Issuu on Google+

Furore 26 settembre | 11 ottobre 2015


Ars Docet centro di promozione e divulgazione delle arti Con l’intento di favorire l’approccio consapevole all’arte contemporanea, la promozione di giovani artisti e la consuetudine alla frequentazione dei musei e spazi espositivi, nasce il progetto artistico dal titolo ”Terra Furoris”


gli artisti in concorso pittura | scultura | installazione


sezione pittura

Angela Catucci Una mattina nebbiosa

stucco, cemento e sabbie provenzali su legno cm 91x91 !

Sinossi Quest’opera è una metafora: lasciarsi avvolgere dalla nebbia per non vedere ciò che ci circonda e dare spazio ai sogni.


sezione pittura

Giuseppe Coccia Anima

acrilico su tela cm 50x50

!

Sinossi Arte è passione, è istinto, è comunicazione. In “Anima” ho dialogato liberamente con la mia essenza, permettendole di fluire all’esterno senza alcun freno inibitore. Arte come mezzo di scoperta e riscoperta, di approfondimento e conoscenza, di decisa riappropriazione dei nostri sentimenti interni, più veri ed autentici.


sezione pittura

Ornella De Blasis

Titolo: " C'è chi ama e .... c'è chi non ama " Olio su tela | 2014
 cm 30 x 80 
 
 
 Sinossi
 Le mani con le margherite rappresentano l'uomo che ama la natura, ma c'è sulla destra la parte dell'uomo che non ama la natura, rappresentata dalla mano che silenziosamente lascia veleni.
 Per fortuna c’è l'ape che, nonostante tutto, continua a lavorare, scegliendo luoghi puliti.
 Infine la farfalla che indica la speranza: la speranza che l'uomo capisca la direzione giusta da prendere.


sezione scultura

Domenico De Masi Consapevolezza di libertà scultura in marmo giallo egizio cm 67x70x10 anno 2015 !

Sinossi

La serie di forme che costituiscono la figura esprimono la bellezza, l’eleganza, la leggerezza, l’equilibrio, il dinamismo dell'animo umano.
 Il volto, quasi una maschera serena, evidenzia la consapevolezza dell'essenza umana.


sezione pittura

Marina Del Giudice L’ attesa acrilico su tela cm 60x60


sezione installazione

Shakar Galajian

LILIUM CANDIDUM

Installazione assemblaggio di pietra dura (bardiglio) pelo pubico femminile resina

Il giglio bianco è simbolo di verginità e di bellezza, di fertilità e prosperità. Nel mondo cristiano è l’immagine della purezza spirituale, emblema di santità e resurrezione. Purezza e candore, dunque, ma anche passione e gloria. Nella Bibbia il giglio è citato più volte per significare la speranza di liberazione e di salvezza del popolo israelita (Osea, 14, 6-7). Nel Sermone del Monte configura l’invito a spogliarci della preoccupazione per le cose terrene per raggiungere la contemplazione divina (Matteo, 6: 25-34; Luca, 12, 27) Nell’opera, la Donna è rappresentata come Lilium Candidum, unica via d’uscita dalla disperazione del vivere, cura dell’anima, oggetto di “pietas”, di venerazione per la sua funzione salvifica. La Donna è creatura terrena in grado di elevarci con la sua magnificenza e la sua perfezione (simboleggiata dall’Uovo). Al pari del giglio (che esprime il silenzio e la grazia), è il mezzo che consente all’uomo di comprendere il grande mistero dell’Universo e di avvicinarsi alla bellezza di Dio.

! ! !


sezione scultura

Sergio Gatta

Venere, la Madre !

scultura in bronzo a cera persa* cm 35x55x35 | 2014

* ricavata da scultura in legno di melo, eseguita a mano.
 Fusione realizzata nella fonderia in Pistoia, n. 8 esemplari (pari a opere originali)



sezione pittura

Gabriella Lusignani Impressioni e ossidazioni !

Olio, acrilico e garza su tela cm 100x100 Sinossi

Le figure sono imprigionate da lastre di metallo, come una parvenza di ossidazione. Il “tempo” è l’artista ultimo che dà la sua impronta consumando i metalli, conferendo un processo di trasformazione. È il tempo che nel suo scorrere sa impreziosire le cose create.


sezione scultura

Antonio Magnotta

PietĂ  !

ceramica porcellanata scolpita 2 mm riempimento stucco bicomponente dorato, smalti cm 30x30


sezione pittura

Antonella Modaffari Calipso

olio su tela cm 70x90

!

