Page 1

GENTE SALESE - MENSILE DI ATTUALITÀ, CULTURA E INFORMAZIONE

N° 10 - ANNO XXX - SETTEMBRE 2013

10

OTTOBRE 2013

GENTE SALESE

Investire in cultura 4

INSOLUTI TIA Vanzetto spiega

10

CRISANTEMI riempiono la piazza di Caselle

12

TROFEO FPT battute finali


intro. 2

“Tra il Muson e il Castello di Stigliano” è il titolo del libro di Vittorio Boesso che è stato presentato al Castello di Stigliano da Lidia Mazzetto. A fare gli onori di casa il presidente dell’Associazione Gente Salese, Giovanni Vanzetto, che oltre a presentare l’autore e gli artisti Mario Maccatrozzo e Gianpietro Vanin creatori di opere dedicate al Castello e al Muson, ha ringraziato il titolare del Castello di Stigliano, Paolo Bertan, per la gentile ospitalità. A rappresentare l’Amministrazione Comunale è intervenuto l’assessore Alessandro Arpi che ha ringraziato l’associazione e l’autore per l’impegno profuso per la cultura nel territorio. Lidia Mazzetto ha affermato che “Partendo dalla conoscenza storica del territorio, all’esplorazione del passato, alle radici e all’identità culturale e civile, l’autore Vittorio Boesso, si pone l’obiettivo di formulare delle scelte operative in campo urbanistico e sul corretto uso del suolo. Alimentare, attraverso la conoscenza del passato, le speranze per guardare al futuro. Conoscere l’identità del Popolo Veneto per migliorare e sfruttare tutte le potenzialità che le sono proprie. Rendere omaggio e riconoscenza a queste terre, attraverso la ricerca di documenti con la passione di chi in prima persona ha cercato di narrare gli eventi più espressivi, suscitando passione e curiosità attraverso l’opera “Tra il Muson e il Castello di Stigliano.” La prima affronta la lettura attraverso un percorso storico che parte dal Paleoveneto (IX-

Da sx: Vittorio Boesso, Lidia Mazzetto, Giovanni Vanzetto e Alessandro Arpi

XI sec. a.C. periodo del ferro e del bronzo, VI- III sec. a.C. periodo Etrusco, II-I sec. a.C. periodo Paleoromano), poi in seguito affronta le origini del Cristianesimo nel Salese e nel Miranese dal periodo Paleocristiano all’editto di Costantino 313 d. C., analizza le invasioni barbariche, il diffondersi dei monasteri e delle Pievi, periodo Longobardo-Carolingio, il passaggio tra l’Alto Medioevo e il Basso con lo sviluppo del Cristianesimo, l’influenza delle Signorie, il dominio della Chiesa, in particolare il Patriarcato di Aquileia, il vescovato di Padova e Treviso, per arrivare alla Serenissima. Le Pievi detengono un’importanza notevole, sia per la posizione in cui s’insediano, come per i compiti di amministrare i Sacramenti e i

Agenti Generali: dott. Vito Stocco e rag. Roberta Degan

beni del territorio. In seguito vengono istituite le parrocchie per rispondere alle esigenze delle Comunità lontane dalle Pievi con le quali era difficile il contatto. Il percorso segue i luoghi della Centuriazione e in particolare quelli toccati dai fiumi: Muson, Marzenego, Brenta e i relativi canali di Taglio. Ai corsi d’acqua viene dato un grande valore sia per il rapporto che s’istaura con il territorio, per l’importanza paesaggistica ed economica, successivamente anche per i problemi determinati dalla cementificazione e dallo scarso rispetto dell’uomo. Viene riservata un’analisi efficace intorno al Muson che attraversa con i suoi vari rami: Musonello, Muson dei Sassi e Muson Vecchio,

di Zanchin O. & Bertocco M. Via Caltana, 10/A - 30030 Caltana (VE) Tel. e Fax 041/5731603

ferro tondo per cementi armati profilati - tubi - lamiere - travi profilati speciali per serramenti accessori - raccorderia

Agenzia Generale Via Gramsci - Mirano (Ve) Tel. (041) 433333-4355788 Sub-Agenzia Via Guolo, 4 - Dolo (Ve) Tel. (041) 413666

gran parte del territorio del Reticolato Romano. In fine l’autore si sofferma sul Castello di Stigliano che nel periodo romano, per la sua posizione tra il decumano massimo, compresa tra l’Agro di Altino e l’Agro di Padova, è stato di grande importanza strategica e ha avuto un ruolo decisivo. Poi segue il periodo del dominio dei Signori fino alla sua decadenza per arrivare al ruolo assunto ai giorni nostri. Oltre al Castello viene fatta un’analisi della località di Stigliano, dal primo millennio fino a oggi, con le più significative formazioni che hanno caratterizzato la Comunità e la vita dei suoi cittadini: la Compagnia di Gesù, la nascita della Parrocchia, l’Asilo e le opere che a essa sono correlate. In occasione della presentazione dell’opera “Tra il Muson e il Castello di Stigliano” il maestro Mario Maccatrozzo ha testimoniato la passione verso il territorio esponendo alcune opere che celebrano il Castello di Stigliano, con le sue architetture e l’ambiente circostante, inoltre riprende alcuni angoli dove l’acqua e in particolare il Muson, evidenziano questo vivo rapporto di vita che ha messo in relazione la sua presenza con la comunità. Sono stati esposti anche alcuni bassorilievi dell’artista Gianpietro Vanin che ripropongono il Castello, la figura di Carlo Magno e alcune scene di vita e tradizioni del passato sottolineando la storia e l’importanza di ricordare anche per le future generazioni”. L.M.

Tende:

AD ARCO, A CAPPOTTINA, FISSA, A BRACCI ESTENSIBILI PER ARREDAMENTO, GAZEBI PER GIARDINO, BOX AUTO, ZANZARIERE

Via Noalese, 167 Santa maria di sala (VE) Tel. 041.5730222 Fax 041.5730966


Da S. Maria di Sala alla S. Messa e concerto “Festa del vino” di Citluk in ricordo di Liliana

3

La delegazione dei cavalieri di San Marco con il sindaco di Citluk

Una delegazione di Cavalieri di San Marco, tra cui il nostro concittadino Gianpietro Vanin, su invito del Sindaco della cittadina bosniaca di Citluk, hanno partecipato all’annuale e tradizionale “Festa del Vino” che si svolge nel mese di settembre durante la vendemmia. Ad accogliere la delegazione italiana importanti figure politiche dello stato come il Ministro dell’agricoltura e il Ministro del turismo. Nell’occasione il nostro concittadino, artista del legno, ha voluto

donare al Comune ed alla popolazione una sua opera raffigurante l’effige storica dei Cavalieri di San Marco per rendere il momento solenne. Per completare il lungo viaggio la delegazione ha fatto visita alla città di Medjugorie per prendere parte ad una funzione religiosa recitata in italiano da parte dei Frati della Madonna. Non sono poi mancate occasioni per degustare pietanze e bevande locali tra cui l’ottimo prosciutto casalingo e il vino prodotto dalle aziende viticole del luogo. C.V.

Alcol: dati allarmanti Dal 2003 l’Italia ha visto un forte aumento fra i giovani dei disturbi legati all’alcol. Secondo l’Istituto superiore della sanità, sono interessate 1 milione e mezzo di persone fra 11 e 24 anni, e le ragazze sono più esposte. Fra il 2000 e il 2010 i ricoveri ospedalieri legati al consumo di alcolici sono aumentati del 10% ed è cresciuta la mortalità correlata (superiore alla media europea). Nello stesso tempo sono passati dal 33,7 al 41,9% i giovani di 18-24 anni che consumano l’alcol fuori pasto; nella fascia di età dai 14 ai 17 anni la percentuale è passata dal 14,5 al 16,9. Tra le ragazze, la quota si è triplicata. Sono proprio le giovanissime le più a rischio per la drunkoressia, disturbo alimentare che associa l’abuso di alcol

al digiuno prima e dopo la bevuta per consumare alcolici a ruota libera senza ingrassare (un cocktail può arrivare a 500 calorie). Poi c’è da considerare i risvolti psicologici e sociali, i rapporti con la famiglia e gli amici. Il 10,6% dei maschi e il 3,9% delle ragazze di 16-17 anni pratica poi il binge drinking, sorta di cultura del bere fino all’intossicazione. Alle feste, o nel weekend, i giovani trangugiano almeno sei bevande alcoliche molto rapidamente per ottenere euforia e ubriachezza totale. Noia, ansia, tristezza, insoddisfazione, insicurezza spingono a cercare rifugio nell’alcol, sostanza legale di cui si ignorano i rischi. Purtroppo, spesso si ignora la complessità del problema rappresentato dall’alcol.

