Page 1

GENTE SALESE - MENSILE DI ATTUALITÀ, CULTURA E INFORMAZIONE

N° 08 - ANNO XXXI - SETTEMBRE 2014

n. 8 SETTEMBRE 2014

GENTE SALESE

Un castello per sognare un matrimonio da favola 4

Insofferenza per il degrado ambientale

9

Stigliano - Praga scambi culturali

10

Ala Salese risponde alle accuse


intro. 2

Il 18 settembre, come oramai noto, la Scozia ha tenuto il suo referendum chiesto dall’agguerrito movimento separatista che da anni persegue il divorzio dal Regno Unito. Hanno vinto i no. Fortunatamente per la Scozia, l’Inghilterra e l’Europa tutta. Tuttavia è stata una lezione di democrazia diretta che il Regno Unito ha dato al Mondo. Una analoga istanza di referendum avanzata da un composito cartello di movimenti separatisti veneti è stata, invece, prima ostacolata in Regione ed ora, ottenuta finalmente la legge regionale, dal Governo centrale. È fuori dubbio che la richiesta di referendum sia storicamente, giuridicamente e politicamente ragionevole e legittima. Perché allora non fare esprimere il popolo con un esercizio di democrazia diretta? Paura? Miopia politica? Io credo che il Veneto (che, nonostante il suo peso economico e demografico, politicamente ha sempre contato molto poco) sia stato portato dall’Italia e con l’Italia al disastro ma credo anche che adesso senza l’Italia andrebbe incontro ad una catastrofe ancora peggiore. Emotivamente, con le ragioni del cuore, direi si, sottraiamoci a questo abbraccio soffocante di una matri-

gna ingorda, iniqua, impostaci e sempre poco amata. Ma razionalmente, ripeto, mi vien da temere che un salto al buio sarebbe una disgrazia ancora peggiore. Pensate all’impatto della nuova moneta sui mercati finanziari mondiali, alle relazioni internazionali, alla rinegoziazione del nostro stare in Europa ecc. Io credo che sarebbe più realistico, semplice e utile perseguire la trasformazione dell’Italia in uno stato federale come la Germania composto da cinque/sei macro regioni ognuna costituita da popoli con storia, cultura, economia e territori affini. Uniti e in Europa, ci si risolleva e si torna a vincere le grandi sfide del mondo globalizzato; divisi perderebbero sia il Veneto che l’Italia. A questo punto, però, bisogna tenere il referendum senza indugi; il popolo veneto deve poter esprimersi in piena autonomia e libertà. Realisticamente non sarà indipendenza, ma un bella performance dei sì darebbe una forte scossa ai partiti ed al governo romano per indurli ad intraprendere, finalmente, un serio ed effettivo processo di decentramento e di autonomia reale come si spera possa succedere per la Scozia. Giovanni Vanzetto

Basta un temporale per mettere in pressione la rete di drenaggio e in allarme gli abitanti

Problema idraulico

É bastato un temporale notturno, la notte di martedì 9 settembre, per mettere in pressione la rete di drenaggio idraulico comunale ed in apprensione gli abitanti dei quartieri di Caltana e Sant’Angelo, vittime delle ultime recenti esondazioni. Fortunatamente non si lamentano danni, ma l’evento è premonitore di una situazione che, nonostante gli interventi sui maggiori fossati avviati fin dal 2011-12 dalla giunta Bertoldo, rimane sempre precaria e potenzialmente ancora pericolosa. Di nuovo c’è un fatto preoccupante, un nuovo campanello d’allarme: per la terza volta è andato in leggera sofferenza il nuovo quartiere “Palmira” racchiuso fra il Viale delle Rimembranze e Via Marconi, Via Gaffarello. Nulla di particolarmente grave, ma sintomatico di una situazione di precario equilibrio idraulico che potrebbe collassare da un temporale all’altro. In effetti il nuovo quartiere è circondato da fossati che tali sono solo di nome. Di fatto sia quelli sul

centralissimo Viale delle Rimembranza, sia quelli su Via Marconi sono pressoché interrati e non più in grado di garantire un regolare drenaggio delle acque piovane verso il bacino del Muson. In effetti tutto il centro del Capoluogo necessiterebbe di un radicale intervento di risanamento, come nei programmi Lista Salese, ci dice Paolo Bertoldo, non solo sui già citati assi viari ma anche su tutta via Roma e sulla peschiera di Villa Farsetti le cui acque stagnanti ed imputridite continuano a dare uno spettacolo di generale incuria e precarietà igenico-sanitaria. E non è un problema di risorse. Soldi ce ne sono e tanti per altre cose che più interessano, è solo un problema di sensibilità e di priorità.

TORO Agenti Generali: dott. Vito Stocco e rag. Roberta Degan

di Zanchin O. & Bertocco M. Via Caltana, 10/A - 30030 Caltana (VE) Tel. e Fax 041/5731603

Agenzia Generale via A. Gramsci 61, 30035 Mirano (VE) tel: 041/433333 agenzia451@toro.generali.com Subagenzia via Matteotti 15, 30031 Dolo (VE) tel: 041/413666 toro.dolo@libero.it

ferro tondo per cementi armati profilati - tubi - lamiere - travi profilati speciali per serramenti accessori - raccorderia Tende:

AD ARCO, A CAPPOTTINA, FISSA, A BRACCI ESTENSIBILI PER ARREDAMENTO, GAZEBI PER GIARDINO, BOX AUTO, ZANZARIERE

Via Noalese, 167 Santa maria di sala (VE) Tel. 041.5730222 Fax 041.5730966


3

Un castello per sognare un matrimonio da favola Il castello di Stigliano verrà vestito a festa per sedurre con le sue bellezze e la sua dimora storica risalente al XII-XIII sec., tutte le coppie di sposi che sognano un matrimonio da favola in un autentico castello medievale. Diciamocelo: qual è quella donna che, almeno una volta, non ha sognato un matrimonio da favola, in un autentico castello d’epoca, ricco di fascino e di storia? La risposta è sicuramente “tutte”. E allora per tre giorni, grazie agli intenti di commercianti quali Otello Calzavara, Vasco Muffato e Claudio Gambato e alla disponibilità di Paolo Bertan, titolare del Castello di Stigliano che, accogliendo l’importanza di questo evento per il territorio, ha dato la disponibilità in questo contesto esclusivo, tra storia e cultura, tra tradizione ed eleganza, si terrà la mostra nel Castello di Stigliano. L’8 e il 9 novembre 2014, dalle ore 10.00 alle ore 21.00 e lunedì 10 con la Grande sfilata di moda, verrà presentata la 2ª edizione di “Sposi e non solo…”, un evento con ingresso gratuito che consente un’esposizione in grande stile, con la selezione delle migliori aziende racchiuse nel triangolo tra Venezia, Padova e Treviso, di dedicare le

proprie offerte alle nozze. Gli sposi troveranno spunti, consigli, idee, soluzioni per il loro matrimonio. La Mostra Temporanea, allestita nelle sale interne, consentirà, in un romantico viaggio, una carrellata delle migliori proposte perché il matrimonio sia espressione di colori, di fragranze, di profumi, di tessuti, di servizi, di qualità, di eleganza, di professionalità che ri-

specchino lo charme e il fascino degli innamorati. Quindi non mancheranno angoli dedicati alle foto, ai video, alle bomboniere, agli abiti per lei (scoprite qui le tendenze per il 2015) ideati da atelier leader della creazione e produzione di abiti da sposa e da sposo. Tutti i vestiti vengono realizzati grazie alla maestria e alla professionalità di sarti che finiscono ancora oggi gli abiti a mano con collezioni ad alto contenuto artistico ispirati all’Alta Moda italiana ed internazionale. L’esposizione di Stigliano di S. Maria di Sala può contare su oltre 50 espositori a cui chiedere consigli, consulenze e confrontarne i prezzi. Chiedete aiuto ai parrucchieri e ai truccatori, tutti professionisti con anni di esperienza che vi daranno consigli utili per essere irresistibili il grande giorno. Ci saranno poi stanze delle wedding planner, quelle dedicati alle liste nozze e quelle di aziende che si occupano di casa, dei vostri viaggi e per realizzare il vostro nido a regola d’arte. Potete visitare la mostra facendovi

accompagnare dai vostri testimoni di nozze o dalle vostre amiche del cuore, ma anche dai vostri familiari e amici: la goia sarà veramente grande. Inutile dire che la curiosità è donna. È un appuntamento imperdibile per tutti e sarebbe così bello poter sognare insieme con queste belle proposte. Graziano Busatto

www.cvviaggi.it

COSTRUZIONI EDILI CIVILI, INDUSTRIALI E RESTAURI

PAGOTTO

di Pagotto Sandro & Co. snc

Via Zinalbo 59 - 30036 Santa Maria di Sala - Venezia Tel./fax 041 5730308 - e-mail: edilpagotto@virgilio.it

Via Bastia Fuori, 26,1 - 30035 MIRANO (VE) Tel. 041.5703812 - Fax 041.5703805


4

L’insofferenza per il degrado ambientale del centro

Dopo mesi, grazie alla sagra della Natività, finalmente si è provveduto a sistemare un po’ il centro del Capoluogo ed il quartiere a nord di Villa Farsetti. Oltre al fatto che ci sia voluta la sagra perché qualche cosa si muovesse, bisogna anche lamentare il pressapochismo con cui sono state effettuate le manutenzioni. Un osservatore attento può intravvedere, al di là di una pulizia di facciata, tutte le magagne del centro del Capoluogo. Via Roma è sempre tenuta in uno stato di quasi abbandono con la peschiera che circonda e fa da recinto alla Villa ridotta ad una pozzanghera di putrida acqua stagnante (è come aver confezionato una bella bomboniera con una cartaccia unta di salame). Anche l’alta mura che chiude il lato nord versa in un totale stato di trascuratezza con la vegetazione fuori controllo. I vialetti inghiaiati del parco antistante la Villa sono infestati dall’erba dei prati; non parliamo, poi, dello stato dell’ingresso affacciato sul Viale delle Rimembranze. Il pretenzioso centrale Viale dei Carpini (ripulito dopo mesi solo in occasione della sagra), da mesi presenta una slabbratura sul marciapiede est che sta compromettendo anche la pavimentazione e la rustica staccionata, che lo fiancheggia e lo delimita sul lato est, è in uno stato fatiscente. Il Campo Scuola di educazione stradale non è utilizzato poicgè l’erba viene falciata molto saltuariamente. Gente Salese da anni denuncia l’inadeguatezza degli interventi sul territorio (a parte ovviamente la zona del Municipio e in parte Villa Farsetti) ma purtroppo i risultati sono quelli che sono e le scuse della poca disponibilità finanziaria ormai non imbambolano più nessuno.

