Page 1


Premessa Le ragioni di una candidatura Ginetta Menchetti 44 anni, sposata, con un figlio di nome Giulio. Nata a Civitella e residente a Tegoleto, di professione impiegata. Ho sempre svolto attività sociali: prima nello sport e quindi nell’associazionismo per arrivare, nel 2004, all’impegno amministrativo nella Giunta del Comune di Civitella. Lo sport è stata la mia prima passione: dagli 8 ai 14 anni ho praticato ciclismo anche a livello agonistico in un periodo in cui il ciclismo femminile era veramente agli albori dallo sport all’associazionismo culturale e sociale: sono impegnata nell’associazione culturale La Torre del Teatro Moderno di Tegoleto e faccio parte del Consiglio Pastorale della Parrocchia San Biagio. Il primo impegno in politica e nell’attività amministrativa risale al 2004 con l’ingresso nella Giunta Comunale di Civitella con le deleghe alle politiche scolastiche, cultura, sport e associazionismo. Le deleghe sono state confermate anche nel mandato amministrativo 2006 – 2011. Queste esperienze mi hanno consentito di maturare non solo una forte conoscenza del territorio ma, soprattutto, un’altrettanto forte vicinanza alle famiglie e ai loro problemi quotidiani. Impegno e conoscenze che adesso metto nuovamente a disposizione dei cittadini di Civitella per una nuova fase di sviluppo e di solidarietà della nostra comunità.

Fare politica significa impegnarsi in prima persona per migliorare la vita quotidiana dei cittadini. Un impegno che segua quello spirito di servizio – unicamente orientato al bene di tutti – che da sempre ci contraddistingue. Il Comune rappresenta il livello più vicino al cittadino e l’istituzione a cui si rivolge, in cui si riconosce e si identifica. Proprio il legame con il territorio rappresenta la forza propulsiva. I territori – ed in particolar modo i Comuni – devono ritornare ad essere considerati come luoghi attivi, dove il cittadino può vivere bene ed in tranquillità. In sostanza, devono diventare lo

SOLIDARIETA’ E PROGRESSO - Alleanza per Civitella


spazio privilegiato per quella democrazia partecipativa che è da sempre il nostro obiettivo. Queste istanze esplodono con sempre maggiore forza nei contesti locali. E tutto ciò lo si vede, con estrema chiarezza, nel Comune e nel rapporto che s’instaura con i cittadini che vogliono solamente poter concorrere in prima persona, alla realizzazione di politiche pubbliche per il proprio territorio. Aumenta sempre di più – soprattutto a livello comunale – la domanda di partecipazione effettiva. Proprio per questo crediamo che il Comune rappresenterà sempre di più lo spazio di democrazia locale su cui i cittadini investono le proprie aspettative. La realizzazione di un programma amministrativo avrà il suo giusto valore se sarà accompagnata da azioni di potenziamento dei sistemi di comunicazione e da procedure di trasparenza e di costante informazione dei cittadini. Gli organi politici e l’apparato amministrativo di un Comune devono sempre avere come riferimento diretto e costante i cittadini, ai quali bisogna garantire la conoscenza, l’accesso alle prestazioni e la trasparenza delle decisioni che ricadranno sulla Comunità, quindi su di loro. Pertanto, il dialogo permanente e continuo con i cittadini sarà sempre un impegno prioritario per noi amministratori. Solo con il dialogo e, soprattutto, attraverso l’ascolto dei problemi della Comunità sarà possibile affrontare ogni situazione al meglio, offrendo quei servizi e quelle risposte che il cittadino esige e merita. La trasparenza, quindi, deve continuare a rappresentare il principio-guida per tutta la macchina amministrativa. Un comportamento che poi permetterà di coinvolgere – nel limite delle possibilità fornite dalla Legge – i cittadini nelle scelte più importanti per il Comune. Un Programma per le Elezioni Comunali deve dare le giuste risposte che i cittadini aspettano. Risposte concrete, non semplici affermazioni di principio. Perché se c’è bisogno di una strada nuova, bisognerà trovare il modo di realizzarla; se c’è bisogno di una scuola nuova, l’amministrazione comunale dovrà fare di tutto per costruirla; se sul territorio comunale c’è necessità di maggiore sicurezza, i cit-

tadini devono poter essere sicuri, soprattutto nel luogo dove hanno scelto di vivere con la propria famiglia. Faremo tutto questo puntando al contenimento della pressione tributaria sui cittadini. La nostra logica è stata e sarà quella della progressività dei tributi: chi più ha, sarà chiamato a dare di più. Ovviamente punteremo sulla massima efficienza dei servizi pubblici affinché questa scelta possa contenerne il costo e, in ogni caso, metteremo in atto tutte le strategie possibili per tutelare le fasce più deboli della popolazione, a cominciare dagli anziani. Tutti compiti che noi crediamo di poter svolgere al meglio, perché al centro del nostro programma c’è solo ed esclusivamente il cittadino. E lo potremo fare nel segno dell’unità grazie alla scelta dei partiti che hanno deciso di sostenere la mia candidatura: Pd, Psi, IdV e Sel. Ci metterò cuore, impegno, tenacia e passione; chi ha avuto modo di conoscermi mi apprezza per la forza di volontà e per quella mia concretezza che è una caratteristica delle donne chiamate a svolgere tanti e diversi ruoli.


