{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 82

pensò. Trasalì, alla seconda domanda di Umberto: - Giovanni? bella la contea! vero? - Eh? … ah! sì, certo! bellissima! - gli rispose Giovanni, ridestandosi per un attimo dal torpore nel quale era caduto, infatti, non durò molto la sua attenzione, dopo poco, altri pensieri lo assalirono nuovamente. Una lepre, spaventata dal rumore della colonna lo riportò alla realtà, la osservò mentre attraversava veloce la strada continuando la sua corsa verso un campo e sparendo in un fosso. - Guardate! in cielo, lassù! sopra le cime degli alberi! Astore! - gridò un armigero che procedeva a cavallo dietro al carro, puntando l’indice verso l’azzurro. - Guardate! è Astore Zero nitrì festoso scodinzolando con la sua lunga coda nera. Il meraviglioso volatile emerse dalla foschia, si tuffò a capofitto e risalì girando intorno formando invisibili cerchi nell’aria cocente. Poi, in un baleno, il rapace saettò quasi a volo radente sfiorando il drappello, per poi innalzarsi sfrecciando verso il cielo. Giovanni ritornato completamente alla realtà, guardò Umberto, ed esclamò esultante - Hai visto? - Che ti avevo detto? - gli rispose Umberto che non era per nulla sorpreso, osservava incantato il falco nelle sue evoluzioni aeree. Tutto procedeva bene, incontrarono dei servi che lavoravano nei campi, un carro trainato da buoi. Un cerbiatto li osservò e fuggì spaventato nel bosco; il cigolio delle ruote, il tamburellare degli zoccoli sul terreno e il tintinnare metallico di qualcosa che sbatteva sopra al carro erano gli unici rumori che rompevano il silenzio in quella campagna verdeggiante e desolata. Implacabili, i raggi del sole li colpivano e dovettero fermarsi più di una volta sotto gli alberi per regalarsi un breve ristoro. - Coraggio! manca poco al Po. Una volta attraversato avremo solo ombra, finalmente! - esclamò il sergente con il volto chiazzato dai morsi delle zanzare. Ogni tanto il carro aveva un sobbalzo, al suolo cominciavano ad apparire i sassi del fiume. Maledicendo gli insetti e bagnandosi con la saliva i rossi bubboni, Fosco esordì - In estate, i servi addetti alle manutenzioni delle strade, vengono a controllare il guado per renderlo attraversabile. In questa zona il letto del fiume ha solo della ghiaia sottile ed è quasi asciutto in questa stagione, a meno che, non fac82

Profile for Nost Munfrà

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Profile for ghigiot
Advertisement