Page 1

PIACENZA

B R A N D MA N U A L Casella Giada mat. 777979 Laboratorio di progetto della comunicazione visiva AA 2012/2013 Politecnico di Milano Design della comunicazione


INDICE

01

INT R ODU Z IO N E

02

MA R C H IO

4 6 8 12

14 16 18 20 22 24 26 28 30 32 34 36 38 40 42 44

.01 .02 .03 .04

.01 .02 .03 .04 .05 .06 .07 .08 .09 .10 .11 .12 .13 .14 .15 .16

PIACENZA MOODBOARD DI GRUPPO MOODBOARD PERSONALE PRIME PROPOSTE

LOGO LINEE DI COSTRUZIONE VERSIONE NEGATIVA COLORI ISTITUZIONALI SCALA DI GRIGI BIANCO E NERO DIMENSIONI MINIME AREA DI RISPETTO DIVIETI DI UTILIZZO PAYOFF AREA DI RISPETTO PAYOFF DECLINAZIONI COLORI DELLE DECLINAZIONI VERSIONE ORIZZONTALE FONT PRIMARIO FONT SECONDARIO

03

APPLI CAZI ON I STANDARD

04

GRAFI CHE SECONDARI E

46 48 50 52 54 58 62

64

.01 .02 .03 .04 .05 .06 .07

.01

BUSTA DA LETTERE CARTA DA LETTERE BIGLIETTO DA VISITA APPLICAZIONE FOTOGRAFICA MANIFESTO BANNER T-SHIRT

PITTOGRAMMI


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

01.01 INTRODUZIONE Piacenza può essere definita come una terra di passaggio, questo a causa della sua posizione strategica, la città è infatti posizionata al confine tra Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna. Nata nel 218 a.C., Piacenza fu battezzata con il nome di “Placentia” (che piace) dai coloni Romani e divenne immediatamente crocevia per viaggiatori e mercanti che contribuirono allo sviluppo economico della città. Piacenza ancora oggi mantiene questa caratteristica di punto nevralgico grazie alla presenza dell’autostrada del Sole e di una rete ferroviaria, tra le più antiche in Italia, che collega la Lombardia all’Emilia Romagna. Piacenza inoltre è famosa per i sapori che regala, i quali sono derivati sia dai piatti tradizionali sia dalla rinomata enogastronomia, la quale è elemento caratterizzante anche della periferia della città, più in particolare dei colli piacentini, costellati da vigneti. La tradizione folcloristica è piuttosto sentita e nel corso dell’anno vengono organizzate sfilate e parate molto suggestive. Dal punto di vista culturale la città è all’avanguardia, vengono organizzati diversi concerti e iniziative di vario genere come il “Piacenza Jazz Fest”, festival di musica Jazz tenuto in città e in provincia.

4


5


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

01.02 MOODBOARD DI GRUPPO La moodboard di gruppo è creata in modo da abbracciare tutti gli elementi caratterizzanti il centro e la periferia della città. In una tavola vengono mostrati diversi aspetti, ossia l’enogastronomia e la gastronomia, la natura, rappresentata dai colli piacentini e dal fiume Po, la città, con i differenti stili architettonici, ed infine l’arte e il folklore.

6


7


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

01.03 MOODBOARD PERSONALE La moodboard personale è orientata principalmente agli aspetti naturale, gastronomico ed enogastronomico. Essa ha come principale obiettivo l’evidenziazione della manualità, rappresentata dal gesto della coltura degli acini d’uva e della preparazione della pasta, e della tradizione. Infine è rappresentato il Po, fiume di fondamentale importanza sia per la storia della città, sia per le risorse che fornisce alla stessa.

8


9


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

01.03 MOODBOARD PERSONALE La moodboard personale grafica è stata creata attraverso operazioni di ricerca e selezione di elaborati raffiguranti forme che richiamassero gli aspetti interessati (natura, gastronomia ed enogastronomia).

10


11


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

01.04 PRIME PROPOSTE La prima proposta di marchio ha come obiettivo la rappresentazione, attraverso l’utilizzo di una forma fluida che richiamasse l’avvolgimento di un nastro, di diversi elementi, legati tra loro e caratterizzanti la città: Il fiume Po, i ponti, la nebbia e infine i colli piacentini. La seconda proposta vuole fondere l’aspetto architettonico della città di Piacenza, attraverso la rappresentazione dei corvi del Palazzo Gotico, e l’aspetto naturale, con la nebbia caratteristica della città e della periferia.

