Page 1

GENTE SALESE - MENSILE DI ATTUALITÀ, CULTURA E INFORMAZIONE

N° 7/8 - ANNO XXXIII - LUGLIO-AGOSTO 2016

n. 7/8

LUGLIO-AGOSTO 2016

GENTE SALESE

La Carmen all’Arena di Verona 3

L’estate dei GrEst nelle frazioni

7

Acqua, quanto mi costi?

9

Gianluca Dal Corso alla corte del Club Italia


intro. 2

Le fallite promesse di Fragomeni e l’installazione di 12 Autovelox

“Il treno è partito”. Con queste parole, nel marzo del 2014, il sindaco Fragomeni annunciava alla stampa locale la firma del primo accordo di programma con l’allora assessore regionale Chisso, che avrebbe garantito la realizzazione di piste ciclabili tra via Fratella, il centro di Caselle e l’area commerciale della Madonna Mora e tra Treponti e Stigliano. A queste opere si sarebbe aggiunta anche una rotonda all’altezza della “curva Beccante”, che avrebbe posto fine alle lunghe code di auto. Sono passati più di due anni da queste dichiarazioni, l’assessore primatista di preferenze dopo lo scandalo del Mose è uscito mestamente di scena e nulla di quanto prospettato è stato eseguito, anche se nell’articolo si ipotizzava che la pista ciclabile lungo la Noalese in direzione Noale sarebbe stata ultimata entro il 2015. A queste fallite promesse si vanno ad aggiungere la mancata

messa in sicurezza delle pericolose via Caltana e Desman e i ritardi con cui si interverrà nel centro di Veternigo, che aspetta ormai da troppo tempo l’inizio dei lavori. Nel frattempo, in questi anni si sono privilegiati progetti non prioritari come: l’abbellimento urbanistico del centro di Caselle e quello di una ciclabile lungo via Pianiga, tra via Desman e via Rugoletto. Doveroso è ricordare che la competenza di queste strade è della neonata Città Metropolitana di Venezia, che ha sostituito la Provincia, ma questo dimostra in maniera inequivocabile anche la mancanza di “peso politico” di questa Amministrazione, viste le croniche difficoltà nel reperire fondi per la viabilità. Dopo anni di immobilismo in questo campo, nonostante l’aumento del numero degli incidenti nel nostro territorio, salvo la già da tempo programmata realizzazione di una rotonda all’incrocio tra la SR 515

e via Salgari che verrà finanziata interamente dalla Speedline, l’unico provvedimento dell’Amministrazione per garantire una maggior sicurezza viaria sarà quello di installare dodici autovelox. Decisione questa che contrasta con quanto dichiarato dal sindaco in passato in riferimento alle criticità di via Desman: «Niente autovelox, perché non esiste che i soldi dei miei cittadini finiscano anche nelle tasche della Provincia; metteremo dei dissuasori e dossi artificiali in uno dei due incroci nuovi in modo da ridurre la velocità» (fonte “Il Gazzettino” del 13 marzo 2015.) Noi di Civica Insieme reputiamo che l’incolumità fisica dei cittadini venga al primo posto. E perciò anche questi sistemi di controllo della velocità possono fungere da deterrenti, basta che non diventino solo uno strumento vessatorio nei confronti degli stessi, indipendentemente dall’Ente riscossore. Pertanto è

fondamentale che i proventi derivanti dalle sanzioni siano interamente investiti per la manutenzione e la sicurezza delle nostre strade (asfaltature, segnaletica ed illuminazione) e che in futuro si diano risposte risolutive alle sacrosante richieste di sicurezza di pedoni, ciclisti e automobilisti. Giuseppe Rodighiero Civica Insieme

TORO Agenti Generali: dott.ssa Elena Stocco e rag. Roberta Degan

di Zanchin O. & Bertocco M. Via Caltana, 10/A - 30030 Caltana (VE) Tel. e Fax 041/5731603

Agenzia Generale via A. Gramsci 61, 30035 Mirano (VE) tel: 041/433333 agenzia451@toro.generali.com Subagenzia via Matteotti 15, 30031 Dolo (VE) tel: 041/413666 toro.dolo@libero.it

FERRO TONDO PER CEMENTI ARMATI PROFILATI - TUBI - LAMIERE - TRAVI PROFILATI SPECIALI PER SERRAMENTI ACCESSORI - RACCORDERIA TENDE:

AD ARCO, A CAPPOTTINA, FISSA, A BRACCI ESTENSIBILI PER ARREDAMENTO, GAZEBI PER GIARDINO, BOX AUTO, ZANZARIERE

VIA NOALESE, 167 SANTA MARIA DI SALA (VE) TEL. 041.5730222 FAX 041.5730966


3

L’estate dei GrEst nelle frazioni salesi Estate è tempo di divertimento, per gustare fino in fondo le belle e lunghe giornate di sole, il caldo, la natura. Anche quest’anno tutte le parrocchie delle frazioni salesi hanno organizzato ed ospitato i GrEst: i Gruppi Estate, l’appuntamento estivo che invita giovani e ragazzi dai 6 ai 14 anni a vivere un’esperienza unica di condivisione, gioia ed amicizia. Accanto alla preghiera, ogni parrocchia ha saputo proporre un’ampia scelta di attività e giochi per tutti i gusti e inclinazioni, per trasmettere il messaggio di condivisione e creare legami che durano nel tempo. Ogni parrocchia è stata impegnata nell’organizzazione del proprio GrEst e questo ha visto un gran numero di volontari tra giovani, ragazzi e adulti mettere a disposizione il proprio tempo libero per il bene comune. Stigliano è stata la prima frazione ad aprire le porte ai ragazzi, con le attività di GrEst iniziate lo scorso 13 giugno. Il Centro estivo Parrocchiale di Caselle è durato oltre un mese, dal 13 giugno al 17 luglio, ed ha proposto numerose

attività, in base alle fasce d’età dei giovani iscritti, in particolare gioco con animazione, bans, laboratori e collaborazione nei compiti per le vacanze. A Caltana il GrEst è stato curato dai giovani, animatori ed aiuto animatori, che hanno accolto un nutrito gruppo di ragazzi, ben più di cento, accompagnandoli in un percorso di accoglienza, fatto di tante tappe,

tra cui l’ascolto del Vangelo, la preghiera e le attività di gruppo, con l’obiettivo di ritrovarsi e creare comunità. Veternigo e Santa Maria di Sala hanno dato ampio risalto al laboratorio di recitazione, concentrandosi su questa attività di gruppo che favorisce lo stare insieme mentre si lavora per ottenere un risultato comune attra-

verso la condivisione. Veternigo ha scelto un tema a sfondo contemporaneo, nato da un percorso formativo condiviso con gli animatori di Noale. Santa Maria di Sala ha invece lavorato su uno scenario medievale, preparando la rappresentazione de “Il Gobbo de Notre-Dame” e mettendo in pratica quanto imparato in un percorso condiviso, riscoprendo il valore dell’amicizia e del gruppo, anche attraverso la recitazione teatrale. A Sant’Angelo il GrEst si è svolto dal 4 al 17 luglio: un appuntamento importante per la parrocchia, che ha accolto nelle sale del patronato più di 60 ragazzi impegnati non solo nel gioco, ma anche nelle attività sportive e nei laboratori manuali, il tutto seguito scrupolosamente da una ventina di animatori e aiuto animatori, tra cui adulti e genitori. Il GrEst si conferma un momento di gioia e di festa, curato ed organizzato nei dettagli, per costruire relazioni e forti legami, alla scoperta dei tanti talenti e del potenziale celato in ciascuno di noi. Elisa Carraro

A S. Maria di Sala è nata la sezione di Fratelli d’Italia Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo comunicato stampa che ci è giunto dalla neonata sezione di Fratelli d’Italia di Santa Maria di Sala. Sezione di Santa Maria di Sala 30 maggio 2016 Con la presente siamo a comunicare agli organi di stampa che a partire dal 30 maggio 2016, anche nel comune di Santa Maria di Sala (VE), Fratelli d’Italia – MCR sarà presente con una sua sezione. Il referente di zona è il sig. Giusep-

per sederti qui chiamaci allo

041 487356

pe Villani, già attivo da anni sul territorio comunale con tematiche vicine ai problemi dei cittadini. “Vogliamo continuare a stare vicini alla gente”, commenta il Sig. Villani, “rappresentando anche nel salese i valori ed i programmi della forza politica che ha come leader Giorgia Meloni. Tematiche come il lavoro, l’immigrazione, la famiglia tradizionale e la legittima difesa non possono essere definite solo nazionali, dato che investono quotidianamente migliaia di nostri compaesani che chiedono ca-

pacità nell’affrontarle agli amministratori locali. In particolare sul fronte sicurezza va segnalato che il territorio di Santa Maria di Sala è uno dei comuni del miranese più colpiti dalla criminalità e solo con una politica che aiuti la popolazione a difendersi potremo dire di affrontare con determinazione la piaga.” Per iscrizioni od informazioni contattare il sig. Giuseppe Villani, tel 320 6711180, mail: fdismsala@ gmail.com U.S.