Spazi verdi lasciati nell’incuria generale

Peschiera a est della Villa Farsetti

Il muretto lato est di Villa Farsetti

L’erba cresce nel viale di Villa Farsetti

Staccionata viale Carpini

Marciapiede viale Carpini

Sul Viale dei Carpini, a nord di Villa Farsetti, si affaccia uno dei due nuovi edifici dell’ATER. Il bell’edificio stile caserma si compone di una dozzina circa di appartamenti di cui solo due occupati. Sul Viale dei Carpini sono allineati i giardini di pertinenza del condominio e delle singole unità abitative che, a parte quelli delle due unità occupate, si presentano in uno stato di totale abbandono e di degrado. L’erba non viene tagliata chissà da quanto tempo, tanto che ha raggiunto e superato l’altezza delle recinzione. Certamente non è un bel biglietto da visita per il centralissimo quartiere, la Villa e tutto il Comune. L’amministrazione ci dirà che non è di sua competenza poiché si tratta di proprietà non comunale, ma ci viene da dire che quando ha voluto non si è fatta di questi scrupoli e che oltre all’intervento diretto, il sindaco, volendo, avrebbe altri strumenti per far tenere decorosamente un’area in centro abitato. Fra l’altro, lo stato di questi piccoli spazi verdi, i “campi” del quartiere (pretenziosamente definiti area verde) che vengono falciati irregolarmente e lo stato dei fossati delle adiacenti Via Roma e Via Noalese fanno anche temere per l’aspetto igienico sanitario di un quartiere densamente popolato anche da bambini. La Lista Salese ha presentato numerose interrogazioni in Consiglio Comunale sul problema delle manutenzioni, ma tutto appare inutile. La speranza, però, è l’ultima a morire e noi confidiamo che qualcuno prenda coscienza della situazione e provveda in merito. Chi vivrà vedrà!

• COSTRUZIONE, VENDITA, LOCAZIONE BENI MOBILI ED IMMOBILI • TRASPORTO IN CONTO TERZI • TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI IN IMPIANTI AUTORIZZATI • SCAVI E DEMOLIZIONI EDILI • PULIZIA ED ESPURGO POZZI NERI, DISINTASAMENTO TUBAZ. AD ALTA PRESS. • BONIFICHE AMBIENTALI E RIMOZIONE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO

GRUPPO BOLZONELLA Via Ariosto 2 30036 Santa Maria di Sala (Ve) tel. 041 5780386 fax. 041 5780989 -

• COSTRUZIONE IMPIANTI DI SCARICO FOGNATURE E MANUTENZIONE

Email. bolzonella.group@tiscalinet.it

• NOLO CASSONI SCARRABILI E BOX SERVIZI IGIENICI PER MANIFESTAZIONI

www.bolzonellagroup.com


La Giunta Fragomeni non riesce a garantire una buona manutenzione Siamo ormai giunti al giro di boa del mandato amministrativo della giunta Fragomeni e purtroppo dobbiamo denunciare ancora una volta la assolta incapacità di questa amministrazione di garantire una regolare e decorosa manutenzione del verde pubblico e dell’arredo urbano dei nostri centri. Lista Salese è intervenuta ripetutamente in Consiglio Comunale sull’argomento ma ottenendo solo lo scherno di una amministrazione incurante dell’opposizione e del gran numero di cittadini che essa rappresenta ed ancor peggio incurante dei beni pubblici. Lo stato dei cimiteri e di Villa Farsetti in mano a dei dilettanti improvvisati è sotto gli occhi di tutto. Il verde e l’arredo dei quartieri viene manutenzionato con troppa irregolarità e pressapochismo; l’intervento sui fossi di Villa Farsetti, oltre a non aver prodotto alcun esito positivo, ha visto un trattamento dei fanghi di scavo a dir poco “superficiale”; l’illuminazione pubblica è utilizzata in modo del tutto irrazionale con eccessivi punti luce accesi in alcune zone (piste ciclabili, parcheggi inutilizzati ecc) e totalmente spenti in altre. Il parco-giardino di Villa Farsetti, realizzato dalla amministrazione Bertoldo nel 2008, costato centinaia di migliaia di euro, appare in totale stato di abbandono. L’erba sta colonizzando incontrastata i viali inghiaiati così come le quinte

di carpini, non più potate, che stanno perdendo la loro forma. Le panchine di legno non hanno mai visto manutenzione e stanno rapidamente andando in malora; la fontanella sul lato est è fuori uso chissà da quanto tempo. La fontana centrale con la sua vasca e i pilastrini marmorei non sono mai stati puliti. Il retro della Villa, a ridosso della biblioteca e della mura a nord, sembra ormai una discarica, il muretto a vista sul lato est che guarda la chiesa è in sfacelo con cedimenti preoccupanti e interamente colonizzato da erbacce. Non ci sono parole per descrivere la trascuratezza ed il degrado. Si continua a pulire solo “dove passa el prete” come una volta rimproveravano le brave mamme a fronte di pulizie fatte frettolosamente e con indolente pressapo-

Lo scorso 20 marzo l’amministrazione comunale dava grande enfasi alla consegna dell’ampliamento della scuola media “..iniziato nell’aprile 2013 e completato a tempo di record...un intervento dal costo di 1.550.000 euro a cui si sommano 100 mila euro per lavori al piano terra (non si dice quali) e 75 mila euro per l’installazione dell’impianto fotovoltaico..(complessivi 1.725.000 Euro)”. Questo è stato messo in bocca all’assessore Merlo sul notiziario comunale di aprile 2014, mentre il suo collega Semenzato scriveva: “.. il cantiere non è chiuso, tra breve saranno appaltati i lavori per l’impianto fotovoltaico... Tra poco inizieranno anche i lavori relativi all’area esterna, che saranno ultimati in tem-

po per l’avvio del prossimo anno scolastico..” Quel “tra poco” voleva significare 6 mesi. Si perché tanto c’è voluto alla nostra amministrazione dei records per avviare i lavori di sistemazione esterna deliberati solo il 29 agosto con determina 394. Risultato che, dopo una settimana dall’avvio della scuola, ci sono ancora i camion e le ruspe nel giardino e la scala e la rampa di accesso alla nuova ala non sono ancora agibili. Tanta fretta per finire, aumento sconsiderato della tassazione per finanziare tutto l’ampliamento col bilancio del 2013, per poi arrivare a questi stati. Tanto valeva, come diceva il cons. Vanzetto, finanziare l’intervento con i bilanci 2013 e 2014 (come originariamente previsto

5

Discarica sulla mura lato nord di villa Farsetti

chismo. Abbiamo voluto denunciare lo stato del Capoluogo non perché sia il solo che presenta criticità, ma come esempio. Ogni frazione, a ben vedere, avrebbe le sue magagne da denunciare. E non è un problema di risorse ma di gestione. Vedremo come le nuove tasse stiano portando nelle casse del comune molti più denari di quanto ipotizzato. Soldi per le manutenzioni ne vengono spesi molti, ma evidentemente con risultati del tutto insoddisfacenti. A questo punto è lecito chiedersi se, a fronte di un rivolo inesauribile di denaro pubblico speso per queste cose c’è, poi, qualcuno che controlli come vengono eseguiti i lavori e valuti la congruità della spesa in base al risultato.

Promesse mancate per l’apertura delle scuole

anche dalla stessa amministrazione) senza vessare ulteriormente i contribuenti salesi. Senza contare, poi, che i lavori eseguiti troppo frettolosamente creano sempre dei problemi, come la nuova costruzione a cui si è dovuto già porre mano per sistemare alcune “magagne”. Tanto paga Pantalon.