Sinossi: Calipso è la dea della quale si innamorò Ulisse durante il suo irrequieto vagare per i mari. Approdò per caso su quell’isola e, quando la vide, rimase abbagliato dalla sua bellezza e dalla sua dolcezza. Calipso promise ad Ulisse l’immortalità, se fosse rimasto per sempre con lei. Ma lui più che le donne, amava l’avventura e dopo sette anni l’abbandonò per riprendere il viaggio alla ricerca di Itaca dove lo aspettava la dolce Penelope. Nel dipinto, la Dea guarda i fiori che scivolano dal suo petto, come fossero i suoi sogni d’amore svaniti.


sezione pittura

Antonietta Montemurro Riflessi

Trittico assemblato, tecnica mista su tela cm 40x40 ! Sinossi salimmo s첫, el primo e io secondo, tanto ch'i' vidi de le cose belle che porta 'l ciel, per un pertugio tondo. E quindi uscimmo a riveder le stelle.

Dante, La Divina Commedia, Inferno


sezione pittura

Salvatore Morgante IL PENSATORE, COGITO / DUBITO / SUM 70x100 Tecnica Mista e terra su tela

!

IL PENSATORE COGITA, DUBITA, VIVE. OSSERVA LA "TERRA FURORIS", CHE BEN S'ADDICE, CON LE SUE COSTE FRASTAGLIATE ED ANSEATICHE AL TEMPO, AL SUO PEREGRINARE CERCANDO L'IO SMARRITOSI IN QUESTO EDEN SENZA TRINCEE ED INSIDIE. E LA MATERIA DI CUI SI COSPARGE E SI NUTRE È SIMBOLO D'UNA SIMBIOSI IPER-UMANA.


sezione pittura

Flora Palumbo Raduno notturno

acrilico su tela | cm 80x80 ! Nel dipinto sono rappresentati un insieme di uccelli notturni che dialogano tra di loro, lontani dall’immaginario tetro e spento, anzi, “vestiti� da intense e vive colorazioni


sezione scultura

Gaia Pasini Il Possibile

creta cm 31x16x22 | 2015 ! ! !

Sinossi Il tempo, le diversità, le difficoltà bloccano, ma nulla è impossibile se ci crediamo davvero. Quando i motivi sono alti, innalzano l'anima e il corpo in una dimensione invisibile ma che esiste. E' tangibile il coraggio nel confronto con noi stessi. Dove la forza e la vita sono tali, rendono conquistabile il respiro libero e l' abbandono al sogno. Rendiamolo realtà per ogni motivo nella vita, per noi e per gli altri. Il Possibile è credere che ne valga la pena.


sezione pittura

Silvia Rea

La trilogia dell’anima | olio su tela cm 100x80 !

Sinossi Molte emozioni scuotono l’animo umano, un’inquietudine di fondo ci fa temere di perdere le certezze alle quali ci aggrappiamo, faticosamente. A volte abbiamo paura, altre volte non sappiamo risolverci ad una qualunque azione, paralizzati da un’incertezza, cui non sempre la riflessione dà risposte. COSA CI RESTA ALLORA? LA FORZA DELL’IRRISIONE E DELLA SFIDA e IL POTERE SALVIFICO DELLA FOLLIA


sezione pittura

Antonio Scaramella Nudo di fanciulla

cm 40x62 pirografia su tavola di multistrato di pioppo


sezione scultura

Marcello Silvestre Pulcinella

scultura digitale, stampa in 3D, finitura artigianale con ossidi in polvere e cera color bronzo | cm 10x10x19

! !

Sinossi

Pulcinella vestito della sua sola maschera, Napoli vittima della sua superstizione Napoli che si affida alla fortuna


sezione scultura

Alessandro Togni Labirinto dei Sogni

dittico scultura in materiale Ytong scolpito attraverso asportazione cm 25x40

!

Sinossi il dittico rappresenta la fase onirica del sonno, attraverso immagini non definite che simboleggiano il vagare della mente, ancora sospesa tra la realtà e l’immaginazione


sezione pittura

Cristian Valdinoci Diacronia di un ritorno

olio e pigmento oro su tela cm 60x60 ! Sinossi olio e pigmento dorato su una tela di formato quadrangolare traggono una figura umana in una complessa ellissi visiva di cui disappare l'origine pur percependosene la tensione.


Slide artisti Premio Terra Furoris