Salone Triade Master head o Micr era cam ntrollo x co tuito gra capello del


All’Arena con Gente Salese per la Carmen di Bizet Uno spettacolo unico firmato da Franco Zeffirelli

4

Dieci minuti di applausi quando il cast, alla fine del quarto atto, va a occupare la scena. Poco prima Don José, cioè Dario Di Vietri, tenore italiano, si è abbandonato all’arresto, colpevole di non aver saputo accettare il rifiuto di Carmen, la donna fedele a se stessa interpretata da Carmen Topciu, mezzosoprano romeno alla prima in Arena. Applausi per loro. Per Irina Lungu, soprano russo, che in scena è Micaela e sa far lievitare nel pubblico l’empatia per il personaggio della donna angelo-custode. Per il direttore d’orchestra, Julian Kovatchev, che ha gestito con sicurezza la partitura. Per la regia di Franco Zeffirelli, quella di sabato 16 luglio in Arena di Verona era la quinta rappresentazione 2016 della Carmen di Georges Bizet, a cui hanno assistito i partecipanti dell’Associazione Gente Salese. E tra i punti fermi del 94° Festival lirico c’è la novità dei due schermi laterali che hanno proposto la traduzione live del testo in italiano e inglese, idea semplice ed efficace per provare ad allargare il raggio del pubblico intorno all’opera. La Carmen di Zeffirelli si è caratterizzata da enormi scialli messi su pali (come reti da pesca ad asciugare) per aprire e chiudere il palco con l’idea del sipario, motivo che si poteva prestare a rendere invisibili i cambi scena. L’allestimento ha proposto un folklore da cartolina per un allestimento che si allunga lateralmente occupando le gradinate a simulare un accampamento di gitani. Lo spazio centrale è rialzato come una piazza digradante verso la platea che

ricorda un teatro antico; sulle gradinate due gruppi di case arrampicate in legno con gelosie e finestre schermate. Continuamente cavalli vanno e vengono, le controscene ai lati del palco prevedono sempre passi di flamenco, anche quando non attinente al plot. Il primo atto si caratterizza per la piazza. La taverna di Lillas Pastia è occupata da un tendone sfilacciato sotto il quale un grande ritratto di zingara ha gli occhi bistrati e magnetici che ricordano vagamente Anna Magnani. Il terzo atto è fra le rocce, circondate da teloni dipinti a simulare parimenti rocce ma che il vento fa garrire come bandiere. Il quarto atto rimanda al Cristo de los faroles, un crocifisso circondato da cancellata e fanali doppi agli angoli. Efficace il finale: Carmen apre le braccia e aspetta il pugnale per lunghi secondi, replicando la posa (e il sacrificio) del crocifisso alle sue spalle. Carmen Topciu è la Carmen che il pubblico areniano si aspetta: mora e ricciuta, la rosa rossa tra i capelli, rosso anche il vestito che spesso solleva a

• COSTRUZIONE, VENDITA, LOCAZIONE BENI MOBILI ED IMMOBILI • TRASPORTO IN CONTO TERZI • TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI IN IMPIANTI AUTORIZZATI • SCAVI E DEMOLIZIONI EDILI • PULIZIA ED ESPURGO POZZI NERI, DISINTASAMENTO TUBAZ. AD ALTA PRESS. • BONIFICHE AMBIENTALI E RIMOZIONE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO

scoprire la gamba, sfacciata nel contegno; la romena ha voce sontuosa, scura e pastosa, intrigante; il regista vuole per lei una seduzione giocata soltanto nell’alzare la gonna e nello strusciarsi sulla schiena degli uomini. Irina Lungu è una grande cantante e una grande musicista che affronta senza colpo ferire il ruolo di Micaela, ha una sua precisa importanza drammaturgica. La Lungu offre una prestazione superba, curatissima nelle mezzevoci piene di espressività, un canto che si adatta alle dimensioni dell’Arena. Gabriele Viviani ha riproposto nell’anfiteatro il suo consolidato Escamillo dalla vocalità ragguardevole. Dario Di Vietri (Don José) è una delle poche voci di tenore drammatico sulla scena odierna. È dotato di bel timbro e di solido volume. Sul versante maschile precisi Gianfranco Montresor (Dancairo) e Paolo Antognetti (Remendado); con loro Gianluca Breda (Zuniga) e Alessio Verna (Morales). I ballerini, praticamente sempre presenti in scena, fanno la loro parte, caratterizzando l’allestimento come se la Spagna fosse solo e sempre una festa di flamenco. Carmen è anche leggerezza e ritmo sfrenato. Ottima la prova del coro di voci bianche A.LI.VE diretto da Paolo Facincani. Grande successo per tutti con la speranza che questa prima gita culturalelirica all’Arena di Verona come centro di assoluta eccellenza artistica, possa ripetersi in avvenire. Graziano Busatto

GRUPPO BOLZONELLA Via Ariosto 2 30036 Santa Maria di Sala (Ve) tel. 041 5780386 fax. 041 5780989 -

• COSTRUZIONE IMPIANTI DI SCARICO FOGNATURE E MANUTENZIONE

Email. bolzonella.group@tiscalinet.it

• NOLO CASSONI SCARRABILI E BOX SERVIZI IGIENICI PER MANIFESTAZIONI

www.bolzonellagroup.com


A Bergamo e Crespi d’Adda le mete della gita di ottobre La gita di inizio ottobre che Gente Salese propone è interessante per la scoperta di un angolo di Lombardia poco conosciuto. Al mattino andremo a visitare Crespi D’Adda, borgo sorto fra i fiumi Brembo ed Adda a mezza strada fra Bergamo e Milano. Tutt’oggi Crespi d’Adda è la più importante testimonianza del fenomeno dei villaggi operai sorti in Italia fra la fine dell’800 ed i primi anni del 1900. È un autentico modello di città ideale; un interessantissimo microcosmo autosufficiente dove la vita dei dipendenti e delle loro famiglie ruotava attorno alla fabbrica; una città giardino a misura d’uomo al confine fra mondo rurale e mondo industriale. Fabbrica e Villaggio furono realizzati fa ottocento e novecento dagli industriali cotonieri Crespi. Il villaggio è ancor oggi in gran parte abitato dai discendenti di quegli operai che vi hanno vissuto e lavorato. Il cotonificio è stato in funzione fino al 2003. Dal 1995 il Villaggio è “Bene storico appartenente all’umanità intera” tutelato dall’Unesco in quanto esempio eccezionale del fenomeno dei villaggi operai, il più completo e meglio conser-

vato del Sud Europa. Per il pranzo ci ospiterà una dinamica azienda agricola (fattoria didattica e agriturismo) sulle rive dell’Adda “Le Cave del Ceppo” presentata anche a Mela Verde, programma di Canale 5 domenica 24 luglio. Dopo il pranzo, breve corsa per raggiungere Bergamo dove, con la caratteristica funicolare, raggiungeremo la storica città alta. Bergamo è una delle città d’arte più importanti della Lombardia. La città alta, di origine medioevale, è ancora compresa nelle vecchie mura venete (è stata a lungo dominio della Repubblica Serenissima) che racchiudono importanti monumenti ed edifici storici. La parte alta di Bergamo si distingue in particolare per le due piazze storiche: la Piazza Vecchia dove sorge il medievale Palazzo della Ragione che fu un tempo il palazzo comunale e la piccola Piazza del Duomo circondata da più edifici religiosi fra cui la Cattedrale, la Basilica romanica di S.Maria Maggiore con accanto la cappella rinascimentale del Colleoni.

5

Associazione Culturale “Gente Salese” GITA SOCIALE DI AUTUNNO

CRESPI D'ADDA E BERGAMO ALTA

DOMENICA 9 OTTOBRE 2016 ore ore ore ore ore ore

06.30 10.30 12.30 16.30 18.30 21.30

PROGRAMMA Partenza davanti alle chiese delle frazioni Arrivo a Crespi d'Adda, incontro con la guida e visita al Villaggio. Pranzo presso l'Agriturismo "Le Cave del Ceppo" a Trezzo d'Adda Bergamo Alta, incontro con le guide e visita al centro storico. Partenza per S. Maria di Sala Arrivo previsto a S. Maria di Sala

La gita è organizzata per gli Associati. Org. Ag. CVV Mirano (VE) - La quota di partecipazione è di 65 €, e prevede viaggio in pullman G.T. Assicurazione, visita guidata a Crespi d'Adda e a Bergamo. biglietto di salita e discesa della funicolare e pranzo con le bevande a trezzo d'Adda

Le prenotazioni saranno accettate da lunedì 19 a sabato 1 Ottobre 2016, presso i seguenti recapiti:

• CALTANA: Non solo Tabacchi

di Zorzan Enrico

• STIGLIANO: Alimentari Zacchello

• CASELLE: Panificio Borsetto

• S. MARIA DI SALA: Panificio Smaggiato

• SANT'ANGELO: Alimentari Negro

• VETERNIGO: Cartoleria Lo Scrigno

Tour notturno al Bacino San Marco Giovedì 2 Giugno si è svolta la gita di primavera organizzata dell’Associazione Gente Salese. La partenza inconsueta nel pomeriggio, invece che di mattina, è stata studiata dagli organizzatori per permettere di partecipare al tour pomeridiano dalle foci del Fiume Sile alla laguna veneziana.

