Page 1

LIBERA UNIVERSITA’ DI LINGUE E COMUNICAZIONE IULM Facoltà di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie della Comunicazione MILANO

LA RAPPRESENTAZIONE DELL’ITALIANO ALL’ESTERO IN CINQUE FILM ITALIANI

Docente che ha assegnato l’argomento della prova finale Chiar.mo Prof. Gian Battista Canova

Prova finale di: Giampietro Balia Matr. N. 152844

Anno Accademico 2007/2008


Alla mia Famiglia, che mi ha sempre sostenuto ed aiutato nelle mie scelte di vita.


LA RAPPRESENTAZIONE DELL’ITALIANO ALL’ESTERO IN CINQUE FILM ITALIANI

INDICE

INTRODUZIONE .................................................................................................................................. 1 L’ITALIA E GLI ITALIANI: .................................................................................................................. 3 CENNI DI STORIA E CULTURA ....................................................................................................... 3 Premessa ........................................................................................................................................... 3 Le Migrazioni ..................................................................................................................................... 6 La Famiglia ...................................................................................................................................... 10 La Religione ..................................................................................................................................... 13 STEREOTIPI ....................................................................................................................................... 15 Definizione ....................................................................................................................................... 15 Schemi e categorie ......................................................................................................................... 17 Ipotesi e discriminazione ............................................................................................................... 18 Cambiare lo stereotipo e i pregiudizi ........................................................................................... 20 L’italiano stereotipato: passato e presente a confronto ............................................................ 21 L’italiano è mafioso ..................................................................................................................... 22 L’italiano è un dongiovanni ........................................................................................................ 24 “Canta che ti passa” ................................................................................................................... 26 ANALISI DI CINQUE FILM ITALIANI ............................................................................................. 28 Introduzione al lavoro ..................................................................................................................... 28 Il Diavolo (1963) di Gian Luigi Polidoro ....................................................................................... 30 Sinossi .......................................................................................................................................... 30 Analisi ........................................................................................................................................... 32 Il provincialismo italico ............................................................................................................... 33 Il maschilismo dell’italiano ......................................................................................................... 34


La laicità svedese contrapposta alla cristianità italiana ........................................................ 35 Il ritorno ........................................................................................................................................ 37 Il Gaucho (1965) di Dino Risi ........................................................................................................ 39 Sinossi .......................................................................................................................................... 39 Analisi ........................................................................................................................................... 40 Gli emigrati italiani in Argentina tra successi e fallimenti...................................................... 41 La “mostruosità” dell’italiano in visita all’estero ...................................................................... 41 Pane e Cioccolata (1973) di Franco Brusati ............................................................................... 45 Sinossi .......................................................................................................................................... 45 Analisi ........................................................................................................................................... 46 La crisi d’identità dell’italiano all’estero ................................................................................... 48 L’italiano intrappolato senza identità ....................................................................................... 52 Lamerica (1994) di Gianni Amelio ................................................................................................ 53 Sinossi .......................................................................................................................................... 53 Analisi ........................................................................................................................................... 54 My Name is Tanino (2003) di Paolo Virzì ................................................................................... 58 Sinossi .......................................................................................................................................... 58 Analisi ........................................................................................................................................... 59 L’italiano senza progetti ............................................................................................................. 61 La mafia italiana all’estero ......................................................................................................... 62 La riscoperta del proprio passato ............................................................................................. 63 CONCLUSIONI ................................................................................................................................... 66 NOTA DELL’AUTORE ...................................................................................................................... 70 BIBLIOGRAFIA .................................................................................................................................. 71


“Poveri fatti, povere cose, non ci sono, esistono solo interpretazioni� Friedrich Wilhelm Nietzsche


INTRODUZIONE

Il presente lavoro si propone, come da titolo, di analizzare come l’italiano all’estero venga rappresentato nel cinema italiano. Più precisamente, l’analisi verrà basata su cinque film italiani: Il Diavolo (1963) di Gian Luigi Polidoro, Il Gaucho (1965) di Dino Risi, Pane e Cioccolata (1973) di Franco Brusati, Lamerica (1994) di Gianni Amelio e My Name is Tanino (2002) di Paolo Virzì. Accade spesso che, nell’analizzare se stessi e le proprie origini, si pecchi di presunzione e non si riesca, in balìa dell’amore provato per la terra natia, a mantenere una mente lucida e critica, andando a finire per scrivere una autocelebrazione di se stessi e del proprio Paese. Non è questa l’intenzione del lavoro qui introdotto. La decisione presa, pertanto, è quella di affidarsi anche ad una bibliografia e ad autori stranieri, che, emotivamente più distaccati dall’oggetto qui studiato, siano metro di giudizio complementare a quello dei critici italiani. L’Italia è un Paese dalle antiche origini e vanta una storia millenaria ricca di eventi che l’hanno resa uno dei più noti e studiati Paesi del mondo. L’italiano, dal canto suo, è altrettanto complesso e ricco, sul piano culturale come su quello comportamentale. Presenta mille sfaccettature e sfumature di ogni tipo che lo rendono difficile da comprendere e da definire. È dunque utile, per una piena comprensione dei personaggi dei film presi in analisi e dei loro comportamenti, ripercorrere rapidamente i periodi storici durante i quali le storie si svolgono ed introdurre le 1


principali tematiche trattate. Un breve excursus sulla storia dell’Italia e sulla cultura italiana ci aiuterà dunque a comprendere meglio come si è arrivati a proporre una tale immagine dell’italiano all’estero. Con circa 60 milioni di oriundi italiani in 16 diversi Paesi sparsi su tutto il globo e quasi 4 milioni di cittadini che, pur avendo conservato la residenza italiana, vivono all’estero 1, l’Italia è senza dubbio un Paese con un altissimo numero di emigrati. Ma come mai? Che cos’ha spinto gli italiani ad emigrare temporaneamente o, in alcuni casi, addirittura definitivamente in un Paese straniero? Sarà utile cercare di capirlo anche per rendersi conto di quali siano state le condizioni che l’italiano ha dovuto incontrare andando all’estero, di come le abbia affrontate e di quali siano le odierne conseguenze, sia positive che negative, sull’immagine dell’italiano all’estero. Analizzando un gruppo talmente vasto, risulta pressoché impossibile non scadere nella banale generalizzazione. Questo accade anche nei film qui studiati. Il cinema infatti, essendo un’arte che si presenta con un linguaggio accessibile a tutti i gruppi sociali, fa ampio uso di stereotipi e di cliché che rendono immediatamente più riconoscibile allo spettatore un determinato personaggio, luogo o situazione. Sarà dunque utile, nel corso del nostro studio, introdurre il concetto di “stereotipo”, passando brevemente in rassegna gli stereotipi che rendono l’italiano facilmente riconoscibile all’estero ed immediatamente stigmatizzabile dal popolo ospitante. Una volta introdotti tutti gli strumenti di analisi necessari allo svolgimento del lavoro, sarà possibile passare al trattamento dei film scelti, in modo da capire come il cinema italiano veda l’italiano all’estero e come lo mostri al proprio Paese e al mondo intero. Non a caso sono stati scelti film appartenenti a periodi storici differenti: sarà infatti interessante capire come, nel corso degli anni, la rappresentazione dell’italiano all’estero nei film italiani sia cambiata, creando, forse, un’immagine diversa del popolo tricolore.

1

Rapporto Migrantes Italiani nel Mondo 2008. Elaborazione su dati AIRE.

2


L’ITALIA E GLI ITALIANI: CENNI DI STORIA E CULTURA

Premessa La penisola italiana ha fortemente influenzato il destino dell’umanità. Se Betlemme di Giudea e l’antica Grecia hanno inondato il mondo, l’una di vita spirituale e l’altra di vita intellettuale, Roma rappresenta il punto di svolta per lo sviluppo della civilizzazione e del progresso dell’umanità. Ancora oggi l’Italia si regge sulla cultura romana. Basti pensare al diritto romano, alla lingua derivata dal latino, ai grandi autori che tutt’oggi influenzano la letteratura (ad es. Catullo, Cicerone, Giovenale, Livio, Lucrezio, Orazio, Seneca, Virgilio…), per non parlare poi delle grandi opere d’arte e d’architettura che, ancora oggi, abbelliscono le città d’arte italiane e ispirano gli architetti di tutto il mondo. Ma il punto forse più importante che qui ci interessa rimarcare è che, l’Impero Romano, agli inizi del III secolo d.C., conta circa 80 milioni di abitanti su un’area di quasi 4 milioni di chilometri quadrati, si estende per tutto il mondo conosciuto e punta alla creazione di un unico Stato universale, basato sulla omogeneizzazione delle culture e delle genti – tratto caratterizzante dei futuri totalitarismi contemporanei. Conseguenza di questo è anche la nascita, e lo sviluppo, delle lingue romanze 2, che, 2

Portoghese, spagnolo, francese, italiano, rumeno.

3


come il professor Patrick Manning dimostra 3 , hanno origine nella regione nordoccidentale

della

penisola

italica.

Sarà,

dunque,

di

facile

ed

immediata

comprensione, facendo riferimento a queste fusioni di culture, l’origine dell’attuale forte differenziazione interna del popolo italiano. Differenziazione che riguarda gli aspetti relativi tanto alla fisionomia quanto alla cultura e che vengono accentuati dal percorso che porta, tra il 1861 e il 1946, alla formazione del Regno d’Italia. Dalle ceneri del sistema feudale nasceranno la civiltà comunale e, in seguito, le prime potenze regionali, costantemente in guerra fra di loro. È interessante notare come, mentre nel resto d’Europa si affermano gli Stati Nazionali, la penisola italica viene logorata da conflitti intestini che ne impediscono l’unificazione, per la quale bisognerà aspettare l’epoca risorgimentale e la fine della Seconda Guerra d’Indipendenza. È proprio in questo periodo che si creano le forti differenziazioni interne relative la cultura, le usanze ed i costumi delle singole regioni italiane. Ed è da queste differenze che la commedia, italiana prima e all’italiana poi, trae gran parte dei suoi spunti per i film di successo che mettono a confronto fra loro le particolarità culturali delle singole regioni. È grazie ad autori come Giovanni Verga, Luigi Capuana e Grazia Deledda che le realtà sociali arretrate dell’Italia centrale, meridionale ed insulare raggiungono le pagine della letteratura italiana, testimoniando la presenza di realtà che saranno lo scenario principale di capolavori del cinema italiano quali, ad esempio, La terra trema (1948, Luchino Visconti) e Rocco e i suoi fratelli (1960, Luchino Visconti). Al termine della Prima Guerra Mondiale, una commissione viene incaricata di quantificare le esatte dimensioni delle riparazioni che la Germania deve pagare. Nel 1921 questa cifra viene quantificata come 33 miliardi di dollari. Si pensa che questa sia una delle principali motivazioni che hanno portato alla fine della Repubblica di Weimer e all’ascesa di Adolf Hitler. Nel suo saggio The Economic Consequences of the Peace, l’economista britannico John Maynard Keynes 4, fa notare come il Trattato di Versailles non preveda alcun piano per la ripresa economica ed infatti l’instabilità, la crisi ed il malcontento generale aprono la strada ai totalitarismi. 3 4

Manning, P. Migration in World History. Great Britain, Routledge, 2005, p. 28. Keynes, J. M., The economic consequences of the peace, London, Macmillan,1920.

4


Usato per la prima volta da Giovanni Amendola nelle pagine de Il mondo 5, il termine sta a indicare quei regimi totalitari che prendono piede agli inizi del XX secolo e mobilitano intere nazioni, con idee espansionistiche e nazionalistiche, verso un secondo conflitto mondiale. Adolf Hitler in Germania, Stalin nell’Unione Sovietica, Francisco Franco in Spagna e Benito Mussolini in Italia sono i principali volti di questo mutamento socio-politico. L’Italia fascista è il risultato di una mentalità decadente successiva alla prima guerra mondiale e la povertà, la stanchezza, le malattie e la distruzione sono i terreni sui quali eresse le proprie colonne portanti. Il regime fascista vuole creare una nuova Italia ma, soprattutto, un nuovo italiano. È così che, dopo la marcia su Roma del 28 Ottobre 1922, il nascente regime mussoliniano si preoccupa di fascistizzare la società. In contrapposizione rispetto allo stato liberale giolittiano, Mussolini definisce i corsi di latino e greco come preistorici e trogloditici e decide, nel 1926, di istituire l’Opera Nazionale Balilla, tesa alla formazione della nuova generazione fascista poiché, secondo Giovanni Giurati, «it is among the young that all the great movements in history have found their prophets, their soldiers, their martyrs» 6 e quindi è necessario istruire i giovani affinché si facciano

portatori

del

messaggio

fascista.

La

scuola,

istituzione

sociale

extradomestica in cui ha luogo la socializzazione secondaria, viene fascistizzata e i ragazzi vengono suddivisi in squadre formate in base all’età: i Figli della Lupa (6-7 anni), i Balilla (8-15), gli Avanguardisti (15-18), i Giovani Fascisti e i Giovani Universitari (18-21). Anche le ragazze, destinate dal regime ad essere madri e mogli esemplari, vengono divise in gruppi simili e istruite con lo stesso spirito di disciplina. Il fascismo segna l’avvenire del popolo italiano, con una forza ed una violenza che solo pochi altri movimenti o eventi storici hanno mai avuto nel corso degli ultimi secoli. La dittatura mussoliniana crea, agli occhi del mondo intero, una determinata immagine dell’Italia e dell’italiano. Sarà interessante notarlo, nel corso dell’analisi dei testi filmici, nel film Lamerica (1994) di Gianni Amelio. L’Albania, infatti, viene 5

Amendola Giovanni. Maggioranza e minoranza, Il Mondo, 12 Maggio 1923. Griffin R. (a cura di), Fascism. Oxford [etc.], Oxford University Press, 1995. «È tra i giovani che tutti i grandi movimenti nella storia hanno trovato i loro profeti, i loro soldati, i loro martiri» (traduzione a cura di chi scrive). 6

5


occupata dall’esercito italiano nel 1939 e, ancora oggi, porta testimonianza di quell’invasione nei segni lasciati sulla terra e, soprattutto, sui volti degli albanesi.

Le Migrazioni Dalla diffusione dei primi ominidi sulla terra fino ai giorni d’oggi, le migrazioni sono state uno dei fattori principali per lo sviluppo della specie umana. L’uomo si differenzia dalle altre specie animali per la capacità di comunicare attraverso un complesso linguaggio che gli consente di vivere in comunità regolate da norme interne alle quali tutti i membri aderiscono. Per questo motivo oggi, per l’uomo, migrare vuol dire imparare nuovi linguaggi e sottoscrivere nuove norme. Nel suo libro Migration in the world history, Patrick Manning 7 identifica quattro categorie di migrazioni umane delle quali le prime tre sono abbastanza simili a migrazioni di altre specie animali, mentre l’ultima è caratteristica dell’uomo. La home-community migration involve i movimenti di individui da un posto a un altro della stessa comunità di appartenenza. Si tratta per esempio dello spostamento di una famiglia che va da un’altra famiglia per trovare degli amici. Questo avviene nella specie umana soprattutto quando giovani uomini e donne si spostano da una famiglia all’altra in seguito a un matrimonio. Questo tipo di migrazione è fondamentale per mantenere un sufficientemente ampio bacino genetico. La colonization è invece la partenza di individui da una comunità per stabilire una nuova comunità che assomigli a quella di partenza. Questo tipo di migrazione è il motivo principale per cui una specie animale estende la sua presenza nel territorio. Solitamente i colonizzatori si stabiliscono in luoghi simili a quelli precedentemente abbandonati e mantengono lo stesso stile di vita. I colonizzatori possono creare nuove colonie senza dover imparare nuovi linguaggi o abitudini. La whole-community migration include invece lo spostamento di tutti i membri di una comunità. Alcune specie – balene, alci e alcuni uccelli – migrano abitualmente durante l’arco dell’anno e tutti i membri, tranne poche eccezioni, partecipano a 7

Manning, P. Migration in World History, Great Britain, Routledge, 2005.

6


ciascun movimento. Solitamente l’uomo non compie questo tipo di migrazioni, anche se alcune popolazioni, composte prevalentemente da cacciatori nomadi, seguono gli spostamenti delle prede lungo le loro migrazioni stagionali. La cross-community migration invece, come già accennato, è tipicamente umana e consiste nello spostamento di pochi individui e/o gruppi che abbandonano una comunità per unirsi ad un’altra. Il complesso linguaggio utilizzato dagli uomini per comunicare consente un tale tipo di migrazione, che sarebbe impossibile da praticare per altre specie. Chi migra abbandona la propria comunità di appartenenza per varie ragioni: per beneficiare la propria comunità, per trarre vantaggi per se stessi, per scappare dalla propria comunità d’origine o perché ne sono stati allontanati con la forza. Le migrazioni non solo aiutano le popolazioni ad estendere la propria presenza nel territorio, ma consentono anche una trasformazione nella vita della specie umana. Questo perché l’uomo, al contrario di altre specie, è in grado non solo di recepire e fare propri i costumi e le norme di altre comunità, ma anche di introdurre nuovi linguaggi e usanze nelle comunità ospitanti. Il presente studio si concentra esclusivamente sull’italiano all’estero e l’emigrazione è senza dubbio uno dei motivi per cui l’italiano è andato e continua ad andare a vivere in un Paese straniero. La colonization e la cross-community sono i due tipi di migrazione che interessano l’italiano più da vicino. Si possono individuare due periodi migratori: la grande emigrazione (1876-1915) e l’emigrazione europea (anni ‘50). Grande emigrazione (1876-1915) Quartieri come Little Italy a New York e il diffuso numero di cognomi italiani nei Paesi sud-americani sono solo alcuni degli indizi di un periodo di emigrazioni transoceaniche per molti italiani. Periodo che va dal 1876 al 1915 ed interessa migliaia di cittadini italiani che, oppressi dalla forte crisi economica che strangola il già povero ed arretrato settore dell’agricoltura, decidono di partire alla ricerca di una situazione di vita migliore. L’Argentina e il Brasile sono le mete principali nell’America del sud. Qui gli italiani, prevalentemente appartenenti ai ceti meno abbienti, possono trovare

7


vaste estensioni di terre non sfruttate e grande richiesta di manodopera. Si stima che nel periodo interessato partono circa 14 milioni di persone 8 che contribuiscono all’alleggerimento della pressione demografica italiana aumentata da 27 milioni nel 1871 a 34 milioni nel 1905 9. La mancanza di condizioni favorevoli allo sviluppo delle grandi industrie e la poca fertilità dei terreni spingono, soprattutto nelle regioni più povere del mezzogiorno, a cercare un cambiamento lontano dall’Italia. Le regioni italiane partecipano inegualmente al grande esodo che precede la prima guerra mondiale. Quelle che vedono il maggior numero di persone lasciare la propria terra appartengono principalmente al Meridione (Basilicata, Calabria, Sicilia, Abruzzo, Molise) e all’Italia orientale (Veneto). In queste regioni, dove la ripartizione dei territori contribuisce a creare malessere e una condizione di sovrappopolamento, si parla di vera e propria “emigrazione della fame”. Dal canto loro, i Paesi dell’America del sud che ricevono l’orda di italiani in cerca di lavoro beneficiano delle braccia della manodopera italiana. L’Argentina, per esempio, grande circa 3.000.000 Km², non aspetta altro che braccia e capitali per andare verso il tanto atteso sviluppo agricolo con immense colture di cereali e lino. Infatti, nel 1921, la Buenos Aires Association of Labour propone di inviare una delegazione di rappresentanti in Europa per organizzare l’emigrazione in Argentina delle popolazioni europee e gli italiani sono il popolo preferito dal governo argentino. I Paesi del sud America non solo traggono vantaggio dall’arrivo degli italiani ma estendono anche cordiali inviti ai restanti italiani rimasti in patria e stringono ottimi rapporti diplomatici con il governo italiano. I Paesi dell’America (Argentina, Uruguay, Brasile e Stati Uniti) beneficiano dell’emigrazione italiana per un totale di circa 559.500 individui. Questo fino alla prima guerra mondiale, quando il numero degli italiani in partenza per mete transoceaniche diminuisce fino a 347.900. L’economista italiano M. G. Arias, nel secondo volume di una sua opera dal titolo La questione meridionale 10 , apprezza questo esodo italiano poiché permette una diminuzione della manodopera, un aumento dell’impiego di nuovi macchinari e un 8

Rielaborazione dati Istat in Gianfausto Rosoli, Un secolo di emigrazione italiana 1876-1976, Roma, Cser, 1978. 9 Stephenson G. M.. A history of American immigration, 1820-1924, Boston, New York [etc.], Ginn and company, 1926, p. 64. 10 Arias M. G., La questione meridionale. Vol II, Bologna, Zanichelli, 1921.