Economia e lavoro Il lavoro, la priorità di tutti Lo Sportello Comunale del Lavoro rappresenta un servizio ma anche un fondamentale punto di osservazione delle dinamiche economiche e occupazionali del nostro territorio. Gli utenti hanno subìto un aumento considerevole e siamo infatti passati dai 666 disoccupati del 31 dicembre 2008, agli 827 del giugno 2010. La crisi ha coinvolto maggiormente la componente femminile (65.3%) rispetto a quella maschile (34.7%). Considerato che i cittadini sono circa 9200 di cui 6249 di cittadinanza attiva (età compresa tra i 15 ed i 65 anni) la percentuale di disoccupazione è pari al 13.23%. Il dato comunale è sostanzialmente in linea con la variazione provinciale. Le aziende di Civitella che hanno segnalato una miglior ripresa nelle assunzioni operano nel settore del manifatturiero (orafo) e nel turismo, anche se in termini assoluti è sempre l’agricoltura a registrare il più alto numero di avviamenti. E’ evidente che un’amministrazione comunale non ha né competenze né risorse dirette per incentivare la ripresa economica e garantire l’occupazione. Può comunque puntare su due leve:

Per sostenere l’economia locale, il rilancio delle imprese, la tutela dell’occupazione

i lavori pubblici che, seppur in maniera limitata, sono comunque in grado di contribuire al rilancio del settore delle costruzioni e con esso di tutto l’indotto. Lo stesso Piano Strutturale e il futuro Regolamento Urbanistico potranno essere strumenti importanti. collaborazione con le categorie economiche e le imprese del territorio: azioni condivise per valorizzare le produzioni locali, favorire il turismo, promuovere le eccellenze del territorio.

Siamo di fronte ad un quadro fragile, indebolito dalla crisi e dall’assenza di adeguate politiche di sviluppo a cui certo non può supplire l’Amministrazione comunale. Si possono comunque attivare iniziative di attenzione alla necessità di crescita aziendale, di ricerca di una maggiore

SOLIDARIETA’ E PROGRESSO - Alleanza per Civitella


qualificazione produttiva, di incoraggiamento di processi di formazione professionale e di adeguamento e ammodernamento delle infrastrutture. Occorre stimolare: lo sviluppo di aree produttive importanti quali il completamento del PIP di Pieve al Toppo e il suo consolidamento con l’estensione possibile verso il canale della Chiana e la nuova area industriale di Viciomaggio che consentirà l’immediato insediamento di alcune importanti aziende aretine.

I PRINCIPALI OBIETTIVI

Nuova area produttiva di Viciomaggio con annessa variante stradale. Completamento e revisione del regolamento del PIP di Pieve al Toppo, valutazione della possibilità di estendere e consolidare tale area. Accompagnamento delle iniziative di consolidamento delle attività aziendali. Collaborazione alla attivazione di politiche per favorire l’imprenditoria giovanile e femminile e la costituzione di nuove imprese. Implementazione delle attività dello sportello unico del lavoro e delle attività produttive fino alla realizzazione dello sportello impresa. Partecipazione attiva alla definizione delle politiche sovracomunali di distretto e di filiera assieme alle altre istituzioni e alle associazioni di categoria.

Un processo di sviluppo che, nel massimo rispetto dell’ambiente, consenta una progressiva qualificazione del lavoro in termini di remunerazione, sicurezza e tutela dei diritti dei lavoratori, troppo spesso messi in discussione.


Agricoltura Il territorio agricolo è suddiviso principalmente in due zone. Quella di pianura a principale vocazione ortofrutticola rappresenta una delle aree più consistenti della Toscana. L’arrivo dell’acqua di Montedoglio può consentirne una ulteriore espansione. Tali produzioni necessitano di ulteriori iniziative di valorizzazione al fine di attenuare i danni derivanti dall’andamento delle oscillazioni di mercato. Assieme agli agricoltori e alle loro associazioni occorrerà definire le iniziative più appropriate. Nella zona collinare insistono coltivazioni di viti ed olivi; l’attuale crisi del vino è stata preceduta da alcuni anni a mercato sostenuto che hanno consentito un forte rinnovamento nel settore. Anche nel nostro territorio si sono impiantati nuovi vigneti e sono nate nuove cantine. Il persistere invece di un prezzo di mercato dell’olio di oliva assai inferiore ai costi di produzione determina un avanzare del processo di abbandono della coltivazione dell’olivo, ormai ridotta ad attività hobbistica salvo alcune eccezioni. Per l’olivo occorre, congiuntamente agli altri Enti e Istituzioni, promuovere un progetto di promozione e di valorizzazione capace di tutelare il particolare valore paesaggistico di tale coltivazione. In più bisogna incentivare i produttori a costruire proposte capaci di affrontare il mercato con il contributo delle loro associazioni.

Considerate le particolari ed apprezzate caratteristiche organolettiche dei nostri prodotti vanno costruiti e valorizzati i percorsi enogastronomici e di filiera corta affinchè cresca il valore della produzione. I PRINCIPALI OBIETTIVI

Promuovere il territorio migliorando i progetti di partecipazione alle numerose associazioni di cui facciamo parte: Città Slow, Strade del Vino, Città della Chianina, Gal Appennino Aretino. Migliorare ed implementare le iniziative di promozione dei prodotti (Olio Novo, Mercato del Cacio e del Miele, Calici di Stelle). Promozione nelle scuole della cultura alimentare dei prodotti tipici locali. Orto didattico presso scuola elementare plesso agro-urbano Filiera corta Sostegno allo sviluppo rurale delle aziende agricole per il loro ammodernamento strutturale, tutela del territorio, contenimento e riuso delle acque.

