Issuu on Google+

••

8

LISSONE MACHERIO

MARTEDÌ 31 LUGLIO 2012

La nuova materna di Lissone riaprirà ma non ci saranno maestre statali

Nella struttura di via Piermarini prevista una sezione in più La scelta Nell’assegnazione delle insegnanti saranno privilegiate le elementari in quanto scuole obbligatorie

80

Le migliaia di euro che il Comune spenderà per gli stipendi delle maestre della scuola dell’infanzia parrocchiale e per gli altri servizi di supporto

Troppa velocità in auto a Lissone nella zona d’uscita dalla Valassina

Interlocutori

— LISSONE —

QUASI CERTAMENTE senza insegnanti statali, ma la nuova materna di via Piermarini entrerà comunque in funzione anche il prossimo anno, con una sezione in più rispetto all’unica attivata finora e con maestre che arrivano nuovamente dalle scuole parrocchiali. ORMAI PARE certo: nemmeno stavolta a settembre la scuola dell’infanzia intitolata allo storico prevosto lissonese monsignor Luigi Allievi potrà contare su insegnanti nominate dal ministero. Per riuscire a ottenere le maestre l’amministrazione le ha provate un po’ tutte: incontri, lettere, telefonate e perfino l’interessamento dell’Anci, l’associazione che raccoglie i Comuni italiani. L’agognata assegnazione continua però a non arrivare, e perché la situazione cambi, oggi come oggi, occorrerebbe un miracolo. An-

VISIBILITÀ SCARSA a causa delle auto parcheggiate, a volte pure in doppia fila, e per i pedoni attraversare l’incrocio tra via Carducci e via Petrarca a Lissone diventa un pericolo. E’ la segnalazione fatta al Comune da alcuni abitanti, che additano come rischiosi anche gli altri attraversamenti non regolati da semaforo lungo via Carducci.

AUTO CONTRO CAMION all’imbocco della Valassina all’altezza dello svincolo di S. Salvatore a Seregno. Il camion era condotto da V.C. 42 anni di Macherio, che stava per imboccare lo svincolo sulla statale 36. Ha urtato una Punto condotta da A.N. 70 anni di Seregno. Un impatto piuttosto violento, l’automobilista è finito in ospedale.

Il Comune farà una convenzione con la parrocchia e si farà carico degli 80.000 euro di costi

di FABIO LUONGO

Scarsa visibilità in via Carducci pericoloso attraversare l’incrocio

Vettura finisce contro un camion Ferito un uomo di 70 anni

Costi

Infruttuosi i diversi incontri tra l’Amministrazione, il Provveditorato e la Regione Lombardia

in breve

PROBLEMI Non c’è ancora un organico statale definitivo e stabile per la materna di via Piermarini

che l’ultima chance - un faccia a faccia tra sindaco, dirigente del primo circolo didattico di Lissone e responsabile dell’Ufficio Scolastico Regionale - è andata a vuoto. Il municipio è stato invitato a cercare percorsi alternativi, perché, pur mancando ancora la definizione del cosiddetto «organico di fatto», è stato fatto chiaramente intendere che ben difficilmente ci saranno docenti a disposizione per le materne: molte le richieste, pochi i posti assegnabili e la necessità di dare la priorità,

IL SINDACO «Garanzia alle famiglie: le due sezioni a settembre ci saranno» nella copertura delle cattedre, alle elementari, in quanto scuole dell’obbligo. Non è comunque in discussione l’apertura delle due sezioni previste nell’istituto di via Piermarini, che saranno attivate in ogni caso dal Comune. A confermarlo è il sindaco Concet-

Le insegnanti arriveranno «in prestito» dalla scuola parrocchiale Maria Bambina NON C’È ANCORA nulla di firmato, ma l’ipotesi, se non arriveranno le insegnanti statali, è di proporre alla parrocchia l’affidamento anche per l’anno scolastico 2012-2013 della gestione della materna “Monsignor Allievi” alla scuola dell’infanzia paritaria “Maria Bambina”, attraverso una convenzione con cui il Comune si farà carico dei circa 80mila euro di costi.

ta Monguzzi, che lo ha ribadito pure nell’ultima seduta di consiglio comunale. «Dal Provveditorato è arrivata una risposta negativa: non ci hanno assicurato niente, ma è più no che sì - ha spiegato Monguzzi -. Ci hanno detto di non avere ancora a disposizione il personale da destinare alle materne, e nella distribuzione degli insegnanti, che sono pochi, verranno privilegiate le elementari, in quanto scuole dell’obbligo». «Il responsabile dell’Ufficio Scolastico Regionale - aggiunge - si è detto pronto a concertare delle soluzioni assieme, ma per avere le maestre dovrebbe succedere un miracolo». «La garanzia alle famiglie che le due sezioni promesse ci saranno, comunque, c’è assolutamente - ha continuato il sindaco -. Proporremo alla parrocchia di gestire la materna anche per il prossimo anno, facendo una convenzione nei prossimi giorni, così che le famiglie, prima di andare in vacanza, sappiano che le due sezioni ci saranno».

POLEMICA DISAGI PER I GENITORI NEL «RECUPERO» DEI BAMBINI

Perché orari differenti per il doposcuola? — LISSONE —

ORARI DIFFERENTI per i doposcuola delle materne cittadine, che mettono in difficoltà genitori e nonni nel recuperare figli e nipotini, e con il servizio che in alcuni casi termina troppo presto. Problemi che quest’anno hanno creato disagi ad alcune famiglie, e per cui si chiede una soluzione prima dell’inizio della scuola a settembre. A sollevare la questione è stato, nell’ultimo consiglio comunale, l’esponente Pdl Ignazio Lo Faro. «Gli orari del servizio post-scuola delle materne non sono tutti

uguali: in alcuni casi si finisce alle 17, in altri alle 18.30 - ha spiegato Lo Faro -. Siccome molti genitori terminano di lavorare alle 18 e non hanno la possibilità di avvalersi dell’aiuto di nonni o altri parenti, sarebbe opportuno rendere omogenei questi orari». «L’orario è deciso in autonomia dai dirigenti scolastici, perché viene stabilito in base agli orari degli insegnanti che gestiscono il doposcuola e alle esigenze di tutti i genitori - ha risposto il sindaco Concetta Monguzzi -. Per questo ci sono diversità. Essendo istituti statali il Comune non può intervenire direttamente».

AUTO CHE ARRIVANO a Lissone dalla vicina uscita della Valassina e sfrecciano, soprattutto la sera, mettendo a rischio i pedoni che devono attraversare nella zona della piscina comunale. Alcuni residenti della zona chiedono al municipio di tracciare delle strisce pedonali che portino da via Benedetto Marcello alla piscina, illuminate quando è buio, e di installare subito prima dei dossi rallenta-traffico. Ci sono anche state in proposito diverse proteste.

Vendita di grana padano: successo dell’iniziativa per i terremotati LA VENDITA di grana padano «solidale» per un totale di quattromila chili in tutta Italia ha fruttato la bellezza di 140 mila euro che andranno ai paesi dell’Emilia terremotati. L’iniziativa è promossa dalla Confcommercio. «E’ stato il modo migliore- ha detto Dario Nobili presidente dei negozianti -il modo migliore per aiutare concretamente quella gente»

A Lissone 266 fabbricati fantasma mai iscritti al catasto comunale SONO BEN 266 i fabbricati “fantasma” censiti a Lissone dall’Agenzia del Territorio. Si tratta delle strutture non dichiarate e non iscritte al catasto, che quindi sfuggono al controllo dei Comuni, aggirando i pagamenti di Imu, Irpef e imposta di registrazione catastale. Si tratta di diverse tipologie: dalle tettoie ai box e vari altri tipi di fabbricati. A segnalare la situazione, dopo controlli e verifiche, dati alla mano, la lista civica “Il Listone”.

Seregno, in moto urta una Golf Ragazzo di 17 anni ferito

DIFFICOLTÀ La questione sollevata anche in Consiglio

UN RAGAZZO di 17 anni che viaggiava in sella al suo ciclomotore si è scontrato con un’auto rimanendo ferito. L’incidente è avvenuto a Seregno all’incrocio delle vie Bevera-Corridoni fra il moorino Malaguti condotto da M.R di Seregno e una Golf guidata da R.B. 35 anni di Besana. Il ragazzino centrato in pieno è caduto ed è stato trasportato in ospedale.


gXTyopgtjglu1N2lDlzD7JJQb4/0yqvWR813nGk6+V0=

Spazio informativo e news dal Consiglio Regionale del Lazio

AGENDA MARTEDÌ 31 LUGLIO 11:00 - Commissione Ambiente 11:00 - Commissione Sanità 11:30 - Commissione Affari istituzionali 12:00 - Commissione Scuola 12:00 - Commissione Sviluppo Economico, Innovazione, Ricerca e Turismo MERCOLEDÌ 1 AGOSTO 11:30 - Seduta Consiglio 16:00 - Commissione Sicurezza ed integrazione sociale, lotta alla criminalità GIOVEDÌ 2 AGOSTO 11:30 - Seduta Consiglio 27/07/12 - Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Mario Abbruzzese, ha approvato con 37 voti a favore e uno contrario la proposta di legge che modifica il cosiddetto "piano casa". L'opposizione ha abbandonato l'aula per protesta, con l'eccezione del consigliere Rocco Berardo (Lista Bonino). Le nuove norme, aveva spiegato l'assessore all'Urbanistica Luciano Ciocchetti, sono state concordate con il governo, dopo l'impugnazione di parte della legge di fronte alla giudicati dal presidente del consiglio "atti di chetti ha ricordato che "la democrazia strada, per rispettare gli impegni presi". Corte costituzionale. ha due facce: quella del dibattito, ma La maggioranza ha difeso questa scelta. indirizzo alla giunta" e dunque da discutere La votazione è arrivata dopo tre giornate di anche quella delle decisioni. Va trovato Angelo Miele (Lista Polverini) e France- prima della votazione finale sulla proposta di discussione. Mentre si stavano votando gli un equilibrio. Questo provvedimento sco Storace (La Destra) hanno spiegato legge ai sensi dell'articolo 69 del regolamento emendamenti, la Giunta regionale ne ha andava approvato con urgenza. Aveva- che "si tratta di un argomento molto sen- del Consiglio regionale. Anche su questo si è presentato uno sostitutivo dell'intero testo, mo un impegno assunto con il ministe- tito, di una legge importante, che aveva registrato il dissenso dell'opposizione: il consifacendo decadere tutti gli emendamenti dero degli Affari regionali, di votare entro bisogno di precisazioni" e hanno manife- gliere Rossodivita ha annunciato "una denunpositati. L'opposizione, con gli interventi di la fine di luglio, per evitare il giudizio stato soddisfazione per "il lavoro svolto cia penale per abuso di ufficio nei confronti dei Esterino Montino (Pd), Claudio Moscardelli responsabili di questa decisione". Il presidente della Corte costituzionale. Questa è l'ur- dalla Giunta". (Pd), Marco Di Stefano (Pd), Luigi Nieri genza, non della Giunta, ma di tutto il Subito dopo l'approvazione del subemen- Abbruzzese ha ribadito la legittimità della sua (Sel), Rocco Berardo (Lista Bonino), Fabio Consiglio regionale. Di fronte a oltre 445 damento di giunta la discussione è ripre- scelta. Infine, poco prima dell'una del mattiNobile (Fds), Claudio Bucci (Idv), Angelo emendamenti presentati complessiva- sa sui 250 ordini del giorno presentati dai no, la votazione finale. Bonelli (Verdi), Giuseppe Rossodivita (Lista mente, abbiamo scelto di seguire questa gruppi di opposizione, di cui soltanto 9 Bonino), Filiberto Zaratti (Sel), Annamaria Tedeschi (Idv), Giuseppe Celli (Lista civica), Luciano Romanzi (Ps) ha dura- - Viene rafforzato il ruolo del ministero dei Beni cultura- - Vengono precisate le norme sulle opere di urbanizzazio- - Viene modificata la norma sulle modalità di assegnaziomente protestato par- li nella procedura stabilita per superare contrasti circa ne secondaria e sul rispetto degli standard urbanistici. ne delle case popolari, limitatamente a roma capitale, in lando di "delegittima- l'effettiva esistenza di beni sottoposti a vincolo paesaggi- - Viene previsto un regolamento redatto dalla giunta per maniera da favorire l'esaurimento delle vecchie graduazione del Consiglio stico, rispetto alle perimetrazioni contenute nel Ptpr. torie anche in presenza di nuovi bandi. disciplinare l'housing sociale. regionale", di "so- - Vengono chiariti la data di entrata in vigore della legge - Viene reso meno oneroso il passaggio alla proprietà pie- - Viene precisato che, per quanto riguarda i comuni cospensione della de- (28 agosto 2008) e il termine di applicazione (31 gennaio na per i soci delle cooperative assegnatari di alloggi co- stieri, le aree liberate dai programmi di demolizione e rimocrazia", di "mag- 2015). costruzione sono destinate alla fruizione pubblica del listruiti in diritto di superficie. gioranza prepotente, - Viene eliminata la parte relativa alle concessioni in sa- - Viene introdotta la possibilità di chiedere una nuova lo- torale. che cerca di masche- natoria ottenute tramite silenzio-assenso. - Vengono chiarite le norme che regolano gli interventi su calizzazione dell'intervento per le cooperative a cui i corare le tensioni inter- - Viene specificata la necessità del nulla osta preventivo muni non hanno assegnato le aree su cui edificare nuove edifici destinati a servizi socio-assistenziali. ne". Il consigliere Ro- dell'ente gestore nel caso di interventi che ricadono in "167". - Vengono modificate le norme sui cambi di destinazione dolfo Gigli (Udc) si è aree protette. d'uso che saranno possibili non solo sull'intero edificio, - Viene introdotta la possibilità per gli enti religiosi di fidissociato dalla pro- - Viene specificato che i programmi integrati di riqualifi- nanziare la realizzazione di edifici di culto attraverso la ma anche per parti di esso, sono esclusi teatri e cinema. cedura adottata dalla cazione urbana e ambientale, previsti dal piano casa, so- costruzione di strutture residenziali, commerciali, dire- - Vengono inseriti anche gli "articoli 11" fra le aree in cui Giunta e non ha par- no interventi volti alla valorizzazione del territorio. è possibile applicare il piano casa, ma in questo caso non zionali, turistiche o per servizi, per una volumetria pari tecipato alla seduta. è possibile la cosiddetta "monetizzazione" degli standard a quella delle opere religiose fino a un massimo di 3mi- Viene eliminata la parte relativa alla possibilità di reaNella sua replica l'as- lizzare impianti sportivi nelle aree naturali protette. urbanistici. la metri quadrati, su terreni di proprietà dell'ente stesso. sessore Luciano Cioc-