8


aumento del prezzo dei salari. L’invio dei guadagni degli emigrati alle proprie famiglie in Italia consente, soprattutto in periodi critici della fine del XIX secolo, di bilanciare i conti dello Stato. Ma Arias trova anche dei lati negativi nella Grande Emigrazione, quali per esempio la diminuzione delle forze produttive, economiche, nazionali e militari del Paese; e, anche, la comparsa di malattie come la sifilide e la tubercolosi. Ma l’esodo italiano non interessa solo i Paesi dell’America del sud al fine di coltivare terre fino ad allora rimaste incolte. Gli italiani si spingono anche nell’America del nord e, più precisamente, negli Stati Uniti. L’immigrazione in questo Paese inizia nel 1880 circa, ma il picco si raggiunge negli anni tra il 1900 ed il 1916, a ridosso dell’inizio della prima guerra mondiale. Caratteristica dell’emigrazione statunitense è che molti italiani partono con l’intenzione di ritornare nel momento in cui la situazione in patria migliori. La perdita in numero di unità non è dunque così ingente per il governo italiano dato che, dopo qualche anno, gran parte degli emigrati fa’ ritorno a casa. L’Italia è uno dei pochi Paesi a favorire l’emigrazione all’estero, specialmente dopo il 1901 quando la legislazione diviene protettiva anziché restrittiva. La legge protegge gli emigranti dalle persone che potrebbero sfruttarli fornendo false informazioni e si propone di dare consigli agli emigranti sulle offerte proposte dai Paesi stranieri bisognosi di manodopera. Questa protezione si estende al loro viaggio e alle terre dove soggiornano. Nel 1912 viene deciso addirittura che i figli degli immigrati italiani debbano essere italiani a meno che, raggiunta la maggiore età, non dovessero decidere di rinunciare a questa opportunità. Questo periodo, caratterizzato da grandi migrazioni nei Paesi in via di sviluppo dell’America Meridionale, non è stato per niente dimenticato dal cinema italiano, che si è fatto narratore delle difficoltà e delle aspettative, quasi sempre tradite, dei poveri italiani, per lo più meridionali, partiti dai propri villaggi in cerca di una migliore condizione. Si pensi, ad esempio, al film Nuovomondo (2006) di Emanuele Crialese, dove Salvatore (Vincenzo Amato), venduto tutto ciò che possiede, parte per New York in cerca di un lavoro e di una casa per la sua famiglia. Nella parte relativa l’analisi dei testi filmici, si vedrà, inoltre, come il regista Dino Risi ha trattato questo delicato tema, indagando, nel suo film Il gaucho (1965), il periodo della seconda grande ondata di migrazioni italiane d’oltreoceano.

9


Emigrazione europea (anni 50) L’emigrazione degli italiani in Europa si concentra nella seconda metà del XX secolo e ha come meta gli Stati che, in quel periodo, godono di una felice crescita economica. È questo il caso di Paesi come la Svizzera, la Germania, il Belgio e la Francia. La maggior parte degli italiani emigrati in questi Paesi, considera il periodo di permanenza breve e momentaneo, finalizzato al risanamento della propria condizione economica e al mantenimento della propria famiglia. Invece, in molti casi, l’italiano finisce per stabilirsi in questi Paesi per fare ritorno in Italia, magari, solo nel periodo del pensionamento. La famiglia, comunque, rimane solitamente nel Paese ospitante, poiché, raggiunta una stabilità a livello sia economico che sociale, risulta impensabile un ritorno in un Paese che, sebbene sia quello d’origine, non viene più considerato come la propria patria. Sono molteplici gli esempi cinematografici che ritraggono questa realtà italiana. Si pensi, ad esempio, al film, analizzato in questo lavoro, Pane e cioccolata (1973), per la regia di Franco Brusati. Qui si parla della Svizzera, dove, ancora oggi, risultano residenti 500.565 persone 11 su un totale di 7,6 milioni di abitanti circa.

La Famiglia La famiglia, come afferma la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948, «è l’elemento naturale e fondamentale della società ed ha diritto alla protezione della società e dello Stato». Nel Meridione, più che nel resto d’Italia, la famiglia ha ricoperto, e tuttora ricopre, una importanza fondamentale, tanto da diventare, soprattutto dalla seconda metà del XX secolo, oggetto di studio da parte di antropologi di tutto il mondo. Uno degli studi più importanti e completi mai realizzati riguardante le famiglie dell’Italia meridionale porta il titolo The Moral Basis of a Backward Society 12 ed è opera del sociologo statunitense Edward C. Banfield. Sull’onda di questo libro, il professor Angelomichele De Spirito, docente di Antropologia Culturale presso l’Università degli Studi di Salerno, pubblica Sud e

11 12

Dati AIRE (dati aggiornati al 31 Dicembre 2007). Edward C. Banfield, The moral basis of a backward society, New York, Free Press, 1958.

10


Famiglia 13 , interessante ricerca riguardante le famiglie meridionali italiane, le loro usanze e l’evoluzione dei loro costumi. Secondo questo studio, la famiglia italiana è da sempre stata caratterizzata da valori molto forti basati sul rispetto e sull’orgoglio. Basti pensare alle “ritualità matrimoniali” in uso agli albori della famiglia italiana nel XVII secolo, che comprendono pratiche quali la verifica della verginità femminile o il matrimonio combinato 14. Spesso accade che, per evitare di sposare un coniuge non amato, si ricorra alla fuga o cosiddetta «fuiuta», raccontata meravigliosamente anche dal film Due Soldi di Speranza (1952, Renato Castellani), punto terminale della stagione neorealista 15 e, allo stesso tempo, capostipite del neorealismo rosa 16. Benché sia ben noto il detto napoletano «’Na mala nottata e ‘a figlia femmena» 17, in riferimento ad un parto travagliato e alla nascita di una figlia femmina, anziché di un maschio, la figura della donna nella famiglia italiana ricopre da sempre una importanza fondamentale, poiché, proprio sulla sua integrità e onore, si basa l’onore della famiglia intera. Una onorabilità familiare che fonda le proprie radici su un’etica della sessualità che oggi farebbe sorridere ma che, fino a pochi decenni fa, soprattutto in alcune parti del Meridione d’Italia, vigeva nel nucleo familiare. Ancora negli anni ’50 e, in forma più attenuata ancora oggi, dopo il matrimonio, il marito può tornare a coltivare amicizie e riprendere le proprie abitudini, mentre la donna deve rispondere a delle regole ben precise. Vale a dire: «non andare mai in luoghi pubblici da sola […] se non con la madre o un figlio; non passeggiare per la strada se non è quella del proprio quartiere, dove tutti possono controllare; non ricevere estranei in casa, neppure parenti maschi, da soli, tantomeno coltivare amicizie dell’altro sesso; sapere sempre dov’è la figlia grandicella; difendere comunque il buon nome del marito» 18.

13

Angelomichele De Spirito, Sud e famiglia, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 2005. Ivi, p. 14. 15 Insieme al film Umberto D. (1952) di Vittorio De Sica. 16 Che ebbe i suoi risultati più significativi in Pane, Amore e Fantasia (1953, Luigi Comencini) e nella serie Poveri ma Belli (1956, Dino Risi). 17 Angelomichele De Spirito, Sud e famiglia, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 2005, p. 17. 18 Cfr. F. Ferrarotti (e altri), La piccola città, cit., pp. 74-75. 14

11


Queste sono anche le regole che, probabilmente, accompagnano il personaggio interpretato da Alberto Sordi in Il diavolo, poiché, come si vedrà nell’analisi del film, l’impatto con una società dove la donna non è soggetta al controllo dell’uomo sarà di totale novità per il protagonista del film. Ovviamente, però, nonostante queste siano le regole generalmente condivise e riscontrate in buona parte delle famiglie italiane della metà del ‘900, bisogna sottolineare che ci sono differenze a seconda della regione che si prende in considerazione. In Sardegna, infatti, uno dei punti del codice barbaricino cita: «La famiglia è la sede propria della vita dell’uomo. Di essa l’uomo deve essere il capo assoluto di fronte alla società, ma al suo interno la donna deve imporre la conferma della condizione di “homine” da parte del marito, dentro e fuori la casa» 19.

Questo a testimonianza del fatto che l’uomo sardo è il padrone del nucleo familiare di fronte alla società, ma, all’interno della famiglia, la moglie viene sempre consultata dal marito su ogni decisione di carattere interno ed anche riguardante i rapporti economici con l’esterno. Si pensi, ad esempio, alla ben realizzata fiction RAI L’ultima Frontiera (2006), che analizza il nucleo familiare sardo incentrato sul ruolo della donna. O, ancora, al film Padre Padrone (1977) dei fratelli Taviani, in cui viene analizzata l’influenza del padre sardo nella crescita del figlio ed il suo ruolo nella famiglia, la cui unica fonte economica era la pastorizia. Questo tipo di nucleo familiare basato sul rispetto e sull’onore si regge anche sull’aiuto reciproco fra componenti della stessa famiglia. Quando, infatti, l’onore viene sporcato da un componente esterno al nucleo familiare, l’intera famiglia si erge in difesa dell’onore macchiato. Per questo motivo, utilizzando la categorizzazione delineata dallo storico fondatore del gruppo di Cambridge, Peter Laslett 20, il nucleo familiare italiano, solitamente, non è nucleare, ma multiplo. Non è raro, infatti, soprattutto all’estero, che gli italiani vivano in famiglie definite “allargate”, formate da due o più unità coniugali.

19

G. Musio, La cultura solitaria. Tradizione e acculturazione nella Sardegna arcaica, Bologna, Il Mulino, 1969, p. 106. 20 Richard Wall, Jean Robin (a cura di), Peter Laslett, Family Forms in Historic Europe, Cambridge, Cambridge University Press, 1983.

12


Non si deve dimenticare che la prima risorsa di potere e sicurezza per gli italiani è la famiglia, e la forza della famiglia è determinata dalla sua coesione interna e dalle sue ramificazioni. Non risulta difficile capire, dunque, come mai, nel momento dell’emigrazione, gli italiani, trovandosi in un mondo del quale sanno poco e niente, si affidano all’appoggio di un parente in loco, o di un amico con il quale stringere immediatamente un legame consanguineo, e ricreare quella struttura sociale primaria lasciatasi alle spalle, ma loro necessaria per il mantenimento di una propria sicurezza a livello sociale e personale. Basti pensare al film Il gaucho, dove il personaggio interpretato da Vittorio Gassman va in cerca di un amico e si imbatte proprio in uno dei molteplici quartieri Little Italy, in cui gli italiani si trasferiscono per ricreare una realtà locale simile a quella lasciata in Italia. Altro esempio di questo tipo di famiglia, anche se estremizzato, si ha nel film My Name is Tanino (2002) di Paolo Virzì, dove il protagonista viene accolto negli Stati Uniti da una famiglia di proporzioni smisurate che conta, al suo interno, «fratelli, sorelle, mogli, mariti, cugini, figli, nipoti, cognati, zie, zii, nonni, generi e nuore» 21.

La Religione I principali valori sui quali si regge la famiglia italiana sono, solitamente, di origine cristiana. L’Italia, infatti, è considerabile come la patria del cristianesimo ed è, più di ogni altro Paese al mondo, fortemente a contatto con lo Stato del Vaticano e, conseguentemente, con il Papa. Questa figura spirituale è, per l’87,8% 22 della popolazione italiana, una guida, non solo sul piano religioso, ma anche su quello comportamentale. Il Papa, da sempre, influisce sul corso della storia, esercitando il proprio potere spirituale ma anche temporale. Si pensi, ad esempio, al periodo medievale, quando la civiltà era essenzialmente religiosa e trascendente, cristiana e antimondana 23 . O, ancora, alle ambigue vicende di Pio IX, definito da Garibaldi «metro cubo di letame» 24 per la sua opposizione all’unità d’Italia, e strettamente 21

Tanino, protagonista del film, durante un voiceover nel film. Dati EURISPES 2006 relativi la percentuale della popolazione italiana che dichiara di essere cattolica. 23 Rosa, A. A., Sintesi di storia della letteratura italiana, Firenze, Nuova Italia, 1984. 24 Giuseppe Garibaldi, Memorie. Con un’appendice di Scritti Politici, BUR, Milano, 1998, p. 367. 22

13


collegato alla pubblica tortura ed uccisione, eseguita dal boia Mastro Titta, di centinaia di delinquenti 25 . Ancora oggi, seppur in maniera meno diretta, il Papa interviene nella quotidianità degli italiani, condizionati in cultura ed approccio alla vita dalla religione cristiana. Basti pensare, in ambito cinematografico, al film Il diavolo (1963) e alle incomprensioni e differenze culturali incontrate dal protagonista, interpretato da Alberto Sordi, in un Paese quasi completamente ateo come la Svezia. In questo caso, per esempio, c’è un interessante confronto fra la diversa vita di coppia in un matrimonio cristiano e quella in una coppia atea.

25

Angela Carlino Bandinelli, Bracciano. Negli occhi della memoria, Roma, Edizioni Mediterranee, 2004, p. 246.

14


STEREOTIPI

Definizione La parola “stereotipo” deriva dalla fusione di due parole greche: stereos, significante “solido”, e typos, significante “impronta”, o, più genericamente, “un modello”. Gli stereotipi fanno dunque riferimento ad un modello solido – nonostante il primo utilizzo del termine coniato da Firmin Didot appartenga al campo tipografico e faccia riferimento ad «una piastra di metallo su cui veniva impressa una immagine o un elemento tipografico originale, in modo da permetterne la duplicazione su carta stampata» 26. Semanticamente lontano dal termine cliché 27, lo stereotipo è una rigida imposizione di caratteristiche che noi attribuiamo alle altre persone sulla base della loro nazionalità, etnia o genere. In questo senso, il termine venne utilizzato per la prima volta dall’insigne giornalista Walter Lippman nel suo libro Public Opinion 28, nel quale lo scrittore dedica notevole spazio alla discussione del concetto. Lippman vede gli stereotipi come strutture cognitive generali ed utilizza il termine per fare riferimento agli errori e alle preferenze che facciamo entrando in contatto con il mondo. 26

Wikipedia, L'enciclopedia libera, Stereotipo, http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Stereotipo&oldid=19373800 (in data 21 novembre 2008). 27 Sostantivo onomatopeico derivato dal suono che produceva la matrice tipografica quando colpiva il metallo fuso. 28 Lippman Walter, Public Opinion, New York, Harcourt, Brace, 1922.

15


Un importante contributo allo studio del contenuto degli stereotipi lo danno Katz e Braly 29. I due studiosi chiedono a degli studenti della Princeton University di trovare dei tratti che possano descrivere una lista di 10 gruppi etnici e razziali. I tratti scelti durante lo studio hanno un considerevole consenso tra gli studenti stessi e vengono dunque considerati come stereotipi dei gruppi analizzati. Per esempio, quindi, l’84% dei soggetti pensa che i negri (termine utilizzato all’epoca dello studio) siano superstiziosi, il 54% crede che i turchi siano crudeli ed il 78% invece ritiene che i tedeschi abbiano delle menti da scienziati. In un secondo studio 30, l’ordine dei gruppi, disposti secondo le preferenze degli studenti, risulta essere identico al desiderio medio, da parte degli studenti stessi, di possedere i tratti attribuiti ai gruppi analizzati. Questo studio inizia una lunga tradizione che vede gli stereotipi e i pregiudizi come fortemente in relazione. Nella sua opera The Authoritarian Personality 31, il filoso sociale Theodor W. Adorno, inizia a considerare gli stereotipi come manifestazione di un più generale comportamento pregiudizievole. Poco più tardi Gordon Allport, nel suo The Nature of Prejudice 32 , definisce il pregiudizio etnico attraverso un’attenta analisi della personalità giungendo alla conclusione che la categorizzazione, l’uso delle categorie e i conseguenti errori di valutazione sono inevitabili nel nostro approccio quotidiano con sistemi complessi. Negli ultimi decenni del XX secolo l’interesse degli studiosi si sposta dal contenuto degli stereotipi (ad es. Katz e Braly) al processo cognitivo di stereotipizzazione. Il vero punto di inizio dell’approccio cognitivo si ha con la pubblicazione di un libro ad opera di David Hamilton 33 nel quale si evince che gli stereotipi sono semplici generalizzazioni. Perciò, facendo ampio uso delle ricerche esistenti sulla psicologia

29

Katz, D., Braly, K., «Racial stereotypes of one hundred college students». In Journal of abnormal and social psychology, 28, 1933, pp. 280-290. 30 Katz, D., Braly, K., «Racial prejudice and racial stereotype», Journal of abnormal and social psychology, 30, 1935, pp. 175-193. 31 Adorno, T.W., Frenkel-Brunswik, E., Levinson, D. J., & Sanford, R. N., The authoritarian personality, New York, Harper & Row, 1950. 32 Allport G.W., The nature of prejudice, Garden City, Doubleday/Anchor, 1954. 33 Hamilton, D. L. (ed.), Cognitive processes in stereotyping and intergroup behavior, Hillsdale, Erlbaum, 1981.

16


cognitiva, Hamilton e i suoi colleghi iniziano ad analizzare gli stereotipi anziché condannarli come prodotto di una mente corrotta o di una cultura malata 34. Che siano considerati come negativi a causa degli errori che causano e della malafede in loro insita 35 , o come positivi in quanto siano la «pre-condizione necessaria a fare emergere il sé e la civiltà» 36 , i pregiudizi restano un elemento fortemente collegato agli stereotipi e alla materia qui studiata.

Schemi e categorie Il processo cognitivo più elementare implicato nella stereotipizzazione è sicuramente la categorizzazione. Le categorie sono utili nel semplificare il mondo. Perfino la nostra lingua intera è costruita sul fatto che raggruppiamo sostantivi, verbi, aggettivi e avverbi all’interno di categorie. Dire che un determinato animale è un cane, significa riconoscerne le qualità di cane e definire tale cane “pitbull” significa fare un ulteriore passo avanti differenziandolo dalle altre razze esistenti. Allo stesso tempo, così facendo, raggruppiamo le informazioni che conosciamo riguardo quella determinata razza e le attribuiamo anche a quel determinato esemplare, arrivando alla conclusione che quel cane possa abbaiare e mordere. Anche se non lo cogliamo nell’azione dell’abbaiare, siamo sicuri che sia in grado di farlo perché, dato che appartiene alla categoria dei cani, deve condividere con loro le medesime qualità in comune. Questo ci dà uno scarto predittivo, una sorta di vantaggio nel poter prendere le decisioni riguardanti il nostro comportamento 37. La categorizzazione è un processo basilare ma fondamentale per la costruzione di uno stereotipo poiché, prima che la stereotipizzazione possa avvenire, un individuo deve essere visto come membro di una o più categorie alle quali lo stereotipo possa essere applicato. Età, sesso e razza sono considerate dagli psicologi come categorie sociali primarie. La categorizzazione primaria avviene prima e più velocemente quando consideriamo 34

Hamilton, D. L., & Sherman, J. W., «Stereotypes». In R. S. Wyer, Jr. & T. K. Srull (Eds.), Handbook of social cognition (Vol. 2, 2nd ed., pp. 1-68), Hillsdale, NJ, Erlbaum, 1994. 35 Allport G.W., La natura del pregiudizio, Firenze, La Nuova Italia, 1976, p.13. 36 Mills, J., Polanowski, J. A., Ontology of prejudice, Amsterdam, Rodopi, 1997. 37 Anderson, J.R., The adaptive nature of human categorization, «Psychological Review», 98, 1991, pp. 409-429.

