Page 1

Anno 23 - N°15 del 17/12/2017 - www.newentry.eu - brescia@newentry.eu - Pubblicità: Gianluca Boffetti 347.73.52.863 BERGAMO

GRATUITO

Buone feste da...

SALA FUMATORI - LOCALI CLIMATIZZATI - AMPIO PARCHEGGIO APERTO 7 GIORNI SU 7 CON ORARIO CONTINUATO 10.00-02.00 VILLA D’ALME’ (BG) - VIA MAZZINI,97

Tel. 392 03 79 907 - (Fronte Salumificio Gamba)

PRODOTTI DI ALTA QUALITA’ PER UN’AUTO SEMPRE LUCIDA E PROTETTA ! ...augura Buone feste!

RIFLESSIONI

SOCIETA’

ESPERTI A VOI

ITINERARI

IN LIBRERIA

GUSTO

INFO MOTORI

SALUTE

PLAY MUSIC

SPECIALI

Il Giornale della Gente

• PORTALE • PISTE CON SENZA SPAZZOLE SPAZZOLE IN UNICO A BERGAMO CRINE DI CAVALLO

• PORTALI ANTIGRAFFIO AUTOLUCIDANTI

• CERA NANOTECNOLOGICA A CALDO

ALMENNO SAN BARTOLOMEO (BG) - Via Cascina Zanchi (Zona C.Com.) - pinguinoverde@virgilio.it


EDITORIALE

Il vero senso del Natale

... e noi lo conoscevamo bene... caro Michele!

Questo racconto lo avevamo scritto insieme... per valorizzare quanto era splendida la nostra vera amicizia... che continua tuttora, legata da un filo invisibile tra il Cielo e la Terra... - “Ciao, sono felice che sei venuto a trovarmi nel giorno di Natale!” - “Eh sì, caro Amico, non c’è cosa più bella che trascorrerlo in casa davanti ad un camino acceso e soprattutto con il tuo migliore Amico a chiacchierare sulle cose belle della vita…” - “Ne abbiamo passate tante insieme ma se penso al Natale quando ero piccolo mi vengono ancora i brividi… Eravamo tanto poveri che il giorno di Natale mio padre era indaffarato a cercare lavoro, io ero piccolo e chiaramente guardando i miei coetanei, avrei tanto

Buone Feste 02 www.newentry.eu

voluto ricevere come regalo una bicicletta… Ma anche quell’anno mio padre non riuscì ad acquistarla e così dovetti attendere un altro anno… Erano tempi difficili, di povertà dove anch’io, in qualche modo, facevo qualche lavoretto come lustra scarpe per portare a casa due soldi.. E leggevo sul viso di mio padre, la sofferenza di non potermi accontentare anche se lui ci metteva tutta la sua buona volontà… Poi c’era mia madre, anche lei indaffarata tra mille lavori per portare a casa quei pochi soldi che ci permettevano di andare avanti, anche se spesso era a letto ammalata…” “Eh sì, caro amico… erano veramente brutti tempi


quelli… anch’io ne ho passati di veramente tristi…” - “Ma cosa stai dicendo? Tu fai parte di una famiglia benestante, avevi giocattoli di ogni genere, avevi addirittura due alberi di Natale, uno in casa ed uno giardino, avevi il maggiordomo ed i tuoi genitori accontentavano ogni tuo desiderio… E soprattutto avevi da mangiare, non avevi le preoccupazioni di mio padre: l’affitto da pagare ed una famiglia da mantenere. Tu sì che eri fortunato!!! - “Non è tutto oro ciò che luccica, caro Amico… E’ vero, potevo avere qualsiasi cosa, dal giocattolo all’ultimo grido a quello più costoso, avevo mangiare a volontà e tutto ciò era a mia disposizione! Avevo una casa con molte stanze, un giardino immenso ma io ero sempre triste, sconsolato, solo…” “Mio padre e mia madre erano due grandi imprenditori che per lavoro spesso andavano all’estero per seguire le proprie attività e quel Natale, me lo ricorderò sempre, mi avevano promesso che l’avremmo passato tutti insieme come un allegra famiglia unita nell’Amore ed invece… ...invece anche quell’anno, mio padre ricevette una chiamata da un suo collaboratore e così dovettero partire per un lungo viaggio. Trascorsi l’ennesimo Natale da solo, senza amici e il mio maggiordomo, compagno di giochi, non bastava a colmare il grande dolore che sentivo nel mio cuore. Capisci

EDITORIALE amico mio, che anch’io ho passato parecchi giorni tristi di Natale?” - “Saranno stati tristi ma per lo meno eri in una casa confortevole, al caldo, e potevi fare ciò che volevi invece io, seduto in un angolo con una decina di coperte per ripararmi dal freddo….”

- “Non capisci amico mio, io ero in una casa confortevole, al caldo, ma mi mancava il calore più importante: quello della famiglia! Tu eri povero, magari vivevi in una casa gelida e buia ma avevi il calore meraviglioso dei tuoi genitori, quel calore che non ho mai potuto provare…” Forse hai ragione amico mio, il calore dei miei genitori, nonostante la nostra precaria situazione, non è mai mancato e di questo li devo proprio ringraziare ma non pensiamoci più… La cosa più importante ora è che noi due siamo qui, insieme, a passare questo splendido giorno di Natale… Intanto fuori inizia a nevicare ed in questa serata gelida dove molte persone sono indaffarate agli ultimi acquisti natalizi noi siamo qui uniti nella nostra splendida amicizia a ricordare di quanto è bello volersi bene… - E forse è proprio questo il vero senso del Natale! Buon Natale amico mio… - Buon Natale anche a te, caro Amico di una vita… Gianluca Boffetti & Michele Cortinovis

DITTA PIROTECNICA SANA DI SANA LUCIANO E ANTONIO SIAMO AP ERTI FUOCHI D’ARTIFICIO VENERDI’ 29 SABATO 3 , SPETTACOLI PIROTECNICI TUTTDOOILMEGNIOICA031E ORARIO C RNO CON ONTINUA TO VENDITA FUOCHI

Via Manzoni,10 - BARZANA (BG) - Tel./Fax 035.54.90.24 - Cell. 348 5406199 www.newentry.eu 03


RACCONTI

La leggenda delle Le leggende della campane di Natale Befana e Babushka I pastori si affollarono a Betlemme mentre viaggiavano per incontrare il neonato re. Un piccolo bimbo cieco sedeva sul lato della strada maestra e, sentendo l’annuncio degli angeli, pregò i passanti di condurlo da Gesù Bambino. Nessuno aveva tempo per lui. Quando la folla fu passata e le strade tornarono silenziose, il bimbo udì in lontananza il lieve rintocco di una campana da bestiame. Pensò “Forse quella mucca si trova proprio nella stalla dove è nato Gesù bambino!” e seguì la campana fino alla stalla ove la mucca portò il bimbo cieco fino alla mangiatoita dove giaceva il neonato Gesù.

La leggenda narra di una vecchia signora (la Befana in Italia e Babushka in Russia) che si rifiutò di uscire nella notte fredda con i pastori per andare a far visita al bambino Gesù. Al mattino, preparò un cesto di doni per il Bambinello e andò a far visita nella stalla, ma la trovò vuota. Da quel giorno ha viaggiato per il mondo, guardando ogni bimbo in faccia per trovare Gesù Bambino. A Natale lascia doni per ciascun bimbo buono sempre sperando che uno di loro sia Gesù.

PERCHE’ ANDARE ALL’ESTERO PER LE CURE DENTALI? AMBULATORIO ODONTOIATRICO Dott. FRANCESCO SANTORSOLA

Ritrova il tuo Sorriso

In un momento difficile come quello attuale, segnaliamo la Campagna che il nostro Ambulatorio, presente sul territorio da oltre 10 anni, propone al pubblico. Ricordando come le cure odontoiatriche e la prevenzione siano fondamentali per la buona salute psicofisica, evidenziamo l’obiettivo del nostro ambulatorio: rendere accessibili le cure dentali a tutti, comprese le persone meno facoltose ed è per questa ragione che segnalimo la nostra campagna rivolta a tutti. Desiderando sensibilizzarvi riguardo all’importanza delle cure dentali, Vi invitiamo a contattarci allo studio di via Piave 1 a Bonate Sopra o a quello di Dalmine in via Dell’Ovo 8 per prenotare una Visita senza impegno. Chiunque si presenterà allo studio in questo periodo e per tutto il 2017 riceverà un trattamento odontoiatrico con un costo accessibile.

04 www.newentry.eu

PRESTAZIONE

LISTINO €

VISITA E PREVENTIVO SENZA IMPEGNO PULIZIA DELLA BOCCA (DETARTRASE) 60 ESTRAZIONE SEMPLICE 70 ESTRAZIONE COMPLESSA 100 RX ENDORALE 20 CURETTAGE (PER ARCATA) 150 GENGIVECTOMIA QUADRANTE 200 OTTURAZIONE 100 DEVITALIZZAZIONE PLURIRADICOLARE 170 DEVITALIZZAZIONE MONORADICOLARE 130 RICOSTRUZIONE CON PERNO 150 PERNO MONCONE 180 PROVVISORIO INRESINA 50 CORONA ORO RESINA 550 CORONA METALLO CERAMICA 650 CORONA ZIRCONIA CERAMICA 750 SCHELETRATO CON ATTACCHI 1400 SCHELETRATO CON GANCI 1000 PROTESI TOTALE PER ARCATA 1200 RIBASATURA DIRETTA 100 RIBASATURA INDIRETTA 150 IMPIANTO PIU’ MONCONE 1000

CAMPAGNA PREVENZIONE € SENZA IMPEGNO 25 45 60 15 100 180 70 130 100 110 140 30 300 400 500 1000 900 800 80 110 600

Studio: Via Piave,1 - Bonate Sopra (Bg) - Tel. 035 49 42 028 Studio: Via Dall’Ovo,8 - Dalmine (Bg) - Tel. 035 56 31 97 Emergenze: 342 75 49 037


Il primo Presepe Il primo vero presepe della storia fu creato nella chiesa di Santa Maria Maggiore, a Roma. Questa usanza divenne così popolare che presto tante altre chiese vi aderirono. Ognuna creava un presepio particolare ed unico. Le scene della natività erano spesso ornate con oro, argento, gioielli e pietre preziose. Anche se molto popolare tra le classi più ricche, questa opulenza era quanto di più distante dal significato della nascita di Gesù. Dobbiamo il “nostro” presepe attuale a San Francesco d’Assisi, che nel 1224 decise di creare la prima Natività come era veramente descritta nella Bibbia. Il presepe che San Francesco creò nel paese di Greccio, era fatto di figure intagliate, paglia e animali veri. Il messaggio era diretto, e poteva essere capito e recepito da tutti, ricchi e poveri. La popolarità del presepe di San Francesco crebbe fino ad espandersi in tutto il mondo. In Francia si chiama Crèche, in Germania Krippe, in Spagna e America Latina si chiama Nacimiento, nella Repubblica Ceca si dice Jeslicky, in Brasile si dice Pesebre, e in Costa Rica si dice Portal.

RACCONTI

Le leggende del Pettirosso

Un piccolo uccellino marrone divideva la stalla a Betlemme con la Sacra famiglia. La notte, mentre la famiglia dormiva, notò che il fuoco si stava spegnendo. Così volò giù verso le braci e tenne il fuoco vivo con il movimento delle ali per tutta la notte, per tenere al caldo Gesù bambino. Al mattino, era stato premiato con un bel petto rosso brillante come simbolo del suo amore per il neonato re

Le leggende delle Palle di Natale A Betlemme c’era un artista di strada molto povero che non aveva nemmeno un dono per il Bambino Gesù così egli andò da Gesù e fece ciò che sapeva fare meglio, il giocoliere, e lo fece ridere. Questo è il perché ogni anno sull’albero appendiamo le Palle colorate - per ricordarci delle risate di Gesù Bambino.

certificato ANAMMI n. N946

Sede operativa: TREVIOLO (BG) - Via Marconi,42 - Tel. 035 07 85 011 PALAZZAGO (BG) - Via Burligo,10 c - Cell. 347 90 98 361 - michela.scavo@gmail.com www.newentry.eu 05


NUOVA COLLEZIONE 2017

QUESTO MESE REGALIAMO IL TRASPORTO E MONTAGGIO

POSSIBILITA’ DI FINANZIAMENTI A TASSO ZERO

PALAZZAGO Fraz. S.Sosimo S.S. Bergamo - Lecco Tel. 035 54 00 79 www.origgimobili.it

€ 499,00


POESIE

Ritratto d’un tempo Rinchiuse dentro a cappotti fatti di malinconie anime in movimento s’affrettano su viali luccicanti. E’ quasi Natale e nell’aria l’odor di muschio e bacche rosse si espandono già dal tramontar del sole I lumi accesi alle finestre un fiocco di neve qua e là mentre i bimbi con i nasi incollati alle vetrine sognano balocchi e leccornie. Dentro le case dai muri scrostati misere minestre dentro al piatto un ciocco al focolare e grezzi volti attorno ad un tavolo sguarnito rammentano racconti del passato. Alla luce tenue della stanza s’oppongono casette in carta pesta, pastorelli in vecchio gesso scolorito, una capanna fatta di piccoli pezzetti di legno, un bue, l’asinello dalla coda spezzata e la Sacra famiglia al completo. Tutti attendono il rintocco a festa della campana giù nella valle e mentre il gelo alle finestre disegna trine merlate questa fiamma lenta riscalda i cuori profumando l’aria di agrumi seccati sul bordo d’un camino. Rosa Leone

Buone Feste da...