Si è potuto ammirare l’habitat naturale dove vivono e si riproducono le Beccacce, uccelli dal becco arancione, i Cavalieri d’Italia, gli Airone cinerini, i Gabbiani reali, i Cigni, le Anatre volpoche, chiamate così perché nidificano sulle tane delle volpi. L’attraversata è stata animata dalle

spiegazioni del capitano Adriano Stefanato che, per catturare l’attenzione, le alternava con simpatiche barzellette. Durante il viaggio è stato molto apprezzato l’intrattenimento musicale eseguito da Sabrina con la fisarmonica. Arrivati alla laguna veneziana,

PAGOTTO

COSTRUZIONI EDILI CIVILI, INDUSTRIALI E RESTAURI

si sono potuto vedere le isole di San Michele e San Erasmo e, dopo una breve sosta all’isola di Burano, si è raggiunta l’apoteosi con la vista dell’ineguagliabile panorama notturno del Bacino San Marco sfolgorante di luci. Bertilla Ceccato

www.cvviaggi.it

di Pagotto Sandro & Co. snc

Via Zinalbo 59 - 30036 Santa Maria di Sala - Venezia Tel./fax 041 5730308 - e-mail: edilpagotto@virgilio.it

Via Bastia Fuori, 26,1 - 30035 MIRANO (VE) Tel. 041.5703812 - Fax 041.5703805


6

Nella 4ª edizione della Sopressa di Caselle il Trofeo “Scapinello” va alla macelleria Panè Caselle, 17 luglio, è una luminosa domenica estiva, cielo sereno, sole cocente, una leggera brezza rinfresca l’aria. Al tramonto si spegne il rombo dei vecchi Landini che hanno ritmato per tutto il giorno il rituale della trebbiatura. L’attenzione della gente si concentra sul semplice, essenziale, padiglione della “Festa dea Sopressa”. In bella vista la “stanga” con le 15 sopresse in gara; di fronte, disposti ad U, i seggi dei 16 giurati presieduti da Italo Lorenzato. Angelo Pegoraro, presidente della Associazione “Vita in Piazza” che ha ideato ed organizzato la manifestazione giunta alla sua 4° edizione, apre la festa. L’ordine di esame viene estratto a sorte. Renato Brazzalotto distribuisce le pagelline ai giudici; dovranno esprimere il loro voto sull’aspetto, il profumo, il gusto, il colorito e l’impasto; il presidente darà il suo giudizio anche su taglio e stagionatura. Scelta la sopressa da esaminare, il norcino Flavio Borsetto, con gesto

Da sinistra: Renato Brazzolotto, Angelo Pegoraro e Alfredo Scapinello. A destra le sopresse in gara e i premi.

professionale e solenne, taglia il salume a metà; viene fatto annusare ai giudici per catturarne e valutarne il profumo. Poi ogni giudice avrà la sua mezza fettina da annusare, osservare, assaggiare con un cerimoniale che si ripeterà per quindici volte inframezzato da brevi sorsate d’acqua per pulire la bocca fra un assaggio e l’altro. Intanto il pubblico si assiepa attorno al grande banchetto cerimoniale. Tutte le 15 sopresse in gara erano belle, profumate, invitanti e buone ma, dovendo stilare una graduatoria, alla fine il notaio Fabrizio Brazzolotto

I Settantacinquenni di Veternigo festeggiano in un locale di Caorle

Domenica 26 Giugno i settantacinquenni di Veternigo si sono ritrovati assieme per trascorrere una giornata in allegria. Il pranzo è stato servito nel rinomato ristorante “La Fattoria”

a Caorle ed allietato dalle canzoni popolari abilmente suonate dai coetanei fisarmonicisti Italo Salizato e Dante Giacomin. Bertilla Ceccato

4.000 mq di articoli regalo, cartoleria, casalinghi, giocattoli, articoli da campeggio.

BRICO FAI DA TE tutti gli articoli per il tempo libero e il fai da te Presso il Centro Commerciale PRISMA a Caselle di Santa Maria di Sala - Loc. Madonna Mora Tel. (041) 5730377-5730323 - BRICO CENTER (041) 5731405

ed il segretario Tino Testolina hanno reso noto il verdetto formulato dai giudici di gara. Il trofeo del Gusto, dedicato alla memoria di Federico Niero recentemente scomparso, è andato al produttore Semenzato Ignazio di Briana; il premio per la migliore stagionatura è andato al produttore di Caselle, Basso Ottavio; Sabbadin Adriano, macellaio di Caltana, ha vinto il premio sia per il miglior Aspetto sia per il miglior Profumo. Sono state premiate così le sopresse che compendiavano tutte le migliori caratteristiche: 1° Macelleria Panè;

2° Semenzato Ignazio; 3° posto Saccarola Andrea. Alla Macelleria Panè di Stigliano è andato il bellissimo trofeo dedicato a Renato Scapinello, anche lui recentemente scomparso, patron delle Grafiche Quattro di S. Maria di Sala che, assieme alla ditta di Caselle Linea Legno di Roberto Gardin, ha sostenuto la manifestazione. Questo trofeo sarà rimesso in palio ogni anno e definitivamente vinto dal concorrente che avrà vinto per tre volte anche non consecutive il primo premio della “Gara dea Sopressa” di Caselle.

I coetanei di Veternigo festeggiano i cinquant’anni

I cinquantenni di Veternigo, dopo 35 anni, si sono ritrovati assieme nella Pizzeria “Alle Tre Arcate” di Sant’Angelo. La classe del ‘66 era composta di trentaquattro bambi-

ni alle elementari, suddivisa in 2 sezioni. Alla serata è intervenuto anche Don Paolo Cecchetto, pure lui classe ‘66. B. C.


7

A conti fatti, ci costa cara “l’acqua del sindaco” Consultando i tariffari dell’acqua per utenze domestiche dal 2010 al 2016 (tariffario provv.), per il Comune di S. Maria di Sala, si può constatare come l’aumento delle tariffe, da quella agevolata a quella più costosa, si aggiri fra un minimo del 29% ad un massimo del 34%. Un aumento del 20% delle quote fisse (invariate dal 2010 al 2012) e di circa il 30% anche per la fognatura e la depurazione. Mentre nel periodo gen. 2010 – apr. 2016 l’inflazione calcolata è dell’8,4%, 1,4% di media annua (fonte: archivio Istat) risulta un incremento della tariffa finale di 3,14 volte superiore all’inflazione. Cioè un + 18% depurato dell’inflazione. Se invece restringiamo il calcolo nel periodo gen. 2014 – apr. 2016 l’inflazione calcolata è del 0,3%, 0,1% di media annua, senza contare che l’ultimo anno viene dato al – 0,1% (deflazione), risulta un incremento, anche senza superare per alcuna tariffa il 5%, di 16 volte superiore all’inflazione. Il calcolo è stato semplificato dalle soglie in mc rimaste invariate negli anni per i comuni dell’area territoriale ACM, mentre per i comuni ex Vesta le categorie tariffarie erano solamente tre e presentavano diversi criteri di calcolo, ora uniformati sotto Veritas con le medisime tariffe per quanto riguarda la fognatura e la depurazione in tutti i comuni. Anche nei comuni ex Vesta gli aumenti nel periodo 2010-2016 sono stati dell’ordine del 20-30%. Fare un confronto con gli altri comuni avrebbe senso fino ad un certo punto (tutti gli ex ACM hanno le stesse tariffe), col rischio di distorcere i dati su soglie e quote non paragonabili. I comuni di altre aree territoriali, infatti, a partire da Venezia, hanno tariffe influenzate dai flussi turistici o dalle utenze stagionali. Fatta salva depurazione, fognatura e tariffa agevolata nel comune di Venezia le altre tariffe sono più costose (+7,7% della base, + 58,8% della 2° Ecc.).

Tabella riguardante le tariffe dell’acqua nel Comune di S.Maria di Sala, 2010 e 2016

Oltre agli aumenti particolarmente salati degli ultimi sei anni, che viaggiano ad una velocità tripla dell’inflazione, si somma il dossier del centro studi Wamaterc dell’Università di Verona e dell’Università di Pisa che hanno stilato una classifica delle aziende di gestione dei servizi idrici integrati in base agli standard di qualità e ai tempi di risposta, nel periodo a cavallo fra il 2010 e il 2015, studiandone le Carte dei Servizi, i relativi indennizzi erogati in caso di mancato raggiungimento degli standard e i driver di qualità cioè i fattori ambientali e organizzativi che determinano la qualità del servizio. Veritas Spa si è classificata al 141° posto su 146. Una delle peggiori d’Italia, la peggiore del Nordest. Una posizione che rende ancor più difficile giustificare l’impennata delle tariffe. Un recente rapporto della Confartigianato sottolinea come la questione dei servizi pubblici sia una di quelle pesanti palle al piede del Paese. Basta dire che la loro qualità soddisfa in Italia appena il 39% di cittadini, 22 in meno rispetto alla media continentale (61%). Le ragioni? Innanzitutto le tariffe continuamente in crescita: nei cinque anni conclusi ad aprile 2016 l’aumento dei prezzi italiani è stato del 17,5%, 13 punti più dell’inflazione, e nonostante un calo

del 5,5% del potere d’acquisto delle famiglie. Il rapporto della Confartigianato segnala che per i soli servizi non energetici (acqua, rifiuti e trasporti) si è registrato un rincaro del 22%, quasi doppio rispetto all’aumento registrato nell’eurozona. Il record è per le tariffe dei servizi idrici, salite del 34,8%, 21,3 punti più dell’area della moneta unica. Il fatto è che a dinamiche così sostenute dei prezzi, peraltro in stretta relazione con il fatto che quei servizi sono erogati da imprese per il 95% pubbliche e non particolarmente efficienti, corrispondono spesso prestazioni assai scadenti. In diverse aree del Paese il ciclo idrico è tutt’altro che “performante”. Vuoi per condotte colabrodo, che soprattutto nel Meridione disperdono anche oltre la metà dell’acqua immessa (contro, ad esempio, un 9% della Germania). Vuoi per un sistema depurativo ancora largamente insufficiente, che copre a malapena i due terzi della popolazione e che ha già fatto scattare, sino ad oggi, due procedure d’infrazione contro l’Italia da parte dell’Unione Europea. A poco servono i titoloni come: “l’acqua meno cara d’Europa„ (8,5 euro di bolletta media mensile contro gli 11,40 della media veneta e i 28,53 di quella europea).

