Issuu on Google+

16

LUGLIO

2008

SPECIALE

Giffoni Film

Festival di Biagio Coscia a magia del Giffoni Film Festival si ripete anche quest’anno. E alla trentottesima edizione sembra di essere arrivati a una svolta decisiva. «Credo che a questo punto sia necessario un ragionamento — dice Claudio Gubitosi, ideatore e direttore del festival — . È arrivato il momento del Giffoni Multimedia Valley. Qualcosa che abbiamo pensato da anni e che si sta avverando». Il Giffoni Multimedia Valley è una nuova, multiforme entità, a lungo termine, legata al festival e che rientrerà nel forum mondiale della cultura del 2013 previsto dalla Regione Campania. «Ma soprattutto è una vera possibilità di studio e occupazione per molte generazioni future — dice Gubitosi —. La struttura avrà una cineteca per ragazzi e quindi sarà unica al mondo. Si deve pensare alla creatività dei giovani e la Multimedia Valley sarà soprattutto un punto dove poter coltivare la creatività. Non solo delle idee per le storie, ma un posto dove imparare a creare le colonne sonore, per acquisire le tecniche di realizzazione dei film, per la comunicazione. E questo creerà, come è già accaduto per il festival, un indotto occupazionale che individua tutti quei saperi utili a realizzare nuovi film».

L

Gubitosi: «Il futuro del cinema per ragazzi è qui» Il direttore

«Prima abbiamo costruito una porta attraverso la quale fare entrare le idee Ora è il momento di un’altra rivoluzione»

Il festival di Giffoni è ormai, da qualche decennio, un punto di riferimento per il cinema per ragazzi, ma è anche considerato un evento mediatico... «Non credevo ai miei occhi quando tre giorni fa ho letto un’indagine fatta nel 2007. Nell’elenco degli eventi italiani più noti e amati c’era anche il Festival di Giffoni. Era al secondo posto dopo il Palio di Siena su ventotto eventi segnalati. E non siamo stati certamente noi a commissionare l’indagine. Siamo poi al nono posto e l’unico evento campano, in un’altra lista che include il festival di Venezia, che ci precede, Miss Italia, il Festivalbar e molti altri. Procedendo lentamente come una tartaruga abbiamo spodestato eventi come il Festival di Spoleto, Umbria Jazz». Quali sono ora le caratteristiche del festival? «Il nostro campo di azione è tra i più difficili. Perché noi parliamo di film per un pubblico speciale. Il nostro pubblico è fatto di bambini, ragazzi, giovani. È un settore dove non puoi permetterti di fare il doppio gioco o di imbrogliare, di essere falso. Il nostro pubblico ci giudica in maniera inesorabile e senza appel-

lo. Abbiamo una responsabilità enorme. Per questo il Giffoni Film Festival ha un volto che continua ad essere pulito, popolare, ma con una certa eleganza. La nostra linea editoriale e programmatica è forte. Tra tutti i festival siamo gli unici in grado di presentare un calendario di 250 giorni fitti di attività. Quando alla conferenza stampa di Roma ho detto che eravamo come una compagnia aerea low cost in grado di dare però risultati da business class si sono messi a ridere. Ma con i quattro milioni di euro investiti quest’ultimo anno, abbiamo dato da lavorare a settanta persone con altrettanti stipendi, abbiamo organizzato molte cose. Ma c’è anche il fatto che questi soldi investiti diventano dieci volte di più se guardiamo il territorio. E lo stato ha la sua notevole parte di guadagno che rientra con l’iva e l’irpef». Ci sono anche finanziamenti privati? «Sono del parere che sono i finanziamenti pubblici ad attirare quelli privati. Ci sono purtroppo molte promesse che non vengono mantenute, una cosa che noi mettiamo in conto. Ma abbiamo molti sponsor privati. Siamo arrivati al 39% che non è uno scherzo e il

nostro obiettivo è arrivare almeno al 50%. Quando Ciampi era ministro e ci diede dodici miliardi di lire costruimmo una porta. Uno spazio attraverso il quale fare entrare le idee. Siamo d’accordo che ci vogliono le strutture, ma senza contenuti non servono a nulla. Ma quello che abbiamo fatto fino ad ora è già nella storia delle cose che sembravano impossibili ed invece eccole qua». Continuano a esserci delle critiche sulla gestione del festival? «Ma quelle non mancano, e ce ne saranno sempre. Quello che posso dire, visti i risultati, è che abbiamo lavorato bene e non abbiamo mai perso la testa. E i risultati si vedono e nessuno li può ignorare. Il festival è una cosa della quale beneficiano tutti in quest’area. Non sono più i tempi per i detrattori. È meglio lavorare tutti insieme». Qual è la forza del Giffoni Film Festival? «È un brand che non si può copiare. Noi, per primi, abbiamo creduto nei giovani quando ancora non erano di moda.

CONTINUA A PAGINA 3


Corriere del Mezzogiorno

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008

gli ospiti

2

L’attrice ospite d’onore con il collega Tim Roth

Meg Ryan, la fidanzata d’America Meg Ryan, Tim Roth, la star di Little miss Sunshine, Abigail Breslin, lo scrittore israeliano David Grossman, saranno fra gli ospiti stranieri della 28esima edizione del Giffoni Film Festival, la rassegna dedicata al cinema per ragazzi, in programma nella cittadina campana dal 18 al 26 luglio. Meg Ryan, l’indimenticabile interprete di «Harry ti presento Sally» e di «Insonnia d’amore», a lungo indicata come «la fidanzata d’America» sarà al Festival il 24 luglio per partecipare all'incontro con i giovani giurati che ogni anno popolano e animano la manifestazione campana. Meg Ryan, nata Margaret Mary Emily Hyra, all’età di 18 anni, firmò il suo primo contratto per uno spot pubblicitario di un deodorante. Diplomatasi al Bethel High School nel Connecticut nel 1979, dove venne eletta anche reginetta dell’anno, studiò giornalismo all’università del Connecticut per poi trasferirsi a quella di New York, dove contemporaneamente continuò al lavorare in alcuni spot televisivi. Il successo ottenuto col lavoro, le permise di abbandonare gli studi. Il successo giunse per l’attrice nel 1989, quando le fu offerto il ruolo di Sally, nella commedia brillante «Harry ti presento Sally», al fianco di Billy Crystal. La sua interpretazione ottenne una nomination per il Golden globe e rimase indimenticata per la scena in cui in un ristorante, Sally simula un rumoroso orgasmo. Il film ebbe un successo tale da rendere l’attrice una vera e propria star. Dopo aver lavorato in «The Doors» e «French Kiss», Nora Ephron (la sceneggiatrice di «Harry ti presento Sally»), la volle nuovamente con se per il suo nuovo film: «Insonnia d’amore». Stavolta al suo fianco c’era Tom Hanks. La coppia ebbe un successo tale, che venne ingaggiata per altri due film: « Joe contro il vulcano» e «C’è posta per te». Nonostante questi film avessero avuto un successo strepitoso, incollarono però alla Ryan l’etichetta di attrice di film romantici e ingenui, che lei tentò parzialmente di togliersi di dosso lavorando in «Amarsi», dove in-

L’attore versatile

E’ tra i più versatili attori hollywoodiani, pulp per Tarantino, cattivo per Burton, perfetto per Wenders, italiano per Tornatore

terpretava il ruolo di una alcolizzata. Nel 1994 la Ryan vinse il premio «Harvard Hasty Pudding» come donna dell'anno, e lo stesso anno la rivista People la inserì fra le «50 persone più belle del mondo». Nel 1997, l’attrice doppia la protagonista nel film di animazione «Anastasia» e l'anno seguente partecipa a «La città degli angeli». L’attrice sta lavorando ora al film «Donne», remake del classico del 1939 di George Cukor, dove interpreterà il ruolo di Mary Haine. Tim Roth è atteso per il 19 luglio a Giffoni. Roth è tra i più versatili attori hollywoodiani, pulp per Tarantino, cattivo per Tim Burton, perfetto per Wenders, italiano per Tornatore. Figlio di un giornalista e di una pittrice, Roth frequenta la Camberwell School of Art di Londra deciso a diventare scultore, ma presto cambia idea per tentare la strada della recitazione. Nel 1984 esordisce al cinema con «The Hit» di Stephen Frears, grazie al quale ottiene una nomination come miglior esordiente. I primi successi arrivano nel 1990 con la sua interpretazione del pittore Vincent Van Gogh in «Vincent e Theo» di Robert Altman e quella di Guildenstern in «Rosencrantz e Guildenstern sono morti» di Tom Stoppard. L’ottima prova di recitazione data in questi film induce il regista Quentin Tarantino a sceglierlo per il ruolo di Mr. Orange nel suo

Sexy primo film «Le iene». Il film è un successo e tra attore e regista si instaura un rapporto di lavoro e amicizia che trova il suo massimo nel film «Pulp Fiction». Grazie al successo internazionale del film Tim riesce a trovare spazio tra le star di Hollywood arrivando a guadagnare una nomination all'Oscar per il miglior attore non protagonista come Sir Archibald Cunningham in «Rob Roy» (1995) di Micha-

Lo scrittore

David Grossman, tra i maestri del «laboratorio» Grande attesa a Giffoni anche per lo scrittore israeliano David Grossman che a nella cittadella del cinema dei ragazzi sarà uno dei «maestri» del laboratorio della sezione Y Gen il 21 luglio. Sarà proiettato anche «Someone To Run With» di David Oded, tratto dall'omonimo romanzo di Grossman. Il film è distribuito in Italia dalla Medusa Film. Grossman è un autore israeliano di romanzi, saggi e letteratura per bambini, ragazzi e adulti, i cui libri sono stati tradotti in numerose lingue. Il vento giallo, il suo efficace saggio sulla popolazione palestinese nei territori occupati dagli israeliani in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, è stato accolto con calore all'estero e ha innescato dibattiti e polemiche nel suo paese.

Tra i suoi libri di maggior successo vanno ricordati «Qualcuno con cui correre» e «Ci sono bambini a zig zag», storie che se lette superficialmente possono sembrare destinate ad un pubblico di giovanissimi, sebbene tocchino temi profondi e universali. Di forma decisamente più sperimentale sono invece altri romanzi, come «Che tu sia per me il coltello» o «Vedi alla voce: amore»; quest'ultimo in particolare, considerato il suo capolavoro, è un'opera dalla complessa architettura e dalla grande originalità stilistica, che attraverso mezzi espressivi inusuali, salti temporali, viaggi fantastici e personaggi singolari, racconta la Shoah vista dagli occhi e dalla fantasia di un bambino figlio di sopravvissuti.

