Page 1

La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

26

SCENARIO CATASTO - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 55

Imprese Edili - 8 Ottobre 2012 09/10/2012

(diffusione:29753, tiratura:29986)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

27

SCENARIO CATASTO - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 55

Imprese Edili - 8 Ottobre 2012 09/10/2012

(diffusione:29753, tiratura:29986)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

28

SCENARIO CATASTO - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 55

Imprese Edili - 8 Ottobre 2012 09/10/2012

(diffusione:29753, tiratura:29986)


DDL GEOMETRI: ARCHITETTI (CONSIGLIO NAZIONALE) "NO AD AMPLIAMENTO COMPETENZE" Roma, 4 ottobre 2012. "Ribadiamo il nostro parere assolutamente contrario al ddl 1865 attualmente in discussione al Senato che, senza fondamento alcuno, estende indebitamente le competenze progettuali dei geometri e dei periti, consentendo loro di occuparsi anche di progettazione architettonica. Nel momento in cui la crisi ci spinge ad essere ancora più competitivi in termini di qualità dei servizi offerti ai cittadini - favorendo, tra l'altro, la cooperazione tra i professionisti - ci sembra del tutto anacronistico proporre norme che, contro le indicazioni comunitarie, estendono le competenze di una categoria a danno di un'altra. Così Leopoldo Freyrie, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori nel corso di una audizione dinanzi alla Commissione Lavori Pubblici del Senato. "Così come anacronistici e del tutto inutili - continua - si sono dimostrati tutti i tentativi di forzare la definizione di "modesta dimensione" di una costruzione: negli ultimi 50 anni tutto ciò ha prodotto, da un lato, un enorme spreco di giurisprudenza, dall'altro non pochi scempi edilizi. Altrettanto evidente è poi la non "economicità legislativa" di un intervento come quello proposto che entra nello specifico di materie propriamente tecniche che dovrebbero, invece, essere risolte in tavoli di concertazione interprofessionali". "Per regolare e aggiornare le competenze e nello spirito di una autoregolamentazione che sollevi lo Stato da funzioni che difficilmente riesce ad adempiere e i Tribunali da un lavoro non prioritario, il Consiglio Nazionale degli Architetti ha da tempo proposto una camera di conciliazione interprofessionale". "Le nuove competenze che si vorrebbero estendere a geometri e periti - sottolinea Freyrie - non hanno riscontro in alcun paese dell'Unione Europea, poiché gli interventi riguardanti l'architettura e il paesaggio - e le direttive comunitarie su questo aspetto sono chiarissime - devono essere realizzati da professionisti che abbiano svolto idonei studi universitari. Ed è proprio la normativa europea ad attribuire agli architetti - formati negli specifici settori e in maniera adeguata - le attività professionali relative alla progettazione architettonica, strutturale, paesaggistica, conservativa ed urbanistica". "Senza contare, poi, che il recepimento e l'attuazione di nuovi titoli professionali - continua ancora - in contrasto con le competenze previste per la categoria professionale degli architetti - provocherebbero un aperto contrasto tra la normativa nazionale e quella europea". La strada da percorrere, secondo gli architetti italiani, è quella indicata dal Dpr attuativo della Riforma delle Professioni che "supera il problema delle competenze e promuove, invece, l'integrazione professionale e interprofessionale con l'istituzione di nuove forme societarie". Per tutti questi motivi il Consiglio Nazionale degli Architetti propone di emendare il disegno di legge sostituendolo con un unico articolo che istituisca - presso il Ministero della Giustizia e di concerto con il Ministero delle Infrastrutture - un Tavolo delle Competenze a cui partecipino i rappresentanti dei Consigli Nazionali delle Professioni dell'area tecnica. Tavolo che, al 31 dicembre di ogni anno, rediga delle linee guida di interpretazione e di aggiornamento delle competenze professionali - anche sulla base delle novità legislative intervenute - nel rispetto delle Direttive e politiche comunitarie che dovrebbero poi essere emanate mediante Decreto Ministeriale.


08/10/2012 Visure catastali, i geometri chiedono accesso gratuito Visure catastali gratis per i tecnici abilitati. Se i privati cittadini possono ottenere gratuitamente la visura del proprio immobile, come gli enti pubblici e le agenzie fiscali, “si ritiene doveroso ed opportuno che lo possano

fare anche i tecnici liberi professionisti, che eseguono e trasm ettano telem aticam ente gli aggiornam enti catastali ”. A chiedere una modifica

dell’art. 6 del d.l. 16/2012, convertito con la legge 44/2012 sono i geometri con una lettera inviata al Governo del 3 ottobre scorso (leggi Richiesta di integrazione art. 6, l. 26 aprile 2012, n. 44). Con l’entrata in vigore lo scorso 1° ottobre 2012 delle nuove tariffe per l’aggiornamento dei dati catastali, il Consiglio nazionale dei geometri chiede al Governo di consentire ai tecnici abilitati alla presentazione degli atti tecnici di aggiornamento catastale di poter accedere “gratuitamente ed in esenzione da tributi” ai servizi di visura catastale gestiti dall’Agenzia del Territorio. E in effetti, dal 1° ottobre scorso i costi per l’aggiornamento degli atti catastali sono diventati piuttosto onerosi. “Una semplice introduzione in mappa di un fabbricato ha un costo minimo di 109 euro – rilevano i geometri – che può salire anche a 200 se l’atto viene abbinato a frazionamenti con più particelle“.


