divieto di vendita, consumo e detenzione di bevande in bottiglie di vetro e lattine è effettivamente un provvedimento adottato da diverse città italiane, in luoghi ed orari ben definiti, per preservare decoro urbano e incolumità delle persone.

e paesaggi diversi tra cui si contano ad esempio l’Oasi naturalistica di S. Eusebio a Cinisello Balsamo, una volta vasche di ravvenamento abbandonate, o la Cava Ages a Nova Milanese, trasformata da area estrattiva a Parco Pubblico. Oltre ai lavori di riqualificazione già effettuati molti altri dovranno essere avviati permettendo una fruizione condivisa degli spazi tramite nuove autostrade ciclabili che puntino a connettere il Parco alle aree protette vicine, tutelando le aree agricole e riqualificando gli ambiti degradati. Tutto ciò proseguendo nel solco dell’educazione ambientale e coinvolgendo le scuole e i più giovani a vivere appieno il parco grazie a percorsi di scoperta e tutela ambientale. Erika Meazzi

Pd critico: “Aree verdi meno tutelate”

N

on tutti salutano con favore la nascita del parco GruBria. E non solo per motivi dettati dalla scelta di un nome decisamente poco accattivante. I consiglieri comunali del Partito Democratico si sono mostrati preoccupati rispetto all’unificazione del Grugnotorto con il parco della Brianza Centrale: una decisione di Regione Lombardia che ha staccato il Grugnotorto-Villoresi dalla precedente unione con il Parco Nord. Per il Pd la scelta comporta due conseguenze negative. La prima è legata ad una minore tutela per le aree verdi: il Parco Nord è infatti un parco regionale, quindi un’area naturale protetta, sulla quale i Comuni non possono prevedere interventi urbanistici; il nuovo GruBria è invece un parco locale di interesse sovracomunale, che resta quindi legato al piano regolatore e alle decisioni urbanistiche locali.

La seconda ragione riguarda i collegamenti tra aree verdi: “Questa decisione esclude il Grugnotorto dal Parco di Cintura Metropolitana che cingerà tutto il territorio attorno a Milano, realizzando connessioni e collegamenti ecologici” commenta il consigliere Pd Marco Tarantola, presentatore di un ordine del giorno in Consiglio comunale nel gennaio scorso, in cui chiedeva alla Giunta di farsi promotrice di queste criticità presso la Regione. Ordine del giorno che è stato rifiutato dalla maggioranza. “La nostra città ha impegnato oltre 16 milioni di euro per acquisire a patrimonio pubblico le aree del Grugnotorto ed è per tutti strategico proseguire il progetto di tutela e sviluppo che pensiamo possa realizzarsi solo con il diretto apporto del Parco Nord, vanto ed eccellenza per la nostra Città e per tutto il Nord Milano” concludono i Democratici.


seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

attualità

La nuova realtà si occuperà della promozione del territorio

namente attivo e aperto soprattutto grazie all’attività dei suoi volontari, che a pochi giorni dall’inaugurazione hanno già assicurato la loro presenza e il loro sostegno. L’ente intende vivacizzare la

veglianza, assunti a tempo determinato agenti di Polizia Locale, acquistati mezzi e attrezzature e promosse campagne informative volte alla prevenzione e al

contrasto dello spaccio di stupefacenti” comunicano dal Comune. Una cifra che sembra tuttavia esigua se si considera la rilevanza della problematica sul nostro territorio, e che da sola non pare sufficiente a realizzare gli interventi ipotizzati dall’Amministrazione, ad eccezione forse di una campagna di prevenzione presso gli studenti. Entro la fine del mese di maggio, comunque, il Comune dovrà redigere e inviare il progetto con le iniziative che si intendono realizzare, che sarà poi sottoposto all’esame del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

L

to come una finestra aperta sulla città e un punto di riferimento per tutte le associazioni e i cittadini. Il proposito è rendere lo spazio sotto i portici un vero e proprio presidio culturale, quotidia-

Il Ministero eroga oltre 38mila euro

Un finanziamento contro lo spaccio

A

rrivano 38mila euro dal Governo da dedicare ad attività di prevenzione dello spaccio di sostanze stupefacenti. Il nostro Comune infatti è stato premiato dal Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero dell’Economia, con un finanziamento finalizzato all’aumento della Sicurezza urbana. Il contributo, pari a 38.064,94 euro, dovrà

essere destinato per attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici per il prossimo anno scolastico 2019/2020. Il contributo potrà essere erogato sia a copertura di spese correnti, che di spese di investimento. “In particolare, potranno essere realizzati sistemi di videosor-

Ci prendiamo cura della tua salute, direttamente a casa tua. La Divisione Family Care offre un’assistenza socio-sanitaria* di qualità garantendo personale competente per ogni esigenza.

SERVIZI INFERMIERISTICI

BADANTI

PRELIEVI A DOMICILIO

Filiale di Cinisello Balsamo Via Carmelita de Ponti, 22 Tel. 02 78623088 - familycare.cinisello@openjob.it

*Il servizio è erogato da Openjob Consulting, società controllata da Openjobmetis.

www.familycarebadanti.it - Seguici su

3

città, collaborando con il Comune e con le realtà sociali, raccogliendo suggerimenti, proposte e progetti utili a organizzare iniziative di carattere artistico, culturale e sportivo. Sono già molti gli eventi supportati dalla Pro Loco da segnare in agenda. L’esordio ufficiale è fissato per l’8 giugno quando, dopo diverse fasi di selezione, i finalisti del festival “Fatti Sentire”, che porta la musica emergente italiana in città, si esibiranno live in piazza Gramsci. A seguire molti altri appuntamenti: il 9 giugno, con la quarta edizione del CBComix, la fiera del fumetto che quest’anno estenderà l’esposizione nel cortile dell’Osteria Barbagianni e nelle vie limitrofe; il 7 luglio con il Festival dedicato ai mitici anni ’50, quando per un’intera giornata la città tornerà indietro nel tempo tra esposizioni di moto d’epoca, street food, concerti e molte altre sorprese e per ultimo, ma non meno importante, il 21 settembre, con la seconda edizione della Notte Bianca.

È nata la Pro Loco di Cinisello Balsamo a Pro Loco di Cinisello Balsamo ha ufficialmente aperto le porte della sua nuova sede sotto i portici di piazza Gramsci. Il taglio del nastro è avvenuto sabato 4 maggio alla presenza del Sindaco, del Vice Sindaco, della Giunta e del Presidente dell’associazione Paolo Tamborini. Il progetto di dare alla città una Pro Loco nasce più di vent’anni fa da Ciro Cesarano, compianto imprenditore e politico, che intuì per primo il bisogno della città di sentirsi viva e ricca culturalmente. Oggi, quel sogno si concretizza tra le mura del nuovo spazio, messo a disposizione da Rita De Vivo, Presidente onorario e moglie di Ciro Cesarano, grazie all’impegno di un gruppo di cittadini, attivi già da mesi nel progetto. La Pro Loco si è presentata fin da subi-

Mercoledì 15 maggio 2019


4

Mercoledì 15 maggio 2019

pubblicità

seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

NON FARE UN GROSSO ERRORE BUTTALO NEL POSTO GIUSTO!

CONTENITORI PRESSO LE FARMACIE PIATTAFORMA ECOLOGICA

NEL CONTENITORE MARRONE PER I RIFIUTI ORGANICI NON GETTARE: MEDICINALI SCADUTI / VASCHETTE PER ALIMENTI / PANNOLINI ED ASSORBENTI IGIENICI LETTIERE PER ANIMALI / GUSCI DI COZZE E VONGOLE

www.nordmilanoambiente.eu

mna1950147_dEXE_ADV_Buone_Pratiche.indd 4

01/04/19 14:50


seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

Mercoledì 15 maggio 2019

attualità

5

Polemiche anche per post fascisti di un consigliere della Lega

25 aprile, Sindaco contestato durante il comizio

C

ome è stato il primo 25 aprile della giunta di centrodestra guidata dal sindaco Giacomo Ghilardi? Contrariamente ad altri sindaci della Lega, che si sono rifiutati di festeggiare la Liberazione, nella nostra città il primo cittadino e la sua giunta hanno fanno una scelta diversa: le iniziative proposte sono rimaste nel solco istituzionale, dimostrando attenzione verso la ricorrenza con la novità, rispetto agli anni precedenti, di aver allargato il perimetro delle realtà chiamate al tavolo della programmazione. Una scelta furba, condivisa da molte amministrazioni di centrodestra, che approcciano queste celebrazioni annacquando di fatto il concetto di “Festa della Liberazione dal Nazifascismo” e insistendo maggiormente sul tema della “libertà” in ma-

niera neutra. L’approccio dell’amministrazione Ghilardi ha creato qualche tensione con l’Anpi, che ha richiamato la giunta all’importanza di ricordare che il 25 aprile è la festa di una precisa liberazione: quella dal nazifascismo, fenomeno storicamente dettagliato. Il 25 aprile il corteo si è svolto come di consueto, lungo il tradizionale percorso già seguito negli anni precedenti. All’arrivo in piazza Gramsci il discorso del sindaco Ghilardi è stato fischiato rumorosamente dagli attivisti dello spazio 20092 e da diversi cittadini, critici, dicono: “per le disgustose politiche del governo giallo-verde a livello nazionale e locale, sia in tema di immigrazione che di sicurezza. Era chiaro sin dall’inizio che la presenza in piazza del sindaco Ghilardi e del suo partito era del

tutto inconciliabile con i valori dell’antifascismo”. Il Sindaco, dal canto suo, ha tenuto un discorso dal profilo istituzionale, con diversi passaggi sul valore della democrazia, sull’importanza dell’avvicinare i giovani alla politica e ricordando il sacrificio di chi si è impegnato per liberare il paese dalla dittatura. Da stigmatizzare con decisione i fischi che sono proseguiti da parte di alcuni attivisti nei confronti del direttore del Museo della Brigata Ebraica Davide Romano, il quale ha descritto il ruolo della Brigata nella guerra di Liberazione. Le polemiche hanno avuto uno strascico anche nei giorni successivi: a seguito di una segnalazione su Facebook del Collettivo 20092, Partito Democratico

e Cinisello Balsamo Civica hanno denunciato in Consiglio comunale i contenuti apertamente fascisti pubblicati in passato dall’attuale consigliere della Lega Augusto Meroni, che richiamavano con toni entusiastici e apologetici Benito Mussolini, i campi di concentramento ed il fatto che il “25 aprile non ci fosse nulla da festeggiare”. Una contraddizione che stride fortemente con le parole utilizzate sul palco del 25 aprile, dove era presente anche il consigliere Meroni.

I talentuosi chef dell’Istituto Mazzini

V

ittoria sfiorata per gli allievi dell’Istituto Mazzini alla sfida culinaria “Nuovi talenti” organizzata dal Rotary Club. I giovani cinisellesi hanno sfidato l’istituto professionale In-Presa di Carate Brianza servendo una cena completa a un centinaio di soci dei Rotary provenienti da tutta l’area metropolitana, chiamati a giudicare i piatti dedicati al tema: “l’influenza delle religioni in cucina”. La classifica generale ha premiato di pochi punti i caratesi, che hanno conquistato una borsa di studio messa in palio dal Rotary; gli allievi del Mazzini hanno invece vinto la classifica per i Crediti Scolastici. D’un soffio, gli allievi del Carate si sono imposti anche nella classifica dedicata al Servizio di Sala. “Con queste iniziative gli allievi imparano a mettere entusiasmo e precisione nel loro lavoro” ha commentato il preside dell’Asp Mazzini, Pierangelo Gervasoni. 1FARMACIA 1FAMIGLIA  Lotta alla povertà sanitaria STRACINISELLO