COSTRUZIONI EDILI CIVILI, INDUSTRIALI E RESTAURI

PAGOTTO di Pagotto Sandro & Co. snc

Via Zinalbo 59 - 30036 Santa Maria di Sala - Venezia Tel./fax 041 5730308 - e-mail: edilpagotto@virgilio.it

L’Associazione Gente Salese, per onorare Liliana Dal Lago per il suo inestimabile impegno come fondatore prima e presidente poi per trent’anni, nel trigesimo della sua morte, ha organizzato un momento di preghiera e di riflessione. Sabato 16 novembre, alle ore 18.45, nella chiesa parrocchiale di S. Maria di Sala verrà celebrata una S. Messa a suffragio dell’anima di Liliana. A seguire sono stati invitati il Coretto Celeste e il Coro S. Giacomo di Robegano diretti da Barbara Scattolin, accompagnati alla tastiera da Claudio Garanzini e il Coro Polifonico “Stella

Polare” di Trivignano diretto da Diego Bortolato. Tre formazioni corali completamente diverse tra loro per genere musicale che però daranno vita a un variegato programma musicale di sicuro interesse culturale. Il programma prevede anche degli interventi di amici e del pubblico che ricorderanno la figura di Liliana. Tutti i lettori di Gente Salese e quanti vogliono onorare la figura e l’impegno sociale di questa grande donna che ha speso molte energie per la nostra comunità sono pregati di intervenire testimoniando la propria riconoscenza.

di Balleello S. & C. · Prodotti per animali d’affezione e da cortile · Specialità per giardinaggio e agricoltura · Vendita, noleggio e assistenza macchine per il giardinaggio · Affilatura catene, dischi e nastri · Duplicazione chiavi e Radiocomandi 30030 CALTANA (VE) - Via Gorgo, 53/A - Tel. 041.5731651 Fax 041.5739845 E-mail: agrariaalmolino@libero.it


LE POLEMICHE SUGLI INSOLUTI TIA VANZETTO SPIEGA IL CONTENZIOSO

4

Nella seduta del consiglio comunale del 3 giugno il sindaco ha dato una notizia relativa agli insoluti TIA che sarebbero arrivati a livelli di guardia, accusando l’ex assessore Vanzetto di inerzia. Nel notiziario dello scorso luglio, poi, il consigliere Zavan ha ripreso l’argomento per screditare l’ex assessore Vanzetto. Nel consiglio comunale del 30 settembre scorso Vanzetto ha voluto rispondere ai suoi detrattori: riportiamo l’intervento con dati alla mano perché vogliamo dare una informazione vera e completa. “Da consigliere comunale non posso accettare che un fatto così importante sia trattato in questo modo irresponsabilmente superficiale - ha detto Vanzetto - da qui la necessità di fare chiarezza per non creare inutili allarmismi”. Vanzetto ha ricordato come la gestione dei rifiuti e della fatturazione e riscossione volontaria e coattiva delle bollette sia stata affidata ad ACM prima e a Veritas, poi, fin dal 1999 e come il Contratto di Servizio stipulato con ACM nel 2004 preveda un Fondo di Accantonamento per far fronte ad eventuali perdite su crediti pari al 3% del fatturato annuo. Come si formano gli insoluti? Dopo la fatturazione, Veritas sollecita il pagamento delle utenze scadute e non pagate: prima con un avviso e poi con la messa in mora del debitore insolvente ed, infine, passa la pratica all’ufficio legale per il recupero del credito. Periodicamente Veritas trasmette al Comune l’elenco dei crediti insoluti con le indicazioni delle azioni intraprese. “Mi pare chiaro - ha puntualizzato Vanzetto - che una rilevazione quanto più è vicina all’ultima fatturazione tanto più risentirà degli insoluti dovuti a ritardati pagamenti magari di soli pochi giorni. Per cui la lettura della situazione riepilogativa va fatta con cognizione di causa e “cum grano salis”. Al 31.08.2007 la situazione relativa agli insoluti 2000 2004 era la seguente: Anno

Insoluti

Proposta di stralcio

ridezza economica. Il 04.06.2007 il prospetto analitico storico dal 2000 al 2007 (I° rata) evidenziava, invece, insoluti per 553.088 e un fondo di accantonamento di 277.658 euro. Il 15 maggio 2011 la rilevazione comprendente il fatturato fino il 31.12.2010 presentava una insolvenza complessiva di 644.202 (il 2,97% del fatturato degli 11 anni di 21.674.010 euro); un fondo di accantonamento di 512.698 di cui 124.341 già utilizzati per lo stralcio (copertura) di crediti ritenuti inesigibili; quindi con la necessità di una eventuale integrazione di 255.844 euro. Anche questa in parte coperta dalle riserve create negli anni con le fatturazioni extra piano finanziario parzialmente, poi, utilizzate nel 2013 per ridurre i costi delle utenze. “Qui si ferma la fatturazione di competenza della no-

Fatturato

2000

23.439

1.265

1.275.843

2001

20.738

4.753

1.472.471

2002

41.283

6.613

1.582.915

2003

39.393

5.745

1.570.614

2004

34.727

3,732

1.609.844

TOT.

159.580

22.108

7.511.687

Si veda come ad agosto 2007 si parli di insoluti nati nel 2000-2004. Gli importi sono ancora contenuti ma si consideri che il fatturato era quasi la metà di quello attuale (consuntivo 2011 fatturato di 2.848.092 Euro). Quindi ad agosto 2007 e con alle spalle dai 3 ai 6 anni di azioni di recupero e soprattutto in un periodo di flo• • • • • • • •

COSTRUZIONE, VENDITA, LOCAZIONE BENI MOBILI ED IMMOBILI TRASPORTO IN CONTO TERZI TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI IN IMPIANTI AUTORIZZATI SCAVI E DEMOLIZIONI EDILI PULIZIA ED ESPURGO POZZI NERI, DISINTASAMENTO TUBAZ. AD ALTA PRESS. BONIFICHE AMBIENTALI E RIMOZIONE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO COSTRUZIONE IMPIANTI DI SCARICO FOGNATURE E MANUTENZIONE NOLO CASSONI SCARRABILI E BOX SERVIZI IGIENICI PER MANIFESTAZIONI

GRUPPO BOLZONELLA Via Ariosto 2 - 30036 Santa Maria di Sala (Ve) tel. 041 5780386 fax. 041 5780989 - Email. bolzonella.group@tiscalinet.it www.bolzonellagroup.com

stra amministrazione - ha chiosato Vanzetto - poiché gli insoluti relativi al fatturato 2011 vengono evidenziati ed aggrediti a partire dal 2012, anno in cui noi abbiamo cessato il nostro mandato”. Il Report al 31.05.2013 relativo agli insoluti dal 2000 al 31.12.2012 + conguaglio 2013 lo si evidenzia nella tabella grande a destra e spiega una situazione complessiva di insoluti di 922.943 euro, un fondo svalutazione crediti di 447.724 euro (al netto di stralci già effettuati per complessivi 220.859 euro) e quindi una eventuale necessità di integrazione di 475.219 euro. Anche qui bisogna considerare che i crediti relativi al 2011 e 2012 + conguaglio 2013 ammontano rispettivamente a 226.565 euro e 228.540 euro. Quindi con un grande margine di recuperi. Ed in ogni caso, per effetto di un accordo del 2011, gli insoluti 2012 pari a euro 228.540 non si devono considerare (se non in misura pari all’accantonamento poiché VERITAS si assume gli eventuali insoluti eccedenti la somma accantonata). Rettificando i dati in base agli accordi del 2011, il prospetto del 31.05.2013 relativo alla situazione 2000 - 2012 + conguaglio 2013, va letto nel modo seguente: Insoluti complessivi pari a 783.755 euro; fondo svalutazione crediti netto di 447.724 euro e quindi con una eventuale integrazione richiesta non superiore a 336.031 euro. “Appare quindi del tutto evidente -ha affermato Vanzetto- che i 920 mila euro di insoluti attribuitimi dal sindaco, fuori da ogni contesto e senza alcuna precisazione, sono una disinformazione allarmistica e soprattutto un’arma impropria usata del tutto arbitrariamente contro un oppositore”. Al Sig. Zavan quando scrive che nel caso in cui tali cifre (925 mila euro) non fossero recuperate il comune (cioè tutti noi) dovrebbe farsene carico. Vanzetto replica: “questo è terrorismo puro e gratuito perché ha fatto credere alla gente che c’è una possibile esposizione finanziaria di 925.000 euro e lei sa o dovrebbe saperlo che non è assolutamente vero. Facendo un rapido conto sui dati grezzi (non depurati degli insoluti 2012-13) vediamo che nel periodo considerato 2000-2012 abbiamo incassato il 96% del fatturato (96,32% se depuriamo i dati del 2012 in base all’accordo). Non mi pare, in fondo così male - ha affermato Vanzetto - soprattutto se consideriamo gli ultimi anni di crisi”. Rispondendo al citato articolo del consigliere Zavan, Vanzetto ha proseguito: “Poiché il consigliere delegato non riesce a capire come si siano formati tanti insoluti imputandone a me la responsabilità, cercherò di analizzare brevemente il fenomeno. Per prima cosa, gli insoluti sono rapportati all’ammontare del fatturato. Se il fatturato cresce progressivamente fino quasi a raddoppiarsi è logico aspettarsi che anche gli insoluti tendano a seguirnelo stesso trend. Poi, faccio notare al

Sconto del 50% su tutti i prodotti a magazzino per rinnovo locali


5

SITUAZIONE CREDITI TIA AL 31 DICEMBRE 2012 + conguaglio 2013 (Rilevazione al 31 maggio 2013) FONDO SVALUTAZIONE CREDITI ANNO

FATTURATO

INCASSATO

2000

1.275.843,00

1.267.973,00

7.869,00

=

21.045,00

7.869,00

13.175,00

13.175,00

2001

1.472.471,00

1.445.521,00

26.235,00

714,00

23.556,00

26.235,00

-2.678,00

-3.393,00

2002

1.582.915,00

1.555.923,00

22.573,00

4.418,00

37.968,00

22.573,00

15.394,00

10.976,00

2003

1.570.614,00

1.541.526,00

27.379,00

1.709,00

40.577,00

27.379,00

13.197,00

11.488,00

2004

1.609.844,00

1.581.507,00

22.116,00

6.219,00

47.858,00

22.116,00

25.741,00

19.522,00

2005

2.172.916,00

2.117.319,00

25.920,00

29.677,00

49.862,00

25.920,00

23.942,00

-5.734,00

2006

2.075.338,00

2.025.589,00

8.961,00

40.787,00

51.361,00

8.961,00

42.399,00

1.611,00

2007

2.166.045,00

2.105.098,00

9.509,00

51.487,00

54.832,00

9.509,00

45.322,00

-6.114,00

2008

2.564.670,00

2.465.772,00

15.674,00

83.223,00

54.832,00

15.674,00

39.157,00

-44.065,00

2009

2.581.355,00

2.450.845,00

10.420,00

20.090,00

64.270,00

10.420,00

53.850,00

-66.239,00

2010

2.601.993,00

2.444.610,00

35.068,00

129.560,00

66.532,00

35.068,00

38.710,00

-90.850,00

2011

2.848.092,00

2.606.813,00

7.467,00

226.565,00

66.532,00

7.467,00

51.819,00

-174.746,00

2012 + cong. 2013

2.869.305,00

2.639.102,00

1.661,00

228.540,00

89.352,00

1.661,00

TOTALE

27.391.408,00

26.247.604,00

220.859,00

922.943,00

668.584,00

220.859,00

consigliere delegato -ha affermato Vanzetto- che dal 2007 anche Santa Maria di Sala vive una crisi economico-finanziaria senza precedenti. Mi pare logico, quindi, che questa situazione abbia progressivamente deteriorato il grado di solvibilità sia delle nostre famiglie che delle nostre imprese. Infine, se il consigliere è in buona fede capirà da solo che non si può confrontare un dato che sconta 5-6-7-8-9-10 anni di azioni di recupero, con uno che ne sconta 1-2-3-4-anni.” Rispondendo alla accusa di inerzia mossagli dal sindaco, Vanzetto ha ribadito che la responsabilità dei recuperi spetta a Veritas. “Il Comune, tuttavia, qualche cosa ha fatto - ha affermato Vanzetto - Il sindaco non ha trovato nulla, perché non ha guardato o non