08/10/2012 Competenze Geometri, in Sicilia possono progettare in cemento armato

L’Assessorato alle infrastrutture e trasporti della Regione Sicilia apre alle competenze della categoria dei geometri liberi

professionisti

nell’ambito

della

progettazione

in

cemento armato di costruzioni di "modeste" dimensioni. Al centro dell’attenzione è la pubblicazione della circolare 82824/2012 del 18 settembre scorso. "Preso atto e considerato che la modestia di una costruzione non è univocamente definibile, e che tale assunto si presta a molteplici interpretazioni”, si legge nella circolare, “si ritiene preliminarmente che, in ragione della sopraccitata abrogazione di legge, non possa essere negata, in generale, ai geometri liberi professionisti la competenza in materia di progettazione e direzione dei lavori di opere in cemento armato, ma che essa debba essere valutata singolarmente, ed in relazione all'opera che deve essere progettata e conseguentemente diretta ed eseguita". Secondo l'Assessorato siciliano sarà compito dei dirigenti responsabili degli Uffici di Genio Civile e tecnici, valutare in che termini la costruzione che la committenza intende realizzare ed eseguire possa definirsi modesta, e conseguentemente consentire ai geometri liberi professionisti l'espletamento delle attività di progettazione e direzione dei lavori delle costruzioni che abbiano i suddetti requisiti. "Al fine di consentire, comunque, una verifica delle opere progettate e dirette da geometri liberi professionisti, potrebbe ravvisarsi l'opportunità di prevedere che il collaudo statico di esclusiva competenza delle categorie professionali degli architetti e degli ingegneri, prescritto dall'articolo 7 della Legge 5 novembre 1971 n. 1086, debba essere effettuato in corso d'opera, secondo le disposizioni dettate dal Capitolo 9 delle Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al d.m. 14 gennaio 2008".


Competenze Geometri Regione Siciliana – Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati interviene in Sicilia. Geometri legitimati a presentare le pratiche al genio civile nei limiti delle loro competenze. ottobre 7, 2012 Il 18 settembre 2012 con la nota 82824 la Regione Siciliana, in particolare l’ “Assessorato delle Infrastrutturee della Mobilità, Dipartimento delle Infrastrutture della Mobilità e dei Trasporti”, ha emanato una Circolare ad ogetto: “Progettazione e direzione lavori di mopdeste costruzioni civili con strutture in cemento armato. Competenze professionali Geometri liberi professionisti” con la quale intima agli uffici periferici di permettere le attività professionali dei geometri quando ricomprese nelle loro competenze. Nello specifico valutare ogni singolo progetto al fine di verificarne la congruita con le disposizioni di legge. Il Dipartimento fa seguito ad una prima denuncia ad opera delle rappresentanze professionali dei Geometri liberi professionisti (Consiglio Nazionale Geometri e Geometri laureati. Comitato Regionale Geometri e Geometri laureati della Sicilia) avverso “l’Ufficio del Genio Civile di

Catania, alla Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Catania ai Dirigenti degli Ufhci Tecnici dei Com uni della Provincia di Catania, ……., con la quale i Dirigenti degli Enti in indirizzo sono stati diffidati ad operare secondo le norm e vigenti, ad evitare di ledere l’im m agine e gli interessi della categoria dei Geom etri e Geom etri Laureati e dei loro Com m ittenti ” ed in copia al Dipartimento in parola. Successivamente il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri laureati ed il Comitato Regionale Geometri e Geometri laureati della Sicilia trasmettono una nuova nota la n. 4155 del 17/04/2012 con la quale “hanno denunziato il com portam ento di alcuni Uffici delle Am m inistrazioni