CLUB ATALANTA

Hobby Bar di Crippa Margherita

Magico Natale... Magica Dea ! Auguri! Via Ungaretti,7 Almenno San Bartolomeo (Bg) CALZOLERIA PELLETTERIA

BEPPE Augura Buone Feste PETOSINO (BG) via Martiri della Libertà, 71 Tel. 340 59 07 429

Augura Buone Feste

Augura Buone Feste www.newentry.eu 07


RIFLESSIONI

Nientemeno che il senso della vita Lunedì mattina comincia così, con questa richiesta di una donna con un lungo percorso di malattia: “Sono stanca, finora ho lottato ma adesso non ce la faccio più. Mi dia lei una motivazione per andare avanti.” Nientemeno. Il punto è che le mie risposte non servono a lei. Posso solo accompagnarla nel cammino di ricerca, perché il senso della vita non è una verità comunicabile, non è una formula, è un percorso che cambia nel tempo, e che richiede continui adattamenti e riflessioni. Quando mi occupavo di formazione, ogni tanto in aula facevo un’esercitazione. Chiedevo alle persone: “per cosa vorreste essere ricordati dopo la vostra morte? Potete anche pensare alla frase che vorreste scrivere sulla vostra tomba”. L’impatto era un po’ forte, suscitava gesti scaramantici e risatine nervose, però poi, quando ci si mettevano veramente, emergeva velocemente ciò che era davvero importante per loro, i valori che li guidavano. Il senso della vita sta nel realizzare i nostri valori, i nostri talenti, nel dare risposte ai dolori della vita, nel farsi domande, nel cercare. Nasce dall’ascolto di noi stessi, da ciò che

scopriamo attraversando le varie esperienze di vita; nasce dal dialogo con altri compagni di viaggio, dalle letture, dalle testimonianze di vite altrui che ci colpiscono e ci parlano. Per me il senso della vita sta nelle relazioni: dalla cerchia stretta delle persone che amo, in cerchi via via più larghi verso le persone che incrocio anche solo per un breve tratto di strada, fosse anche solo per un saluto. Vivo di relazioni. Il mio lavoro è fatto di relazioni. E poi guardo…. Guardo continuamente il mondo intorno a me, trovando le piccole bellezze di ogni giorno, quelle quotidiane che abbiamo sotto gli occhi. Ma ovviamente il senso che ricavo da tutto ciò viene dal percorso che mi ha portata fin qui, da ciò che sono io. Ne do semplicemente testimonianza. I cerchi che ci opprimono iniziano a spezzarsi quando ci apriamo alla vita, agli altri. Quando usciamo dal nostro ristretto orticello e ci impegniamo nel donare qualcosa alla vita, nel mettere in circolazione ciò che abbiamo. “Nel donarla, l’avrai”. Accade veramente. sguardiepercorsi

Salone Estetica

e

ster

Le soluzioni di bellezza garantite in un metodo e un programma su misura per te

Benvenuti nel mondo dell’eccellenza - Professionalità ed esperienza al tuo servizio PRESEZZO (BG) - Via V.Veneto,747 - Tel. 035 610524 08 www.newentry.eu


ENRICO ha 41 anni, separato senza figli. Bancario ma si tiene impegnato con mille interessi: il volontariato, lo sport, ama l’arte e fa spesso viaggi al caldo. E’ stanco però di essere solo. Vorrebbe incontrare una ragazza carina, gioiosa e fine. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS e Whatsapp 377.20.89.377. ASSISTENTE SANITARIA Silvia ha 50 anni esatti: bionda, fisico appena formosetto. Lavora su turni e quando è libera ha tanti interessi: cucinare, cucire dato che era il suo lavoro da ragazza e la montagna. Vorrebbe conoscere un uomo con la voglia di vivere e con il quale instaurare un rapporto di condivisione. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.2089.77. 58ENNE Elsa è una donna socievole ed espansiva, curata e di gradevole aspetto, libera da impegni familiari, ama dedicare il tempo libero alle amicizie, alla casa e al giardino. Vorrebbe al suo fianco un uomo che la rispetti e le voglia davvero bene. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.2089.77. GIULIO ha 46 anni, imprenditore. Negli anni scorsi si è totalmente dedicato a far crescere l’attività di famiglia trascurando i divertimenti e gli affetti. Ora può raccogliere i frutti di tanto impegno e vorrebbe condividerli con la propria donna. Pensa di essere ancora in tempo per incontrarla. La cerca semplice e dolce che come lui creda nella valore della famiglia. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.20.89.377. ANNA 39 anni operaia. Sono di aspetto mediterraneo, mora, curata, capelli lunghi. Lavoro da quando ero adolescente e per fortuna il lavoro non mi ha mai lasciato a piedi! Mi ha lasciato l’amore ed all’inizio ho faticato ad accettarlo. Sono sola ormai da 3 anni e voglio ricominciare. Mi piace leggere ed anche andare al cinema. Mi piace sognare d’aver il diritto d’essere ancora felice. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS e Whatsapp 377.20.89.377. BRUNO ha 25 anni, nonostante la sua giovane età è un ragazzo serio e pacato. Laureato, indipendente, alto e moro colpisce per la sua intelligenza e la sua cordialità. Non ha voglia di perdere tempo in relazioni superficia-

li, desidera al suo fianco una ragazza matura con cui poter instaurare un bel rapporto basato sul dialogo e la complicità. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS e Whatsapp 377.20.89.377. ALESSANDRO ha 30 anni. Ragazzo alto e moro. E’ meccanico portando avanti l’attività di famiglia. Ama lo sport e si rilassa facendo puzzle. Ama i viaggi e ne fa 3 all’anno. Il suo principale obiettivo è conoscere una ragazza seria, di sani principi, motivata ad un rapporto a due. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS e Whatsapp 377.20.89.377. SEI UNA RAGAZZA SINGLE? Sei seria e in cerca dell’anima gemella? Fino a 38 anni iscrizione gratuita. Contattaci per maggiori info. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS e Whatsapp 377.2089377.

AGENZIA PER SINGLE

PROVA, CHIAMACI PER SAPERE COM’E’ tel. 035.42.84.575 - sms 377.20.89.377

dal 2006 a Bergamo

Ti garantiamo Incontri reali e non virtuali il primo entro 5 giorni! Incontri con persone interessanti per te che desiderano conoscerti Incontri con persone serie, motivate, libere sentimentalmente

realizza il tuo sogno... trova l’amore!

www.agenziaincontridelcuore.it Incontri del Cuore - via Masone,5 - Bergamo

Tel. 035.42.84.575 - SMS 377.20.89.377

www.newentry.eu 09


ESPERTI A VOI

L’Universo per Passione Lo sapevate che il mondo dell’ottica non Galileo fece sua l’idea di un ottico olanderiguarda solo gli occhiali? se che aveva inventato uno strumento per avvicinare gli oggetti lontani, accostando Questa volta vogliamo raccontarvi la storia due lenti per occhiali. Chiamò il suo strudei cannocchiali e telescopi, strumenti che mento cannocchiale e per primo lo puntò per anni sono stati protagonisti delle più verso il cielo. L’idea di un universo perfetto, belle scoperte astronomiche. Il cielo ha da dove tutto ruotava attorno alla nostra Terra, sempre affascinato l’uomo, la sua rituale dovette ben presto fare i conti con le osciclicità, il mistero degli eventi che in esso servazioni che mostravano un cosmo ben accadono, hanno portato tutte le popola- diverso. zioni della Terra ad osservarlo, studiarlo, Galileo col suo modesto cannocchiale scovenerarlo. Negli ultimi 400 anni la visione prì che la Luna non era liscia, bensì scadel cielo e dell’universo intero è radical- vata da enormi crateri e corrugata da alte mente cambiata. La nostra storia comincia montagne. Venere presentava le fasi, così nel 1609, quando l’universo era conside- come la Luna, e il suo diametro appariva di rato un luogo immutabile e perfetto e la grandezze differenti, quindi doveva trovarsi Terra ne era il centro. Un uomo cambiò per tra le Terra ed il Sole; il nostro pianeta persempre questa visione: Galileo Galilei. deva la sua posizione privilegiata e non si trovava al centro del Sistema Solare. Vide che Giove possedeva quattro satelliti che gli orbitavano attorno. La flebile luce della Via Lattea si rivelò densa di migliaia di piccole stelline e si notò la strana forma di Saturno, di cui anni dopo si scoprirono gli anelli. Il cannocchiale di Galileo, o telescopio, poteva ingrandire gli oggetti di 20 - 30 volte. I primi telescopi erano tutti rifrattori, usando lenti per deviare, cioè rifrangere la luce. Ma come funzionano questi telescopi? Il telescopio rifrattore, è formato da due lenti, la prima, detta obbiettivo, ha il compito di raccogliere ed incanalare la luce 10 www.newentry.eu


ESPERTI A VOI

verso la seconda lente, detta oculare, che ha il compito di ingrandire l’immagine dell’oggetto osservato. Le lenti dei telescopi rifrattori, a causa del loro peso e delle difficoltà per lavorarle, limitano le dimensioni raggiungibili da questi strumenti. Per questo motivo si è iniziato a studiare nuovi sistemi ottici. Niccolò Zucchi nel 1616 realizzò il primo telescopio riflettore, ovvero facente uso di specchi invece che di lenti. Newton nel 1668 raffinò e definì nella sua versione attuale questo strumento. Nel telescopio riflettore la luce entra nel telescopio, viene riflessa da uno specchio parabolico verso uno specchio più piccolo che la fa convergere all’interno di un oculare. Bisognerà aspettare il XVIII secolo per

vedere questi strumenti entrare in maniera decisiva nel mondo dei grandi telescopi e competere con i loro predecessori a lenti. Infatti, il loro sviluppo è stato legato ai miglioramenti della lavorazione degli specchi che devono avere un’altissima riflettività. Essendo difficile all’epoca aumentare i diametri di lenti o specchi, per avere maggiori ingrandimenti si allungava la focale, quindi si costruivano telescopi con tubi sempre più lunghi. La capacità di osservare in profondità l’universo, infatti, è proporzionale al diametro del telescopio, maggiore è il suo diametro migliore sarà la sua capacità di raccogliere anche la luce più flebile proveniente dalle profondità del cosmo. Iniziò così una frenetica corsa alla costru www.newentry.eu 11


ESPERTI A VOI

zione di telescopi sempre più grandi: Sulle Hawaii, a oltre 4200 metri di altezza, troviamo i telescopi gemelli Keck I e Keck II, i loro specchi raggiungono i 10 metri di diametro. È nel deserto dell’Atacama in Cile, il luogo più secco della Terra, che troviamo il più grande complesso astronomico mai costruito: Il VLT. Il Very Large Telescope è nato da un consorzio Europeo, di cui anche l’Italia fa parte, ed è costituito da quattro grandi telescopi da 8,2 metri l’uno, che attraverso una raffinata tecnologia, l’interferometria, possono lavorare simultaneamente, raggiungendo una capacità analoga ad un unico telescopio da 16 metri. Questi grandi strumenti sono situati in luoghi come deserti o montagne altissime, per cercare di limitare gli effetti della turbolenza. Osservare il cielo da Terra vuol dire guardare attraverso km di aria in movimento costante, con conseguente perdita di qualità dell’immagine. Il problema, nei telescopi di nuova generazione, è stato risolto grazie all’utilizzo di una tecnologia davvero avveniristica, le ottiche adattive.

Gli specchi di questi strumenti sono costituiti da tanti piccoli tasselli, che un computer sposta in modo da compensare il movimento dell’atmosfera, formando un’immagine perfettamente stabile. Dal 1990 è attivo un telescopio che non risente minimamente dei problemi dovuti alla nostra atmosfera, e può operare 24 ore su 24, il telescopio spaziale Hubble. Grazie alla sua posizione privilegiata, al limite esterno dell’atmosfera terrestre, l’Hubble ci ha permesso di arrivare a osservare dettagli a distanze impensabili fino a pochi anni prima. Così, in poco più di quattro secoli si è passati dai disegni fatti osservando per ore ed ore al telescopio, alle magnifiche immagini che ci possono fornire i nuovi telescopi spaziali. Oggi questi straordinari strumenti ci hanno portato ad osservare il cosmo come mai prima nella storia dell’umanità, permettendoci di penetrare molti dei segreti del nostro universo. Dott.ssa Marta Ghilardi Ottico Optometrista - Passione Ottica

° Occhiali Vista e Sole ° Telescopi ° Binocoli Z-CAI ° Microscopi ° Lenti Ingrandenti ° Maschere da snow Passione Ottica - Ottici Optoetristi

Via Sorte, 31 24030 Brembate di Sopra BG 035332495 info@passioneottica.it - www.passioneottica.it 12 www.newentry.eu


Linguine allo Scoglio Ingredienti per 4 persone 350 grammi di linguine o bavette per il sugo allo scoglio: 20 gamberi 30 cozze circa 50 vongole circa 2 scalogno 4 cucchiai olio di oliva sugo di pomodoro prezzemolo sale , pepe e peperoncino Procedimento: Cuocere la pasta in acqua salata. In una padella con olio e scalogno tritato versare le cozze e le vongole, mescolare per farle aprire dal guscio. In un’altra padella grande con olio rosolare lo scalogno tagliato sottilmente, il peperoncino, aggiungere il sugo di pomodoro, poi i gamberi, le cozze e

GUSTO A TAVOLA

le vongole ormai aperte. Filtrare il sugo che hanno lasciato le cozze e vongole nella pentola precedente e versarlo nel sugo di pomodoro e crostacei. Versare la pasta scolata nel sugo per insaporire. La cottura deve essere breve, prezzemolo e peperoncino piacere. Anna - www.cucinacreare.it

Laboratorio Orafo

di FABIO SOZZI

Riparazioni Oro e Orologeria. Incisioni, incassatura di pietre. Restauro di manufatti antichi. Progettazione e creazione.

PRENDITI IL TEMPO, FESTINA TI REGALA IL BENESSERE Fino al 31 dicembre acquista un orologio da donna Festina del valore minimo di 99 â‚Ź e ricevi in REGALO 3 esperienze benessere tutte per te. WELLNESS+BEAUTY+FITNESS

Via della Vittoria,10 - Bonate Sopra -BG- 035 52 94 924 sozziorafo@gmail.com - www.sozziorafo.com www.newentry.eu 13


SOCIETA’

Dopo l’11 Settembre: George Carlin Il paradosso del nostro tempo nella storia è che abbiamo edifici più alti, ma moralità più basse, autostrade sempre più larghe, ma orizzonti più ristretti. Spendiamo di più, ma abbiamo meno, comperiamo di più, ma godiamo meno. Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole, più comodità, ma meno tempo. Abbiamo più istruzione, ma meno buon senso, più conoscenza, ma meno giudizio, più esperti, e ancor più problemi, più medicine, ma meno benessere. Beviamo troppo, fumiamo troppo, spendiamo senza ritegno, ridiamo troppo poco, guidiamo troppo veloci, ci arrabbiamo troppo, facciamo le ore piccole, ci alziamo stanchi, vediamo troppa TV, e preghiamo di rado. Abbiamo moltiplicato le nostre proprietà, ma ridotto i nostri valori. Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo

troppo spesso. Abbiamo imparato come guadagnarci da vivere, ma non come vivere. Abbiamo aggiunto anni alla nostra vita, ma non vita agli anni. Siamo andati e tornati dalla Luna, ma non riusciamo ad attraversare il pianerottolo per incontrare un nuovo vicino di casa. Abbiamo conquistato lo spazio esterno, ma non lo spazio interno. Abbiamo creato cose più grandi, ma non migliori. Abbiamo pulito l’aria, ma inquinato l’Anima. Abbiamo dominato l’atomo, ma non i pregiudizi. Scriviamo di più, ma impariamo meno. Pianifichiamo di più, ma realizziamo meno. Abbiamo imparato a sbrigarci, ma non ad aspettare. Costruiamo computers più grandi per contenere più informazioni, per produrre più copie che mai, ma comunichiamo sempre meno.