STRALCIATO

CREDITI RESIDUI

ha voluto trovare. Basta guardare la corrispondenza fra gli uffici o solo il tabulato generale per vedere quante posizioni sono state passate al Legale per un recupero coatto. Abbiamo avuto numerosi incontri con gli uffici Veritas (cito l’incontro del 20 settembre 2007 sul problema degli insoluti 2000-2004; la lettera dell’1.07.2009 con successivo incontro del 22.07.2009 col responsabile del contenzioso e una riunione il 9 febbraio 2010 col responsabile dell’area contabilità e bilancio Veritas sempre per la definizione degli insoluti ed approfondimenti sulle azioni legali in corso. Altro incontro con tema insoluti è avvenuto il 9 febbraio 2010. Abbiamo costantemente seguito lo sviluppo dell’azione di recupero e periodicamente richiesto l’aggiornamento sul-

ACCANTONAMENTO ANNO

UTILIZZO PER STRALCI

lo stato delle pratiche relative ai casi più importanti (mail 7.08.2009 -11.12.2009 -20.01.2010 ecc). Per due posizioni importanti abbiamo anche avuto contatti con l’avvocato della controparte per cercare di addivenire ad un accordo transattivo. Abbiamo fortemente contestato l’art. 11 del Contratto di Servizio tanto che a fine 2011, in fase di predisposizione del piano finanziario 2012 c’è stata una apertura della VERITAS sulla questione. Per concludere - ha detto Vanzettoritengo che si sia voluto creare un falso allarmismo con l’utilizzo strumentale di alcuni dati disarticolati e fuori contesto. Certo le insolvenze dal 2009/10 in poi sono cresciute e sono da monitorare ma non si deve fare terrorismo. Perché alla fine tutto si riduce ad una

NETTO RESIDUO

CARENZA DISPONIBILITÀ

87.691,00 -140.849,00 447.724,00

-475.219,00

insolvenza formatasi nel periodo 20002012 di 1.010.135 euro pari al 3,68% del complessivo fatturato che è stato di 27.393.324 euro. Gli Insoluti, poi, sono stati in parte già stralciati (per 220.859 euro), in parte hanno azioni di recupero tuttora in corso e in parte sono coperti dal fondo di 447.724 euro costituito nel tempo. Vi prego quindi - ha concluso Vanzetto rivolgendosi alla maggioranza - di dimostrare maggiore equilibrio e trasparenza e di non allarmare inutilmente la cittadinanza perché l’esposizione finanziaria non è di 925.000 euro come sbandierato ma non supera i 334.370 euro e di questi 226.565 euro si riferiscono ad insoluti del 2011 che sono sicuramente destinati a ridursi per effetto delle azioni di recupero in corso”. R.G.S.

STONE HOUSE S.r.l. Pavimenti - rivestimenti - arredo bagno sanitari - rubinetteria - complementi d’arredo Via dei Marsari 23 30036 S. Angelo di S. M. di Sala (Ve) Tel. 041 486088 - Cel. 338 9891652

via L. Da Vinci, 5 - 30036 S. Maria di Sala (VE) - Tel. 041.487046 - fax 041.5760097 E-mail: info@simionatosrl.it - www.simionatosrl.it


6

Variazioni al bilancio di previsione 2013: le critiche delle opposizioni agli aumenti

Nel consiglio comunale del 30 settembre scorso sono state presentate alcune variazioni al bilancio di previsione 2013 atte fondamentalmente a recuperare 495 000 euro per finanziare il secondo stralcio dell’ampliamento della scuola media che con questo intervento andrà a costare complessivamente circa 1.550.000 euro. In sostanza ha detto l’assessore Arpi si andranno ad utilizzare 100.000 euro dell’avanzo di amministrazione del 2012; 200.000 euro vengono stornati dal finanziamento già stanziato per l’ampliamento della scuola di Sant’Angelo il cui intervento slitterà al prossimo anno; 40.000 euro si recupereranno dai fondi già stanziati per interventi sulle strade (ricordiamo che un’emendamento al bilancio presentato da Vanzetto e bocciato dalla amministrazione prevedeva di stralciare dai fondi per gli interventi sulla viabilità 25.000 euro per ampliare il centro prelievi -evidentemente per la scuola si può fare, per il centro prelievi no- ); 155.000 euro verranno da risparmi di spesa. Critico l’intervento di Giuseppe Rodighiero di Civica insieme che apprezza la volontà di dare finalmente una risposta alla esigenza di avere un plesso scolastico adeguato. Ma, dice Rodighiero: “questa variazione seppur significativa non modifica l’impianto generale del Bilancio di previsione 2013 che ricordiamo prevede un aumento aumento generalizzato delle imposte e la decisione di lasciare al

Giuseppe Rodighiero

buio molte strade. A questo si associa la scelta, presa in precedenza, di aumentare in maniera esagerata le tariffe per l’utilizzo delle sale riunioni ed il teatro. Partendo dal dato che il comune sostiene l’83% dei costi di gestione degli impianti sportivi, il 59% delle mense scolastiche ed il 44% dei trasporti scolastici- ha proseguito Rodighiero- abbiamo osservato che, preservando le tariffe per l’attività sportiva dei minori, si poteva richiedere un “sacrificio” maggiore agli sportivi adulti che molto spesso utilizzano gli impianti in orario serale con maggior incidenza delle spese di riscaldamento ed illuminazione. Questo anche per “compensare” chi ad esempio pratica il nuoto, e che vista la mancanza di una piscina a S. Maria di Sala (una delle tante promesse elettorali del duo Fragomeni.Zamengo) deve sostenere interamente le spese per la pratica di questo sport fuori co-

4.000 mq di articoli regalo, cartoleria, casalinghi, giocattoli, articoli da campeggio.

BRICO FAI DA TE tutti gli articoli per il tempo libero e il fai da te Presso il Centro Commerciale PRISMA a Caselle di Santa Maria di Sala - Loc. Madonna Mora Tel. (041) 5730377-5730323 - brico center (041) 5731405

mune. Siamo convinti -ha proseguito Rodighiero- che la prassi consolidata negli anni che vede figure di spicco dell’associazionismo sportivo ricoprire successivamente incarichi politici nello stesso ambito non contribuisca a scardinare alcune “rendite di posizione”. L’amministrazione, oltre che a verificare i bilanci delle associazioni dovrebbe concordare un piano di rientro per le somme che alcune di queste devono ancora versarle. Constatiamo, inoltre, -ha affermato Rodighiero- che nulla è stato fatto per rilanciare l’idea di federazione dei comuni del miranese. Facciamo, inoltre, presente -ha concluso Rodighiero- che il bilancio di previsione 2013 non è stato presentato nelle frazioni. Siamo convinti che la giunta poteva trovare il tempo per organizzare degli incontri pubblici” Il consigliere Vanzetto di Lista Salese ha bocciato le variazioni proposte evidenziando come: “ il bilancio 2013 aveva in sé altri 500 mila euro che l’amministrazione ha fretta di spendere. Al di là della considerazione che noi questo intervento sulla vecchia scuola media non lo abbiamo mai approvato; al di là che vista l’opera (un bel capannone prefabbricato impiantato nel cuore del capoluogo) la nostra

contrarietà va via via aumentando; al di là che ora abbiamo, finalmente, la conferma che andremo a spendere per questo capolavoro oltre un milione e mezzo di euro. Al di là di tutto, queste variazioni -ha detto Vanzetto- sono la prova provata che non serviva aumentare le tasse sia sui redditi delle persone che sui beni immobili. Senza le nuove tasse si faceva tutto quello che si è fatto, salvo finanziare il secondo stralcio dell’ampliamento della scuola nel 2014. In ogni caso -ha proseguito Vanzettoi lavori per il secondo stralcio saranno eseguiti e pagati nel 2014. Averli finanziati a nuovo (col bilancio 2014) significava ritardare i lavori forse di uno o due mesi. Lavori che comunque saranno ultimati alla fine dell’anno scolastico per cui le nuove aule (per i fortunati che vi accederanno) non saranno fruibili prima dell’anno scolastico 2014-2015. Detto questo mi pare che le conclusioni logiche siano ben chiare -ha concluso VanzettoCome abbiamo preso le distanze da un insensato aumento della pressione fiscale comunale tanto più ora prenderemo le distanze da una manovra che conferma le nostre valutazioni di giugno”.

