Page 1

YOUNG DAYS 13 FOTOGRAFI NELL’UNIVERSO GIOVANILE.


YOUNG DAYS 13 FOTOGRAFI OBIETTIVI DELLA MOSTRA Young Days: 13 fotografi nell’universo giovanile. Obiettivo del progetto è ricercare e produrre un percorso visivo sul mondo giovanile, un mondo ricco di contraddizioni e in continua evoluzione, che si interseca e si scontra ogni giorno con l’inerzia di una società frettolosa e distratta. Il progetto, promosso dall’Assessorato alle Politiche Giovanili e supportato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Verona, presenta lavori fotografici volti a indagare i diversi aspetti della condizione giovanile, confrontando la formazione scolastica e il mondo del lavoro, gli ambienti urbani e l’intimità, la ricerca di un’identità e i ruoli imposti da questo ordine sociale. La contemporaneità ha dilatato a tal punto gli spazi di appartenenza all’universo giovanile da farvi rientrare parte dell’età che un tempo veniva definita adulta; perciò le immagini ritraggono una realtà molto diversificata, dalla scuola per l’infanzia ai trent’anni. Ogni autore presenterà una decina di opere di vario formato. Il lavoro fotografico e il corollario testuale verranno curati da Arianna Rinaldo, giovane e affermata critica e curatrice, che consegnerà alla stampa un ampio ed esaustivo catalogo. La mostra fotografica sarà integrata da conferenze, laboratori e visite guidate, si terrà dal 15 Maggio al 14 Giugno 2009 presso il Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri di Verona, prestigiosa sede espositiva ricavata all’interno dell’omonimo sito archeologico e sede di numerose esposizioni nazionali e internazionali.

Il progetto è a cura di Larterìa, Associazione di Promozione Sociale senza scopo di lucro con sede a Verona, fondata da un collettivo di fotografi e artisti attivi internazionalmente. Obiettivi dell’Associazione sono la promozione della cultura visiva contemporanea con interesse particolare per la Fotografia; l’attenzione viene indirizzata soprattutto verso tematiche di interesse sociale. Le finalità vengono perseguite attraverso la produzione di mostre, convegni, conferenze, attività didattiche e ricreative, editoriali cartacee e digitali.

Arianna Rinaldo è photo editor presso D di Repubblica; è inoltre capo redattore di OJODEPEZ, il quadrimestrale spagnolo dedicato alla fotografia documentaria, ove è responsabile della selezione e della supervisione del lavoro svolto dai diversi photo editor che di volta in volta sono invitati a collaborare. La relazione di Arianna con la fotografia è iniziata nel 1998, quando a New York divenne direttore dell’archivio di Magnun Photos. Tornata in Italia, fu dapprima photo editor della rivista Colors, sostenuta da Benetton, per la quale commissionò a diversi fotografi progetti di documentazione e di ricerca secondo la linea editoriale della famosa pubblicazione. Dal 2004, stabilitasi a Milano, è stata curatrice freelance di mostre e libri, oltre a photo editor, consulente d’immagine e agente per diversi professionisti. E’ stata invitata innumerevoli volte come reviewer alle letture di portfolio dei più importanti festival fotografici in Europa e nel mondo come per esempio quelli di Houston, Arles, Berlino, Birmingham, Perpignan, Madrid. Nel 2009 è invitata a far parte della giuria del World Press Photo.