BAR - PANINOTECA

Aperti da lunedì a giovedì dalle 05.45 alle 21.00 Venerdì e Sabato dalle 05.45 alle 01.00 Domenica dalle 07.00 alle 12.30

S.OMOBONO TERME (BG) - Via Alle Fonti,9 14 www.newentry.eu

Ceres, Beck’s, Ichnusa, Affligen, Tennent’s, Mc Forland, Moretti Radler Moretti Bionda / Rossa Moretti Toscana / Friulana


SOCIETA’

Questi sono i tempi del fast food e della digestione lenta, grandi uomini e piccoli caratteri, ricchi profitti e povere relazioni. Questi sono i tempi di due redditi e più divorzi, case più belle ma famiglie distrutte. Questi sono i tempi dei viaggi veloci, dei pannolini usa e getta, della moralità a perdere, delle relazioni di una notte, dei corpi in sovrappeso, e delle pillole che possono farti fare di tutto, dal rallegrarti al calmarti, all’ucciderti. E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino. E’ un tempo in cui la tecnologia può farti arrivare questa lettera, e in cui puoi scegliere di condividere queste considerazioni con altri, o di cancellarle. Ricordati di spendere del tempo con i tuoi cari ora, perché non saranno con te per sempre. Ricordati di dire una parola gentile a qualcuno

che ti guarda dal basso in soggezione, perché quella piccola persona presto crescerà, e lascerà il tuo fianco. Ricordati di dare un caloroso abbraccio alla persona che ti sta a fianco, perché è l’unico tesoro che puoi dare con il cuore, e non costa nulla. Ricordati di dire “vi voglio bene” ai tuoi cari, ma soprattutto pensalo. Un bacio e un abbraccio possono curare ferite che vengono dal profondo dell’Anima. Dedica tempo all’Amore, dedica tempo alla conversazione, e dedica tempo per condividere i pensieri preziosi della tua mente. E RICORDA SEMPRE: la Vita non si misura da quanti respiri facciamo, ma dai momenti che ci tolgono il respiro. George Carlin

TUTTO IN MINIERA

TEMPERATURA COSTANTE 12°-14° GRADI TUTTO L'ANNO CAMPI DI TIRO DINAMICO Zona Softair (minimo 15 persone ) LINEE FISSE PER PISTOLA - LINEE FISSE PER CARABINA CORSI DI RICARICA, CORSI F.I.I.D.S., TARATURA OTTICA, ACCURATIZZAZIONE (armi, scatti e freni di bocca) Possibile organizzare gare di tutti livelli e per qualsiasi federazione, allenamenti individuali e di gruppo, AREA RISTORO - ALLESTIMENTO FESTE ED EVENTI - GRADITA LA PRENOTAZIONE

PROSSIMA APERTURA ARMERIA SUARDI Vendita di armi, munizioni, accessori e vestiario....

IVAN: 389 6860591 - NORMA 331 1449657 www.poligonoorobico.com UBIALE CLANEZZO (BG) - VIA DELLE VALLI,28 www.newentry.eu 15


RIFLESSIONI

ste

Buone Fe da...

La leggenda dell’agrifoglio

RISTORANTE -PIZZERIA 32 ANNI DI ATTIVITA’ CHIUSO IL LUNEDI’ e MARTEDI’ SERA

PREZZATE DI MAPELLO (BG) Via Don P. Colombo,1 - Tel. 035 90 86 56

Si confezionano

cesti personalizzati

Sinceri Auguri di Buone Feste

Almenno San Bartolomeo (Bg) via Papa Giovanni XXIII,22

este

one F u B a r u g Au

Auguri e Buon Natale. Li porgo al direttore di New Entry, alla redazione, a tutti coloro che inviano i loro articoli, poesie, riflessioni su questo splendido giornale definito esattamente come quello della Gente. Ho pensato di includere una leggenda natalizia, per i piccoli che ora sanno leggere e saranno felici di imparare. Un abbraccio a tutti, sperando in un sereno anno nuovo! Nonna Grazia Quando giunse l’inverno tutti gli uccellini del bosco partirono. Soltanto un piccolo uccellino decise di rimanere nel suo nido dentro un cespuglio di agrifoglio: voleva a tutti i costi attendere la nascita di Gesù per chiedergli qualcosa. L’inverno fu lungo e molto nevoso. Il povero uccellino era stremato dal freddo e dalla fame. Finalmente arrivò la Notte di Natale. Quando lo uccellino fu dinnanzi al Bambino appena nato, disse : “Caro Gesù, vorrei che tu dicessi al vento invernale del bosco di non spogliare l’agrifoglio. Così potrei restare nel mio nido e attendere la nuova primavera”. Gesù sorrise, poi chiamò un angelo e gli ordinò di esaudire il desiderio di quell’uccellino. Da allora, l’agrifoglio conserva le sue verdi foglie anche d’inverno. E per riconoscerlo dalle altre piante, l’angelo vi pose , delle piccole bacche rosse e lucide. Nonna Grazia

FARMACIA DR. TRAIL

del Dr. Domenico Trail

Augura Buone Feste

OMEOPATIA - ERBORISTERIA SANITARIA - COSMESI - DIETETICA

Augura Buone Feste 16 www.newentry.eu

Via XXV Aprile,2 - Brembate di Sopra (Bg) Tel. 035 620338 - Fax 035 333906


PENSIERI E PAROLE RICORDANDO MICHELE

13 dicembre 2003: Santa Lucia Tutti lo aspettano, i grandi come i piccini, ma cosa ci ha portato la Santa quest’anno? Io ho avuto il mio bel regalo, la mattina son partito con gli amici per una visita ai mercatini natalizi di Bolzano e già questa era una bella gita “fuori porta”, l’idea di farla con gli amici, ha reso questo giorno ancora più speciale... La mia sorellina, non poteva mancare all’appello, come la mia dolce metà, ma pensandoci bene, poteva forse non esserci l’amico Gianluca? Eh no, sempre in perfetto orario (ormai lo conosciamo tutti...) accompagnato dalla “sua” Cristina che a Brescia si sono uniti a noi... già, a Daniele e Marica, al mio caro amico “zio Sam” ed a Pemma: che bella combricola, per trascorrere una giornata, ve l’assicuro, all’insegna del divertimento! Le avventure non sono certo mancate, ma queste forse, a voi lettori non interessano, quello su cui voglio soffermarmi sono proprio le emozioni che sono scaturite in me: gioia e felicità, in alcuni momenti qualche nuvolone è passato sopra le nostre teste, ma insieme lo abbiamo cacciato, è come se l’unione del nostro gruppo di nove elementi fosse tenuto insieme da qualcosa di veramente forte... ed è così! Ricordando una citazione dell’amica Pamela di Firenze “c’erano sempre ostacoli sulla mia strada, ed attendevo che arrivasse la vera vita, ma poi ho capito che questi ostacoli erano la vita!”. Ognuno ha la sua vita, ma basta davvero poco per trascorrere una giornata insieme ed uniti, come dico sempre volere è potere.. amici miei! Michele Cortinovis

PARRUCCHIERI SERGIO & NICOLA

Augurano Buone Feste PONTERANICA (BG) VIA PETOS,52

Augura Buone Feste

Fiori D’arancio Profumeria - Estetica Augura Buone Feste BREMBATE DI SOPRA (BG) Via XXV Aprile, 19 - Tel. 035 33 20 94

CARROZZERIA LEMEN di Mazzoleni Pietro

Augura Buone Feste BONATE SOPRA (BG) Piazza Vittorio Emanuele, 20A

Augura Buone Feste ALMENNO SAN BARTOLOMEO (BG) Via XXV Aprile,17 - Tel.035.54.90.33 www.newentry.eu 17


ROMANZO

Ryan konnen sie mir helfen? Ryan puoi aiutarmi? (20^ parte) Il mattino seguente una SS entrò bruscamente nella nostra baracca ed ordinò a tutte noi prigioniere di scendere dalle cuccette perché era ora di lavorare, mi misi in fila con le altre per uscire dalla porta della baracca, la SS urlò a due mie compagne che erano rimaste indietro e stavano ad osservare la loro cuccetta. Mi alzai sulle punte e vidi che nella cuccetta vi era qualcosa, andai vicino e vidi una donna morta con la bocca digrignata, le gengive consumate e la lingua fuori, mi affrettai ad allontanarmi da quella orribile scena e mi rimisi in fila. La SS urlò più forte:-Shnell! Shnell!-. La SS infuriata estrasse la pistola e la puntò contro le mie compagne, una di loro si girò di scatto e guardò con occhi furiosi la SS. Ella indietreggiò spaventata, ma poi si riprese e le sparò alla testa, richiamò l’altra, ma ella accasciatasi sopra il corpo della sua amica, implorò la SS di ucciderla. Nessuna pietà, la SS puntò la pistola alla tempia all’altra prigioniera e le sparò, poi ordinò alle prigioniere del kommando di occuparsi dei tre cadaveri. Mi offrii volontaria anche io di portarle alla fossa, così evitavo di fare la selezione, ma se venivo uccisa? La SS ac-

Acconciature by BEPPE CAPELLI CHE CADONO?! ...LI LASCI CADERE O VUOI FARE QUALCOSA DI CONCRETO? ESAME TRICOLOGICO GRATUITO, OFFERTO DA ACCONCIATURE BEPPE! Prenotalo allo 035 527259 VALBREMBO (BG) VIA ROMA 42 Auguri di Buone Feste 18 www.newentry.eu

Autrice Marta Ravasio

consentì ed io ringraziai di nuovo il Signore. Arrivata alla fossa le donne del kommando non mi staccavano gli occhi di dosso, feci un respiro profondo e le ignorai, il mio braccio era coperto non avrebbero notato la mancanza del numero. Nei campi la gente non si stupiva delle persone morte, ma delle persone vive. La morte era una cosa quotidiana. Grazie a Dio non venimmo uccise così ritornai al campo ed il lavoro assegnatomi era quello di zappare di nuovo per terra. All’ora di pranzo mi rimisi in fila tra le ultime e purtroppo contai ancora sulla fortuna. Arrivato il mio turno, notai che Ryan dava la zuppa (il che era strano visto che di quello si occupavano i prigionieri); aveva la solita indifferenza verso tutti. Avvicinai la mia ciotola verso il pentolone con mani tremanti e lui ridendo mi diede la zuppa poi mi guardò negli occhi, io era tutto il tempo che lo stavo ammirando e quando lui mi fissò ero come immobile i miei occhi inchiodati ai suoi. Mi riconobbe, si alzò, mi prese per il braccio ed ordinò ad un prigioniero di sostituirlo. Mentre mi trascinava per il braccio chissà dove, mi disse:-Pazza! Dovrei ucciderti!- lo guardai e dissi :-E allora cosa aspetti?-. mi trascinò sino alla camerata femminile e lì mi ordinò:-Forza spogliati, metti la divisa nazista!- lo guardai incredula:-Muoviti!- continuò -tra poco alcune SS porteranno delle prigioniere al campo maschile, sicuramente verranno uccise!- lo guardai con disprezzo, poi liberandomi dalla sua presa scappai via. Giù alla piazzetta della selezione alcune SS mi afferrarono e mi trascinarono con forza sul camion. Salita, guardai verso le finestre delle camerate dei nazisti e vidi Ryan, che, affacciato alla finestra fumava un sigaro; abbassai lo sguardo e mi ritornò in mente quando lo vidi fumare per la prima volta. Le prigioniere vicine a me continuavano a sorridere e a ripetere:-La guerra è finita! Adesso torniamo a casa! È finita, siamo riuscite a resistere-. continua-21


"PerchĂŠ tu sei stata la mia luce nei miei momenti piĂš bui.."

Gianni Coppini

I miei lavori sono realizzati con diverse tecniche: matita, tecnica mista e pastelli morbidi..

giannicoppini7@gmail.com

the art of my life

Gianni Coppini www.newentry.eu 19


SPECIALE

I migliori 30 Panettoni Artigianali d’Italia

Riconoscimento a Daniel Beloli de “Il dolce Forno di Ale & Jack” Il panettone di Daniel Beloli, interamente realizzato nel suo laboratorio a Presezzo presso “Dolce Forno di Ale e Jack”, è stato inviato ai giudici di “Mastro Panettone, concorso indetto dal portale Goloasi.it nel mese di Ottobre. Hanno partecipato un centinaio di Pasticceri provenienti da tutta Italia. La giuria si è riunita in diverse giornate e valutando tanto la qualità dei prodotti quanto la creatività e l’aspetto estetico di ciascun panettone

20 www.newentry.eu

è arrivata, non senza difficoltà, ad individuare i finalisti che si sono distinti per l’elevata cura con la quale hanno realizzato i

loro manufatti che sono risultati diversi tra loro tanto per il gusto quanto per la forma. Sicuramente il giudizio prezio-


SPECIALE

so di chi assaggia le sue delizie e i visi soddisfatti dei clienti a fine pasto sono una garanzia... ma il fatto di arrivare tra i 25 finalisti su centinaia di panettoni in gara, ha sorpreso anche il pasticcere di Presezzo. Una soddisfazione immensa se pensiamo che Daniel Beloli è un giovane 36enne che dopo anni di impegno è riuscito ad aprire un locale tutto suo e ad offrire ai suoi clientI prodotti di alta qualità ed un servizio

ineccepibile. Un merito sicuramente da non sottovalutare va attribuito alla sua compagna Elisa Franzini, sempre al suo fianco con preziosi consigli e aiuto concreto durante le varie fasi di elaborazione finalizzate ad ottenere un prodotto sempre ottimale. Daniel Beloli può sicuramente ritersi soddisfatto. Il riconoscimento ottenuto premia la sua capacità, creatività, il suo impegno alla ricerca della perfezione e non da

ultimo la ricerca della migliore finitura packaging... i migliori ingredienti per soddisfare la propria clientela. redazione New Entry

Un invito al buon gusto Dolci di ogni tipo Cornetti, pasticceria e torte per ogni occasione

Pane fresco

PRESEZZO (BG) Via V.Veneto (lato Chiesa) Cell. 346 49 17 774

Tranci di pizza e focacce. Pizzeria forno a legna anche da asporto

Terrazza esterna

www.newentry.eu 21


ANIME NEL VENTO

In ricordo di te 19-11-13 ...ti stringevo la mano da molte ore, alle 12 un affanno e una lacrima scendeva sul tuo viso… e te nei sei andato, la malattia dopo 54 giorni ha vinto. Lo so, non è giusto che una persona come te finisse così. Il tuo ruolo era ancora importante, e tu lo sai il perché. Tu mi hai insegnato tanto. Essere umile, onesto, essere di esempio e che la

Buone Feste 22 www.newentry.eu

vita non ti regala nulla se non ti impegni. Una cosa che mi manca erano le tue incursioni in azienda e invece di parlare di lavoro si parlava di politica, perché tu seguivi tutto il panorama, eri peggio di un telegiornale. Magari ti sedevi di fronte a me e nonostante ero pieno di lavoro mi staccavi la mente dal lavoro per un’ora ...mi manchi tanto … papà … hai avuto la forza di staccarti dal tuo lavoro per dare spazio ai tuoi figli… solo ora lo riesco a capire bene il tuo sacrificio. Maurizio Da sempre pubblichiamo i vostri contenuti, le vostre idee e riflessioni. Che abbiate scritto una poesia, un racconto, o che vogliate parlare e condividere una vostra passione, noi saremo la vostra voce. Chiunque è il benvenuto all’interno della nostra famiglia.


