Page 1

Telese : i’ te sentevo annummenà, ma nun sapevo manco tu addò’ stive . Me diceva n’amico: ”Llà ce sta n’acqua ‘e surgente ca si tu t’ ’a bive te sana certamente nu malanno”. E accussì fuie can a bella matina, ‘o mese austo-mo fa justo n’anno-, me ne venette nmiez’a sti cculline

Quant’arbere, che pace, ch’aria doce e che paese affabile e curtese. Dinto a sti Terme i’ ce stesse nu mese: me sentette ‘e schiarì finanche ‘a voce. Tra ll’acqua ca sana, sti sciure e stu sole, tu cca’ te cunzuole, e pienze all’ammore , malgrado l’età.

Allero, sanato, liggiero, ncantato p’ ‘o cielo affatato già pienze ‘a vernata che effetto te fa. Telese t’appacia, te siente felice;


Telese te dice, che ‘e mise cchiù fridde, può meglio sunnà. E’ chesta na cura antica e sicura ca nasce cu ll’acqua nu mese ‘a stagiona; mo i’ dico a cchiù ‘e n’amico: “llà ce sta n’acqua ‘e surgente ca si tu t’ ‘a bive ‘o munno ‘o vide ancora culor rosa”.

‘A virtù ‘e sta fonte è na gran cosa!

Ang3  

TELESE

Ang3  

TELESE

Advertisement