#CONCRETE SERIES. William Berni

Page 1

#CONCRETE SERIES WILLIAM BERNI

GHIGGINI 1822



#CONCRETE SERIES WILLIAM BERNI

GHIGGINI EDIZIONI


#concrete series william berni

25 maggio - 29 Giugno 2019

Ghiggini 1822 - Galleria d’arte Via Albuzzi 17 - Varese - 0332 28 40 25 galleria@ghiggini.it - ghiggini.it Edizione realizzata nel mese di Maggio 2019 Tutti i diritti di riproduzione sono riservati a Š Ghiggini 1822



EILEEN GHIGGINI

CURATRICE MOSTRA #CONCRETE SERIES La mostra #CONCRETE SERIES è espressione della nuova ricerca di William Berni, vincitore del Premio GhigginiArte 2013. Un progetto che segue la prima mostra personale del giovane artista dal titolo «Skyline» e la sua partecipazione all’esposizione collettiva «Vicende & Vincitori». In questa occasione Berni propone una serie di lavori realizzati con la tecnica del collage materico utile a ricreare nel dettaglio l’effetto di superfici murarie degradate. Una scelta coraggiosa che si pone l’obiettivo di omaggiare in galleria una specificità del tessuto urbano. In occasione di questa tua seconda mostra personale in galleria presenti una serie di lavori che sembrano allontanarsi dalla ricerca iperrealista che ha caratterizzato il tuo percorso iniziale. Come spieghi questo cambio di direzione? C’è stato un momento preciso, ho fatto un sogno e volevo assolutamente realizzare quello che avevo visto prima che venisse proposto da un altro artista. L’unico problema era accettare il fatto che fosse piú facile da concretizzare. All’inizio ho avuto il dubbio di lavorare su qualcosa di totalmente diverso dalle tele iperrealiste che ho realizzato in passato, ma con


il tempo mi sono reso conto che questi nuovi lavori dovevano essere assolutamente fedeli alla realtà, una fotografia coerente con i miei ricordi, altrimenti guardandoli non avrei provato nessuna emozione. Ti senti più rappresentato da questa tipologia di opere perché sei legato alla cultura hip hop fin dai tempi degli studi al liceo, raccontaci... Si è inevitabile perché è qualcosa che fa parte di me. Sono cresciuto col rap e i graffiti. Non so dire se sono così legato a questa serie semplicemente perché è riconducibile all’hip hop oppure ad altro... sono posti che ho visto, sensazioni. Ci sono dei modelli ai quali ti ispiri per realizzare i tuoi lavori? No, ed è il motivo per cui credo così tanto in questa serie. Ho trovato qualcosa di simile nelle sperimentazioni New Dada e nel décollage di Mimmo Rotella, ma non è da lì che son partito. È qualcosa dentro di me. Street art in galleria: come intendi la connessione tra queste due realtà? Portare questa serie in galleria è una sfida importante. Sia per me, perché credo molto in questi lavori, sia per Ghiggini che ha accettato. So perfettamente che tutto questo è lontano dalle proposte che hanno sempre contraddistinto gli standards di questa galleria, ma è una grande occasione, e non intendo deluderli. La street art non è più qualcosa di estraneo al mondo dell’arte. Cosa ti aspetti dalla mostra #CONCRETE SERIES? Spero di riuscire a sorprendere. Non lo faccio per fama o per denaro, ma per lasciare qualcosa di cui andare orgoglioso ed essere riconosciuto.


Biggie 2019, tecnica mista 45x60 cm



Neo Tokio 2019, tecnica mista 50x40 cm


Eye of the tiger 2019, tecnica mista 52x40 cm



MR. PLUSTIK WRITER

Quando William mi ha contattato ho pensato subito che fosse una buona idea, seguo i suoi lavori da parecchio e siccome c’è sempre stata stima reciproca ho accettato senza pensarci un secondo. Ho passato una bella giornata nel suo atelier e il risultato è davvero realistico. È incredibile perché non ho trovato nessuna differenza tra la superficie del quadro e i muri su cui solitamente dipingo. Il lavoro finito è qualcosa che lascia senza parole.


Shotty hell 2019, tecnica mista 80x60 cm


Due 2019, tecnica mista 80x60 cm


COPE 2

BRONX GRAFFITI LEGEND I think William Berni brings some really great talent into his work. I love the raw energy he creates as well, he is a very talented and great artist. His works are phenomenal, i wish him good luck in his future art life.


Black Friday 2019, tecnica mista 140x90 cm


Monet 2019, tecnica mista 120x250 cm, dittico



McGregor 2019, tecnica mista 43x33 cm


Dj Kool Erc 2019, tecnica mista 60x50 cm



IVO SILVESTRO

CAPOREDATTORE CULTURA LA REGIONE TICINO # L’arte concreta di William Qualche anno fa chiedemmo a William di realizzare alcune illustrazioni per il giornale. Poco dopo arrivò con dell’ottimo materiale e un’espressione quasi di scuse: «Ragazzi, questo è quello che ho disegnato: ditemi tranquillamente se non va bene, perché non saprei fare altro…». Un piccolo aneddoto che dice molto. Innanzitutto la qualità del lavoro di William (ma per questa basta guardare le sue opere); la sua semplicità e modestia, virtù sempre più rare; e anche la sua libertà: William fa quello che si sente di fare, senza seguire le mode del momento. La sua – e perdonate il gioco di parole sul cemento (concrete) che caratterizza questa sua nuova ricerca – è un’arte concreta, nel senso di solidamente ancorata alla realtà che William conosce e vive.


Neon lights 01 2019, tecnica mista 150x100 cm


Neon lights 02 feat. Mr. Plustik 2019, tecnica mista 150x100 cm


USA 2019, tecnica mista 40x52 cm



Iron Mike 2019, tecnica mista 35x26 cm


KRS One 2019, tecnica mista 45x35 cm



CRISTINA PINHO TEIXEIRA REDATTRICE TICINO7 Scegliere di divenire se stessi Da un po’ di tempo William ha intrapreso una nuova via, astratta e concettuale, ma al contempo macro-iperrealista: fabbrica pezzi di muro di cemento, li incornicia e li mette alla parete illuminati da un neon. Nel suo percorso per sottrazione è arrivato all’essenziale, al materico. Con queste opere sulla soglia dell’installazione attua una decostruzione dei codici partendo da un materiale da costruzione. Ed è un po’ quello che l’arte contemporanea persegue: rompere il muro delle convenzioni, spostare i punti di vista, rimettersi in questione, non aderire alle aspettative. Ticino7


Piggy Bank 2019, tecnica mista 140x90 cm


Black Friday 2019, tecnica mista 140x90 cm


Time Traveler 2019, tecnica mista 50x40 cm


Yellow Rat Bastard 2019, tecnica mista 68x60 cm


Blue 2019, tecnica mista 50x40 cm




William Berni (Somma Lombardo, 1978)

PRINCIPALI MOSTRE 2019 Centro culturale AgorĂ , Castelverde CR Black Mountain, collettiva 3a Edizione Animamontis 2018 AKA Galerie, Berlino Garbage - Mostra personale curata da Lindsey White 2017 Galleria Ghiggini, Varese Vicende e vincitori - collettiva curata da Eileen Ghiggini 2015 Arteelier, Varese InstabilitĂ progettuale, collettiva curata da Natascia Menegatti 2014 Galleria Ghiggini, Varese Skyline - Mostra personale 2013 Premio GhigginiArte giovani


Ghiggini 1822 - Galleria d’arte Via Albuzzi 17 - Varese - 0332 28 40 25 galleria@ghiggini.it - ghiggini.it




Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.