{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 93

- Come ti chiami? - gli chiese Fosco, severo, abbassandosi su di un ginocchio per arrivargli all’altezza della faccia. - Mi chiamo Aroldo e mi dispiace di non essere riuscito ad uccidere il vostro cavaliere - rispose armandosi di coraggio il prigioniero. Un calcio lo raggiunse al basso ventre facendolo strillare e raggomitolarsi su sè stesso. - Io invece, se credi di fare il galletto ti infilzo come un pollo allo spiedo, guarda un po'! - gli rispose minaccioso il sergente premendogli il pugnale sulla gola. Una goccia di sangue imbrattò la sudicia camicia che indossava. Gli armigeri sul carro si gustavano il fuori programma e non tenevano più nella pelle incitando il sergente alle maniere forti. - Dimmi, canaglia, che ha in mente di fare il tuo capo e dove intenderà agire? dimmelo se no ti sgozzo quanto è vero che io mi chiamo Fosco - Ti posso solo dire… Fosco, che di preciso non lo so, so solamente che l’intenzione del Faina è quella di assalire la scorta al ritorno, quando avrete con voi la ricca sposina Nel frattempo Edoardo era salito sul carro riuscendo a sentire l’ultima parte del discorso. Si avvicinò al prigioniero, che intanto cominciava ad aver paura, e gli diede un calcio facendolo gridare dal dolore - Mi piacerebbe sapere da chi ricevete tutte queste informazioni, lo sai, tu, brutto schifoso? Non lo lasciò rispondere perché gli rifilò ancora un calcio sul costato facendogli mancare il respiro. - Io non so nulla! - riuscì a farfugliare il losco individuo accartocciandosi su sè stesso e lamentandosi per il dolore - Solo Bartolo sa queste cose perché, periodicamente, si incontra sulla riva del Po con dei tizi che arrivano dalle vostre parti. Hanno il volto coperto da dei cappucci neri e non penso che neppure il Faina sappia chi sono. Li paga, secondo l’importanza delle informazioni che gli rivelano, è la verità, credetemi! - disse tremante, osservando i presenti con volto implorante pietà. - Che ne facciamo, Fosco, di questo imbecille? lo impicchiamo subito? - chiese Edoardo impaziente, serrando i pugni. - No Edoardo, lo portiamo con noi all’abbazia, lo faremo consegnare agli sbirri di Trino che passeranno a controllare il territorio. Penso che abbia detto la verità, lasciamolo alla giustizia Scesero dal carro e si avvicinarono ai cavalli, quando, furono attirati dai nitriti e dal rumore di destrieri al galoppo che si avvicinavano sulla strada polverosa. 93

Profile for Nost Munfrà

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Profile for ghigiot
Advertisement