{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 111

Si guardarono in viso interrogandosi. - Prego! avvicinatevi, fate come se un pittore vi volesse ritrarre… in un baleno! vai anche tu Umberto Appoggiò l’apparecchio su di un tronco vicino, inquadrò il gruppetto e inserì l’autoscatto. Si aggiunse velocemente ai quattro cavalieri e attese il flash che dopo qualche secondo scattò. Un armigero guardò in alto ed esclamò entusiasta - Coraggio ragazzi! mi sa che stasera farà un bel temporale e rinfrescherà un pochino! Lorenzo sorrise, prese la fotocamera e si avvicinò ai quattro cavalieri tenendo il monitor in bella vista. Si guardarono in volto esterrefatti e impossibilitati a parlare tale era lo stupore. Mai visto cosa simile: sul monitor luminoso era apparsa come per incanto l’immagine del gruppo. - Questa si chiama fotografia, praticamente un dipinto fatto al volo. Ve ne farò avere una copia a testa Si ripresero dallo stupore uno per volta, il primo a farlo fu Sir Lodovico - Sei fortunato che hai tutti questi marchingegni e la testimonianza del tuo scudiero, altrimenti mi sentirei obbligato ad arrestarti mio caro Lorenzo! - disse il cavaliere sorridendo, dimostrando di scherzare dandogli una pacca sulla spalla. - A corte a Vercelli, abbiamo una biblioteca immensa di libri di valore inestimabile nella quale trascorro molto tempo ad istruirmi. Hai trovato facile convincermi sulla verità del tuo racconto. Ho letto molto sulla reincarnazione anche se tutti i libri che trattano l’argomento sono in latino. Sai, figliolo, quasi quasi ci credo pure io Il cavaliere visconteo guardò Fosco che con il capo confermava quello che diceva. Aveva vissuto molti anni alla corte dei Visconti e pure lui faceva molto uso della biblioteca. Vi fu un lungo silenzio interrotto a tratti dal parlottare dei soldati e dai nitriti di qualche cavallo. Lorenzo lo interruppe - Se mi permettete! - esclamò richiamando l’attenzione dei quattro uomini - Io consiglierei di non dire nulla a nessuno e di procedere come se nulla fosse successo. Se sir Ludovico, con i suoi cavalieri, ci scorterà fino alla riva del Po, chiunque abbia mandato Pietro ad attenderci oltre il guado starà ben accorto prima di intralciarci il cammino con richieste demenziali. Penso proprio che vedendo gli stendardi dei Visconti nessuno oserà avvicinarsi alla scorta, neppure quel gaglioffo del Faina Si trovarono tutti d’accordo e si strinsero la mano. 111

Profile for Nost Munfrà

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Profile for ghigiot
Advertisement