Page 1

E-Newsletter n. 2 – Settembre 2010


Pag. 3 – Growth and social well-being : the modernity of Coppet’s message Marilena Berardo

Pag. 5 – Riforma universitaria: modello spagnolo Vs modello tedesco Vito D’Andrea

Pag. 6 – Le reproche publique envers les Etats membres: un instrument de coercition Michele Caracciolo di Brienza

Pag. 7 – Dare voce ai cittadini europei Paolo Acunzo

Pag. 9 – Brevi appunti sul Federalismo europeo Liliana Digiacomo

Pag. 11 – L’Europa dello sviluppo, del progresso e del bene comune Fausto Felli

Pag. 13 – Book review by Ilaria Pasotti « L’Europa di Coppet (1780-1820) »


 EDITORIALE  

di Gianni Pittella

Vicepresidente del Parlamento europeo

 

ll processo di integrazione europeo vive una fase di stanca. Bruxelles sembra trascinarsi di fronte alle grandi questioni politiche che attengono al suo futuro. Sembra procedere per forza di inerzia, eppure sono passati solo pochi anni dai grandi slanci dei primi anni Duemila.

Certo, vi è stato poi il Trattato di Lisbona con cui si è tentato di tamponare una falla in termini di governance dell‟Unione a Ventisette, ma siamo ormai già dentro un‟altra storia, meno ambiziosa, priva di forza simbolica mobilitante, apparentemente priva di “visione”.

Proprio quella “visione” che, al contrario, diede la spinta ai padri costituenti del progetto europeo e, prima ancora, sostenne il pensiero e l‟opera di chi, come Spinelli, nel pieno di un conflitto seppe intravedere nel processo d‟integrazione l‟unica risorsa su cui investire per una pace vera e duratura.

E‟ lo stesso afflato degli intellettuali di Coppet: tolleranza, liberalismo, giustizia sociale, libertà civiche, progresso. L‟Unione Europea, e soprattutto i suoi Stati membri, dovrebbero recuperare questa giusta tensione culturale, prima che politica. Enewsletter - Cercle de l‟Europe de Coppet n. 2- Settembre 2010

3


GROWTH AND SOCIAL WELL-BEING : THE MODERNITY OF COPPET’S MESSAGE

Europe needs a new season of reforms starting from those historical experiences which were promoted between the XVIII and XIX century in England & France and which anticipated a dynamic participation of citizens to the debate on matters of public interest.

“Europe will be built neither suddenly, nor through a common structure: it will be built through concrete achievements that will create a de facto solidarity”. These were the fundamental principles mentioned by Schumann in his Declaration, which started the European project in 1950.

The Industrial Revolution and Enlightenment brought a tremendous progress to Europe, which was stopped by the French Revolution, a ridge, but also a period of violence, persecutions and humanitarian tragedies. Napoleon spread these ideas with military force throughout Europe, causing the beginning of nationalism and of more than a century of political upheaval for the whole continent.

After 60 years Europe is in the eye of the storm for not  having reacted promptly and with solidarity to those economic & social questions haunting its citizens.

At this point many people could agree with Kissinger‟s theory that, since there is no European political leader who is strong enough to act as an outstanding actor in the emerging international order, no automatic guidelines for  the leadership of a unified Europe on the global stage would be at hand.

While Napoleon sowed the seeds of authoritarianism, between 1780 and 1820 at Coppet a group of intellectuals (men & women) gathered around Mme De Stael, a charismatic upper middle class lady, who laid the foundations of the contemporary economic, political, social and cultural thought in Europe.