6

I sessantacinquenni insieme ad Arco (TN)

I 65 anni sono un traguardo significativo; traguardo e punto di svolta fondamentale della vita di ogni persona. Generalmente la vita lavorativa volge al termine se non è già finita e quindi cessano le tensioni e le preoccupazioni per il lavoro e, nonostante qualche acciacco, la salute e le forze tengono ancora; i figli sono grandi e per lo più sistemati; si entra generalmente in una nuova fase di vita anche relazionale più tranquilla, e anche per la burocrazia si accede alla nuova classificazione sociale che si chiama “vecchiaia”. Certo non si sentivano vecchi i 150 salesi che domenica 14 settembre hanno festeggiato tutti assieme i sessantacinque anni della “classe 1949” con una bella gita ad Arco. Dal compimento del quarantesimo anno la “classe 1949” ha concluso ogni nuovo lustro con una festa unitaria per tutti i nati o residenti nelle sei frazioni del Comune. Come sempre la partecipazione è stata numerosa ed entusiasta (a parte quella dei residenti nel capoluogo distintisi per la loro quasi totale assenza). Meta della gita era l’estremo nord del Lago di Garda con Arco ed i suoi dintorni con particolare attenzione alle bellezze dell’uomo e della natura. Dapprima la comitiva ha potuto perdersi fra le suggestive case, portici e viuzze di Villa Canale, storico borgo rustico esemplarmente recuperato sulla strada del Lago di Tenno. Nel pomeriggio, poi, anche per aiutare a digerire il ricco e ben annaffiato pranzo, l’allegra brigata ha fatto due passi nel giardino del Varone per ammirare quella misteriosa, superba, affascinante, immensa scultura creata nei millenni dal torrente Magnone e dalle perdite sotterranee del lago di Tenno nella loro caduta di oltre

90 metri verso valle. La giornata, finalmente serena e soleggiata, cadenzata da ritmi adeguatamente lenti e rilassati, ha favorito, soprattutto, l’incontro di tanti coetanei che magari non si vedevano da anni, la socializzazione, lo scambio di informazioni e notizie sulla famiglia, gli affari, gli affetti.

Credo di interpretare il pensiero di tutti nel ringraziare Loris (nella foto a sinistra con la signora ) che col suo entusiasmo ha ancora una volta trascinato anche i più pigri ed i più restii a muoversi e con lui i suoi collaboratori Giancarlo, Bepi, Giorgio e Renzo. Ma il grazie più grande va a tutti i partecipanti che assieme, serenamente e con semplicità hanno costruito un positivo momento di vita sociale che andrà ad arricchire il patrimonio di bei ricordi che ognuno conserva.

Arrivederci alla prossima, sperando che la compagnia possa ulteriormente allargarsi anche ai più “pigri” Giovanni Vanzetto

Festa a Caltana per Suor Serena che indossa il velo da consacrata I Centenaro di via Cavin Caselle quest’anno hanno coronato il sogno: il dono di una figlia al Signore. Infatti Serena, una delle tre figlie, ha indossato solennemente il velo da consacrata. La cerimonia ha avuto luogo a Roma, a Castel Gandolfo per la precisione, il 6 agosto. L’emozione per tutta la famiglia è stata fortissima. Al ritorno dalla capitale, ancora con il cuore a mille, subito a preparare una festa a sorpresa per la Sorella a Caltana. Tutti indaffaratissimi e pieni di cose da fare e organizzare (ed è in questo momento che si sente e si vede la presenza di tutta la comunità e delle storiche amiche) nel dare un contributo fondamentale per la riuscita della festa. Suor Serena è stata infatti la protagonista della giornata del 17 agosto nella parrocchia di Caltana, dalla messa del mattino, animata dal

4.000 mq di articoli regalo, cartoleria, casalinghi, giocattoli, articoli da campeggio.

BRICO FAI DA TE tutti gli articoli per il tempo libero e il fai da te Presso il Centro Commerciale PRISMA a Caselle di Santa Maria di Sala - Loc. Madonna Mora Tel. (041) 5730377-5730323 - brico center (041) 5731405

coro dei giovani, fino agli scherzi del pomeriggio, passando per un buffet molto gustoso e saporito. Il tutto condito dalla festosa compagnia e il vivace intrattenimento che solo gli eventi felici come questo sanno regalare. Il gruppo dei giovani si è esibito anche in una (quasi) perfetta cover di due canzoni facenti parte del musical “Sister Act”, ha espresso i caratteri fondamentali di Serena attraverso 14 “stazioni” (come la via Crucis), ha fatto danzare, sfilare e cantare una Serena visibilmente emozionata, a tratti imbarazzata, ma sempre raggiante e solare. Da quando Serena ha fatto questa difficile scelta chi la conosce bene non può non aver notato che le sfide che la vita le mette davanti vengono affrontate da lei con una marcia in più, con un aiuto vicino e una presenza costante come

se avesse fatto sue le parole di S. Paolo ai Filippesi “Tutto posso in Colui che mi da forza”. Famiglia e amici augurano di cuore a suor Serena un buon proseguimento di cammino. Giacomo Centenaro


7

Caselle: GARDIN maestoso altare per la festa della comunità COMPRO ORO

ACQUISTO: ORO - ARGENTO - PREZIONI MONETE ED OROLOGI IN ORO

Cell. 392 3836677 - VENEZIA S.CROCE Campo Nazario Sauro , 982/B Tel. 041 2411394 - VENEZIA CASTELLO Calle Longa S. Maria Formosa, 5233 Tel. 041 5731902 - CASELLE di S. MARIA di sala - Via Noalese, 240

mobili

Pago subito in contanti

MASSIME VALUTAZIONI

DIAMO VITA ALLA TUA CASA GARDIN MOBILI Centro Cucina

Via Cavin Caselle, 187 30036 Caselle di S. M. di Sala (VE) tel. e fax 041 5730107 info@gardinmobili.it www.gardinmobili.it

di Pedron Guerrina SALUMIFICIO F.lli CELIN S.n.c. INGROSSO LAVORAZIONE CARNI SUINE Via Barbariga, 118 - 30032 FIESSO D’ARTICO (VE) Tel. 049 502056 - 049 502423 - Fax 049 502392 E-mail: commerciale@salumificiocelin.it

Via Martiri della Libertà, 5/D 30036 Sant’Angelo - di S. M. Di Sala (Ve) Tel. 041 486628 - Fax 041 5769480 Cell. 339 8257010 agrilandl0@gmail.com

IMPRESA EDILE BARIZZA S.A.S. di Barizza Gianfranco & C.

Sede Legale: Via Lissa, 12 - 30174 MESTRE (Ve) Sede Amministrativa: Via Firenze, 20 30036 SANTA MARIA DI SALA (Ve) Tel. 041 487010 - Fax 041 5760217

ILLUMINAZIONE DA INTERNI ED ESTERNI ILLUMINAZIONE SU MISURA LAMPADINE A LED E BARRE LED

SHOWROOM & SHOP Santa Maria di Sala (Ve) - Via Noalese,114 www.lucearteled.com info@lucearteled.com

Vendita al minuto di piante da interno ed esterno Maggio, oltre ad essere il mese della che svolge il suo lavoro mettendoci il MURELLE di Villanova (PD) Via Venezia, 65 - 30037 SCORZÈ (Ve) Zeminianella, 1 oltre le braccia. Non è nuovo ad Madonna e 185 dei- 30036 fiori, è anche il Via mese cuore, Via cavin Caselle, CASELLE Tel. 049 9220133 di Santa Maria di Sala (Ve) in cui il paese di Caselle, tradizionalimpegnarsi per la Comunità ed è rimente, si ritrova per la festa della sua cordato, anche, per avere costruito la Colazioni - Spritz Presentando questo Comunità. grande Croce. Quella Croce che è sta... Dolci su prenotazione coupon ta esposta a San Giuliano, l’8 Maggio Tante le persone che, normalmente, si pasticceria e di Domenica Per tutto il mes e 2014 mbrdi Gelato artigianale e Nove 2011, in occasione della visita Papa sentono di condividere questa giornaOttobre gelatodauistando un acq ta particolare in cui vengono esaltati i Benedetto XVI e in seguito, anche Lottomatica servizi con 2 gusti Cavin Caselle, 189 vanti alla chiesa di Caselle. valori Via cristiani e sociali di una comuniPagamento bollette - Ricariche Caselle S. M. di Sala (VE) il 3° gusto tà. Infatti, inizia con laBiglietti S. Messa Al termine della giornata, così (actv - la marca) e abbonamenti Tel. la 338festa 2769703 ! GGIOintensa è in OMA e continua con il pranzo comunitario. e trascorsa in serenità da tutti, la consapevolezza che la Comunità di CaSi svolge nel capannone solitamente selle si è arricchita ulteriormente nei allestito per la sagra, appositamente di accettazione e coesione. adattato per la particolare funzione 8 Dicembre 2014 - sentimenti Caselle de’ Ruffi P. B. religiosa grazie all’organizzazione e Mostra dei Presepi e mercatino di Natale al lavoro di molti volonterosi che si Per partecipare come espositori: renato.brazzolotto@yahoo.it impegnano affinché ci sia il posto per l’altare e per le circa 800-900 persone che normalmente partecipano. Quest’anno l’altare è stato predisposto in modo da accogliere, oltre il celebrante, anche i quattro gruppi di Cantori che Caselle esprime: Coro per Caso, Armonia di Preghiera, I Giovanissimi e la Corale che occupavano Un capitello, molto curato, è in beltutto il fondo del capannone. la vista in uno spazio di proprietà Visto di fronte, l’altare sembrava imdella famiglia Guidolin, all’incrocio ponente e dava una emozionante senfra via Desman e via Zeminianella, sazione di importanza alla cerimonia. a Sant’Angelo, ad evidenziare la Tutto bene, quindi. Una festa molto rivenerazione alla Madonna che queuscita e bene preparata. sta famiglia sente da sempre. Ogni Non può mancare un pensiero di graanno, alla seconda domenica di settitudine per quanti, molti, hanno coltembre, questo amore nei riguardi laborato alla realizzazione delle strutdella Madonna si esprime con una ture. In particolare, però, è doveroso Santa Messa, alla quale sono invitaricordare l’impegnativo allestimento ti tutti, in particolare i paesani. del bellissimo altare eseguito dalAnche quest’anno circa 250-300 la Ditta Linea Legno di Caselle e dal persone hanno aderito all’invito e suo, sempre disponibile, titolare, Rohanno partecipato alla Santa Mesberto Gardin. Quest’ultimo, infatti, è sa, celebrata alle ore 18, da Monun artigiano, come ama definirsi, ma signor Arduino Beltrame, amico NEW CONCEPT STORE WOMAN CASUAL CLOTHING AND FASHION BAGS & ACCESSORIES