MAURO FIORESE Boxe in a Box Una palestra di boxe come luogo di aggregazione, competizione, speranza. Giovani che faticano nella vita e nello sport per cercare un riscatto personale sia nell’ambito sportivo che nella propria condizione sociale. Una palestra con poche e piccole finestre come una scatola piena di energia e voglia di emergere, pronta a scoppiare. RENATO BEGNONI Identità, alterità, diversità Un viaggio fatto di storie personali, dove giovani di una scuola superiore di oggi si presentano all’obbiettivo attraverso l’esposizione dei loro volti e dei loro documenti personali. Un lavoro che vuole catturare simultaneamente il tempo e l’aspetto interiore dei soggetti fotografati, facendo convivere l’identità dei singoli con la diversità di tutti i soggetti che hanno posato di fronte all’obbiettivo. RIflessione e provocazione sulla superficialità e sulla spettacolarizzazione che oggi invadono e, in parte, caratterizzano il mondo della comunicazione visiva. GIOVANNA MAGRI La presenza dell’anima Dopo un secolo caratterizzato da una profonda crisi delle ideologie in molte società occidentali e, parallelamente, da un crescente bisogno di spiritualità, la fede religiosa sembra vivere una nuova giovinezza. Nonostante i teorici della secolarizzazione avessero predetto l’estinzione della religione nelle società evolute, essa non solo non è scomparsa ma ha riscosso negli ultimi anni un interesse inaspettato sotto forme e manifestazioni diverse: si pensi ad esempio a fenomeni di massa come i funerali di Giovanni Paolo II o al proliferare di fiction televisive di stampo religioso. Ritratti di giovani donne religiose come testimonianza del contributo che il mondo giovanile sta dando alla crescita di un rinnovato sentimento religioso. MARCO BERTIN Generazioni Sacrifici e speranze, ambizioni o forse solo idealizzazioni. Questi alcuni dei sentimenti che hanno animato la vita di molti genitori verso le vite dei propri figli. Aspettative a volte confermate e a volte disattese ritratte attraverso immagini di gruppi famigliari di padri o madri e rispettivi figli, che per passione, professione o necessità indossano una divisa: dottori o avvocati, musicisti o sportivi, operai o impiegati statali.


NELL’UNIVERSO GIOVANILE PROGETTI ESPOSTI MARCO AMBROSI Voci in coro. Nelle grandi e talvolta disadorne stanze di un centro culturale, accompagnato da adulti che ne guidano gli entusiasmi, si riunisce un gruppo sempre più numeroso di giovani fra i cinque e i vent’anni. Sono appassionati di musica e di vita: cantano, suonano, ballano. Ma soprattutto crescono insieme, assimilando con la musica l’amore per il bello, per la fatica condivisa e premiata. Seguendone le attività, quotidiane e straordinarie, Marco Ambrosi documenta con partecipazione il lavoro di questa piccola/grande comunità, riportandone odori e sapori, raccontandone fatiche e successi, condividendone attese e disillusioni. GIORGIO GELMETTI Obscure Una realtà parallela fatta di giovani che si identificano in un movimento musicale al punto da renderlo uno stile di vita. Il riferimento è alla scena Death Metal e ai ragazzi che frequentano questo ambiente. Le immagini sono lo strumento attraverso il quale l’autore indaga motivazioni e circostanze che spingono alcuni di essi a vivere questa scelta a volte oscura. BARBARA ZONZIN Eccomi! Anche i giovani di casa nostra ottengono risultati di eccellenza negli ambiti più diversi della vita, dalla cultura allo sport; risultati di cui spesso non siamo a conoscenza. Il progetto vuole documentare, utilizzando il ritratto in modo ironico e surreale, una serie di giovani veronesi che hanno ottenuto dei riconoscimenti, nazionali o internazionali, di qualsiasi tipo, nella musica, nella danza, nel teatro, nella letteratura, nella scienza ed altro. ALESSANDRO GLODER Deep impact dancers Le figure dei giovani danzatori Deep Impact, il giovedì, si fondono con il giallo delle pareti della loro sala prove lasciandone traccia sull’obiettivo della fotocamera. Le diverse personalità, le relazioni, i sentimenti e il modo di vestire sono il fulcro dell’indagine su un gruppo di giovani che ha deciso di rendere la comune passione per la danza hip-hop un vero modo di vivere.