17


altre persone. A sostegno della tesi secondo cui queste tre qualità di un soggetto sono di primaria importanza per il processo di categorizzazione, esiste uno studio sull’attività delle onde celebrali di determinati soggetti in seguito alla presentazione di fotografie di uomini di colore, uomini bianchi e soggetti femminili 38 . Il risultato di questo studio dimostra che la razza dei soggetti studiati viene riconosciuta in circa un decimo di secondo, mentre il sesso viene riconosciuto solo qualche attimo dopo. Questo dimostra che la categorizzazione primaria è immediata, spontanea e incontrollabile. È probabile, come del resto nota David Schneider 39, che la facilità con la quale compiamo questa azione derivi dal fatto che ciascuna di queste categorie abbia dei riferimenti fisici che sono visibili e facilmente riconoscibili. Il colore della pelle e i lineamenti del viso aiutano a riconoscere la razza. La forma del corpo, l’altezza e la presenza o l’assenza di attributi riproduttivi aiutano a riconoscere il sesso. Infine, il colore dei capelli e il tipo di pelle aiutano a riconoscere l’età. Ricerche sociologiche dimostrano che la categorizzazione è guidata dall’attenzione. Più siamo attratti o incuriositi da un tratto specifico di una persona – come il peso o la razza – e maggiori sono le chance che raggrupperemo quell’individuo con qualche altra persona che abbiamo incontrato nel passato e che presenti un tratto simile 40. È sempre l’attenzione che noi prestiamo alla variazione ed atipicità di alcuni eventi o individui a dare origine agli stereotipi che poi vengono tramandati, volontariamente e non, attraverso la famiglia e altri conduttori sociali e culturali come la scuola, i centri ricreativi o la televisione.

Ipotesi e discriminazione Detto questo, alcuni modelli di categorizzazione non richiedono un esplicito processo di riconoscimento dell’individuo come appartenente ad una categoria prima che vengano

espressi

giudizi

a

suo

riguardo.

38

È

possibile,

infatti,

che

una

Ito, T., & Urland, G., Race and gender on the brain: Electrocortical measures of attention to the race and gender of multiply categorizable individuals, «Journal of Personality and Social Psychology», 85, 2003, pp. 616-626. 39 David J. Schneider, The Psychology of Stereotyping, New York, NY, London, The Guilford Press, 2004. 40 Smith, E., Zarate M., Exemplar-based model of social judgment, «Psychological Review», 99, 1992, pp. 3-21.

18


stereotipizzazione venga fatta unicamente su un’ipotesi, su delle probabilità e, non essendo supportata da fatti, non sia quindi universalmente accettata. Spesso quindi intratteniamo le nostre interazioni sociali avendo sospetti, intuizioni o ipotesi riguardo le qualità degli individui con i quali ci stiamo rapportando. Siamo dunque portati a testare questi nostri sospetti ma, nonostante i risultati di questi test, i nostri stereotipi condizioneranno comunque la nostra opinione su di loro e, nella maggior parte dei casi, questi test saranno vani. Gli stereotipi sono dunque raramente applicati universalmente. Se, quindi, riprendendo l’esempio chiarificatore di David J. Schneider 41 , giudicassi buone le mele rosse, sono veramente pronto ad affermare che tutte le mele rosse sono buone? Sicuramente no. Cosa significa quindi affermare che le mele rosse sono buone? Che probabilmente un 70% hanno un buon sapore? Forse un po’ più del 50%? Probabilmente qualcosa di simile ma, alla fine dei conti, a chi interessa? Nessuno dovrà mai soffrire o verrà danneggiato dalla mia affermazione o dal mio errore di generalizzazione sulle mele rosse e, se si dovesse verificare una cattiva decisione basata sulla mia generalizzazione, sarà unicamente un problema fra me e il mio fruttivendolo. Quando però questo concetto viene applicato alle persone, dove non c’è un tale livello di tolleranza, allora il discorso si fa un po’ più complesso. Per una serie di motivi le generalizzazioni riguardanti le persone vengono fatte con molta più cautela. Per esempio, in uno studio nazionale pubblicato nel 1980 in cui viene chiesto di definire quanti membri di determinati gruppi abbiano dei tratti stereotipati in una scala di 9 punti che va da “nessuno” a “tutti”, solo il 20% degli intervistati utilizza uno dei tre punti più alti per definire gli uomini di colore come fannulloni e appena il 5% utilizza i primi tre punti per definirli intelligenti

42

. Non solo gli stereotipi non sono

universalmente veri ma, in secondo luogo, sono applicabili solo ad alcune minoranze dei gruppi. Questo vuol dire che gli stereotipi sono veri solo per un ristretto numero di persone appartenenti al gruppo stereotipato. Se per esempio affermo, come nello studio precedentemente citato di Katz e Braly, che i tedeschi sono molto scientifici, 41

Schneider, David J., The psychology of stereotyping, London, The Guilford Press, 2004, p. 197. Jackman, M. R., & Senter, M. S., «Images of social groups: categorical or qualified?», Public Opinion Quarterly, 44, 1980, pp. 341-362. 42

19


questo sarà vero solo per una minoranza di tedeschi. Inoltre, tendiamo ad applicare le caratteristiche di un determinato gruppo anche a tutti coloro i quali supponiamo facciano parte di quel gruppo ma, allo stesso tempo, siccome siamo consapevoli della possibilità di errore insita nella generalizzazione di uno stereotipo, ci guardiamo bene dal fare domande di fisica quantistica al primo tedesco che troviamo per strada. Siamo comunque sicuri del fatto che quel tedesco abbia, se non tutte, almeno qualcuna delle qualità che caratterizzano e definiscono la categoria del popolo tedesco. Le informazioni che riusciamo ad acquisire nell’interazione sociale ci consentono di capire quali, tra le svariate qualità appartenenti alla categoria in questione, siano attribuibili anche al soggetto con il quale ci stiamo confrontando. Le nostre sono dunque aspettative più che ipotesi ma, il termine qui utilizzato, meglio si riferisce alla materia sociologica.

Cambiare lo stereotipo e i pregiudizi Gli stereotipi sono dunque facili da creare, è un processo quasi involontario che richiede un minimo sforzo mentale poiché il meccanismo che opera alla base della stereotipizzazione è già insito nel nostro sistema mentale e ne facciamo ricorso quotidianamente quando scopriamo il mondo circostante. Cambiare uno stereotipo, invece, non può essere considerato un processo altrettanto semplice. Affinché uno stereotipo cambi c’è bisogno di un cambiamento culturale. Nonostante cambiamenti culturali possano avvenire senza che gli individui cambino la loro concezione degli eventi, nel momento in cui avviene un rinnovo generazionale, con la scomparsa dei difensori dei vecchi schemi culturali, assistiamo ad un effettivo cambiamento nella concezione che i popoli hanno del mondo con un nuovo e fresco punto di vista libero dai vecchi e ormai obsoleti schemi e pregiudizi. Ad esempio, il comportamento nei confronti degli omosessuali ha subito decisivi cambiamenti ed è divenuto più favorevole nel corso degli ultimi 15 anni 43.

43

Altemeyer, B., «Changes in attitudes towards homosexuals». In Journal of Homosexuality, 42, 2001, pp. 63-75.

20


Il metodo che, secondo la maggior parte degli psicologi (es. Amir 44 ; Hewstone & Brown 45 ; Pettigrew & Tropp 46 ), consente maggiormente un cambiamento o una eliminazione degli stereotipi è il contatto. Quasi tutti gli studiosi sono però giunti alla medesima conclusione: il contatto ha solitamente effetti positivi nel ridurre i pregiudizi e gli stereotipi, ma solo a certe condizioni. Innanzitutto, diversi tipi di contatto solitamente rinforzano uno stereotipo piuttosto che indebolirlo, dato che è facile trovare un comportamento ripetitivo che ricollega i membri di un determinato gruppo. In secondo luogo, i nostri contatti sono selettivi, vediamo le altre persone solo in alcune situazioni, quindi non abbiamo tutte le informazioni di cui abbiamo veramente bisogno. Infine, le nostre esperienze non sono mai pure e libere da pregiudizi o preferenze, perciò c’è sempre la possibilità di trovare conferma delle proprie ipotesi/aspettative nel comportamento altrui. Il metodo del contatto può però fallire nel momento in cui un soggetto che contraddica lo stereotipo del proprio gruppo di appartenenza venga considerato come una eccezione e quindi classificato in una sorta di sottocategoria. Il cambiamento di stereotipi e pregiudizi è sicuramente un processo difficile a compiersi ma non impossibile e, in alcuni casi, addirittura necessario.

L’italiano stereotipato: passato e presente a confronto Presentati il concetto di stereotipo e il processo di stereotipizzazione, risulta ora necessario trattare i principali luoghi comuni che interessano gli italiani all’estero, in modo da rendere più scorrevole e schematica la comprensione e l’analisi dei film oggetto di questo lavoro. .

44

Amir, Y., «Contact hypothesis in ethnic relations», Psychological Bulletin, 71, 1969, pp. 319-342. Hewstone, M., & Brown, R. J., «Contact is not enough: An intergroup perspective on the “contact hypothesis”». In M. Hewstone & R. J. Brown (eds.), Contact and conflict in intergroup encounters, Oxford, Blackwell, 1986, pp. 1-44. 46 Pettigrew, T. F., & Tropp, L. R., «Does intergroup contact reduce prejudice?: recent meta-analytic findings». In S. Oskamp (ed.), Reducing prejudice and discrimination, Mahwah, Erlbaum, 2000, pp. 93-114. 45

21


L’italiano è mafioso La parola “mafia” può essere intesa in due modi. Il primo riguarda l’uso della parola con la lettera “m” minuscola, e si riferisce a una filosofia di vita, una concezione della società e un codice morale che sono alla base delle famiglie mafiose. Se, invece, si intende l’utilizzo della parola con la “m” maiuscola, si fa riferimento all’organizzazione illegale di stampo mafioso esistente in Sicilia. Come Luigi Barzini asserisce nel suo celebre The Italians: «The Mafia is […] the art of living, of defending oneself with one’s own power, of supplementing the defectiveness of the State with one’s own private virtues, corrupts, in the end, all forms of sound government, obstructs the functioning of all legitimate organs, and makes the correction of defects in the government apparatus almost 47

impossible» .

Solitamente, i termini “mafia” e “mafioso” vengono immediatamente ricollegati alla Sicilia che, a malincuore, è conosciuta in tutto il mondo per aver ospitato i ceppi delle più famigerate famiglie mafiose, non solo del Meridione, ma anche d’oltreoceano. Questo nella realtà come nella finzione. Si pensi, ad esempio, ai fortunati film americani Casinò (Scorsese, 1995), Quei Bravi Ragazzi (Scorsese, 1990) o l’immancabile Il Padrino (1972, Francis Ford Coppola). Questa fama, tutt’altro che gratificante, è dovuta al fatto che la filosofia di vita del mafioso porta ad un codice morale basato sul rispetto reciproco, in cui le relazioni sociali vengono mantenute attraverso la formazione di veri e propri patti di sangue. Quando l’onore viene tradito, o l’immagine di qualcuno infangata, è dovere degli amici unirsi e aiutarsi l’un l’altro per combattere il nemico comune; questo anche nel caso in cui l’amico da aiutare sia nel torto. È difficile riuscire a datare la nascita di queste famiglie mafiose, ma si pensa siano un residuo storico formato dal fatto che, per secoli, i proprietari terrieri difendono i

47

Barzini Luigi, The Italians, Londra, Hamish Hamilton, 1964, p. 275. «La Mafia è […] un’arte di vita, di difesa personale con il proprio potere, di ovviare alle mancanze dello Stato con le proprie virtù private, e corrompe, in conclusione, tutte le forme di governo, ostruisce il funzionamento di tutti gli organi legittimi, e rende impossibile la correzione dei difetti nell’apparato del governo» (traduzione a cura di chi scrive).

22


propri terreni organizzando delle «compagnie d’armi» 48 . Probabilmente, con il passare del tempo, queste strutture sociali di difesa, continuano ad esistere e si evolvono secondo dei codici e dei parametri di giustizia personale che danno origine alle famiglie mafiose siciliane e alla struttura sociale basata sull’onore e sul rispetto – ragioni di contese e stragi nel territorio siculo. È proprio questo lento processo sociale che dà origine alla «società degli amici»; una forma sociale che si costituisce con lo scopo di proteggersi l’un l’altro e di favorire gli affari loschi dei propri amici. Questa società include gli amici stretti, ma anche gli amici degli amici. In questo modo, le relazioni sociali di un determinato individuo si estendono fino ad un certo punto e unicamente in alcune direzioni. Proprio per il ristretto numero di persone facenti parte di questa società degli amici, il rapporto tra i vari membri è molto stretto, al punto che, con il passare del tempo, queste società finiscono per diventare delle vere e proprie famiglie, guidate dal membro che gode di maggiore rispetto. Risulta interessante, a questo punto, sottolineare che, secondo la formulazione classica dovuta al sociologo tedesco Ferdinand Tönnies, «la comunità (Gemeinshaft) è intesa come vita reale e organica e […] gli individui, che sono legati dalla comune appartenenza, sentono di fare parte di un tutto che li trascende» 49 . È su questo principio che si erge la società degli amici e, proprio per rafforzarne la coesione interna in vista del raggiungimento dell’interesse comune, le famiglie facentene parte, arrivano a fondersi tra di loro anche, talvolta, attraverso matrimoni combinati. Sono queste le famiglie mafiose allargate a cui, per esempio, fa riferimento il film di Paolo Virzì, My Name is Tanino, nel momento in cui il protagonista viene accolto in America da una famiglia di italo-americani facente capo ad Angelo Maria Li Causi 50. Nel film di Virzì, si parla proprio di un siciliano, fuggito dalla terra natìa a causa di un fatto di sangue, e rifugiatosi in America dove, nel corso degli anni, si è costruito una rispettabile reputazione – ricordando che, per i mafiosi, il rispetto è direttamente proporzionale al grado di paura che si è capaci di suscitare nel prossimo.

48

Ivi, p. 257. Sciolla Loredana, Italiani: stereotipi di casa nostra, Bologna, Il Mulino, 1997, p. 37. 50 In questo caso, viene ripreso il cognome di un famoso veterano comunista siciliano, che, durante uno dei suoi comizi nella piazza centrale di Villalba, venne ucciso a colpi di arma da fuoco dagli uomini di Don Calò, per non aver ascoltato il suo consiglio riguardo la poca sicurezza che un comizio del genere gli avrebbe dato. 49

23


Qui iniziano gli stereotipi, nati dalle basi storiche e culturali precedentemente accennate. Innanzitutto, lo status di mafioso che, teoricamente, è proprio solo di una ristretta minoranza di siciliani, ormai non più assecondata e temuta dal resto della popolazione, viene solitamente associata all’italiano. Per di più, i gruppi criminali americani, spesso vengono ricollegati a famiglie mafiose siciliane, come se fosse veramente possibile che un mafioso possa regolare degli affari a New York stando rifugiato e protetto nella famiglia del proprio paesino siciliano. I gangster americani di origine italiana, vengono ricevuti e rispettati in territorio siculo ma niente più. A commento dell’arrivo di Lucky Luciano a Palermo, infatti, l’ufficiale della polizia addetto alla sua sorveglianza, disse: «He believes he is a big shot in the Mafia, the poor innocent man» 51. A fomentare l’immagine dell’italiano mafioso che si fa giustizia da solo e che basa il proprio stile di vita su regole ai limiti, se non oltre, la legalità, accadono alcuni episodi quali, ad esempio, il processo di Mani Pulite nei primi anni ’90 che, agli occhi del mondo intero, svela la corruzione che logora dall’interno il sistema politico ed amministrativo italiano di fine secolo. A conferma dello stereotipo dell’italiano mafioso, è stato preso in analisi, in questo studio, il film Lamerica, di Gianni Amelio, dove, come si vedrà meglio nell’analisi, si ritrova proprio la figura dell’italiano immischiato in affari loschi che cerca disperatamente di ricavare un profitto economico a scapito di poveri disgraziati.

L’italiano è un dongiovanni L’italiano, facente parte della stereotipata categoria de “il maschio latino”, viene sempre raffigurato moro, con gli occhi scuri e penetranti, amante delle donne e della bella vita. Tralasciando per un attimo il fatto che nelle regioni nordiche dell’Italia gran parte dei ragazzi abbia occhi chiari e, spesso, anche capelli biondi, il mito del dongiovanni è duro a morire, poiché viene ricollegato alla capacità d’intesa che

51

Barzini Luigi, The Italians, Londra, Hamish Hamilton, 1964, p. 271. «Egli crede di essere un grande nome nella Mafia, il povero uomo ingenuo» (traduzione a cura di chi scrive).

24


l’italiano riesce solitamente a stabilire con le altre persone. Se, infatti, «al ristorante un italiano è una volpe, in un locale notturno diventa un pavone» 52. Il seduttore italiano trova difficoltà ed infelicità nei Paesi nordici poiché, la propria capacità seduttiva si basa sulla comprensione immediata della persona che si trova di fronte e, le donne nordiche, sono prive di espressività facciale. Infatti, «reading facial expressions is an important art in Italy, to be learned in childhood, […] only the face counts» 53. Esempio di questa tecnica per conquistare una donna, si ha nel film Il diavolo, dove il protagonista cerca, senza successo, di leggere i volti e gli sguardi delle donne svedesi per stabilire una connessione a distanza. Si hanno ampi esempi di questo tipo di comportamento anche nel film Il gaucho, dove, il personaggio interpretato da Vittorio Gassman, pavoneggia in continuazione con le donne che lo circondano e stabilisce, attraverso la «combinazione di voce, sguardo, gestualità e abbigliamento» 54 , un immediato rapporto di comunicazione basato su una «capacità di seduzione che non diventa, necessariamente, sessuale» 55. Nonostante imperversi ancora lo stereotipo del latin lover attore, bagnino o figlio di papà, nella realtà la situazione è cambiata, poiché, al giorno d’oggi, «il seduttore è tormentato, […] ha meno ambizioni e alcune commoventi vanità» 56. L’italiano prova piacere nello stabilire questa connessione comunicativa con il gentil sesso, probabilmente anche per il fatto che, la donna, rappresenti piacere ma, allo stesso tempo, trasgressione. Questo soprattutto all’estero, dove l’italiano si sente lontano dalla propria casa e meno legato alle costrizioni culturali e sociali che ne inibiscono il comportamento. A proposito, il francese Jean-Noël Schifano, autore di Desir d’Italie, dice:

52

Severgnini Beppe, La testa degli italiani, Milano, Rizzoli, 2005, p. 56. Barzini Luigi, The Italians, Londra, Hamish Hamilton, 1964, p. 61. «Leggere le espressioni facciali è un’arte importante in Italia, deve essere appresa nell’infanzia, […] conta solo la faccia» (traduzione a cura di chi scrive). 54 Severgnini Beppe, La testa degli italiani, Milano, Rizzoli, 2005, p. 57. 55 Ibidem. 56 Ibidem. 53

25


«La religione è solo schiuma. Schiuma utile: serve per fornire norme da violare. Perché per voi trasgredire è un piacere. E io vi capisco. Fate benissimo. Continuate così» 57.

Certo, questa, è una chiave di lettura un po’ semplicistica ma, non si può fare a meno di ricollegarla alla “simpatica ipocrisia” che viene riconosciuta all’estero agli italiani. Si pensi, infatti, alla pudicizia religiosa dietro la quale si nasconde l’italiano, per poi abbandonarsi al turismo sessuale nei Paesi dell’est Europa 58 o, ancora, felicitarsi della moderna Tv italiana la cui nuova icona è la «[…] Signorina Seminuda [la cui] faccia è intercambiabile, ma dal collo in giù resta uguale: sbuca in tutti i programmi, muove i fianchi e ogni tanto la fanno parlare, soprattutto quando non ha niente da dire» 59.

“Canta che ti passa” L’Italia è il paese del sole, della felicità e della spensieratezza. Per questo motivo, all’estero, l’Italiano è visto come una persona che prende tutto con la dovuta calma, senza mai preoccuparsi troppo delle cose e che risolve tutto con un sorriso. Questo però non è il modo corretto per risolvere i problemi poiché, prendendo tutto troppo alla leggera e non dando il giusto peso alle cose, l’italiano finisce per lasciare sempre che le difficoltà si accumulino senza che si arrivi ad un miglioramento della propria condizione sociale. La figura dell’italiano spensierato e che vede sempre il lato positivo delle cose è, del resto, presente anche nel cinema italiano. Una delle scene più belle del film Pane e cioccolata, è proprio durante uno spettacolo in cui degli italiani ridono delle proprie difficoltà di immigrati. Qui avviene la presa di coscienza del protagonista, interpretato da Nino Manfredi, che capisce come la filosofia del “canta che ti passa”, abbia costretto gli italiani a masticare umiliazioni per una vita per poi riderci sopra, senza 57

Ivi, p. 226. Gli italiani sono i maggiori visitatori della Slovenia (20% del turismo totale in arrivo) e i secondi in Romania (12,5% del turismo totale in arrivo). Eurostat, Panorama on tourism, Luxemburg, Office for Official Publications of the European Communities, 2008. 59 Severgnini Beppe, La testa degli italiani, Milano, Rizzoli, 2005, p. 96. 58

26


rendersi conto che è tutta la vita che vengono fregati con la storia della chitarra e mandolino. Ed è proprio questo tipo di mentalità che fa comprendere al protagonista che la condizione degli italiani non potrà mai migliorare, in quanto, i problemi li si risolve affrontandoli, non cantandoci sopra. Ma lo stereotipo dell’italiano fannullone e spensierato raggiunge il suo massimo picco di volgarità nel film Il Sorpasso (Risi, 1962), nel quale Vittorio Gassman diventa l’emblema assoluto della velocità e del boom economico italiano. Qui, infatti, Bruno Cortona (Vittorio Gassman) è un italiano che passa sopra tutti e tutto, con una non curanza ed un menefreghismo distruttivi e, per il suo compagno di viaggio, anche fatali. In questo film, Roberto Mariani (Jean-Louis Trintignant), svolge la funzione che, nei film presi in analisi in questo lavoro, svolgono gli stranieri. All’estero, infatti, la maschera viene portata alle sue estreme conseguenze proprio dal suo confronto ed affiancamento con le culture straniere. Questo perché, se il comportamento da seduttori dei due ragazzi Romolo e Salvo in Poveri ma belli (1957, Dino Risi) risulta assolutamente normale, l’approccio, molto meno esplicito di Sordi in Il diavolo, è accentuato dal fatto che nessuno degli svedesi si comporti in quel modo e lo stereotipo, dunque, non è più normalizzato dal comportamento comune delle altre persone, ma esasperato e portato con maggiore forza all’attenzione dello spettatore.