PROSSIMA MANIFESTAZIONE

Sant’Angelo: il Capitello della famiglia Guidolin della famiglia Guidolin il quale, normalmente, svolge il proprio servizio presso il Duomo di Treviso. Una Santa Messa molto partecipata dai presenti e resa ancora più sentita dall’accompagnamento del Coro dei Giovani di Sant’Angelo. Le offerte raccolte all’offertorio sono state destinate a scopo benefico e devolute a Suor Nazarena a favore dei bambini ab-

bandonati nelle Filippine. Alla celebrazione è seguito, come sempre, un ricco buffet, offerto dalla famiglia Guidolin quale occasione per trascorrere qualche ora in armonia e serenità. P.B.

STONE HOUSE S.r.l. Pavimenti - rivestimenti - arredo bagno sanitari - rubinetteria - complementi d’arredo via L. Da Vinci, 5 - 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel. 041.487046 - fax 041.5760097 E-mail: info@simionatosrl.it - www.simionatosrl.it


8

A Sant’Angelo la sagra coinvolge tutto il paese

A Sant’Angelo, quest’anno, tutti attendevano il grande evento della sagra. Le persistenti, avverse, condizioni metereologiche non promettevano niente di buono ma, c’era da rispettare il voto che le famiglie avevano fatto con la Madonna, nel 1944; e infine c’era attesa per le novità introdotte rispetto alle precedenti edizioni. Il principio ispiratore della sagra 2014, come indicato dal parroco Don Pietro e seguito dal comitato organizzatore, era quello di ricondurre l’importante evento, principalmente, a festa della parrocchia, coinvolgendo tutti i parrocchiani. Don Pietro, in più occasioni, ha rivolto appelli ai parrocchiani affinché tutti fossero protagonisti della loro festa paesana. E sembra che l’invito sia andato a buon fine perchè la sagra, che si è svolta dal 22 al 26 agosto, ha avuto

una grande partecipazione di popolo. In particolare domenica 24, festa della Madonna della Cintura, la messa delle 10.30 e la tradizionale processione sono state partecipate, come raramente in passato. Forse

Anche quest’anno si è svolta la tradizionale “sagra del capusso”. Sotto la direzione di Luciano Venturini, lo stand gastronomico ogni sera ha sfornato specialità culinarie venete molto apprezzate. L’area musica, con la birreria, ha contribuito a render ancor più preziosa la sagra, soprattutto per la musica molto bella presentata dalle band selezionate da Maurizio Pattarello.

La Festa Patronale religiosa è della “Trasfigurazione”, che si festeggia il 6 Agosto. Quest’anno a celebrare la S. Messa solenne è stato Padre Gino Masiero, sacrementino in servizio a Trieste, molto legato a Veternigo perché è il paese natale di sua mamma Angelina Simionato. Durante la sagra la comunità si è stretta attorno alle Madri Canossiane per pregare per loro e ringraziarle del loro

La Sagra di Veternigo mostra di interessanti attività

perché si sono svolte al mattino anziché al pomeriggio. La Madonna, posta sopra un tradizionale carro, era trainata da fedeli che si alternavano, riuscendo ad allungare il percorso, rispetto gli scorsi anni, coinvolgendo un nume-

ro maggiore di famiglie. Come sempre, la Chiesa, ben curata e addobbata con fiori, è stata costantemente visitata dai fedeli. Tutta la sagra si è svolta nella più totale armonia e serenità con un servizio di volontariato encomiabile e, nonostante la pioggia, la gente ha partecipato numerosa. La rinomata cucina della sagra di Sant’Angelo, ha superato gli scorsi anni, in termini di fruizioni e introiti. A bocce ferme si può affermare che la sagra ha rappresentato principalmente un momento di fede e di coesione per la Comunità di Sant’Angelo. Poi, da non sottovalutare, è che tutto questo impegno collettivo ha portato un introito nelle casse della parrocchia. Tutto questo è il ringraziamento ai volontari per aver lavorato con gratuità, professionalità e competenza per il bene comune. P. B.

servizio in questi 80 anni di permanenza a Veternigo. Giampietro Vanin ha impreziosito la sagra allestendo una mostra personale nella scuola elementare, apprezzata da tutti i visitatori. Anche l’esibizione dei Pink Floyd Tribute Band ha animato la festa, come pure Benedetta Bruseghin che, con il suo staff, ha eseguito una coinvolgente dimostrazione di Zumba, invitando diverse persone a cimentarsi in questa danza. Il rumore di una cinquantina di trattori ha fatto sentire quella magia di “campagna” che neppure il tempo può cancellare.

Anche l’AIACE con Musical Aladin ha offerto un saggio di danza artistica. Una ventina di giovani si sono cimentati nelle gare dell’Anguria e della pastasciutta, organizzate dallo staff di volontari, che hanno conquistato il numeroso pubblico presente. A conclusione dell’ottima riuscita della sagra, don Paolo Cecchetto ha affermato che il successo è da ricercare soprattutto nella grande squadra di volontari ben motivata che ha lavorato per un unico obbiettivo: “ritrovarsi assieme allegramente”. Bertilla Ceccato

AUTOSCUOLA AGENZIA SALESE RECUPERO PUNTI

Via Lissa 124 - Mestre 30174 (Ve) Tel. 041 487010 Fax 041 5760217 Sede Amministrativa in Via Firenze 20 Santa Maria di Sala-VE Cell. +39 335 7053828 E-mail: impresabarizzasas@gmail.com

Patenti: AM-A1- A2- AB1-B-BE-C1-C1C- C- CED1-D1E-D-DE- SPECIALI CQC TRASPORTO MERCI E PERSONE

Email: autoscuola.salese@virgilio.it Via dei Larici, 2 - Tel e Fax. 041.487417 S. Maria di Sala (VE) UNI EN ISO 9001:2008 CERTIFICATO N. 5955/0

SI EFFETTUANO: Passaggi di proprietà auto e moto - Immatricolazioni - Demolizioni auto - Duplicati e conversioni patenti - Collaudi gancio traino e GPL - Targhe ciclomotori - Certificati camerali e Tribunale - Visure P.R.A. - Duplicati carta di circolazione - Corsi per stranieri - Rinnovo patenti con medico in sede


Bellissima esperienza di amicizia: ragazzi di Praga ospiti a Stigliano Noi giovani di Stigliano e Briana, grazie all’amicizia del nostro parroco don Rodolfo con don Stanislao, parroco di Praga, abbiamo avuto l’opportunità di ospitare nella nostra canonica 19 ragazzi della Repubblica Ceca.                                                                                  Non conoscendo i loro usi e costumi, sapevamo che sarebbe stato difficile comunicare con loro, soprattutto per la lingua, ma per fortuna l’inglese ci ha aiutato e per una settimana è stato bello saperlo parlare. Nonostante le prime difficoltà, già dal primo giorno d’incontro, dopo la S. Messa bilingue celebrata dal don

Rodolfo e don Stanislao, ci siamo ritrovati nel salone parrocchiale e abbiamo organizzato delle attività per conoscerci e instaurare un rapporto di amicizia e abbiamo subito notato il loro carattere molto socievole e aperto ad una nuova cultura. Durante la settimana sono state organizzate varie uscite, già nel pomeriggio di domenica il don ci ha portati sul Cansiglio a visitare le grotte del Caglieron; si sono poi susseguite le giornate passate a Padova, Cortina d’Ampezzo, Venezia e Jesolo. Sono stati giorni bellissimi all’insegna del divertimento e della conoscenza del-

9

le nostre città ricche di arte. Anche la giornata passata al mare è stata splendida e vedere la gioia di questi ragazzi che, per la prima volta, vedevano il mare è stata contagiosa! Al termine di ogni giornata, poi, ci trovavamo a cenare tutti insieme in canonica dove a turno delle signore ci preparavano delle cenette veramente deliziose!

