Page 58

miscela di esperienze, ed ultima quella faticosa ma esaltante della recente mostra su Giorgione, esperienze nelle quali ho sempre avuto di fronte fisicamente o idealmente un volto e cento volti, una persona e cento persone, una e cento storie: volti, persone, storie che sono divenute mie tanto quanto quel che ho cercato di fare è finito nelle mani e, spero, anche nella vita e nella coscienza civica dei tanti che ho incontrato. Ho fatto e faccio tutt’oggi quel che ho raccontato in breve excursus semplicemente perché ho sempre avvertito la coscienza di doverlo fare, con naturalezza, certo con qualche fatica qua e là, ma nella convinzione che da cittadino del mondo dovevo spendere tutto quello che avevo, e comunicare senza sosta, scambiare e scambiare, condividere e condividere, discutere e discutere, arricchirmi, sicuramente, e, forse, arricchire un po’ i miei compagni di viaggio della mia terra, per potervi veramente abitare, per rigenerarvi un rinnovato senso di comunità, per tornare ad apprendere lo stare insieme, guardandosi dentro, raccontando se stessi e le proprie storie, non per fermare il tempo e congelarlo in sterili nostalgie, ma per parlare al tempo, per affrontare e fare nostro il ‘venire’ del tempo. Questo credo sia il senso e lo spirito di quel che è e che fa l’Associazione Villaggio insieme.

57

DAL VILLAGGIO DEL SOLE AL VILLAGGIO GLOBALE  

Atti del convegno del 30 ottobre 2010 - Vicenza, Chiesa di San Carlo A cura dell'Associazione Villaggio Insieme

DAL VILLAGGIO DEL SOLE AL VILLAGGIO GLOBALE  

Atti del convegno del 30 ottobre 2010 - Vicenza, Chiesa di San Carlo A cura dell'Associazione Villaggio Insieme

Advertisement