I fattori che determinano, anche all’interno dello stesso Paese, le tariffe del servizio idrico variano appunto da una zona all’altra: la tipologia di trattamenti di potabilizzazione che necessita l’acqua, la vicinanza (o lontananza) delle fonti di prelievo, lo stato degli impianti e delle reti idriche, gli investimenti necessari, che riguardano non solo captazione, potabilizzazione e distribuzione, ma anche l’adeguamento delle reti fognarie e degli impianti di depurazione. Aumenti di questa portata possono essere giustificati da investimenti e aumenti delle performance del servizio? Sul servizio non ci siamo (dossier centro studi Wamaterc) e sugli investimenti? Visti gli utili di Veritas (un totale di 20,16 mln dal 2009 al 2014) accertati dai bilanci ‘’trasparenti’’ di più di trecento pagine chiediamo che venga giustificato l’aumento delle tariffe. Una buona notizia per chiudere: in tutta la rete idrica di Veritas sono totalmente assenti le PFAS, le sostanze perfluoroalchiliche, gli acidi usati per i rivestimenti antiaderenti, nei detersivi, vernici ecc. che hanno allertato mezzo Veneto. Dal 2015, infatti, il laboratorio di Veritas ricerca abitualmente queste sostanze, con esito sempre negativo. Comitato Possibile Salese (possibilesalese@email.it)

Gianfranco Barizza

Legale rappresentante

Sede Legale: Via Lissa 124 - Mestre 30174 (VE) Tel. 041 487010 Fax 041 5760217 Sede Amministrativa: in Via Firenze 20 30036 Santa Maria di Sala (VE) Cell. +39 335 7053828 E-mail: impresabarizzasas@gmail.com


8

Riaprono le iscrizioni ai corsi gratuiti di chitarra acustica di Sant’Angelo

Il ricordo di Chiara Pierobon a un anno dalla sua scomparsa

Anche per l’anno didattico 20162017 la scuola di chitarra di S. Angelo di S.M. di Sala, che dal 1991 ha formato più di 1000 allievi, riapre le iscrizioni per quanti vogliano iscriversi e imparare questo semplice ma completo strumento portatile ed economico. Con i sui 4 livelli di approfondimento crescente ai quali, dopo il primo obbligatorio, si accede tramite un esame di ammissione, la scuola di chitarra acustica “La Scuola degli Angeli” offre un percorso per ogni curiosità e desiderio di imparare la musica, lo strumento e la gioia di condividere i progressi nel suonare, cantando insieme in allegria. Per il terzo e quarto livello, come da sempre, ci saranno anche

È passato un anno dalla tragica morte di Chiara Pierobon. È ancora vivo il ricordo di questa atleta professionista di 22 anni, che ha perso la vita il 1 agosto 2015 mentre si trovava con la sua squadra (la GS Top Girls Fassa Bortolo) in trasferta in Germania. La giovane veneziana, residente a Caselle di Santa Maria di Sala, con le compagne di team stava raggiungendo le strade della VII Prova di Coppa del Mondo, quando a un certo punto è stata colpita da un malore. Era un’atleta promettente, che aveva fatto della passione per la bici uno stile di vita. Energia e talento da vendere, da conciliare però con gli studi. La giovane infatti era iscritta alla facoltà di Lingue occidentali a Ca’ Foscari, che frequentava soprattutto nel periodo invernale. Quando iniziava la stagione delle gare, infatti, c’era tempo solo per l’agonismo. Del resto fin da quando era piccolina e aveva solo sette anni aveva fatto proprio il sogno di diventare una ciclista della Nazionale. Con fatica e impegno Chiara aveva realizzato i suoi so-

quest’anno un nutrito numero di spettacoli musicali gratuiti presso le case di riposo e gli istituti in supporto alle famiglie disagiate del nostro territorio, per allietare gli ospiti di queste strutture con musiche, canti e balli degli anni ’60 – ’80 e 2000. I quattro corsi di quest’anno iniziano a fine ottobre 2016 e terminano ad inizio maggio 2017 e si svolgeranno tutti mercoledì dalle 20.30 alle 22.30 di ogni settimana presso il centro parrocchiale di S. Angelo di S. Maria di Sala (VE). Le iscrizioni possono essere fatte telefonicamente ai numeri 041 487610 (Guido), 328 3222640 (Alessandro), 328 9456304 (Silvia) oppure scrivere all’indirizzo email ireneb@tin.it. Vi aspettiamo numerosi. B.D.G.

gni, che si sono però infranti in un maledetto sabato d’agosto. Tra i ricordi di Chiara sicuramente non posso dimenticare la sua umiltà, il suo viso acqua e sapone, il suo sorriso che conquistava chiunque la incontrasse. Ora Lei non c’è più, il ricordo rimane vivo anche tra gli sportivi. Ecco, infatti, il Giro Rosa 2016: partirà dalla Marca trevigiana per ricordare Chiara. Certamente a tutto il gruppo manca il suo sorriso e la sua carica, con il suo slogan: ‘Dai dai, su ragazze: non si molla mai. Io sono con voi’ Per noi Salesi e per i nostri ragazzi rimane un esempio. Luciano Martellozzo

Bella festa per i sessantenni di Stigliano

I coscritti del 1956 di Stigliano, il 19 giugno, si sono ritrovati per ringraziare il Signore e per festeggiare questo traguardo dei 60 anni

Gottardo Dino & C. CARPENTERIA IN FERRO GAZEBI, COPERTURE, RECINZIONI SERRAMENTI IN ACCIAIO INOX, OTTONE E ALLUMINIO (CON MARCHIO CE) Via Rugoletto, 49 Veternigo di S. Maria di Sala (VE) Tel. e Fax. (041) 5780374

snc

AUTOSCUOLA AGENZIA SALESE RECUPERO PUNTI

PATENTI: AM-A1- A2- AB1-B-BE-C1-C1E- C- CED1-D1E-D-DE- SPECIALI CQC TRASPORTO MERCI E PERSONE

Email: autoscuola.salese@virgilio.it Via dei Larici, 2 - Tel e Fax. 041.487417 S. Maria di Sala (VE) SI EFFETTUANO: Passaggi di proprietà auto e moto - Immatricolazioni - Demolizioni auto - Duplicati e conversioni patenti - Collaudi gancio traino e GPL - Targhe ciclomotori - Certificati camerali e Tribunale - Visure P.R.A. - Duplicati carta di circolazione - Corsi per stranieri - Rinnovo patenti con medico in sede


LE E NO LE CCE STR NZ L- E E

Gianluca Dal Corso dal Volley Sant’Angelo al Club Italia U17M

Questo ragazzo si chiama Gianluca, classe 2001, figlio di Stefano Dal Corso ed Emanuela Ceccato; è di Veternigo e sta vivendo il suo anno magnifico. Una bellissima favola iniziata quasi per gioco, come dovrebbe essere per tutti i ragazzi che si dedicano ad ogni tipologia di sport. Per lui il colpo di fulmine è stato fin da subito per la pallavolo. Iscritto fin da ragazzino al Volley Sant’Angelo ASD, si è allenato con dedizione con i compagni delle varie categorie sotto la costante e inesauribile guida di Elisa De Liberali e di altri accompagnatori che lo hanno seguito con passione notando fin da subito le sue potenzialità sopra la media. Negli ultimi tre anni, complice anche una spiccata e precoce fisicità, forte del suo metro e 95 cm a soli 15 anni, ha conseguito risultati di squadra eccezionali che lo hanno messo in evidenza in tutte le manifestazioni in cui ha partecipato sia con la compagine locale del Volley Sant’Angelo, sia nelle rappresentative provinciali e regionali fino ad essere notato anche a livello nazionale. In quest’anno dorato si è imposto come miglior giocatore alle Kinderiadi regionali svoltesi a Reggio Emilia a fine maggio e in seguito preallertato dai responsabili della FIPAV giovanile nazionale per un possibile stage con la Nazionale Italiana Under 17. Dopo settimane di trepidazione la convocazione tanto sperata è arrivata e a luglio è iniziato lo stage della Nazionale U17M a Locorotondo (Puglia) e vista la sua giovane età, ci si poteva aspettare un rientro a casa dopo la prima fase di una settimana e, invece, nonostante l’attesa e l’ansia dei genitori, evidentemente le sue doti naturali hanno spiccato poiché lo stage per lui si è prolungato fino alla conclusione dopo ben 18 giorni di allenamenti e fatiche. Alla fine a Gianluca, nel ruolo di opposto e schiacciatore, è stato comunicato di essere tra i 12 ragazzi di buone speranze convocati da tutta Italia per rappresentare la nazione nei match di qualificazione ai prossimi Europei Under 17 del 2017

in Polonia. Solo il primo posto nel girone garantiva l’accesso diretto alla prossima competizione suprema a livello Europeo e Gianluca, sempre presente nel sestetto titolare, assieme ai suoi bravissimi compagni con i quali in poche settimane ha costruito un legame inossidabile, in quel di Ostuni (Puglia) tra il 28 e il 31 luglio, ha chiuso la pratica con 4 vittorie su 4 match lasciando un solo set agli avversari e avendo la meglio su temibili rivali come il Belgio co-finalista, distinguendosi come miglior marcatore del match con 20 punti, l’Olanda e la Spagna. Ciliegina sulla torta alla proclamazione dei titoli individuali, dopo il titolo di squadra, Gianluca è stato anche eletto miglior giocatore del Torneo per la grande soddisfazione dei genitori Emanuela e Stefano, della fidanzata Giorgia e della sua allenatrice Elisa che l’ha seguito anche in questa importante competizione e non stava più nella pelle. Oggi, dopo mesi di corteggiamento da parte di numerose squadre del panorama pallavolistico giovanile nazionale, Gianluca e la sua famiglia hanno deciso di compiere il grande passo e da settembre si trasferirà stabilmente a Roma, dove oltre a proseguire i suoi studi, giocherà con il Club Italia U17M. La sua presenza vivace e gioiosa mancherà molto a tutti quelli che hanno avuto modo di frequentarlo in questi anni ma, ne siamo certi, questa fondamentale esperienza gli servirà come bagaglio formativo per crescere nella vita come atleta e come uomo e magari un giorno lo rivedremo rappresentare la nostra nazione a livelli ancora più alti: è l’augurio di tutti noi amici. In bocca al lupo Gianluca!

