Issuu on Google+


Godot reinventa la vita

semplicemente di esistere, non vuole darsi il fastidio di vivere, di entrare in questo naturale sgomitare di forze che

E' indubbiamente dal disadattamento alla società dello

compongono la realtà per trarne un corpo che nessuna

spettacolo che verrà una nuova poesia del vissuto, una

tempesta potrà mai intaccare. Homo Ludens è l'artista

reinvenzione della vita. Lo spettacolo è dappertutto,

bambino, il saltinbanco-giullare che oltrepassa la Porta

diluito, inconsistente, lo spettacolo è un museo delle

dei venti e non si accontenta più semplicemente di esistere

immagini, un magazzino di ombre cinesi. Le mille

nell'organizzazione

incombenze di una vita affaccendata rendono sempre più

l'Homo Ludens l'arte è magia liberata dalla menzogna di

difficile la concentrazione, lo sforzo necessario per

essere verità.

spettacolare

della

non-vita.

produrre qualche cosa che abbia una certa consistenza, sforzo che comincia a diventare talmente arduo che non c'è quasi nessuno che sia in grado di reggerlo. Quella che un tempo i filosofi chiamavano vita si è ridotta alla sfera del privato e poi al puro e semplice consumo perchè l'umanità,

che

ha

preferito

sempre

accontentarsi

Godot

Per


Aspettava nel silenzio della notte dove i fruscii tessevano i destini del domani; aspettava nel ricordo di un amore ormai lontano, navigando verso il cielo con i propri sogni e le proprie speranze. Nel silenzio si levò un sussurro, un docile canto che destò la sua attenzione. Prima ombra poi sagoma poi rivelazione e l'incontro di sguardi che proclamò la pace del vivere. Silenzio, rotti gli indugi la mano si levò in un segno di saluto..... la risposta repentina ed aspettata la corsa affannosa e l'abbraccio dei corpi.... Docile è la notte ed il vento vestiva la luna di ombre grige come sfumati pensieri persi nel precario equilibrio dell'esistenza. Gli sguardi abbandonati in un abbraccio eterno, sospesi, laddove le radici del vivere hanno la loro dimora. Amore, l'eterno canto, lode e sospiro decantato nei secoli, fiducia persa e

La lunga notte di Godot –120 x 60 - olio e collage su tavola - 2009 Il viaggio attraverso la notte di Godot


ritrovata in un cortocircuito di pensieri e di emozioni. Nel silenzio della città muta, ora in questo momento, due corpi si amano e si giurano amore per l'eternità. Tutto in una notte, tutto per scherzo o per gioco, tutto per dare un senso al vuoto dell'esistenza. Ah! che notte meravigliosa... Il tempo che l'eco delle parole venga assorbito dalla notte ovattata che lì, in fondo alla strada, note goioiose, Navigando verso il cielo – 20 x 30 – olio e collage su carta - 2009

lampi di fuoco e libere risate riecheggiano ed avanzano lente e costanti incorniciate dallo stupito vociare di chi destato, segue con occhi incuriositi quel lungo corteo , un corteo fatto di colori, gesti, stupore... Il corteo di giullari e saltimbanchi che dopo un lungo peregrinare è giunto qui proprio in questa notte, tra la luna ed il vento, perfetto collage in questa sinfonia della vita. Eccoli! Liberi, concentrati su quel preciso istante della loro vita, senza pensieri proiettati al futuro o ancorati al passato. Eccoli sempre più

Il Precario equilibrio dell'esistenza – 20 x 30–- olio e collage su carta . 2009

vicino, passo dopo passo, pronti a divenire traccia indelebile di questa


notte, trama della vita. Sfilano al mio cospetto ed io insignificante tassello, divengo come per magia attore saltimbanco al loro seguito. Lei, al mio fianco, rapita, con sguardo di fanciulla, osserva; accenna qualche piccolo passo di danza imitando quel gioco ritmato, mai noioso. E' bello osservare il mondo con occhi di spensieratezza e gioia. Lunga è la notta e lunga è la strada, lungo è il cammino senza soste, se non apparenti ristori. Ormai in quella macchina perfetta fatta di ingranaggi “preziosi” io dimoro assaporando l'amaro, nella consapevolezza che, di lì a poco, giungera il giorno e con esso si spegneranno i fuochi dei saltimbanchi ed i fuochi della nostra passione. Le nostre mani intessute in un sogno, il suo sorriso sovrapposto al mio, le sue dolci guance rosee, imitazione perfetta del trucco dei giullari ed il suo cuore, gonfio di amore e gioia come non mai. La Città Muta – 20x30 – Olio su Carta - 2009

Ecco il quadro dipinto al mio cospetto, io sempre pronto a divenire ombra per meglio mascherare le mie paure, lei luce raggiante che


illumina ogni piÚ piccolo particolare di questa notte, di questa parentesi dell'esistere. Domani, al mio risveglio, diverrò nuovamente sagoma, mescolata e persa tra altre centinaia di sagome.