Famosa la sua scena in «Harry ti presento Sally» in cui, con grande grazia, simula un orgasmo Da allora Meg è diventata una star di livello mondiale

el Caton-Jones. Nel 1998 Giuseppe Tornatore lo sceglie per il ruolo di Novecento in «La leggenda del pianista sull’oceano». La giovanissima attrice americana Abigail Breslin, che a soli 10 anni è stata nominata all0Oscar come miglior attrice non protagonista per «Little Miss Sunshine» (un film del 2006), sarà con i giovani giurati di Giffoni il 25 luglio. Ha debuttato nel 2002 interpretando la figlia di Mel Gibson in Signs; Little Miss Sunshine, le ha fatto guadagnare 1 milione mezzo di dollari, piazzandola al terzo posto nella classifica dei teen ager che guadagna di più a Hollywood. Nel 2007 ha recitato al fianco di Catherine Zeta-Jones e Aaron Eckhart in «Sapori e dissapori». Nel 2008 è stata al fianco di Ryan Reynolds nella commedia romantica «Certamente, forse» e protagonista de «Alla ricerca dell’isola di Nim» con Jodie Foster e Gerard Butler. Anna Paola Merone

Alla manifestazione Servillo, Favino e Scarpati, Cucinotta, Gerini e Brilli. Ma c’è anche Iacchetti

Attori d’«autore»: parata di stelle italiane Sono tantissimi i nomi blasonati dello star system italiano che quest’anno passeranno per Giffoni. Belle donne, comici brillanti, attori di talento. Tutti uniti dalla voglia di confrontarsi con un pubblico giovane, molto più severo degli spettatori di età adulta, e di mettersi in gioco divertendosi e rilassandosi in un posto decisamente speciale. Ha confermato la propria presenza a Giffoni Maria Grazia Cucinotta. Il suo film «L’imbroglio del lenzuolo» — del quale è produttrice e interprete — uscirà a settembre ed offrirà lo spunto per parlare proprio della nascita del cinema. Origini legate, per l’appunto, ad un lenzuolo sul quale si vedevano proiettate le immagini — di qui il titolo della pellicola. La storia narrata è quella dell’arrivo del cinema nel meridione d’Italia, un Sud magico dove ancora parte della realtà viene spiegata dalla gente del popolo ricorrendo a spiegazioni superstiziose: un punto di partenza per riflettere ancora una volta sul divario Nord Sud, sul progresso e sui falsi miti. Altre ospiti in programma Claudia Gerini e Nancy Brilli. Entrambe sono nel cast di Ex il nuovo film di Fausto Brizzi che uscirà il prossimo febbraio. Un film corale — sono diverse storie, per la maggior parte intrecciate, per offrire spunti di riflessione su un tema universale, che coinvolge qualsiasi generazione - dal tono agrodolce. Nancy Brilli sarà la quasi ex-moglie di Vincenzo Salemme: due persone spregevoli che non vedono l’ora di separarsi e lottano perché il giudice divorzista, Silvio Orlando, affidi i figli all’altro coniuge, nella speranza di liberarsene. Claudia Gerini è invece al centro di una situazione molto intrigante con Gianmarco Tognazzi e Flavio Insinna

che si è fatto prete dopo essere stato lasciato dalla Gerini. Poi se la ritrova nella sua chiesetta quando lei va a visitarla in vista del matrimonio con Tognazzi: l’incontro inaspettato scatenerà la crisi dei tre. Attesissimo a Giffoni Toni Servillo, reduce da una stagione decisamente brillante per il cinema italiano grazie a lui. Ha trionfato a Cannes con «Il Divo», ma anche con «Gomorra». I due film manifesto della filmografica trico-

lore del 2008 hanno lui come interprete versatilissimo, che però ama cimentarsi sempre con grande entusiasmo con il teatro. Pierfrancesco Favino è un attore italiano che strizza l’occhio con grande disonvoltura al cinema statunitense. Ha recitato, infatti, al fianco di Ben Stiller nel film «Una notte al museo» film campione d’incassi al botteghina e amatissimo dalla pletee dei più giovani e ci è «ricascato» con «Angeli e I DIVI NAZIONALI

demoni» insieme con Tom Hanks. Il film che uscirà nel 2009 consacrerà probabilmente il ruvido attore italiano come beniamino delle platee a stelle e strisce. Giulio Scarpati invece torna in qualche modo alle origini e potrà raccontare ai ragazzi di Giffoni perché ha deciso di ritornare sul set di «Un medico in famiglia» per la sesta serie della fortunatissima fiction. Al suo fianco un altro grande ritorno, quello di Ugo Di-

chero che intanto si è conquistato il favore degli appassionati di «sceneggiati» come coprotagonista del Csi italiano, Ris. Sulla passerella di Giffoni ci sarà anche Pino Insegno chiamato a raccontare ai giovanissimi non solo le sue esperienze di attore comico e di conduttore televisivo, ma anche di doppiatore. E, a proposito di doppiatori, è considerato da molti uno dei migliori doppiatori comici d'Italia un altro degli ospiti del Giffoni, Tonino Accolla, noto al grande pubblico per aver doppiato Eddie Murphy in tutta la sua filmografia, e per aver dato voce al personaggio di Homer Simpson nella versione italiana della celebre sitcom animata de I Simpson. Tra gli altri attori doppiati ci sono anche Kenneth Branagh, Tom Hanks, Mickey Rourke, Ralph Fiennes, Jim Carrey, Ben Stiller e Gary Oldman (Léon e Il quinto elemento), nonché il personaggio Timòn nei film d'animazione (al cinema) della serie Il Re Leone. È stato direttore del doppiaggio della maggior parte degli episodi de I Simpson trasmessi in Italia, oltre che di vari film fra cui Borat. Altro beniamino dei giovanissimi Enzo Iacchetti, uno dei conduttori più longevi di «Striscia la notizia» il tg satirico di Canale 5. E infine spazio alla comicità di casa con Alessandro Siani. Il comico napoletano — ma ormai noto a livello nazionale grazie alle sue prove televisive e a film di grande successo al botteghino — è attesissimo dai ragazzi di Giffoni. Brillante, con la battuta pronta, dissacratorio, Siani è pronto anche a parlare della sua esperienza cinematografica al fianco della bellissima Elisabetta Canalis e di Michelle Hunziker (con cui ha girato il cinepanettone dello scorso anno, e della sua passione per la squadra del Napoli. A. P. M.


Corriere del Mezzogiorno Dal 18 al 26 luglio la manifestazione dedicata al cinema per ragazzi

la kermesse

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008 SUL GRANDE SCHERMO

Corti e lungometraggi al via la maratona più bella

Da Charlize Teron a Francesco baccini

Un sondaggio Ipsos: «Il Giffoni Film Festival tra gli eventi più popolari dell’estate dopo il palio di Siena» Quattro anteprime assolute, 30 lungometraggi e 45 cortometraggi in concorso, 43 pellicole fuori concorso, ospiti nazionali ed internazionali, eventi speciali e tanta musica: torna il tradizionale appuntamento con il «Giffoni Film Festival», in programma dal 18 al 26 luglio a Giffoni Valle Piana. Il tema scelto per la trentottesima edizione della manifestazione — che vedrà la cittadella del cinema accogliere star del calibro di Meg Ryan, Tim Roth, la giovanissima Abigail Breslin e lo scrittore israeliano David Grossman — è «Miti e Maestri» e fra le anteprime proporrà anche la nuova produzione di Disney Channel, «Camp Rock» con i Jonas Brothers, la commedia fantascientifica «Piacere Dave» (da agosto al cinema) con Eddie Murphy, e gli attesissimi «Le cronache di Narnia - Il principe Caspian» e «Kung Fu Panda». La rassegna, che negli anni ha ospitato centinaia di star italiane e straniere, come Francois Truffaut, Sergio Leone, Roberto Benigni,

Will Smith, Robert De Niro, Abel Ferrara, Gabriele Muccino, Meryl Streep, Oliver Stone, quest’anno avrà fra i suoi protagonisti anche Pippo Baudo, Michele Placido, Maria Grazia Cucinotta, Raul Bova, Claudia Gerini e Pierfrancesco Favino. A valutare i film saranno 2205 fra bambini e ragazzi provenienti da 33 nazioni. Le sezioni competitive sono cinque: Kidz (per i bambini dai 6 ai 9 anni), First Screens (dai 9 ai 12), Free to fly (da 12 ai 14), Y Gen (per ragazzi dai 15 ai 17), e Troubled Gaze (dai 18), che accoglie giurati giovani e adulti insieme. A queste si aggiunge la sezione non competitiva Rascals (con un pubblico di 100 bambini dai 3 ai 5 anni). Tra i 30 lungometraggi in gara (di cui sei hanno già una distribuzione italiana) ci sono, nelle varie sezioni, «Phoebe in Wonderland» con la casalinga disperata Felicity Huffman e Dakota Fanning, storia di una bambina incapace di controllare i suoi impulsi; «Black Balloon» con Toni Collette, su un ragazzo alle prese con il primo amore e un fratello malato di mente; «Sleepwalking» con Charlize Theron e «The Secret» con David Duchovny (X files). Tra gli eventi fuori concorso ci sono il corto «Pazza di te», esordio alla regia di Enzo Iachetti; «Zoè», storia di una bambina che scappa dal suo paese invaso dai nazisti, con Francesco Baccini e Andrea G Pinketts in veste di attori, e il documentario «Kidogò», un bambino soldato di Angelo Longoni. Spazio anche alla musica con il Giffoni Music Concept, che ospiterà fra gli altri, gli Zero Assoluto, Fabri Fibra, Caparezza, i Finley, Syria, gli Afterhours, Max Gazzè e Tricarico. «Il salto di qualità nell’attività del Giffoni — ha detto il presidente della Regione Antonio Bassolino — sarà rappresentato dal Giffoni Multimedia Valley», un complesso da 38 milioni di euro che incorporerà, fra gli altri, la prima cineteca al mondo riservata al cinema per ragazzi, un’arena da 8 mila posti e strutture produttive. «Dopo i 20 milioni di euro stanziati due anni fa, abbiamo destinato al progetto altri 11 milioni di euro - ha aggiunto Bassolino -. Il nostro impegno è che sia completato in tempo per il forum mondiale delle culture, che si terrà a Napoli il 2013». Un impegno che testimonia la popolarità e l’importanza del festival campano. E che più studi scientifici hanno certificato. Ultimo in ordine di tempo è la ricerca di Ipsos e Stage Up, pubblicata lo scorso mese, dalla quale emerge che «gli italiani interessati a questo Festival per ragazzi e non solo sono addirittura 20 milioni 121 mila». Un risultato che sancisce, ancora una volta, la capacità di calamitare l’attenzione dell’opinione pubblica, che non solo lo conosce, ma ne è anche «interessato». Per il mese di luglio il festival campano è dietro, per interesse, solo allo storico Palio di Siena ma si piazza davanti a tutti gli altri appuntamenti, compresi gli arcinoti Umbria Jazz e il Festival dei Due Mondi di Spoleto. A dare le dimensioni della manifestazione basterebbero, d’altronde, i numeri: 1500 film in preselezione, 80 film selezionati, 80 in competizione, 40 fuori concorso, 500 famiglie impegnate nell’ospitalità dei 2205 giurati per 11 giorni. E poi 18 milioni contatti sul sito web (www.giffoniff.it) da gennaio a giugno 2008, 400 società di produzione e distribuzione cinematografiche coinvolte, 280 organizzatori e collaboratori, 500 istituti scolastici coinvolti nei progetti didattici, 120mila visitatori previsti.

«Le Cronache di Narnia - Il Principe Caspian»

Intervista al direttore Claudio Gubitosi SEGUE DALLA PRIMA PAGINA

A un cinema dedicato ai ragazzi, senza accontentarci di favole e happy end, mentre da ogni parte si snobbava questo tipo di produzione e lo relegava a nicchie asfittiche di rassegne anguste. Per questo il Giffoni Film Festival si dichiara libero di osare, libero di contaminare, libero di inventare. La nostra unicità è una storia che ha fatto il giro del mondo» Una sorte ben strana per un paesino dei monti Picentini… «Io tante cose non le potevo immaginare. Ma Giffoni è il mio paese e io lo amo. Non voglio essere arrogante ma ora quando lo nomini lo conoscono in tutto il mondo, alle rassegne più importanti di cinema. Ed ora, questa è una notizia importante, Paul Zonderland, direttore Generale della Buena Vista Italia, ci ha annunciato che vorrebbe investire sul Festival, su Giffoni». Com’è andata le selezione quest’anno? «Questa è stata un’ottima annata. Abbiamo avuto 1500 film in preselezione da 133 nazioni. Mai così tanti. È stato molto difficile dire no a tanti bravi autori. Molti erano temi importanti sulla solitudine dell’adolescenza. Sui miti e sui maestri che spesso si rivelano falsi, il tema di quest’anno. Su trenta lungometraggi in concorso sei sono distribuiti in Italia e otto arrivano da paesi nordici. Ci sono otto opere prime e quattro film d’animazione. E tra le cose che cerco di creare c’è fondamentalmente un grande dibattito sul cinema. Quello che penso è che non è possibile che in una sezione abbiamo quattro film australiani e nessun italiano. In Italia manca una base di autori che si dedicano a questo genere. Solo nel nostro paese il cinema per ragazzi è considerato un prodotto "minore". Letta della Medusa mi ha annunciato che investirà 60 milioni per il cinema per ragazzi. Il mio desiderio è che qualcuno facesse un film per Giffoni. Bisogna aspettare e vedere che intenzioni hanno Rai e Mediaset che in Italia sono le due uniche grosse identità che investono sul cinema». Quale sarà il prossimo tema? «I tabù». Biagio Coscia