9

Yari Favero continua la corsa vince e convice i suoi fans

Domenica 24/07/2016 si è svolta la quarta tappa del campionato CNV motoasi nella fantastica pista di Adria. Nelle prove libere del sabato per la messa a punto della moto e per capire le traiettorie non è iniziata molto bene per il pilota Favero Yari che dopo due turni e incappato in una scivolata portanto solo danni alla moto e finendo la giornata con la seconda moto è tornato a casa amareggiato. Per il meccanico, il papà Fabio, ha lavorato fino a tardi per sistemare la moto ufficiale. Partito alla domenica con una grande voglia di fare bene per mantenere il primo posto in classifica, il pilota è riuscito a fare di nuovo la pole ed ad imporsi sia nella gara uno che nella gara due

al primo posto, avendo il secondo in classifica Guglielmo Bruno che gli mordeva il codone e quindi gli ha reso la vita molto difficile. Il team a fine giornata vedeva Yari Favero salire sul gradino più alto del podio ma non solo: i due piloti che sono entrati da poco nel team Branca Francesco è arrivato quinto mentre Paolo Bertolin ha dovuto ritirarsi dopo lo scivolone mentre si trovava in terza posizione procurando gravi danni alla moto. Mentre in gara due Bertolin è riuscito a concludere la gara in seconda posizione. Il team ringrazia anche un’altro futuro pilota Simone Valentini che facendo la gara per la prima volta nella categoria daytona 190cc si è imposto quarto in gara uno, mentre in gara due, in quinta posizione, all’ultimo giro è scivolato perdendo la possibilità di concludere la gara. Il pilota Favero Yari vuole ringraziare tutti quelli che lo incoraggiano in queste fantastiche gare: in primis il papà Fabio per dargli tutto il sostegno di cui ha bisogno e la fidanzata Lisa che è sempre al suo fianco anche nei momenti piu difficili. E tutti i clienti salesi che vanno nel negozio del team per vedere questa fantastica moto e per fare i complimenti a questo pilota che cerca con tutta la sua grinta di fare del meglio.


A Montecatini Terme le Ragazze Under 12 del Volley Salese si laureano campionesse d’Italia

10

Al termine di una stagione entusiasmante, le ragazze del Volley Salese, sponsorizzate dalla ditta MELINATO IMPIANTI Srl, tornano a casa col titolo di campionesse nazionali categoria Under 12 femminile CSI (Centro Sportivo Italiano). Le Finali Nazionali si sono disputate dal 15 al 19 Giugno nei palazzetti dello sport di Montecatini Terme. Le 12 squadre qualificate, provenienti dalle regioni Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Abruzzo, Umbria, Campania, si sono affrontate in quattro impegnativi gironi. Ammesse alle semifinali le squadre: Volley Nabor (CSI Milano), Volley Salese Melinato Impianti (CSI Padova ), Polisportiva Annia (CSI Venezia) e Volley Pro Giò Progetto Giovani (CSI Asti ). Affatto scontati i risultati delle semifinali: il Volley Salese Melinato Impianti prevale sulla temuta Volley Nabor Milano in due set 25-17 e 25-21 e si prepara ad affrontare la compagna veneta in finalissima. Sabato pomeriggio, alle ore 18.00, un tifo appassionato e caloroso scuote il palazzetto: atlete e sostenitori di Liguria, Lombardia e Modena si uniscono ai veneti nell’attesa del fischio d’inizio. La partita si svolge combattutissima con eccezionale coinvolgimento di tutti i presenti; due set punto su punto tra Polisportiva Annia e Volley Salese, ma le salesine hanno una marcia in più abituate a soffrire e spinte dal grande tifo sfoderano tecnica e determinazione e chiudono in due set 25-13 e 25-18 la finale. Il meritatissimo successo libera tutto l’entusiasmo delle ragazze che danno inizio ai festeggiamenti. “L’esperienza è sempre meravigliosa – racconta Coach Bisello,

che ha accompagnato la squadra - sul versante agonistico ma anche e soprattutto su quello umano: le ragazze hanno vissuto cinque giorni di amicizia, incontro, spensieratezza, sportività che sono dimensioni dello sport impagabili. Un grande applauso merita questa squadra, anno di nascita 2004 - 2005, che ha giocato tutto il campionato, ha fatto le finali provinciali, le finali regionali e quelle Nazionali senza mai perdere un set. Artefice dell’ottimo lavoro portato avanti in palestra dal gruppo di Santa Maria di Sala è l’allenatore Roberto Bisello, con la preziosa collaborazione dell’assistente

Macelleria GALLO PLINIO

Q U A L I TÀ CON V E N I E NZA E T RAD I Z IONE

Deborah Viale, l’aiuto costante della dirigente Monica Nalesso e del fisioterapista dott. Igor Ferlito. A sudare e raccogliere tantissime soddisfazioni le campionesse nazionali Alyssa Pizzolo, Linda Artuso, Emma Bellini, Isabella Ceccato, Rita Donadel, Salma Elkholfi, Giada Minto, Sofia Montin e Maira Osto, capitanate da Nicole Dario, che hanno dimostrato di saper affiancare al tanto talento la determinazione necessaria per non arrendersi di fronte a nessun ostacolo. Cogliamo l’occasione per ringraziare la Ditta Melinato Impianti Srl che sostiene con simpatia questa squadra e tutti gli altri spon-

F.B.F. Impianti s.r.l. CONDIZIONAMENTO RISCALDAMENTO IMPIANTI ELETTRICI

Continuate a seguirci su www. volley salese .it o facebook volley salese supporters

Impresa edile

Concolato Luca Costruzioni e restauri

OFFE RTE SP E C I AL I O GN I MESE

sor che sostengono tutto il nostro settore giovanile. Vogliamo far riprovare queste forti emozioni anche ad altre atlete nella prossima stagione sportiva 2016/2017: se qualche ragazza nata nel 2001- 2002 -2003 – 2004 – 2005 – 2006 - 2007 che ha voglia di impegnarsi e vuole far parte delle nostre squadre, contatti il Volley Salese al 324 9864767 oppure scriva via e-mail a info@volleysalese. it.

S. Maria di Sala (VE) Via Cavin di Sala, 34-36 Tel. 041.486005

Santa Maria di Sala (VE) Tel. 041486081 - Fax. 041 486928

Via Gaffarello n. 46/ASant’Angelo di Santa Maria di Sala (VE) Cel. 3476032314


a cura del Dott. Luca Novello

RUBRICHE

11

Fai del tuo meglio

Ore 01:12. Fuori è buio e mi rigiro nel letto. Se anche tu sei arrivato a leggere questo articolo, a questa lettera scritta in piena notte in una stanza di un hotel di Hong Kong, prendi una decisione adesso: non andare oltre a queste poche righe, o dedica a te stesso tre minuti del tuo tempo e arriva fino in fondo. È importante. Viviamo in un’epoca difficile, dove i buoni valori e gli esempi da seguire si sono persi dietro al rancore, la rabbia e la frustrazione, dove spesso la competizione schiaccia la collaborazione. Qualcuno però ce la fa e trova il modo di vivere meglio. Ed è qui che inizia il cambiamento più profondo, da quella parola: meglio. La mia vita è cambiata. E può cambiare anche la tua. Si leggono messaggi sul pensiero positivo e sull’ottimismo, come fossero formule magiche in grado di trasformare in un secondo le sorti di una persona. Lascia che ti sveli un segreto: ottimismo e pensiero positivo, da soli, non bastano. Bisogna allineare mente, corpo e cuore per raggiungere il massimo dei risultati ed essere felici.

L’altra sera, prima di partire, stavo giocando con mia figlia e i suoi peluche. Ad un certo punto mi ha detto “Papà, papà, puoi farcela.” A quell’ora, con la valigia da chiudere e un aereo da prendere il mattino dopo, per un attimo mi sono proiettato al passato, pensando a ciò che mi aspettava l’indomani. In quel momento Giulia, mia figlia, saltando sul letto con Nebbia in braccio (Nebbia, il suo morbidissimo cane) mi ha guardato e mi ha detto: “Fa del tuo meglio.” Al solo pensarci mi viene da piangere. Quante volte sono stato io a dirlo a lei… Non è importante quale fosse stato il pensiero che mi aveva allontanato da Giulia in quei due secondi. Ciò che conta davvero

è che possiamo scegliere dove e con chi stare. La mia risposta l’ho trovata molto tempo fa: con me stesso, qui e ora. Perché quando sei davvero presente, sei capace di vivere appieno ciò che la vita ha da offrire e trovare nuove opportunità. Sai vedere una prospettiva dove gli altri non la trovano, sai andare oltre i pregiudizi, le parole vuote e i luoghi comuni. Sai vedere il bello che ti circonda, come mia figlia e mia moglie, per esempio. Personalmente ho tolto molti MA dalla mia vita, e li ho sostituiti con una massiccia dose di E. Sono partito dall’amore, quasi sette anni fa, con Alessandra. Le ho detto “ti amo” e ho iniziato a riempire la mia vita con tutto ciò che potesse fare del bene a me e alla mia famiglia, quella che era, quella che è. E quella che sarà. Adesso, puoi scegliere di restare

a imprecare contro un passato ingiusto e restare dove sei oppure puoi iniziare a far dipendere le cose da te. Tu puoi scegliere: qual è il tuo punto di partenza, decidere in che direzione muoverti e dove vuoi arrivare. Ti diranno che non ce la farai, che non vali abbastanza e che se anche sei bravo ci sarà qualcuno con più fortuna. Altri ti faranno credere che è tutto uguale, che tanto non serve impegnarsi. Altri ancora si dedicheranno a non farti realizzare i tuoi sogni, dicendoti che il posto buono o l’amore giusto non tocca a te. Beh, guarda quelle persone, respira profondamente e sorridi. Ringrazia per i consigli e inizia a vivere ora ciò che vuoi essere davvero. Sai, le parole che usi, anche verso te stesso, hanno un immenso potere: possono essere un muro oppure un ponte per raggiungere chi ami. E la prima persona da amare, sei proprio tu. Che tu sia un uomo o una donna, un padre o una madre, un figlio o una figlia, ti dico solo una cosa: “FAI DEL TUO MEGLIO.” E la tua vita cambierà.