SOLIDARIETA’ E PROGRESSO - Alleanza per Civitella


I servizi ed il commercio

Turismo e territorio

La crescita della nostra comunità è stata accompagnata da una riorganizzazione della rete commerciale e dei servizi in genere. La diffusione della popolazione sul territorio e la vicinanza con il capoluogo hanno contenuto il pieno svi-

Il territorio, il paesaggio e alcuni presidi architettonici a partire da Civitella costituiscono la principale fonte di attrazione, che pur nella modestia dei numeri ha visto crescere le presenze di ben 10 volte negli ultimi dieci anni.

I PRINCIPALI OBIETTIVI Favorire l’apertura di nuove strutture di vendita non presenti nel territorio. Qualificazione del tessuto distributivo. Promozione dei prodotti tipici locali e del territorio. Valorizzare le aree commerciali ed i servizi. Qualificare il mercato settimanale. Creazione mercato Pieve al Toppo luppo del terziario in rapporto alla nostra comunità. Si sono comunque consolidati alcuni centri commerciali in concomitanza con lo sviluppo e la riorganizzazione urbanistica: principalmente a Viciomaggio e Pieve al Toppo. Occorre consolidare ed implementare tale modello e incoraggiare la sua espansione. L’adeguamento della normativa nazionale ha consentito una espansione degli esercizi e delle attività che può conoscere una ulteriore crescita se maggiormente qualificata. Particolare condizioni di tutela anche attraverso la fiscalità locale per quelle attività marginali, nei centri minori, a spiccata vocazione sociale. In questa direzione va anche il Piano Integrato del commercio approvato recentemente dal Consiglio Comunale.

I centri storici recuperati, le manifestazioni culturali o di promozione di prodotti tipici hanno risvegliato tanti interessi. La nascita della Galleria d’Arte Contemporanea, della Sala della Memoria, del Museo della Vite e del Vino, del Centro di Documentazione, la Riserva Naturale, costituiscono un motivo di richiamo come la crescita di agriturismi, strutture ricettive e di ristoro. Lo sviluppo del turismo va incentivato nelle sue molteplici forme, valutando l’opportunità di collocare lungo l’autostrada una struttura ricettiva di maggiore consistenza e valorizzando il turismo sportivo creando manifestazioni sportive e culturali che possano far conoscere e apprezzare il nostro territorio e le nostre ricchezze.


Le grandi infrastrutture Viabilità Lo stato avanzato di progettazione della variante alla provinciale di Viciomaggio, collegato all’accordo di programma con Regione, Provincia e privati, vede impegnata l’Amministrazione in una grande opera che potrà vedere compimento nei prossimi anni con grande sollievo per il centro urbano. La variante della provinciale e regionale a Pieve al Toppo vede impegnata la provincia in un ulteriore stralcio sul lato di Mugliano. Occorre sostenere l’attuazione di tale intervento e programmare un ulteriore iniziativa che vada verso il completamento dell’intera opera. Il programma di miglioramento della sicurezza sugli incroci nei tratti a più denso traffico continua compatibilmente con la disponibilità delle risorse finanziarie cosi’ come i programmi legati agli interventi urbanistici di Albergo, Tegoleto e Badia al Pino, volti alla realizzazione della nuova viabilità.

Autostrada Confermando la nostra contrarietà all’ampliamento dell’area di sosta di badia al Pino riteniamo necessario il miglioramento dell’area stessa al fine di mitigarne ulteriormente l’impatto, l’installazione delle barriere anti-rumore in prossimità dei centri abitati o comunque laddove il rumore crea disturbo, l’adeguamento del casello stradale per la parte di nostra competenza.

Ferrovia e trasporti I pesanti tagli al Trasporto Pubblico Locale, prodotti dal governo, impongono una profonda revisione dei servizi. E’ ragionevole ripensare a collegamenti rapidi su gomma alla linea ferrata AR-Sinalunga ed incoraggiare un’intensificazione dei treni affinché si giunga a realizzare quella metropolitana di

superficie da tempo richiesta; peraltro il miglioramento del materiale rotabile, con l’acquisto dei nuovi treni è un passo in avanti notevole; inoltre sarà cura di questa amministrazione favorire l’installazione di una biglietteria automatica.

Collegamenti internet a banda larga Sollecitare affinche’ il collegamento a banda larga venga esteso alle zone non ancora raggiunte e prevedere aree wireless nei luoghi di interesse.

Centri storici e paesaggio collinare L’iniziativa costante dell’amministrazione volta al recupero dei centri storici, per lo più posti in collina, si è accompagnata ad un freno del processo di spopolamento di tali aree. Spesso il recupero degli spazi pubblici ha stimolato l’intervento dei privati. Persiste comunque in questi centri un consistente patrimonio non utilizzato e a volte in cattivo stato: occorre studiare e attivare strumenti che spingano al riuso. Così lo stesso territorio murale va recuperato appieno nei suoi valori paesaggistici: ripristino dei terrazzamenti, dei sistemi di alberatura da frutto e non, recupero delle fonti naturali, della sentieristica, creazione di spazi di sosta attrezzati anche per rispondere alle esigenze del turismo (aree camper, percorsi bici, percorsi equestri). Negli anni si sono allestiti in questi centri presidi importanti: - Museo della Vite e del Vino a Ciggiano - Galleria d’arte moderna, Sala della Memoria a Civitella - Centro di Documentazione a Villa Oliveto Questi presidi culturali hanno la necessità di essere incoraggiati e sostenuti nelle attività con il contributo delle associazioni e delle comunità locali; occorre anche proporre progetti gestionali e di iniziativa più coraggiosi ed incisivi.