Marilena Berardo Senior Expert in European Affairs

I do not think that the unified Europe needs automatic guidelines for a renewed international leadership because: after Napoleon, Europe has fallen many times in the revolutionary, despotic nationalistic dilemmas, thus experimenting contradictory and negative periods, despite centralized guidelines; 

Mme De Stael, her father Jacques Necker, Benjamin Constant, Sismondi discussed for the first time: liberalism and the role of the State, individual rights and public intervention, nationality as a synthesis of tradition, culture and personal commitment, the role of consumers and political economy, the international labor law, the regulation of markets and equal opportunities. One of the most outstanding contribution of the Coppet group to the contemporary debate was represented by Necker‟s far sighted vision of:

 

the role of social mobility and the responsibility of the ruling class in promoting equal distribution of wealth and equal taxes for the different social classes and in being responsible before their citizens;

Enewsletter - Cercle de l‟Europe de Coppet n. 2- Settembre 2010

4


the growth promoted through the opening of markets to international exchanges, free trade and the removal of hindrances to trade;

the role of services to create work & revenue for the most needy;

the networks of safety and solidarity and the exchange of knowledge;

the family as the cornerstone of the productive processes.

If we think on the one hand that the idea of the “single market” derives from the necessity to guarantee jobs and to create richness and growth, on the other hand we cannot help thinking that this process should be governed in order to avoid exploitation and unbalance on the labor market. In fact, if we look at the Treaty of Lisbon, art. 151 states that the European Union and the Member States have as their objective the promotion of employment, the enhancement of life and working conditions, an adequate social protection, as well as the human resources development and the fight against marginalization.

Nevertheless concrete objectives have been accomplished with difficulty because of unbalances between States.

According to the Lisbon Strategy final report,

while in the 2005 – 2008 period there was a strong employment growth with 9.5 million jobs created, with a fall in unemployment rate to 7%, unemployment will reach 10% at the end of this year;

increased employment has not managed in lifting people out of poverty, because poverty rates in the EU range from 10% in the Czech Republic and the Netherlands to more than 20% in Bulgaria, Latvia, and Romania;

the development of temporary work, part-time work and stagnating wages have increased the number of individuals with low yearly earnings;

without investments in preventive care, public expenditure on health care is expected to grow 1 ½ percentage point of GDP between 2007 and 2060. According to Eurostat the GDP between 2009 and 2010 will decrease on average of 3.2% in EU countries

These data show that, if the removal of barriers to goods, capitals, services and people has enhanced the value of market in all its potentialities, much is to be done and much is to be taken from past experiences.

Furthermore, according to the European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions unemployment could exceed 10% in 2010, with social expenditure rising from 27.5% to 30.8% of GDP between 2007 and 2010. Anyway unemployment is not only a matter of GDP, but encompasses the dimensions of well-being at work, training, health and a better balance with family life.

The message of Coppet can be thus the basis for those policy makers and entrepreneurs who want to guarantee sustainability for their countries and their business in the long-run, keeping in mind that, quoting Arnold Toynbee: "The components of society are not human beings, but the relationships between them". Marilena Berardo Senior Expert in European Affairs

 Enewsletter – Cercle de l‟Europe de Coppet n. 2 – Settembre 2010

5


RIFORMA UNIVERSITARIA: MODELLO SPAGNOLO Vs TEDESCO

 

Il DDL sembra privilegiare il modello di “Teaching University” piuttosto che quello di “Research University” ed il modello spagnolo piuttosto che il modello tedesco di Università. Infatti la Spagna ha circa 11.000 Ordinari e 40.000 Associati e non ha Ricercatori di ruolo mentre la Germania ha circa 37.000 Ordinari e 131.000 Ricercatori di ruolo ( e non ha Associati ).

La Ricerca Scientifica ha un‟importanza strategica per l‟Economia di un Paese: la Spagna è stata declassata, mentre la Germania è in forte crescita ed è la locomotiva d‟Europa. Pertanto è meglio scegliere il modello tedesco di Università e Ricerca piuttosto che quello spagnolo.

La Germania ha Professori di ruolo ed un‟ampia base di Ricercatori di ruolo: è il modello piramidale, vincente per il progresso della Ricerca scientifica e per la crescita dell‟Economia.

