Issuu on Google+

Newsletter dell’Associazione Natura per Tutti Onlus

Naturando

Anno 2 — Numero 5 Ottobre/Novembre 2010 Pubblicazione non periodica

Prossimi Appuntamenti Fattoria degli Animali La Fattoria per scuole e gruppi, ma anche per singoli e famiglie, è visitabile tutti i giorni i giorni su appuntamento. Per informazioni Tel. 0699206063 info@fattoriapertutti.it

Appuntamenti di ottobre 24 ottobre “BIODIVERSA-MENTE” Una giornata interamente dedicata alla biodiversità tra Oasi di Palo e Fattoria 31 ottobre Incontri di erboristeria all’Oasi di Palo Le principali caratteristiche officinali delle piante mediterranee ed il loro impiego

Appuntamenti di novembre 19 – 20 – 21 novembre “Mostra sui funghi del territorio” Una tre giorni dedicata ai funghi in collaborazione col Gruppo Romano del Forum www.funghiemicologia.com

Oasi Affiliata WWF del Bosco di Palo Dal 1ottobre al 31 maggio l’Oasi sarà aperta al pubblico tutte le domeniche con una visita guidata alle ore 10,00 (non occorre prenotare) Per informazioni Tel 3313921324 - palo@wwf.it

TUTTI A SCUOLA DI NATURA! SPECIALE SCUOLE Il 2010 è stato proclamato dall’Onu l’anno internazionale della Biodiversità proprio per richiamare l’attenzione sul fatto che condividiamo il pianeta Terra con milioni di specie animali e vegetali. E la presenza dell’uomo e delle sue attività, laddove naturalmente non compatibili, sta contribuendo alla loro estinzione e distruzione. Una delle armi migliori che abbiamo per combattere l’impatto negativo dell’uomo sul pianeta è informare, educare, dare informazioni precise su come poter integrare esigenze di sopravvivenza della nostra specie con le esigenze di sopravvivenza del pianeta. L’uomo e la natura nel nuovo approccio educativo – informativo non sono visti ed osservati separatamente ma sono l’uno parte dell’altra. L’uomo quindi è una specie biologica, che ha subito il suo processo evolutivo nel tempo e quindi come un delfino, un lupo, una formica, un albero consumiamo le risorse ambientali, mangiamo, beviamo, ci costruiamo tane, ecc. L’aspetto importante è la visone globale dell’educazione ambientale. Ogni momento della nostra vita quotidiana ha un effetto sulla natura e sulle sue risorse e quindi dobbiamo educarci a modificare e cambiare i nostri gesti quotidiani. Addirittura vi sono moltissime assonanze tra educazione ambientale ed educazione civica…. Vivere rispettando l’ambiente e le sue risorse ci fa rispettare anche i nostri luoghi, le nostre città, il nostro territorio, le persone intorno a noi. La sfida educativa dei prossimi anni è quella di far capire che ogni giorno, ogni momento possiamo e dobbiamo prenderci cura del nostro pianeta, dei suoi abitanti e del nostro futuro. Ecco allora una serie di proposte didattiche per i futuri adulti di domani per contribuire a costruire una società a misura di natura.

L’orologio della natura: il mese dell’argiope Già nei primi giorni di settembre e per tutto il mese di ottobre è possibile osservare, negli anfratti più nascosti, lo splendido ragno Argiope bruennichi. Viene comunemente chiamato ragno vespa per le sue strie giallo - nere dell’addome e delle zampe. Si tratta di una colorazione 2aposematica2, cioè di avvertimento, che comunica la sua potenziale pericolosità. Il suo morso in effetti è molto doloroso anche per l’uomo, mentre risulta letale per i piccoli animali. Questi grossi ragni hanno un

ciclo biologico molto veloce; nascono in primavera e raggiungono la maturità sessuale a fine agosto. Gli adulti prima di morire depongono le uova in apposite ooteche che garantiranno la sopravvivenza della specie durante l’inverno e la nascita dei piccoli nella primavera successiva. Sono oggi considerati degli indicatori biologici in quanto la loro presenza sta diminuendo in tutta Italia a causa dell’inquinamento.La foto è stata scattata presso il giardino delle piante aromatiche della Fattoria degli

Animali, dove questa specie continua a trovare un habitat adatto ed incontaminato.