SOLIDARIETA’ E PROGRESSO - Alleanza per Civitella


In questo senso può rappresentare una svolta decisiva il compimento dell’avviato recupero della Rocca di Civitella: recupero che oltre alla funzione paesaggistica e architettonica ne consente un più esteso ed ampio riuso culturale e di servizi ludico ricettivi. Per consentire una adeguata presenza della vita comunitaria e sociale in questi piccoli centri occorre vigilare con attenzione affinché quei minimi servizi oggi presenti vengano tutelati, ricercando le necessarie forme di innovazione e adeguamento e incoraggiando le piccole attività tradizionali e di servizio con incentivi.

Centri urbani

L’opera di riqualificazione dei centri urbani ha bisogno di sempre maggiore impulso, al fine di migliorare la qualità dell’abitato e la sicurezza dei luoghi. Piazze, marciapiedi, piccoli parchi sarà l’impegno del nuovo quinquennio: alcuni sono avviati, molti saranno completati . Le risicate risorse pubbliche potranno essere accresciute dall’apporto dei privati sia nella fase di realizzazione che in quella di manutenzione. Se il piano strutturale apre la sfida della “città accogliente” la nostra comunità e i suoi amministratori sono impegnati per le opere necessarie: marciapiedi, aree verdi, spazi gioco, arredi urbani, piste ciclabili, miglioramento della qualità dell’illuminazione pubblica.

Nuove aree residenziali ed edilizia sociale e convenzionata Negli ultimi tempi, soprattutto a Pieve al Toppo, si sono compiuti importanti interventi di recupero edilizio, altri sono in fase di avvio (ex Piscina la Querce) come lo sono altre due lottizzazioni; sono in corso di elaborazione altre proposte sul territorio che meritano di essere seguite e portate a compimento (Tegoleto, Tuori).

Le difficoltà del settore impongono una necessaria attenzione perché si giunga a compimento di tali importanti interventi di riqualificazione urbana. Nel campo dell’edilizia sociale è avviato e totalmente finanziato l’intervento di Ciggiano con 4 alloggi seguiti da ulteriori 4 con annesso centro socio-sanitario. Inolte l’amministrazione è impegnata nel dare compimento all’intervento della cooperativa Le Signorie di Tegoleto che ha attraversato un periodo di difficoltà finanziarie: per portare a compimento l’intervento si sono rese disponibili le risorse dell’edilizia sociale dei Comuni per l’acquisto e il completamento di una intera palazzina di 9 alloggi. Se gli altri soggetti coinvolti sapranno mettere altrettanta disponibilità l’intervento sarà presto compiuto. Un ulteriore progetto da sperimentare, per soddisfare il fabbisogno abitativo di nuclei familiari a basso reddito, può essere quello della “Autocostruzione Associata”.

Parco Agro Urbano La vasta area compresa tra le tre maggiori e vicine frazioni di Badia al Pino Tegoleto e Pieve al Toppo ha ormai assunto una precisa fisionomia per la presenza di servizi educativi e sportivi. Tale processo va ulteriormente consolidato implementando tale offerta e creandone di nuove e insediando ulteriori servizi. Al fine di rendere più vivo questo cuore verde, comunque abbastanza ordinato, occorre completare il reticolo dei collegamenti ciclo pedonali e verificare la fattibilità economica della costruzione della piscina coperta e dei campi polivalenti (tennis, calcetto).


Urbanistica e edilizia Lo sviluppo del territorio Coniugare la crescita del territorio con la tutela delle sue risorse naturali e culturali è l’obiettivo che perseguiremo durante la prossima consiliatura. Le attività urbanistica ed edilizia saranno attuate con politiche di sviluppo sostenibile che consentiranno di incrementare il benessere economico e sociale nel rispetto delle risorse del territorio. Sono questi gli elementi fondamentali che orienteranno l’azione di governo nella revisione del Piano Strutturale, che è già stata avviata e che proseguirà con la progettazione che dovrà portare a costruire: - un “territorio coeso”, che salvaguardi equilibri e risorse locali, sostenendo le eccellenze del territorio di fronte alla sfida della competizione globale; - un “territorio dinamico”, capace di rinnovare abitudini e comportamenti e di dare spazio alla conoscenza, anche per attirare risorse umane; - un “territorio verde”, che sappia valorizzare il patrimonio ambientale e salvaguardare il paesaggio; - un “territorio da abitare”, che funzioni meglio e che sappia mantenersi e rinnovarsi, favorendo il recupero, la riqualificazione e la sperimentazione di tecniche innovative (in termini di risparmio energetico, idrico e di bioedilizia), che fornisca risposte alle diverse esigenze offrendo garanzie di accesso all’edilizia convenzionata, che preservi l’attitudine ad utilizzare e prendersi cura attivamente del patrimonio extraurbano - un “territorio vivo”, capace di dare risposte alle esigenze di luoghi di socialità e divertimento, favorendo la crescita di un circuito di

opportunità legate al tempo libero che valorizzi la creatività nei settori economici connessi (arte, cultura, spettacoli) con progetti integrati e multidisciplinari; - un “territorio fluido/lento”, favorendo la fluidità della rete viaria e che garantisca anche il rafforzamento di stili di vita a bassa velocità ma ad alta qualità con azioni rivolte alla mobilità pedonale e ciclabile, spazi pubblici e di sosta ben organizzati. Il nuovo Piano Strutturale sarà approvato in tempi certi e costituirà la cornice del vero strumento di attuazione del progetto che è rappresentato dal nuovo Regolamento Urbanistico. Il riuso dell’esistente e la ottimizzazione delle volumetrie non ancora utilizzate costituiranno le reali opportunità di crescita. Sarà privilegiato l’utilizzo di tecniche di bioarchitettura e di approvvigionamento energetico da fonti rinnovabili sia nella realizzazione di nuovi edifici che nel riuso del patrimonio edilizio esistente.

