{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 119

- Serrate i ranghi! non abbassate la guardia e alzate gli scudi. Non dimentichiamoci del Faina! - gridò il sergente Fosco. - Dovremmo esserci tutti! che dici Lodovico? - disse al cavaliere visconteo, il fango era insidioso e pericoloso per i cavalli. - Spero di sì! - rispose alzandosi sulle staffe ad osservare il drappello che procedeva lento dietro di loro. - Soldati! - gridò - controllate tra voi se ci siete tutti e avvertitemi se qualcuno manca all’appello Lorenzo e Umberto si erano affiancati ad Edoardo che imperterrito cavalcava accanto al carro che trasportava la sua futura sposa, bagnato fradicio, sorrise agli amici e con voce roca disse - Speriamo che esista ancora il guado! - Ho un brutto presentimento, sai Edo? - gli rispose Umberto. - Bisogna vedere dove ha colpito il temporale, se a monte, arriverà certamente la piena, che comunque non penso debba durare molto. Non è durato molto il temporale - disse di rimando Lorenzo con Astore adagiato sulla sua spalla. La temperatura intanto si era alzata in fretta e l’afa per il momento dava segni di tregua. Il manipolo di armigeri e cavalieri proseguiva mesto verso la sponda del fiume, sembravano reduci da un combattimento, mancava solo il sangue e i feriti; i cavalli procedevano piano e i pochi fanti appiedati si trascinavano nel fango che aveva invaso il sentiero usando le picche a mo’ di bordone per stare in equilibrio. Ogni tanto qualcuno scivolava e bestemmiava ad alta voce. - Ci sono donne, moderate i termini! - si udì dalla fila. Lodovico e Fosco procedevano appaiati osservando l’ambiente che li circondava. In quella zona la grandine aveva defogliato gli alberi. - Guarda che disastro ha combinato! - disse Fosco - speriamo che su al castello ci abbia graziati, adesso era un bel po' di tempo che non grandinava! Avanzarono senza sosta, la curiosità e la speranza di trovare il guado ancora praticabile era tanta e la preoccupazione di imbattersi nel brigante Faina passò in secondo piano. - Il Faina si è spaventato del temporale - notò Lodovico scansando con il suo cavallo una buca insidiosa piena d’acqua. - Meno male che come stratega non vale un fico secco - disse di rimando il sergente - fossi stato in lui avrei attaccato nell’attimo del nostro sbandamento, ma evidentemente anche lui ha avuto paura dei fulmini e la grandine - Sì! - ammise Lodovico - per un attimo ho avuto paura che ne approfittasse! 119

Profile for Nost Munfrà

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Profile for ghigiot
Advertisement