RIFLESSIONI

Albero d’autunno

orpelli. Quest’albero autunnale, però, coi suoi rami in transizione, oggi mi ha messo un po’ di tristezza. Guardandolo, mi sono venuti in mente questi versi di Emily Dickinson:

“Chi indossa la sua pena il mattino che è nuova Incontro quest’albero tutti i giorni, mentre passo da una palaz- soffre più che a portarla un’inzina all’altra dell’ospedale. Oggi i suoi rami non del tutto spogli tera esistenza”. mi hanno fatto pensare ai tanti rami invernali che ho fotografato, belli ed essenziali nel loro protendersi verso il cielo senza Non credo che sia proprio così, però guardando quell’albero stasera pensavo a quanta fatica facciamo per adattarci a un cambiamento doloroso, per abbandonare ciò che ha fatto parte di noi, della nostra vita. L’inizio è sicuramente molto duro. La pena che indossiamo la mattina che è nuova fa un gran male. La transizione ci tiene legati a ciò che c’è ancora, ma che è già solo più l’ombra di ciò che era. Foglie secche, pronte a cadere. Foglie che ricordano tempi che non ci sono più. Foglie che rimangono attaccate, legami che non si sciolgono. Faticosa e dolorosa transizione. Finché un giorno arriva il vento che libera i rami da ciò che non ha più vita. E la vista cambia. Rami definiti, forti della loro essenzialità. Amo i rami invernali, li guardo con tenerezza e commozione. Li trovo bellissimi. Stasera, però, è tempo d’autunno. Tempo di pazienza e di fiducia. sguardiepercorsi

Auguri di Buone Feste

www.newentry.eu 23


IL SALOTTO DI KETTY

LE PIANTE DIGESTIVE Il Santo Natale è ormai alle porte, già si respira aria di festa, di regali, di pranzi e cene che passeremo in famiglia…ecco proprio di pranzi e cene vogliamo parlare! No, non preoccupatevi, non parleremo di dieta, adesso è giusto che ci godiamo una bella fetta di panettone e un bel pezzo di torrone, dopotutto a Natale siamo tutti più buoni e noi non vogliamo di certo essere la voce fuori dal coro! Però, c’è sempre un però, vogliamo darvi qualche piccolo consiglio per evitare di bloccare ed appesantire il nostro apparato digerente, dopotutto prevenire è meglio che curare! Quindi ritornando ai nostri golosi pasti abbondanti che andremo a consumare, dovete sapere che ci sono delle piante officinali deputate a ridurre quei sintomi fastidiosi come gonfiore addominale, senso di pesantezza, dolori, acidità ecc. che accompagnano le nostre scorpacciate. Le principali esponenti di questa categoria sono le cosiddette piante carminative. Si possono dividere in 2 sottogruppi: il primo gruppo sono quelle droghe che sono in grado di assorbire i gas intestinali come il Carbone Vegetale, mentre il secondo gruppo sono tutte quelle piante che favoriscono l’espulsione dei gas, tra queste ricordiamo il Finocchio, Salvia, Aneto, Menta, Carvi, Cumino e Coriandolo. E per favorire i processi digestivi? Anche in questo caso la natura ci mette a disposizione dei rimedi. In questo caso utilizzeremo tutte quelle piante che al loro interno contengono principi “amari”. Queste sostanze vanno a stimolare i succhi gastrici, favorendo il rilascio di bile dal fegato (la bile ricordiamoci che agisce nella digestione dei lipidi/grassi che ingeriamo con gli alimenti, ma di questo parleremo in modo approfondito nel nuovo anno!) aumentando così il transito intestinale. Le piante officinali più utilizzate per questo scopo sono il Carciofo, la Genziana, il Rabarbaro, l’Achillea, il Mirto e il Frassino. Queste piante si possono preparare in diversi modi. Vediamo di distinguere i 3 principali:  Infuso: si porta a bollore l’acqua e si lasciano le erbe in infusione;  Decotto: l’acqua viene fatta bollire, subito dopo si introducono le erbe necessarie, quindi bisognerà riportare l’acqua a bollore e infine farlo riposare;  Macerato: è l’infusione che avviene in acqua fredda, tenendo le erbe in infusione per alcune ore, prima di consumare il prodotto. Ovviamente freddo! Per far si che l’effetto sia garantito al 100% andrebbero bevute senza essere zuccherate. Per chi non sopporta il sapore troppo amaro, può aggiungere un dolcificante e in questo caso si consiglia un cucchiaino di miele a tazza. 24 www.newentry.eu


IL SALOTTO DI KETTY

Ovviamente l’effetto delle tisane risulta essere più “blando” rispetto ad altri prodotti. Esistono infatti soluzioni idroalcoliche (i fitoterapici) dove in essi è contenuta una percentuale altissima di principio attivo oltre ad essere molto più comoda e veloce la via di somministrazione; infatti bastano poche gocce in poca acqua (tiepida è meglio!) per avere lo stesso effetto di litri di tisana. Come sempre mi raccomando, scegliete in entrambi i casi prodotti totalmente naturali e soprattutto fatevi consigliare da personale altamente qualificato. Quindi prima di salutarvi e auguravi Buone Feste e Buon Natale, vi ricordo di venirci a trovare a Presezzo in Erboristeria per qualunque chiarimento e/o consiglio noi ci siamo sempre…infatti, tutto il mese di dicembre saremo aperti 7 giorni su 7, domeniche incluse, per aiutarvi, oltre che per il benessere, anche per la scelta di regali per i vostri cari e amici. Per Voi, abbiamo scelto anche quest’anno quello che di meglio e originale si possa regalare per essere ricordati, dal pensierino per la collega al regalo più importante per le persone più amate! Per ulteriori informazioni, dettagli o CONSULENZE PRIVATE ci potete contattare a info@erboristeriailvischioelaquercia.it, oppure ci trovate in negozio ERBORISTERIA IL VISCHIO E LA QUERCIA, Via Vittorio Veneto, 1064 Presezzo. TEL 035/4156226. Ivan Mangili e Katia Mussetti A breve sarà disponibile in rete il nostro nuovo sito internet, con tante informazioni, servizi di consulenze e trattamenti, uno spazio video, un’area dove mettersi in contatto direttamente con noi e un calendario sempre aggiornato su serate gratuite di informazione e corsi didattici per chi vorrà approfondire certi argomenti.

COSMETICA NATURALE FIORI AUSTRALIANI E BACH PRODOTTI FITOTERAPICI CONSULENZE NATUROPATICHE .... E MOLTO ALTRO!!! PRESEZZO (BG) - Via Vittorio Veneto, 1064 - tel 035/4156226 info@erboristeriailvischioelaquercia.it www.newentry.eu 25


RIDIAMOCI SOPRA

MOGLIE: “Caro, ti va di passare una bella serata!”. MARITO: “D’accordo cara, rientro domani, ciao”. Dal dottore: “Lei sta bene. L’unica cosa... ha tre palle!”. “Ma è grave?”. “No, anzi! Lei è per così dire un super-maschio: solo 1 su un milione nasce così”. Il tizio esce. È su di giri e vorrebbe dirlo ai quattro venti. Sale sul tram, si siede vicino a un omino e gli dice tutto fiero: “Oh, ma lo sa che tra me e lei abbiamo cinque palle?”. E l’omino: “Perché? Lei ne ha una sola?”. Quanti avvocati servono per cambiare una lampadina? Tre. Uno per salire sulla scala, uno per scuotere la scala e uno per fare causa al costruttore della scala.

sedere?”. “No, al naso!”. “Caro, dopo che saremo sposati dividerò i tuoi guai”. “Ma io non ho guai...”. “Li avrai caro, li avrai...”.

Due amici si incontrano e uno è tutto fasciato, incerottato e pieno di ematomi: “Ma cosa ti è successo?”. “Oh, lascia perdere... è colpa del mio hobby”. “Ma che razza di hobby hai?”. “Niente, tutte le notti verso le tre mi diverto a fare dei numeri di telefono a caso e poi dico: Ehi, merdina, indovina chi sono?”. “E allora?”. “E allora... uno ha indovinato!”.

Un giornalista intervista in un ospedale un matto che crede di essere il Papa. “Ma percé è vestito così tutto di bianco e con la tiara?”. “Ma, caro, non vede, io sono il Papa!”. “E quando è stato eletto?”. “Nessuno mi ha eletto; me lo ha detto Dio stesso!”. Un altro matto lì vicino: “Io?! Ma tu sei matto!”.

“Dottore, ho un problema, faccio scoregge che non puzzano”. “Faccia sentire”. Il paziente scoreggia e il dottore: “La cosa è grave, bisogna operare”. “Al

Una sposina in viaggio di nozze a letto sotto le coperte dice al marito: “Caro, sono senza mutandine!”. E il marito: “Inizi già con le spese?”.

Per la tua dichiarazione dei redditi affidati a professionisti qualificati e certificati. CAF CGN

POTETE FISSARE UN APPUNTAMENTO TELEFONANDO AL NUMERO

035 64 18 88 AI NUOVI CLIENTI SCONTO DEL 10% SU Modello 730 singolo - Modello 730 congiunto Modello Unico - IMU - TASI

C.R.C. CONSULTING SRL - Via del Crocefisso,2 (ang. Via Pitentino) - ALMENNO SAN SALVATORE Tel. 035 64 18 88 - Fax 035 64 12 52 - segreteria@crcconsulting.it 26 www.newentry.eu


Cibi sani, buoni e giusti... Battesimi, Comunioni, Cresime, Eventi privati

Pasta fresca Gnocchi di patate Pane a lievitazione naturale Rinfreschi e Catering per ogni occasione

Il nostro obiettivo è proporre e realizzare un servizio catering efficiente ed impeccabile, che renda il vostro evento un felice ricordo.

Torte personalizzate Preparazioni per intolleranti Prodotti Bio

Servizio impeccabile per ogni vostra esigenza. Stile elegante, cortesia e accoglienza.

Aperto tutti i giorni anche alla domenica

Via Mazzini,75 - 24018 Villa d’Almè (Bg) Tel.035 63 73 44 - Cell. 340 82 59 222 - www.golosidea.it


SPETTACOLO & ARTE

Nicole e Ylenia Burato: due gemelle come fashion bloggers Nome in codice: Letwins. Ylenia e Nicole Burato, ovvero due gemelle come fashion bloggers. Sarà che non è facile trovare due ragazze “uguali” come lo sono loro nel carattere e nell’aspetto fisico, sarà che l’energia e la voglia di fare di certo non gli manca. Così, sfruttando tutte le loro particolarità, si stanno ritagliando spazio nel mondo della moda. I brand le stanno scoprendo ed i social hanno iniziato a decollare. Dalla

28 www.newentry.eu

loro Mantova, città in cui vivono e lavorano nell’azienda di famiglia (Mantovagricoltura di Burato Fernando &C snc) hanno saputo guardare al mondo scoprendo il bello della fotografia e della moda. Detto, fatto. A 23 anni d’età hanno il futuro davanti a loro e tante carte da giocarsi. Hanno iniziato con un profilo unico su Instagram abbreviato in “Letwins” che oggi vanta quasi 25.000 followers. “Fin da subito abbiamo avuto grandi


SPETTACOLO & ARTE

soddisfazioni tanto da aprire un blog dopo pochi mesi”. Passo dopo passo, in tanti le hanno scelte come testimonial di dress, location, prodotti. “Il primo set è stato con Galleria Borromea a Milano in cui abbiamo presentato tutte le nuove collezioni del Centro Commerciale in compagnia della cara Ludovica Pagani. Siamo ragazze dalla grande determinazione e voglia di realizzarsi, ci riteniamo creative e per questo un giorno vorremmo realizzare una nostra linea di abbigliamento”. Recentemente, la rivista Glamour ha concesso loro uno spazio per parlare di moda. Un crescendo che le ha viste protagoniste al Pitti di Firenze, in veste di blogger e naturalmente alla Fashion Week di Milano… “La fotografia è una delle nostre grandi passioni. Per noi è un modo per dare spazio alla creatività, all’originalità e all’ingegno. Quelle che non ci provano perdono una nuova prospettiva del mondo”. Idee chiare col sogno di emulare la carriera di Chiara Ferragni, “lei è la nostra musa. Non capiamo ad esempio le varie Fashion Bloggers che escono da talk show e poi vanno a fare programmi televisivi, è un calderone che non ci piace molto”. Energia allo stato puro. Sempre in movimento, “Le Twins” non hanno intenzione di fermarsi. “Ci teniamo molto alla salute e al nostro corpo per questo ce ne prendiamo molta cura. Un altro pregio sono i nostri capelli ricci, si fanno molto notare e sono anche abbastanza invidiati dalla gente. Questa “chioma da leoni” è un aspetto caratteristico della nostra famiglia essendo quasi tutti ricci”. Ph: Pietro Bernardelli @pietro_drugo_bernardelli www.newentry.eu 29


L’EMOZIONE NON HA VOCE

Christmas Lights - Coldplay Christmas Lights è un singolo del gruppo musicale britannico Coldplay. Il brano, che tratta il tema del Natale, è stato pubblicato in occasione delle festività natalizie del 2010. È stato il 37° singolo più venduto in Italia secondo FIMI nel 2010.

Non sembra affatto Natale La fiamma delle candele lassù trema Oh, tremano e galleggiano Ma io sono ancora qui, tengo duro Tutti quei lumi di speranza

Illuminano le strade Forse la riporteranno da me Quindi tutti i miei guai svaniranno. Oh, luci di NataNotte di Natale, le continuate a brillare un’altra lotta Come qualche Elvis ubriaco Oh luci di Natale Abbiamo pianto un fiume illuminano le strade che canta di lacrime Inizio a cantare e a stonare accendono fuochi d’artificio Preso ogni genere di veleno Canto di quanto ti ho amato, in me. Che tutti i tuoi guai Veleno nel mio sangue svaniscano. Quelle luci di cara, e di quanto ti amerò Natale continuano a brillare Ho raggiunto Ritornello Ad Oxford Street Quelle luci di Natale Cercando rimedio Illuminano le strade Scappare via Giù, dove il mare Quelle finestre l’hanno detto e le strade si incontrano Ma non credo sia fuggita Che tutti i tuoi guai svaniscano. Oh, luci di NaEmozionati Quando stai ancora tale continuate a brillare ad ascoltare questa aspettando che cada la neve Quelle luci di Natale profonda canzone.