Ci hanno lasciato due ultracentenarie di S. Maria di Sala Il 3 Luglio, a poche ore di distanza l’una dall’altra, quasi si fossero messe d’accordo, se ne sono andate due delle nostre nonnine ultracentenarie. Brugnolaro Rosa ved. Barichello (foto a sinistra) di S. Maria di Sala, nata il 2 luglio del 1913 e Franceschi Claudia ved. Salizzato di Treponti (foto di destra), nata l’11 ottobre del 1912. Ora la più anziana del comune è Betteto Luigia di Sant’Angelo, anche lei di 103 anni, seguita a ruota dalle ultracentenarie: Gallo Madda-

lena detta Elda di Stigliano, Favaro Antonietta di Caselle, Pozzobon Ida di Veternigo e Tonello Ancilla di Caselle. Nel 2015 ci aveva lasciati a 100 anni anche Girotto Rosina ved. Carraro di S.Maria di Sala e nel 2012 a quasi 102 anni era stata la volta di Vanzetto Angelo. Ci scusiamo se abbiamo tralasciato qualcuno. È curioso e confortante notare come in un piccolo comune di poco più di 10 mila abitanti, come era il nostro fino a qualche anno fa, ci siano così tanti ultracentenari. Speriamo sia di buon auspicio per tutti.

AGENZIA DUCALE PRATICHE AUTO E AMMINISTRATIVE ASSICURAZIONI - BOLLI AUTO Via Caltana, 169 - 30036 Caselle di S. Maria di Sala (VE) Tel. 041 5731255 www.gioielleriadalmaso.com email: oreficeria.dalmaso@gmail.com

Dal lunedì al venerdì: 8.30-12.30 e 15.00-19.00 / sabato: 9.30 – 12.00 Via Cavin di Sala, 65 – 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel. 041/487453 – Tel/Fax 041/487871 E-mail: info@agenziaducale.com - web. www.agenziaducale.com


RUBRICHE

12

Il calvario dell’adozione Sara e Luca erano sposati da 10 anni, avevano finito di pagare il mutuo per la casa, avevano finalmente un lavoro fisso tutti due e quindi decisero che era tempo di avere un figlio ma il figlio non arrivava. Sara ormai aveva 37 anni e ciò la preoccupava perché sapeva di avere pochi anni a disposizione. Cominciarono le prime visite di controllo: si scoprì che Luca aveva pochi spermatozoi e lenti per cui cominciò una cura per la stimolazione spermatozoica. Passarono i mesi ma non successe niente; Sara non volle più aspettare e si rivolsero ad un centro per la fecondazione assistita. Per alcuni mesi ebbero rapporti mirati, poi per 4 mesi si sottoposero alla procedura dell’inseminazione ma ancora non successe niente. La delusione fu grande ma avevano un’altra possibilità: anche se i costi erano proibitivi e l’iter era molto invasivo, decisero per la fecondazione. In sei mesi affrontarono con grandi entusiasmi e altrettante delusioni tre fecondazioni. Ne seguì tanta amarezza e tanto sconforto ma quell’idea accarezzata del figlio ormai si era insediata in loro. Un giorno Luca disse: “E se lo adottassimo?”. Per Sara fu come se si fosse accesa una miccia. Il sogno riprese. Sapevano che il percorso sarebbe stato lungo e molto costoso per cui non si lasciarono andare a grandi entusiasmi e cominciarono l’iter. Contattarono i servizi sociali e dopo qualche mese frequentarono il corso base presso l’ASL. Ci fu l’indagine da parte dei carabinieri per la valutazione all’idoneità (fedina penale, rapporti con le banche, lavoro, ecc.) Dopo l’ok dei carabinieri cominciarono i colloqui individuali, di coppia, con l’equipe, l’ispezione all’abitazione, anamnesi e visite mediche da parte dell’ufficiale sanitario,

indagini al tribunale dei minori, ecc. Intanto Sara e Luca inoltrarono la richiesta per l’adozione internazionale perché, solo quella italiana, dava possibilità molto remote di avere un bambino. Dopo un anno di prassi burocratiche arrivò il “decreto di idoneità all’adozione”. Cominciarono la ricerca dell’Ente per l’adozione internazionale. Qui però cominciarono i primi dubbi e ripensamenti: bisognava decidere da quale parte del mondo doveva arrivare il bambino: Asia? Africa? Sud America? Est Europa? e poi bisognava decidere se doveva essere perfettamente sano o se poteva avere anche qualche malformazione o malattia. Scelte difficili per un futuro genitore che possono generare sensi di colpa e an-

telefono: 041 5780158 fax: 041 5780668 email: info@bortolato.eu web: www.bortolato.eu BORTOLATO s.a.s. di Bortolato Onorino & C. via Rugoletto, 37 - 30036 Veternigo di S. Maria di Sala (VE)

gosce. Alla fine scelsero un Ente che si occupava dell’Est Europa perché il bambino avrebbe avuto la carnagione chiara come loro e poi con lievi patologie perché non si sentivano in grado di prendersi cura di un bambino con patologie gravi. Ancora documenti per il nuovo Ente, colloqui, visite e un nuovo corso per l’adozione. Nel frattempo incontrarono tante coppie che avevano adottato bambini dall’Est, acquisirono maggiore conoscenza sulla realtà di quei bambini e cominciarono a dubitare della loro scelta perché vennero a conoscenza di tante situazioni di sofferenza psichica. Ancora amarezza, ancora delusione, ripensamenti, tanti dubbi... poi incontrarono un’associazione che si occupava di adozioni

a cura della dott.ssa Vallj Vecchiato psicologa e psicoterapeuta Cel. 3389796664 - mail v.vallj@libero.it.

dall’Etiopia e qui fecero esperienza di situazioni di famiglie adottive felici perché i bambini che arrivavano erano belli e sani. In Sara e Luca rinacque la speranza: il colore della pelle non importò più; l’importante era che fosse un bambino sereno. Si iscrissero al nuovo Ente; altri documenti, altre visite, altri colloqui, un nuovo corso. Intanto era passato un altro anno. Nel nuovo Ente Sara e Luca acquisirono più sicurezza perché vennero a conoscenza di sempre maggiori situazioni adottive andate a buon fine. I colloqui erano tanti e grande anche la nuova documentazione per l’Etiopia ma non importava perché sentivano che erano sulla buona strada. Dopo quasi un altro anno l’Ente gli propose l’adozione di un bambino indiano. Kevin era un bambino di 6 anni con una piccola malformazione ad un piede che, secondo i medici, con un intervento poteva essere risanata. Solo qualche informazione essenziale e qualche fotografia, nulla di più. Quelle tre foto, però, bastarono a Sara per farle sentire il cuore battere all’impazzata. Per lei il calvario era finito; quello era il suo bambino ed era bellissimo. Per Luca invece oltre alla gioia ci fu la preoccupazione per quel piede ma bisognava decidere in fretta; non c’era tempo per dubbi e ripensamenti. C’era una quantità enorme di documenti da preparare, la cameretta da sistemare, il viaggio da programmare perché entro 6 mesi sarebbero dovuti andarlo a prendere e sarebbero dovuti restare là per circa un mese. Passarono i mesi ma dall’India non arrivava nessuna notizia. Dopo dieci mesi dalla proposta di adozione finalmente arrivò l’ok dall’India. Giusto un mese dopo Sara e Luca incontrarono Kevin.

DAL 1982 AUTOMOBILI PER PASSIONE - Vendita Nuovo, Km 0 e multi marche - Vendita semestrale e usato garantito - Installazione impianti a GPL - Noleggio Auto Via Cavin di Sala 72/A Mirano (Ve) - Tel. 041 5701190

- Revisione - Elettrauto - Assistenza officina - Gommista www.autorombo.com


LE CI AZ I I M NFO END AN R E O -

RUBRICHE I Personal Trainers Professionisti di ISSA Europe alla Convention 2016 di Bellaria Igea Marina

Il mondo dei Personal Trainers Professionisti di ISSA Europe alla Convention 2016 di Bellaria Igea Marina attraverso l’intervento del Dott. Loris Bonamassa. Parliamo di recupero, grande recupero e super-recupero. Sì perché, il Personal Trainer segue i suoi clienti nell’allenamento, alla perfezione, in modo ineccepibile e professionale; nell’alimentazione e nell’integrazione, ma si provi a non fare dormire le persone due giorni. Da qui siamo partiti, dall’influenza che ha il buon dormire sulla performance atletica: un “protocollo del grande recupero” permette di allungare le fasi di sonno profondo ottenendo di svegliarsi più carichi a parità di ore dormite, oppure di ottenere di dormire meno ore – potendosi allenare di più – visto il rendimento elevato del riposo notturno. Non si tratta pertanto solo del riposo, tra una sessione di allenamento e

l’altra, ma anche del sonno. Ancor più se i tratta di gare e professionisti del mondo dello sport. Il circolo ottenibile tra Sleep Advisor, ISSA, i Personal Trainers e i loro clienti, è virtuoso: migliorando il grande recupero dei clienti, migliorano i loro risultati e i risultati dei Personal Trainers, la loro autorevolezza e la stima della clientela nei loro confronti. Il “protocollo del grande recupero” tratta dei passi del buon dormire. CAPIRE IL SONNO, cos’è, a cosa serve, come cambia nel tempo, quante ore è corretto dormire e come cambia nel tempo, cosa fare per migliorarlo e cosa evitare. Le ore di sonno dormite di cui si ha bisogno sono diverse a seconda dell’età e studi scientifici hanno evidenziato come dormire troppo, o dormire poco, siano entrambi casi deleteri per il corpo umano. Non è possibile non dormire; la privazione del sonno, l’in-