• Compravendite immobiliari • Materiali per l’edilizia • Costruzioni civili ed industriali • Pavimenti e rivestimenti Sede Legale a Amm.va: 30036 S. Maria di Sala (VE) Via Noalese, 38/B Tel. (041) 5760642 - Fax. (041) 5760048 e-mail: costruzioni@simionato.net

Esposizione: 30036 S. Maria di Sala (VE) Via Noalese, 38 Tel./Fax (041) 48.77.77 e-mail: info@simionato.net


7

Nel 50° della tragedia del Vajont Gente Salese propone una visita Il 9 ottobre scorso si sono compiuti cinquant’anni dal disastro del Vajont. La televisione e la stampa hanno dato ampio risalto alle celebrazioni ed ai ricordi di quella immane tragedia che ha provocato più di duemila vittime. Vista l’eco ancora viva di quegli avvenimenti Gente Salese vuole proporre, per la tradizionale gita di fine anno dell’8 dicembre, una visita ai luoghi del disastro: la diga, Erto, il cimitero monumentale ecc. La mattina sarà quindi dedicata alla conoscenza ed all’approfondimento della tragedia ed alla consueta santa messa. Il pomeriggio lo dedicheremo alla visita dei mercatini natalizi nel centro di Belluno, bella cittadina capoluogo delle nostre montagne venete. Longarone e la Chiesa Monumentale Costruita in Piazza Jacopo Tasso dopo il disastro, su progetto dell’architetto Giovanni Michelucci, è dedicata alla Vittime del Vajont. All’esterno si possono vedere il memoriale delle Vittime, il piccolo museo di reperti della chiesa precedente denominato “museo Pietre Vive” ed, all’esterno, “l’aiuola della solidarietà”.

La diga del Vajont Procedendo da Longarone verso il Comune di Erto-Casso si può vedere la diga del Vajont, rimasta in piedi dopo la frana del Monte Toc. Alta 261,60 m. e lunga 190 m., con uno spessore alla base di 22,11 m. e alla sommità di 3,40 m., aveva una capacità di invaso di 168 milioni di metri cubi, completamente riempiti dalla frana del Monte Toc il 9 ottobre 1963. L’ondata creata dalla frana aveva un volume di 50 milioni di metri cubi d’acqua, e una velocità stimata di 90 Km/h. Al suo passaggio sono stati completamente distrutti:Longarone, Pirago, Rivalta, Villanova, Faè Basso, Vajont, Zona Malcolm, e parzialmente distrutti Codissago, Le Spesse,San Martino, Pineda, Prada. Cimitero Monumentale alle Vittime del Vajont Situato a Fortogna, 5 Km da Longarone, fu realizzato all’indomani della catastrofe per accogliere le spoglie delle vittime. Recentemente ristrutturato ed ampliato; è stato designato Monumento Nazionale nel 2003. La distesa di cippi e le opere scultoree di F. Fiaba-

ne rappresentano la dimensione umana della catastrofe. Il Portale informativo ospitante anche una mostra fotografica e di reperti. IA conclusione della visita a Longare, di ritorno, come da tradizio-

ne si visiterà a Belluno il Mercatino di Natale “Giardini di Natale” che propone oggetti di artigianato in lana e in legno, originali idee regalo e specialità gastronomiche locali e regionali.

Officinacultura avvia i corsi di formazione Of f i c i n a c u l t u ra, l’associazione culturale salese senza scopo di lucro che si occupa della promozione e della divulgazione culturale in tutte le sue forme ed espressioni propone anche per quest’anno un nutrito programma delle attività aperte ai propri iscritti. Con Novenbre 2013 inizia il 9° anno di attività dell’associazione che conferma la sua presenza sul con una rinnovata proposta di attività culturali dentro e fuori il territorio

Salese. L’Università Popolare di S. Maria di Sala è la rinnovata proposta di corsi di formazione tenuti da professionisti ed insegnanti qualificati promossa da Officinacultura. IL Gruppo degli artisti, un gruppo aperto composto dagli artisti provenienti da tutto il triveneto e Salesi, sia giovani che affermati, è impegnato nella proposta di attività artistiche innovative e coinvolgenti, e nella promozione dei

giovani talenti emergenti ...non le solite mostre!!! Collabora attivamente con altre associazioni nella realizzazione di eventi. Informazioni generali sui corsi - 1 lezione alla settimana, dalle ore 20:30 alle 22:30. - Corsi in aula e di informatica presso i locali dell’istituto comprensivo “Cordenons” a S.Maria di Sala. Corso di cucina presso il ristorante “Inn.pescheria” ore 19.00-20.30

- I programmi dei corsi si trovano nel sito www.officinacultura.net al menu Download > 2013/1014 Per contattare l’associazione Tel: 346.0929846 331.3928755 - 333.7714780 - Email: info@officinacultura.net - Web: www.officinacultura.net - FB: www.facebook.com/Officinacultura Parte dei ricavi dell’associazione viene devoluto in beneficenza, partecipa per aiutarci.


8

“Ricordi”, la mostra presentata a Noale dell’artista Gianpietro Vanin di Stigliano

I colori caldi dell’autunno, della natura, tra le prime piogge e gli ultimi sorrisi del sole, ci portano, con un po’ di nostalgia, a rivivere i momenti più liberi dell’estate, a ripensare al tempo che avanza ai ricordi di feste, tradizioni, ma anche alla realtà di tutti i giorni che si confronta con la nostra storia e con la curiosità di chi non vuole dimenticare. Così i valori che portiamo nell’animo diventano espressione artistica e Gianpietro Vanin si fa interprete di temi sociali, affettivi, carichi di ricordi, in un confronto tra la tradizione, il passato e la realtà di oggi. I suoi bassorilievi, scolpiti in tavole di legno, di tiglio, di ciliegio, olmo e frassino, hanno un’anima vitale già nel materiale stesso cui l’artista pone attenzione, nel gioco delle sfumature che favoriscono il contrasto delle ombre, nelle venature che determinano a volte il soggetto e soprattutto nella forza della materia che continua nel tempo a vivere naturalmente, trasformandosi anche senza l’intervento dell’uomo. La tecnica, con cui Vanin scolpisce, dà risalto al soggetto, posto in primo piano, lavorato su uno sfondo con tracce più decise che conferiscono profondità ed equilibrio alla scena. Sono ritratti d’ambiente, inseriti in caratteristici particolari, in scene di vita, nella storia. La cornice è una parte essenziale del lavoro, spesso il

punto di partenza, unita al tema che intende sviluppare, è quasi una finestra che racchiude la parte creativa dell’opera stessa. La precisione e la minuziosità con cui cura i soggetti, la messa a punto di atmosfere che alimentano la poetica evocativa, dove l’effetto realistico ne fa da compendio, rendono intensa e afferrabile la messa a punto dell’opera. La materia accorda con le stesure pittoriche, realizzate in tonalità che esaltano i valori e la suggestione dei “Ricordi”. Ognuna rappresenta un episodio di vita, un momento del passato, un rapporto con gli altri, la partecipazione di sentimenti, di pensieri, di emozioni che coinvolgono l’artista. Nella scelta dei colori cerca di modulare la simbologia o di accrescere l’effetto scenico, solo i

punti più incisivi tendono ad essere più carichi o assumono un’originalità tipica del soggetto. Spesso è con la gommalacca che plasma effetti di luce che liberano le ombre del legno, modulando i chiaro/scuri, elaborando le forme, creando un’impressione di distanza, adattando il rapporto dei diversi componenti. In questa mostra l’esposizione segue un percorso legato ad alcuni temi particolarmente vivi e frutto di esperienze personali. Attraverso le opere: “Il taglia legna”, “Il mendicante”, “L’emigrante”, suggerisce la ciclicità degli eventi in una lettura sociale. Affronta le tradizioni della stagione con “La raccolta delle castagne”, “Il mangiatore di fagioli”, “Gli studenti”, “I cuccioli”; il paesaggio e l’architettura dei luoghi con le opere dedicate a Venezia e a Noale. Interpreta momenti

di religiosità con la rappresentazione della “Sacra Famiglia” e della figura attuale di Papa Francesco, che con il suo esempio e la sua parola sa essere grande comunicatore. La visione della realtà è anche frutto della sua semplicità d’animo, dell’emotività con cui vive i rapporti, cercando di sviluppare con una visione verista i valori oggettivi delle sue opere. La vivezza è data dal gioco dei rilievi, in vibrazione sotto l’azione delle combinazioni dei ritmi eleganti nelle cadenze rispettose dei valori essenziali impressi nelle figure e che rappresentano i caratteri più tipici del suo mondo iconico. Ricordi e tradizioni appartengono anche alla realtà della famiglia Prosdocimi che in questo periodo nei locali della “Pasticceria- caffetteria” offrono il piacere di gustare le “Fave dei morti”, tradizionali biscotti di pinoli e pasta di mandorla colorati che ricordano per i Cristiani l’uso della fava come cibo di precetto, per i romani le fave contenevano le anime dei morti e per i greci i fiori ricordano la lettera “Theto”, e “Thànatos” che significa morte. L’11 novembre si festeggia San Martino, con il tradizionale cavallo decorato per la gioia dei bambini e di quanti apprezzano festeggiare la tradizione del Santo. Lidia Mazzetto

Patenti A-B-C-D-E-K - SpecialI “Patentino” Ciclomotori Via Lissa 124 - Mestre 30174 (Ve) Tel. 041 487010 Fax 041 5760217 Sede Amministrativa in Via Firenze 20 Santa Maria di Sala-VE Cell. +39 335 7053828 E-mail: impresabarizzasas@gmail.com

UNI EN ISO 9001:2008 CERTIFICATO N. 5955/0

Via dei Larici, 2 - S. Maria di Sala (VE) Tel. e Fax 041.487417

Via Gramsci, 45/b - 30035 MIRANO (VE) Tel. 041.5731656 - Fax 041.5725404 - Email: autoscuolamirano@virgilio.it