30 www.newentry.eu


Prodigiosa ricetta spirituale

Un cucchiaio d’indulgenza per gli altri mescolato ad un cucchiaio di serenità per sé stessi. Due granelli di rassegnazione, tre pizzichi di umiltà, una fiala di purezza (fare attenzione perché evapora facilmente, per cui rinnovarla continuamente) il tutto mescolato, durante tutta la vita

RIFLESSIONI

ad una libbra di buona volontà e ad un’oncia di fiducia nella Divina Provvidenza. Se riuscissimo con un po’ di buona volontà a fare quello che la ricetta ci consiglia, questo sarebbe un mondo MERAVIGLIOSO!. Riflettiamo!!! Nonna Grazia

L’Emozione non aveva voce... poi nacque New Entry! Da 23 anni trasmettiamo Emozioni!

METTETEVI COMODI... QUEST’ANNO AI REGALI DI NATALE CI PENSIAMO NOI!!! Kit prodotti MooreCare con OMAGGIO trattamento viso alla Torba a 20 € Igienizzante mani + crema mani nutriente con OMAGGIO manicure a 30 € Crema corpo idratante + spazzola corpo con OMAGGIO scrub corpo in cabina a 48€ Lip Care + Eye Roll con OMAGGIO elettrostimolazione contorno occhi e contorno labbra a 55€ Thay Way Massage con OMAGGIO massaggio corpo 30 min a 50€ Maschera viso ossigeno + scrub viso ossigeno con OMAGGIO trattamento viso ossigenante a 64€ Hot Stone Massage con OMAGGIO radiofrequenza viso 70€

Almenno San Bartolomeo (Bg) - Piazza Italia, 6 (zona Cerita) - Tel. 035 64 30 78


Gorle (BG) - Via Celadina, 5/D - Tel 035 4520110

Bonate Sopra (Bg) - Via San Rocco, 4 - Tel 035 4236177

info@sicurgas.it - www.sicurgas.it


SEGNI NEL TEMPO

1981 2^ parte

13 Giugno l’Italia si ferma a Vermicino Verso le 13:00, su specifica richiesta dei soccorritori, arrivò sul posto un’altra perforatrice, più grande e potente della prima. All’incirca alla stessa ora andavano in onda le edizioni di mezza giornata del TG1 e del TG2: fu a questo punto che la RAI incominciò a occuparsi con vivo interesse del fatto (già affrontato con alcuni servizi trasmessi nei notiziari della notte precedente). Il giornalista Piero Badaloni affermò che il comandante Pastorelli aveva diramato la previsione che nel giro di pochissime ore la perforazione si sarebbe conclusa e l’operazione di salvataggio sarebbe andata a buon fine; per questa ragione

il TG1 si collegò in diretta con Vermicino, nella prospettiva di riprendere il salvataggio in tempo reale. Poco dopo anche il TG2 e il TG3 decisero di unirsi alla cronaca diretta dei fatti. Nel frattempo attorno al pozzo si era raccolta una folla di circa 10 000 persone: fu a questo punto che incominciarono ad arrivare anche i venditori ambulanti di cibo e bevande. Probabilmente anche questo colossale assembramento (la zona non era transennata e chiunque poteva arrivare fino all’imboccatura della cavità) ebbe un ruolo rilevante nel rallentare la macchina dei soccorsi. Intorno alle 16:00 entrò in azione la seconda per-

Augura Buone Feste

Augura Buone Feste 34 www.newentry.eu


SEGNI NEL TEMPO

foratrice: la prima era riuscita a scavare un pozzo di 20 metri di profondità (contro i 25 pronosticati all’inizio) e 50 cm di diametro. I tecnici operatori di questa nuova macchina, che l’avevano montata a tempo di record (3 ore contro le 12 previste dal manuale), sottolinearono la cospicuità del problema rappresentato dal sottosuolo duro e compatto, prevedendo non meno di 8-12 ore di lavoro per arrivare alla profondità richiesta. Alle 18:22 il pozzo parallelo aveva raggiunto una profondità di 21 metri e 4 centimetri: la sonda continua a scavare con difficoltà. Interpellato allo scopo, Elvezio Fava, primario di rianimazione all’ospedale San Giovanni, si dedicò a controllare le condizioni di salute del bambino, che era affetto da una cardiopatia congenita in attesa di essere operata a settembre: per il momento non si ravvisavano disfunzioni. Alle ore 20:00 entrò in funzione un terzo impianto di perforazione, più piccolo e agile; al contempo fu calata nel pozzo una flebo di acqua e zucchero, per tentare di dissetare Alfredino. Ritenendo non più necessario lasciare libere le frequenze, le stazioni radio locali ripresero le trasmissioni in onde medie. Alle 21:30 si rese necessaria una pausa nella perforazione; alle 23:00 fu autorizzato a scendere nel pozzo un volontario: Isidoro Mirabella, un manovale siciliano 52enne, residente a Castelchiodato di Mentana, dal fisico minuto e subito ribattezzato “l’Uomo Ragno”; egli però, a causa di ostacoli tecnici, non riuscì ad avvicinarsi a sufficienza al

bambino, anche se poté parlargli. Alle 7:30 del 12 giugno la perforatrice era scesa soltanto a 25 metri di profondità. Un’ora e mezzo dopo incontrò un terreno più morbido, che le consentì di accelerare la discesa; nel frattempo i soccorritori continuavano a parlare col bambino, che aveva cominciato a piangere dicendo di essere stanco, tramite l’elettro-sonda (primo fra tutti il pompiere Nando Broglio, che non lasciò un attimo il bordo del pozzo). Alle 10:10 lo scavo parallelo era arrivato a una profondità di 30 metri e 5 centimetri e un ingegnere dei vigili del fuoco rivide al ribasso la stima della profondità cui si trovava il bambino: 32,5 m invece di 36. Si decise pertanto di accelerare i lavori e di incominciare immediatamente a scavare il raccordo orizzontale fra i due pozzi, prevedendo di sbucare un paio di metri sopra Alfredino. Alle 11:00 giunse sul posto una scavatrice a pressione per scavare il tunnel di connessione, che tuttavia si bloccò poco dopo l’accensione. Tre vigili del fuoco incominciarono quindi a scavare a mano. Nel frattempo Alfredo aveva smesso di rispondere ai soccorritori, e i medici presenti sul posto, che ascoltavano il suo respiro, riferirono che stava peggiorando: 48 espirazioni al minuto. Alle 16:30 giunse sul posto il Presidente della Repubblica Sandro Pertini. Alle 19:00 il cunicolo orizzontale fu completato e finalmente il pozzo di Alfredino fu posto in comunicazione con il pozzo parallelo, a 34 metri di profondità. Tuttavia,

30° Anniversario

A DICEMBRE SCONTO

20%

Augura Buone Feste

Piazza Vittorio Emanuele II,17 BONATE SOPRA (BG)

www.newentry.eu 35


SEGNI NEL TEMPO

si dovette prendere atto del fatto che Alfredino non era nelle vicinanze del foro appena aperto: probabilmente anche a causa delle vibrazioni causate dalla perforazione, era scivolato molto più in basso. E nemmeno si sapeva di quanto. Pastorelli richiamò gli speleologi e Bernabei fu calato nel secondo pozzo, si affacciò dal cunicolo orizzontale e calò una torcia legata ad una cimetta per calcolare almeno in termini di massima la posizione del bimbo, che risultò lontano circa una trentina di metri. In seguito, si accertò che Alfredino si trovava a circa 60 metri dalla superficie. L’unica possibilità rimasta era la discesa di qualche volontario lungo il pozzo artesiano, fino a quota -60 metri. Il primo fu uno speleologo, Claudio Aprile, che si pensò di introdurre nel pozzo artesiano dal cuni-

Auguri di Buone Feste Via Dorotina,11 - MOZZO (Bg) - Tel. 035 611220 - Fax 0354376754 36 www.newentry.eu

colo orizzontale; tuttavia, l’apertura di comunicazione si rivelò troppo stretta per permettere di accedere da lì al pozzo artesiano ed il giovane speleologo dovette desistere. Un coraggioso volontario, Angelo Licheri, piccolo di statura e molto magro, autista-facchino presso la tipografia romana “Quintily” di via di Donna Olimpia, si fece calare nel pozzo artesiano per tutti i 60 metri di distanza dal bambino.Licheri, cominciata la discesa poco dopo la mezzanotte fra il 12 ed il 13 giugno, riuscì ad avvicinarsi al bambino, tentò di allacciargli l’imbracatura per tirarlo fuori dal pozzo, ma per ben tre volte l’imbracatura si aprì; tentò allora di prenderlo per le braccia, ma il bambino scivolò ancora più in profondità. Per di più, nell’effettuare il suo coraggioso tentativo, involontariamente gli spezzò anche il polso sinistro. In tutto, Licheri rimase a testa in giù ben 45 minuti, contro i 25 considerati soglia massima di sicurezza in quella posizione, ma dovette anch’egli tornare in superficie senza Alfredino. Dopo Licheri cominciarono ad offrirsi vari volontari, fra cui nani, esperti di pozzi e persino un contorsionista circense soprannominato


SEGNI NEL TEMPO

“Denis Rock”. Intorno alle ore 3:00 venne imbracato, per un altro tentativo, Pietro Molino, un ragazzo di 16 anni originario di Napoli, anch’esso di corporatura esile e giunto sul posto accompagnato da un cugino, ma poiché minorenne e senza il diretto consenso dei genitori per tentare di salvare Alfredino, il ragazzo venne fermato dal magistrato presente sul posto, proprio nel momento in cui era pronto ad effettuare la discesa. Verso le 5:00 del mattino ebbe inizio il tentativo di un altro speleologo, Donato Caruso. Anch’egli raggiunse il bambino e provò a imbracarlo, ma le fettucce da contenzione psichiatrica che aveva usato e che avrebbero dovuto assicurare una sorta di effetto cappio, scivolarono via al primo strattone. Caruso si fece ritirare su fino al cunicolo di collegamento, dove si fermò per riposare e poi ritentare. Dopo un poco, infatti, ridiscese. Effettuò altri tentativi con delle manette, metodo molto più rischioso anche per il soccorritore perché queste erano legate alla stessa sua corda di sicurezza. Alla fine, anche Caruso tornò in superficie senza essere riuscito nell’

Buone feste da...

www.newentry.eu 37


SEGNI NEL TEMPO

intento, riportando inoltre la notizia della probabile morte di Alfredino. La morte «Volevamo vedere un fatto di vita, e abbiamo visto un fatto di morte. Ci siamo arresi, abbiamo continuato fino all’ultimo. Ci domanderemo a lungo prossimamente a cosa è servito tutto questo, che cosa abbiamo voluto dimenticare, che cosa ci dovremmo ricordare, che cosa dovremo amare, che cosa dobbiamo odiare. È stata la registrazione di una sconfitta, purtroppo: 60 ore di lotta invano per Alfredo Rampi. » (Giancarlo Santalmassi durante l’edizione straordinaria del Tg2 del 13 giugno 1981.) Dopo la dichiarazione di morte presunta, per assicurare la conservazione del corpo, il magistrato competente ordinò che fosse immesso nel pozzo del gas refrigerante (azoto liquido a −30 °C). Il cadavere fu poi recuperato da tre squadre di minatori della miniera di Gavorrano l’11 luglio seguente, ben

Styl vetro Lavorazione artigianale del vetro per l’arredamento e per la casa

28 giorni dopo la morte del bambino. I ventuno minatori furono allertati quando ormai ogni speranza era sfumata e si trattava soltanto di recuperare la salma per darle sepoltura. Composero la squadra Italico Neri, Floriano Matteini, Leonello Lupi, Renato Bianchi, Ledo Mancini, Sirio Mengozzi, Giovanni Anedda, Mario Balatresi, Franco Montanari, Lauro Tognoni, Alberto Torresi, Spartaco Stacchini, Rino Paradisi, Silvano Monaci, Alberto Brachini, Renzo Galdi, Mario Zanaboni, Mario Deidda, Aldo Tommasselli, Pellegrino Falconi e lo stesso Torello Martinozzi. I minatori raggiunsero Vermicino il quattro luglio e, dopo aver piazzato le loro attrezzature, si calarono nel tunnel parallelo profondo 70 metri con

AMMINISTRAZIONE CONDOMINI · PORTE SCORREVOLI O A BATTENTE ·SPECCHI ·PARETI DIVISORIE PER UFFICI ·BOX DOCCIA ·TOP BAGNO ·GRADINI ·PAVIMENTI CALPESTABILI ·PARAPETTI E TETTOIE BONATE SOPRA (BG) - Via dei Biffi,5 Tel.035.49.43.305 - Fax 035.49.43.690 www.stylvetro.it - styl-vetro@libero.it 38 www.newentry.eu

FRULLONE Geometra ROSA • Revisore condominiale •

Almè (Bg) - Via Torre D’oro, 42 Tel. e Fax 035 63 81 85 Cell. 333 28 66 882 rosa.frullone@email.it


SEGNI NEL TEMPO

un diametro di 90 centimetri scavato dai vigili del fuoco a sedici metri dal pozzo artesiano nel quale era caduto Alfredino. Il loro compito era quello di realizzare una galleria per raggiungere il punto esatto dove giaceva il corpo del bambino. Fu un intervento complesso e pericoloso. I minatori lavorarono in tre turni continui e dopo sei giorni, intorno alla mezzanotte del 10 luglio, ebbero la percezione di essere vicini alla meta. “Era come se stessero lavorando nella loro miniera scavando per tentare di salvare un loro compagno sommerso da una frana” raccontarono le cronache. Verso le sette del mattino del giorno successivo il cadavere di Alfredino fu raggiunto. Dopo ulteriori otto ore di lavoro, quando erano circa le tre del pomeriggio fu portato in superficie. “I minatori di Gavorrano smontano le attrezzature in silenzio e con gli occhi lucidi, lasciando quel luogo di tragedia divenuto, nei giorni precedenti, palcoscenico di spettacolo”. Fecero ritorno in provincia di Grosseto “disdegnando ogni forma di protagonismo mentre, da settimane, andava in onda il tormentone delle interviste televisive”. Qualche mese dopo la morte del figlio, la madre di Alfredino, Franca Rampi, fondò il “Centro Alfredo Rampi” (poi divenuto una ONLUS), che da allora si occupa di formazione alla prevenzione e di educazione al rischio ambientale. È ormai accertato che nei soccorsi mancarono organizzazione e coordinamento. Ad esempio non fu mai transennata la zona intorno al pozzo, tanto che chiunque poteva avvicinarsi a esso e persino guardarvi dentro.