Piano casa, approvate le modifiche alla legge

MESSAGGIO PUBBLICITARIO

La scheda: le modifiche più rilevanti al piano casa


www.ilsole24ore.com Martedì 31Luglio 2012

Posteitaliane Sped. inA.P. - D.L. 353/2003

Quotidiano Politico Economico Finanziario Y Fondato nel 1865

conv. L. 46/2004, art. 1, c. 1, DCB Milano

Anno 148˚ Numero 210

I LIBRI DEL SOLE

L’Enciclopedia delrisparmio

OGGI

5

LA TUA ECONOMIA: LE TASSE

Dalla A alla Z come proteggere i tuoi soldi

A 0,50 euro oltre il quotidiano

u pagina 8

VENERDÌ

L’ E S TAT E R OV E N T E C O N I L T U O A M I C O S O L E

DA DOMANI IN REGALO

COME AFFRONTARE E SUPERARE LA GRANDE CRISI

LA CRISI: «UNIONE E DISUNIONE»

Le tasse

Le tasse

Italia obbligatoriamente con "La tua economia" E 2* InIncaso di "La tua economia"esaurito solo IlSole 24 OreE 1,50

di Adriana Cerretelli

A 0,50 euro oltre il quotidiano

LIBORGATE

Borse europee ancora in rialzo: Piazza Affari la migliore con un balzo del 2,8% - In altalena lo spread BTp-Bund che chiude a 467

Bene l’asta BTp: tassi sotto il 6%

Spezzare le grandi banche «cattive»

Berlino: la Bce sta facendo il suo dovere - Geithner: ok le riforme di Italia e Spagna

Break-up the big bad banks

di Luigi Zingales

LE ATTESE DEI MERCATI

Prova di fiducia nelle mani Bce

ScendonoirendimentideititolidiStato italiani. Collocati con successo BTp a 5 e 10 anni: i primi sono stati assegnati al 5,29% mentre i decennali sono stati collocati al 5,96%. Bene anche Piazza Affari (+2,8%). Berlino incoraggia la linea Draghi: la Bce - ha detto il portavoce della Merkel - sta facendo il suo dovere. Geithner ha incontrato il ministro tedesco Schäuble e ha confermato fiducia nelle riforme attuate da Spagna e Italia.

di Guido Tabellini

La giornata I RENDIMENTI IN ASTA Dati in % Giugno Luglio BTp a 5 anni

5,84

Servizi u pagine 2-5

C

osa farà la Bce? E cosa dovrebbe fare? Ledichiarazionirilasciatedalpresidente Draghi hanno cambiato le prospettivedell’Eurozona, maanchegenerato aspettative che ora sarebbe pericoloso deludere. La seconda domanda è la più semplice. Ciò che la Bce dovrebbe fare è abbastanza ovvio, e lo stanno ripetendo da tempo quasi tutti gli economisti e operatori finanziari al di fuori della Germania. La Bce dovrebbe acquistare sul mercato secondario i titoli di Stato di Paesi come Italia e Spagna che, seppure in una posizione di solvibilità, sono diventati illiquidi perché hanno perso la fiducia dei mercati. I dubbi sulla loro permanenza nell’euro drenano risorse finanziarie dai Paesi del Sud Europa, e l’incertezza blocca qualunque decisione di investimento. Senza fiducia non vi può essere crescita, e l’assenza di crescita alimenta ulteriore sfiducia. Solo un prestatore di ultima istanza con risorse illimitate come la Bce può interrompere questa spirale perversa. In una crisi di fiducia, le aspettative hanno un ruolo centrale. L’effetto delle parole del presidente Draghi ne è la prova più evidente. Per questo, le modalità di intervento e di comunicazione della banca centrale sono altrettanto importanti di quanto ciò che essa fa per davvero. Alcuni osservatori hanno auspicato che la Bce annunci un tetto allo spread sui titoli di Stato, e poi agisca di conseguenza, comprando sul mercato tutto il debito che è necessario per raggiungere questo obiettivo. Questa modalità di intervento ha due inconvenienti, tuttavia. Innanzitutto, la Bce perde il controllo della quantità dei titoli acquistati, che viene imposta dai mercati. È difficile immaginare che ciò trovi il consenso anche solo di una maggioranza dei membri del Consiglio della Bce. In secondo luogo, è impossibile stabilire in modo non arbitrario quale sia il livello "giusto" intorno a cui stabilizzare lo spread. Per questo, è preferibile una procedura che non costringa la Bce a una prova di forza con i mercati. Come già hanno fatto le banche centrali americana, inglese e giapponese, la Bce dovrebbe semplicemente annunciare che, nell’arco dei prossimi trimestri, intende acquistare sul mercato secondario una ingente quantità predefinita (e comunicata in modo trasparente) di titoli di Stato e altre attività finanziarieconspecifichecaratteristiche.Laragione di questi acquisti dovrebbe essere spiegata con cura, per guidare le aspettative degli operatori. Continua u pagina 7

P

LE BORSE

Variazione % di ieri BTp a 10 anni

6,19

5,96

5,29

Milano

Parigi

Francoforte

Madrid

Ftse Mib

Cac 40

Dax

Ibex 35

+2,80

+2,78

LA BUSSOLA

Ititolia reddito fissopotrebbero riservaresorprese (positive)

+1,24 +1,27

F

er chi, come me, crede nel libero mercato questi sono tempi molto duri. Non passa settimana senzaunnuovo scandalo.Tutto cominciòquattroannifa,quandocomprendemmo che le più potenti banchedelpianetanoneranogestitecosì saggiamente come pensavamo. Come ha dichiarato nel 2008 l’ex presidente della Fed Alan Greenspan: «Chi tra di noi, e soprattutto io stesso, ha contato sull’interesse da parte degli istituti di credito di proteggereidirittidegli azionisti,si trovainunostatodisbigottitaincredulità». Sfortunatamente, non era che l’inizio.

or free market believers like me, these are very hard times. Noweek passes by without a new scandal. It started four years ago, when we realized that the most powerful banks of the planet were not as wisely managed as we initially thought. As former Fed chairman Alan Greenspan put it in 2008: «Those of us who have looked to the self-interest of lending institutions to protect shareholder's equity - myself especially are in a state of shocked disbelief». Unfortunately, it was just the beginning.

Continua u pagina 15

Turn to u page 15

Abbiamo deciso di pubblicare questo articolo anche in inglese, la lingua comune della finanza, a causa della rilevanza internazionale dello scandalo Libor e perché siamo convinti che la soluzione debba venire dalla comunità finanziaria internazionale.

Paolo Zucca u pagina 7

Oggi il voto di fiducia del Senato sulla spending review - Sui farmaci di marca deciderà il medico

INCHIESTA

La manipolazione costa 35 miliardi di dollari

Università, un freno alle tasse

di Fabio Pavesi u pagina 21

Blocco triennale fino a 40mila euro - Maxiaumenti per i fuori corso Il maxiemendamento al decreto legge sulla revisione di spesa – che andrà oggi al Senatoperilvotodifiduciadopounoslittamento di 24 ore – mette un freno alle tasse universitarie per chi ha un reddito familiare basso, ma conferma gli aumenti per studentifuoricorso.Suifarmacigenerici,decisione al medico. Passo indietro sull’estensione dei tagli alle spa pubbliche controllate. Intesa con l’Abi per 6 miliardi di crediti alle zone terremotate. u pagine 9 e 10

1

SANITÀ

3

2

Ilmaxiemendamentoprevede cheilmedicoabbiafacoltà diindicarenella ricetta ilfarmacodimarca etaleprescrizione siavincolanteperilfarmacista seèmotivatadalmedico

PANORAMA

PUBBLICO IMPIEGO

SOCIETÀ PUBBLICHE

Arrivaunanormatransitoriache rilancialavalutazionedeirisultati cuilegareiltrattamentoaccessorio. Finoal10%deidipendentipotrà ricevereinbustapagauna premialitàselettiva.Criteridi valutazioneaséperidirigenti

Passoindietrosuitagliallespa controllatedallaPa.Stralciatala normacheestendevaatuttele societàl’interventoinizialmente previstoperlesolespachenel 2011avevanofatturatooltreil90% allepubblicheamministrazioni

Richiamo del capo dello Stato sulle elezioni anticipate: «La decisione spetta al Quirinale» In merito alle voci su una possibile anticipazione delle elezioni politiche, il presidente Giorgio Napolitano ha ricordato ieri che si tratta di «un potere costituzionale di consultazione e decisione che appartiene solo al presidente della Repubblica». Il Quirinale ha anche auspicato una «rapida e conclusiva convergenza in sede parlamentare su un progetto di legge elettorale». u pagina 12

Il capo dello Stato scrive agli operai dell’Ilva - Posti i primi sigilli all’impianto sequestrato

Napolitano: garantire lavoro e salute Via al sequestro giudiziario dell’Ilva.Ierinelpolosiderurgicosonoarrivatii Carabinieridel Noe eil poolditecnici delegato dal Gip per sovrintendere alle operazioni di messa in sicurezza, fermata, spegnimento degli impianti. Il presidente Giorgio Napolitano ha auspicato soluzioni «che garantiscano la continuità e lo sviluppodell’attività e la tutela dell’ambiente e della salute». Il vicepresidente della Commissione Ue, Antonio Tajani, ha annunciato l’impeu pagina 11 gno di Bruxelles.

A

deguare l’impianto alle direttive europee, garantire l’occupazione in un polo che è vanto industriale del Mezzogiorno, rendere rapida ed efficace la tutela della salute dei cittadini. L’equilibrio tra interventi necessari ma non confliggenti, se non per la rigidità di una scelta giurisdizionale che impone la chiusura dell’impianto, è nelle parole del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, nel messaggio inviato agli

FTSEMib

A

2,80 -21,12

13978,04

di Fabrizio Forquet

13073,01

variaz.% var.%ann.

-0,02 7,75

6774,06

variaz.% var.%ann.

nuovi attestati di fiducia nell’Eurozona da parte di Berlino e l’attesa per la riunione del board della Bce, previsto per giovedì prossimo, hanno dato fiato alleBorse.LemiglioriierisonostateMilanoeMadrid, conrialzisuperiorial2,5%,mentreParigieFrancofortehanno mostrato guadagnidi poco superiori all’1%. WallStreet,alcontrario,haarchiviatolasedutainleggerocalo:l’S&P500hapersolo0,05%. BORSAITALIANA 30.07

Var% 27.07 Var% in.an.

14896,63 13978,04 15285,05 10184,73 41,97 760,02

14555,48 2,34 -6,02 13596,88 2,80 -7,37 15398,81 -0,74 -13,68 10104,35 0,80 8,56 40,91 2,59 -1,04 737,74 3,02 -5,69

20731

1,27 -2,59

variaz.% var.%ann.

0,80 -13,34

5693,63

variaz.% var.%ann.

1,18 -1,40

variaz.% var.%ann.

-0,58 -15,05

107,31

variaz.% var.%ann.

0,24 -8,45

var.%ann.