Anno 2 - Numero 5

Pagina 2

Naturando

La Biodiversità in tavola: realizziamo l’orto biologico Il progetto costituisce un supporto ai programmi scolastici di Educazione Alimentare. Si prevede la realizzazione di un percorso di conoscenza della frutta e della verdura attraverso la coltivazione diretta di un piccolo orto biologico.

impone loro, spesso non hanno il tempo di dedicarsi all’osservazione del mondo che li comprende; inoltre, il continuo progresso delle tecniche di conservazione degli alimenti ha completamente svincolato i cibi presenti sulla tavola dall’alternarsi delle stagioni.

La vita quotidiana nei Paesi Occidentali sta sempre più allontanando gli Esseri Umani dall’Ambiente Naturale che li circonda e di cui sono parte integrante. I bambini in modo particolare, coinvolti dai ritmi frenetici che la nostra società

Il progetto proposto si sviluppa tramite incontri che comprendono attività teoriche ed applicazioni pratiche, volte a coinvolgere gli alunni nell'osservazione dei cicli naturali, stagionali e riproduttivi.

Poche attività come quelle che vengono realizzate nell'azienda agricola riescono a sollecitare tutti i sensi dell'uomo. La vista, il tatto, l'udito, l'olfatto e, ovviamente, il gusto vengono tutti stimolati nelle varie fasi dei processi di coltivazione e allevamento e talora assumono un ruolo rilevante come veri e propri strumenti di lavoro. Si tratta di tutti stimoli sensoriali che possono risultare particolarmente utili nel processo cognitivo del mondo circostante, completando ed arricchendo l’elemento teorico della conoscenza.

In fattoria a lezione di biodiversità La “Fattoria degli Animali” nasce con lo scopo di far conoscere, conservare e valorizzare la realtà dell’immenso patrimonio di biodiversità degli animali domestici. La fattoria è un progetto “aperto”, un laboratorio didattico e sperimentale a cielo aperto dove sperimentare, applicare e realizzare attività di educazione ambientale e zooterapia.

Dall’uovo alla gallina il meraviglioso momento della nascita della vita attraverso un’esperienza pratica che coinvolgerà l’intera classe nella “cova” delle uova, nella gestione dell’incubatrice, fino ad arrivare al momento della schiusa delle uova ed alla nascita dei pulcini.

attivazione dell' incubatrice).

Il progetto didattico proposto consiste nello svolgimento di laboratori così organizzati:

Oltre all’indubbio valore didattico il progetto responsabilizza i bambini nel prendersi cura di un altro essere vivente e favorisce la collaborazione e l’organizzazione di gruppo

1. La deposizione delle uova e l’inizio della cova (con osservazione di uova e galline ed

2. La cova delle uova (con osservazione dello sviluppo degli embrioni nelle uova attraverso la speratura) 3. La nascita dei pulcini (con osservazione della schiusa delle uova).

La Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia CARICIV ha finanziato la serra nell’Orto biologico.


Anno 2 - Numero 5

Pagina 3

Naturando

Il mondo delle api Spesso quando pensiamo agli animali domestici non associamo il concetto a degli insetti. Ebbene, oltre a cavalli e galline l’uomo da secoli alleva anche altri animali. Alleva molluschi, pensiamo all’allevamento delle chiocciole, e alleva farfalle, il bombice del gelso ci fornisce da secoli la preziosa sera. L’uomo da secoli ha addomesticato anche le api. Le api ed il loro mondo offrono infiniti spunti didattici e scientifici. Le api sono degli indicatori biologici, poiché la loro sopravvi-

venza è legata ad un ambiente sano e non inquinato, ci offrono un esempio di organizzazione sociale nel mondo animale, ci permettono di parlare di orientamento, comunicazione, rapporto tra piante ed animali. Molto affascinanti sono inoltre le tecniche di allevamento delle api, che richiedono operazioni precise e ben scandite nel tempo. Ogni stagione inoltre permette di osservare attività diverse che le api svol-

gono per il buon governo dell’alveare. Il mondo delle api sarà svelato ed illustrato da un esperto di apicoltura biologica. Con l’arnia didattica porteremo le api in classe e ne scopriremo i segreti e la struttura sociale, il ciclo biologico, la carriera di un’ape operaria dalla nascita fino alla morte. In fattoria assisteremo inoltre alla smielatura e assaggeremo il miele che da millenni le api ci offrono, imparando a riconoscerne le varie tipologie.