Il dott. Loris Bonamassa

sonnia, i risvegli notturni, le preoccupazioni e lo stress durante la notte, hanno ripercussioni gravi e importanti sulla salute, sul benessere personale, famigliare, pro-

CASELLE (VE) di S. MARIA di SALA via Grandi, 13 Dietro C.C. Prisma Tel. 041 57 30 800 caselle@dormiflex.it www.dormiflex.it

Orari apertura VENDITA DIRETTA: Lun-Sab PER APPUNTAMENTO: Sig.ra Laura 342 99 61 070

13

a cura del dott. Loris Bonamassa

fessionale, lavorativo e di carriera anche e soprattutto nel mondo dello sport. CONOSCERE CHI SIAMO, uomo, donna, bambino, adulto o anziano, età, peso, costituzione, tipo di lavoro che svolgiamo, abitudini di movimento e stile di vita, infine il modo unico di dormire perché ognuno di noi è unico sia di giorno che di notte. CONOSCERE QUALI SONO LE ABITUDINI E COMPORTAMENTI trasformandoli in buone abitudini e buoni comportamenti da tenere prima di andare a letto con il rituale di preparazione al sonno, durante il sonno, appena svegli con il rituale del risveglio e durante la giornata. CONOSCERE E SCEGLIERE IL LETTO GIUSTO, materasso, rete e cuscino e come usarlo e manutentarlo nel tempo; sia che si stia per fare l’acquisto sia che lo si abbia appena comprato e si voglia conoscere come farlo durare nel tempo in modo sano, igienico, ortopedico e salubre negli anni. Infine l’AMBIENTE, LA STANZA DA LETTO, l’orientamento del letto e gli arredi, la temperatura, il rumore e il grado di luce, l’igienicità e l’assenza di allergie, di campi di correnti elettrostatiche ed elettromagnetiche perché un ambiente saturo non consente un riposo del cervello e un rallentamento degli impulsi elettrici che lo governano. È determinante per l’atleta dormire meglio e imparare a riposare bene se dorme male, conoscendo i fondamenti del buon riposo, ottenendo un sonno più profondo e ristoratore in grado di ricaricare corpo e cervello svegliandosi con più forza, più carica e più energia al mattino per affrontare le giornate, gli allenamenti e le gare che li attendono; gestendo quella che è la più importante attività della vita occupandone ben 1/3 e influenzandone gli altri due terzi.


14

a cura dell’Architetto Paesaggista Elena Gardin

RUBRICHE

Giardini di fine estate

Siamo ormai giunti ad agosto e, sebbene manchino ancora molti giorni alla fine dell’estate, abbiamo già iniziato a notare che i colori sgargianti delle fioriture della primavera e di giugno stanno lasciando il posto ad un numero sempre maggiore di gradazioni di verde. La canicola estiva, inoltre, non aiuta a mantenere fresche le ultime fioriture rimaste. Però, come ben sappiamo, tutti i giardinieri esperti hanno i loro segreti, ad esempio quello di concimare ad inizio agosto le piante per ottenerne una seconda tardiva. Tuttavia, se non avete avuto il tempo (o il coraggio!) di farlo e volete ridare tono al vostro giardino per gustarne i fiori più a lungo, sfruttate il clima caldo che ormai si potrae fino ad ottobre e scegliete alcune piante che potranno ridare vita anche ai giardini più spenti. Le salvie da fiore, ad esempio, sono tra le piante più versatili: estremamaente interessanti per la loro abbondante fioritura e grande tolleranza alla siccità, funzionano perfettamente sia in vaso che in una bordura. Hanno bellissimi fiori piacevolmente profumati e un fogliame attraente. Tra queste spiccano la Salvia leucantha, che fiorisce fino a no-

vembre, dal fogliame grigio-verde e con fiori dai toni azzurro-porpora; la Salvia guaranitica ‘Blue Sky’, molto generosa ed appariscente con le spighe di un tono blu-violetto; le Salvia nemerosa, più basse e compatte delle precedenti, fioriscono fino ad inizio autunno e attraggono le farfalle. In particolare, la S. nemerosa ‘Amethist’ si combina perfettamente Perovskia ‘Blue Spire‘, perenne dal fogliame piacevolmente aromatico color grigio. Anche una varietà di ortensia, come la Hydrangea arborescens’Annabelle, può essere una valida opzione. Pianta magnifica, caratterizzata da fiori enormi però ben sostenuti dai forti rami che, talvolta, assumono gradazioni sul rossiccio. I fiori inziano a comparire a fine giugno e resistono, quasi secchi, fino alle prime gelate. Infine, potete considerare la Gaura lindheimeri, perenne dall’abbondante fioritura che sembra una danza di farfalle quando soffia una leggera brezza; e l’Echinacea purpurea, interessante non solo per la lunga fioritura - alcune varietà da giugno fino ad ottobre - ma anche perché fonte di nutrimento per insetti e uccelli).

Gli appuntamenti inseriti nella campagna di divulgazione delle tematiche legate al verde e al benessere avviata dall’azienda Gardin Piante per favorire la diffusione della cultura verde prevedono questo calendario: Sabato 3 settembre 2016, dalle ore 16.00 alle 18.00, si terrà il corso “Coltivare le piante grasse in casa, in serra, in giardino”, a cura del Dottor Carlo Zanovello, esperto d’eccellenza di Cactacee ed autore di numerosi testi di riferimento. Fra gli altri, “Alla scoperta di cactus preziosi. Un viaggio tra le meraviglie della natura” e “Cactus. Un viaggio nella natura per riconoscerli, coltivarli, gustarli”. La quota di partecipazione è di 20,00 €. Sconto di 5 € per gli iscritti alla Newsletter della ditta, con possibilità di iscri-

zione alla stessa, lo stesso giorno del corso. Sabato 10 settembre si terrà il corso “Orchidee svelate. Le tue orchidee: è ora del rinvaso?” a cura di Paolo Caforio. Dalle 08.30 alle 12:00 l’esperto darà consigli ed aiuti pratici nella delicata operazione del rinvaso delle orchidee e la loro manutenzione e gestione in ambiente domestico. L’incontro è gratuito, materiale di consumo a parte, ma è necessario prenotarsi ed indicare l’orario di preferenza. Si ricorda di portare le proprie orchidee. Sabato 08 ottobre, dalle ore 10.00 alle ore 12.00, avrà luogo il corso “Impronte botaniche su argilla” tenuto da Nicoletta Barella. È necessaria la prenotazione: 049 9221 783.

Corsi divulgativi Autunno 2016

a cura di Mario Garippo

I rischi nella guida

Lo studio delle norme di comportamento, ha fornito le conoscenze di base che costituiscono i prerequisiti per formare adeguate competenze di guida. La formazione del conducente richiede, inoltre, grande attenzione e capacità di previsione dei rischi per potersi muovere con consapevolezza nel traffico delle nostre strade. La condizione indispensabile per ottenere un aumento della sicurezza nella circolazione è il flusso veicolare il più possibile uniforme: di conseguenza,il traffico misto rappresenta una delle principali cause di pericolosità sulle nostre strade. Anzitutto, la differenza di velocità tra mezzi diversi determina difficoltà nella valutazione della distanza di sicurezza e difficoltà di previsione dei tempi di avvicinamento ad un veicolo che viaggia lentamente(ad esempio, una macchina agricola che procede a bassa velocità). Il conducente di un’autovettura o di un motociclo deve adattare la propria guida anche ai rischi legati alla presenza di velocipedi nel traffico, mezzi dotati di massa modesta e caratterizzati da basse velocità e possibili oscillazioni trasversali. E’ richiesta particolare prudenza quando i velocipedi sono utilizzati da conducenti giovanissimi e inesperti o da anziani, che possono avere difficoltà nell’eseguire le manovre, come accade, ad esempio, ad un ciclista anziano che, per ispezionare la strada alle proprie spalle, esegue con difficoltà e lentezza la torsione del busto a causa dell’età avanzata. Il ciclista stesso è consapevole dei rischi derivanti dal traffico misto. Soprattutto quando si accinge ad effettuare una manovra, infatti, per lui è molto difficile valutare la velocità di avvicinamento dei veicoli a motore presenti nel traffico. Di conseguenza, il conducente di un’autovettura deve prevedere la difficoltà di valutazione della velocità del proprio veicolo da parte di un ciclista, soprattutto in particolari situazioni. Ad esempio, quando il ciclista, trovandosi sulla stessa corsia di marcia, si accinge a svoltare a sinistra. Sono pericolose inoltre le deviazioni trasversali, anche modeste, del proprio veicolo: per questo il conducente di un autoveicolo o di motociclo deve evitarle, rispettando la distanza di sicurezza trasversale da ciclomotoristi o ciclisti per evitare di metterne a repentaglio l’equilibrio nella guida, causandone la possibile caduta a terra. Bisogna comunque ricordare che, in alcune situazioni, la guida di un ciclo-