-0,03 -0,32

INDICI Paese/Indice BORSE EUROPEE D.J.EuroStoxx Amsterdam Am. Exc. Bruxelles Bel 20 Francoforte Dax Helsinki Omxh Gen Lisbona Psi 20 Londra Ftse 100 Madrid Ibex35 Parigi Cac 40 Vienna Atx Index Zurigo Swiss Mkt

233,94 328,65 2315,91 6774,06 5282,48 4684,82 5693,63 6801,80 3320,71 2019,11 6402,38

1,51 1,65 1,25 1,27 1,47 1,55 1,18 2,78 1,24 2,17 0,62

ALTREBORSE NewYork DJInd. NewYork S&P 500 NewYork Nasdaq C. Tokyo Nikkei225 HongKong Hang S. SanPaolo BrspBov. Shanghai Comp. Sydney All Ordin. Singapore StraitsT. Toronto 300 Comp.

13073,01 1385,30 2945,84 8635,44 19585,40 57240,92 2109,91 4266,90 3032,80 11757,88

-0,02 -0,05 -0,41 0,80 1,61 1,22 -0,89 0,77 1,14 -0,07

A2A Ansaldo Sts Atlantia Autogrill Azimut H. B. Popolare B.P. E.Romagna B.P. Milano Buzzi Unicem Campari Diasorin Enel Green Power Enel Eni

0,348 6,105 10,980 6,665 7,780 0,945 3,540 0,362 8,175 5,610 21,990 1,166 2,322 16,870

6,98 0,25 4,27 0,91 4,08 6,36 3,15 6,59 2,77 1,36 0,73 5,14 3,48 1,44

+2,34 14900 14800 14700 14500

apertura chiusura

Exor Fiat Ind. Fiat Finmecc. Generali Impregilo IntesaSanpaolo Lottomatica Luxottica Mediaset Mediobanca Mediolanum Monte Paschi Si Parmalat Pirelli & C. Prysmian S. Ferragamo Saipem Snam STMicroelectr. Telecom Italia Tenaris Terna Tod's UBI Banca Unicredit

18,380 2,62 8,085 1,70 4,186 4,86 3,050 3,11 10,180 3,72 3,080 1,05 1,056 6,61 16,160 1,83 28,600 0,28 1,427 7,78 2,812 4,93 2,750 7,84 0,184 6,55 1,509 2,10 8,350 3,73 13,380 2,45 15,950 1,59 37,230 -1,33 3,280 0,37 4,362 3,71 0,674 2,35 15,870 1,34 2,716 1,27 76,650 1,86 2,274 3,65 2,828 4,59

Dopolastrettasulle deduzioni, leimpresenon hannopiùconvenienza adassegnarevettureaziendaliaidipendenti.Maquestiultimiciperderebbero: le spese che dovrebbero sostenere per l’acquisto del mezzo e il suo uso sarebbero superiori ai rimborsi a tariffa Aci. u pagina 17

variaz.%

30.07 Azioni:numero 862.438.626 Azioni:valore 1.653.904.166 Titolidi Stato 755.525.023 Obbligazioni 57.063.592

Pr.Rif.E Var.%

Auto aziendali, dipendenti penalizzati dopo la stretta

var.%ann.

QUANTITATIVI TRATTATIE

Titolo

Continua u pagina 12

1617,75

variaz.%

PRINCIPALI TITOLI - Componenti dell’indice FTSE MIB Pr.Rif.E Var.%

annobeneipartitiarivendicare con orgoglio il ruolo della politica e ad auspicare un ritorno in tempi non lunghi a un governo

politico. La profondità della crisi chestiamo attraversando,eleimplicazionisocialiavoltedrammatiche delle riforme che vanno fatte, richiedono scelte.

B Brentdtd L OroFixing B

1,2246

Titolo

14600 9 770391 786418

8635,44

F

operai dell’Ilva di Taranto. È il momento di un vigile buonsenso: investimenti per la salute e continuità produttiva dell’impianto si possono gestire contemporaneamente. Le parole del presidente Napolitano sono illuminanti: servono «serena comprensione e responsabile partecipazione sociale e civile». Sono più efficaci dei sigilli, reali o virtuali che siano. (a.o.)

L DowJonesI. B XetraDax L Nikkei225 L FTSE100 L E/$

I

FTSEIt.AllShare(31.12.02=23356,22) FTSEMIB(31.12.97=24401,54) FTSEIt.MidCap(31.12.02=20146,67) FTSEIt.Star(28.12.01=10000) Mediobanca(2.1.06=100) ComitGlobale(1972=100)

Un assist per la riforma

VIGILE BUONSENSO

Mercati

IndiciGenerali

POLITICA E RESPONSABILITÀ

27.07 938.678.629 1.971.100.827 1.141.363.375 46.224.816

FUTURES 30.07 Var FTSE MIBSettembre 12 13948 365 EurexBund 10a(sep12) 143,39 0,18

ICAMBIDELL’EURO (rilev.Bce) Valuta 30.07 Diff. DollaroUsa 1,2246 -0,0071 Yengiapponese 95,7800 -0,5100 Sterlina inglese 0,7798 -0,0031 Franco svizzero 1,2010 — Renminbi cinese 7,8123 -0,0468 Dollarocanadese 1,2297 -0,0110 Corona svedese 8,3488 -0,1520 Dollaroaustral. 1,1668 -0,0139

MATERIE PRIME Prezzi uff. a Londra ($/t) 30.07 Var.% Alluminio 1851,5 -0,50 Caffè rob 2223,0 -0,30

30.07 Var.%

INDICE CAMBI (22 valute) IndiceSole-24Ore 101,09 -0,82

Prezzidivendita all’estero:AlbaniaE2,AustriaE 2,BelgioE 2,DanimarcaKr 20,FranciaE 2,GermaniaE 2,GreciaE2,IrlandaE 2,LussemburgoE2,Monaco P.E2,Norvegia Nkr15,Olanda E2,Polonia Pln9,PortogalloE2,Repubblica Ceca Czk62, SloveniaE2,SpagnaE 2,SvizzeraSfr3,20,TunisiaTD 4,25,TurchiaE2,Uk lgs1,80, UngheriaHuf 540, Usa$3. *Con "English 24" E 5,90 in più; con "I Viaggi del Sole" E 6,90 in più; con "L’Impresa" E 5,90 in più; con "I Capolavori Premio Strega" E 9,90 in più; con "Maigret" E 6,90 in più; con "Fisco facile" E 9,90 in più; con "I Grandi Maestri" E 9,90 in più; con "Giuseppe Verdi - i grandi capolavori in DVD" E 12,99 in più; con "Trading Online" E 9,90 in più; con "Master 24 in Marketing e Comunicazione digitale" E 12,90 in più; con "Architettura Contemporanea" E 12,90 in più; con "Caffè Letterario" E 9,90 in più; con "L’avvocato a portata di mano" E 3,90 in più; con "Biblioteca della fantasia - Gianni Rodari" E 7,90 in più; con "Storia del West" E 5,90 in più; con "Il Codice dell’Automobilista" E 7,90 in più; con "La Riforma del Lavoro" E 9,90 in più; con "Esodati guida alle novità" E 7,90 in più


MARTEDÌ 31 LUGLIO 2012 ANNO 137 - N. 180

In Italia

Milano, Via Solferino 28 - Tel. 02 62821 Servizio Clienti - Tel. 02 63797510

Fondato nel 1876 Politica e storia

Obama sceglie Clinton Dal sogno di Kennedy al pragmatismo di Massimo Gaggi a pagina 37

LA GERMANIA E GLI ALTRI

Giannelli

LA SOVRANITÀ DEI DEBITORI

9 771120 498008

20 7 3 1>

Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Con il Corriere I libri del mistero di Patricia Highsmith

di Valerio Cappelli a pagina 43

Oggi a 6,90 euro più il prezzo del quotidiano

Vertice tra Geithner e Schäuble. Bene i Btp, Milano a +2,8

Germania e Stati Uniti sono fiduciosi sul successo delle riforme dell’eurozona. Il ministro delle Finanze tedesco, Schäuble, e il segretario al Tesoro Usa, Geithner, al termine di un incontro, hanno apprezzato i «considerevoli sforzi di Italia e Spagna». Via libera di Berlino all’acquisto di titoli pubblici da parte della Bce. Bene le Borse europee, in calo lo spread tra Btp e Bund.

l boom tedesco è in controtendenza, si spiega solo con la crisi dell’euro e suggerisce che alla Germania serve un intervento stabilizzatore della Banca centrale europea. Siamo ancora lontani da una bolla, le spie sono quasi tutte spente. Meno una.

DA PAGINA 2 A PAGINA 5

A PAGINA 38

L’AIUTO CHE DRAGHI PUÒ DARE A MERKEL

LE (TROPPE) INCOGNITE SUL PIANO D’AGOSTO

di FEDERICO FUBINI

di DANILO TAINO

I

L’

eurozona ha davanti giornate di sudore sui tavoli della politica, nelle banche, nella Bce. Non sarà un picnic l’agosto dei mercati, anche se le Borse sono in risalita e i tassi d’interesse sui titoli di Stato italiani e spagnoli si riducono un po’. ALLE PAGINE 2 E 3

Appello ai partiti sulla legge elettorale. Trattativa difficile, nuova proposta del Pd

Il regime

«Sul voto decide il Quirinale»

IL DRAMMA SIRIANO I TORMENTI OCCIDENTALI

Napolitano frena sulla crisi pilotata in autunno: più cautela La coreana perde e blocca la gara di spada per un’ora

REUTERS / ACTION IMAGES / PAUL CHILDS LIVEPIC

N

controllo sul modo in cui quei soldi verranno spesi? Lungi dal favorire l’integrazione, ciò farebbe sorgere in Germania, secondo Issing, un risentimento così forte da portare alla dissoluzione dell’Unione. Piaccia o non piaccia, è una opinione «pesante» che non può essere ignorata. Si può però far osservare a Issing che i tax payers italiani potrebbero porsi un analogo interrogativo, di segno rovesciato, di fronte alla circostanza di una Germania che attualmente si finanzia a tassi negativi. Ma per capire la posizione dei tedeschi, d’altra parte, ci basta ricordare ciò che è accaduto poche settimane fa in Italia: di fronte a un quadro che si riteneva drammatico dei conti della Sicilia non si sono subito levate voci che chiedevano un commissariamento della Regione Siciliana da parte del governo? E che altro significava se non l’indisponibilità di molti contribuenti a continuare a pagare, senza poter esercitare alcun controllo, per le spese siciliane? L’esempio siciliano, naturalmente, riguarda il rapporto fra chi paga e chi spende all’interno di uno Stato nazionale. Nel caso europeo, la questione è ulteriormente complicata dall’assenza di uno Stato unitario. Ma, per l’essenziale, il problema è identico: chi paga deve essere titolare di un diritto di controllo sulle spese. Non si esce dalla crisi se non si trova il modo di conciliare due esigenze: garanzie per i tedeschi sull’impiego dei loro soldi, garanzie per gli altri che l’inevitabile perdita di sovranità che si prospetta non verrà usata dai più forti (come nel caso dei finanziamenti negativi) per indebolire ulteriormente i più deboli a proprio vantaggio. È un doppio e incrociato sistema di garanzie, in altri termini, quello che deve essere costruito. Non solo le rivoluzioni, ma anche le unificazioni incruenti non sono pranzi di gala.

Bohème L’ombra Winehouse a Salisburgo

L’apertura di Berlino agli interventi Bce «Positivi gli sforzi di Italia e Spagna»

di ANGELO PANEBIANCO ella sua storia il processo di integrazione europea ha combinato il nobile disegno di unificare il Continente, sia pure in un futuro indefinito, con misure pragmatiche, molto concrete, volte a risolvere i problemi man mano che si presentavano. È stata, fino alla crisi dell’euro, una storia di successo. Procedere, come si è sempre fatto, «per tentativi ed errori», e senza eccessi di politicizzazione dei problemi (che avrebbero scatenato conflitti), ha sempre aiutato l’integrazione. Almeno fino ad oggi. Anche la nascita dell’euro era avvenuta in questo modo: «Ci si imbarca e poi si vede». Si sperava che l’unificazione monetaria potesse trascinarsi dietro anche decisivi passi avanti sul piano dell’integrazione politica. Ma nessuno sapeva quando quei passi sarebbero stati compiuti. La crisi dell’euro ha cambiato tutto. Perché non è possibile uscirne con il tradizionale pragmatismo europeo, non è possibile superarla senza scelte di alto profilo politico. In gioco, niente di meno, ci sono la sovranità statale e i principi (e le procedure) della democrazia rappresentativa. Il Financial Times ha ospitato ieri l’autorevole parere di Otmar Issing, già membro del Consiglio della Banca centrale europea. In sintonia con l’opinione pubblica del suo Paese, Issing osserva che chiedere ai contribuenti tedeschi di ripianare, attraverso gli eurobond e in altre forme, i debiti dei Paesi dell’Europa mediterranea senza avere il diritto di esercitare uno stretto controllo sul modo in cui vengono impiegati i loro soldi, violerebbe il principio democratico del no taxation without representation (niente tasse se i cittadini-contribuenti non hanno il diritto di scegliere i rappresentanti). Perché mai i contribuenti tedeschi dovrebbero sborsare denaro senza che esistano i meccanismi per assicurare loro il

Roma, Piazza Venezia 5 Tel. 06 688281

www.corriere.it

L’Europa e i mercati

EURO 1,20

Occupa la pedana e piange: trionfo di DANIELE DALLERA

L

ondra 2012, fuoriprogramma di lacrime al torneo di spada: la coreana A Lam Shin (foto) si è rifiutata di scendere dalla pedana dopo aver perso la semifinale e ha dato vita a un sit-in. Altro caso: dubbio degli americani su Ye Shiwen, sedicenne cinese che ha nuotato più veloce di Lochte e Phelps. A PAGINA 38 - I SERVIZI NELLO SPORT ALLE PAGINE 48 E 51

A Bari i passeggeri protestano (e filmano)

Richiamo ai partiti di Giorgio Napolitano: il ritorno anticipato alle urne è una prerogativa che spetta unicamente al Quirinale, il tema richiede «cautela e responsabilità». Il capo dello Stato ha poi rinnovato l’appello sulla riforma della legge elettorale: si deve fare e con la più ampia convergenza parlamentare. Ma la trattativa è difficile, nuova proposta del Pd.