Ugo Ferrero

«Phoebe in Wonderland» è la storia di una bambina incapace di controllare i suoi impulsi;

Il premio Oscar Charlize Teron è la protagonista di «Sleepwalking», che sarà presentato al Giffoni Film Festival

Francesco Baccini (nella foto) è tra gli interpreti di «Zoè», storia di una bambina che scappa dai nazisti

Sullo schermo «Meet Dave» con Eddie Murphy e l’imperdibile «Kung Fu Panda»

Una settimana di grandi anteprime Settimana di grandi anteprime, dal 19 al 25 luglio, al Giffoni Film Festival. In programma l’attesissimo «Camp Rock» targato Disney, «Le Cronache di Narnia - Il Principe Caspian», la nuova commedia con Eddie Murphy «Meet Dave» e l’imperdibile «Kung Fu Panda». Si parte sabato 19 luglio con l’anteprima nazionale di «Meet Dave», la nuova commedia di Brian Robins con Eddie Murphy, nelle sale italiane dal 14 agosto. Protagonista del film è Dave (Eddie Murphy), non un essere umano normale ma un astronave a forma di uomo che ospita un equipaggio di piccolissimi extraterrestri capitanati da Dave: nel tentativo di portare a termine la propria missione gli extraterrestri dovranno

affrontare il problema di una relazione che la loro astronave sta per iniziare con una donna terrestre. A presenziare l’anteprima del Giffoni, la storica voce italiana di Eddie Murphy e cioè Tonino Accolla. Secondo appuntamento con le anteprime è per mercoledì 23 luglio: alla cittadella del cinema si proietterà l’attesissimo Disney Channel Original Movie, dal titolo «Camp Rock» di Matthew Diamond con protagonisti i Jonas Brothers, band del momento, e la giovane attrice Demi Lovato. Il film, trasmesso negli Usa lo scorso 20 giugno con

Sabato 19 luglio anteprima nazionale di «Meet Dave», la nuova commedia di Brian Robins con Eddie Murphy (nella foto), nelle sale italiane dal 14 agosto

un lancio multi-piattaforma senza precedenti e in onda su Disney Channel Italia il prossimo settembre, ha registrato negli States 8,9 milioni di telespettatori. E si annuncia un grande successo anche per «Le Cronache di Narnia - Il Principe Caspian» diretto dal regista neozelandese Andrew Adamson e che il festival di Giffoni presenterà in anteprima il 24 luglio con la presenza di Pierfrancesco Favino che è nel cast della pellicola assieme a Sergio Castellitto, Anna Popplewell, Tilda Swinton, Ben Barnes, William Moseley, Georgie Henley e Skandar Keynes. Il film ripercorre la trama del romanzo di Clive Staples Lewis: i fratelli Pevensie tornano a Narnia e scoprono sono passati 1300 anni dallo loro ultima visita, ma soprattutto un nuovo tiranno di nome Miraz sta esercitando il suo malvagio potere sul regno senza pietà. La nuova e difficile missione dei Pevensie è ora quella di riportare il principe Caspian sul trono e ristabilire l’ordine a Narnia. Si combatte, ma in un contesto totalmente diverso, anche in «Kung Fu Panda» di Mark Osborne e John Stevenson, imperdibile film d’animazione targato DreamWorks Animation il cui protagonista è il grande e un pò goffo panda Po, apprendista pastaio che sogna di combattere al fianco delle stelle mondiali di kung fu. Si tratta di uno dei film più attesi dell’estate (uscirà in Italia il 29 agosto) e che il Giffoni Film Festival presenterà in versione ridotta venerdì 25 luglio con annessa festa speciale e animazioni. Le voci del film negli Stati Uniti sono quelle di Angelina Jolie, Jack Black, Dustin Hoffman, mentre in Italia è di Fabio Volo la voce di Po. A Giffoni, comunque, non ci sono solo anteprime. In calendario per la trentottesima edizione del festival anche l’omaggio ai grandi maestri del cinema italiano con la rassegna «Otto e mezzo» e la proiezione di alcuni classici senza tempo: «I soliti ignoti» di Mario Monicelli, «Il sorpasso» di Dino Risi, «Amarcord» di Federico Fellini a cui è dedicata la rassegna, «Non ci resta che piangere» con Roberto Benigni e Massimo Troisi, «Il ladro di bambini» di Gianni Amelio. Anche quest’anno, poi, ritorna la sezione non competitiva «Reload» che, durante le sere del festival, riproporrà le migliori opere della stagione cinematografica 2007/2008 dedicate a bambini, adolescenti e ragazzi più grandi: da «La volpe e la bambina» a «Il cacciatore di aquiloni», da «Il mio sogno più grande» a «L’anno in cui i miei genitori andarono in vacanza». U. Fer.

3


Corriere del Mezzogiorno

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008

dove e come

4

Il progetto: una cineteca per ragazzi, il museo «Testimoni del Tempo» e sale utramoderne

Il futuro? Un polo cinematografico Giffoni Multimedia Valley, ok al progetto da 11 milioni di euro. Il presidente Bassolino: «Poseremo la prima pietra durante il festival»

La rassegna di ottobre

Forum delle culture

Oddati-Gubitosi sinergia per la pace Il direttore artistico del Giffoni Claudio Gubitosi ha incontrato l'assessore alla cultura del Comune di Napoli Nicola Oddati. L'incontro è servito a definire le attività relative al progetto «Accampamento della pace 2008», l’iniziativa istituita dalla Fondazione Forum di Barcellona in collaborazione con le Nazioni Unite e che si svolgerà a Napoli il prossimo mese di ottobre. Per l’occasione, duecento bambini provenienti da tutto il mondo si riuniranno per venti giorni per svolgere attività ludiche e didattiche sui cinque temi del Forum. Un evento annuale che coinvolge bambini di età compresa tra i 13 e i 14 anni, provenienti da diverse città che hanno subito conflitti sociali, bellici o economici e che si sono impegnate nella cooperazione e nella solidarietà come motori di sviluppo. Il Giffoni Film Festival, nell'ambito delle attività didattiche cinematografiche del Forum, realizzerà dal 5 al 14 ottobre e dal 16 al 25 ottobre, dieci ore di stage, workshop e lezioni con i duecento giovani partecipanti. Verrà anche realizzato un cortometraggio sul tema della pace che sarà presentato alla conclusione dei lavori. E per rafforzare l’alleanza Giffoni-Accampamento della Pace l’assessore Oddati sarà presente all’edizione del Giffoni che si apre in questi giorni. «Si tratta di una sinergia dall’alto valore simbolico», ha detto Oddati.

Un occhio al presente e uno al futuro. Da una parte il programma della trentottesima edizione del Giffoni film Festival che sta per iniziare; dall’altra lo «startup» di Giffoni Multimedia Valley. Si tratta di un progetto da 11 milioni di euro e che prevede la realizazione della prima cineteca dedicata al cinema per ragazzi, il museo «Testimoni del Tempo» e una serie di sale ultramoderne dove godersi i film con estremo confort oltre ad un’arena capace di ospitare ottomila giovani, spazi espositivi, parcheggi e la nuova sede e del Festival. Il tutto finanziato dalla Regione e dai fondi europei. «Nel 2013 si terrà a Napoli il forum mondiale delle culture. Sarebbe bellissimo ed è un nostro impegno lavorare perchè Giffoni ne sia parte fondamentale e il Giffoni Multimedia Valley un punto essenziale», ha commentato Antonio Bassolino. Per il presidente della Regione Campania la chiave vincente del Giffoni film Festival è stata «abbinare due facce della stessa medaglia, il forte legame identitario e locale e l’apertura internazionale». Bassolino reputa un passo avanti essenziale il Giffoni Multimedia Valley. «Durante il festival si poserà la prima pietra di una struttura che permetterà la nascita di nuove professionalità, lavori e mestieri in campo multimediale — ha aggiunto il presidente della Regione —. Se oggi il Giffoni già produce 250 giornate di attività, tra l’Italia e l’estero, con il Giffoni Multimedia Valley potrà funzionare per 365 giorni l’anno. Per ora il festival ha stabilita importanti legami all’estero. Ora si tratterà di stabilirne con altre strutture produttive, prima di tutto del nostro territorio come la scuola del documentario e il centro Rai di Napoli o gli studi che stanno nascendo a Bagnoli». Bassolino ha sottolineato che quello di Giffoni è un altro importante momento dell’attività culturale che in Campania non si è mai fermata: «A Napoli abbiamo fatto il festival internazionale del teatro che ha avuto un enorme successo, è partito il festival di Ravello, ora c’è Giffoni, e si sono appena chiusi i concerti a Piazza Plebiscito: la Nona Sinfonia di Beethoven diretta da Zubin Mehta, la serata con Roberto Bolle, il concerto di Pino Daniele. Chi vuole vedere con i propri occhi se nè può accorgere, chi pensa di stare sempre in campagna elettorale continuerà a vedere solo i rifiuti».

Dall’arena Sordi al convento di San Francesco. E per le anteprime si punta sullo spazio dedicato a Truffaut

Sale e giardini: tutti i luoghi della rassegna In attesa della realizzazione delle nuove sale della Multimedia Valley, la trentottesima edizione del Giffoni Film Festival offrirà spettacoli, musica e teatro che animeranno l’intera cittadella del cinema. Tre gli schermi su cui scorreranno le pellicole in gara e non: la sala Truffaut, la sala Valle ed il Giardino degli Aranci. Con 710 posti a sedere ed audio digitale, la grande sala Truffaut sarà destinata alle giurie di «Free to Fly» e «First Screens», ma anche alla proiezione delle anteprime, che richiamano l’attenzione di un numerossissimo pubblico. Altra sede per le sezioni «Kids» e «Y Gen», che risiederanno al Valle, lo storico cinema che ospita da sempre gli eventi principali di Gff, la cui capienza è stata recentemente estesa a 385 posti a sedere e che, grazie ad

interventi di ammodernamento apportati negli ultimi anni, può vantare un’altissima qualità di proiezione, al passo con i più alti standard internazionali. Il pubblico serale — composto per metà da adulti e per metà da bambini e ragazzi — sarà invece accolto nell’Arena Alberto Sordi: in quello che suole fungere da parcheggio durante il resto dell’anno sarà montato un podio, ricoperto da una struttura semicircolare in layer ed attraversato da una passerella che consentirà agli ospiti di avvicinarsi al pubblico e di arrivare in mezzo ai giurati: questi ultimi potranno partecipare attivamente alla serata dalle gradinate laterali. A condire il tutto, la presenza sul palco di schermi che trasmetteranno non solo i filmati inviati dalla regia, ma anche il live di quanto avviene in sce-

na. Ancora, agli spettacoli teatrali ed alla sezione «Reload» sarà assegnato il Giardino degli Aranci, il vecchio e fascinoso cinema all’aperto, la cui ristrutturazione ha reso possibile l’impiego del palcoscenico e dei camerini. Al suggestivo convento di San Francesco spetterà invece l’ospitalità: le sale superiori verranno destinate alla stampa ed il piano terra ed il chiostro saranno trasformati in elegante location per cene da oltre trecento commensali. Da ricordare inoltre gli uffici chiave della manifestazione e cioè le aule multimediali, la cui strategica posizione contigua al palcoscenico faciliterà l’essenziale compito di organizzare la regia delle serate. Francesca Fichera

Ugo Ferrero

Il Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi in alluminio (Cial) anche quest’anno è partner ufficiale del Giffoni Film Festival. Una partecipazione interamente proiettata alla tutela dell’ambiente e in particolar modo al recupero dell’alluminio, materiale riciclabile al cento per cento. Ciclo&Riciclo Nella giornata del 25 luglio, alla sala del Cinema Valle, verranno premiate le due scuole vincitrici del concorso Alu Movies promosso dal Consorzio. Lanciata nel novembre dello scorso anno, la sfida creativa ha coinvolto gli studenti di quattromila scuole elementari e medie inferiori italiane nell’ideazione e realizzazione di uno storyboard che raccontasse una storia, semplice ed efficace, per far si che fossero gli stessi ragazzi a parlare ai loro coetanei, evidenziando i valori ambientali che sono alla base una corretta raccolta differenziata dei rifiuti, in particolare dell’alluminio. I vincitori Per la sezione scuole elementari ha vinto l’istituto comprensivo statale di Vietri di Potenza, con lo spot «Una storia trash». Per la sezione scuole medie inferiori, il premio va alla scuola «Dante Alighieri» di Pesaro, con lo spot «Il riciclo è importante». Il premio verde Per il quarto anno consecutivo, poi, i giurati del festival assegneranno il «Premio Cial per l’ambiente», istituito nel 2005 con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente. Il Premio verrà conferito al film, tra quelli in concorso, che meglio affronta le tematiche ambientali e di sviluppo so-