FEDERICO PADOVANI 10X30 A trent’anni si può trarre un bilancio della nostra vita. Di come essa abbia preso delle pieghe dovute a noi e alle nostre scelte ma anche a variabili che non dipendono da noi. Il lavoro, in senso lato, modifica il tenore di vita e il genere di preoccupazioni di un’intera generazione. Ritraendo trentenni, che vivono a Verona, all’interno del luogo dove svolgono la loro attività, 10X30 vuole indagare il lavoro come fattore ambientale e come esso possa influire sulle vite dei giovani. NICOLA TURRINI Crash I giovani che muoiono in incidenti stradali sono in continuo aumento: statistiche da brivido che compaiono ormai sui notiziari di ogni giorno. Le auto distrutte portano con sè la memoria di questi drammatici eventi, con le loro lamiere contorte e i loro vetri rotti, quasi fossero animali morenti, richiamando il nostro occhio e la nostra mente al senso di eventi che ormai sembrano fare parte all’ordine del giorno ma che non devono essere ritenuti normali. RODOLFO HERNANDEZ Multiethnic love La convivenza di etnie differenti per lingua, religione e cultura è una situazione ormai costante nelle società contemporanee. L’integrazione sociale si manifesta in molti aspetti della normale convivenza ma sempre più spesso nelle coppie multietniche: una realtà che riguarda soprattutto i giovani, naturalmente più aperti al diverso e al nuovo. Il progetto vuole dare luce all’esistenza dell’amore “misto”, ritraendo giovani coppie che sono disposte a mettere da parte abitudini acquisite e luoghi comuni in favore di un sentimento che rivela una progressiva attenuazione delle barriere e delle gerarchie tra le razze e le comunità.

SIRIO MAGNABOSCO Undici luoghi in cui ho dormito il mese scorso ed un capello abbandonato Undici luoghi in cui ho dormito il mese scorso ed un capello abbandonato è un lavoro che racconta, attraverso l’esperienza diretta del fotografo, la storia comune ad altri coetanei che per studio, lavoro od avventura decidono di partire rinunciando spesso al concetto classico di casa come luogo di appartenenza. Il letto visto come un simbolo, traccia del proprio passaggio. Un luogo intimo in cui ci abbandoniamo nella fragilità totale del sonno ma che prima di accogliere la persona successiva viene pulito e risistemato, cancellando materialmente ogni esperienza passata. EMILIO BEGALI Parto ma non torno Un nuovo arrivato in un nucleo familiare è sempre una rivoluzione, che porta con sè cambiamenti non solo organizzativi ma anche negli stati d’animo dei genitori, dei figli, dei parenti. Cambiano le abitudini, mutano gli affetti e le geografie sentimentali. Le immagini vogliono documentare i mutamenti portati alle famiglie dai nuovi nati, dalla sala parto fino all’intimità della casa.


13 FOTOGRAFI AUTORI NELL’UNIVERSO GIOVANILE

MAURO FIORESE Autore e docente impegnato da diversi anni nel settore della Fotografia d’Autore. I suoi lavori sono stati pubblicati e esposti in Europa, Giappone, Canada, Stati Uniti e fanno parte di collezioni private e pubbliche tra le quali il Museum of Fine Arts di Houston Texas, il Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri di Verona, la Bibliothèque Nationale de France di Parigi e la “Dancing Bear” W. Hunt Collection di New York - Usa. Isegna fortografia presso l’Accademia di Belle Arti, l’Università degli Studi di Verona, l’University of Illinois Urbana Champaign e ha curato e partecipato a numerose conferenze presso Istituzioni Italiane e statunitensi. Dal 2001 ha esposto i propri lavori e curato mostre di autori internazionali presso il C.I.F. Scavi Scaligeri di Verona. www.maurofiorese.it

architettura, quindi esplora nuove forme di espressione e si specializza in still-life e immagini surreali. Ha per molto tempo lavorato solo in campo pubblicitario coltivando varie passioni: letteratura, musica, pittura, cinema, grafica. Le sue collaborazioni sono richieste in prevalenza da committenti dei grandi centri dell’economia, ma preferisce lavorare nella sua città dove ha creato con altri professionisti Officina delle Nuvole, un network di professionisti della comunicazione. Con il tempo l’amore per le immagini patinate si è stemperato, per trasformarsi in un vivo interesse per l’uomo e le sue culture, esplorate e raccontate in forma di serie. Da questa nuova combinazione sono scaturite fruttuose ibridazioni con altre discipline come la scrittura, la musica, la danza, la calligrafia. E’ rappresentato dall’Agenzia Grazia Neri. Suoi lavori sono stati esposti e pubblicati in Italia, Francia, Polonia, Stati Uniti, Slovacchia, Spagna, Gran Bretagna, Germania, Lituania, Cina. www.marcoambrosi.it