L’

ultima «cassanata» si recita all’aeroporto di Bari: Totò Cassano, diretto a Linate con moglie e figlio, viene accompagnato fin sotto il volo con un bus riservato. Foto di rito con gli addetti: fa niente se gli altri passeggeri aspettano a bordo. Ma qualcuno filma tutto e mette in Rete: gol a Cassano. A PAGINA 23

Bozza d’accordo

Alfa Romeo e Cassino: la tentazione Volkswagen

Per Conte uno stop di tre mesi e maxi multa

di FABRIZIO MASSARO

di ANDREA ARZILLI

A PAGINA 33

A PAGINA 55

N

apolitano è contrario all’ipotesi di una crisi pilotata perché indebolirebbe il premier in Europa ed esporrebbe il Paese alla speculazione. A PAGINA 7

Oggi la fiducia sulla spending review

Il medico può indicare il nome del farmaco Decreto sulla spending review, passo indietro del governo sui farmaci di marca: maggiore libertà per i medici di indicare quelli «griffati» anche senza un preciso motivo. Oggi in Senato voto di fiducia sul provvedimento. DA PAGINA 8 A PAGINA 11

Contestati i consigli tra clienti su Tripadvisor

Gruppo Fiat

di MARZIO BREDA

ALLE PAGINE 6 E 7

L’aeroporto si ferma: Gli hotel della Liguria bus tutto per Cassano contro le pagelle online di GOFFREDO BUCCINI

IL DOPPIO RICHIAMO

di ALESSANDRA MANGIAROTTI

G

li albergatori di Celle Ligure contro Tripadvisor, il portale in cui i clienti giudicano hotel e ristoranti. Dopo le recensioni negative la protesta, da Celle a Rimini, è anche contro «l’ultima moda»: regalare recensioni. A Rimini forniture di ciabatte in cambio di commenti benevoli sui portali. A PAGINA 22

Università

Rischio rincari per gli studenti di LORENZO SALVIA A PAGINA 9

di FRANCO VENTURINI

O

ra che la battaglia di Aleppo è diventata l’ennesima carneficina della guerra civile siriana, non possiamo più evitare una domanda scomoda: l’Occidente indignato dai massacri e scosso dall’emergenza umanitaria, è davvero unito nel desiderare la caduta di Assad? Dietro il muro dell’ostruzionismo russo e cinese all’Onu, siamo davvero pronti a governare le conseguenze di una disgregazione del regime di Damasco e forse della Siria? A simili interrogativi che riservatamente tutte le Cancellerie si pongono è difficile dare, come sempre quando un conflitto è ancora in corso, risposte definitive. Ma è possibile, ed è anche doveroso, andare a esplorare quali calcoli e quali paure si nascondano in una guerra che per interposta violenza coinvolge mezzo mondo. CONTINUA A PAGINA 15 ALLE PAGINE 14 E 15

L. Cremonesi, M. Caprara


La storia

Gli spettacoli

Dave Eggers: ecco cosa legge uno scrittore

Mezzo secolo di infradito ciabatte alla moda

Franco Nero: sul set con Tarantino celebro Django

PAMELA PAUL

ASNAGHI, CONTI SCALISE

MARIA PIA FUSCO

Fondatore Eugenio Scalfari

NZ PD-1F

La cultura

www.repubblica.it

Anno 37 - Numero 180

€ 1,20 in Italia

Direttore Ezio Mauro martedì 31 luglio 2012

CON “SONGWRITERS” € 10,10

ALVOHXEBbahaajA CGDODLDRDF

9 770390 107009

20731

SEDE: 00147 ROMA, VIA CRISTOFORO COLOMBO, 90 - TEL. 06/49821, FAX 06/49822923. SPED. ABB. POST., ART. 1, LEGGE 46/04 DEL 27 FEBBRAIO 2004 - ROMA. CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÀ: A. MANZONI & C. MILANO - VIA NERVESA, 21 - TEL. 02/574941. PREZZI DI VENDITA: PROV. VE CON LA NUOVA DI VENEZIA E MESTRE € 1,20; PROV. NU-OR CON LA NUOVA SARDEGNA € 1,20 (CON IL VEN E D € 1,50). AUSTRIA, BELGIO, FRANCIA, GERMANIA, GRECIA, IRLANDA, LUSSEMBURGO, MALTA, MONACO P., OLANDA, PORTOGALLO, SLOVENIA, SPAGNA € 2,00; CANADA $1; CROAZIA KN 15; REGNO UNITO LST 1,80; REPUBBLICA CECA CZK 64; SLOVACCHIA SKK 80/€ 2,66; SVIZZERA FR 3,00; UNGHERIA FT 495; U.S.A $ 1,50

Appello per una riforma elettorale a larga maggioranza

La Cancelliera apre agli interventi della Banca centrale. Bene l’asta dei Btp, tassi sotto il 6%. Fiducia sulla spending review, oggi il voto

Bce, la svolta di Berlino

Stop di Napolitano al voto anticipato “Sono io a decidere” “Acquisti i titoli di Stato”. Geithner e Schäuble: Roma e Madrid ok L’analisi

L’Europa al tempo di “Merkollande” BERNARDO VALLI INTESA franco–tedesca ha cambiato stile e natura. Nel lungo, tormentato, ma anche benefico, processo di integrazione del nostro continente non è un avvenimento trascurabile. È come se l’instabile Unione Europea, in particolare la zona dell’euro a corto di fiato, avesse ricevuto una salutare boccata d’ossigeno. SEGUE A PAGINA 7

L’

Napolitano con Monti

SERVIZI ALLE PAGINE 2 E 3

I PARTITI E IL VIZIO DEL COMMA 22 MASSIMO GIANNINI A PANTOMIMA intorno alla legge elettorale è umiliante e indegna della grande democrazia occidentale che ci illudiamo di essere. Il dibattito, bugiardo e strumentale, ricorda il famoso «Comma 22». I partiti della sempre più strana maggioranza giurano solennemente di volere la riforma. Si arrovellano su testi inutilmente complicati e furbescamente comparati. Discutono su modelli ibridi ispano-franco-tedeschi in cui si cerca di conciliare l’inconciliabile. Pongono condizioni e oppongono veti, usando le rispettive proposte come una minaccia: alcuni per andare alle elezioni anticipate, altri per evitarle. Il risultato di queste astruse e velenose schermaglie è lo stallo. Ogni ipotesi contraddice l’altra, secondo il noto paradosso descritto dal romanzo di Joseph Heller: «L’unico modo per ottenere il congedo dal fronte è la pazzia», ma «Chiunque chieda il congedo dal fronte non è pazzo». Cambiate le parole, l’esito è lo stesso. Un assurdo cortocircuito logico e politico, dove si torna sempre al punto di partenza (cioè all’orribile «Porcellum» del redivivo e recidivo Calderoli) e dove si combatte per gli interessi di parte e mai per il bene comune (cioè un sistema di voto che garantisca rappresentanza ai cittadini e governabilità agli esecutivi). SEGUE A PAGINA 24

ROMA — La Bce potrà comprare titoli di Stato dei paesi euro. Berlino ha dato il via libera a Mario Draghi e le borse hanno immediatamente brindato. L’asta dei Btp italiani ha avuto successo con i rendimenti in discesa. Geithner e Schäuble hanno dato un sostegno congiunto a Roma e Madrid per le misure di riforma economica adottate dai due Paesi. Il governo italiano ha chiesto al Senato il voto di fiducia sul decreto sulla spending review. Attacco del leader Idv Antonio Di Pietro al presidente del Consiglio Monti: «È peggio di Berlusconi». SERVIZI ALLE PAGINE 3, 4, 6, 7, 8 E 9

R2

Se il gigante indiano va in panne FEDERICO RAMPINI

Federica a caccia del riscatto nei 200

L

RECENTOSESSANTA milioni immersi nell’oscurità, senz’acqua e senza luce, paralizzati sui treni e sui metrò, negli ingorghi del traffico impazzito senza semafori, nel calore soffocante senza il sollievo di aria condizionata o ventilatori. «La madre di tutti i blackout» ha colpito ieri. Non poteva che accadere in India. Dalla capitale New Delhi agli Stati del Rajasthan, Punjab, Uttar Pradesh, Kashmir e altri ancora: quasi un terzo della popolazione indiana, l’equivalente di tutta l’Unione europea è rimasta senza elettricità. Un evento clamoroso da qualsiasi altra parte del mondo, eppure in India non ha quasi suscitato sorpresa. ALLE PAGINE 27, 28 E 29 CON UN’INTERVISTA DI RAIMONDO BULTRINI

T

Federica Pellegrini si è qualificata per la finale 200 metri sl

La polemica

Il caso

La distruzione di Venezia tra mega-navi e grattacieli SALVATORE SETTIS È UNA nuova moda tra i potenti: profanare Venezia. In barba alle leggi e asservendo le istituzioni. Tre eventi in sequenza non lasciano dubbi in proposito. Atto primo: dopo l’incidente della Costa Concordia naufragata al Giglio con gravi perdite umane e disastro ambientale, da tutto il mondo venne la richiesta che si stabilissero :«Nuove regole per quei colossi». SEGUE A PAGINA 18

C’

SERVIZI NELLO SPORT

Il Codice Leonardo sul robot che svelerà i segreti di Marte

Dieci euro a settimana

Un pedaggio per lo Stelvio

A PAGINA 17

ELENA DUSI A NASA li ha battezzati “I 7 minuti di terrore”. «È la missione planetaria più difficile che l’Agenzia abbia mai concepito» afferma il direttore aggiunto dell’ente John Grunsfeld. All’atterraggio mozzafiato del robot Curiosity su Marte manca ormai meno di una settimana. All’alba del 6 agosto una delle più ambiziose macchine scientifiche costruite dall’uomo inizierà a esplorare il suolo marziano. SEGUE A PAGINA 19

L


NA IM LV SR SV

LA LA STAMPA STAMPA QUOTIDIANO FONDATO NEL QUOTIDIANO NEL 1867 1867

MARTEDÌ 31 LUGLIO 2012 & ANNO 146 N. 210 & 1,20 € IN ITALIA (PREZZI PROMOZIONALI ED ESTERO IN ULTIMA) SPEDIZIONE ABB. POSTALE ­ D.L. 353/03 (CONV. IN L. 27/02/04) ART. 1 COMMA 1, DCB ­ TO www.lastampa.it

Bene l’asta Btp, calano i rendimenti. E la Borsa vola (+2,8%)

RETROSCENA

Usa e Germania: ok le riforme dell’Italia E Berlino dice sì alla Bce per l’acquisto di titoli

La missione di Monti per blindare in Europa il piano di Draghi Il ministro delle Finanze tedesco Schäuble e quello del Tesoro Usa Geithner Alviani, Molinari, Orighi, Riccio e Zatterin DA PAG. 4 A PAG. 7

Il premier oggi a Parigi per vedere Hollande, poi cercherà di convincere la Finlandia prima del vertice con Rajoy Fabio Martini A PAGINA 5

Nuovo intervento del Presidente sulla legge elettorale: «Larga intesa in tempi stretti». E la maggioranza riprende a trattare

“Voto anticipato? Decido io” Napolitano ai partiti: “La data delle elezioni prerogativa del Quirinale” ULTIMO APPELLO A RIMUOVERE LE MASCHERE

Farmaci griffati, decide il medico Tasse universitarie, altre novità Masci, Moscatelli e Russo ALLE PAGINE 8 E 9