12


Piacenza

PIACENZA

13


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.01 MARCHIO Il logo vuole racchiudere in sè diversi aspetti caratterizzanti la città di Piacenza, primo fra tutti il vino. L’enogastronomia piacentina, di proprietà culturale sia del centro città che della periferia, e più precisamente dei colli piacentini, è protagonista di una storia millenaria di tradizioni antiche e sapori autentici. Secondo elemento che ha concorso alla creazione del marchio è il fiume Po, il quale è stato di fondamentale importanza nella storia della città, in quanto permetteva l’effettuarsi di scambi commerciali.

14


15


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.02 LINEE DI COSTRUZIONE Si analizza in questa parte la modalità di costruzione del logo. È massiccio l’utilizzo di circonferenze, la ragione si può ritrovare nella volontà di dare un aspetto tondeggiante e “fluido” al logo al fine di rappresentare al meglio le caratteristiche principali prese in considerazione: l’enogastronomia e il fiume Po.

16


17


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.03 VERSIONE NEGATIVA La versione in negativo del marchio è realizzata su fondo bordeaux, mantenendo il colore rosa che definisce la parte centrale. Per gli elementi convertiti in bianco sono state effettuate operazioni di correzione ottica.

18


19


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.04 COLORI ISTITUZIONALI Nella scelta dei colori utilizzati nel logo istituzionale è stato preso come punto di riferimento uno dei principiali vini prodotti dalle produzioni enogastronomiche piacentine, il Gutturnio. In particolare, il colore che domina il logo è dato dalla tinta bordeaux che caratterizza il vino sopracitato, mentre l’elemento centrale è definito dal rosa che risulta dalle sfumature assunte dal Gutturnio durante il suo versamento all’interno del bicchiere.

20


PANTONE 7606 C

PANTONE 7421 C

BORDEAUX GUTTURNIO

ROSA GUTTURNIO

C: 38 M: 94 Y: 63 K: 45

C: 9 M: 54 Y: 42 K: 0

R: 106 G: 26 B: 49

R: 225 G: 139 B: 130

#6A1A31

#E18B82

21


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.05 SCALA DI GRIGI La versione del marchio in scala di grigi è data dal logo in nero su fondo bianco o in bianco su fondo nero, ad eccezione dell’elemento centrale, il quale è tinto di grigio al 50% (C0 M0 Y0 K50).

22


23


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.06 BIANCO E NERO La versione del marchio in scala di grigi è data dal logo in nero su fondo bianco o in bianco su fondo nero. Per far sì che l’elemento centrale continuasse a donare una sensazione di leggerezza è stata effettuata una suddivisione dell’elemento stesso tramite l’utilizzo di linee oblique.

24


25


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.07 DIMENSIONI MINIME Tutte le versioni possono essere utilizzate, per questioni legate alla leggibilitĂ , fino a un limite di dimensione pari a 10 mm.

26


10mm

10mm

10mm

10mm

10mm

10mm

27


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.08 AREA DI RISPETTO L’area di rispetto del marchio viene calcolata prendendo come unità di misura la P del logotipo. Applicando il modulo attorno al logo ricaviamo lo spazio necessario a garantire la corretta leggibilità del marchio in caso questo venga affiancato a testi o ad altri marchi.

28


29


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.09 DIVIETI DI UTILIZZO Ogni modifica al segno e/o al logotipo, o alla proporzioni tra di essi, è vietata. Il marchio non può essere deformato, non possono essere inoltre variate i vuoti e/o le campiture, i colori, la posizione del segno rispetto al logotipo e infine il kerning e l’avvicinamento tra i caratteri tipografici nonchè rendere minuscolo il logotipo. L’applicazione su fondo deve essere effettuata unicamente secondo la modalità: scala di grigi/bianco e nero su fondo bianco/nero oppure logo a colori su fondo bianco o bordeaux; l’applicazione su fondo fotografico dovrà essere effettuata attraverso l’etichetta che verrà descritta in seguito. Ogni modifica non autorizzata farebbe perdere efficacia al logo, per questo motivo è vivamente sconsigliata.

30


piacenza

31


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.10 PAYOFF Il payoff scelto per accompagnare il marchio è “Dritta al cuore”, la motivazione è data da una descrizione della città di Piacenza che recita “Il cuore tra il Po e l’Appenino.” Il Payoff, rappresentato attraverso un font graziato che va in questo modo in contrasto con il carattere bastoni del logotipo, è posizionato al di sotto di quest’ultimo.

32


dritta al cuore

33


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.11 AREA DI RISPETTO L’area di rispetto del marchio con payoff viene calcolata prendendo come unità di misura la P del logotipo. Applicando il modulo attorno al logo ricaviamo lo spazio necessario a garantire la corretta leggibilità del marchio in caso questo venga affiancato a testi o ad altri marchi.

34


dritta al cuore

35


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.12 DECLINAZIONI Le diverse declinazioni del marchio si riferiscono a tre aspetti della cittĂ e di quello che lo circonda: La tradizione, che vuole andare a rappresentare la gastronomia ed enogastronomia; La natura, la quale va a rappresentare principalmente la periferia piacentina e sopratutto i colli; La cultura, la quale comprende arte, musica ed eventi collegati.