27


ANALISI DI CINQUE FILM ITALIANI

Introduzione al lavoro Dopo aver passato in rassegna una serie di nozioni riguardanti gli stereotipi ed il popolo italiano è finalmente possibile passare all’oggetto vero e proprio di questo studio: l’analisi di cinque film italiani e del comportamento dell’italiano in un Paese straniero. L’interesse di questo lavoro nasce dalla sensazione, sempre più attuale, che l’italiano all’estero soffra di una pesante eredità mediatica e storica che lo identifica e stereotipizza. È interessante dunque capire come l’italiano veda se stesso all’estero e, spesso con forte autocritica, si presenti al mondo intero attraverso l’occhio della cinepresa. I film scelti per questo studio sono tutti di registi italiani e sono volontariamente di periodi differenti in modo da poter analizzare se e come, nel corso dei decenni, la rappresentazione dell’italiano all’estero si sia evoluta. I film si differenziano tra loro anche per il Paese straniero dove sono ambientate le storie: Sordi in Svezia, Gassman in Argentina, Manfredi in Svizzera, Lo Verso in Albania e Fortuna negli Stati Uniti. Si tratta anche di personaggi che rappresentano stereotipi differenti, si va dal donnaiolo Sordi al mattatore Gassman, passando per lo spiantato Manfredi fino ad arrivare al truffatore Lo Verso e al sognatore innamorato Fortuna. Sono tutte dimensioni dell’italianità e rappresentazioni di cinque facce diverse dell’italiano.

28


Sarà però meglio trattare nel dettaglio i vari film presi singolarmente in modo da poter svolgere con maggiore minuziosità il lavoro di analisi qui oggetto di interesse.

29


Il Diavolo (1963) di Gian Luigi Polidoro Sinossi Amedeo Ferretti (Alberto Sordi), rappresentante italiano di pellicce, intraprende un viaggio in treno verso la Svezia, per acquistare all’asta una partita di pellicce di visone. Durante il viaggio, Amedeo, ricorda le parole lette dalla moglie sulla guida turistica, riguardanti una presunta, e quasi mitologica, capacità delle donne svedesi di rendere un uomo felice come mai prima di allora. È sul treno che Amedeo incontra la prima svedese e, su di lei, sperimenta infelicemente le parole della guida turistica. Sul battello, in viaggio dalla Danimarca alla Svezia, Amedeo conosce il professor Mayer, diretto a Stoccolma per l’assegnazione dei premi Nobel. Costui sarà, per Amedeo, una delle prime guide alla seduzione delle svedesi e, durante la cena trascorsa insieme, lo inviterà a prendere l’iniziativa, proponendo un brindisi a distanza con una ragazza seduta ad un tavolo vicino. Arrivato in Svezia, Amedeo giunge in un tipico villaggio svedese con poche case e tanta neve. In preda ad un mal di denti che lo fa penare, viene accompagnato da un passante dal parroco del villaggio, uno dei pochi abitanti che sa parlare italiano. Amedeo, primo italiano giunto nel piccolo paese, diventa subito oggetto di interesse da parte dei bambini ed intrattiene una conversazione privata con il parroco, riguardo l’argomento che, fin dall’inizio del suo viaggio, sembra stargli più a cuore: l’interesse delle donne del nord nei confronti degli italiani. È durante questa conversazione che gli viene confermato che alla stazione di Stoccolma, le donne svedesi attendono l’arrivo degli italiani per conoscerli. Giunto alla stazione, Amedeo si guarda intorno speranzoso ma, con un po’ di rammarico, scopre che nessuna donna lo stava aspettando. Dopo aver prenotato una camera in albergo ed essersi informato sulla possibilità di portare donne la notte a dormire con sé, Amedeo si reca alla caffetteria Triumf, consigliatagli da amici e frequentata dalle svedesi in cerca di italiani. Qui, messa in atto una efficace strategia comunicativa basata sullo scambio di sguardi, Amedeo conosce Karina, una bella ragazza alta, con la quale riesce ad instaurare un dialogo. Solo per scoprire, poi, la sua vera età di tredicenne e decidere, data la tarda ora, di mandarla a casa a dormire. Tornato nel locale, Amedeo decide di non farsi più scrupoli. La successiva conquista è Eva, una ragazza sedicenne dall’aspetto innocente, che,

30


dopo la promessa di Amedeo di non avere seconde intenzioni, lo segue in camera d’albergo. Promessa sistematicamente non mantenuta, al punto che la serata finisce con Eva che abbandona la camera da letto ed Amedeo che va in bianco. La mattina seguente, Amedeo viene svegliato da un gruppo di angeli con delle candeline in testa, che, secondo un rito quasi pagano, gli portano la colazione per celebrare il 13 Dicembre, la giornata più breve dell’anno in cui si omaggia la luce. Acquistati duemila visoni neri diamantati ad un’asta di pellame, Amedeo si reca alla cerimonia dell’assegnazione dei premi Nobel. In un momento di pausa, viene avvicinato da Brigitta, bella donna svedese che, in tarda serata, lo chiama in albergo per invitarlo a casa sua. Giunto alla villa della donna, Amedeo si dimostra subito passionale, ma dovrà calmare i suoi bollenti spiriti poiché in casa non sono soli. Ad attenderlo, infatti, ci sono una serie di invitati e l’inaspettato marito di Brigitta. Dopo qualche brindisi di troppo e, presa conoscenza dell’apertura mentale del marito di Brigitta, Amedeo cerca, anche stavolta invano, di sedurre la bella donna svedese. Il giorno dopo, una domenica mattina, Amedeo, mentre sua moglie, rimasta in Italia, sta andando a messa con la mamma e i bambini, tenta di convincere Brigitta a sposarlo. Costei però è indecisa e lo lascia in un club da solo, con la promessa di fare presto ritorno per tenergli compagnia. Qui Amedeo conosce Corinne, giovane ragazza che parla italiano e che lo convince a fare una sauna insieme e gettarsi subito dopo nell’acqua ghiacciata. Non abituato a questa usanza nordica, Amedeo si ammala e viene portato in slitta al club, dove si riposa e riprende le forze per la prossima avventura: una corsa in macchina su un lago ghiacciato. Ma la gara si dimostra meno divertente del previsto per Amedeo che, terrorizzato dalla velocità e dalla guida scellerata di Corinne, non riesce a trovare la tranquillità necessaria per conquistare la giovane ragazza. Questo anche a causa del ghiaccio del lago, che si spacca impedendo loro qualsivoglia movimento. Ma, grazie al tempestivo intervento di un elicottero di salvataggio, Amedeo viene tratto in salvo e può, finalmente, fare ritorno in Italia, privo, stavolta, delle illusioni che lo avevano portato in Svezia.

31


Analisi Quella qui raccontata, è una storia minuta, bozzettistica e divertita, «riguardante il gallismo italiano, con alcune divagazioni semidocumentaristiche sul pianeta Svezia» 60. Caratteristica, quest’ultima, propria dei film scritti da Rodolfo Sonego: «[…] che in questo periodo vive tra Roma, Londra e New York, compie viaggi in Giappone e persino in Vietnam, ed è lo sceneggiatore che più contribuisce a far uscire la commedia italiana dai suoi confini tradizionali» 61.

Il film è del 1963 ed i cineasti italiani non hanno più a portata di mano l’occasione del boom, perciò vengono imboccate nuove strade, anche in senso strettamente geografico. La commedia di costume italiana si sposta, dunque, dalle contrade italiane alle lontane nazioni estere perché, come dimostrarono Le svedesi (1960) di Gian Luigi Polidoro, e La ragazza in vetrina (1961) di Luciano Emmer, «il confronto fra l’italiano medio e i costumi di altri paesi qualche elemento umoristico compare inevitabilmente» 62. Il diavolo è una sorta di remake del precedente Le svedesi e, nonostante il film di Polidoro sia a tratti semi-documentaristico 63, la presenza di Sordi lo trasforma in una vera e propria commedia di costume. «Fu una brutta partenza la mia, guastata da una stupida frase che mia moglie aveva letto la sera prima sulla guida turistica che mi ero comprato: “Le ragazze non ti chiederanno chi sei, quanti anni hai, se hai moglie o figli. Non ti faranno sciocche domande. Una di loro ti prenderà per mano, ti porterà nella sua stanza, accenderà due candeline, ti guarderà negli occhi in silenzio e, in quello sguardo profondo e misterioso, comprenderai che prima di allora non eri mai stato un uomo felice”.»

Così Amedeo Ferretti, in una voce over, inizia la narrazione del suo viaggio in Svezia. È interessante notare come, sin dall’inizio del film, Amedeo basi il suo viaggio unicamente su informazioni tratte da fonti contestabili e non esattamente

60

Mereghetti Paolo, Il Mereghetti 2002, Roma, Baldini Castoldi Dalai, 2001, p. 583. Alberto Farassino, «Esotismo, internazionalismo, terzomondismo» in G. Canova (a cura di), Storia del cinema italiano – Vol. 11: 1965-69, Scuola Nazionale di Cinema, Marsilio – Edizioni di Bianco&Nero, Venezia-Roma, 2001, p. 210. 62 Giacovelli Enrico, La commedia all'italiana: la storia, i luoghi, gli autori, gli attori, i film, Roma, Gremese Editore, 1995 p. 67. 63 Polidoro è cronista di viaggi, si pensi ad esempio ai titoli: Hong Kong un addio (1963), Una moglie americana (1965), Una moglie giapponese (1968), Fischia il sesso (1974). 61

32


attendibili, quali guide turistiche dalla opinabile credibilità e generiche amicizie di cui non si sa niente. Un esempio di queste voci inattendibili si ha quando Amedeo giunge alla stazione di Stoccolma, convinto di trovare delle donne ad attenderlo e con le quali instaurare un immediato rapporto di conoscenza. Questo è un evidente esempio di estremizzazione ed esasperazione della credenza secondo la quale le donne nordiche sono più indipendenti, libere e aperte a livello mentale rispetto a quelle dei Paesi meridionali. Nonostante Amedeo si rechi a Stoccolma per affari, l’oggetto principale del suo viaggio sembra essere un’attenta indagine del comportamento delle donne svedesi, con fine ultimo quello di conquistarle e possederle. Fin dal suo primo incontro con una di loro, durante il viaggio in treno, Amedeo cerca di cogliere lo “sguardo profondo e misterioso” di cui parlava la sua guida turistica. In questa occasione, però, il commerciante italiano dimostra tutta l’inefficacia delle sue fonti ed incontra il primo di una lunga serie di fallimenti. Il titolo internazionale del film è The Devil ma, inizialmente, sarebbe dovuto essere To Bed…or not to Bed, titolo ottenuto da una modifica apportata alla celebre frase shakespeariana recitata da Amedeo di fronte al castello di Amleto. Mentre il titolo italiano fa riferimento alla frase finale del film pronunciata da Amedeo in una voce fuoricampo 64, l’iniziale titolo internazionale fa un chiaro riferimento a quello che è il leitmotiv e la principale domanda drammatica 65 del film intero: “riuscirà il protagonista a portarsi a letto questa svedese?”. La domanda si ripropone con ogni nuova ragazza conosciuta, ma la risposta è sempre, inevitabilmente, la stessa: no. Questo perché Amedeo non è un dongiovanni, non è un uomo di mondo e, soprattutto, si affida a dicerie e luoghi comuni.

Il provincialismo italico Che Amedeo non sia un uomo di mondo ce lo dice lui stesso in incipit film quando, in una voce over, afferma: 64

«Se le guarderai, ti sorrideranno. Se le prenderai per mano, ti seguiranno. Se le amerai, ti saranno grate. Ma non saranno mai tue, perché loro sono anime, e tu, il diavolo». 65 Major Dramatic Question. Definita anche MDQ nei principali manuali di Screenwriting quali: Frank Daniel (introduzione a cura di), Howard D., Mabley E., The tools of screenwriting. A writer’s guide to the craft and elements of a screenplay, New York, St. Martin’s Griffin, 1993.

33


«Mi piaceva il rumore del treno che mi portava lontano dalla mia vecchia città di provincia, dal mio ufficio, dai miei amici, verso i Paesi del nord. Verso la Svezia. Era la prima volta che andavo all’estero, ed era anche la prima volta che lasciavo mia moglie per un lungo viaggio».

Quindi Amedeo viene da una città di provincia ed è la prima volta che intraprende un viaggio simile. Nonostante il provincialismo di Amedeo ci sia esplicitato dalla narrazione in voce over, è facile rendersi conto che il personaggio principale non è solito andare all’estero. Si pensi ad esempio a come Amedeo cerca di iniziare una discussione con la donna che incontra in treno. Dopo aver ricevuto risposta negativa alla domanda: «Parla italiano? Français?», decide di lasciar stare con la lingua e di affidarsi allo sguardo seducente di cui aveva letto nella guida turistica. Altro esempio si ha quando Amedeo diffida della carne di renna, adducendo come scusa: «Renna?! È pesante per me». O ancora, quando chiede al professor Mayer se le arringhe con panna acida e cipolle gli faranno male. Si capisce, insomma, che Amedeo non è abituato a viaggiare e a provare pietanze diverse da quelle che la moglie gli prepara a casa. Come, del resto, non è abituato a relazionarsi con altre donne, tanto che, dopo aver mostrato un apparente portamento elegante da gentiluomo, Amedeo scade sempre nel patetico per impietosire le donne che non riesce a sedurre. Basti pensare a ciò che dice ad Eva quando codesta decide di lasciare la sua camera e tornare a casa: «Non te ne andare, non ti faccio del male, non aver paura di me. Resta un minutino solo, Eva, ti prego, Eva». Il tutto accompagnato da lamenti, scongiuri e teatrali movimenti di braccia e del capo degni del miglior artista drammatico. Stessa cosa accade quando Brigitta, incontratolo alla cerimonia di assegnazione dei premi Nobel, gli chiede se sia solo a Stoccolma e lui, con voce greve, puntualizza: «Terribilmente solo».

Il maschilismo dell’italiano Ma gli insuccessi con le donne non derivano solo dal fatto che, essendo sposato da tanti anni, Amedeo non è più abituato a conquistare una donna, per di più di un Paese tanto diverso dall’Italia come la Svezia. I fallimenti di Amedeo derivano anche dal fatto che le donne svedesi non sono prede, ma predatrici. Amedeo è convinto di 34


poter conquistare le donne che incontra, di farle innamorare di sé e, addirittura, di convincere una di loro a sposarlo. Non può essere più lontano di così dalla verità delle cose. Secondo la sua ottica, di base maschilista, l’uomo è predatore e la donna preda, infatti, quando Brigitta gli chiede se sua moglie abbia mai baciato un altro uomo, Amedeo risponde divertito: «Non credo proprio che mia moglie abbia baciato altri uomini», quasi questa fosse un’ipotesi talmente assurda e irreale da suscitare in lui ilarità.

La laicità svedese contrapposta alla cristianità italiana L’indipendenza e la libertà di cui parla con il prete di fronte al camino hanno reso le donne da lui incontrate prive di fede e di illusioni. Come lo stesso parroco dice: «Forse sperano di trovare qualcosa in loro [negli italiani N.d.A.] che hanno perso […], sentimento, calore, passione». Le svedesi, dunque, non sono delle ingenue sventurate. Esse sanno perfettamente chi siano gli italiani e, soprattutto, come potersene servire per soddisfare i propri desideri. Questo è dimostrato nella scena del brindisi sul battello, quando, convinto di aver fatto colpo, Amedeo alza una seconda volta il calice in direzione della bella svedese, per scoprirla brindare a distanza con un altro uomo. Questo mostra come Amedeo fosse semplicemente una delle possibili persone con cui passare la serata e non, come lui credeva, unico oggetto di desiderio per la giovane ragazza. Ma l’emancipazione delle ragazze svedesi non è data unicamente dal fatto che non credano in Dio. Sono l’esasperato comportamento conservatore e la cultura clericale italiana di Amedeo che si scontrano con il costume delle donne svedesi a rendere ancora più evidenti e lampanti le differenze culturali e l’emancipazione delle svedesi. Le scene che lo dimostrano sono diverse: lo stupore di Amedeo nell’incontrare, nello scompartimento del treno, delle donne in vesti militari; la donna in viaggio col figlio nella stessa cabina notturna di Amedeo; l’imbarazzo di Amedeo nel chiedere alla ragazza alla reception dell’albergo di poter portare una donna in camera sua di notte; la stessa ragazza alla reception indossa un medaglione dell’albero della vita, sintesi dei più noti ed importanti insegnamenti della Cabala ebraica; ancora, la prima

35


ragazza che Amedeo incontra ha tredici anni, vive da sola e non si pone alcuno scrupolo ad andare in stanza di albergo di un italiano appena conosciuto. Gli esempi sarebbero a decine ed i particolari infiniti, ma quello che questa analisi vuole sottolineare è che Amedeo si fa carico della cultura cristiana e conservatrice italiana, scontrandosi inevitabilmente con l’ateismo e l’emancipazione femminile svedese che, a loro volta, sono qui caricati ed esagerati, resi macchiette proprio per esasperare il contrasto. È da non sottovalutare anche il comportamento paternalista di Amedeo nei confronti delle ragazze da lui incontrate, ed il fatto che non riesca a comprendere che quelle che lui considera semplicemente bambine, sono già, per alcuni versi, delle donne. Ma la differenza di cultura si nota, come quasi sempre accade anche nella quotidianità, nelle scene di socializzazione. In questo caso, si può fare riferimento alla serata trascorsa a casa di Brigitta e di suo marito. Qui, infatti, Amedeo viene presentato a diverse persone e si nota, immediatamente, il diverso codice di comportamento ed etichetta utilizzati da Amedeo e dagli invitati nel presentarsi e nell’interazione sociale. Amedeo, come vuole l’usanza italiana, cerca di stringere la mano e pronuncia il proprio cognome ad alta voce. Gli svedesi, al contrario, quasi non lo degnano di attenzione e in pochi ricambiano il gesto di Amedeo con un segno del capo o un cenno della mano. Si pensi, ancora, al ragazzo nella stanza che gli chiede conferma sulla propria nazionalità di italiano; Amedeo non fa neanche in tempo a terminare la frase «Sì, sono italiano», che il ragazzo si gira subito dall’altra parte per discutere con il signore al suo fianco. Questo accade perché Amedeo non è abituato a concludere così bruscamente una discussione, si sente a disagio in mezzo a tanta freddezza e non comprende la mancanza di calore degli uomini svedesi nei confronti delle loro mogli. Resta infatti esterrefatto dal fatto che il marito di Brigitta sia consapevole che sua moglie gli sia fedele in tutte le circostanze, meno che in una: a letto. Per Brigitta, infatti, gli italiani danno troppa importanza a queste cose e non riescono a capire il tipo di sentimenti che legano una vera coppia. Poco dopo, ad esempio, Amedeo si trova nel bel mezzo di una conversazione con il marito di Brigitta. In preda ai fumi dell’alcool, gli mostra le foto di sua moglie da giovane e gli confessa di averle «assolutamente» impedito di partecipare ad un concorso di bellezza, perché gli «sembrava un po’ strano esporla così nuda di fronte a un

36


pubblico». Il signore, divertito dalla gelosia di Amedeo, gli risponde che sua moglie ha posato per mesi, completamente nuda, di fronte a un fotografo per il quale provava una «piccola simpatia». È proprio questa elasticità mentale che Amedeo non riesce a comprendere e fare propria. La stessa emancipazione che consente alle coppie svedesi di essere legate da sentimenti profondi, ma senza che tutto questo impedisca di conservare la propria, piena, libertà. Indipendenza che non ha limiti e che consente di cogliere, giorno per giorno, quei piccoli godimenti che la vita offre. Questo perché gli svedesi non sono religiosi, e sono «profondamente convinti che ogni cosa perduta è perduta per sempre e che ogni sacrificio inutile, rimarrà inutile, perché, in ogni modo, non sarà mai ripagato nell’aldilà» 66 . È interessante notare anche come, nonostante le donne svedesi ignorino il peccato e non credano nel paradiso e nell’inferno, Amedeo, nella voce over conclusiva, affermi che per loro, lui, è come il diavolo.