9

“La musica da camera dell’Ottocento tra l’Italia e la Russia” porta una ventata di “ romanticismo” in Villa Farsetti Venerdì 20 Settembre, nella Sala Teatro di Villa Farsetti, si è tenuto un concerto dal titolo “La musica da camera dell’800 tra Italia a Russia” organizzato dal Comune di Santa Maria di Sala, assessorato alla Cultura. Doverosi i ringraziamenti agli artisti: il mezzosoprano Lyudmila Dobreva ed il pianista M° Giovanni Ferrari, interpreti del concerto, che hanno messo a disposizione la loro arte, a titolo del tutto gratuito; all’Amministrazione Comunale di Santa Maria di Sala, ai “Vivai Gardin” di Caselle di Santa Maria di Sala, che hanno addobbato ed abbellito la Sala Teatro ed il palco A prendere la parola l’Assessore alla Pubblica Istruzione Enrico Merlo, che ha portato il saluto dell’Amministrazione Comunale al numerosissimo pubblico presente in teatro. Il presentatore del concerto Giancarlo Zamengo ha illustrato che negli anni intorno al 1800, nacquero quasi tutti i più famosi musicisti romantici, da Mendelssohn, Schumann, Chopin, Bellini a List, Verdi e Wagner. Un processo non lineare ma nettamente spartito tra due diverse aree geografico-religiose: il Nord protestante ed il Sud cattolico, i quali avrebbero marciato contemporaneamente con direzione e velocità differenti. Nel Nord il settecentesco stile galante sotto forma di stile della sensibilità, sarebbe approdato direttamente al Romanticismo; nel Sud invece, questo percorso è stato inframezzato da una fase detta appunto “classicismo viennese”. In tutte e due le correnti, è presente una grande idea: il pensiero romantico, filosofico , letterario. Nel Romanticismo cambiarono tutti i postulati estetici musicali. Quasi tutti i compositori di questo periodo contribuirono al processo di autonomia e identità culturale del proprio popolo, assistendo alla fioritura delle scuole nazionali che diedero accento ai caratteri musicali tradizionali. “L’arte è un mezzo di comunicazione con gli uomini e non una fine” diceva il grande compositore russo Musorgskij, frequentatore dei noti salotti intellettuali che nacquero nella seconda metà dell’800 sia in Russia che in Ita-

lia. Questi luoghi di incontro per filosofi, scrittori, musicisti e pittori, sono lo scenario per la nascita di una nuova espressione musicale: la romanza da salotto. La musica da camera è assai coltivata in questi ambienti. Appena venti persone si riunivano in una stanza subito si apriva il pianoforte e si improvvisava un concerto, dove predominava la parte vocale. I brani eseguiti, appartengono al grande repertorio cameristico russo ed italiano ma scritto esclusivamente da compositori d’opera, in cui vengono trasformate in musica, le poesie dei più noti scrittori dell’epoca: Goethe, Puskin, Lermontov, Heine. Nelle romanze russe c’è sempre una riflessione filosofica, l’enigma dell’animo russo. Il periodo noto come l’età d’argento, ha generato una “plèiade” di straordinarie personalità della cultura, nelle sue espressioni più diverse. È possibile notare una particolarità, ossia che gli autori si rivolgono alla Russia come ad un essere umano in carne ed ossa, pensando

spesso la patria come madre, moglie, fidanzata, sorella. Così il dialogo con la Russia diventa una questione fondamentale ed il tema è connesso alla costante permanenza spirituale nel mistero. Valori culturali, sudditanza politica diretta od indiretta di molte regioni italiane e potenze straniere, impedirono che anche in Italia fiorissero i salotti, facendo rimanere lo spettacolo operistico uno dei principali incontri di vita sociale. In campo musicale l’Italia ottocentesca, da una serie di capolavori al ricchissimo patrimonio del Romanticismo europeo. Bellini, Donizetti, Rossini, Verdi, sono i più grandi esponenti della corrente, che diffondono la loro musica ben oltre le frontiere del paese a livello europeo. Da un’affascinante antologia di intime e travolgenti romanze italiane e russe, che intendono promuovere la diffusione del repertorio da camera, ci ha dato una straordinaria opportunità per rivivere quell’atmosfera dei salotti dell’800 in cui venivano celebrate le arti, come momento di integrazione e crescita culturale. Sono stati quindi eseguiti brani di Petr Il’ic Cajkovskij, di Sergej Vasil’evic Rachmaninov, di Vincenzo Bellini e di Giuseppe Verdi. I brani, relativi ai due compositori e musicisti russi, sono stati sopratitolati con la traduzione italiana del testo, proiettata nello schermo gigante presente in sala, per una più facile comprensione. Mentre Cajkovskij fu musicista di schietta e generosa natura, non

Gottardo Dino & C. snc CARPENTERIA IN FERRO GAZEBI, COPERTURE, RECINZIONI SERRAMENTI IN ACCIAIO INOX, OTTONE E ALLUMINIO (con marchio CE) Via Rugoletto, 49 Veternigo di S. Maria di Sala (VE) Tel. e Fax. (041) 5780374

molto disciplinata spiritualmente e piuttosto incline a certa sentimentale eloquenza (soprattutto melodica), oltremodo comunicativa anche per la frequente amplificazione oratoria, per Rachmaninov la musica nasce dal cuore ed al cuore parla: ai suoi affetti, alle sue domande, ai suoi tormenti, alla sua sete d’infinito. La musica, in una parola, è “amore”, e se rimane sorella della poesia, è pur sempre figlia di quella sofferenza che per lui è stata compagna fedele lungo tutto il suo peregrinare, sulla terra e nello spirito. A volte accade nella storia dell’uomo che parallelamente, anche a distanza di migliaia di chilometri, si proceda alla stesura di un progetto simile quasi nella stessa maniera, come nel nostro caso, dove compositori russi ed italiani, compongono nello stesso genere musicale, per intenti, premesse compositive ad impatto sonoro. L’accostamento tra Cajkovskij e Rachmaninov con Bellini e Verdi, romantici in maniera diversa, ovviamente deriva da due culture importanti ma diverse. Bellini con le sue melodie continue, sognanti, tipicamente italiane e Verdi vicino all’aria d’opera monumentale. Lo stile di Bellini è dotato di una melodia infinita di rara bellezza e semplicità. La voce è assoluta protagonista. Erede del belcanto, Bellini scrive delle pagine di sublime espressione, limpida sonorità, che danno la sensazione di puri sentimenti: un vero rappresentante del romanticismo italiano ed europeo. Verdi usa spesso poesie di Jacopo Vittorelli, Felice Romani, Goethe (poi tradotte), Temistocle Solera, (che poi sono in parte anche i librettisti delle sue opere) interpretando i versi con una bella melodia di ampio respiro, volta a sottolineare i momenti più significativi del testo poetico. Sembra quasi preannunciare la splendida struttura musicale, che sarà una prerogativa del grande compositore. Anche se le romanze appartengono al periodo del romanticismo, non manca l’effetto drammatico dove tragedia, dramma, morte, sono i contenuti di molte composizioni. Giancarlo Zamengo

SO.GE.di.CO. Srl casette in legno - gazebi - pergolati box e coperture per auto

tutto su misura

Via Cainazzi 33/A :: Veternigo di S. Maria di Sala Ve Tel./Fax 041 5781316 :: Cell. 3392834682

IMPIANTI E Costruzioni Generali Sede Legale: ZELARINO 30174 (VE) Tel. 041.5461109 Fax. 041.5461114


10

Crisantemi variopinti innondano la piazza di Caselle e per un giorno sono i divi della manifestazione

Domenica 27 Ottobre scorso si è svolto a Caselle de’ Ruffi il 1° Concorso Regionale del Crisantemo. La manifestazione, con il Patrocinio della Regione Veneto, Provincia di Venezia e dell’Amministrazione Comunale di Santa Maria di Sala, è stata organizzata dall’Associazione culturale senza scopo di lucro “Vita in piazza”, guidata dall’infaticabile presidente Angelo Pegoraro. In una coloratissima cornice di fiori e di colori autunnali, erano presenti numerosissime bancarelle, posizionate in entrambi i lati della strada, riempiendo tutto il centro del paese da via Noalese fino alle scuole elementari. Presenti auto e moto d’epoca, trattori e macchine agricole d’epoca che ci hanno ricordato, con un tocco di nostalgia, i bei tempi andati: quelli della nostra giovinezza in una giornata ava-

ra di sole, ma con temperatura mite. I dieci giurati hanno decretato il primo premio alla Azienda Agricola Bincoletto Paolo di Mirano con 90 voti, che ha ricevuto la targa e medaglia d’oro per un crisantemo bianco a fiore grosso, consegnata dal Sindaco di Santa Maria di Sala, Nicola Fragomeni, dopo un breve saluto ai presenti. All’Azienda Agricola Bortolozzo di

Abbellita la chiesetta di Treponti, si prega per le vittime del terribile scoppio del 1944 Dopo il recente risanamento del tetto e della parte esterna della chiesetta votiva di Treponti, effettuato gli scorsi anni dalla parrocchia di Stigliano con il sostanziale contributo della Amministrazione Bertoldo, il 26 ottobre don Rodolfo ha celebrato la S. Messa e tutti hanno potuto apprezzare gli

interni della chiesetta interamente affrescata internamente per le mani dell’artista locale Ennio Barbato. Quest’anno il 26 ottobre, data del disastroso scoppio del 1944, si è voluta una cerimonia speciale in ricordo ed in suffragio delle 23 vittime civili della deflagrazione ed anche per ringraziare Ennio Barbato che ha gratuitamente offerto il suo lavoro e la sua perizia per riportare il tempietto agli antichi splendori. L’alzabandiera è stato solennizzato dal canto dell’inno di Mameli eseguito dal coro Monti Scarpazi di Pianiga.

Campocroce di Mirano, seconda classificata, è andata una targa e medaglia d’argento, totalizzando dalla giuria 81 voti, per il crisantemo bianco Angelys. Il terzo premio, targa e medaglia d’argento all’Azienda Agricola Salmaso Fabrizio di Murelle di Villanova di Camposanpiero (PD) con 79 voti, per il crisantemo con petali color oro all’e-

sterno e rosso all’interno. Una menzione particolare per gli espositori Zara Stefano da Dolo, Tosatto Mattia da Scorzè, Gardin Mirco e Monica da Caselle, Boscolo Gabriele da Mira, Marchesan Alessandro da Caerano San Marco ed Elena da Caselle. Una folta partecipazione di pubblico per tutta la giornata ha confermato la piazza di Caselle de’ Ruffi come sito ideale per queste manifestazioni. Il presidente Angelo Pegoraro, al momento della premiazione, ha ringraziato gli sponsor, l’Amministrazione Comunale, la Parrocchia, il Comitato festeggiamenti di Caselle, gli amici dei trattori, i componenti della giuria e tutti coloro che a vario titolo hanno collaborato alla buona riuscita della manifestazione annunciando il prossimo appuntamento con i presepi per l’8 Dicembre prossimo, sempre a Caselle.