MARCELLO SORGI

T

ogliere di mezzo l’ultima scusa accampata dai partiti per rinviare la nuova legge elettorale: era chiaramente questo l’obiettivo di Napolitano, quando per la seconda volta inunmese(laprecedenteerastata il 9 luglio) ieri è intervenuto sull’argomento. La scusa che ha bloccato la trattativa sulla riforma sono le elezioni anticipate: se la legge si fa adesso, dicono tutti, è sicuro che si andrà a votare a novembre. Per questoilCapodelloStatohavoluto ricordarechenonèaffattoovvio.E spetta a lui, e a lui solo, la decisione sullo scioglimento delle Camere. La dichiarazione del Presidente è stata diffusa non a caso prima dell’appuntamento di ieri pomeriggio con Monti, in partenza per un’altra delicata missione europea.Levocisulleelezioni,esull’improbabile crisi pilotata che avrebbe dovuto precederle, erano cominciate a girare la settimana scorsa, dopo il precedente incontro al Quirinale. La sensazione era che, piuttosto di continuare a stentare in un Parlamento proiettato su una campagna elettorale permanente, il premier avrebbe accettato un accorciamento del suo mandato, specie se nato da un impegno dei partiti della sua maggioranza, in vista delle urne, a non discostarsi dagli impegni di risanamento economico presi con l’Europa, e a impegnarsi all’indomani del voto a riprendere con maggior lena il lavoro condotto fin qui. CONTINUA A PAG. 31

Spetta solo al Capo dello Stato la valutazione sul voto anticipato. Lo ha scritto Napolitano in una nota nella quale chiede di nuovo ai partiti una «larga intesa» sulla legge elettorale. Il Quirinale puntualizza: «In quanto a ipotesi di pos-

n

OGGI LA FIDUCIA SULLA SPENDING REVIEW

sibile anticipazione delle elezioni previste per aprile, ritengo di dover sollecitare la massima cautela in rapporto all’esercizio di una prerogativa che appartiene al Presidente della Repubblica». Bertini,

LE IDEE

Lanuovasfida dell’indipendenza energetica JOSEPH S. NYE

Q

uando, negli Anni 70 Nixon proclamò che voleva garantire l’indipendenza energetica nazionale, gli Usa importavano un quarto del loro petrolio. CONTINUA A PAG. 31

La Mattina e Schianchi PAG. 2 E 3

ACCUSANO DI DOPING LA SEDICENNE YE SHIWEN CHE FA TEMPI MIGLIORI DEI MASCHI. MA IL CIO: PRIMATO PULITO

I sospetti americani sulla cinese che batte Phelps

DIARIO

Sos incendi sono triplicati La Protezione civile: con i tagli i Canadair rischiano di non volare Longo, L. Rossi, Salvati

E UN COMMENTO DI Tozzi PAG. 12 E 13

Agricoltori “a rischio Sla” In Piemonte i casi sono 123 e la procura ha aperto un’inchiesta Alberto Gaino A PAGINA 19

DAVID GRAY(REUTERS

Ye Shiwen, 16 anni, ha vinto i 400 misti. Oggi è favorita nei 200 Ansaldo, Boffo, Condio, Malaguti, Sabadin, Semeraro e Zonca NELL’INSERTO

BATTAGLIA NAVALE GIANNI RIOTTA LONDRA

L’

esperto di politica militare Robert Kaplan prevede che il fronte tra Stati Uniti e Cina si aprirà nell’Oceano Indiano. Ma gli ammiragli che studiano al computer le battaglie

Buongiorno MASSIMO GRAMELLINI u Diffidare delle parole inglesi che fioriscono sulla bocca

degli italiani, please. C’è stato un tempo, e c’è ancora, in cui per estrometterti da una poltroncina di responsabilità e sostituirti con uno più affidabile, cioè più opaco e obbediente di te, tiravano in ballo problemi di «governance». Questa invece, nei ministeri e negli uffici, è l’estate della spending review. Tagli sanguinosi (bloody cuts) sembrerebbe espressione più sincera, ma suona male. Revisione della spesa è concetto sfumato e dall’esito aperto: una spesa è rivedibile anche al rialzo, volendo e soprattutto potendo. Il guaio è che non si può più. In questa crisi al buio chi non muore si rivede, ma solo al ribasso. Spen Ding Reviù: la formula magica ha una sua morbi-

navali del futuro non si aspettavano che le ostilità si aprissero subito in uno specchio d’acqua assai ridotto, 50 metri di lunghezza, con il cloro al posto del sale.

Conte, accordo sui 100 giorni Il tecnico bianconero «patteggia» lo stop con la procura sportiva Guglielmo Buccheri A PAGINA 39

A PAGINA VII DELL’INSERTO

Spen Ding Reviù dezza di vaselina, indispensabile quando la verità fa paura. Chi osa dire ai cittadini elettori che lo Stato Sociale novecentesco non è più sostenibile e che oltre agli sprechi bisognerà rivedere anche i diritti? Arriva il tempo delle scelte dure, persino etiche: è sano che uno studente fuoricorso non lavoratore si sovvenzioni da solo la propria pigrizia. Ma se la spending review asciuga ingiustizie, ne crea anche di nuove. La si usa indifferentemente per togliere un privilegio e per tagliare un precario. Una cosa è certa: gli italiani assistono a quest’ultima ossessione del potere con aria da esperti. Loro la spending review l’hanno già sperimentata in casa, rinunciando a quasi tutto il rinunciabile. Soltanto l’hanno chiamata in altro modo: tirare la cinghia. Se preferite: tighten your belt.

ANNIVERSARY

recarlo.com


-MSGR - 01 NAZIONALE - 1 - 31/07/12-N:

EDIZIONE NAZIONALE *e 1.00 Lazio, Abruzzo e Umbria. e 1.20 Resto d'Italia salvo promozioni e tandem. 7 Prezzi promozionali: nella provincia di Macerata q 0,70. Nelle restanti province delle Marche q 0,50. 7 Tandem con altri quotidiani (non acquistabili separatamente): nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto Il Messaggero + Quotidiano q 1,00, la domenica con Tutto Mercato q 1,20. In Umbria e Abruzzo Il Messaggero + Corriere dello Sport-Stadioq 1,00 Nel Molise: Il Messaggero + Il Quotidiano del Molise q 1,00. Nelle province di Reggio Calabria, Catanzaro, Crotone e Vibo Valenzia Il Messaggero + La Gazzetta del Sud q 1,00

INTERNET: www.ilmessaggero.it Sped. Abb. Post. legge 662/96 art. 2/19 Roma

ANNO 134 - N˚ 210

AppellodelColle sullalegge elettorale

e 1.00*

IL GIORNALE DEL MATTINO

MARTEDÌ 31 LUGLIO 2012 - S. IGNAZIO DI LOYOLA

Iministridell’EconomiaGeithnereSchaeublepromuovonoleriformediMonti

Napolitanoaipartiti «Decidoio sulvotoanticipato» DaBerlinovialiberaallaBceperl’acquistodibond.Borseinrialzo

UsaeGermania:benel’Italia

ROMA K Nuovo appello ai partiti dal capo dello Stato, Giorgio Napolitano, affinché trovino una convergenza per varareal piùprestouna nuovaleggeelettorale.Il presidentedella Repubblica, con una nota ufficiale, dopo aver ricordato che sono passati 20 giorni dalla sua precedente richiesta del 9 luglio di una legge largamente condivisa, ribadisce che la costituzione conferisce solo al Colle il potere di indire elezioni anticipate.

ROMA K Italia e Spagna sono sulla strada giusta, parola di Stati Uniti e Germania. I ministri Geithner e Schaeuble, che si sono incontrati nell’isola di Sylt nel mare del Nord, hanno promosso le riforme messe in campo dai due Paesi aggiungendo che i loro sforzi vanno sostenuti. Da Berlino, intanto, arriva il via libera alla Bce per l’acquisto dei titoli sovrani in modo da abbassare lo spread. I mercati hanno apprezzato la presa di posizione tedesca con le Borse che hanno chiuso in deciso rialzo. In Italia bene l’asta dei Btp che ha visto i rendimenti in calo. Lo spread chiude a quota 465 punti.

OLIMPIADI

RINUNCIARE A QUALCOSA NELL’INTERESSE DI TUTTI di CARLO FUSI

L’

INERZIA delle forze politiche sulla riforma della legge elettorale costringe ancora una volta il capo dello Stato a intervenire. Un nuovo appello a uno sforzo di responsabilità dopo l’ultimo, caduto nel vuoto, di venti giorni fa. Il meno che si possa dire è che quello offerto dai partiti - a cominciare dai maggiori: Pd e Pdl - non è un bello spettacolo. Invece di ravvicinarsi, il Quirinale deve constatare che le rispettive posizioni si sono fatte ancor più «sfuggenti e polemiche». Praticamente il contrario di quanto ci sarebbe bisogno. In più, il quadro politico generale - al quale sono sensibilissimi i mercati e i partner europei in un passaggio di svolta per la salvaguardia della moneta unica - è pervaso da scontri e minacce neanche tanto oscure di possibile sfiducia al presidente del Consiglio e conseguente corsa verso le elezioni anticipate in autunno. Uno scenario drammatico e inquietante, e anche qui il Colle è obbligato a ricordare - al di là dei devastanti effetti che la rottura dell’intesa a tre Pdl, Pd e Udc produrrebbe - quello che la Costituzione prescrive: il potere di scioglimento delle Camere è una prerogativa decisionale «che appartiene solo al presidente della Repubblica». Scioglimento che peraltro è impossibilitato proprio dalla mancanza di una adeguata riforma elettorale a parole da tutti invocata. Davvero non si capisce il disegno di chi insiste a giocare con il fuoco.

Lasciamo stare Lega e Idv. Hanno deciso di stare fuori dal perimetro della maggioranza per calcolo politico e di convenienza e saranno gli italiani a decidere la bontà o l’avventatezza di questo atteggiamento. È auspicabile che anche con loro si svolga un confronto aperto, senza pregiudiziali e neanche poteri di veto: se poi vorranno anche in questo caso sottrarsi sarà per loro univoca scelta. Invece è nell’ambito dei partiti che appoggiano il governo tecnico chevanno individuate le maggiori responsabilità e i maggiori doveri. Un fardello non indifferente è vero, che tuttavia non può essere scaricato ad altri. Le carte sono sul tavolo da mesi perché da mesi va avanti una trattativa che ha permesso a ciascuno di evidenziare le rispettive priorità. Bene: adesso è arrivato il tempo di concludere. L’impostazione generale è per un modello proporzionale con adeguato sbarramento nazionale salvo deroghe per partiti fortemente territoriali, e la necessità, fondamentale per riavvicinare i cittadini alla politica, di riassegnare agli elettori il potere di decidere i propri rappresentanti che il meccanismo attuale, il Porcellum, ha scippato consegnandolo nelle mani delle segreterie dei partiti. Una consistente parte delle forze politiche condividono questa doppia impostazione e fanno propri entrambi i paletti. Perché allora non si arriva a un accordo? Continua a pag. 14

Decreto di agosto il premier ci pensa di MARCO CONTI

C

ONVINCERE la Spagna a mettere la firma sotto la richiesta di aiuti e tranquillizzare i nordici Paesi europei, Germania compresa, spiegando loro che è per tutti più conveniente lasciare fare alla Bce piuttosto che svenarsi in continui aiuti diretti. Il nuovo tour europeo di Mario Monti inizia oggi con il pranzo all’Eliseo con il presidente Hollande e proseguirà con la tappa ad Helsinki e poi a Madrid. Sono ormai un paio di giorni che lo spread scende e l’umore di Mario Monti sale. Un senso di sollievo, quello avvertito dal presidente del Consiglio. Continua a pag. 5

ARMELLINI, BERTI, FRANZESE, LAMA, LEONI, MAFFEO E POMPETTI ALLE PAG. 2, 3, 4 E 5

Muore tunisino, blitz della Severino in carcere

Suicidioa Regina Coeli interviene il ministro Federica,riscattoefinale200 AccusedidopingallaCina dal nostro inviato CARLO SANTI

I

Londra DUECENTO metrispazzanovial’altraFederica,quella dei quattrocento stile libero. Adesso c’è di nuovo la vera Pellegrini nell’acqua blu dell’Aquatics Center: è una Federica che ha voglia di stupire, di lottare, di vincere.

E un altro argento arriva dalla carabina di CLAUDIO DE MIN

N

Londra ICCOLÒ Campriani è l’ottava medaglia azzurra, un bel bagno d’argento, ma non una docciafredda:tuttimidavanogiàdueoriintasca. Continua nello Sport

Continua nello Sport

COLOMBO E PIRONE ALLE PAG. 8 E 9

ROMA K Era sorvegliato a vista, ma l’uomo, un tunisino di 25 anni, si è tolto la vita stringendosi intorno al collo l’elastico degli slip. È successo l’altra notte a Regina Coeli. E ieri mattina il ministro della Giustizia Paola Severino ha visitato il carcere romano. Un blitz per toccare con mano le gravi carenze del centro dove era ricoverato da qualche giorno il giovane detenuto. «Servizi igienici che non funzionano, impianti elettrici fuori norma, la pulizia degli ambienti affidata a pazienti e piantoni», ha denunciato il garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni, che ha chiesto di approfondire le circostanze della morte del tunisino. Dall’inizio dell’anno sono già 34 i reclusi che si sono tolti la vita.