Quando cinema fa rima con ambiente stenibile, con la consegna di un «grifone in alluminio riciclato». Laboratori didattici Anche quest’anno, inoltre, il Consorzio organizza un laboratorio creativo per i piccoli giurati del festival. Con la tecnica della lavorazione del foglio sottile per alimenti, i partecipanti comporranno figure e riproduzioni raffiguranti il mondo dell’allumi-

nio e le sue virtù. Suddivisa in due moduli — in programma il 23 e 24 luglio (ore 18) alle Aule Multimediali della cittadella del cinema — l’iniziativa unisce alla valenza artistica la didattica ambientale e spunti di riflessione sul tema della sostenibilità ambientale. Il film E di sostenibilità ambientale si parlerà

anche in una delle grandi anteprime programmate dal Giffoni Film Festival. Si tratta di «Wall E» (Disney - Pixar), dal 17 ottobre al cinema e che il festival presenterà mercoledì 23 luglio. Il film è ambientato nel 2700. Protagonista è Wall-E (la sigla di Waste Allocation Load Lifters Earth class, Sollevatore terrestre di carichi di rifiuti), un robot che dopo aver trascorso centinaia di anni solitari ripulen-

do il pianeta, trova un nuovo scopo nella sua vita (oltre a collezionare cianfrusaglie) quando incontra una robot ricognitrice di nome Eve. Questa si rende conto che Wall-E è involontariamente incappato nella chiave che assicurerà il futuro del pianeta, e torna di corsa nello spazio per riferire le sue scoperte agli umani. Nel frattempo, Wall-E segue Eve per tutta la galassia, dando vita ad una delle avventure comiche più fantasiose mai portata sul grande schermo.


Corriere del Mezzogiorno Il concorso: cinque categorie in gara. E per i più grandi la mostra «Miti e Maestri»

Una sezione per ogni età della vita «E’ la più complessa, completa e straordinaria selezione degli ultimi anni - dice l’ideatore e direttore del Giffoni Film Festival Claudio Gubitosi — indice questo di una qualità sempre in crescita delle produzioni». Su trenta lungometraggi in concorso, sei vantano una distribuzione italiana, otto provengono da paesi nordici e quattro dall’Australia. Otto sono le «opere prime» e quattro i film di animazione. Tra i quarantacinque cortometraggi in concorso forte è la presenza del cinema italiano. In questo mosaico di opere che ha come tasselli film poetici, romantici, atipici, ma spesso anche duri, il filo conduttore è la qualità e l’originalità. Storie incentrate sulla riconquista dell’identità, ma anche sull’asdei genitori, i veDai 6 ai 9 anni senza ri punti di riferimento dei ragazzi. Cinque le sezioni in cui In corsa si articola il concorso, l’italiano tutte divise per età: «Kidz» (6-9 anni), «First «La storia Screens» (9-12), «Free To Fly» (12-14), «Y di Leo» Gen» (15- 17) e «Troubled Gaze» (dai 18 anni in su). Le prime due sezioni, dai 6 ai 9 anni e dai 9 ai 12, partecipano a un unico concorso e affrontano i temi più diversi: si va dal rapporto genitori-figli alla pace, dalla difesa della natura alla differenza. Diversi anche generi e stili. In entrambe le sezioni saranno presenti lungometraggi di animazione e fiction, film fantastici e storie calate nella realtà quotidiana dei più piccoli. Produzioni per la maggior parte europee ma con la presenza di almeno tre interessanti produzioni extraeuropee tra cui «Phoebe in wonderland» interpretato, tra gli altri, da Felicity Huffman e dalla giovanissima Elle Fanning, sorella della più famosa Dakota. Protagonista della storia è una bambina che non

riesce ad integrarsi a scuola perché apparentemente incapace di controllare i suoi impulsi. Tra i film d’animazione c’è l’italiano «The story of Leo» diretto da Mario Cambi e con le voci di Neri Marcorè, Leo Gullotta, Carlo Conti e Simona Marchini. La pellicola, distribuita in Italia da «Adriana Cinema Enterprises», racconta la storia di un altro outsider, un leone molto particolare: è vegetariano e per questo emarginato dal branco. Interessante anche il film «The seven of Daran»: un’avventura mozzafiato in cui tre

bambini devono fermare una guerra fra tribù in Africa che rischia di degenerare e distruggere il continente. A guidarli una magica giraffa bianca realizzata in 3d. Sezioni a parte, tra le tradizioni che anche quest’anno si rinnovano a Giffoni non poteva mancare il premio speciale assegnato da Amnesty International Italia al migliore film sui diritti umani, giunto alla sua quinta edizione. Nel 2004 il premio era stato conferito a «The wooden camera» di Ntshaveni Wa Curuli, nel 2005 a «Innocent voices»

di Luis Mandoki, nel 2006 a «Zozo» di Josef Fares e nel 2007 a «Rosso Malpelo» di Pasquale Scimeca (Italia). Un premio nel segno della continuità, dunque. Ma al Giffoni Film Festival non ci sono solo conferme. Come non c’è solo cinema. La trentottesima edizione della rassegna salernitana ospiterà, infatti, anche la mostra d’arte contemporanea «Percorsi d’immaginazione. Miti e Maestri», che dà il nome all’intera kermesse e che sarà allestita all’interno del complesso monumentale di San Francesco. Curata da Salvatore Colantuoni, la mostra ha lo scopo di presentare, attraverso le opere di artisti contemporanei, lo sviluppo del dibattito intorno ai nuovi linguaggi pittorici sia in relazioni alle altre arti che alla tradizione culDai 9 ai 12 anni turale del Novecento. Gli artisti invitati (ognuI temi: no con due opere) sono Angelo Colagrossi, Magenitori, rio Ferrante, Paolo Fiorentino, Massimo Franfigli e chi, Massimo Livadiotdiversità ti, Piero Mascetti, Stefania Mileto, Gonzalo Orquin, Ekaterina Panikanova, Carlo Pizzichini, Claudio Spoletini, Gennaro Vallifuoco, Marco Verrelli e Fernando Zucchi. Le opere saranno esposte all’interno dei nuclei tematici (volto e corpo, mito, città, linguaggio dei segni) e ci sarà spazio anche per le nuove generazioni di artisti alle quali saranno riservati appositi spazi espositivi. La rassegna d’arte gode del patrocinio della Guardia di Finanza, gruppo tutela del patrimonio artistico (che ha recuperato dall’indotto clandestino una delle opere del maestro Ferrante in esposizione) e sostiene i progetti dell’associazione culturale «Aura-Giffoni Festival Team» in favore dell’Associazione Italiana contro le leucemie. U. Fer.

«Free To Fly» dai 12 ai 14 anni

«Y Gen» dai 15 ai 17 anni

Identità cercasi

I sentieri interiori

Tredicenni in bilico sul filo dell’ identità: non più bambine, ma non ancora donne. Piccoli Amleto non più turbati dalla età problematica, ma dal dilemma di dover «prender l’armi contro un mare di affanni». Questo il leitmotiv della sezione «Free To Fly», dedicata ai ragazzi tra i 12 e i 14 anni, per la quale sono stati selezionati tutti film stranieri. Si parte con «Mirush», pellicola norvegese con Enrico Lo Verso nei panni di un padre violento «condannato a morte» dal figlio per aver abbandonato la famiglia. Si prosegue con «Hey Hey It’s Esther Blueburger», nel cui cast figura la candidata al premio Oscar Keisha Castel-Hughes ovvero l’amica-idolo della protagonista ebrea, che con lei sperimenta la sua voglia di emancipazione. In rassegna anche «Black Balloon», secondo concorrente australiano con una Toni Colette interprete delle difficoltà di un ragazzo alla prese col primo amore e con l’imbarazzo sociale di un fratello malato di mente, e poi «Heart of Fire» del tedesco d’adozione Luigi Falorni, che racconta la tragedia dei bambini soldato in Etiopia. Spazio al Canada con «Sleepwalking» di William Maher, con Charlize Theron, Dannis Hopper e Anna Sophia Robb. Per finire, un secondo titolo tedesco, «Leroy», che ripropone in chiave ironica i temi del bullismo e del razzismo.

Molti mutamenti hanno interessato negli ultimi anni «Y Gen», la sezione del Giffoni Film Festival dedicata si ragazzi tra i 15 e i 17 anni: le storie di quest’anno si snodano così attorno al problema della depressione che attanaglia ragazzi sempre più giovani, ottenebrando la loro visione della vita, ridotta ad un percorso privo di scopi o gioie. Brusco ed inquietante il cambiamento cui si assiste in «Everything Is Fine» di Yves Christian Fournier , pellicola canadese che immortala un gruppo di amici che finiscono con l’integrarsi fin troppo bene nella società di cui fanno parte. Spaccato drammatico anche quello presentato da Klaus Härö in «The New Man», con la storia di una ragazza svedese prelevata dal governo e costretta in manicomio durante gli anni settanta. Il cinema giovane spagnolo propone invece «Ladrones», ritratto metropolitano di un giovane ladro barcellonese, per la regia di Jaime Marques. Ottime premesse, infine, per «The Secret» dello svizzero Vincent Perez, che si impernia sul tema dell’identità: un incidente coinvolge la moglie e la figlia di David “Molder” Duchovny, stravolgendone completamente l’esistenza. F. F.

Francesca Fichera

I

M AGGIORENNI

Diritti e doveri, generazioni a confronto «Troubled Gaze» è la prima sezione del festival destinata ad accogliere nella propria cerchia di giurati sia aduti che giovani diciottenni. Tra gli over 18, soprattutto insegnanti (dalle materne alle superiori) e genitori interessati a tematiche che variano dal rapporto genitori-figli alla violazione dei diritti dei minori. Un esperimento avviato già nel 2006, che quest’anno porterà generazioni diverse a confrontarsi in maniera diretta e a valutare insieme i cortometraggi in gara, nonché alcuni lungometraggi fuori concorso. I film selezionati porteranno sullo schermo storie intense, volte in particolar modo a rivoluzionare lo sguardo «degli adulti» sui ragazzi. Tra i corti ben quattro i concorrenti «made in Italy»: «Benigno», dell’omonimo regista; «My Hands To Colors» di Enzo De Camillis; «Short Waves» di Simone Catania e «Under My Garden» di Andrea Lodovichetti, cui si aggiunge la produzione italo-spagnola di «Kick The Sky» per la regia di Luca Vacchi. Fatta eccezione per «Nana» (Australia), «Northern Highway» (Messico), «Zohar» (Israele) e «Ah» (Corea del Sud), le altre pellicole in gara sono tutte europee. Una scelta, quest’ultima, che ha caratterizzato anche la sezione fuori concorso «Little Rascals» ovvero simpatiche canaglie. La rassegna, che prende in prestito il nome da una fortunata serie comica degli anni ’30, presenterà al

suo interno prodotti del cinema d’animazione per i bimbi tra i 3 ed i 5 anni. A questa fascia d’età il festival rivolge da anni particolare attenzione: non a caso, nelle produzioni pre-school si nota una varietà di tecniche e di stili non presente in quelle indirizzate ai più grandi. I più piccoli risultano infatti anche i più pronti ad accettare una maggiore quantità di proposte. Solo in un secondo momento, praticano una selezione basata in parte sul gusto personale, in parte su quello che piace anche ai compagni di classe, immancabilmente influenzati dal merchandising dei gadget sponsorizzati in tv. L’iniziativa, partita nel 2006 con «Europe in Short Special for Kidz», il pacchetto proposto dal Coordinamento dei Festival europei nel corso di più Fuori gara d’una manifestazione, ha avuto così seguito anche quest’anno: nel corso della rassegna cuC’è anche chi, come rata dallo staff di Gff saranno proiettati cortomeJuliette Lewis, si è trovata traggi capaci di attirare l’attenzione dei più e di divertire anche i più grandicelli, in compagnia di coetanei: piccini per consentire loro un primissimo approccio al cinema e alle produzioni di alta qualità, che la festeggiarono non sempre raggiungono il piccolo schermo di casa. al pari di una regina F. F.