Via Stradona: dissestata per il grande traffico L’Italia è una nazione con un indice di abitanti per kilometro quadrato, fra i più elevati. Essendo un Paese dove i due terzi della superficie è montagnoso o collinare va da sé che sul terzo rimanente si concentrano la maggior parte di abitanti. Conseguenza di tutto questo: una movimentazione di persone concentrata e veramente intensa. Se, poi, andiamo a considerare che alcune zone sono siti di concentrazione industriale, si intuisce quale possa essere il traffico cui è sottoposto quel determinato territorio. Questo è il caso di Via Stradona in quanto si verificano tutte le citate condizioni che alla fine determinano un traffico di passaggio civile e industriale veramente intenso e continuo. Conseguenze: pericolo per gli abitanti della zona, inquinamento acustico e dell’aria, vibrazioni dannose per gli edifici, distruzio-

ne della sede stradale. Via Stradona si presenta con il fondo talmente dissestato da costituire pericolo per il traffico, sia dei camion, che delle auto, che rischiano di deviare la traiettoria e di finire nei fossati. È una strada che è stata oggetto, più volte, di richieste di riduzione di traffico e di manutenzione, attraverso petizioni e raccolte di firme da parte di quanti vi abitano. Attualmente la situazione del manto stradale è particolarmente critica e necessita di urgenti interventi manutentivi. Si spera che gli enti interessati, in primis la Provincia, prendano in considerazione la presente, ennesima, segnalazione e mettano mano a provvedimenti per ridurre il traffico e soprattutto per una radicale, inderogabile, sistemazione del fondo stradale. P.B.


11

La Salese Cycling da due anni sulle due ruote si sta distinguendo e promette grandi emozioni Gran finale di stagione per la Salese Cycling, unica società ciclistica del capoluogo Salese, diretta dall’impareggiabile Gabriele Tomaello. Dopo alcune uscite domenicali, dal tono turistico, arrivano i primi risultati utili: tocca a Walter Girardin, premiato dopo aver partecipato e portato a termine il 7° Granfondo su strada, che ha acquisito lo scudetto tricolore 2013. Un successo legato al campionato nazionale, denominato “PRESTIGIO”. Altro riconoscimento è per Massimiliano Bonaldi e Paolo Bonetto, che hanno conquistato il “brevetto Challenge Giordana”, valevole come campionato delle Granfondo su

strada del triveneto. Ma la capacità di questo team, che ha spento due candeline, dimostra di avere tutte le credenziali per fare bene. Spaziando dalla strada al fuoristrada, eccoli infatti, accompagnati dal Presidente, ben 4 biker mettersi in gioco e partecipare al 7° trofeo FPT industrie, prova del prestigioso circuito Autunnale diventato una realtà Nazionale. Sono Simone Gasparini, Christian Sagato, Piero Varretto e Denis Marinello, che si sono distinti per l’ impegno e che hanno concluso onorevolmente la prova, cosa non facile visto il valore atletico dei oltre 300 partecipanti. Il ciclismo, tanto caro e amato

nel nostro comune si sta rinvigorendo e la Cycling Salese ne è un esempio lampante. Sono passate solo due stagioni dall’esordio e i pronostici promettono una bella storia in ascesa. Diventerà una bella realtà che si affiancherà al Gs. Fenice Caselle e al San Marco Stigliano. Una storia tutta da scrivere, ma come dice il proverbio ”chi ben comincia è a metà dell’opera”, crediamo che sia partita con il piede, pardon, con la bicicletta giusta e con la pedalata altrettanto lunga che non potrà che offrire grandi soddisfazione a chi la pratica e ai tifosi delle due ruote. Luciano Martellozzo

L’orchestra di fiati del Veneto Yari Favero, come i “grandi”, promuove i corsi di musica sulla pista di San Mauro

L’Orchestra di Fiati del Veneto, oltre alla classica attività concertistica, da anni svolge una meritoria opera di diffusione della cultura musicale fra i giovani. Anche quest’anno sta per iniziare la Scuola di Musica. Il progetto è possibile grazie alla collaborazione con l’Istituto Comprensivo “F. e P. Cordenons” di Santa Maria di Sala e con gli Assessorati alla Cultura e alla Pubblica Istruzione del Comune di Santa Maria di Sala: Le principali attività riguardano: le

lezioni concerto gratuite nelle scuole; le prove strumentali gratuite (su appuntamento); i corsi per suonare uno strumento musicale (flauto, clarinetto, oboe, sassofono, tastiera e pianoforte, corno, chitarra, tromba, trombone, batteria e percussioni) e di musica d’insieme. Per provare uno strumento musicale occorre accordarsi prenotando al n. 348 5848180; 345 5329029 (prof.ssa Meloni); Pianoforte e tastiera n. 348 5848180, oppure inviare una mail a info@orchestradifiatidelveneto.it

Si conclude alla grande il campionato per il pilota di minimoto Yari Favero che il 20 ottobre, nell’ultima gara a San Mauro Mare (Rimini), ha conquistato il secondo posto assoluto al trofeo nord Italia categoria open B. Considerando che aveva già vinto il campionato veneto, possiamo dire che la stagione si è conclusa nel migliore dei modi. La soddisfazione più grande è stata correre nella pista di San Mauro dove piloti come Valentino Rossi e

Marco Simoncelli hanno cominciato la loro carriera con le minimoto. Adesso il team Favero racing e tutti gli amici, in particolare il cugino Manuel Berloso, il grande sostenitore Enrico Marzano e il papà Fabio vogliono vedere l’anno prossimo Yari gareggiare nel campionato italiano perché sarebbe una grande soddisfazione. Da tutta la redazione i migliori complimenti al nostro pilota salese. Dai Yari! Ti aspettiamo per la prossima stagione.

PRATICHE AUTO E AMMINISTRATIVE MEDICO IN SEDE PER RINNOVI O DUPLICATI PATENTI ACCETTAZIONE AUTENTICHE DI FIRMA PER TRASFERIMENTI DI PROPRIETÀ

Via Caltana, 169 - 30036 Caselle di S. Maria di Sala (VE) Tel. 041 5731255 www.gioielleriadalmaso.com - email: oreficeria.dalmaso@gmail.com

ASSICURAZIONI - RISCOSSIONE BOLLI AUTO Dal lunedì al venerdì: 8.30-12.30 e 15.30-19.30 / sabato: 9.30 – 12.30 Via Cavin di Sala, 65 – 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel. 041/487453 – Tel/Fax 041/487871 – E-mail: agenzia.ducale@libero.it


12

7ª prova trofeo d’autunno a S. Maria di Sala Andrea Dei Tos e Paola Pezzo i protagonisti

Il trofeo FPT industrie ha riscosso ampi consensi e, galoppando verso il gran finale, tutti i numeri sono favorevoli al movimento: superate le 300 biker e sempre le giovanili in prima fila, anche loro hanno superato quota 100 minibiker, vera linfa del movimento. Folto il pubblico che faceva da cornice ai 6 km del circuito ricavato nella campagna salese. Tanti i personaggi di spicco con in testa la madrina, l’Olimpionica Paola Pezzo ed il neo professionista dell’Astana, Marco Benfatto. Presente lo staff della cicli Olympia con Paolo e Michela, la cicli Due Emme di Noale a presentare i nuovi modelli reduci dal successo della fiera di Padova, dove l’azienda di Piove di Sacco ha ricevuto il premio per il Top del design. Alla stradale Leader dell’Olympia, un bel modo per festeggiare i 120 anni dello storico marchio. A fare gli onori di casa il “patron” Piccolo e la signora Nadia dell’FPT, con il figlio Sebastiano, il nonno Gabriele attorniato dai nipotini. Anche in rappresentanza del Comune presente il sindaco Fragomeni, l’assessore allo sport Miele, la figura storica il Cav. Carraro. Presenti i rappresentanti della federciclismo con il presidente regionale Carlesso, ed il Lagunare Bonato, il consigliere regionale Bevilacqua, in rappresentanza del Gs. Robegano dove militava il giovane Nicola Pirolo, (suo il 4° memorial) la dirigenza e un buon numero di minibiker

a ricordo del giovane tragicamente scomparso 4 anni or sono. La prima partenza vede gli open e Junior nella prima griglia seguiti dai master Elite-M1-M2-M3. Superiore ai 15 minuti di gara il tempo impiegato a compiere un giro, ben 5 tornate per le maggiori categorie. Nessuna storia tra i Master con protagonisti assoluti i biker di casa, Giraldin-Piva-Simion-Kogler padroni assoluti di categoria, al comando dopo l’azione di Dei Tos. Carraro cerca il tris consecutivo portandosi nuovamente al comando, staccato Dalto che “cede le armi” alla coppia, a due giri dal termine l’azione decisa e possente di Dei Tos che saluta la compagnia e si appresta a scrivere il suo nome nell’Album d’oro della 7ª edizione; quinto, alla sua prima esperienza nel fuoristrada, il velocista Patavino Benfatto.