Laboratori tematici per le scuole medie in Fattoria Per meglio integrare la visita in fattoria con il programma scolastico vengono proposti tre percorsi didattici diversi, ognuno specifico per ogni classe (Prima, Seconda e Terza Media), che renderanno la visita un supporto delle attività didattiche svolte in classe. In realtà costituiscono dei percorsi tematici adattabili per classi di ogni ordine e grado. Per ogni gruppo animale allevato si evidenzieranno le principali caratteristiche biologiche, ecologiche e comportamentali. Saranno trattati la domesticazione degli animali, la biodiversità ed il perché delle razze domestiche. Si svolgeranno quindi percorsi tematici per ogni classe così suddivisi. Classe Prima Media Aria, acqua e suolo: gli adattamenti degli animali alla vita nei diversi ambienti. Attraverso l’osservazione diretta degli animali (pesci, uccelli, mammiferi, anfibi, rettili) cercheremo di capire quali sono i passaggi fondamentali che hanno permesso la nascita della vita animale in acqua, la conquista dell’ambiente aereo ed i successivi adattamenti necessari al volo. Gli invertebrati ed i vertebrati: le

cinque classi dei vertebrati. Svilupperemo inoltre le principali differenze tra quelli che sono gli organismi superiori; osserveremo direttamente la differenza tra un uccello e un pesce oppure tra un rettile ed un mammifero. La classificazione degli animali: sperimenteremo i criteri generali che portarono Linneo ad elaborare il Sistema Naturae. Classe Seconda L’organizzazione strutturale dei viventi. Nel passaggio dalla vita unicellulare agli organismi multicellulari le varie parti dei viventi hanno subito una specializzazione finalizzata alla sopravvivenza. Faremo un escursus sulle principali specializzazioni nel mondo animale. Gli apparati respiratorio, riproduttore, scheletrico, digerente. Realizzeremo un analisi dei principali organi ed apparati dei vertebrati, osservando direttamente gli animali domestici e correlando gli organi alle esigenze di vita degli stessi organismi.

La diversificazione degli apparati nelle cinque classi dei vertebrati. Osservando alcuni animali svilupperemo un percorso comparato osservando come gli stessi organi omologhi si differenziano nelle cinque classi ed in base ad adattamenti specifici. Classe Terza Etologia ed ecologia degli animali. Il comportamento degli animali domestici, comparato con quello degli animali selvatici, esigenze ecologiche, allevamenti estensivi ed intensivi L’evoluzione dei viventi, la selezione artificiale e la selezione naturale. I principali aspetti dell’evoluzione attraverso l’osservazione diretta di animali domestici; analisi dei principali meccanismi che vi sono alla base; analizzeremo inoltre come l’uomo abbia intuitivamente applicato la selezione darwiniana nella costruzione” delle razze dei domestici. La genetica mendeliana. Cercheremo di ricostruire degli esempi di analisi mendeliana attraverso l’osservazione dei fenotipi degli animali domestici e costruiremo dei modelli genetici attraverso incroci ripetuti.

“La fattoria è un laboratorio didattico a cielo aperto dove sperimentare e realizzare attività di educazione ambientale”