Nozze di smeraldo in casa Calzavara Lino e Lucia festeggiano con i familiari Lino Calzavara e Lucia Moro, rispettivamente classe 1933 e 1938, hanno festeggiato il loro 55° anniversario di matrimonio, cioè le nozze di smeraldo. Lino e Lucia sono due persone che amano la vita semplice, quella che si basa sul volersi bene, sulla pace verso tutti e i cui fondamenti sono i tradizionali valori cristiani e della famiglia. Tutta la vita di Lino e Lucia è trascorsa serenamente anche se molto impegnata per crescere i sei figli. In particolare Lucia ha dovuto spendersi tutta per garantire l’indispensabile alla famiglia in quanto Lino è stato molte volte coinvolto in problemi sanitari che lo hanno costretto a curarsi e all’indisponibilità. Certamente sono stati i grandi sacrifici sopportati e le numerose prove, dal punto di vista della salute, cui Lino è stato sottoposto, a far maturare la convinzione in Lino e Lucia che la vita va vissuta ogni momento e, quando possibile, va anche festeggiata. Così, domenica 31 Agosto 2014, Lino e Lucia hanno deciso di ringraziare il cielo festeggiando il loro 55° anniversario di matrimonio. Lo hanno fatto a

loro modo, cioè con i loro familiari e con una messa di ringraziamento, che è stata celebrata al Santuario di Camposampiero, cui è seguito un pranzo degno di una nozze, in un locale immerso nel verde collinare e in un’oasi di pace, in un’atmosfera di festa e serenità. Anche il Parroco, don Paolo, ha vo-

Gottardo Dino & C. snc CARPENTERIA IN FERRO GAZEBI, COPERTURE, RECINZIONI SERRAMENTI IN ACCIAIO INOX, OTTONE E ALLUMINIO (con marchio CE) Via Rugoletto, 49 Veternigo di S. Maria di Sala (VE) Tel. e Fax. (041) 5780374

luto esprimere la sua gioia e la sua vicinanza a Lino e Lucia, partecipando alla festa e al pranzo. A Lino e Lucia vanno i nostri più affettuosi auguri per il bel traguardo raggiunto e per altre ulteriori, future, occasioni di festa con la loro bella famiglia. P.B.

Per noi ragazzi è stata una bellissima esperienza, perché abbiamo scoperto una realtà diversa dalla nostra, abbiamo imparato alcuni termini in lingua ceca e dopo tutto questo, non vediamo l’ora che arrivi il prossimo anno per andare noi a Praga e rivederli! DEME!!! ...che significa ANDIAMO!! Aurora, Giovanni, Giulia ed Irene

Inaugurata “La cantina del Borgo Antico”

Sabato 30 agosto ha aperto i battenti un nuovo negozio a Sant’Angelo, in via Martiri della Libertà 1/a (angolo via Desman). È 
“La cantina del Borgo Antico” di Mersia Furia. All’interno si trova un vasto assortimento di vini, birre artigianali e specialità gastronomiche italiane. Si trova, infatti, una mescita di 14 vini sfusi e birre artigianali. Una fornita enoteca con ampio spazio alla
grapperia. Vasto anche il reparto salumi d.o.p. e formaggi e un  assortimento di sughi, spezie,
oltre ad altri innumerevoli prodotti e specialità italiane.    Mersia e lo staff vi aspettano per farvi assaggiare delle delizie tutte italiane.


10

Il campo di volo dell’Ala Salese necessario per il servizio civile

Guerra di carte tra chi non vuole la scuola di volo e chi, da oltre vent’anni, persegue questa attività. A S. Maria di Sala succede anche questo. È il caso di un comitato formato da cittadini di Sala abitanti in alcune vie adiacenti al campo di volo che lamentano il runore e la pericolosità di questi velivoli durante le esibizioni. Hanno raccolto le firme per una petizione e l’hanno inviata al sindaco di S. Maria di Sala, chiedendo un suo intervento perché, a loro dire, “presunti sorvoli di apparecchi per il volo in zone abitate sono in contrasto con la normativa vigente”. Il sindaco ha chiesto all’ASD ALA SALESE, che gestisce la scuola di volo in via Luxore, di fornire all’Amministrazione Comunale, a stretto giro di posta, “tutta la documentazione in possesso circa l’attività svolta dall’Associazione, compresa una planimetria rappresentativa dello stato dei luoghi e delle infrastrutture in scala adeguata, al fine di verificare se sussistono le condizioni di legge per il proseguimento delle attività”. Per la scuola di volo è come un doccia fredda in quanto l’Amministrazione Comunale dovrebbe avere la documentazione agli atti. Nonostante ciò ha ripresentato i documenti. “L’attività è nata nel 1988, dietro la Villa Farsetti e, poiché si è consolidato un tipo di lavoro e per non dare fastidio ai cittadini, nel 1990, ci siamo spostati in via Luxore” – afferma il direttore della Scuola, Costantino Rigo.

per sederti qui chiamaci allo

041 487356

“Dal 1991 abbiamo la certificazione della scuola, con i relativi rinnovi ogni quattro anni e attualmente è regolare fino al 2016”. A prendere posizione è stato il presidente del Reparto volo Emergenze della Regione Veneto, Davide Burei, che ha asserito che il campo di volo dell’Ala Salese è perfettamente in regola, argomentando che la nuova normativa relativa al Decreto del Presidente della Repubblica del 9 luglio 2010, n. 133, regolamenta la disciplina dell’attività di volo da diporto o sportivo, denominato: «VDS», e si applica

l’Aeronautica militare e l’Aero Club d’Italia”. Tutti documenti sono stati prodotti e consegnati in Comune- afferma il presidente Burei• l’autorizzazione per l’Avio superficie della Questura di Venezia; • l’autorizzazione dell’Ente Nazionale per l’aviazione civile (Enac) • l’accordo con il 51° Stormo di Istrana che controlla lo spazio aereo; • la certificazione dell’Aereo Club d’Italia che certifica la scuola di volo fino al 2016;

a tutti gli apparecchi VDS individuati nell’allegato alla legge 25 marzo 1985, n. 106, operanti sul territorio nazionale. Infatti l’art 6 al capoverso 1 recita: Il decollo, l’atterraggio ed il rimessaggio possono essere effettuati su qualsiasi area idonea, ivi comprese le aviosuperfici, le idrosuperfici e le elisuperfici certificate dall’ENAC nonché su aree occasionali … il capoverso 3 ribadisce ”L’atterraggio, il decollo e le operazioni di volo in prossimità di aeroporti civili sono effettuate esclusivamente su autorizzazione rilasciata dall’ENAC, previo coordinamento con il fornitore di Servizi di traffico aereo competente. In prossimità di aeroporti e di installazioni militari, dette attività sono soggette alla preventiva autorizzazione rilasciata dal Ministero della difesa, in aderenza a specifici accordi tecnici stipulati tra

la pubblicazione su l’Ente Nazionale Sicurezza del Volo che la nostra scuola è autorizzata. Ora chiederemo alla Regione del Veneto che quell’area diventi di pubblica utilità - conclude Burei - La gente non sa che queste aree diventano indispensabili in caso di calamità e per i cittadini sono a costo zero”. Ma Costantino Rigo vuole ribadire la collaborazione con numerose attività sociali: • Il GREST di S. Maria di Sala e Veternigo; • L’Associazione disabili Il portico; • La Protezione Civile. “Ora abbiamo lanciato l’idea scuola “Voglia di Volare” e iniziamo con la scuola ITIS Newton di Camposampiero - prosegue Rigo - Lo scorso anno abbiamo chiesto all’Amministrazione Comunale di S. Maria di Sala la pos-

Il direttore Costantino Rigo sibilità di fare un corso per imbarco e sbarco su elicottero del 118 e protezione civile. Un progetto completamente gratuito curato da un colonello dell’esercito. Dopo sollecitazioni e non ricevendo risposta dal Comune, avvilliti, abbiamo rinunciato al corso. Abbiamo protocollato in Comune le schede tecniche delle scuole, il curriculum degli istruttori e i relativi brevetti, tutte le immatricolazioni degli ultraleggeri in nostro possesso e tutte le assicurazioni degli ultraleggerei, della scuola e del campo per responsabilità civile. Ma più che carte, a noi piace esibire il nostro impegno che è rivolto ai giovani, insegnando la disciplina del volo e il significato delle regole; abbiamo fatto sorvoli del territorio per collaborare con la protezione civile, in occasione di certe emergenze. Non vogliamo dire che siamo bravi - conclude Rigo - ma certamente il nostro impegno è di fare le cose con professionalità e nel rispetto delle leggi e, possibilmente, rendendoci utili alla società”. Graziano Busatto

Salone Triade Master head o Micr era cam ntrollo x co tuito gra capello del


più di 100 tennisti Under TUTTO LO SPORT VERO per il circuito 3 stelle È DI casa a Stigliano Più di cento ragazzi hanno partecipato al torneo nazionale Under 10/12/14/16 maschile e femminile, arrivando anche dalla Lombardia e dal Friuli, dandosi battaglia nei campi della S.D. Tennis Club Santa Maria di Sala per aggiudicarsi il titolo della tappa del Circuito 3 stelle Young Boys. Ottimo il livello di gioco con splendide partite. Purtroppo il tempo, nel fine settimana, non ha aiutato il normale svolgimento delle finali, svoltesi per la prima volta in tre giorni differenti. Un grazie al giudice arbitro Rossana Favaro Baldi, al direttore di gara Paolo Vecchiato e all’aiuto di Marco Marzaro e Marie Ivonne Vecchiato, contribuendo tutti a portare a termine il torneo, andando incontro il più possibile alle esigenze dei partecipanti e dei genitori e maestri accompagnatori.