PILLOLE DI SPORT

GINNASTICA NELLE SCUOLE

Lega Italiana Lotta Tumori  PREVENZIONE ONCOLOGICA

FARMACIA SOLIDALE

IN PIAZZALorem COI ipsum CITTADINI

Dispensiamo salute e benessere a Cinisello Balsamo dal 1963


6

Mercoledì 15 maggio 2019

elezioni

Domenica 26 maggio cittadini chiamati alle urne

seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

L’Italia si specchia nel voto europeo

D

omenica 26 maggio si vota per le elezioni europee. I cittadini dei 28 Stati membri dell’Unione sono chiamati ad eleggere i deputati che andranno a comporre il Parlamento Europeo per i prossimi 5 anni. Un appuntamento elettorale, questo, particolarmente importante, che vede fronteggiarsi in modo diretto le istanze dei sovranisti e degli euroscettici contro quelle dei partiti di matrice europeista, tra gli oltre 400 milioni di elettori che si recheranno alle urne. In gioco sembra dunque l’idea stessa di Europa e la sua coesione, anche alla luce dell’effetto Brexit e delle evidenti difficoltà e ripensamenti che paiono attraversare il Regno Unito, alle prese con un’uscita dall’Unione che sembra aver portato più svantaggi che benefici agli inglesi stessi. L’Italia eleggerà 73+3 (si aggiungeranno con l’uscita definitiva del Regno Unito) membri del Parlamento, attraverso un sistema elettorale di tipo proporzionale, con sbarramento al 4%, con la possibilità di esprimere voti di preferenza. Per il nostro Paese, le Eu-

ropee rappresentano un test politico interessante, che potrebbe mettere alla prova la tenuta del governo giallo-verde, con la Lega in cerca di un consenso numerico quasi plebiscitario (che le vicende legate a Siri paiono far sfumare) e il Movimento 5 Stelle sottoposto alla prima verifica a livello nazionale della propria linea governativa. Se è pur vero che ogni elezione misura in modo diretto la specificità della proposta che si va a presentare, è anche altrettanto vero che la situazione politica globale può influenzare gli orientamenti di voto. Come dire: si vota per l’Europa, ma i risultati daranno anche un segnale di gradimento o meno ai partiti a livello nazionale. Così le Europee diventano anche un banco di prova per il Pd e per la nuova linea politica a guida Zingaretti, alla ricerca di un 20 per cento che lo confermi come principale e autorevole partito di opposizione, mentre il ritorno in campo di Berlusconi fa sperare a Forza Italia il raggiungimento della soglia del 10 per cento. Più a destra, Fratelli d’Italia tallona FI, sperando di avvicinarsi alle sue percentuali. A sinistra del Pd invece le sorti sembrano complicate, con le formazioni debuttanti Europa-Italia in Comune, La Sinistra e Europa Verde in lotta per superare lo sbarramento del 4 per cento. Fiorenza Melani

Una riflessione dell’Anpi sull’Europa, a partire da uno dei suoi testi fondativi

“I giovani cambiano il mondo, ma a volte le idee le danno i vecchi”

La via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà”. Con queste parole, improntate a una certezza granitica, si chiudeva il Manifesto di Ventotene che i suoi due principali estensori, Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, avevano intitolato: “Per un’Europa libera ed unita”. Era il 1941 e i due antifascisti che si erano incontrati sull’isola, dove erano stati confinati dopo aver trascorso anni di carcere per la loro opposizione al regime, avevano creato con Eugenio Colorni e Ursula Hirschmann un sodalizio intellettuale che, dopo mesi di confronti e serrati dibattiti, aveva dato vita al Manifesto. In quell’anno le potenze dell’Asse sembravano avere il sopravvento su tutti i fronti e l’Europa era attraversata dai loro eserciti vincitori. Tuttavia nelle prigioni e nei luoghi di confino c’era chi non solo non si arrendeva e resisteva, ma era

anche capace di guardare oltre il bagliore delle armi e sognare per questo vecchio continente l’inimmaginabile: un futuro di pace e di unità. “Si fece strada, nella mente di alcuni, l’idea centrale che la contraddizione essenziale, responsabile delle crisi, delle guerre, delle miserie e degli sfruttamenti che travagliano la nostra società, è l’esistenza di stati sovrani”, scriveva Eugenio Colorni nella prefazione. Pertanto, si afferma nella seconda parte del Manifesto, “la linea di divisione fra i partiti progressisti e partiti reazionari cade perciò ormai lungo la sostanziale nuovissima linea che separa coloro che concepiscono come campo centrale la conquista e le forme del potere politico nazionale, e quelli che vedranno come compito centrale la creazione di un solido stato internazionale”. Il Manifesto ha rappresentato un punto di riferimento

Pd verso le Europee: un pranzo per Patrizia Toia e Pierfrancesco Majorino

H

a fatto tappa anche nella nostra città la campagna elettorale per le elezioni Europee del 26 maggio del Partito Democratico. Tra le varie attività, domenica 12 maggio simpatizzanti e attivisti si sono ritrovati per un pranzo in sostegno delle candidature di Pierfrancesco Majorino e Patrizia Toia, candidati per il PD nella nostra circoscrizione. Pieno il salone del Circolo Auprema di via Garibaldi dove i candidati sono stati accolti dal Segretario cittadino Ivano Ruffa, oltre che da Daniela Gasparini e Siria Trezzi (nella foto).

nella costituzione della Comunità europea, comunità in cui le tensioni e le divisioni si stanno accentuando: muri e fili spinati sono tornati a segnare i confini, movimenti xenofobi e nazionalisti stanno riemergendo e quella costruzione che era stata faticosamente eretta sembra sul punto di crollare. È tempo di ritrovare il coraggio che ebbero gli estensori del Manifesto e dire ai giovani della generazione Erasmus, che si spostano liberamente da un paese all’altro, che occorre ricreare quei legami che la diffidenza e la paura rischiano di spezzare. Questo avremmo anche voluto venisse riaffermato il 25 aprile, perché alla celebrazione della Liberazione si accompagnasse una visione del futuro capace di superare definitivamente ogni egoismo nazionalistico, anche perché, come sostiene Michela Murgia: “I giovani cambiano il mondo, ma a volte le buone idee gliele danno i vecchi”.

Elezioni Europee: come si vota

I

seggi sono aperti domenica 26 maggio dalle ore 7 alle 23. Possono votare tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto il diciottesimo anno d’età e i cittadini europei residenti in Italia che si siano registrati al voto entro il 25 febbraio scorso. È necessario presentarsi ai seggi con un documento d’identità e la tessera elettorale. Le circoscrizioni elettorali in Italia sono 5; il nostro Comune fa parte della circoscrizione Nord Ovest, che elegge 20 deputati e comprende Piemonte, Lombardia, Liguria e Valle d’Aosta. Le liste ammesse alla competizione elettorale nella circoscrizione Nord Ovest sono 16. La scheda è di colore grigio. L’elettore esprime il voto tracciando un segno sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta o nel rettangolo che lo contiene. Può esprimere da uno a un massimo di tre voti di preferenza, che devono però riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda e terza preferenza. Le preferenze possono essere espresse solo per i candidati compresi nella lista votata, attraverso il nome e il cognome, o solo il cognome, dei candidati scelti. Lo spoglio delle schede inizierà a chiusura delle urne, il 26 maggio a partire dalle ore 23. Durante le operazioni di voto e nei giorni precedenti le elezioni, l’ufficio elettorale del Comune osserverà delle aperture straordinarie per permettere di richiedere la tessera elettorale in caso di esaurimento o smarrimento della stessa. Per conoscere gli orari, consultare il sito del Comune www.comune.cinisello-balsamo.mi.it.


seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

vita cittadina

Mercoledì 15 maggio 2019

7

Verso la Giornata Mondiale del Rifugiato

Umanità migrante: gli appuntamenti di giugno

I

l 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, appuntamento voluto dall’ONU con l’obiettivo di sensibilizzare sulla condizione di milioni di richiedenti asilo: dietro ognuno di loro ci sono storie che meritano di essere ascoltate. Storie di sofferenze, di umiliazioni ma anche di chi è riuscito a ricostruirsi un futuro, portando un contributo alla società che lo ha accolto. A Cinisello, l’Anpi ha rivolto un appello a un gruppo di associazioni affinché ognuna nel proprio ambito fornisca un contributo di maggior conoscenza del fenomeno migrazione. Nasce così il progetto “Umanità migrante”, che propone un calendario di eventi per conoscere, capire, affrontare le diversità. “In un’Italia provata dalla crisi economica, sempre più chiusa in se stessa, in preda a paure e rancori, odio non verso chi la crisi l’ha provocata, ma nei confronti degli ultimi, riteniamo urgente ricreare un clima di solidarietà verso i rifugiati e contrastare tutte quelle false notizie che la propaganda dell’odio costruisce contro chi giunge dal mare dopo mille traversie e anche contro chi cerca di aiutarli” spiegano gli organizzatori. A partire dal 23 marzo si sono succedute mostre e incontri per offrire ai cittadini una chiave di lettura il più possibile corretta di questo fenomeno. Queste le iniziative che chiuderanno il percorso: il gruppo scout Azimut CB3

propone domenica 2 giugno dalle 15 alle 18.30 il workshop  “Siamo dello stesso sangue fratellino, tu ed io”, presso il Centro Educazione Ambientale di Legambiente, in via Giolitti 27; giovedì 6 giugno  alle 20.45 si prosegue con l’incontro “Il diritto alla salute - L’esperienza di Emergency in Italia e nel mondo”, presso il Salone della Cooperativa Agricola, in via Mariani 11; gran finale domenica 16 giugno, dalle ore 16 alle ore 22, con una festa che anticipa la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugia-

to. Una festa con musica, balli, giochi, teatro, clown, fantasia e immaginazione, che si terrà nel luogo della città simbolo dell’immigrazione: la piazzetta di via Frova dove si trova la Statua del Salto, “a testimonianza della drammatica continuità dell’esperienza migratoria che ieri ha segnato, e ancora oggi segna, la vita di milioni di italiani costretti a lasciare il nostro Paese e che si rispecchia nelle speranze di chi cerca in Italia e in Europa una vita e un futuro migliore” concludono gli organizzatori. 

Un luogo pubblico dedicato a Padre Giuseppe Puglisi

N

el Consiglio comunale del 29 aprile scorso è stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dal vicecapogruppo del Pd Daniele Calabria per l’intitolazione di un luogo pubblico della nostra città a Padre Giuseppe Puglisi. Don Puglisi, sacerdote assassinato dalla mafia il 15 settembre 1993, è stato un esempio di come la criminalità di stampo mafioso può essere combattuta con la sensibilizzazione delle nuove generazioni, attraverso la sua attività pastorale nel quartiere Brancaccio di Palermo e quella di insegnante di scuola superiore. “Abbiamo proposto che il luogo prescelto per l’intitolazione sia la piazzetta davanti al centro scolastico del Parco Nord, oggi rovinata da atti vandalici e nuova piazza di spaccio dei giovanissimi – spiega il consigliere Calabria – A nostro avviso, rappresenterebbe il luogo ideale per un tributo a una personalità fondamentale nella lotta contro le mafie e impegnato nell’educazione dei giovani”. Oltre alla proposta di intitolazione, l’ordine del giorno approvato sollecita la Giunta ad avviare il rinnovo della Commissione toponomastica.

Il consigliere del Pd, Daniele Calabria


8

Mercoledì 15 maggio 2019

vita cittadina

seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

La Parrocchia della Crocetta scelta per l’oratorio tra le genti

La San Pietro Martire sale alla ribalta nazionale

L

a Parrocchia San Pietro Martire si è classificata sesta al bando nazionale “Tutto per tutti”, finanziato dai fondi che la chiesa cattolica raccoglie con l’8x1000, grazie al progetto “Noi”. Un successo che è stato raccontato anche TV2000, che ha dedicato alla parrocchia il servizio “Firmato da te”, andato in onda il 24 aprile scorso. Il progetto “Noi” nasce dalla volontà di alcuni giovani di cambiare il concetto di oratorio; la loro idea prevede di abbandonare le mura dell’oratorio per andare a incontrare le comunità e le persone che abitano il quartiere. Tutto questo è stato messo in pratica attivando una serie di percorsi per bambini e ragazzi in strutture della Crocetta: dal corso di cucina al C.A.G Icaro, che ha l’obiettivo di aiutare i più piccoli a conoscere le diverse culture del territorio attraverso la preparazione di alcuni piatti tipici, ai

corsi di danza e pallavolo nella palestra della scuola Anna Frank, che danno ai ragazzi uno spazio in cui conoscersi,

fare gruppo e allenarsi. Il progetto ha anche permesso la rinascita dell’associazione sportiva ASD Lancieri Sprint,

Donata un’opera di Vismara dedicata ai martiri per la libertà

La Cooperativa Diaz ricorda i caduti balsamesi

I

n occasione della ricorrenza del 25 Aprile, la Cooperativa Armando Diaz, che quest’anno celebra il 90° di fondazione, ha donato alla città un’opera del Maestro Silvano Vismara che verrà posizionata sul Monumento in via Rimembranze, davanti al Circolo Concordia e alla prima casa della Cooperativa del 1930, non appena arriverà il nulla osta della Sovraintendenza alle Belle Arti. L’opera, dedicata “Ai martiri caduti per la nostra libertà”, ricorda l’impegno dei giovani Cooperatori Balsamesi che misero le loro vite a repentaglio nella Guerra di Liberazione dalle forze nazifasciste che occupavano l’Italia dal 1943. L’impegno, nato dalle discussioni politiche al Circolo Concordia, spesso masche-

punto di riferimento negli anni passati per il quartiere, ma in declino nell’ultimo periodo. Questi percorsi non sono però l’unico modo in cui la Parrocchia San Pietro Martire cerca di incontrare le diverse persone che abitano il quartiere: nei mesi più caldi vengono infatti realizzate delle feste nelle diverse piazze del territorio. Il bello di questo progetto, partito ormai da due anni, è la continua evoluzione e il coinvolgimento di altre realtà, entusiaste di questo “oratorio tra le genti”, come Scout, Anffas, Torpedone e Oratorio San Martino. È proprio partendo da questa comunione di intenti che i ragazzi hanno deciso che il tema dell’ultima festa di quest’anno (sabato 1 giugno 2019) sarà “Vivere a colori”. “Simboleggiano l’unione sia di tutte le realtà che hanno collaborato con noi, sia di tutte le comunità che hanno partecipato a queste iniziative e che si riuniscono per una grande festa prima di salutarci per l’estate” spiegano gli organizzatori. Che vi aspettano a braccia aperte. rate con una partita a scopa, era di casa anche prima dell’inizio della guerra. Ma il regime fascista ne impediva l’esplicitazione. Quindi, tra una dottrina di don Piero Carcano e un bicchiere di vino, le giovani generazioni di Balsamesi assaporavano le idee di libertà e si preparavano al loro impegno civile, per difendere i valori del bene comune, studiando la Rerum Novarum e il magistero della chiesa. “Oggi, ricordando che la libertà e la democrazia non sono un bene definitivo, ma vanno coltivati e ricordati quotidianamente, vogliamo lasciare questo segno a tutti quanti noi, che passando e vedendo quest’opera, ricordi il sacrificio di chi ci ha donato la libertà” spiegano dalla Cooperativa Diaz. Numerose altre iniziative sono previste per festeggiare i 90 anni della Diaz: le prossime sono in programma il 29 e il 30 giugno e il 12 e 13 ottobre, in occasione della sagra di Balsamo.