SOLIDARIETA’ E PROGRESSO - Alleanza per Civitella


La semplificazione e la trasparenza per le pratiche edilizie Sarà proseguita l’azione di semplificazione delle procedure burocratiche per l’ottenimento dei titoli autorizzativi con: - la riduzione dei tempi di verifica delle istanze con la eliminazione di tutti i passaggi burocratici che non siano indispensabili per legge o per il raggiungimento di un più elevato livello qualitativo; - il costante aggiornamento delle informazioni pubblicate sul sito istituzionale; - l’utilizzo di tecniche di comunicazione telematica. - la regolare pubblicazione delle informazioni che garantirà anche la trasparenza amministrativa in ordine ai tempi di esame che potranno essere costantemente verificati da parte dei tecnici e dei cittadini. - l’eliminazione della Commissione Edilizia

Il territorio on line: Le banche dati per i nuovi servizi Nel corso della legislatura sarà ulteriormente sviluppato il SIT (Servizio Informativo Territoriale). Molte delle informazioni a disposizione del Comune sono state ‘collegate’ alla cartografia del territorio. Le banche dati dell’anagrafe, del catasto, delle pratiche edilizie sono già collegate agli edifici della cartografia così che è possibile conoscere, con un “semplice click”, quante persone abitano un edificio piuttosto che il numero degli appartamenti o la licenza edilizia con la quale l’edificio è stato costruito. Altre informazioni sono già ‘agganciate’ al territorio quali ad esempio la posizione dei cassonetti della nettezza urbana, i lampioni, le fermate dei mezzi pubblici. Il progetto prevede di ultimare il collegamento delle altre informazioni che sono a disposizione del Comune in modo che possano essere gestite tutte le progettualità che l’amministrazione ha intenzione di avviare.


Ambiente Sostenibile: la parola che unisce sviluppo e ambiente Lo sviluppo sostenibile è la scelta di fondo che impone una costante attenzione alla necessità di tenere in equilibrio lo sviluppo dell’economia e dell’occupazione e l’uso del suolo e la salvaguardia del territorio. In questo contesto vanno sviluppate le energie rinnovabili nonchè le buone politiche volte al risparmio di acqua ed energia. Queste iniziative devono trovare riscontro in primo luogo nelle nuove edificazioni e nelle ristrutturazioni anche con l’incentivo all’uso di materiali bio ed eco compatibili. Occorre estendere l’uso potabile dell’acqua di Montedoglio, procedendo ad una progressiva

installazione di ulteriori “case dell’acqua”, e lo smaltimento dei reflui deve essere totalmente portato a depuratore: occorre impegnare il gestore di tale servizio affinché ciò avvenga in tempi rapidi. Si ritiene fondamentale l’estensione delle reti di acquedotto e l’allacciamento delle reti fognarie al depuratore per quelle che oggi non lo sono. Dopo la costruzione del depuratore intercomunale e di quelli di Pieve a Maiano e Civitella occorre completare il programma con la realizzazione degli impianti per Oliveto, Albergo, Ciggiano e Spoiano. In merito al servizio di igiene urbana oltre alla

necessità di sviluppare la raccolta differenziata per raggiungere e superare il 55% del piano di ambito, occorre attivare, almeno per i centri più densamente popolati, la sperimentazione della raccolta porta a porta che in alcune realtà ha dato positivi risultati sia per la diminuzione dei rifiuti prodotti che nella incentivazione alla differenziata. In merito alle iniziative di espansione delle attività produttive, laddove queste hanno un rilevante impatto sull’ambiente, occorre preliminariamente attivare gli studi e le valutazioni necessarie. Come occorre altresì seguire e portare a

SOLIDARIETA’ E PROGRESSO - Alleanza per Civitella


compimento l’indagine sulla salute dei cittadini del nostro territorio al fine di valutare l’impatto che l’insediamento di attività produttive ed infrastrutture hanno prodotto e se necessario attivare i progetti di riqualificazione delle aree interessate dagli studi ambientali. Occorre altresì continuare il monitoraggio ambientale con l’estensione delle campagne di rilevazione delle acque, del suolo dell’aria, rendendo noti i risultati ai cittadini.

I PRINCIPALI OBIETTIVI

Rifiuti Migliorare l’igiene urbana, incrementare la raccolta differenziata con l’introduzione del porta a porta. Incrementare le isole ecologiche con orari funzionali alle esigenze dei cittadini. Acqua e reflui Impegnare Nuove Acque per: Estensione della rete potabile con l’acqua di qualità di Montedoglio. Collegamento dell’intero sistema fognante ai depuratori. Attenzione delle diverse tecnologie di depurazione. Completamento del programma di depurazione con i nuovi impianti di Albergo, Oliveto, Ciggiano e Spoiano.  Energie Alternative Installazione degli impianti fotovoltaici negli edifici pubblici dove è possibile e conveniente Uso dell’illuminazione pubblica di tecnologia ad alta efficienza e risparmio energetico Favorire l’installazione di impianti per le energie alternative da parte dei privati senza danneggiare il paesaggio. Continuare e incentivare la campagna di monitoraggio dell’aria Rendere disponibili e fruibili le aree verdi o boscate, i percorsi pedonali e ciclabili. Sviluppo di studi e progetti per la protezione dei rumori in prossimità delle aree produttive e delle infrastrutture viarie.