Da sx: Carlo De Nardi (T.C. S. Maria di Sala) Simone Colzani (T.C. Cantù – Como) finalisti Under 16 maschile

Centro Karate Interstile: Ottime prestazioni di Salvadori e Zanardi nella 19ª edizione “Open mondiale” di Lignano Per la terza volta consecutiva l’atleta e allenatore cintura nera 4° Dan Salvadori Groppo Stefano del CENTRO KARATE INTERSTILE di Santa Maria di Sala,  del Maestro Renzo Paganin, è  salito sul podio, conquistando la medaglia di bronzo al 29° Open Mondiale  organizzato dalla Federazione Italiana di Karate FILKAM, svoltosi a Lignano  Sabbiadoro  il 24 agosto 2014, La manifestazione esprime i migliori atleti mondiali, con altissimi livelli tecnici. Ogni anno si ripete l’alta affluenza di più di mille atleti provenienti da tutta  Europa, nelle varie specialità del Kumite, combattimento Kata e forma. La gara si è svolta in due giornate . Stefano ha gareggiato nella specialità del Kata o Forma individuale nella categoria Master più 50 anni, mentre l’atleta Maurizio Zanardi, pure lui del Centro Karate Interstile sempre nella specialità del Kata. Nella categoria di età oltre 55 anni, si è classificato al 5° posto, sempre buono il risultato considerato il livello internazionale. Prossimo appuntamento Internazio-

nale sarà la gara INTERNAZIONALE “VENICE CUP”, prestigiosa competizione che si svolgerà nell’ambito di tre giorni a Caorle , il 14-15-16- novembre prossimi. Si prevedono circa 2000 competitor provenienti da ogni parte d’Europa e del mondo. Pertanto nuovo impegno e sacrificio sia per gli atleti che per il M° Renzo Paganin, i quali si augurano altri nuovi traguardi.

Anche quest’estate lo staff dell’ U.S. Marco Stigliano ha allietato le serate dei propri concittadini e non con numerosi eventi sportivi. Si sono svolti, infatti, nel periodo da fine giugno a fine luglio, il tradizionale torneo di calcetto paesano, arrivato quest’anno alla 29esima edizione, il torneo amatoriale di volley, ormai da anni affermato ed immancabile evento che vede tra l’altro anche la partecipazione di compagini fuori comune, e infine svariate gare di bocce tra cui il 2° memorial Francesco Cuogo che ha visto una nutrita partecipazione di bocciofili e di pubblico. Il torneo di calcetto contava ai nastri di partenza ben 8 squadre per un totale di 90 tra giocatori, allenatori ed accompagnatori. Vincitrice è stata la squadra dei Newell’s Old Boys, debuttante la scorsa edizione, ma subito capace di imporsi in questa, che ha battuto in finale i Legionari, squadra debuttante

11

composta da giocatori della squadra amatori della società che aveva vinto il girone eliminatorio. Sull’ultimo gradino del podio è salita la squadra Treponti che nella finalina si è imposta sui campioni in carica del Don Mazzi. Sono stati eletti poi miglior portiere Giovanni Prete (Legionari) e capocannoniere con 14 reti Federico Masiero (Hellas Muson). Il torneo di volley, sempre più atteso e combattuto, contava ben 8 squadre equamente divise in due gironi all’italiana. Vincitrice è stata la squadra Skyteam. L’ U.S. S. Marco Stigliano, come sempre, ringrazia tutto lo staff che si è messo a disposizione per organizzare e gestire tutti gli eventi sportivi, tutti i partecipanti per la loro passione nel praticare la propria disciplina sportiva e tutto il pubblico che ogni sera ha riempito gli impianti. C. V.

Nella foto da sx, Stefano Salvadori , al centro Maurizio Zanardi con il M° Renzo Paganin.

AGENZIA DUCALE PRATICHE AUTO E AMMINISTRATIVE ASSICURAZIONI - BOLLI AUTO Via Caltana, 169 - 30036 Caselle di S. Maria di Sala (VE) Tel. 041 5731255 www.gioielleriadalmaso.com email: oreficeria.dalmaso@gmail.com

Dal lunedì al venerdì: 8.30-12.30 e 15.00-19.00 / sabato: 9.30 – 12.00 Via Cavin di Sala, 65 – 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel. 041/487453 – Tel/Fax 041/487871 E-mail: info@agenziaducale.com - web. www.agenziaducale.com


RUBRICHE

12

Le perle nere ... riflessi d’amore Lo so: vi state chiedendo se Olmes mi portò davvero con sé in Tanzania. Ebbene no. Nel senso che non andammo in Africa, ma mi chiamò per chiedermi di seguirlo a Hong Kong. “Ho qualcosa di importante da fare. E mi serve un esperto e una persona di cui mi possa fidare” mi disse al telefono nascondendo un sorriso. Non ci pensai neanche un secondo e accettai. Non chiesi nemmeno quale fosse l’incarico: mi fidai e basta. Volli soltanto sapere di quanti giorni avevamo bisogno per la nostra “missione”. “Una settimana, dieci giorni al massimo” mi rispose con la sua parlata dall’accento veneziano. A quel tempo non c’era ancora Giulia e lasciai ad aspettarmi a casa “solo” mia moglie, che s’impegnò per otto serate consecutive a preparare ogni sorta di lavoretto con i pannolenci: farfalle, gufetti, fiori… Tutti destinati ai regali di Natale per i colleghi di lavoro. Partimmo da Venezia, con i biglietti in mano, le valigie e tutto il resto. Con noi c’era Paola, sua moglie. Ma soltanto quando arrivammo a destinazione Olmes mi svelò in tutta segretezza qual era il mio compito. “Mi raccomando, mia moglie non deve saperlo” si raccomandò mettendomi una mano sulla spalla. Visitammo molti fornitori di pietre e lui acquistò ametiste, topazi, agate di vari colori e qualche rubino da un indiano che si trovava di passaggio a Hong Kong. Dopo cinque giorni di movimenti fuorvianti, affinché Paola non scoprisse il vero motivo del viaggio, riuscimmo a ricavarci un pomeriggio intero per noi due: io e Olmes, quello che per me è l’ultimo mercante di pietre. Un uomo che conosce ogni sorta di gemma, che ne sa valutare la qualità e che nel momento in cui vede una pietra riesce a capire immediatamente se sarà un affare oppure no. “Luca, devi trovarmi le perle più belle. Ok? Fa come se dovessi regalarle alla tua

signora. Mi fido di te” disse. Aveva quel luccichio negli occhi che vedi solo negli adolescenti innamorati della compagna di classe. E allora non mi fu difficile capire cosa avrei dovuto comprare. Andai a colpo sicuro. Mi recai da un mio vecchio fornitore e chiesi di vedere dei lotti di perle da 9mm a 11mm. Selezionai le più belle: tonde, pulite, lucentissime. Ricordo che ne misi da

Macelleria GALLO PLINIO

Q u a l i tà con v e n i e nza e t rad i z ione

parte più o meno il triplo della quantità necessaria. Non badai al colore, perché quel che avrei dovuto creare mettendo insieme quel mix di perle stupende era una collana multicolore. Dopo quattro ore di lavoro completai la mia opera, forse la più bella collana che avessi mai fatto: uno scalare di perle di Tahiti! Scelsi proprio le “perle nere” per un motivo molto semplice. Oltre ad essere le

mie preferite, esiste un’antica leggenda che lega queste gemme incredibili ad Oro, dio della pace e della fecondità, e all’amore per sua moglie, una donna tahitiana bellissima. Inoltre, secondo la stessa leggenda, all’interno delle perle di Tahiti sono racchiusi i colori dell’arcobaleno, ed è per questo che la loro superficie assume incredibili riflessi: dal blu al verde, dal rosso all’oro, al verde della coda di un pavone. Ma torniamo a Olmes. Appena vide la collana se ne innamorò. Mi abbracciò e nel suo sguardo rividi quel particolare luccichio. Ma la cosa più sorprendente fu che a cena, nel momento in cui diede il suo regalo a Paola, lei aveva la stessa scintilla negli occhi. Al ritorno a casa raccontai tutto ad Alessandra. Lei adora le storie romantiche e i lieti fine. Mentre le parlavo di quella strana luce negli occhi, mi resi conto che anche lei l’aveva… E allora compresi il motivo per cui Olmes aveva chiesto a me di accompagnarlo nel suo viaggio. Poteva andarci da solo o chiedere ad altri esperti, forse più accreditati di me, ma lui aveva bisogno di trovare la magia contenuta in quelle perle che racchiudono l’amore di un Dio per una creatura terrena. Aveva bisogno di me, perché anch’io come lui, nonostante non sia più un adolescente, ho mantenuto quel luccichio… Quello degli adolescenti innamorati.