Il ritorno Come gran parte delle commedie di viaggi, anche questa termina con il personaggio principale, partito dall’Italia pieno di sogni ed entusiasmo, costretto a tornare mestamente a casa e lasciare i grandi viaggi chiusi nel cassetto. Amedeo, infatti, contrariamente a quanto affermato in apertura del film, è felice di sentire il rumore del treno che lo riporta nel suo paese di provincia, quasi questo fosse un suono rassicurante che preannuncia un ritorno ai vecchi e sicuri schemi tradizionali di casa. Si notano, però, in questo film come in altri 67, soluzioni un po’ sbrigative riguardanti l’uso della lingua. Tutti i personaggi parlano italiano e, addirittura, uno di loro lo studia la notte dopo il lavoro, per mero interesse personale. Si tratta di escamotages per rendere la narrazione più semplice ma che, alla lunga, risultano un po’ pesanti. In altri casi, invece, accade che ci siano delle divagazioni paesaggistiche di relativo interesse, come, ad esempio, il lungo viaggio in treno per arrivare in Svezia o la fase

66

Marito di Brigitta durante la discussione davanti al focolare. Si pensi a: Fumo di Londra (1966, Alberto Sordi), Un italiano in America (1967, Alberto Sordi), La ragazza con la pistola (1968, Mario Monicelli). 67

37


finale del film in cui Amedeo trascorre una giornata in montagna e fa una corsa in macchina su un lago ghiacciato. Questo film è stato fatto un po’ di fretta, con una piccola troupe e una storia improvvisata. Infatti, gli sceneggiatori Sonego e Polidoro, partirono dall’Italia senza neanche un soggetto 68. Forse, questo è stato anche un bene, poiché, fortunatamente per il lato comico del film, Sonego e Polidoro hanno evitato ogni sfumatura intellettualistica, rimanendo attaccati al concreto, e realizzando, così, un film delicato, insolito, ma anche un po’ esile. Lo si capisce anche dalla cerimonia di consegna dei premi Nobel, scena girata durante la reale cerimonia, con tanto di presenza del re Gustavo VI Adolfo di Svezia. Queste sono immagini rubate, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche da quello pratico. Polidoro e la sua troupe, infatti, non ottennero mai il permesso di girare all’interno del teatro 69. Una corretta analisi conclusiva di questo film, e del tipo di italiano qui rappresentato da Alberto Sordi, la dà il critico cinematografico Enrico Giacovelli, che, riferendosi ai personaggi di Il diavolo, Finché c’è guerra c’è speranza (1974, Alberto Sordi), Una moglie giapponese e Una moglie americana, afferma: «[…] questi uomini lasciano le patrie sponde con idee ben precise in testa: approfittando della fama degli italiani nel mondo, non proprio legata unicamente a Michelangelo e a Verdi, e della lontananza delle mogli, progettano avventure galanti internazionali che poi si concludono quasi sempre come i match fra vecchi pugili: con un niente di fatto, ma con molti lividi» 70.

68

Giacovelli Enrico, La commedia all'italiana: la storia, i luoghi, gli autori, gli attori, i film, Roma, Gremese Editore, 1995 p. 69. 69 Giacovelli Enrico, Un italiano a Roma: la vita, i successi, le passioni di Alberto Sordi, Torino, Lindau, 2003. 70 Ivi, p. 68.

38


Il Gaucho (1965) di Dino Risi Sinossi Marco Ravicchio (Vittorio Gassman) è uno scalcagnato addetto stampa di un produttore romano che deve promuovere un film in concorso al festival cinematografico di Buenos Aires. Insieme alle attrici e allo sceneggiatore del film Marco si reca nella città argentina per prendere parte al festival. In Italia Marco vive una situazione economica difficile e spera di farsi prestare dei soldi da Stefano Liberati (Nino Manfredi), un suo amico trasferitosi in Argentina. All’arrivo nell’aeroporto la rappresentanza italiana viene accolta dalla stampa e dall’ingegner Marucchelli (Amedeo Nazzarri), che possiede il più grande allevamento di bestiame in Argentina. Questi prepara una grande accoglienza per i suoi connazionali e, dopo la conferenza stampa per il film, li porta a visitare il suo mattatoio, a mangiare un piatto di spaghetti di Torre Annunziata e, per concludere la giornata, a ballare un tango all’italiana. Nel locale Marco, indossando un cappello da Gringo, sfoggia le sue doti di intrattenitore goliardico ballando con Luciana, la protagonista del film in concorso, e concludendo la danza con un «colpo nel deretan» della povera attrice. Il giorno dopo il gruppo va a fare una gita al mare con Cecilio, un vecchio amico di Luciana conosciuto cinque anni prima a Buenos Aires. Mentre gli altri si trattengono a bere un aperitivo sul molo, Marco va in un casinò a giocare alla roulette finendo per perdere tutti i soldi datigli dal produttore del film ed anche l’appuntamento a cena con l’ingegnere. Il giorno dopo Marco conosce Ines, la moglie dell’imprenditore Marucchelli e, dopo averla sedotta quasi contro la sua volontà, ci fa sesso. Il giorno dopo Marco va nel quartiere italiano per chiedere due milioni al suo amico ma, al contrario di quel che aveva fatto credere, Stefano non si era arricchito in Argentina, faceva la fame come molti altri suoi connazionali.

Fallito anche il tentativo di

chiedere due milioni e mezzo all’ingegnere 71, Marco cerca almeno di far avere un posto di lavoro all’amico Stefano presso l’azienda di Cecilio prima e dell’imprenditore poi. La sera del festival il film vince il Gaucho d’argento e l’ingegnere se la prende con lo sceneggiatore accusandolo di aver voluto denigrare l’Italia all’estero parlando nel film di ladri, prostitute, miseria e stracci, cose che, a dir di Marco, proprio in Italia 71

Tentativo che ricorda molto quello di Bruno Cortona con il fidanzato della figlia ne Il sorpasso (1962) di Dino Risi

39


non esisterebbero. Dopo un’ultima festa a casa dell’ingegnere, la delegazione italiana fa ritorno a casa e, proprio mentre saluta i fan dalla scala dell’aereo, Marco incrocia lo sguardo di Stefano e lo saluta per un’ultima volta.

Analisi «E' una storia moderna, capito? Un'indagine di costumi, vista in una prospettiva psicologica particolare che accentua diciamo il conflitto fra l'umano e il sociale. E' un film insomma...». «Sì, insomma, in parole povere, è la storia di una mignotta...».

Così viene descritto il film in concorso a Buenos Aires dallo stesso sceneggiatore, subito corretto dal Gaucho Vittorio Gassman che cerca di tagliare corto un discorso che probabilmente sarebbe andato per le lunghe. Ebbene, questa critica del film in concorso può essere considerata come una descrizione dello stesso film di Dino Risi, un film che analizza i costumi degli italiani all'estero che, come dice lo stesso Nino Manfredi nella scena fuori dal ristorante italiano, «c'hanno sempre l'Italia in bocca, no c'hanno anche un core grosso così, ma in fondo, dei connazionali come a me se vergognano». Si parla di un periodo in cui molti italiani sono andati in Argentina a cercare fortuna; lo stesso Stefano, in un colloquio con Marco, afferma di esserci andato nei primi anni ’50, convinto di poter avviare dei buoni affari, ma si ritrova, a dieci anni di distanza, a scappare, per le vie del porto, dall'amico che è riuscito a trovarlo. Il motivo? La vergogna di dover ammettere il fallimento che cercherà di nascondere con menzogne di ogni tipo, fino a quando, confessata la rovina nella quale si è infilato «fino al collo», ci ride sopra insieme all’amico, con le pezze al sedere procurate andando tutti i giorni a letto alle 5 del mattino.

40


Gli emigrati italiani in Argentina tra successi e fallimenti Gli italiani in Argentina soffrono tantissimo la mancanza del proprio Paese: Stefano ha in casa quadri del Vesuvio, al whisky preferisce un bel bicchiere di Chianti (probabilmente anche per il prezzo del whisky), ha la casa sul porto da dove può vedere la nave Livorno che fa sempre il viaggio in Italia, continua a rimuginare e a ripensare cosa sarebbe successo se fosse rimasto in Italia e chiede all'amico com'è la situazione italiana, quasi stesse già pensando da tempo ad un possibile rientro in patria. L’ingegnere è sempre pronto a difendere l’Italia e gli italiani e sembra che qualsiasi cosa lo riguardi abbia un riferimento diretto al proprio Paese d’origine: la figlia si chiama Italia, il bestiame della sua azienda viene esportato in Italia, possiede un’Alfa Romeo, fuma solo Nazionale, frequenta ristoranti italiani. Addirittura non torna più in Italia poiché l’ultima volta che è ritornato da Roma si è dovuto chiudere per due settimane in una clinica per malattie nervose a causa del “complesso della bandiera”, una specie di pazzia associata alla psicosi della patria lontana. L’ingegnere si è fatto perfino spedire una mappa di Roma dall’Italia e parla della capitale come di una «una bella donna che abbiamo posseduto e amato nel passato, se la pensi ti ricordi tutto di lei e se la vedi non c’è neanche bisogno di parlare». Ma come ogni ricordo, anche quello dell’ingegnere è un po’ offuscato e vago. Lo confermano la voglia di Stefano di tornare in Italia ed il suo rimpianto per essersi trasferito che cozzano inevitabilmente con la grave situazione economica e il declino culturale di cui si fa carico Marco. Infatti quasi tutti gli italiani, sia che abbiano trovato fortuna come l’ingegnere Marucchelli, sia che si trovino ancora a dover ingranare la marcia come Stefano, hanno un’immagine idealizzata dell’Italia come del Paese dal quale sono dovuti partire a malincuore e del quale, nonostante tutto, non potranno mai fare a meno.

La “mostruosità” dell’italiano in visita all’estero Il personaggio di Gassman è cinico, approfittatore, opportunista, eccentrico, fa caciara, e forse è proprio lui la “mignotta” della quale egli stesso parla descrivendo il film portato in concorso a Buenos Aires. È intraprendente, ama le donne, tanto da

41


finire a fare sesso con Ines, la moglie dell'ingegnere, donna argentina e focosa che cede alle tentazioni dell'italiano, senza che suo marito possa sospettare nulla, neanche quando gli recapitano una lettera anonima con la confessione del tradimento, perché «un italiano no molestarìa mai la moglie di un amico» 72. Marco può essere definito cinico perché non indugia a lanciare addosso a Cecilio il corpo morto di un pinguino ritrovato sulla spiaggia semplicemente per fargli uno scherzo. Ancora, si dimostra amicone del romano che lo rende vittima di un pericoloso sorpasso 73, per poi gettare all'aria il bigliettino da visita che gli era stato dato per restare in contatto. Oppure basti pensare a quando mette della semplice acqua all'interno di una boccetta per regalarla all'ingegnere spacciandola per acqua della fontana di Trevi che porta sempre con sé, come se veramente gli importasse qualcosa dell'Italia. La stessa Italia che critica nel discorso in casa dell'amico Stefano, ma che poco prima aveva celebrato, al grido "Viva l'Italia", quando aveva scoperto che detiene il record per gli incidenti mortali di auto. Al saluto «Ciao paesà» risponde con un «paesà lo dici a tu nonno», quasi rifiutando il termine con il quale gli emigrati all’estero si chiamano tra di loro, egli, d'altronde, viene dalla capitale d’Italia, non da un paesino sperduto del meridione. Spegne la radio quando sente una canzone di Rita Pavone e cerca subito di sostituirla intonando alcune note spagnoleggianti. Alla festa prima di partire per l’Italia interrompe l’ingegnere che canta Roma nun fa la stupida stasera al grido di «Viva l’Italia! Viva l’Argentina! Adesso basta co’ Roma, dateci una bella musica Brasiliana, una bella samba!», fregandosene dell’amico Stefano che lo chiama per salutarlo prima di congedarsi. Fa di tutto per proporsi all’ingegnere come assistente ed inserirsi nel mondo degli affari argentino in modo da abbandonare l'Italia e portare con sé moglie e figlio, dei quali sappiamo veramente poco, anzi, quasi nulla. Sembra essere andato in Argentina proprio per fuggire dagli italiani. Quando li incontra nel quartiere italiano fa di tutto per andarsene il prima possibile in modo da non restare troppo in contatto con loro. Risolve sempre ogni relazione con uno "Scrivimi" o “Chiamami”, senza però lasciare mai un contatto o un recapito telefonico. Così fa con gli italiani che incontra,

72

Ines, la moglie dell’ingegnere. Che nell'omonimo film era solito fare lui ai danni di altri malcapitati, addirittura si sente lo stesso clacson, indice acustico dell'imminente atto spregiudicato.

73

42


compreso il suo amico Stefano, e così fa anche con la moglie dell'ingegnere prima del ballo negato. Il Gaucho è anche cafone con le donne, tanto da cercare di rompere la relazione tra una delle due ragazze del film e il suo fidanzato, da permettersi di scherzare ed ironizzare dopo aver approfittato della moglie dell'ingegnere, da impossessarsi della stanza più grande dell'albergo nonostante sia da solo e lasciare la stanza più piccola alle tre ragazze. Egli stesso si commenta quando, dopo che l’ingegnere ha cantato Santa Lucia alla festa di addio, afferma con la solita strafottenza: «Grazie cari amici, vi ringrazio molto. Sono commosso anch’io perché per me questa canzone è stata, come dire, come vorrei dire, una ventata, un soffio di italianità. Molto bene, ingegnere, bravo ingegnere, il quale è un italiano e ricordiamocelo che qui ha fatto la grana, eh no eh no, perché la grana è importante, e mica se po’ scherzà con la grana. L’ha fatta qui ma si ricorda dell’Italia, di Napoli, del Vesuvio, a differenza di tanti disgraziati che, non solo non hanno fatto la grana, ma piangono sempre miseria e magari sò proprio quelli che di Santa Lucia non gliene frega niente, perché? Perché non hanno la sensibilità».

Non è solo la sensibilità che manca però a Marco. Egli è “gagliardo” con le donne e pratica sempre «una prossemica fatta di familiarità e vicinanza ossequiosa con i potenti e di distanza o disprezzo con i deboli o gli “inferiori”» 74. Egli rappresenta Il tigre (1967) risiano ed il mito del successo e della velocità presenti anche ne Il sorpasso (1962) ed in alcuni episodi de I mostri (1963). Qui, come negli altri film di Dino Risi, è presente un personaggio che travolge tutto ciò che incontra senza curarsi degli altri e, in fin dei conti, neanche di se stesso. Gassman impersona infatti il borghese avido, cinico e sbruffone che deve fare i conti con il boom economico e con l’affermarsi della “società dei consumi”. Il critico cinematografico Gianni Canova afferma in proposito: «[…]Gassman dà vita sullo schermo a una specie di “romanzo di formazione” del borghese italiano, incarnando di volta in volta le maschere, i rituali iniziatici o i traumi linguistico-culturali necessari per consentire all’aspirante borghese di raggiungere un

74

Canova Gianni, «Il Gaucho, il tigre e il mito del successo», in Deriu Fabrizio (a cura di), Vittorio Gassman, Venezia, Marsilio Editori, 1999, pp. 160.

43


accettabile compromesso fra le proprie spropositate ambizioni economico-sociali e la realtà prosaica e dimessa della propria effettiva condizione» 75.

Come in quasi tutti i suoi film, in cui interpreta l’aspirante borghese, anche qui Gassman si serve della maschera per intraprendere il processo di simulazione. Se in In nome del popolo italiano (1971) il protagonista viene convocato in questura vestito da centurione romano ed in Il tigre balla in un night di Cortina con nasone, occhiali e baffetti finti, in Il gaucho Gassman indossa un cappello da gringo, si veste da gaucho al cavallo, perfino nella scena finale del film entra in aereo e saluta l’amico Stefano con indosso un poncho, in mano un lazzo ed in testa un cappello argentino. Lo stesso Gassman si esprime in questo modo quando gli viene chiesto, molti anni dopo, quale sia il suo giudizio sul film: «Gaucho aveva una carica di volgarità e di cattiveria umoristica genuina, notevole, è la punta massima di 'volgarità' cinematografica a cui mi sono spinto, un personaggio efferato che sputava il male, cosa da produrre uno scandalo in Argentina, io fui bandito dalle sale cinematografiche per un anno avendo offeso i costumi nazionali. Pigliavamo in giro tutti, insomma. Avevamo perso un po' la misura. Ma il film non era stupido» 76

Ha assolutamente ragione, la cattiveria umoristica di cui ci parla si vede in quasi tutte le scene del film, dall'atteggiamento che ha con lo sceneggiatore considerato comunista ed omosessuale, agli epiteti che dà ai vari personaggi che incontra, fino al comportamento, opportunista e menefreghista, che lo porta a passare sopra tutto e tutti. Il film ha una bellissima storia, ha una interessante idea di fondo, un'analisi psicosociale dei costumi. E' carico di cinismo, lo stesso cinismo risiano che pervade film come il già citato Il sorpasso ed il successivo In nome del popolo italiano. I retroscena del film sono molto interessanti e spiritosi, come quello raccontato da Risi che afferma che il produttore del film andò in Argentina a girare il film perché pensava di trovare centinaia di donne mentre non batté chiodo. Gassman, al contrario, fece il dongiovanni. Anzi, il Gaucho. 75 76

Ivi, pp. 159. Gambetti Giacomo, Vittorio Gassman, ed. Gremese, pp. 126-127.

44


Pane e Cioccolata (1973) di Franco Brusati Sinossi Garofoli Giovanni (Nino Manfredi) è un italiano trasferitosi da tre anni in Svizzera con moglie e un figlio in Italia (che ha promesso di portare con sé una volta raggiunta la stabilità economica). Giovanni lavora a stagione nel ristorante italiano “Il Bolivace” in costante competizione con un collega turco per l’assegnazione del posto fisso. Un giorno, mentre si addentra in un boschetto per recuperare il pallone gettato da un bambino, Giovanni s’imbatte nel cadavere di una giovane ragazza. Finito al commissariato, viene interrogato e rilasciato. Quando sembra iniziare a raggiungere un po’ di stabilità, Giovanni viene espulso per aver urinato in pubblico di fronte ad una signora svizzera che ha prontamente fotografato il fatto. Ma Giovanni non vuole tornare in Italia e chiede aiuto ad Elena, una vicina greca esule politica. Giovanni ha bisogno anche di un lavoro e si rivolge perciò ad un imprenditore italiano in disgrazia conosciuto al ristorante che lo assume come cameriere personale. Proprio durante il suo primo giorno di lavoro, però, Giovanni trova l’imprenditore moribondo a letto dopo aver ingurgitato diverse confezioni di sonniferi per fuggire da una vita affettiva ed economica disastrosa. Sfumata anche questa occasione, Giovanni decide di andare a chiedere aiuto al suo amico Gino in una fabbrica di operai, dove trascorre una nottata tra canti e balli. È proprio in questa baraonda che capisce che la loro filosofia del “canta che ti passa” lo nausea e decide dunque di andare alla stazione dei treni per fare ritorno in Italia. Ma, ancora una volta, decide di restare e stavolta finisce in un pollaio in campagna dove altri clandestini partenopei alienati sono diventati essi stessi polli. È il confronto con costoro che lo spinge a farsi biondo per somigliare ancora di più alla razza perfetta svizzera e distaccarsi anche a livello estetico dagli italiani che ha incontrato. Ma è sulle note dell’inno nazionale che precedono la partita di calcio Italia-Germania trasmessa in un bar pieno di tedeschi che Giovanni riscopre la propria italianità e, in preda all’euforia per un gol di Capello, viene gettato fuori dal bar e fa ritorno alla stazione di polizia. Per la seconda volta viene espulso e, già alla stazione dei treni, viene fermato da Elena che, sposatasi con un “poliziotto degli stranieri”, gli offre un permesso di soggiorno. Giovanni decide invece di tornare in Italia, ma, ancora una volta, sente i connazionali cantare le solite

45


canzoni folkloristiche che fanno morire in lui la speranza di vedere un’Italia diversa e lo spingono a scendere dal treno nel bel mezzo del viaggio.