Domenica 19 maggio stand in via Frova

Attenzione sulla responsabilità personale

L

O

Vo.Ci, il volontariato in festa a festa del volontariato cinisellese torna, con una nuova location. Il luogo di incontro con le più importanti associazioni della città sarà infatti quest’anno via Frova, nella cosiddetta “piazzetta del salto”, tra Il Pertini e Villa Ghirlanda. Qui domenica 19 maggio, tra le 9 e le 19, sarà possibile conoscere le attività e le persone che animano la vita sociale cinesellese, che intratterranno i presenti offrendo gadget e giochi. Dalle 9 alle 13, in particolare, l’associazione diabetici Adcl offrirà dei controlli gratuiti della glicemia e della pressione arteriosa, mentre dalle 16.30 alle 18 si terrà un’esercitazione dei cani addestrati del Gruppo Cinofilo della Protezione Civile. Per tutta la giornata si susseguiranno dimostrazioni a cura delle diverse associazioni sportive e si potrà fare un giro con 2 risciò messi a disposizione dalla protezione civile e dal VoCi. Alle 12 e alle 18 le autorità cittadine saluteranno i presenti e alle 16, per la gioia di tutti i bambini, saranno gettati 200 palloncini con omaggi da ritirare presso gli stand delle associazioni. Saranno presenti: l’associazione diabe-

tici Adcl, i volontari ospedalieri di Avo, i donatori di midollo osseo di Admo, Anime Animali con la raccolta di cibo per colonie feline e cani senza famiglia, Abio Brianza, i familiari di persone con disturbi psichiatrici de La Svolta, il Centro di Aiuto alla Vita, Anmil, la Protezione Civile con il campo base e i mezzi per le emergenze, l’associazione Familiari Vittime della Strada Aifvs, il Centro Costa, Il Sorriso nel Cuore, il Gruppo Cinofilo della Protezione Civile, gli Amici del Pertini e di Villa Ghirlanda, l’Unione Samaritana, la neonata Fiab Gira in Bici a Cinisello, la Croce Rossa e l’associazione sportiva Kung Fu. La festa del VoCi sarà preceduta, sabato 18 maggio, dalla camminata per la salute nel Grugnotorto promossa dall’associazione diabetici Adcl. Il ritrovo è previsto alle 14.20 nel posteggio di via Giolitti, presso il Cea di Legambiente, che guiderà i partecipanti alla scoperta delle bellezze del parco. Anche in questa occasione sarà possibile effettuare dei controlli glicemici. Tutti i partecipanti riceveranno un dono, che potranno ritirare il giorno successivo alla festa del VoCi.

Amici dello Stretto, focus sicurezza gni singolo cittadino è responsabile della propria sicurezza e il suo comportamento può essere determinante per il bene di chi gli sta vicino. Ecco uno tra i diversi spunti di riflessione emersi da un interessante approfondimento proposto dall’Associazione Culturale Amici dello Stretto, che ha dedicato una serata a un tema più che mai attuale e spesso motivo di discussione. Nella Sala dei Paesaggi di Villa Ghirlanda, alla presenza del sindaco Giacomo Ghilardi, del vicesindaco Giuseppe Berlino e di Riccardo De Corato, assessore alla Sicurezza della Regione Lombardia, il presidente dell’associazione Davide Geraci ha introdotto il dibattito, presentando gli autorevoli relatori intervenuti. Salvatore Bellomo, Sostituto Procuratore del Tribunale di Monza, ha condiviso la propria esperienza di magistrato, impegnato in numerose attività di contrasto alla criminalità organizzata. Sottolineando la necessità di intervenire con determinazione da parte della magistratura, ha evidenziato che la finalità delle azioni repressive punta

prima di tutto alla prevenzione e alla rieducazione di chi ha commesso il reato. Paolo Quercia, docente di Studi Strategici all’Università di Perugia, ha esposto una significativa riflessione sulla natura dei flussi migratori del secolo scorso in confronto con quelli attuali. Tra le varie considerazioni emerse, ha messo in luce che la sicurezza interna di un paese è strettamente connessa a ciò che avviene al di fuori dei suoi confini. Paolo Salvatori, già funzionario dell’Agenzia Informazioni Sicurezza Esterna, ha descritto alcuni aspetti legati alle attività di intelligence e analizzato la natura di certe dinamiche terroristiche. Le sue considerazioni hanno ripercorso gli avvenimenti più rilevanti dal secondo dopoguerra ad oggi che hanno caratterizzato il panorama internazionale e aumentato nel corso del tempo la percezione di insicurezza. Il dibattito si è rivelato un’iniziativa davvero edificante, rafforzando il senso civico personale perché ogni cittadino si senta responsabile della propria sicurezza e di quella della collettività. Emanuele Lavizzari


seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

vita cittadina

Mercoledì 15 maggio 2019

9

Intervista con Lino Lacagnina, Amministratore Unico di Amf

“Lascio le Farmacie Comunali in ottima salute”

A

mministrare un’azienda pubblica in difficoltà e trasformarla in eccellenza: merito di Lino Lacagnina, Amministratore Unico delle Farmacie Comunali dal gennaio 2014 e arrivato ora a fine mandato. Cinque anni e mezzo appassionanti, che ci racconta pochi giorni prima del passaggio

di testimone al nuovo Amministratore, individuato con bando comunale e di cui, al momento in cui scriviamo, non si conosce ancora l’identità. Emerge il ritratto di un uomo attento alle persone e che ha saputo metterle al centro della propria azione, per rilanciare un bene comune.

Il Ministero sceglie Il Pertini

I

l Pertini protagonista ancora una volta di una produzione video. La nostra biblioteca si conferma uno dei set preferiti del Nord Milano e si proietta addirittura in ambito nazionale. È stato infatti scelto come location per uno spot del Ministero delle Politiche Giovanili, per promuovere il bando nazionale “Fermenti!”, che mette a disposizione un finanziamento per realizzare iniziative di imprenditorialità giovanile di natura sociale e coesiva. Lo spot, girato a fine aprile, è in onda da qualche giorno sulle reti Rai.

Il suo insediamento avvenne in un momento complicato: il Comune aveva sciolto il precedente consiglio di amministrazione e cercato, invano, di vendere il 40% delle azioni di Amf. “I dipendenti erano preoccupati – racconta Lacagnina - la prima azione è stata tranquillizzarli e poi lavorare perché non si pensasse più di vendere Amf”. Sul piano economico, come stava Amf e come sta ora? Il bilancio 2013 chiudeva con una piccola perdita di 9 mila euro, a fronte di 260 mila di canone concessorio pagato al comune. Parliamo di un’azienda che era sostanzialmente in pari e che fruttava alle casse comunali. Da quel momento il bilancio è andato in crescita e abbiamo rivisto le modalità di calcolo del canone concessorio per mettere al sicuro Amf e dare comunque un introito al Comune. Il quale da allora incassa più che con il vecchio sistema di calcolo: nel 2016 abbiamo avuto 429mila euro di utile netto; 501mila nel 2017; 541mila nel 2018; e il canone è salito l’anno scorso a 340mila euro. Su quali ambiti si è concentrato? Dare un’immagine nuova all’azienda: rifare il logo, tornare alla dicitura Farmacie Comunali, per sottolineare ai cittadini che sono un bene loro. Internamente, formare il personale, dare un’identità aziendale, motivare. I cittadini hanno risposto e le vendite sono aumentate. Poi abbiamo messo in campo una modalità nuova di sviluppo dei temi sociali, partecipando a attività cittadine con cui condividevamo progetti e finalità di promozione della salute. E attivato la solidarietà aziendale, utilizzando come team building la partecipazione a progetti solidali. Ci siamo concentrati sull’innovazione, ristrutturando 3 farmacie, una delle quali (la 6)

con un efficiente robot, tra pochissimo partirà la ristrutturazione della 5 e abbiamo trasformato la 1 in farmacia dei servizi grazie al Centro Salute e Bellezza. È partito anche l’e-commerce, con un marchio a se stante. Abbiamo aperto il filone della fornitura di farmaci alle Rsa, con un accordo con la Fondazione Martinelli attivo da 3 anni e un nuovo contratto con Il Sole. Da ultimo, siamo stati attenti alla patrimonializzazione dell’azienda, acquistando le sedi di 3 farmacie: la 1, 3 e 8. Cosa le lascia questa esperienza? Arrivo dal terzo settore ed è stato un modo diverso di organizzare un servizio per i cittadini. Gratificante: operare per il bene di Cinisello è la cosa più bella che porto a casa; ricambiare quello che questa città mi ha dato, da siciliano che è arrivato qui ed ha trovato un luogo aperto ad accoglierlo. A cosa si dedicherà ora? Continuo a lavorare per il Don Gnocchi e sono impegnato nella Fondazione Auprema, di cui stiamo cercando di ridisegnare la mission. Fiorenza Melani

l’impegno delL’associazione per gli anziani

RSA del Sole in cerca di volontari

L

’Associazione Amici della Residenza del Sole è alla ricerca di nuovi volontari che possano collaborare con gli educatori e gli animatori professionali per offrire sostegno, compagnia e intrattenimento ai pazienti della RSA. La squadra dei volontari presta servizio in struttura ai 100 pazienti ricoverati e agli ospiti giornalieri dal lunedì al sabato su turni mattutini e pomeridiani della durata di 2 ore e mezza circa. Ciascun volontario viene formato attraverso specifici incontri coadiuvati dalla dott. ssa Cristiana Bonfanti, responsabile dell’area socio-sanitaria-assistenziale, e da Vincenzo Genna, capo degli animatori. Non si tratta solo di incontri formativi ma anche di momenti di scambio di esperienze, di confronto e di programmazione delle attività di volontariato. I volontari offrono un supporto umano significativo per tutti i pazienti. Le attività segnate in agenda sono molteplici. Si varia dai compiti di assistenza e animazione nel salone polifunzionale come il gioco delle carte, la teatrotera-

pia, la musicoterapia, la proiezione di film, la lettura del giornale, la compilazione dei cruciverba o la tombola fino alla gestione dei laboratori creativi di disegno e cucito. Nella quotidianità degli ospiti alcuni giorni però sono più speciali di altri. “Il mercoledì, ad esempio, è una giornata particolare – racconta Gianni Moretti, presidente dell’Associazione Amici della Residenza del Sole, che opera da diversi anni all’interno della struttura – gli ospiti hanno la possibilità di scegliere tra la danzaterapia in salone e l’uscita in città con il pulmino. Mentre alcuni volontari offrono sostegno agli ospiti impegnati nel ballo, altri invece accompagnano sul pulmino alcuni pazienti per una gita all’esterno, a contatto con luoghi vicini della città. Tutte le attività sono sempre rese a supporto del personale specializzato”. Presso l’ufficio accoglienza della struttura in via Bernini 14 è possibile avere informazioni in merito alla possibilità di aderire al gruppo. Erika Meazzi


10

Mercoledì 15 maggio 2019

cultura

seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

I vincitori, tra fantasia e impegno civile

Gran finale della terza edizione di AGRinCORTO

C

ortometraggi protagonisti per una sera al Pertini, per la premiazione del festival AGRinCORTO, concorso organizzato dalla Cooperativa Agricola di Balsamo in collaborazione con il Comune. La selezione, aperta sia ai registi in erba sia agli esperti del settore, si è concentrata quest’anno sul tema della sostenibilità, toccando tematiche importanti per la nostra storia e la nostra identità: la solidarietà, il legame con la terra, il cibo, il lavoro, l’ambiente, l’arte. Protagonisti cortometraggi di carattere narrativo, documentaristico e d’animazione provenienti da tutto il mondo. Più di cento, con tematiche ambientali o di impegno civile, tra i quali la giuria composta da Mario Leclere (regista, direttore della fotografia), Daniela Maggi (assessore alla Cultura), Matteo Mazza (critico, esperto di cinema del Rondinella), la direttrice del nostro giornale Fiorenza Melani (giornalista e psicologa) e Daniele Russo (sceneggiatore e regista) – ha scelto due vincitori e due opere meritevoli di menzione, presentate al pubblico il 9 maggio scorso in una serata condotta dalla giornalista Sonia Minchillo. “Abbiamo premiato cortometraggi che portassero a riflettere sulla condizione dell’uomo contemporaneo e sulle sue relazioni con l’ambiente non solo naturale, ma anche sociale e interio-

nicazione digitale: “una fiaba contemporanea tra un principe e una principessa che, da virtuali, diventano reali l’uno per l’altra” motiva la giuria. AGRinCORTO si chiude con grande soddisfazione da parte del pubblico in sala e degli organizzatori e dà appuntamento al prossimo anno.

