{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 84

- Bene! direi che siamo persino in troppi. Venti uomini per scortare una donna! Mah! al solo vederci il Faina se la dovrebbe dare a gambe levate, se ha sale in zucca quel maledetto trinese - esclamò Fosco scendendo dalla sua cavalcatura e raddrizzandosi poi sulle reni per dar sollievo alla schiena. - Signori! tutti a terra, compresi gli uomini sul carro, dobbiamo alleggerire il mezzo e i cavalli Scesero dai corsieri tra l’erba della sponda; uccelli acquatici si alzarono in volo sfiorando il letto sassoso del fiume, il caldo era insopportabile, come le zanzare che punzecchiavano i volti e le altre parti scoperte del corpo: chi si copriva soffriva il caldo, al contrario ci pensavano i tafani. Quale delle due maniere si scegliesse si sarebbe comunque sofferto. - Avanti piano, gente, gli uomini che erano sul carro si dispongano uno per ogni ruota, controllate bene che le ruote non incontrino grossi sassi o buche profonde. Coraggio! avanti! Il grosso carro avanzò piano tra i ciottoli e la sabbia. Qualcuno spingeva, qualcuno bestemmiava sommessamente quando poneva il piede su di un sasso levigato e reso viscido dai muschi. - Maledizione! - sbraitò un armigero sprofondando in una buca fino alla cintura sollevando una risata generale. - Ridete! ridete, bastardi! che state lì a guardare? datemi una mano ad uscire da qui! - Aroldo! - alzò la voce un soldato vicino, allungandogli la mano - ti invidiamo tutti, ma che ti lamenti? Un po’ di frescura ti farà solo bene! La piccola colonna si avvicinava lentamente alla meta. - Pensavo peggio! - disse Umberto, tenendo le briglie del suo cavallo e camminando con accortezza. Procedevano in fila indiana, due armigeri precedevano il carro indicando all’uomo a cassetta eventuali ostacoli difficili. Attraversarono il letto del fiume senza incidenti, e finalmente, arrivarono sulla riva opposta. In realtà, trovarono più difficoltà a lottare contro gli insetti che a guadare il fiume. Fosco era soddisfatto e si rilassò, ma non durò molto, perché un altro problema lo tormentò - Siamo fuori dalla contea di Gabiano! - disse ad alta voce per farsi udire - adesso dobbiamo stare molto attenti, inizia la zona pericolosa. Il Faina dovrebbe essere da queste parti e quindi, non rilassatevi. Osservatevi attorno, aprendo occhi ed orecchi, attenti ai cespugli e attenti alle cime degli alberi, e speriamo bene! 84

Profile for Nost Munfrà

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Profile for ghigiot
Advertisement