F.B.F. Impianti s.r.l. CONDIZIONAMENTO RISCALDAMENTO IMPIANTI ELETTRICI

Impresa Edile

Concollato Luca Costruzioni e restauri

offe rte sp e c i al i o gn i mese

a cura di Luca Novello

S. Maria di Sala (VE) Via Cavin di Sala, 34-36 Tel. 041.486005

Santa Maria di Sala (VE) Tel. 041486081 - Fax. 041 486928

Via Gaffarello n. 46/ASant’Angelo di Santa Maria di Sala (VE) Cel. 3476032314


Rubriche

13

Distanze di sicurezza Relazioni malate a cura di Mario Garippo

Durante la marcia i veicoli devono tenere, rispetto al veicolo che precede, una distanza di sicurezza tale che sia garantito in ogni caso l’arresto tempestivo in caso di pericolo e siano evitati tamponamenti (collisione con i veicoli che precedono). La distanza di sicurezza deve essere sempre commisurata a: • Velocità del veicolo; • Condizioni psicofisiche, attenzione, concentrazione del conducente; • Condizioni della strada; • Condizioni atmosferiche; • Tipo e stato di efficienza del veicolo(freni, pneumatici); • Entità del carico. La distanza di sicurezza deve essere aumentata quando il veicolo che precede trasporta un carico sporgente, poco stabile, e quando si marcia in colonna, per evitare tamponamenti. Deve essere aumentata qualora sia difficile valutare il comportamento del conducente che precede. Deve sempre essere mantenuta, anche prima di iniziare un sorpasso. La minima distanza di sicurezza deve essere almeno uguale ai metri che il veicolo percorre durante il tempo di reazione, e cioè durante il tempo che passa tra la prima percezione del pericolo da parte del conducente e l’inizio della frenata. Il tempo di reazione del conducente dipende dai suoi riflessi durante la guida. Aumenta con la distrazione; per questo, l’accensione del cellulare, la ricerca dei comandi della radio o di altri apparecchi elettronici, l’accensione di una sigaretta costituiscono un gravissimo pericolo che può essere causa di incidente. In condizioni psicofisiche normali ed età media, il tempo di reazione è generalmente valutato pari a un secondo, lo spazio percorso dal veicolo durante il tempo di reazione è detto SPAZIO DI REAZIONE, e da questo dipende la distanza di sicurezza. Lo spazio di reazione può essere calcolato con un metodo pratico, dividendo per dieci la velocità espressa

a cura della dott.ssa Vallj Vecchiato psicologa e psicoterapeuta

in chilometri e moltiplicando tale valore per tre. Quindi se uno viaggia a 70km/h, lo spazio di reazione è di circa 21 m. Lo spazio di frenatura è lo spazio percorso dal veicolo dal momento in cui si inizia la frenatura al momento del suo arresto, dipende da: velocità di marcia, caratteristiche della strada, condizioni del fondo stradale, dei pneumatici, tipo di freni, massa del veicolo,carico trasportato, abilità alla guida. La somma dello spazio di reazione e lo spazio di frenatura, si chiama spazio totale di arresto. Lo spazio totale di arresto può essere calcolato anche con un metodo pratico, dividendo la velocità in chilometri per dieci e il valore ottenuto si moltiplica per se stesso, es. a 90 km/h, si fa 90:10 = 9 moltiplicato 9 = 81 m. Ovviamente, per avere sempre il controllo del veicolo, è comunque determinante che il conducente sia in condizioni di arrestarsi tempestivamente entro i limiti della distanza di visuale libera, cioè entro la lunghezza del tratto di strada che riesce a vedere davanti a sé. Per questo, il conducente dovrà tenere una velocità che garantisca una distanza di visibilità maggiore dello spazio totale di arresto.

telefono: 041 5780158 fax: 041 5780668 email: info@bortolato.eu web: www.bortolato.eu BORTOLATO s.a.s. di Bortolato Onorino & C. via Rugoletto, 37 - 30036 Veternigo di S. Maria di Sala (VE)

Luisa chiede di incontrarmi perché da qualche tempo piange in continuazione; al primo incontro racconta tra le lacrime che è angosciata perché è morto il cagnolino che aveva adottato e curato per tanto tempo perché sempre malaticcio ma anche per una sua zia ammalata che abita in un’altra città e lei non può prendersene cura. È un racconto disperato perché la situazione sembra senza possibilità di soluzione. Andando a ritroso nel tempo nella vita di Luisa, emerge una storia costellata dalla malattia. Sin da piccola Luisa soffre di asma bronchiale, a 3 anni si scotta un piede e rimane per sei mesi senza la possibilità di appoggiarlo per terra; suo fratello, nato con un problema alle ginocchia, subisce numerosi ricoveri ospedalieri; la zia, a cui lei era molto legata, viene operata più volte per un carcinoma al seno; nel frattempo i nonni si ammalano e uno dopo l’altro muoiono. Quando Luisa ha 13 anni la famiglia si trasferisce in un’altra città; dopo qualche tempo la mamma si ammala di tumore all’utero e lei deve prendersi cura di lei, del fratello un po’ più piccolo e della casa perché il padre è quasi sempre assente per lavoro e i parenti sono lontani. In quegli anni Luisa accumula molta rabbia verso il padre perché lui non si occupa della famiglia, quando è a casa fa il padrepadrone e litiga in continuazione con la moglie. Luisa ha vent’anni quando il padre va in pensione e si stabilisce a casa. Lei non sopporta la presenza costante del padre a casa quindi, facendo molto sport e studiando all’università, trova il modo di stare fuori casa il più possibile; si laurea in informatica e comincia a lavorare, guadagna bene e ciò le permette di andare a vivere da sola; in quegli anni si specializza in fisioterapia e nell’insegnamento dello sport. A trent’anni ha un incidente col suo compagno e finisce all’ospedale dove resterà immobilizzata a letto per 6 mesi. La mamma si prende cura di lei mentre il padre non si farà mai vedere e il compagno se ne andrà con un’ altra. Ripresasi dopo una lunga convalescenza, lascia il lavoro di informatica per occuparsi di riabilitazione. Quando arriva da me Luisa ha quasi 40 anni; la sua vita è tutto un correre da una struttura ospedaliera all’altra per

seguire i suoi pazienti, in più deve seguire suo padre che da qualche anno non è più autosufficiente a livello motorio. Non ha una vita sociale perché assorbita dal lavoro e il suo futuro lo sente fatto di solitudine perché la salute dei suoi genitori è sempre più cagionevole e lei non ha altri legami. Un giorno Luisa mi scrisse per chiedermi di spostarle l’appuntamento perché avevano ricoverato sua madre per un problema al cuore. Lo scritto era caotico e pieno di errori; ciò mi fece pensare che l’avesse scritto in un momento di estrema agitazione. Quando ci incontrammo Luisa mi raccontò del ricovero in modo pacato e con un linguaggio molto tecnico ma bastò che le chiedessi come si era sentita alla notizia del ricovero perché scoppiasse in un pianto convulso. Le feci notare come lei raccontasse di fatti che la facevano soffrire con una modalità molto distaccata e tecnica come se desse molto importanza all’aspetto clinico e per niente al vissuto emotivo. Subito fece il paragone con sua madre dicendo che anche lei era così; raccontò di come lei si fosse sempre presa cura di tutti ma sempre con una modalità distaccata, poco espansiva e per niente affettuosa. Ricordò un episodio di quando era immobilizzata a letto dopo l’incidente: “Ogni tanto cercavo di prenderle la mano perché avevo dei dolori lancinanti ma lei la scostava come se le desse fastidio essere toccata”. Comparve molta tristezza sul suo volto. Io tra me pensai che forse quell’incidente se l’era cercato perché “l’essere curata fisicamente” era l’unica possibilità e modalità di relazione che poteva avere con sua madre. Non le dissi il mio pensiero perché quello era il momento di recuperare quel vuoto affettivo che lei, prodigandosi a curare gli altri, cercava di colmare. Le dissi: “Se sua mamma le avesse preso la sua mano tra le sue, come sarebbe stato?” E lei: “mi sarei sentita in pace e forse avrei vissuto con più serenità anche la malattia. Nella mia famiglia abbiamo sempre vissuto con la preoccupazione di qualcuno da curare o con la rabbia per le continue litigate. Forse è ora di cambiare!”. “Certo – risposi – forse è ora di smetterla di rincorrere la malattia per sentirsi in relazione, forse è ora di relazioni costruite sul piacere e sulla gioia di vivere”.

DAL 1982 AUTOMOBILI PER PASSIONE - Vendita Nuovo, Km 0 e multi marche - Vendita semestrale e usato garantito - Installazione impianti a GPL - Noleggio Auto Via Cavin di Sala 72/A Mirano (Ve) - Tel. 041 5701190

- Revisione - Elettrauto - Assistenza officina - Gommista www.autorombo.com


14

Rubriche

COLORI D’AUTUNNO a cura dell’Architetto Paesaggista Elena Gardin

In autunno, quando i giorni iniziano a diventare più freddi e l’aria a rinfrescarsi, gli alberi e gli arbusti decidui ci regalano uno degli spettacoli più belli della natura dove sfumature di rosso, giallo e arancio si alternano a toni porpora e marroni. Se ben pianificato, il giardino autunnale può diventare una vibrante tavolozza di colori immersa nel grigio di Ottobre e Novembre. Generalmente, è agli alberi che pensiamo quando parliamo dei colori autunnali: la bellezza delle alberature giace non solo nella forma e nell’eventuale fioritura ma anche nella bellezza dei loro frutti e nel fugace viraggio del colore delle foglie durante questo periodo. Tra i più belli, ricordiamo l’elegante Parrotia persica, un albero di medie dimensioni con colorazioni che passano dal violaceo allo scarlatto, dal giallo dorato all’arancio e al rosso. Interessanti sono anche alcune varietà di meli da fiore e i sorbi; oppure il Cercis Canadensis, dalle foglie cuoriformi dai toni porpora e rosati. Sicuramente però il più famoso è l’acero giapponese (Acer palmatum), che si adatta bene a spazi ridotti. È opportuno ricordare che è proprio la stagione autunnale il momento migliore per la piantu-

mazione delle alberature. Nel caso in cui vogliamo aggiungere un po’ di colore in giardino ma non disponiamo di spazio sufficiente, possiamo optare per alcuni arbusti particolarmente accattivanti, non solo per i colori delle foglie ma anche per le bacche o i frutti. È il caso del Callicarpa, che abbina una delicata fioritura lilla primaverile e a una profusione di interessanti bacche violacee in autunno. Altri arbusti interessanti sono alcuni viburni e ortensie, come la Hydrangea quercifolia. Infine, non possiamo non citare la rosa nelle varietà R. rugosa, R. glauca, la R. moyesii o rubriflora, i cui frutti rappresentano un accento prezioso al giardino in questa stagione.