SERVIZI NELLO SPORT

EMERGENZA SENZAFINE di LUIGI MANCONI

G

IUSTO un anno fa, Giorgio Napolitano, nel suo intervento a un convegno promosso dai Radicali, definiva le condizioni delsistema penitenziario italiano «una questione di prepotente urgenza sul piano costituzionale e civile». Tanto è rimasto inascoltato il grido di allarme del capo dello Stato che, a distanza di 12 mesi, quell’«urgenza» è diventata, se possibile, ancora più drammatica. E i due suicidi nelle carceri di Lecce e Roma, nel corso delle ultime ore, ne sono la più crudele conferma. Fosse accaduta d’inverno, non è che questa tragedia sarebbe stata meno tragedia. È vero, tuttavia, che il particolare periodo, la calura insopportabile e l’idea conseguente di un universo chiuso che si fa sempre più oppressivo e soffocantecostituisconounoscenariofatale.

MARINCOLA E MARTINELLI A PAG. 10

IL CASO

LA STORIA

Cessna fuori rotta, paura a Fiumicino due aerei costretti a riprendere quota

Nel parco la guardia dei volontari per far nascere i germani reali

di MARIDA LOMBARDO PIJOLA

A Caracalla è festa con Proietti

di FOLCO QUILICI

C

EL CAMPO visivo del radar, la Cosa si è materializzata all’improvviso, scatenando l’allerta in torre di controllo. Era un ufo lillipuziano, un alieno minuscolo dal procedere sbandato. Tutti hanno compreso subito che quell’insetto meccanico era in grado di molestare due bestioni; che nei cieli di Fiumicino avrebbe potuto scatenare chissà quale disastro. Invece, per fortuna, è andata bene.

ROMAKGigiProietti mattatore ieri sera a Caracalla, davanti a una platea da posti in piedi. L’attore haregalato al pubblico una carrellata di canzoni e parodie, di imperatori e popolani, di classici e contemporanei. Proietti nell’occasione ha resuscitato anche il Marco Aurelio scritto da Gigi Magni. La replica, il 6 agosto, è già esaurita.

HI ha detto e ripetuto che l’uomo è cattivo e gli animali sono buoni? Chi dice e ripete che chi vive in città non si interessa minimamente delle creature che popolano le aree urbane? Tutto vero, ma fino a un certo punto. Come dimostra quanto è appena accaduto a Roma. Nel parco verde che si distende nei pressi di San Sisto uno stormo di germani reali era sceso dal cielo e aveva lasciato a primavera una covata di uova; ma prima di poterle covare altri stormi aggressivi di gabbiani hanno distrutto quel nido.

Continua a pag. 12

Sala a pag. 23

Continua a pag. 14

N

Continua a pag. 11

IlsegnodellaVergine allasvoltadell’estate

B

UONGIORNO, Vergine! Luglio, con il bene che ti voglio, vedrai, non finirà... E invece Luna molto positiva conclude un meseche non abbiamo considerato come un periodo ideale, qualcuno di voi può tirare un sospiro di sollievo. Non che sia tutto da dimenticare, al contrario: certe esperienze sono state una valida lezione per il prossimo futuro, ma di sicuro questa geometria astrale non è adatta al vostro carattere. Agosto, martedì 7, avrà una musica diversa. Arriverà la vera estate dell’amore, auguri. © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’oroscopo a pag. 17


il Giornale 20731 9 771124 883008

Direttore ALESSANDRO SALLUSTI

MARTEDÌ 31 LUGLIO 2012

G www.ilgiornale.it

Anno XXXIX - Numero 180 - 1.20 euro*

GRAZIE ALLE TASSE

FUGA DI SOLDI ALL’ESTERO In due anni sono espatriati 300 miliardi di euro. Monti ha dichiarato guerra al denaro, ma è stato sconfitto

Allarme Pil, solo la Grecia è peggio di noi. Ventimila statali a rischio licenziamento di Vittorio Feltri

G

liuominieisoldisicomportanosempre alla stessa maniera. Male. O bene?Dipendedaipuntidivista.Diciamochesi difendonocomepossono: sonodotatidiunformidabileistintodiconservazione,percuinoncisonolegginédivietichetengano. I portafogli e i loro proprietari vanno dove li porta la convenienza. La conferma viene da Bankitalia, i cui dati non mentono. Da maggio 2010allostessomesediquest’anno,24mesiintotale, dai conti correnti e dai depositi del nostro Paese sono spariti la bellezza di 274 miliardi di euro, una fortuna. Dove sono andati a finire? Indovinate. A occhio e croce, hanno preso la via dell’estero. Probabilmente, Svizzera, ma non escludiamo altri porti dove la ricchezza non è considerata un delitto, un peccato. Solo nel mese scorso, con l’acuirsi della crisi a onta delle cure di Mario Monti,al quale moltiattribuiscono virtùtaumaturgiche,hannopresoilvolodall’Italia23miliardi,ovviamentedieuro,planandochissàsuquali istituti di credito stranieri. Segno che tra spread ballerino, inasprimenti fiscali, caccia agli scontrini e alle streghe, borse che sembrano montagnerusse,irisparmiatoridellapenisola(furbi,disonestioaltro:giudichiillettore)sisonospaventatiehannodecisodisalvareiloroquattrinidalle fauci dello Stato più tassaiolo del mondo. Sinceramente,non sappiamo comesi faccia a esportarecapitalisenzarischiarediesserebeccatiinfallo.Maqualchesistemaabbastanzasicuro ci deve essere se è vero, come è vero, che una montagnadipalanchecheeraquiadessoèlà,oltre i confini. Quando si tratta di proteggere la tasca,lafantasiadellagentesisbizzarrisce,eneinventadiognicolore.Ciègiuntanotizia,peresempio, che molti non trasferiscono di peso somme dallebanche italiane a quelle elvetiche, lasciando così tracce indelebili di operazioni illecite. Nossignori. Alcunisiaffidanoaivecchispalloni(untempo dediti al contrabbando di sigarette) che parevanoestintie,invece,sisonorianimati.Altrihanno scoperto un sistema che ha colto impreparata la Guardia di finanza: il conto postale svizzero al momento non soggetto a controlli. Lo apri con 20/25milaeuroecontestualmenteritiriunacarta di credito con la quale (...) segue a pagina 3 Cramer, Filippi, Forte e Parietti alle pagine 2-3

POLITICA NEL CAOS

CALCIO SCOMMESSE, DOMANI L’ANNUNCIO

La Juve s’arrende, Conte patteggia

Legge elettorale, tutti contro tutti Napolitano: «Sul voto decido io»

La società ha deciso: il mister si fermerà (controvoglia) per 3 mesi

Adalberto Signore

AVANTI NEI SONDAGGI

Davide Pisoni

Sul filo del rasoio il rischio di farsi male è molto concreto. Lo sa beneGiorgioNapolitano,checon un comunicato di venti righe ha strigliato i partiti, che in questi giorni giocano alla guerra tra loro e non si avvicinano a un accordo sulla riforma elettorale. Stanco di sentirsi tirare per la giacca da destraesinistra(l’ultimaerastataRosy Bindi), il presidente della Repubblicaharicordatoche«sulvotodecideilQuirinale»ehaesortato Pd, Pdl e Udc a trovare presto quell’intesa che «era annunciata come imminente» e invece si sta arenando tra le polemiche.

Sorpasso a destra Anche Storace vale più di Fini

a pagina 9 Scafi a pagina 9

a pagina 9

a pagina 15

Toh, Milano organizza l’Expo e la Svizzera le ruba i turisti Paolo Stefanato

MASCHERA Per omessa denuncia di combine Conte patteggerà 3 mesi di squalifica

L’ANTIDEPRESSIVO ELEGANTE PER LE DONNE

Se il tacco tira su (di morale) Francesca Gallacci

Noi qui, tra polemiche insulse, rimpiattinitraPisapiaeFormigonieburocrazia.Loro al di là del confine, metodici, precisi, efficienti. In una parola: svizzeri. Così la compagnia di bandiera elvetica, Swissair, sta già vendendo pacchetti viaggio+soggiornoinAsiaeinAmerica per incoraggiare i turisti che nel 2015verrannoavisitarel’Expomilanese. Voli, alberghi e ristoranti svizzeri ringraziano. L’indotto italiano, invece, resta all’asciutto.

a pagina 17

a pagina 11

Furti, veleni e zero ori: chiamatela pure Gran Magagna SPEDIZIONE IN A.P. - D.L. 353/03 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) - ART.1 C.1, DCB-MILANO *FATTE SALVE ECCEZIONI TERRITORIALI (VEDI GERENZA)

Unamanovradaritiropatente, ma da medaglia politica. Il sorpasso a destra del partito di Storace sul Fli di Fini è storico. Secondo il sondaggio di La7, La Destra è al 2%, mentre Futuro e Libertà si ferma all’1,8%. È l’ennesimo «successo» raccolto dal presidente della Camera.

PACCHETTI GIÀ PRONTI PER IL 2015

Britannici a secco di vittorie

Z

Diana Alfieri

eroèunnumerotroppogrande.Non Waterfield finiscono quarti, con gli occhi sisposta,maledetto.Zeroori.Zeroin chiusi per la delusione, con la testa bassa tre giorni. Zero invece di tre. Niente, per la vergogna. anzichétutto.SipuòessereilPaesecheorgaÈ il giorno infelice di un Paese che cerca nizza le Olimpiadi per mostrarsi forte e poi felicità, che punta alle Olimpiadi per prensi ritrova presto con le spalle scodersi altro, che usa lo sport per perte. Lo sport è malvagio. Tom spingersialtrove.ÈquellamaleDaleyportailpesodellaGranBredizione dello zero che non si tagna ferita da se stessa: avrebbe schioda: fino a quando resterà lì dovutoesseredavanti,nelmedacomeunmacignosulmedagliegliere. Piena di podi e piena di reesullecoscienzedeibritanniGiuseppe De Bellis ci continuerà ad andare tutto alori.Ègiù,infondo.ÈcomeDaley di nostro inviato a Londra quandoentrain acquae schizza larovescia.Volevanol’oronelcitroppo. È l’errore. È il sortilegio. È clismosustrada:unmilioneemezla fine. Rimettete a posto l’Union Jack, il zo di persone sul percorso per Mark CaRegno Unito deve ancora aspettare. Lui e il vendish.Ventottesimo.Ilcondannatoavinsuo compagno dei tuffi sincronizzati Peter cere chearriva comeun gregario.Poi la bici

femminile: anche lì, volevano l’oro hanno trovatoun argento.Poiconvintichela nuotatrice Adlington gli avrebbe regalato chissà che: un bronzo, per ora. I Giochi in casa sono difficili. Sono una condanna alla tensione perenne: più vuoi vincere, più ti trovi indietro. Prendono schiaffiaognipasso,ibritannici.Ladelusionesportivaèlospecchiodimoltoaltro.Èun giornobastardo,questo:siscoprechequalcunohapersolechiavidiWembley.Qualcuno ha smarrito il laser ultratecnologico con cui si aprono e si chiudono i cancelli dello stadio più importante del mondo. Quello dove si giocherà la finale delle Olimpiadi. Quello dove (...) segue a pagina 34

MEDAGLIA AZZURRA

La carabina d’argento del cervello in fuga di Benny Casadei Lucchi a pagina 33

PELLEGRINI IN FINALE 200 SL

Il ruggito di Fede per sognare ancora di Riccardo Signori a pagina 32


y(7HB5J1*KOMKKR( +$!z!/!@!#

Martedì 31 luglio 2012

OPINIONI NUOVE  Poste Italiane S.p.A.  Spedizione in abbonamento postale

D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004, n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano

FONDATORE VITTORIO FELTRI

DIRETTORE MAURIZIO BELPIETRO ANNO XLVII NUMERO 182 EURO 1,20*

C’È UN GIUDICE IN ITALIA

EVADERE L’IVA NON È REATO Assolto imprenditore: non pagò per non fallire. Salvo il diritto a non farsi uccidere dalle tasse Ma Monti non si ferma: in vista un prestito forzoso allo Stato come fece Mussolini di GIULIANO ZULIN Finché c’è Iva c’è speranza di trovare giustizia contro uno Stato troppo opprimente, che non ti lascia lavorare. Da ieri l’evasione non è più automaticamente un reato. Un giudice di Firenze ha assolto (...)