in concorso

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008

5


Corriere del Mezzogiorno

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008

il programma

6

Corriere del Mezzogiorno

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008

Tanti giorni per stare tutti insieme, grandi e piccini VENERDÌ 18 LUGLIO CONVENTO DI SAN FRANCESCO 19:30 Inaugurazione: MOSTRA "Percorsi di Immaginazione. Miti & Maestri" (arte contemporanea) MOSTRA "Miti e Maestri. Giovani Illustratori IED (Istituto Europeo di Design - Torino) al GFF SALA TRUFFAUT - CITTADELLA DEL CINEMA FREE TO FLY 10:00 SUMMER OF '62 by Mehdi Charef (France/Algeria, 2007, 92') Y GEN (y gen lab project) 14:30 WORLDS APART by Niels Arden Oplev (Denmark, 2008, 108') 8 e mezzo (y gen lab project) 20:30 I SOLITI IGNOTI by Mario Monicelli (Italy, 1958, 105') (In collaborazione con la Fondazione C.S.C. Cineteca Nazionale) CINEMA VALLE FIRST SCREENS 09:00 TERRA 11:30 TERRA by Aristomenis Tsirbas (USA, 2007, 79') KIDZ 15:00 SPIRIT OF THE FOREST by David Rubin, Juan Carlos Pena (Spain, 2008, 76') LE FISCOFAVOLE dell'Agenzia dell'Entrate DIXAN VILLAGE - PIAZZA UMBERTO I 18:00 ANIMAZIONI E MUSICA GIARDINO DEGLI ARANCI KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 21:00 Teatrombria (Firenze) presenta: TOPINO CHE SCOPRI' IL MONDO (+ 5 anni) RELOAD 22:30 SPIDERWICK - LE CRONACHE (+ 10 anni) by Mark Waters (USA, 2008, 96') ARENA ALBERTO SORDI - CITTADELLA DEL CINEMA 21:00 SOIREE Conduce Mariolina Simone con Manlio K e Luca Apolito GIFFONI 2008 FILMS & FILMMAKERS TRAILER PREVIEW Walt Disney Picture Italia presenta BOLT BEVERLY HILLS CHIHUAHUA GIFFONI MUSIC CONCEPT Conduce Mariolina Simone Concorso Band Emergenti: Concert by: ZERO ASSOLUTO SABATO 19 LUGLIO SALA TRUFFAUT - CITTADELLA DEL CINEMA FREE TO FLY 10:00 MIRUSH by Marius Holst (Norway, 2007, 107') Y GEN (y gen lab project) 14:30 THIEVES by Jaime Marques (Spain, 2007, 101') 18:30 ONESTAMENTE NON CE LA FACCIO PIU' (Italy, 2008, 12') Progetto Iammonline CINEMA VALLE FIRST SCREENS 09:00 THE SEVEN OF DARAN: THE BATTLE OF PAREO ROCK 11:30 THE SEVEN OF DARAN: THE BATTLE OF PAREO ROCK by Lourens Blok (The Netherlans, 2008, 86') KIDZ 15:00 WHERE IS WINKY'S HORSE? by Mischa Kamp (The Netherlands, 2007, 83') Cartoon Network presenta: 17:00 HAPPY BIRTHDAY SUPERCHICCHE! - 10 ANNI selezione di episodi/episodes selection LITTLE RASCALS / SIMPATICHE CANAGLIE 20:00 Cortometraggi/ animated short films (+3 anni) DIXAN VILLAGE - PIAZZA UMBERTO I 18:00 ANIMAZIONI, MUSICA & IMC MASCOTTE GIARDINO DEGLI ARANCI KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 21:00 Compagnia Teatrale Stilema (Torino) presenta: S T R I P Ricordi di Bambini (+ 5 anni) RELOAD 22:30 L'ANNO IN CUI I MIEI GENITORI ANDARONO IN VACANZA (+12 anni) by Cao Hamburger (Brazil, 2007, 104') ARENA ALBERTO SORDI - CITTADELLA DEL CINEMA 21:00 SOIRÉE GIFFONI 2008 FILMS & FILMMAKERS Guests TIM ROTH MATTEO BRANCIAMORE ALESSANDRA MASTRONARDI PREVIEW / ANTEPRIMA 20th Century Fox Italia presenta PIACERE DAVE (MEET DAVE) by Brian Robbins (USA, 2008, 90') con la partecipazione di TONINO ACCOLLA DOMENICA 20 LUGLIO SCUOLA DELL'INFANZIA "F. SPIRITO" KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 10:00 Caccia al Tesoro GNAMFEST

cura di Agenzia Service Animation di Boscoreale (riservato ai giurati) SALA TRUFFAUT - CITTADELLA DEL CINEMA FREE TO FLY 10:00 HEY HEY IT'S ESTHER BLUEBURGER by Cathy Randall (Australia, 2008, 103') Y GEN (y gen lab project) 14:30 LINHA DE PASSE by Walter Salles, Daniela Thomas (Brazil, 2008, 108') 18:30 KIDOGO' - UN BAMBINO SOLDATO Italia/italy, 2008, Beta, 40' 8 e mezzo (y gen lab project) 20:30 IL SORPASSO by Dino Risi (Italy, 1962, 106') (In collaborazione con la Fondazione C.S.C. Cineteca Nazionale) CINEMA VALLE FIRST SCREENS 09:00 RED ZORA 11:30 RED ZORA by Peter Kahane (Germany, 2007, 99') KIDZ 15:00 SOS - SUMMER OF SUSPENSE by Arne Lindtner Naess (Norway, 2007, 87') 17:00 Fondazione Banco di Napoli per l'Assistenza all'Infanzia presenta MAGNAMA' by Adriano Casale (Italy, 2008, 26') LITTLE RASCALS / SIMPATICHE CANAGLIE 20:00 Cortometraggi/animated short films (+3 anni) DIXAN VILLAGE - PIAZZA UMBERTO I 18:00 ANIMAZIONI, MUSICA & IMC MASCOTTE GIARDINO DEGLI ARANCI RELOAD 22:30 LA MUSICA NEL CUORE (+ 11 anni) by Kirsten Sheridan (USA, 2006, 100') ARENA ALBERTO SORDI - CITTADELLA DEL CINEMA 21:00 SOIRÉE GIFFONI 2008 FILMS & FILMMAKERS Guests TONI SERVILLO MICHELE PLACIDO GIFFONI MUSIC CONCEPT Concert by: FABRI FIBRA LUNEDÌ 21 LUGLIO SALA TRUFFAUT - CITTADELLA DEL CINEMA FREE TO FLY 10:00 DECEMBER BOYS by Rod Hardy (Australia, 2007, 105') Y GEN (y gen lab project) 14:30 SOMEONE TO RUN WITH by Oded Davidoff (Israel, 2006, 118') meeting with DAVID GROSSMAN 18:30 PAZZA DI TE (out of competition) By Enzo Iacchetti (Italy, 2007, 16'09'') 8 e mezzo (y gen lab project) 20:30 AMARCORD by Federico Fellini (Italy, 1973, 125') (In collaborazione con la Fondazione C.S.C. Cineteca Nazionale) CINEMA VALLE FIRST SCREENS 09:00 PHOEBE IN WONDERLAND 11:30 PHOEBE IN WONDERLAND by Daniel Barnz (USA, 2008, 93') KIDZ 15:00 KING SIRI by Somaratne Dissanayake (Sri Lanka, 2008, 88') TROUBLED GAZE 20:00 BREAKFAST WITH SCOT by Laurie Lynd (Canada, 2007, 95') CONVENTO SAN FRANCESCO 17:00 POW-WOW a cura di Paolo Biamonte e Mariolina Simone (riservato ai giurati Giffoni Music Concept) con CAPAREZZA AULE CITTADELLA DEL CINEMA KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 18:00 Laboratori a cura GFF (riservato ai giurati) DIXAN VILLAGE - PIAZZA UMBERTO I 18:00 ANIMAZIONI, MUSICA & IMC MASCOTTE GIARDINO DEGLI ARANCI KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 21:00 Tiriteri Teatro dell'Invenzione (Chieti) presenta IL GALLETTO MERAVIGLIOSO (ed altri animali da valigia) (+5 anni) RELOAD 22:30 LA VOLPE E LA BAMBINA by Luc Jacquet (France/Germany/Italy, 2007, 90') (+6 anni) ARENA ALBERTO SORDI - CITTADELLA DEL CINEMA 21:00 SOIRÉE GIFFONI 2008 FILMS & FILMMAKERS Guests ENZO IACCHETTI GIFFONI MUSIC CONCEPT Concert by: CAPAREZZA

MARTEDÌ 22 LUGLIO SALA TRUFFAUT - CITTADELLA DEL CINEMA Y GEN (y gen lab project) 10:00 THE SECRET by Vincent Perez (France, 2007, 93') PROGETTO SICUREZZA STRADALE Migliori Spot Campagna "On the Road Movie" 2004/6 FREE TO FLY 14:30 THE BLACK BALLOON by Elissa Down (Australia, 2008, 97') 8 e mezzo (y gen lab project) 20:30 NON CI RESTA CHE PIANGERE by Roberto Benigni, Massimo Troisi (Italy, 1985, 112') (In collaborazione con la Fondazione C.S.C. Cineteca Nazionale) CINEMA VALLE FIRST SCREENS 09:00 PANIC PAINTER by Johan Hagelbäck (Sweden, 2008, 9') 11:30 PANIC PAINTER by Johan Hagelbäck (Sweden, 2008, 9') THE RADIO PIRATES by Stig Svendsen (Norway, 2007, 87') KIDZ 15:00 LITTLE KING MACIUS by Lutz Stutzner, Sandor Jesse (Germany/Poland/France, 2007, 88') LE FISCOFAVOLE dell'Agenzia dell'Entrate MYTHS IN SHORTS (y gen lab project) 20:00 THE YELLOW ENVELOPE by Delphine Hermans (Belgium, 2008, 9') MISTER COK by Franck Dion (France, 2008, 9'45'') SNOWTIME by Dana Dorian (UK, 2007, 1'10'') ALTER EGO by Kuba Gryglicki (Poland, 2007, 7') GOLEM by Alon Boroda, Ron Nadel (Israel, 2006, 7'38'') THE SWEDISH WOMAN by Nicolas Liguori (France/Belgium, 2008, 10') OUR WONDERFUL NATURE vy Tomer Eshed (Germany, 2008, 5') a seguire: MYTHIC ALBANIAN ANIMATION BULLET ON THE HEAD by Gazmend Leka (1985, 10') PIPIRUK RECEIVES TWO "GUESTS" by Bujar Kapexhiu (1983, 15') TWO TOASTS by Gazmend Laka (1982, 11') THE RARE EGG by Jani Zhonga (1988, 5') SLOGANS by Gëzim Qendro (1989, 8') COMPOSITION by Stefan Taçi (1992, 7') THE BRIDGE by Artur Muharremi (2005, 6') LES FOUVES by Stefan Taçi (2003, 8') AULE CITTADELLA DEL CINEMA KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 18:00 Laboratori a cura GFF (riservato ai giurati) DIXAN VILLAGE - PIAZZA UMBERTO I 18:00 ANIMAZIONI E MUSICA VIA FRANÇOIS TRUFFAUT PROGETTO SICUREZZA STRADALE 18:00 Corsi di Guida Sicura GIARDINO DEGLI ARANCI KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 21:00 Teatro del Canguro (Ancona) presenta STORIA DI CARTA (+5 anni) RELOAD 22:30 THE WATER HORSE: LA LEGGENDA DEGLI ABISSI (+ 6 anni) by Jay Russell (USA, 2007, 110') ARENA ALBERTO SORDI - CITTADELLA DEL CINEMA 21:00 SOIRÉE GIFFONI 2008 FILMS & FILMMAKERS