Lavori pubblici Il nostro programma Il governo con l’ultima finanziaria ha impresso tagli pesanti e drammatici a tutto il sistema delle autonomie locali. Anche il Comune di Civitella ha subito forti riduzioni di trasferimenti. Bisogna poi aggiungere l’ applicazione del Patto di stabilità per circa 2 milioni di euro, blocco che ha comportato non poche difficoltà nella realizzazione delle nostre opere pubbliche. Il Patto di stabilità deve essere cambiato altrimenti non verranno sbloccati gli investimenti finanziati dagli enti locali. A tal proposito, nella speranza che il legislatore nazionale intervenga quanto prima, riteniamo utile elencare le opere prioritarie, realmente realizzabili nei prossimi 5 anni, con le risorse a disposizione del comune e delle società che operano nei servizi pubblici.

TUORI: Collegamento fognature al collettore per depuratore chiani Realizzazione parcheggio Urbanizzazioni lottizzazione Manutenzione strade bianche

TEGOLETO: Completamento riqualificazione piazza / centro storico e via Chimera Apertura centro aggregazione giovanile Percorso pedonale via Signorie Variante via Petrarca - via Vetraio Ampliamento cimitero e parcheggio Casa acqua Metanizzazione via Petrarca e via Selva Riqualificazione via Moro e via Berlinguer Proiezione farmacia comunale

Interesse generale: Completamento scuola parco agro-urbano Ampliamento scuola Ciggiano Impianti fotovoltaici palazzi pubblici Casa della salute Piste ciclo pedonali di collegamento tra le frazioni ed i servizi Nuovo sito web

PIEVE AL TOPPO: Riqualificazione illuminazione pubblica zona “Randellini” Acquedotto via Caselle Metanizzazione via Caselle /via di Mugliano Parco pubblico attrezzato area ex Sped Variante nord (via Vecchia Senese, via Sembolino, via Mugliano) Canale idraulico zona Andromeda Percorsi pedonali di collegamento con frazioni e scuola arcobaleno Riqualificazione parco adiacente centro aggregazione culturale.

SPOIANO: Asfaltatura viale Cipressi Ill. pubbl. incrocio 4 vie / via Pini / via Vaiane Definizione depuratore Definizione allacciamenti acquedotto

SOLIDARIETA’ E PROGRESSO - Alleanza per Civitella


BADIA AL PINO: Ristrutturazione locali via Verdi Spogliatoio campo calcetto Allacciamento acquedotto lottizzazione Valleverde Casa acqua Collegamento ill. pubblica Poggio Rosso/Valleverde Marciapiede via Roma Ampliamento via Lignano e incrocio via Boschi Variante sud all’abitato Parco pubblico attrezzato Parcheggio distretto

CIVITELLA: Recupero mura Riqualificazione palazzo Becattini Svuotamento torre e recupero Nuovo pozzo Conversione da gpl a metano Riqualificazione piazza Becattini Recupero percorso pedonale con Caggiolo Percorsi pedonali paesaggistici Completamento asfaltatura via della Cornia

VICIOMAGGIO: Recupero collegamento minore con Tuori Variante strada provinciale Casa acqua Ultimazione collegamento fognatura al depuratore di Chiani Rotatoria via Olmo Ampliamento zona industriale Riqualificazione ill. pubblica via Oppiarello Proiezione farmaceutica

CIGGIANO: Ampliamento Costa al Vado Riqualificazione area antistante Chiesa Riqualificazione scuola e struttura polivalente Marciapiede via Griccianella Depuratore e collegamento via dell’Esse Arredi urbani - Percorsi paesaggistici

ALBERGO-OLIVETO: Parcheggio via Morandi Completamento area cimiteriale Prolungamento percorso pedonale stazione Metanizzazione via Vierucci e asfaltatura Metanizzazione via Belvedere Verde pubblico attrezzato Illuminazione pubblica crocevia stradali Griccena Estenzione Illuminazione via del Chiesino e via Vierucci Depuratore

PIEVE A MAIANO: Riqualificazione cimitero Prolungamenti Acquedotto Nuova viabilità


Famiglia e salute I servizi per i bambini, i giovani e gli anziani Le strutture per la salute La famiglia è il fulcro della società e del suo sviluppo. Il Comune di Civitella continuerà a destinare una parte rilevante delle proprie risorse proprio ai servizi di supporto alle famiglie. In modo particolare quelli destinati a infanzia, anziani, diversamente abili. Continueremo a garantire qualità e quantità nonostante i drastici tagli del Governo Berlusconi alle politiche sociali: basta ricordare l’azzeramento dei fondi per la non autosufficienza.

su chiamata, è disponibile ad assistere il bimbo presso la sua abitazione. Pensiamo, inoltre, al potenziamento dell’Informa giovani, del Centro Socio-Educativo Aquilone, dei Campi Solari per bimbi dai 6 ai 14 anni ormai diventati vera e propria risorsa del nostro sistema comunale. Intendiamo poi ampliare la dotazione dei servizi: 1) apertura del Centro di aggregazione giovanile,