Di tutti gli errori e le manchevolezze la madre di Alfredino, Franca Rampi, parlò al Presidente Pertini, intervenuto sul luogo della tragedia, promuovendo di fatto la nascita della Protezione Civile, all’epoca ancora solo sulla carta. I funerali di Alfredino si svolsero il 17 luglio 1981 nella Basilica di San Lorenzo fuori le mura; la piccola salma venne trasportata da quegli stessi volontari che tentarono di salvarlo, fra cui Angelo Licheri e Donato Caruso. Infine fu sepolto presso il Cimitero del Verano di Roma; nel 2015 venne sepolto accanto ad Alfredino il fratello minore Riccardo, morto per arresto cardiaco ad appena 36 anni. Oggi in Italia esistono sette vie intitolate ad Alfredo Rampi, situate nei comuni di: Aci Catena nel catanese, Buccinasco nel milanese, nella frazione cagliaritana Pirri, Surbo nel leccese, Force nell’ascolano, San Marco Evangelista e Lusciano nel casertano. Fonte: wikipedia - fine

CALZATURE e ACCESSORI

Augura Buone Feste • Augura Buone Feste •

di Alice Gandolfi Via Vittorio Veneto,680 Presezzo (Bg) Tel. 035 41 56 912 www.newentry.eu 39


RIDIAMOCI SOPRA

Dal barbiere il padrone e un cliente chiacchierano tra di loro mentre un altro cliente sta leggendo il giornale. Il barbiere dice: “Certo ci sono dei lavori infami... prenda a caso il marinaio. Mesi e mesi lontano da casa e poi quando torna a casa magari si ritrova un bambino... chissà di chi è... non è vero?”. E rivolgendosi all’altro cliente gli chiede: “Lei cosa ne pensa?”. E il cliente: “Guardi, io sono un marinaio, ma le dico che noi non abbiamo problemi... quando tornando a casa troviamo la moglie con un bambino riempiamo la vasca da bagno e ci buttiamo il bambino... se nuota è certamente figlio di un marinaio, se non nuota è un figlio di qualcun altro e lo mandiamo a fare il barbiere!”.

cosa s t a tentando di fare? Ingelosirmi?”.

La maestra chiede ai suoi scolari se sanno quale sia la cosa più veloce dell’Universo. Carletto: “Il suono, signora maestra!”. La maestra: “Bravo, ma c’è qualcosa di ancora più veloce!”. Giovanni: “La luce!”. Maestra: “Bravo, è proprio la luce!”. Sentendo ciò, Paolo perplesso “Ti voglio bene come a un fratello”, si rivolge alla maestra: “Ma come? La luce? La firmato: Abele. cosa più veloce che ci sia è la merda!”. Maestra: “Paolo, cosa dici!”. Paolo: “Eh sì è proprio La padrona di casa confida alla domestica: “Sai, lei! Pensi che ieri sera mio nonno è andato al Anna, credo proprio che mio marito se la faccia bagno, non ha fatto in tempo ad accendere la con la sua nuova segretaria... “. “Signora, che luce che se l’è fatta addosso!”.

Augura Buone Feste

40 www.newentry.eu


Presezzo (Bg) - V.Vittorio Veneto 732 ... è lieta di annunciare l’apertura del piano superiore...

Gelateria - Cioccolateria Sala da Tè con pasticcini

con una consumazione a scelta in negozio, avrai in OMAGGIO un pasticcino*

ORARI DI APERTURA GELATERIA & CIOCCOLATERIA

Da Lunedì a Venerdì 08.00-18.30 Sabato e Domenica 08.00-19.30 Mercoledì giorno di chiusura

* Ritaglia il Coupon e presentalo in negozio. Avrai diritto alla promozione (valida fino al 31/12/17)


Il concorso gratuito che premia le più votate. Mandaci la tua foto e puoi vincere un servizio fotografico professionale!

COME PARTECIPARE? Inviaci una tua foto al numero 347.73.52.853 oppure tramite mail a redazione@newentry.eu, potresti essere selezionata per partecipare gratuitamente. Successivamente verrà richiesta l’autorizzazione alla pubblicazione della fotografia sul nostro giornale sia in versione cartacea che on-line. New entry si impegna a non divulgare i dati personali richiesti ( a parte il nome e l’età della candidata, informazioni utili per il regolare svolgimento della gara. L’editore si riserva il diritto di pubblicare il materiale ricevuto corredato dai dati anagrafici richiesti sulla cui attendibilità e veridicità declina ogni tipo di responsibilità. (Aut. conforme legge 675/96). Per quanto riguarda le votazioni verrà considerata una sola votazione per ogni numero di cellulare e mail. La scelta degli scontri è in base all’ordine di arrivo in redazione dei partecipanti. Il premio per la vincitrice è uno scatto fotografico realizzato dalla Bisdy Communication (Leone Rech Daldosso) sita a Calvisano in Via Isorella1.

Barbara- 31 anni

Laura- 29 anni

VOTA LA TUA PREFERITA!

Inviando un semplice messaggio o su whatsapp al 347.73.52.853

FOTO MAURO di Mauro Locatelli

La vincitrice dello scontro avrà diritto ad un servizio fotografico professionale.

Per informazioni: Tel. 035621955 - webmaster@foto-mauro.it Ci troviamo in via Sorte,62/a Brembate di Sopra (Bg)


53% Eleonora- 35 anni

47%Laura- 29 anni Lidia - 36 anni

La vincitrice parteciperà inoltre alla finalissima di Giugno

Buone Feste da...

RIPARAZIONI, ASSISTENZA MULTIMARCA GRANDI E PICCOLI ELETTRODOMESTICI

035. 57 69 66 alvaro.pontiggia@tin.it

338 30 18 808 338 38 38 420 www.newentry.eu 43


SOCIETA’

Avvento mai banale come il male

Natale è Natale, ci risiamo, le parole cadono una dietro l’altra, fanno incetta di stupefazione, di sguardi estasiati. Le parole arrampicano, s’alzano al cielo, l’illusione di un attimo, ridiscendono come rese. Le parole fanno corollario, circondario, confine, frontiera, stanno al palo, attendono il segnale. Il tempo rifugio comodo e convenzionale, scarta di lato, rimanendo mai fermo al centro della strada. Il tempo è compagno leale della parola, della sostanza, della realtà di ogni giorno, il tempo accompagna, insegna, educa, soprattutto, non bara né trucca la consegna di ritorno che avverrà. Ogni anno è Natale, ogni dicembre è Natale, ogni bimbo che nasce è Natale, ogni povero e ogni ultimo è orma di Natale, perfino il ricco e il potente è traccia di Natale. La co-

ANTINFORTUNISTICA ANTINCENDIO CARTELLI SEGNALETICI

TREVIOLO (BG) Via Provinciale alle Valli,20 Tel.035 69 31 76 - Fax 0356930 Email: maessrl@libero.it 44 www.newentry.eu

scienza sbaragliata dagli eventi, incapace di reagire, subisce gli impatti, le scosse, i tradimenti, eppure a fare la differenza non c’è la festa, nè il cibo donato a piene mani, neppure le prevaricazioni, i soprusi e le offese, le ingiustizie e il potere contrattuale nascosto agli occhi dei richiedenti, dei bisognosi, di quegli innocenti che non hanno altro che la propria dignità da offrire a quel bambino che verrà. Ci risiamo, Natale non è mai simile al precedente, è come il prima, il durante e il dopo di ognuno, che appartiene per diritto e per dovere a ciascuno, che avverrà perché costituisce costitutivamente i ponti delle prossimità, per quanto infine gli occhi vedranno e il cuore sentirà, cogliendo il bene, là, dove la condivisione non potrà mai vestire gli abiti della sottomissione. Natale e’ l’Avvento, non c’è strada diversamente breve per conoscere, per comprendere, per intuire i percorsi ed i vicoli ciechi, per fare un passo avanti, un passo in mezzo, foss’anche un passo sghembo, affaticato, claudicante, un passo con lo sguardo in alto. Ci risiamo, le parole prendono il sopravvento, a grandi falcate raggiungono i posti riservati, in prima fila, in bella mostra da tanto onore, parole di benvenuto e di commiato, parole che destano attenzione, parole che senza preavviso reclinano il capo, s’addormentano. In questa storia di umiliazioni e di fughe all’indietro, di uomini in croce e popoli oppressi, di terre martoriate e acque avvelenate, Natale non arretra, ci costringe a non arretrare, il tempo d’Avvento non soccombe alle parole, trasforma il male ed i silenzi protratti, Natale è risveglio e coraggio di chi è ferito, Natale è speranza, non soltanto di preghiera di qualcuno, Natale è davvero perdono e giustizia alla vergogna e alla paura, perdono e giustizia affinché nessuno rimanga a guardare. Vincenzo Andraous


FARMACIA LODRINI Dott.ssa Lodrini Nicoletta

DAL 4 AL 16 DICEMBRE

SCONTO del 20%

acquistando 2 prodotti

SCONTO del 30% se ne scelgono 3.

LUNEDI’ 18 DICEMBRE

Sconto del 30% su tutti prodotti Bionike Lunedi 11 dicembre sconto del 20% su tutti i prodotti Vichy incluse le confezioni Natale firmate Fabriano. ORARI DI APERTURA: da lunedì a sabato 8,30-12,30 e 15,00-19,00

MADONE (BG) - Via Papa Giovanni XXIII,30 Tel. e Fax 035 99 22 65 - lodrinifarmacia@gmail.com


SPECIALE

Associazione Nella Casa di Dorothy Racconto di Maria Rosa Sono Maria Rosa mamma di Agnese una ragazzina di quasi 12 anni. Le è stato diagnosticato l’autismo all’età di tre anni, presso la “ Nostra Famiglia “ a Bosisio Parini. Io non sapevo cosa significasse “Autismo”. Da lì è iniziato un lungo periodo di domande e risposte allo stesso tempo. Mi sentivo sola e abbandonata, ma i medici e infermieri che ho conosciuto lì, sono stati favolosi e stupendi dandomi delle indicazioni ben precise su come aiutare la piccola. Ha frequentato la scuola materna per quattro anni con tante difficoltà, pianti, crisi non capite; ma nell’ultimo anno ha trovato un’educatrice che l’ha aiutata e seguita molto bene. Agnese era serena e contenta. Ha frequentato il plesso potenziato per cinque anni con l’insegnante di sostegno ed educatrice, hanno saputo veramente come aiutarla nel miglior modo possibile con tutti i suoi disagi e difficoltà e per questo le ringrazio tantissimo di cuore per il bene ricevuto!!! Ora è inserita nella scuola primaria del mio paese, frequenta la quinta elementare: è all’interno della sua classe e si alterna nelle altre due sezioni per poter conoscere tutti i suoi nuovi compagni. E da loro è stata accolta benissimo. Qui ha conosciuto la sua nuova insegnante di sostegno e l’educatrice che ha conosciuto al Cre estivo. Sono persone eccellenti e competenti e sanno come operare con Agnese, lei è serena e tranquilla... questo significa molto per me. Da poco più di due settimane viene a casa un’educatrice per tre volte alla settimana, per ora conoscenza a vicenda e uscita sul territorio: in biblioteca, oratorio, a domicilio con delle attività più leggere. Un particolare di Agnese è che in un pomeriggio qualunque, lei ha indicato il punto giusto dove dovevano andare. E questo non è facile essendo non verbale. 46 www.newentry.eu

Agnese accetta anche la ragazza nuova. Si è ritrovata in un ambiente scolastico nuovo, immenso con figure di riferimento nuove ma lei è bravissima. Nel fine settimana frequenta lo Spazio Famiglia di Torre Boldone da cinque anni. Li è seguita da operatori, assistente educatrice con laboratori vari, musicoterapia, gestione della quotidianità domestica e giornaliera per renderla il più autonoma possibile in un futuro. Il mio pensiero corre spesso con la mente per il suo futuro come sarà senza di noi genitori .”Chi l’aiuterà in questo mondo così altalenante e insidioso. Sono contenta di essere in questa chat “Nella casa di Doroty “ con mamme e papà meravigliosi che ogni giorno affrontano tante difficoltà e faticano per aiutare i nostri figli per dare loro un senso alla vita! Un grandissimo grazie con affetto immenso a Tiziana per averci dato la possibilità di incontrarci e conoscerci . Mamma di Agnese Marilù Siamo un gruppo di mamme e papà di bambini autistici. Abbiamo creato una associazione, a cui abbiamo dato il nome “Nella casa di Dorothy”. Qui ci scambiamo opinioni, ci confrontiamo ed ogni tanto ci incontriamo per un caffè. Se anche tu hai un vissuto simile e vuoi entrare in chat, contattaci: Valsecchi Tiziana - Cell. 329 98 05 488


Offerte in vendita PONTERANICA

PONTERANICA

ALME’

Cod. 10003 Casetta indipendente possibilità due unità. € 186.000

Cod. 10908 Nuova realizzazione appartamenti, scelta finiture da € 79.000

Cod. 10912 Quadrilocale di 125mq ultimo piano box e cantina € 175.000

ALME’

SORISOLE

PALADINA

Cod. 11174 Centro paese, bilocale con ampio giardino privato € 79.000

Cod. 11185 Appartamento di 150mq TRIPLO box, zero spese € 230.000.

11192 Soluzione semi indipendente, ampio giardino, ottime finiture € 290.000

Offerte in affitto

SORISOLE bilocale in corte ristrutturata, arredato possibilità box. Cl. E – ipe 125.04 € 500,00 VILLA D’ALME’ trilocale 90 mq, ultimo piano terrazzato con doppio box Cl. F – ipe 168.04 € 550,00 VILLA D’ALME’ bilocale vuoto senza spese condominiali Cl. F – ipe 161.47 € 350,00 SORISOLE casetta indipendente e ristrutturata circa 65 mq non arredata Cl. F – ipe 165.21 € 500,00 ALMENNO S.S. trilocale vuoto nuovo con box cantina e posto auto Cl. B – ipe 55.21 € 550,00 tratt.

EsseVi Immobili - Tel. 035 63 63 27 Almè (Bg) - Viale Italia,37 - www.essevialme.it

esseviimmobili@alice.it


TERNO D’ISOLA - Via E. Fermi 11 Tel. 035905470 - www.presentemoda.com


RIFLESSIONI

Ad una famiglia Piccola mia, anche se ormai più piccola non sei, una mamma vede il figlio un piccolo da accudire ogni momento della sua vita. Tu figlia mia hai reso la mia vita, la più bella che ci sia. Non è facile crescere un figlio come si vuole ma una mamma lotta perché sia sereno. Per te ho lottato molto nel periodo adolescente, dove tutto è facile, tutto è normale. Hai sempre fatto di testa tua, dando confidenze ad amiche che agli occhi di una mamma non erano granchè, erano confidenti, non vere amiche!!! Ma tu hai continuato la tua strada tralasciando a poco a poco e senza accorgertene, le tue abitudini sane per quelle nuove e sentendoti troppo grande per i soliti rimproveri di una mamma. Oggi figlia mia hai

19 anni ed hai capito sulla tua pelle ciò che tua mamma voleva dirti, quanto ha pianto di nascosto, quanto ha sperato che tu “tornassi a vivere”. Una mamma vede quello che ad una figlia a volte sfugge. Una mamma ha vissuto prima di te figlia mia! Oggi figlia mia hai capito le tue “mattate trasgressioni” e ne sei uscita a testa alta, valutando forse i consigli di una mamma. Tua mamma ha smesso di piangere di nascosto, ma continuerà sempre a rimproverarti, e se tu figlia mia, hai capito quanto t’amo… e che ogni giorno una mamma vive per il proprio figlio, un giorno quando non ci sarò più, forse guarderai una mia foto e dirai: “Grazie di esserci sempre stata mamma…”. Una mamma

Augura Buone Feste

Riparazioni in genere Capi su misura e Abiti da Sposa Iniziali sulle camicie Al fine di garantire un miglior servizio, è gradito l’appuntamento

Almenno San Bartolomeo (Bg) Via Dante Alighieri,41 Tel.035 548079

Augura Buone Feste Via Bergamo, 1631 - PONTIDA (BG) Tel. 035 90 98 18 - Cell. 349 39 44 535 www.newentry.eu 49


SPECIALE

Autismo: il Mostro del Silenzio La Pescatrice di Voci (Nona parte) Autrice: Daniela Vanillo re, di leggere in qualche movimento la sua colpa.