Giffoni per il Sociale - AURA IL GIARDINO NASCOSTO by Manlio K (Italy, 2008, 10') SPECIAL SCREENINGS LA LUNA NEL DESERTO by Cosimo Damiano Damato (Italy, 2008, 30') PAT G - It's your turn (Italy, 2008, 3'40'') TEASER PREVIEW IO NON CI CASCO by Pasquale Falcone (Italy, 2008) Guests MARIA GRAZIA CUCINOTTA Theatrical Performance by ALESSANDRO SIANI GIFFONI MUSIC CONCEPT CONTACT TOUR - Disco Sotto le Stelle con Dolce Vita Artists & DJ Gigi Squillante MERCOLEDÌ 23 LUGLIO SALA TRUFFAUT - CITTADELLA DEL CINEMA Y GEN (y gen lab project) 10:00 BLIND by Tamara van den Dop (The Netherlands/Bulgaria Belgium, 2007, 98') FREE TO FLY 14:30 HEART OF FIRE by Luigi Falorni (Germany/Austria/Italy/France, 2008, 94') Y GEN LAB 18:30 meeting with PIPPO BAUDO DISNEY CHANNEL PRESENTA 19:30 CAMP ROCK by Matthew Diamone (USA, 2008, 90') CINEMA VALLE FIRST SCREENS 09:00 A DAY OF LITTL GIRL by Jong-hyeck Ahn (South Korea, 2007, 9'20'') 11:30 A DAY OF LITTL GIRL by Jong-hyeck Ahn (South Korea, 2007, 9'20'') THE TEN LIVES OF TITANIC THE CAT by Grethe Bøe-Waal (Norway, 2006, 90') KIDZ 15:00 FRODE AND ALL THE OTHER RASCALS by Niels Chr. Bubber Meyer (Denmark, 2008, 80') Premiazione concorso Telefono Azzurro Interviene Ernesto Caffo - Presidente TROUBLED GAZE 20:00 ZOE' by Giuseppe Varlotta (Italy, 2008, 92') con la partecipazione di Francesco Baccini, Serena Grandi, Bebo Storti CONVENTO SAN FRANCESCO POW-WOW a cura di Paolo Biamonte e Mariolina Simone (riservato ai giurati Giffoni Music Concept) 16:30 con SYRIA 17:00 con FINLEY AULE CITTADELLA DEL CINEMA KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 18:00 Laboratori a cura del CIAL (riservato ai giurati) VILLAGGIO MERCEDES NARNIA - PIAZZA FRATELLI LUMIERE 17:30 ANIMAZIONI DIXAN VILLAGE - PIAZZA UMBERTO I 18:00 ANIMAZIONI E MUSICA VIA FRANÇOIS TRUFFAUT PROGETTO SICUREZZA STRADALE 18:00 Corsi di Guida Sicura GIARDINO DEGLI ARANCI KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 21:00 Teatro Verde - n.o.b. (Roma) e Eventi Culturali/Teatri

Comunicanti (Porto S- Elpidio) presentano: TRA LE NUVOLE (+ 5 anni) RELOAD 22:30 IL MIO SOGNO PIU' GRANDE (+ 12 anni) by Davis Guggenheim (USA, 2007, 93') ARENA ALBERTO SORDI - CITTADELLA DEL CINEMA 21:00 SOIRÉE GIFFONI 2008 FILMS & FILMMAKERS WANNADANCE? Performance by Idols - Boing Channel TEASER PREVIEW NIENT'ALTRO CHE NOI by Angelo Antonucci (Italy, 2008) TREALER PREVIEW Walt Disney Pictures Italia presenta: WALL.E HIGH SCHOOL MUSICAL 3: SENIOR YEAR Guests PIERFRANCESCO FAVINO CLAUDIA GERINI GIFFONI MUSIC CONCEPT Concert by: FINLEY SYRIA GIOVEDÌ 24 LUGLIO SALA TRUFFAUT - CITTADELLA DEL CINEMA Y GEN (y gen lab project) 10:00 KINDLE by Erin White (Australia, 2007, 8'10'') EVERYTHING IS FINE by Yves-Christian Fournier (Canada, 2007, 115') FREE TO FLY 14:30 LEROY by ArminVölckers (Germany, 2007, 89') Y GEN LAB 18:30 meeting with ANDREA G. PINKETTS CINEMA VALLE FIRST SCREENS 09:00 KARLA'S WORLD 11:30 KARLA'S WORLD by Charlotte Sachs Bostrup (Denmark, 2007, 92') KIDZ 15:00 THE STORY OF LEO by Mario Cambi (Italy, 2006, 75') Premiazione Concorso DIXAN PER LA SCUOLA - 7a edizione" 20:00 TROUBLED GAZE SHORT WAVES by Simone Catania (Italy, 2007, 12') MY HANDS TO COLORS by Enzo De Camillis (Italy, 2007, 7') UNDER MY GARDEN by Andrea Lodovichetti (Italy, 2007, 18') NORTHERN HIGHWAY by Ruben Rojo Aura (Mexico, 2008, 10'20'') BENIGNO by Francesco Benigno (Italy, 2008, 24') ZOHAR by Yasmine Novak (Israel, 2007, 30') NANA by Warwick Thorton (Australia, 2007, 6') KICK THE SKY by Luca Vacchi (Spain/Italy, 2007, 10'10'') AULE CITTADELLA DEL CINEMA KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 18:00 Laboratori a cura del CIAL (riservato ai giurati) VILLAGGIO MERCEDES NARNIA - PIAZZA FRATELLI LUMIERE 17:30 ANIMAZIONI DIXAN VILLAGE - PIAZZA UMBERTO I 18:00 ANIMAZIONI E MUSICA VIA FRANÇOIS TRUFFAUT PROGETTO SICUREZZA STRADALE 18:00 Corsi di Guida Sicura GIARDINO DEGLI ARANCI

KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 21:00 Teatro Prova (Bergamo) in collaborazione con RaiSat Yoyo e SISM presentano: LA SCATOLA DELLE EMOZIONI (+5 anni) RELOAD 22:30 IL CACCIATORE DI AQUILONI (+ 12 anni) by Marc Forster (USA, 2007, 131') ARENA ALBERTO SORDI - CITTADELLA DEL CINEMA 21:30 SOIRÉE GIFFONI 2008 FILMS & FILMMAKERS Progetto del Comune di Napoli "L'Accampamento della Pace" - Assessore Nicola Oddati Guests MEG RYAN PREVIEW / ANTEPRIMA Walt Disney Pictures Italia presenta LE CRONACHE DI NARNIA: IL PRINCIPE CASPIAN by Andrew Adamson (USA, 2008, 144') VENERDÌ 25 LUGLIO SALA TRUFFAUT - CITTADELLA DEL CINEMA Y GEN (y gen lab project) 10:00 ORGESTICULANISMUS by Mathieu Labaye (Belgium, 2008, 9'20'') THE NEW MAN by Klaus Härö (Sweden/Finland, 2007, 105') FREE TO FLY 14:30 SLEEPWALKING by William Maher (USA/Canada, 2007, 101') FIRST SCREENS TEASER PREVIEW Universal Pictures Italia presenta 18:30 KUNG FU PANDA Y GEN LAB 19:00 meeting with PINO INSEGNO 8 e mezzo (y gen lab project) 20:30 IL LADRO DI BAMBINI by Gianni Amelio (Italy, 1992, 112') (In collaborazione con la Fondazione C.S.C. Cineteca Nazionale) CITTADELLA DEL CINEMA 18:00 Visita Ufficiale del Ministro per i Beni e le Attività Culturali SANDRO BONDI CINEMA VALLE FIRST SCREENS 09:00 Cortometraggi/Short Films 11:30 Cortometraggi/Short Films NATURAL BORN BULLIES by Massimo Cappelli (Italy, 2008, 15') HEDGEWITCH by Liz Banks (UK, 2007, 8') CRYBABY by Christina Rosendahl (Denmark, 2008, 25') ADHERENT by Julian Nazario Vargas (Norway, 2007, 10'40'') BAUBAU by V. Terranova, G. Poretti, S. Zappalà, O. Bianco (Italy, 2007, 3'34'') TIPTOE EVOLUTION by G. Gibellini, M. Rollo, F. Petecca (Italy, 2008, 10') HONDA THE POWER OF DREAMS by Michele D'Auria (Italy, 2008, 11'20'') Premiazione Concorso "Ciclo e Riciclo - Alu Movies" realizzato in collaborazione con CIAL (Consorzio Imballaggi Alluminio) KIDZ 15:00 Cortometraggi/Short Films FROG by Cecilia Torquato (Sweden, 2008, 7') HANGMAN by Hanne Ramsdal, Cecilie Semec Mikkelson (Norway, 2007, 10')

7

PAGE D'ECRITURE by F. Giacomelli, F. Tonetto, J.F. Correa Diaz (Italy, 2006, 4'10'') LES BRUITARDS by Jean Philippe Descoins, Yann Lepeu, Antoine Thonon (France, 2007, 6'8'') DHARMA DREAM EATER by Edda Kristindottir, Rasmus Møller (Denmark, 2007, 4'40'') OMA'S QUILT by Izabella Bzymek (Canada, 2007, 12'50'') THE LITTLE COP by Pierluigi Ferrandini (Italy, 2008, 10') TEASER PREVIEW Universal Pictures Italia presenta 17:00 KUNG FU PANDA 20:00 TROUBLED GAZE MISSIEPOO 16 by Anna van der Heide (The Netherlands, 2007, 9'50'') A QUIET MAN by Arantzazu G. Bayon (Spain, 2007, 12') I AM GAY by Nicolas Kolovos (Sweden, 2008, 14'35'') TWILIGHT HOUR by Macha Kassian (France, 2007, 10'40'') THICK-SKINNED by Jean-Bernard Marin (France, 2007, 14') THEIR FIRST JOURNEY by Grégoire Sivan (France, 2007, 9'30'') AH by In-Eui Lee (South Korea, 2008, 27'40'') TAKING FLIGHT by Philippe Diop (France, 2007, 3'25'') CONVENTO SAN FRANCESCO 16:30 POW-WOW a cura di Paolo Biamonte e Mariolina Simone (riservato ai giurati Giffoni Music Concept) con AFTERHOURS AULE CITTADELLA DEL CINEMA KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE 18:00 Laboratori a cura del GFF (riservato ai giurati) VILLAGGIO MERCEDES NARNIA - PIAZZA FRATELLI LUMIERE 17:30 ANIMAZIONI DIXAN VILLAGE - PIAZZA UMBERTO I 18:00 ANIMAZIONI E MUSICA GIARDINO DEGLI ARANCI KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE (fuori concorso) 21:00 Spettacolo fuori concorso GNAMFEST Il Gruppo Storico San Carlino di Carmine Coppola presenta: SERVO VOSTO - PULCINELLA CETRULO E MACCARONARO (+5 anni) RELOAD 22:30 ALLA RICERCA DELL'ISOLA DI NIM (+ 9 anni) by Mark Levin, Jennifer Flackett (USA, 2008, 94') ARENA ALBERTO SORDI - CITTADELLA DEL CINEMA 21:00 SOIRÉE GIFFONI 2008 FILMS & FILMMAKERS TRAILER PREVIEW TI STRAMO By Pino Insegno (Italia, 2008) Universal Pictures International Italy presenta: TRAILER PREVIEW MADAGASCAR: ESCAPE 2 AFRICA TEASER PREVIEW KUNG FU PANDA by John Stevenson, Mark Osborne (USA, 2008) GFF AWARDS 2008 Premiazione Films Vincitori (sezioni Kidz e First Screens) Guests ABIGAIL BRESLIN PINO INSEGNO GIFFONI MUSIC CONCEPT Concert by: AFTERHOURS SABATO 26 LUGLIO SALA TRUFFAUT - CITTADELLA DEL CINEMA Y GEN (y gen lab project) 09:00 Cortometraggi/Short Films RETREATING by Elisabetta Bernardini (Italy, 2008, 15') INTERLUDE by Katja Eyde Jacobsen (Norway, 2007, 11') AUGUST by Jay Gammill (USA, 2007, 16'20'') SHUT UP, BUTTERFLY! by Erek Kühn (Germany, 2008, 15') THE LAB by Mariano Fiocco (Italy, 2007, 8') FREE TO FLY 11:00 Cortometraggi/Short Films TOYLAND by Jochen Alexander Freydank (Germany, 2007, 13'50'') THE TOURNAMENT by Michele Alhaique (Italy, 2008, 15') SCRAMBLED by Alessandro Celli (Italy, 2007, 4') STING by Vigdis Nielsen (Norway, 2007, 17') FELIX by Andreas Utta (Germany, 2007, 20') NEW BOY by Steph Green (Ireland, 2007, 11') CINEMA VALLE KIDZ 15:00 Replica Film Vincitori FIRST SCREENS 17:00 Replica Film Vincitori FREE TO FLY 19:00 Replica Film Vincitori TROUBLED GAZE 21:00 Replica Film Vincitori Y GEN 21:15 Replica Film Vincitori CONVENTO SAN FRANCESCO POW-WOW a cura di Paolo Biamonte e Mariolina Simone (riservato ai giurati Giffoni Music Concept) 16:30 con TRICARICO 17:00 con MAX GAZZE' VILLAGGIO MERCEDES NARNIA - PIAZZA FRATELLI LUMIERE 17:30 ANIMAZIONI DIXAN VILLAGE - PIAZZA UMBERTO I 18:00 ANIMAZIONI E MUSICA GIARDINO DEGLI ARANCI KIDS IN WONDERLAND / IL POSTO DELLE FAVOLE (fuori concorso) 21:00 Spettacolo fuori concorso GNAMFEST Il Gruppo Storico San Carlino di Carmine Coppola presenta: SERVO VOSTO - PULCINELLA CETRULO E MACCARONARO (+5 anni) RELOAD 22:30 ALLA RICERCA DELL'ISOLA DI NIM (+ 9 anni) by Mark Levin, Jennifer Flackett (USA, 2008, 94') ARENA ALBERTO SORDI - CITTADELLA DEL CINEMA 21:00 SOIRÉE GFF AWARDS 2008 Premiazione Films Vincitori (sezioni Free to Fly, Y GEN (y gen lab project)e Trouble Gaze) MYTHS IN SHORTS SOCRATE E LA NUVOLA ROSA by Andrea Lucisano (Italy, 2008, 10') Guests GIULIO SCARPATI NANCY BRILLI LUCA ARGENTERO GIFFONI MUSIC CONCEPT Performance by: MAX GAZZE' TRICARICO Questo programma potrebbe subire delle variazioni Per aggiornamenti consultare il sito www.giffoniff.it