Teatro in festa con la Compagnia Primavera

P Il cortometraggio vincitore: "La giornata" di Pippo Mezzapesa

re” spiega Fiorenza Melani, presidente della giuria. Vincitore del premio per la categoria principale denominata “Il sale della terra”, un corto di forte impegno civile: “La giornata” di Pippo Mezzapesa “per la forza emotiva con cui racconta il tema dello sfruttamento e della morte sul lavoro – si legge nella motivazione – portando alla luce una storia vera ed esortando ad una presa di coscienza sul tema del rispetto degli esseri umani nei processi produttivi”. Di grande attualità anche il tema di una delle menzioni speciali, “Chocolate wind” di Ilia Antonenko, che affronta con intensità ed originalità il soggetto

dei foreign fighters dell’Isis, mettendo in scena, a partire da storie vere, il processo manipolatorio di reclutamento imperniato sulla fragilità degli adolescenti occidentali, attraverso una cifra stilistica contemporanea. Natura e creatività sono invece protagoniste di “Dot” di Pia Gaspar, piccola opera d’animazione che si è aggiudicata una menzione speciale e il premio del pubblico in sala con l’applauso più caloroso. Vince infine per la categoria a tema libero riservata a cooperative, scuole o associazioni “Liebesbrief (Love Note)” di Marcus Hanisch, dedicato alla comu-

roseguono le iniziative per festeggiare i 30 anni della Compagnia Teatrale Primavera. Venerdì 17 maggio alle 21, presso l’auditorium del Pertini, il gruppo metterà in scena l’adattamento teatrale in due atti a cura di Aurora Forti “Coincidenze o destino”. Una piece sull’importanza di venire al mondo, sul nascere una seconda volta. A partire dalla storia di Mariasole, che corre in bicicletta verso un appuntamento che dovrebbe cambiare la sua vita e si trova invece l’esistenza stravolta da un incidente, un racconto corale guidato dal caso o dal destino. Sabato 25 maggio andrà invece in scena la quarta edizione della festa “Fior di teatro”, con attori e registi che presenteranno al pubblico 4 corti teatrali. Appuntamento alle 21 presso il salone di via Verdi 25.

Al Rondinella, in sala il regista Alessandro Scillitani

Un viaggio emozionante “Alla ricerca di Europa”

È

un viaggio emozionante quello che il Cinema Rondinella di viale Matteotti propone martedì 21 maggio alle 21,15 e che replica venerdì 24 maggio alle 17,30. È un viaggio in barca “Alla ricerca di Europa”. Già, perché se oggi il nome di Europa sembra richiamare alla mente di tanti nostri concittadini solo paure, banche, austerità, burocrazia e norme spesso incomprensibili, c’è stato un tempo in cui questo nome affondava le radici nel mito, e addirittura in quello che per i Greci era il capo degli dei. Fu infatti Giove che, persa la testa per Europa, la bellissima

figlia di Agenore, re di un’importante città fenicia, decise di rapirla e, per farlo, assunse le sembianze di un toro bianco. Da qui, in tempi di Brexit, di nazionalismi e sovranismi rimontanti, è partita l’idea dello storico Piero Tassinari, nel frattempo scomparso, dello scrittore e giornalista di “La Repubblica” Paolo Rumiz e del regista Alessandro Scillitani, di mettersi a bordo di una barca e traghettare nel Mediterraneo, tra Asia ed Europa, in un viaggio appassionante per cercare di capire dov’è l’Europa, dove comincia, quali sono e dove sono le sue radici e che cosa di queste

è rimasto nella testa e nel cuore degli uomini che vivono nei luoghi, sulle coste, nell’entroterra, in cui quest’idea ha preso corpo, prima di intraprendere un lungo viaggio che, a distanza di duemila anni, l’ha portata fino a noi. In concomitanza con la proiezione di martedì 21 il regista di “Alla ricerca di Europa”, Alessandro Scillitani, sarà in sala per incontrare gli spettatori. Una brevissima citazione per il fine settimana. Sullo schermo del Rondinella viene infatti proiettato “Dolor y gloria”, scritto e diretto da Pedro Almodòvar, con Antonio Banderas protagonista.

Si sorride al Pax Settimana mondiale della Croce Rossa ine settimana all’insegna del sor-

F

riso, quello che propone il Cinema Pax di vicolo Fiume 4 a Cinisello. Per i ragazzi viene proiettato “A spasso con Willy”, di Eric Tosti. È la storia del giovane Willy che, a seguito della distruzione della navicella con cui viaggiava nello spazio insieme ai genitori, si ritrova da solo con il robot Buck su un pianeta inesplorato... Fantasia a fiumi anche in “Ma cosa ci dice il cervello”, film di Riccardo Milani, con Paola Cortellesi nei panni della protagonista. Il film racconta la storia di Giovanna, all’apparenza una donna dimessa che si divide tra il lavoro al ministero e le faccende familiari e domestiche, in realtà un’insospettabile agente segreto, che darà il meglio di sé dopo una rimpatriata tra vecchi compagni di liceo.

D

al 6 al 10 maggio scorso si è celebrata la Settimana Mondiale della Croce Rossa, arricchita quest’anno dal Centenario di Fondazione della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (FICR). Per l’occasione, l’Amministrazione comunale ha esposto la bandiera della Cri accanto a quelle istituzionali sul balcone del Municipio in piazza Confalonieri. Il drappo bianco con al centro la croce rossa è stato consegnato dal Commissario del Comitato locale cinisellese Valter Riva, insieme ad alcuni volontari (nella foto). La Federazione di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa è presente in più di 191 Paesi del Mondo e conta più di 13 milioni di volontari, di cui 150.000 in Italia.


seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

Mercoledì 15 maggio 2019

cultura

Il 30 maggio appuntamento con mostre, birra, salamelle e tanta musica

La Festa dell’Unità rinasce nel nuovo millennio

B

irra, salamelle, mostre fotografiche, approfondimenti e dibattiti, concerti e divertimento, volontariato e socializzazione. Nell’immaginario collettivo per anni le Feste dell’Unità hanno rappresentato tutto questo, ma sono state anche molto di più e la festa dell’Unità - Estate cinisellese, organizzata dall’associazione culturale Polis e in programma nell’area feste di villa Ghirlanda di via de Ponti dal 30 maggio al 9 giugno, ha l’obiettivo di far rivivere quei sapori, colori e suoni e trasportarli nel nuovo millennio. Soprattutto nei decenni cinquanta e sessanta, a Cinisello le Feste dell’Unità sono state anche il momento più evidente della capacità di far sentire parte di una comunità. Di dare a tutti - anche a chi era appena arrivato in città da altre parti d’Italia - la sensazione tangibile di non essere un corpo estraneo ma un cittadino a pieno titolo. Era usuale, in quegli anni, vedere cinisellesi “storici” spillare caraffe di vino rosso accanto ad immigrati veneti, o arrostire salamelle fianco a fianco con pugliesi, calabresi, marchigiani. Ed è proprio questo il filo conduttore della festa del 2019: cercare di capire come, in un ventennio nel quale la città è passata da 13mila a oltre 78mila abitanti provenienti da ogni regione italiana, sia

Una delle fotografie in mostra all’Estate Cinisellese

stato possibile costruire una comunità e non un grande ghetto, come sia stato possibile - pur nelle enormi difficoltà di ordine pratico da affrontare - costruire

un tessuto urbano e sociale sano e vitale, come sia stato possibile dare a tutti la possibilità di essere protagonisti e non solo soggetti passivi di una trasforma-

Torna la birreria gestita dall’Arci

L

a Festa dell’Unità guarda al presente ma anche al futuro. I ragazzi della Birreria, storico stand autogestito dal Circolo Arci La Quercia, promuovono una raccolta in Crowdfunding per comprare la struttura che quest’anno sarà allestita nello spazio dedicato ai giovani. Il progetto ha vinto il bando “Estate Insieme” di Arci Nazionale. L’obbiettivo è raccogliere 1500 euro a fronte dei quali i promotori del progetto ne doneranno altri 1500.  Sarà possibile partecipare alla campagna di donazioni attraverso la piattaforma www.produzionidalbasso.com, al grido di: “Mettiamoci un tetto!”.

ESTATE CINISELLESE

2019

DAL 30 MAGGIO AL 9 GIUGNO all’AREA FESTE VIA DE PONTI

11

zione così turbolenta. Senza dimenticare anche l’altro, fondamentale, aspetto che ha sempre caratterizzato le Feste dell’Unità: il divertimento, lo svago e la socializzazione. Ecco, dunque, che accanto alla tradizionale griglia per le salamelle (con una portata record di 70kg) ci sarà una mostra fotografica ideata da Walter Bonizzi e Sergio Pirovano che ripercorrerà le trasformazioni della città e la storia delle feste dell’Unità che si sono svolte in tutti i quartieri cittadini dagli anni ‘50 agli anni ‘90. Il programma, ancora in fase di ultimazione, prevede anche incontri con i protagonisti che hanno vissuto quelle trasformazioni e che quindi possono raccontare le dinamiche che hanno portato alla Cinisello Balsamo che conosciamo, ma anche momenti più leggeri grazie ai concerti di band giovanili organizzati ogni sera alle 21 dai ragazzi della birreria (dai “Cantautonomi” del 30 maggio alla “Fusion night” del 9 giugno). Non mancheranno, perché non mancavano mai nelle Feste dell’Unità, gli incontri politici con esponenti di livello nazionale dei partiti di centrosinistra. Un programma ricco e completo, dunque, ma non un amarcord fine a se stesso. Chissà che a ripercorrere quegli anni e le sfide immani che sono state affrontate grazie alle idee e alle passioni dei protagonisti non si possa imparare come affrontare il futuro con più ottimismo. La cerimonia ufficiale di inaugurazione è prevista per giovedì 30 maggio alle 18.30. Alberto Covini

Incontro-Cena con il

Premio Nobel per la Pace 2018 dott. Denis Mukwege Medico congolese che, nell’Ospedale di Panzi a Bukavu (R.D. del Congo), cura le donne vittime di stupro

Mercoledì 22 maggio 2019 ore 18.15 Conferenza: “Il grido di un popolo strangolato e la lotta del dott. Denis Mukwege. Quale speranza per l’Africa?” Moderata da Anna Pozzi Auditorium Alberione - via Giotto, 36 Milano Per info: Don Ampelio Crema 328 6202915 - Pierre Kabeza 327 109 0905 ore 20.00

BIRRERIA DIBATTITI RISTORANTE MUSICA LIVE GRIGLIA MOSTRA FOTOGRAFICA

Cena Solidale a favore dell’Ospedale di Panzi

Parrocchia S. Pietro Martire Via Milazzo, 6 – Cinisello Balsamo (ampio parcheggio interno) Prenotazione obbligatoria per la cena – Adulti € 15 / Ragazzi fino ai 10 anni € 5 Per info: cena@fontedisperanza.org Prenotazioni: 340 528 5982 oppure Don Alberto 339 739 1825 IBAN: IT14R 02008 05203 000102958790 In collaborazione con

Missionari del Pime


12

Mercoledì 15 maggio 2019

cultura

seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

CBcomix, quarta edizione della fiera del fumetto

È

ai nastri di partenza la quarta edizione di CBcomix, la fiera del fumetto nata come una scommessa e diventata ormai un appuntamento fisso nel calendario degli eventi culturali e ludici cinisellesi. Un appuntamento molto atteso da collezionisti, appassionati e curiosi, che si terrà il 9 giugno negli spazi e nel giardino esterno della Cooperativa Agricola, in via Mariani. Hanno già garantito la loro presenza gli espositori specializzati nella vendita delle novità e dei classici del fumetto mondiale, oltre a quelli dedicati ad action figures, libri, gadget e tutto il materiale

legato al mondo dei cartoons, dei comics e dei manga. Sarà inoltre possibile incontrare alcuni disegnatori e autori. Durante la manifestazione saranno presenti gli immancabili cosplayer e si potrà assistere alle dimostrazioni della scuola di spada laser per bambini e delle tecniche di arti marziali utilizzate in manga e anime. Il tutto innaffiato da birra e salsicce dell’Osteria Barbagianni. CBcomix è organizzato da EF edizioni, CBcomm, Cooperativa Agricola di Balsamo e Osteria Barbagianni in collaborazione con il Comune e la ProLoco. Ingresso gratuito.