Vito D’Andrea (*)

Il titolo III del DDL GELMINI mette ad esaurimento il ruolo dei Ricercatori universitari e, pertanto, penalizza i giovani che aspirano a diventare Ricercatori di ruolo, gli stessi Ricercatori di ruolo, che vengono messi ad esaurimento, ed i  Professori Associati, che vengono retrocessi dal II al I livello della carriera universitaria. Mettere ad esaurimento il ruolo dei Ricercatori significa eliminare più di 25.000 posti di ruolo dall‟organico delle Università, che attualmente è di 60.882 unità (censimento 2009), tra Ordinari (17.880), Associati (17.567) e Ricercatori (25.435).

La Spagna, al contrario, ha molti Professori e non ha Ricercatori di ruolo: il Ministro Gelmini ha scelto il modello spagnolo ma per lo sviluppo della Ricerca e dell‟Economia è più ragionevole scegliere il modello tedesco di Università, puntando sui Ricercatori di ruolo. La Spagna è attualmente un modello da imitare per lo Sport, non per l‟Università e la Ricerca.

 L‟Italia necessita di più Ricercatori di ruolo: è più L‟Italia ha due ricercatori ogni mille lavoratori, Francia, ragionevole mettere ad esaurimento la II fascia dei Germania e Gran Bretagna ne hanno quattro per mille, Professori Associati anziché il ruolo dei Ricercatori, che Giappone,Svezia ed U.S.A. ne hanno sei per mille ed infine dovrebbe essere potenziato. la Finlandia ne ha sette per mille! 

L‟Italia ha pochi ma buoni Ricercatori: se consideriamo  (*) Presidente Fondatore Collegio Nazionale Professori l‟indice di citazioni dei lavori scientifici dei nostri Ricercatori nel Science Citation Index, l‟Italia è al secondo posto tra i Associati di Chirurgia Generale Paesi OCSE subito dopo la Gran Bretagna.  http://www.vitodandrea.it 

http://www.unionprof.it

Enewsletter - Cercle de l‟Europe de Coppet - n. 2 - Settembre 2010 6


LE REPROCHE PUBLIQUE ENVERS LES  ETATS MEMBRES:  UN INSTRUMENT DE COERCITION?

Michele Caracciolo di Brienza (*) 

. 

Aucun pays n‟a jamais été expulsé de l‟Union Européenne. La critique la plus dure de la part d‟un Etat membre envers un autre remonte en 2000 quand le parti d‟extrême droite de Jörg Haider avait participé à la coalition de gouvernement en Autriche. L‟UE prévois une sanction politique pour une violation sérieuse et répétée des valeurs européennes. Telle sanction pourrais se réaliser avec la suspension des droits de vote au sein des institutions communautaires. Néanmoins, une telle mesure n‟a jamais été prise en considération jusqu‟aujourd‟hui. Jusqu‟à l‟entrée en vigueur du traité de Lisbonne l‟année passée, un Etat membre ne pouvait pas abandonner l‟Union. L‟Union Européenne a une grande capacité de transformer le fonctionnement interne d‟un Etat

qui a l‟ambition d‟en devenir membre. Les critères de Copenhague demandent aux candidats d‟avoir des économies de marchés et des institutions qui garantissent la démocratie, l‟état de droit et la protection des minorités. Toutefois, quand un pays deviens membre, les moyens que l‟UE a pour faire respecter les critères d‟admissions sont relativement faibles soit pour les critères politiques soit pour ceux de l‟économie.

Cela signifie que c‟est tout-à-fait difficile d‟influencer les Etats qui aspirent de devenir membres de l‟UE plutôt que d‟influencer ces Etats qui sont déjà membres. Dans le premier cas la déportation des gitanes de la France a été condamnée par la Commission Européenne. Un pays désirant devenir membre de l‟UE et qui appliquerait la même politique du gouvernement de Nicolas Sarkozy envers les gitanes aurait sans doute vu la suspension de sa demande d‟admission. Il en va de même pour les critères économiques. La crise grecque a démontrée d‟une manière assez claire l‟incapacité de l‟UE de faire respecter les limites imposées par le pacte de stabilité à la base de la monnaie unique. Les mesures de coercition existent mais la volonté de les appliquer manque. La seule arme efficace est peut être le reproche publique de la Commission ou du Parlement Européen envers les Etats membres en cas de comportements contraire aux critères d‟admissions. (*) Journaliste

n. 2 - Settembre 2010

7


DARE VOCE AI CITTADINI EUROPEI

Il nuovo strumento di partecipazione democratica dell’iniziativa legislativa popolare 