R egionali e Locali, che non ritengono legittima la competenza del geometra libero professionista per la progettazionee direzione dei lavori di modeste costruzioni civili con strutture in cemento armato,tanto da non accettare la presentazione di atti e docum enti ai rispettivi protocolli di ricezione “. Dopo un’attenta disamina della normativa, inerente le attivitrà professionali dei Geometri, ed in particolare l’abrogazione del R.D. 2229 del 1939, che riservava ad architetti ed ingengeri la progettazione di opere in cemento armato per motivi di pubblica incolumità, decreto spesso cardine e fondamento della giurisprudenza penale, civile e amministrativa, il Dipartimento “ritiene preliminarmente che, in ragione della sopracitata abrogazione di legge, non possa essere

negata, in generale, ai geometri liberi professionisti la competenza in direzione dei lavori di opere in cemento armato m a che essa singolarm ente, ed in relazione all’opera che deve conseguentem ente diretta ed eseguita [è evidente l'importanza,

materia di ptogettazione e debba essere valutata essere progettata e

sfruttata egregiamente dai geometri, del principo sancito con la sentenza del C.d.S. sulle competenze dei iuniores]. La somiglianza/similitudine con le problematiche che stanno investendo i professioninisti iuniores della Sicilia è lapalissiana, in particolare la mancata accettazione da parte degli uffici preposti dei documenti presentati al protocollo. Quello che ci chiediamo è: dove SONO il CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI e il CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI?


Hanno scritto detti Consigli Nazionali delle diffide ai vari uffici locali (come fatto da quello dei Geometri e Geometri laureati) per diffidarli ad accettare le pratiche dei professionisti iunuires? Hanno scritto all’Assessorato delle Infrastrutturee della Mobilità, Dipartimento delle Infrastrutture della Mobilità e dei Trasporti al fine di avviare una tavola rotonda per far riprendere l’accettazione, presso i protocolli dei vari uffici preposti, delle pratiche a firma di architetti ed ingegneri iuniores e procedere successivamente, caso per caso, alla valutazione di quanto presentato? Queste sono risposte che attendiamo almeno dai due Consiglieri Nazionali iunior: l’architetto Lisa Borinato e l’ ingegnere iunior Ania Lopez Quello di cui siamo certi è che IN CALABRIA nessuno dei due Consigli Nazionali citati ha sino ad oggi mosso un solo dito in sostegno dei profesionisti iuniores RAPPRESENTATI. …… questo vuol dire qualcosa? ……. che sia la stessa cosa in Sicilia? Ciò che sicuramente sappiamo è che oggi nella Regione Siciliana, per quanto ne sappiamo, sta operando egregiamente la Consulta dei Consiglieri iunior degli Ordini degli Architetti P.P.C. della Sicilia, in particolare il Presidente, l’arch. iunior Salvatore Borzì di Catania, il quale lavora a strretto contatto con il proprio Consigliere Nazionale. Pregiato Presidente Borzì, attendiamo a breve notizie dell’operato della Consulta da te rappresentata, la circolare dei geometri dovrebbe avervi aperto la strada e non dovreste più incontrare difficoltà. Seppure disponi di canali istituzionali, se hai notizie positive non esitare a trasmetterle, provvederemo a pubblicarle a nome della Consulta da te rappresentata. In conclusione, non possiamo non complimentarci con il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati come con il Comitato Regionale dei Geometri, i quali hanno saputo fare sinergia, forti di una propria identità, i quali al posto di vantare titoli e studi fanno fatti a sostegno della propria categoria. CONSIGLI NAZIONALI ……….. BATTETE UN COLPO SE CI SIETE ………. naturalmente non sulla nostra testa ……… se potete. A.A.


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

32

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

Corriere della Sera - Ed. nazionale 10/10/2012

(diffusione:619980, tiratura:779916)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

33

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

Il Sole 24 Ore 10/10/2012

(diffusione:334076, tiratura:405061)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

34

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

La Repubblica - Ed. nazionale 10/10/2012

(diffusione:556325, tiratura:710716)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

35

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

La Stampa - Ed. nazionale 10/10/2012

(diffusione:309253, tiratura:418328)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

36

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

Il Messaggero - Ed. nazionale 10/10/2012

(diffusione:210842, tiratura:295190)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

37

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

Il Giornale - Ed. nazionale 10/10/2012

(diffusione:192677, tiratura:292798)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

38

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

Finanza e Mercati 10/10/2012

(diffusione:21000, tiratura:267600)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

39

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

Libero - Ed. nazionale 10/10/2012

(diffusione:125215, tiratura:224026)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

40

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

ItaliaOggi 10/10/2012

(diffusione:88538, tiratura:156000)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

41

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

La Gazzetta dello Sport - Ed. nazionale 10/10/2012

(diffusione:368484, tiratura:513197)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

42

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

MF - Ed. nazionale 10/10/2012

(diffusione:104189, tiratura:173386)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

43

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

Il Fatto Quotidiano - Ed. nazionale 10/10/2012

(tiratura:100000)


La proprietà intelletuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato

44

PRIME PAGINE - Rassegna Stampa 10/10/2012

Pag. 1

Pubblico Giornale 10/10/2012

Rassegna Stampa Geoweb  

Rassegna Stampa Geoweb

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you