Pittura ed emozione nell’interpretazione di cinque artisti cinisellesi

O

gnuno con il suo viaggio, ognuno diverso oltre ad essere la frase di una celebre canzone è anche il modo in cui si descrivono i cinque pittori cinisellesi che, insieme, hanno esposto le loro opere per la mostra Emozioni a colori, tenutasi alla Cooperativa Agricola - Osteria Barbagianni. Diverse nello stile pittorico, ciò che ha accomunato le opere esposte è stata la capacità di suscitare emozioni in chi le ha osservate. Possono allora essere soddisfatti Edi Pettenò, Franca Ottino, Liliana Fumagalli, Luigi Franco e Magdalena Grandi, dal momento che proprio il desiderio di emozionare li ha guidati nella scelta delle opere da esporre, come ha spiegato Edi Pettenò, portavoce del gruppo. In comune i cinque artisti hanno anche un legame di stima e sostegno reciproco e, alcuni di loro, una maestra, appunto Magdalena Grandi, nota in città per aver dipinto La storia di S. Martino, presso la Chiesa di San Martino, e la tavola Madonna della strada, in via Machiavelli. Resta allora solo da attendere la prossima mostra che, da soli o in gruppo, i cinque artisti vorranno proporre al pubblico. Letizia Pellegatta

Il vuoto non è vuoto

U

ltimo incontro del ciclo “Alla scoperta dell’Universo”, organizzato del Gruppo Astrofili di Cinisello. Il 24 maggio alle ore 21, nell’auditorium del Pertini, si parlerà del concetto di vuoto. Se già Aristotele sosteneva che il vuoto in natura non esistesse, la fisica moderna ha confermato questa intuizione filosofica. Il vuoto quantistico, infatti, brulica di particelle e antiparticelle che appaiono e scompaiono in frazioni infinitesimali di secondo. Stefano Spagocci ci parlerà di bosone di Higgs, della nascita dell’Universo, della sua possibile morte e rinascita, attraverso un viaggio affascinante nella fisica quantistica. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

diciassettesima edizione

Memorial Percy Medina

A

l “Lancieri Stadium” di via Canzio 21 si svolgerà, dal 10 al 16 giugno, il memorial Percy Medina. Per sabato 15 e domenica 16 giugno sono previste le semifinali e le finali del torneo di calcio. Ci sarà tanto intrattenimento musicale e una griglieria sempre aperta.


seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

Mercoledì 15 maggio 2019

società

In pellegrinaggio con gli studenti, con l’aned e l’anpi

Nei lager nazisti, per risvegliare la memoria

S

iamo stati in viaggio, dal 3 al 6 maggio scorso. Un viaggio, il nostro, sebbene ancorato alla memoria, che si è ben innestato in un presente assai pericoloso. Lo abbiamo fatto insieme e grazie a loro, con l’Aned (Associazione Nazionale ex Deportati Politici), con l’ANPI, con le delegazioni dei comuni. Oltre alla rappresentanza sestese anche quella di Monza, di Muggiò e quella della nostra città. C’erano decine di giovani delle scuole che l’associazione Ventimila Leghe (straordinariamente efficace nell’organizzazione) ha coinvolto in un pellegrinaggio lungo la storia. Una storia narrata dai testimoni e dai loro parenti. Ficcante nella sintesi e corposa nel descrivere i sentimenti di persone che hanno lottato e non si sono piegati al fascismo. Il percorso ci ha condotto al castello di Hartheim. All’interno di questa costruzione i nazisti avevano il compito di completare un programma di sterminio siglato come T4: eliminazione di tutti quei soggetti impossibilitati a rendersi utili a causa delle loro condizioni fisiche. Nessuno è tornato. Siamo stati al campo di Gusen dove si uccidevano internati di ogni nazionalità. Vi si trova un Memoriale. Per costruirlo le associazioni dei deportati hanno dovuto acquistare il terreno dove sorgevano le baracche, poiché un piano di lottizzazione ne ha frantumato la testimonianza. Tuttavia il Memoriale è là. Non è una semplice allusione ai massa-

cri del passato ma un monito per tutti, anche per coloro che intorno vi hanno costruito delle villette. Infine a Mauthausen. E lassù ogni centimetro di ter-

reno parla di storia. Di lotta per la vita. D’amore per la libertà e per gli altri. Sentimenti, parole e fatti, riassunti nella ricerca certosina di Giuseppe Valota,

“Streikertransport-La deportazione politica nell’area industriale di Sesto San Giovanni, 1943-1945”. Adesso rattrista doverlo ammettere: ci troviamo in un Paese guastato. Guastato dall’inneggiare all’odio. All’esclusione. All’elevazione dei muri, la demarcazione dei confini. Paese scippato anche delle più elementari regole di civile convivenza. Sciupato dal grigiore. Nel considerare: “tanto sono tutti uguali” l’orientamento conservatore (mai estraneo alla storia italiana) favorisce l’attuale foschia. Abbiamo provato un’emozione (fortissima) una scia luminosa nel visitare i campi nazisti dove furono rinchiusi e soppressi migliaia di donne e uomini. Il loro sacrificio ha permesso il futuro per un’Europa senza guerre, per settantacinque anni. Non guastiamolo. La memoria non deve assopirsi. Ivano Bison

Giochi in dono alle scuole elementari

A

conclusione del progetto “Io tifo positivo”, che ha coinvolto 15 classi delle scuole primarie cittadine per un totale di oltre 300 bambini, l’Amministrazione comunale ha deciso di regalare a tutte le classi un kit di materiali ludico sportivi. Palloni, cerchi, corde, coni, aste e cinesini che potranno essere utilizzati per riproporre in palestra i giochi di collaborazione appresi durante gli incontri, volti a stimolare il rispetto reciproco e a valorizzare lo sport come strumento aggregativo. I kit sono stati consegnati alle scuole Buscaglia, Montessori, Villa e Garibaldi il 10 maggio scorso al Palazzetto dello Sport. Per le restanti classi, non direttamente coinvolte nel progetto, la consegna avverrà direttamente presso gli istituti. “Io tifo positivo” è un progetto di Comunità Nuova onlus realizzato in collaborazione con il Servizio Sport Comunale, grazie a numerosi partner sportivi (Briantea 84, F.C. Internazionale, A.C. Milan, Cagliari calcio, ecc.) e non (Fondazione Candido Cannavò, Gazzetta dello Sport).

Vuoi davvero essere social? Aiutaci a sostenere il Social Market di Cinisello Balsamo, un negozio solidale a supporto di persone e famiglie in situazione di fragilità economica.

Per info: info@socialmarketnordmi.org 02 48671414 mart-giov 9:15-12:00 / 15:45-18:30 ven-sab 9:15-12:00

Come? Donando prodotti alimentari a lunga conservazione, per l'igiene personale e per la pulizia della casa. Facendo una donazione libera a: Marse APS Causale: donazione libera Social Market Iban: IT87o033596768451070031432

Puoi donare i prodotti portandoli al Social Market in Via Marconi 43 a Cinisello Balsamo

Donando il tuo 5x1000 all'Associazione Marse Codice Fiscale 94535580156 Realizzato da

POLIAMBULATORIO

DIAZ

POLIAMBULATORIO

SOLE

CONSORZIO IL SOLE

Con il contributo di

13

CONSORZIO IL SOLE

POLIAMBULATORIO

CONSORZIO IL SOLE POLIAMBULATORIO

CONSORZIO IL SOLE

POLIAMBULATORIO

DIAZ

POLIAMBULATORIO

CONSORZIO IL SOLE

POLIAMBULATORIO

CONSORZIO IL SOLE

CONSORZIO IL SOLE

SOLE


Implantologia custome made R. M. V Dental Group

Dr. Emanuele ci spieghi le ultime novita dell’odontoiatria? Il Dott. Emanuele Morella si è laureato nel 1991 in medicina e chirurgia con specializzazione in Odontostomatologia presso l’Università di Milano, è responsabile del Centro Corsi R.M.V Dental Group, è relatore di vari Congressi in Italia e all’ Estero di Implantologia Avanzata Rigerativa inerenti alle moderne sistematiche implantari. Membro e Socio Attivo dell’A.I.S.I (Accademia italiana di Stomatologia Implantoprotesica) Socio attivo I.P.A International Piezosurgery Accademy. Professore per il Master di implantologia Università Ibero-Americana U.N.I.B.E. Professore all’Università di Bari per il master di piezochirurgia. (OPINION LEADER Martin group Sistemi per implantologia rigenerativa per la tecnica tridimensionale in Box). Il Dot t Emanuele Morella ci presenta gli ultimi aggiornamenti sulle tecniche chirurgiche attualmente eseguite in implantologia. Dott. Emanuele quali sono le aspettative di un paziente oggi giorno? Oggigiorno le aspettative del paziente sono legate soprattutto a considerazioni di carattere psicologico legate all’estetica, alla paura dell’intevento, paura del dolore e inoltre alla paura di sottomettersi a lunghe terapie, la paura di rimanere senza denti per lunghi periodi. Dott. Emanuele che cosa si intende per riabilitazione impianto-protesica? Oggigiorno la moderna tecnologia e i moderni materiali permettono di sostituire i denti mancanti con protesi costituite da impianti Credo sia corretto che un professionista serio, che si accinge a praticare interventi chirurgici atti ad inserire nel corpo umano dei presidi alloplastici permanenti, debba avere la più ampia conoscenza di tutto ciò che è stato fatto dai grandi maestri del passato, pionieri dell’implantologia, dei loro insuccessi e dei loro risultati ottenuti con grande coraggio e tenacia e di conseguenza avere ben chiaro ciò che può funzionare e ciò che non può funzionare, per limitare al minimo gli insuccessi a breve temine. Siamo alle soglie del terzo millennio ed uno dei più antichi sogni dell’uomo è una scienza medica che curi senza violare il corpo umano,una chirurgia mininvasiva ed atraumatica che rispetti i tessuti del corpo senza fori e senza tagli “è questa la nuova frontiera in odontoiatria, in particolare in quella branca superspecialistica che è la Micro chirurgia implantare rigenerativa avanzata. Di carattere sistemico o per danno iatrogeno, le patologie che portano all’atrofizzazione dell’osso della mascella sono molteplici. In passato le risposte terapeutiche prevedevano esclusivamente innesti di osso autogeno, che però costringevano a prelievi deturpanti di osso dalla calvaria o dall’anca - interventi costosi sotto il profilo biologico, psicologico ed economico, dato che il paziente, per arrivare alla completa riabilitazione, veniva sottoposto a più interventi, con un impegno che normalmente raggiungeva i ventiquattro mesi. «Con l’ausilio della piezochirurgia e della tecnologia stereo-litografica, unita alla tecnologia Cad-Cam robotica, è possibile, in un solo intervento, riabilitare il paziente senza prelevare nessun tipo di osso.