Una storia sussurrata a piccoli passi. Il giorno dopo è il giorno della verità. Mentre aspetto il suono della campanella individuo la madre di uno dei ragazzi più grandi. Mi scuso per l’invadenza, mi presento e le chiedo se può chiamare il figlio. Il ragazzo a guardarlo da lontano si presenta molto più grande della sua età e potrebbe frequentare la terza classe. È molto alto almeno un metro e ottanta ed ha un fisico corpulento, capelli mossi ed occhi scuri. Avanza timidamente scendendo dalla gradinata e scorgendomi con sua madre, si ferma e si gira verso i compagni. Un’ultima occhiata e poi avanza un po’ impacciato. Sto cercando nel suo avanzare lento, di capi50 www.newentry.eu

C’è un modo per iniziare questi discorsi? Io non lo conosco! Non ho esperienza sto cercando le parole, d’altronde non ho prove e chiunque sia stato a spingere mia figlia dalla scalinata, per almeno quaranta gradini, crede che lei non possa parlare. Poi penso che dietro le sembianze di un uomo c’è poco più di un ragazzino. La madre stranamente non mi chiede il motivo della richiesta. In silenzio attendiamo il suo arrivo. Maria è rannicchiata nel sedile posteriore dell’auto ed è agitata. A lei non posso chiedere se conosce il ragazzino, ma a lui sì.

Augura Buone Feste

Il ragazzo finalmente è arrivato e la madre mi precede nella domanda chiedendo al figlio se mi conosce. Senza tentennamenti, il figlio risponde che sono la mamma di Maria dicendo la frase: “Sai… quella bambina…” Tento ancora di parlare ma la madre freneticamente mi precede. Gli chiede se conosce Maria e come mai la conosce dato che hanno un’età molto diversa; infatti Maria ha undici anni e lui quindici. Mi rendo conto che è un ragazzo ripetente e osservandolo mi porta alla memoria i ragazzi delle classi differenziali degli anni sessanta. Allora, chi aveva problemi di apprendimento, o non studiava veniva inserito in una classe differenziale frequentata da bambini dai sei ai sedici anni, con le conseguenti problematiche di relazione e di autostima. La madre lo incalza riproponendo la domanda. A quel punto il figlio risponde: – Io con quella faccenda non ho niente a che fare”. Lo guardo e penso: “Li ho trovati!” Bene, ora li conosciamo ora è finita. Dopo la risposta inizio io a parlare e la comprensione per l’età è svanita e sono furiosa! Domando subito:


SPECIALE

– Chi sono gli altri?” Ma come vi è venuto in mente di spingere una bambina indifesa giù dalle scale con premeditazione? Il ragazzo risponde: – Me lo hanno fatto fare gli altri, volevamo divertirci a vedere come quel bradipo volasse giù dalle scale.” Ero furiosa e gli risposi: – Sei grande e grosso, se io che sono una persona adulta ti incontrassi di sera, in una strada buia con la faccia che hai me la darei a gambe! Quella bambina ha un nome ed è molto più coraggiosa di te. Ha sempre subito le vostre gesta e sentito i vostri commenti sgradevoli e non si è mai lamentata. Ogni mattina si è presentata come un bersaglio mobile ricevendo i vostri insulti. Non vi avrebbe mai denunciati al preside. Siete solo dei vigliacchi! La madre apprende il motivo della mia brusca presentazione proprio in quel preciso momento. La guardo mentre si scaglia sul figlio con male parole e con ceffoni, tanto che nel frastuono non mi accorgo del loro brusco allontanamento e resto seduta sulla gradinata con lo sguardo pensieroso ed attonito. Maria scorge il viso dal vetro interno del finestrino posteriore della macchina. Scorgo i suoi occhi azzurri che mi cercano mentre mi alzo dal gradino e penso che tutto è finito. Sono soddisfatta domani andrò in direzione e mentre mi avvicino alla macchina, mi giro stupita e consapevole che ora la situazione è sotto controllo. Il giorno dopo mi reco in direzione perché la scuola prenda atto della situazione e successivamente provveda a contattare i tre ragazzi e le loro famiglie. Mi rassicurano chiedendomi nuovamente di non fare troppa pubblicità. I ragazzi saranno richiamati, ma nessuno porgerà delle scuse né a me né a Maria. Da quel giorno lei non si fermerà più a mangiare nel refettorio che si trova nei sotterranei, preferisco non lasciarla mai sola. Erano proprio il refettorio ed i corridoi dei sotterranei i luoghi dove

veniva insultata. Maria nei i tre anni della scuola media non parlerà mai più dei compagni. Riconosce tre compagne che erano nella sua classe alle elementari, ma solo quelle. Degli altri sente il nome quando fanno l’appello ma per lei sono senza faccia. Mi racconta, che quando riesce finalmente ad abbinare la voce al volto il riconoscimento non dura per molto tempo. Se poi il compagno effettua un cambiamento, anche solo il taglio dei capelli, lo perde e si ricomincia da capo con l’identificazione visiva. Lei possiede un limitato contatto oculare, non guarda mai il suo interlocutore negli occhi. Dice che se incontra lo sguardo degli altri le rubano i pensieri. Non che lei ne abbia di particolari, ma dice che sono solo suoi, non sono condivisibili né spendibili con nessuno. continua-10

Augura Buone Feste

www.newentry.eu 51


SPETTACOLO & ARTE

Sanela Stepanovic una Miss in fabbrica In Italia stava muovendo i primi passi nel mondo dello spettacolo. Tante fasce vinte ai concorsi di bellezza, sfilate in passerella per stilisti e atelier, uno spot per la Kinder andata in onda sulle reti Mediaset, pubblicità per la linea di occhiali Mark Jocobs e ragazza immagine di Alfa Romeo. Oggi, Sanela Stepanovic ha salutato il Belpaese e si è trasferita in Svizzera, a pochi chilometri da Berna. Dove, molto semplicemente, lavora in fabbrica. “Mi sveglio alle 5 del mattino, timbro il cartellino e sono un’operaia come tante altre” racconta con naturalezza dopo l’ennesima giornata di lavoro. Origini serbe ma nata e cresciuta nel Veneto, Sanela è una di

quelle bellezze che non passano inosservate. Se non altro per i suoi 176 centimetri d’altezza che ben presto le avevano fatto conoscere il mondo della moda, della fotografia, dei concorsi di bellezza. “Ho ottenuto traguardi di prestigio, realizzato pubblicità e cataloghi, vinto decine di fasce a concorsi di bellezza che ancor oggi custodisco gelosamente” spiega con una timidezza che Buone Feste da...

52 www.newentry.eu


SPETTACOLO & ARTE

sparisce non appena ci sia da mettersi in gioco. In Italia ha studiato Addetta alle vendite. Sognava un futuro che, invece, il Belpaese non le ha dato. Così, un giorno, ha preso il treno per la Svizzera ed ha scommesso sul suo futuro. Oggi, Sanela Stepanovic ci sta realizzando professionalmente lavorando in fabbrica. Una quotidianità che, appena può riesce ad incastrare con quel ruolo di miss e modella che si è costruita fin da giovanissima. “Nel mondo dello spettacolo si deve avere un carattere forte e deciso, perché all’orizzonte ci sono moltissime delusioni - aggiunge Sanela - Non è facile come sembra, questo lo posso assicurare. C’è tanta competizione e tanta invidia, si combatte con se stesse portando avanti i valori che ciascuna di noi possiede. Io indosso orgogliosamente una croce al collo, penso che la dignità di una persona venga prima di ogni possibile traguardo lavorativo”. Eppure, c’è un qualcosa che la fabbrica non le ha tolto: quel tocca di eleganza e femminilità che dev’essere innato. “Anche se lavoro in una fabbrica, porto lo stesso vestiti, tacchi e jeans. Ovviamente ho un difetto: amo i tacchi e quindi

li porto sempre! Una cosa che mi dicono tutti riguarda il mio portamento, come cammino e come mi atteggio: si vede che faccio sfilate e concorsi. A me viene automatico camminare cosi perché lo si fa nelle passerelle per tanto tempo e lo si fa di conseguenza anche nella vita quotidiana.”.

Gelateria dell’Isola Bar - Caffetteria - Gelateria - Paninoteca Augura Buone Feste APERTI 7 GIORNI SU 7

LUNEDI’ 05.30-15.00 - DA MARTEDI’ A VENERDI’ 05.30-20.00 - SABATO E DOMENICA 05.30-24.00

CARVICO (BG) via Don Pedrinelli,68 - Tel.035.79 35 72 www.newentry.eu 53


SPETTACOLO & ARTE

Seducão: l’eleganza e la forza femminile raccontata dal gioiello

I gioielli sono quelli disegnati da Thais Bernardes, modella brasiliana. La testimonial è Silvia Casonato, una fra le più importanti social-influencer italiane con oltre 700.000 follower e una popolarità equamente ripartita fra Italia, Europa e United States. Le fotografie sono di Daniele Scarso, genio creativo che ha saputo combinare emozioni e particolari in scatti da ammirare. A partire da lunedì 20 novembre, nella prestigiosa sede del Brian&Barry Building di via Durini a Milano, Thais Gioielli Milano inaugura una mostra fotografica tutta al femminile per mettere in evidenza le varie sfumature della donna moderna, indipendente e forte. Per farlo, la modalità scelta è quella dell’immagine, attraverso una serie di foto dedicate alla nuova collezione di gioielli “Seducão” indossate dall’influencer italiana Silvia Casonato. In questa mostra, scattata dal fotografo Daniele Scarso, la nuova collezione 54 www.newentry.eu

di Thais Gioielli Milano viene interpretata in chiave forte e seducente per raccontare e togliere ogni dubbio sulla forza delle donne che sanno conquistare il loro spazio in un mondo dove, purtroppo, ancora troppi veli vengono posti sul volto femminile. Il messaggio sociale compare quindi con forza in ogni immagine e l’accessorio Thais Gioielli Milano diventa semplicemente il pretesto per raccontare uno spaccato di quotidianità. L’eleganza del messaggio veicolato, unito al valore del gioiello e al seguito social di Silvia Casonato, si pongono come obiettivo quello di raggiungere una platea quanto più numerosa e variegata. Per questo motivo, la mostra (20 novembre – 4 dicembre) sarà ad ingresso gratuito e si pone come momento di riflessione e di osservazione. Thais Gioielli Milano è un giovane brand di gioielli che in poco tempo è riuscito a con-


SPETTACOLO & ARTE

quistare l’attenzione e l’apprezzamento di clienti e negozi prestigiosi grazie alla qualità dei materiali usati per i suoi gioielli, lo stile contemporaneo e i messaggi trasmessi con le campagne pubblicitarie e le iniziative intraprese. I gioielli Thais sono un mix tra Italia e Brasile, qualità e tradizione, dettagli e leggerezza, eleganza e moda. “Abbiamo scelto di presentare la nuova collezione di Thais Gioielli Milano in un contesto esclusivo, associandolo al valore dell’immagine e del messaggio di donna moderna – sottolinea Thais Bernardes, ideatrice e titolare del brand Thais Gioielli Milano – con soddisfazione ci presentiamo al pubblico di Milano, centro indiscusso della moda internazionale, in un modo innovativo, con l’obiettivo di colpire l’occhio ed il cuore della gente”. “Ringrazio Thais per la straordinaria occasione propostami – sottolinea Silvia Casonato – Troppe volte chi indossa un gioiello incarna uno sterile marchio privo di emozioni. In questo caso, la collezione è il tramite per raggiungere uomini e donne di ogni parte del mondo, per coinvolgerli in una modernità che passa attraverso un accessorio di valore e si affianca alla vita di tutti i giorni”.

Buone Feste da...

www.newentry.eu 55


RIFLESSIONI

Il meglio di noi stessi... Se non puoi essere un pino in cima alla collina. sii un arbusto nella valle, ma sii il miglior, piccolo arbusto accanto al ruscello; sii un cespuglio, se non puoi essere un albero. E se non puoi essere un cespuglio, sii un filo d’erba, e rendi più lieta la strada; se non puoi essere un luccio , allora sii solo un pesce persico: ma il persico più vivace del lago! Non possiamo essere tutti capitani, dobbiamo essere anche equipaggio. C’è qualcosa per tutti noi qui, ci sono grandi compiti da svolgere e ce ne sono anche di più piccoli, e quello che devi svolgere tu è li, vicino a te. Se non puoi essere un’autostrada, sii solo un sentiero, se non puoi essere il sole, sii una stella. Non e grazie alle dimensioni che vincerai o perderai: sii il meglio di qualunque cosa tu possa essere. (Douglas Malloch) Il poeta utilizza parole semplici e laconiche che ci indicano la strada per raggiungere il nostro equili-

di Pala Giulio

2008

Creazioni Artigianali

brio e di conseguenza ci preparano la strada che conduce verso la felicità:dobbiamo far valere nella nostra società quello che abbiamo di buono e puntare su questo per il successo. In effetti non dobbiamo invidiare nessuno:tutti abbiamo qualcosa che ci fa rendere importanti e ci fa ottenere la stima degli altri. Elementi naturali, dall’inizio alla fine: dal pino al piccolo cespuglio, dal sole fino alla stella,e si può dire che tutti hanno un valore. E’ un invito sincero a vivere secondo la propria natura: non dobbiamo essere primi in tutto ma farci apprezzare per le nostre peculiari qualità. Tra il pino che s’eleva sul monte e l’arbusto non c’è tutto quel contrasto che si percepisce a prima vista allo sguardo: in realtà entrambi sono ciò che sono, e una stessa sostanza, al fondo li unisce: entrambi sono di legno. Tutte le cose e tutte le creature devono avere una sola mira: fare al meglio ciò per cui sono nate, per cui sono al mondo. In effetti bisogna combattere per essere ciò che si è, con il limite che la propria natura impone . Tutti gli elementi sono coinvolti: terra, acqua ed aria. Solo abbracciando l’universo si arriva ad incarnare la propria essenza, che è forza pulita, senza problemi, che sia il riflesso luminoso di un piccolo corso d’acqua o il chiarore intenso del sole. Fare qualsiasi cosa al meglio, secondo quello che abbiamo dentro,che è nostro e va apprezzato.. Gabriella Masoni

Riparazione e Vendita Oro, Argento e Orologi AUGURA A TUTTA LA CLIENTELA BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO VALBREMBO (BG) - VIA ROMA,27/D Tel.035.54.49.93

Inserito nel Residence "VECCHIA SCANO" - Retro Residence 56 www.newentry.eu

Augura un Sereno Natale e Felice Anno Nuovo E’ gradita la prenotazione Tel. 035 795102 - Cell. 347 5804346 ORARI DI APERTURA da Martedì a Giovedì 09.00-12.30 / 14.00-19.00 Venerdì e Sabato dalle 09.00 alle 19.00

PONTIDA (BG) - Via Baradello,6


POLISPORTIVA BREMBATE DI SOPRA Via Locatelli, 36 – Tel. 035 62 13 43 www.piscinabrembate.it - info@piscinabrembate.it

OFFERTE DI QUALITA’ E PREZZI IMBATTIBILI APERTE LE ISCRIZIONI TUTTO L’ANNO!!!