Analisi Ci sono stati tantissimi Garofoli Giovanni nella storia dell’Italia che si sono trasferiti nel Paese delle banche alla ricerca dell’America e di una stabilità economica ma, come Giovanni, la maggior parte di loro è finita a fare da lavapiatti, manovale, stradino, carpentiere o da cameriere in qualche bar o ristorante 77 . Giovanni, in questo film, percorre un lungo viaggio interiore che lo porta a perdere e riscoprire la propria identità nazionale. Fin dalla prima scena del parco, mostra la propria italianità gettando per terra la carta che conteneva il proprio panino e fumando proprio di fianco al cartello di divieto. Nonostante viva da tre anni in Svizzera, non conosce altra lingua al di fuori dell’italiano e, fin da subito, ha problemi a comunicare con le persone che incontra, tant’è che proprio per una incomprensione va nel boschetto a recuperare la palla che lo porterà per la prima volta in questura. Egli stesso è consapevole dei propri difetti in quanto italiano, tanto che alla stazione di polizia, quando il commissario, leggendo i suoi documenti, nota la sua nazionalità, lui interviene dicendo: «Eh…nessuno è perfetto signor commissario». In questo viaggio alla scoperta di se stesso Giovanni si confronta e si scontra con altri italiani che rappresentano varie sfumature dell’italianità. Sono diversi i personaggi che affiancano Giovanni nel suo viaggio, a partire dal ricco uomo d’affari italiano fuggito in Svizzera per evadere le tasse e non essere processato per il fallimento della sua impresa. Il miliardario soffre per una difficile situazione sentimentale e lavorativa in Italia. Egli stesso, rivolgendosi a Giovanni, dice: «Chi è nato ricco non può che perdere, e perde del suo. Un povero invece ha grinta, fame, voglia di vivere, beato te che non hai una lira». Queste parole giungono però da una persona che è servita e riverita e si trova all’estero non per guadagnarsi un tozzo di pane ma in villeggiatura, tra prostitute, pranzetti lussuosi e festini in giardino. 77

Romero Federico, «L’emigrazione operaia in Europa (1948-1973)» in Bevilaqua Piero, De Clementi Andreina e Franzina Emilio (a cura di), Storia dell’emigrazione italiana. Arrivi, Roma, Donzelli Editore, 2001, p. 410-411.

46


Giovanni, infatti, abituato a dover lottare per un posto di lavoro e un letto dove dormire, gli risponde: «Beh certo, è una bella fortuna. È che siamo tanti». È proprio questo il problema, i poveri sono tanti. Specialmente nella Svizzera raccontata da Franco Brusati dove ci sono 2 milioni di stranieri su 5 milioni di abitanti 78 e gli emigrati italiani come Giovanni condividono monolocali, vivono in scantinati o, peggio ancora, mangiano accovacciati in pollai. L’imprenditore però è ricco e non ha di questi problemi. Lui vive in una lussuosa villa con ampio giardino e si può permettere di far arrivare i due figli con un jet privato. Giovanni è estasiato dal loro portamento e dalla loro bellezza, tanto da affermare: «Bei ragazzi, complimenti, sembrano stranieri». Per Giovanni, infatti, non è contemplabile il fatto che dei bambini italiani possano essere talmente puliti, distinti e belli, perché la sua immagine dell’Italia e dell’italiano è differente da quella che ha il miliardario. Giovanni ha vissuto e vive la miseria e la povertà, per questo vuole che, un giorno, i suoi nipotini nascano e crescano in Svizzera. Qui, infatti, tutti sono belli e ricchi. La bellezza in questo film è sempre direttamente proporzionale alla ricchezza. Quando Giovanni vede i figli del padrone del pollaio fare il bagno in un laghetto, sembra abbia una visione celestiale. I giovani sono tutti biondi con i capelli lunghi, nudi quasi fossero privi del peccato originale e le immagini sono ritoccate con un leggero effetto di glow e sfocatura che rende il tutto quasi parte di un sogno. Lui, invece, può solo ammirare il tutto da dietro le grate del pollaio, quasi non gli fosse permesso di avvicinarsi e fosse costretto a condividere angusti e puzzolenti spazi con i propri connazionali. È proprio questo che spinge Giovanni a interrogarsi sulla propria identità: lui è veramente come quegli italiani con i quali sta condividendo il pollaio o, forse, è come gli svizzeri per i quali lavora? È questo dissidio interiore che lo spinge a rifiutare le proprie origini e a tingersi i capelli biondi, imitando, in tutto e per tutto, il comportamento degli svizzeri, quasi potesse diventare come loro attraverso l’emulazione.

78

Dati statistici citati dal film. Secondo Dominique M. Gross risultano essere 1.012.710 i residenti permanenti in Svizzera nel 1975, di cui 520.657 italiani. Questo dato è stato citato dal testo: Gross, Dominique M., Immigration to Switzerland: the case of the former Republic of Jugoslavia, Whashington, World Bank, 2006, p. 33.

47


La crisi d’identità dell’italiano all’estero Il processo emulativo sta alla base di molti comportamenti di Giovanni che sembra non conoscere altri metodi attraverso i quali poter migliorare la propria condizione. Non esiste, infatti, l’assimilazione di nuovi usi o costumi con una successiva rielaborazione degli stessi in funzione del mantenimento delle proprie origini e di un contemporaneo adattamento alla nuova situazione socio-culturale nella quale Giovanni si trova. I gesti, e le modalità di esecuzione di questi, vengono sistematicamente presi ad esempio ed emulati da parte di Giovanni, in quanto considerati come modello di vita e di comportamento in una perfetta e civilizzata società. Questo accade soprattutto nella parte finale del film, quando, accortosi che la sua componente italiana gli impedisce di integrarsi nella società e lo rende simile agli altri italiani che incontra e che impara a disprezzare, cerca di assomigliare in tutto e per tutto ad un perfetto cittadino svizzero. Per questo, dunque, dopo essersi tinto di biondo, Giovanni si specchia e si riflette ovunque nella città, a partire dal bagno nel quale è avvenuta la trasformazione. Lo sdoppiamento della personalità di Giovanni è pienamente mostrato proprio in queste scene, in cui la sua figura viene riflessa dalle superfici di specchi, vetrine e perfino di un laghetto che rimanda inevitabilmente alla scena di apertura del film nel parco. Sembra dunque essere una struttura circolare quella qui utilizzata, una struttura che fa intendere che, nonostante tutte le strade percorse da Giovanni e, nonostante i suoi cambiamenti, fisionomici e comportamentali, ci si trova ancora allo stesso punto di partenza: un uomo solo, in un parco, che incontra un bambino 79 . È di singolare bellezza e potenza narrativa anche l’inquadratura, leggermente in contre-plongé, che mostra Giovanni affiancato ad un grande orologio, simbolo della Svizzera. In questa breve ma significativa inquadratura, Giovanni si guarda intorno, quasi si trovasse in un posto nuovo, mai visto prima, e prendesse confidenza con sé stesso e con l’ambiente circostante. Ma tingersi i capelli non basta per diventare svizzero, infatti, in una scena successiva, Giovanni si scontra sul marciapiede con un passante, senza riuscire a capire se dover passare a destra o a sinistra del distinto uomo svizzero. In questo caso, la tecnica del fraintendimento non viene utilizzata per produrre ilarità 79

Nella scena iniziale del film si tratta di un bambino che gli da una palla, nella scena a cui qua si fa riferimento si tratta, invece, di una bambina che gli da una rivista. Entrambi gli oggetti presi da terra.

48


fine a sé stessa, bensì, quasi inconsciamente, per far capire allo spettatore che, nonostante a livello fisionomico i due si possano assomigliare 80 , Giovanni non è svizzero e i due differiscono in cultura e modi, tanto da non riuscire a mettersi d’accordo su chi debba passare a destra e chi a sinistra. È una breve scena, ma di grande potenza nel delineare lo sviluppo del personaggio Giovanni. Perfino la musica, subito dopo lo scontro con il passante, si ricollega alla scena di apertura del film. In questo caso, però, viene operata una modifica al ritmo. Se, in apertura, La Serenata di Haydn era lenta, quasi a riprendere il carattere calmo e rilassato dell’italianissimo Giovanni, in questa fase del film il ritmo si fa più cadenzato, e viene ripreso lo stile della marcia militare, con tanto di rullo di tamburi, che accompagna un passo deciso e regolare di Giovanni che attraversa il parco. Il processo emulativo operato da Giovanni si rafforza nella scena del bar, arrivando al suo apice ed anche alla sua auto-distruzione. Durante la partita di calcio Italia-Germania, infatti, uno degli svizzeri presenti irride in continuazione la nazionale italiana con sberleffi, risate e versi animaleschi. È qui che si vede tutta l’ingenuità di Giovanni, che, nel tentativo di apparire lui stesso svizzero, prende ad esempio un uomo che, costantemente in piedi, incita i presenti alla critica e all’odio nei confronti della squadra italiana. Questo perché, secondo Giovanni, essendo costui la persona che si allontana maggiormente dall’Italia e dagli italiani, è anche il modello da dover seguire per portare a termine il processo di annullamento della propria identità nazionale italiana in favore della costruzione di una nuova identità svizzera. Non pensa, infatti, che le altre persone sedute in quella stanza possano essere svizzeri tanto quanto l’uomo da lui imitato. L’esasperazione dell’emulazione incontrollata lo porta allo sfinimento fisico e mentale fino ad un abbandono totale nel momento in cui incrocia lo sguardo del cameriere italiano che gli porta la birra precedentemente ordinata. Questo è più di un semplice cameriere, è, più che altro, uno specchio, che riflette e sbatte in faccia a Giovanni la sua vera identità, il suo passato e, in una visione drammatica del film, il suo unico futuro in questo Paese: quello di cameriere. Una delle scene più toccanti e belle del film è quella in cui Giovanni va a visitare un suo amico in un complesso di baracche, dove gli italiani sono ammassati in quartieri che somigliano più ad una prigione o ad un campo di concentramento che a delle 80

Entrambi hanno capelli biondi e baffi.

49


case. In questo ambiente fatiscente, Giovanni e i suoi compagni inscenano uno spettacolo da festa di paese, ricordando la scena del film La grande illusione (1937) di Renoir, in cui i prigionieri alleati fanno lo stesso 81. Quando Renzo 82, incapace di sostenere la separazione da casa, inizia a piangere, Giovanni capisce che la filosofia del “canta che ti passa”, ben nota agli italiani, non aiuta a risolvere i problemi, anzi, li amplifica ed impedisce ogni possibile cambiamento della propria condizione. Nonostante la parte dello spettacolo messo in scena da Giovanni e compagni sia particolarmente esilarante, Brusati mantiene una comicità pregna di una componente drammatica legata alla debole economia italiana che ha originato l’emigrazione di queste persone. Un ruolo fondamentale in questo film è rappresentato dalla musica. Sono proprio le canzoni cantate dagli italiani sui vari treni diretti in Italia a scoraggiare Giovanni e a convincerlo che un cambiamento in patria sia impossibile da raggiungere. Si va dalle partenopee Simmo ‘e Napule paisà 83 e Torna a Surriento 84 , fino alla storpiata Buongiorno a te 85 e ai compositori classici Haydn 86, Mozart 87 e Bizet 88. Ma il ruolo determinante, non ce l’hanno né la Buongiorno a te intonata dal gruppetto musicale di dubbio gusto che usa svegliare il ricco imprenditore, né le sinfonie classiche utilizzate per accompagnare lo svolgimento del film. Le canzoni che veramente danno il ritmo al film e condizionano le decisioni di Giovanni sono quelle intonate e, talvolta, storpiate e riarrangiate dagli italiani che, come lui, non hanno trovato fortuna in Svizzera e si stipano nei vagoni dei treni quasi fossero bestie. Singolare è la scena dell’uomo che, dopo aver giurato di non guardare mai più l’orologio per non ricordare la Svizzera, afferma quasi schifato: «Quà sò tutti de ghiaccio, senza core. Non c’hanno il mare, non si lavano mai». Per poi urlare dal finestrino: «Non ci avete il mare! Non ce l’avete il mare!». E coinvolgere i connazionali con un patetico «Vide ‘o mare quant’è bello, spira tantu sentimento», con tanto di accompagnamento di 81

Bondanella, Peter E., Italian cinema: from neorealism to the present, New York, Continuum Publishing International Group, 2001, p. 330. 82 Nella scena dello spettacolo chiamato Rosina. 83 Di G. Fiorelli – N. Valente, orchestrata e diretta da Daniele Patucchi. 84 Di G. B. De Curtis – Ed. De Curtis, orchestrata e diretta da Daniele Patucchi. 85 Di I. Fiastri – U. Calise, orchestrata e diretta da Ugo Calise. 86 La Serenata, elaborata da Daniele Patucchi. 87 Sonata in do K. 545. 88 Sinfonia n.1 in do maggiore.

50


fisarmonica e coro. Il tutto di fronte allo sguardo disgustato di Giovanni che, proprio in quel momento, vede di fronte ai suoi occhi il turco che va incontro alla propria famiglia, arrivata alla stazione per trasferirsi con lui in Svizzera. Quella scena sarebbe dovuta accadere a lui, mentre ora, sempre con la canzoni folkloristica in sottofondo, non può fare altro che assistere impotente alla scena. È questo forte contrasto audio-visivo che rende la canzone ancora più drammatica, e la scena forte a livello sia emotivo che narrativo. È qui, infatti, che Giovanni capisce di non poter tornare in Italia, dove ad aspettarlo ci sono solo “‘o mare” e la propria famiglia bisognosa di aiuto. La stessa scena si ripresenta al secondo tentativo di tornare in Italia. Stavolta, però, non è un uomo a cantare, ma un ragazzo, e costui non è accompagnato da una fisarmonica, è lui stesso che strimpella una chitarra intonando i versi di Odor di nebbia 89, scritta dallo stesso Franco Brusati. Cambia l’esecutore e cambia la canzone, ma il risultato è lo stesso, e lo si può leggere chiaramente sul viso di Giovanni: sconforto. È questo sentimento che lo spinge a rimanere in Svizzera, convinto che tornando in Italia le cose non possano comunque migliorare. Ma l’inquadratura immediatamente successiva a questa sono un gruppo di polli che starnazzano all’aria aperta. Il montaggio qui utilizzato è degno della professionalità dei pionieri Eizenstein e Kuleshov, tanta è la forza espressiva di queste due immagini giustapposte. La porta del treno che viene sbattuta da Giovanni rappresenta il rifiuto di tutto ciò che è la filosofia del “canta che ti passa” e di un’Italia facilona e provincialotta. I polli nella scena successiva, invece, sono la risposta alla reazione di Giovanni. Ad accoglierlo, infatti, ci saranno degli italiani, clandestini come lui, che, per dargli il benvenuto in stile comico all’italiana, gli stringono la mano con dello sterco nascosto. Convinti di fare uno scherzo simpatico, dimostrano, invece, il solito comportamento menefreghista e bigotto di quegli italiani incapaci di migliorare la propria condizione perché troppo attaccati a costumi ed usanze del proprio Paese di origine.

89

Di F. Brusati – D. Patucchi, orchestrata e diretta da Daniele Patucchi.

51


L’italiano intrappolato senza identità È difficile poter definire questo film comico. Nonostante siano molti i punti in cui le vicende ed i personaggi fanno ridere e divertire lo spettatore, la struttura circolare del film e l’assenza di una via d’uscita fanno inevitabilmente percepire una sorta di malinconia e provare tenerezza e dispiacere per Giovanni, intrappolato in un luogo di infelicità e fallimenti. Non c’è modo per lui di migliorare la propria condizione: Elena, la ragazza greca a cui si interessa, si sposa con un’altra persona; non ottiene il posto fisso di lavoro al ristorante “Il Bolivace”; l’imprenditore, che lo assume e sembra potergli finalmente dare una stabilità economica, si toglie la vita; ogni tentativo di tornare in Italia viene sistematicamente rifiutato dallo stesso Giovanni, deciso a restare in Svizzera per dare una svolta alla propria vita. Perfino il finale, incerto e indefinito, ripropone Giovanni alle prese con il proprio dissidio, stavolta rappresentato anche dal luogo di confine nel quale il personaggio principale si trova. Anzi, un nonluogo, che non è né Svizzera né Italia, una terra di mezzo indefinita e vaga. È proprio questo il luogo dove si conclude il film, con il protagonista che si serve del freno di emergenza per arrestare la corsa del treno: con un ultimo gesto estremo, abbandona la locomotiva e ricompare dal buio del tunnel con in mano unicamente una valigia e la giacca stropicciata del completo. Ma stavolta il personaggio non è più lo stesso che viene mostrato in apertura del film. Nonostante osservi il mondo circostante con gli stessi occhi smarriti da outsider, nell’ultimo close-up sul suo volto sono ancora visibili alcune tracce di biondo nei capelli ed un vistoso cerotto, che testimoniano, a livello visivo, un’esperienza acquisita nel corso di passate sventure. E, a questo punto, si può pensare che la storia di Giovanni in Svizzera possa prendere una piega differente, grazie ad un passato che gli è servito da lezione. Stavolta la musica è diversa da quella di incipit film ed il personaggio ha portato a termine un personale processo di cambiamenti culturali arrivando, forse, ad essere pronto ad accettare la propria italianità in un Paese straniero, senza per questo sminuirsi o doversi sentire inferiore. Il “forse” deriva dal fatto che l’impressione finale del film resta comunque quella che Giovanni, come del resto i suoi connazionali che non son riusciti a sostituire i loro vecchi valori partenopei, rimanga intrappolato tra un mondo incapace di soddisfarlo e un altro in cui sente di non avere identità.

52


Lamerica (1994) di Gianni Amelio Sinossi Due imprenditori italiani, Gino (Enrico Lo Verso) e Fiore (Michele Placido), si recano nell’Albania post-comunista dei primi anni ’90 per acquistare uno stabile nel quale aprire un calzaturificio di facciata. Le intenzioni dei due sono tutt’altro che vicine alla legalità; dunque, siccome le leggi locali prevedono che il presidente dell’impresa debba essere di nazionalità albanese, Gino e Fiore rimediano un prestanome senza nessun legame di parentela: Spiro Tozaj (Carmelo Di Mazzarelli), un vecchio malato convinto di avere vent’anni e rinchiuso in una ex prigione del regime sin dal periodo del fascismo. Fiore, il socio più esperto in campo di affari loschi, torna in Italia per sistemare alcune faccende burocratiche e lascia Gino a sistemare le ultime firme in Albania per l’apertura della fabbrica. Ma proprio alla vigilia della firma di un contratto con il Ministero dell’Industria albanese Spiro sparisce nel nulla. Gino lo ritrova in un ospedale della zona ricoverato in seguito ad un’aggressione ad opera di alcuni bambini che, dopo averlo chiuso all’interno di un bunker e derubato delle proprie scarpe nuove, hanno cercato di dargli fuoco. In questo ospedale la dottoressa che ha in cura Spiro comunica a Gino di aver parlato in italiano con il paziente. Spiro è in realtà Michele Talarico, soldato italiano di origine sicula imprigionato ad Enver Hoxha sin dal periodo fascista. Lui crede di trovarsi in Italia verso la fine della guerra e di avere una moglie ed un figlio appena nato che lo aspettano in Sicilia. Gino lo asseconda pur di riuscire a portare a termine il viaggio di ritorno e riprendere il proprio piano imprenditoriale. Per telefono Gino sente Fiore per comunicargli che tutto va secondo i piani e presto sarà possibile aprire la fabbrica. Inaspettatamente il socio gli comunica che la loro truffa è stata scoperta e che quindi non possono più procedere. Gino decide quindi di abbandonare Michele in un fatiscente ex albergo occupato dai senzatetto per fare poi ritorno in Italia. Il piano si rivela essere più difficile del previsto e Gino viene arrestato dalla polizia albanese. Dopo aver dovuto lasciare il proprio passaporto alla stazione di polizia, Gino cerca di sfuggire al processo imbarcandosi con gli emigranti albanesi clandestini, direzione Durazzo. Sulla nave, in mezzo a una folla di disperati, Gino ritrova Michele, convinto di essere in viaggio per Lamerica.

