Issuu on Google+

Al Sindaco  SEDE

Pogliano Milanese, 15 gennaio 2010 Mozione: area ex Alfa Romeo con richiesta di inserirla all’odg del primo Consiglio comunale utile

IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che il 26 giugno 1997 la Regione Lombardia si impegnava in un Accordo di Programma per la deindustrializzazione dell’area ex Fiat Alfa Romeo, accordo rinegoziato nel 2004 e scaduto il 25 settembre 2007; nella riunione del collegio di Vigilanza del 26 settembre 2006 tra le parti coinvolte ( Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comune di Arese, Comune di Lainate, Comune di Garbagnate Milanese, Comune di Rho, Agenzia Nazionale per l’Attrazione degli Investimenti e lo Sviluppo d’Impresa S.p.A., ABP s.r.l., Immobiliare Estate Sei S.p.A.) si convenne sull’opportunità che la Regione Lombardia promuovesse un nuovo Accordo di Programma per un complessivo rilancio dell’area, in conformità alle nuove ipotesi progettuali per lo sviluppo dell’ex polo industriale e l’insediamento di attività produttive ad elevato contenuto innovativo e tecnologico; il 21 novembre 2007 sempre la Regione Lombardia riteneva necessario “promuovere la crescita competitiva dell’area ex Fiat Alfa Romeo, (…) attraverso interventi di rilancio di attività compatibili con l’evoluzione del settore produttivo, favorendo l’insediamento di imprese industriali, artigianali, della distribuzione e dei servizi, anche in relazione all’intervenuta apertura (…) della Fiera internazionale di Milano, che favorisce i processi di innovazione e di internazionalizzazione delle attività produttiva di beni e di servizi che si insediano nell’intera area territoriale”; nonostante la riprogrammazione progettuale dell’area, con la progressiva introduzione e ampliamento degli spazi destinati ai servizi e alla distribuzione, le nuove opportunità indotte dall’apertura dei padiglioni della Fiera internazionale di Milano, il progetto dell’area non decolla tanto che il 15 luglio 2009 la Regione Lombardia delibera una nuova revisione del progetto che porta a privilegiare ulteriormente le funzioni commerciali e a standard: un parcheggio in funzione dell’Expo e opere infrastrutturali; dell’originario progetto di insediamento di attività produttive ad elevato contenuto innovativo e tecnologico si iniziano a perdere le tracce, tanto che nella comunicazione svolta dal Presidente della Regione alla Giunta del 2 dicembre del 2009 avente ad oggetto “Accordo di programma per la riqualificazione e la deindustrializzazione dell’area ex Fiat Alfa Romeo di Arese” si afferma che il “nuovo Accordo di Programma (…) ha come punto di partenza la considerazione delle esigenze del territorio e come obiettivo la valorizzazione degli aspetti relativi alla mobilità sostenibile ed alla qualità architettonica degli spazi, mentre la parte dell’innovazione è relegata in un non meglio definito Centro per la mobilità sostenibile”; la parte infrastrutturale prevede la realizzazione di un sistema di mobilità collettiva (tram o filovia) con il finanziamento dello Stato per 53 milioni in alcune opere di circonvallazione stradale funzionali allo sviluppo commerciale dell’area; pagina 1 di 2


considerato che la recessione in corso sta provocando vasti fenomeni di deindustrializzazione di aree importanti della nostra regione; il fenomeno assume aspetti particolarmente significativi nell’area metropolitana dove la dismissione della produzione e il cambio di destinazione delle aree in questo momento di particolare sofferenza può rappresentare un’occasione per plusvalenze immediate; ribadito che la diffusione dello sfruttamento immobiliare delle aree dimesse e il proliferare di strutture distributive con la progressiva espulsione delle attività produttive senza la sostituzione delle funzioni mature con nuove attività di contenuto innovativo e tecnologico rappresentano un impoverimento dell’area metropolitana e un danno per il “sistema Lombardia”; impegna la Giunta a sostenere le proposte di riconsiderazione dell’attuale piano dell’area ex Fiat Alfa Romeo per rilanciare l’originario intendimento dell’Accordo di Programma per lo “sviluppo dell’ex polo industriale e l’insediamento di attività produttive ad elevato contenuto innovativo e tecnologico” a sostenere le iniziative volte far sì che quest’area diventi il prototipo di un nuovo e moderno modo di far impresa promuovendo un polo avanzato della “green economy” capace di invertire l’attuale tendenza alla deindustrializzazione dei nostri territori per ricostituire un mix virtuoso tra ricerca, innovazione, produzione e distribuzione con i necessari servizi proprio delle realtà metropolitane dinamiche ed innovative, evitando che un luogo carico di memoria per la storia dell’innovazione e della produzione del nostro Paese diventi un’area con funzioni dequalificate (parcheggi, svincoli e centri commerciali) a servizio di altre infrastrutture (Fiera ed Expo).

Giulia Moroni per il gruppo consiliare Vivere Pogliano

pagina 2 di 2


2010.01.15 - mozione area ex Alfa Romeo