I convertiti della legge sul voto

Difendersi dalla crisi

Siam tre piccoli Porcellum

Come salvare il mutuo dallo spread

di MARCO GORRA a pagina 8

segue a pagina 2 ELISA CALESSI a pagina 4

di TOBIA DE STEFANO Maledetto spread. Che poi uno si chiede, ma cosa c’è dietro quel numerino che ogni giorno continuiamo a compulsare? Quali sono le conseguenze concrete sul portafoglio degli italiani se il differenziale dei tassi tra il nostro Btp a dieci anni e il corrispondente Bund tedesco si ferma sopra o sotto quota 500? Per esempio, paghiamo di più i mutui per acquistare casa? E chi ha già sottoscritto un prestito immobiliare ci sta perdendo o guadagnando? E ancora, oggi quale strategia deve adottare un mutuatario nel Belpaese? Tenersi il fisso (spread più Eurirs) o passare al variabile (spread più Euribor, di solito a uno o tre mesi)? Libero ha fatto dieci domande a Roberto Anedda, vicepresidente (...)

Lezioni di buon governo MINISTRI E BANCHIERI FACCIANO UN GIRO NEI SUPERMERCATI di MAURIZIO BELPIETRO Chi sta al governo dovrebbe essere costretto a passare qualche ora alla settimana dentro un supermercato o, meglio ancora, in un mercato rionale. Così forse si renderebbe conto di quali siano le ricadute delle sue decisioni sulla vita della gente comune. Non c’è infatti niente di meglio che far la fila alla cassa o al banco della carne per capire gli umori della gente, la sofferenza, le difficoltà e anche le piccole e grandi speculazioni di cui gli italiani sono vittime. Altro che spread, euribor, fiscal compact e altre parole che sono entrate a far parte in pochi mesi del nostro linguaggio. Se si vogliono misurare la temperatura dell’economia reale e l’andamento dei mercati finanziari è meglio dare una controllatina ai prezzi esposti sul bancone, gli unici che pesano sui portafogli del 99 per cento dei consumatori. E a questo proposito un’occhiata a quanto costano gli ossi non sarebbe male. Non sto scherzando. In vita mia non ne ho mai messi nel carrello, ma ho scoperto non senza stupore che c’è chi li vende. Domenica infatti un pensionato sulla settantina mi si è avvicinato e mi ha mostrato un vassoio di polistirolo impacchettato ed etichettato. Prezzo: (...)

Diffidate delle riforme elettorali di GIAMPIERO MUGHINI Confesso che è al di sopra delle mie forze. Capire per bene la portata della diatriba sulla riforma della legge elettorale che pur sta arroventando il confronto tra i partiti italiani o quel che ne (...) segue a pagina 11

segue a pagina 3

La Merkel conta meno, mercati in festa di NINO SUNSERI Sui mercati tira proprio aria da fine crisi. Agosto che secondo i soliti corvi doveva essere il mese dell’apocalisse potrebbe segnare i giorni della riscossa. Molto dipende dalle decisioni

che giovedì verranno prese dalla Bce: se prevarrà la tromba d’attacco alla speculazione suonata da Draghi, oppure la cupa marcia indietro ordinata dalla Bundesbank. (...) segue a pagina 7 UGO BERTONE a pagina 6

Fa il presentatore alla Versiliana

Silvio spende 250 milioni più dell’anno scorso

Il grande Walter Veltroni ridotto (quasi) come me

VOGLIO SPOSARMI IN ALLEGRIA

Se non l'hanno rovinato, poco ci manca. L'anno nero delle Olgettine - il 2011- è stato un terremoto per la finanza personale di Silvio Berlusconi. Il Cavaliere ha prelevato dai conti delle sue quattro holding che controllano Fininvest la bellezza di 127,7 milioni di euro, quasi prosciugandoli: alla fine restavano (...) segue a pagina 13

LiFQKisRwq3w9acCmD2svjZilcmLUiSCuKeA10wY99A=

Gli Usa commissariano Berlino, che sugli aiuti si piega a Draghi

Le Olgettine sono costate care

di FRANCO BECHIS

* Con: ”Notte senza fine” € 2,00; ”Baraonda” € 2,0 0.

segue a pagina 5

Le mie nozze gay tra menagrami e lanciatori di pietre di A. CECCHI PAONE

a pagina 19

E Ciancimino disse: «Ingroia si para il c...» di FILIPPO FACCI

a pagina 14

di FRANCESCO BORGONOVO Certo, meglio così che in esilio nell’Africa nera, dove aveva promesso di recarsi (senza mai mantenere la parola) in caso di sconfitta politica. Detto questo, li avete presenti, voi, i fasti di Walter Veltroni? Vi ricordate quant’era celebrato, come si prostravano ai suoi piedi artisti, (...) segue a pagina 12

Prezzo all’estero: CH  Fr. 3.00 / MC & F  € 2.00 / SLO  € 2.00.


Con MFF Magazine for Fashion n. 66 a â‚Ź 4,50 (â‚Ź 1,50 + â‚Ź 3,00) - Con MFL Magazine for Living n. 27 a â‚Ź 4,50 (â‚Ź 1,50 + â‚Ź 3,00)

Anno XXIV n. 149 MartedĂŹ 31 Luglio 2012 BORSA +2,80%

VALUTE-TASSI

Ftse Mib 13.978,04

Euro-Dollaro

1,2246

Indice Ftse Mib (scala dx) Valore scambi (scala sx)

Euro-Sterlina

0,7799

14000

4000

Euro-Yen Euro-Fr.Sv.

3000 13000 2000 12000 1000

0

1gg

2gg

3gg

4gg

5gg

11000

0,11

Euribor 3M

0,41

T. Stato T. Fisso

5,25

T. Stato Indic.

5,62

2.945

Tokyo

8.635

Francoforte

6.774

Zurigo

6.402

Londra

5.694

Parigi

3.321

â‚Ź 1,50

FUTURE

      

13.058

Nasdaq

1,2010

Eonia Overn.

BORSE ESTERE Dow Jones

95,78

Euro-Bund

143,49

US T-Bond

150,78

Ftse Mib

13.948

D.Jones Cbot

13.011

Nasdaq 100

2.640

Petrolio - Brent

105

Oro - Fixing $ 1.617,75

              

IN EDICOLA GENTLEMAN + LADIES

Uk ÂŁ 1,40 - Ch fr. 3,40 Francia â‚Ź 2,50 Spedizione in A.P. art. 1 c.1 L. 46/04, DCB Milano

La Bei scavalca subito l’ostacolo downgrade

Il gigante Adidas punta sulla moda

(Ninfole a pag. 6)

(Gibellino in MF Fashion)

RECUPERO TERZA SEDUTA CONSECUTIVA DI RIALZI PER LE BORSE EUROPEE. PIAZZA AFFARI GUADAGNA IL 2,8%

Funziona la terapia Draghi I mercati continuano ad apprezzare la ferma presa di posizione del presidente Bce. Dopo l’appoggio di Berlino, Geithner in Europa per sostenerlo. Ma il vero nodo resta l’opposizione della Bundesbank

LA SPENDING REVIEW SGAMBETTA LA VENDITA DI IMMOBILI (Bussi, Sironi e Santamaria alle pagg. 2, 5 e 19)

INTANTO SULL’ILVA INTERVIENE ANCHE NAPOLITANO: L’ATTIVITÀ DELL’IMPIANTO DEVE ANDARE AVANTI

FOCUS OGGI

Riva si consola ritrovando l’utile

Fiat parte bene con i conti della Chrysler

(Gualtieri a pag. 10)

(Mondellini a pag. 17)

A2A vende in Francia e vola in borsa (Mondellini a pag. 16)

A F2i interessa il business dei parcheggi di Adr

POLIZZE/1 Alleanza-Toro mette ordine nel mattone

In fondo c’è posto

(Messia a pag. 11)

Snam prepara un bond anche per il retail (Leone a pag. 15)

L’austriaca Strabag vuole un pezzo di Pedemontana (Follis a pag. 7)

POLIZZE/2 Chiusa la forbice sui titoli Unipol e Fondiaria-Sai (Di Biase a pag. 11) COMMENTO

(Follis a pag. 7)

Orsi nomina

I tassi super-Selex riducono (Zoppo a pag. 13) la tensione Ora per Banca d’Italia tra Usa il governo usa la carota e Cina

    

(Salerno a pag. 8)

(De Mattia e Romano a pag. 4)

Su www.milanofi nanza.it, le news di MF e Milano Finanza, il personal journal, la borsa in diretta e il portafoglio titoli


• Nuova serie - Anno 21 - Numero 181 - €

3,50* - Spedizione in a.p. art. 1, c. 1, legge 46/04 - DCB Milano - Martedì 31 Luglio 2012 •

TANATOPRASSI

TOLLERATO TUTTO

AMBIENTE

Ai francesi piace imbalsamarsi

I turisti arabi scelgono la Baviera

In Francia crescono le scorie nucleari

Galli a pag.

Giardina a pag.

servizio a pag.

15

14

15

* con guida «Il decreto legge sulla crescita» a € 6,00 in più; con guida «La riforma dl lavoro» a € 6,00 in più

OGGI CON IL QUOTIDIANO

www.italiaoggi.it

GENTLEMAN + LADIES RICHIEDA LE SUE COPIE ALL’EDICOLANTE

QUOTIDIANO ECONOMICO, GIURIDICO E POLITICO

Banche aperte per il fisco Si parte il 31 ottobre, per ogni conto saranno forniti in automatico alle Entrate i saldi iniziali e finali, tutti gli accrediti e gli addebiti Giornale dei professionisti IL

*

*

*

Decreto crescita - Casa sotto l’incubo redditometro. Le detrazioni rischiano di trasformarsi in un boomerang Tozzi a pag. 26 Spending review/1 - Slitta ad oggi il voto di fiducia sulla conversione in legge del decreto sulla revisione della spesa pubblica Cerisano a pag. 27 Spending review/2 - Sempre più difficile per le pubbliche amministrazioni assumere dirigenti Oliveri a pag. 28 P Previdenza - Da oottobre sarà l’Inps a difendere se stesssa, tramite i propr pri funzionari, nelle controversie contr giudiziarie sull’invalidità civile De Lellis pag. 30 Professioni - Per gli aspiranti revisori legali il tirocinio resta di 36 mesi. Niente sconto di 18 mesi. Lo ricorda una nota del Cndcec Marino a pag. 31

Movimenti finanziari senza segreti per il fisco. È in dirittura d’arrivo il provvedimento dell’Agenzia delle entrate relativo alle modalità con le quali banche, Poste, sim, sgr, fiduciarie e assicurazioni dovranno comunicare all’Anagrafe tributaria le informazioni relative ai conti e ai rapporti. Una nota delle Entrate precisa che per ogni rapporto intrattenuto con le banche dovranno essere trasmessi i saldi iniziali e finali oltre all’importo totale degli accrediti e degli addebiti. Per il 2011 i dati dovranno essere trasmessi entro il 31 ottobre. Stroppa a pagina 23

Quattro anni fa Beppe Grillo non pensava alla politica e portava per l’Italia il suo spettacolo in cui diceva che nei biscotti Barilla c’erano tracce di metalli pesanti. Dall’azienda alimentare arrivarono minacce di richiesta danni. Preistoria. Adesso Grillo è un leader politico, e Guido Barilla è il padre-padrone di Parma, città in cui un grillino, Federico Pizzarotti, è sindaco. Meglio quindi andare d’accordo. Così Pizzarotti ha sondato la disponibilità dell’imprenditore a scendere nell’agone politico, per i 5 stelle. Del resto Beppe Grillo, malgrado le smentite su Barilla, cerca un nome altisonante da presentare come candidatopremier alle prossime elezioni. Ponziano a pagina 8

NUOVO GIOCO A FIRENZE

Un gratta e vinci per lanciare la candidatura di Bersani alle primarie del Pd Calitri a pag. 12

Per i procedimenti di urgenza lla C Cassazione ammette anche h ill messaggio sull cellulare ll l d dell llegale l

Agli avvocati notifiche via sms IN EDICOLA

su www.italiaoggi.it D Documenti/1 - La n nota del Cndcec sui rrevisori legali Documenti/2 - Le D sentenze della Cassazione in materia fiscale

Guido Barilla possibile candidato premier per il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo

www.italiaoggi.it

Via libera alle notifiche via sms al difensore di fiducia. A patto, però, che riguardino procedure con ritmi serrati, come la convalida dell’arresto per lo spacciatore arrestato in flagranza: la fissazione dell’udienza, che va celebrata in poche ore, può ben essere comunicata con modalità atipiche come il messaggino sul cellulare. E sullo «short message» si configura una presunzione di conoscenza in capo al difensore che ha il preciso onere di controllare i messaggi che arrivano sul suo telefonino. È quanto emerge dalla sentenza dalla quarta sezione penale della Cassazione. Ferrara a pag. 24