Questo, infatti, viene creato a partire dai fattori di cre- cede alla rigenerazione per mezzo del acido poliscita L.-P.R.F, e quindi, attraverso una metodica sem- glattico e del P.R.F plice e non invasiva, adesso possiamo risolvere anche dr MORELLA i nostri lettori ci chiedono ma i casi in cui l’osso è sottile, vuoto o basso. quanto dura un impianto? Ma la vera novità sta nel fatto che, con questa tecni- VI posso dire solo che secondo le varie linee guida ca, il paziente è operato una sola volta e riabilitato con mondiali l’impianto dovrebbe durare circa 7-10 anni le protesi definitive in circa quattro o sei mesi». come alcune protesi devono poi essere sostituite ….. Questo tipo di impianto CUSTOME MADE. Ma secondo la mia esperienza dopo aver visto gli im– viene progettato individualmente, in maniera pianti inseriti da Mio Padre più di 40 anni fa resistetale che la struttura in titanio si adatti sopra re nel tempo. l’osso residuo. Do ragione alle sue teorie, lui infatti paragonava l’imQuesta viene fissata con dei pin e membrane in acido pianto ad un automobile se la tieni bene diceva (i fapolilattico, per poi essere rigenerata con la tecnica del mosi tagliandi ) dura nel nel tempo. boxaggio Martins, condizionata dai fattori di crescita Come una bella Automobile depoca del sangue P.R.F. NELLO STUDIO DENTISTICO MORELLA SI Otteniamo così una struttura tridimensionale “a USANO LE TECNOLOGIE PIU? MODERNE sandwich” che si riempirà dell’osso naturale del pa- Con la tecnica Cad Cam ritorna il sorriso ziente stesso, inducendo la formazione di osso e tessu- Scansione alla Tac e ricostruzione al computer per un ti. Dopo quattro o al massimo sei mesi il paziente è effetto realistico riabilitato completamente sia dal punto di vista fun- Ritrovare il sorriso. Non so- lo in senso figurato, ma fizionale che estetico». sico ed estetico. Oggi e? possibile avere una bocca saUn grande filosofo diceva nel sangue è la vita. na e denti splendenti grazie alla precisione del comDR Morella ma quale l’impianto migliore? puter, alle tecniche 3D e all’intelligenza umana. Naturalmente bisognerà pensare che l’atto di sosti- Ne parliamo con il dottor Emanuele Morella, titolare tuire un dente deve essere paragonato ad una cura dello studio Morella, leader nella tecnologia Cadmedica e quindi non si può oretendere du curare tut- Cam per le protesi ortopediche e odontotecniche. “La te le malattie con una sola medicina. Così non si può pensare di curare tutti i pazienti con un solo tipo di impianto. Vero e che per ogni paziente bisogna scegliere l’ impianto adeguato alle esigenze cliniche individuali di quel paziente in una stessa bocca possono coesistere più impianti diversi, infatti non dobbiamo inventare niente la natura lo ha già fatto per noi basti pensare alle forme dei nostri denti, ogniuno ha una funzione ben precisa, il canino ha una sola radice (funzione di taglio mentre i molari Responsabile come opinion leader della ditta Ornaghi per lo sviluppo di nuovi sistemi ne hanno 3-4 di radici implantari custome made. (funzione di compressiotecnologia Cad Cam - precisa Morella - permette ne del cibo). Quindi la forma ed il tipo di impianto lo spesso- una ricostru-zione, prima virtuale e poi rea- le, delre e lunghezza vanno in sintonia con la forma e le parti del corpo, ad esempio i denti. È la stessa che è stata applicata alle protesi del- l’atleta Oscar lo spessore del osso. La funzione di un impianto- protesi e quello di sosti- Pistorius una protesi in titanio che li permette antuire la funzione masticatoria e gnatologica dei denti. cora di vincere le corse di atletica. Quindi riasumendo il mio protocollo chirurrgico si ba- Nel nostro caso significa avere denti artificiali che sono il più vicino possibile, come effetto visivo, a quelli sa sull’uso di tecnologie avanzate. 1) La Piezochirurgia permette con l’uso degli ultra- naturali”. Come funziona? “La tecnica unisce l’intellisuoni una semplice avulsione del molare del giudizio genza umana alla precisione della macchina - spiega senza l’uso di frese o scalpelli viene estratto in modo Morella - Nel nostro studio il paziente è seguito passo atraumatico, l’ultrasuono agisce in modo selettivo sui dopo passo: prima gli esami, come la Tac, per avere una ricostruzione virtuale della bocca e l’impronta dei soli tessuti duri.: “L’osso “Permette inoltre la preparazione del sito implantare denti. Un ingegnere collabora con noi con il compito di senza usare il trapano o il martelletto diminuendo co- passare dalle immagini della Tac alla ricostruzione trisi il disconfort del paziente di conseguenza diminui- dimensionale al computer. Su queste un laboratorio esegue la protesi reale, utilizzando come materiale lo sce in modo eclatante la Morbilita del paziente . 2) L’uso del L-P.R.F Permette di velocizzare la guari- zirconio”. Perché lo zirconio? “È il top per le ricostruziogione clinica e di dimi- ni - commenta lo specialista - Si ottiene un corpo biannuire notevolmente il do- co luminescente in tutto e per tutto simile al dente nalore post operatorio. Inol- turale”. Ci sono altri vantaggi? “Certamen- te - conclutre permette la rigenera- de Morella - quello del- la ripetibilita? della protesi. Se zione dei tessuti duri e ad esempio si deve sostituire uno dei denti artificiali, molli , utile nelle periim- non e? necessario sottoporsi di nuovo a tutta la trafila plantiti Ma che cose la degli esami. Bastera? prendere i file che sono memoperimlpantite dr Morel- rizzati in un data base e trasferirli alla macchina che la?…….è una patologia li trasforma in oggetti materiali” e rifà la protesi meinfiammatoria che se morizzata stesso colore stessa forma. non adeguatamente trat- Il Lettore che volesse approfondire puòo visitare tata puoò portare anche il mio sito con il tempo alla perdita www.studiodrmorella.com e scrivermi a info@studiodrmorella.com degli impianti. Qual’è la cura per le o visionare i video live su you tube. LINKEDIN - FACE BOOK periimplantiti? Il lifting -rigenero è la Lo studio dentistico Morella si trova a Milano soluzione ideale per le periimplantiti, dopo una Informazioni: tel. 02.26225783 - Cell. 347.2399264 attenta pulizia (curreta- www.studiodrmorella.com ge e disinfezione) si pro- Linkedin mail info@studiodrmorella.com

Anziani, attenti ai truffatori! Non fate entrare sconosciuti in casa vostra.

ONA NOVE 15


seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

società

Lo studio dentistico festeggia il 20° anno

Morella, aperitivo con il sorriso

V

enerdì 10 maggio si è tenuto, all’hotel Villa Torretta di Sesto San Giovanni, un evento per festeggiare i 20 anni di attività dello studio dentistico del dottor Emanuele Morella. Lo studio, che si affaccia in via Caduti sul Lavoro, di fianco all’elegante location dell’evento, è rinomato per il suo approccio ospitale e accogliente al cliente. I sistemi all’avanguardia e il qualificato personale che affianca il dottor Morella, in materia di analgesia sedativa, sterilizzazione e terapie, costruiscono un rapporto sereno e sicuro con il paziente, evidenziando la relazione che intercorre fra i suoi metodi di intervento chirurgico e l’attento approccio psicologico. Non solo di lavoro, nel caso del dottor Morella parliamo soprattutto di passione, che affonda le sue radici nel nido familiare: a 16 anni, infatti, inizia a lavorare come odontotecnico nello studio del padre, prima di avviare la formazione in medicina e chirurgia, con una specializzazione in odontostomatologia all’università di Milano. Perfeziona poi gli studi in ortognatodonzia, implantoprotesi mini invasiva e consegue un doppio master presso le università di New York, Miami e Cuba. Oggi, partecipa come relatore ad importanti convegni di medicina odontoiatrica, è responsabile scientifico dell’AISI (Accademia Italiana Stomatologia Implantoprotesica) ed è socio attivo della Piezosurgery

Academy. I festeggiamenti per il suo traguardo si sono tenuti nei giardini all’italiana dell’Hotel, che hanno riempito l’atmosfera di charme. Fra le note cadenzate delle canzoni di Tamara che attraversavano tutte le regioni d’Italia, gli ospiti hanno potuto godere di un fresco aperitivo all’aria aperta. Fra risate e balli, la serata ha avuto il suo culmine con il lancio di una generosa lotteria, per cui alcuni fortunati hanno potuto vincere pulizie o sbiancamenti dentali, kit per l’igiene orale e spazzolini. Come dicono nello studio dentistico del dottor Morella: il sorriso è la miglior cura.

Mercoledì 15 maggio 2019

15

Edicola al femminile in Crocetta

A

ncora una volta in Crocetta l’edicola è tutta al femminile. Prima con Marinella, soprannominata affettuosamente Meris da tutti e che ora sta finalmente godendo la sua meritata pensione, oggi con Daniela e Silvana, due grandi donne, due super mamme, che oltre che dall’attività, sono unite da una grande profonda amicizia. Lo scorso sabato, tutto il quartiere si è riunito con gioia per partecipare all’inaugurazione del nuovo locale, insieme al sindaco Giacomo Ghilardi e al vicesindaco Giuseppe Berlino, nonché al Parroco della parrocchia San Pietro Martire, Don Alberto, che con una preghiera ha benedetto l’attività. S.V.

Il lavoro agile arriva in città

I

l Comune aderisce all’iniziativa del lavoro agile promossa dal Comune di Milano. Lavorare agile significa poter scegliere dove lavorare, favorire la conciliazione tra qualità della vita e buon lavoro, risparmiare tempo negli spostamenti. Dal 20 al 24 maggio Cofò, spazio per il coworking in Villa Forno, metterà a disposizione per un giorno a scelta, anche solo per poche ore, postazioni di lavoro per dipendenti di Aziende o di Enti Pubblici che vogliono sperimentare lo smart working. Per aderire occorre chiamare il numero 02.66023201 oppure inviare una mail a massimo.capano@comune.cinisello-balsamo.mi.it.


16

Mercoledì 15 maggio 2019

società

seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

Pasquale Totaro lascia la presidenza del Centro Friuli

Per vent’anni al servizio della Crocetta

I

l Centro Civico Friuli è un luogo di aggregazione per anziani collocato nell’omonima via nel quartiere Crocetta a Cinisello. Il presidente uscente ad interim, Pasquale Totaro, che ha ricoperto tale incarico per vent’anni, ci spiega il suo lavoro: “Lo scopo del nostro centro è principalmente quello di fornire attività ricreative per anziani, i quali passano molto tempo all’interno della nostra struttura: si va dalla classica tombola ai più tradizionali giochi di carte come il burraco. La nostra è un’ associazione no-profit e chiunque ne può far parte con un semplice tesseramento”. Lo spirito del gruppo è basato sul contributo di volontari che mantengono operativa l’attività, la quale si pone sotto la gestione del centro direttivo composto da sette membri, tra cui il presidente, che ribadisce come ognuno abbia dei compiti precisi. Pasquale Totaro ha dedicato molto del suo tempo per contribuire allo sviluppo del Centro Civico, inizialmente occupandosi dell’aspetto sportivo, cercando di coinvolgere gli ospiti della struttura all’iscrizione di gare podistiche, mentre esternamente si occupava di altre attività di gioco con i più giovani, come il classico calcetto: “Abbiamo creato un’associazione all’interno del quartiere che sapesse dialogare con gli altri enti territoriali. Ci eravamo integrati con la scuola, con la parrocchia e con altre associazioni sociali, arrivando perfino ad organizzare una festa in piazza, della quale ho un

Maggio di sport

Pasquale Totaro, a sin., col sindaco Ghilardi, il vicesindaco Berlino e l’assessore Visentin

bellissimo ricordo, che ha coinvolto molte persone nel quartiere” così prosegue ricordando il lavoro ventennale. Ad oggi, si ricerca un nuovo presidente per il Centro Civico, qualcuno che pos-

sa riprendere quel cammino iniziato due decenni fa al fine di promuovere un’associazione che sappia stare a contatto con il quartiere e, quindi, con le persone. Stefano Grassi

Le scuole d’infanzia paritarie si presentano

L

e scuole dell’infanzia paritarie della città incontrano i cittadini. Per la prima volta, gli istituti di matrice cattolica organizzano un evento unitario per farsi conoscere da mamme e papà. L’appuntamento è per domenica 26 maggio alle 17.30 in piazza Gramsci, dove ci sarà anche un grande spettacolo di bolle. In caso di pioggia, la manifestazione si sposta nella palestra della scuola Mazzarello in via Gorki 31.