 

di Paolo Acunzo Vice Seg. Naz. MFE

L‟articolo 11.4 del Trattato di Lisbona prevede l'introduzione dell'iniziativa dei cittadini europei, in virtù della quale i cittadini dell'Unione, in numero di almeno un milione e provenienti da un numero significativo di Stati membri, possano prendere l'iniziativa di invitare la Commissione europea a presentare una proposta appropriata su materie in merito alle quali si ritenga necessario un atto giuridico ai fini della piena attuazione dei Trattati dell‟Unione. Ciò potrebbe rivelarsi una innovazione rivoluzionaria per l‟intero processo d‟integrazione europea, creando finalmente nelle istituzioni comunitarie uno spazio d‟azione per l‟affermazione di un “demos europeo” e di una reale arena politica continentale che non si limiti a chiedere la partecipazione democratica dei cittadini europei unicamente in occasione delle elezioni europee.

 

Già all‟indomani delle elezioni europee del 1979, i federalisti europei notavano che fino ad allora ogni innovazione del processo d‟integrazione europeo

doveva essere spesso concepito e accettato dai governi nazionali per poter andare avanti. Ritenemmo che con le elezioni dirette del Parlamento europeo, invece, si sarebbe potuto far avanzare l'Unità europea anche in un contesto politico diverso, tale da stimolare la formazione di maggioranze in seno al Parlamento, attraverso progetti che avrebbero dovuto essere elaborati, discussi e confrontati in modo pubblico, e che avrebbero dovuto tener presenti gli interessi e le aspettative degli elettori europei prima di ogni altra cosa. Secondo queste previsioni ciò avrebbe comportato, in ultima istanza, il lento spostamento della base del potere su cui si reggeva la Comunità dalle mani dei governi nazionali a quelle del popolo europeo. Queste previsioni sono state, purtroppo, in buona misura disattese. Ciò è vero per il mancato coinvolgimento dell‟opinione pubblica europea in occasione del trasferimento di importanti competenze a livello sovranazionale, anche a causa dell‟assenza di reali partiti politici europei che si rivelano tutt‟oggi inappropriati a svolgere il ruolo di rappresentanza della volontà popolare nelle istituzioni comunitarie. Solo le Convenzioni per la Carta dei diritti e per la Costituzione europea sono state una parziale eccezione. Ora, con l‟iniziativa dei cittadini europei, diventa possibile il coinvolgimento dell‟opinione pubblica europea su proposte specifiche che toccano direttamente la vita delle persone, mirate al trasferimento di poteri dagli Stati nazionali all‟Unione europea e potendo contribuire potenzialmente all‟accorciamento delle distanza percepita dai cittadini con l‟Europa di Bruxelles. Malgrado ciò, vi è un punto sul quale occorre attirare l‟attenzione.

Enewsletter - Gruppo di Coppet -

n. 2 – Settembre 2010

8


All‟interno delle forze favorevoli al processo di  unificazione europea, vi sono quelle che lo interpretano come un progetto per il futuro dell‟Europa e del mondo e quelle che invece lo vedono solo come uno strumento  per la difesa di vecchi poteri che si rivelano sempre più incapaci a dare risposte a nuovi problemi accentuati da un processo di globalizzazione incontrollato.

pensa che l‟Europa debba tornare protagonista negli scenari mondiali.

L‟iniziativa dei cittadini europei può essere uno strumento concreto che può aiutare a sciogliere questo dilemma, dando in alcuni casi direttamente la parola ai cittadini, accettando la sfida di una democrazia europea a viso aperto in grado di far divenire l‟Europa un modello virtuoso per lo sviluppo di nuove forme di democrazia globale.