MARCO BERTIN Fotografo veronese, ha pubblicato sei libri, tre sull’Africa e tre sul carnevale. Ha esposto in diverse mostre personali in Italia, Francia, Germania, Austria, Portogallo Belgio e in varie collettive in Italia e all’estero. Ha pubblicato numerosi portfoli su ritratto e paesaggio. Predilige l’aspetto trasgressivo e fantastico che il mezzo fotografico può offrire. www.marcobertin.it

MARCO AMBROSI Nato nel 1959, è da sempre preda dell’amore per le immagini. A vent’anni comincia a lavorare come fotografo di

RENATO BEGNONI Artista veronese impegnato da diversi anni nella fotografia di ricerca, ha esposto i suoi lavori in Italia e all’estero (Francia, Polonia, Argentina, Canada, Stati Uniti, Principato di Monaco, Germania, Russia). Le sue opere sono state pubblicate sulle riviste: Zoom, Flash Art, L’Europeo, Foto-graphia, European Photography, Fotologia, Fotostorica, Kult, Sette,Corriere della sera, AD, Goya. Nel 1995 è stato invitato alla XLVI Biennale di Venezia. Alcuni suoi lavori sono conservati al Museo Ca’PesaroBevilacqua la Masa, Venezia, al Museo Alinari di Firenze, alla Bibliothèque Nationale de France, Parigi e al Fotoforum Museum of Modern Art di San Francisco, USA. Nel 2002 riceve il premio nazionale di fotografia Friuli Venezia Giulia. www.renatobegnoni.it


GIORGIO GELMETTI Nasce a Verona nel 1966. Autore e Art Director si forma come fotografo attraverso workshop in Italia e all’estero e collaborando con fotografi di moda a Verona e Milano. Nei suoi frequenti soggiorni all’estero ha sviluppato l’attitudine all’osservazione dei soggetti e delle situazioni che ispirano il suo lavoro di ricerca, incentrato sul ritratto e l’indagine della realtà. Ha esposto in alcune mostre personali: Living Plastics, 2000 - It is Happening Again, 2005 Subway Studio, 2008 e ha partecipato a mostre collettive quali Arte Presente Arte Futura, 2006 - Italian Renaissance, 2007 - Attraversamenti, 2007 - Iter, 2008. www.giorgiogelmetti.com

EMILIO BEGALI Emilio Begali è nato Verona nel 1985, si sta laureando in fotografia presso la Libera Accademia delle Belle Arti di Brescia, in cui sta concludendo il terzo ed ultimo anno accademico. Attualmente collabora con lo studio fotografico di Marco Ambrosi.

GIOVANNA MAGRI Opera da molti anni a livello nazionale e internazionale come fotografa pubblicitaria. Docente alla Libera Accademia delle Belle Arti a Brescia; tiene conferenze all’Istituto Europeo di Design a Torino e All’Istituto Italiano di Fotografia a Milano. Come autrice ha realizzato vari progetti esposti in Italia e all’estero. I suoi lavori fanno parte di importanti collezioni pubbliche e private. www.giovannamagri.com

ALESSANDRO GLODER Nasce a Verona nel 1976. Architetto e fotografo professionista dal 2004. Lavora in Italia e all’estero per numerose aziende e agenzie pubblicitarie. Si occupa di fotografia di architettura, industriale e still-life. Recentemente sta affiancando alla fotografia commerciale la redazione di progetti personali che spaziano dallo studio della figura umana nella danza al paesaggio. www.alessandrogloder.it