I PIANI DI VISIBILIA

ACQUISITA ROTO ALBA

Santanchè, cerco i clienti consumando i miei tacchi

Guido Veneziani diventa anche stampatore

Capisani a pag. 19

Plazzotta a pag. 19

e in più IL SETTIMANALE DEI PROFESSIONISTI DELLA SCUOLA

DIRITTO & ROVESCIO Sabato pomeriggio. Autostrada Milano-Genova. Traffico intenso, ma sciolto. Due corsie sono affollate. Quella di sorpasso è libera. Vedo d’improvviso, nel retrovisore, le sagome di tre vetture sportive. Le prime due, rosse. L’altra, gialla. Tutte e tre Ferrari. Si avvicinano veloci, ma non tanto. Sembrano attaccate l’una all’altra. Al momento di superarmi, la prima rossa emette un ruggito e si stacca dalle altre due, come se fosse stata sparata da un cannone. Dopo un attimo le altre due, ringhiando, le si riattaccano. Debbono essere guidate da collaudatori. Le auto, g che mordono il suolo, sembrano felici di essere in mani esperte. Il Paese che le ha realizzate non può che essere un grande Paese.

d da pag. p 35 3


La Germania dice sì allo scudo anti-spread della Bce Ma, se la Spagna non chiede aiuto, si riprende a ballare

y(7HC0D7*KSTKKQ( +$!z!/!@!#

www.ilfattoquotidiano.it

€ 1,20 – Arretrati: € 2,00 Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

Martedì 31 luglio 2012 – Anno 4 – n° 180 Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230

LA RAGION DI STATO DEL QUIRINALE

Codex Scalfarianus di Marco Travaglio

LA CONSULTA PROCESSA INGROIA M Telefonate Mancino-Napolitano: con il deposito del ricorso alla Corte costituzionale, il Colle formalizza l’attacco alla Procura di Palermo che indaga sulla trattativa fra lo Stato e la mafia. Nessuno deve sapere

Udi Silvia Truzzi

Fini blocca l’interrogazione di Di Pietro sul mancato conflitto per le intercettazioni di Firenze: vietato nominare il Capo dello Stato pag. 2 - 3 z

GABANELLI: “USARE I MORTI È MESCHINO” i torna a parlare di legge bavaglio, con concordia Sbipartisan, complice la distrazione delle ferie d’agosto: e vale tutto, perfino la scomparsa del consigliere giuridico del Quirinale. Milena Gabanelli, conduttrice di Repor t su Rai3, ha abituato gli italiani a un giornalismo d’inchiesta che si nutre di fatti, nomi e relazioni. pag. 3 z

Udi Bruno Tinti MA LE NOTIZIE ESIGONO RISPETTO n giorno, spero lontano, io morirò. Le persone Ule cose che mi hanno amato ricorderanno quasi solo buone e giuste che ho fatto nella mia vita.

Milena Gabanelli. A destra, Giorgio Napolitano e Antonio Ingroia

Altri, a cui stavo antipatico, parleranno solo di quanto sbagliato mi è capitato di fare. pag. 18 z

(FOTO DLM / ANSA)

TOTO-VOTO x La data “prerogativa” del Presidente. Elezioni a novembre solo se si revisiona il Porcellum

Napolitano: “Sulle elezioni decido io” Messaggio dopo lo strappo del Pdl, Pd contrario alle preferenze. I sondaggisti: se fanno pasticci i cittadini diserteranno le urne. Il leader Idv: Monti e il Colle peggio di Berlusconi di Fabrizio d’Esposito

ei bizantinismi della politica italiana, l’ennesimo appello-monito del Capo dello Stato sulla riforma della legge elettorale certifica di fatto che all’orizzonte ci sono due scenari di voto anticipato in autunno. Due “novembri” diversi, di cui uno ha il sigillo del Quirinale e l’altro no. Ha detto ieri il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, facendo riferimento al suo precedente appello-monito in merito ai partiti inconcludenti: “Sulle elezioni decido io”. pag. 4 z

N

VERGOGNA x

SARDEGNA x

L’inferno carcerario: a luglio dieci suicidi tra detenuti e agenti

Cappellacci e le mance pubbliche a Santanchè: 140mila euro di spot

Caselli pag. 10 z

Zanca pag. 6 z (FOTO EMBLEMA)

Con le cartucce “LongLife Prink“ risparmi e stampi il doppio!

nolimpiadi

INCHIESTA x Spending review sulla salute

Federica Pellegrini si riscatta: in finale Doping cinese?

Quando il medico sbaglia e quando subisce di tutto

pag. 12 - 13z

CATTIVERIE NEGOZI SPECIALIZZATI IN CARTUCCE PER STAMPANTI - www.prink.it

Il Pdl: “Il problema adesso è smontare la macchina delle primarie”. Lasciatela una notte sul Lungotevere (www.spinoza.it)

risparmi imposti dal governo Monti Icornice al sistema sanitario nazionale sono la in cui si iscrivono, uno dopo l’altro, i casi più recenti di malasanità. D’Onghia, Palombi e Paolin pag. 8 - 9 z

assima solidarietà ai colleghi di Repubblica, proditoriamente attaccati nell'omelia domenicale di Eugenio Scalfari, improntata alla “deontologia e completezza dell'informazione” e dedicata anche alla morte di D'Ambrosio, “aggredito da una campagna di insinuazioni... Gli autori sono noti: in particolare alcuni giornali e giornalisti” che “gli uffici dei procuratori di Palermo hanno provvisto di munizioni”. Il solito Fatto Quotidiano? No, stavolta è impossibile. Fu Repubblica il 18 giugno la prima a pubblicare la notizia delle intercettazioni Mancino-D'Ambrosio: “Trattativa tra Stato e mafia: da Mancino pressioni sul Quirinale”, “Mancino telefonò a D'Ambrosio... I magistrati ritengono le sue parole rilevanti ai fini dell'inchiesta: Mancino paventa addirittura che 'l'uomo solo', se resta tale, chiami in causa 'altre persone'. Quindi chiede a D'Ambrosio di parlare dell'indagine con Napolitano, perché intervenga sui magistrati che indagano sulla trattativa”. Chi avrà passato le notizie ai giornali?Scalfari indaga:“Può esser stato un addetto alla polizia giudiziaria,un cancelliere, un usciere dedito a frugare in cassetti e casseforti. O uno dei procuratori che avrebbero il dovere di aprire un'inchiesta sulla fuga di notizie secretate”. Ne avesse azzeccata una. Le intercettazioni non erano né in un cassetto né in cassaforte, ma depositate agli avvocati dei 12 indagati e, da quel momento, non più segrete. Fortuna che la Procura non ha dato retta a Scalfari, altrimenti il primo giornale sott'inchiesta per il non-reato sarebbe il suo. Ma il j'accuse scalfariano prosegue: “Ricordo che la notizia dell'intercettazione indiretta del Presidente fu data addirittura da uno dei quattro procuratori in un'intervista al nostro giornale”. Ricorda male: la notizia fu data da Panorama il 20 giugno, l'intervista a Di Matteo è del 22. Scalfari insiste sul presunto “divieto d'intercettazione del Presidente, diretta e indiretta... Gianluigi Pellegrino sostiene che l'art.271 Cpp, connesso con l'art. 90 Costituzione, contiene già la norma che stabilisce la distruzione immediata delle intercettazioni vietate... C'è stata un'infrazione estremamente grave della Procura per ignoranza delle norme”. Purtroppo le due norme citate non prevedono alcun divieto d'intercettazione indiretta del Presidente né la distruzione immediata delle bobine, dunque i pm non sono incorsi in alcuna infrazione o ignoranza. Né Pellegrino ha mai scritto una simile castroneria: anzi ha chiesto una nuova “norma ordinaria”, visto che oggi la “diretta distruzione” dei nastri presidenziali sarebbe ricavabile solo “in via interpretativa dalle leggi vigenti”. Qui l'unico che ignora le norme è Scalfari, nonostante i ripetuti tentativi di Cordero e Messineo di spiegargliele. Il 271 dice che “il giudice”(non il pm) distrugge i nastri con la voce dei titolari di segreto professionale (avvocati difensori, confessori ecc.): nessun cenno al capo dello Stato. Il 90 dice che il Presidente “non è responsabile degli atti compiuti nell'esercizio delle funzioni, tranne per alto tradimento o attentato alla Costituzione”. Infatti i pm non l'hanno indagato: hanno solo intercettato un testimone sospettato di inquinamenti probatori, stralciando le sue telefonate con Napolitano in vista della distruzione da parte del gip nell'udienza in contraddittorio con gli avvocati, perchè valutino l'eventuale rilevanza delle parole di Mancino per il diritto alla difesa. Dulcis in fundo Scalfari se la prende con gli amici che non lo spalleggiano nella guerra ai pm di Palermo, anzi li “incoraggiano all'accertamento della verità”, mentre lui dubita “delle capacità professionali” di una Procura già autrice del “madornale errore di mandare all'ergastolo un innocente”. Cioè il falso pentito Scarantino, reo confesso per via d'Amelio e poi scagionato da Spatuzza. Peccato che a credere a Scarantino siano stati la Polizia, la Procura, la Corte d'assise, la Corte d'appello di Caltanissetta e infine la Cassazione. La Procura di Palermo mai. Questo, si capisce, per deontologia e completezza dell'informazione.


www.gazzetta.it martedì 31 luglio 2012 1,20 €

REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 ­ TEL. 0262821 ­ REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 ­ TEL. 06688281 POSTE ITALIANE SPED. IN A.P. ­ D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO

ITALIA

anno 116 ­ Numero numero 180 Anno

SCOMMESSE INCONTRO TRA L’ALLENATORE E IL PRESIDENTE PER IL FUTURO

L’INTERVISTA 1 IL BRASILIANO PASSATO AL PSG

Conte fermo 3 mesi Patto con Agnelli

Thiago Silva: «Sarei rimasto ma per il Milan ero un affare»

Il tecnico patteggerà domani la squalifica e una multa di 200 mila euro da devolvere ai terremotati CENITI, GALDI, GRAZIANO, VAIRA PAG. 26­27­29

«Preso a 10 milioni, ceduto a 42. E la società era in difficoltà...»

3 Da sin. Antonio Conte e Andrea Agnelli

BIANCHI A PAGINA 30

L’INTERVISTA 2 OLANDESE IN GRAN FORMA

CREDICI

FEDE

La nostra regina vola in finale nei 200 sl col 4° tempo: «Visto che non sono finita? Devo vincere a costo di staccarmi le braccia»

di STEFANO ARCOBELLI

Non è ancora finita. Abbiamo an­ cora Fede. Crediamo ancora nel­ la Pellegrini, dopo averla vista dominare con piglio la sua semi­ finale dei 200 sl, la gara che non perde dal 2008. Proprio perché sarà la sua (per ora) ultima recita che conta prima dell’anno sab­ batico, vogliamo una Federica che si ricordi dei tempi d’oro, del grande slam. L’ARTICOLO ALLE PAGINE 2­3

Emanuelson: «Juve e Inter noi ci siamo» «Ibrahimovic e Thiago sono partiti, ma non siamo morti» BOCCI A PAGINA 31

INTER CASTAIGNOS AL TWENTE: 6 MILIONI

Sulla sinistra idea Dossena per Strama Pronti tre milioni per l’esterno del Napoli. E si insegue sempre Lucas BIANCHIN­DI CHIARA A PAGINA 33

LA SORPRESA IL PIU’ BASSO DOPO MORALEZ

Insigne, il piccolo gigante E il Napoli già lo blinda MALFITANO, VERNAZZA ALLE PAGINE 25­34­35

MERCATO TRATTATIVE BEN AVVIATE

Balzaretti­Roma più vicini Aquilani verso Firenze CECCHINI, DI CHIARA, SARDELLI A PAGINA 37

IL ROMPI PALLONE DI GENE GNOCCHI

TIRO A SEGNO OTTAVA MEDAGLIA PER L’ITALIA

IL CASO DEL GIORNO

INIZIATIVE GAZZETTA IN EDICOLA

Campriani d’argento

Bufera Twitter: razzismo e la protesta degli atleti

ECCO IL NUOVO MAGIC+3 RICHIEDI LA TUA CARD

SERVIZI DAI NOSTRI INVIATI A LONDRA DA PAG. 2 A PAG. 25

A PAGINA 15 E UN COMMENTO DI ANDREA MONTI A PAG. 25

BAZZONI ALLE PAGINE 40­41

3 Niccolò Campriani, 24 anni ANSA

20 7 3 1> 9 771120 506000

w

Primi provvedimenti per riempire le tribune ai Giochi: gli atleti faranno sesso negli stadi e le gare nel villaggio.

QUATTRORUOTE + OCCHIALI DA SOLE € 9,00 - QUATTRORUOTE + QUATTRORUOTE ENIGMISTICA € 5,50 - SOLO QUATTRORUOTE € 5,00

A SOLO € 0,50 IN PIÙ


Rassegna Stampa