Se l‟avanzamento verso l‟unificazione europea avviene solo, o prevalentemente, sotto la spinta della necessità e dell‟emergenza, il modello che ne può scaturire potrebbe essere quello di un‟Europa plasmata dalla necessità e dall‟insicurezza e quindi di un‟Europa che non sa, non può o non vuole farsi carico dei problemi del mondo. Se, invece, si ha l‟ambizione storica che l‟unificazione politica europea debba essere un modello  per il mondo, capace, con il suo esempio, di dimostrare che è possibile restituire alla politica il governo dei  mercati e, più in generale, all‟umanità il controllo del proprio destino, stimolando con il suo esempio analoghi processi di unificazione su basi federali in altre parti del mondo, allora non solo per l‟Europa, ma per il mondo intero si aprirebbe una grande stagione politica.

Purtroppo, le forze politiche europee non lo hanno ancora aperto questo dibattito e conseguentemente un‟opinione pubblica europea sull‟argomento stenta a farsi strada.

Paolo Acunzo

Vice Segretario Nazionale Movimento Federalista Europeo

 

A questo dilemma di fondo non sfugge neppure la potenzialità contenuta nell‟art. 11.4 del Trattato di Lisbona. Esso può essere utilizzato da chi vede nell‟Europa solo uno strumento di difesa dai problemi del mondo, oppure da chi

A destra: un particolare del muro di Berlino, 1996 Foto di MCB

Enewsletter – Cercle de l‟Europe de Coppet -

n. 2 Settembre 2010

9


BREVI APPUNTI SUL FEDERALISMO EUROPEO 

Liliana Digiacomo (*)

Vi sono luoghi nel mondo che sembrano destinati ad entrare ripetutamente nella storia dell‟ uomo, come Coppet e dintorni. Coppet si trova sul Lago di Ginevra, non molto distante da Montreux, dove nell‟ Agosto del 1947 delegati ed esponenti di 27 Movimenti celebrarono il 1° Congresso dell‟Unione Europea dei Federalisti. A Ginevra c‟era già stata il 31 Marzo del 1944 una importante riunione di rappresentanti di otto Paesi europei che presero in esame i primi documenti preparati e sottoscritti collegialmente dai vari Gruppi di Resistenti Europei, in cui la visione dell‟Europa Federata era elemento fondamentale che arricchiva la Resistenza, già di per sé fenomeno grandioso, di una dimensione e di contenuto politico e storico più profondi e durevoli. Il Congresso di Montreux era stato preceduto da tre riunioni costitutive dell‟UEF come Organizzazione federalista sovranazionale, l‟ultima a Parigi nel dicembre 1946 dove venne costituita ufficialmente l‟Union européenne des fédéralistes (UEF), che riunì alcune decine di Movimenti provenienti da vari Paesi, fra i quali il Movimento Federalista Europeo, fondato clandestinamente da Altiero Spinelli e altri amici nell‟agosto del 1943 a Milano, dopo che nel 1941 a Ventotene era stato redatto il “ Manifesto per un‟Europa libera, democratica ed unita.”

Il federalismo era nato durante i lavori della Convenzione di Filadelfia , che portarono il 7 settembre 1787, all‟approvazione della nuova Costituzione per le 13 Nazioni americane,