FEDERICO PADOVANI Nasce a Verona nel 1978. Proveniente da studi classici, si sta laureando in Storia e Conservazione dei Beni Architettonici ed Ambientali a Venezia. Ha intrapreso la professione di fotografo, dapprima come assistente di Mauro Fiorese e Keith Carter per un workshop, poi per l’agenzia Contrasto come assistente al fianco di Karl de Keyzer, Stefano de Luigi e Mauro Fiorese. Ha esposto in diverse mostre collettive tra cui: Musae, Premio Celeste, Arte presente Arte futura, Fnac in love, Hype Gallery Milano e Berlino, Myst, Italian Renaissance + Scalacolore. www.fedebarebone.com


SIRIO MAGNABOSCO Sirio Magnabosco, nasce a Verona, studia fotografia a Milano e si trasferisce successivamente a Berlino. Ha lavorato per riviste come Newsweek, Vanity Fair, The NY Times, Wired, Mare, IoDonna e Sportweek ed esposto in Italia, Germania e Grecia. Nel 2007 è stato scelto per partecipare al World Press Photo Joop Swart Masterclass e al gruppo di fotografi Reflexion, diretto da Giorgia Fiorio e Gabriel Bauret. Sta concludendo un progetto di tre anni che sarà esposto in India e Giappone nel 2009.

RODOLFO HERNANDEZ Rodolfo Hernandez è nato all’Habana nel 1982. Dedicatosi per 5 anni agli studi d’arte e interessato da sempre alla fotografia, dopo numerose esposizioni locali ha ricevuto una borsa di studio, grazie alla quale è venuto in Italia nel 2004. Neo laureato all’Accademia di Belle Arti Cignaroli di Verona, ha partecipato a mostre collettive tra cui: “Fuori Registro” alla Gran Guardia a Verona, “Traffic Zone” a Trento.

NICOLA TURRINI Nasce a Verona nel 1978. Laureato in Estetica e Filosofia del Linguaggio all’Università di Verona si è avvicinato alla fotografia attraverso lo studio del suo linguaggio e della sua storia in relazione all’arte contemporanea. Ha collaborato con Mauro Fiorese all’allestimento della mostra retrospettiva “Meditation... Navigation. Jerry Uelsmann 19612006” presso il Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri di Verona. Ha curato i testi e il montaggio del progetto multimediale di Marco Ambrosi intitolato Genius Loci che è stato esposto in varie sedi in Italia e all’estero. Attualmente lavora come fotografo free-lance a Verona.

BARBARA ZONZIN Barbara Zonzin nasce a Verona nel 1970, dopo due anni di corso di fotografia in una scuola di Milano approfondisce le proprie conoscenze affiancando diversi professionisti del settore tra cui Ferdinando Scianna, col quale condivide un’esperienza formativa importantissima di quasi tre anni. Attualmente lavora nel settore commerciale sul territorio veronese si interessa di fotografia artistica grazie anche al nucleo direttivo dell’associazione Larteria. www.barbarazonzin.com


NELL’UNIVERSO LOCATION GIOVANILE IL CENTRO INTERNAZIONALE DI FOTOGRAFIA SCAVI SCALIGERI è un sito archeologico nel quale vengono ospitate mostre fotografiche a tema. Situato nel centro storico di Verona, a pochi metri da piazza delle Erbe, permette di vedere reperti romani e medievali che si sono preservati nel sottosuolo, ha ospitato le mostre di alcuni dei più celebrati ed apprezzati fotografi italiani ed internazionali, tra cui Elliott Erwitt, Douglas Kirkland, Tazio Secchiaroli, Frans Lanting, Greg Gorman ed i fratelli Turnley.


Cover Photos and Design Giorgiogelmetti.com

YOUNG DAYS 13 FOTOGRAFI NELL’UNIVERSO GIOVANILE

Young Days  

Larterìa present his firs artistic event in collaboration with Comune di Verona and Arianna Rinaldo. The project called Young Days is a foto...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you