motore, risulta molto impegnativa e rischiosa. Ad esempio, la manovra di svolta a sinistra si presenta particolarmente pericolosa per un ciclomotore che deve interferire con la traiettoria di una o più colonne di veicoli più veloci sopraggiungenti nella stessa direzione. Soprattutto su strade extraurbane, la presenza di mezzi particolarmente lenti, come ciclomotori a tre o quattro ruote, rende la guida rischiosa per un conducente di autovettura, tanto più se procede a velocità sostenuta, pur rispettando i limiti su strada extraurbana a due sole corsie. La presenza di veicoli dotati di masse molto diverse costituisce un altro fattore di rischio nella circolazione. Tamponamenti o collisioni sono molto più pericolosi, a danno dei veicoli di massa inferiore. E’ bene infatti sottolineare che, quanto più aumenta la massa di un veicolo, tanto più aumenta la sicurezza per i suoi occupanti, ma contemporaneamente si riduce la sicurezza per gli occupanti dei veicoli più leggeri. Oltre alla massa, anche le dimensioni dei veicoli costituisce un ulteriore fattore di rischio: il conducente di un fuoristrada (Suv) deve guidare con la massima prudenza, consapevole che l’altezza e la massa del proprio veicolo rappresentano un potenziale pericolo per pedoni, ciclisti e autovetture di modeste dimensioni. Gli stessi paraurti sporgenti e rafforzati dei Suv possono determinare gravi danni nel caso di impatto con veicoli più piccoli. Certamente bisogna ricordare che la guida dei Suv è particolarmente impegnativa in città e richiede particolari cautele soprattutto nelle manovre di emergenza. Anche il carico dei veicoli può rivelarsi molto pericoloso, soprattutto quando non garantisce le condizioni di sicurezza richieste dal Codice della strada. Pertanto è opportuno aumentare la distanza di sicurezza, specie se si è in salita, e sorpassarlo appena possibile. Circolando dietro ad un veicolo che trasporta un carico che sta per cadere, è opportuno, comunque, avvertire il conducente del potenziale pericolo. Un altro rischio nella guida è la riduzione del campo di visibilità. La riduzione della visuale può verificarsi anche in modo accidentale: talvolta un poggiatesta o un elemento della carrozzeria possono creare un pericoloso “cono d’ombra” che impedisce di vedere altri utenti della strada, soprattutto pedoni e, in particolare, bambini. Per consentire una adeguata visibilità, è vietato applicare pellicole adesive sul parabrezza e sui vetri laterali anteriori dei veicoli.


years

15

Ultimi posti per il viaggio in Croazia

Il 12 agosto Alessandro Bortolato compie 12 anni. I più grandi auguri da papà Michele, mamma Paola, i nonni, Giancarlo, Rocco, Deanna, Silvana, zii e cuginetti.

Mercoledì 6 Aprile 2016 Angelica Mion ha compiuto 7 anni. Auguri dal fratellino Samuel, dalla mamma Erica, dal papà Ivan, oltre che da tanti amici e amichette.

Il 18 Luglio 2016 Nicola Tosatto ha spento la sua prima candelina. Tanti auguri dai genitori Stefano e Martina, dai nonni e dagli zii.

Nozze d’oro per Gianni e Laura Malvestio

La dott.ssa Giorgia Zacchello è farmacista

Novant’anni per nonno Giuseppe

Nozze d’oro di Gianni Malvestio e Laura Annoè. 50 anni insieme! Non capita tutti i giorni! Ma voi, nonostante le difficoltà, ci avete creduto e, con l’impegno e la pazienza che non tutte le coppie riescono a mettere, siete rimasti uniti, mantenendo la promessa fatta quel 13 agosto 1966! Vi vogliamo bene e vi auguriamo un felice anniversario! Vanessa, Massimo, Silvia, Avantika, Punam.

Il 15 Luglio 2016 presso l’Università degli Studi di Padova, Giorgia Zacchello ha conseguito la Laurea in Scienze Farmaceutiche Applicate discutendo la tesi “Nuovi Effetti e Attività biologiche di Garcinia cambogia” con relatrice la Prof.ssa Mirella Zancato. Alla neo Dottoressa le congratulazioni dei genitori Vanna e Florio, dalla nonna Maria e da tutti i parenti e amici. 

ann laurea years

Un grande traguardo per un grande nonno!! Tanti auguri a Giuseppe Carraro che il 30 luglio ha compiuto 90 anni dai tuoi nipoti Eliana, Daniele e Davide e da tutta la famiglia!

Le iscrizioni per il viaggio nella splendida Croazia si chiudono il 13 agosto e comunque al completamento dei posti disponibili. Il programma prevede la partenza martedì 6 settembre per ritornare sabato 10 settembre. Un viaggio tra mare e natura. Il primo giorno tappa a Zara e poi Sebenico per la cena e pernottamento in hotel. Il giorno dopo escursione guidata al Parco Nazionale della Krka, vasto territorio, pressoché immutato nel tempo, dove si trovano le famosissime cascate. Cena e pernottamento in hotel a Sebenico. La mattinata dell’ 8 settembre è dedicata alla visita con guida di Sebenico, piacevole città situata nella parte centrale della costa croata.Venerdì 9 settembre partenza per Rovigno, con soste in itinerario per visite: Visita guidata di Nin, antica cittadina il cui centro è situato su una piccola isoletta collegata da due ponti alla terraferma. Quindi proseguimento per Rovigno, cena e pernottamento in hotel. La mattinata di sabato visita guidata di Rovigno, nel pomeriggio viaggio di rientro: Costo complessivo 460 €. Per iscrizioni tel. a Paolo Bertoldo 339 8192638 o a Gianni Vanzetto 3482250129 o mail : info@associazionelesina.org

Vendita cicli, moto e ricambi

Libera associazione per i rapporti italo - croati

Via Giovanni XXIII, 11 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel 3398192638 www.associazionelesina.org mail: info@associazione lesina.org

Bombole gas e campeggio - Ricambi per elettrodomestici via Noalese 114 - Santa Maria Di Sala - Tel. e Fax 041.487811 E-mail: favero-racing@libero.it


16

Campionati Regionali di nuoto: questi i premiati

Nella prima metà di luglio si sono conclusi i Campionati Regionali di nuoto, esordienti A, dove hanno partecipato: Manu Marius Andrei anno 2003 di Veternigo; Lago Greta anno 2004 di Sant’Angelo di Sala; Corò Greta 2005 di S. Maria di Sala. Tutti atleti della società Mirano nuoto. *** L’11 luglio, a Monselice, Manu Marius Andrei e Lago Greta sono saliti sul podio, guadagnando la medaglia d’argento nella gara dei 200 farfalla maschili e femminili. *** Il 12 luglio, a S. Donà di Piave, Lago Greta ha disputato gli 800 stile libero classificandosi al 1° posto come Campionessa Regionale. *** Il 14 luglio, sempre a Monselice, Lago Greta è salita per la seconda volta sul podio classificandosi al 1° posto come Campionessa Regionale anche nei 400 stile libero. *** Sempre il 14 luglio è medaglia d’argento con la staffetta 4x100 mista dove Giuriato Martina (Zianigo) parte con i 100 dorso, Menti Elisa (Mirano) con i 100 rana, Corò Greta (S. Maria di Sala) 100 delfino e Lago Greta 100 stile libero. *** Un grande merito va a questi ragazzi che hanno lavorato tanto e si sono impegnati al massimo; un plauso speciale va al loro allenatore Paolo Veclani, tenace e grande sotto tutti i punti di vista che, allenandoli tutti i giorni, è stato per loro non solo un allenatore ma anche un genitore e un uomo speciale. Complimenti da tutti gli amici, parenti e soprattutto genitori.

DIRETTORE RESPONSABILE Graziano Busatto Medaglia d’argento a Monselice per Manu Marius Andrei e Greta Lago

PRESIDENTE Giovanni Vanzetto ART DIRECTOR Manuel Rigo TIPOGRAFIA Grafiche Quattro Santa Maria di Sala (VE) Registraz. Tribunale di Venezia n° 770 - 17 gen 1984

Greta Lago sul podio più alto

Medaglia d’argento con la staffeta 4x100

SIAMO PRESENTI NEI MERCATI DI: lunedì: Mirano (Ve) - Mogliano (Tv) martedì: Pianiga (Ve) - Marghera (Ve) mercoledì: Maerne (Ve) - Mestre (Ve) giovedì: Noale (Ve) venerdì: Martellago (Ve) - Mestre (Ve) sabato: Fiesso d’Artico (Ve) - Vedelago (Tv) domenica: Camisano Vicentino (Vi) SERVIZIO PRO LOCO E COMUNITA’ INFO@LANTICAFATTORIA.NET INFO: LUCA 3356327747 – OLINDA 3356327748

Al centro

L’ANTICA FATTORIA SNC

delle atlete l’allenatore Paolo Veclani

Via dei Marsari 23 30036 S. Angelo di S. M. di Sala (Ve) Tel. 041 486088 - Cel. 338 9891652

DIVENTA NOSTRO AMICO: CLICCA MI PIACE!

Crazy Sun di Barbara e Fabiana

Via Don Gallerani, 2 - Caltana (VE) - Tel. 041.5732508

Bernardi

la TUA sicurezza è la nostra rotta!!! Via Caltana 67 Caltana di S. Maria di Sala (VE) Tel. 041/5730635 assipiu@gmail.com

DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE: Associazione Culturale Gente Salese Via dei Tigli 10 - 30036 S. Maria di Sala Ve Tel. 041 486369 E-mail. redazione@gentesalese.com www.gentesalese.com

Onoranze Funebri Via Desman, 139 S. Angelo di S. M. di Sala - tel. 041.487341

Orari di apertura Lunedì: 15.30-19.30; Martedì/Venerdì: 9.30-12.30   15.30-19.30 Sabato: 9.30-13.00   15.30-20.00 Domenica e lunedì mattina: CHIUSO

GS luglio agosto 2016  
Advertisement