Incatenati pensieri fremono; ordinati e composti pronti a librarsi alla ricerca della luce.... azione in risposta Libera-azione di un trittico neo-surrealista sul tempo della non -vita 140 x 40 - tecnica mista e collage su tela - 2009

al torpore del vivere


Se il vento fosse di colori e foglie saturo vestirebbe la luna di sguardi ed i rami argentei di nuvole, stanchi di inverni, che piovono sogni assordanti, sentieri che non trovano terra Se il vento fosse – 9 x 6 - acrilico e china su balsa - 2009

per i loro passi danzanti


Piccoli gesti di inusitata bellezza; forgiavano le sue bianche mani corone d'amore

E la notte canta la magia della vita in uno sguardo sospeso tra il Tibet e le Ande – 200 x 110 - tecnica mista e collage su tela – 2009


MIA VITA

Come vorrei che tu fossi qui avvolta nelle mie braccia e protetta. Come vorrei che tu fossi qui con il viso sul mio a sognare. Come vorrei che tu fossi qui a parlarmi di te a sorridere. Si, perchè vorri conoscere finalmente chi si burla dei miei sogni chi, ogni notte, gioca con le mie speranze. Come vorrei che tu fossi qui

Saltimbanchi – 52 x 42 - tecnica mista su tela – 2009

con le braccia a stringermi. Come vorrei che tu fossi qui mia vita


occhi smarriti, luna d'argento, corpi feriti, vestiti dal vento. Canti di noia, statue di cera, cerchi la gioia, ma non c'è primavera. Guarda lontano, una nuvola nera, cavalcata da un nano, mentre muore la sera. Una storia di guitti, dai suoni che senti, salire sui picchi, danzare fra i venti. Spogliati dal sole,

Un giullare invoca Giustizia dalla Luna – diametro 30 cm - tecnica mista su legno – 2009

da una luna di giorno, raccontavi le storie, che colorano il sonno.


Ti ho incontrata prima di incontrarti in una luna di petali amaranto le nostre mani intessute in un sogno.

Le notre mani intessute in un sogno 140 x 40 – acrilico su tela – 2009


LA LUNA RITROVATA

la luna è il canto. Il canto reso muto dal vento, nel vento ritorna impetuoso. E' lieve nel suo guardare e nel suo nascondersi, la luna. La sofferenza di una perdita si avverte ancora nella gioia del ritorno.

Germinazioni lunari –70 x 10 - tecnica mista su balsa – 2009


Sento liberarsi in me e vagare il vuoto in quell'enorme spazio la voragine della tua assenza Nel cielo d'oro attendo – 15 x 10 - tecnica mista su balza – 2009


Si posa il vento fra le ombre dei colli, e lungo un ponte di cardi nasce il mio sogno

L'attesa – 100 x 80 - acrilico su tela – 2009


Tenue ed invisibile amore ti cercai come sabbia al deserto; lento ed invincibile amore ti trovai come acqua al mare; e forte sentii i ritmati sussulti. Pagine e pagine scritte orgoglio passato e dimenticato rinchiuso in cassetti smarrito tra mille e piÚ parole. Dolce ed indimentivabile amore ora qui come i sogni nella notte attimi gioiosi, irruenta è l'anima assetata di te. Unico ed indistruttibile amore ti amai per sempre

Le cirque du soleil –60 x 40 - acrilico su tela – 2009


A volte intravedo nei flutti del mare argentei ricordi di bambino, ore trascorse in mirabili strategie di vita in occasioni perse e mai pi첫 ritrovate in brezze nel cuore stringenti sensazioni immobili. Presente che accompagni i miei giorni che fuggi come acqua tra le dita che mi giudichi con viso inespressivo che solleciti i miei passi.. attendi che la lacrima percorra il suo tragitto e Nei sogni di un bambino- 20 x 30 - Olio e collage su carta- 2009

giunta alla bocca dimori nel mio sorriso.


LEGGERA E' LA VITA

Leggera é la vita, cullata dal vento, sicura e protetta dalle tue mani, silenziosa ed assorta, affascinante e sorridente, determinata e pronta.... se tu sei qui con me. Leggera è la vita e unica.

Il mio nome è Godot –20 x 30 - Olio e collage su carta – 2009


SE CERCO TE

Se cerco Te, alla fine del giorno nell'eco delle tue parole udite, nei segni lasciati nell'aria dal tuo respiro, nel bagliore della luce dei tuoi occhi.. Se cerco Te alla fine del mio cammino tra le ombre ed i sussulti della notte, tra l'attesa trepidante di un nuovo incontro.. è perchè ho capito, alla fine di tutto, che cercare te, è l'unico scopo della mia vita.