N

umerose le iniziative legate allo sport del mese di maggio. Partito con la Festa delle Arti Marziali e proseguito con quella classica dello Sport, il mese riserva ancora alcune sorprese agli appassionati. Domenica 19 maggio si terrà il Concorso mondiale di Marinera, danza costiera del Perù, con inizio delle gare a partire dalle 11.30 presso il Palazzetto dello Sport. L’Associazione Club Libertad Marinera en Milan, in collaborazione con il Servizio Sport del Comune, presenterà un evento dal richiamo internazionale, con il Console Generale del Perù e i campioni nazionali di questa danza poco conosciuta nel nostro continente. Lunedì 27 maggio sarà invece presentato il libro di Gian Carlo Iannella “Gibì Baronchelli. Dodici Secondi” (Il Pertini, ore 21). La vita di Baronchelli raccontata e ripercorsa da intramontabili campioni del ciclismo, giornalisti e scrittori, attraverso aneddoti, foto e filmati del periodo. A condurre la serata, il giornalista sportivo Claudio Arrigoni.

lettere Più pulizia di fronte al nido “La porta magica” Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviata da una nostra lettrice all’azienda Nord Milano Ambiente e al servizio di Polizia Ambientale del Comune.

G

entili signori, desidero portare alla vostra conoscenza lo stato di degrado che persiste davanti alla Filarmonica Paganelli, vanto della nostra città, al civico 3/C di via Alberto da Giussano e davanti al civico 3/E dove entrano i bimbi al nido “La porta magica” e alla scuola materna attigua. Desidererei, come nonna, che i nostri bimbi, giovani e mamme che frequentano quella piazzuola possano vedere un luogo bello, prima di entrare nelle strutture che li accolgono, ma purtroppo ci sono cartacce, bottigliette di plastica, di tutto di più. Se fosse possibile, visto che c’è lo spazio, mettere anche dei fiori, delle piantine per rendere gioiosa la vista e apprezzare la loro giornata e i momenti in cui vivono nelle strutture dove stanno crescendo. Si sta facendo molto, addirittura vengono lavati i marciapiedi, e allora per favore prendiamoci cura anche di quello spazio. Qualora non fosse possibile, diteci come potremmo intervenire e noi nonni andremo con le nostre vecchie scope di saggina a tenere in ordine, pur di educare al bello queste giovane vite che stan-

no crescendo. Vi ringrazio sentitamente per quanto potrete fare e desidererei anche portare questa richiesta all’attenzione del nostro signor Sindaco, pertanto, per favore, fatevene carico voi. Ringraziandovi, porgo distinti saluti. Carla Giola

Occupanti abusivi nella ex Katia Arredamenti

G

entile direttore, le descrivo sinteticamente quanto vedo ogni mattina allorché sosto nell’area cani situata nel parchetto pubblico tra via dei Partigiani e via Guido Gozzano, con il mio meticcio per la sgambata mattutina: tra le ore 7/7.30 escono dal cancello (chiuso con lucchetto) della ex area “Katia Arredamenti” diversi extracomunitari e zingare con al seguito neonati. Al cancello sono state segate due sbarre così da rendere più agevole l’accesso all’area, tra l’altro usata come discarica di materiale edile. Ho fatto segnalazione alla Polizia Municipale che mi ha dirottato alla Pubblica Sicurezza in quanto l’immigrazione clandestina non è di loro competenza, quindi ho presentato esposto in via Cilea alla sede della Polizia di Stato. Sono anni che quell’area è in stato di abbandono e degrado. Cordiali saluti, Raffaele Debolezza


seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

Mercoledì 15 maggio 2019

tempo libero

17

Usciamo stasera? Locali e ristoranti nei dintorni

Éclairage Café, il posto per voi dalla colazione all’apericena

U

n ambiente tranquillo, lontano dallo stress e dalla frenesia della vita di tutti i giorni, in cui ritrovare energia positiva e un po’ di relax. Éclairage Café, un nuovo locale inaugurato all’inizio del mese di aprile, è tutto questo e molto altro ancora: un luogo in cui trovare l’illuminazione (questo è il significato del nome) raggiunta da Siddharta, il Buddha storico. Senza esagerare, si può riassumere così l’intuizione di Silvana Rinaldo, che con entusiasmo e tanta buona volontà ha aperto questa caffetteria in centro città con il desiderio e l’ambizione di proporre qualcosa di innovativo. Un lavoro impegnativo è stato quello non solo della ristrutturazione degli spazi ma anche l’impegno per riportare in vita gli arredi. Silvana, infatti, ha valorizzato vecchi tavoli e sedie rimessi a nuovo e ha allestito un riservato angolo di lettura, in cui poter ritrovare libri da sfogliare sorseggiando un tè o una tisana oppure da portare a casa in prestito. Sicuramente d’effetto è il banco da lavoro con oltre ottant’anni di storia, restaurato e collocato in sala accanto a un’antica vetrinetta, con più di un secolo di vita, che ogni mattina mette in bella mostra le golose brioche della prima colazione. Il locale è prima di tutto una caffetteria, che offre quindi dal cappuccino all’espresso, dal ginseng alla cioccolata, fino a numerose altre bevande calde accompagnate da fragranti croissant alla

speck, brie e pâté di olive, e la Pampellones, con salame, fontina, insalata e maionese, oppure gustose insalatone con ingredienti tutti da scoprire, accompagnate da pane tostato caldo. Verso sera Silvana prepara generosi apericena con antipasti, primi e secondi piatti caldi, contorni, frutta e dolci, serviti insieme ai colleghi Davide Cuccione e Silvana Pireddu e abbinati a invitanti cocktail, in un clima allegro e disteso. Per sperimentare tutto questo non vi resta che farvi un giro di persona! Emanuele Lavizzari Éclairage Café Via Libertà 101, Cinisello Balsamo Facebook Eclairagecafe Tel. 3440142447 Lunedì-sabato 7.00-22.00, domenica chiuso. crema Chantilly, al cacao, alla confettura di albicocca. Ma c’è attenzione anche per chi preferisce un breakfast salato ed è soddisfatto da squisiti panini fatti in casa accompagnati da affettati. All’ora di pranzo c’è l’imbarazzo della scelta fra molte alternative. Si può provare un ottimo toast al prosciutto cotto e mozzarella oppure lasciarsi tentare da originalissimi panini come Le Pigonnier, con crudo, insalata, pomodoro, fontina e salsa rosa, il Club55, con cotto, fontina, salsa piccante e friarielli, o l’Éclairage, con bresaola, rucola, grana, noci e limone. Ci sono anche stuzzicanti piadine come la Grimoud, con

via Sant’Antonio, 37 - Cinisello Balsamo tel. 026126526 / 0266040313 - fax 026120052 giornalecinisello@gmail.com Autorizz. Trib di Monza n. 316 del 11-3-1978 Consiglio di Amministrazione: Presidente: Annunzio Sonno Consiglieri: Matteo Bonanno, Mirco Pala, Bruno Sivaglieri, Angelo Tosoni

Direttore Responsabile: Angelo Maj Direttore Editoriale: Fiorenza Melani Redazione: Alberto Covini, Luigi Filipcic, Stefano Grassi, Martino Iniziato, Emanuele Lavizzari, Erika Meazzi, Pietro Orlandi

Grafica: Sercom Srl V.le Gramsci, 1 - Sesto S.G. - Tel. 02 26224661 Segreteria/Amministrazione: Stefania Vezzani via Sant’Antonio, 37 - Cinisello Balsamo Tel. 02 6126526 - 02 66040313 Fax 02 6120052 - segreterialacitta@libero.it Pubblicità: Tel. 02 6126526 - 02 66040313 segreterialacitta@libero.it Stampa: Monza Stampa via Buonarroti, 153 - Monza - tel. 039 28288201

Riflessioni sulla società e sulla vita di comunità di don Claudio Borghi e don Simone Riva. Per dialogare con loro, scrivi a: giornalecinisello@gmail.com

COSA DEVE RISORGERE? Il tempo di Pasqua, che ci condurrà fino alla grande festa di Pentecoste il prossimo 9 giugno, è carico di esuberanza incontenibile per l’Avvenimento più sconvolgente della storia: la Risurrezione di Cristo. Gli apostoli, uomini come noi, coraggiosi e paurosi, vili e leali, onesti e furbi... mai si sarebbero mossi come si sono mossi se non avessero fatto reale esperienza di quella vittoria che, accaduta nella storia, è destinata a non uscirne più. Da questo Avvenimento è nato il cristianesimo e dal cristianesimo sono nate, a cascata, migliaia di comunità in cui uomini e donne hanno iniziato a vivere la vita di tutti in un modo nuovo. San Benedetto, e con lui tutta la storia del monachesimo, ha addirittura trasformato in una regola questa vita nuova gettando, a sua insaputa, le basi per quella convivenza umana che abbiamo chiamato “Europa”.

Chi disegnò la bandiera europea aveva ben chiara la necessità di affidare ciò che stava nascendo a Chi di unità se ne intende più degli uomini. Lo sfondo blu con le dodici stelle dorate, infatti, sono un chiaro riferimento alla Vergine Maria. Questa storia accompagna anche noi, indipendentemente dalla fede che seguiamo o non seguiamo, perché è un bene per tutti e duemila anni di storia lo hanno abbondantemente dimostrato. Il 26 maggio ci attende l’appuntamento con le elezioni europee. Di quell’Europa “benedettina” è rimasto ben poco, ma l’uomo non può rinunciare all’unità. Per questo, uno dei frutti della Pasqua, non può non essere la decisione di andare a votare, perché la ricostruzione parte sempre dalla mossa della nostra libertà. don Simone

1/4 pag cof pirovano.indd 1

24/01/19 16:39


18

Mercoledì 15 maggio 2019

sport

seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

La squadra di Mister Pozzi è stata sconfitta per 2 a 0

Per la Cinisellese la “promozione” è andata in fumo

I

campionati dilettantistici che hanno visto in campo le squadre della nostra città sono terminati. Gran parte delle squadre cinisellesi hanno raggiunto una posizione di classifica tranquilla, altre come lo Sporting Club Cinisello hanno visto sfumare il sogno playoff nelle ultime gare. Per la Cinisellese, che giocava nel Girone L di Prima Categoria, invece si erano aperte le porte dei play off. Al primo turno, giocato domenica 5 maggio, i ragazzi di mister Pozzi avevano sofferto ma erano riusciti nell’impresa di sconfiggere la squadra dell’Inzago per 2 a 1. Partita molto equilibrata e difficile, ma grazie alla doppietta del bomber Cancellieri e a un buon affiatamento dei giocatori della Cinisellese, la prima fase era stata superata. Domenica 12 maggio si è giocava la finale “Playoff” del girone L di Prima Categoria, dove i leoni della Cinisellese affrontavano tra le mura amiche del “Diego Crippa” in una partita secca gli avversari del Real Milano. I ragazzi di mister Pozzi avevano due risultati

utili per passare il turno e conquistare la Promozione, obiettivo dichiarato da inizio stagione dalla società, quindi con una vittoria o un pareggio ci sarebbe stata festa sul campo di via dei Lavoratori. La Cinisellese ha messo in gioco tutto

quello che aveva da dare e i giocatori ci hanno messo grinta e cuore. Purtroppo tutto ciò non è bastato e il sogno è sfumato con la finale che è andata alla squadra del Real Milano che con due reti a zero ha liquidato ogni speranza della squadra rossoblù. Per la cronaca

le due reti del Real Milano sono state segnate dagli ex Oberto e Mariani. Alla Cinisellese non resta che attendere la nuova stagione per provare a riconquistare la serie superiore dove già in passato era stata protagonista. Dell’Oro & Potertì

Asa Basket, decisiva gara 2 a Fascinato argento nel judo Galbiati e Lussignoli oro nel sambo Bollate per non uscire dai play-off

A

l Campionato Italiano Assoluto, svolto il 27 aprile scorso presso il PalaRuffini di Torino, Samuele Fascinato ha conquistato un importante secondo posto. Samuele, in gara nei -66 kg, ha vinto ben quattro incontri superando Bosis (ASD Polisportiva Besanese), Posillipo (CRS Akiyama Settimo Torinese), Caggiano (CS Carabinieri Roma) e Stefanelli (ASD Nippon Club Napoli). Tutti gli incontri sono stati conquistati o per superiorità tecnica (ippon) o prima del limite. In finale, invece, è stato superato da Matteo Piras, atleta di livello internazionale e al suo terzo titolo assoluto. Terzi pari merito Stefanelli e Di Loreto (Fiamme Oro Roma). Con questo ottimo risultato, Fascinato ha raggiunto il grado di cintura nera 3° Dan.  A Genzano di Roma, il 14 aprile si è svolto il Campionato Italiano Assoluto di Sambo. Gli atleti dell’Isao Okano Club ‘97 hanno conquistano il titolo italiano con Mattia Galbiati cat.68kg e

con Athos Lussignoli cat.-74kg. Mattia ha vinto nella sua categoria ben quattro incontri disputati e si è confermato campione italiano per la sesta volta consecutiva mentre per Athos è arrivato il quinto titolo italiano. Terzo posto per Giada Chioso nei +64kg. con due incontri vinti e uno perso. Nella fase di qualificazione regionale del Campionato Nazionale Juniores (U21), svolto a Ciserano il 13 aprile, altri giovani dell’Isao hanno ottenuto la qualifica per le finali che si svolgeranno a Brescia nel mese di maggio. Andrea Fascinato, nei -81kg, ha superato ben quattro avversari ottenendo così il primo posto. Terzo posto e qualificazione per Toma David nei -73kg mentre l’analogo piazzamento di Laura Dragoni nei -70kg non le ha portato la qualificazione per Brescia.  Gli altri qualificati di diritto sono: Onda Giordano (-48kg), Giorgia Gualtieri (-57kg), Yuri Rovati (-55kg), Vittorio Fregnan (-73kg). 

