Page 1

PICCOLA GUIDA DI STILE


INDICE DEI CONTENUTI

1 Il logo 2 Caratteri tipografici 3 Immagine coordinata

p. 01 p. 11 p. 15


IL LOGO


IL LOGO PREMESSA

Il logo Zefiro è caratterizzato da un equilibrio tra spazi positivi e negativi. Tale equilibrio conferisce al logo caratteri al contempo solidi e dinamici. Il logo è stato progettato all’interno di una griglia atta a conferire armonia tra gli spazi vuoti e pieni che ne delineano le forme. Qualsiasi impiego del logo che comporti una modifica alla griglia di costruzione è pertanto vietato. Qualsiasi impiego che comporti un utilizzo parziale degli elementi che compongono il logo dovrà essere preventivamente studiato, valutato ed autorizzato dal titolare.

2


IL LOGO VERSIONI UFFICIALI

variante “A”

variante “B”

variante “C”

Il logo Zefiro si presenta in tre versioni: una variante che prevede il solo impiego del logotipo (variante “A”), una variante che prevede l’impiego del logotipo applicato all’interno di un marchio di forma circolare (variante “B”), una variante che prevede l’impeigo del logotipo all’interno di un marchio composto da due rettangoli (variante “C”). La variante “A” costituisce la forma istituzionale del logo e se ne raccomanda l’impiego in tutti i casi in cui sia necessario comunicare il marchio in via ufficiale (es. documenti con rilevanza legale). Le varianti “B” e “C” si riferiscono rispettivamente all’identità di Zefiro quale COOPERATIVA SOCIALE e quale AGENZIA FORMATIVA ed hanno lo scopo di caratterizzare e promuovere il brand in funzione del tipo di attività svolta (es. manifesti, brochure promozionali relativi alle attività di Zefiro).

3


Le varianti “B” e “C” non possono MAI, IN NESSUN CASO, essere utilizzate in modo disgiunto dalle rispettive diciture: “COOPERATIVA SOCIALE” e “AGENZIA FORMATIVA”, ne queste ultime possono essere proposte in maniera diversa dalla forma corretta, illustrata nella presente guida di stile.

La dove le diverse varianti debbano convivere all’interno di un medesimo layout si dovrà aver cura di posizionarle nell’ordine illustrato nella pagina precedente (”A”, “B”, “C”). La variante “A” può essere accompagnata dalla dicitura completa: “ZEFIRO SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE” nei modi specificatamente regolamentati dalla corporate identity relativa al marchio in oggetto e di seguito esemplificata a titolo di riferimento.

Zefiro Società Cooperativa Sociale Via Galli Tassi n.68 55100, Lucca, Italy P.iva 02116650462

variante “A: Corporate ID”

variante “A: Intestazione”

4


IL LOGO AREE DI RESPIRO

1,5 x : 2

x

1,5 x

y=z

2y=2z

1,5 x : 2

Il logo deve vivere in sintonia con lo spazio circostante. Il rispetto degli spazi di respiro, altrimenti detti “aree di respiro”, costituisce quindi un elemento di fondamentale importanza. Per le tre varianti del logo sono state definite aree di respiro minime all’interno delle quali non dovranno essere posizionati elementi che possano disturbare una corretta percezione del marchio (es. altri loghi, caratteri tipografici, immagini). All’interno dell’ area di respiro non dovranno inoltre essere utilizzati colori non compatibili con i colori ufficiali del logo. Ove possibile l’area di respiro dovrà costituire il limite minimo di distanza dai bordi delle superfici su cui si intende applicare il logo.

5


IL LOGO DIMENSIONI Il logo Zefiro ha ottime prestazioni in termini di leggibilità ma ovviamente ha i propri limiti sia fisici che tecnici. Al fine di garantire una corretta rappresentazione tecnica ed una percezione visiva accettabile si sconsigliano vivamente impieghi del logo che prevedano dimensioni inferiori a quelle riportate in questa pagina.

3,5 mm

15 mm

15 mm

Se impiegate assieme la variante “A” dovrà avere dimensioni doppie rispetto al logotipo negativo presente nelle varianti “B” e “C”, le quali dovranno sempre essere di uguali dimensioni.

6


IL LOGO COLORI ISTITUZIONALI Il logo Zefiro potrà essere rappresentato solo ed esclusivamente nei colori sotto indicati. La quadricomia CMYK, dovrà essere utilizzata solo nel caso non sia possibile utilizzare la tinta PANTONE. La gamma RGB rappresenta la conversione ottimale dei colori del marchio per un utilizzo a video. Unica eccezione è rappresentata dall’utilizzo del logo nelle veriante positivo/negativo (bianco/nero). Tale utilizzo è da limitare a casi particolari in cui per esempio non sia possibile l’uso del colore.