Bambini e giovani L’Asilo Nido di Pieve al Toppo rimarrà il fulcro di servizi a rete rivolti alla prima infanzia quali il nido a tempo corto e a tempo lungo e la Scuola per genitori. Intendiamo poi attivare nuovi servizi: • Ludoteca; • Spazio Gioco: è un servizio rivolto a bambini e

rivolto a pre-adolescenti e adolescenti presso l’ex scuola elementare di Tegoleto all’interno del quale oltre ad attività ludico-ricreative sarà garantito un sostegno scolastico per i ragazzi che hanno discipline da recuperare, possibilità di effettuare tirocini formativi esperienziali durante il periodo estivo per avvicinarli al mondo del lavoro in forma protetta. 2) rafforzare il percorso partecipativo anche con i giovani per la creazione di eventi con e per loro (Festa dello sport e dei giovani) e per momenti di informazione e formazione (avviato progetto Peer education).

Anziani bambine dai 18 mesi ai 3 anni e ai loro genitori. • Assistenza a domicilio in caso di malattia del bimbo che frequenta il nido; il personale del Nido,

Il mantenimento dei Servizi esistenti rivolti all’area anziani e il suo potenziamento è un nostro obiettivo primario. Il Centro Diurno “la Querce” rivolto ad anziani, al cui interno opera il servizio di mensa per gli

SOLIDARIETA’ E PROGRESSO - Alleanza per Civitella


utenti che desiderano anche solo pranzare in compagnia e il servizio lavanderia per gli anziani che hanno difficoltà. Ricordiamo poi la Residenza Sociale Assistita “Becattini” che accoglie anziani non autosufficienti in forma residenziale e in forma diurna. Inoltre offre un sostegno alle famiglie dando la possibilità di inserire il proprio anziano nella struttura anche per brevi periodi. L’assistenza Domiciliare è un servizio importante di aiuto domestico e di supporto nell’igiene e cura della persona per anziani e disabili. Da questo positivo livello di servizi partiamo per attivarne di nuovi: come la collaborazione tra il medico di base, la farmacia e le associazioni di volontariato per la consegna a domicilio di quei farmaci usati quotidianamente e necessari per la cura delle persone anziane.

Persone disabili Accanto a progetti individualizzati che prevedono l’inserimento in centri di socializzazione e

e incoraggeremo gli interventi di sostegno e di affidamento familiare, rivolti ai bambini delle famiglie in difficoltà. Così come, i Servizi Sociali del Comune continueranno a mettere a disposizione forme di aiuto assistenziale , di sostegno logistico, di inserimento nel mondo del lavoro e di contribuzione economica. Tra i nuovi servizi che intendiamo attivare c’è lo Sportello Informativo che fornirà agli utenti informazioni relative ai servizi esistenti nel territorio, aiuto nella compilazione di modulistica per pratiche, consulenza per la complessa normativa sull’immigrazione, orientamento per l’individuazione di un’attività lavorativa attraverso una collaborazione con le associazioni di volontariato. Sarà implementata e potenziata la collaborazione del comune con le associazioni, convinti che rappresentino una ricchezza culturale e sociale capace di attivare l’interesse dei cittadini, di favorire la socializzazione ed il dialogo, superando l’isolamento e l’individualismo della società. Un Comune solidale sarà attento anche ai nuovi cittadini e cioè ai fenomeni immigratori che stanno interessando anche il nostro territorio. Attenzione che si manifesta nell’affermazione dei pari diritti e dei pari doveri in modo da garantire una serena convivenza e un’integrazione che sia di sostegno allo sviluppo del territorio.

inserimenti lavorativi protetti o sostegni individuali per attività di integrazione sociale. Prevediamo l’attivazione della struttura attigua al Centro Diurno la Querce “ Dopo di noi” che rappresenterà un luogo accogliente e stimolante per inserimenti in forma diurna e residenziale di disabili.

Scuola per genitori In collaborazione con l’Unicef e i medici di base del Comune proseguirà il progetto “Scuola per genitori” presso l’asilo Nido, un progetto che vuole essere un supporto ai genitori nella gestione del rapporto con i figli.

Un comune solidale

Casa della Salute

Nella convinzione che la famiglia possa confermarsi una risorsa per la società promuoveremo

Prevediamo la realizzazione della Casa della salute in collaborazione con la USL 8 con l’incremento


Famiglia e salute di alcune attività specialistiche. L’attivazione della presenza di ulteriori professionisti richiede la creazione di nuovi spazi logistici e la fornitura della strumentazione necessaria. Fondamentale è l’ampliamento del parcheggio adiacente al Distretto Sanitario.

Sanità e ambiente E’ in previsione in via sperimentale la prenotazione CUP al momento della prescrizione medica. Nell’ottica di una fattiva collaborazione tra USL 8 e Enti locali è necessario un impegno al fine di sviluppare nello smaltimento dei rifiuti ospedalieri la ricerca, lo studio e l’applicazione di processi di sterilizzazione e sanificazione, qualora tali processi risultino efficaci sul piano ambientale.

Farmacia comunale: E’ prevista la crescita dell’azienda comunale che gestisce la farmacia di Pieve al Toppo con la possibilità di aprire una proiezione a Tegoleto. Inoltre sarà adeguata la pianta organica delle farmacie che prevede anche una ulteriore proiezione farmaceutica a Viciomaggio.