53


Analisi La storia del film è forte sin dai titoli di testa dove il regista si avvale di immagini di un cinegiornale Luce del 1939 sull’occupazione e conquista fascista dell’Albania per creare un immediato parallelismo tra le grida «Duce! Duce!» dei fascisti e quelle «Italia! Italia!» degli albanesi di oggi. Ma gli oppressori non hanno più le camice nere, sono

Gino

e

Fiore

alla

guida

di

un’imponente

fuoristrada

che

sfreccia

prepotentemente per le strade bianche occupate dai giovani albanesi in fuga verso l’Italia. Fiore è sbrigativo, a tratti cinico, analizza la realtà circostante con occhi da imprenditore e conquistatore, perfetto rappresentante dell’Italia arrogante e ammiccante. Ma la storia cambia radicalmente quando Spiro sparisce poiché, ricordando che per Amelio uno dei film meglio costruiti a livello drammaturgico è L’avventura di Antonioni, il film si allontana dal realismo quasi documentaristico nel quale sarebbe potuto scadere e «cerca di scoprire il segreto che può esserci dietro la facciata della storia» 90 innalzandosi «sino a catturare una visione ampia e poetica dell’esperienza dell’emigrazione» 91. Si tratta di «un film su due Italie – quella dell’immediato dopoguerra e quella degli sciagurati anni ottanta – riassunte e fatte rivivere attraverso la Storia, che sotto altre forme, si ripete in un altrove dimenticato ma non distante, rimosso ma non estraneo» 92. Il regista Gianni Amelio rifiuta di adottare un approccio neorealista per raccontare questa Albania e preferisce invece il Cinemascope, non solo per restare più vicino al linguaggio tipico del grande cinema epico, ma anche per rifiutare l’ipocrisia e la crudeltà di chi pretende di raccontare realtà, drammi e bisogni alle stesse persone che li stanno vivendo. Il Cinemascope aiuta Amelio a raccontare, seppur con uno sguardo violento, la realtà di quegli opportunisti che si sono recati in Albania all’indomani del collasso del Comunismo. Gli italiani Gino e Fiore rappresentano questo opportunismo in tutti i suoi aspetti più oscuri e cinici. Nonostante le immagini in apertura siano tratte da un cinegiornale dell’epoca fascista

90

Scalzo Domenico (a cura di), Gianni Amelio. Un posto al cinema, Torino, Lindau, 2001, p.120. Ivi, p. 200. 92 Cattini Alberto, Le storie e lo sguardo: il cinema di Gianni Amelio, Venezia, Marsilio, 2000. 91

54


ciò che accade nel film non è realtà documentaria, ma invenzione che restituisce i colori di una società della quale in molti non sanno granché ma che rispecchia molto da vicino la realtà degli italiani del dopoguerra alla ricerca del sogno americano. Lamerica, viaggio nella nostra coscienza e nella nostra storia, è prima di tutto un film sull’Italia e gli italiani raccontato attraverso l’Albania. Non a caso perfino Spiro, apparentemente prigioniero albanese, risulterà essere un italiano in cerca del modo per poter ritornare in Sicilia, dalla propria famiglia. «Mentre il giovane faccendiere perde la propria identità, quella dell’anziano va emergendo» 93 riconquistando una toccante connotazione nazionale e, soprattutto, meridionale. Questo film è stato per Amelio l’ultima possibilità di riprendere in presa diretta quello che oggi in Italia si potrebbe raccontare solo con una ricostruzione in costume. Le grandi panoramiche sulle masse, i carrelli, gli imponenti movimenti di camera rendono il film spettacolare ed epico ma senza mai allontanarsi troppo dall’intimità del “realismo”. Lamerica infatti non è solo un film di folle, ma anche di straordinari primi piani e profili di personaggi che hanno molto da insegnare e nei quali l’italiano di oggi rivede l’italiano di ieri. Questo collegamento tra Italia degli anni ’50 ed Albania anni ’90 è reso al meglio dall’insegnamento di Spiro sul valore simbolico di un pezzo di pane, dimenticato da Gino ma attuale e bruciante per gli albanesi. Lo stesso Amelio dice infatti: «Filmando la vera Albania di oggi e guardandola attraverso gli occhi di Spiro, sono riuscito a vedere un’Italia simile a quella della mia infanzia» 94. Spiro è interpretato da un attore non professionista, un ex pescatore dal viso scavato e vissuto che rende al meglio la sua paura e lo smarrimento nel momento in cui può finalmente abbandonare la prigione nella quale era stato rinchiuso nel periodo fascista ed entrare in contatto con un’Albania nella quale non si riconosce e con la quale dovrà imparare a fare i conti. Michele dimostra vent’anni nella sua speranza ingannata e tradita e, con tutti gli altri giovani albanesi che fuggono con lui verso l’Italia, non condivide solo la camionetta o la nave, ma anche gli stessi occhi spenti e le stesse semplici parole. Il titolo del film privo dell’apostrofo si riferisce infatti all’incertezza con la quale gli emigrati italiani in America scrivevano le lettere 93 94

Scalzo Domenico (a cura di), Gianni Amelio. Un posto al cinema, Torino, Lindau, 2001, p. 202. Gili, Jean A., «Entretien avec Amelio». In Positif, 406, 1994, p. 28.

55


destinate alle proprie famiglie rimaste in Italia. Il film nasce proprio dall’esigenza del regista di raccontare l’emigrazione del nonno e del padre in Argentina negli anni ’40, periodo che ricorda molto la fase successiva al regime comunista in Albania, Paese vicino al nostro e fortemente influenzato dalla nostra cultura. Sono molteplici le immagini che rimandano all’Italia, dai riferimenti al fascismo fino alle influenze della musica leggera e della televisione. Tra le scene più forti del film ci sono infatti quella della cantante pop Elida Ndreu, pesantemente truccata e agghindata, che interpreta Impazzivo per te di Adriano Celentano in un fatiscente night di un albergo o, ancora, la scena della bambina che, in un corridoio di uno squallido albergo, balla alla maniera di Michael Jackson quasi posseduta con la madre che, visto Gino, gli dice «Ti piace bambina? Portala a televisione italiana». È l’Italia di “Ok! Il prezzo è giusto” e di “Colpo grosso” che illude gli albanesi, sono l’Italia di Celentano e della chimera capitalista che conoscono e che li attira ancora prima di una prospettiva di lavoro. Loro non conoscono l’Italia ipocrita delle fabbriche di facciata e dei truffatori come Fiore e Gino, poiché «gli albanesi sono come bambini, se un italiano dice loro che il mare è fatto di vino, quelli se lo bevono» 95. Fondamentale è anche il profilo di Gino, impegnato in un viaggio dantesco verso gli abissi dell’inferno albanese. Gino condivide con Michele una sorta di relazione padre-figlio: «Un padre che si lascerà morire dopo aver trasmesso il proprio mondo di ricordi (e di cultura) a un figlio che sembra non possedere né ricordi né cultura» 96. Ma Gino, inghiottito dalla miseria e dal disordine, percorre anche un personale viaggio psicologico e culturale. Ripercorre a ritroso la storia della propria gente attraverso gli occhi e le parole di Michele. Il suo comportamento nei confronti del vecchio uomo cambia progressivamente durante il corso del film. Nella prima parte del film Gino è freddo e distaccato e utilizza Spiro come strumento per arricchirsi usando toni feroci o di lusinga a seconda della circostanza e del bisogno, fino a cercare di liberarsi di lui nel momento in cui non gli serve più, come ci si libera di una gomma da masticare attaccatasi alla scarpa. Nella seconda fase del film, invece, Michele turba e spaventa Gino per tutto ciò che lui rappresenta e per il passato che

95 96

Fiore in Lamerica Scalzo Domenico (a cura di), Gianni Amelio. Un posto al cinema, Torino, Lindau, 2001, p. 191.

56


fa riaffiorare, passato che lo avvicina culturalmente e storicamente a tutti quei profughi che lo circondano e che ha sempre odiato, ma con i quali finirà per fondersi e confondersi sulla nave diretta in Italia. Mentre l’Albania naufraga nella miseria, Gino rappresenta il naufragio dell’Italia nell’opulenza ostentata e televisiva.

57


My Name is Tanino (2003) di Paolo Virzì Sinossi Mendolia Gaetano, detto Tanino (Corrado Fortuna), è un ragazzo siciliano trasferitosi negli Stati Uniti che, in una email, racconta all’amico Giuseppe le sue avventure americane. Tutto ebbe inizio con l’incontro di due ragazze americane nella piccola Castelluzzo, in Sicilia. Tanino ha un’avventura con una delle due, Sally, originaria di Seaport nel Rhode Island. Tre mesi dopo Tanino pensa ancora a Sally e vive una situazione difficile sia a casa, dove scopre che la madre, rimasta vedova, ha una relazione con un altro uomo, che all’università, dove non riesce a passare un esame di cinema e non può quindi fare domanda per il rinvio del militare. Convinto che la vita sia una schifezza, Tanino decide di andare in America da Sally, scatenando un vociferare generale nella piccola Castelluzzo. Ma prima di partire incontra un signore anziano che gli dona il biglietto di un transatlantico per Seaport con l’unica richiesta di portare con sé dei bagagli da recapitare al fratello Angelo Maria trasferitosi oltreoceano da vent’anni. Tanino decide quindi di lasciare casa nel cuore della notte e, avvisata Sally del suo arrivo, parte alla volta dell’America. Qui viene accolto dalla famiglia Li Causi che lo assilla con un’accoglienza soffocante. Tanino decide di scappare dalla macchina con la quale lo erano venuti a prendere per salire sul primo autobus che trova e raggiungere la sua amata Sally che, incredula, non lo accoglie proprio calorosamente. Tanino, infatti, recatosi all’università di Sally, la vede mentre si bacia con un altro ragazzo. Causa un malinteso, il padre di Sally viene a scoprire da Tanino che la moglie lo tradisce con suo fratello. Il clima nella casa si è fatto invivibile e Tanino decide di scappare ma, dopo aver rischiato di essere investito da un tir, si risveglia nella casa della famiglia Li Causi. Durante una convention sulla fratellanza fra italiani ed americani Tanino viene adocchiato da Angelina, la figlia cicciona di Omobono, sindaco di Seaport. Il signor Li Causi organizza subito una prima uscita a due in gelateria, alla quale segue una serata al cinema. Tanino entra nella mentalità capitalista e cinica della società nella quale si trova e inizia a vedere Angelina come strumento del suo piano spietato per arricchirsi. Ma, durante l’inaugurazione di un progetto architettonico vicino alle banchine del porto, Tanino incontra nuovamente Sally e, messo alle strette da Angelina che lo vuole sposare e

58


lo chiama “morto di fame”, scappa, non prima però di aver gettato la figlia del sindaco nelle acque del porto. Inseguito dalle guardie del corpo del sindaco, Tanino sale su un treno che lo porta fino a New York. Nella Grande Mela incontra il suo regista preferito: Seymour Chinawsky. Suo malgrado Tanino scopre che, invece che avere fatto fortuna negli States, Chinawsky non ha neanche i soldi per pagare un taxi. Accompagnato il vecchio e stanco regista alla sua abitazione, Tanino inizia a scrivere l’email a Giuseppe per raccontargli le sue vicende americane e riferirgli del film che deve realizzare con il maestro Chinawsky. Ma proprio quando Tanino si convince che la vita sia bellissima, si accorge che il vecchio regista sta male e deve essere portato al più presto all’ospedale. Qui Tanino viene arrestato per l’incidente al porto con la figlia del sindaco ed espulso dagli Stati Uniti. Tanino fa dunque ritorno in Italia, dopo aver vissuto avventure fantastiche e, tramite il signor Li Causi, essere andato vicino a scoprire la verità sulla morte violenta del padre.

Analisi Tanino rappresenta tutti quei giovani italiani che, consapevolmente o meno, hanno nel proprio albero genealogico almeno un componente che, nel periodo delle grandi emigrazioni 97, è andato in cerca di fortune nel mondo nuovo. In questo caso, si parla di Seaport, nel Rhode Island, e non è l’American dream il motivo scatenante per la partenza di Tanino, bensì una cotta estiva. Le vicende di questo film si svolgono nel corso di un viaggio in cui sia il luogo di partenza che il luogo di arrivo presentano nomi leggermente storpiati, ma facilmente riconducibili a reali località in Italia e negli Stati Uniti, precisamente in Sicilia e nel Rhode Island. Una troppo minuziosa analisi sulla reale esistenza delle località in cui si svolgono i fatti porterebbe a disquisizioni troppo pesanti e decisamente fuorvianti rispetto quello che è il vero oggetto di interesse di questo studio. Ciò che qui si vuole analizzare, infatti, è lo scontro della cultura popolare italiana di Tanino con quella capitalistica dei personaggi d’oltreoceano. La città si sarebbe potuta chiamare Seaport, Newport o Providence, questo non avrebbe comunque cambiato le cose: 97

Cfr. Cap. L’Italia e gli italiani.

59


Tanino parte da un piccolo paesino in provincia di Trapani, per arrivare nell’immensa America. Le differenze fra i due Paesi, sono accentuate dal fatto che si faccia ampio uso di stereotipi che, seppur volutamente di carattere iperbolico e caricaturale, talvolta risultano un po’ banalizzanti. Si pensi, ad esempio, alla netta separazione che viene fatta, fin da subito, tra giovani comunisti italiani ed americani capitalisti. Questa distinzione è evidente in numerosi casi: l’amico Giuseppe intento a parlare di politica fin da quando erano bambini; l’università frequentata da Tanino è affollata e inadatta all’insegnamento, mentre quella in cui va Sally è maestosa e distinta; al cinema, con la figlia del sindaco, guardano un film d’azione stile Die Hard; il padre di Sally possiede illegalmente un fucile, che utilizza per sparare a destra e a manca in mezzo alla strada. Ancora, la famiglia Li Causi è felice del fatto che Berlusconi sia entrato in politica e la famiglia di Sally non comprende come Tanino possa studiare all’università senza sapere quale lavoro fare in seguito. Un particolare che può sfuggire, e che parrebbe un po’ ingiustificato e forzato, è, ad esempio, la maglietta indossata da Tanino durante la cena a casa di Sally con la famiglia americana al completo. Durante questo evento, Tanino, indossa una maglia con la scritta in lettere cirilliche «СССР», ovvero l’acronimo di “Союз Советских Социалистических Республик” 98 . In questo caso, la maglietta risulta fuori luogo, perché, al contrario dell’amico Giuseppe, Tanino non si interessa di politica e, quando fa riferimento al capitalismo americano, sembra essere una passiva captatio benevolentiae nei confronti dell’amico Giuseppe, più che una convinta critica alla società capitalistica americana. Nonostante queste differenze culturali, viene sottolineata, in entrambi i mondi, la falsità della politica: a Castelluzzo, Tanino incontra l’amico Giuseppe all’ufficio politiche sociali, dove, invece che lavorare, le persone giocano a solitario, non rispondono alle telefonate, si fanno la barba, leggono il giornale o, addirittura, sfogliano riviste hard; a Seaport, invece, il sindaco, nonostante l’abbia fatta franca in due processi per corruzione, viene rieletto perché «è tanto simpatico» 99.

98 99

“L’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS). Giuliana De Marco alla Italian American Friendship Society Convention.

60


L’italiano senza progetti Ci sono molti spunti interessanti da discutere in queste differenze culturali. Innanzitutto, lo spirito di vita: mentre in Italia gli studi non sono finalizzati ad un lavoro specifico, in America, le persone che studiano, sanno già quello che faranno in seguito. Quando, infatti, il padre di Sally viene a sapere che Tanino studia Lettere, un po’ confuso e scettico, domanda: «Emh…what are your job prospects? What I’m asking is: how are you going to plan to use your Liberal Arts degree?» 100. E Tanino, dal canto suo, non può fare altro che rispondere: «Ah…io, di lavoro, dopo…boh…cioè, I like regia, poi però, boh…non lo so. I don’t know». Tanino risponde con una tranquillità e naturalezza che disarmano il padre di Sally, per poi sfinirlo definitivamente quando, ad una richiesta di chiarimenti riguardo il suo viaggio a Seaport, Tanino risponde: «Exactly proprio proprio, I don’t know. I look around this incredibile America e poi…chi vivrà vedrà. Who will live will see, come si dice dalle nostre parti, o almeno, dalle mie». È proprio questa mentalità del “chi vivrà vedrà” a guidare le avventure surreali di Tanino che, spesso utilizzando l’espediente dantesco dello svenimento 101, passa da una vicenda all’altra senza troppi problemi di continuità narrativa. Lui stesso, svenendo dopo la figuraccia riguardante il film 8½ (1963) di Fellini, avvisa lo spettatore a riguardo: «Lo sai caro Giuseppe cosa mi succede quando sono di fronte ad un momento difficile; che perdo i sensi e mi dimentico di dove sono. È come se la mia anima abbandonasse il mio corpo, e volasse via da quel momento brutto, verso momenti belli e felici, lontani da lì e apparentemente irraggiungibili».

Questo succede, solitamente, nei momenti in cui si va verso dei cambiamenti e Virzì coglie l’occasione di queste pause temporali per fare delle digressioni sul passato di Tanino. Ma questi sono, purtroppo, flash a volte confusi, inconclusi e, troppo spesso, 100

«Emh…quali prospettive di lavoro hai? Quello che chiedo è: come pensi di utilizzare la tua laurea in Lettere?» (traduzione a cura di chi scrive). 101 Si pensi ai passaggi da un Canto all’altro della Divina Commedia dove, per semplicità narrativa, Dante sviene e si risveglia in un nuovo Girone dell’inferno (es. Canto III, Canto V).

61


indecisi. Flash in cui si vede il contrasto tra l’amata Sicilia materna di Tanino, nella quale si rifugia e si perde ogni volta che ne sente la necessità, e la Sicilia violenta, dalla quale deve scappare, come gli dice il padre durante il flashback-sogno subito dopo lo svenimento in casa di Sally. Grazie alle digressioni temporali si scopre anche che il padre di Tanino è stato assassinato ma, a riguardo, non se ne capisce bene il motivo e le immagini, sfocate, superesposte e mosse, non consentono di cogliere molti dei particolari che spariscono con la stessa fugacità con la quale appaiono. Una cosa soltanto è sicura: Angelo Maria Li Causi è coinvolto nell’assassinio. Non si capisce se sia il mandante o semplicemente l’esecutore ma, in una delle scene finali del film, quando paga la cauzione per liberare Tanino, viene svelata la sua presenza sul luogo del delitto.

La mafia italiana all’estero La famiglia Li Causi è, apparentemente, accogliente e generosa nei confronti di Tanino, ma, col passare del tempo, si fa sempre più misteriosa e indecifrabile. Innanzitutto non si comprende come facciano a trovare Tanino ovunque lui vada e la composizione della famiglia risulta immediatamente associabile ad una associazione di stampo mafioso più che ad una normale famiglia di immigrati. Infatti, nonostante la famiglia Li Causi ricalchi alla perfezione lo stereotipo della famiglia allargata italoamericana, ci sono alcune componenti che risultano poco chiare o, comunque, poco rassicuranti. Ad esempio, quando una delegazione della famiglia lo accoglie all’aeroporto, si presenta con due grandi SUV neri che, più che mezzi di trasporto, sembrano mezzi da scorta. Ancora, quando si risveglia in casa Li Causi, subito dopo lo svenimento davanti al TIR, Tanino incontra la famiglia al completo, che, non solo lo accoglie in perfetto stile meridionale, ma sembra anche che quel giorno lo stesse aspettando da anni. Lo stesso Tanino, con assoluta ingenuità e disinvoltura, afferma: «Ogni tanto i maschi si radunano con la faccia seria tra loro uomini e parlano del business con aria grave e preoccupata. Alla fine però si abbracciano e si danno i bacetti tra di loro, apparentemente tutti soddisfatti. Secondo me, infatti, non sono cattive persone. Sono i figli dei figli dei più disgraziati ed affamati del nostro paese. Si

62


sono fatti un mazzo tanto e adesso hanno tutti la giacca da stilista, la macchina nuova e la moglie culona».