Macelleria GALLO PLINIO Q ua l i tà c o n v e n i e n za e t r a d i z i on e offe rte sp ec i ali o g n i m ese

S. Maria di Sala (VE) Via Cavin di Sala, 34-36 Tel. 041.486005

Avvincente la seconda partenza dove ancora protagonista assoluto troviamo l’atleta di Musile di Piave G.Franco Mariuzzo. I Master 5 vivono sul testa a testa tra Morandin dei Pedali di Marca con la sua nuova maglia di Leader ed il veterano Beppe Dal Grande (Cycling Friuli). Nel finale la spunta il primo. Nella M6 Garofolin detta legge, corsa a sé e trionfo per il portacolori dei colli Euganei, vissuto il duello femminile dove era impegnata la campionessa Olimpica Paola Pezzo e le “nostre” Giovanna Troldi, con l’attuale leader Alessandra Teso. La classe e l’esperienza della campionessa Scaligera si fanno notare, nel percorso tecnico con curve e controcurve, adiacente al magazzino dell’azienda Salese, consegnano alla Paola Nazionale un successo che sa di storia della MTB. Ecco di scena le giovanili, un cen-

F.B.F. Impianti s.r.l. CONDIZIONAMENTO RISCALDAMENTO IMPIANTI ELETTRICI Santa Maria di Sala (VE) Tel. 041486081 - Fax. 041 486928

tinaio circa: i primi a concludere gli esordienti. Vittoria e premio alla memoria di Nicola Pirolo a Taffarel del Torpado Victoria, la stessa categoria del giovane scomparso. A consegnare l’ambito trofeo papà Maurizio. Per le più giovani successo alla Tovo della stessa società (con un giro in più gli allievi) ancora una prova magistrale per il Vicentino del Vc. Torre Cerisara che si conferma primo della classe. Per la femminile dominio delle Veneziane Lirussi e Prataviera dei Velociraptors di Torre di Mosto. Una prima colazione a buffet con ristoro degno di una G.Fondo; pranzo in attesa delle premiazioni (davvero veloci e corrette) con lasagne, pasta, patate al forno, dolce, bibite a volontà per tutti i presenti. Pacco gara con confezione vino. La prova era valida per la finale Lagunare. Consegnate le maglie bianche con il Leone di S.Marco da parte del presidente Bonato e del consigliere Bettarello. Bella giornata sotto tutti gli aspetti e tanti i complimenti ricevuti, devoluti, di dovere, all’azienda e allo staff dell’FPT diretto dall’inesauribile anima del patron Gabriele Piccolo, ben coadiuvato dal presidente Zorzetto e dai suoi collaboratori, Fattoretto, Cercato, Bertoldo e Mauro Piccolo, solo alcuni tra i più impegnati. Ora ci si prepara, per il gran finale con la kermesse riservata ai protagonisti del circuito partito a fine agosto dopo 11 lunghe tappe, con le premiazioni, nella barchessa di villa Farsetti,. Luciano Martellozzo


a cura del dott. Luigi Cazzaro

Autunno e alimentazione

L’autunno è una stagione difficile da affrontare perché molto spesso si è soggetti a nervosismo, ansia, calo dell’attenzione, stanchezza e problemi gastrointestinali provocati essenzialmente dalla tensione dovuta al rientro al lavoro, a scuola e alla routine quotidiana. Per evitare questi disturbi è indicato evitare i regimi alimentari troppo restrittivi e squilibrati privilegiando alimenti semplici e freschi come verdura e frutta che sono ricchi di antiossidanti. Ricordiamoci pure che una dieta scorretta può aumentare il rischio di certi tipi di tumore; bisogna quindi fare attenzione soprattutto agli alimenti altamente calorici, ricchi di proteine animali, grassi e carboidrati raffinati. La sensazione di stanchezza e le difficoltà di concentrazione possono essere superate con l’assunzione di cereali, noci e legumi e con il pesce. Quest’ultimo è consigliato consumarlo almeno due volte alla settimana perché è un alimento ricco di omega-3 e acidi grassi essenziali in grado di inibire la formazione di radicali liberi, migliorando la qualità del sonno e dell’umore favorendo concentrazione e memoria. Magnesio e selenio, provenienti da frutta secca e verdure a foglia verde possono sostenere le funzioni cerebrali e contrastare gli sbalzi d’umore. A tutto questo può contribuire pure un aumentato introito di vitamina B 12 e di acido folico che sono contenuti principalmente nel pollo, nel manzo, nel salmone, nei broccoli e nei fagioli. Ricordiamoci che la colazione ha funzione di “starter” e serve pertanto ad avviare i motori e necessita quindi di carboidrati e di un po’ di grassi. Meglio evitare una colazione salata e preferire piuttosto un buon latte con pane e marmellata o miele e del caffè. Il pranzo deve essere energetico, ma non deve appesantire e quindi riso con piselli o pasta con fagioli e della frutta possono essere un’idea. La sera invece è il caso di alternare

Rubriche

i vari tipi di proteine: dalla carne rossa a quella bianca, dal pesce alle uova fino ai formaggi. Utili durante la giornata anche degli spuntini veloci a metà mattina e al pomeriggio con cereali o frutta. Ricordiamoci infine che una buona idratazione favorisce tutti i processi metabolici e le prestazioni fisiche. L’acqua è indispensabile per la regolazione della temperatura corporea, agisce come “lubrificante” e ha funzione di ammortizzatore nelle articolazioni e nei tessuti oltre a mantenere elastiche e compatte la pelle e le mucose. Diventa quindi indicato assecondare o prevenire il senso di sete bevendo mediamente 1,5 - 2 litri di acqua al giorno. Una segnalazione particolare per l’alcol per il quale non esistono quantità “sicure” o “raccomandabili”. La dose non deve superare i 20-40 grammi (circa 2 bicchieri) al giorno per l’uomo e i 10-20 grammi (circa 1 bicchiere) per le donne. Alzare il gomito è assai dannoso. L’alcol è infatti potenzialmente cancerogeno e può indurre dipendenza otre a provocare seri danni al fegato e al sistema nervoso centrale.

13

L’alcool tra uso e abuso

Nella cultura moderna l’alcol non è più considerato tanto come elemento nutrizionale, quanto come mezzo per procurarsi sedazione, eccitazione o piacere, che fa raggiungere con facilità l’eccesso sporadico o abituale. Anche se non è facile stabilire una distinzione netta tra uso corretto e abuso, è ragionevole considerare come abuso l’eccesso occasionale o continuativo di alcol con la creazione di una dipendenza di natura psicologica, per cui il bere risponde alla necessità di sentirsi in forma, nell’illusione di un temporaneo sollievo nei confronti delle responsabilità che dobbiamo affrontare. I danni da intossicazione etilica sono provocati da tre costituenti principali delle bevande alcoliche: etanolo, metanolo e acido isopropilico. Le manifestazioni dell’intossicazione acuta dipendono dal livello di alcol presente nel sangue. La condizione di media intossicazione si associa a rilassamento e disinibizione. Il consumo eccessivo deprime il sistema nervoso e comporta la perdita del controllo mentale e fisico. In casi estremi l’intossicazione può portare a perdita di coscienza (coma etilico) e anche alla morte. Per poter comparare tra loro le varie bevande alcoliche contenenti percentuali diverse di alcol, si ricorre alla cosiddetta ‘unità di alcol’ che corrisponde a 8-10

a cura della dott.ssa Sonia Giacometti

grammi di alcol. Per esempio, una bottiglia di whisky o di brandy corrisponde a 30 unità di alcol. Il corpo è in grado di smaltire una singola unità di alcol in un’ora circa. I limiti di sicurezza consigliati nel consumo di bevande alcoliche prevedono al massimo 21 unità di alcol alla settimana per l’uomo e 14 unità per la donna. A parità di unità di alcol gli effetti degli alcolici vengono aumentati se sono assunti a stomaco vuoto, in condizioni di affaticamento o di stress accentuato. Consigli per un corretto consumo: Se si assumono bevande alcoliche è consigliabile farlo con moderazione, preferibilmente durante i pasti, o comunque subito prima o dopo aver mangiato. È preferibile bere con moderazione e regolarità, piuttosto che concentrare il consumo di alcolici nel fine settimana o in occasioni particolari, in quanto l’attività enzimatica capace di metabolizzare l’alcol si attenua progressivamente. Tra le bevande sono da preferirsi quelle a basso tenore alcolico, come il vino e la birra. Una buona regola è quella di non bere più di un bicchiere di vino rosso o bevande alcoliche al giorno per le donne e non più di due per gli uomini. Si raccomanda l’astensione completa da alcolici in gravidanza, durante l’allattamento, nella fase della crescita, quando ci si deve mettere alla guida o si lavora con strumenti delicati o pericolosi e in corso di assunzione di farmaci. L’etanolo interagisce con numerosi farmaci, modificandone l’effetto, sia perché ne favorisce l’assorbimento, ne altera il legame con le proteine del sangue, ne influenza la velocità di rimozione da parte del fegato. In particolare va ricordata la pericolosità dell’interazione dell’alcol con gli psicofarmaci con un aumento della probabilità di provocare incidenti stradali.

telefono: 041 5780158 fax: 041 5780668 email: info@bortolato.eu web: www.bortolato.eu

BORTOLATO s.a.s. di Bortolato Onorino & C. via Rugoletto, 37 - 30036 Veternigo di S. Maria di Sala (VE)

DAL 1982 AUTOMOBILI PER PASSIONE - Vendita Nuovo, Km 0 e multi marche - Vendita semestrale e usato garantito - Installazione impianti a GPL - Noleggio Auto

- Revisione - Elettrauto - Assistenza officina - Gommista

Via Cavin di Sala 72/A Mirano (Ve) - Tel. 041 5701190

www.autorombo.com


Rubriche

14

Mooncake: la festa d’autunno Ci sono storie che raccontano di fatti realmente accaduti e che ritroviamo nei libri di scuola. Altre che si narrano per non dimenticare o per ricordare le gesta dei nostri antenati. Ma ce ne sono alcune invece che sono semplicemente leggende; addirittura fantasie che hanno attraversato i secoli, sconfiggendo il tempo, alimentando l’orgoglio di un popolo, diventando più vere di qualsiasi avvenimento storico, tanto da venire accolte come vere e proprie feste nazionali. E questo è il caso della Festa di Metà Autunno, celebrata in tutta la Cina durante il quindicesimo giorno dell’ottavo mese del calendario cinese, cioè tra la seconda metà di settembre ed i primi giorni di ottobre, in un periodo piuttosto vicino all’equinozio d’autunno. In quei giorni mi trovavo a Hong Kong per acquistare delle pietre da un indiano di passaggio in città: ametiste, citrini, qualche zaffiro e, soprattutto, perle di acqua dolce. Fin qui niente di nuovo, si trattava del lavoro di sempre e tutto era al suo posto: la metropolitana, la baia, i grattacieli. Ma una sera, rientrando in albergo, vidi centinaia di persone occupate nei preparativi di quella che aveva tutta l’aria di