SERVIZI EDUCATIVI: CONTINUARE A RISPONDERE AI BISOGNI DELLE FAMIGLIE In un momento in cui la grave crisi economica pesa sui bilanci familiari ci proponiamo di salvaguardare e mantenere i servizi scolastici e sociali ritenendoli fondamentali. Governare un territorio impone una responsabilità verso le nuove generazioni che oggi più di altri sono toccati da una crisi che non è solo economica ma anche culturale. Ci impegneremo per promuovere e sostenere i progetti rivolti ai bambini e ragazzi delle scuole del nostro territorio anche attraverso il proficuo rapporto di collaborazione con l’Istituto comprensivo scolastico. In particolare continueremo a rispondere ai bisogni delle famiglie confermando il prolungamento di orario scolastico nelle scuole materne statali, mantenendo la gestione diretta dei servizi di mensa e trasporto scolastico e stabilendo proficue forme di collaborazione con i due istituti scolastici paritari. Nel settore dell’edilizia scolastica dopo l’ultimazione del nuovo plesso scolastico nel parco agro-urbano effettueremo il collegamento coperto tra la scuola e la palestra. Dal prossimo anno scolastico sara’ realizzato il nuovo accesso, dal retro dell’edificio, per gli scuolabus in assoluta sicurezza. Si rinnova l’impegno dell’amministrazione per una riqualificazione della scuola di Ciggiano con contestuale realizzazione di sala polivalente.

SOLIDARIETA’ E PROGRESSO - Alleanza per Civitella


Cultura e sport La cultura delle idee. Le idee della cultura I pesanti tagli alla finanza locale, obbligano i Comuni a sforzi maggiori per costruire iniziative con idee nuove e con minori risorse a disposizioni. Pensiamo, quindi, ad una stretta collaborazione con tutte le associazioni culturali e di promozione del territorio, con i gruppi giovanili e con le scuole per valorizzare al meglio tutte le forze del territorio. Rimangono come obiettivi prioritari 1) l’utilizzo della biblioteca comunale, che entrando a far parte della Rete Bibliotecaria Aretina potrà programmare importanti iniziative anche utilizzando un nuovo programma informatico che consoliderà ed estenderà i servizi offerti sia in termini di quantità che di qualità; 2) la promozione di manifestazioni teatrali e musicali; 3) la valorizzazione della Scuola di Musica comunale; 4) l’impegno per continuare il prezioso lavoro sulla cultura della memoria. L’eccidio di Civitella e la presenza di un campo di internamento ad Oliveto rappresentano parte delle radici della nostra storia. La volontà di renderne consapevoli soprattutto le generazioni più giovani ha spinto l’Amministrazione comunale a dedicare molta attenzione a progetti di conservazione e trasmissione della memoria. Andrà valorizzato il prezioso lavoro che il Comitato “Civitella ricorda” sta portando avanti da anni. Proprio in questa direzione va la marcia della pace da Civitella a San Pancrazio del maggio 2010 realizzata con gli studenti delle scuole della provincia di Arezzo: iniziativa che sarà ripetuta anche per gli anni successivi. Intendiamo confermare gli eventi culturali di maggior rilievo quali la stagione teatrale con

il Teatro Moderno Tegoleto, il Premio nazionale di scultura/pittura, il Festival Visioni, il Mozart Festival, l’Ottobre Musicale e il Gospel. Inoltre vogliamo valorizzare i nostri talenti locali creando nuovi eventi.

Sport, collaborazione tra comune, associazioni e societa’ Lo sport è elemento essenziale per una crescita sana ed equilibrata dei nostri ragazzi. Le Associazioni sportive del territorio, i circoli, l’associazionismo in genere costituiscono gli elementi essenziali per una comunità. Civitella

ha ormai una lunga e consolidata tradizione di associazioni e discipline sportive: ciclismo, calcio, pallavolo, taekwondo, danza e questo grazie alla passione di cittadini che dedicano il loro tempo allo sviluppo dello sport e all’Amministrazione comunale che, nel corso degli anni, ha messo a disposizione impianti e strutture.

Ci impegniamo a valorizzare i corsi di avviamento allo sport rivolti ai bambini e ragazzi e a promuovere e sostenere l’attività sportiva attraverso un utilizzo delle proprie strutture. La volontà sarà quella di mantenere un buon livello delle strutture esistenti e di prevederne delle nuove continuando l’opera della scorsa amministrazione, che ha recentemente ristrutturato gli spogliatoi dello stadio comunale prevedendo la realizzazione degli spogliatoi a servizio del campo di calcetto di Badia al Pino.


CANDIDATA A SINDACO

Elenco candidati Consiglio Comunale Bacconi Pierluigi Fabbriciani Silvano Faralli Moreno Guerri Massimo Laurini Nico Marzoli Sergio Milani Goffredo Peruzzi Daniela Scicolone Giuseppe Sacconi Alessandro Tanganelli Laura Zagami Francesco

55 anni Commercialista 56 anni Imprenditore orafo 47 anni Libero professionista 47 anni Imprenditore 24 anni Studente 63 anni Commerciante 47 anni Dipendente azienda privata 30 anni Educatore professionale 40 anni Dipendente azienda privata 30 anni Agente di commercio 45 anni Funzionario pubblico 27 anni Dipendente azienda privata

Committente Responsabile L. 515/93: Ivano Capacci

GINETTA MENCHETTI 44 anni

Programma Elettorale 2011-2016  

Il Programma Elettorale della Lista "Solidarietà e Progresso-Alleanza per Civitella"

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you