Corriere del Mezzogiorno

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008

curiosità

8

Sul sito www.youschool.it è nato il Giffoni Channel dove gli utenti possono commentare e valutare i film

Un canale per interagire su internet Spazi on-line per raccontare le proprie esperienze attraverso il video. In rete anche il forum per discutere con autori, registi e attori delle produzioni Il Giffoni Film Festival, da sempre attento ai nuovi fenomeni mediatici e alle nuove forme di comunicazione dei giovani, ha siglato con YouSchool un protocollo d’intesa mettendo a disposizione le migliori produzioni realizzate negli ultimi dieci anni. Sul sito www.youschool.it è nato il canale Giffoni Channel dove gli utenti, oltre ad avere la possibilità di commentare e valutare i film, potranno interagire, attraverso forum, direttamente con gli autori, i registi, gli attori, gli sceneggiatori, ecc. Nei dibattiti intervengono an-

che «esperti», in base al tema trattato dal film. YouSchool, la bella scuola in rete, è un portale che offre agli studenti uno spazio dove poter raccontare le proprie esperienze attraverso video, cortometraggi e spot interamente realizzati da loro. Youschool è, inoltre, un nuovo punto di riferimento per gli insegnanti e per le famiglie che vengono direttamente coinvolti in dibattiti e approfondimenti. D’altronde, il lavoro che il Giffoni Film Festival svolge in collaborazione con le

«La Piccola Bottega dei Filmmakers»

scuole è di vecchia data. Gli stimoli offerti dal protocollo d’intesa siglato nel 1999 con il Ministero della Pubblica Istruzione, il successo registrato dalle giornate del cinema per le scuole («Movie Days»), lo sviluppo di numerosi progetti produttivi realizzati dal Gff all’interno degli istituti scolastici condusse nel 2001 alla creazione di una nuova forma di relazione con docenti e studenti: il festival «La Piccola Bottega dei Filmmakers». La manifestazione partì, in via sperimentale, come sezione interna al festival per poi divenire autonoma. L’idea era quella di offrire una vetrina privilegiata alle produzioni di scuole e associazioni culturali impegnate nella didattica dell’immagine. Nel 2004 la formula del festival venne rimodulata in collaborazione con l’associazione Arci Movie di Ponticelli che, fin dalla sua fondazione nel 1990, aveva dedicato una forte attenzione alle attività per l’infanzia e l’adolescenza. Dal 1995, attraverso i Movielab e Piccole officine di cinema, «La Piccola Bottega dei Filmmakers» sviluppò una specifica attitudine alla produzione di corti interamente realizzati da giovanissimi protagonisti. Le edizioni 2004-2007 vennero strutturare in due fasi: una prima fase a Ponticelli, una seconda a Giffoni. Il festival di Ponticelli fu organizzato con il patrocinio dell’assessorato alle Politiche Scolastiche della Provincia di Napoli, dell’assessorato all’Educazione del Comune di Napoli, dagli assessorati all’Istruzione e alle Attività Produttive della Regione Campania e della Direzione scolastica Regionale della Campania. A segnare la manifestazione, una sempre maggiore partecipazione degli istituti scolastici di tutta Italia che negli anni hanno proposto cortometraggi incentrati sui diversi aspetti dell’infanzia e dell’adolescenza. In molti casi si è trattato di opere che hanno rivelato anche ansie, timori e malesseri di una società che non lascia sempre spazio ai più giovani. Una tradizione che si rinnova anche quest’anno. Uno degli aspetti più interessanti della Bottega è proprio il confronto tra studenti provenienti da realtà sociali, culturali ed economiche differenti. Da tale raffronto sono nate in più occasioni vivaci discussioni e soprattutto molti interrogativi per gli adulti presenti.

Saranno realizzati 180 film in tre anni

Strade e piazze d’Italia, parte il tour Parte Giffoni Village, la nuova entusiasmante avventura che il Giffoni Film Festival intraprende attraverso le strade e le piazze che popolano il Belpaese. Storie e tradizioni da raccontare, luoghi e testimonianze culturali da documentare. L’obiettivo è mettere in luce le particolari caratteristiche di un territorio, esaltandone gli aspetti unici ed interessanti, attraverso le forme più moderne e creative di scrittura cinematografica. Nei prossimi tre anni è prevista la produzione di 180 film che le troupe del Giffoni Film Festival realizzeranno nell’ambito di questo ambizioso programma. E i protagonisti saranno ancora una volta i ragazzi: pioneri dell’Italia da scoprire.

Le proiezioni

«Gnamfest»

«Movie days» tutto l’anno

Il cibo? Solo campano, please

Il Giffoni Film Festival non si ferma alla rassegna di luglio. Durante tutto l’anno si organizzano i «movie days», giornate di cinema interamente dedicate ai ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado. Un’attività che coinvolge ogni anno oltre trentamila studenti provenienti dalla Campania e da altre regioni limitrofe. Dopo dodici anni di «Movie Days» sono oltre 170mila i ragazzi coinvolti. L’obiettivo è avvicinare i ragazzi al cinema in modo maturo e consapevole oltre che divertente. Durante le giornate, che si svolgono all’interno della Sala Truffaut della cittadella del cinema, gli studenti assistono alla proiezione dei film in concorso nelle precedenti edizioni.

Il Giffoni Film Festival promuove progetti educativi tutto l’anno come Gnamfest, dedicato all’educazione alimentare ed alla promozione di prodotti tipici della tradizione campana.

A Giffoni i cortometraggi diretti da attori e comici. Omaggio a Rivolta nei panni di Socrate

E i vip si cimentano con la telecamera La voglia di cinema contagia anche i vip: a Giffoni saranno presentati i cortometraggi diretti da Enzo Iacchetti e Pino Insegno ma anche il caarton con le voci di Renzo Arbore, Michele Placido e Arnoldo Foà e il film prodotto da Pasquale Falcone in collaborazione con Maria Grazia Cucinotta. Si parte con «Pazza di Te», il primo cortometraggio diretto da Enzo Iacchetti dove l'attore e conduttore storico di «Striscia la notizia» si spoglia degli abiti di comico televisivo e indossa quelli di sceneggiatore, regista e perfino autore delle musiche. Si tratta di un breve ma intenso film, interpretato da una bravissima Simona Samarelli. Lei, Francesca, è una donna moderna, emancipata, che si ritrova sola quando scopre di essere incinta. Tutto si consuma in una scena, in un monologo che non può trovare ascolto: lei lo dice al suo patner, lui si gira dall'altra parte del letto, assonnato. Lei sbatte la porta, chiude un capitolo. Nessun moralismo, nessun perbenismo: Francesca aspetta un figlio e deve scegliere. Non ha certezze né precetti da seguire. Ma paura, quella sì, e tanta. Nei sedici minuti del film non si spiega tutto, non si soddisfano tutti i perché, non ci sono giudizi, sono sedici minuti di vita: Francesca è sola, insoddisfatta, delusa. Ma è una donna, e in quanto donna è tenace e caparbia, istintiva e materna. Cambia casa, città, lavoro e amici. E diventa madre, madre di un bambino Down. Lo sapeva, o forse no, ma ha scelto la vita. Una tema decisamente più leggero è quello scelto da Pino Insegno e dal suo «Ti Stramo», un film parodia delle pellicole giovanili e romantiche come «Tre metri sopra il cielo», «Ho voglia di te», «Scusa ma ti chiamo amore», «Come tu mi vuoi». Alla cabina di regia, con Insegno, c’è Gianluca Sodaro: al centro la storia di Stram (Marco Rulli), un bulletto di periferia, del suo amico Tacchino (Pinto Stefano) e della storia d'amore con la sfigata Bambi (Carlotta Tesconi). Altro atteso appuntamento è la presentazione de

«La Luna nel deserto», il mediometraggio di animazione girato in computer-grafica 3d e diretto da Cosimo Damiano Damato. I protagonisti del film, realizzato dalla Ccbc, hanno le voci di doppiatori d’eccezione: Renzo Arbore (che ha prestato la voce ad un dromedario pugliese), Michele Placido, Arnoldo Foà, Caterina Sylos Labini, Violante Placido, Emilio Solfrizzi, Antonio Stornaiolo, i giornalisti Rai Attilio Romita e Leonardo Metalli, il dj di RadioDue Rai Savino Zaba ed un cameo del produttore Angelo Tummi-

nelli. Semplice ma incisiva la trama: «La Luna nel deserto» è una favola moderna che affronta il tema dell’integrazione razziale affidandola a creature del mondo animale, la colomba Desdemona e la gazza Coca Cola che, seguendo il consiglio di una affascinante luna, tenta il viaggio verso i paesi del benessere, l’isola del Grano e del Miglio. Spazio anche alla terza opera del regista Pasquale Falcone, «Io non ci casco», e al suo cast d’eccezione: Maria Grazia Cucinotta (che ha an-