Mooncake essere una festa nei pressi del parco Victoria. Una volta arrivato nella Hall dell’hotel incontrai il mio amico Ivan. Lo conoscevo da anni e avevamo parlato spesso durante i suoi turni di notte. Parlavamo di donne, di mia moglie e di Lily, l’amore della sua vita. Fui particolarmente felice di vederlo e dopo averlo salutato, chiesi: «Cosa sta succedendo? La città è in fibrillazione!» «Ci stiamo preparando al Moon Festival! Domani sera vai al parco e guarda verso il cielo!» rispose il giovane receptionist dell’albergo. «Moon Festival?» chiesi. «Di che si tratta?» Allora Ivan si illuminò. Di solito ero io a raccontare qualcosa a lui: storie di pietre e gemmologia, qualche parola di italiano, o semplicemente il racconto delle bellezze delle città del nostro paese. Ma dopo sei anni di chiacchierate durante i suoi turni di notte, fu lui a raccontarmi qualcosa che avrei ricordato per sempre. Mi disse che ai giorni nostri il Moon Festival é semplicemente la festa per l’augurio di longevità, come voleva la divinità Chang, dea lunare dell’immortalità. Ma che c’era stato un tempo, nel XIV se-

colo, quando la Cina si trovava oppressa dai reali mongoli, in cui quel giorno aveva assunto un significato ben diverso. Il popolo stava tramando la rivolta contro gli antichi nemici. Tuttavia un decreto imperiale proibì il riunirsi in gruppi e ostacolò il progetto dei ribelli che vedevano di buon occhio l’insediarsi della nuova Dinastia dei Ming. Allora nacque l’idea che cambiò le sorti della storia della Cina. Durante la Festa di Metà Autunno, il leader dei ribelli decise di distribuire migliaia di “mooncake” (torta lunare) con il pretesto di omaggiare l’imperatore mongolo e augurargli lunga vita. Sulla superficie delle tortine, confezionate in scatole contenenti quattro dolcetti ciascuna, furono stampati dei mosaici e dei rompicapo. Per leggere il messaggio criptato ognuna delle quattro torte doveva essere tagliata in quattro parti uguali. I sedici pezzi ottenuti, ricostruiti in una nuova sequenza, fornivano il codice per decifrare il messaggio segreto che, una volta letto, poteva essere distrutto semplicemente mangiandolo. E così su ogni torta fu inserito un messaggio che incitava i ribelli

Impresa Edile

Concollato Luca

Costruzioni e restauri

Via Gaffarello n. 46/ASant’Angelo di Santa Maria di Sala (VE) Cel. 3476032314

G

a cura di Luca Novello

alla rivolta e ad uccidere il tiranno, proprio nel quindicesimo giorno dell’ottavo mese, giorno che coincideva con il festeggiamento della Festa di Metà Autunno. Durante quella notte i rivoltosi attaccarono i reali e rovesciarono il governo, stabilendo la Dinastia dei Ming. A distanza di VII secoli nessuno ha saputo spiegarmi se quel dolce, il Yue-Bing (fatto di farina, olio acqua, frutta secca al cui interno si nasconde un tuorlo d’uovo proprio a ricordare la luna piena) rappresenti davvero il ricordo della notte in cui i Ming scacciarono i tiranni mongoli o se invece sia soltanto il festeggiamento del plenilunio d’autunno. Una cosa però è certa: in tutta la Cina non vi è famiglia che non si sieda intorno a un tavolo rotondo e tagli in quattro parti quel dolcetto, guardando verso il cielo, liberando nell’aria una lanterna accesa esprimendo un desiderio… Per questo sono sicuro che Ivan, il 19 settembre, abbia aperto la finestra, acceso un lumino e guardato negli occhi Lily, la sua fidanzata, chiedendole finalmente di sposarla, augurandosi di vivere a lungo, magari non interno, ma comunque di invecchiare insieme.

a r t igiana a i r e t a l e le

Gelati Semifreddi Mignon Torte e... molto altro

Per ogni ricorrenza è posibile prenotare una speciale torta personalizzata e decorata

Stigliano di S. Maria di Sala (VE)


battesimi laurea anniversari

Domenica 15 settembre Grabiel Janko, nato il 31 Dicembre 2012, è diventato cristiano ed è entrato a far parte della Chiesa di Dio. Don Lucio ha celebrato questo sacramento e ha pregato con i genitori Grazia Serena e Majo, i nonni Giovanni con Patrizia, con Valentina, le zie, gli zii, i cugini Sandiago, Armando e Gioele, amici e parenti perché possa crescere nella fede.

Basso Diego, il 17 ottobre si è laureato in ingegneria aerospaziale presso l’università di Padova discutendo la tesi: “Improvement of a low-order panel method by farfield computation of induced drag for arbitrary non-planar wing configurations” Congratulazioni da parenti e amici.

Il 30 Giugno 2013, Francesca Barban e Guglielmo Pistore hanno festeggiato il 40° Anniversario di Matrimonio. Festa grande anche domenica 15 settembre con il battesimo del nipotino Matteo Trabacchin, nato l’8 Marzo, che vediamo nel riquadro.

years Il 9 ottobre Giulia Carraro ha spento la sua prima candelina. Tanti auguri dai genitori e parenti, ma in modo particolare dalla sorellina Giorgia.

Domenica 25 agosto Samuele Bolzonella, nato il 18 Maggio 2012, è diventato cristiano della chiesa di Dio, ricevendo il battesimo per le mani di Don Tiziano Marconato, zio di Desirè, madre di Samuele. Incontenibile la gioia dei genitori Francesco e Desirè, del nonno Carlino, degli zii Silvano, Damino, Mauel, Loris, Gabriele, delle zie Lavina e Marilì e degli amici e parenti.

libera associazione per i rapporti italo - croati

Via Giovanni XXIII, 11 - 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel 3398192638

www.associazionelesina.org - mail: info@associazione lesina.org

Il 4 agosto la signora Bovo Olinda di Veternigo ha compiuto 90 anni. Tanti auguri da Maddalena, dalle cugine, parenti e amici.


Giovedì 14 novembre 2013 la piccola Viola Gobbo di Caselle compie un anno. Tanti auguri da papà Michele e mamma Rosita, dai nonni, zii e cuginetti.

Il 10 ottobre Maria Cagnin ha compiuto 90 anni. Tanti auguri dai figli Rosanella, Natalina e Mario, dai generi Silvano e Raffaele, dalla nuora Luisa, dai nipoti e pronipoti.

15

Fernanda Ferro e Mario Norbiado hanno festeggiato le nozze d’oro assieme ai figli Stefano, Michele con Manuela, Diego con Silvia, Katy con Ermenegildo, Nicoletta con Andrea e con i sei nipoti Filippo, Edoardo, Mattia, Denis, Alessandro, Michele, parenti e amici.


16

Sant’Angelo in VISITA ALLA TUSCIA

Gita di interesse culturale

DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE: Associazione Culturale Gente Salese Via dei Tigli 10 - 30036 S. Maria di Sala Ve Tel. 041 486369 E-mail. redazione@gentesalese.com www.gentesalese.com DIRETTORE RESPONSABILE Graziano Busatto PRESIDENTE Giovanni Vanzetto ART DIRECTOR Manuel Rigo TIPOGRAFIA Grafiche Quattro Santa Maria di Sala (VE) Registraz. Tribunale di Venezia n° 770 - 17 gen 1984

Un gruppo di amici di S. Maria di Sala e Sant’Angelo hanno trascorso un lungo fine settimana visitando la , terra nella provincia di Viterbo tra il lago di Bolsena e Tarquinia. Lungo il percorso sono state effettuate interessantissime visite al Palazzo Farnese, straordinario esempio di architettura rinascimentale; a Tarquinia con le sue numerose torri e le mura che circondano chiese medioevali,

il Palazzo dei Priori, il museo Etrusco con la sua necropoli, elemento di eccezionale interesse archeologico; a Viterbo il Palazzo dei Papi, il suo centro storico e il quartiere medioevale di S. Pellegrino; Montefiascone da dove si può ammirare uno stupendo panorama sia verso Viterbo che verso il Lago di Bolsena; Civita di Bagnoregio, piccolissima cittadina abbarbicata su un colle tra le vallate dei fiumi

Chiaro e Torbido. Altri viaggi sono in programma per il prossimo anno. Degno di particolare nota il viaggio al Santuario di Lourdes. Si sta già studiando date e percorso. Per una migliore organizzazione, se qualcuno fosse interessato, può rivolgersi al Parroco di Sant’Angelo, don Piero.

SIAMO PRESENTI NEI MERCATI DI: lunedì: Mirano (Ve) - Mogliano (Tv) martedì: Pianiga (Ve) - Marghera (Ve) mercoledì: Maerne (Ve) - Villorba (Tv) giovedì: Noale (Ve) - Istrana (Tv) venerdì: Martellago (Ve) - Silea (Tv) sabato: Fiesso d’Artico (Ve) - Vedelago (Tv) domenica: Camisano Vicentino (Vi) CON ASSORTIMENTO DI:

GASTRONOMIA - ROSTICCERIA FRIGGITORIA DAL 1964 STIGLIANO DI S. MARIA DI SALA (VE) Via Fracasso 22 Cell. 335 6327747 / Fax 041 2430815 E-mail: anticafattoria@vodafone.it

Crazy Sun di Barbara e Fabiana

Via Don Gallerani, 2 - Caltana (VE) - Tel. 041.5732508

Bernardi

Onoranze Funebri Via Desman, 139 S. Angelo di S. M. di Sala - tel. 041.487341

Dal 1 Settembre: Lunedì: 15.30 - 19.30. Da martedì a venerdì: 9.30-12.30 e 15.30-19.30 Sabato: 9.30-13.00 e 15.30-20.00 APERTO LA DOMENICA FINO A NATALE ORARIO 10,00 - 13,00 E 15,30 - 19,30”

Gs ottobre 2013  
Advertisement