PANTONE® 301C

C M Y K

100 45 0 18

PANTONE® 166C

R G B

0 97 161

#0061A1

C M Y K

0 64 100 0

R G B

237 119 3

#ED7703

7


IL LOGO FONDI COLORATI E IMMAGINI DI SFONDO Nei casi in cui per scelta o per necessità ci si trovi a dover applicareil logo su di uno sfondo o una superficie in un colore diverso dal bianco o direttamente su immagini fotografiche/illustrazioni, dovranno essere utilizzate alcune importanti accortezze: 1. Prediligere tenui colori pastello a tinte piene forti. 2. Evitare colori disarmonici (figura 1). 3. Evitare toni di colore diverse dai colori istituzionali. 4. Evitare fondi neri o grigi. 5. Evitare immagini con colori saturi. 6. Evitare immagini che abbiano come colori dominanti disarmonici. Ove ciò non sia possibile, optare per le varianti in positivo/negativo. Alcuni colori si prestano meglio di altri a convivere con quelli istituzionali del logo. Nei casi in cui sia possibile scegliere, optare sempre per una palette di colori armonici (figura 2). Qualsiasi impiego del logo nei colori istituzionali su superfici che non rispettino le indicazioni cromatiche di cui sopra, dovrà essere preventivamente studiato, valutato ed autorizzato.

8


IL LOGO FONDI COLORATI E IMMAGINI DI SFONDO Errori di gestione dello sfondo per i loghi.

9


IL LOGO FONDI COLORATI E IMMAGINI DI SFONDO Errori di gestione dello sfondo per i loghi.

10


CARATTERI TIPOGRAFICI


CARATTERI TIPOGRAFICI FONT ISTITUZIONALI Il logo Zefiro nasce dall’elaborazione grafica del font Adobe Garamond Pro e si combina nelle due declinazioni di Agenzia Formativa e Cooperativa Sociale con il font Fago. La scelta di queste due famiglie di font permetterà in ambito istituzionale nella redazione di materiali interni e di advertising di poter gestire la comunicazione Zefiro mantenendo sempre vive, grazie alla diversa tipologia di font scelta, le due nature di Zefiro, sia quella istituzionale (meglio rappresentata con il font Adobe Garamond Pro), sia quella più dinamica e “familiare”, rappresentata dall’utilizzo del font Fago. La combinazione di queste due famiglie di font rende memorabile, chiara ed efficiente l’immagine di Zefiro.

12


CARATTERI TIPOGRAFICI ADOBE GARAMOND PRO

Adobe Garamond Pro Regular Adobe Garamond Pro Italic Adobe Garamond Pro Semibold Adobe Garamond Pro Semibold Italic Adobe Garamond Pro Bold Adobe Garamond Pro Bold Italic

13


CARATTERI TIPOGRAFICI FAGO

FagoNoRegularTf Roman FagoNoRegularTf Caps FagoNoRegularTf Italic FagoNoRegularTf ItalicCaps FagoNoBold Roman FagoNoBold Caps FagoNoBold Italic FagoNoBold Italic Caps FagoNoExb Roman FagoNoExb Caps FagoNoExb Italic FagoNoExb Italic Caps

14


IMMAGINE COORDINATA


IMMAGINE COORDINATA FUNZIONALITÀ E STILE L’iimagine coordinata di Zefiro che lega i vari strumenti per la gestione interne ed esterna dei documenti, prosegue lo stile e l’immagine legata al logo Zefiro. Sono stati utilizzati come cardini il colore istituzionale di zefiro e la struttura delle linee che lo compongono. Pertanto gli strumenti ove possibile sono stati realizzati con angoli stondati e a pieno colore mantenendo così un forte legame con la struttura del logo ed una immediata riconoscibilità.

16


IMMAGINE COORDINATA CARTA DA LETTERE

17


IMMAGINE COORDINATA CARTA DA LETTERE UTILIZZO

18


IMMAGINE COORDINATA BIGLIETTI DA VISITA

19


IMMAGINE COORDINATA BUSTA A SACCO A4

20


IMMAGINE COORDINATA BUSTE STANDARD 23x11

21


IMMAGINE COORDINATA BLOCCO APPUNTI A4

22


IMMAGINE COORDINATA CARTELLINA PORTADOCUMENTI A4

23


Zefiro  

Piccol Guida di Stile

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you