Comici-registi: Enzo Iacchetti e Pino Insegno

che partecipato alla produzione del film), Ornella Muti, Maurizio Casagrande, Rosaria De Cicco, Antonio Stornaiuolo e con un cameo speciale del noto dj Claudio Coccoluto. La storia è quella di un ragazzo di 17 anni che a causa di un incidente stradale cade in coma irreversibile: lo spunto per raccontare gli adolescenti del nostro tempo, per capire i loro problemi, le ansie, le paure, le aspirazioni e le speranze. Un film mirato per un pubblico di giovani, scritto con la loro collaborazione, interpretato da ragazzi, tutti attori non professionisti che hanno lavorato fianco a fianco col cast selezionato da Falcone e dalla Cucinotta. E di ragazzi, sia pure in un contesto totalmente diverso, parla pure «Kidogò - un bambino soldato», il documentario realizzato dal giornalista e scrittore Giuseppe Carrisi, per la regia di Angelo Longoni e la produzione dalla Seven Hills Production che al Giffoni Film Festival sarà presentato in anteprima. Si tratta della storia di John Baptist Onama, oggi 41enne, che negli Anni Ottanta è stato un bambino-soldato nell’Uganda di Idi Amin. Il documentario, della durata di 40 minuti circa, ripercorre la sua storia, intrecciandola con quella di altri bambini e bambine che attualmente vivono lo stesso dramma in realtà diverse dell’Africa. Le riprese sono state realizzate in Sierra Leone, Uganda, Congo e mostrano immagini inedite della battaglia che nel 1999 ha insanguinato Freetown, la capitale sierraleonese: in sequenza i ragazzini che combattono, le miniere di diamanti che hanno scatenato la guerra, i giacimenti d’oro e i bambini-soldato che vivono dentro la giungla. Scene che invitano a riflettere sui drammi del mondo contemporaneo. Così come invita a riflettere anche il film di animazione «Socrate e la nuvola rosa», altra proposta del Giffoni, che ha come protagonista «l’uomo e la sua coscienza». Grazie a innesti di videografica e ad uno speciale commento musicale in greco antico, l’opera del giovane Andrea Lucisano si propone al pubblico dei giovani invitandoli sì a riflettere sulla società dei miti e dei maestri, ma con linguaggio assolutamente moderno e affascinante. Il corto è anche il testamento artistico dell'attore Carlo Rivolta, che si è spento pochi giorni dopo aver terminato le riprese che lo ritraggono nel personaggio di Socrate. Ugo Ferrero


Corriere del Mezzogiorno

musica & teatro

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008

In senso orario da sinistra in alto Caparezza, gli Zero Assoluto, Trocarico, Fabri Bibra, gli Afterhours, Max Gazze, Syria

Piccole band e grandi nomi alla sezione musicale del festival

Una colonna sonora rock Afterhours, Fabri Fibra, Finley, Caparezza, Syria, Max Gazzè, Tricarico e ZeroAssoluto: è questo il grande cast dell’edizione 2008 del Giffoni Music Concept, sezione musicale del Giffoni Film Festival in programma in contemporanea dal 18 al 26 luglio. Nato come espressione di un’altra forma di creatività e di cultura per i ragazzi, il Giffoni Music Concept giunge alla sua nona edizione mantenendo intatto l’obiettivo di rendere i giovani protagonisti assoluti di questa esperienza musicale. Per questo il Giffoni Music Concept ha scelto anche quest’anno un cast di grandi nomi di qualità vicino ai gusti dei più giovani ma sempre in grado di coinvolgere anche gli adulti: ad aprire il festival, condotto da Mariolina Simone, venerdì 18 luglio, saranno gli Zero Assoluto. Il 20 luglio sarà la volta di Fabri Fibra, mentre il 21 si esibirà Caparezza, il 23 i Finley e Syria, il 25 gli Afterhours e, in chiusura, sabato 26, Max Gazzè e Tricarico. Come consuetudine torna l’appuntamento con i Pow Wow, gli incontri pomeridiani tra i ragazzi del Giffoni e gli artisti che la sera si esibiscono nell’Arena Alberto Sordi. Rinnovate le mediapartnership con Radio Kiss Kiss e il canale musicale All Music che quest’anno sposa anche la seconda edizione dell’atteso appuntamento con il Giffoni AllMusic Teen Awards, il primo riconoscimento ufficiale dei teenagers agli idoli adolescenziali del mondo del cinema e della musica. Attraverso "CF81"www.allmusic.tv"/CF" fino al 5 luglio si può votare il proprio beniamino tra una rosa di 15 nominations per la categoria musica e la categoria cinema stilata dall’Academy del Giffoni All Music Teen Awards e che quest’anno vede in lizza, per il cinema: Luca Argentero, Raoul Bova, Matteo Branciamore, Cristiana Capotondi, Laura Chiatti, Carolina Crescentini, Elio Germano, Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Giovanna Mezzogiorno, Silvio Muccino, Kim Rossi Stuart, Claudio Santamaria, Riccardo Scamarcio, Nicolas Vaporidis; per la musica: Afterhours, Caparezza, Cesare Cremonini, Elisa, Fabri Fibra, Finley, Jovanotti, Ligabue, Gianna Nannini, Negramaro, Laura Pausini, Vasco Rossi, Sonhora, Subsonica, Zero Assoluto. A decretare i vincitori, che lo scorso anno sono stati Riccardo Scamarcio e Tiziano Ferro, sarà una giuria rappresentativa del Giffoni Film Festival che esprimerà la propria preferenza tra i 3 candidati finalisti di entrambe le categorie risultati dalle votazioni sul sito di AllMusic. Il premio sarà consegnato il 26 luglio nella serata finale del Giffoni Music Concept. Novità assoluta

Speciale Giffoni SUPPLEMENTO AL

Corriere del Mezzogiorno del 16 luglio 2008 Direttore: Marco Demarco Vicedirettore: Maddalena Tulanti Redattore Capo: Francesco Durante (Capo della redazione campana) Sede legale, redazione e amministrazione: Vico II San Nicola alla Dogana, 9 - 80133 Napoli - Tel. 081 7602001 Registrazione Tribunale di Napoli n. 4881 del 17/06/1997

Pubblicità: RCS Vico II San Nicola alla Dogana, 9 80133 Napoli - Tel. 081 4977711

di quest’anno è l’istituzione di «Extra», il primo premio dedicato al miglior contenuto extra di cd e dvd musicali che sarà consegnato il 18 luglio. Per rispettare la filosofia che vede il Giffoni Music Concept in prima linea nella ricerca di nuovi talenti musicali, anche questa edizione proclamerà i vincitori del Concorso Giffoni Music Contest per band e musicisti emergenti: dopo essere stati selezionati tra più di 5000 demo, Fargas con «Oro bianco» (Modena), Luna con «Non so niente, ma» (Napoli), Molla & Dj Amber con «Fragili» (Milano), Marco Saltatempo con «Dipende dalle situazioni» (Latina) e 7 Chords con «Mani Legate» (Avola - SR) si esibiranno, venerdì 18 luglio, sul

palco dell’Arena. Al vincitore andrà in premio la stampa di 1000 cd promozionali del brano in concorso e, insieme agli altri quattro finalisti del Giffoni Music Contest, si esibirà alla prossima edizione del Mei, Meeting delle Etichette Indipendenti. I brani dei 5 finalisti saranno disponibili prima della finale in download su www.downlovers.it, il primo sito in Europa da cui si può scaricare musica gratuita legale e di qualità grazie ad accordi con etichette discografiche ed aziende. Gli oltre 200mila utenti di Downlovers decreteranno il vincitore del premio Downlovers che sarà assegnato all’artista più scaricato.

In scena attori, burattini e pupazzi provenienti da tutto il mondo. E la giuria è tutta under dieci

Il «posto delle favole», quando il teatro è un gioco Se è vero che il gioco è un elemento centrale nella formazione e nella vita dei bambini, altrettanto centrale è il ruolo da attribuire al «gioco» del teatro. D’altra parte il termine «recitare», tradotto in inglese «to play» e in francese «jouer», rimanda in italiano al vocabolo «giocare»: recitare come fingere, agire sulla scena, è riconducibile ad un modo di giocare, una forma di espressione assimilabile al gioco. Alla luce di tutto ciò, e nell'ottica dell’attenzione rivolta dal Giffoni Film Festival alle diverse modalità dell’espressione creativa e artistica, la kermesse dedica un posto di rilievo all'arte della scena, e si apre al

teatro nazionale e internazionale per bambini, per ragazzi, e per le loro famiglie. Sulla crisi del teatro da molti denunciata, il regista Luca Ronconi intravede una grande risorsa nella vitalità dei più piccoli e commenta: «Generalmente siamo portati a identificare la vitalità con l’età giovane, e grazie a Dio di giovani talenti ce n’è tantissimi. Il problema è capire quanto dura questa vitalità. Nello stesso tempo vedo infatti anche molti talenti che si ripiegano e si spengono, per cui in definitiva il panorama è abbastanza squallido, abbastanza desolante…». Se Ronconi

parla di territorio inquinato, altri denunciano la perdita di stimoli ideologici e di impegno pedagogico che hanno dato energia al teatro del dopoguerra, e altri ancora accusano la poca attenzione dello Stato o la perdita del legame con un pubblico sempre più condizionato dalla tv. Tuttavia, esiste una presenza innovativa nella vita teatrale italiana, ed è il teatro destinato ai giovani, aperto alla sperimentazione e alla contaminazione con altre forme d’arte. A questo dato si aggiunge quello relativo alle necessarie valenze pedagogiche che il teatro per ragazzi deve possedere. In questa prospettiva, nascono in diverse parti d’Italia

percorsi creativi che si attuano in produzioni, laboratori di formazione, interventi pluriennali con la scuola, con centri di aggregazione, con realtà del disagio. Spesso gli spettacoli sono il frutto, lo sbocco, il momento di maggior visibilità di lavori lunghi, complessi, sotterranei e silenziosi, fatti di rapporti con i giovani e di una ricerca continua di nuove possibilità di confronto e di apprendimento. Seguendo le feconde tracce di questi lavori, da diversi anni il Festival ospita «Il posto delle favole» una rassegna teatrale con una giuria composta da bambini al di sotto dei 10 anni, che hanno l'occasione di assistere a spettacoli allestiti da compagnie provenienti da tutta Italia e dal mondo. In scena attori, burattini, pupazzi, ombre e tutto ciò che la fantasia dei nostri teatranti saprà creare sotto gli occhi dei giurati. Allo spettacolo maggiormente gradito dai bambini sarà assegnato il primo premio. Come ogni anno, «Il Posto delle Favole» sarà accolto dalla splendida cornice del Giardino degli Aranci di Valle Piana. La programmazione provede dopodomani alle 21 lo spettacolo «Il topino che scoprì il mondo», mentre sabato sarà in scena «Strip - Ricordi di bambini». Nel corso dell’ultima settimana, lunedì sarà la volta di «Tiriteri Teatro dell’invenzione» e «Il galletto meraviglioso (ed altri animali da valigia)», martedì 22 il Teatro Del Canguro di Ancona si esibisce in «Storia di carta» e mercoledì 23 sarà la volta della compagnia romana Teatro Verde con «Tra le nuvole». Giovedì 24, come spettacolo fuori concorso dello Gnam Fest, è previsto «La scatola delle emozioni» del Teatro Pova di Bergamo, e a chiudere l’incursione teatrale dedicata ai più piccoli sarà «Servo Vostro - Pulcinella Cetrulo e Maccaronaro» messo in scena venerdì prossimo dal Museo di Pulcinella allestito dal Centro di Cultura «Acerra Nostra». Fuani Marino

9


Corriere del Mezzogiorno

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008

memorie fotografiche

10

Alberto Sordi

Michail Gorbaciov con Claudio Gubitosi

Roman Polanski ospite della scorsa edizione

Il Giffoni Film Festival è una opportunità per i ragazzi di incontrare le star del cinema e poter parlare con loro rivolgendo domande e discutendo nei vari forum organizzati. Nelle immagini da sinistra i ragazzi della giuria che abbracciano Jon Voight, sopra, Gabriele Muccino con il premio, a destra Wim Wenders, Kathy Bates e Meryl Streep

François Truffaut con un giovane Claudio Gubitosi


Corriere del Mezzogiorno

MERCOLEDÌ 16 LUGLIO 2008

Tutte le stelle del mondo, un coro unanime: «I love Giffoni»

Roberto Benigni con il giovane regista indiano Kishan Shrikanth (12 anni)

John Travolta con la moglie Kelly

Claudio Gubitosi con Robert De Niro. A lato, Oliver Stone

11


12

MERCOLEDĂŒ 16 LUGLIO 2008

Corriere del Mezzogiorno


Speciale Corriere del Mezzogiorno