{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 108

- E saresti arrivato fin qui da noi attraverso un vortice? - continuò Ludovico osservando le facce degli interlocutori che osservavano increduli. Zero, da lontano, raspava a terra con gli zoccoli e sbuffava, agitandosi. - Non fosse che qui abbiamo un valido testimone, veramente correresti il rischio di passare per stregone - continuò Lodovico guardando il magro stalliere pallido come un cencio. - L’ho visto con i miei occhi signore - ammise Umberto quasi tremando - l’ho visto sparire nel vortice avvolto da una luce azzurra e ritornare dopo circa due ore nel punto stesso dove si era posto prima di involarsi… I cavalieri lo ascoltavano in silenzio lanciandosi occhiate. Lorenzo aveva mostrato il materiale che aveva nel suo zainetto: dalla carta d’identità, al cellulare. Aveva spiegato loro il funzionamento degli oggetti e sembrava che, come Umberto quella notte, capissero tutto al volo e accettassero senza ombra di dubbio tutto quello che Lorenzo gli mostrava. - Vedete signori! - spiegò Lorenzo con parole più semplici possibile - questi oggetti, nel mio tempo, sono indispensabili; dovranno passare centinaia di anni prima che vengano inventati… Si fermò di colpo ricordandosi di una cosa. - Ho con me un oggetto che prima avevo dimenticato perché chiuso in una tasca laterale della mia… bisaccia Umberto osservò Lorenzo corrugando la fronte: - Questo non lo avevi visto neppure tu Umberto! - aprì la cerniera della tasca e ne trasse un binocolo. Lo regolò mettendo a fuoco sugli alberi della foresta, regolò la distanza interpupillare cercando di indovinare a caso quella di Sir Lodovico. - Prenda questo oggetto e faccia come ha visto fare a me! se lo ponga davanti agli occhi - disse rivolgendosi al cavaliere vercellese che l’osservava con la massima attenzione - guardi dentro… al binocolo, Lodovico, e lo punti verso quella macchia di alberi là in fondo Sir Ludovico eseguì alla lettera quello che Lorenzo gli aveva detto di fare - Misericordia! - esclamò esterrefatto il cavaliere - gli alberi… sono qua a due passi. Vedo persino un corvo appollaiato tra i rami! Venne tentato quasi di prendere il volatile ponendo la mano libera di fronte alle lenti anteriori. - Guarda Fosco! che meraviglia! - strillò Lodovico allungando l’oggetto al ser108

Profile for Nost Munfrà

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Profile for ghigiot
Advertisement