Page 1

CLUB ALPINO ITALIANO – SEZ. DELLA SPEZIA1 PROPOSTA DI ESCURSIONE Sottosezione Val di Vara e Riviera LUOGO ESCURSIONE: L'AREA CARSICA DI PIGNONE 02 Giugno CONDUTTORI Piero Andreani e Silvano Zaccone AVVICINAMENTO : Con mezzi propri si arriva a Pignone . All'altezza del campo sportivo ha inizio la nostra escursione . DESCRIZIONE : L'escursione ha inizio partendo dalla strada provinciale di fronte all'abitato . All'altezza del cartellone che descrive l'area carsica si procede verso destra salendo in direzione della Grotta Grande , la più notevole espressione del fenomeno carsico nel Comune di Pignone . All'interno della grotta è possibile osservare il geotritone , prezioso anfibio che vive nelle grotte da cui esce solo nelle giornate umide per nutrirsi di insetti , la cui sottospecie dedicata allo studioso Augusto Cesare Ambrosi è una delle più rare sul territorio italiano ed europeo . Sulla destra dell'uscita il sentiero risale attraverso un bosco mesofilo ricco di carpini , castagni e cerri . Il percorso , molto suggestivo , passa fra rocce affioranti ed erose fino ad aree più pianeggianti a conca e circolari , espressioni superficiali del fenomeno carsico . Dalla grande dolina si sale al Castellaro , sito archeologico con resti di insediamento ligure dell'Età del Bronzo e del Ferro , costituito da semplici muretti a secco che circondano una sommità dalla quale si poteva un tempo dominare l'intero territorio . Ridiscesi alla dolina si imbocca a destra un sentiero che costeggia la palestra nel verde con numerosi attrezzi per ridiscendere poi sulla sterrata che un tempo conduceva ad una cava di onice . Ritornati al punto di partenza si percorre un breve tratto della strada provinciale in direzione di Monterosso al Mare imboccando un sentiero a sinistra che conduce ad un'altra grotta carsica . Lungo il percorso si possono ammirare due antiche fornaci di calce . Si arriva in breve con un percorso a saliscendi al rifugio Calzetta ed a quello che resta del Ponte dell'Acquedotto dopo i danni provocati dalla alluvione dell'ottobre 2011 . Tempo di percorrenza: 4 ore dislivello in salita (m.): 250

difficoltà: E dislivello in discesa (m.): 250

Mezzo di trasporto: Mezzi propri ___________________________________________________________________________________________ Si ricorda che per ragioni assicurative ed organizzative i soci sono pregati di mettersi in regola con il pagamento della quota associativa annuale (bollino). Si ricorda che al momento dell’iscrizione verrà richiesta una caparra, che non verrà comunque restituita e che il costo complessivo dell’escursione deve essere versato interamente da tutti i partecipanti, soci e non soci, anche qualora non usufruissero del servizio di trasporto.

1

(1) Gita organizzata con il contributo della Provincia della Spezia su delega della Regione Liguria

L'AREA CARSICA DI PIGNONE  

L'AREA CARSICA DI PIGNONE

L'AREA CARSICA DI PIGNONE  

L'AREA CARSICA DI PIGNONE