PISCINA CON GIARDINO ESTIVO

NUOTO LIBERO – CORSI DI NUOTO: 0/3 anni – baby – ragazzi – adulti – gestanti

CORSI FITNESS in acqua: SOFT – GAG – STEP – ACQUAGYM – ACQUBIKE PILATES – MIXFLAP – TONIC – CIRCUIT – TOTALBODY VISITE MEDICHE – FISIOTERAPIA – ALIMENTARISTA Giardino estivo – Salone BAR – Ampi parcheggi

CORSI di:

PALESTRA

SPINNING – AEROBICA – STEP – PILATES – Gym MUSIC Gym TONIC - YOGA – ginnastica di MANTENIMENTO e DOLCE – PRESCIISTICA – DANZA MODERNA DIFESA PERSONALE – Balli LISCIO e LATINO

Atletica – Basket – Calcio – Ciclismo – Pallavolo Rugby - Karate – Wushu – Ginnastica ritmica

SPORT

CALCETTO

mt 40x18 coperto – noleggio singoli e campionati

STUDIO DEL SOLE Serate osservative alla scoperta di: luna, pianeti, stelle, galassie, nebulose, comete, astri del cielo

PLANETARIO

Film di astronomia in 3D digitale, conferenze e corsi di astronomia, visione virtuale del cielo (possibile anche in caso di maltempo)

OSSERVATORIO ASTRONOMICO

ASTROSHOP

Vendita telescopi, binocoli, strumenti ed idee regalo di astronomia.

BREMBATE DI SOPRA (BG) – c/o scuole elementari Tel. 035 62 15 15 – www.latorredelsole.it


Future Emotion

FUN FOR KIDS Le moto non sono solo un giocattolo da grandi! Con le moto fuori strada elettriche c’è una marcia in più per coinvolgere i bambini ed insegnare loro in modo spensierato e divertente le basi della guida motociclistica! I “baby” piloti principianti che affrontano per la prima volta la guida della moto da trial o cross KUBERG hanno la possibilità di imparare importanti nozioni pratiche in maniera ludica! Queste moto elettriche hanno un motore

58 www.newentry.eu

potente con grande coppia torcente e significante accelerazione che garantisce un’esperienza eccezionale di guida ma soprattutto tanto, tanto divertimento per i vostri bambini. La qualità delle moto e le varie dimensioni/ modelli aiutano i nostri piccoli piloti ad acquisire corrette abitudini di guida. Questi modelli permettono una guida silenziosa, senza miscela, senza accensione, senza lo scarico bollente e senza una manutenzione costosa e complicata, perfette per essere caricate in macchina anche dalle mamme, ed utilizzate dai bimbi al parco o in cortile (senza affumicare il vicinato). Oltre al divertimento per i piloti, la caratteristica principale della gamma Kuberg sta nella SICUREZZA. I vostri bambini potranno infatti guidare mezzi che montano: freni a disco;


Future Emotion

Kill switch (bracciale di spegnimento); Limitatori e regolatori di velocità; Regolazione di impulso elettrico. Seguendo il pensiero aziendale, e l’indicazione dei clienti, da quest’anno è anche disponibile un’applicazione specifica per permettere la regolazione di questi sistemi di sicurezza direttamente dal proprio smartphone, con l’aggiunta della regolazione di distanza dal dispositivo mobile, per permettere lo spegnimento del veicolo quando il bambino si allontana dal controllo del genitore. La app è disponibile per dispositivi iOS ed Android. Il team Future è a vostra disposizione per mostrarvi e farvi testare tutta la gamma Kuberg, e vi aspetta con grandi promozioni per Natale. Future Emotion

LO SPECIALISTA DELLA MOBILITA’ ELETTRICA VENDITA E RIPARAZIONE MOTO TRIAL E MOTOCICLI OFFROAD

VENDITA E RIPARAZIONE BICICLETTE

FUTURE SRL Via Resistenza,13 · 24030 Almenno San Bartolomeo (Bg) Tel. +39 035 54 84 12 · Fax +39 035 55 30 25 www. futuretrial.com - info@futuretrial.com

FUTURE E-MOTION snc Via Bergamo 1146 · 24030 Pontida (Bg) Tel. +39 035 54 84 12 · mobile +39 366 40 14 289 www.futuretrial.com - info-e-motion@future-specialist.com

www.futuretrial.com

www.futuretrial.com

future specialist

future e-motion www.newentry.eu 59


TAPPEZZERIA ARRIGONI

Brembate di Sopra (Bg) - Via Cesare Battisti,22 Tel./Fax 035 332096 www.tappezzeria-arrigoni.it info@tappezzeria-arrigoni.it

VENDITA, MONTAGGIO E ASSISTENZA TENDE PER INTERNI - TENDE DA SOLE - PERGOTENDE ZANZARIERE - TENDE A RULLO - RIFACIMENTO SEDIE E DIVANI

60 www.newentry.eu


RIFLESSIONI

Ricordo il Natale Ogni anno aspetto con ansia il Natale. Per me e’ stato sempre atteso anno per anno. Da bambino speravo che Natale arricchisse la mia stanza di un televisore piu’ grande, possibilmente a colori e si perche’ da bambino mi ricordo avevo nella mia camera una tv a 6 canali bianco e nero, poi fortunatamente mio padre incominciò a ingranare con il lavoro e mi fu regalata una Grunding senza telecomando da 40 canali a colori. Mi ricordo che all’inizio non volevo mai spegnerla, ero affascinato dai colori dei cartoni animati e mi ricordo che fu proprio di Natale. E poi ricordo che desideravo il Natale perchè era l’unico periodo dell’anno che vedevo più tempo mio padre e mio fratello maggiore, nulla a togliere il resto della famiglia che era diciamo presente quasi sempre. Anche se mio padre aveva un carattere molto all’antica e sempre sul chi va là io desideravo sempre vederlo. Poi crescendo le cose sono andate man mano modificandosi. A Natale mi ricordo che mia madre non finiva mai di cucinare, addobbava la tavola di tanti ma tanti antipasti, e mi ricordo che a ognuno di noi cucinava il piatto preferito. Ma io a differenza degli altri preferivo organizzare una partita di carte oppure anche se in pochi una piccola tombolata fra di noi, ma purtroppo finito di

AUTOSCUOLA Bonate Sotto (Bg)

Via V.Veneto,35 Tel. E Fax 035.99.16.37

mangiare crollavano tutti. Ma io mi creavo sempre un qualcosa da fare o mi mettevo davanti alla tv, oppure mi ricordo, prendevo tutte le macchinine e le cominciavo a mettere tutte in file indiane immaginando un percorso di città molto trafficato. Mi ricordo che quando mia madre mi veniva a prendere a scuola io puntualmente mi fermavo davanti al negozio di giocattoli e la costringevo a comprarmi una macchinina e devo dire la verità ne uscivo sempre vincitore. Mi ricordo che avevo macchinine di tutti i modelli e me le curavo tantissimo. Mi ricordo che in un periodo dell’infanzia ho passato dei stupendi natali. Non ho mai sentito la necessità di condividere le mie emozioni con nessuno perchè non mi mancava nulla. Mi ricordo l’unica cosa che non sopportavo, era quella di mettermi a studiare sotto il periodo natalizio ma mia madre se non studiavo mi toglieva la settimana e in più non permetteva ai miei amici di venire a casa. Ma se invece vedeva che io studiavo e mi comportavo bene mi concedeva anche il lusso del calcetto post scuola. Crescendo le mie richieste natalizie sono andate man mano aumentando, mi ricordo quando andavo alle scuole medie, accompagnavo alcuni miei amici benestanti nei migliori negozi di piazza

B U O N E F E S T E

AGENZIA ADDA PRATICHE AUTOMOBILISTICHE Calusco d’Adda (Bg) Via Europa,21 Tel.035.79.32.11

www.newentry.eu 61


RIFLESSIONI

Dante ad acquistare abiti firmati, mi ricordo sto fatto perchè non so quanti casini ho dovuto fare a casa perchè anche me piaceva vestire come loro ma mia madre era contraria a spendere cosi tanti soldi per un pantalone firmato, quando all’epoca con gli stessi soldi nel mercatino ne acquistavi 4 al prezzo di uno firmato. Arrivai ad un punto di dirgli: “mamma preferisco camminare con le scarpe rotte e con i panni stracciati tutto l’anno ma quando mi devi comprare un jeans voglio almeno il Levis non del tutto originale anche scartellinato ma basta che era un Levis”. Mi ricordo quando uscirono le scarpe della Cult, le vedevo e rivedevo indossate agli altri e le ho sempre desiderate, figurati per sto fatto delle cult, volevo farmele comprare durante i saldi ma erano gli unici modelli che mantenevano il prezzo. Mia madre quando diceva no era no con la emme maiuscola. Mi ricordo il mio primo fratello quando veniva Natale era la persona che desideravo di più vedere, stava sempre imbarcato tutto l’anno e speravo che a Natale lo vedessi e mi rimaneva sempre a bocca aperta, ogni volta mi portava una

macchina radiocomandata. Mi ricordo i giorni di Natale passati nell’infanzia come se fossero stati ieri, mi ricordo in tutti i minimi dettagli tutto cio’ che facevo. Mi ricordo il momento che per me era il più bello quando dovevo dire la poesia a mio padre e per fargliela ascoltare impiegavo tre ore, perchè mio padre quando ci vedeva tutti riuniti a Natale incomiciava a parlare con noi con un ordine di nascita cronologico. Per esempio la prima cosa, era dare i complimenti a mia madre per l’impegno messo in cucina, poi incominciava in ordine cronologico con noi figli. Quando veniva il mio turno la prima cosa che gli dicevo prima di dire la poesia, papà, quanto mi regali se ti dico la poesia? Lui diceva dimmi prima la poesia e poi se ne parla, io mi mettevo d’innanzi a lui e incominciavo a dirgliela, poi non so.. talmente che mi facevo prendere dall’emozione, che arrivavo ad un certo punto della poesia e mi bloccavo e mio padre diceva che se non la dicevo tutta non mi dava niente, e io prendevo e me ne andavo nella cameretta a ripetere. Pensa la notte di Natale a studiare.... Alla fine quando riuscivo a dirgli la po-

LAVASECCO MARY GIO’ QUICK - SEC

Augura Buone Feste

Augura Buone Feste SI ESEGUONO PULITURE DI:

PELLI PELLICCIE TAPPETI COPERTE

PIUMONI COPRIDIVANI TENDE

A RICHIESTA LAVAGGIO AD ACQUA

CISANO BERGAMASCO (BG)

Via Mazzini. 46/B - Tel. 035 78 24 83 62 www.newentry.eu

PRODUZIONE ARTIGIANALE INGREDIENTI NATURALI Gelati in coppa e da asporto Semifreddi e torte gelato - Granite SI ACCETTANO PRENOTAZIONI PER TORTE GELATO, SEMIFREDDI E CANNOLI SICILIANI

CISANO BERGAMASCO (BG)

Via Mazzini,46/B - Tel. 3200135579


RIFLESSIONI

esia ecco che veniva il premio, mi ricordo... cacciava quel malloppone di 100 mila lire e poi uscivano quelle solite 40 mila lire come premio. Quei “natali” sono stati bellissimi, peccato che non ne sono stati cosi tanti. Mi ricordo che dopo l’eta’ di 14 anni i “natali” cominciarono a diventare sempre più solitari, i numerosi problemi che colpirono la mia famiglia distrussero tutta la pace e l’armonia che vigeva nella nostra casa. Quello dei 14 anni fu l’ultimo Natale che ho passato bene con la mia famiglia. Mi ricordo che all’improvviso ho dovuto fare un cambiamento d’abitudini da un anno ad un altro, ormai i “natali“ in casa mia non si sono più fatti nè vedere nè sentire. E da lì che ho avvertito la mancanza e iniziato a soffrire di solitudine, per noi ormai il Natale era un giorno come un altro. La cosa che mi faceva soffrire di più è di avere un fratello coetaneo. Poi all’improvviso, crescendo, i miei “natali” sono diventati come io sempre li desideravo, ricchi di persone. Erano i natali che passavo con gli amici. Una famiglia cosi numerosa che a riunirla ci volevano tanti di quei tavoli e non vi dico di quanti piatti sul quei tavoli... Oggi per conseguenza di vita siamo tornati punto e a capo ma la mia mente spesso ama tornare a ricordare quel Natale dove bastava la compagnia di chi vuoi bene per essere felice. Michy

BUONE FESTE DA...

Gio Acconciature Giò e il suo staff augurano un Sereno Natale e Felice Anno Nuovo BREMBATE DI SOPRA (BG) - Via IV Novembre,47

Tel. 035 33 24 82 Email: acconciaturegio@gmail.com

Buone Feste da...

VENDITA E ASSISTENZA

TELAI SU MISURA - CICLI CORSA MOUNTAIN BIKE - ABBIGLIAMENTO ACCESSORI Via Bolis,11 - Sombreno di Paladina (Bg) - Tel. 035.542027

e Buon e Fest Brembate Sopra BG Via Cesare Battisti,34 Tel. 035 33 26 00 Fax 035 60 13 468 www.lamerceriadisilvia.com

BUONE FESTE DA...

www.newentry.eu 63


NEW ENTRY - edizione di Bergamo 1- 18 Dicembre 2017  
NEW ENTRY - edizione di Bergamo 1- 18 Dicembre 2017  

Cultura, informazioni e soprattutto Emozioni da vivere.

Advertisement