36


dritta al cuore della tradizione

dritta al cuore della natura

37

dritta al cuore della cultura


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.13 COLORI DELLE DECLINAZIONI I colori delle differenti declinazioni derivano da un’associazione di immagini. La tradizione è rappresentata dai colori che dominano l’anolino, tipologia di pasta protagonista indiscussa della tradizione gastronomica piacentina. I colori associati alla natura derivano dalla foglia di vite, caratterizzata da diverse tonalità di verde. Infine, la cultura è associata a un colore intermedio tra il grigio e il blu, il quale deriva dalla nebbia che nasce dal Po e caratterizza la città.

38


PANTONE 471 C

PANTONE 459 C

PANTONE 7736 C

PANTONE 577 C

PANTONE 7540 C

PANTONE 5575 C

GIALLO ANOLINO

VERDE VITE

GRIGIO NEBBIA

C: 20 M: 70 Y: 100 K: 8

C: 14 M: 14 Y: 75 K: 0

C: 75 M: 45 Y: 73 K: 38

C: 36 M: 10 Y: 63 K: 0

C: 68 M: 59 Y: 53 K: 33

C: 46 M: 23 Y: 38 K: 0

R: 180 G: 97 B: 35

R: 49 G: 56 B: 87

R: 56 G: 84 B: 65

R: 79 G: 34 B: 76

R: 75 G: 78 B: 83

R: 146 G: 171 B: 160

#BC6123

#E0CC61

#385441

#ABC27E

#4B4E53

#92ABA0

39


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.14 VERSIONE ORIZZONTALE La versione orizzontale può essere utilizzata in caso di necessità spaziali ed è data dallo spostamento del logotipo, il quale viene qui posizionato al lato destro del segno grafico e di conseguenza proporzionato al segno stesso.

40


dritta al cuore

41


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.15 FONT PRIMARIO Il font principale è il Frutiger LT Std, utilizzato in titoli o informazioni di lunghezza medio-corta.

42


Frutiger LT Std 45 Light

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Frutiger LT Std 65 Bold

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Frutiger LT Std 46 Light Italic

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Frutiger LT Std 66 Bold Italic

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Frutiger LT Std 55 Roman

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Frutiger LT Std 75 Black

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Frutiger LT Std 56 Italic

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Frutiger LT Std 76 Black Italic

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

43


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

02.16 FONT SECONDARIO Il font secondario è Arnhem, utilizzato in testi lunghezza medio-lunga e di piccole dimensioni.

44


Arnhem Blond

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Arnhem Bold

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Arnhem BlondItalic

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Arnhem BoldItalic

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Arnhem Normal

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Arnhem Black

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Arnhem NormalItalic

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

Arnhem BlackItalic

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !?/@#$%&

45


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

03.01 BUSTA DA LETTERE Le buste da lettere presentano caratteristiche che si ricollegano al progetto di city branding. Nel lato anteriore si trova la “targa” con il logo, presente in tutte le applicazioni standard; nel lato posteriore l’elemento distintivo è la linguetta, tinta del colore dominante all’interno del marchio istituzionale; infine, nell’interno della busta è presente un ingrandimento del marchio.

46


47


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

03.02 CARTA DA LETTERE La carta intestata, oltre agli elementi basici che caratterizzano ogni carta da lettere, presenta nella parte superiore la “targa” con il logo e l’indirizzo del mittente, mentre nella parte inferiore sono indicate le informazioni di base (telefono, fax, indirizzo e-mail e sito web). Tutti i dati che si riferiscono alla città di Piacenza, o all’ufficio o persona specifica che scrive la lettera, verrano rappresentati con il colore rosa, la stessa tinta utilizzata per l’elemento centrale del marchio istituzionale. Il restante testo (corpo della lettera) è rappresentato attraverso un grigio al 90% (C0 M0 Y0 K90.)