Costituzione che, entrata in vigore nel 1788, dette vita al primo Stato Federale della storia nello stesso periodo in cui in Europa (1784) Immanuel Kant nella “ Idea di una storia universale da un punto di vista cosmopolitico “ scriveva : “.. non si può avere la Pace senza una federazione di popoli , nella quale ogni Stato,anche il più piccolo, possa sperare la propria sicurezza e la tutela dei propri diritti non dalla propria forza o dalle proprie valutazioni giuridiche, ma solo da questa grande federazione di popoli.” E a Coppet, nel decennio successivo, Madame de Stael nel suo circolo culturale favoriva i germogli dell‟europeismo con una visione simile a quella di Kant In Europa, per la diversa situazione politica ed ideologica, derivante dalla rivoluzione francese e dallo Stato nazionale, dovevano passare più di cento anni prima che la teoria federalista si concretizzasse in piani politici : eppure erano stati proprio filosofi, uomini politici, scrittori europei, fra i quali gli illuministi francesi (di cui ricordiamo in particolare Saint-Simon, Montesquieu e Rosseau per i loro scritti in favore dell‟Unità Europea), a formare politicamente e culturalmente gli artefici della Convenzione di Filadelfia. Per questo anche le menti europee più illuminate , come Mazzini, Cattaneo, Proudhon, ed altri , nel periodo che va dalla Rivoluzione francese alla fine del XIX secolo, non vanno oltre pensieri, scritti, intuizioni importanti, precise ed anche suggestive sulla necessità di unificare l‟Europa . Solo alla fine della prima guerra mondiale il federalismo europeo comincia a delinearsi, legandosi a precisi riferimenti politici e a soluzioni concrete; dapprima per merito di Luigi Einaudi, che nel 1918 andando alla radice

Enewsletter – Cercle de l‟Europe de Coppet n. 2 - Settembre 2010

1 0


del problema denunciò le vere cause della guerra e indicò nella Federazione Europea la sola via per costruire una Pace duratura e successivamente per merito di un altro politico, il conte Riccardo Coudenhove –Kalergi, che inviò , nel 1922 , un messaggio a diversi giornali europei nel quale richiedeva la creazione di una “ Unione pan-europea”. Egli fondò il Movimento Pan-Europa di cui in seguito divenne Presidente onorario Aristide Briand che, una volta assunta la carica di Presidente del Consiglio Francese, presentò, a nome del suo governo, il 7 settembre del 1929 , un progetto di Unione europea, alla decima Assemblea Generale della Società delle Nazioni, riunita a Ginevra. Fu dato mandato a Briand di redigere un Memorandum sulla questione dell‟Unità Europea, ma la quasi totalità degli stessi Paesi(24 su 26) che avevano richiesto esplicitamente il Memorandum, che prevedeva una organizzazione di carattere politico per l‟Europa, non accettò le proposte in esso formulate. La controversia fra la proposta di Briand , favorevole a stabilire una specie di “ legame federale “ fra gli stati europei, e quella inglese, che parlava di collaborazione, fu rimessa ad una “Commissione di studi per l‟unità europea“ che lavorò per due anni, fino a quando l‟Assemblea della Società delle Nazioni respinse le proposte conclusive.

Molto è accaduto dopo quell‟insuccesso, ma oggi si lavora più che mai, anche a Coppet, per raggiungere la meta della Federazione europea. Liliana Digiacomo

 (*) Membro della Direzione nazionale del Movimento Federalista Europeo (MFE) 

Segretaria MFE della Puglia

In alto: La forza dell’unione - Londra, 2005 - foto di MCB

Enewsletter - Cercle de l‟Europe de Coppet -

n. 2 - Settembre 2010 11


L’EUROPA DELLO SVILUPPO, DEL PROGRESSO E DEL BENE COMUNE 

Dr. Fausto Felli (*)

Se sviluppo è produrre ricchezza e progresso è distribuirla attraverso la costituzione di un patrimonio materiale, il bene comune, dobbiamo oggi constatare di avere strumenti di misurazione dello sviluppo (PIL) e non del progresso. Il bene comune a sua volta non è chiaramente definibile e percepibile come sufficiente o non sufficiente rispetto al debito/credito di distribuzione delle ricchezze stesse.

Provando a declinare questi concetti a livello Europeo , ritroviamo tutta la fragilissima tessitura di un insieme di aspettative, preannunci di diritti, ambiguità giuridiche e potenzialità e fermenti enormi che va , appunto, sotto il nome di Europa.

Il Trattato di Lisbona segna una tappa significativa del percorso di costruzione europea. Come ogni passaggio significativo esso crea aspettative e timori : l‟Europa c‟è chi la desidera e chi la teme.

Ma cos‟è l‟Europa oggi: un luogo di incontro, una sorta i club dei 27 Paesi Membri? Un‟espressione geografica, come ebbe a dire il principe Metternich del nostro paese? Un progetto economico, sociale o politico in fieri? Di certo l‟Europa e‟ in mezzo al guado .