Hallo Godot! - 50 x 24 - vernice e collage su plexiglass – 2009


Vorrei essere luna per osservare dall'alto (spiccando dal buio manto) le tue emozioni; Vorrei essere terra per sentire il peso del tuo cammino con smorfie di dolore sollevarti al cielo; Vorrei essere vento per innalzarmi trascinando con me l'eco delle tue paure; Vorrei essere uomo per interrogare il cuore e gettare le maschere Senza titolo – olio su tela – 60 x 50 - 1990

dell'umana ipocrisia


Eccoti Nell’infinito silenzio Incontrare il mio sguardo, sostenere le emozioni nell’eterno calpestare le tracciate linee del destino. Eccoti Irriverente Avvolta Dal rumoroso silenzio dei pensieri Nell’inguaribile Agonia del cuore Collage- 35 x 45 olio e collage su tela e cartone telato – 1992


Se fosse domani, ho pensato, raggirando le mie parole, che forse, alla fine di tutto, avrei incontrato Te. Ho celato (e ne temo il rimpianto) Quel desiderio, stimolo incontrollabile di parlarti di me. Ma se giĂ  fosse domani, raccoglierei i miei sogni e le mie speranze, le racchiuderei nel guscio delle mie certezze e ti amerei per sempre

La Maison Diev – 100 x 100 – Tecnica mista su tela – 2009


Suoni e colori Danza di vita Tenui bagliori Gioia donata Nel tempo recisa E poi ricucita Tra anima e cuore Un ponte sospeso Raccordo e tepore Del tempo atteso Libera azione La mano protesa

Spettacolare n. 1 – 100 x 100 – Tecnica mista su tela – 2009


Rilassati pensieri e nel sottofondo grida di gioia di bambini e premurose mamme; la pace è padrona della mia anima ancora per un istante in attesa che il silenzio ritorni

Famiglia di saltimbanchi – 13 x 10 – china su balsa – 1995/2005


Stringevi forte al petto Una giovane anima Protetta e vegliata Dal tuo gioioso sguardo materno. Sorriso, Impresso sul viso Orgoglio e soddisfazione Ricambiati Dai buffi gemiti Nel caldo abbraccio Di madre L'adorazione della terra – 155 x 70 – olio su tavola – 1990


Ho visto un fiore abbracciare il vento conversare con il sole giocare con una farfalla riposarsi alla luce della luna. Ho visto un fiore calpestato e strappato dall’invidia e dal tempo

Magia – 80 x 70 - olio su tela - 1987-88


La metà di tutto La metà della mia vita spesa; la metà dei miei sogni persi; la metà delle mie gioie inutili; la metà delle mie occasioni perse; la mia metà tu….

Senza titolo – 20 x 30 – olio su carta - 2009


Nell’attesa Che il tempo Decida della Tua vita Osservo Intimidito e sereno Il tuo viso Ed i tuoi occhi Sorridermi. Nell’attesa Che il tempo Decida Della mia vita

Uomo che nasce da un arbusto – 51 x 10 - acquarello e china su balsa 1990


Celebrate la terra Nelle gioie e nelle paure Umile dimora Dell’esistenza Celebrate la vita Nel turbamento e nella leggerezza Umile destino Dell’esistenza

Tra la luna ed il vento – 20 x 30 – olio e collage su carta – 2009


Homo ludens – 20 x 30 – acquarello su carta - 1985 Trama della vita – 20 x 30 – acquarello e collage su carta – 2009

Senza titolo – 20 x 30 – tecnica mista su carta - 1985 Cortocircuito dei pensieri – acquarello e matita su carta – 2009


Indice delle opere

• •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

La lunga notte di Godot – 2009 – autore Giorgio Scotti Navigando verso il cielo – 2009 – autore Giorgio Scotti Il precario equilibrio dell’esistenza – 2009 – autore Giorgio Scotti La città muta – 2009 – autore Giorgio Scotti Libera-azione di un trittico neo-surrealista sul tempo della nonvita – 2009 – autore Gruppo La Porta dei Venti Se il vento fosse – 2009 – autore Mauro Kronstadiano Fiore E la notte canta la magia della vita in uno sguardo sospeso tra il Tibet e le Ande – 2009 – autore Mauro Kronstadiano Fiore Saltimbanchi – 2009 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Un giullare invoca Giustizio della luna – 2009 - autore Gruppo La Porta dei Venti Le nostre mani intessute in un sogno – 2009 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Germinazioni lunari – 2009 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Nel cielo d’oro attendo – 2009 - autore Mauro Kronstadiano Fiore L’attesa – 2009 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Le cinque du soleil – 2009 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Nei sogni di un bambino – 2009 - autore Gruppo La Porta dei Venti Il mio nome è Godot – 2009 - autore Giorgio Scotti Hallo Godot ! – 2009 - autore Giorgio Scotti Senza titolo – 1990 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Collage – 1992 - autore Mauro Kronstadiano Fiore La maison Diev – 2009 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Spettacolare N. 1 – 2009 - autore Mauro Kronstadiano Fiore

• • • • • • • •

Famiglia di saltimbanchi – 1995 / 2005 - autore Mauro Kronstadiano Fiore L’adorazione della terra – 1990 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Magia – 1987/88 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Senza titolo – 2009 autore Gruppo La Porta dei Venti Uomo che nasce da un arbusto – 1990 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Tra la luna ed il vento – 2009 - autore Giorgio Scotti Homo Ludens – 1985 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Senza titolo – 1985 - autore Mauro Kronstadiano Fiore Trama di vita – 2009 - autore Giorgio Scotti Cortocircuito dei pensieri – 2009 - autore Giorgio Scotti


Homo Ludens