Page 1

life in japan di


uella che di giorno è probabilmente una delle citta esteticamente piu brutte al mondo, di notte subisce una trasformazione radicale con migliaia di giganteschi neon e lanterne che la illuminano ovunque e una folla immensa di persone che scende nelle strade in cerca del divertimento. La notte di Tokyo è tra le piu pazze del pianeta e nei suoi “distretti del divertimento” ci si puo perdere, ballando e bevendo, fino alle 5 del mattino, sciamando per i locali jazz, reggae, hip-hop, electro, gay bar, sexy show, club e live bar..... Ce n’è davvero per tutti i gusti e tutte le tasche. I distretti hanno ognuno la propria atmosfera, il prorpio pubblico e costi differenti. I piu famosi sono Ginza, Shinjuku, Shibuya e Roppongi.

Ginza e Shinjhuku

Quartiere chic e dallo shopping costosissimo di giorno, Ginza mantiene la sua caratteristica principale anche di notte, quando si trasforma nel quartiere più esclusivo di tutta la città. Ristoranti e bar hanno

dei prezzi che spesso si possono permettere solo gli alti dirigenti delle aziende piu influenti. La zona di Kabuki-cho, all’interno del distretto di Shinjuku, è invece quella con la vita notturna piu pazza. Di notte le strade diventano caotiche per la quantità di persone che la frequentano, e bisogna anche stare un po’ attenti quando vi si passa. È meno costosa di Ginza, anche perché negli ultimi anni ha visto incrementare il

numero di giovani e studenti che la frequentano. Sempre all’interno di Shinjuku, si trova la zona di Gourden Gay, con i suoi vicoli e i caratteristici minibar, fatti solo di un banco e poche sedie. La zona di Ni-chome invece, è la piu frequentata dalla comunita gay, ma non solo. Shinjuku in generale, può essere considerata la zona rossa di Tokyo, con topless bar, coffe shop e night club sparsi un po’ ovunque.


Il distretto di Roppongi è il più amato dai giovani, e quello più frequentato anche dagli stranieri. Qui si trovano live music bar, ristoranti, discoteche e pub a prezzi accessibili. Il luogo di incontro per tutti i giovani della zona è nella piazzetta davanti all’Almond Coffe Shop, punto da cui inizia la serata. Una zona più alternativa e meno pubblicizzata è Harajuku, meno caotica delle altre ma con tanti caffé anche all’aperto. Anche la zona pedonale di Shibuya Center Gal è molto frequentata dai giovani che ne popolano i bar e i negozi, attratti dai prezzi non esorbitanti.

roppongi

I migliori locali....

Non solo musica ma tendenze, moda e stili di vita, oltre che i prezzi segnano il ritmo della notte.

La metropoli, abitata da circa un quarto della popolazione giapponese, vive frenetica di giorno e ricca di opportunità la notte. Se pensate di passare la notte fuori bisogna tenere presente che alcuni club danno il benvenuto agli stranieri solo se accompagnati da clienti regolari. La notte a Tokyo è frequentata soprattutto da giovani (raramente oltre i 30 anni), le inizio prima


serate non hanno inizio prima della mezzanotte e terminano verso le 5/6 del mattino. Tokyo è riconosciuta come una delle citta più care al mondo, e i costi del divertimento seguono questa tendenza. Le zone dove si vive meglio la notte (party’s non stop) sono Shinjuku, Shibuya e Roppongi. La capienza dei club, quelli piu grandi, arriva fino a 3.000/5.000 persone, come all’Ageha e allo Yellow, dove artisti e DJ’s del calibro di Mya, Flo-rida, David Morales, Tony Humphries, Andre Collins sono stati a suonare. Segue lo Womb, dal profilo per lo più progressive, house e techno, che tra le altre cose ha ospitato nel 2005 l’italian Urban Festival, manifestazione sportiva e musicale con ospiti sia giapponesi sia italiani come Piotta, 24 Grana, Torretta stile, Ale Martoriati (pro-skater) e i Whystyle (graffiti artist). Abbiamo il Li-quid Room, il Velfarre, e il Club Città e altri meno capienti, ma altrettanto in voga come la Fabrique (omonimo a quello di


serate non hanno inizio prima della mezzanotte e terminano verso le 5/6 del mattino. Tokyo è riconosciuta come una delle citta più care al mondo, e i costi del divertimento seguono questa tendenza. Le zone dove si vive meglio la notte (party’s non stop) sono Shinjuku, Shibuya e Roppongi. La capienza dei club, quelli piu grandi, arriva fino a 3.000/5.000 persone, come all’Ageha e allo Yellow, dove artisti e DJ’s del calibro di Mya, Flo-rida, David Morales, Tony Humphries, Andre Collins sono stati a suonare. Segue lo Womb, dal profilo per lo più progressive, house e techno, che tra le altre cose ha ospitato nel 2005 l’italian Urban Festival, manifestazione sportiva e musicale con ospiti sia giapponesi sia italiani come Piotta, 24 Grana, Torretta stile, Ale Martoriati (pro-skater) e i Whystyle (graffiti artist). Abbiamo il Li-quid Room, il Velfarre, e il Club Città e altri meno capienti, ma altrettanto in voga come la Fabrique (omonimo a quello di Parigi) dove la Funk-House e di casa, il Club Asia, il Gaspanic , il Code e l’Harlem che propone hip-hop, R&B e old school. sg