Sembra una perfetta descrizione di qualcuno che, a causa di una mancata stabilità economica e, probabilmente, di una condizione insicura anche a livello di sicurezza personale, decide di partire dalla propria terra, per realizzare il proprio Sogno Americano con mezzi più o meno leciti. Infatti, Giuliana De Marco, incontrata da Tanino durante la Convention tra italiani e americani, afferma, riferendosi ad Angelo Maria Li Causi: «Si dice che sia scappato dalla Sicilia una ventina di anni fa, dopo un fatto di sangue». Risulta difficile, inoltre, non collegare gli abbracci ed i “bacetti” che gli uomini della famiglia Li Causi si danno dopo aver parlato di “business” con i trequattro locali aperti in città e gli inciuci ed intrallazzi nei quali Tanino viene coinvolto. Basti pensare, ad esempio, al tentativo di Angelo Maria Li Causi di combinare le nozze di Tanino con Angelina, la figlia del sindaco Omobono, con la scusa di non dare un dispiacere a sua madre e a tutti loro che gli vogliono bene, come se Tanino fosse stato cresciuto unicamente in vista di questo momento 102. Al contrario, la famiglia di Sally, viene presentata in tutt’altro modo. Nonostante sia popolata di figure ambigue, come la madre, affascinante e misteriosa, ed il padre, disturbante ed emblematico, la famiglia di Sally ritrae perfettamente la famiglia media americana intrappolata fra infelicità domestica, tradimenti coniugali e verità non dette che sono una delle tante facce del contradditorio Sogno Americano.

La riscoperta del proprio passato Ma Tanino non compie unicamente un viaggio dal punto di vista geografico del termine, bensì ripercorre il passato e scopre se stesso secondo quelle che sono le caratteristiche proprie del romanzo di formazione. È interessante notare come, solo allontanandosi fisicamente dal suo luogo natio, Tanino possa finalmente conoscere le sue radici. Sembra quasi che la sua Sicilia, troppo piccola e idealizzata, nei sogni come nella realtà, non gli consenta di guardarsi realmente dentro. Il film, però, non 102

E il “caso” vuole che, proprio durante la presentazione tra Tanino e Angelina Omobono, un cantante sul palco intoni le note di That’s Amore (1952) di Harry Warren e resa nota da Dean Martin.

63


consente una completa decifrazione del suo significato poiché, restando fortemente ermetico fino alla fine, ritrae un viaggio che per il protagonista è motivo di crescita ma non di chiarificazioni. Benché non sempre i viaggi debbano dare delle risposte ma, piuttosto, suscitare domande, in questo caso, le carte vengono mescolate troppo spesso sul tavolo e il povero Tanino si ritrova su un aereo per l’Italia senza riuscire, lui stesso, a trarre le conclusioni di questa sua avventura americana. Se, da un lato, il film può essere letto come un viaggio interiore che ha aperto gli occhi di Tanino riguardo la morte del padre e la provenienza delle risorse finanziarie che gli hanno permesso di crescere e studiare, da un altro è vera anche la negazione di tutto ciò appena affermato. Infatti, la problematica relativa la morte del padre non viene mai affrontata da Tanino, se non nel suo subconscio, quasi fosse un evento del quale, nella vita di tutti i giorni, egli non si curi minimamente. E riguardo il fatto che la sua vita sia stata totalmente pianificata dalla famiglia Li Causi, Tanino ha un unico momento di rabbia nel momento in cui lo viene a scoprire, per poi tornare alla normalità e tranquillità con le quali conduce solitamente la sua esistenza. Perfino il finale del film non dà nessuna spiegazione relativa a questi dubbi che si insinuano nello spettatore ma evidentemente non nel protagonista, e, al contrario, lo lasciano nella più totale indecisione accentuata dall’incomprensibile presenza del brano Va’, Pensiero, Sull’Ali Dorate tratto dalla parte terza del Nabucco di Giuseppe Verdi. Questo brano, nell’opera verdiana, viene cantato dagli ebrei sulle sponde dell’Eufrate, sconfitti e prigionieri, mentre ricordano, con dolore e nostalgia, la vecchia patria perduta. Nel caso di My Name is Tanino, il brano viene riprodotto nel momento in cui Tanino sta abbandonando gli Stati Uniti per fare ritorno in Sicilia. Non è dunque prigioniero lontano dalla propria patria, anzi, ci sta facendo ritorno e, stavolta, da uomo libero, dato che si è liberato dal passato che lo opprimeva e gli telecomandava la vita. Il finale in cui il protagonista stesso non sa dare un significato al proprio viaggio ha, dunque, dell’autoassolutorio, quasi a voler affermare che la mancata coesione e la perdita del ritmo che il film subisce col passare dei minuti siano scelte stilistiche adottate dal regista e dagli sceneggiatori per dare al racconto quella componente ermetica necessaria per lasciare irrisolte alcune domande nello spettatore. Non ci

64


può essere, dunque, migliore commento al film di quello tratto da Tanino sul finire dei film: «È la storia di uno, che gli succedono delle avventure pazzesche, che però potrebbero anche significare qualcos’altro, cioè, come se nascondessero una verità profonda che però lui non la capisce. Per meglio dire: egli arriva a un passo dallo scoprire delle cose che lo riguardano, ma poi si sente come un formicolio in testa e tutto che gli si confonde, non so se è chiaro…mi sembra di no».

65


CONCLUSIONI

Questo lavoro si prefiggeva, come obiettivo, lo studio del comportamento degli italiani all’estero e, nello specifico, la sua rappresentazione in cinque film del cinema italiano. Per svolgere correttamente l’analisi dei film scelti, sono stati accennati i principali momenti di svolta nella storia dell’Italia e le caratteristiche distintive della cultura del popolo italiano. Tutto ciò non sarebbe stato però sufficiente se, in seguito, non si fossero forniti al lettore gli strumenti per la comprensione degli stereotipi che accompagnano l’italiano nei suoi viaggi oltralpe. Le basi teoriche dei primi tre capitoli hanno fornito gli strumenti e gli spunti per l’analisi dei cinque film presi in rassegna nell’ultimo capitolo del lavoro. Questo studio, però, non si è voluto soffermare ad un superficiale e sterile elenco degli stereotipi utilizzati dal cinema per rappresentare l’italiano; è risultato più utile, infatti, analizzare film appartenenti a periodi diversi del cinema italiano, per capire se, effettivamente, le basi culturali sulle quali questi stereotipi sono nati, siano tutt’oggi valide. È possibile, ora che si è terminato il lavoro di ricerca ed analisi, fissare alcuni punti per concludere il ragionamento sull’argomento trattato. Il tema dell’italiano all’estero è un modello che non si è ancora esaurito e fornisce continuamente nuovi spunti per il cinema italiano. Basti pensare al film Italians (2009), per la regia di Giovanni Veronesi, che racconta due vicende di italianità all’estero aventi come protagonisti l’una i trafficanti di Ferrari Fortunato (Sergio

66


Castellitto) e Marcello (Riccardo Scamarcio), e l’altra il depresso dentista Giulio Cesare Carminati (Carlo Verdone). Al di là di questo recentissimo esempio, un elemento primario di successo in tutti i film esaminati nel corso del lavoro è proprio il fatto che la maschera dell’italiano medio, tra gli stranieri, non sia più normalizzata ma esasperata: Nino Manfredi che getta la carta del panino per terra, se in una qualunque commedia ambientata entro i confini nazionali sarebbe figurata come una mostruosità tra le tante, di cui sghignazzare indecisi tra la complice adesione e l’ostentata presa di distanza, nella patria dell’igiene e dell’ordine (il film cui si fa riferimento, Pane e cioccolata, è ambientato

in

Svizzera)

rimbomba

amplificato

perché

contrasta

con

il

comportamento impeccabile che si è soliti attribuire ai cittadini svizzeri. Anche le possibili reazioni di fronte a tali scene risultano così estremizzate: l’adesione si fa assolutoria e autocompiaciuta, la presa di distanza si spinge fino ad un lacerante rifiuto dell’immagine in cui siamo chiamati a specchiarci. Nel corso dell’analisi dei film, si è notato, anche, come la musica fosse un elemento chiave per risvegliare, negli italiani all’estero, il ricordo della patria. Dino Risi è solito, nei suoi film, utilizzare una grande quantità di musica, e lo si nota anche nel film Il Gaucho, dove le canzoni della musica leggera italiana vengono contrastate dal volgare cinismo di Marco Ravicchio (Vittorio Gassman). Ma non sono solo canzonette quelle che si sentono nei film qui analizzati. Si pensi, ad esempio, all’inno di Mameli nel bar svizzero e a come, più delle canzoni folkloristiche cantate dai suoi connazionali, risvegli in Giovanni (Nino Manfredi) l’amor di patria, perduto seguendo il modello di vita svizzero. Anche nel primo episodio di Italians, Fortunato (Sergio Castellitto) e Marcello (Riccardo Scamarcio) si trovano in un locale di Dubai e si esibiscono, ubriachi e rumorosi, in una poco artistica interpretazione di Meraviglioso di Modugno. Nel secondo episodio, invece, Giulio (Carlo Verdone), a San Pietroburgo per un convegno, è oggetto di uno scherzo da parte della sua interprete russa (Ksenia Rappoport) e si mette a cantare nella sala da pranzo gremita Quando, quando, quando di Tony Renis. Si noti come, inoltre, l’amor di patria si risvegli nell’italiano solo nel momento in cui si trova distante dalla propria terra natìa. È questo il caso dell’ingegner Marucchelli

67


(Amedeo Nazzari) e di Stefano (Nino Manfredi) in Il Gaucho; ma è anche il caso di Amedeo (Alberto Sordi) in Il diavolo, a dimostrazione di come il “complesso della bandiera” (che fa piangere lacrime di coccodrillo) possa colpire l’italiano anche dopo un breve periodo di permanenza in suolo straniero. Dall’analisi qui condotta sono emersi, inoltre, diversi stereotipi che accompagnano l’italiano nei suoi viaggi all’estero. Innanzitutto l’italiano è un conquistatore, sia di donne (Amedeo in Il diavolo) che di Paesi e popoli (Gino e Fiore in Lamerica). L’italiano cerca di ottenere fama e successo attraverso escamotages finanziari (imprenditore in Pane e cioccolata e Gino e Fiore in Lamerica), organizzazioni mafiose (Angelo Maria Li Causi in My name is Tanino) o favori e “spintarelle” (Marco in Il gaucho). Ma, nonostante i grandi intenti, l’italiano risulta, inevitabilmente, provinciale (Amedeo in Il diavolo e Tanino in My name is Tanino), maschilista e bigotto (Amedeo in Il diavolo). Il soggiorno all’estero può essere il motivo per esternare tutta l’eccentricità e l’opportunismo dell’italiano (Marco in Il gaucho e Gino in Lamerica), ma anche un momento di riflessione e crescita interiore verso una nuova identità, che può essere una riscoperta di quella di partenza (Fiore in Lamerica), una sua evoluzione (Tanino in My name is Tanino) o, addirittura, una totalmente nuova (Giovanni in Pane e cioccolata). Il potenziale fallimento dell’italiano all’estero solitamente avviene a causa della sua ingenuità, che lo rende talvolta insicuro e spaesato (Amedeo in Il diavolo e Tanino in My name is Tanino), altre volte troppo sicuro di sé (Marco in Il gaucho e Gino e Fiore in Lamerica) o, in altre circostanze, troppo titubante per prendere una decisione (Giovanni in Pane e cioccolata). I film scelti sono collegati fra loro da diversi elementi comuni e, nonostante la loro diversa data di realizzazione, rappresentano l’italiano attraverso comportamenti tra loro, se non uguali, quantomeno simili. Si pensi, ad esempio, a Giovanni che urina per strada in Pane e Cioccolata del 1973, al giovane Tanino che, ben trent’anni dopo, fa lo stesso per le strade di New York, e al primo episodio di Italians, in cui Fortunato e Marcello, proprio mentre urinano nel bel mezzo del deserto, sono soliti abbandonarsi alle considerazioni più “filosofiche” e “poetiche”. Questo dimostra che le maschere attraverso le quali l’italiano viene rappresentato non sono cambiate nel

68


tempo ed il persistere dell’impiego di questi stereotipi nel cinema italiano presenta talvolta una componente di autocompiacimento nel rivedersi così estremamente italiani. Compiacimento che si arricchisce di una venatura autoassolutoria quando, come nei due episodi di Italians, si sorride allo spettatore quasi a voler dire «Cosa volete farci? Noi italiani siamo fatti così…».

69


NOTA DELL’AUTORE

Questo studio non rappresenta per me un punto di arrivo, ma, in qualche modo, lo considero, comunque, come la conclusione di un importante percorso di studi, durante il quale, ho potuto conoscere persone che hanno saputo, consapevolmente e non, indirizzarmi nelle mie scelte di vita. Mi riferisco in particolar modo al prof. Gianni Canova, che ha fatto nascere in me l’interesse non solo per il cinema, ma anche per le forme d’arte ad esso correlate. Un ringraziamento va, inoltre, a tutte le persone che mi sono state vicine durante questi tre anni di studio, con la speranza e l’augurio di incontrarci di nuovo per percorrere insieme nuove strade. Da buon italiano, ed in coerenza con le tesi esposte in questo studio, non posso non ringraziare la mia famiglia e, nello specifico: mio fratello Angelo, per avermi sopportato durante i due anni di convivenza; mio fratello Alessandro, per i consigli e le idee stravaganti che mi dà sempre; le mie bellissime sorelle Nina e Laura, per l’amore che mi hanno sempre dimostrato; e, un ringraziamento speciale, ai miei genitori, per avermi sempre sostenuto ed appoggiato nei momenti difficili.

Grazie di cuore. 103

103

Se ho dimenticato qualcuno, vi aggiungerò nella tesi del Master.

70


BIBLIOGRAFIA

Per la storia e la sociologia dell’italiano all’estero Adorno, T.W., Frenkel-Brunswik, E., Levinson, D. J., & Sanford, R. N., The Authoritarian personality, New York, Harper & Row, 1950. Allport G.W., The nature of prejudice, Garden City, Doubleday/Anchor, 1954. Allport G.W., La natura del pregiudizio, Firenze, La Nuova Italia, 1976. Altemeyer, B., «Changes in attitudes towards homosexuals», in Journal of Homosexuality, 42, 2001, pp. 63-75. Amendola Giovanni, Maggioranza e minoranza, Il Mondo, 12 Maggio 1923. Amir, Y., «Contact hypothesis in ethnic relations», in Psychological Bulletin, 71, 1969, pp. 319-342. Anderson, J.R., «The adaptive nature of human categorization», in Psychological Review, 98, 1991, pp. 409-429. Arias M. G., La questione meridionale. Vol II, Bologna, Zanichelli, 1921. Bandinelli Angela Carlino, Bracciano. Negli occhi della memoria, Roma, Edizioni Mediterranee, 2004. Banfield, E. C., The moral basis of a backward society, New York, Free Press, 1958. Barzini Luigi, The Italians, Londra, Hamish Hamilton, 1964.

71


De Giorgi Fulvio (a cura di), Approfondire il Novecento. Temi e problemi della storia contemporanea, Roma, Carocci, 2001. De Spirito Angelomichele, Sud e famiglia, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 2005. Eurostat, Panorama on tourism, Luxemburg, Office for Official Publications of the European Communities, 2008 Ferrarotti, F., (e altri), La piccola città, Napoli, Liguori Editore, 1973. Garibaldi Giuseppe, Memorie. Con un’appendice di Scritti Politici, BUR, Milano, 1998. Griffin R. (a cura di), Fascism, Oxford, Oxford University Press, 1995. Hamilton, D. L. (ed.), Cognitive processes in stereotyping and intergroup behavior, Hillsdale, NJ, Erlbaum, 1981. Hamilton, D. L., & Sherman, J. W., «Stereotypes», in R. S. Wyer, Jr. & T. K. Srull (Eds.), Handbook of social cognition (Vol. 2, 2nd ed., pp. 1-68), Hillsdale, Erlbaum, 1994. Hewstone, M., & Brown, R. J., «Contact is not enough: An intergroup perspective on the “contact hypothesis”», in M. Hewstone & R. J. Brown (eds.), Contact and conflict in intergroup encounters, Oxford, Blackwell, 1986. Ito, T., & Urland, G., «Race and gender on the brain: electrocortical measures of attention to the race and gender of multiply categorizable individuals», in Journal of Personality and Social Psychology, 85, 2003, pp. 616-626. Jackman, M. R., & Senter, M. S., «Images of social groups: categorical or qualified?», in Public Opinion Quarterly, 44, 1980, pp. 341-362. Katz, D., Braly, K., «Racial stereotypes of one hundred college students», in Journal of abnormal and social psychology, 28,1933, pp. 280-290. Katz, D., Braly, K., «Racial prejudice and racial stereotype», in Journal of abnormal and social psychology, 30, 1935, pp. 175-193. Keynes, J. M., The economic consequences of the peace, London, Macmillan,1920. Kuiziniene Dalia (a cura di), Beginnings and ends of emigration: life without borders in the contemporary world: a collection of scholarly essays, Vilnius, Versus Aureus, 2005. Wall Richard, Robin Jean (a cura di), Laslett Peter, Family forms in historic Europe, Cambridge, Camberidge University Press, 1983.

72


Lippman Walter, Public opinion, New York, Harcourt, Brace, 1922. Manning, P., Migration in world history, London, Routledge, 2005. Mills, J., Polanowski, J. A., Ontology of prejudice, Amsterdam, Rodopi, 1997. Musio, G., La cultura solitaria. Tradizione e acculturazione nella Sardegna arcaica, Bologna, Il Mulino, 1969 Pettigrew, T. F., & Tropp, L. R., «Does intergroup contact reduce prejudice?: Recent meta-analytic findings», in S. Oskamp (ed.), Reducing prejudice and discrimination, Mahwah, Erlbaum, 2000. Rosa, A. A., Sintesi di storia della letteratura italiana, Firenze, Nuova Italia, 1984. Schneider, D. J., The psychology of stereotyping, New York, The Guilford Press, 2004. Sciolla Loredana, Italiani: stereotipi di casa nostra, Bologna, Il Mulino, 1997. Severgnini Beppe, La testa degli italiani, Milano, Rizzoli, 2005. Smith, E., Zarate M., «Exemplar-based model of social judgment», in Psychological Review, 99, 1992, pp. 3-21. Stephenson, G. M., A history of American immigration, 1820-1924, New York, Ginn and company, 1926.

Per l’analisi filmica dell’italiano all’estero Bernardini Aldo, & Lancia E., Nino Manfredi, Roma, Gremese Editore, 1999. Bondanella P. E., Italian cinema: from neorealism to the present, New York, Continuum Publishing International Group, 2001. Cattini Alberto, Le storie e lo sguardo: il cinema di Gianni Amelio, Venezia, Marsilio, 2000. Canova Gianni, «Il Gaucho, il tigre e il mito del successo», in Fabrizio Deriu (a cura di), Vittorio Gassman, Venezia, Marsilio Editori, 1999. Alberto Farassino, «Esotismo, internazionalismo, terzomondismo» in G. Canova (a cura di), Storia del cinema italiano – Vol. 11: 1965-69, Scuola Nazionale di Cinema, Marsilio – Edizioni di Bianco&Nero, Venezia-Roma, 2001, p. 210

73


Giacovelli Enrico, La commedia all'italiana: la storia, i luoghi, gli autori, gli attori, i film, Roma, Gremese Editore, 1995 Giacovelli Enrico, Un italiano a Roma: la vita, i successi, le passioni di Alberto Sordi, Torino, Lindau, 2003. Gambetti Giacomo, Vittorio Gassman, Roma, Gremese Editore, 1999. Gross D. M., Immigration to Switzerland: the case of the former Republic of Jugoslavia, Whashington, World Bank, 2006. Gili J. A., «Entretien avec Amelio», in Positif, 406, 1994. Frank Daniel (introduzione a cura di), Howard D., Mabley E., The Tools of Screenwriting. A writer’s guide to the craft and elements of a screenplay, New York, St. Martin’s Griffin, 1993. Murch Walter, In the blink of an eye, Los Angeles , Silman-James Press, 2001. Martini Emanuela, Gianni Amelio, Venezia, Il Castoro, 2006. Mereghetti Paolo, Il Mereghetti 2002, Roma, Baldini Castoldi Dalai, 2001. Romero Federico, «L’emigrazione operaia in Europa (1948-1973)» in Bevilaqua Piero, De Clementi Andreina e Franzina Emilio (a cura di), Storia dell’emigrazione italiana. Arrivi, Roma, Donzelli Editore, 2001, p. 410-411. Scalzo Domenico (a cura di), Gianni Amelio. Un posto al cinema, Torino, Lindau, 2001.

74


Giampietro Balia Anno Accademico 2007/2008

La Rappresentazione dell'Italiano all'Estero in Cinque Film Italiani  

Tesi di Laurea presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo nel Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie della Comunic...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you