lauree Jacopo Scattolin è dottore in Scienze dell’Architettura, presso l’Istituto Universitario di Architetture di Venezia. Per il bel traguardo raggiunto si congratulano i genitori Marina ed Eliseo, il fratello Nicolò, la fidanzata Angela, parenti e amici tutti.

battesimo

Due fratelli Kaique Gabriele (nato il 31.03.2008) e Kayña Thiago (19.07.2009) provenieti da San Paolo in Brasile, sono stati adottati nel 2013 da Federico e Lucia. Ora don Paolo li ha battezzati nella chiesa di Veternigo e sono entrati a far parte dei figli di Dio. I padrini erano lo zio Alessandro Bolzonella e il cugino Gabriele Iovine. Felicitazioni dalla nonna Lidia, dagli zii e dai cuginetti.

libera associazione per i rapporti italo - croati

Via Giovanni XXIII, 11 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel 3398192638 www.associazionelesina.org mail: info@associazione lesina.org

Il 10 Settembre 2014 Sebastiano Cazzin é diventato dottore in Scienze e Tecnologie Agrarie con il punteggio di 110/110. Con orgoglio e affetto gli fanno le congratulazioni la mamma Romana, il papà Graziano, Carlotta, Giorgia, i nonni e parenti ed amici tutti. Bravo Seba!

Il 28 luglio 2014, Verdiana Peron ha conseguito la laurea triennale in Scienze dell’Architettura presso l’università IUAV di Venezia con la valutazione di 110 e lode. Si congratulano con la neo dottoressa la mamma Gianna, il papà Lino, il fratello Edoardo, i nonni Elena e Attilio, Maria e Aldo, i parenti e tutti gli amici. Un grazie di cuore a tutte le persone che l’hanno sostenuta nel raggiungimento di questo bel traguardo.


years

15

Il 20 settembre Basso Pierina, vedova Simionato, di S.Angelo di Santa Maria di Sala, ha festeggiato 90 anni. Tanti auguri dalle figlie Rosa, Francesca, Luigina, Anna, Bertilla, generi, nipoti e pronipoti.

Il 12 luglio il piccolo Christian Barizza ha spento la sua prima candelina. Mamma Monica, papà Stefano, i nonni Gianni, Gianna, Paola, Fabrizio, gli zii e i cuginetti lo riempiono di auguri!

Il 2 settembre ha compiuto 80 anni la signora De Marchi Maria. Tanti auguri dai figli Renato, Rino e Massimo, dalle nuore Martina, Giovanna e Nadia, dai nipoti Elena, Mauro, Sara, Laura, Ilaria e Lorenzo e tutti i parenti ed amici.

Il 14 settembre il nonno Dino Centenaro ha spento 73 candeline. Tantissimi auguri di compleanno dai nipotini Luca e Matteo, dalla moglie Maria, dalle figlie e generi.

Il giorno 14 Settembre Elena Marinetto di Caselle, ha compiuto 18 anni. Tanti auguri dalla mamma e dal papà, dal fratello Mauro e dalle nonne, zii, cugini e amici.

Il 31 agosto è nata Gaia Favaretto. Un benvenuto con amore alla nuova arrivata dalla mamma Nicoletta, dal papà Marco, dai nonni, dagli zii, dai bisnonni e dai cugini.

Grande felicità in casa Bettetto: il 26 Maggio è nato il piccolo Ferdinando. Lo hanno accolto con gioia il fratellino Jacopo, mamma Ada e papà Simone.

Il 21 agosto Samuel Bolzonella ha compiuto 5 anni e ha festeggiato con la sorellina Irene di 6 mesi. Felicità per i genitori Cristian e Barbara, i nonni, zii e zie.

anniversari

Il 25 aprile 2014, nella chiesa di Caselle, Lucia Bertazzo e Plinio Favaro hanno celebrato le nozze d’oro, partecipando alla santa messa celebrata da don Lucio Monetti. Le figlie Anna Maria, Gabriella, Federica, Valentina, Elena, i generi, i nipoti, i testimoni, parenti ed amici hanno festeggiato insieme a loro questo traguardo pieno di amore.

Il 3 settembre Gemma Spolaore ha compiuto 96 anni. Nella ricorrenza si sono uniti in tanti per festeggiarla e dalle pagine di Gente Salese i nipoti e i pronipoti vogliono ripeterle “Nonna e bisnonna Gemma, tanti cari auguri”.

Le nostre congratulazioni per i 50 anni di matrimonio ad Alvise Muffatto e Rita Bastianello da parte dei figli e parenti.

Il 31 agosto Bruno Barizza e Adele Zampieri hanno festeggiato il loro 57° anniversario di matrimonio! Auguri dai figli Daniela, Tiziano Fernando.

Congratulazioni per i 40 anni di matrimonio di Renzo Muffatto e Annalisa Pesce da parte dei figli e i parenti.

Il 31 agosto 2014 Primo Sovegni e Clerice Boscaro hanno festeggiato le nozze d’oro con i figli Fausto, Luca e Valentino, le nuore Luana, Annalisa e Gaia, i nipoti, i compari, ed amici tutti.

Il 31 Agosto 2014 Elia Mascotto e Lorenzo Regazzo hanno festeggiato il 40° di matrimonio. Tanti auguri dai figli Anna, Massimo, Monica, Fabio e parenti tutti.


16

La MOSTRA DI Vanin a Veternigo È un vero successo di CRITICA

DIRETTORE RESPONSABILE Graziano Busatto PRESIDENTE Giovanni Vanzetto

Nel contesto della tradizionale Sagra del capusso a Veternigo, il concittadino maestro della scultura a bassorilievo in legno, Gianpietro Vanin, ha esposto le proprie opere nell’androne delle Scuole elementari. Il successo e la bravura ormai riconosciuta da tutta la popolazione salese è tale che la mostra è stata gremita di gente fin dal primo giorno di apertura. Sabato 2 agosto si è svolta l’inaugurazione ufficiale della mostra, presentata dalla Dott.ssa Lidia Mazzetto, critica d’arte, che ha spiegato come il lavoro del maestro Vanin sia reso unico nel suo genere e di facile comprensione sia dal punto di vista tecnico che artistico a tutti gli osservatori. Per chi visitava la mostra il percorso d’osservazione era caratterizzato all’inizio da opere di carattere religioso, per poi arrivare a opere che descrivono i territori a cui Vanin tiene in modo particolare per terminare con opere basate su momenti di vita con-

ART DIRECTOR Manuel Rigo TIPOGRAFIA Grafiche Quattro Santa Maria di Sala (VE) Registraz. Tribunale di Venezia n° 770 - 17 gen 1984

tadina o che riguardano mestieri legati comunque ai tempi passati. Il maestro Vanin al termine dell’inaugurazione ha voluto spendere parole di ringraziamento per la Direttrice del plesso scolastico di Santa Maria di Sala che gli ha concesso questa opportunità e al parroco di Veternigo, Don Paolo Cecchetto, per il supporto e l’aiuto nell’organizzazione della mostra. C. V.

Via dei Marsari 23 30036 S. Angelo di S. M. di Sala (Ve) Tel. 041 486088 - Cel. 338 9891652

DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE: Associazione Culturale Gente Salese Via dei Tigli 10 - 30036 S. Maria di Sala Ve Tel. 041 486369 E-mail. redazione@gentesalese.com www.gentesalese.com

SIAMO PRESENTI NEI MERCATI DI: lunedì: Mirano (Ve) - Mogliano (Tv) martedì: Pianiga (Ve) - Marghera (Ve) mercoledì: Maerne (Ve) - Villorba (Tv) giovedì: Noale (Ve) - Istrana (Tv) venerdì: Martellago (Ve) - Silea (Tv) sabato: Fiesso d’Artico (Ve) - Vedelago (Tv) domenica: Camisano Vicentino (Vi) CON ASSORTIMENTO DI:

GASTRONOMIA - ROSTICCERIA FRIGGITORIA DAL 1964 STIGLIANO DI S. MARIA DI SALA (VE) Via Fracasso 22 Cell. 335 6327747 / Fax 041 2430815 E-mail: anticafattoria@vodafone.it

Crazy Sun di Barbara e Fabiana

Via Don Gallerani, 2 - Caltana (VE) - Tel. 041.5732508

Bernardi

la TUA sicurezza è la nostra rotta!!! Via Caltana 67 Caltana di S. Maria di Sala (VE) Tel. 041/5730635 assipiu@gmail.com

Onoranze Funebri Via Desman, 139 S. Angelo di S. M. di Sala - tel. 041.487341

ORARI: Lunedì: 16.00 -20.00 Da martedì a venerdì: 9.30-12.30 e 16.00 -20.00 Sabato: 9.30-13.00 e 16.00 -20.00 Domenica: Chiuso

Gs settembre 2014  
Gs settembre 2014  
Advertisement