l l a h s we . . . . e c dan


Club Culture “alla giapponese” Il Giappone vanta una scena clubbing al momento sana e molti DJ si sono fatti un nome anche all’estero come Dj Honda, Ta-shi, Kaori, Krush, Kentaro, Benkay, Master Key, Satoshi Tomie, Steve Aoki, Yoji Biomehanika, Energy Dai, Ken Ishii, Tomoyuki Tanaka e molti altri. I giapponesi che frequentano le discoteche sono tra i clubbers piu esuberanti al mondo, e la calda atmosfera che creano durante le “seratone” è qualcosa di speciale e irripetibile. L’eta varia tra i 19-26 anni (tra cui molti studenti universitari). Ma quali sono le differenze e similitudini tra la nightlife giapponese e quella europea/italiana?

Ne ho scelte 10

1 2

3

Ci sono molti più locali e serate a tema, ed a rotazione una vasta gamma di generi musicali come l’Hip-hop, il Reggae/Dance-Hall, la House, L’Electro, la Techno, la Trance e il Rock. I giapponesi durante il fine settimana bevono veramente tanto, più che altro per scaricarsi dallo stress ottenuto durante la settimana di lavoro e per lasciarsi andare dalla timidezza. Spesso quando torno a casa, la domenica mattina, dopo una serata in discoteca, si possono incontrare persone completamente ubriache (devastate dall’alcol) che dormono alle entrate delle stazioni metrò o sulle piattaforme di arrivo dei treni. Molti giapponesi si spostano con i mezzi pubblici o in bicicletta, perché è più sicuro per chi beve e per il traffico; anche perché mantenere una macchina in Giappone è costoso sia al mo-


mento di fare la patente di guida che per pagare i parcheggi o affitare un garage.

4 5 6

In Giappone la criminalità di strada non esiste quasi per niente, quindi ci si sente molto più al sicuro che in altri Paesi dove si deve sempre tenere gli occhi aperti. I locali giapponesi sono situati spesso in palazzi alti dai 5 ai 15 piani o grattacieli e ad ogni piano si trova un club, bar o ristorante differente. Le consolle DJ sono molto all’avanguardia, munite dei classici giradischi “Technics 1.200” e di lettori CD digitali della Pioneer (serie CDJ 800 o 1.000) o della Technics (SL-DZ 1.200) con cui si possono suonare sia CD audio che Mp3, o in alternativa salvare samples su memori card “SD”. Inoltre molte consolle sono munite anche di samples machine con effetti sonori e di microfono. In molti locali possiamo trovare anche un Vj che alterna video clip o immagini alla musica che suona il Dj proiettati per mezzo di un proiettore su maxi schermi o addiritura un VDJ che mixa Mp4 (video clip).


7 In molti bar-club oltre alla presenza di cubiste o ragazze immagine ci sono in programmazione anche vari showcase di ballo (Break dance, Hip-Hop, sexy Pole dance) o di gruppi live (Rap, R&B & Reggae).

8 Per il design d’interni sono molto simili all’Europa, ma per la capienza dei locali non è affatto come per quelli italiani, ci sono molti più club ma di capienza minore dai 100 ai 500 per quelli medi a quelli piu grandi dai 1.000 ai 3.000; alcuni club offrono anche ristorazione e ce ne sono di tutti gli stili dal moderno al classico dal raffinato all’urbano e molti altri.

9

I giovani giapponesi prima di andare al club si ritrovano con gli amici per cenare o bere al ristorante, trattoria, pub, bar o al karaoke (oltre alla tipica trattoria giapponese “Izakaya” vanno molto di moda i ristoranti italiani gestiti da italiani come “R.Valentino”, “Osteria Gaudente”, “Casareccio”, “I 5 Sensi” e altri ancora. L’Italia è molto apprezzata in Giappone per molti fattori: la moda, l’arte, la musica e il cibo.

10 I prezzi dei club variano a seconda dell’evento e degli artisti internazionali ospiti: di media dai 2.500 yen ai 3.500 yen (equivalenti ai 30/40 euro) inclusivi di una consumazione, mentre le bevande al bar in media partono dai 500yen (4 euro) per una birra alla spina.

La vita notturna in Giappone  

Night life in japan di Sebastiano Gosmar