Anno Pagina 4 2 - Numero 5

Naturando

Naturando

Pagina 4 Anno 2— Numero 5

Laboratorio di biologia marina: la visita alla spiaggia Sulla spiaggia dell’Oasi di Palo Laziale sarà possibile conoscere l’ecosistema marino nella sua completezza, Infiniti sono, infatti, gli spunti che il mare e la spiaggia offrono per la didattica. Possiamo infatti parlare di geologia, di formazione delle spiagge, di erosione marina; possiamo trovare spunti legati alla conservazione del mare, all’inquinamento, all’interazione uomo ambiente in questo delicato e mutevole habitat. Possiamo inoltre osservare, attraverso i numerosi organismi piaggiati o raccolti a riva, l’immensa biodiversità degli

organismi che popolano gli oceani, osservandone la loro ecologia, i loro adattamenti, le loro strategie per sopravvivere. Possiamo ricostruire la catena alimentare del mare attraverso i suoi protagonisti. La spiaggia di Palo offre molti spunti anche per l’aspetto archeologico e storico; presente infatti il castello medievale ed il borgo antico dei pescatori, che sorgono sulle vestigia della etrusca Alsium, a testimonianza di come l’uomo abbia da secoli utilizzato questo tratto di costa.

Il teatro natura all’Oasi di Palo: LA MAGIA DEL BOSCO L’ idea di un teatro natura… in natura nasce per favorire la conoscenza e la sensibilizzazione nei confronti della tutela ambientale attraverso la comunicazione artistica, un approccio che stimola la fantasia e le capacità creative dei bambini. Quale miglior mezzo della rappresentazione teatrale per far rivivere ai bambini la magia del fascino di eventi naturali? Quale miglior scenario di un Oasi Naturale per “vederlo” e “viverlo” dopo aver scoperto i suoi segreti e i suoi magici abitanti ? Il teatro e la natura, dunque fuse insieme per riscoprire la bellezza della natura e far nascere il desiderio di proteggerla e conservarla. “La magia del bosco” è stato scritto dall’autrice ed attrice Sonia Vivani,

con la consulenza dei naturalisti dell’Oasi per riuscire ad ottenere un lavoro fedele alla realtà naturalistica dle nostro territorio. La visita guidata naturalistica con gli operatori didattici ad un certo punto si tingerà di magico; i bambini incontreranno due elfi che li guideranno alla “scoperta” dell’Oasi. Insieme scopriranno uno “strano” albero, completamente spoglio. Per poter comunicare con lui i bambini dovranno, attraverso l’animazione “ trasformiamoci in pianta”, imparare il suo linguaggio. Scopriranno così che l’albero si sta lasciando morire perché si sente solo, triste, inutile. Nessuno sembra in grado di fargli cambiare idea, persino ragni, formiche, vermi, se ne sono

già andati traslocando su altre piante… solo un “miracolo” potrebbe salvarlo. Saranno i bambini a compiere il miracolo, saranno loro, con l’ esercizio “senza parole” a restituire alla pianta la voglia di vivere. Dopo circa 30 minuti di attività in compagnia dei due Elfi, i bambini dopo aver promesso all’albero di tornare a salutarlo prima di rientrare a scuola, partono insieme agli operatori per una serie di attività alla scoperta dei 5 sensi . Terminate le attività, i bambini torneranno, come promesso dall’albero che gli avrà preparato un sorpresa... si sarà trasformato in una pianta rigogliosa e piena di frutti: frutti che verranno donati ai bambini. Eh!…La potenza dell’AMORE.

“NATURA PER TUTTI” Onlus Località Monteroni pod. 1265 00055—Ladispoli (RM) Tel/Fax 0699206063—Cell. 3313921324 Sito Web www.fattoriapertutti.it E-mail: info@fattoriapetutti.it

Naturando Newsletter dell’Associazione Natura per Tutti Onlus Anno 2 Numero 5 - 01 ottobre 2010

Testi e foto a cura di Antonio Pizzuti Piccoli Agnieszka Kaczmarczyk

Nel rispetto del decreto legislativo 196/2003, i dati da Lei rilasciati saranno utilizzati dall’Associazione per informarLa sulle iniziative dell’Associazione. I dati non saranno oggetto di comunicazione o diffusione a terzi se non per obblighi di legge. È Suo diritto ottenere la modifica o la cancellazione e di opporsi al loro trattamento secondo quanto stabili-

to dall’articolo 7 del citato Dlgs. Titolare del trattamento dei dati è Associazione Natura per Tutti Onlus, Località Monteroni pod. 1265 00055 — Ladispoli (RM)


NPTnewsletter5_2010