Fragile, con i suoi 100 miliardi di € di budget annui , tanto da doversi far coraggio chiamando “strutturali” quei fondi che rappresentano lo 0,0 qualcosa % del Pil dei Paesi dell‟Europa. Ambiziosa, tanto da affidarsi al metodo di analisi e lavoro come unica risorsa identitaria reale. In alto: - Turbina, Martigny 2010 - foto di MCB

Enewsletter - Cercle de l‟Europe de Coppet - n. 2 - Settembre 2010 12


Disomogenea: le politiche e le strategie del documento Europa 2020 tentano di tratteggiare orizzonti comuni senza troppo convincimento. Contraddittoria . 46 milioni di Euro stanziati lo scorso anno per le campagne contro il fumo e 430 milioni per i produttori di tabacco. Debole: 27 stati che celebrano l‟eurominimalismo. Intrinsecamente fragile: nella cosiddetta competitività con ilo resto del mondo, ingaggia duelli con sistemi che non pagano la bolletta ambientale, sindacale e delle materie prime. Meravigliosamente viva. In un mondo dove i mercati finanziari dispongono di risorse pari a 12 volte circa il PIL del mondo, riesce a creare percorsi di dignità, di rispetto e di equità e a farli divenire il vero valore aggiunto dell‟esistenza sociale. Un condominio delle regole ma senza l‟autorevolezza per applicarle. Tuttavia il progetto e‟ forte. Europa vuol dire ormai avere chiare le interazioni fra sviluppo progresso e bene comune. Un forte mercato interno, una competitività che osa mettere l‟etica come valore aggiunto. Un metodo razionale per capire, spiegare ed agire. Una possibilità di contaminarsi con le buone pratiche.

Abbiamo sempre letto che lo sviluppo e la precondizione del progresso. Con l‟Europa scopriamo che il progresso puo‟ essere a sua volta la precondizione dello sviluppo.

L‟Europa di Coppet trova, con largo anticipo sui tempi, le ragioni e la necessità del metodo: allora lo spettro della povertà del non avere, oggi lo spettro della povertà del non avere più, per

l‟azione di un mondo finanziario che crea le condizioni di una povertà con la cravatta.

Il documento Europa 2020 e‟ la prova di un grande coraggio, l‟Europa ha avuto il coraggio di mettere in agenda argomenti “hub” come la povertà ( facciamo attenzione anche alle povertà in arrivo…) dove lavoro, casa, salute, pensioni, uso democratico delle risorse, spending priorities etc. convergono. Sviluppo progresso, bene comune…l‟Europa dimostra di aver capito la differenza fra sviluppo e progresso ed il tranello di misurare solo lo sviluppo e non il progresso. Un‟Europa che punti all‟equità, alla dignità, alla libertà ed alla sicurezza e‟ dunque proprietaria di un concetto condiviso ed alla consapevolezza di un grande compito : evolvere attraverso modelli socialmente stabili, quali appunto quelli dell‟equità. Quelli a cui tutti, più o meno consapevolmente tendono.

Nel libro “HEALTH SYSTEMS GOVERNANCE IN EUROPE” del prof. Mossialos, Cambridge University Press agosto 2010, veniva messa in luce la complessità del gioco delle competenze fra Europa, Stati Membri e Regioni e l‟incremento di attività regolatoria della Corte di Giustizia Europea.

Non è pensabile una fase di esercitazioni regolatorie senza l‟individuazione di obbiettivi precisi : un esempio e‟ il dibattito sullo European Pubblic Health System e le innovazioni che esso veicola : ruolo delle Regioni, il bottom up planning, la riconfigurazione dei sistemi sanitari nazionali, il contributo razionale di capitale pubblico e privato, istituzioni, società civile , accademia ed impresa. Dr. Fausto Felli

 

(*) Presidente dell'Equity in Health Institute

Enewsletter - Cercle de l‟Europe de Coppet -

n. 2 - Settembre 2010 13


BOOK REVIEW by Ilaria Pasotti Paolo GARONNA, L’Europa di Coppet, 1780-1820. Una lezione dalla storia per il futuro dell’Europa, Franco Angeli, Milan 2009, 448 p. – ISBN 978-88-568-0026-5 – 39,00 €. The rejection by France and Holland of the referendum on the European Constitution (2005), and that of Ireland of the Lisbon Treaty (2008), brought a halt to the process of European integration and was interpreted by many parties as a „crisis‟ in Europe. Wide reflection followed, on both the origins and measures to overcome it.