48


COMUNE DI PIACENZA Ufficio Turismo Piazza Cavalli 2 29121 Piacenza

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Spett.le Brambilla Claudio,

Phasellus a sapien ut ipsum euismod vestibulum vel vel orci. Vestibulum in ipsum neque, eget commodo sapien. Suspendisse urna eros, vulputate eget pellentesque non, egestas non quam. Suspendisse sed lacus tortor. Praesent ac sem sed est porttitor vulputate sit amet at mi. Sed auctor magna sit amet dui pellentesque ultricies. Nunc iaculis ultricies justo, et rhoncus risus accumsan vel. Vivamus scelerisque tristique adipiscing. Donec vitae varius velit. Morbi iaculis nisl et arcu fringilla congue ac euismod eros. Donec cursus fringilla nunc, ut elementum massa adipiscing non. Donec blandit, odio ornare venenatis feugiat, urna est cursus est, vitae sagittis mauris massa ac turpis. Vivamus turpis justo, cursus a fermentum in, vulputate in neque. Vestibulum eget metus in nibh malesuada consectetur. Nunc eget arcu vel nibh ullamcorper ullamcorper. Duis eu nisi in tortor blandit interdum ut et nisi. Nulla eleifend rhoncus elit, id suscipit tellus faucibus ut. Ut vehicula dolor molestie mauris mollis egestas in sit amet mi. Donec ultrices, eros sit amet condimentum elementum, diam turpis fermentum nibh, convallis gravida metus nunc a dolor. Ut tincidunt tellus lectus, vel porttitor purus. Cras a odio commodo justo volutpat tempor. Donec iaculis lacinia ligula, sed vulputate tortor luctus et. Nam lacinia lacus lorem. Nam mi enim, tincidunt ut dignissim eu, pharetra a nibh. Nam iaculis orci in est tempus dapibus. Quisque luctus, sem in mattis venenatis, ante dui sagittis justo, id euismod lorem felis vel nisi. Distinti Saluti,

Mario Rossi Responsabile Ufficio Turismo

+39 053 492202

uff.turismo@comune.piacenza.it

0523 328843

turismo.provincia.piacenza.it

49


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

03.03 BIGLIETTO DA VISITA Il biglietto da visita vuole imitare la “targa” con il marchio, utilizzata in tutte, o quasi, le applicazioni standard, attraverso la riproduzione della stessa nella parte superiore e l’orientamento verso il basso dell’area di testo. I dati sono preceduti da un’icona apposita.

50


ALESSANDRO BERNASCONI

Responsabile ufficio Turismo +39 053 492202 0523 328843 abernasconi@comune.piacenza.it Piazza Cavalli, 2 29121 Piacenza Italia turismo.provincia.piacenza.it

51


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

03.04 APPLICAZIONE FOTOGRAFICA Il marchio viene inserito in una qualsiasi foto attraverso l’utilizzo dell’apposita “targa”, la quale deve essere posizionata sempre in alto, o a destra o sinistra.

52


53


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

03.05 MANIFESTO Nel format del manifesto è presente sempre una singola foto, posizionata al centro ed inerente all’evento pubblicizzato. La parte di testo viene posizionata al di sopra di una forma, di colore bianco, che richiama l’elemento finale del logo istituzionale della città. La gerarchia delle informazioni è definita dall’utilizzo di font, e dimensione degli stessi, differenti. Il manifesto relativo alla città è composto da un’immagine e un testo composto da titolo e sottotitolo.

54


55


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

03.05 MANIFESTO Le versioni del manifesto per la pubblicizzazione di determinati eventi riporta del testo descrittivo, più o meno lungo, definito dal font secondario (Arnhem) e inserito all’interno di due colonne.

56


DA DOMENICA 14 APRILE A SABATO 18 APRILE Decima edizione del Piacenza Jazz Fest, il festival di musica jazz che dal 2004 si svolge in città e in provincia, a cui partecipano i più grandi artisti internazionali

57

Il Piacenza Jazz Fest è sostenuto principalmente dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, poi dal Comune di Piacenza, dalla Regione Emilia-Romagna e dalla Provincia di Piacenza e da altri preziosi e coraggiosi sponsor .


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

03.06 BANNER I banner web sono realizzati in modo da ricordare l’azione di versamento del vino all’interno di un recipiente, come il bicchiere. Vengono sottolineati due livelli, una bianco e uno rosa, all’interno di quest’ultimo, per le prime sequenze, si susseguono, con un effetto in dissolvenza, i 3 “valori” della città di Piacenza. Nell’ultima scena, l’elemento di colore rosa viene fermato, mentre sale solo la parte bianca, questo per rendere possibile la comparsa del payoff della città.

58


59


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

03.07 T-SHIRT Nella parte frontale della t-shirt viene raffigura un’infografica, la quale rappresenta i diversi passaggi di creazione e consumo del vino piacentino. Nel retro della maglietta viene riportato il logo, centrato in alto.

62


63


IN T R OD U Z ION E

A PPLICA ZION I STA N D A RD

M A RCH IO

GRAFI CHE SECO NDARI E

04.01 PITTOGRAMMI Le icone devo essere utilizzate qualore dovessero essere indicati i seguenti dati: telefono, indirizzo e-mail, fax, sito web e indirizzo. In particolare, esse sono utilizzate all’interno della carta da lettere e del biglietto da visita.

64


65

Piacenza Brand Manual  

School project about the creation of a hypothetical brand identity of the city of Piacenza, Italy.