37a edizione delLa Festa dello Sport

Il trofeo va alla media Morandi

S

abato 11 maggio è iniziata la 37a edizione della Festa dello Sport con la prima delle due giornate dedicate all’evento sportivo cui partecipano, in due sabati successivi, le scuole elementari e medie A vincere è stata la scuola Morandi (nella foto) con 208 punti. Al secondo posto, con 189 punti, si è classificata la Marconi, terza Garcia Villas con159 con 135. A seguire, la Paisiello e l’Anna Frank rispettivamente con 150 e 108 punti. La manifestazione è stata pro-

mossa dal Servizio Sport del Comune di Cinisello Balsamo e dalla Consulta dello Sport con la collaborazione delle società sportive A.s.d. Donatori Sangue, Atletica Cinisello, C.B.A., Circolo Polisportivo Auprema, U.S Acli e U.S. S.D.S. La seconda tappa si svolgerà nel pomeriggio di sabato 18 maggio con protagonisti i bambini delle scuole primarie. Nel prossimo numero del giornale contiamo di dare un resoconto più ampio di queste giornate di sport.

D

opo aver concluso la stagione regolare con il primo posto in classifica nel proprio girone di serie D, l’Asa Basket ha intrapreso il percorso dei play-off. Al primo turno la squadra guidata da coach Paduano ha pescato l’ottava classificata del girone bresciano, Paderno Franciacorta, che al netto del posizionamento nel posto più basso della griglia play-off, si è rivelata da subito una brutta gatta da pelare. L’Asa ha infatti perso gara 1 in casa, al palazzetto, per 62-66, con brutte percentuali al tiro e alcune difficoltà di approccio alla gara. In gara 2 però, sul campo di Paderno Franciacorta, i leoncini hanno sfoderato una prestazione maiuscola, espugnando il palazzetto avversario con una partita di grande carattere e lucidità, con il punteggio di 63-67. Per la decisiva gara 3 si è tornati dunque al Pala Allende di Cinisello, gremito in ogni ordine di posti per l’occasione: l’Asa ha faticato per 37

minuti, inseguendo nel punteggio per lunghi tratti e subendo gli avversari, ma grazie ad una grande prova d’orgoglio e di squadra, è riuscita a rimontare da meno 12 ed a vincere la partita, nel tripudio del pubblico presente, molto generoso nel sostenere i suoi beniamini. Avversaria del secondo turno per l’Asa, l’Ardor Bollate, squadra molto giovane e piena di entusiasmo che al primo turno aveva eliminato la solida Treviglio. In gara 1 al palazzetto i cinisellesi hanno sofferto ancora e sono incappati in una nuova brutta prestazione al tiro senza riuscire a strappare la vittoria nel finale. Arriva dunque una sconfitta per 56 a 68 che imporrà all’Asa una nuova impresa in gara 2, sul campo di Bollate per non terminare la stagione in semifinale. Si gioca nella serata di martedì 14 maggio, quando questo giornale andrà in stampa. Aggiornamenti sul prossimo numero.

Festa Atleti GSL 2019

D

omenica 7 Aprile presso l’Auditorium de Il Pertini si è svolta l’annuale festa della GSL, con grande partecipazione di atleti, genitori, parenti e simpatizzanti. In questa occasione sono stati premiati gli atleti iscritti all’Associazione GSL (avviamento, preagonistica, esordienti, prima squadra e master) e gli atleti, ben 27, che nella scorsa stagione sportiva hanno conquistato almeno un podio in campionari provinciali, regionali o nazionali. Ospiti dell’evento il Sindaco di Cinisello Balsamo, Giacomo Giovanni Ghilardi, e l’Assessore allo Sport, Daniela Maggi.


seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

Mercoledì 15 maggio 2019

sport

19

dalla prima pagina

Simone Leo l’ultramaratoneta mondiale Quando hai iniziato a correre. E poi perché hai continuato con distanze veramente impegnative? Ho iniziato nel 2007, per dimagrire. Pesavo ben 95 kg e non mi “piacevo” proprio. E ho proseguito perché alla mia prima corsa, il 13 luglio 2007, mi sono scontrato con le “endorfine” o ormone del buon umore. Sono rilasciate dopo uno sforzo fisico non intenso ma prolungato, tipo corsa a piedi o in bici. A fine gara mi sono ritrovato con questa piacevole sensazione di benessere. Mi è piaciuta e ho continuato. Poi è subentrato anche il discorso della sfida. ”Spostandoillimite” è il mio soprannome e rappresenta la mia volontà di capire fin dove posso arrivare Dopo un mese circa ho fatto la prima mezza maratona (21,079 km), e sempre nel 2009 la maratona (km 42,195) di New York. Dopo un anno e mezzo la mia prima 100km e dopo un altro anno e mezzo la mia prima over 200 km. Come ci si “attrezza” per una ultramaratona. Dieta, esercizi fisici particolari, training speciale? Se si vuole fare le cose seriamente, sono tre i punti cardine. Allenamento. Non servono ripetute e velocità ma si devono fare tanti chilometri. Alimentazione. Che sia mirata su misura per il proprio organismo. Integrazione, che molti trascurano ma che è essenziale. Non si tratta di mandar giù, intanto che si corre, barrette e gel. Bensì integrare tutti i giorni dell’anno e non solo per

ne a Sparta, sia il vertice delle difficoltà. Infatti la Brasil aveva un tempo limite di 60 ore, mentre la Spartathlon la si doveva chiudere in 36 ore. Qui non c’era neanche il tempo di rifiatare. Come concili il lavoro, la famiglia, gli amici con l’allenamento, i trasferimenti e le gare. È un bello “sbattimento”. Bello però. E negli anni mi sono attrezzato. Ho un team che mi segue, cura gli spostamenti, gestisce foto e video e mi organizza gli impegni. Per il lavoro, dopo le iniziali difficoltà, abbiamo trovato i giusti

equilibri tra i miei impegni sportivi e i miei turni di lavoro. La famiglia, con una moglie “santa” che capisce quello che faccio e apprezza quello che mi circonda, va senza grossi problemi. Unico italiano nel mondo ad aver portato a termine le sette ultramaratone. Correre sempre “Spostando il limite”. Migliaia di chilometri nelle gambe. Ma, qualche volta, la pigrizia ti prende? In realtà sono un gran pigro. Magari molti non ci crederanno ma non piace tanto correre. Ho iniziato a farlo per dimagrire. Mi diverte correre per le emozioni che ne ricavo. Ma se non avessi fatto le gare, e quindi la sfida con me stesso, avrei smesso. È nella gara o in un allenamento che mi stimolano, ogni volta, a raggiungere qualche cosa in più. E questo che mi spinge sempre a cercare nuovi traguardi. Quali sono i tuoi prossimi obbiettivi sportivi e non. In ordine di tempo. Ai primi di maggio presenterò, al Salone del libro di Torino, il mio libro “Spostando il limite” edizioni Excogita Milano. Invece a livello di competizione metto nel mirino, per gennaio 2020, la Arrowhead 135 in Minnesota. Completerò così il trittico delle maratone “più”. Ho iniziato con la ultramaratona Badwater 217 km, la più calda, poi ho proseguito con la Brasil 135, la più umida e, spero, con la Arrowhea 135 la più fredda del mondo di fare l’en plein. Luigi Filipcic

Matteo e la dirigente Tina. Nel loro curriculum troviamo la promozione nel campionato eccellenza per l’anno 2017/2018 concluso con un piazzamen-

to nelle posizioni di testa. Nel campionato 2018/2019 la squadra ha mantenuto una posizione di metà classifica e in tale zona è rimasta alla fine del torneo.

Leo all'arrivo della Sparthathlon 2016

la gara. E sempre calibrarla sul proprio fisico. Seven Sisters, le sette “terribili” ultramaratone. Quale ti è piaciuta di più e quale è stata la più difficile. Quella che mi è piaciuta di più, per panorama e situazione, è stata la Brasil 135 (135 miglia pari a circa 220 km). Il Brasile è bello di per se e questa parte dove ho corso mi ha preso il cuore. Anche come percorso era particolarmente difficile. Ma poiché l’elemento di difficoltà delle ultramaratone è il tempo limite, ritengo che la Spartathlon, 246 km da Ate-

Un torneo dominato dall’A.C. Cinisellese

Primato nel campionato CSI Open A

L

’A.C. Cinisellese calcio a 11 CSI, nata nel 2017, è coordinata dal mister Gianni, da Pepè e dal dirigente Guido. La squadra è stata iscritta nel campionato CSI Open B nel 2017/2018. Nonostante l’inesperienza, al primo campionato ha conquistato un ottimo terzo posto e proprio per questi meriti sportivi la squadra ha partecipato al campionato 2018/2019 nella categoria Open A. Dopo un girone d’andata chiuso con 35 punti conquistati, 30 reti fatti e solo 6 subite e con zero sconfitte, il cammino è proseguito in maniera trionfale. Il campionato è stato vinto con due giornate di anticipo e nel girone di ritorno solo la sconfitta all’ultima

gara non ha portato ad un percorso da record. La squadra ha ottenuto, nella Special cup 2018/2019 il primo posto nel girone di qualificazione dove ha conseguito tre vittorie. Passati i sedicesimi, la AC Cinisellese ha superato anche gli ottavi di finale, battendo ai rigori l‘Opm Virtus Verde. Artefice della vittoria Alex Fioravanti, portiere e capitano,  che ha segnato il suo rigore dopo aver parato quello tiratogli dal portiere avversario. Nella A.C. Cinisellese ci sono anche le ragazze che affrontano il calcio a 7 del CSI. Il gruppo, proveniente da Sesto SG, è entrato in Cinisellese nel 2017. I loro coordinatori sono Alex, mister,

Campionati provinciali di pattinaggio

Quattro titoli per l’ASA Cinisello

A

i Campionati Provinciali su strada di pattinaggio veloce gli atleti dell’ASA Cinisello CentroCasa, allenati da Angelo Trovato, hanno fatto incetta di titoli e medaglie. Nel pattinodromo di Cassano d’Adda sono scese in pista le categorie superiori. Serena Oliverio ha conquistato il titolo nella gara sprint, mentre in quella lunga si è aggiudicata la medaglia d’argento. Gli altri titoli sono stati appannaggio di Alessandro Trovato, Lorenzo Cattaneo e Riccardo Trovato. Martina Dì Grigoli e Bianca Furlon sono salite sul terzo gradino del podio dopo gare esaltanti che hanno fatto sperare in un risultato ancora migliore. A Cologno Monzese sono stati i piccoli atleti a esibirsi. Nella categoria Giovanissimi, prova dei 50 metri in corsia, buon quarto posto per Simone Manzon e quinta piazza per Giovanni Cassani. Piazzamenti per Enea Gusmano e Adelaide Cantoni. Piazzamenti, per gli Esordienti Matilde D’Andretta, nella prova lunga e, nei 50 metri, per Samuele Tampieri. (G. C.)


20

Mercoledì 15 maggio 2019

pubblicità

seguiteci su: www.lacittadicinisello.it

UniAbita Soc. Coop. Piazza Soncino 1 Cinisello Balsamo info: 02.6607181 - info@uniabita.it

Via Sordello 16 - Cinisello Balsamo - Vicino al centro commerciale “Il Gigante” Tel. (02) 66.04.90.89 - info@autoparisi2000.it - www.parisi2000.it Siamo aperti dal lunedì al sabato. Orario: 9.00 - 12.30 / 14.30 - 18.30

NEW JEEP RENEGADE 1.0

FIAT 500 L BICOLORE 1495 CV SERIE 7 CITY CROSS DA E 14.890

120 CV MY 19 SPORT FULL OPTIONAL

FIAT 500 1.2 LOUNGE AUTOMATICHE CON CLIMA AUTOMATICO E TABLET 7”

DA

E 12.790

TAGLIANDO A PARTIRE DA E 49,00

DA

E 16.890 FIAT 500 X DA E 16.390

RICORDATI DI FARE LA REVISIONE

Profile for La città di Cinisello

La Città, maggio 2019  

La Città, maggio 2019  

Advertisement