Paolo Garonna, an economist with professional experience in international organisations (OCSE and UN Executive vice-secretary of the European Economic Commission) contributes to such reflection by proposing an original argument which strongly leans towards the historical perspective. The volume consists of 15 chapters, preceded by a brief introduction of the author.

Garonna kicks off his reflections by introducing some components of the European „crisis‟ and researching some of the causes. The crisis is shown in a triple dimension: Economic-Productive (low economic growth due to low productivity and limited competitiveness); Institutional (the incapacity of political advancement in the process of European integration); Value Based (the difficulty in defining a European identity).

The causes are dealt with from four angles: reaffirming prerogatives of national states; the tendency to proceed with integration not via gradual and incremental longterm reform but via what the author describes as „a revolutionary method‟, i.e. an acceleration of the forces of predetermined relationships from the top down; the slowing-down of the process of freeing the economy which had represented a guarantee against excessive state intervention and as such in favour of increased participation of the various components of civil society; finally in the failed concretization of some of the values founded in the European cultures, among which equal opportunities between men and women. Garonna identifies in a group of intellectuals reunited in the castle of Coppet (Vaud, Switzerland) between 1780 and 1820 a source of inspiration for overcoming these obstacles. The group, created around Mme de Stael, was supported by the multidisciplinary contributions of J. Necker, B. Constant, J.C. Sismonde de Sismondi and A.W. Schlegel. Garonna describes the central issues tackled by the group. Among these: the approach to put reform into practice based on the clarity of public policies, the involvement of public opinion, the responsibility of class leaders; the liberal foundations of institutions; a model of economy and society based on social mobility and the control of the pension culture through the promotion of education and private initiative in production activities; an efficient administrative governance; an advanced vision of equality between men and women; and finally the criticism to nationalism. In Garonna's view, in the process of building Europe there are aspects which recall the contributions of the Coppet group. The European project was launched not on the basis of conflicts between political parties and proceeded according to an incremental logic.

Enewsletter – Cercle de l‟Europe de Coppet -

n. 2 - Settembre 2010 14


It has progressively limited and bound the power of national States, in favour of private autonomy and individual freedom. The intergovernmental method has often been demonstrated as weak and inefficient. Nevertheless, there have been immediate counterpart processes which have risen from society (e.g. international exchange programmes in the educational field) and from local economy (e.g. small and average sized businesses which have shown a strong competitive capacity, aimed at developing new products and technology and experimenting new forms of collaboration). The European institutions should therefore know how to interpret these spontaneous forces and enhancing their processes.

To conclude, the historical perspective gives originality and validity to the author‟s arguments. On the one hand it can be seen as a reference instrument to examine critical aspects of the top down European process of construction. On the other hand, it is a source of inspiration to follow on the road to integration.

Above: Equality - Vevey, 2008 - photos by MCB Below: The variety of the European family – Naples, 2009

 

Ilaria Pasotti

Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano.

Enewsletter – Cercle de l‟Europe de Coppet -

n. 2 - Settembre 2010 15


Per informazioni sulle attività del

Gruppo dell‟Europa di Coppet Visita il sito www.amicidicoppet.org Per commenti scrivere a michele.caracciolo@graduateinstitute.ch La presente e-newsletter è inviata ad una mailing list di circa 25‟000 contatti. Enewsletter - Cercle de l‟Europe de Coppet - n. 2 - Settembre 2010 16

ENewsletter 2  

la newsletter degli Amici di Coppet

Advertisement